Inquadramento XML. Il problema dell Information- Integration. Esempio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Inquadramento XML. Il problema dell Information- Integration. Esempio"

Transcript

1 Inquadramento XML Dati semistrutturati Extensible Markup Language Document Type Definitions Leggere paragrafi 4.6, 4.7 Garcia- Molina et al. 1. Information Integration: estrarre informazioni da database diversi come se fosse uno solo 2. Dati semistrutturati: un nuovo modello di dati progettato per gestire problemi di information integration. 3. XML: un linguaggio standard per descrivere schemi di dati semistrutturati e rappresentare i dati. 1 2 Il problema dell Information- Integration Esempio Dati di interesse esistono in diversi posti e potrebbero, in teoria, essere messi in correlazione Ma i diversi database differiscono in: 1. Modello (relazionale, object-oriented?). 2. Schema (normalizzato/non normalizzato?). 3. Terminologia: i consulenti sono impiegati? Pensionati? Contrattisti? 4. Convenzioni (metri o piedi?). 3 Ogni bar ha un database. Uno usa un DBMS relazionale; un altro tiene il menu in un documento Word. Uno memorizza i telefoni dei distributori, un altro no. Uno distingue le ales dalle altre birre un altro no. Uno conta le bottiglie di birra nel magazzino, un altro le casse. 4

2 Due approcci all integrazione Diagramma di un Warehouse 1. Warehousing : Fai una copia delle sorgenti di dati in un sito centrale e trasformali in un solo schema. Ricostruisci i dati giornalmente o settimanalmente, ma non cercare di mantenerli piu aggiornati di cosi. 2. Mediazione : crea una vista di tutte le sorgenti, come se fossero integrate 1. Rispondi a una query trasformandola nella terminologia delle sorgenti e interroga le sorgenti. 5 Warehouse Wrapper Wrapper Sorgente 1 Sorgente 2 6 Un Mediatore Query utente Risultato Mediatore Query Risultato RisultatoQuery Wrapper Wrapper Query Risultato Query Risultato Sorgente 1 Sorgente 2 7 Dati semistrutturati Scopo: rappresentare dati da sorgenti indipendenti in maniera piu flessibile rispetto ai modelli relazionale e a oggetti Simili agli oggetti, ma con il tipo di ciascun oggetto definito dall oggetto stesso, non da una classe Etichette per indicare il significato delle sottostrutture 8

3 Dati semistrutturati Un database di dati semistrutturati e una collezione di nodi Ogni nodo e interno o e una foglia Le foglie sono associate a dati di tipo elementare (stringhe, numeri) I nodi interni hanno uno a piu archi uscenti Ogni arco ha una etichetta che indica come il nodo sorgente sia correlato con il nodo destinazione Dati semistrutturati Un nodo interno, la radice, non ha archi entranti e rappresenta l intero database Ogni nodo deve essere raggiungibile dalla radice ma il grafo non e necessariamente un albero Flessibilita : nessuna restrizione su: Etichette sugli archi. Numero di successori con una data etichetta 9 10 Esempi di grafo radice XML bar beer beer XML = extensible Markup Language. name Joe s ServedAt addr Maple manuf manuf prize name A.B. Bud name M lob year 1995 award Oro L oggetto birra per Bud Mentre HTML usa i tag per la formattazione (ad es., corsivo ), XML usa i tag per la semantica (ad es., questo e un indirizzo ). Idea chiave: creare un insieme di tag per un dominio (ad es., genomica), e tradurre tutti i dati in documenti XML usando i tag L oggetto bar per il bar di Joe 11 12

4 XML ben-formato e valido XML ben formato consente di inventare i tag Simile alle label dei dati semistrutturati. XML valido comprende un DTD (Document Type Definition), che limita le etichette e fornisce una grammatica per il loro uso XML ben formato Si comincia il documento con una dichiarazione, circondata da <??>. Una dichiarazione normale e : <? XML VERSION = 1.0 STANDALONE = yes?> Standalone = nessun DTD Il documento contiene un tag radice che circonda dei tag innestati Tag I tag, come in HTML, appaiono normalmente in coppie, come <FOO> </FOO>. I tag possono essere innestati arbitrariamente Sono permessi anche tag che non richiedono tag di terminazione. In questo caso si usa la sintassi <FOO/> I tag XML sono case sensitive: <FOO> diverso da <foo> Regole per i nomi dei tag (elementi) I nomi possono contenere lettere, numeri e altri caratteri (tranne :) I nomi non possono cominciare con un numero o un carattere di punteggiatura I nomi non possono cominciare con xml (o XML, o Xml, ecc.) I nomi non possono contenere spazi Caratteri non asci come éòá sono ammessi nei nomi 15 16

5 Commenti La sintassi è simile a quella dell HTML <!-- This is a comment --> Esempio: XML ben formato <? XML VERSION = 1.0 STANDALONE = yes?> <BARS> <BAR><NAME>Joe s Bar</NAME> <BEER><NAME>Bud</NAME> <PRICE>2.50</PRICE></BEER> <BEER><NAME>Miller</NAME> <PRICE>3.00</PRICE></BEER> </BAR> <BAR> </BARS> XML e dati semistrutturati XML ben formato con tag innestati corrisponde a grafi di dati semistrutturati. Come i grafi di dati semistrutturati, anche XML consente grafi che non sono alberi Si usano attributi di tipo ID, IDREF e IDREFS che vedremo in seguito Esempio Il documento XML <BARS> e : BARS BAR BAR BAR NAME... BEER BEER Joe s Bar NAME PRICE NAME PRICE Bud 2.50 Miller

6 Terminologia BARS è l elementoradice I vari elementi BAR sono i figli di BAR BARS è il padre dei vari elementi BAR I vari elementi BAR sono fratelli Document Type Definitions Essenzialmente una grammatica context-free per descrivere i tag XML e il loro innestamento Ogni dominio di interesse (ad es., compoenenti elettronici, bar-birrebevitori) crea un DTD che descrive tutti i documenti che questo gruppo condivide XML Schema Una alternativa a DTD per descrivere la struttura di un file XML sono gli XML Schema Struttura di un DTD <!DOCTYPE <root tag> [ <!ELEMENT <name> ( <components> ) <more elements> ]> 23 24

7 Elementi di un DTD La descrizione di un elemento consiste di un nome (tag) e di una descrizione dei tag innestati tra parentesi Include l ordine dei subtag e la loro molteplicita. Le foglie (elementi di testo) hanno #PCDATA (Parsed Character DATA) al posto dei tag innestati. PCDATA significa che un parser analizzerà il testo per individuare eventuali tag 25 <!DOCTYPE BARS [ ]> Esempio: DTD <!ELEMENT BARS (BAR*)> <!ELEMENT BAR (NAME, BEER+)> <!ELEMENT NAME (#PCDATA)> <!ELEMENT BEER (NAME, PRICE)> <!ELEMENT PRICE (#PCDATA)> NAME e PRICE sono testo Un oggetto BARS ha zero o piu BAR innestati al su interno Un BAR ha un NAME e uno o piu sottooggetti BEER Una BEER ha NAME e PRICE. 26 Descrizione di elementi I subtag devono apparire nell ordine indicato Un tag puo essere seguito da un simbolo che indica la sua molteplicita * = zero o piu + = uno o piu.? = zero o uno. Il simbolo connette sequenze alternative di tags. 27 Esempio: Descrizione di un elemento Un nome e un titolo opzionale (ad es., Prof. ), un nome e un cognome, in questo ordine, o e un indirizzo IP: <!ELEMENT NAME ( )> (TITLE?, FIRST, LAST) IPADDR 28

8 Uso dei DTD 1. Impostare STANDALONE = no. 2. Una delle due: a) Includere il DTD come un preambolo del documento XML oppure b) Includere DOCTYPE e il tag radice e aggiungere SYSTEM e un percorso al file dove il DTD puo essere trovato. 29 Esempio (a) <? XML VERSION = 1.0 STANDALONE = no?> <!DOCTYPE BARS [ <!ELEMENT BARS (BAR*)> <!ELEMENT BAR (NAME, BEER+)> Il DTD <!ELEMENT NAME (#PCDATA)> <!ELEMENT BEER (NAME, PRICE)> <!ELEMENT PRICE (#PCDATA)> Il documento ]> <BARS> <BAR><NAME>Joe s Bar</NAME> <BEER><NAME>Bud</NAME> <PRICE>2.50</PRICE></BEER> <BEER><NAME>Miller</NAME> <PRICE>3.00</PRICE></BEER> </BAR> <BAR> </BARS> 30 Esempio (b) Si assume che il DTD BARS sia in un file bar.dtd. <? XML VERSION = 1.0 STANDALONE = no?> <!DOCTYPE BARS SYSTEM bar.dtd > <BARS> <BAR><NAME>Joe s Bar</NAME> <BEER><NAME>Bud</NAME> <PRICE>2.50</PRICE></BEER> <BEER><NAME>Miller</NAME> <PRICE>3.00</PRICE></BEER> </BAR> <BAR> </BARS> Ottieni il DTD dal file bar.dtd 31 Attributi I tag di apertura in XML possono avere attributi, come <A HREF = > in HTML. In un DTD, <!ATTLIST element-name attribute-name attribute-type default-value> definisce un attributo e il suo tipo per questo elemento 32

9 Esempio: Attributi I bar possono avere un attributo kind, che e sushi, sports, oppure other. <!ELEMENT BAR (NAME BEER*)> <!ATTLIST BAR kind ( sushi sports other )> Tipi di attributi Alcuni tipi di attributi (val1 val2 ): l attributo può assumere solo i valori val1, val2, CDATA: sequenza qualunque di caratteri (differisce da PCDATA perchè un parser non analizza il testo al fine di indentificare tag) NMTOKEN: sequenza di lettere, cifre e i segni punto (.), trattino (-), sottolineatura (_) e due punti (:) NMTOKENS: come NMTOKEN con in più spazi, tab, a capo ID, IDREF, IDREFS: li vedremo più avanti Valore di default Il valore di default può essere valore: un valore specifico #REQUIRED: un valore per l attributo deve sempre essere specificato #IMPLIED: l attributo può non essere specificato #FIXED valore: il valore dell attributo è fissato a valore Esempio: Uso degli attributi In un documento che consente il tag kind, possiamo vedere: <BAR kind = sushi > <NAME>Akasaka</NAME> <BEER><NAME>Sapporo</NAME>... </BAR> <PRICE>5.00</PRICE></BEER> 35 36

10 Esempio: valore di default DTD: <!ATTLIST payment type (check cash) "cash"> Valid XML: <payment type="check" /> Valid XML: <payment type="cash" /> Esempio: valore di default DTD: <!ELEMENT square EMPTY> <!ATTLIST square width CDATA "0"> Valid XML: <square width="100" /> DTD: Esempio: #IMPLIED <!ATTLIST contact fax CDATA #IMPLIED> Valid XML: <contact fax=" " /> Valid XML: <contact /> DTD: Esempio: #REQUIRED <!ATTLIST person number CDATA #REQUIRED> Valid XML: <person number="5677" /> Invalid XML: <person /> 39 40

11 DTD: ESEMPIO: #FIXED <!ATTLIST sender company CDATA #FIXED "Microsoft"> Valid XML: <sender company="microsoft" /> Invalid XML: <sender company= IBM" /> Attributi I valori che si specificano per gli attributi devono essere racchiusi tra apici singoli o doppi Se il valore dell attributo contiene apici doppi bisogna usare gli apici singoli <gangster name='george "Shotgun" Ziegler'> E viceversa Attributi Dati possono essere memorizzati in elementi o in attributi Ad esempio <person sex="female"> <firstname>anna</firstname> <lastname>smith</lastname> </person> Esempio <person> <sex>female</sex> <firstname>anna</firstname> <lastname>smith</lastname> </person> 43 44

12 Attributi Gli attributi dovrebbero essere utilizzati per memorizzare metadati, mentre i dati dovrebbero essere memorizzati negli elementi Problemi di utilizzare gli attributi: Gli attributi non possono contenere struttura (gli elementi possono) Gli attributi non sono facilmente estendibili (per cambiamenti futuri) Gli attributi sono più difficilmente manipolabili dai programmi ID e IDREF Sono puntatori da un oggetto ad un altro, in analogia agli attributi NAME = foo e HREF = #foo dell HTML. Consentono di far si che la struttura di un documento XML sia un grafo generale, piuttosto che solamente un albero Creare ID Dare ad un elemento E un attributo A di tipo ID. Quando si usa il tag <E> in un documento XML, dare all attributo A un valore unico. Esempio: <E A = xyz > ID: valori ammessi Il valore di un attributo ID può contenere solo i caratteri ammessi in NMTOKEN e deve cominciare con una lettera Nessun element può avere più di un attributo di tipo ID Il valore di un attributo ID deve essere unico rispetto al valore dell attributo ID di ogni altro elemento 47 48

13 Creare IDREF Esempio: ID e IDREF Per consentire a oggetti di tipo F di riferire un altro oggetto con un attributo ID, si da a F un attributo di tipo IDREF. Oppure, se si assegna all attributo il tipo IDREFS, si fa si che F faccia riferimento a un insieme di oggetti In questo modo si ottengono grafi che non sono alberi 49 Ridisegnamo il BARS DTD per includere sottoelementi sia BAR che BEER. Entrambi bars e beers hanno un attributo di tipo ID chiamato name. I Bars hanno dei sottooggeti PRICE, che consistono di un numero (il prezzo della birra) e un IDREF thebeer che punta a quella birra. Le birre hanno l attributo soldby, che e un IDREFS che punta ai bar che le vendono. 50 Il DTD <!DOCTYPE Bars [ <!ELEMENT BARS (BAR*, BEER*)> <!ELEMENT BAR (PRICE+)> <!ATTLIST BAR name = ID> <!ELEMENT PRICE (#PCDATA)> <!ATTLIST PRICE thebeer = IDREF> <!ELEMENT BEER ()> ]> Gli oggetti bar hanno Name come attributo ID e hanno uno o piu sottooggetti PRICE Gli oggetti PRICE hanno un numero (il prezzo) e un riferimento a una birra <!ATTLIST BEER name = ID, soldby = IDREFS> Gli oggetti BEER hanno un attributo ID chiamato name e un attributo soldby che e un insieme di 51 riferimenti ai bar Documento di esempio <BARS> <BAR name = JoesBar > <PRICE thebeer = Bud >2.50</PRICE> <PRICE thebeer = Miller >3.00</PRICE> </BAR> <BEER name = Bud, soldby = JoesBar, SuesBar, > </BEER> </BARS> 52

14 Elementi vuoti Elementi vuoti possono avere solo attributi <!ELEMENT element-name EMPTY> Entità Le entità sono variabili usate per riferirsi a stringhe Un riferimento ad una entità di nome ent è &ent; Le entità possono essere interne o esterne Sintassi delle entità interne: <!ENTITY entity-name "entity-value"> Esempio di DTD: <!ENTITY name "Donald"> <!ENTITY surname Duck"> XML: <author>&name;&surname;</author> Entità esterne Entità predefinite in XML Sintassi: <!ENTITY entity-name SYSTEM "URI/URL"> Esempio di DTD: <!ENTITY name SYSTEM "http://en.wikipedia.org/donald"> <!ENTITY surname SYSTEM "http://en.wikipedia.org/duck"> XML: <author>&name;&surname;</author> 55 Riferimento a entità < > & " &apos; Carattere < > & 56

15 XML Namespaces Possono esserci dei conflitti sui nomi Lo stesso nome può essere usato per indicare cose diverse Esempio <table> <tr> <td>apples</td> <td>bananas</td> </tr> </table> <table> <name>african Coffee Table</name> <width>80</width> <length>120</length> </table> Esempio Se uniamo i due documenti xml abbiamo un conflitto Soluzione: usare prefissi e namespaces Esempio <h:table xmlns:h="http://www.w3.org/tr/html4/"> <h:tr> <h:td>apples</h:td> <h:td>bananas</h:td> </h:tr> </h:table> <f:table xmlns:f="http://www.w3schools.com/furniture"> <f:name>african Coffee Table</f:name> <f:width>80</f:width> <f:length>120</f:length> </f:table> 59 60

16 Namespaces Con xmlns specifichiamo che i prefissi utilizzati fanno riferimento a spazi di nomi diversi Sintassi dell attributo xmlns xmlns:namespace-prefix="namespaceuri" Quando si specifica xmlns in un tag, tutti i discendenti con lo stesso prefisso sono associati allo stesso namespace xmlns Si noti che l indirizzo usato per identificare il namespace non è usato dal parser per accedere a informazione Server solo a dare al namespace un nome unico Però molto spesso si usa l URI del namespace per indicare una pagina web reale che contiene informazioni sul namespace Ad es, si veda URI (Uniform Resource Identifier) Un URI è una stringa di caratteri che identifica una risorsa internet Il tipo più comuni di URI è l Uniform ResourceLocator (URL) che identifica una risorsa indicando anche il modo con cui accedervi Un altro tipo di URI è l UniversalResource Name (URN) che identifica solo una risorsa senza specificare come accedervi 63 Namespace di default Si può specificare un namespace di default: tutti i tag senza prefisso appartengono a quel namespace Sintassi xmlns="namespaceuri" 64

17 Esempio <table xmlns="http://www.w3.org/tr/html4/"> <tr> <td>apples</td> <td>bananas</td> </tr> </table> Namespace I namespace sono molto utili per XML Schema 65 66

Infrastrutture INFormatiche Ospedaliere 2 Corso di laurea di Ingegneria Medica. Indice

Infrastrutture INFormatiche Ospedaliere 2 Corso di laurea di Ingegneria Medica. Indice Indice 4. XML Extensible Markup Language...2 4.1 Usi di XML...3 4.2 Caratteristiche di XML...3 4.3 Elementi...5 4.4 Attributi...5 4.4.1 Documento XML ben formato...6 4.5 Informazioni di controllo...6 4.5.1

Dettagli

La struttura: DTD. Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino. laura.farinetti@polito.it

La struttura: DTD. Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino. laura.farinetti@polito.it La struttura: DTD Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino laura.farinetti@polito.it L. Farinetti - Politecnico di Torino 1 Modello di struttura I tag annidati danno origine

Dettagli

extensible Markup Language

extensible Markup Language XML a.s. 2010-2011 extensible Markup Language XML è un meta-linguaggio per definire la struttura di documenti e dati non è un linguaggio di programmazione un documento XML è un file di testo che contiene

Dettagli

Linguaggi per il web oltre HTML: XML

Linguaggi per il web oltre HTML: XML Linguaggi per il web oltre HTML: XML Luca Console Con XML si arriva alla separazione completa tra il contenuto e gli aspetti concernenti la presentazione (visualizzazione). XML è in realtà un meta-formalismo

Dettagli

Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2004-05. Il web è costituito da:

Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2004-05. Il web è costituito da: XML Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2004-05 Motivazioni Il web è costituito da: Un insieme di protocolli per lo scambio di informazioni e documenti (HTTP/TCP/IP ) Un insieme enorme di calcolatori

Dettagli

ma l XML va ben al di là dell HTML: serve per descrivere

ma l XML va ben al di là dell HTML: serve per descrivere Il metalinguaggio XML 1 Introduzione all'xml Il futuro dei linguaggi di markup: XML = EXtensible Markup Language è una versione semplificata dell SGML Nasce con l'intento di superare alcune limitazioni

Dettagli

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione HTML e Linguaggi Politecnico di Facoltà del Design Bovisa Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://home.dei.polimi.it/cugola Indice Il linguaggio del

Dettagli

XML: sintassi. Prof. Carlo Blundo Tecnologie di Sviluppo per il Web 1

XML: sintassi. Prof. Carlo Blundo Tecnologie di Sviluppo per il Web 1 XML: sintassi Prof. Carlo Blundo Tecnologie di Sviluppo per il Web 1 Cosa è XML 1 XML (Extensible Markup Language ) è un linguaggio di markup È stato progettato per lo scambio e la interusabilità di documenti

Dettagli

Prefazione. Piersalvo Ortu 1

Prefazione. Piersalvo Ortu 1 Prefazione Questa tesi ha come obiettivo principale descrivere in che modo i documenti XML possano essere utilizzati per essere visualizzati su diversi apparati, dai browser Web ai dispositivi cellulari,

Dettagli

XML INVITO ALLO STUDIO EUROPEAN NETWORK OF INNOVATIVE SCHOOLS

XML INVITO ALLO STUDIO EUROPEAN NETWORK OF INNOVATIVE SCHOOLS XML INVITO ALLO STUDIO EUROPEAN NETWORK OF INNOVATIVE SCHOOLS Road Map Cos è XML La Struttura dell XML DTD XML Schema CSS e XML XSL,XSLT XLink Applicazioni XML (DOM, SAX) Oggi Mercoledì 12 Ottobre Mercoledì

Dettagli

DATI SEMISTRUTTURATI / XML. Dati strutturati / non strutturati

DATI SEMISTRUTTURATI / XML. Dati strutturati / non strutturati DATI SEMISTRUTTURATI / XML Riferimenti S.Abiteboul, P.Buneman, D.Suciu - Data on the WEB, Morgan Kaufmann, San Francisco, California, 2000. A.B.Chaudri, A.Rashid, R.Zicari XML Data Management, Addison

Dettagli

Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate

Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate Università della Calabria, Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Progettazione di Sistemi Informativi Docente: Alfredo Cuzzocrea Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate

Dettagli

XML (extensible Markup Language)

XML (extensible Markup Language) XML (extensible Markup Language) Claudio Gennaro ISTI - CNR Introduzione XML 2 Cos è XML? L acronimo significa extensible Markup Language, vale a dire linguaggio di marcatura estendibile. Serve per descrivere

Dettagli

XML e standard connessi. XML, XML-Names, XSL, XPointer, XLink

XML e standard connessi. XML, XML-Names, XSL, XPointer, XLink XML e standard connessi XML, XML-Names, XSL, XPointer, XLink 1 Sommario Introduzione XML 1.0 XML-Names XSL XPointer e XLink 2 XML XML (Extensible Markup Language [sic!]) è un meta-linguaggio di markup,

Dettagli

Capitolo 3. XML: extensible Markup Language. Introduzione Logical Structures Document Type Definition Namespace XML - Schema

Capitolo 3. XML: extensible Markup Language. Introduzione Logical Structures Document Type Definition Namespace XML - Schema Capitolo 3 XML: extensible Markup Language Introduzione Logical Structures Document Type Definition Namespace XML - Schema XML: extensible Markup Language Introduzione HTML: HyperText Markup Language HTML

Dettagli

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 XML - I XML (exstensible Markup Language): XML è un formato standard,

Dettagli

Tecniche Multimediali

Tecniche Multimediali Chiedersi se un computer possa pensare non è più interessante del chiedersi se un sottomarino possa nuotare Edsger Dijkstra (The threats to computing science) Tecniche Multimediali Corso di Laurea in «Informatica»

Dettagli

Formati di interscambio

Formati di interscambio Università degli Studi di Brescia Elementi di informatica e Programmazione Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale EXCEL Docente: Marco Sechi E-mail: marco.sechi@unibs.it Vers. 11/10/2015 Formati

Dettagli

6. XML E RAPPRESENTAZIONE DEL FORMATO DI RISPOSTA

6. XML E RAPPRESENTAZIONE DEL FORMATO DI RISPOSTA 6. XML E RAPPRESENTAZIONE DEL FORMATO DI RISPOSTA Il permesso di fare copie digitali o fisiche di tutto o parte di questo lavoro per uso di ricerca o didattico è acconsentito senza corrispettivo in danaro,

Dettagli

Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali

Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo" Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali 06.01- Introduction to mark-up. 06.02- classification 06.03- SGML 06.04- XML Hypertext Maurizio Maffi ISTI Informa1on Science

Dettagli

TECN.PROG.SIST.INF. XML. Roberta Gerboni

TECN.PROG.SIST.INF. XML. Roberta Gerboni Roberta Gerboni Introduzione Lo sviluppo tecnologico relativo alle reti il crescente sviluppo della distribuzione di hardware per la comunicazione hanno reso necessaria Semantic Web significa un Web comprensibile

Dettagli

Linguaggi per la descrizione dei documenti

Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML (Standard General Markup Language) Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML,HTML,XML Molteplicità di documenti di tipo diverso (es. web): articoli, cataloghi, rubriche, tabelle di dati etc..

Dettagli

Il linguaggio XML. Capitolo 3. 3.1 Introduzione al linguaggio XML

Il linguaggio XML. Capitolo 3. 3.1 Introduzione al linguaggio XML Capitolo 3 Il linguaggio XML 3.1 Introduzione al linguaggio XML Il linguaggio XML (extensible Markup Language) è stato sviluppato nel 1996 da XML Working Group, gruppo di lavoro organizzato dal World Wide

Dettagli

Risoluzione efficiente di interrogazioni XPath su documenti XML con attributi e riferimenti

Risoluzione efficiente di interrogazioni XPath su documenti XML con attributi e riferimenti Università degli Studi G.D Annunzio Chieti - Pescara FACOLTÀ DI ECONOMIA Corso di Laurea in Economia Informatica Risoluzione efficiente di interrogazioni XPath su documenti XML con attributi e riferimenti

Dettagli

XML: una introduzione

XML: una introduzione XML: una introduzione XML è un linguaggio semantico che permette di annotare il testo attraverso l uso di elementi di marcatura comunemente chiamati tag. Lo sviluppo di XML è stato largamendation 2 del

Dettagli

Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML,HTML,XML

Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML,HTML,XML Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML,HTML,XML SGML (Standard General Markup Language) Molteplicità di documenti di tipo diverso (es. web): articoli, cataloghi, rubriche, tabelle di dati etc..

Dettagli

XML. XML è contemporaneamente: XML non è:

XML. XML è contemporaneamente: XML non è: XML XML è contemporaneamente: Linguaggio di annotazione (Markup) che permette di creare gruppi di marcatori (tag set) personalizzati (MathML, XHTML, chemicalml, ecc..) Formato standard per lo scambio dei

Dettagli

XML (extensible Markup Language) e i Linguaggi di Schema

XML (extensible Markup Language) e i Linguaggi di Schema Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi A.A. 2011-2012 XML (extensible Markup Language) e i Linguaggi di Schema Eufemia TINELLI XML Un framework per definire linguaggi

Dettagli

Sistemi Informativi e Basi di Dati

Sistemi Informativi e Basi di Dati Sistemi Informativi e Basi di Dati Laurea Specialistica in Tecnologie di Analisi degli Impatti Ecotossicologici Docente: Francesco Geri Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti Via P.A. Mattioli

Dettagli

2 Reti di Calcolatori XML

2 Reti di Calcolatori XML 2 3 4 5 6 7 8 root element Risultati Basi di dati 10 Dicembre 2003 Mario Rossi Corso Data List a_st

Dettagli

Linguaggi per la rete: XML

Linguaggi per la rete: XML Linguaggi per la rete: XML Università degli studi di Venezia Ca' Foscari Dipartimento di Informatica a.a 2007-2008 Alessandro Sorato XML: storia Internet, la Rete delle reti e l'oramai comune World Wide

Dettagli

ALLEGATO A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2012

ALLEGATO A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2012 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2012 INDICE 1. AVVERTENZE GENERALI... 3 1.1 BREVI CENNI SUL LINGUAGGIO XML... 3 2. CONTENUTO DELLA FORNITURA... 4 2.1 GENERALITÀ...

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 1 Aprile 2014 Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Il Server

Dettagli

Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati XML

Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati XML Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati Obiettivi Memorizzare ed estrarre documenti da RDBMS. Trasformare dati tabellari in dati e viceversa.

Dettagli

XML. (extensible Markup Language) Seconda parte

XML. (extensible Markup Language) Seconda parte XML (extensible Markup Language) Seconda parte XML Schema: motivazione XML è lo strumento ideale per esprimere documenti di testo, ma è anche molto di più è uno strumento per trasferire DATI STRUTTURATI

Dettagli

connessioni tra i singoli elementi Hanno caratteristiche diverse e sono presentati con modalità diverse Tali relazioni vengono rappresentate QUINDI

connessioni tra i singoli elementi Hanno caratteristiche diverse e sono presentati con modalità diverse Tali relazioni vengono rappresentate QUINDI Documenti su Internet LINGUAGGI DI MARKUP Internet permette (tra l altro) di accedere a documenti remoti In generale, i documenti acceduti via Internet sono multimediali, cioè che possono essere riprodotti

Dettagli

XML Schema Definition (XSD)

XML Schema Definition (XSD) Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Linguaggi e Tecnologie Web A. A. 2011-2012 XML Schema Definition (XSD) Eufemia TINELLI Contenuti XML Schema e DTD Formato XML Schema Tipi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 61273 /2011 protocollo Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano dei dati relativi alla dichiarazione Irap 2011 e alla Comunicazione

Dettagli

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Daniele Silvi, Domenico Fiormonte, Fabio Ciotti fiormont@uniroma3.it - silvi@lettere.uniroma2.it - ciotti@lettere.uniroma2.it 1 La digitalizzazione

Dettagli

Esercitazione XML. Tecniche di Programmazione avanzata Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Telematica Università Kore Enna A.A.

Esercitazione XML. Tecniche di Programmazione avanzata Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Telematica Università Kore Enna A.A. Tecniche di Programmazione avanzata Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Telematica Università Kore Enna A.A. 2009-2010 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. PROT.2014/22906 Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione dei dati contenuti nel modello di dichiarazione Irap 2014, da utilizzare per la dichiarazione ai fini dell imposta regionale sulle

Dettagli

extensible Markup Language XML

extensible Markup Language XML Operatore informatico giuridico A.A 2003/2004 I Semestre extensible Markup Language XML Dr. Raffaella Brighi Limiti di HTML Non consente la descrizione dei dati: i marker HTML specificano come visualizzare

Dettagli

Modelli di presentazione dei documenti XML

Modelli di presentazione dei documenti XML XML Indice 1. 1. Introduzione Cosa è e a cosa serve l'extensible Markup Language (XML) Storia e applicazioni di XML 1. 2. Un po'di storia Storia di XML: dall'ideazione alla standardizzazione del W3C 2.

Dettagli

Applicazioni web-based. Progettazione di Sistemi Interattivi. Implementazione di sistemi interattivi web-based (prima parte) Gli Standard Web

Applicazioni web-based. Progettazione di Sistemi Interattivi. Implementazione di sistemi interattivi web-based (prima parte) Gli Standard Web Progettazione di Sistemi Interattivi Implementazione di sistemi interattivi web-based (prima parte) Docente: Daniela Fogli Applicazioni web-based Il World Wide Web (W3C) [www.w3.org]: Fondato da Tim Berners-Lee

Dettagli

Goals. Università degli Studi di Torino Dip. di Informatica. XML: breve introduzione (2) XML: breve introduzione. XML: obiettivi. XML: obiettivi (2)

Goals. Università degli Studi di Torino Dip. di Informatica. XML: breve introduzione (2) XML: breve introduzione. XML: obiettivi. XML: obiettivi (2) Goals Università degli Studi di Torino Dip. di Informatica Andres Baravalle (andres@di.unito.it) Vitaveska Lanfranchi (vita@di.unito.it) Conoscere XML come linguaggio di markup: Struttura Sintassi Interpretare

Dettagli

SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI

SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI Il Database è una collezione di archivi di dati ben organizzati e ben strutturati, in modo che possano costituire una base di lavoro per utenti diversi

Dettagli

12. Xml e basi di dati internet

12. Xml e basi di dati internet 12. Xml e basi di dati internet Nonostante l'html (HyperText Markup Language) è ampiamente usato per la formattazione e la strutturazione dei documenti Web, non è idoneo per specificare dati strutturati

Dettagli

Corso di Informatica (Basi di Dati)

Corso di Informatica (Basi di Dati) Corso di Informatica (Basi di Dati) Lezione 6 (15 gennaio 2009) Linguaggio SQL: Data Definition Language (DDL) Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA TESI DI LAUREA IN SISTEMI INFORMATIVI XML E SISTEMI DI GESTIONE DI BASI DI DATI: IL RUOLO DEI

Dettagli

Semantic Web. Semantic Web. Il Semantic Web: una semplice estensione. Il Web oggi. Il Semantic Web. Semantic Web

Semantic Web. Semantic Web. Il Semantic Web: una semplice estensione. Il Web oggi. Il Semantic Web. Semantic Web Semantic Web L. Farinetti - Politecnico di Torino Semantic Web Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino farinetti@polito.it 1 z Seconda generazione del Web z conceptual structuring

Dettagli

CIRCOLARE 7 maggio 2001, n. AIPA/CR/28

CIRCOLARE 7 maggio 2001, n. AIPA/CR/28 CIRCOLARE 7 maggio 2001, n. AIPA/CR/28 Articolo 18, comma 2, del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 31 ottobre 2000, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 21 novembre 2000, n. 272, recante

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DEL PACCHETTO DI ARCHIVIAZIONE

SPECIFICHE TECNICHE DEL PACCHETTO DI ARCHIVIAZIONE ALLEGATO 4 SPECIFICHE TECNICHE DEL PACCHETTO DI ARCHIVIAZIONE 37 Indice 1 2 3 INTRODUZIONE... STRUTTURA DELL INDICE DEL PACCHETTO DI ARCHIVIAZIONE... VOCABOLARIO... 38 1 INTRODUZIONE Il presente allegato

Dettagli

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1 Gli XML Web Service Prof. Mauro Giacomini Medica 2008/2009 1 Definizioni i i i Componente.NET che risponde a richieste HTTP formattate tramite la sintassi SOAP. Gestori HTTP che intercettano richieste

Dettagli

Elaborazione di documenti elettronici

Elaborazione di documenti elettronici Elaborazione di documenti elettronici Silvio Peroni speroni@cs.unibo.it http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0 Sommario Documento, documento elettronico e codifica binaria Markup XML, HTML e fogli

Dettagli

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali.

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. (Structured Query Language) : Il linguaggio è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. prima versione IBM alla fine degli anni '70 per un prototipo di ricerca (System

Dettagli

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI Prof. Ciaschetti Introduzione e prime definizioni Una Base di dati o Database è un archivio elettronico opportunamente organizzato per reperire in modo efficiente

Dettagli

Il metalinguaggio della struttura e della semantica: XML

Il metalinguaggio della struttura e della semantica: XML 4 Il metalinguaggio della struttura e della semantica: XML UniMc BBCC 10/11 I semestre Laboratorio di informatica avanzata per i beni culturali prof. Pierluigi Feliciati pierluigi.feliciati@unimc.it Dai

Dettagli

Parte 3 Formati Digitali per Testi

Parte 3 Formati Digitali per Testi Parte 3 Formati Digitali per Testi M. Diligenti Sistemi Gestione Documentale 1 Lo standard ASCII Come rappresentare il testo in una sequenza di bytes? ASCII (American Standard Code for Information Interchange)

Dettagli

Indice Prefazione... 1 1 SQL Procedurale/SQL-PSM (Persistent Stored Modules)... 3 Vincoli e Trigger... 9

Indice Prefazione... 1 1 SQL Procedurale/SQL-PSM (Persistent Stored Modules)... 3 Vincoli e Trigger... 9 Prefazione... 1 Contenuti... 1 Ringraziamenti... 2 1 SQL Procedurale/SQL-PSM (Persistent Stored Modules)... 3 1.1 Dichiarazione di funzioni e procedure... 3 1.2 Istruzioni PSM... 4 2 Vincoli e Trigger...

Dettagli

Ontologie integrate da lessici per indicizzazione e ricerca nel Semantic Web

Ontologie integrate da lessici per indicizzazione e ricerca nel Semantic Web POLITECNICO DI TORINO Facoltà di Ingegneria dell Informazione Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Ontologie integrate da lessici per indicizzazione e ricerca nel Semantic Web Candidato:

Dettagli

Come funziona internet

Come funziona internet Come funziona internet Architettura client server URL/URI Richiesta (Request) Risposta (Response) Pagina url e uri Uno Uniform Resource Identifier (URI, acronimo più generico rispetto ad "URL") è una stringa

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione XML: JDOM versione 2.0 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina) G.

Dettagli

LISTA TITOLI ACCESSI

LISTA TITOLI ACCESSI LISTA TITOLI ACCESSI La Lista Unica Titoli di Accesso, così come definita dal Provvedimento al punto 1.1.2, è memorizzata, come raggruppamento degli eventi del giorno, secondo tracciati ASCII a campi fissi

Dettagli

Simple & Efficient. www.quick-software-line.com

Simple & Efficient. www.quick-software-line.com Cosa è XML? extensible Markup Language Linguaggio è una definizione limitativa XML serve a descrivere con precisione qualsiasi informazione XML è estensibile. Ovvero non ha tag predefiniti come HTML XML

Dettagli

BASI DI DATI. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento

BASI DI DATI. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento BASI DI DATI Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento BASI DI DATI (DATABASE, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate,

Dettagli

Introduzione al data base

Introduzione al data base Introduzione al data base L Informatica è quella disciplina che si occupa del trattamento automatico dei dati con l ausilio del computer. Trattare i dati significa: raccoglierli, elaborarli e conservarli

Dettagli

17/05/2013. Indice dei Contenuti. Ruolo del Naming nei SD. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano

17/05/2013. Indice dei Contenuti. Ruolo del Naming nei SD. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano /35 Ruolo del Naming nei SD - 3 Denominazione di entità - 4 Sistemi di Naming - 8 Tipologie di Naming - 10 Naming Semplice e Differenti

Dettagli

Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Introduzione Dott. Stefano Burigat

Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Introduzione Dott. Stefano Burigat Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Introduzione Dott. Stefano Burigat www.dimi.uniud.it/burigat File HTML e tag Un file HTML non è nient'altro che un puro file di testo al cui interno sono presenti delle

Dettagli

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. di Laurea in Matematica di Informatica Generale 1 Linguaggio SQL Marco (liverani@mat.uniroma3.it) Sommario Prima parte: le basi dati relazionali Basi di dati:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE EDOARDO AMALDI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INFORMATICA

LICEO SCIENTIFICO STATALE EDOARDO AMALDI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INFORMATICA LICEO SCIENTIFICO STATALE EDOARDO AMALDI CLASSI PRIME ORE SETTIMANALI: 2 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INFORMATICA :: MACROARGOMENTI CHE VERRANNO TRATTATI NEL CORSO DEL CORRENTE ANNO SCOLASTICO MOD. 1 Concetti

Dettagli

Manuale Utente QueryGenerator

Manuale Utente QueryGenerator SOFTWARE DI GESTIONE DEL CORPUS API Manuale Utente QueryGenerator Cirass Sommario Introduzione 1 1. Presentazione 1 2. Requisiti di Sistema 2 3. Installazione 2 4. Utilizzo 3 5. Logica d interrogazione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Prot.2014/146313 Approvazione del modello di dichiarazione dell imposta di bollo assolta in modo virtuale, delle relative istruzioni e delle specifiche tecniche per la trasmissione telematica IL DIRETTORE

Dettagli

RDF RDFS RDF/XML. Dott.sa Vincenza Anna Leano vincenzaanna.leano@unina.it. Basi di Dati II mod. B Prof. F. Cutugno A.A. 2010/2011

RDF RDFS RDF/XML. Dott.sa Vincenza Anna Leano vincenzaanna.leano@unina.it. Basi di Dati II mod. B Prof. F. Cutugno A.A. 2010/2011 RDF RDFS RDF/XML Dott.sa Vincenza Anna Leano vincenzaanna.leano@unina.it Basi di Dati II mod. B Prof. F. Cutugno A.A. 2010/2011 ESEMPIO Concetto Il prof Cutugno insegna Basi di Dati II Rappresentazione

Dettagli

FormScape V3.1: SUPPORTO XML

FormScape V3.1: SUPPORTO XML FormScape V3.1: SUPPORTO Maggio 2004 FormScape V3, la Soluzione Intelligente per Creare, Gestire, Visualizzare e Distribuire i Tuoi Documenti FormScape V3 Page 1 Introduzione Il formato si sta affermando

Dettagli

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati INTRODUZIONE Accesso ai dati tramite DBMS Livelli di astrazione Modello dei dati: schema / istanza / metadati Alcuni modelli dei dati Linguaggi per DBMS Architettura di base di un DBMS cesarini - BDSI

Dettagli

URI. Introduzione. Pag. 1

URI. Introduzione. Pag. 1 URI Introduzione Gli URI (Universal Resource Indentifier) sono una sintassi usata in WWW per definire i nomi e gli indirizzi di oggetti (risorse) su Internet. Questi oggetti sono considerati accessibili

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 10: XML & DBMS. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 10: XML & DBMS. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 10: XML & DBMS Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Un documento testuale Dal punto di vista del calcolatore un testo è una sequenza di caratteri alfabetici

Dettagli

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 Lezione V Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 LAB utilizzo di MS Access Definire gli archivi utilizzando le regole di derivazione e descrivere le caratteristiche di ciascun archivio ASSOCIAZIONE (1:1)

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli

XML: UNO STANDARD IN ESPANSIONE

XML: UNO STANDARD IN ESPANSIONE XML: UNO STANDARD IN ESPANSIONE Ernesto Damiani Paolo Fezzi XML, inizialmente proposto come standard per la rappresentazione dei documenti testuali, si sta ora imponendo come infrastruttura generale del

Dettagli

TRASMISSIONI TELEMATICHE DICHIARAZIONI ISEEU

TRASMISSIONI TELEMATICHE DICHIARAZIONI ISEEU Tipo Documento Codice Ver. Emesso il SPECIFICA DEI REQUISITI 3.0 06-04-2011 Servizio competente TRASMISSIONI TELEMATICHE DICHIARAZIONI ISEEU ALLEGATO TECNICO ISEEU_allegato_tecnico_V3_0.doc 1 / 17 INDICE

Dettagli

Introduzione alle griglie computazionali LEZIONE N. 8. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea in Informatica III Anno

Introduzione alle griglie computazionali LEZIONE N. 8. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea in Informatica III Anno Introduzione alle griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea in Informatica III Anno LEZIONE N. 8 Elementi di linguaggio XML Introduzione alle Griglie computazionali

Dettagli

Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1

Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1 Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1 Chi può riuscire a creare pagine HTML? La realizzazione di pagine web non eccessivamente sofisticate è alla portata di tutti, basta

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezione 1 Raffaella Gentilini 1 / 67 Sommario 1 Introduzine al Linguaggio SQL Concetti Preliminari 2 3 2 / 67 Concetti Preliminari Il linguaggio SQL SQL Acronimo per

Dettagli

Guida all XML INTRODUZIONE CAPITOLO 1. L IMPORTANZA DI XML 1.1 ORIGINE E OBIETTIVI

Guida all XML INTRODUZIONE CAPITOLO 1. L IMPORTANZA DI XML 1.1 ORIGINE E OBIETTIVI Guida all XML (corso online a cura di Marco Giannì; http://www.html.it/xml/guida/) INTRODUZIONE L HTML (Hypertext Markup Language) è considerato la base del World Wide Web. Questo linguaggio consente infatti

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Universal Resource Identifier (URI) Autore slide: Fabio Vitali

Universal Resource Identifier (URI) Autore slide: Fabio Vitali Universal Resource Identifier (URI) Autore slide: Fabio Vitali 1 Introduzione Esaminiamo: Gli Universal Resource Identifier (URI) 2 URI Gli URI (Universal Resource Identifier) sono una sintassi usata in

Dettagli

1.1 I componenti di un DBMS... 5

1.1 I componenti di un DBMS... 5 Indice 1 Introduzione ai DBMS.......................................................... 1 1.1 Scopi di un DBMS............................................................ 1 1.2 Modelli dei dati..............................................................

Dettagli

Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi

Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi Indice Standard ISO/OSI e TCP/IP Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi Modello Client / Server I Socket Il World Wide Web Protocollo HTTP Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A.

Dettagli

HTML il linguaggio per creare le pagine per il web

HTML il linguaggio per creare le pagine per il web HTML il linguaggio per creare le pagine per il web Parte I: elementi di base World Wide Web Si basa sul protocollo HTTP ed è la vera novità degli anni 90 Sviluppato presso il CERN di Ginevra è il più potente

Dettagli

Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria. Tecnologie Web T A.A. 2014 2015. Esercitazione 2 XML, DTD, XSD, Parser SAX/DOM

Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria. Tecnologie Web T A.A. 2014 2015. Esercitazione 2 XML, DTD, XSD, Parser SAX/DOM Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Tecnologie Web T A.A. 2014 2015 Esercitazione 2 XML, DTD, XSD, Parser SAX/DOM Agenda Creazione di documenti XML Creazione di documenti DTD Creazione

Dettagli

Tecnologie e Programmazione Web

Tecnologie e Programmazione Web Presentazione 1 Tecnologie e Programmazione Web Html, JavaScript e PHP RgLUG Ragusa Linux Users Group SOftware LIbero RAgusa http://www.solira.org - Nunzio Brugaletta (ennebi) - Reti 2 Scopi di una rete

Dettagli

Simonotti Graziano DATABASE

Simonotti Graziano DATABASE DATABASE 1 - Che cos'è un database? Il database è un archivio di dati, che può essere gestito con sistemi informatici oppure in modo manuale. 2 - Come si chiamano i programmi che gestiscono gli archivi?

Dettagli

Linguaggio HTML. Reti. Il Linguaggio HTML. Il Linguaggio HTML

Linguaggio HTML. Reti. Il Linguaggio HTML. Il Linguaggio HTML Reti Linguaggio HTML 1 HTML = Hypertext Markup Language E il linguaggio usato per descrivere documenti ipertestuali Ipertesto = Testo + elementi di collegamento ad altri testi (link) Linguaggio di markup:

Dettagli

Il quadro normativo nazionale e le sue criticità per la conservazione a lungo termine. Lo standard UNI SInCRO

Il quadro normativo nazionale e le sue criticità per la conservazione a lungo termine. Lo standard UNI SInCRO Il quadro normativo nazionale e le sue criticità per la conservazione a lungo termine Lo standard UNI SInCRO la conservazione anticipata e le sue criticità La normativa nazionale sulla conservazione sostitutiva

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Introduzione alle Basi di Dati Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati

Dettagli

HTML HTML. HyperText Markup Language. Struttura di un documento. Gli elementi essenziali di un documento HTML sono i seguenti TAG: ...

HTML HTML. HyperText Markup Language. Struttura di un documento. Gli elementi essenziali di un documento HTML sono i seguenti TAG: <HTML>... HTML HyperText Markup Language Struttura di un documento HTML Gli elementi essenziali di un documento HTML sono i seguenti TAG: ... ... ... Struttura di un documento

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

Tecnologie Web T XML Schema

Tecnologie Web T XML Schema Tecnologie Web T Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/tw/ Versione elettronica: 2.03.XMLSchema.pdf Versione elettronica: 2.03.XMLSchema-2p.pdf 1 Che cos è? È un alternativa ai DTD basata

Dettagli