Nuovo ISEE 2015 Introduzione. Il perché e i contenuti della riforma. Le definizioni.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuovo ISEE 2015 Introduzione. Il perché e i contenuti della riforma. Le definizioni."

Transcript

1 Nuovo ISEE 2015 Introduzione Il perché e i contenuti della riforma. Le definizioni.

2 ISEE CONTENUTI DELLA RIFORMA La comunicazione prende in esame: La normativa Isee attualmente in vigore e definita da D.Lgs n.109 e DPCM n.221 Il rapporto Isee 2012 elaborato dal Ministero del Lavoro e delle politiche sociali Direzione generale per l inclusione e le politiche sociali. Legge 241/2012 Salva Italia art.5. Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministeri Regolamento concernente la revisione delle modalità di determinazione e i campi di applicazione dell indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) del n.159 in G.U Decreto 7 novembre 2014 Ministero del Lavoro e delle politiche sociali (approvazione modulistica e istruzioni). 2

3 Criticità dell Isee attuale ( dai rapporti Inps) Scarsa capacità selettiva. L indicatore ha mostrato scarse capacita selettive nella coda bassa della distribuzione. In particolare, oltre il 10% dei nuclei nel sistema presenta un ISEE nullo e comunque per circa un quinto della popolazione ISEE l indicatore non supera i euro. 3

4 Criticità dell Isee attuale ( dai rapporti Inps) Scarsa rilevanza del patrimonio. La componente patrimoniale appare fortemente limitata dall operare delle franchigie e da comportamenti opportunistici. Ne risulta che per quasi il 60% della popolazione ISEE, il patrimonio non ha alcun effetto sul valore dell indicatore. 4

5 Criticità dell Isee attuale ( dai rapporti Inps) In particolare: quanto al patrimonio immobiliare, il valore dello stesso e abbattuto, per la maggior parte della popolazione, di oltre due terzi a causa dell operare della franchigia sulla prima casa; quanto al patrimonio mobiliare, la mancata dichiarazione dello stesso e di tutta evidenza, l 80% (nella media nazionale) dichiara di non possedere nemmenouncontocorrenteounlibrettodideposito. In alcune aree la percentuale arriva al 96%. 5

6 Criticità dell Isee attuale ( dai rapporti Inps) Diversità della disabilità poco considerata. Sfavoriti nell ordinamento i più bisognosi: non si distingue tra diverse dimensioni del bisogno legato alla condizione di disabilita (cioè diversa dimensione delle spese che devono essere sostenute per l autonomia); mentre il valore dell ISEE e abbattuto in misura crescente al migliorare delle condizioni economiche (l abbattimento dell ISEE infatti avviene forfettariamente mediante una maggiorazione della scala di equivalenza e quindi e tanto maggiore quanto più benestante é la famiglia di appartenenza). 6

7 Criticità dell Isee attuale ( dai rapporti Inps) Incertezza sulle prestazioni socio sanitarie (mai emanato decreto attuativo ex art. 3c. 2 ter D.lvo 109/98). Limitata differenziazione per prestazioni diverse Controlli episodici ex post 7

8 Le indicazioni del legislatore per una riforma La legge 241/2011 cosiddetta Salva Italia prevedeva che con D.P.C.M, fossero riviste le modalità di determinazione e i campi di applicazione dell'indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) al fine di adottare una definizione di reddito disponibile: che includa la percezione di somme anche se esenti da imposizione fiscale; chetengacontodellequotedipatrimonio edireddito dei diversi componenti della famiglia nonché dei pesi dei carichi familiari, in particolare dei figli successivi al secondo e di persone disabili a carico; 8

9 Le indicazioni del legislatore per una riforma migliorare la capacità selettiva dell'indicatore, valorizzando in misura maggiore la componente patrimoniale, sita sia in Italia sia all'estero, al netto del debito residuo per l'acquisto della stessa e tenuto conto delle imposte relative; permettere una differenziazione dell'indicatore per le diverse tipologie di prestazioni. 9

10 Le principali novità introdotte dal DPCM (revisione ISEE) del n.159 Per raggiungere questi obiettivi il decreto contempla: il potenziamento della componente reddituale con l introduzione dei redditi oggi esenti Irpef; l accrescimento della componente patrimoniale; il potenziamento delle franchigie sulla componente reddituale a discapito di quelle patrimoniali e delle maggiorazioni della scala di equivalenza; le franchigie e aumento della scala di equivalenza per le famiglie con tre figli o più; la sostituzione della maggiorazione per l handicap oggi prevista con un coefficiente percentuale sulla scala di equivalenza con apposite franchigie sulla componente reddituale. 10

11 Le principali novità introdotte dal DPCM (revisione ISEE) del n.159 In particolare: Nucleo familiare: si conferma come principio generale il riferimento alla famiglia anagrafica con la possibilità di escludere o l obbligo di aggiungere componenti in base alla prestazione richiesta; Indicatore situazione reddituale: introdotta nozione di reddito più ampia (non solo reddito che viene dichiarato ai fini Irpef) prevedendo specifiche riduzioni e franchigie; 11

12 Le principali novità introdotte dal DPCM (revisione ISEE) del n.159 In particolare (segue): Indicatore situazione patrimoniale: aumenta «peso» della componente immobiliare (rivalutazione come Imu e considerazione patrimonio immobiliare estero ) ma riduzioni per abitazione principale e mutui per acquisto residui; maggiore valorizzazione della componente mobiliare (anche per introduzione controlli e indicazione «giacenza media»); Scala di equivalenza: rivisti parametri e agevolati i nuclei numerosi; Disabilità: introdotte modulazione dei diversi gradi di disabilità, franchigie differenziate e deduzioni spese. 12

13 Le principali novità introdotte dal DPCM (revisione ISEE) del n.159 In particolare (segue): Definiti criteri per calcolo Isee standard ma anche quelli per determinate prestazioni; Modifica profonda delle modalità di presentazione DSU: non più tutto autocertificato e verifiche post ma integrazione fra dati da autocertificare e dati in possesso Agenzia Entrate e INPS; calcolo ISEE da parte INPS sulla base delle componenti autocertificate e degli elementi acquisiti dall Agenzia delle Entrate (es. valori dichiarati nelle dichiarazioni dei redditi )e quelli presenti nei propri archivi. 13

14 L ISEE definizione L ISEE è lo strumento di valutazione, attraverso criteri unificati, della situazione economica di coloro che richiedono prestazioni sociali agevolate. La determinazione e l applicazione dell indicatore ai fini dell accesso alle prestazioni sociali agevolate, nonché della definizione del livello di compartecipazione al costo delle medesime, costituisce livello essenziale delle prestazioni. 14

15 L ISEE definizione In relazione a tipologie di prestazioni che per la loro natura lo rendano necessario e ove non diversamente disciplinato in sede di definizione dei livelli essenziali relativi alle medesime tipologie di prestazioni, gli enti erogatori possono prevedere, accanto all ISEE, criteri ulteriori di selezione volti ad identificare specifiche platee di beneficiari, tenuto conto delle disposizioni regionali in materia e delle attribuzioni regionali specificamente dettate in tema di servizi sociali e sociosanitari. E comunque fatta salva la valutazione della condizione economica complessiva del nucleo familiare attraverso l ISEE. 15

16 L ISEE modalità calcolo L ISEE è calcolato, con riferimento al nucleo familiare di appartenenza del richiedente, come rapporto tra l'ise,e il parametro della scala di equivalenza corrispondente alla specifica composizione del nucleo familiare. L ISE è la somma dell indicatore della situazione reddituale, e del venti per cento dell indicatore della situazione patrimoniale. 16

17 ISEE modalità di calcolo La formula del calcolo per ottenere l ISEE rimane invariata: ISE (indicatore situazione economica) = ISR (indicatore situazione reddituale) + 20% ISP (Indicatore situazione patrimoniale). ISEE (indicatore situazione economica equivalente) = ISE/scala d equivalenza. Nel nuovo ISEE si ampliano i redditi che devono essere considerati e aumentano le detrazioni e le franchigie che possono essere applicate. Scala di equivalenza : stabilisce i parametri legati al numero di componenti il nucleo familiare e ad alcune maggiorazioni applicabili in alcuni casi specifici. 17

18 ISEE La scala di equivalenza SCALA DI EQUIVALENZA Numero componenti Parametro ,57 3 2,04 4 2,46 5 2,85 ogni componente aggiuntivo + 0,35 VECCHIO ISEE (2013) Nuovo ISEE (2014) +0,2 nuclei con minori ed entrambi genitori lavoratori +0,2 nuclei con minori ed entrambi genitori lavoratori (+0,3 se almeno un minore <3 anni) +0,2 nuclei monoparentali con minori +0,5 per ogni componente con handicap (>66%) +0,2 nuclei monoparentali con minori (+0,3 se almeno un minore <3 anni) +0,2 nuclei familiari con tre figli +0,35 nuclei familiari con 4 figli +0,5 nuclei familiari con almeno 5 figli +1 per componente in ambiente residenziale a ciclo continuativo o in convivenza anagrafica se non in nucleo a se stante 18

19 ISEE le definizioni da DPCM DSU : dichiarazione sostitutiva unica, il modello di autocertificazione con cui il cittadino richiede le prestazioni agevolate, sottoposte alla prova dei mezzi tramite ISEE. E unica in quanto vale per tutti i componenti il nucleo familiare e può essere usata da ciascuno di questi per la richiesta di prestazioni sociali nel corso della sua validità. 19

20 ISEE le definizioni da DPCM Richiedente : il soggetto che, essendone titolato sulla base della disciplina vigente, effettua la richiesta della prestazione sociale agevolata. Beneficiario : il soggetto al quale è rivolta la prestazione sociale agevolata; Dichiarante : il soggetto, richiedente ovvero appartenente al nucleo familiare del richiedente, che sottoscrive la DSU. Ente erogatore : ente competente alla disciplina dell erogazione della prestazione sociale agevolata; 20

21 ISEE le definizioni da DPCM Prestazioni sociali : si intendono, tutte le attività relativeallapredisposizioneederogazionediservizi, gratuiti ed a pagamento, o di prestazioni economiche destinate a rimuovere e superare le situazioni di bisogno e di difficoltà che la persona umana incontra nel corso della sua vita, escluse soltanto quelle assicurate dal sistema previdenziale e da quello sanitario, nonché quelle assicurate in sede di amministrazione della giustizia. 21

22 ISEE le definizioni da DPCM Prestazioni sociali agevolate : prestazioni sociali non destinate alla generalità dei soggetti, ma limitate a coloro in possesso di particolari requisiti di natura economica, ovvero prestazioni sociali non limitate dal possesso di tali requisiti, ma comunque collegate nella misura o nel costo a determinate situazioni economiche, fermo restando il diritto ad usufruire delle prestazioni e dei servizi assicurati a tutti dalla Costituzione e dalle altre disposizioni vigenti. 22

23 ISEE le definizioni da DPCM Prestazioni agevolate di natura sociosanitaria : prestazioni sociali agevolate assicurate nell ambito di percorsi assistenziali integrati di natura sociosanitaria rivolte a persone con disabilità e limitazioni dell autonomia, ovvero interventi in favore di tali soggetti: di sostegno e di aiuto domestico familiare finalizzati a favorire l'autonomia e la permanenza nel proprio domicilio; di ospitalità alberghiera presso strutture residenziali e semiresidenziali, incluse le prestazioni strumentali ed accessorie alla loro fruizione, rivolte a persone non assistibili a domicilio; atti a favorire l'inserimento sociale, inclusi gli interventi di natura economica o di buoni spendibili per l acquisto di servizi. 23

24 ISEE le definizioni da DPCM Prestazioni agevolate rivolte a minorenni : prestazioni sociali agevolate rivolte a beneficiari minorenni, ovvero motivate dalla presenza nel nucleo familiare di componenti minorenni. 24

25 ISEE la disabilità Persone con disabilità I gradi di disabilità ai fini ISEE In caso di nuclei familiari nei quali siano presenti soggetti con disabilità, al fine di garantire un accesso mirato alle prestazioni in questione, viene prevista una specifica modulazione dei diversi gradi di disabilità, differenziandoli a seconda della gravità. A ciascuna fascia viene riconosciuta una specifica franchigia ai fini del calcolo della situazione economica del nucleo familiare, che si va ad aggiungere alla deduzione per le spese mediche prevista tra le componenti negative dell assunzione del reddito. Inoltre nel caso dei soggetti non autosufficienti in aggiunta a queste è prevista la deduzione delle spese specifiche sopportate per l assistenza nello svolgimento delle attività quotidiane, come nel caso di badanti, o per il pagamento della retta in caso di ricovero in strutture dedicate. 25

26 ISEE la disabilità Al fine di differenziare i criteri per l accesso alle prestazioni sono previste tre fasce di disabilità: disabilità media; disabilità grave; non autosufficienza. All interno di queste categorie sono previste differenziazioni anche in base all età del soggetto disabile. 26

27 ISEE la disabilità Persone con disabilità media, grave o non autosufficienti Classificazione all. 3 decretp CLASSIFICAZIONE DELLE DISABILITÀ CATEGORIE DISABILITÀ MEDIA DISABILITÀ GRAVE NON AUTOSUFFICIENZA INVALIDI CIVILI DI ETÀ COMPRESA TRA 18 E 65 ANNI - Invalidi 67 99% (D.Lgs. 509/88) - Inabili totali (L. 118/71, artt. 2 e 12) - Cittadini di età compresa tra 18 e 65 anni con diritto all indennità di accompagnamento (L. 508/88, art. 1, comma 2, lettera b) INVALIDI CIVILI MINORI DI ETÀ -Minori di età con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della loro età (L. 118/71, art. 2 - diritto all indennità di frequenza) - Minori di età con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età e in cui ricorrano le condizioni di cui alla L. 449/1997, art. 8 o della L. 388/2000, art. 30 Minori di età con diritto all indennità di accompagnamento ( L. 508/88, art. 1) 27

28 ISEE la disabilità Persone con disabilità media, grave o non autosufficienti classificazione CATEGORIE DISABILITÀ MEDIA DISABILITÀ GRAVE NON AUTOSUFFICIENZA INVALIDI CIVILI ULTRASESSANTACINQUENNI CIECHI CIVILI SORDI CIVILI - Ultrasessantacinquenni con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della loro età, invalidi 67 99% (D. Lgs. 124/98, art. 5, comma 7) - Art 4, L.138/ Ciechi civili parziali - Invalidi Civili con cofosi esclusi dalla fornitura protesica (DM 27/8/1999, n. 332) - Ultrasessantacinquenni con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della loro età, inabili 100% (D.Lgs. 124/98, art. 5, comma 7) (L. 382/70 - L. 508/88 L. 138/2001) - Sordi pre-linguali, di cui all art. 50 L. 342/ Cittadini ultrasessantacinquenni con diritto all indennità di accompagnamento (L. 508/88, art. 1, comma 2, lettera b) - Ciechi civili assoluti (L. 382/70 - L. 508/88 L. 138/2001) 28

29 ISEE la disabilità Persone con disabilità media, grave o non autosufficienti classificazione CATEGORIE DISABILITÀ MEDIA DISABILITÀ GRAVE NON AUTOSUFFICIENZA INPS INAIL - Invalidi (L. 222/84, artt. 1 e 6 - D.Lgs. 503/92, art. 1, comma 8) - Invalidi sul lavoro 50 79% (DPR 1124/65, art. 66 ) - Invalidi sul lavoro % (D.Lgs. 38/2000, art.13 DM 12/7/ L. 296/2006, art 1, comma 782) - Inabili (L. 222/84, artt. 2, 6 e 8) - Invalidi sul lavoro % (DPR 1124/65,art. 66) - Invalidi sul lavoro >59% (D.Lgs 38/2000, art. 13 DM 12/7/ L. 296/2006, art 1, comma 782) -Inabili con diritto all assegno per l assistenza personale e continuativa (L. 222/84, art. 5) - Invalidi sul lavoro con diritto all assegno per l assistenza personale e continuativa (DPR 1124/65 art. 66) - Invalidi sul lavoro con menomazioni dell integrità psicofisica di cui alla L.296/2006, art 1, comma 782, punto 4 INPS GESTIONE EX INPDAP - Inabili alle mansioni (L. 379/55, DPR 73/92 e DPR 171/2011) - Inabili (L. 274/1991, art L. 335/95, art. 2) 29

30 ISEE la disabilità Persone con disabilità media, grave o non autosufficienti classificazione CATEGORIE DISABILITÀ MEDIA DISABILITÀ GRAVE NON AUTOSUFFICIENZA TRATTAMENTI DI PRIVILEGIO ORDINARI E DI GUERRA - Invalidi con minorazioni globalmente ascritte alla terza ed alla seconda categoria Tab. A DPR 834/81 (71 80%) - Invalidi con minorazioni globalmente ascritte alla prima categoria Tab. A DPR 834/81 (81 100%) - Invalidi con diritto all assegno di superinvalidità (Tabella E allegata al DPR 834/81) HANDICAP - Art 3, comma 3, L.104/92 30

31 L ISEE standard e Isee standard differisce sulla base della tipologia di prestazione richiesta limitatamente a : prestazioni agevolate di natura socio sanitaria prestazioni agevolate rivolte a minori, in presenza di genitori non conviventi prestazioni diritto allo studio universitario Isee può essere sostituito da analogo indicatore definito Isee corrente e calcolato ad un periodo più ravvicinato al momento della prestazione. 31

ISEE E LE PERSONE CON DISABILITA

ISEE E LE PERSONE CON DISABILITA ISEE E LE PERSONE CON DISABILITA (Regolamento concernente la revisione delle modalità di determinazione e i campi di applicazione dell Indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) ). Il 3 dicembre

Dettagli

La riforma del nuovo Isee Cosa cambia per i Comuni e le per le persone con disabilità

La riforma del nuovo Isee Cosa cambia per i Comuni e le per le persone con disabilità 14 e 15 aprile 2014 La riforma del nuovo Isee Cosa cambia per i Comuni e le per le persone con disabilità Avv. Gaetano De Luca Servizio Legale Ledha Di cosa vi parlerò Alcune premesse campo di applicazione

Dettagli

La riforma del nuovo Isee Cosa cambia per i Comuni e le persone con disabilità

La riforma del nuovo Isee Cosa cambia per i Comuni e le persone con disabilità 21 aprile 2015 Biblioteca Comunale Erba La riforma del nuovo Isee Cosa cambia per i Comuni e le persone con disabilità Analisi approfondita degli articoli più rilevanti della nuova normativa, principi

Dettagli

Numero 113 Febbraio 2015

Numero 113 Febbraio 2015 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 113 Febbraio 2015 Gennaio 2015: nuovo ISEE L INPS con propria circolare n 171 del 18 dicembre 2014 illustra le novità contenute nel Decreto del

Dettagli

La riforma dell ISEE: maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE: maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia La riforma dell ISEE: maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Che cosa è l ISEE L ISEE è l indicatore, in vigore dal 1998, che serve per valutare e confrontare

Dettagli

La Riforma dell ISEE: Maggiore equità ed efficacia nella valutazione economica della famiglia.

La Riforma dell ISEE: Maggiore equità ed efficacia nella valutazione economica della famiglia. La Riforma dell ISEE: Maggiore equità ed efficacia nella valutazione economica della famiglia. della condizione La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

ISEE E LE PERSONE CON DISABILITÀ: APPROVATO IL REGOLAMENTO

ISEE E LE PERSONE CON DISABILITÀ: APPROVATO IL REGOLAMENTO ISEE E LE PERSONE CON DISABILITÀ: APPROVATO IL REGOLAMENTO Il Consiglio dei Ministri, il 3 dicembre 2013, ha approvato il Regolamento concernente la revisione delle modalità di determinazione e i campi

Dettagli

OGGETTO: Il nuovo Isee

OGGETTO: Il nuovo Isee Informativa per la clientela di studio del 04.12.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Il nuovo Isee Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

Nuovo calcolo ISEE 2014 redditi inclusi NUOVO ISEE

Nuovo calcolo ISEE 2014 redditi inclusi NUOVO ISEE NUOVO ISEE Con la riforma del nuovo ISEE a partire dal 1 gennaio 2014, ai fini di determinazione delle fasce di reddito e della misurazione della situazione economica delle famiglie, viene introdotto un

Dettagli

La riforma dell ISEE. Il nuovo ISEE:

La riforma dell ISEE. Il nuovo ISEE: Cos è l ISEE? L ISEE è un indicatore che valuta la situazione economica delle famiglie ed è utilizzato come base per: fissare soglie oltre le quali non è ammesso l accesso alle prestazioni sociali e sociosanitarie

Dettagli

La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) è la dichiarazione necessaria per calcolare l ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) ai

La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) è la dichiarazione necessaria per calcolare l ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) ai La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) è la dichiarazione necessaria per calcolare l ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) ai fini dell accesso alle prestazioni sociali agevolate.

Dettagli

ISEE 2014 ISEE 2014 CONSORZIO NAZIONALE CAAF CGIL

ISEE 2014 ISEE 2014 CONSORZIO NAZIONALE CAAF CGIL ISEE 2014 1 Premessa A 15 anni dalla sua introduzione, l'isee viene completamente riformato, l origine del provvedimento è nella Legge 22 dicembre 2011, n. 214 (nota come manovra Salva-Italia) ha previsto,

Dettagli

Analisi del Decreto ISEE Cosa cambia per le persone con disabilità?

Analisi del Decreto ISEE Cosa cambia per le persone con disabilità? Analisi del Decreto ISEE Cosa cambia per le persone con disabilità? Commenti a cura dell Osservatorio AISM diritti e servizi 1 1: DECRETO ISEE ED ANALISI DELLE DISPOSIZIONI DI INTERESSE PER LE PERSONE

Dettagli

il nuovo Indicatore di Situazione Economica Equivalente (ISEE)

il nuovo Indicatore di Situazione Economica Equivalente (ISEE) il nuovo Indicatore di Situazione Economica Equivalente (ISEE) a cura di: Dott. Maurizio Belli Dott. Alberto Bandinelli Nel testo della manovra D.L. 201/2011 (Decreto Salva Italia), convertito nella Legge

Dettagli

06/03/2014. Milano 6 marzo 2014

06/03/2014. Milano 6 marzo 2014 Il nuovo Indicatore della Situazione Economica Equivalente (I.S.E.E.) Analisi e conseguenze del D.P.C.M. 5 dicembre 2013 n. 159 (Gazzetta Ufficiale 24 gennaio 2014). Milano 6 marzo 2014 Il decreto Salva

Dettagli

U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO

U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO News del : 31/12/2013 U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO Oggetto: La riforma dell'isee: Cosa cambia ai disabili per l'accesso alle prestazioni Si informa che il Consiglio dei Ministri, il 3 dicembre

Dettagli

SCHEDE di APPROFONDIMENTO. 7 Le detrazioni dal patrimonio immobiliare e mobiliare

SCHEDE di APPROFONDIMENTO. 7 Le detrazioni dal patrimonio immobiliare e mobiliare NUOVO ISEE Regolamento concernente la revisione delle modalità di determinazione e i campi di applicazione dell indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) SCHEDE di APPROFONDIMENTO scheda

Dettagli

Nuovo ISEE da gennaio 2015: cosa cambia

Nuovo ISEE da gennaio 2015: cosa cambia MAP Nuovo ISEE da gennaio 2015: cosa cambia A cura di Tania Buttigliero Dottore Commercialista e Revisore contabile L INPS pubblica le istruzioni relative al nuovo ISEE, entrato in vigore il 1 gennaio

Dettagli

Il decreto Salva - Italia

Il decreto Salva - Italia Il nuovo Indicatore della Situazione Economica Equivalente (I.S.E.E.) Analisi e conseguenze del D.P.C.M. 5 dicembre 2013 n. 159 (Gazzetta Ufficiale 24 gennaio 2014). Milano 6 marzo 2014 Il decreto Salva

Dettagli

L impatto della riforma dell ISEE sulle prestazioni socio-sanitarie per la non autosufficienza in Toscana

L impatto della riforma dell ISEE sulle prestazioni socio-sanitarie per la non autosufficienza in Toscana L impatto della riforma dell ISEE sulle prestazioni socio-sanitarie per la non autosufficienza in Toscana Letizia Ravagli STUDI E APPROFONDIMENTI RICONOSCIMENTI Il lavoro è stato redatto da Letizia Ravagli

Dettagli

RIFORMA ISEE D.P.C.M.

RIFORMA ISEE D.P.C.M. RIFORMA ISEE D.P.C.M. 5 dicembre 2013, n. 159 previsto dall articolo 5 del D. L. 201/2011, convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011, n. 214 Cronoprogramma 8 FEBBRAIO 2014: ENTRATA IN VIGORE

Dettagli

CIRCOLARE TEMATICA CIRCOLARE TEMATICA. La Riforma dell ISEE. La Nuova DSU. D.P.C.M. 5 Dicembre 2013, n. 159 e D.M. 7 Novembre 2014

CIRCOLARE TEMATICA CIRCOLARE TEMATICA. La Riforma dell ISEE. La Nuova DSU. D.P.C.M. 5 Dicembre 2013, n. 159 e D.M. 7 Novembre 2014 La Riforma dell ISEE. La Nuova DSU Pag. 1 di 10 CIRCOLARE TEMATICA La Riforma dell ISEE. La Nuova DSU D.P.C.M. 5 Dicembre 2013, n. 159 e D.M. 7 Novembre 2014 Rev. Data Redazione Approvazione Rev. 0 29/12/2014

Dettagli

STRUMENTI DI LAVORO L ISEE

STRUMENTI DI LAVORO L ISEE STRUMENTI DI LAVORO L ISEE 1. L ISEE: novità dal 01.01.2015 Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del 17 novembre 2014, del decreto di approvazione del nuovo modello ISEE, emanato dal Ministero del

Dettagli

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale COMUNE DI FABRO Provincia di Terni Regolamento Comunale Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 15.10.2003 P R E M E S S A Con il presente regolamento si intende dare attuazione alle

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

Il nuovo Isee (DPCM 159/2013) e la non autosufficienza

Il nuovo Isee (DPCM 159/2013) e la non autosufficienza Il nuovo Isee (DPCM 159/2013) e la non autosufficienza Raffaele Fabrizio Direzione generale Sanità e politiche sociali Regione ER Seminari territoriali Piacenza, Reggio Emilia, Bologna, Cesena Cosa prevede

Dettagli

Il nuovo Isee uguale maggiore equità? Famiglie, redditi ed equivalenze.

Il nuovo Isee uguale maggiore equità? Famiglie, redditi ed equivalenze. Mestre 20 febbraio 2015 Il nuovo Isee uguale maggiore equità? Famiglie, redditi ed equivalenze. Alessandro Geria Dipartimento Politiche Sociali e della Salute Welfare ed equità Quella della sfida alla

Dettagli

Avv. Massimiliano Gioncada avv.gioncada@gmail.com

Avv. Massimiliano Gioncada avv.gioncada@gmail.com Introduzione al d.p.c.m. 5 dicembre 2013, n. 159 Avv. Massimiliano Gioncada avv.gioncada@gmail.com L'attuazione del d.p.c.m. n. 159/2013: una tabella di marcia stringente 8 febbraio 2014: entrata in vigore

Dettagli

Articolo 1 Articolo 2

Articolo 1 Articolo 2 Articolo 1 Definizioni 1. Ai soli fini del presente decreto valgono le seguenti definizioni: ISEE : indicatore della situazione economica equivalente; Scala di equivalenza : la scala di cui all Allegato

Dettagli

RIFO F R O MA A I S I EE

RIFO F R O MA A I S I EE RIFORMA ISEE D.P.C.M. 5 dicembre 2013, n. 159 previsto dall articolo 5 del D. L. 201/2011, convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011, n. 214 Cronoprogramma 8 FEBBRAIO 2014: ENTRATA IN VIGORE

Dettagli

Parliamo di ISEE ANFFAS BRESCIA ONLUS 28MARZO2015

Parliamo di ISEE ANFFAS BRESCIA ONLUS 28MARZO2015 Parliamo di ISEE ANFFAS BRESCIA ONLUS 28MARZO2015 i cosa parliamo oggi Il «vecchio ISEE» Da dove nasce il nuovo ISEE Nuovo ISEE: aspetti positivi/aspetti negativi A che punto siamo Cosa sta facendo ANFFAS

Dettagli

QUADRO A VA INSERITO IL NUCLEO FAMILIARE

QUADRO A VA INSERITO IL NUCLEO FAMILIARE QUADRO A VA INSERITO IL NUCLEO FAMILIARE Il nucleo familiare del dichiarante è costituito dai soggetti componenti la famiglia anagrafica alla data di presentazione della DSU, salvo alcune eccezioni (separazione,

Dettagli

CAF ACLI ISEE 2015. Brescia, 28 marzo 2015

CAF ACLI ISEE 2015. Brescia, 28 marzo 2015 CAF ACLI ISEE 2015 Brescia, 28 marzo 2015 Come ottenere l'attestazione ISEE? DSU CAF entro 4 gg INPS entro 6 gg CAF Rilascia al cittadino ricevuta di avvenuta presentazione Rende disponibile l'isee entro

Dettagli

ISEE 2015 LE NOVITÀ DOPO IL DECRETO ATTUATIVO (D.M. 7 NOVEMBRE 2014) e-book. Antonella Donati

ISEE 2015 LE NOVITÀ DOPO IL DECRETO ATTUATIVO (D.M. 7 NOVEMBRE 2014) e-book. Antonella Donati e-book Antonella Donati ISEE 2015 LE NOVITÀ DOPO IL DECRETO ATTUATIVO (D.M. 7 NOVEMBRE 2014) Ambito di applicazione Prestazioni Componenti Esempi di calcolo Verifiche antievasione Quesiti e risposte su

Dettagli

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 5 Dicembre 2013 n. 159. Entrata in vigore del provvedimento : 08/02/2014

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 5 Dicembre 2013 n. 159. Entrata in vigore del provvedimento : 08/02/2014 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 5 Dicembre 2013 n. 159 Entrata in vigore del provvedimento : 08/02/2014 Videoconferenza CNDL Febb.2015 "Nuova Riforma ISEE" - Relatore: dott.ssa Botturi

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario l isee che cos è e come si calcola Che cos è l ISEE e come si calcola L ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente)

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA per il calcolo dell ISEE

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA per il calcolo dell ISEE DSU ISEE La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) è la dichiarazione necessaria per calcolare l ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) ai fini dell accesso alle prestazioni sociali agevolate.

Dettagli

COMUNE di RONCADELLE (Provincia di Brescia)

COMUNE di RONCADELLE (Provincia di Brescia) COMUNE di RONCADELLE (Provincia di Brescia) Ufficio Servizi Sociali e Pubblica Istruzione NUOVE NORME PER LA DETERMINAZIONE DELL I.S.E.E. DPCM 5 dicembre 2013 n. 159 Relazione sulle principali innovazioni

Dettagli

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti IL NUOVO ISEE Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti Consorzio MIPA 2 Indice IL NUOVO ISEE: UN QUADRO D'INSIEME Riferimenti del nuovo Isee e ambiti di applicazione

Dettagli

Roma, 18/12/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 171

Roma, 18/12/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 171 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Ufficio Centrale di monitoraggio e coordinamento in materia

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE (indicatore della situazione economica equivalente) AI SERVIZI SOCIALI ED ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE COMUNALI. Approvato con Deliberazione di Consiglio

Dettagli

Elenco documenti isee inps e universita

Elenco documenti isee inps e universita M0303_05_01 Rev. 12 del 23/01/2015 Azienda con Sistema Qualità Certificato Iso 9001:2008 Pg. 1 di 8 Elenco documenti isee inps e universita Isee ordinario o standard È valevole per la generalità delle

Dettagli

ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU)

ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU) ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU) La nuova dichiarazione Ise/Isee cambia sostanzialmente rispetto al passato. Dal 2015 il calcolo del parametro non viene più fatto dal

Dettagli

COMUNE DELLA SPEZIA. Regolamento Comunale per l applicazione dell ISEE indicatore della situazione economica equivalente

COMUNE DELLA SPEZIA. Regolamento Comunale per l applicazione dell ISEE indicatore della situazione economica equivalente COMUNE DELLA SPEZIA Regolamento Comunale per l applicazione dell ISEE indicatore della situazione economica equivalente Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 27/03/2015 1 INDICE Art.

Dettagli

Comune di Carmignano

Comune di Carmignano Comune di Carmignano (Provincia di Prato) REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA (ISE) PER L EROGAZIONE DI ALCUNE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.)

Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Art. 1 Oggetto del regolamento 1.Il presente regolamento è lo strumento per la disciplina

Dettagli

La riforma dell ISEE per il 2014

La riforma dell ISEE per il 2014 Corso di Formazione La riforma dell ISEE per il 2014 Indice Decreto Legislativo 31/03/1998 n. 109.... pag. 2 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 3/12/2013... pag. 13 Docente. Marco Marinai

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. VISTO il D.Lgs n. 109/98. VISTO il D.P.C.M. n. 221/99. VISTO il D.Lgs n. 130/2000. VISTO il D.P.C.M. n 242/2001.

LA GIUNTA COMUNALE. VISTO il D.Lgs n. 109/98. VISTO il D.P.C.M. n. 221/99. VISTO il D.Lgs n. 130/2000. VISTO il D.P.C.M. n 242/2001. OGGETTO: MODALITA ATTUATIVE E AMBITI DI APPLICAZIONE DEI CRITERI UNIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE AI SENSI DEL D. LGS. 31 MARZO

Dettagli

Le prestazioni destinate alle persone non autosufficienti

Le prestazioni destinate alle persone non autosufficienti Corso di formazione ed aggiornamento sulla gestione dei servizi sociali con riferimento alle prestazioni agevolate Le prestazioni destinate alle persone non autosufficienti Rimini, 24 gennaio 2012 Le modalità

Dettagli

Nuova ISE 2015. Nuova ISE 2015 DPCM 5/12/2013

Nuova ISE 2015. Nuova ISE 2015 DPCM 5/12/2013 Nuova ISE 2015 Nuova ISE 2015 DPCM 5/12/2013 Obiettivi del corso Aggiornamento sulle novità del nuovo modello ISE 2015 Gestione della nuova ISE attraverso l'applicativo SEAC Modelli ISEE MODELLI ISEE previsti

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA per il calcolo dell ISEE modello MINI

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA per il calcolo dell ISEE modello MINI DSU MINI ISEE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA per il calcolo dell ISEE modello MINI La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) è la dichiarazione necessaria per calcolare l ISEE (Indicatore della Situazione

Dettagli

Commento CGIL al NUOVO ISEE

Commento CGIL al NUOVO ISEE Commento CGIL al NUOVO ISEE Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (n.d.r. DPCM 3.12.2013), è stato adottato il nuovo ISEE (indicatore della situazione economica equivalente). Il testo raccoglie

Dettagli

Il nuovo Isee. Parte prima. Le criticità dell Isee pre riforma. Le criticità dell Isee pre riforma. Le criticità dell Isee pre riforma

Il nuovo Isee. Parte prima. Le criticità dell Isee pre riforma. Le criticità dell Isee pre riforma. Le criticità dell Isee pre riforma Il nuovo Isee a cura di Paolo Bosi e Sara Colombini CAPP Centro di Analisi delle Politiche Pubbliche dell Università di Modena e Reggio Emilia 2 Parte prima Le criticità dell Isee pre riforma Le novità

Dettagli

Dal primo gennaio 2015 l indicatore Ise e Isee subisce una profonda revisione rispetto ai criteri che abbiamo conosciuto fino al 31/12/2014.

Dal primo gennaio 2015 l indicatore Ise e Isee subisce una profonda revisione rispetto ai criteri che abbiamo conosciuto fino al 31/12/2014. Dal primo gennaio 2015 l indicatore Ise e Isee subisce una profonda revisione rispetto ai criteri che abbiamo conosciuto fino al 31/12/2014. In particolare : Vengono inclusi nella nozione di redditi anche

Dettagli

Comune di Azzano San Paolo

Comune di Azzano San Paolo Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/532230 Fax 035/530073 C.F./IVA n. 00681530168 Email: servizio.istruzione@comuneazzanosanpaolo.gov.it ATTESTAZIONE ISEE Normativa:

Dettagli

Articolo 1 - Oggetto del regolamento

Articolo 1 - Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L'OSPITALITA DI PERSONE ANZIANE O ADULTE CON DISABILITA PRESSO RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI O RESIDENZE ASSISTITE (Deliberazione Assemblea dei Soci n. 4 del 30 luglio 2012) Articolo

Dettagli

ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU)

ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU) ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU) La nuova dichiarazione Ise/Isee cambia sostanzialmente rispetto al passato. Dal 2015 il calcolo del parametro non viene più fatto dal

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ISEE INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE

REGOLAMENTO COMUNALE ISEE INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE REGOLAMENTO COMUNALE ISEE INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 108 del 29.11.2001 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. La valutazione

Dettagli

Raggiunta l intesa in Conferenza unificata sul nuovo Isee

Raggiunta l intesa in Conferenza unificata sul nuovo Isee Raggiunta l intesa in Conferenza unificata sul nuovo Isee (nota a cura dell Uff. politiche fiscali e di bilancio spi Cgil naz) Presentiamo di seguito una sintesi del provvedimento sul nuovo Isee, con una

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. Art. 1 Oggetto del regolamento. Il presente Regolamento è diretto ad individuare, in via sperimentale, per un anno, i criteri unificati

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05. REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.2015 - INDICE Pag. ART. 1 OBIETTIVO. 3 ART. 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ART.

Dettagli

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO)

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) Tel. 055 875011 Fax 055 8750301 P.I. 00255160970 C.F. 01342090485 www.comune.carmignano.po.it REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PITIGLIANO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE)

COMUNE DI PITIGLIANO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) COMUNE DI PITIGLIANO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 dell 11.02.2004 ART. 1 OGGETTO E RIFERIMENTI

Dettagli

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo FONDO FINALIZZATO ALL INTEGRAZIONE DEL CANONE DI LOCAZIONE AI NUCLEI FAMILIARI IN SITUAZIONE DI GRAVE DISAGIO ECONOMICO ANNO 2015 Per accedere al contributo è necessario

Dettagli

Istruzioni e Moduli Riforma dell ISEE INDICE

Istruzioni e Moduli Riforma dell ISEE INDICE Istruzioni e Moduli Riforma dell ISEE INDICE 1.0 Definizioni: articolo 1 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013, n. 159; 1.1 Cos è e a cosa serve la Dichiarazione Sostitutiva

Dettagli

Allegato 2. Appendice

Allegato 2. Appendice Allegato 2 Appendice Le informazioni riportate di seguito sono riferite alla normativa vigente in materia di ISEE (decreto legislativo n. 109/1998 e successive modifiche). 1. Documenti necessari per ISEE

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO

COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE - Approvato con deliberazione consiliare n. 8 del

Dettagli

2 P.S.R P.d.Z. 2013/2015

2 P.S.R P.d.Z. 2013/2015 Regolamento per la compartecipazione utenti al costo delle prestazioni socio-sanitarie Riallineamento al Decreto Commissario ad Acta per la prosecuzione del Piano di Rientro della Regione Campania N.43

Dettagli

NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015

NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015 COMUNE DI BAREGGIO Provincia di Milano NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015 Si informa che a seguito del Dpr 5 dicembre 2013, n.159 e del DM 7 novembre 2014 a partire dal 1^ gennaio 2015 entra in vigore

Dettagli

Nuovo ISEE 2014: calcolo reddito e nuove soglie franchigia

Nuovo ISEE 2014: calcolo reddito e nuove soglie franchigia Nuovo ISEE 2014: calcolo reddito e nuove soglie franchigia Nuovo ISEE 2014 calcolo reddito e nuove soglie e franchigia prima casa, figli e disabili, da quando e quali redditi sono inclusi, come e dove

Dettagli

ISEE 2015. Ottenimento attestazione dell Indicatore della situazione economica equivalente o ISEE (D.P.C.M. n. 159/2013)

ISEE 2015. Ottenimento attestazione dell Indicatore della situazione economica equivalente o ISEE (D.P.C.M. n. 159/2013) ISEE 2015 Ottenimento attestazione dell Indicatore della situazione economica equivalente o ISEE (D.P.C.M. n. 159/2013) Manuale Operativo ad uso del Cittadino, dei CAF e degli Enti erogatori PARTE I 2

Dettagli

Recepimento del DPCM 159/2013 e Decreto di attuazione 07/11/2014, e linee guida per la prima applicazione, in via sperimentale, del nuovo indicatore

Recepimento del DPCM 159/2013 e Decreto di attuazione 07/11/2014, e linee guida per la prima applicazione, in via sperimentale, del nuovo indicatore Recepimento del DPCM 159/2013 e Decreto di attuazione 07/11/2014, e linee guida per la prima applicazione, in via sperimentale, del nuovo indicatore della situazione economica equivalente. Approvato dalla

Dettagli

Unità di Direzione Servizi Sociali CAPITOLO I MODALITA DI DETERMINAZIONE E CAMPI DI APPLICAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE

Unità di Direzione Servizi Sociali CAPITOLO I MODALITA DI DETERMINAZIONE E CAMPI DI APPLICAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE Unità di Direzione Servizi Sociali REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE (Approvato con deliberazione di

Dettagli

COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo) COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CRITERI UNIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI CITTADINI CHE RICHIEDONO SERVIZI COMUNALI A COSTO AGEVOLATO, AI SENSI

Dettagli

L IMPATTO SUI REGOLAMENTI DI ACCESSO AI SERVIZI IN AMBITO SOCIALE E LE RICADUTE ORGANIZZATIVE

L IMPATTO SUI REGOLAMENTI DI ACCESSO AI SERVIZI IN AMBITO SOCIALE E LE RICADUTE ORGANIZZATIVE L APPLICAZIONE DEL NUOVO ISEE I risultati della prima fase del programma di accompagnamento L IMPATTO SUI REGOLAMENTI DI ACCESSO AI SERVIZI IN AMBITO SOCIALE E LE RICADUTE ORGANIZZATIVE Firenze, 14 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO SERVIZI SOCIALI INDICE Art. 1: OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 3 Art. 2: INTERVENTI E PRESTAZIONI... 3 Art. 3: AMBITO DI APPLICAZIONE DEI CRITERI UNIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA...

Dettagli

NUOVO ISEE PRIME OSSERVAZIONI ED ESEMPI DI CALCOLO DA VERIFICARE

NUOVO ISEE PRIME OSSERVAZIONI ED ESEMPI DI CALCOLO DA VERIFICARE Torino, 24 dicembre 2013 Fondazione promozione sociale onlus NUOVO ISEE PRIME OSSERVAZIONI ED ESEMPI DI CALCOLO DA VERIFICARE Quelli che seguono sono alcuni esempi di calcolo Isee relativi a persone non

Dettagli

Piano Sociale di Zona Distretto S9

Piano Sociale di Zona Distretto S9 Piano Sociale di Zona Distretto S9 - Comune Capofila Sapri - Via Villa Comunale, 1 84073 Sapri (SA) Telefono 0973.605542-43 Fax 0973.605541 www.pianosociales9.it * e-mail: ufficiodipiano@pianosociales9.it

Dettagli

CONSORZIO SOCIO ASSISTENZIALE ALBA-LANGHE-ROERO

CONSORZIO SOCIO ASSISTENZIALE ALBA-LANGHE-ROERO CONSORZIO SOCIO ASSISTENZIALE ALBA-LANGHE-ROERO REGOLAMENTO SUI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI E DELLE PERSONE CON HANDICAP PERMANENTE GRAVE AL PAGAMENTO DELLA RETTA POSTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE IN ATTUAZIONE DPCM 5 DICEMBRE 2013 N.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE IN ATTUAZIONE DPCM 5 DICEMBRE 2013 N. REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE IN ATTUAZIONE DPCM 5 DICEMBRE 2013 N. 159 Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 6 del 26/02/2015

Dettagli

Regol@mento per. l applicazione dell indicatore della situazione economica equivalente (ISEE)

Regol@mento per. l applicazione dell indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) . Comune di Spoleto Direzione Operativa Centrale Regol@mento per.......... l applicazione dell indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) Il Regolamento per l applicazione dell indicatore

Dettagli

Gli effetti della riforma dell ISEE sulle borse per il Diritto allo Studio Universitario in Toscana

Gli effetti della riforma dell ISEE sulle borse per il Diritto allo Studio Universitario in Toscana Gli effetti della riforma dell ISEE sulle borse per il Diritto allo Studio Universitario in Toscana Firenze, 2015 RICONOSCIMENTI Il lavoro è stato curato da Maria Luisa Maitino e Letizia Ravagli nell ambito

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEI CRITERI E DELLE SOGLIE MASSIME I.S.E.E. PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI GESTITI IN FORMA ASSOCIATA E AL SERVIZIO

Dettagli

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S.

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. REGOLAMENTO MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITA DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 13 del 22-12-2014

Dettagli

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante APPENDICE Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante Dati anagrafici del dichiarante Documento di identità

Dettagli

(Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART.

(Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. COMUNE DI BRESCELLO (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) - Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO AMBITO S4 REGOLAMENTO

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO AMBITO S4 REGOLAMENTO C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO AMBITO S4 REGOLAMENTO DEI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE E DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIOSANITARIE I N D I C E Art. 1

Dettagli

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco allegato alla deliberazione dell Assemblea consortile n. 13 del 18.12.2009 C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco REGOLAMENTO SUI CRITERI PER LA COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

Guida all ISEE 2015/2016

Guida all ISEE 2015/2016 Guida all ISEE 2015/2016 Disegni di Oretta Giorgi Le informazioni riportate di seguito sono riferite alla normativa vigente in materia di ISEE (D.P.C.M. 5 dicembre 2013, n. 159 e D.M. 7 novembre 2014).

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le modalità di determinazione della quota

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l applicazione dell ISEE (Indicatore

Dettagli

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE . COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE Allegato alla deliberazione di C.C. n.14 del 26/03/2002 INDICE Regolamento Art. 1

Dettagli

a) diurno: a domicilio della persona non autosufficiente;

a) diurno: a domicilio della persona non autosufficiente; Regolamento sui criteri di compartecipazione al costo della spesa per le cure domiciliari, dei soggetti ultrasessantacinquenni, la cui non autosufficienza psichica o fisica sia stata accertata dall asl

Dettagli

Comune di Viano Regolamento ISEE

Comune di Viano Regolamento ISEE Comune di Viano Regolamento ISEE Con il recepimento della riforma di cui al DPCM 159/2013 Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 20 del 28/04/2015 1 Indice Titolo I - Premessa.... pag. 2 Art.1 -

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1- Oggetto Oggetto del presente regolamento sono le modalità di accesso e i criteri di

Dettagli

UTILIZZO DELL INDICATORE ISEE NELLE POLITICHE REGIONALI (dati al 2006 attualmente in fase di aggiornamento)

UTILIZZO DELL INDICATORE ISEE NELLE POLITICHE REGIONALI (dati al 2006 attualmente in fase di aggiornamento) UTILIZZO DELL INDICATORE ISEE NELLE POLITICHE REGIONALI (dati al 2006 attualmente in fase di aggiornamento) Indice OBIETTIVI E LAVORO SVOLTO... 3 L INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Comune di Bosaro Comune di Crespino Comune di Guarda Veneta Comune di Polesella Comune di Pontecchio Polesine Provincia di Rovigo REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna)

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) 1 COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI DI ACCESSO AGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI DI NATURA ECONOMICA A FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI INDIGENZA Approvato

Dettagli