PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)"

Transcript

1 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art. 28 del D. Lgs. 81/08. Parte II specifica Edificio CU023 Medicina Legale - Obitorio Viale Regina Elena, Roma Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone Università degli Studi di Roma La Sapienza CF P.IVA P.le Aldo Moro Roma T (+39) /158; F (+39)

2 SOMMARIO 1. Dati generali Dati identificativi dell edificio Descrizione dell edificio Descrizione dell attività svolta Caratteristiche dei luoghi con particolare riferimento alle vie di esodo e ai sistemi antincendio Scale Uscite di emergenza e percorsi di esodo di piano, su scala protetta o all esterno Impianti e presidi di antincendio e primo soccorso fissi e mobili Impianto di allarme incendio ed evacuazione Affollamento Lavoratori esposti a rischio specifico Aree operative Accessi Procedure, misure comportamentali e raccomandazioni Numeri utili Elenco nominativo degli addetti alla gestione delle emergenze, evacuazione, lotta antincendio e pronto soccorso Allegati Stato del documento ALLEGATO 1 - Planimetrie generali di sito con ubicazione dell edificio cui si fa riferimento (per edifici collocati in siti complessi) con l indicazione dei punti di raccolta, punti di attacco VVF, idranti esterni e percorsi carrabili per i mezzi di soccorso ALLEGATO 2 - Planimetrie dei vari piani dell edificio con la destinazione d uso dei locali e strutture organizzative ALLEGATO 3 - Planimetrie dei vari piani dell edificio con percorsi di fuga e presidi antincendio, quadri elettrici, valvole di intercettazione fluidi, ecc Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 2 di 43

3 1. Dati generali 1.1 Dati identificativi dell edificio Denominazione sito Indirizzo Telefono portineria Strutture presenti nell edificio CU023 - Medicina Legale - Obitorio Viale Regina Elena, Roma Medicina Legale Esterno Interno: Obitorio Esterno Interno: Dipartimento di Scienze anatomiche istologiche, medico legali e dell apparato locomotore SAIMLAL Sezione di Medicina Legale Unità di Ricerca di: Medicina del lavoro Medicina sociale Bioetica Genetica forense Tossicologia forense Valutazione del danno Patologia forense e necroscopia Azienda Ospedaliera Universitaria Umberto I Obitorio 1.2 Descrizione dell edificio L edificio, come da disposizione 2299 del 10/07/2012 prot , denominato CU023 Medicina Legale, insiste all interno della cinta muraria della città universitaria ed è prospiciente su due lati, rispettivamente, con Viale Regina Elena e con Piazzale del Verano. L edificio è costituito da una struttura portante puntiforme (pilastri e travi) e da tamponature in muratura. Dal punto di vista planivolumetrico, l edificio risulta composto da due corpi di fabbrica, aventi destinazioni d uso distinte, Medicina Legale e Obitorio, la seconda a servizio della prima. Essendo le attività svolte nel lato dell edificio denominato Obitorio, a servizio dell altra parte di immobile, tra i due corpi di fabbrica esistono su alcuni piani camminamenti di collegamento, protetti da filtri a prova di fumo REI 120, che permettono la comunicazione tra le parti, garantendo il passaggio al solo personale autorizzato. Dal lato di Medicina Legale l immobile presenta 5 piani fuori terra, e uno interrato, con un piano terra, chiuso; un piano primo/rialzato parzialmente aperto, piloty, con Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 3 di 43

4 destinazioni d uso separate tra loro, da un lato ambulatorio e dall altro aule; e i successivi tre piani (primo, secondo e terzo) dedicati alle attività d ufficio, studio, ricerca e didattica del Dipartimento. La didattica vede come fruitori gli specializzandi e i partecipanti ai Master. Questa parte dell immobile ha un accesso principale, presidiato da servizio di vigilanza (H14 dalle 7:00/21:00), tramite un cancello pedonale posto sul sedime della città universitaria, in prossimità di Viale Regina Elena, 336. È servito inoltre da due accessi carrai, rampe, posti, l uno accanto all accesso pedonale, lato viale Regina Elena 336 e l altro posto su Piazzale del Verano, 40. In questo corpo di fabbrica, troviamo innestata anche la parte dedicata alla didattica, i cui fruitori sono gli studenti del corso di laurea. Anche questa parte è facilemente riconoscibile dal punto di vista planimvolumetrico, strutturalmente fa parte del lato di Medicina legale ma comunica con esso solo attraverso un corpo scala protetto REI 120. Le aule hanno accesso pedonale indipendente sul lato posteriore dell immobile rispetto a P.le del Verano, direttamente all interno della Città Universitaria. Dal lato Obitorio, l edificio è costituito da tre piani fuori terra e uno interrato, in questo corpo di fabbrica trovano collocazione tutte le attività che richiedono la custodia, conservazione, esposizione e perizia sulle salme; per la funzione caratteristica e specialistica che si svolge in questa parte dell immobile, l edificio è indipendente ed ha tre accessi autonomi (carrai e pedonali) su strada, lato piazzale del Verano ai civici, 41, 38, 39, ed è vigilato H24 da servizio di vigilanza. Viale Regina Elena Piazzale del Verano Viale dell Università Via Cesare De Lollis Piazzale Aldo Moro, 5 Città Universitaria - ubicazione edificio Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 4 di 43

5 Planimetria Immobile Viste aeree Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 5 di 43

6 L edificio è affiancato su due lati da strada pubblica e in due punti lati retrostanti è accessibile da strada interna al sedime della Città Universitaria, è consentito l accesso ai mezzi di soccorso. Tra i presidi antincendio presenti abbiamo su tutti i piani un numero di presidi antincendio portatili, estintori a polvere e ad anidride carbonica, sufficienti a coprire tutta l area dell immobile così come previsto dal D.M. 10/03/98, situati in punti facilmente visibili e raggiungibili. Presso le due portinerie sono posizionati armadi antincendio contenenti i Dispositivi di protezione individuale (DPI) e le attrezzature da usare in caso di emergenza. Nel corpo di fabbrica Obitorio é installato un impianto di allarme incendio/evacuazione asservito a rilevatori di fumo e pulsanti manuali presenti lungo i corridoi. In ogni piano, in punti facilmente raggiungibili e individuabili, sono collocati citofoni e pulsanti a fungo collegati al portineria presidiata H24. In ogni piano sono situati quadri elettrici generali di piano, i quali permettono di staccare la tensione alle aree interessante da eventuali eventi anomali. Sono presenti degli interruttori di sgancio tensione collocati per entrambi i corpi di fabbrica in corrispondenza degli accessi principali e in prossimita della cabina elettrica MT/BT. 1.3 Descrizione dell attività svolta Nell edificio è presente una parte del Dipartimento di Scienze anatomiche istologiche, medico legali e dell apparato locomotore SAIMLAL con la sezione di Medicina Legale alla quale afferiscono le seguenti unità di ricerca: Sezione di Medicina Legale Unità di Ricerca di: Medicina del lavoro Medicina sociale Bioetica Genetica forense Tossicologia forense Valutazione del danno Patologia forense e necroscopia E l Obitorio che assolve le funzioni pertinenti la Medicina Legale Indagini autoptiche. Nel Corpo di fabbrica di Medicina Legale viene svolta attività di studio e ricerca, con la correlata attività d ufficio, in questo corpo dell immobile è presente una biblioteca con sala lettura, sale riunioni e aule. Al Piano pilotis sono presenti gli ambulatori aperti al pubblico e nella parte aperta ma coperta dello stesso piano è presente un area per il parcamento temporaneo di autoveicoli. Piano Interrato: Locali tecnici Piano Terra: Locali tecnici, cabina di trasformazione MT/BT, parte bassa di due aule formazione. Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 6 di 43

7 Piano Rialzato/Pilotis: Ingresso principale, ambulatori aperti al pubblico e in area separata aule didattiche. Piano Primo: Uffici, studi, biblioteca e in zona separata ma accessibile dalla scala protetta, accesso professori e persone diversamente abili, l Aula Gerin. Piano Secondo: Uffici, studi, laboratori, aule interne al Dipartimento. Piano Terzo: Uffici, studi, aule. Nel corpo di fabbrica Obitorio vengono svolte tutte le attività di custodia, conservazione, esposizione ed eventuale perizia (sale autoptiche con annessi laboratori e osservatorio anatomico) sulle salme, in particolare: Piano Interrato: Celle Frigorifere, camere frigorifere, locali tecnici, magazzini, spogliatoi personale. Piano Terra: Lato aperto al pubblico : Info point, controllo accessi H24, Sale esposizione salme, cappella multireligiosa, locale riconoscimento, uffici amministrativi, sala d attesa, servizi igienici aperti al pubblico, posto di polizia, ufficio per il magistrato, ufficio operatori pompe funebri, area carrabile esterna accessibile ai carri funebri e ai furgoni della polizia mortuaria. Lato non aperto al pubblico Ricezione salme, ufficio registro/archivio, osservazione salme, deposito refrigerato, locali vestizione salme, locali per il personale interno, deposito barelle, area carrabile esterna accessibile ai furgoni della polizia mortuaria. Piano Primo (Rialzato/Pilotis per il lato di Medicina Legale): Studi, osservatorio anatomico. Lato ad accesso controllato: Sale autoptiche, reparto radiologico, TAC, laboratorio fotografico, laboratorio, spogliatoi, depositi. Piano Secondo (piano Primo per il lato di Medicina Legale): Locali tecnici e area deposito reperti. Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 7 di 43

8 Planimetrie delle aree accessibili ad utenti esterni Piano Terra Piano Rialzato/Pilotis Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 8 di 43

9 Piano Primo Piano Secondo Per un maggiore dettaglio delle destinazioni d uso dei locali e delle sezioni del Dipartimento che usufruiscono dei locali vedere le planimetrie in Allegato 2. Caratteristiche dei luoghi con particolare riferimento alle vie di esodo e ai sistemi antincendio Ogni piano dell edificio è dotato di un sistema di vie di esodo, opportunamente segnalate con appositi cartelli, che conducono a uscite di emergenza all aperto, contrapposte l una all altra, collocate al piano pilotis, per il lato dell immobile di Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 9 di 43

10 Medicina Legale e al piano terra per la parte dell immobile Obitorio, attraverso scale protette REI 120. I due corpi di fabbrica sono separati tra loro da strutture REI 120 e comunicano solo attraverso filtri a prova di fumo REI 120. Per il dettaglio dei percorsi di esodo vedi planimetrie in Allegato Filtro a Prova di fumo REI 120 Separazione REI 120 Scala protetta S5 Piano Interrato Scala protetta S6 Separazione REI 120 Scala esterna S7 Scala protetta S3 Scala protetta S5 Piano Terra Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 10 di 43

11 Filtro a prova di fumo REI 120 Scala protetta S1 Scala protetta S5 Scala esterna S7 Separazione REI 120 Scala protetta S3 Scale aperte S4 Scala aperta S2 Piano Pilotis Scala protetta S1 Scala protetta S5 Scala esterna S7 Filtro a prova di fumo REI 120 Scala protetta S3 Scale aperte S4 no Primo Scala aperta S2 Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 11 di 43

12 Scala protetta S1 Scala protetta S3 Scale aperte S4 Scala aperta S2 Piano Secondo Scala protetta S1 Scala protetta S3 Scale aperte S4 Piano Terzo Scala aperta S2 Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 12 di 43

13 2.1 Scale Medicina Legale ID scala Tipo N. moduli Capacità di deflusso* Piani collegati S1 Scala protetta REI 120 L=106 cm 1 60 Rialzato/Pilotis, Primo, Secondo, Terzo S2 Scala aperta (L= 136.5) Non viene considerata nel percorso di fuga, anche se al piano rialzato/pilotis le porte sono dotate di maniglione antipanico Rialzato/Pilotis, Primo, Secondo, Terzo S3 Scala protetta REI 120 L= 109 cm 1 60 Terra, Rialzato/Pilotis, Primo, Secondo, Terzo S4 Scale Aula Gerin n.4 aperte L= 100 cm ognuna Terzo, secondo, Primo (uscita verso l esterno su sedime città universitaria), Rialzato/Pilotis *capacità di deflusso calcolata in base al D.M. 26 agosto 1992 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica art. 5 p.to 5.1 Obitorio ID scala Tipo N. moduli Capacità di deflusso* Piani collegati S5 Scala protetta REI 120 L=110 cm 1 50 Piano interrato, Terra, Primo (Rialzato/Pilotis per il lato di medicina legale), Secondo (primo per illato Medicina Legale) S6 Scala aperta REI 120 L=185 cm Piano Interrato, terra S7 Scala esterna L=122 cm Piano terra, primo *capacità di deflusso calcolata in base al D.M. 10/03/98 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 13 di 43

14 2.2. Uscite di emergenza e percorsi di esodo di piano, su scala protetta o all esterno Il tipo, il numero, l ubicazione e la larghezza delle uscite di emergenza sono determinate in base all affollamento massimo presente e alla capacità di deflusso, applicando il D.M. 26 agosto 1992 art. 5 p.to 5.1 capacità di deflusso (60 persone attraverso un modulo di 60 cm di larghezza) per il corpo di fabbrica di Medicina legale e il Decreto 10/03/98 All. III capacità di deflusso (50 persone attraverso un modulo di 60 cm di larghezza) per il corpo di fabbrica dell Obitorio. Di seguito si riportano per ciascun piano il numero di uscite presenti, i relativi moduli e la capacità massima di sfollamento. Medicina Legale Piano/Area N. uscite di emergenza N. Moduli Capacità massima di sfollamento* (n. persone) Piano Interrato Piano terra Piano Rialzato/Pilotis Piano Primo Piano Secondo Piano Terzo n.1 L=90 cm su filtro a prova di fumo REI 120 n. 2 porte L=90 cm su scala protetta S3 dai locali tecnici n. 1 uscite L=150 cm, su scala protetta S3 All esterno n. 6 uscite (L=120 ciascuna) lato scala S1 ingresso principale All esterno n. uscite 1 (L=134) Da scala S3 Su Scala protetta S1 n. 2 uscite (L=120 cm) Su Scala protetta S3 n. 2 uscite (L=120 cm) Su Scala protetta S1 n. 2 uscite (L=120 cm) Su Scala protetta S3 n. 2 uscite (L=120 cm) Su Scala protetta S1 n. 2 uscite (L=120 cm) Su Scala protetta S3 n. 2 uscite (L=120 cm) Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 14 di 43

15 Obitorio Piano/Area N. uscite di emergenza N. Moduli Capacità massima di sfollamento* (n. persone) Piano interrato Piano terra Piano Rialzato/Pilotis Piano Primo n.2 L= 110 cm da scala protetta S5 all esterno Lato uffici All esterno n. 1 L= 1.83 Da scala protetta S5 all esterno n. 1 uscita (L=130 cm) n. 1 uscita (L= 170 cm) Lato sale salme All esterno n. 1 L= 140 cm Tutte le sale esposizioni salme hanno entrata/uscita indipendente su area esterna piazzale interno n. 1 uscita su scala esterna S7 L=120 cm n. 2 uscita su scala protetta S5 L=120 cm n. 1 uscita su scala protetta S5 L=120 cm Impianti e presidi di antincendio e primo soccorso fissi e mobili Nell immobile sono presenti presidi antincendio mobili e cassette primo soccorso. In particolare sono presenti: estintori portatili a polvere e a CO2 collocati lungo le vie di fuga e nei locali a maggior rischio d incendio cassette di primo soccorso collocate nel locale portineria e ai vari piani Armadi dei dispositivi antincendio da utilizzare in caso di emergenza contenenti: o Coperta antifiamma; o Giubbotto alta visibilità; o Occhiali di protezione; o Guanti anticalore; o Trombetta segnalazione allarme; o Torcia elettrica; o Paletta per evacuazione; o Megafono. Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 15 di 43

16 Tali presidi sono segnalati mediante apposita cartellonistica ai sensi di legge. L ubicazione dei presidi su menzionati, nonché delle vie di fuga e dei punti di distacco delle utenze e di allaccio dell acqua in caso di incendio, è riportata su apposite planimetrie (vedi allegati), custodite presso la portineria, a disposizione dei soccorritori esterni, e affisse nei corridoi in punti strategici al fine di informare gli utenti e i visitatori sulla posizione dei presidi antincendio e sulle procedere da attuare in caso di emergenza. 2.4 Impianto di allarme incendio ed evacuazione Allo stato attuale all interno dell immobile l allarme evacuazione è dato da megafoni e impianto di allarme costituito da badenie e pulsanti. 3. Affollamento Il calcolo dell affollamento massimo ipotizzabile viene effettuato, per il personale docente e non docente, in base al numero di postazioni effettivamente presenti; per gli studenti, in base alla capienza massima (n. posti disponibili) di aule, biblioteche, laboratori, sale lettura/studio; per i visitatori e le ditte esterne, in analogia con quanto stabilito dal DM 26 agosto 1992, in ragione del 20% del personale presente, per i quali i visitatori sono calcolati in base alla capacità di sfollamento delle uscite presenti. Dalle considerazioni su esposte si evince che il massimo affollamento ipotizzabile nei vari piani dell edificio, come da tabella desunta dal Documento di valutazione del Rischio di incendio, è il seguente: Piano/Area Personale Studenti Piano Seminterrato Piano Terra 2 Piano Rialzato/Pilo tis Lato aule Piano Rialzato/pilot is Lato ambulatori Medicina Legale Visitator i/ Ditte esterne Disabili* Max affollamento previsto nel piano/area ** 30** 50** 50** - potenziali 64 - potenziali potenziali 100 Piano Primo Piano Secondo * Piano Terzo *L aula Gerin insiste su due piani Secondo e Primo, la capacità di sfollamento è ripartita su tutte le uscite presenti ai due piani Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 16 di 43

17 ** Le aule C e D insistono su due piani terra e rialzato/pilotis, la capacità di sfollamento è ripartita su tutte le uscite presenti ai due piani Obitorio Piano/Area Persona le Studenti Visitatori/ Ditte esterne Disabili* Max affollamento previsto nel piano/area Piano Seminterrato Piano Terra Potenziali 80 Piano rialzato/piloti s Potenziali 67 Piano Primo Gli addetti alle squadre di emergenza e il personale di vigilanza sono formati sulle procedure da attuare per aiutare eventuali studenti presenti e il personale con disabilità ad uscire dall immobile in caso di emergenza. 4. Lavoratori esposti a rischio specifico Possono essere esposti a rischio specifico i frequentatori dei seguenti luoghi di lavoro: Medicina Legale Piano Locale Attività Interrato Tecnico Scambiatore di calore Terra Tecnico Cabina di trasformazione Terra Tecnico Locale pompe Rialzato/Pilotis 109/110 RX 108 Laboratorio prelievi 115 Laboratorio prelievi 123/125 Archivi Piano Primo 221/222/223 Deposito libri, biblioteca Piano Secondo 251/252/252 bis/253/255/258/262/263/264/265/ Laboratorio di Tossicologia 273/274/275 Laboratorio DNA/Genetica Forense 272 Laboratorio di Istologia Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 17 di 43

18 Obitorio Piano Locale Attività Interrato Tecnico Celle Frigorifere Terra Tecnico Gruppo elettrogeno Tecnico Sale esposizione salme, vestizione, etc. Rialzato/Pilotis Ala ad accesso controllato Sale autoptiche, laboratori, etc. Primo Locale deposito reperti Deposito reperti 5. Aree operative Sono stati individuati i seguenti luoghi da dove poter gestire le situazioni di emergenza: Punti di raccolta (Vedi planimetrie allegate): o Medicina Legale in prossimità dell entrata/uscita delle aule su sedime della Città Universitaria. o Obitorio piazzale interno lato camere ardenti. Posto di chiamata: o Medicina Legale - Portineria di edificio sita in prossimità o dell ingresso principale presidiata dalle ore 7.00 alle ore Obitorio - Portineria di edificio sita in prossimità dell ingresso principale presidiata H24 Presidio di Vigilanza del policlinico Umberto I sita presso l ingresso principale del Policlinico, Viale del Policlinico, 155, presidiata h24. Sala Regia di Ateneo: sita presso l ingresso della Città Universitaria, P.le Aldo Moro, 5, presidiata h24 (Limitatamente al compito di apertura del cancello carraio/pedonale sito su Viale Regina Elena, Accessi L edificio ha più accessi pedonali e carrai. Le chiavi di accesso all immobile e dei locali tecnici (Medicina legale e Obitorio) sono conservate in un armadietto collocato nella portineria dell Obitorio presidiata H24 e presso il Presidio di Vigilanza del Policlinico Umberto I, Via del Policlinico, 155 Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 18 di 43

19 accesso (Obitorio) P.le del Verano, accesso carraio e pedonale (Obitorio) P.le del Verano, accesso (Obitorio)P.le del Verano, accesso carraio (Medicina Legale) P.le del Verano, accesso (Locali tecnici Medicina Legale) P.le del Verano, 41 Piano Terra accesso carraio e pedonale su sedime Città Universitaria (Medicina Legale) V.le Regina Elena, accesso pedonale (Medicina Legale) da sedime Città Universitaria Piano Pilotis Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 19 di 43

20 8 8. accesso pedonale studenti da sedime Città Universitaria (aule Medicina Legale) Piano Primo 7. Procedure, misure comportamentali e raccomandazioni Sono state individuate nel seguente piano le procedure, le misure comportamentali e le raccomandazioni da seguire in caso di eventi emergenziali, da parte delle persone presenti nell edificio e degli addetti alla squadra di emergenza. Tali norme sono riportate nella parte generale e nella parte specifica del presente Piano. Nella tabella seguente se ne riporta lo schema riassuntivo, con l indicazione delle schede di riferimento. Nota bene: Tutte le chiamate di emergenza in partenza da questo immobile sono dirette al n al quale risponde il Presidio di Vigilanza del Policlinico Umberto I, quindi nelle procedure di seguito elencate in luogo della Sala Regia di Ateneo va inteso il suddetto Presidio di Vigilanza. Persone presenti durante l emergenza Tutte le persone presenti Procedure, misure comportamentali e raccomandazioni applicabili Scheda PE001 (PE - Parte generale): Norme di sicurezza e provvedimenti da adottare al fine di evitare l insorgere di un incendio (per tutti i presenti). Scheda PE002 (PE - Parte generale): Procedura per la segnalazione dell emergenza. Scheda PE003 (PE - Parte generale): Procedura d intervento su un principio di incendio. Scheda PE004 (PE - Parte generale): Misure comportamentali da osservare in caso di allarme evacuazione. Scheda PE005 (PE - Parte generale): Misure Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 20 di 43

21 Persone presenti durante l emergenza Procedure, misure comportamentali e raccomandazioni applicabili comportamentali generali da osservare in caso di emergenze varie Scheda PE006 - Misure comportamentali da osservare in caso di emergenza in orario extralavorativo Coordinatore del piano di emergenza Personale addetto alla squadra di antincendio interna Personale addetto al Primo soccorso aziendale (APSA) Addetti al posto di chiamata Assistenti all emergenza (docenti, responsabili di laboratorio, ecc.) Personale addetto all assistenza delle persone diversamente abili Scheda PE007 (PE - Parte generale): Istruzioni per il Coordinatore del piano di emergenza in caso di emergenza Scheda PE008 (PE - Parte generale): Istruzioni per gli addetti alla squadra antincendio in caso di incendio Scheda PE012 (PE - Parte generale): Procedura per la diffusione dell ordine di evacuazione e l assistenza allo sfollamento Scheda PE009 (PE - Parte generale): Istruzioni per gli addetti al primo soccorso aziendale in caso di emergenza sanitaria Scheda PE010 (PE - Parte generale): Procedura di emergenza per gli addetti al Posto di chiamata. Scheda PE011 (PE - Parte generale): Procedura per la chiamata del soccorso pubblico in caso di emergenza. Scheda PE013 (PE - Parte generale): Procedura per gestione dell evacuazione nelle aule, nei laboratori didattici di ricerca e di servizio e nelle biblioteche/sale lettura. Scheda PE014 (PE - Parte generale): Procedura per la gestione di emergenze varie nei laboratori. Scheda PE015 (PE - Parte generale): Procedura per l assistenza delle persone diversamente abili durante lo sfollamento Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 21 di 43

22 8. Numeri utili Numeri di emergenza interni NUMERO DI EMERGENZA INTERNO (Presidio di Vigilanza Policlinico Umberto I) Presidio di Vigilanza Policlinico Umberto I (Viale del Policlinico, 155) Sala Regia di Ateneo (P.le Aldo Moro, 5) Numeri fissi: (dall esterno) (dall interno) Numero dedicato alle emergenze Da telefono fisso 8108 Numero verde da cell Numeri fissi: Esterno: Interno: Esterno: Interno: Cellulari / Posto di chiamata di edificio (portineria dell edificio o altro) Medicina Legale Esterno Interno: Obitorio Esterno Interno: Enti esterni di soccorso Vigili del fuoco 115 Soccorso emergenza sanitaria 118 Polizia 113 Carabinieri 112 Commissariato P.S. Città Universitaria Centro antiveleni int int (Pol. Umberto I) (Pol. Gemelli) Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 22 di 43

23 9. Elenco nominativo degli addetti alla gestione delle emergenze, evacuazione, lotta antincendio e pronto soccorso Soggetti attivi Nominativo Tel. Piano Locale area Coordinatore del piano di emergenza * Personale addetto alla squadra di antincendio interna SFORZA Giuliana Primo 216 SIMEONE Rosalba Primo 228 SPERATI Wladimiro Rialzato 110 FANASCA Katia Primo 215 Personale addetto al Primo soccorso aziendale (APSA) PICANZA Maurizio Primo 215 SFORZA Giuliana Primo 216 SPERATI Wladimiro Rialzato 110 Personale addetto all assistenza delle persone diversamente abili Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 23 di 43

24 10. Allegati Allegato 1 - Planimetrie generali di sito con ubicazione dell edificio cui si fa riferimento (per edifici collocati in siti complessi) con l indicazione dei punti di raccolta, punti di attacco VVF, idranti esterni e percorsi carrabili per i mezzi di soccorso. Allegato 2 - Planimetrie dei vari piani dell edificio con la destinazione d uso dei locali e strutture organizzative. Allegato 3 - Planimetrie dei vari piani dell edificio con percorsi di fuga e presidi antincendio, quadri elettrici, valvole di intercettazione fluidi, ecc. 11. Stato del documento Revisioni Rev. Data Motivo 00 Luglio 2015 Nuova emissione del documento a seguito di modifica dell assetto organizzativo dell Ateneo. Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 24 di 43

25 ALLEGATO 1 - Planimetrie generali di sito con ubicazione dell edificio cui si fa riferimento (per edifici collocati in siti complessi) con l indicazione dei punti di raccolta, punti di attacco VVF, idranti esterni e percorsi carrabili per i mezzi di soccorso. Legenda Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 25 di 43

26 Legenda Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 26 di 43

27 ALLEGATO 2 - Planimetrie dei vari piani dell edificio con la destinazione d uso dei locali e strutture organizzative. Piano Interrato Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 27 di 43

28 Piano Terra Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 28 di 43

29 Piano Rialzato Pilotis Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 29 di 43

30 Piano Primo Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 30 di 43

31 Piano Secondo Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 31 di 43

32 Piano Terzo Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 32 di 43

33 ALLEGATO 3 - Planimetrie dei vari piani dell edificio con percorsi di fuga e presidi antincendio, quadri elettrici, valvole di intercettazione fluidi, ecc. Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 33 di 43

34 Obitorio - Piano Interrato Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 34 di 43

35 Obitorio - Piano Terra Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 35 di 43

36 Obitorio - Piano Rialzato / Pilotis Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 36 di 43

37 Obitorio - Piano Primo Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 37 di 43

38 Medicina Legale - Piano Interrato Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 38 di 43

39 Medicina Legale - Piano Terra Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 39 di 43

40 Piano Rialzato - Pilotis Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 40 di 43

41 Medicina Legale - Piano Primo Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 41 di 43

42 Medicina Legale - Piano Secondo Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 42 di 43

43 Medicina Legale - Piano Terzo Rev. 00 Luglio 2015 Pag. 43 di 43

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

PROCEDURA DI PRONTO INTERVENTO IN ORARIO EXTRALAVORATIVO

PROCEDURA DI PRONTO INTERVENTO IN ORARIO EXTRALAVORATIVO PROCEDURA DI PRONTO INTERVENTO IN ORARIO EXTRALAVORATIVO 1. DEFINIZIONI Lavori di pronto intervento: tutte quelle opere di cui all art. 176 del DPR 207/2010, che si rendono necessarie in ragione di eventi

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

DUVRI (DOCUMENTO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZE) AI SENSI DELL ART. 26 DEL D.LGS 81/08

DUVRI (DOCUMENTO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZE) AI SENSI DELL ART. 26 DEL D.LGS 81/08 SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA AREA PATRIMONIO E SERVIZI ECONOMALI UFFICIO PATRIMONIO IMMOBILIARE SETTORE VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CAPITOLATO SPECIALE GARA DIGITAL SIGNAGE CONCESSIONE DI SERVIZIO PER

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

PADIGLIONE N. 16 EX P.S. GENERALE

PADIGLIONE N. 16 EX P.S. GENERALE PADIGLIONE N. 16 EX P.S. GENERALE PIANO PER EMERGENZA INCENDIO SEZIONE EQUIPAGGIAMENTO DI EMERGENZA, 2012 REV. /dicembre 2012 Pagina 1 di 8 Stato delle revisioni Rev. N. SEZIONI REVISIONATE MOTIVAZIONE

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV)

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) PIANO DI EMERGENZA (Linee guida) SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) Anno scolastico 2014/2015 file:pem_primaria_trevignano.doc 1 di 21 PREMESSA Il piano di emergenza è uno

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA 1 STRUTTURA SEDE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI 53,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA AREA SVILUPPO EDILIZIO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTE E ADEGUAMENTO NORMATIVO PREVENZIONE INCENDI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA AREA SVILUPPO EDILIZIO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTE E ADEGUAMENTO NORMATIVO PREVENZIONE INCENDI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA AREA SVILUPPO EDILIZIO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTE E ADEGUAMENTO NORMATIVO PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE LINEE GUIDA REVISIONE DATA Prima

Dettagli

COMUNICAZIONE N. 67. Ferrara, 15 novembre 2013

COMUNICAZIONE N. 67. Ferrara, 15 novembre 2013 Istituto Tecnico Commerciale e per Periti Aziendali e Corrispondenti in Lingue Estere V. Bachelet Via Mons. Ruggero Bovelli, 7/13-44121 FERRARA Tel. 0532.20.9.346 20.32.66; Fax:0532.20.23.65; Via Azzo

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Varlungo

Dettagli

PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA

PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA IL RETTORE LA RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO 1 INTRODUZIONE Il piano di emergenza costituisce

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia

Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia AZIENDA USL 3 PISTOIA ZONA DISTRETTO VALDINIEVOLE Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE PER LIVELLI DI ASSISTENZA DEL PRESIDIO LAVORI DI SPOSTAMENTO DEL PRONTO

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO dispensa informativa per docenti e non docenti A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni

Dettagli

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA O PROVA DI EVACUAZIONE cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a Avvio

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Piano di esodo INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Il piano di emergenza deve essere predisposto per ogni luogo di lavoro. Per luoghi di lavoro di

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI PISA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA ROSELLINI Via Rosellini,

Dettagli

CHECKLIST PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

CHECKLIST PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA SUL LAVORO CHECKLIST PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno Documento aggiornato al 27/10/2014 IL DATORE DI LAVORO Prof.ssa Lucia Castellana Mod Sic 01/0

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA UNIVERSITARIA BRUSCHI CARRARA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA UNIVERSITARIA BRUSCHI CARRARA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA UNIVERSITARIA BRUSCHI CARRARA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA UNIVERSITARIA BRUSCHI VIA

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA (Emanato con D.R. n. 1215 del 28 giugno 2007, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 69) Sommario

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA 1 STRUTTURA SEDE MENSA UNIVERSITARIA MARTIRI VIA DEI MARTIRI PISA DESCRIZIONE

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Sede Amministrativa Viale Gramsci,

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Via Verdi, n 53 - Trento

Facoltà di Giurisprudenza Via Verdi, n 53 - Trento Facoltà di Giurisprudenza Via Verdi, n 53 - Trento A cura di: Trento, dicembre 2007 Servizio Prevenzione e Protezione Galleria Tirrena, 10-38100 Trento INDICE INDICE... 1 1. CARATTERISTICHE DELLA FACOLTA...

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE CorsoCairoli, 10 70018 Rutigliano(BA) 080 4761018 - fax 080 4778168 Scuole dell Infanzia: Giovanni PaoloII 080 4761590; Gianni Rodari 080 4767426 http://www.scuolasettanni.it E- Mail: baee15500v @ istruzione.it

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO

SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO SCHEDA TECNICA N 18 SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Revisione n.04 febbraio 2012 Piano emergenza 1 di 24 PREMESSA Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Padiglione 38 San Salvi FIRENZE 1 STRUTTURA Residenza Universitaria

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA D.M. 10-03-98 D.Lgs. 81/08

PIANO DI EMERGENZA D.M. 10-03-98 D.Lgs. 81/08 Indice 0 Generalità 1 Informazioni generali, luoghi, vie di esodo 2 Elenco impianti e attrezzature antincendio presenti 3 Popolazione presente 4 Obblighi e norme comportamentali degli addetti all emergenza

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Diop Mor Samb Modou FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO

LA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) LA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dettagli

Sede di Milano Palazzo Lombardia

Sede di Milano Palazzo Lombardia Informazioni sui rischi specifici esistenti, sulle misure di prevenzione e protezione e di emergenza adottate presso: Sede di Milano 1. ATTIVITA PRESENTI NELLA SEDE è un grande complesso edilizio pubblico

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARESE VIA DEI GELSI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARESE VIA DEI GELSI ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARESE VIA DEI GELSI Scuola dell infanzia Peter Pan Arese, viale Einaudi Scuola primaria Don Gnocchi Arese, via dei Gelsi (sede amministrativa IC) Scuola primaria G. Pascoli Arese,

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008)

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI OSTELLATO (FE) Scuola dell infanzia di Migliarino Via del Parco 1 Località Migliarino comune di Fiscaglia tel./fax 0533.52686 e-mail viadelparco@libero.it PIANO DI GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI PARMA. Provincia di Parma. Relazione Tecnica redatta ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., e del D.M. del 10/03/1998 LICEO SCIENTIFICO

COMUNE DI PARMA. Provincia di Parma. Relazione Tecnica redatta ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., e del D.M. del 10/03/1998 LICEO SCIENTIFICO COMUNE DI PARMA Provincia di Parma PIANO DI EMERGENZA Relazione Tecnica redatta ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., e del D.M. del 10/03/1998 LICEO SCIENTIFICO GUGLIELMO MARCONI Protocollo n. S / R S P

Dettagli

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA 1

Dettagli

ELABORATI DESCRITTIVI... 2 ELABORATI GRAFICI... 2. 1. Premessa... 4. 2. Scopo del progetto... 5

ELABORATI DESCRITTIVI... 2 ELABORATI GRAFICI... 2. 1. Premessa... 4. 2. Scopo del progetto... 5 SOMMARIO ELABORATI DESCRITTIVI... 2 ELABORATI GRAFICI... 2 1. Premessa... 4 2. Scopo del progetto... 5 2.1. Impianti di rivelamento fumi e segnalazione incendio... 5 2.2. Scala di sicurezza esterna in

Dettagli

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa PIANO DI EMERGENZA INCENDIO Gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro MINISTERO DELL INTERNO - DECRETO 10 MARZO 1998 Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa CONSULENTE TECNICO Nome del tecnico Ordine provinciale

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

Definizione di emergenza

Definizione di emergenza Definizione di emergenza Ogni scostamento dalle normali condizioni operative tale da determinare situazioni di possibile danno agli uomini e alle cose deve essere deve essere controllato e risolto nel

Dettagli

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/1 generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/25 Contenuti DM 10/03/98 1/2 Valutazione dei rischi di incendio, protettive e precauzionali di esercizio Controllo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA INCENDIO

PIANO DI EMERGENZA INCENDIO REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE DIREZIONE SANITARIA OSPEDALE DI BELCOLLE PIANO DI EMERGENZA INCENDIO STRALCIO PER U.O. MALATTIE INFETTIVE IN AMBITO PENITENZIARIO

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica a tutti i dipendenti della Società Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica a tutti i dipendenti della Società Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Gestione emergenze P08 Rev 02 del 14/06/2014 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

TavBa. Provincia Regionale di Ragusa. Aggiornato ai sensi dei disposti del comma A dell'art.10 della L.R. 12.07.2011 n.12

TavBa. Provincia Regionale di Ragusa. Aggiornato ai sensi dei disposti del comma A dell'art.10 della L.R. 12.07.2011 n.12 Provincia Regionale di Ragusa Lavori di "Adeguamento alle norme di sicurezza e prevenzione incendi immobili scolastici nella zona di Ragusa, Comiso e Vittoria. Completamento 2.000.000" - Progetto Esecutivo

Dettagli

FORTEZZA DA BASSO PIANO DI EMERGENZA. Redatto ai sensi del D.M. 10/03/98

FORTEZZA DA BASSO PIANO DI EMERGENZA. Redatto ai sensi del D.M. 10/03/98 FORTEZZA DA BASSO PIANO DI EMERGENZA Redatto ai sensi del D.M. 10/03/98 INDICE 1. PIANO DI EMERGENZA 4 1.1 - SCOPO DEL PIANO DI EMERGENZA 4 1.2 OGGETTO DEL PIANO DI EMERGENZA 4 1.3 - CARATTERISTICHE DEL

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Norme di sicurezza per costruzione e gestione impianti sportivi Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 D.M. 18 marzo

Dettagli

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996 LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO D.M. 19.08.1996 CAMPO APPLICAZIONE a) Teatri (sia al chiuso che all aperto); b) Cinematografi (anche drive-in); c) cinema-teatri; d) auditori e sale convegni; e) locali di

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) Residenza Universitaria G.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) Residenza Universitaria G. Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) Residenza Universitaria G.

Dettagli

Liceo. via Del Lancillotto 4-41122 Modena Tel. 059 450298 - (Fax): 0593160078

Liceo. via Del Lancillotto 4-41122 Modena Tel. 059 450298 - (Fax): 0593160078 Liceo Carlo Sigonio" via Del Lancillotto 4-41122 Modena Tel. 059 450298 - (Fax): 0593160078 E-mail: info@sigonio.it Pagina web: http://www.sigonio.com Ai sensi dell accordo Stato Regioni del 21/12/2011

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: COMMERCIALE-DIREZIONALE RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

Quesiti di prevenzione incendi

Quesiti di prevenzione incendi Quesiti di prevenzione incendi Raccolta 2010/2011 183 domande e risposte a cura di Mario Abate Direttore Vice Dirigente Comando VVF Milano (Le risposte ai quesiti sono riferite alle norme vigenti al momento

Dettagli

PARTE A: INFORMAZIONI GENERALI RIGUARDANTI IL COMMITTENTE E LA DITTA AGGIUDICATARIA

PARTE A: INFORMAZIONI GENERALI RIGUARDANTI IL COMMITTENTE E LA DITTA AGGIUDICATARIA PARTE A: INFORMAZIONI GENERALI RIGUARDANTI IL COMMITTENTE E LA DITTA AGGIUDICATARIA Anagrafica committente Ragione sociale: Università degli Studi di Parma Sede Legale: via Università, 12 43121 Parma Partita

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

perseguito DICHIARA N.B: In caso di variazioni in attività già esistenti, riportare di seguito i dati corrispondenti alla nuova situazione

perseguito DICHIARA N.B: In caso di variazioni in attività già esistenti, riportare di seguito i dati corrispondenti alla nuova situazione B7 Locali di pubblico trattenimento e svago - 04/01/10 Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO B-7 Locali di pubblico trattenimento e svago R.D. n 773/1931 e s.m.i. artt. 68/69/80 1. Dati

Dettagli