PARTE I. LINEE GUIDA Codifica: RFI DPR TES LG IFS 005 A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTE I. LINEE GUIDA Codifica: RFI DPR TES LG IFS 005 A"

Transcript

1

2 2 /19 PARTE I I.1 SCOPO Il presente documento Arredi di stazione 2ª parte, si occupa di elementi attrezzati per l attesa dei viaggiatori (elementi di protezione modulari aperti o chiusi nonché dell attrezzaggio di zone di attesa in idonei spazi coperti), e segue la 1ª parte (sedute, panche, cestini gettarifiuti e posacenere) a cui si rimanda per l inquadramento generale delle problematiche degli arredi di stazione e per le dimensioni delle sedute. Scopo delle presenti linee guida è quello di fornire indicazioni tecnico-funzionali per l uniformità tipologica degli elementi di cui sopra, in considerazione dell offerta disponibile nell ambito della produzione corrente di elementi destinati all arredo urbano o per la loro specifica progettazione in campo ferroviario. Tali elementi devono assolvere alla funzione di rendere confortevole l attesa dei viaggiatori proteggendoli opportunamente dagli agenti atmosferici e nel caso degli spazi attrezzati, realizzando microambienti più riservati e con dotazioni per l utilizzo di strumenti personali portatili. Dal punto di vista architettonico, tali manufatti, salvo contesti particolari ove emerga la necessità di singolari caratteristiche, dovranno prevedere soluzioni standardizzate e omogenee improntate alla essenzialità, manutenzione semplice ed economica, durata nel tempo e rispetto dell ambito urbano circostante e delle normative vigenti. Le presenti linee guida non possono essere considerate esaustive rispetto ai temi trattati e vanno correlate ad altre linee guida, prescrizioni e circolari emanate da RFI nonché a norme di legge europee, nazionali e locali, vigenti o di prossima emanazione. I.2 CAMPO D APPLICAZIONE Gli elementi di protezione modulari aperti (shelter) saranno utilizzati nei nuovi interventi o in quelli di rinnovo, per coprire superfici limitate di marciapiedi in stazioni/fermate con bassa frequentazione e in tutti i casi in cui le pensiline tradizionali non siano sufficientemente estese per fornire idonei spazi di attesa per i viaggiatori. Obblighi di normativa internazionali, azioni specifiche sulle strutture dovute al passaggio dei treni, tempi di attesa medio-lunghi, caratterizzano questi manufatti da utilizzare in ambito ferroviario in maniera leggermente differente dagli analoghi utilizzati sulle strade (attesa bus e tramvie).

3 3 /19 Design puramente indicativo e non vincolante per shelter ferroviari.

4 4 /19 Gli elementi di protezione modulari chiusi (padiglioni) verranno generalmente posti sotto le pensiline convenzionali di stazione nei casi ove le condizioni climatiche, tempi di attesa lunghi o il particolare servizio dei treni richiedano un adeguato livello di protezione. In casi particolari detti elementi potranno essere utilizzati su marciapiedi di stazione non coperti da pensiline. Design puramente indicativo e non vincolante per padiglioni. Negli spazi coperti del fabbricato viaggiatori, potranno essere realizzate aree attrezzate per l attesa, in spazi coperti e protette su uno o più lati (zone di attesa). Design puramente indicativo e non vincolante tratto da un manufatto realizzato dalle Ferrovie Tedesche (DB). Le suddette tre tipologie (Shelter, padiglioni e zone di attesa), specifiche per le stazioni ferrovia-

5 5 /19 rie, dovranno essere idonee a garantire un adeguato livello di comfort per attese medio-lunghe e dovranno contribuire a caratterizzare un immagine riconoscibile della rete ferroviaria in modo gradevole e funzionale. Sulle pareti potranno essere fissate bacheche a carattere informativo e pubblicitario. Le bacheche fissate nelle pareti vetrate di shelter e nei padiglioni avranno anche la funzione di protezione dai raggi solari. Eventuali vetri delle pannellature dovranno avere caratteristiche di sicurezza, antieffrazione, antivandalismo e anticrimine. Il controllo della visione nelle pannellature vetrate deve essere preferibilmente privilegiato dall interno verso l esterno con un isolamento termico rinforzato. Adeguati spazi polifunzionali, utilizzabili anche per sedia a ruote dei disabili motori dovranno essere previsti negli shelter, nei padiglioni e nelle zone di attesa. Tali spazi dovranno essere provvisti di opportuna struttura atta ad impedire possibili ribaltamenti della carrozzella e danneggiamenti ai pannelli di protezione. Le dimensioni degli spazi di sosta e di manovra delle sedie a ruote, dovranno essere conformi alle normative vigenti (D.M. n. 236/89, D.P.R.n. 503/96, STI PMR.). I.3 PRINCIPALI DOCUMENTI CORRELATI Linee guida per la progettazione - Accessibilità nelle stazioni- Superamento delle barriere architettoniche FS - Divisione Infrastruttura 2000 ; - Progettazione di piccole stazioni e fermate RFI 2007; - Prescrizioni per la progettazione di marciapiedi alti nelle stazioni a servizio dei viaggiatori, ASA RETE maggio 1996; - Illuminazione nei fabbricati viaggiatori giugno 2000; - Illuminazione nelle stazioni con tecnologia led pensiline e sottopassaggi 30/11/2010; - Percorsi tattili per disabili visivi e relative integrazioni; - Arredi di stazione - 1^ parte, indicazioni tecnico funzionali per l uniformità tipologica; - Sistema Segnaletico; - Prevenzione incendi e antincendio Installazione, manutenzione, verifica e uso dei mezzi fissi e mobili per l estinzione degli incendi. I.4 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Principali norme relative all accessibilità da parte di persone con disabilità - Decisione della Commissione 21 dicembre Specifica Tecnica di Interoperabilità concernente le persone a mobilità ridotta nel sistema ferroviario trans-europeo convenzionale e ad alta velocità ( STI PMR). - D.M. 14 giugno 1989, n. 236, pubblicato in Suppl. ordinario alla Gazz. Uff. 23 giugno 1989, n Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata, ai fini del superamento e dell'eliminazione delle barriere architettoniche. - Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici." (Pubblicato in S.O. della G.U. 27 settembre 1996, n Principali norme relative alla prevenzione incendi - Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e s.m.i.. - Legge n. 191 del aprile 1974 Prevenzione degli infortuni sul lavoro nei servizi e negli impianti gestiti dall'azienda autonoma delle ferrovie dello Stato. - Decreto del Ministero dell Interno del 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. - Decreto del Presidente della Repubblica 12 gennaio 1998, n. 37 Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma dell'articolo 20, comma 8, della legge 15 marzo 1997, n Decreto del Ministero dell Interno del 10 marzo 2005 Classi di reazione al fuoco per i prodotti da costruzione da impiegarsi nelle opere per le quali e' prescritto il requisito della sicurezza in caso d'incendio e s.m.i.. -

6 6 /19 Principali Norme tecniche. - UNI 11306:2009 Panchine - Requisiti di sicurezza e metodi di prova. - D.M. 14 gennaio 2008: Norme tecniche relative ai Criteri generali per la verifica di sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi. - UNI EN :2009 Classificazione al fuoco dei prodotti e degli elementi da costruzione - Parte 1: Classificazione in base ai risultati delle prove di reazione al fuoco. I.5 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI Shelter: Padiglione: Zona di attesa: elemento di protezione modulare aperto, piccola pensilina con sedute e bacheche. elemento di protezione modulare chiuso. superficie attrezzata con sedute, piccoli piani di appoggio, prese elettriche protetta da pannelli. PARTE II II.1 ELEMENTI DI PROTEZIONE MODULARI APERTI (Shelter). Gli shelter potranno essere realizzati per la parte strutturale in metallo (acciaio, acciaio inox, acciaio fosfatato, alluminio e per le pannellature non portanti in vetro di sicurezza oltre che nei materiali di cui sopra. Indicativamente, le dimensioni saranno: lunghezza 4,80 6,60m; larghezza 1,20 1,70m (in funzione della larghezza del marciapiede); altezza 2,30m minimo (da terra all intradosso). Si veda il documento : RFI DPR TES LG IFS ARREDI DI STAZIONE - 1^ PARTE, INDICAZIONI TECNICO FUNZIONALI PER L UNIFORMITA TIPOLOGICA per le indicazioni relative alle dimensioni delle sedute, ai materiali ed alle finiture. Design puramente indicativo e non vincolante di shelter ferroviari.

7 7 /19 La configurazione a 4 o più moduli con le sedute nei moduli centrali e spazi polifunzionali alle estremità, consente di rendere indipendenti la struttura delle sedute stesse e quella delle pareti laterali. Gli elementi di protezione modulari aperti (shelter) per le stazioni ferroviarie saranno dotati di: idonea copertura superiore (la copertura potrà essere integrata da pannelli fotovoltaici) per la produzione di energia elettrica ; protezioni laterali trasversali sporgenti dal pannello di fondo non meno di 90cm con coprispigolo in metallo ad angoli smussati; sedute conformi alle normative con barra di sostegno come richiesto dalle STI PMR; bacheche, integrate nella struttura, per informazioni ferroviarie/trasportistiche e/o messaggi promozionali. Le bacheche per arrivi e partenza avranno una dimensione netta di 100cm x 70 cm e saranno posizionate in modo da essere leggibili da una persona su sedia a ruote (bordo inferiore a 100cm da terra); spazi polifunzionali, idonei per la manovra e lo stazionamento di persone su sedia a ruote; idonea illuminazione, preferibilmente con lampade a led; posacenere (qualora l elemento sia individuato come zona fumatori); eventuali macchine emettitrici di biglietti, obliteratrici o distributori di bevande/snack potranno essere inserite nelle zone polifunzionali in modo separato dalle pareti e dalla struttura in quanto dotate di sostegni propri. N.B. per le caratteristiche delle pareti trasparenti vedi anche quanto indicato al capitolo successivo.

8 8 /19 II.2 ELEMENTI DI PROTEZIONE MODULARI CHIUSI (Padiglioni). I padiglioni sono luoghi di attesa più riparati e confortevoli rispetto agli elementi di protezione aperti. I padiglioni possono essere organizzati con due sedute di fronte intervallate da un percorso idoneo per il passaggio. Il manuale dell architetto fornisce indicazioni sugli gli spazi minimi per queste esigenze. Il D.M. 236/89 definisce gli spazi di manovra per le sedie a ruote. Si suggerisce di garantire una larghezza interna del padiglione di circa 2,70m lasciando spazi liberi per persone su sedia a ruote, bagagli o altro. Larghezze di misura inferiore dovranno garantire il passaggio tra le sedute contrapposte di una persona con la valigia.

9 9 /19 Design di padiglione puramente indicativo e non vincolante tratto dal modello Dehors della ditta Metalco. Le pareti e le porte saranno dotate di ampi spazi trasparenti per una agevole percezione dei movimenti dei treni. Le porte di accesso, chiudibili con serratura durante i periodi di non attività della stazione, dovranno avere una larghezza minima di 1,20m, comunque di larghezza conforme ai calcoli secondo il DM ed alle eventuali prescrizioni impartite, ove richiesto, dal Comando provinciale dei VVF. I padiglioni chiusi sono da preferire nelle stazioni ubicate in zone climatiche avverse (basse temperature invernali, forti venti ). Pavimento. L eventuale pavimento su pedana dovrà essere di materiale duraturo, di facile manutenzione ed incombustibile. Sono da preferire materiali lapidei. Si dovrà prevedere un isolamento termico alla base con idoneo materiale coibente. I pavimenti devono essere di norma orizzontali e complanari tra loro e non sdrucciolevoli. Eventuali differenze di livello devono essere contenute ovvero superate tramite rampe con pendenza adeguata in modo da non costituire ostacolo al transito di una persona su sedia a ruote. Nel primo caso si deve segnalare il dislivello con variazioni cromatiche; lo spigolo di eventuali soglie deve essere arrotondato. I grigliati eventualmente utilizzati nei calpestii debbono avere maglie con vuoti tali da non costituire ostacolo o pericolo rispetto a ruote, bastoni di sostegno o altro. I grigliati inseriti nella pavimentazione devono essere realizzati con maglie non attraversabili da una sfera di 2 cm di diametro; i grigliati ad elementi paralleli devono comunque essere posti con gli elementi ortogonali al verso di marcia. Deve essere garantita una protezione antinsetto e antitopo. Gli strati di supporto della pavimentazione devono essere idonei a sopportare nel tempo i sovraccarichi previsti nonché ad assicurare il bloccaggio duraturo degli elementi costituenti la pavimentazione stessa. Gli elementi costituenti una pavimentazione devono presentare giunture inferiori a 5 mm, stilate con materiali durevoli, essere piani con eventuali risalti di spessore non superiore a mm 2. Porte. Le porte di accesso al padiglione devono essere facilmente manovrabili, di tipo e luce netta tali da consentire un agevole transito anche da parte di persona su sedia a ruote e garantire l esodo in caso di pericolo; il vano della porta e gli spazi antistanti e retrostanti devono essere complanari. Qualora il pavimento del padiglione sia realizzato su una pedana a quota diversa da quella del sito dove viene

10 10 /19 collocato, occorre dimensionare adeguatamente gli spazi antistanti e retrostanti, con riferimento alle manovre da effettuare con la sedia a ruote, anche in rapporto al tipo di apertura. Per dimensioni, posizionamento e manovrabilità la porta deve essere tale da consentire una agevole apertura delle ante da entrambi i lati di utilizzo; sono consigliabili porte scorrevoli o con anta a libro, mentre devono essere evitate le porte girevoli, quelle a ritorno automatico non ritardato e quelle vetrate se non fornite di accorgimenti per la sicurezza. Le porte vetrate devono essere facilmente individuabili mediante l'apposizione di opportuni segnali conformi alle prescrizioni societarie e deve essere apposta l apposita segnalazione indicante le vie di fuga e le eventuali misure di tutela come previsto al titolo V e dall All. XXVIII del D.Lgs. 81/08 e smi. Si ricorda che ai sensi del DM 10/03/1998, l utilizzo di porte scorrevoli è ammesso se la porta è del tipo ad azionamento automatico e può essere aperta nel verso dell'esodo a spinta con dispositivo opportunamente segnalato e restare in posizione di apertura in mancanza di alimentazione elettrica. Sono da preferire maniglie del tipo a leva opportunamente curvate ed arrotondate. Devono inoltre essere preferite soluzioni per le quali le singole ante delle porte abbiano larghezza non inferiore a 120 cm, e gli eventuali vetri siano collocati ad una altezza di almeno 40 cm dal piano del pavimento. La forza richiesta per aprire o chiudere una porta manuale, in assenza di vento, non può superare i 25 N. Per aprire o chiudere una porta manuale, la maniglia deve poter essere azionata con il palmo della mano esercitando una forza non superiore a 20 N. I maniglioni antipanico devono essere conformi alla UNI EN 1125 e le maniglie o piastre a spinta conformi alle norme di sicurezza, come la UNI EN 179. Le porte che si aprono a battente, devono essere munite di appositi dispositivi di arresto per essere assicurate in posizione di apertura. Partizioni e porte, qualora completamente vetrate, dovranno essere dotate di serigrafie come indicato nelle prescrizioni societarie. Le superfici vetrate, devono rispettare anche quanto previsto ai punti 1.3.6, , e 4.3 del D.Lgs. 81/08 e smi, pertanto le pareti trasparenti o translucide ed in particolare le pareti interamente vetrate, devono essere: chiaramente segnalate; costituite da materiali di sicurezza a tutta altezza; separate da zone di lavoro e vie di circolazione; prese tutte le tutele necessarie affinché le persone, in caso di urto da parte di persone o mezzi, non vadano in frantumi, per evitare che le persone rimangano ferite; tenute costantemente in buone condizioni di pulizia e di efficienza.

11 11 /19 L attacco a terra di pannelli e/o tamponature fragili dovrà essere provvisto di idonee protezioni da urti provocati da carrelli e/o trolley. Le pareti vetrate devono essere tali da evitare un soleggiamento eccessivo dell area interessata. Aperture finestrate I meccanismi di apertura e chiusura di eventuali finestre devono essere facilmente manovrabili e percepibili e le parti mobili devono poter essere usate esercitando una lieve pressione. Eventuale rampa. Al fine di regolare l altezza dal suolo per eliminare eventuali dislivelli, potrebbe essere necessario realizzare una pedana alla base del pavimento. L accesso all eventuale pavimento rialzato deve essere garantito da rampe per disabili la cui a larghezza minima deve essere di 0,90 m per consentire il transito di una persona su sedia a ruote; Qualora al lato della rampa sia presente un parapetto non pieno, la rampa deve avere un cordolo di almeno 10 cm di altezza. Gli spigoli devono essere smussati. La pendenza delle rampe non deve superare l'8%. La direzione a scendere delle rampe non deve essere rivolta verso i binari.

12 12 /19 Soffitto e copertura. Il dislivello tra pavimento e soffitto non dovrà essere inferiore a 2,50m salvo diverse disposizioni locali. La copertura dovrà contenere un idoneo strato coibente. Il controsoffitto sarà realizzato con materiale non infiammabile e dovrà contenere gli impianti di illuminazione (preferibilmente a Led) e diffusione sonora. Nell intercapedine orizzontale sopra il controsoffitto troveranno alloggio i cavi. Dispositivi per l informazione al pubblico e per la security. Eventuali periferiche per l informazione al pubblico di tipo variabile (monitor A/P, diffusione sonora, telecamere per la videosorveglianza ), dovranno essere opportunamente ubicate all interno del padiglione in modo da non creare ostacolo ai fruitori ed in posizioni adeguate. II.3 AREE ATTREZZATE PER L ATTESA (Zone di Attesa) In ambienti chiusi destinati ai passeggeri potranno trovare idonea collocazione zone di attesa attrezzate, protette da partizioni preferibilmente vetrate, serigrafate come da prescrizioni societarie. In tali zone, oltre alle sedute (per le quali si rimanda alle linee guida Arredi di stazione - 1^ parte, indicazioni tecnico funzionali per l uniformità tipologica ) si potranno prevedere piccole tavole per l appoggio di documenti o per l uso del PC e idonee prese di corrente, utilizzabili anche per la ricarica dei telefoni portatili, nonché connessione wirless a Internet. Dovrà essere presente uno spazio per sedia a ruote. II.4 COPERTURA DI SCALE E RAMPE Nel caso che scale e rampe di accesso al marciapiede di stazione non siano coperte da una classica pensilina ferroviaria, queste dovranno essere protette dalla pioggia da una idonea struttura, esteticamente compatibile con altri elementi di arredo come shelter e padiglioni. L altezza minima libera tra i gradini e la copertura dovrà essere conforme alle norme STI (2,30m). Sarà opportuno tamponare le strutture verticali con lastre di vetro di sicurezza trasparenti.

13 13 /19 Design puramente indicativi e non vincolanti tratti dal padiglione Dehors della ditta Metalco e da progetti RFI. PARTE III III.1 COLLOCAZIONE DEGLI ARREDI Gli elementi di protezione modulari aperti (shelter) o chiusi (padiglioni) saranno collocati nelle zone di sosta dei marciapiedi. In nessun caso si dovranno invadere le fasce di transito e di sicurezza. Gli arredi dovranno essere posizionati senza costituire intralcio alla mobilità ordinaria ed in particolare alle vie d esodo in caso d emergenza. La distanza dai binari dovrà essere stabilita in conformità alle disposizioni di RFI ed alle STI PMR, in particolare: - Progettazione di piccole stazioni e fermate RFI 2007, - nota Responsabile Divisione Infrastruttura R/ /P del , - STI PRM2008_164_CE (PMR). Gli arredi disposti lungo i marciapiedi dovranno rispettare i limiti di sagoma come richiesto dalle varie istruzioni tecniche in materia di Profili Minimi degli Ostacoli (PMO).

14 14 /19 Design puramente indicativo e non vincolante. La distanza tra l interno della partizione di fondo dello shelter e la fascia di transito deve essere uguale o maggiore di 1,5m per consentire la manovra di una sedia a ruote. Design puramente indicativo e non vincolante.

15 15 /19 Tra gli elementi di protezione modulari aperti (shelter) o chiusi (padiglioni) e la recinzione si dovrà riservare uno spazio sufficiente per la pulizia interdetto alla sosta dei passeggeri. Le zone di attesa attrezzate troveranno idonea collocazione in spazi adeguatamente protetti del fabbricato viaggiatori (in genere nei grandi atri/gallerie di testa/vestiboli). III.2 ACCESSORI E IMPIANTI Nei padiglioni ubicati in zone dove la temperatura può raggiungere valori molto bassi, si potrà prevedere un idoneo sistema di riscaldamento correlato all impiego di pannellature in materiali compositi a bassa dispersione termica ed eventuale impianto di ventilazione meccanica. Sono vietati dispositivi di riscaldamento alimentati a gas o con liquidi infiammabili. In ogni caso nei padiglioni si deve garantire una adeguata ventilazione naturale (rapporto tra superficie calpestabile e superfici apribili non inferiore a 8). Sono raccomandati impianti di produzione di energia fotovoltaici sfruttando le superfici meglio e- sposte dei manufatti (sono da evitare pannellature orientabili avulse dalle strutture). Lo scolo delle acque reflue sarà garantito senza arrecare disagi ai passeggeri e prevedendo idonee protezioni per evitare che il fogliame intasi il sistema di scarico III.3 ILLUMINAZIONE Shelter Per l illuminazione degli shelter si potranno utilizzare gli stessi criteri di illuminazione delle pensiline (valore diffuso di 80lux misurato a 10cm dal pavimento). Una temperatura di colore più fredda (5500 K) potrà essere utilizzata negli accessi dei padiglioni. Zone di attesa e padiglioni. L illuminazione sarà tale da garantire un valore diffuso di 200lux misurato a 85cm dal pavimento e una temperatura di colore di circa 4000 K. In tutti i casi qualora siano presenti punti luce che operano a temperature oltre i 50 C dovranno essere adottate tutte le idonee misure di sicurezza contro il rischio incendio. III.4 COLORE Per quanto riguarda i colori, ci si dovrà attenere alla compatibilità con l aspetto cromatico degli altri elementi della stazione. E espressamente vietato usare colori e luci che possono creare confusione con la segnaletica a messaggio fisso e a messaggio variabile. Per l identificazione dei colori, la norma tecnica UNI indica il sistema Munsell. Sono di uso pratico le codifiche RAL (Reichs-Ausschuss für Lieferbedingungen Comitato per lo Stato tedesco sulle condizioni di consegna), Pantone, RGB (Red,Green, Blue), NCS (Natural Color System). In Internet è facile trovare tabelle di conversione per i diversi codici.

16 16 /19 III.5 AVVERTENZE SUGLI ASPETTI STRUTTURALI Si pone in evidenza che tutte le strutture e relative fondazioni collocate in prossimità dei binari sono soggette anche ai carichi dovuti al passaggio a velocità elevate di convogli ferroviari. Si evidenzia l importanza di un corretto ancoraggio a terra dei manufatti che tenga conto, oltre che ai carichi u- suali, anche delle sollecitazioni dovute al passaggio del treno in corsa. Anche le pannellature vetrate o di altro materiale dovranno essere verificate con criteri ferroviari. Il D.M. 14 gennaio 2008: Norme tecniche relative ai Criteri generali per la verifica di sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi al punto , recepisce una precedente istruzione ferroviaria e prescrive le modalità di calcolo per effetti aerodinamici associati al passaggio di convogli ferroviari sulle superfici verticali e/o orizzontali. Si rimanda a tale normativa per una corretta e compiuta applicazione dei carichi sulle strutture oggetto della presente linea guida. Inoltre si rammenta di adottare tutte le misure di sicurezza antisismica, come da normativa vigente. Valori caratteristici delle azioni q1k per superfici verticali parallele al binario

17 17 /19 Definizione della distanza max ag e min ag dal asse del binario III.6 MISURE ANTINCENDIO La progettazione, la scelta dei materiali, la realizzazione e la manutenzione degli impianti dovranno essere conformi alle norme italiane CEI, UNEL ed UNI, conformemente al DM 37/08 ed ove richiesto alle disposizioni degli Enti ed Organismi competenti. La realizzazione degli impianti in specie, i materiali, i singoli componenti ed apparecchiature dovranno risultare conformi a tutte le norme di legge e regolamentazioni tecniche in quanto applicabili. In particolare, ove richiesto, dovranno essere rispettate eventuali disposizioni e/o prescrizioni dei locali Comandi dei Vigili del Fuoco, Protezione Civile o delle Autorità comunali, provinciali e regionali per gli eventuali aspetti di competenza. Nel caso in cui gli arredi siano inseriti nei fabbricati, per essi dovranno essere rispettate le norme tecniche di prevenzione incendi applicabili, ed in assenza di tali norme relativamente agli aspetti di resistenza al fuoco, il livello prestazionale dovrà essere definito con il Committente e concordato con i VVF. Le misure di protezione passiva ed attiva dovranno essere rispondenti a quanto previsto dalla normativa vigente di riferimento e compatibili con l analisi dei rischi (D.Lgs. 81/08, DM , DPR 577/82, ecc.) e dalle regole tecniche di prevenzione incendi applicabili (nel caso in cui l arredo sia inserito all interno di un attività soggetta ai controlli dei VVF od al parere ai sensi dell art. 33 della L. 191/74).

18 18 /19 Gli impianti elettrici devono essere realizzati, installati e certificati in conformità alla Legge n. 186 del e del DM n 37 del 22/01/2008, ovvero a regola d arte, e dotato delle idonee misure di sicurezza contro le scariche atmosferiche e di messa a terra. Gli impianti elettrici, ai fini della prevenzione degli incendi, devono avere le seguenti caratteristiche: non costituire causa primaria di incendio o di esplosione; non fornire alimento o via privilegiata di propagazione degli incendi; il comportamento al fuoco della membratura di componenti e cavi deve essere compatibile con la specifica destinazione d uso dei singoli locali od aree; essere suddivisi in modo che un eventuale guasto non provochi la messa fuori servizio dell intero sistema garantendo comunque la sicurezza dei soccorritori; disporre di apparecchi di manovra ubicati in posizioni protette e riportare chiare indicazioni dei circuiti cui si riferiscono. I moduli chiusi dovranno essere dotati di illuminazione di sicurezza e d emergenza (idonea, ovvero di intensità sufficiente per l area e l ambiente ed adeguato per salvaguardare la sicurezza, la salute ed il benessere delle persone) ed, ove necessario, anche dei seguenti impianti di sicurezza: allarme incendi e generale; rivelazione incendi; impianto di diffusione sonora. I moduli chiusi dovranno, ove necessario, essere dotati di idonei mezzi portatili antincendio (estintori portatili, coperte antifiamma, ecc.) posizionati e scelti dalle risultanze dell analisi dei rischi e dagli adempimenti normativi da adempiere. Le attrezzature antincendio devono essere realizzate, installate e mantenute a regola d arte, conformemente alle vigenti norme di buona tecnica. L agente estinguente degli estintori portatili dovrà essere compatibile ed idoneo con gli scenari d incendio ipotizzati nell analisi rischio incendio. Gli estintori portatili dovranno essere dislocati ed opportunamente segnalati secondo le risultanze dell analisi dei rischi, dal DM 10/03/98 e dalle regole tecniche di prevenzione incendi applicabili). Dovrà essere installata idonea segnaletica orizzontale e verticale come da disposizioni di legge. Le vie di fuga dovranno consentire la rapida e sicura evacuazione delle persone presenti e le vie d esodo dovranno essere opportunamente segnalate e dimensionate ai sensi del DM 10/03/98. I materiali dovranno avere idonea classe di reazione al fuoco conformemente al DM e smi ed essere incombustibili, se adottati per la realizzazione di moduli chiusi o se collocati all interno di spazi chiusi. Invece i materiali degli arredi posti all aperto, previa verifica mediante analisi del rischio, potranno avere classe di reazione al fuoco prevista per i prodotti da installare lungo le vie di fuga, come riportato all art. 4 del DM

19 19 /19 III.7 SCHEMI DI AGGREGAZIONE All interno di shelter, padiglioni e zone di attesa saranno collocate sedute, bacheche e spazi per sedie a ruote, persone in piedi o bagagli e potranno essere aggregate in vari modo. Compatibilmente con le superfici disponibili potrà variare il N delle sedute e gli spazi indicati nella tabella che segue, potranno crescere modularmente. Gli spazi polifunzionali indicati nella tabella devono essere progettati per l eventuale stazionamento e manovra di una sedia a ruote, quindi con idonee dimensioni e con protezioni per evitare il contatto tra parti metalliche rigide e superfici fragili del manufatto. Gli elementi di arredo potranno essere aggregati in varie combinazioni e le dimensioni in lunghezza dei manufatti potranno aumentare modularmente.

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 1 di 29 PROGETTAZIONE DI PICCOLE STAZIONI E PARTE I PARTE TITOLO I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI PARTE II II.1 METODOLOGIA PER IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica e sovvenzionata

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project: serramenti in alluminio ad alte prestazioni Ricche dotazioni tecnologiche e funzionali Eccezionale isolamento termico Massima espressione

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA.

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTEM nasce nel 1984 come azienda sotto casa, occupandosi principalmente della realizzazione di impianti elettrici e di installazione e motorizzazione di

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne 3 Sintesi perfetta fra isolamento termico, tecnica e design Le finestre e le porte di oggi non solo devono

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI Premessa...Pag.2 1. Introduzione..Pag.2 1.a Definizione di barriera architettonica....pag.2 1.b Antropometria e quadro esigenziale.....pag.3

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

SCALE PER LA SOFFITTA. www.fakro.it

SCALE PER LA SOFFITTA. www.fakro.it SCALE PER LA SOFFITTA 2011 www.fakro.it 1 Scala rientrante da soffitta Rende l accesso alla soffitta più facile e sicuro senza la necessità di realizzare scale stabili con conseguente notevole risparmio

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

Il vetro nell architettura

Il vetro nell architettura Opuscolo tecnico Il vetro nell architettura upi Ufficio prevenzione infortuni Uso sicuro del vetro nell edilizia Nell architettura moderna il vetro non è utilizzato soltanto per le finestre, bensì come

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 03 del 19 gennaio 2005

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari Profilati in alluminio a disegno/standard/speciali Dissipatori di calore in barre Dissipatori di calore ad ALTO RENDIMENTO Dissipatori di calore per LED Dissipatori di calore lavorati a disegno e anodizzati

Dettagli