. Diploma di Maturita Classics, nel luglio 1989, presso I'Istituto "Massimo" Roma, con

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ". Diploma di Maturita Classics, nel luglio 1989, presso I'Istituto "Massimo" Roma, con"

Transcript

1 CURRICULUM VITAE DI BRAGHO' GIANLUCA Primo referendario della Corte dei conti FUNZIONI SVOLTE PRESSO LA CORTE DEI CONTI In servizio presso la Sezione regionale di Controllo per la Lombardia dal 20 dicembre Con funzioni di Consigliere Delegato al controllo preventivo di legittimitii dal primo marzo In assegnazione aggii~ntivall'ufficio di Segreteria del Consiglio di presidenza della Corte dei conti da 27 novembre FUNZIONI DA SVOLGERE PRESSO ALTRE GIURISDIZlONI Nominato componente della Commissione Tributaria regionale per la Lombardia con delibera del Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria in data 29 ottobre TITOLI DI STUDIO. Diploma di Maturita Classics, nel luglio 1989, presso I'Istituto "Massimo" Roma, con votazione Laurea in Giurisprudenza in data con tesi in diritto commerciale dal titolo " Prevenzione dell'illecito concorrenziale e reintegrazione del danno nella concorrenza sleale". Tesi discussa presso la Universita "L.U.I.S.S." di Roma, Relatore : prof. Mario ARE. Votazione e lode. ESPERIENZE Dl FORMAZIONE PRE E POST LAUREAM 1. Stage di formazione della durata di 6 mesi presso il Ministero del Comrnercio con 1'Estero e l'i.c.e. novembre aprile 1994, in qualita di vincitore di borsa di studio universitaria. 2. Praticante awocato dal a ; 3. Praticante Notaio dal gennaio 1995 a1 gennaio 1997; 4. Frequenza anni accademici e della Scuola Notarile "A. Anselmi" presso il consiglio notarile dei distretti riuniti di Roma Velletri e Civitavecchia, sita in Roma, in qualita di vincitore di prova d'amrnissione. 5. Frequenza di corso post universitario annuale di preparazione agli esami di "uditore giudiziario", anno accademico , presso il CEIDA di Roma. ALTRI TITOLI 1. Abilitazione all'esercizio della professione forense dal ; 2. Titolare di contributo di ricerca per gli anni accademici e presso la facolta di Economia e Commercio dell'universita L.U.I.S.S. di Roma. Cattedra di Istituzioni di Diritto Privato. Prof. M. Bessone. Incarico extra giudiziario debitamente autorizzato con delibera del C.S.M. ATTIVITA' LAVORATIVA E FUNZIONI ESERCITATE.

2 Funzioni attuali dal 20 dicembre promosso alla qualifica di Primo Referendario in servizio presso la Sezione regionale di Controllo per la Lombardia. Conferite le funzioni di Consigliere delegato a1 controllo di legittimita sugli atti dal primo marzo Funzioni pregresse Nominato uditore giudiziario con D.M. del Nominato uditore giudiziario con funzioni in data , dopo period0 di tirocinio presso il tribunale di Roma. Esercizio delle funzioni giurisdizionali: Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Milano. In corso di valutazione dal per il conferimento della nomina a Magistrato di Tribunale con effetto retroattivo dal 12 luglio Arnbito di Specializzazione assegnata in materia penale: IV Dipartimento. Truffe, appropriazioni indebite aggravate, assegni ricettati e carte di credit0 illecitamente duplicate o utilizzate; falsi nummari ed in genere. Contraffazione di modelli industriali. Tutela penale del diritto d'autore. Reati informatici e pirateria informatica. Nominato magistrato di Tribunale in data , con decorrenza retroattiva a Dal Trasferimento intemo al Dipartimento VII (estorsioni, rapine, riciclaggio, reati di criminalita organizzata comune, armi ed esplosivi, sfruttamento della prostituzione e immigrazione clandestina), con sub-delega in materia di pirateria informatica e violazione delle norme a tutela del diritto d'autore commesse trarnite strumenti informatici ed internet. In particolare, nell'ambito del diritto sportivo e dei diritti televisivi connessi alle manifestazioni calcistiche e di sport in genere, si e maturata esperienza nel settore a seguito di mirate indagini volte a neutralizzare sul web siti pirata che trasmettevano illecitamente dalla Cina, le partite di serie A e B trasnlesse da Sky (caso noto come "Coolstreaming" con ampia diffusione sulla stampa nazionale anche specializzata. Milano, anno 2006). Applicazioni press0 altri uffici Con provvedimento del a firma dell'avv. Generale dello Stato presso la Corte di Appello di Milano, disposta l'applicazione d'ufficio presso la Procura di Voghera dal a Nominato magistrato referendario della Corte dei couti in data 20 dicembre 2007 con decreto del Presidente della Repubblica a seguito di concorso pubblico per titoli ed esarni del 26 luglio Dopo il prescritto corso di formazione per neo-referendari svoltosi in Roma nel gennaiofebbraio 2008 negli uffici della Corte dei conti, assegnato alla Sezione Regionale di Controllo per la Lombardia. Attivita svolta nell'anno 2008 presso la Sezione Regionale di Controllo per la Lombardia Nell'anno 2008 sono state costantemente svolte le attivita di controllo collaborativo per i comuni e le province di Brescia e Lecco. Con delega per indagini intersettoriali in ambito di fondi strutturali UE (Fondo Sociale Europeo) destinati alla Regione Lombardia. Con delega per il referto sulla gestione del Comune di Adro (BS). Con delega per le indagini in materia di finanza derivata e swap per i comuni delle province di Brescia e Lecco. Si precisa che una delle principali attivita di competenza della Sezione deriva dalla funzione di controllo collaborativo sugli Enti locali prevista dall'art. 1, c. 166, legge n. 266 del 2005 (Finanziaria per il 2006). Nello svolgimento di tale attiviti, il magistrato ha posto in essere numerose istruttorie sugli Enti locali della province di Brescia e Lecco (oltre trecento enti locali fra comuni, province e comunita montane) pervenendo, a seguito di contraddittorio con i Comuni interessati, sia ad archiviazioni, sia a1 deferimento delle questioni piu rilevanti alla Sezione per I'adozione di specifiche pronunce in merito. Si attestano 42 deliberazioni prodotte in qualiti di magistrato relatore. Le delibere della Sezione, decise in adunanza pubblica hanno riguardato, fra l'altro, I'inosservanza dei vincoli derivanti dal Patto di stabilita interno, le spese per il personale, il mancato aggiomamento degli inventari, il ricorso alle anticipazioni di tesoreria, I'utilizzo dell'avanzo di amministrazione, la gestione dei residui, i controlli interni, le consulenze affidate, le gestioni e i debiti fuori bilancio.

3 Data la complessitb della materia, particolare impegno hanno richiesto le istruttorie e la stesura delle conseguenti deliberazioni relative ad operazioni di finanza derivata in materia di amortizing e inferest rate swap poste in essere da alcuni Comuni e dalla Provincia di Brescia di propria competenza. Si segnalano in proposito le piu significative deliberazioni n , ; ; In materia di rispetto del Patto di stabilita, spese di personale ed anticipazioni di tesoreria si evidenziano le deliberazioni n , , , , , , , , , Per quanto concerne I'attivita consultiva intestata alla Sezione, si evidenzia la funzione di relatore in pareri che hanno riguardato diverse tematiche, che di seguito si riportano per la lor0 rilevanza, a prescindere da quelli resi ma inammissibili: Delibera n. 7lpareril Parere su richiesta del Vice Sindaco del Comune di Cologno a1 Serio (BG) circa la possibiliti dell'amministrazione di assumere personale, pur non avendo rispettato per l'anno 2006 i vincoli del patto di stabiliti prescritti dalla finanziaria, fermo restando il principio della riduzione della spesa per il personale, o dell'invarianza di spesa rispetto all'esercizio dell'anno 2007 Delibera n.17lpareril Parere su richiesta del Sindaco di Longone a1 Segrino circa la possibilita per l'amministrazione di assumere un'uniti di personale nel rispetto dei vincoli imposti dalle vigenti leggi finanziarie. Delibera n. 29lpareril Parere, su richiesta del Sindaco del Comune di Piario (Bg), in merito alla possibilita di attribuzione di incarichi di contratti individuali secondo il nuovo disposto dell'art. 7 del D. Lgs Delibera n.36lpareril Richiesta di parere del Sindaco del Comune di Nerviano (Mi) circa la possibilita di procedere a1 recupero degli oneri di urbanizzazione non versati e se sia legittimo procedere a1 recupero dei costi sostenuti nel In caso di risposta affermativa, se il recupero dei costi deve essere effettuato seguendo il criterio di sommare tutti i volumi costruiti e addebitare il costo a metro cub0 solo per6 ai proprietari che non hanno pagato gli oneri-la spesa per chi ha gia pagato restera a carico del Comune, oppure procedendo con tale metodo solo per i privati sottoscrittori delle convenzioni originarie. Si chiede qua1 t: il termine di prescrizione elo decadenza Delibera n.48lpareril2008 Richiesta di parere del Sindaco del Comune di Parona (Pv) se "sul mantenimento alla partecipazione indiretta sulla societa Combitalia S.r.1. ai sensi dell'art. 3, comma 28 della stessa legge n Delibera n.54lpareril2008. Richiesta di parere del Presidente della Provincia di Sondrio "considerato che attualmente non c't: un atto regionale di attribuzione alle Province in materia di formazione professionale, che sono in corso trattative tra la Regione Lombardia e la Provincia di Sondrio a1 fine di giungere ad un atto negoziale per il trasferimento del Centro di formazione professionale alberghiero "Vallesana di Sondalo". Ci si chiede se l'atto negoziale puo essere considerato una modalita di trasferimento o di delega di funzioni". Delibera n.66lpareril2008-parere richiesto dal Sindaco del Comune di Varese (Va) "ai fini della corretta gestione dei rapporti economici con i privati proponenti la realizzazione di ir~terventi edilizi ove t: prevista l'esecuzione di opere di urbanizzazione a scomputo dei relativi oneri, se "risulti legittimo sotto il profilo contabile, il riconoscimento di uno scomputo globale ed indifferenziato, indipendentemente dalla ascrivibiliti delle opere realizzate alla categoria delle opere di urbanizzazione primaria o secondaria, sino a concorrenza degli oneri di urbanizzazione complessivamente dovuti, siano essi a loro volta ascrivibili a contributo per opere di urbanizzazione primaria o secondaria". Delibera n. 77lpareril Parere richiesto dal Sindaco del Comune di Carbonara a1 Ticino (Pv) in merito "se l'intervento diretto del Comune nella realizzazione delle opere di urbanizzazione, determinato da ragioni di necessita ed urgenza, deciso nelle more della

4 definizione del contenzioso tributario, possa configurare un danno di natura economica alle casse comunali". Delibera n.87lpareril Parere ricbiesto dal Sindaco del Comune di Abbiategrasso (MI) in ordine alla compatibilita con I'attuale contesto normativo della stipulazione di un contratto di leasing finanziario per la realizzazione di opere pubbliche di particolare rilievo sociale. Si evidenzia che la delibera per la sua complessitzl ha dato origine ad un elaborato parere ripreso da numerose riviste specializzate ed oggetto di intervento nell'ambito dell'incontro del Seminario Permanente sui controlli del gennaio 2009 in tema di novita normative della finanziaria Delibera n.92lpareril Parere richiesto dal Sindaco del Comune di Bollate (Mi) "se, essendo la deliberazione del Consiglio Comunale di approvazione del Bilancio di esercizio 2008 e pluriennale , intervenuta in data assolutamente precedente a quella del blocco di cui al DL 93108, l'aliquota dello 0,4 (complessivo) per il 2009 possa essere confermata". Parere che si inserisce nella linea interpretativa inaugurata dalla Sezione con oarere n in materia di blocco delle aliauote addizionali comunali. Delibera n.99lpareril Parere richiesto dal Sindaco del Comune di Tavernerio (Co) in merito alla possibilita di dette assunzioni (di assistente sociale, istruttore amministrativo per I'area Affari Generali e tecnico istruttore per il settore lavori pubblici), anche con riferimento alla recente normativa introdotta dalla Legge , a1 fine di garantire alla Comunita idonea copertura dei servizi richiesti, significando comunque una riduzione complessiva della spesa prima destinata a costi di struttura e gestione esternalizzata. Si deve menzionare inoltre la complessa attivig istruttoria nell'indagine "SULLA GESTIONE REGIONALE DEI FOND1 STRUTTURALI COMUNITARI ED IN PARTICOLARE DEL FOND0 SOCIALE EUROPE0 PER LO SVILUPPO E LA COESIONE" ai sensi dell'art. 3, legge 14 gennaio 1994, n. 20 e dell'art. 7 della legge 5 giugno 2003, n. 131, approvata con deliberazione n del 15 dicembre La relazione ha analizzato tutti gli aspetti della programmazione, gestione dei finanziamenti comunitari, nazionali e regionali a1 Fondo sociale per il P.O.R : oltre ad una puntuale elaborazione dei dati economico-finanziari acquisiti dall'ente 6 stata svolta un'approfondita indagine sull'organizzazione regionale (Autorita di gestione; Comitato di sorveglianza; Autoriti di Audit) e sul grado di efficacia dei controlli interni e dei recuperi. Di somme a seguito di emersione di irregolarita amrninistrative e contabili. A seguito dell'analisi delle criticita sono state poste in luce alcune problematiche sulla gestione dei recuperi e sulla sicurezza delle reti informatiche e raccomandate misure correttive. La relazione rappresenta la situazione complessiva ed aggiornata al 2008 del F.S.E. P.O.R. Lombardia , ed e stata presentata in adunanza pubblica innanzi a1 Presidente della Regione Lombardia in data 15 dicembre 2008 ed 6 pubblicata agli atti ufficiali della Corte. Si & altresi compiuta l'attivita istruttoria relativa a1 controllo sulla gestione dell'amministrazione comunale di Adro (BS), mediante acquisizione di documentazione e dati, audizioni e carteggi con I'Ente, pervenendo alla stesura di una bozza di relazione che verri in seguito discussa ed approvata dalla Sezione. Si e infine svolta l'attivita di controllo sull'applicazione dell'art. 1, comma 173 della Legge n con riferimento alle spese per consulenze e incarichi di studio e ricerca e spese per relazioni pubbliche, convegni e rappresentanza inviati dalla Provincia di Brescia e di Lecco e dagli Enti locali delle province medesime. In tale contesto ha svolto attivita di controllo sui regolamenti di cui all'art.3, comma 75 della Legge n , per i quali la Sezione adottera specifiche pronunce nel corso del 2009, e sugli atti ex art. 1, comma 5 del D.L. n (relazioni delle strutture incaricate del controllo sulla gestione). Attivith svolta nell'anno 2009 presso la Sezione Regionale di Controllo per la Lombardia

5 Nell'anno 2009 sono state costantemente svolte le attivita di controllo collaborativo per i comuni e le province di Brescia e Sondrio (assegnata in aggiunta dopo il trasferimento di un collega ad altra funzione con ordine di selvizio de14 maggio 2009). Nel mese di marzo 2009 e stato depositato il referto sulla gestione del comune di Adro, deliberato dalla Sezione. Nel corso dell'anno stato aggiuntivamente affidato anche il controllo sulla regolarita della rendicontazione dei funzionari delegati operanti in Lombardia, ai sensi del D.P.R. n I1 carico di lavoro assegnato comprende anche la delega per indagini intersettoriali in ambito di fondi strutturali UE (FOND0 SOCIALE EUROPEO, FEOGA, FEAGA FESR nell'ambito della uolitica agricola comune o PAC) destinati alla Regione Lombardia ed in coordinamento con la Sezione di Controllo per gli Affari Comunitari ed Intemazionali di Roma ed in materia di consulenze e collaborazioni autonome negli enti locali della Lombardia superiore ai abitanti. Sono stati completati inoltre i controlli in materia di finanza derivata e swap per i comuni della provincia di Brescia. Si precisa che una delle principali attivita di competenza della Sezione deriva dalla funzione di controllo collaborativo sugli enti locali prevista dall'art. 1, c. 166, legge n. 266 del 2005 (Finanziaria per il 2006). Nello svolgimento di tale attivita, lo scrivente magistrato ha posto in essere una serie di attivita istruttorie, che nella maggior parte dei casi sono sfociate in questioni deferite alla Sezione e decise con delibere specifiche per ogni ente locale. L'attivitB si e focalizzata sul controllo della sana gestione dei consuntivi 2007 e dei bilanci di previsione per l'anno 2009 (attivita concluse nel mese di novembre 2009, nel pieno rispetto dei tempi stabiliti con il crono programma d'inizio anno) e si sono incentrate sulle verifiche dei costi di personale, sulla sana e corretta gestione delle societa partecipate, sulla resa dei servizi pubblici locali, sulle verifiche ICI, sull'accertamento del rispetto del Patto di StabilitB. Di rilevante impegno 6 stato il controllo sui regolamenti degli uffici e dei servizi in materia di incarichi e di collaborazioni autonome ai sensi dell'art.3 comma 57 della legge e dell'art.46 della legge Le verifiche assegnate a ciascun magistrato per le province ed in comuni di competenza hanno prodotto circa 811 delibere (con dati aggiomati al 31 dicembre 2009). I1 sottoscritto ha anche verificato la conformit& dei singoli atti di affidamento degli incarichi ai regolamenti gia sottoposti al vaglio della Sezione. Si tratta di un lavoro unico nel suo genere che ha impegnato a fondo le energie del settore assegnato allo scrivente. Nondimeno il lavoro, nonostante la carenza di personale, 6 stato portato a conclusione per circa 1'85% delle giacenze (117 delibere). Si evidenzia che il numero complessivo di decisioni emesse della Sezione a1 31 dicembre 2009 si attesta a quota Le delibere di cui lo scrivente e stato relatore ed estensore sono 162 (suddivise per le varie materie del controllo e compresa l'attivita consultiva con 20 pareri depositati nell'anno 2009). L'attivita consultiva ha riguardato pronunzie nelle piu disparate materie della contabilita pubblica, dalle spese di personale, alle norme fiscali in tema di addizionali regionali, dagli incentivi alla progettazione, a1 Patto di stabilita, alla contrattazione decentrata, alle spese per le rilevazioni statistiche comunali, alla reinternalizzazione del personale a seguito di liquidazione di societa in house. Attiviti svolta nell'anno 2010 presso la Sezione Regionale di Controllo per la Lornbardia Si riporta integralmente la relazione sull'attivitti svolta presso la Sezione Lombardia nell'anno L'attivita presso la Sezione i stata programmata con le delibere del 16 dicembre 2009 nn (referti alla Regione Lombardia) e (controlli sugli enti locali) e con l'ordinanza distributiva del carico di lavoro e delle dotazioni di risorse urnane n de11'8 febbraio 2010 in vista delle assegnazioni individuali delle attivita di controllo, cui e seguito l'ordine di servizio applicativo n del24 marzo 2010.

6 I1 magistrato ha assicurato una continua ed assidua presenza in Sezione sia svolgendo la complessa attivita istruttoria di propria competenza, coadiuvato dai funzionari preposti a1 Settore, sia partecipando a tutte le adunanze pubbliche e alle discussioni in Camera di consiglio che si sono tenute nel corso dell'anno. Una delle principali attivita di competenza della Sezione deriva dalla funzione di controllo collaborativo sugli Enti locali prevista dall'art. 1, c. 166, legge n. 266 del 2005 (Finanziaria per il 2006). Nello svolgimento di tale attivita, il magistrato ha posto in essere numerose istmttorie sugli Enti locali della provincia di Brescia (215 fra comuni, provincia e comunita montane) pervenendo, a seguito di contraddittorio con i Comuni interessati, sia ad archiviazioni, sia a1 deferimento delle questioni piu rilevanti alla Sezione per I'adozione di specifiche pronunce in merito. Sul punto si rinvia ai dati rilevabili dalle apposite schede statistiche individuali, (147 delibere per l'anno 2010, comprensive di 116 pronunzie sulla sana e corretta gestione finanziaria, sui regolamenti in materia di consulenze e sulle verifiche di attendibilita certificazione minor gettito ICI, 2 referti sui Fondi UE (F.S.E. e fondi agricoli) alla Regione Lombardia, un'indagine in materia di consulenze anno 2009 negli enti locali della Lombardia superiori a abitanti, 29 pareri segnalando che le tematiche di maggior interesse sui Bilanci di previsione e Rendiconti affrontate dal magistrato, in qualiti di istruttore e relatore al Collegia, hanno riguardato, fra l'altro, I'inosservanza dei vincoli derivanti dal Patto di stabilita intemo, le spese per il personale, le norme sulla composizione del fondo di contrattazione decentrata, il ricorso alle anticipazioni di tesoreria, I'utilizzo dell'avanzo di amrninistrazione, la gestione dei residui, la gestione di consorzi di funzioni, la gestione di fondazioni di partecipazione in ambito socio sanitario, i controlli interni, le consulenze affidate, le gestioni e i debiti fuori bilancio, le perdite delle societa partecipate, la disciplina delle ricognizione delle partecipazioni societarie ai sensi dell'art. 3 comma 27 della legge , la disciplina delle dismissioni delle societi nei comuni inferiori ai abitanti di cui all'art. 14 comma 32 del d maggio 2010, n.78, convertito nella legge 30 luglio 2010,n.122, le questioni attinenti il leasing immobiliare in costmendo, i contratti di finanza derivata (in particolare due contratti di amortizing swap stipulati dalla provincia di Brescia). Notevole frazione dell'attivita di controllo i: stata diretta alla verifica della regolarita degli atti regolamentari disciplinanti il regime delle collabbrazioni autonome ai sensi degli artt.3, commi da 54 a 57 della legge e dell'art. 18 della legge 133/2008. Oltre agli atti regolamentari i: stata verificata la conformita delle singole determinazioni e delle delibere di affidamento degli incarichi, ottenendo spesso il riesame in casi di mancanza di procedura selettiva o dei presupposti di legge per il corretto affidamento della collaborazione. Si segnalano le delibere SCLOM/296/2010/REG e SRLOM/667/2010/REG. Data la complessita della materia, particolare impegno hanno richiesto le istruttorie e la stesura delle conseguenti deliberazioni relative alla verifica suile societa partecipate ed in materia di affidamenti di consulenze paste in essere da alcuni Comuni e dalla Provincia di Brescia di propria competenza. In materia di rispetto del Patto di stabilitk spese di personale ed anticipazioni di tesoreria, leasing immobiliare in construendo si evidenziano le deliberazioni nn. 600/2010/PRSE, 601/2010/PRSE, 662/201 O/PRSE, 868/201 OPRSE, 91 8/2010/PRSE, 920/201 O/PRSE, 999/2010/PRSE, OE'RSE, OE'RSE. In materia di esarne dei presupposti di regolarita cantabile e di legittimita delle delibere ricognitive delle partecipazioni nei servizi pubblici locali, a tenore dell'art. 3, commi da 27 a 33 della legge e successive modifiche ed integrazioni, si segnalano le delibere nn. 830/2010/PRSE e 831/2010/PRSE, 1000/2010/PRSE e di gestione, societa inattive e irregolare procedura di diminuzione del capitale sociale per perdite Sirmione Servizi s.r.l., Ge.Pa. Sirmione s.r.1. Bovegno impianti s.r.1.; Funivie Val Palot s.p.a.). La Sezione ha anche completato l'esame sulla verifica dell'attendibilita delle certificazioni ICI rese dai comuni in relazione a1 minor gettito per I'abolizione della tassa sull'abitazione destinata ad abitazione principale in conformitt+ alle delibere n /Sez. Aut. e 1045/LOMB/2009. Pcr

7 quanto concerne il tema della verifica di attendibilita delle dichiarazioni ICI sono state emesse delibere che coprono tutti i comuni della provincia di Brescia (ad eccezione di 20 piccoli comuni, di cui le relative delibere si prevede di depositare entro il 20 febbraio a completamento delle istruttorie gia avviate). Nell'ambito dell'attivita consultiva intestata alla Sezione, il magistrato 5 stato relatore in 29 pareri (con un increment0 del 30% rispetto ai 20 resi nel medesimo period0 dello scorso ciclo contabile anno 2009) che hanno riguardato diverse tematiche di contabilita pubblica (spese di personale, patto di stabilita, mercato della distribuzione del gas in ambito locale, consorzi di funzioni e societa partecipate pubbliche, disciplina delle assenze per malattia e calcolo della minore spesa di personale, composizione del fondo variabile inserito nella contrattazione integrativa). I1 magistrato e stato istruttore nell'indagine e relatore nella "RELAZIONE SULLA GESTIONE REGIONALE DEI FONDI STRUTTURALI COMUNITARI FOND0 SOCIALE EUROPE0 E DEI FONDI AGRICOLI (FEOGA FEAGA E FEASR, PAC)" ai sensi dell'art. 3, legge 14 gennaio 1994, n. 20 e dell'art. 7 della legge 5 giugno 2003, n. 131, approvata con deliberazione n. 1050/2010/FRG del 13 dicembre La relazione ha analizzato tutti gli aspetti della programmazione, gestione dei finanziamenti comunitari, nazionali e regionali a1 Fondo sociale per il P.O.R , considerando il biennio : oltre ad una puntuale elaborazione dei dati economico-finanziari acquisiti dall'ente e stata svolta un'approfondita indagine sull'organizzazione regionale (Autorita di gestione; Comitato di sorveglianza; Autorita di Audit) e sul grado di efficacia dei controlli interni e dei recuperi. Di sornrne a seguito di emersione di irregolariti amministrative e contabili. A seguito dell'analisi delle criticita sono state poste in luce alcune problematiche sulla gestione dei recuperi e sono state raccomandate alcune misure correttive. Medesima indagine 6 stata completata in materia di gestione dei fondi agricoli e della Politica Agricola Comune, ai sensi dell'art. 3, legge 14 gennaio 1994, n. 20 e dell'art. 7 della legge 5 giugno 2003, n. 131, approvata con deliberazione n. 1050/2010/FRG del 13 dicembre 2010, ed in coordinamento con la Sezione Affari Comunitari ed Internazionali, avente sede a Roma. E' da rilevare sul punto che il referto regionale condotto dalla Sezione e da questo magistrato istruttore ha avuto oggetto molto piu ampio di quanto la collaborazione con la Sezione centrale richiedesse, peraltro su base volontaria. Infatti l'andamento delle criticita e dei recuperi in tema di FEOGA per la programmazione era gia stato analizzato per il biennio nella precedente relazione trasmessa alla Sezione Affari Comunitari e Internazionali. Nell'attuale relazione e stata sottoposta a controllo I'intera gestione della PAC in ambito regione Lombardia, per il biennio , indicando dati aggiornati sino agli ultimi giorni precedenti l'approvazione del referto. Entrambe le indagini sono state compendiate in un'unica relazione che rappresenta la situazione complessiva ed aggiornata a1 novembre 2010 del FSE P.O.R. Lombardia , dei FEAGA e del FEASR, programmazione , ed & stata presentata in adunanza pubblica innanzi a1 Presideme della Regione Lombardia in data 13 dicembre 2010, con successiva pubblicazione negli atti ufficiali della Corte dei conti. Nel corso del 2010 il magistrato ha completato l'attivita istruttoria relativa all'indagine sul "FENOMENO DELLE CONSULENZE NEGLI ENTI LOCAL1 DELLA REGIONE LOMBARDIA SUPERIOR1 A ABITANTI", mediante acquisizione di documentazione e dati, tramite un articolato questionario, migliorato e perfezionato rispetto a quello inviato nel precedente ciclo cantabile, pervenendo alla stesura definitiva della relazione, approvata nell'adunanza fissata in data 13 dicembre 2010, ma discussa in camera di consiglio del 26 ottobre 2010, in anticipo di quasi due mesi sui tempi indicati nel cronoprogramma per I'anno Sempre nell'ambito della medesima indagine si osserva che l'approfondimento del fenomeno delle consulenze e delle collaborazioni autonome 6 stato esteso anche alle societa in house interamente partecipate dagli enti locali esaminati. ***

8 Con provvedimento del Consiglio di Presidenza del 14 dicembre 2009, il sottoscritto t: stato nominato sostituto delegato a1 controllo sulla gestione dell'organismo partecipato pubblico CIRA (Centro Italiano Ricerche Aerospaziali), con sede in Capua. Attivita svolta nell'anno 2010 Dress0 la Sezione Regionale di Controllo per il Lazio in assegnazione aggiuntiva L'assegnazione presso la Sezione 6 stata deliberata in Consiglio di Presidenza con prowedimento comunicato in data lo aprile 2010, su domanda dello scrivente, il quale ha assicurato la propria presenza in Sezione in conformiti quanto stabilito per le assegnazioni in aggiuntiva e nel pieno rispetto degli obblighi istituzionali da assolvere nell'ambito della propria assegnazione principale alla Sezione Regionale di Controllo per la Lombardia. I1 sottoscritto ha curato l'invio e la trasmissione dell'attivita istruttoria di propria competenza, coadiuvato dai funzionari preposti a1 Settore, sia partecipando a tutte le adunanze pubbliche e alle discussioni in Camera di consiglio che si sono tenute nel corso dell'anno. Una delle principali attivita di competenza della Sezione deriva dalla funzione di controllo collaborativo sugli Enti locali prevista dall'art. 1, c. 166, legge n. 266 del2005 (Finanziaria per il2006). Nello svolgimento di tale attivita, il magistrato ha posto in essere numerose istruttorie sugli Enti locali della provincia di Frosinone pervenendo, a seguito di contraddittorio con i Comuni interessati, sia ad archiviazioni, sia al deferinento delle questioni piu rilevanti alla Sezione per l'adozione di specifiche pronunce in merito (SRCLAZ/ /PRSE; SRCLAZ/75/2010lPRSE; SRCLAZ/81/2010/PRSE). Nell'ambito dei controlli sulla Sanita, t: stata affidato il controllo di sana gestione finanziaria dell'azienda Ospedaliera e Policlinico Universitario Sant'Andrea di Roma. Nell'ambito dell'attivita consultiva intestata alla Sezione, il sottoscritto t: stato relatore in 4 pareri che hanno riguardato diverse tematiche, che di seguito si riportano: SRCLAZl OIPAR inammissibilita oggettiva su specifics attivita gestoria; SRCLAZl26120lOlPAR inammissibilita soggettiva parere richiesto da segretario comunale; SRCLAZ/70/2010/PAR in tema di calcolo delle aliquote ICI e Tarsu inerenti gli oneri di urbanizzazione e le aree industriali; SRCLAZl lPAR, in tema di accertamento della plusvalenza da alienazione di immobile donato all'ente locale e affidamento dei lavori di realizzazione di opera pubblica a seguito di operazione di sale and lease back. Attivita svolta nell'anno 2011 presso la Sezione Regionale di Controllo per la Lornbardia I1 magistrato ha assicurato una continua ed assidua presenza in Sezione sia svolgendo la complessa attivita istruttoria di propria competenza, coadiuvato dai hnzionari preposti a1 Settore, sia partecipando a tutte le adunanze pubbliche e alle discussioni in Camera di consiglio che si sono tenute nel corso dell'anno. Nell'ambito dell'attivita consultiva intestata alla Sezione, il magistrato t: stato relatore in 42 pareri, con un aumento considerevole del numero di delibere rese rispetto all'anno La specializzazione nell'attiviti consultiva in favore degli enti locali si & focalizzata su tre macro-aree: spese di personale e fondi per la contrattazione decentrata, consulenze e collaborazioni autonome; partecipazioni pubbliche locali; sistemi di finanziarnento, indebitamento e rispetto dei vincoli del Patto di Stabilita. La Sezione nell'ambito del programma dei lavori sui referti regionali ha affidato in qualita di magistrato istruttore e relatore l'indagine sulla "GESTIONE DEL SERVIZIO SANITARlO REGIONALE ai sensi dell'art. 3, legge 14 gennaio 1994, n. 20 e dell'art. 7 della legge 5 giugno

9 2003, n. 13 1, in via di approvazione prevista per ii 12 dicembre innanzi alle massime cariche istituzionali della Regione Lombardia. Attivita svolta nell'anno 2012 Dresso la Sezione Regionale di Controllo per la Lombardia In attuazione del crono programma 2012, si sono perfezionate numerose istruttorie sui rendiconti degli enti locali appartenenti alla Provincia di Brescia, sugli enti del Sewizio sanitario regionale, sulle consulenze negli enti locali e negli enti del servizio sanitario, sulla revisione della spesa nell'ambito delle spese di rappresentanza degli enti locali. In particolare si evidenziano 131 lettere istruttorie relative ai controlli di sana gestione degli enti locali bresciani che sono sfociate in 58 delibere ai sensi dell'art. 1 cornmi 166 e seguenti della legge Sono stati verificati puntualmente gli incarichi di consulenza affidati dagli EE.LL. della Provincia di Brescia con 10 richieste istruttorie e 4 delibere di irregolarita Sono state controllate tutte le spese di rappresentanza per I'anno 2011 di ciascun comune e della Provincia di Brescia, con 221 istruttorie, da cui sono emerse tre gravi inegolarita rilevate con tre distinte delibere. La Sezione nell'ambito del programma dei lavori sui referti regionali ha affidato in qualita di magistrato istruttore e relatore l'indagine sulla "GESTIONE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE e SULLA SPESA SANITARIA REGIONALE CON I DATI Dl PRECONSUNTIVO ai sensi dell'art. 3, legge 14 gennaio 1994, n. 20 e dell'art. 7 della legge S giugno 2003, n La prima delle due indagini, gii pronta per il 18 dicembre stata posticipata a1 28 gennaio 2013 ed in tale data approvata (deliberazione n.31/2013/frg), per la coincidenza con I'espletamento del concorso a neo referendario, in cui il Pres. della Sezione svolgeva le funzioni di presidente di commissione di esame. La secor,da delle due indagini 1: stata approvata con delibera n.301/2012/frg in data 26 giugno 2012 in anticipo,di 6 mesi sul previsto crono progl-amnla. In materia consultiva sono stati resi n.35 pareri nell'anno 2012, alcuni dei quali di particolare impegno di studio, avente ad oggetto la disciplina sanzionatoria conseguente alla violazione del Patto di Stabiliti e all'elusione: in materia di dismissione di societa aartecivate. in tema di sorte A, degli affidamenti in house dopo I'entrata in vigore della legislazione sulla c.d. spending review (D.L ). Dal primo marzo 2012 sono state assegnate al magistrato le funzioni di Consigliere delegato al controllo di legittimita sugli atti; funzione di particolare impegno dato soprattutto dal controllo sulle ordinanze del commissario straordinario di protezione civile a seguito del terremoto nella provincia di Mantova (coevo a1 sisma che ha colpito la confinante regione Emilia Romagna). Tutte le ordinanze commissariali sono state esaminate entro i 7 giorni ed ammesse visto con o senza ossewazioni. Per quanto concerne il controllo di legittimita ai sensi dell'art. 3 della legge , sono stati esaminati 933 atti su 911 pewenuti nell'anno 2012, con 201 richieste istruttorie, 935 atti ammessi a1 visto e due deferhenti. In qualita di consigliere delegato, il magistrato alle adunanze della Sezione centrale svoltesi a Roma. I1 magistrato assicura una continua ed assidua presenza in Sezione sia svolgendo la complessa attivita istruttoria di propria competenza, coadiuvato dai funzionari preposti a1 Settore, sia partecipando a tutte le adunanze pubbliche e alle discussioni in Camera di consiglio che si sono succedute da gennaio 2012 all'attualita. In sostituzione del Presidente di Sezione il magistrato ha assicurato la sua partecipazione alla Sezione per le Autonomie.

10 Attiviti in corso di svolgimento nell'anno 2013 aresso la Sezione Regionale di Controllo per la Lombardia In attuazione del programma per il controllo 2013, si sono avviate numerose istruttorie sui rendiconti degli enti locali appartenenti alla Provincia di Brescia, sugli enti del Sewizio sanitario regionale, sulle consulenze negli enti locali e negli enti del servizio sanitario. Particolare impegno, per gli strettissimi tempi di legge, stato dedicato alla Relazione di fine mandato (deliberata nel febbraio 2013) e a1 controllo sui rendiconti dei gruppi consiliari in attuazione dell'art. 1 commi da 9 a 12 del D.L ; verifica sfociata nella comunicazione di irregolarita e nella delibera d'orientamento n Per quanta conceme l'attiviti consultiva, alla fine di dicembre sono stati redatti e depositati gia 40 pareri. Depositate 30 delibere di controllo. Attivita svolta nell'anno 2011 presso I'ente controllato Centro Italiano Ricerche Aerospaziali di Capua (C.I.R.A.) Con provvedimento del Consiglio di Presidenza del 14 dicembre 2009, il sottoscritto e stato nominato sostituto delegato al controllo sulla gestione dell'organismo partecipato pubblico CIRA (Centro Italiano Ricerche Aerospaziali), con sede in Capua. Dal primo gennaio a1 30 aprile si e svolta attivita di sostituzione effettiva del collega delegato al controllo cessato dall'incarico, partecipando ai consigli di amministrazione e a1 controllo sulla gestione dell'organismo partecipato. PARTECIPAZIONI A CONVEGNI E INCONTRI DI STUDIO Relatore su invito del responsabile del settore Terziario Innovative di Assolombarda e previa autorizzazione del Procuratore della Repubblica di Milano, nel Convegno ivi tenutosi il , sul tema "No Copy no Crime" in materia di tutela penale del diritto d'autore. Relazione dal titolo: "Diritto d'autore e lotta alla contraffazione. La risposta dell'ordinamento giuridico alla contraffazione. L'apparato repressivo.". Relatore a1 convegno "Legal approach to Web Era" organizzato dallo studio legale "Valente & Partners". Milano Palazzo delle Stelline Relazione dal titolo "Le indagini in tema di reati informatici". Partecipazione ai lavori della Terza edizione del Convegno "Italian Cyberspace Law Conference". Bologna novembre Partecipazione ai lavori della Quinta edizione del Convegno "Italian Cyberspace Law Conference". Bologna 25 novembre Formale attivita di collaborazione awiata con 1'UniversitA Statale di Milano, cattedra di Informatics giuridica avanzata, prof. G. Ziccardi, in qualita di cultore della materia anno accademico Partecipazione alla tavola bilaterale ristretta Usa-Italia "IPR JUDICIAL WORKSHOP U.S. & ITALIAN EXPERIENCE avente ad oggetto I'interscambio di esperienze professionale in tema di reati informatici e lotta alla contraffazione e pirateria on line (Montecatini 3 1 marzo-2 aprile 2004); Partecipazione su invito del Dipartimento di Stato USA al programnla di scsunbio culturale e di aggiornamento professionale "INTERNATIONAL VISITOR PROGRAM (Usa 24 aprile-16 maggio 2004), avente ad oggetto incontri con le piu prestigiose agenzie investigative federali e statali sui temi della violazione dei diritti sulla proprieta intellettuale (Intellectual property rights) e dei computer crimes (cyber crimes).

11 Partecipazione alla seconda tavola bilaterale ristretta Usa-Italia "IPR JUDICIAL WORKSHOP U.S. & ITALIAN EXPERIENCE avente ad oggetto l'interscambio di esperienze professionali in tema di reati informatici e lotta alla contraffazione e pirateria on line (Perugia 6-8 aprile 2005). Partecipazione a1 corso di formazione sul tema "La responsabilita amministrativa degli enti", Milano 7 febbraio Partecipazione a1 corso di formazione sul tema "Innovazioni tecnologiche e in materia informatica e protocolli investigativi" Roma settembre Partecipazione a1 corso di formazione sul tema "Problemi attuali sulle spese di giustizia nel process0 penale" Milano 27 ottobre Partecipazione a1 Convegno organizzato dal RACIS dei Carabinieri di Parma, in tema di indagini balistiche e sistema IBIS (Parma, 24 novembre 2005). Partecipazione a1 Convegno organizzato in Varenna (LC) il20 gennaio 2006 in tema di criminaliti informatica aspetti sostanziali e processuali. Partecipazione a1 corso di formazione sul tema "La legge n.251: illustrazione delle modifiche introdotte a1 codice penale e alla legge di ordinamento giudiziario" Milano Partecipazione a1 corso di formazione sul tema "I1 punto sulla riforma del pubblico impiego" Roma marzo Partecipazione a1 corso di formazione sul tema "Le modifiche a1 t.u. delle leggi in materia degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza, d.p.r " Milano 8 maggio Partecipazione all'incontro di studio "Profili critici della proprieti intellettuale ed effettivith della tutela civile e penale", Milano 12/13 febbraio Partecipazione all'incontro di studio "Reati informatici ed attivita d'indagine" dal Cyberterrorismo alla computer forensics, Varenna 16 febbraio Partecipazione a1 corso di formazione sul tema" La nuova disciplina del contratto preliminare" Roma marzo Relatore nel corso di sicurezza aziendale ed information tecnology presso la SIA s.p.a.; seminario sulle azioni di contrasto ai reati informatici (24 maggio 2004); Relatore nel corso di laurea in diritto e comunicazione per I'impresa presso l'universita Bocconi di Milano; seminario sulle metodologie d'indagine in tema di reati informatici (27 maggio 2004); Relatore nel corso di formazione per difensori d'ufficio organizzato dalla Camera penale e dal Consiglio dell'ordine forense di Milano sul tema dei reati informatici (31 maggio 2004); Invitato quale relatore a1 convegno "Italian Cyberspace Law Conference 2004". Relazione avente ad oggetto: "la disciplina e la gestione dei files di log nel codice di procedura penale". Bologna novembre Relatore a1 convegno organizzato nell'ambito di Infosecurity Italia Tavola rotonda sui diritti d'autore in rete. Relazione avente ad oggetto "Icomportamenti criminali e le responsabilita penali correlate a1 peer to peer e a1 file sharing". Fiera di Milano, 11 febbraio Relatore a1 Secondo Forum sulle tecniche investigative e di contrasto alle frodi commesse mediante utilizzo delle carte di credit0 e di debito, minister0 dell'lntemo, Dipartimento della Pubblica Sicurezza, Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Milano. Milano 19 aprile Invitato a comporre il gmppo di ricerca denominato Legal Eletronic Forensic Team (L.E.F.T.) presso 1'Istituto di Filosofia e sociologia del Diritto Universith Statale di Milano, avente lo scopo di definire le linee guida uniformi per le attivita d'indagine informatica. Milano marzo ottobre Relatore a1 convegno "La privacy ed il medico di famiglia" Milano 16 e 22 giugno Relatore a1 Convegno sui diritti dell'lnformatica. Tecniche d'indagine e garanzie difensive. Monza lo Luglio Relazione pubblicata nella rivista n.3105 "Diritto dell'informazione e dell'informatica", rivista bimestrale promossa dalla Fondazione Centro d'iniziativa giuridica Piero Calamandrei, Giuffrk editore. Relatore, in rappresentanza della Procura di Milano, alla terza tavola bilaterale ristretta Usa-Italia "IPR JUDICIAL WORKSHOP U.S. & ITALIAN EXPERIENCE" avente ad oggetto l'interscambio

12 di esperisnze professionali in tema di reati informatici e lotta alla contraffazione e pirateria on line (Montecatini maggio Relatore a1 convegno organizzato dalla Camera Penale di Venezia, relativo a1 diritto delle nuove tecnologie ed i reati informatici. "Nuove prospettive per i reati informatici". (Venezia 26 e 27 maggio 2006). Relatore a1 Convegno sul tema "I controlli sui lavoratori nell'utilizzo della posta elettronica e della rete internet. Responsabilita civili e penali" Milano, 19 giugno Relatore a1 convegno organizzato da Synergia Formazione s.r.1. "I1 regime di responsabiliti delle societa pubbliche. I rapport0 fra costituzione di parte civile ed azione di responsabilita amministrativo contabile". Roma 6 marzo Relatore a1 convegno organizzato dalla cattedra di Informatica Giuridica dell'universita di Milano Bicocca "I1 reperimento delle tracce digitali. Esperienze Usa-Italia a confronto" Milano 6 maggio Relatore al convegno organizzato da Synergia Formazione s.r.1. per 1'Automobile Club Italia: "I1 ruolo della CONSIP e le centrali di cornmittenza" Milano 27 maggio Relatore a1 convegno organizzato da Synergia Formazione s.r.1. "I pagamenti nella Pubblica Amministrazione. La disciplina del nuovo D.M , Roma l l giugno Relatore a1 Master di Perfezionamento in diritto delle Tecnologie, organizzato dall'universita di Milano Bicocca sul tema: "I profili penali del file sharing alla luce della legge 43/2005", Milano 12 giugno Docente presso il Centro studi amministrativi di Torino, Corso per Magistrati Ordinari in materia di diritto penale sostanziale parte generale e reati informatici. Corso tenutosi in Torino giugnodicembre Relatore a1 convegno sul tema "I reati informatici e la responsabilita amministrativa degli enti" organizzato da Paradigma s.r.1.. Milano 15 ottobre Relatore a1 convegno sul tema "Novita nella gestione dei pagamenti della pubblica amministrazione" organizzato da Synergia e Formazione. Roma 23 ottobre Relatore a1 convegno organizzato da Paradigma s.r.1." La responsabilita da reato delle societi. I reati informatici, Milano I1 febbraio Relatore a1 convegno sul tema "Profili di responsabilita amministrativo contabile del dipendente" organizzato da Synergia e Formazione. Fondazione Caracciolo ACI, Bologna 19 febbraio Relatore a1 convegno sul tema "I1 bilancio degli enti pubblici e il controllo sulla sana e corretta gestione: ricognizione e ottimizzazione dei conti" organizzato da Synergia e Formazione. Roma 12 marzo Relatore a1 convegno sul tema "Mandati di pagamento e servizi di tesoreria nella pubblica amministrazione", organizzato da Synergia e Formazione. Roma 26 marzo Relatore a1 convegno sul tema "Amrninistrazioni pubbliche e societa partecipate", organizzato da Synergia e Formazione. Milano 7 aprile Relatore a1 convegno sul tema "I1 bilancio degli enti pubblici e il controllo sulla sana e corretta gestione: verifiche e previsioni per l'anno 2010" organizzato da Sinergia e Formazione, Milano 20 ottobre Relatore a1 convegno sul tema "Amrninistrazioni pubbliche, societa partecipate e riforma dei servizi pubblici locali", organizzato dal Comune di Bolzano il26-27 novembre 2009; Docente per una lezione del corso presso la Facolta di Giurisprudenza di Torino nell'ambito del Master di 11" livello in Pubblica amministrazione del 13 novembre 2009; Relatore a1 convegno sul tema "La riforma dei servizi pubblici locali", organizzato da Synergia Formazione, Milano febbraio 2010; Docente per una lezione del corso presso la Facolta di Giurisprudenza di Torino nell'ambito del Master di 11" livello in Pubblica amministrazione del 20 febbraio 2010 sul tema I Bilanci della Regione e degli Enti locali".

13 Relatore a1 convegno sul tema "La riforma dei servizi pubblici locali" organizzato da Sinergia e Formazione, Milano 17 febbraio Relatore a1 convegno sul tema "Rischio penale e responsabilita d'impresa" organizzato dall'universita di Milano, Milano 28 maggio Relatore a1 convegno sul tema "La circolazione della prova nell'unione Europea e la tutela degli interessi finanziari comunitari. La circolazione endoprocedimentale della digital evidence: I'alibi informaticon organizzato dall'olaf e dall'avvocatura Euopea, 29 gennaio Relatore a1 corso di aggiomamento, tavola rotonda, sul tema "Computer Forensics e investigazioni digitali. Bomef e network forensics" organizzato dall'universita di Milano, Milano 10 e 17 febbraio 2011; Relatore a1 convegno organizzato dalla Sezione regionale di Controllo Lombardia e dall'ordine dei dottori commercialisti in materia di controlli interni. Intervento sul contenimento delle spese per consulenze e collaborazioni autonome. Milano 7 giugno Docente all'incontro di studio organizzato presso lo SDA BOCCONI sul tema "Le fondazioni degli EELL", Milano Universita Bocconi, 7 ottobre Relatore a1 Convegno organizzato dalla Sezione Giurisdizionale per L'Emilia Romagna della Corte dei conti in collaborazione con la Fondazione dei Dottori Commercialisti di Bologna sul tema "Novita normative in materia di partecipazioni pubbliche locali". Bologna 13 ottobre Docente a1 corso per neorefenderari della Corte dei conti sul tema: "esercitazione su casi pratici di attivita delle Sezioni regionali di controllo" Roma 14 dicembre Aula del Seminario della Corte dei conti. Corso organizzato dal Seminario permanente sui Controlli e dal Consiglio di Presidenza. Relatore a1 corso di perfezionamento post universitario "Computer forensic e investigazioni digitali". Milano 26 gennaio Universita statale di Milano. Relatore a1 Convegno organizzato da Synergia Formazione sul tema "La tracciabilita dei pagamenti della P.A. I1 ruolo della Corte dei conti". Milano 8 marzo 2012; Relatore a1 corso seminariale sul federalismo fiscale organizzato dall'universit8 di Roma La Sapienza sul tema: "federalismo fiscale e sussidiarieti. I1 principio di sussidiarieti e la responsabilita degli amministratori pubblici" Roma I1 maggio Relatore a1 convegno organizzato da Rivista231. La circolare della Guardia di finanza n in ordine alla responsabilita amministrativa degli enti dipendente da reato. Milano, 5 Luglio 2012 Relatore a1 convegno organizzato dall'universita di Reggio Emilia sul tema "Investimenti elusivi al Patto di stabilita e leasing in construendo". Reggio Emilia 20 luglio Relatore a1 corso di aggiomamento organizzato da Ti Forma in collaborazione con ANCI Toscana) sul tema il reclutamento dei dipendenti pubblici nelle societa partecipate dagli enti locali. Firenze 27 novembre Relatore a] convegno organizzato da Synergia Formazione sul tema "I1 codice dei contratti alla luce della normativa sulla spending review". Milano 28 febbraio Relatore a1 corso di aggiornarnento organizzato da Ti Forma in collaborazione con ANCI Toscana) sul tema il reclutamento dei dipendenti pubblici negli A.T.O. Firenze 11 marzo Relatore a1 Corso sul Diritto dell'unione Europea 2' modulo 19 e 230 marzo Organizzato dal seminario di Formazione Permanente. Relatore in due moduli di formazione, organizzati dalla Corte dei conti sul tema "Nuove attivita di controllo della Corte dei conti dopo il D.L. n convertito nella legge Milano marzo e aprile Relatore e docente a1 corso di formazione organizzato dal Consiglio dell'ordine dei Dottori commercialisti di Bergamo sul tema: I1 piano di riequilibrio pluriennale. Funzione, limiti e utiiita. Bergamo 10 maggio Relatore a1 convegno organizzato dalla Camera di Commercio di Milano in collaborazione con Promo PA, sul tema "riscossione delle entrate per gli enti locali dopo l'abbandono di Equitalia", Milano Palazzo dei Giureconsulti, 7 giugno 2013.

14 Relatore al convegno organizzato dallo studio Notarile Crepaz e dalla Provincia Autonoma di Bolzano, sul tema: "I1 divieto di acquisto immobiliare per gli enti locali". Bolzano 13 giugno Docente per tre moduli nel corso di formazione organizzato dalla Corte dei conti sul tema "i nuovi controlli introdotti dal D.L ". Milano, marzo, aprile e giugno PUBBLICAZIONI E COLLABORAZIONI EDITORIAL1 Pubblicazione sulla collana Forum per la Tecnologia e 1'Informazione (Franco Angeli e SIA-Banca d'italia ed.) di un saggio sugli strumenti d'indagine in materia di reati informatici (maggio 2004). Pubblicazione del saggio: "Le indagini informatiche fra esigenze di accertamento e garanzie di difesa", in Diritto dell'informatica e dell'informazione, Articolo di commento a sentenza della Corte di appello di Bologna n , Caso Vierika, virus worm ed accesso abusivo a sistema informatico o telematico, Diritto e Internet. Milano luglio Collaborazione editoriale attivata con "I1 Sole 24 Ore", collana diritto e pratica amministrativa nn (Comment0 a sentenza della Sezione Giurisdizionale della Campania) e (il vademecum in materia di disciplina dei pagamenti della P.A.). Collaborazione editoriale awiata con la rivista giuridica Azienditalia, in materia di ordinamento e gestione degli enti pubblici locali, anni (WK ISPOA Editore). Curatore dell'edizione aggiornata 2007 codice penale esplicato "Plus", Giuffre' editore giugno Curatore dell'edizione aggiornata 2008 codice penale esplicato "Plus", Giuffre' editore, giugno Curatore del capitolo sui reati in materia di diritto d'autore in Giurisprudenza Penale, a cura di Pasquale Fava, Maggioli editore, settembre Curatore del capitolo sui reati di danneggiamento e danneggiamento informatico in Giurisrpudenza penale. Delitti contro il patrimonio, a cura di Pasquale Fava, Maggioli editore, gennaio Curatore del capitolo sui mezzi di ricerca della prova digitale (ispezione e perquisizione di dati informazioni e programmi), in "Sistema penale e criminaliti informatica", a cura di Luca Luparia, Giuffre editore, febbraio Curatore del capitolo sui rapporti fra azione penale ed azione civile in "La responsabiliti civile" a cura di Pasquale Fava, Giuffre editore, Settembre Curatore del capitolo sul leasing immobiliare in costruendo e sui contratti di swap nell'ambito del libro "Contabilith degli enti locali" a cura di G. Astegiano IPSOA, in corso di pubblicazione. Curatore dei capitoli sui servizi pubblici locali e sulla disciplina applicabile ai sewizi a rilevanza economica e privi di rilevanza economica nell'ambito del libro "Contabiliti e ordinamento degli enti locali" a cura di G. Astegiano, IPSOA editore, Aprile Co-curatore del Manuale di Procedura Penale, capitoli su indagini preliminari e misure cautelari, edizioni Simone, maggio PRINCIPAL1 ESPERIENZE FORMATIVE Dl AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE. Magistratura ordinaria

15 Partecipante a1 corso di addestramento presso la banca dati C.E.D. della Suprema Corte di Cassazione. Roma dal 11 a1 13 settembre 2000: Partecipante a1 corso Falcone e Borsellino. L'inizio e i nuovi epiloghi della fase investigativa; dalla notizia di reato all'avviso di conclusione: hnzione e struttura delle indagini -. preliminari. Roma, dal al ; partecipante a1 corso "Diritto penale minore e processo: verso una giustizia negoziata?" Roma, dal a ; partecipante a1 corso "I regimi dei patrimoni separati: dai trusts ai nuovi modelli di segregazione dei beni". Roma dal a ; partecipante all'incontro di aggiomamento professionale "Innovazioni tecnologiche in materia informatica e protocolli investigativi" Roma settembre 2005; partecipazione all'incontro di studio "Diritto interno e comunitario". Milano, formazione decentrata ; partecipazione all'incontro di studio "La responsabilita amministrativa degli enti ex D. Igs Milano, formazione decentrata ; partecipazione all'incontro di studio "Problemi attuali sulle spese di giustizia nel processo penale". Milano, formazione decentrata ; partecipazione all'incontro di studio "La riforma della prescrizione e le novita legislative introdotte dalla legge Cirielli" Milano, formazione decentrata ; Corte dei conti Partecipazione a1 corso per neo-referendari della Corte dei conti. Roma, gennaio-febbraio Partecipazione agli incontri di studio e di aggiornamento professionale organizzato dal Seminario Permanente sui Controlli sui temi: Swap e finanza derivata, Bilanci delle ASL, Corte dei conti europea. Roma mazo, aprile, giugno Partecipazione all'incontro di studio e di aggiornamento professionale organizzato Seminario Permanente sui Controlli sul tema: analisi dei questionari sul bilancio preventivo degli enti locali anno e sul rendiconto anno Roma 16luglio Partecipazione agli incontri di studio e di aggiornamento professionale organizzato dal Seminario Permanente sui Controlli sui temi: swap e finanza derivata, Bilanci delle ASL, Corte dei conti europea. Roma marzo, aprile, giugno Partecipazione all'incontro di studio e di aggiomamento professionale organizzato Seminario Permanente sui Controlli sul tema: "L'indebitamento, la ristrutturazione del debito e l'esame dei fenomeni di finanza creativa in rapport0 a1 principio di salvaguardia degli equilibri di bilancio" (12, 13 marzo 2008). Partecipazione all'incontro di studio e di aggiornamento professionale organizzato dal Seminario Permanente sui Controlli sul tema: "Prosecuzione dell'attivita di supporto alle Sezioni regionali di controllo nelle funzioni affidate ai sensi dell'art. 1, commi 166 e seguenti, legge n , con riguardo ai bilanci degli enti locali di previsione 2008 e consuntivo 2007" (16 luglio 2008). Partecipazione all'incontro di studio e di aggiomamento professionale organizzato Seminario Permanente sui Controlli sul tema: "Analisi del fenomeno dell'esternalizzazione dei servizi anche attraverso le societa partecipate e i relativi strumenti di controllo" (22,23 settembre 2008). Partecipazione a1 corso di formazione e aggiomamento presso 1'Aula delle Sezioni Riunite della Corte dei conti sul tema "Le misure cautelari e le problematiche pi^ recenti in materia di responsabilita amministrativo-cantabile" (29-30 e 3 1 ottobre 2008). Partecipazione a1 corso di formazione e aggiornamento presso 1'Aula delle Sezioni Riunite della Corte dei conti sul tema " Le nuove frontiere del giudizio di conto" (1 1 e 12 dicembre 2008). Partecipazione in qualita di "discussant" all'inc'ontro di studio e di aggiomamento professionale organizzato Seminario Permanente sui Controlli sul tema "Profili innovativi introdotti dalla finanziaria 2009" (19-20 gennaio 2009).

16 Partecipazione a1 corso di aggiomamento professionale organizzato Seminario Permanente sui Controlli sul tema "I fondi comunitari in agricoltura alla luce della programmazione " (18 marzo 2009). Partecipazione a1 corso di aggiornamento professionale organizzato Seminario Permanente sui Controlli sul tema " Gli aiuti di Stato" (27-28 aprile 2009). Partecipazione a1 corso di aggiornamento professionale organizzato Seminario Permanente sui Controlli in materia di contabilita economica (suddiviso in due moduli: 19 e 20 maggio, 8 e 10 giugno 2009). Partecipazione a1 corso di aggiomamento professionale organizzato dal Consiglio di Presidenza sul tema: "Dal regolamento di procedura a1 Codice per i giudizi innanzi alla Corte dei conti" (Roma, 14 e 15 dicembre 2009) Partecipazione a1 corso di aggiomamento professionale organizzato dal Seminario di formazione permanente sul tema: " Le innovazioni recate dalla L e dal successivo D. Les : dalla valutazione della performance alle modifiche del sistema della responsabilita disciplinare e patrimoniale" (Roma, 23 e 24 febbraio 2010). Partecipazione in qualiti di "discussant", all'incontro organizzato dal Seminario Permanente in collaborazione con OLAF sul tema "Controlli e repressione delle frodi in ambito comunitario" (Roma, maggio 2010). L'intervento ha avuto ad oggetto l'esperienza del controllo della Sezione regionale della Lombardia. Partecipazione a1 corso di aggiornamento professionale organizzato Seminario Permanente sui Controlli sul tema "Azioni societarie ed azioni di responsabilita nelle societa a partecipazione oubblica. alla luce dei recenti orientamenti della Corte di Cassazione" (Roma. 11 marzo 2010). Partecipazione a1 corso di aggiornamento professionale organizzato Seminario Permanente sui Controlli in materia di contabilita economica (Roma, 29/30 settembre 2010'). Partecipazione a1 corso di aggiomamento professionale organizzato dal Seminario Permanente sui Controlli sul tema: "Analisi di bilancio e valutazione delle performance delle Aziende Sanitarie" (Roma, 18 gennaio 2011). Partecipazione a1 corso di aggiomamento professionale organizzato dal Seminario Permanente sui Controlli sul tema: "I1 federalism0 fiscale. (Roma 19/20 gennaio 2011). Partecipazione a1 corso di aggiomamento professionale organizzato dal Seminario Permanente sui Controlli sul tema: "Le esperienze dei sistemi contabili della Nuova Zelanda e del Regno Unito", (Roma, 23 aprile 2011); Partecipazione a1 corso di aggiomamento professionale organizzato dal Consiglio di Presidenza e dal Seminario Permanente sui controlli sul tema: "I contratti di finanza derivata" Aula delle Sezioni Riunite, (Roma, maggio 2011). Partecipazione a1 corso di aggiornamento professionale sul tema "Evoluzione delle procedure di controllo sulla gestione finanziaria degli enti lovali. Applicazione del sistema S.1.Qu.E.L.". Corso organizzato dal Seminario di Formazione Permanente, (Roma 4-5 ottobre 2011). Partecipazione al corso di aggiornamento professionale sul tema "procedure di controllo sulla gestione finanziaria degli Enti locali. Linee guida sul bilancio di previsione 2012 e sul rendiconto Avvio dell'applicazione delle nuove norme sul dissesto". Roma 4 e 5 ottobre Partecipazione a1 corso specialistico su "Valutazione d'azienda. Cenni alle tecniche piu diffuse e implicazioni per la tutela del patrimonio pubblico". Roma 16 e 17 ottobre Partecipazione all'incontro di studio sul nuovo sistema dei controlli sugli Enti territoriali, svoltosi a Roma nei giorni 7 e 8 marzo ASSOLVIMENTO DEGLI OBBLIGHI DI LEVA XVI

17 Dal 16 novembre 1996 al 16 novembre 1997, prestato servizio quale Agente Ausiliario nei ruoli della Polizia di Stato. LINGUE STRANIERE CONOSCIUTE Buona conoscenza della lingua inglese parlata e scritta. Frequenza triennale di corso di inglese giuridico presso la Facolta di Giurisprudenza della L.U.I.S.S. (Anni ). Frequenza di corso d'inglese presso il British Council di Milano (anno 2002). SISTEMI INFORMATICI CONOSCIUTI Utilizzo del PC anche in reti locali, sistemi operativi Windows e Internet. Specifica competenza in materia di sicurezza informatica, avendo collaborate alla predisposizione del DPS deiia Procura di Milano, in collaborazione con il referente informatico distrettuale. Note : - Auforizzo il dmifamenfo dei dati secondo il D. Lgs. 196/03. - Aggiornato a1 15 dicembre 2013 XVII

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze.

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. CURRICULUM VITAE Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. Titolo di Studio: Laurea Economia e Commercio conseguita il 17.04.1973 presso l Università

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo residenza Via Senatore di Giovanni 5 961 00 Siracusa Indirizzo studio VIALE SANTA PANAGIA, 141/C

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail PEC rdallanese@liuc.it raffaella.dallanese@odcecmilano.it Nazionalità Italiana Data di nascita 07,

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a Deliberazione n. 52 /2014 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a composta dai seguenti magistrati: Ennio COLASANTI Angela PRIA

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

Pagina 1 di 12 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Sergio dal Maso Viale C.Colombo, 165 Foggia Telefono 328/2775122 Fax 0881/720007 E-mail Nazionalità

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012 REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE (nella qualita di Commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario della Regione Calabria nominato

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli