OS X come piattaforma di analisi : Diskarbitrationd

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OS X come piattaforma di analisi : Diskarbitrationd"

Transcript

1 Maurizio Anconelli OS X come piattaforma di analisi : Diskarbitrationd Con la crescente diffusione sui desktop di giovani e professionisti, il sistema operativo della mela morsicata inizia a rivestire un ruolo di primaria importanza in Computer Forensics, sia come sistema indagato che come piattaforma d analisi. In quest ultimo caso, una delle prime caratteristiche da padroneggiare è il sistema di gestione dei dischi, in particolare come sia possibile disabilitare il mount automatico di supporti esterni per evitare modifiche sui media da analizzare. Il sistema illustrato non sostituisce l utilizzo di un write- blocker, in quanto rappresenta pur sempre una sicurezza software. In ogni caso, come vedremo, dai test effettuati non emerge alcuna modifica dei supporti di prova, ed otterremo una sicurezza operativa paragonabile a quella delle maggiori distribuzioni forensi di base Linuxiana. Disk Arbitration Framework Le operazioni da eseguire per disabilitare il mount automatico dei dischi si riassumono in due comandi da eseguire con i privilegi di root. Come da precetto in Digital Forensics, è tuttavia importante avere ben chiari i meccanismi che sottendono le procedure stesse. In OS X, la gestione dei dischi e dei filesystem connessi al sistema avviene attraverso un framework dedicato, Disk Arbitration Framework, e un demone che si occupa di gestire le notifiche ed il mount delle eventuali periferiche collegate: diskarbitrationd. Nell installazione normale di OS X, diskarbitrationd è attivo di default, richiamato all'avvio da launchd, il demone preposto alla gestione dei processi utente e di sistema. Launchd, richiamato come primo processo in avvio dal kernel, esegue il parsing dei file presenti nella directory /System/Library/LaunchDaemons, all'interno della quale risiede il file com.apple.diskarbitrationd.plist, contenente la configurazione di avvio del demone in questione. All'inserimento di un disco esterno il kernel, attraverso il Disk Arbitration Framework, notifica l'avvenuta connessione al demone diskarbitrationd. Quest'ultimo interroga il file /etc/fstab per eventuali mount- point e filesystem predefiniti, interroga il sistema sui filesystem supportati e se tra questi sono presenti quelli relativi al media collegato, monta il disco e gli eventuali volumi riconosciuti. 1

2 Lo schema seguente riassume in maniera semplificata il flusso appena descritto: Alla luce di quanto descritto, abbiamo due possibilità per inibire il mount automatico dei dischi. Disabilitare temporaneamente il mount automatico Il comando launchctl fornisce un'interfaccia interattiva per la gestione del demone launchd. Attraverso una serie di sotto- comandi possiamo gestire a basso livello il demone launchd e gli agenti ed i demoni da esso controllati: 2

3 owl:~ mauri$ launchctl launchd% help usage: launchctl <subcommand> load Load configuration files and/or directories unload Unload configuration files and/or directories start Start specified job stop Stop specified job submit Submit a job from the command line remove Remove specified job bootstrap Bootstrap launchd list List jobs and information about jobs setenv Set an environmental variable in launchd unsetenv Unset an environmental variable in launchd getenv Get an environmental variable from launchd export Export shell settings from launchd debug Set the WaitForDebugger flag for the target job to true. limit View and adjust launchd resource limits stdout Redirect launchd's standard out to the given path stderr Redirect launchd's standard error to the given path shutdown Prepare for system shutdown singleuser Switch to single- user mode getrusage Get resource usage statistics from launchd log Adjust the logging level or mask of launchd umask Change launchd's umask bsexec Execute a process within a different Mach bootstrap subset bslist List Mach bootstrap services and optional servers bstree Show the entire Mach bootstrap tree. Requires root privileges. managerpid Print the PID of the launchd managing this Mach bootstrap. manageruid Print the UID of the launchd managing this Mach bootstrap. managername Print the name of this Mach bootstrap. exit Exit the interactive invocation of launchctl quit Quit the interactive invocation of launchctl help This help output I comandi interessanti sono: list - elenca e fornisce informazioni sui job attivi load - carica un file di configurazione (.plist) unload - arresta i job specificati da un file di configurazione (.plist) owl:~ mauri$ sudo ps aux grep -i diskarb root 33 0,0 0, ?? Ss 9:22am 0:00.12 /usr/sbin/diskarbitrationd owl:~ mauri$ sudo launchctl list grep diskarb 33 - com.apple.diskarbitrationd 3

4 Possiamo osservare come il processo diskarbitrationd sia attivo con ID 33. A questo punto possiamo arrestare il processo utilizzando il comando stop seguito dal file di configurazione relativo a diskarbitrationd: owl:~ mauri$ sudo launchctl unload /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.diskarbitrationd.plist Controlliamo che il processo non sia attivo attraverso i precedenti comandi: owl:~ mauri$ sudo launchctl list grep -i disk - 0 com.apple.diskmanagementd owl:~ mauri$ ps aux grep -i disk mauri 370 0,0 0, s000 S+ 6:04pm 0:00.00 grep - i disk Con questo sistema abbiamo disabilitato il demone diskarbitrationd e possiamo connettere una periferica da analizzare o duplicare senza che venga montata in automatico. Per riabilitare il demone possiamo eseguire il reboot del mac o utilizzare il sotto- comando load: owl:~ mauri$ sudo launchctl load /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.diskarbitrationd.plist Disabilitare il mount automatico in maniera permanente Eliminando o spostando il file com.apple.diskarbitrationd.plist dalla cartella /System/Library/LaunchDaemons, eviteremo che launchd carichi il demone diskarbitrationd in fase di avvio. Creiamo una cartella di destinazione per contenere temporaneamente o definitivamente il file plist e spostiamoci quest'ultimo: owl:dev mauri$ sudo mkdir /Users/mauri/morgue/plist.files owl:dev mauri$ sudo mv /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.diskarbitrationd.plist /Users/mauri/morgue/plist.files/ controlliamo che il file non sia più presente nella dir LaunchDaemons: owl:dev mauri$ ls -la /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.d* - rw- r- - r- - 1 root wheel Lug 09:18 /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.dashboard.advisory.fetch.plist - rw- r- - r- - 1 root wheel Ago 08:02 /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.diskmanagementd.plist - rw- r- - r- - 1 root wheel Lug 07:26 /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.distnoted.plist - rw- r- - r- - 1 root wheel Lug 07:34 /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.dnsextd.plist - rw- r- - r- - 1 root wheel Mag 2009 /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.docsetinstalld.plist - rw- r- - r- - 1 root wheel Mag 2009 /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.dvdplayback.setregion.plist - rw- r- - r- - 1 root wheel Giu 03:40 /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.dynamic_pager.plist Al riavvio diskarbitrationd non sarà più avviato da launchd. Per ripristinare l'avvio automatico del demone basterà ripristinare il file nella cartella originale: owl:dev mauri$ sudo mv /Users/mauri/morgue/plist.files/com.apple.diskarbitrationd.plist /System/Library/LaunchDaemons/ owl:dev mauri$ ls -la /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.d* 4

5 - rw- r- - r- - 1 root wheel Lug 09:18 /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.dashboard.advisory.fetch.plist - rw- r- - r- - 1 root wheel Dic 10:59 /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.diskarbitrationd.plist - rw- r- - r- - 1 root wheel Ago 08:02 /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.diskmanagementd.plist - rw- r- - r- - 1 root wheel Lug 07:26 /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.distnoted.plist - rw- r- - r- - 1 root wheel Lug 07:34 /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.dnsextd.plist - rw- r- - r- - 1 root wheel Mag 2009 /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.docsetinstalld.plist - rw- r- - r- - 1 root wheel Mag 2009 /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.dvdplayback.setregion.plist - rw- r- - r- - 1 root wheel Giu 03:40 /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.dynamic_pager.plist Disabilitare il mount automatico in Tiger La struttura del Disk Arbitration Framework in MAC OS X 10.4 è leggermente differente e non ci consente di abilitare o disabilitare diskarbitrationd in maniera interattiva. Utilizzeremo quindi un procedimento analogo a quello impiegato in OS X 10.5 per disabilitare diskarbitrationd in modo permanente, varia solo la posizione del file da spostare: mauri$ sudo mv /etc/mach_init.d/diskarbitrationd.plist /Users/mauri/morgue/plist.files Riavviare il sistema. Come nella procedura relativa a Leopard, per ripristinare il tutto basterà riportare il file nella posizione iniziale: mauri$ sudo mv /Users/mauri/morgue/plist.files/diskarbitrationd.plist /etc/mach_init.d/ Attivare il logging di diskarbitrationd Quando si tratta di indagini delicate i log non sono mai abbastanza. Abilitare i log approfonditi di questo demone che si occupa di montare e smontare dischi e filesystem non può che rivelarsi utile e salutare. Avremo una traccia di quanto avviene sul sistema a livello di dischi e potremo allegare alla reportistica gli eventi legati ad un malaugurato mount accidentale. Per abilitare il logging è necessario modificare il file di configurazione com.apple.diskarbitrationd.plist come segue: ::::::::: ORIGINALE ::::::::::: <?xml version="1.0" encoding="utf- 8"?> <!DOCTYPE plist PUBLIC "- //Apple//DTD PLIST 1.0//EN" "http://www.apple.com/dtds/propertylist- 1.0.dtd"> <plist version="1.0"> <dict> <key>enabletransactions</key> <key>hopefullyexitslast</key> <key>keepalive</key> <key>label</key> <string>com.apple.diskarbitrationd</string> <key>machservices</key> <dict> <key>com.apple.diskarbitration.diskarbitrationd</key> </dict> <key>programarguments</key> <array> 5

6 <string>/usr/sbin/diskarbitrationd</string> </array> </dict> </plist> :::::::::: MODIFICATO ::::::::::: <?xml version="1.0" encoding="utf- 8"?> <!DOCTYPE plist PUBLIC "- //Apple//DTD PLIST 1.0//EN" "http://www.apple.com/dtds/propertylist- 1.0.dtd"> <plist version="1.0"> <dict> <key>enabletransactions</key> <key>hopefullyexitslast</key> <key>keepalive</key> <key>label</key> <string>com.apple.diskarbitrationd</string> <key>machservices</key> <dict> <key>com.apple.diskarbitration.diskarbitrationd</key> </dict> <key>programarguments</key> <array> <string>/usr/sbin/diskarbitrationd</string> <string>-d</string> </array> </dict> </plist> :::::::::::::::::::::::::::::::::::::: Si tratta quindi di aggiungere la stringa "-d" all'array "ProgramArguments", in modo da raccogliere i log relativi nel file /var/log/diskarbitrationd.log. Ecco un estratto d'esempio del suddetto file: 13:14:59 filesystems have been refreshed. 13:14:59 created filesystem, id = /System/Library/Filesystems/afpfs.fs/. 13:14:59 created filesystem, id = /System/Library/Filesystems/cd9660.fs/. 13:14:59 created filesystem, id = /System/Library/Filesystems/cddafs.fs/. 13:14:59 created filesystem, id = /System/Library/Filesystems/ftp.fs/. 13:14:59 created filesystem, id = /System/Library/Filesystems/hfs.fs/. 13:14:59 created filesystem, id = /System/Library/Filesystems/msdos.fs/. 13:14:59 created filesystem, id = /System/Library/Filesystems/nfs.fs/. 13:14:59 created filesystem, id = /System/Library/Filesystems/nofs.fs/. 13:14:59 created filesystem, id = /System/Library/Filesystems/ntfs- 3g.fs/. 13:14:59 created filesystem, id = /System/Library/Filesystems/ntfs.fs/. 13:14:59 created filesystem, id = /System/Library/Filesystems/smbfs.fs/. 13:14:59 created filesystem, id = /System/Library/Filesystems/udf.fs/. 13:14:59 created filesystem, id = /System/Library/Filesystems/ufs.fs/. 13:14:59 created filesystem, id = /System/Library/Filesystems/webdav.fs/. 13:14:59 13:14:59 iokit [0] - > diskarbitrationd [532] 13:14:59 created disk, id = /dev/disk0s2. 13:14:59 created disk, id = /dev/disk0s1. 13:14:59 created disk, id = /dev/disk0. 6

7 13:14:59 13:14:59 diskarbitrationd [532] - > diskarbitrationd [532] 13:14:59 probed disk, id = /dev/disk0s2, with hfs, ongoing. 13:14:59 probed disk, id = /dev/disk0s2, with hfs, success. 13:15:05 13:15:05 iokit [0] - > diskarbitrationd [532] 13:15:05 created disk, id = /dev/disk1. 13:15:05 created disk, id = /dev/disk1s1. 13:15:05 13:15:05 diskarbitrationd [532] - > diskarbitrationd [532] 13:15:05 probed disk, id = /dev/disk1s1, with msdos, ongoing. 13:15:05 probed disk, id = /dev/disk1s1, with msdos, success. 13:15:05 mounted disk, id = /dev/disk1s1, ongoing. Come si può notare le informazioni riportate sono molto utili se rilevate nell'ottica dell'analista forense. Verifica inibizione disco USB inserito Eseguiremo l'esperimento su una chiavetta USB da 512 MB. Per verificare che il device inserito sia duplicabile ma non modificabile, utilizzeremo i tools che sono compresi in una distribuzione base di OS X 10.5 : dd e shasum. Osserviamo la situazione base dei dischi: owl:~ root# ls /dev/*disk* /dev/disk0 /dev/disk0s1 /dev/disk0s2 /dev/rdisk0 /dev/rdisk0s1 /dev/rdisk0s2 Colleghiamo quindi la chiavetta e verifichiamo la presenza di un nuovo device: owl:~ root# ls /dev/*disk* /dev/disk0 /dev/disk0s1 /dev/disk0s2 /dev/disk1 /dev/disk1s1 /dev/rdisk0 /dev/rdisk0s1 /dev/rdisk0s2 /dev/rdisk1 /dev/rdisk1s1 Una controllata alla tipologia del device inserito: owl:dev mauri$ hdiutil partition /dev/rdisk1 scheme: fdisk block size: 512 _ ## Type Name Start Size + MBR Master Boot Record Apple_Free DOS_FAT_ Apple_Free synthesized Calcoliamo l'hash del device: owl:dev mauri$ sudo - i owl:~ root# shasum /dev/rdisk1 d3a924c67bc0002c35e95bb2c261fae0bf802d4a /dev/rdisk1 7

8 Duplichiamo infine la chiavetta USB: owl:~ root# dd if=/dev/rdisk1 conv=sync,noerror of=/users/mauri/morgue/usbpen.dd records in records out bytes transferred in secs ( bytes/sec) Calcoliamo l'hash dell'immagine per controllare che corrisponda a quella del device: owl:~ root# shasum /Users/mauri/morgue/usbpen.dd d3a924c67bc0002c35e95bb2c261fae0bf802d4a /Users/mauri/morgue/usbpen.dd Ora scolleghiamo e ri- colleghiamo la chiavetta un paio di volte, non si sa mai. Calcoliamo nuovamente l'hash: owl:~ root# shasum /dev/rdisk1 d3a924c67bc0002c35e95bb2c261fae0bf802d4a /dev/rdisk1 A questo punto possiamo affermare che la USB pen non è stata modificata in alcun modo e possiamo divertirci a duplicare il file dd per effettuare le dovute indagini, invasive o meno. Per concludere, la raccomandazione di rito prima di accingersi a duplicare un device connettendolo ad un mac è quella di aver compreso a fondo il sistema e, possibilmente, aver eseguito un paio di test con dispositivi differenti. Un write- blocker eviterà poi sollecitazioni supplementari alle coronarie già abbastanza shakerate di un analista forense. Cybercrimes.it Documento soggetto a licenza Creative Commons 3. 8

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso base GNU/Linux 2014 Latina Linux Group Sito web: www.llg.it Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso Base 2014 Lezione 3 15/04/2014 1 / 21 Obiettivi di questo incontro Conoscere cosa

Dettagli

Raspberry Pi - Labolatorio Informatica

Raspberry Pi - Labolatorio Informatica Raspberry Pi - Labolatorio Informatica Indice 1 Prerequisiti 2 2 Installazione di Raspbian su scheda SD 2 2.1 Installazione con Linux...................................... 2 2.2 Installazione con Windows....................................

Dettagli

Installare e Configurare un NAS virtuale

Installare e Configurare un NAS virtuale Installare e Configurare un NAS virtuale Laboratorio di Amministrazione di Sistemi T Massimiliano Mattetti - Marco Prandini Percorso In questa esercitazione simuleremo la configurazione di un NAS affidabile

Dettagli

Add workstations to domain. Adjust memory quotas for a process. Bypass traverse checking. Change the system time. Create a token object

Add workstations to domain. Adjust memory quotas for a process. Bypass traverse checking. Change the system time. Create a token object SeTcb Act as part of the operating system Consente ad un processo di assumere l identità di un qualsiasi utente ottenere così l accesso alle risorse per cui è autorizzato tale utente SeMachineAccount SeIncreaseQuota

Dettagli

SHELL GNU/Linux Bash. Conoscere e configurare il proprio ambiente bash. Kernel speaks: dmesg

SHELL GNU/Linux Bash. Conoscere e configurare il proprio ambiente bash. Kernel speaks: dmesg SHELL GNU/Linux Bash Obiettivi : Gestire i permessi sui file Conoscere e configurare il proprio ambiente bash Editare testi Capire ed utilizzare i redirezionamenti Kernel speaks: dmesg Init e Runlevels

Dettagli

I.S. Sobrero. Dipartimento di Informatica. Utilizzo. install.linux@home. 16/02/2007 install.linux@home Marco Marchisotti

I.S. Sobrero. Dipartimento di Informatica. Utilizzo. install.linux@home. 16/02/2007 install.linux@home Marco Marchisotti I.S. Sobrero Dipartimento di Informatica Utilizzo install.linux@home 1 La shell La shell di Linux è a linea di comando. Appare obsoleta e difficile da usare, ma in realtà è molto più potente e versatile

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Terza lezione: Directory e File system di Linux

Terza lezione: Directory e File system di Linux Terza lezione: Directory e File system di Linux DIRECTORY E FILE SYSTEM Il file system di Linux e Unix è organizzato in una struttura ad albero gerarchica. Il livello più alto del file system è / o directory

Dettagli

Network File System (NFS)

Network File System (NFS) Quarta Esercitazione Network File System (NFS) Sommario Network File System (NFS) Architettura Lato server invocazione server file /etc/exports vincoli sulle condivisioni Lato client opzioni di montaggio

Dettagli

SAMBA COS È? Samba è un software che fornisce servizi di condivisione utilizzando il protocollo SMB (Server Message Block). A differenza di altri programmi, Samba è gratuito e Open Source, e permette l

Dettagli

Guida all utilità SiS RAID per Windows XP / 2000

Guida all utilità SiS RAID per Windows XP / 2000 Guida all utilità SiS RAID per Windows XP / 2000 1. Generale 1. Dopo avere istallato l utilità SiS RAID andare al menu Start e scegliere Programmi. Dal menu Programmi scegliere l utilità SiS RAID e fare

Dettagli

jt - joetex - percorsi didattici

jt - joetex - percorsi didattici jt - joetex - percorsi didattici Primi passi con linux Avvio della macchina Spegnere (o riavviare) il Computer Installare su HD il programma Linux EduKnoppix a. Avvio della macchina Una volta spento il

Dettagli

Controllo di processi

Controllo di processi Controllo di processi Ogni processo del sistema ha un PID (Process Identity Number). Ogni processo può generare nuovi processi (figli). La radice della gerarchia di processi è il processo init con PID=1.

Dettagli

Lezione T11 Virtual File System

Lezione T11 Virtual File System Lezione T11 Virtual File System Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

Il software del PC. Il BIOS

Il software del PC. Il BIOS Il software del PC La parola software è un neologismo che è stato coniato in contrapposizione all hardware (ferraglia). L hardware si può prendere a calci, contro il software si può solo imprecare. Il

Dettagli

Shell di Linux e Comandi Utente

Shell di Linux e Comandi Utente Shell di Linux e Comandi Utente Sistemi Operativi Roberto Aringhieri DTI Crema - Università degli Studi di Milano Sistemi Operativi - Shell di Linux e Comandi Utente Roberto Aringhieri p.1/23 Outline Accesso

Dettagli

INDICE Introduzione: tipologie di backup 1.Accesso al software 2.Selezione files e cartelle 3.Specificare unità di memoria 4.

INDICE Introduzione: tipologie di backup 1.Accesso al software 2.Selezione files e cartelle 3.Specificare unità di memoria 4. INDICE Introduzione: tipologie di backup 1.Accesso al software 2.Selezione files e cartelle 3.Specificare unità di memoria 4.Gestire le opzioni 5.Avvio del backup 6.Pianificazione del backup 7.Ripristino

Dettagli

Processo di boot Linux su un PC x86 : il Bootstrap. http://www.imolug.org/wiki/index.php/bootstrap

Processo di boot Linux su un PC x86 : il Bootstrap. http://www.imolug.org/wiki/index.php/bootstrap Processo di boot Linux su un PC x86 : il Bootstrap http://www.imolug.org/wiki/index.php/bootstrap Bootstrap Durante il processo di avvio i normali strumenti del sistema operativo non sono disponibili,

Dettagli

Per montare una directory condivisa NFS da un altro computer, digitate il comando mount:

Per montare una directory condivisa NFS da un altro computer, digitate il comando mount: Capitolo 16. NFS (Network File System) L'NFS permette di condividere file tra computer in rete come se fossero sul disco fisso locale del client. Red Hat Linux può essere sia un server che un client NFS,

Dettagli

Il laboratorio virtuale VLAB

Il laboratorio virtuale VLAB Il laboratorio virtuale VLAB Vlab è un sistema che permette di creare delle macchine virtuali connesse tra loro mediante hub virtuali. Poiché le macchine virtuali non sono altro che dei pc Linux virtuali

Dettagli

Organizzazione di Sistemi Operativi e Reti

Organizzazione di Sistemi Operativi e Reti Organizzazione di Sistemi Operativi e Reti Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Sara Lioba Volpi (sara.volpi@iet.unipi.it) Quarta esercitazione Sommario Virtual file system (VFS) concetto

Dettagli

Manuale utente Borri Power Guardian

Manuale utente Borri Power Guardian Software di monitoraggio UPS Manuale utente Borri Power Guardian Per Linux kernel 2.6 e qualsiasi versione successiva Rev. A 15.01.15 www.borri.it OML59002 Page 5 Software di monitoraggio UPS Manuale

Dettagli

Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio

Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio Attività svolta dal dr. Alessi e dal dr. Farolfi Dipartimento di Matematica Università degli Studi di Milano Knoppix è una distribuzione

Dettagli

SELinux. di Maurizio Pagani

SELinux. di Maurizio Pagani SELinux di Maurizio Pagani 1. Introduzione Il SELinux (Security-Enhanced Linux) è un prodotto di sicurezza creato dalla NSA (National Security Agency) che gira direttamente nel kernel, implementando così

Dettagli

Tecnologie Open Source per Giuristi

Tecnologie Open Source per Giuristi Tecnologie Open Source per Giuristi GIOVEDI 20 APRILE 13.30 16.30 GIOVEDI 27 APRILE 13.30 16.30 Università degli studi di Bologna, facoltà di Giurisprudenza Laboratorio CIRSFID II piano, Palazzo Malvezzi

Dettagli

Reti Informatiche. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. Ing. Domenico De Guglielmo. 2008 Vanessa Gardellin & Sara Lioba Volpi

Reti Informatiche. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. Ing. Domenico De Guglielmo. 2008 Vanessa Gardellin & Sara Lioba Volpi Reti Informatiche Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Ing. Domenico De Guglielmo 2008 Vanessa Gardellin & Sara Lioba Volpi Informazioni Generali (1/2) Ricevimento su appuntamento (tramite

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE AUDITGARD Serratura elettronica a combinazione LGA ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE Le serrature AuditGard vengono consegnate da LA GARD con impostazioni predefinite (impostazioni di fabbrica); pertanto non

Dettagli

Il File System di Linux

Il File System di Linux Il File System di Linux La struttura ad albero / Cartella radice, detta ROOT DIRECTORY, di cui sono figlie tutte le altre Ci si muove nel file system con percorsi relativi o percorsi assoluti In un albero,

Dettagli

Installazione di Ubuntu 10.04. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it

Installazione di Ubuntu 10.04. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Installazione di Ubuntu 10.04 Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Operazioni preliminari Backup di tutti i dati dalla partizione Windows Deframmentazione di tutte le partizioni Windows (n volte...) Abilitare

Dettagli

MySQL Controllare gli accessi alla base di dati A cura di Silvio Bonechi per http://www.pctrio.com

MySQL Controllare gli accessi alla base di dati A cura di Silvio Bonechi per http://www.pctrio.com MySQL Controllare gli accessi alla base di dati A cura di Silvio Bonechi per http://www.pctrio.com 15.03.2006 Ver. 1.0 Scarica la versione pdf ( MBytes) Nessuno si spaventi! Non voglio fare né un manuale

Dettagli

UBUNTU. Sopravvivere alla console. Comandi Base del Terminale

UBUNTU. Sopravvivere alla console. Comandi Base del Terminale UBUNTU Sopravvivere alla console Comandi Base del Terminale 1 Indice Premessa...pag. 3 Spostiamoci all'interno del Computer...pag. 5 Operare su Files e Directory...pag. 6 Cercare/Installare/Rimuovere Applicazioni...pag.

Dettagli

Elementi di Configurazione di un Router

Elementi di Configurazione di un Router Antonio Cianfrani Elementi di Configurazione di un Router Router IP: generalità Il router ha le stesse componenti base di un PC (CPU, memoria, system bus e interfacce input/output) Come tutti i computer

Dettagli

Struttura del sistema operativo GNU/Linux

Struttura del sistema operativo GNU/Linux Struttura del sistema operativo GNU/Linux http://www.glugto.org/ Cos'è un filesystem Cosa vuol dire FHS Composizione albero di directory Concetto di Mount Utente root Permessi su files e directory GNU/Linux

Dettagli

True CMS USER MANUAL

True CMS USER MANUAL DIGIVISION srl - Viale Piave 3-20129 MILANO Italy telefono ++39 02 7600 7932 - fax ++39 02 7601 6305 Ufficio vendite e-mail: vendite@digivision.it Supporto tecnico e-mail: lab@digivision.it True CMS USER

Dettagli

Corso GNU/Linux - Lezione 6. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it

Corso GNU/Linux - Lezione 6. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Corso GNU/Linux - Lezione 6 Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Riepilogo TCP/IP Ogni host nella rete deve avere un proprio indirizzo ip Due o piu computer nella stessa rete, per poter comunicare

Dettagli

Realizzazione di un cluster Condor su macchine virtuali

Realizzazione di un cluster Condor su macchine virtuali Realizzazione di un cluster Condor su macchine virtuali Davide Petturiti Sistemi Operativi Avanzati Prof. Osvaldo Gervasi A.A. 2007/2008 Corso di Laurea Specialistica in Informatica Facoltà di Scienze

Dettagli

[HOW-TO] Installazione e configurazione DBMS

[HOW-TO] Installazione e configurazione DBMS [HOW-TO] Installazione e configurazione DBMS Ai fini del corso sarà fondamentale possedere le capacità di installare e configurare correttamente almeno un DBMS sul proprio calcolatore. Vedremo in dettaglio

Dettagli

Università degli Studi di Messina Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea Triennale in Informatica (D.M. 270)

Università degli Studi di Messina Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea Triennale in Informatica (D.M. 270) Università degli Studi di Messina Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea Triennale in Informatica (D.M. 270) Sistemi Operativi + Laboratorio di Sistemi Programma del corso (anno accademico 2009

Dettagli

Installazione e configurazione di Java DB in Windows (7)

Installazione e configurazione di Java DB in Windows (7) Installazione e configurazione di Java DB in Windows (7) Fig. 1 - Collegarsi al sito http://developers.sun.com/javadb/ e cliccare sul pulsante Download Now Fig. 2 - La versione disponibile più recente

Dettagli

Interfaccia del file system

Interfaccia del file system Interfaccia del file system Concetto di file Modalità di accesso Struttura delle directory Montaggio di un file system Condivisione di file Protezione 9.1 File E un insieme di informazioni correlate e

Dettagli

Zeroshell su vmware ESXi 4.1

Zeroshell su vmware ESXi 4.1 Zeroshell su vmware ESXi 4.1 Introduzione Vediamo come installare Zeroshell su Vmware ESXi 4.1 usando come immagine quella per IDE,SATA e USB da 1GB. Cosa ci serve prima di iniziare: Una distro Live io

Dettagli

Linux. Linux. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 24

Linux. Linux. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 24 Linux Linux Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 24 Linux Outline 1 Linux 2 Interfaccia 3 File e directory 4 Comandi

Dettagli

Paragon NTFS per Mac OS X. Manuale Utente

Paragon NTFS per Mac OS X. Manuale Utente Paragon NTFS per Mac OS X 2 Introduzione... 3 Panoramica delle caratteristiche... 3 Caratteristiche chiave... 3 Media supportati... 3 Per iniziare... 4 Distribuzione... 4 Registrazione... 4 Registrazione

Dettagli

SQLSCHEDULER PER MS SQL SERVER EXPRESS

SQLSCHEDULER PER MS SQL SERVER EXPRESS KING Manuale Tecnico Documentazione ad uso esclusivo dell installatore della procedura SQLSCHEDULER PER MS SQL SERVER EXPRESS KING GESTIONALE - KING STUDIO - TURBODOC Aggiornato al 04/07/2011 DATALOG Soluzioni

Dettagli

fare hard link fra file system diversi e su directory.

fare hard link fra file system diversi e su directory. Un sistema GNU/Linux, come ogni Unix, ha una directory principale, chiamata root ed indicata con / sotto la quale si trovano TUTTE le altre directory e TUTTI gli altri filesystems eventualmente montati

Dettagli

Introduzione a XAMPP. Andrea Atzeni (shocked@polito.it) Marco Vallini (marco.vallini@polito.it) Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica

Introduzione a XAMPP. Andrea Atzeni (shocked@polito.it) Marco Vallini (marco.vallini@polito.it) Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Introduzione a XAMPP Andrea Atzeni (shocked@polito.it) Marco Vallini (marco.vallini@polito.it) Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Introduzione applicazione web richiede diversi componenti

Dettagli

GNU/Linux Concetti di base

GNU/Linux Concetti di base GNU/Linux Concetti di base Sommario GNU/Linux Open Source e GPL Login/Logout Shell e comandi Files Stdin, stdout Redirezione e pipe Filesystem 2 Cos'è Linux Linux è basato su UNIX (filosofia, comandi,

Dettagli

maildocpro Manuale Installazione

maildocpro Manuale Installazione maildocpro Manuale Installazione versione 3.4 maildocpro Manuale Installazione - Versione 3.4 1 Indice Indice... 2 Creazione database... 3 Database: MAILDOCPRO... 3 Database: SILOGONWEB... 5 Configurazione

Dettagli

Guida - Riparare Windows XP

Guida - Riparare Windows XP Guida - Riparare Windows XP Guida completa per riparare XP anche in casi..disperati. Prima di formattare il vs. disco è bene prendere visione di questa guida. Premesse Spesso Windows XP riesce "da solo"

Dettagli

SICR@WEB SICR@WEB - & POSTGRESQL. Il presente documento comprende la procedura di prima installazione di Postgres (e altre nozioni di base).

SICR@WEB SICR@WEB - & POSTGRESQL. Il presente documento comprende la procedura di prima installazione di Postgres (e altre nozioni di base). SICR@WEB SICR@WEB - & POSTGRESQL Il presente documento comprende la procedura di prima installazione di Postgres (e altre nozioni di base). SICR@WEB PRIMA INSTALLAZIONE Revisioni Data Modifiche Versione

Dettagli

Open Source e Computer Forensics Strumenti open source per indagini ad alto livello ma anche per il recupero dei dati perduti

Open Source e Computer Forensics Strumenti open source per indagini ad alto livello ma anche per il recupero dei dati perduti Open Source e Computer Forensics Strumenti open source per indagini ad alto livello ma anche per il recupero dei dati perduti Paolo Giardini Direttore OPSI Osservatorio Privacy e Sicurezza Informatica

Dettagli

DWL-122 Adattatore USB Wireless a 2.4GHz

DWL-122 Adattatore USB Wireless a 2.4GHz Il presente prodotto funziona con I seguenti sistemi operativi: Windows XP, Windows 2000, Windows Me, Windows 98SE, Macintosh OS X (10.2.x o superiore) Prima di cominiciare Il Computer Windows deve avere

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI Il sistema operativo è il software che permette l esecuzione di programmi applicativi e lo sviluppo di nuovi programmi. CARATTERISTICHE Gestisce le risorse hardware e

Dettagli

Laboratorio di Programmazione

Laboratorio di Programmazione Laboratorio di Programmazione Federico Spizzo Dipartimento di Fisica / Edificio C Stanza 006 Tel: 0532 974231 E-mail: federico.spizzo@unife.it Gianluigi Cibinetto Dipartimento di Fisica / Edificio C Stanza

Dettagli

Capitolo 2 -- Silberschatz

Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura dei Sistemi Operativi Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura di un sistema operativo Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Chiamate di sistema Tipi di chiamate Programma di sistema

Dettagli

Creazione e installazione di un NAS utilizzando FreeNAS

Creazione e installazione di un NAS utilizzando FreeNAS Creazione e installazione di un NAS utilizzando FreeNAS Introduzione Un NAS (Network Attached Storage) è un dispositivo di rete avente la funzione di condividere tra gli utenti della rete uno o più dischi

Dettagli

TRUECRYPT PORTATILE CREAZIONE VOLUME CRIPTATO

TRUECRYPT PORTATILE CREAZIONE VOLUME CRIPTATO TRUECRYPT PORTATILE CREAZIONE VOLUME CRIPTATO Inserire la chiavetta USB che si desidera criptare nel computer, aprire TrueCrypt e selezionare il pulsante Crea un volume... Nota importate: per prevenire

Dettagli

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf Il sistema IBM DB2 Sistemi Informativi T Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf IBM DB2 Il DBMS relazionale IBM DB2 è il prodotto di punta dell IBM per la gestione di basi di dati relazionali

Dettagli

Quaderni per l'uso di computer

Quaderni per l'uso di computer Quaderni per l'uso di computer con sistemi operativi Linux Ubuntu 0- a cura di Marco Marchetta Aprile 2014 1 HARDWARE MASTERIZZATORE CONNESSIONE INTERNET CD - DVD Chiavetta USB o Router ADSL (*) COMPONENTI

Dettagli

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico Impossibile visualizzare l'immagine. Struttura di un sistema operativo Struttura dei Sistemi Operativi Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Capitolo 2 -- Silberschatz Chiamate di sistema

Dettagli

Creazione di un print server con Samba

Creazione di un print server con Samba Capitolo 3 Creazione di un print server con Samba Un print server è un elemento preposto ad accogliere le richieste di stampa inoltrate dai client presenti in rete e di indirizzarle a una o più stampanti

Dettagli

Se state utilizzando la shell bash, ovvero la shell di riferimento per questo manuale, il terminale visualizzerà il seguente output:

Se state utilizzando la shell bash, ovvero la shell di riferimento per questo manuale, il terminale visualizzerà il seguente output: CAPITOLO 5 LA SHELL BASH Pietro Buffa Con questo capitolo comincia il nostro viaggio nel mondo delle Command Line Interface (CLI), ovvero le interfacce testuali a linea di comando tipiche dei sistemi UNIX

Dettagli

RAID Software : Proteggere i dati con l aiuto del kernel (2 di 5)

RAID Software : Proteggere i dati con l aiuto del kernel (2 di 5) RAID Software : Proteggere i dati con l aiuto del kernel (2 di 5) Nel precedente articolo sono state introdotte le diverse tipologie di RAID ed i concetti di parità per la gestione della ridondanza. Di

Dettagli

Appunti sull'installazione della PirateBox di Massimo Bernardi

Appunti sull'installazione della PirateBox di Massimo Bernardi Appunti sull'installazione della PirateBox di Massimo Bernardi Lissone, giugno 2013 Distribuito con licenza Creative Commons BY-SA Link Matthias' Piratebox Scripts David Darts http://piratebox.aod-rpg.de/

Dettagli

APPUNTI DI HACKINTOSH LIBERO

APPUNTI DI HACKINTOSH LIBERO APPUNTI DI HACKINTOSH LIBERO Sommario: - Visualizzare/nascondere il file nascosti; - Abilitare/disabilitare 3Ddock in Leopard; - Catturare schermate con combinazione tasti - Corrispondenza tastiera windows

Dettagli

Introduzione ai sistemi UNIX/Linux

Introduzione ai sistemi UNIX/Linux Introduzione ai sistemi UNIX/Linux Corso di laurea magistrale in Ingegneria Elettronica Ing. Simone Brienza E-mail: simone.brienza@for.unipi.it Pervasive Computing & Networking Lab () http://www.perlab.it

Dettagli

Gestione Windows Server 2008 R2. Orazio Battaglia

Gestione Windows Server 2008 R2. Orazio Battaglia Gestione Windows Server 2008 R2 Orazio Battaglia Event Viewer L Event Viewer è lo strumento per la gestione dei log in Windows Server. L Event Viewer: Permette di raccogliere i log del sistema Definire

Dettagli

USB LANPORT 400. Manuale

USB LANPORT 400. Manuale US LNPORT 400 Manuale Contenuti 1. Caratteristiche 2. Parti ed accessori 3. Descrizione del dispositivo 4. Operazioni preliminari 4.1 Installazione dell hardware 4.2 Installazione del software (Windows

Dettagli

www.aylook.com MANUALE UTENTE VMS (versione 1.0) pag. 1 di 25

www.aylook.com MANUALE UTENTE VMS (versione 1.0) pag. 1 di 25 MANUALE UTENTE VMS (versione 1.0) pag. 1 di 25 INDICE 1. PRESENTAZIONE SOFTWARE VMS... 3 2. PRIMO COLLEGAMENTO AL VMS... 3 3. LAYOUT DEL PROGRAMMA... 5 3.1 Tabs... 5 3.2 Toolbar... 6 3.3 Status bar...

Dettagli

Installare GNU/Linux

Installare GNU/Linux Installare GNU/Linux Installare GNU/Linux Linux non è più difficile da installare ed usare di qualunque altro sistema operativo Una buona percentuale di utenti medi si troverebbe in difficoltà ad installare

Dettagli

Struttura del File-System! Implementazione del File System! Filesystem!

Struttura del File-System! Implementazione del File System! Filesystem! Struttura del File-System Implementazione del File System Struttura dei File Unità logica di memorizzazione Collezione di informazioni correlate File control block (inode) struttura dati per le informazioni

Dettagli

Sistemi Operativi. Funzioni e strategie di progettazione: dai kernel monolitici alle macchine virtuali

Sistemi Operativi. Funzioni e strategie di progettazione: dai kernel monolitici alle macchine virtuali Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Funzioni e strategie di progettazione: dai kernel monolitici

Dettagli

Programma di Interfaccia S.M.A.R.T.

Programma di Interfaccia S.M.A.R.T. PRIME DIGITAL Manuale d Uso Programma di Interfaccia S.M.A.R.T. Dicembre 2-2013 IT Programma di Interfaccia S.M.A.R.T. MANUALE D USO Soggetto a cambiamenti senza preavviso 1 Manuale d Uso S.M.A.R.T. PRIME

Dettagli

Sistema Operativo di un Router (IOS Software)

Sistema Operativo di un Router (IOS Software) - Laboratorio di Servizi di Telecomunicazione Sistema Operativo di un Router (IOS Software) Slide tratte da Cisco Press CCNA Instructor s Manual ed elaborate dall Ing. Francesco Immè IOS Un router o uno

Dettagli

Lesson #6. Miscellaneous. Roberto De Virgilio

Lesson #6. Miscellaneous. Roberto De Virgilio Lesson #6 Miscellaneous Roberto De Virgilio Sistemi operativi - 2 Dicembre 2015 Canali di comunicazione e ridirezione I programmi dispongono di 3 canali di comunicazione standard (standard file descriptor):

Dettagli

Filesystem. Il file system è organizzato in blocchi logici contigui

Filesystem. Il file system è organizzato in blocchi logici contigui Filesystem Il file system è organizzato in blocchi logici contigui dimensione fissa di 1024, 2048 o 4096 byte indipendente dalla dimensione del blocco fisico (generalmente 512 byte) Un blocco speciale,

Dettagli

L hard disk. L amministrazione dei dischi puo essere riassunta nelle seguenti operazioni di base: La formattazione. Il partizionamento

L hard disk. L amministrazione dei dischi puo essere riassunta nelle seguenti operazioni di base: La formattazione. Il partizionamento L hard disk L amministrazione dei dischi puo essere riassunta nelle seguenti operazioni di base: La formattazione Il partizionamento La creazione del filesystem Il mount L hard disk Le superfici sono divise

Dettagli

Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output)

Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output) Parte 3 Modulo 3: Gestione delle Periferiche (Dispositivi di input/output) Gestione Input/Output UTENTE SW APPLICAZIONI Sistema Operativo SCSI Keyboard Mouse Interfaccia utente Gestione file system Gestione

Dettagli

Procedura di installazione Linux Red Hat

Procedura di installazione Linux Red Hat Servizio Calcolo e Reti Bollettino N. 2/02 28 Giugno 2002 Procedura di installazione Linux Red Hat (Servizio.Calcolo@pv.infn.it) Abstract Questa breve nota descrive la procedura consigliata per l installazione

Dettagli

Sistemi Operativi. Bruschi Monga Re. Sincronizzazione con monitor pthreads. Shell Shell programming Esercizi I/O Esercizi Tabella riassuntiva

Sistemi Operativi. Bruschi Monga Re. Sincronizzazione con monitor pthreads. Shell Shell programming Esercizi I/O Esercizi Tabella riassuntiva 1 Mattia Monga Dip. di Informatica Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it Lezione XV: Concorrenza e sincronizzazione a.a. 2013/14 1 cba 2008 14 M. Monga. Creative Commons Attribuzione

Dettagli

Utenti e File System

Utenti e File System Utenti e File System C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Gestione degli utenti Unix è un sistema multiutente ovvero più utenti possono lavorare su di una stessa macchina, anche contemporaneamente. Tutti gli utenti

Dettagli

Introduzione all uso del Software Cisco Packet Tracer

Introduzione all uso del Software Cisco Packet Tracer - Laboratorio di Servizi di Telecomunicazione Introduzione all uso del Software Cisco Packet Tracer Packet Tracer? Che cosa è Packet Tracer? Cisco Packet Tracer è un software didattico per l emulazione

Dettagli

Guida di utilizzo del Multiboot USB per ricevitori Spark7162 AMIKO Alien 2+ e compatibili

Guida di utilizzo del Multiboot USB per ricevitori Spark7162 AMIKO Alien 2+ e compatibili Guida di utilizzo del Multiboot USB per ricevitori Spark7162 AMIKO Alien 2+ e compatibili by Arci per dvbmedia.it Iniziamo questa guida illustrando la procedura di utilizzo con avvio in Multiboot USB,

Dettagli

Le fasi del sequestro

Le fasi del sequestro Le fasi del sequestro Dr. Stefano Fratepietro stefano@yourside.it Contenuti Individuazione il sequestro problematiche frequenti Acquisizione Tecnologie più diffuse Blocker hardware Strumenti software Algoritmi

Dettagli

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi Parte V & Reti Sistema operativo: insieme di programmi che gestiscono l hardware Hardware: CPU Memoria RAM Memoria di massa (Hard Disk) Dispositivi di I/O Il sistema operativo rende disponibile anche il

Dettagli

Printer Driver. Prima di procedere con l utilizzo del driver stampante, leggere il file Readme. Prima dell utilizzo del software 4-152-267-42(1)

Printer Driver. Prima di procedere con l utilizzo del driver stampante, leggere il file Readme. Prima dell utilizzo del software 4-152-267-42(1) 4-152-267-42(1) Printer Driver Guida per l installazione Questa guida descrive l installazione del driver stampante per Windows 7, Windows Vista, Windows XP e. Prima dell utilizzo del software Prima di

Dettagli

PROGRAMMI ACCESSORI A CORREDO CON EUREKA

PROGRAMMI ACCESSORI A CORREDO CON EUREKA PROGRAMMI ACCESSORI A CORREDO CON EUREKA Oltre al programma di gestione EUREKA contenuto nel CD di installazione, altri software complementari vengono installati quando si installa il programma EUREKA.

Dettagli

NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX

NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX Aggiornato al 11 gennaio 2006 Ermes ZANNONI (ermes@zannoni.to.it) (http://www.zannoni.to.it) Indice : 1. Introduzione 2. La Shell 2.1 Comandida Shell 2.1.1 File e directory

Dettagli

Dischetti di emergenza per sistemi Linux Creazione ed utilizzo di dischetti di emergenza

Dischetti di emergenza per sistemi Linux Creazione ed utilizzo di dischetti di emergenza Pagina 1 di 11 Dischetti di emergenza per sistemi Linux Creazione ed utilizzo di dischetti di emergenza Questo approfondimento vuole introdurre gli strumenti essenziali per il recupero di un sistema Linux

Dettagli

PRECORSO DI INFORMATICA. Laboratorio Prima Parte

PRECORSO DI INFORMATICA. Laboratorio Prima Parte PRECORSO DI INFORMATICA Laboratorio Prima Parte ARGOMENTI DI OGGI Avviare Linux KDE e gli altri D.E. Bash Gestione file system Redirezione input/output Gestione dei processi Man Info Configurazione del

Dettagli

VIRTUALIZZAZIONE LUG - CREMONA. Linux Day - 25 Ottobre 2008

VIRTUALIZZAZIONE LUG - CREMONA. Linux Day - 25 Ottobre 2008 VIRTUALIZZAZIONE LUG - CREMONA Linux Day - 25 Ottobre 2008 VIRTUALIZZAZIONE In informatica la virtualizzazione consiste nella creazione di una versione virtuale di una risorsa normalmente fornita fisicamente

Dettagli

Image&Partition Creator V3.3

Image&Partition Creator V3.3 Image&Partition Creator V3.3 Come creare un immagine di backup ed effettuare ripristino con il software Paragon Hard Disk Manager 2011 1s 2s 1. Cenni Generali 1.1 Uso del DVD SIMATIC IPC Image & Partition

Dettagli

Introduzione ai sistemi Windows 2000

Introduzione ai sistemi Windows 2000 Introduzione ai sistemi Windows 2000 dott. Stefano D. Fratepietro steve@stevelab.net C I R S F I D Università degli studi di Bologna stevelab.net Creative Commons license Stefano Fratepietro - www.stevelab.net

Dettagli

Suddividere un disco: le Partizioni

Suddividere un disco: le Partizioni phylum Suddividere un disco: le Partizioni 15 October 2008 Indice 1 Premessa 2 Introduzione 3 Motivi 4 Curiosità 5 Tipi 6 Limiti 7 Software Premessa 7.1 Acronis Disk Director Suite 7.2 FDisk 7.3 GPartED

Dettagli

NT OS Loader + Linux mini-howto

NT OS Loader + Linux mini-howto NT OS Loader + Linux mini-howto Bernd Reichert, v1.11, 2 settembre 1997 Questo documento descrive l uso del boot Loader di Windows NT per avviare Linux. La procedura è stata provata

Dettagli

Filesystem e permessi NTFS

Filesystem e permessi NTFS Filesystem e permessi NTFS Bernardo Palazzi AAA Authentication, Authorization (access control), Accounting AAA Working Group, IETF logging, auditing Authentication Access Control Access log Accounting

Dettagli

Il programma di installazione per l'applicazione SanDisk +Cloud si trova sull'unità flash SanDisk.

Il programma di installazione per l'applicazione SanDisk +Cloud si trova sull'unità flash SanDisk. Installazione Il programma di installazione per l'applicazione SanDisk +Cloud si trova sull'unità flash SanDisk. Assicurarsi che il computer sia collegato ad internet. Successivamente, collegare l'unità

Dettagli