DIPARTIMENTO TECNOLOGICO U.O. PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIPARTIMENTO TECNOLOGICO U.O. PREVENZIONE E PROTEZIONE"

Transcript

1 DIPARTIMENTO TECNOLOGICO U.O. PREVENZIONE E PROTEZIONE

2 PERCHE SIAMO QUI?

3 IL DECRETO LEGISLATIVO 626/94 CI OBBLIGA AD ESSERE PROTAGONISTI DELLA NOSTRA SICUREZZA!

4 MA COS E ESATTAMENTE LA 626?

5 LA 626 E E IL DECRETO LEGISLATIVO DEL 19 SETTEMBRE 2004,CHE RECEPISCE VARIE DIRETTIVE EUROPEE RIGUARDANTI IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI DURANTE IL LAVORO

6 SOGGETTI DEL D.Lgs.. 626/94 LAVORATORE: : persona che presta il proprio lavoro alle dipendenze di un datore di lavoro DATORE DI LAVORO: : qualsiasi persona fisica o giuridica o soggetto pubblico che è titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE: : insieme delle persone,sistemi e mezzi dell azienda finalizzati all attivit attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali nell azienda MEDICO COMPETENTE: : medico nominato dal datore di lavoro in possesso di determinati titoli,che effettua gli accertamenti sanitari preventivi e periodici, esprime i giudizi di idoneità alla mansione specifica, istituisce la cartella sanitaria, comunica per iscritto to al datore di lavoro/armatore e al lavoratore l eventuale l inidoneità RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE: : persona designata dal datore di lavoro in possesso di attitudini e capacit ità adeguate RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA: : persona o persone, elette o designate per rappresentare i lavoratori per quanto q concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavorol

7 Con il decreto 626 il legislatore italiano definisce per la prima volta un modello di gestione della prevenzione dei rischi sui luoghi di lavoro.. Esso rappresenta un mutamento radicale rispetto alla previgente normativa di settore. Una novità fondamentale è costituita dal passaggio dai tradizionali metodi di prevenzione tecnica,delineati nei D.P.R. 547/55 (prevenzione infortuni sul lavoro) e 303/56 (igiene del lavoro),ad un sistema di sicurezza globale che pone l uomo,anziché la macchina al centro della sicurezza aziendale.

8 Poiché è l uomo anziché la macchina al centro dell attuale modello di prevenzione,un ruolo fondamentale viene attribuito all informazione,formazione, consultazione e partecipazione diretta dei lavoratori,presupponendo uno scambio di comunicazioni tra datore di lavoro e lavoratore stesso.

9 Il lavoratore non è più un soggetto passivo, ma un soggetto attivo,in coerenza con l informazione e la formazione ricevute.

10 L articolo 5 del D.Lgs stabilisce che ciascun lavoratore deve prendersi cura della propria sicurezza e della propria salute e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro. In particolare i lavoratori: - Osservano le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro ai fini della protezione collettiva e individuale - Utilizzano correttamente i macchinari, le apparecchiature,gli utensili e le altre attrezzature di lavoro,nonché i dispositivi di sicurezza - Utilizzano in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione - Segnalano la datore di lavoro o al preposto eventuali condizioni di pericolo di cui vengono a conoscenza - Non rimuovono o modificano senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo - Non compiono di propria iniziativa operazioni o manovre che possono compromettere la sicurezza propria o di altri lavoratori

11 LA 626 PARLA DEL RISCHIO INCENDIO?

12 l articolo 13 del D.Lgs 626/94 prescrive l adozione l di tutte le misure necessarie per evitare l insorgenza di un incendio e limitarne le conseguenze qualora esso si verifichi,anche mediante la preventiva designazione dei lavoratori incaricati dell attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio,di evacuazione dei lavoratori in caso di pericolo grave e immediato,di salvataggio,di primo soccorso e comunque di gestione dell emergenza,i emergenza,i quali devono essere adeguatamente formati.

13 QUALI ARGOMENTI AFFRONTEREMO?

14 INCENDIO E PREVENZIONE INCENDI - La combustione - Principali cause di incendio - Sostanze estinguenti - Dinamica dell incendio - Effetti degli incendi sull uomo uomo - Le misure di prevenzione degli incendi - Le misure comportamentali per prevenirli - Le verifiche e manutenzioni sui presidi antincendio

15 LA PROTEZIONE ANTINCENDIO - Le misure di protezione passiva (compartimentazioni,vie di esodo,reazione al fuoco dei materiali) - Le misure di protezione attiva (estintori,sistemi di allarme,segnaletica,illuminazione)

16 PROCEDURE IN CASO D INCENDIO - Piano di emergenza - Procedure in caso d allarme d e incendio - Modalità di evacuazione - Collaborazione con i Vigili del Fuoco

17 ESERCITAZIONI PRATICHE Nel pomeriggio proveremo a spegnere un focolare!!!!!!!

18 L INCENDIO

19 PRINCIPI DELLA COMBUSTIONE La combustione è una reazione chimica sufficientemente rapida di una sostanza combustibile con un comburente (ossigeno dell aria) che da luogo allo sviluppo di calore,fiamma,gas,fumo e luce

20 PRINCIPI DELLA Presenza del combustibile Presenza del comburente Presenza di una sorgente di calore COMBUSTIONE

21 TRIANGOLO DEL FUOCO

22 PRINCIPI DELLA COMBUSTIONE Solo la contemporanea presenza di questi tre elementi da luogo al fenomeno dell incendio, e di conseguenza al mancare di uno di essi l incendio l si spegne. L incendio si spegne quindi per

23 PRINCIPI DELLA COMBUSTIONE SEPARAZIONE: : allontanamento del combustibile non ancora interessato dalla combustione da quello già incendiato SOFFOCAMENTO: : eliminazione del contatto fra combustibile e comburente RAFFREDDAMENTO: : riduzione della temperatura del combustibile al di sotto del valore di accensione INIBIZIONE CHIMICA: : arresto delle reazioni a catena che si verificano nella combustione

24

25

26 CLASSIFICAZIONE DEGLI INCENDI Dato che l ossigeno l è normalmente presente nell aria, un incendio si caratterizza per il tipo di combustibile e per il tipo di sorgente d innescod

27 CLASSE DEGLI INCENDI Classe A: : incendi di materiali solidi Classe B: : incendi di liquidi infiammabili Classe C: : incendi di gas infiammabili Classe D: : incendi di metalli combustibili Classe E: : incendi di natura elettrica

28 Carta Legna Segatura Trucioli Stoffa Rifiuti Cere Cartoni Libri Pece Carboni Bitumi grassi Paglia Stracci uniti Fuliggine Solidi combustibili Nafta Metano Benzina Cloro Petrolio Gas illuminante Alcool Acetilene Olii pesanti Propano Etere solforico Idrogeno Glicerina Cloruro di metile Vernici Gas infiammabili Gomme Resine Fenoli Zolfo Trementina Solidi che si possono liquefare Liquidi infiammabili Magnesio Potassio Fosforo Sodio Carburi Metalli Infiammabili

29 SORGENTI DI INNESCO ACCENSIONE DIRETTA: : quando una fiamma entra in contatto con un materiale combustibile in presenza di ossigeno ACCENSIONE INDIRETTA: : quando il calore di innesco avviene per conduzione,convezione e irraggiamento ATTRITO: : quando il calore è prodotto dallo sfregamento di due materiali AUTOCOMBUSTIONE: : quando il calore è prodotto dallo stesso combustibile (reazioni chimiche,decomposizioni esotermiche,azione biologica)

30 PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE GAS DI COMBUSTIONE FIAMME FUMO CALORE

31 GAS DI COMBUSTIONE OSSIDO DI CARBONIO ANIDRIDE CARBONICA IDROGENO SOLFORATO ANIDRIDE SOLFOROSA ACIDO CIANIDRICO ALDEIDE ACRILICA FOSGENE AMMONIACA OSSIDO E PEROSSIDO DI AZOTO ACIDO CLORIDRICO

32 FIAMME Sono costituite dall emissione di luce conseguente alla combustione di gas sviluppatisi in un incendio.in particolare nell incendio di combustibili gassosi è possibile valutare approssimativamente il valore raggiunto dalla temperatura di combustione dal colore della fiamma

33 FIAMME

34 FUMI Sono formati da piccolissime particelle solide e liquide.. Le particelle solide sono sostanze incombuste che si formano quando la combustione avviene in carenza di ossigeno (fumo( nero), mentre quelle liquide sono costituite essenzialmente da vapore d acqua che al di sotto dei 100 C C condensa (fumo( bianco)

35 CALORE Il calore è la causa principale della propagazione degli incendi

36 PARAMETRI FISICI DELLA COMBUSTIONE TEMPERATURA DI INFIAMMABILITA TEMPERATURA DI ACCENSIONE LIMITE DI INFIAMMABILITA TEMPERATURA TEORICA DI COMBUSTIONE ARIA TEORICA DI COMBUSTIONE POTERE CALORIFICO

37 TEMPERATURA DI INFIAMMABILITA E la minima temperatura alla quale i liquidi combustibili emettono vapori in quantita tali da incendiarsi in caso di innesco

38 TEMPERATURA DI INFIAMMABILITA Benzina -20 c Gasolio 65 c Alcool metilico 11 c Alcool etilico 13 c

39 TEMPERATURA DI ACCENSIONE E la minima temperatura alla quale la miscela combustibile- comburente inizia a bruciare spontaneamente in modo continuo senza ulteriore apporto di calore o energia dall esterno

40 TEMPERATURA DI ACCENSIONE Benzina 250 c Gasolio 220 c Alcool metilico 455 c Carta 230 c Legno c Gomma sintetica 300 c

41 LIMITI DI INFIAMMABILITA Tali limiti individuano il campo di infiammabilità all interno del quale si ha,in caso di innesco,l accensione e la propagazione della fiamma nella miscela.

42 LIMITI DI INFIAMMABILITA LIMITE INFERIORE DI INFIAMMABILITA : la piu bassa concentrazione in volume di vapore della miscela al di sotto della quale non si ha accensione in presenza di innesco per carenza di combustibile LIMITE SUPERIORE DI INFIAMMABILITA : la piu alta concentrazione in volume di vapore della miscela al di sopra della quale non si ha accensione in presenza di innesco per eccesso di combustibile

43 LIMITI DI INFIAMMABILITA Benzina 1 (%in volume) 6,5 (%in volume) Gasolio 0,6 6,5 Acetone 2,5 13 Idrogeno 4 75,6

44 COMBUSTIONE SOSTANZE SOLIDE Pezzatura e forma del materiale Grado di porosità del materiale Elementi che compongono la sostanza Contenuto di umidità del materiale Condizioni di ventilazione

45 COMBUSTIONE DEI LIQUIDI INFIAMMABILI La combustione dei liquidi infiammabili avviene quando in corrispondenza della superficie i vapori dei liquidi,miscelandosi con l ossigeno dell aria in concentrazioni comprese nel campo di infiammabilità,sono opportunamente innescati.

46 COMBUSTIONE DEI LIQUIDI INFIAMMABILI L indice della maggiore o minore combustibilità di un liquido è fornito dalla temperatura di infiammabilità. In base alla temperatura di infiammabilità i liquidi infiammabili sono classificati in tre categorie.

47 COMBUSTIONE DEI LIQUIDI INFIAMMABILI CATEGORIA A: liquidi aventi punto di infiammabilità inferiore a 21 c CATEGORIA B: liquidi aventi punto di infiammabilità compreso tra 21 c c e 65 c CATEGORIA C: liquidi aventi punto di infiammabilità compreso tra 65 c c e 125 c

48 COMBUSTIONE DEI LIQUIDI INFIAMMABILI GASOLIO 65 C Cat. C BENZINA -20 C Cat. A ACETONE -18 C Cat. A ALCOOL ETILICO 13 C Cat. A ALCOOL METILICO 11 C Cat. A OLIO LUBRIFICANTE 149 C Cat. C

49 GAS INFIAMMABILI I gas in funzione delle loro caratteristiche fisiche possono essere classificati come segue: - GAS LEGGERI aventi densità rispetto all aria aria inferiore a 0,8 (idrogeno,metano..) - GAS PESANTI aventi densità rispetto all aria aria superiore a 0,8 (GPL,acetilene..)

50 GAS INFIAMMABILI I gas in funzione delle loro modalità di conservazione possono essere classificati come segue: - GAS COMPRESSI vengono conservati allo stato gassoso ad una pressione superiore a quella atmosferica in appositi recipienti detti bombole - GAS LIQUEFATTI vengono conservati allo stato liquido a temperatura ambiente mediante compressione in appositi recipienti detti bombole

51 GAS INFIAMMABILI GAS COMPRESSI: metano,idrogeno,gas nobili,ossigeno GAS LIQUEFATTI: ammoniaca,cloro,butano, propano, GPL

52 PRINCIPALI CAUSE DI INCENDIO Deposito o manipolazione non idonea di sostanze infiammabili o combustibili Impianti elettrici difettosi o non adeguatamente protetti Apparecchiature elettriche lasciate sotto tensione anche quando non utilizzate Ostruire la ventilazione di apparecchi di riscaldamento,macchinari,apparecchiature di ufficio Fumare in aree dove è proibito, o no usare il portacenere Ecc

53 SOSTANZE ESTINGUENTI L estinzione dell incendio si ottiene per raffreddamento,sottrazione del combustibile e soffocamento. Tali azioni possono essere ottenute singolarmente o contemporaneamente mediante l uso l delle sostanze estinguenti,che vanno scelte in funzione della natura del combustibile e delle dimensioni del fuoco

54 SOSTANZE ESTINGUENTI ACQUA SCHIUMA POLVERI IDROCARBURI ALOGENATI (HALON) GAS INERTI AGENTI ESTINGUENTI ALTERNATIVI ALL HALON

55 SOSTANZE ESTINGUENTI ACQUA E la sostanza estinguente per antonomasia. La sua azione estinguente si applica con le seguenti modalità: - Abbassamento della temperatura del combustibile - Azione di soffocamento per sostituzione dell ossigeno con il vapore acqueo - Diluizione di sostanze infiammabili solubili in acqua - Imbevimento dei combustibili solidi L uso dell acqua è consigliato per incendi di combustibili solidi.risultando un buon conduttore di energia elettrica non è impiegabile su impianti e apparecchiature sotto tensione

56 SOSTANZE ESTINGUENTI SCHIUMA La schiuma è un agente estinguente costituito da una soluzione in acqua di un liquido schiumogeno. L azione estinguente avviene per separazione del combustibile dal comburente e per raffreddamento. Le schiume sono impiegate per incendi di liquidi infiammabili e non possono essere utilizzate su parti in tensione

57 SOSTANZE ESTINGUENTI POLVERI Sono costituite da particelle solide finissime a base di bicarbonato di sodio o potassio,fosfati e sali organici. L azione estinguente delle polveri è prodotta dalla decomposizione delle stesse per effetto delle alte temperature raggiunte nell incendio,che dàd luogo ad effetti chimici sulla fiamma. I prodotti della decomposizione delle polveri pertanto separano il combustibile dal comburente,raffreddano raffreddano il combustibile incendiato e inibiscono il processo di combustione. Le polveri sono adatte per fuochi di classe A,B,C

58 SOSTANZE ESTINGUENTI GAS INERTI I gas inerti utilizzati per la difesa dagli incendi di ambienti chiusi sono generalmente l anidride carbonica e in minor misura l azoto. La loro presenza nell aria riduce la concentrazione del comburente fino ad impedire la combustione L anidride carbonica non risulta tossica per l uomo. l Essa produce un azione estinguente per raffreddamento dovuta all assorbimento assorbimento di calore generato dal passaggio dalla fasa liquida alla fase gassosa

59 SOSTANZE ESTINGUENTI IDROCARBURI ALOGENATI Detti anche HALON,, sono formati da idrocarburi saturi, in cui gli atomi di idrogeno sono stati parzialmente sostituiti con atomi di cromo,bromo o fluoro. L azione estinguente avviene attraverso l interruzione chimica della reazione di combustione. Gli HALON sono efficaci su incendi in ambienti chiusi scarsamente ventilati. Tuttavia per effetto delle alte temperature producono gas tossici per l uomo. Inoltre il loro utilizzo è stato recentemente limitato da disposizioni legislative emanate per la protezione della fascia di ozono stratosferico tosferico

60 DINAMICA DELL INCENDIO Nell evoluzione evoluzione di un incendio si possono individuare quattro fasi caratteristiche: - FASE DI IGNIZIONE - FASE DI PROPAGAZIONE - INCENDIO GENERALIZZATO (FLASH OVER) - ESTINZIONE E RAFFREDDAMENTO

61 DINAMICA DELL INCENDIO

62 DINAMICA DELL INCENDIO La FASE DI IGNIZIONE dipende da: - Infiammabilità del combustibile - Possibilità di propagazione della fiamma - Grado di partecipazione al fuoco del combustibile - Geometria e volume degli ambienti - Ventilazione dell ambiente

63 DINAMICA DELL INCENDIO La FASE DI PROPAGAZIONE caratterizzata da: - Produzione di gas tossici e corrosivi - Riduzione di visibilità a causa dei fumi - Aumento rapido delle temperature - Aumento della partecipazione alla combustione dei materiali combustibili - Aumento dell energia energia di irraggiamento

64 DINAMICA DELL INCENDIO La fase di INCENDIO GENERALIZZATO (FLASH OVER) caratterizzato da: - Brusco incremento della temperatura - Crescita esponenziale della velocità di combustione - Forte aumento di gas e particelle incandescenti - Autoaccensione dei combustibili vicini al fuoco,mentre quelli piu lontani producono gas di distillazione infiammabili

65 DINAMICA DELL INCENDIO Nella fase di ESTINZIONE E RAFFREDDAMENTO,quando l incendio l ha terminato di interessare tutto il materiale combustibile,ha inizio la fase di decremento delle temperature all interno del locale a causa della progressiva diminuzione dell apporto termico residuo e della dissipazione di calore attraverso i fumi e di fenomeni di conduzione termica

66 EFFETTI DELL INCENDIO SULL UOMO UOMO I principali effetti che l incendio l provoca sull uomo uomo sono: - ANOSSIA - AZIONE TOSSICA DEI FUMI - RIDUZIONE DELLA VISIBILITA - AZIONE TERMICA ANOSSIA (A A CAUSA DELLA RIDUZIONE DEL TASSO DI OSSIGENO)

67 EFFETTI DELL INCENDIO SULL UOMO UOMO

68 EFFETTI DELL INCENDIO SULL UOMO UOMO OSSIDO DI CARBONIO Si sviluppa in incendi covanti in ambienti chiusi ed in carenza di ossigeno. E incolore,inodore,non irritante,infiammabile Ha densità pari a 0,95,cioè molto prossima a quella dell aria aria.questo comporta una facile miscelazione in qualsiasi condizione. E altamente tossico,respirato respirato anche in piccole dosi si fissa rapidamente sull emoglobulina del sangue bloccando i legami che la stessa ha con l ossigenol ossigeno.le cellule non vengono piu ossigenate.

69 EFFETTI DELL INCENDIO SULL UOMO UOMO CO (ppm( ppm) Tempo max esposizione (sec)

70 EFFETTI DELL INCENDIO SULL UOMO UOMO ANIDRIDE CARBONICA L anidride carbonica è un gas asfissiante in quanto,pur non producendo effetti tossici sull organismo umano,si sostituisce all ossigeno dell aria. Quando determina una diminuzione di ossigeno a valori inferiori al 17% in volume,produce asfissia. E incolore,inodore,inerte,non non infiammabile Ha densità pari a 1,52, quindi si accumula in zone basse poco ventilate.

71 EFFETTI DELL INCENDIO SULL UOMO UOMO ALTRI GAS ACIDO CIANIDRICO: Si sviluppa in modeste quantità in incendi ordinari attraverso combustioni incomplete (carenza di ossigeno)di lana,seta,resine acriliche e poliammidiche.possiede un caratteristico odore di mandorle amare. E un aggressivo chimico che interrompe la catena respiratoria a livello cellulare. Le vie di penetrazione sono cutanea,inalatoria,digerente FOSGENE: E un gas tossico che si sviluppa durante la combustione di materiali che contengono cloro,come per esempio alcune materie plastiche. A contatto con l acqua l o con l umiditl umidità si scinde in anidride carbonica e acido cloridrico,quest quest ultimo ultimo estremamente pericoloso in quanto altamente caustico

72 EFFETTI DELL INCENDIO SULL UOMO UOMO Il calore è dannoso per l dannoso per l uomo potendo causare la disidratazione dei tessuti,difficoltà o blocco della respirazione e scottature.una temperatura dell aria di 150 C è da ritenere la massima sopportabile sulla pelle per brevissimo tempo,a condizione che l aria l sia sufficientemente secca.tale valore si abbassa se l aria l è umida. Purtroppo negli incendi sono presenti notevoli quantità di vapore acqueo.una temperatura di 60 C è da ritenere la massima respirabile per breve tempo

73 EFFETTI DELL INCENDIO SULL UOMO UOMO L irraggiamento genera ustioni sull organismo umano che possono essere classificate a seconda della loro profondità: USTIONI DI 1 GRADO1 GRADO: Superficiali,facilmente guaribili USTIONI DI 2 GRADO2 GRADO: Formazione di bolle e vescicole USTIONI DI 3 GRADO3 GRADO: profonde

74 ESPLOSIONE L esplosione è il risultato di una rapida espansione di gas dovuta ad una reazione chimica di combustione. Gli effetti dell esplosione esplosione sono produzione di calore,un onda onda d urto d e un picco di pressione. Un esplosione può avere luogo quando gas,vapori o polveri infiammabili,entro il loro campo di esplosività,vengono innescati da una fonte di innesco avente sufficiente energia.

75 RISCHIO INCENDIO Il rischio di ogni evento incidentale (l incendio nel nostro caso)risulta definito da due fattori: - LA FREQUENZA,cio,cioè la probabilità che l evento si verifichi - LA MAGNITUDO,, cioè l entità delle possibili perdite e danni conseguenti al verificarsi dell evento evento

76 RISCHIO INCENDIO RISCHIO = FREQUENZA X MAGNITUDO

77 CONTROLLO E GESTIONE DEL RISCHIO FREQUENZA ELEVATA AREA DI MEDIO-ALTA PROTEZIONE RISCHIO INACCETTABILE MEDIO-BASSA BASSISSIMA PREVENZIONE MAGNITUDO TRASCURABILE MODESTA NOTEVOLE INGENTE

78 LA PREVENZIONE INCENDI E l attuazione di tutte le misure finalizzate a ridurre il rischio mediante la diminuzione della frequenza

79 LA PREVENZIONE INCENDI La sicurezza antincendio si attua mediante il conseguimento di obiettivi primari: - Riduzione al minimo delle occasioni di incendio - Stabilità delle strutture portanti per un tempo utile ad assicurare il soccorso degli occupanti - Limitata produzione e propagazione di fuoco e fumi all interno delle opere - Possibilità che gli occupanti lascino l opera l indenni - Possibilità per le squadre di soccorso di operare in condizioni di sicurezza

80 SPECIFICHE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI Le principali misure di prevenzione incendi,finalizzate alla riduzione della probabilità di accadimento di un incendio,possono essere individuate in: - Realizzazione di impianti elettrici a regola d arted - Collegamento elettrico a terra di impianti,strutture,serbatoi - Dispositivi di sicurezza degli impianti di distribuzione e utilizzazione delle sostanze infiammabili - Ventilazione dei locali - Utilizzazione di materiali incombustibili - Segnaletica di sicurezza

81 MISURE COMPORTAMENTALI PER PREVENIRE GLI INCENDI Molti incendi possono essere prevenuti richiamando l attenzione del personale sulle cause e sui pericoli di incendio più comuni. Il personale deve adeguare i propri comportamenti ponendo particolare attenzione a: a - Deposito ed utilizzo di materiali infiammabili e facilmente combustibili - Utilizzo di fonti di calore - Impianti ed apparecchi elettrici - Fumo - Rifiuti e scarti combustibili - Aree non frequentate - Rischi legati a incendi dolosi

82 PROTEZIONE ANTINCENDIO

83 PROTEZIONE ANTINCENDIO E l attuazione di tutte le misure finalizzate a ridurre il rischio mediante la diminuzione della magnitudo (danno)

84 PROTEZIONE ANTINCENDIO PASSIVA PROTEZIONE (non c èc bisogno di un intervento) ATTIVA PROTEZIONE (c è bisogno di un intervento)

85 PROTEZIONE ANTINCENDIO PROTEZIONE PASSIVA è l insieme delle misure di protezione che non richiedono l azione di un uomo o l azionamento di un impianto e hanno come obiettivo la limitazione degli effetti dell incendio nello spazio e nel tempo

86 PROTEZIONE ANTINCENDIO PROTEZIONI PASSIVE sono: - Barriere antincendio (isolamento dell edificio,distanze edificio,distanze di sicurezza,muri tagliafuoco,schermi schermi.) - Strutture aventi caratteristiche di resistenza al fuoco - Materiali classificati per la reazione al fuoco - Sistemi di ventilazione - Sistemi di vie d uscitad commisurate al massimo affollamento

87 PROTEZIONE ANTINCENDIO PROTEZIONE ATTIVA è l insieme delle misure di protezione che richiedono l azione di un uomo o l azionamento l di un impianto e sono quelle finalizzate alla precoce rilevazione dell incendio,alla segnalazione e all azione azione di spegnimento dello stesso

88 PROTEZIONE ANTINCENDIO PROTEZIONI ATTIVE sono: - Estintori - Rete idrica antincendi - Impianti di rivelazione automatica d incendio - Impianti di spegnimento automatici - Dispositivi di segnalazione e d allarmed - Evacuatori di fumo e calore

89 PROTEZIONE PASSIVA

90 PROTEZIONE PASSIVA DISTANZE DI SICUREZZA Si distinguono in distanze di sicurezza interne e esterne a seconda che siano finalizzate a proteggere elementi appartenenti ad uno stesso complesso o esterni al complesso stesso. Appare evidente che compartimentare una struttura ricorrendo alla sola adozione delle distanze di sicurezza comporta l utilizzo l di grandi spazi. Pertanto la protezione passiva si realizza anche mediante elementi di separazione strutturale tipo tagliafuoco

91

92

93 PROTEZIONE PASSIVA RESISTENZA AL FUOCO E COMPARTIMENTAZIONE La resistenza al fuoco delle strutture rappresenta il comportamento al fuoco degli elementi che hanno funzioni strutturali negli edifici. In termini numerici la resistenza al fuoco rappresenta l intervallo di tempo (min) di esposizione dell elemento elemento strutturale ad un incendio,durante il quale conserva i requisiti progettuali di stabilità meccanica e tenuta ai prodotti della combustione

94

95 PROTEZIONE PASSIVA Più specificatamente la resistenza al fuoco può definirsi come l attitudine l di un elemento da costruzione a conservare: LA STABILITA LA TENUTA E L ISOLAMENTO TERMICO I R

96 PROTEZIONE PASSIVA R STABILITA STABILITA E l attitudine di un elemento da costruzione a conservare la resistenza meccanica sotto l azione l del fuoco E TENUTA E l attitudine di un elemento da costruzione a non lasciar passare ne produrre,se sottoposto all azione azione del fuoco su un lato,fiamme,vapori o gas caldi sul lato non esposto al fuoco I ISOLAMENTO TERMICO E l attitudine di un elemento da costruzione a ridurre,entro un dato limite,la trasmissione del calore

97 PROTEZIONE PASSIVA Quindi i materiali da costruzione vengono classificati da un numero che esprime i minuti primi per i quali conservano le caratteristiche suindicate in funzione delle lettere R,E,I

98

99

100 PROTEZIONE PASSIVA VIE DI ESODO Il problema dell esodo esodo delle persone minacciate da un incendio è universalmente riconosciuto di capitale importanza. Gli elementi fondamentali nella progettazione del sistema di vie d uscita d si possono fissare in: Dimensionamento e geometria delle vie d uscitad Sistemi di protezione attiva e passiva delle vie d uscitad Sistemi di identificazione continua delle vie d uscitad In particolare il dimensionamento delle vie d uscita d dovrà tenere conto del massimo affollamento ipotizzabile nell edificio edificio e della capacità d esodo dell edificio edificio

101 PROTEZIONE PASSIVA LE VIE DI ESODO SONO I PERCORSI CHE PORTANO AL LUOGO SICURO LUOGO SICURO E UNO SPAZIO SCOPERTO OVVERO COMPARTIMENTO ANTINCENDIO, SEPARATO DA ALTRI COMPARTIMENTI MEDIANTE SPAZIO SCOPERTO O FILTRI A PROVA DI FUMO, AVENTE CARATTERISTICHE IDONEE A RICEVERE E CONTENERE UN DETERMINATO NUMERO DI PERSONE (LUOGO( SICURO STATICO), OVVERO A CONSENTIRNE IL MOVIMENTO ORDINATO (LUOGO( SICURO DINAMICO)

102

103 PROTEZIONE PASSIVA Vediamo altre definizioni: MODULO DI USCITA: : unità di misura della larghezza delle uscite. Il modulo uno,che si assume uguale a 0,60 metri,, esprime la larghezza media occupata da una persona CAPACITA DI DEFLUSSO O SFOLLAMENTO: numero massimo di persone che, in un sistema di vie d uscita d si assume possano defluire attraverso una uscita di modulo uno.tale dato tiene conto del tempo occorrente per lo sfollamento ordinato di un compartimento DENSITA DI AFFOLLAMENTO: numero massimo di persone assunto per unità di superficie lorda di pavimento (persone/m²) MASSIMO AFFOLLAMENTO IPOTIZZABILE: numero di persone ammesso in un compartimento.. E E determinato dal prodotto della densità di affollamento per la superficie lorda del pavimento

104

105

106 PROTEZIONE PASSIVA SCALA A PROVA DI FUMO INTERNA: : scala in vano costituente compartimento antincendio avente accesso, per ogni piano, da filtro a prova di fumo SCALA PROTETTA: : scala in vano costituente compartimento antincendio avente accesso diretto da ogni piano, con porte di resistenza al fuoco REI predeterminata e dotate di congegno di auto chiusura SCALA DI SICUREZZA ESTERNA: : scala totalmente esterna munita di parapetto regolamentare e di altre caratteristiche stabilite dalla norma

107 FILTRO A PROVA DI FUMO MANTENUTO IN SOVRAPRESSIONE

108 SCALA A PROVA DI FUMO INTERNA

109 SCALA PROTETTA

110 PROTEZIONE PASSIVA REAZIONE AL FUOCO La reazione al fuoco di un materiale rappresenta il comportamento al fuoco del medesimo materiale che, per effetto della sua composizione, alimenta un fuoco al quale è esposto partecipando così all incendio Ai materiali sono assegnate,in base a prove sperimentali,delle CLASSI IGNIFUGO

111 PROTEZIONE PASSIVA La classe di reazione al fuoco di un materiale viene accertata mediante specifiche prove di laboratorio,eseguite da laboratori ufficialmente autorizzati. Al superamento di tali prove viene rilasciata la certificazione e l omologazionel da parte del Ministero dell interno. Negli edifici soggetti a prevenzione incendi possono essere impiegati solo materiali omologati, oppure materiali che rientrano nella classe di resistenza al fuoco 0, accompagnati da una dichiarazione di conformità del produttore

112 PROTEZIONE ATTIVA ESTINTORI

113 ESTINTORI I principali riferimenti normativi riguardanti gli estintori sono: o: D.M.n 5 5 del 20/12/ Norme tecniche e procedurali relative agli estintori portatili d incendiod D.P.R.n 37 del 12/01/ Nuovo regolamento di prevenzione incendi D.M.n 64 del 10/03/ Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza emergenza nei luoghi di lavoro Norma UNI Apparecchiature di estinzione incendi. D.M.7.7/01/ Norme tecniche e procedurali per la classificazione ed omologazione di estintori portatili d incendio

114 ESTINTORI Principali termini e definizioni: AGENTE ESTINGUENTE: sostanza contenuta nell estintore estintore.la sua azione determina l estinzione l del principio d incendiod CARICA: quantità di agente estinguente contenuto nell estintore,espresso estintore,espresso in Kg CLASSIFICAZIONE: : la classificazione degli estintori portatili si effettua secondo quanto specificato dalla norma UNI EN 3/7:2004,o altra norma tecnica equivalente adottata da un ente di normazione nazionale di un paese dell unione Europea OMOLOGAZIONE: è l atto conclusivo attestante il positivo espletamento procedurale tecnico amministrativo finalizzato al riconoscimento dei requisiti previsti dalle disposizioni di settore DURATA DI FUNZIONAMENTO: è il tempo durante il quale si verifica la completa erogazione dell agente estinguente,senza interruzioni,con la valvola completamente aperta

115 ESTINTORI Sull estintore deve essere apposta un etichetta che deve riportare le seguenti informazioni: La parola estintore Il tipo di agente estinguente Le classi di spegnimento Le istruzioni per l usol I pittogrammi dei focolari idonei ad estinguere Le avvertenze di pericolo L indicazione circa l uso l o non uso sui quadri elettrici Gli estremi di omologazione Il nome della società responsabile dell apparecchio

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

Principali misure di protezione antincendio - INTRODUZIONE -

Principali misure di protezione antincendio - INTRODUZIONE - Principali misure di protezione antincendio - INTRODUZIONE - La protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti al verificarsi di un incendio.

Dettagli

INFORMAZIONE ANTINCENDIO

INFORMAZIONE ANTINCENDIO INFORMAZIONE ANTINCENDIO Nozioni Utili per gli addetti Antincendio PREMESSA Nell ambito degli obiettivi di sicurezza antincendio e delle relative misure da adottare in caso di necessità per affrontare

Dettagli

Corso di formazione per addetti alla lotta antincendio e alla gestione delle emergenze

Corso di formazione per addetti alla lotta antincendio e alla gestione delle emergenze Corso di formazione per addetti alla lotta antincendio e alla gestione delle emergenze 1 PREVENZIONE DI EVENTI NON DESIDERATI TUTELA DELLA INTEGRITA FISICA DEI LAVORATORI E SALVAGUARDIA DEI BENI AZIENDALI

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio

Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio L estinzione dell incendio si ottiene per raffreddamento, sottrazione del combustibile soffocamento. Tali azioni possono essere ottenute singolarmente

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

Dott. Ing. Paolo PALOMBO

Dott. Ing. Paolo PALOMBO INCENDIO PREVENZIONE - PROTEZIONE Dott. Ing. Paolo PALOMBO Ordine dei Medici della provincia di Latina Incontro di aggiornamento STUDI SICURI 2012 E Obbligo del datore di lavoro l assicurare gli adempimenti

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI 1

PREVENZIONE INCENDI 1 PREVENZIONE INCENDI 1 COMBUSTIONE La combustione è la reazione chimica di due sostante (combustibile e comburente) con sviluppo di calore. Condizioni necessarie per la suddetta reazione chimica sono: presenza

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Perché possa insorgere un incendio occorre la contemporanea presenza di: - COMBUSTIBILE = la sostanza che brucia (può essere solida, liquida o gassosa) -

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di VERDELLINO Largo Cartesio 1-24040 Verdellino (BG) Procedure organizzative integrate tra addetti all Antincendio e Insegnanti

ISTITUTO COMPRENSIVO di VERDELLINO Largo Cartesio 1-24040 Verdellino (BG) Procedure organizzative integrate tra addetti all Antincendio e Insegnanti Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO di VERDELLINO Largo Cartesio 1-24040 Verdellino (BG) Procedure organizzative integrate tra addetti all Antincendio e Insegnanti

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA EMRGENZA Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione INCENDIO E ESPLOSIONE Ai fini della valutazione del rischio incendio il Datore di Lavoro classifica

Dettagli

RISCHIO INCENDIO Parliamo di FUOCO nella sua forma non controllata

RISCHIO INCENDIO Parliamo di FUOCO nella sua forma non controllata RISCHIO INCENDIO Parliamo di FUOCO nella sua forma non controllata RISCHIO INCENDIO MEDIO Il DLgs 81/2008 Il DM 10.03.1998 è la Legge di che tratta Criteri generali di sicurezza antincendio per la gestione

Dettagli

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO Bergamo 20 Novembre 2003 Geom. Stefano Fiori LA GESTIONE DELLE EMERGENZE OBBIETTIVI ATTUARE COMPORTAMENTI

Dettagli

Università degli Studi di Bari. Incendi: classificazione, presidi antincendio e comportamenti da adottare in caso di incendio Arch.

Università degli Studi di Bari. Incendi: classificazione, presidi antincendio e comportamenti da adottare in caso di incendio Arch. Università degli Studi di Bari Incendi: classificazione, presidi antincendio e comportamenti da adottare in caso di incendio Arch. Valentina Megna Triangolo del Fuoco 2 Combustibile (legno, carta, benzina,

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Framinia. Corso di formazione ed informazione ai sensi del D.lgs. 81/08 ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO RISCHIO BASSO

Framinia. Corso di formazione ed informazione ai sensi del D.lgs. 81/08 ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO RISCHIO BASSO Framinia Corso di formazione ed informazione ai sensi del D.lgs. 81/08 ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO RISCHIO BASSO RISCHIO INCENDIO MODALITA DELLA DISCIPLINA PREVENZIONE riduzione delle

Dettagli

La prevenzione incendi e le procedure di emergenza ed evacuazione

La prevenzione incendi e le procedure di emergenza ed evacuazione La prevenzione incendi e le procedure di emergenza ed evacuazione Corso per addetti antincendio in attività a medio rischio di incendio ai sensi del DM 10.03.1998 La normativa vigente in materia Principi

Dettagli

L ESTINZIONE DEGLI INCENDI. L estinzione degli incendi -- Programma LEONARDO

L ESTINZIONE DEGLI INCENDI. L estinzione degli incendi -- Programma LEONARDO L ESTINZIONE DEGLI INCENDI L estinzione degli incendi Per interrompere la reazione di combustione, bisogna eliminare almeno uno dei tre fattori indispensabile alla sua esistenza, che sono: combustibile

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

L INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI

L INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI L INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI L INCENDIO Rapida ossidazione di materiali con sviluppo di calore, fiamme, fumo e gas caldi. Effetti dell'incendio: Emanazione di energia (calore) Trasformazione dei

Dettagli

prevenzione incendi e GeSTione delle emergenze

prevenzione incendi e GeSTione delle emergenze Collana Cultura della sicurezza prevenzione incendi e GeSTione delle emergenze Quaderno informativo n. 2 Ufficio Speciale prevenzione e protezione Ufficio Speciale prevenzione e protezione Collana Cultura

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI. Docente: Dott. Ing. Sabrina Bartolucci. Pagina 1 di 15

PREVENZIONE INCENDI. Docente: Dott. Ing. Sabrina Bartolucci. Pagina 1 di 15 PREVENZIONE INCENDI Docente: Dott. Ing. Sabrina Bartolucci Pagina 1 di 15 1. GENERALITA SULL INCENDIO 1.1 LA COMBUSTIONE La combustione è una reazione chimica sufficientemente rapida di una sostanza combustibile

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

La prevenzione incendi

La prevenzione incendi La prevenzione incendi I temi della presente giornata di studio saranno: La combustione. Classi d'incendio. Comportamento al fuoco. Protezioni antincendio: attiva e passiva. Evoluzione dal D.M. 16/02/1982

Dettagli

FASCICOLO TECNICO INFORMATIVO IN MATERIA DI LOTTA ALL INCENDIO

FASCICOLO TECNICO INFORMATIVO IN MATERIA DI LOTTA ALL INCENDIO FASCICOLO TECNICO INFORMATIVO IN MATERIA DI LOTTA ALL INCENDIO (D. LGS. 09.04.2008, ART. 36, comma 1, lett. b ) VASTO, lì SETTEMBRE 2008 A CURA DEL R.S.P.P. DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO R. PAOLUCCI

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

Corso per addetti antincendio rischio elevato 2 Modulo

Corso per addetti antincendio rischio elevato 2 Modulo Corso per addetti antincendio rischio elevato 2 Modulo LA DECONTAMINAZIONE NBCR 30/03/2012 ing. V. Nocente- VVF 1 parleremo di: Misure di protezione contro gli incendi Vie di esodo Procedure da adottare

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Corpo Nazionale Vigili del Fuoco

Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Corpo Nazionale Vigili del Fuoco Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Corpo Nazionale Vigili del Fuoco Corsi di Prevenzione Incendi, Lotta Antincendi e Gestione Emergenze

Dettagli

56331LFROD%$5,/( 2SXVFRORLQIRUPDWLYR SHULODYRUDWRULGHOODVFXROD ³3UHYHQ]LRQH,QFHQGL. $FXUDGHO6HUYL]LRGL3UHYHQ]LRQHH3URWH]LRQH Pagina 1 di 7

56331LFROD%$5,/( 2SXVFRORLQIRUPDWLYR SHULODYRUDWRULGHOODVFXROD ³3UHYHQ]LRQH,QFHQGL. $FXUDGHO6HUYL]LRGL3UHYHQ]LRQHH3URWH]LRQH Pagina 1 di 7 2SXVFRORLQIRUPDWLYR SHULODYRUDWRULGHOODVFXROD ³3UHYHQ]LRQH,QFHQGL $FXUDGHO6HUYL]LRGL3UHYHQ]LRQHH3URWH]LRQH Pagina 1 di 7 PREVENZIONE INCENDI e LOTTA ANTINCENDIO Mezzi di estinzione fissi o mobili e loro

Dettagli

e misure di prevenzione e protezione e gestione dell emergenza

e misure di prevenzione e protezione e gestione dell emergenza MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Rischio d incendio d e misure di prevenzione e protezione e gestione dell emergenza emergenza Rischio da esplosioni Ing. Sabrina

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Università degli Studi di Roma La Sapienza Piazzale Aldo Moro, 5-00185 ROMA UFFICIO SPECIALE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Collllana Culltura delllla Siicurezza PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE

Dettagli

Opuscolo informativo per i lavoratori della scuola Prevenzione Incendi

Opuscolo informativo per i lavoratori della scuola Prevenzione Incendi Opuscolo informativo per i lavoratori della scuola Prevenzione Incendi A cura del Servizio di Prevenzione e Protezione Pagina 1 di 7 PREVENZIONE INCENDI e LOTTA ANTINCENDIO Mezzi di estinzione fissi o

Dettagli

Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO

Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO ELABORATO N. 5 Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO ALLEGATO 1 - PERCORSO FORMATIVO PER ADDETTO ANTINCENDIO (DECRETO MINISTERIALE 10/03/1998) Roma lì, GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO ANTINCENDIO

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno - Corso di prevenzione incendi

Ing. Mauro Malizia - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno - Corso di prevenzione incendi CAPITOLO 1 L INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI L INCENDIO Definizione: rapida ossidazione di materiali con notevole sviluppo di calore, fiamme, fumo e gas caldi. Effetti dell'incendio: Emanazione di energia

Dettagli

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA 1 IL RISCHIO INCENDIO NEL SETTORE CARTARIO Gilberto Giunti, Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Lucca 2 IL RISCHIO INCENDIO Che cos è

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Impianti e dispositivi antincendio

Impianti e dispositivi antincendio Gestione ambientale Impianti e dispositivi antincendio 1/2 Concetti base sugli incendi classificazione e cinetica degli incendi carico d incendio e REI 2 2005 Politecnico Torino 1 2/2 Interventi preventivi

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO PARTE 4 - PRATICA

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO PARTE 4 - PRATICA CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO PARTE 4 - PRATICA art. 46 D.L.vo 81/08 D.M. 10/3/98 Allegato IX Relatore: Prof.ssa MASELLA Cinzia Rev. 10-2015 Classificazione dei fuochi La normativa europea

Dettagli

Ing. Mauro Malizia. Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno (Aggiornamento dicembre 2010)

Ing. Mauro Malizia. Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno (Aggiornamento dicembre 2010) Corso per i lavoratori incaricati dell attività di prevenzione incendi e lotta antincendio, evacuazione dei luoghi di lavoro e gestione delle emergenze (Art. 37 comma 9 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81)

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile

Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno Manuale di prevenzione incendi Corso per i lavoratori

Dettagli

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza INCENDI Nell industria di processo l incendio rappresenta il processo più frequente: il calore prodotto e irraggiato provoca generalmente notevoli danni all impianto e pone in serio pericolo l incolumità

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

CORSO RSPP modulo B SAFETY CONTACT SRL RISCHIO ELETTRICO. Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica Antincendio

CORSO RSPP modulo B SAFETY CONTACT SRL RISCHIO ELETTRICO. Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica Antincendio SAFETY CONTACT SRL CORSO RSPP modulo B RISCHIO ELETTRICO D.Lgs. 81/08. IGIENE SICUREZZA AMBIENTE CERTIFICAZIONI ANTINCENDIO MEDICINA del LAVORO PRIVACY Divisione Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica

Dettagli

Premessa, programmi dei corsi e introduzione da pag. 2 a pag. 7. L incendio e la prevenzione incendi da pag. 8 a pag. 51

Premessa, programmi dei corsi e introduzione da pag. 2 a pag. 7. L incendio e la prevenzione incendi da pag. 8 a pag. 51 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di NUORO Corso di formazione per gli addetti

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Responsabile corsi di formazione per addetti antincendio - Comando dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno INTRODUZIONE...

Ing. Mauro Malizia - Responsabile corsi di formazione per addetti antincendio - Comando dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno INTRODUZIONE... Indice INTRODUZIONE... 3 CAPITOLO 1 L INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI...9 L INCENDIO... 9 La combustione... 9 Le principali cause di incendio in relazione allo specifico ambiente di lavoro... 23 Sostanze

Dettagli

FORMAZIONE ANTINCENDIO

FORMAZIONE ANTINCENDIO ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA SUL LAVORO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Decreto Ministero dell Interno 10 marzo 1998 FORMAZIONE ANTINCENDIO con LEGGI, DECRETI, CIRCOLARI E COMMENTI

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del Fuoco Ascoli Piceno Manuale di prevenzione incendi Corso per i lavoratori

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLA GESTIONE EMERGENZA ANTINCENDIO

NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLA GESTIONE EMERGENZA ANTINCENDIO NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLA GESTIONE EMERGENZA ANTINCENDIO Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli

Dettagli

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI PREVENZIONE INCENDI D.M. 30/11/1983 1. Caratteristiche costruttive 2. Distanze 3. Affollamento - esodo 4. Mezzi antincendio

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

Rischi per la Sicurezza

Rischi per la Sicurezza Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 4 Rischi

Dettagli

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/1 generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/25 Contenuti DM 10/03/98 1/2 Valutazione dei rischi di incendio, protettive e precauzionali di esercizio Controllo

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

LA GESTIONE SICUREZZA ANTINCENDIO ED EMERGENZE SUI LUOGHI DI LAVORO

LA GESTIONE SICUREZZA ANTINCENDIO ED EMERGENZE SUI LUOGHI DI LAVORO Percorso Formativo Sicurezza Lavoro ai sensi del Decreto Legislativo 81/08 e del Decreto Ministeriale 10/03/1998 LA GESTIONE SICUREZZA ANTINCENDIO ED EMERGENZE SUI LUOGHI DI LAVORO Obblighi del Datore

Dettagli

GUIDA ALL USO DEGLI ESTINTORI

GUIDA ALL USO DEGLI ESTINTORI Informazioni di base utili per il corretto utilizzo di validi strumenti di difesa dal fuoco. Dr. Angelo Scardellato Gli estintori costituiscono il presidio antincendio rappresen - tato in tutti i posti

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Addetti Antincendio RISCHIO MEDIO

CORSO DI FORMAZIONE per Addetti Antincendio RISCHIO MEDIO CORSO DI FORMAZIONE per Addetti Antincendio (secondo il D.Lgs. 81/2008 e s.m. in applicazione del DM 10/03/1998) RISCHIO MEDIO Programma 1. Introduzione 2. L incendio e la prevenzione incendi 2.1) La combustione

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

GUIDA PRATICA ALL ANTINCENDIO E ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA (D.Lgs. 626/94 e succ. mod. e int.; D.M. 10.03.1998)

GUIDA PRATICA ALL ANTINCENDIO E ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA (D.Lgs. 626/94 e succ. mod. e int.; D.M. 10.03.1998) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Area A Ambiente Sicurezza e Qualità Strada Nuova 65-27100 PAVIA Uffici: via S. Epifanio 12 27100 Pavia Tel: 0382-984827/8/9 Fax 0382-21020 Email: fisanit@unipv.it GUIDA

Dettagli

Individuazione generale delle problematiche

Individuazione generale delle problematiche Prevenzione e protezione 10 Individuazione generale delle problematiche LA COMBUSTIONE La combustione è una reazione chimica esotermica che si sviluppa tra due sostanze, una chiamata combustibile ed un

Dettagli

IL LEGNO: REAZIONE AL FUOCO

IL LEGNO: REAZIONE AL FUOCO PREMESSA Il legno è un materiale che, impiegato nelle costruzioni con diverse finalità (ad es. strutturali, decorativi o di arredamento ecc.), ha sempre posto il problema della sua combustibilità, intesa

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

RISCHIO di INCENDIO MEDIO

RISCHIO di INCENDIO MEDIO CORSO ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO e GESTIONE DELLE EMERGENZE RISCHIO di INCENDIO MEDIO Emesso da: RGQ Resp. Marketing - Sviluppo Sita Srl Approvato da: Direzione Sita Srl Documento

Dettagli

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Il recepimento della direttiva comunitaria 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori

Dettagli

Dipartimento di Scienze della Vita IL RISCHIO D INCENDIO E DI ESPLOSIONE. Polo Scientifico Universitario San Miniato -Siena

Dipartimento di Scienze della Vita IL RISCHIO D INCENDIO E DI ESPLOSIONE. Polo Scientifico Universitario San Miniato -Siena Dipartimento di Scienze della Vita IL RISCHIO D INCENDIO E DI ESPLOSIONE Polo Scientifico Universitario San Miniato -Siena Combustibili Sostanze che bruciano, i cui elementi fondamentali che li compongono

Dettagli

INDICE. Il D.Lgs. 81/2008 pag. 3. La valutazione dei rischi pag. 11. Principi di Sicurezza sul Lavoro pag. 12. Obblighi e Responsabilità pag.

INDICE. Il D.Lgs. 81/2008 pag. 3. La valutazione dei rischi pag. 11. Principi di Sicurezza sul Lavoro pag. 12. Obblighi e Responsabilità pag. dr. A. Papa ing. C. Rambaldi prevenzione incendi D.lgs. 81/2008 OPUSCOLO PER IL LAVORATORE MED.I.L. srl Medicina ed Igiene del Lavoro INDICE Il D.Lgs. 81/2008 pag. 3 La valutazione dei rischi pag. 11 Principi

Dettagli

Via Nizza, 128 00198 Roma Tel. 06 84 24 22 47 Fax 06 85 35 47 79 agsg@agag.it www.agsg.it. programmi regionali di formazione e corsi tematici).

Via Nizza, 128 00198 Roma Tel. 06 84 24 22 47 Fax 06 85 35 47 79 agsg@agag.it www.agsg.it. programmi regionali di formazione e corsi tematici). L ENTE BILATERALE NAZIONALE DEL TURISMO (EBNT), è un organismo paritetico costituito nel 1991 dalle organizzazioni sindacali nazionali dei datori di lavoro e dei lavoratori maggiormente rappresentative

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli edifici di interesse storico-artistico destinati a biblioteche ed archivi.

Dettagli

Sicurezza nell utilizzo dei gas medicinali in ambito ospedaliero e domiciliare Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici

Sicurezza nell utilizzo dei gas medicinali in ambito ospedaliero e domiciliare Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici Sicurezza nell utilizzo dei gas medicinali in ambito ospedaliero e domiciliare Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici Contenuti della presentazione Descrivere caratteristiche e modalità di impiego

Dettagli

Linee guida Canton Ticino nr. 01 Dispositivi di spegnimento manuali

Linee guida Canton Ticino nr. 01 Dispositivi di spegnimento manuali Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco c/o Ufficio domande di costruzione, Viale Stefano Franscini 17-6501 Bellinzona Tel. +41 91 814 36 70 Fax. +41 91 814 44 75 E-mail DT-Ccpolf@ti.ch

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di SASSARI Corso di formazione per gli addetti

Dettagli

Ai sensi dell art. 37 D.Lgs. 81/08 e del D.M. n.64 10/3/98

Ai sensi dell art. 37 D.Lgs. 81/08 e del D.M. n.64 10/3/98 Ai sensi dell art. 37 D.Lgs. 81/08 e del D.M. n.64 10/3/98 Principi della combustione La combustione è una reazione di ossidazione che avviene in fase omogenea gassosa TRIANGOLO DEL FUOCO innesco combustibile

Dettagli

1RUPHJHQHUDOLGLFRPSRUWDPHQWRLQFDVRG LQFHQGLR

1RUPHJHQHUDOLGLFRPSRUWDPHQWRLQFDVRG LQFHQGLR 1RUPHJHQHUDOLGLFRPSRUWDPHQWRLQFDVRG $WWHQ]LRQH: alle superfici vetrate: a causa del calore possono rompersi alle bombole/recipienti con gas o liquidi in pressione ai liquidi infiammabili: possono riaccendersi

Dettagli

INIBITORE DI FIAMMA ECOLOGICO MANGIAFUOCO 13 B

INIBITORE DI FIAMMA ECOLOGICO MANGIAFUOCO 13 B INIBITORE DI FIAMMA ECOLOGICO MANGIAFUOCO 13 B L inibitore brevettato sottodescritto è un erogatore manuale, portatile, di aerosol con grande capacità estinguente, innocuo ed eco-compatibile. Si presenta

Dettagli

Protezione Civile - Regione Friuli Venezia Giulia. Protezione Civile - Regione Friuli Venezia Giulia. Corso base di protezione civile

Protezione Civile - Regione Friuli Venezia Giulia. Protezione Civile - Regione Friuli Venezia Giulia. Corso base di protezione civile Obiettivi della lezione: o Comprendere la chimica del fuoco: come si sviluppa il fuoco e come può essere contrastato. o Riconoscere i pericoli che possono nascere in presenza di un incendio e sapere come

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

GUIDA PRATICA ALL ANTINCENDIO E ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA (D.Lgs. 626/94 e succ. mod. e int.; D.M. 10.03.1998)

GUIDA PRATICA ALL ANTINCENDIO E ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA (D.Lgs. 626/94 e succ. mod. e int.; D.M. 10.03.1998) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Area A Ambiente Sicurezza e Qualità Strada Nuova 65-27100 PAVIA Uffici: via S. Epifanio 12 27100 Pavia Tel: 0382-984827/8/9 Fax 0382-21020 Email: fisanit@unipv.it GUIDA

Dettagli

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Francesca Bellamino D.Lgs. 81/2008 TITOLO XI: protezione da atmosfere esplosive Capo II: obblighi del

Dettagli

Soluzione con Novec 1230

Soluzione con Novec 1230 Soluzione con Novec 1230 CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI SPEGNIMENTO A GAS NOVEC 1230 Fluido di Protezione Antincendio 3M TM Novec TM 1230 Introduzione Il Fluido di Protezione Antincendio 3M TM Novec TM

Dettagli

L ESTINTORE: USO E MANUTENZIONE

L ESTINTORE: USO E MANUTENZIONE L ESTINTORE: USO E MANUTENZIONE L ESTINTORE: CENNI STORICI L estintore è molto probabilmente il mezzo antincendio che ha origini più antiche nel settore della protezione attiva rispetto a tutti gli altri.

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

Corso Aggiornamento Addetti Antincendio Medio Rischio (Ing. E. Lucchesini) Corso rivolto al personale della Scuola Normale Superiore PISA

Corso Aggiornamento Addetti Antincendio Medio Rischio (Ing. E. Lucchesini) Corso rivolto al personale della Scuola Normale Superiore PISA Corso Aggiornamento Addetti Antincendio Medio Rischio (Ing. E. Lucchesini) Corso rivolto al personale della Scuola Normale Superiore PISA 1 PROGRAMMA L INCENDIO E LA PREVENZIONE Concetti della combustione

Dettagli

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA:

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA: MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 30 NOVEMBRE 1983 (G.U. n. 339 del 12 dicembre 1983) Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO VISTA la

Dettagli

LE CONDIZIONI DI PERICOLO

LE CONDIZIONI DI PERICOLO LE CONDIZIONI DI PERICOLO Nell esperienza comune è facile imbattersi in valutazioni irrazionali del rischio, valutazioni che dipendono da componenti emotive e non scientifiche. Un viaggio in aereo pare

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo

SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo COMANDO VIGILI DEL FUOCO DI VARESE VENERDI 07 Maggio 10 - ore 8,30 Sede: UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - Villa Toeplitz Relatore: Ing.

Dettagli