CAPITOLATO SPECIALE E DISCIPLINARE D APPALTO SERVIZIO DI FORMAZIONE E RICOLLOCAZIONE IN OUTPLACEMENT DEI LAVORATORI IN MOBILITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE E DISCIPLINARE D APPALTO SERVIZIO DI FORMAZIONE E RICOLLOCAZIONE IN OUTPLACEMENT DEI LAVORATORI IN MOBILITÀ"

Transcript

1 Assessorato Formazione Lavoro Politiche sociali e Pari Opportunità CAPITOLATO SPECIALE E DISCIPLINARE D APPALTO SERVIZIO DI FORMAZIONE E RICOLLOCAZIONE IN OUTPLACEMENT DEI LAVORATORI IN MOBILITÀ PROGETTO UNRRA (United Nations Relief and Rehabilitation Administration) Il presente servizio è compreso nell Allegato IIB al Codice Contratti Pubblici (d.lgs. 163/2006) CPV: Servizi di collocamento del personale ARTICOLO 1 - OGGETTO DELL'APPALTO 1. La Provincia di Pisa nel quadro di quanto previsto dalla Deliberazione di Giunta n. 41 del 23/05/2006, intende avviare una procedura ad evidenza pubblica per l affidamento di un servizio di sostegno alla formazione e ricollocazione al lavoro (outplacement) di lavoratori/trici con l utilizzo di tecniche e metodologie di outplacement. Lo scopo dell iniziativa è accelerare il processo di reimpiego delle persone in difficoltà occupazionale che intendono avvalersi dei servizi pubblici per l impiego. In tal senso l impegno delle strutture che si candidano alla erogazione delle attività previste dovrà essere fortemente orientato all individuazione di concrete opportunità formative e lavorative. ARTICOLO 2 - PRESTAZIONI OGGETTO DELL'APPALTO 1. L appalto ha per oggetto le prestazioni di seguito elencate, che dovranno essere eseguite puntualmente e con la massima cura, secondo quanto definito nel presente capitolato e nell offerta tecnica presentata dall aggiudicatario. Il servizio prevede, a beneficio di un numero di non meno di 30 soggetti: a) l indagine conoscitiva per l individuazione di detto numero di non meno di 30 soggetti nel territorio della Provincia di Pisa, coinvolti nei processi di mobilità, prioritariamente dei settori tessile-abbigliamento-calzaturiero (T.A.C) e commercio, oltre ad eventuali altri settori individuati in relazione all andamento del mercato sul territorio provinciale, da sottoporre ad un adeguato percorso formativo per il ri-collocamento all interno dei settori individuati; b) l individuazione delle aziende del territorio prioritariamente nel settore T.A.C. e commercio, oltre ad eventuali altri settori individuati in relazione all andamento del mercato sul territorio provinciale dove allocare i destinatari dell intervento, in collaborazione con il servizio marketing dei Centri per l impiego della Provincia di Pisa; c) l individuazione di un coordinatore di progetto che dovrà essere il punto di riferimento e che dovrà interfacciarsi con i Centri per l impiego della Provincia di Pisa per la realizzazione degli interventi; d) la predisposizione di un modello finalizzato all outplacement dei soggetti interessati dall intervento: il modello dovrà potersi utilizzare all interno dei centri per l impiego della Provincia di Pisa, creando un centro di ri-collocamento che sia lo spazio operativo dedicato al progetto U.N.R.R.A. (per le spese di acquisizione della necessaria attrezzatura informatica e d ufficio, che rimarrà di proprietà della Provincia di Pisa alla conclusione del 1

2 contratto, saranno messi a disposizione euro 4092,40, da considerarsi esclusi rispetto all importo della presente gara d appalto); e) la realizzazione di misure diversificate di preparazione alla formazione e alla ricollocazione, individuale e di gruppo, mediante interventi di rimotivazione all azione di ricerca; riorientamento al mercato del lavoro, bilancio delle competenze, formazione e ricerca di nuove opportunità professionali; l assistenza psicologica e motivazionale per la ricerca di lavoro, l autoimprenditorialità, e il sostegno operativo finalizzato al ricollocamento (matching domanda e offerta e job scouting); per la formazione dei beneficiari, degli interventi, a carico dell aggiudicatario, dovranno essere destinati non meno di euro 500,00/persona, con possibilità di cofinanziamenti a carico della Provincia di Pisa per un massimo di euro 1000,00/beneficiario; f) l accompagnamento e il supporto nella negoziazione dei rapporti di lavoro e tutoring per l inserimento occupazionale dei beneficiari e collaborazione con il servizio preselezione dei Centri per l impiego per l incrocio domanda-offerta; g) predisposizione di tutti gli atti necessari alla rendicontazione finale delle spese sostenute per il progetto (giustificativi di spesa, fatture, time-card, ecc.), entro e non oltre il 15 settembre 2010 ed in osservanza di quanto richiesto dal Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, e dai Centri dell impiego della Provincia di Pisa, che è responsabile delle spese del progetto. 3. L insieme degli interventi di cui sopra devono essere svolti in stretta collaborazione con il Centro Direzionale per l Impiego e con i Centri per l impiego della Provincia di Pisa. 4. I destinatari individuati dovranno aver sottoscritto il Patto di Servizio Integrato a seguito del quale il soggetto attuatore può dare il via alle azioni del programma di reimpiego e provvedere ad inoltrare la comunicazione di avvio alla Provincia di Pisa. La comunicazione di avvio delle attività è seguita dal colloquio che il soggetto attuatore eroga per definire il Piano di Intervento Personalizzato (PIP) di ogni singolo utente. Il percorso indicato alla persona deve prevedere opzioni differenti a seconda del profilo emerso e delle reali potenzialità espresse. Se l utente/destinatario condivide la proposta, sarà tenuto a sottoscrivere con l aggiudicatario il PIP, che verrà controfirmato dal responsabile del Centro per l impiego. Il PIP impegna le parti alla realizzazione di quanto ivi stabilito. Il PIP, della durata massima di mesi tre, deve prevede differenti percorsi, comprensivi di attività elencate al c. 1 e fissare gli impegni reciproci dei suoi contraenti, vincolando l aggiudicatario a erogare i servizi individuati e il soggetto beneficiario a rispettare il percorso individuato. ARTICOLO 3 DESTINATARI DELLE ATTIVITA 1. I destinatari saranno individuati a cura dell aggiudicatario e di concerto con i Centri dell Impiego della Provincia di Pisa, attraverso le forme di pubblicità indicate nell offerta tecnica predisposta dall aggiudicatario stesso. L individuazione deve riguardare i lavoratori in uscita dal mercato del lavoro iscritti ai Centri per l Impiego della Provincia di Pisa. 2. Gli interventi devono essere obbligatoriamente rivolti a lavoratori e lavoratrici in mobilità residenti e/o domiciliati all interno della Provincia di Pisa. ARTICOLO 4 SOGGETTI AMMESSI ALLA PROCEDURA DI GARA 1.. Sono ammessi a partecipare alla gara i soggetti (di cui all'art.34 del D.Lgs. n.163/2006) in possesso dell autorizzazione rilasciata dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ai sensi degli artt. 4, 5, 6 del D.Lgs. 276/2003 e s.m.i. nella sezione dell albo delle agenzie per il lavoro per le attività di supporto alla ricollocazione professionale (sarà richiesta l indicazione degli estremi del relativo provvedimento di riconoscimento) oppure che risultino iscritti all'albo della Regione Toscana delle agenzie per il lavoro sempre nella sezione "attività di supporto alla ricollocazione professionale. ARTICOLO 5 - DURATA DEL CONTRATTO E SPECIFICHE DI ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE 1. Il contratto ha durata dalla data di stipula dello stesso fino al 15/09/2010. I servizi di cui all art. 2 dovranno essere realizzati entro e non oltre il 15 settembre

3 2. La stazione appaltante si riserva la facoltà di apportare, in fase di esecuzione, variazioni all articolazione temporale presentata dall aggiudicatario sulla base di esigenze di interesse pubblico verificatesi successivamente all aggiudicazione. ARTICOLO 6 IMPORTO STIMATO DELL APPALTO 1. L importo stimato dell appalto, e base d asta, è fissato in euro ,63 IVA esclusa (57.378,75 IVA inclusa). La relativa spesa è a carico del bilancio provinciale e sarà finanziata con fondi assegnati dal Ministero dell Interno, Dipartimento per le libertà civili e per l immigrazione, direzione centrale per gli affari generali delle risorse finanziarie e strumentali Area V Fondo Lire UNRRA, il contributo è concesso a valere sul Progetto Un concreto sostegno alla formazione e ricollocazione dei lavoratori in mobilità: l outplacement, accertati nel bilancio provinciale con d.d. 5377/ Per la realizzazione delle attività del presente capitolato non sono contemplati costi relativi alla sicurezza (art. 86 comma 3 bis d.lgs.163/2006) in quanto non sono riscontrabili rischi di interferenza generati dall attività stessa. ARTICOLO 7 IMPORTO EFFETTIVO DEL CONTRATTO 1. L importo del contratto per la realizzazione dei servizi di cui all art. 2 è determinato dal prezzo indicato nell offerta economica aggiudicataria. 2. L aggiudicatario avrà diritto al pagamento esclusivamente per i servizi effettivamente erogati secondo quanto descritto al successivo art L eventuale mancata erogazione dei servizi dovuta a responsabilità dell aggiudicatario comporta inoltre l applicazione delle penali previste al successivo articolo 14. ARTICOLO 8 ANTICIPO - FATTURAZIONE - PAGAMENTI 1. La stazione appaltante procede ai pagamenti solo a seguito di apposita verifica della permanenza della regolarità contributiva ed assicurativa dell impresa appaltatrice e fermo quanto disposto ai seguenti paragrafi. 2. I pagamenti dell importo contrattuale previsto saranno emessi: - in una prima tranche, a titolo di anticipo, pari al 50% dell importo contrattuale, successivamente alla stipula del contratto, dietro presentazione di fideiussione bancaria; - in una seconda tranche, a saldo, dell ulteriore 50% dell importo contrattuale all avvenuta formazione/e accompagnamento alla ricollocazione/assistenza occupazionale dei soggetti beneficiari e a seguito della presentazione, nel termine tassativo del 15 settembre, della documentazione di rendicontazione delle spese, di cui all art. 2, c. 1, lett. g. L ultima fattura/richiesta di pagamento potrà essere emessa solo a conclusione del servizio previa verifica e positiva valutazione da parte del Centro Direzionale per l impiego dell attività svolta, in coerenza con gli obiettivi di progetto. A tal fine l aggiudicatario ha l obbligo di presentare, assieme alla documentazione necessaria alla rendicontazione, accurata relazione degli interventi effettuati. 3. Le fatture dovranno essere intestate a: Provincia di Pisa, Servizio Formazione e Lavoro, Via Nenni n Pisa, P.I C.F Nel caso siano state contestate inadempienze all impresa, la stazione appaltante può sospendere, ferma l applicazione delle eventuali penali, i pagamenti fino a che l aggiudicatario non sia in regola con gli obblighi contrattuali. ARTICOLO 9 OFFERTA TECNICA 1. L offerta tecnica deve essere predisposta in riferimento agli elementi minimi sotto indicati eventualmente arricchita con tutti gli altri elementi utili alla sua completezza. Si invitano i concorrenti a predisporre offerte tecniche non superiori a 20 cartelle formato A4. Nell offerta tecnica dovranno inoltre essere illustrati gli indicatori di qualità della prestazione che vengono sottoposti a monitoraggio e controllo, gli strumenti da utilizzare nonché i processi e le modalità di conduzione del monitoraggio e controllo. 2. L offerta tecnica dovrà evidenziare la metodologia e l articolazione delle attività che si intendono adottare relativamente all espletamento dell incarico, ivi compreso il numero di aziende da contattare, nonché le risorse tecniche e professionali impiegate. L offerta tecnica dovrà evidenziare 3

4 l esperienza maturata dall offerente (CV societario) anche in relazione alle caratteristiche dell eventuale partenariato ed ai rapporti concreti con i soggetti del territorio. 3. L offerta tecnica dovrà almeno contenere le seguenti indicazioni. - la descrizione delle modalità con cui verranno individuati i destinatari da parte dell aggiudicatario anche in raccordo con i Centri per l Impiego della Provincia di Pisa; - obiettivi del progetto, anche in riferimento alle caratteristiche del contesto locale; - l articolazione temporale e gli output previsti per la realizzazione delle singole fasi del servizio; - la metodologia e le soluzioni adottate per la realizzazione delle singole fasi del servizio; - le modalità di raccordo con i Centri per l Impiego della Provincia di Pisa; - le tipologie di strumenti che si intendono utilizzare per la verifica in itinere degli obiettivi conseguiti; - descrizione delle strutture e degli strumenti messi a disposizione per la realizzazione del progetto; - risorse professionali; 4. L offerta tecnica dovrà contenere anche la descrizione del gruppo di lavoro che si intende attivare per la realizzazione delle attività, e segnatamente: - gli operatori e il relativo impegno previsto, nonché per ognuno di essi, il ruolo ricoperto nel progetto, l esperienza e la formazione acquisita in relazione alle attività previste dal presente capitolato; - il cronoprogramma delle attività ed il numero delle giornate uomo che si intende dedicare a ciascuna attività. - i servizi di supporto, intesi come modalità di marketing verso le aziende, per il rilascio di informazioni a beneficiari e imprese e per la raccolta dei nominativi dei beneficiari, almeno in termini di strumenti, localizzazione, disponibilità temporale; - i locali (caratteristiche ed ubicazione) in cui verrà svolta la formazione in aula/laboratorio (i locali a messi a disposizione devono obbligatoriamente essere ubicati all interno del territorio provinciale). ARTICOLO 10 - CRITERI DI AGGIUDICAZIONE 1. La gara sarà aggiudicata con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell art. 83, del d.lgs. n. 163/2006 e s.m.i. e dell art. 36, c. 3, L.R. 38/ La gara si svolgerà in tre distinti momenti: - In seduta pubblica, per la verifica della corretta presentazione della documentazione richiesta, presso la Provincia di Pisa in Via P. Nenni, n. 24 a Pisa. - In successiva seduta segreta per l attribuzione dei punteggi relativi al punto B ( Offerta tecnica proposta ) da parte del dirigente del servizio ex art. 36, c.3, L.R. 38/2007; - In successiva seduta pubblica per l apertura dell offerta economica con l attribuzione del relativo punteggio e la conseguente aggiudicazione definitiva, presso la Provincia di Pisa in Via P. Nenni, n. 24 a Pisa. 3. La selezione sarà svolta attraverso l'applicazione di criteri di valutazione e l'attribuzione di un punteggio massimo di 100 punti, sulla base dei parametri di seguito identificati: A - Offerta tecnica: a) coerenza degli obiettivi del progetto rispetto al fabbisogno espresso dal contesto locale, con particolare riferimento al livello di coinvolgimento dei soggetti istituzionali e delle parti sociali (massimo 13 punti); b) articolazione logica e temporale e output previsti delle attività in relazione agli obiettivi del progetto (massimo 7 punti); c) adeguatezza delle metodologie ed innovatività delle soluzioni adottate (massimo 12 punti); d) modalità di raccordo con i servizi per l Impiego della Provincia di Pisa e indicatori di qualità della prestazione che vengono sottoposti a monitoraggio e controllo (massimo 6 punti); e) caratteristiche delle risorse professionali impegnate nel progetto (in primis del coordinatore) in termini di esperienza Max punti 80 4

5 e qualificazione professionale, di consistenza dell impegno nel progetto e di omogeneità e integrazione del gruppo di lavoro, esperienza maturata (CV societario) anche in relazione alle caratteristiche dell eventuale partenariato ed ai rapporti concreti con i soggetti del territorio (massimo 20 punti); f) servizi aggiuntivi rispetto a quanto richiesto dal capitolato (massimo 8 punti); g) adeguatezza delle strutture e degli strumenti di utilizzati per l esecuzione del contratto (massimo 14 punti). L offerta tecnica dovrà conseguire un punteggio non inferiore a 50 punti, che costituisce soglia minima di ammissibilità alla fase di apertura della busta contenente l offerta economica. Analogamente, pena l esclusione, nessuna delle voci suddette dovrà avere una valutazione pari a 0 punti. B- Offerta Economica, che non può superare la base d asta. La valutazione verrà espressa in base alla seguente formula: A:B=X:C Dove Max punti 20 A è l offerta più vantaggiosa. B è l offerta presa in considerazione. X è il punteggio da assegnare all offerta presa in considerazione. C è il punteggio massimo. Totale Punti attribuibili Punti 100 Per ogni offerta, il punteggio complessivo sarà dato dalla somma dei singoli punteggi riportati in ognuna delle categorie A e B sopra elencate. 4. La Provincia di Pisa si riserva il diritto di: a) non procedere all aggiudicazione, nel caso in cui nessuna delle offerte presentate venga ritenuta idonea; b) procedere all aggiudicazione anche in presenza di una sola offerta, purché ritenuta valida; c) sospendere o non aggiudicare la gara per motivi di superiore interesse dell Ente; d) aggiudicare al concorrente che segue in graduatoria in caso di risoluzione, rescissione del contratto o revoca dell aggiudicazione. ARTICOLO 11 COORDINAMENTO E GESTIONE 1. L aggiudicatario è tenuto ad individuare e comunicare alla stazione appaltante il nominativo di un referente organizzativo per il coordinamento e la gestione di tutti gli aspetti attuativi del contratto. L individuazione del referente organizzativo costituisce il primo adempimento a cui l aggiudicatario deve far fronte entro 5 giorni lavorativi dalla data di stipula del contratto. 2. L aggiudicatario potrà successivamente provvedere alla sostituzione del proprio referente con altro soggetto, dandone comunicazione per iscritto alla stazione appaltante che si riserva di rifiutare la sostituzione proposta. La stazione appaltante farà riferimento al referente indicato per la soluzione di tutti gli aspetti organizzativi connessi alla gestione del contratto. 3. Il referente dovrà svolgere le attività indicate nell offerta tecnica e quant altro necessario per lo svolgimento della prestazione e rendersi disponibile per tutti gli incontri richiesti dalla stazione appaltante. 4. Per tutte le comunicazioni tra le parti viene privilegiata la posta elettronica, anche senza il vincolo della firma digitale, purché destinatario e mittente rientrino tra il personale della stazione appaltante ed il referente dell aggiudicatario. Viene obbligatoriamente utilizzato il documento cartaceo esclusivamente per fatture, applicazione di penali, risoluzioni anticipate del contratto e convocazioni dei partecipanti alle attività formative. ARTICOLO 12 VERIFICHE SULL ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE 1. L Amministrazione effettua ispezioni e verifiche sull esecuzione delle prestazioni; tali verifiche, di norma effettuate senza alcun preavviso all aggiudicatario presso le sedi di svolgimento delle 5

6 azione e/o sedi amministrative, hanno una finalità sia conoscitiva e di monitoraggio generale della realizzazione degli interventi. 2. L aggiudicatario è tenuto a garantire ai funzionari pubblici autorizzati il libero e tempestivo accesso alle strutture e agevolare il controllo. Qualsiasi impedimento allo svolgimento delle verifiche in itinere potrà costituire motivo di sanzioni. Per ciascuna verifica ispettiva effettuata, l Amministrazione competente redige un verbale, nel quale vengono registrate le attività svolte ed i relativi esiti; tale verbale viene sottoscritto dai rappresentanti dell'amministrazione competente e dall aggiudicatario. ARTICOLO 13 SUBAPPALTO 1. Ai sensi dell art. 27 co. 3 D.Lgs 163/2006, non è consentito il subappalto dei servizi oggetto del presente appalto, in ragione del tipo e della tempistica del servizio richiesto e del rapporto diretto con i beneficiari dello stesso. 2. È fatto altresì divieto di cessione anche parziale del contratto. ARTICOLO 14 - PENALITÀ E RISOLUZIONE 1. Il mancato e non puntuale rispetto degli obblighi contenuti nel presente Capitolato Speciale d'appalto, nell offerta tecnica, nel piano operativo di dettaglio comporta l'applicazione delle penali di seguito riportate: a) per ogni giorno di mancata fornitura del servizio: euro 200,00; se il ritardo si protrae per oltre 10 giorni l ammontare della penale giornaliera è raddoppiato. La penale sarà applicata per un massimo di 20 giorni, trascorsi i quali l'ente procederà alla risoluzione del contratto previa diffida; b) per ogni modifica non preventivamente comunicata o autorizzata: euro 500,00. La penale sarà applicata per un numero massimo di due volte, oltre le quali l'ente procederà alla risoluzione del contratto previa diffida; 3. Si prescinde dall applicazione delle penali nel caso di forza maggiore tempestivamente comunicato dall aggiudicatario nonché in tutti i casi in cui è stata concessa dalla stazione appaltante specifica autorizzazione scritta alla variazione del termine, della sede di svolgimento o del gruppo dei formatori. 4. Nei casi di cui alla lett. a) del c. 1, le penali vengono applicate dal giorno successivo alla scadenza del termine e vengono comunicate dal dirigente con lettera raccomandata A/R. 5. Nei casi di cui alle lett. b) del c. 1, il dirigente provvederà a contestare l inadempimento all aggiudicatario e ad applicare la penale, ove ritenga che le motivazioni addotte, da inviarsi alla stazione appaltante entro 10 giorni consecutivi dalla contestazione, non siano sufficienti ad escludere l imputabilità dell inadempimento all impresa. 6. In caso di applicazione delle penali, la stazione appaltante ha facoltà di rivalersi sui pagamenti dovuti all aggiudicatario in relazione al presente contratto ovvero di incamerare in tutto o in parte la cauzione definitiva. 7. La stazione appaltante si riserva la facoltà di procedere alla risoluzione del contratto, previa diffida ad adempiere, oltre che nei casi sopraindicati, anche nelle ipotesi in cui il mancato adempimento comporti un non corretto svolgimento del progetto. 8. A seguito della risoluzione del contratto la stazione appaltante può porre a carico dell impresa i maggiori costi derivanti dalla procedura di nuovo affidamento, prelevandoli dalla cauzione definitiva, fatto salvo l eventuale ulteriore risarcimento del danno. ARTICOLO 15 STIPULA DEL CONTRATTO 1. La stipula del contratto avviene con scrittura privata, anche mediante sottoscrizione della determinazione di aggiudicazione avente valore contrattuale (a discrezione del dirigente del Servizio Formazione e lavoro e nel rispetto delle caratteristiche richieste nella circolare del Servizio Risorse Finanziarie e Umane, Prot. n. 453 del , Determinazioni con valore contrattuale), ed avente come allegato l offerta formalizzata (parte integrante e sostanziale di detta determinazione), salvo comunque il contenuto del presente capitolato. 2. Per la sottoscrizione del contratto l'aggiudicatario è previamente obbligato a costituire una garanzia fideiussoria pari al 10% per cento dell'importo contrattuale (IVA esclusa). La fideiussione bancaria o la polizza assicurativa deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all eccezione di cui all articolo 1957, 6

7 comma 2, del codice civile, nonché l operatività della garanzia medesima entro quindici giorni, a semplice richiesta scritta della stazione appaltante. La garanzia copre gli oneri per il mancato od inesatto adempimento e cessa di avere effetto solo alla data di emissione del certificato attestante l'avvenuta ultimazione delle prestazioni. 3. L Amministrazione procede all aggiudicazione formale, solo a seguito dei positivi controlli di cui all art. 12 d.lgs. n. 163/2006 e, ai sensi dell art. 17 L.R. Toscana 38/2007, e segnatamente l acquisizione del documento unico di regolarità contributiva (DURC), la regolarità contributiva e assicurativa dell impresa risultata provvisoriamente aggiudicataria riferito alla data di presentazione dell offerta (l Amministrazione segnala alla Direzione provinciale del lavoro le irregolarità eventualmente riscontrate). 4. Con l atto di presentazione dell offerta, la ditta si dichiara implicitamente disponibile ad acconsentire all eventuale richiesta di esecuzione anticipata del contratto da parte della stazione appaltante, ai sensi dell art. 11, c. 12 del d.lgs. 163/2006, ove richiesto per ragioni di interesse pubblico (resta comunque stabilito e convenuto che l aggiudicatario non potrà pretendere alcun pagamento prima della firma e della repertoriazione del contratto). ARTICOLO 16 DIRITTI SUI MATERIALI E PRIVACY 1. Tutti i materiali, elaborati e rapporti prodotti durante e al termine del presente contratto restano di proprietà della Provincia di Pisa la quale potrà utilizzarli a suo insindacabile giudizio, senza che l affidatario possa sollevare eccezioni di sorta o pretendere compensi aggiuntivi rispetto a quelli previsti dal presente capitolato. E precluso al soggetto affidatario di divulgare a terzi informazioni, dati, notizie o documenti messi a disposizione dalla provincia o reperiti durante l'esercizio dell'incarico o comunque in relazione ad esso. il responsabile del trattamento dei dati ai sensi del d.lgs.196/2003 è il Dirigente del Servizio Formazione e Lavoro della Provincia di Pisa, Anna Maria Rossi. ARTICOLO 17 - ASSICURAZIONI OBBLIGATORIE ANTINFORTUNISTICHE ED ASSISTENZIALI - RESPONSABILITÀ DEL CONTRAENTE 1. L aggiudicatario è tenuto all osservanza delle norme relative alle assicurazioni obbligatorie ed antinfortunistiche, previdenziali ed assistenziali e dovrà adottare tutti i procedimenti e le cautele atti a garantire l incolumità delle persone addette e dei terzi con scrupolosa osservanza delle norme antinfortunistiche in vigore; ogni più ampia responsabilità in caso di infortuni o danni eventualmente subiti da persone o cose, tanto dell Amministrazione che di terzi, in dipendenza di omissioni o negligenze nell esecuzione della prestazione ricadrà sul contraente restandone sollevata l Amministrazione. ARTICOLO 18 AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ANALOGHI 1. La Provincia si riserva di affidare al medesimo aggiudicatario servizi analoghi di cui al presente capitolato entro e non oltre la conclusione dello stesso, ai sensi dell art. 57 c. 5 lett.b del d.lgs. n. 163/2006, per un importo massimo del 30% dell ammontare del corrispettivo dell incarico. ARTICOLO 19 MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELL OFFERTA 1. A pena di esclusione, le offerte dovranno pervenire alla Provincia di Pisa P.za Vittorio Emanuele II, 14 - entro le ore del giorno 12 maggio 2010, a mezzo raccomandata A/R o raccomandata a mano, da presentare presso l URP della Provincia di Pisa, Piazza Vittorio Emanuele II, 14, 56100, Pisa. Oltre il termine innanzi stabilito non sarà ritenuta valida nessuna offerta. La Provincia di Pisa è esonerata da ogni responsabilità per gli eventuali ritardi nel recapito delle offerte da parte dei concorrenti, anche nel caso di incuria degli addetti alla consegna, di scioperi o di altri impedimenti causati da forza maggiore. 2. Non si farà luogo ad esperimento di miglioria. 3. Pena l esclusione l'offerta, redatta in carta libera, deve essere inserita in una busta sigillata con ceralacca o altro mezzo idoneo a garantire la segretezza e controfirmata sui lembi di chiusura. La busta deve recare la dicitura OFFERTA PER LA GARA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI FORMAZIONE E RICOLLOCAZIONE IN OUTPLACEMENT DEI LAVORATORI IN MOBILITÀ PROGETTO UNRRA. 7

8 La busta deve a sua volta contenere n. 3 buste, sigillate anch esse con le stesse modalità: - la prima di esse deve indicare sull esterno la dicitura busta n. 1 e deve contenere i dati camerali relativi all azienda o alle aziende (in caso di ATI) offerenti (forma e ragione sociale, iscrizione alla CCIAA, legale rappresentante, ecc.; e deve includere copia fotostatica di un documento di identità in corso di validità del legale rappresentante stesso); - la seconda di esse deve indicare sull esterno la dicitura busta n. 2 e deve contenere l OFFERTA TECNICA di cui sopra, sottoscritta dal legale rappresentante con firma leggibile e per esteso; - la terza di esse deve indicare sull esterno la dicitura busta n. 3 e deve contenere l offerta economica, con indicazione chiara e univoca di un unico prezzo complessivo, espresso sia in cifre che in lettere, sottoscritta dal legale o dai legali rappresentanti con le stesse modalità di cui alla busta n. 2 relativa all offerta tecnica. 4. In caso di difformità nell'offerta, tra la dichiarazione espressa in cifre e quella espressa in lettere, verrà presa in considerazione la più vantaggiosa per la Provincia (ex art. 72, c. 2 R.D n. 827 e successive modifiche ed integrazioni). 5. Non sono ammesse le offerte per telegramma, quelle condizionate o espresse in modo indeterminato o con semplice riferimento ad altra offerta propria o di altri (a norma dell'art. 72, 2 comma del R.D n. 827 e successive modifiche ed integrazioni). ARTICOLO 20 TRATTAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE DELL OFFERTA 1. Le informazioni fornite nell'ambito delle offerte ovvero a giustificazione delle medesime verranno trattate, quanto all esercizio del diritto di accesso, in base alle norme di cui alla legge n. 241/1990 e al suo regolamento attuativo (d.p.r. n. 184/2006), di cui al Regolamento per la disciplina del diritto di accesso ai documenti amministrativi della Provincia di Pisa e all art. 13 d.lgs. n. 163/2006. Saranno esclusi dall accesso i soli documenti dichiarati dalle imprese coperti da brevetto industriale o diritto d'autore. 2. Per informazioni è possibile rivolgersi al Servizio Formazione e Lavoro dal lunedì al venerdì ore ,30 e il martedì e il giovedì dalle alle (tel. 050/929572). ARTICOLO 21 - RECESSO 1. L Amministrazione può, in qualsiasi momento, recedere dal contratto stipulato per sopravvenuti motivi di interesse pubblico. In caso di recesso l aggiudicatario ha diritto al pagamento dei servizi prestati, purché correttamente eseguiti, secondo il corrispettivo e le condizioni pattuite, rinunciando espressamente, ora per allora, a qualsiasi ulteriore eventuale pretesa anche di natura risarcitoria ed a ogni ulteriore compenso o indennizzo e/o rimborso spese, anche in deroga a quanto previsto dall art del codice civile. ARTICOLO 22 - FORO COMPETENTE 1. Per qualsiasi controversia inerente il presente contratto, ove la stazione appaltante sia attore o convenuto resta inteso tra le parti la competenza del Foro di Pisa con espressa rinuncia di qualsiasi altro. ARTICOLO 23 - NORMATIVA APPLICABILE 1. Trattandosi di appalto di servizi di cui all Allegato IIB al Codice dei Contratti Pubblici (d.lgs. 163/2006) esclusi in tutto o in parte dalla applicazione del Codice stesso ai sensi del combinato disposto degli articoli 20 e 27 d.lgs. 163/2006, si applicano alla presente procedura le specifiche disposizioni di cui al presente Capitolato Speciale. Le norme del d.lgs. 163/2006 si applicano solo se ed in quanto espressamente richiamate dagli atti di gara o dal Codice stesso per questo tipo di appalto. 8

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI BANDO PER LA VENDITA DI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO A FAVORE DI GIOVANI LAUREATI (Determinazione del Direttore Generale n. 642 del 06/12/2012) Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI 1. L Istituto

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

Spett.le * * * Si invita a far pervenire, esclusivamente a mezzo raccomandata o posta celere oppure consegnato a mano, presso

Spett.le * * * Si invita a far pervenire, esclusivamente a mezzo raccomandata o posta celere oppure consegnato a mano, presso LETTERA INVITO A TRATTATIVA PRIVATA APERTA per Fornitura di Servizi di TRASLOCO di mobili e documenti da ufficio da Roma, Via Cristoforo Colombo 283/A (8 piano) a Roma, Quintino Sella, 42, CIG: Z9C0C2C891

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

CITTA DELLA DISFIDA Medaglia d oro al merito civile e militare

CITTA DELLA DISFIDA Medaglia d oro al merito civile e militare COMUNE DI BARLETTA CITTA DELLA DISFIDA Medaglia d oro al merito civile e militare BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA N. 1/2009 Il Comune di Barletta, in esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL REPERIMENTO DI N.

AVVISO PUBBLICO PER IL REPERIMENTO DI N. AVVISO PUBBLICO PER IL REPERIMENTO DI N. 4 PROPOSTE DI RESIDENZA CREATIVA DA REALIZZARSI NEL PERIODO 1 FEBBRAIO 31 MAGGIO PRESSO IL TEATRO DI VILLA TORLONIA NELL AMBITO DELLE ATTIVITA DEL SISTEMA CASA

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Viale Tiziano n. 70-00196 Roma C.F. 97015300581 - P. IVA 06454831006

FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Viale Tiziano n. 70-00196 Roma C.F. 97015300581 - P. IVA 06454831006 FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Viale Tiziano n. 70-00196 Roma C.F. 97015300581 - P. IVA 06454831006 Disciplinare di gara pubblica per l affidamento dei servizi di trasporto funzionali all espletamento

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo:

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo: Avviso pubblico per l istituzione di un Albo di esperti da impegnare nelle attività di realizzazione di programmi e progetti di studio, ricerca e consulenza. Art. 1 Premessa E indetto Avviso Pubblico per

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE AI SERVIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI CAT. C1. IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE,

Dettagli

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC ACCORDO QUADRO BIENNALE PER I SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILI, MACCHINE ED ARREDI PER UFFICIO, APPARECCHIATURE INFORMATICHE ED ELETTRONICHE, DOCUMENTAZIONE CARTACEA DA TRASFERIRE NELLA NUOVA

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

ICT SERVICE. finale ANNO 20122

ICT SERVICE. finale ANNO 20122 ICT SERVICE Capitolato specia ale d appalto per la fornitura di un servizio di supporto tecnico informatico all utente finale ANNO 20122 INDICE TITOLO I INDICAZIONI GENERALI DELL APPALTO Articolo 1 Definizioni

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO R E G I O N E V E N E T O R E J O N V E N E T O P R O V I N C I A D I B E L L U N O P R O V I N Z I A D E B E L U N COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO CAP 32043 Corso Italia, 33 Tel. 0436 4291

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

LINEE GUIDA PER GLI APPALTI DEI SERVIZI DI PULIZIE

LINEE GUIDA PER GLI APPALTI DEI SERVIZI DI PULIZIE LINEE GUIDA PER GLI APPALTI DEI SERVIZI DI PULIZIE IN PROVINCIA DI COMO ED. 2009 Coordinamento del progetto: Osservatorio Territoriale per la provincia di Como per le Imprese di pulizia In collaborazione

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli