Informazioni generali sul Corso di Studi. Università. Università Telematica "E-CAMPUS" Nome del corso. PSICOLOGIA(IdSua: ) Classe

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informazioni generali sul Corso di Studi. Università. Università Telematica "E-CAMPUS" Nome del corso. PSICOLOGIA(IdSua:1516613) Classe"

Transcript

1 Informazioni generali sul Corso di Studi Università Nome del corso Classe Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Eventuale indirizzo internet del corso di laurea Tasse Modalità di svolgimento Università Telematica "E-CAMPUS" PSICOLOGIA(IdSua: ) LM-51 - Psicologia PSYCHOLOGY italiano in teledidattica Il Corso di Studio in breve Il Corso di laurea Magistrale in Psicologia intende elevare il grado di formazione raggiunto dai laureati triennali, attraverso il perfezionamento e l'approfondimento delle conoscenze e competenze acquisite nel precedente livello di corso di laurea. In particolare, si intende favorire l'acquisizione di metodi e strumenti conoscitivi e applicativi utilizzabili negli interventi psicologici (prevenzione, consultazione diagnostica, formazione e consulenza) rivolti a utenze diversificate, siano esse rappresentate da individui, famiglie, gruppi o organizzazioni. Per quanto concerne gli sbocchi professionali, il Corso di laurea Magistrale in Psicologia è volto a garantire una formazione qualificata per lo svolgimento dell'esercizio della professione di Psicologo che avrà come obiettivo la valorizzazione delle risorse individuali e relazionali tese a favorire processi di benessere personale, familiare, socio-organizzativo e comunitario.

2 QUADRO A1 Consultazione con le organizzazioni rappresentative - a livello nazionale e internazionale - della produzione di beni e servizi, delle professioni Sulla base dei dati di riferimento (XVI Indagine ALMAlaurea 2014, Excelsior -sistema informativo di UNIONCAMERE ed il ministero del lavoro-) risulta che il percorso di studi universitari, indipendentemente dalla singolo corso di studi scelto, è appetibile a livello nazionale in termini di ingresso nel mondo del lavoro, soprattutto in questo periodo storico, complesso sul piano socioeconomico. I laureati risultano ancora avvantaggiati sul piano occupazionale rispetto ai diplomati (tasso di occupazione dell'87% per i laureati magistrali), nonostante un generale incremento di quasi 4 punti percentuali nei tassi nazionali di disoccupazione che si riscontrano nella maggior parte dei corsi di studio e per ogni tipo di laurea. Sulla base dei dati emergenti dai colloqui nazionali ed internazionali, dalle indagini su Alma Laurea e Excelsior, l'organizzazione di un questo Corso di laurea rappresenta la risposta alla necessità di rafforzare l'impianto formativo dell'università telematica Ecampus emersa da un'indagine commissionata dal CTO e dal confronto con diversi interlocutori sul territorio nazionale. Il XV Rapporto AlmaLaurea (2013) aveva indicato che il 93% dei neopsicologi intende continuare negli studi. In quest'ottica, il Corso di laurea Magistrale in Psicologia va incontro alla domanda degli studenti, in particolare di quelli interni, che dopo aver conseguito la Laurea di primo livello, intendevano poter proseguire ed approfondire la propria formazione Universitaria, nel medesimo contesto organizzativo e didattico. Non ultimo, come registra il XV Rapporto AlmaLaurea (2013), si evidenzia in Italia una crescente domanda di formazione universitaria per la popolazione adulta già inserita nel mondo del lavoro o impegnata in azioni di riqualificazione professionale, cresce infatti il numero di laureati che ha iniziato l'università in età superiore a quella tradizionale. A livello nazionale, 17 laureati su cento si sono immatricolati con un ritardo di due o più anni (di questi, 5 su cento hanno un ritardo all'immatricolazione superiore ai 10 anni). In questo senso, si ritiene che una struttura organizzativa come quella del suddetto Corso di Laurea all'interno di un'università Telematica possa rispondere alle esigenze organizzative degli studenti lavoratori. QUADRO A2.a Profilo professionale e sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati Psicologi clinici decretato e regolamentato dalla legge n. 56 del , psicoterapeuta quale professionista nella cura della psiche umana, Psicologi dello sviluppo e dell'educazione che svolge attività prevalentemente nel campo della formazione, Psicologi del lavoro e delle organizzazioni, quale specialista che svolge attività congiunte all'acquisizione, gestione e sviluppo delle risorse umane nei vari contesti di lavoro. funzione in un contesto di lavoro: Lo psicologo svolge attività fondamentale per dirimere contrasti e rapporti di dipendenza. competenze associate alla funzione: Come previsto dal piano di studi per ciò che concerne i profili professionali di Psicologi clinici e psicoterapeuti le competenze tecnico specialistiche, nonchè attitudinali richieste risiedono nella capacità di creare condizioni di cooperazione tra le persone e di impegno collettivo per assicurare il successo professionale e scolastico, mentre per le figure professionali di Psicologi dello sviluppo e dell'educazione e Psicologi del lavoro e delle organizzazioni è indispensabile una libertà operativa e creativa adeguata alle potenzialità ed alle risorse del soggetto nei vari contesi. sbocchi professionali: La Laurea Specialistica in psicologia consente l'ammissione all'esame di stato per l'iscrizione all'albo degli psicologi con

3 qualifica professionale di psicologo. Ogni laureato, previo superamento dell'esame di stato, potrà esercitare, nei limiti delle normative che vigilano sulla professione di psicologo, la libera professione o nei seguenti settori occupazionali: psicologia scolastica e psicologia dell'apprendimento e dei processi educativi. QUADRO A2.b Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT) Psicologi clinici e psicoterapeuti - ( ) Psicologi dello sviluppo e dell'educazione - ( ) Psicologi del lavoro e delle organizzazioni - ( ) QUADRO A3 Requisiti di ammissione Possono accedere al Corso di Laurea Magistrale in Psicologia LM 51 coloro che hanno concluso il triennio in Scienze e tecniche psicologiche, ma anche: - Tutte le Lauree triennali della Classe di Laurea Scienze e Tecniche Psicologiche Classe 34 ex Legge 509, e classe L-24 ex legge 270; - la laurea quinquennale in Psicologia conseguita presso qualsiasi Ateneo italiano o estero - Per chi è in possesso di una Laurea triennale o quinquennale non in Psicologia è possibile iscriversi alla laurea magistrale LM 51 solo se sono stati preventivamente acquisiti almeno 80 crediti in discipline psicologiche, di cui almeno 4 crediti per ciascuno dei seguenti settori scientifico disciplinari M-PSI/01, M-PSI/02. Non è possibile iscriversi ad una laurea magistrale senza avere preventivamente acquisito tutti i crediti indicati. Di conseguenza, i debiti formativi devono essere colmati prima dell'iscrizione alla laurea magistrale. In riferimento alle modalità di verifica del possesso di tali conoscenze, elemento preliminare per la valutazione è il profilo curriculare dello studente, il Consiglio della struttura didattica competente determina le modalità concrete ed ulteriori di verifica del possesso dei requisiti curriculari e l'adeguatezza della personale preparazione. In riferimento ai criteri per l'assegnazione di specifici obblighi formativi aggiuntivi vengono predisposte iniziative di orientamento e strumenti di verifica e di autoverifica. In particolare potranno essere previsti colloqui di valutazione laddove il curriculum di studi seguito nel corso di laurea risulti oggettivamente debole. QUADRO A4.a Obiettivi formativi specifici del Corso Il Corso di Laurea mira alla formazione della figura professionale di uno psicologo in grado di operare in autonomia e scientificità. In tale modo vengono approfondite le maggiori tematiche teorico-applicative inerenti la psicologia e il ruolo che lo psicologo riveste nello sviluppo delle potenzialità individuali, familiari e di gruppo. Inoltre, il Corso intende fornire metodi, strumenti e tecniche utili nella professione di psicologo. Il corso si struttura in due anni. In particolare il primo anno prevede discipline caratterizzanti ed affini relative alla aspetti psicologia generale, clinica, giuridica e della psichiatria. Il secondo anno presenta una accentuazione più specifica sul piano

4 delle teorie, metodi e tecniche psicologiche. La struttura del percorso di studi è pertanto organizzata in un biennio, nel quale il primo anno prevede apprendimenti fondamentali nelle discipline psicologiche ed medico-giuridiche, mentre il secondo anno si caratterizza per una accentuazione della psicologia dello sviluppo e dell'educazione ed attività collaterali. La gamma degli insegnamenti a scelta consente, a seconda delle motivazioni personali, di approfondire specifici settori disciplinari. Riguardo alle possibili variazioni dei percorsi di studio, non sono previsti percorsi curriculari distinti. QUADRO A4.b Risultati di apprendimento attesi Conoscenza e comprensione Capacità di applicare conoscenza e comprensione psicologia generale e fisiologica Conoscenza e comprensione Acquisizione di conoscenze e competenze inerenti le principali metodiche di indagine neuro scientifica, le basi biologiche dei processi cognitivi ed affettivi e del substrato neurobiologico delle interazioni sociali. Capacità di applicare conoscenza e comprensione Acquisizione della capacità di applicare le conoscenze acquisite ai diversi ambiti dell'attività professionale; Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative: NEUROSCIENZE COGNITIVE E AFFETTIVE E SOCIALI PSICOLOGIA COGNITIVA APPLICATA psicologia dello sviluppo e dell'educazione Conoscenza e comprensione Acquisizione di conoscenze e competenze psicologiche e metodologiche inerenti i processi di sviluppo nell'infanzia e nell'adolescenza con specifica attenzione ai contesti deputati a promuovere l'educazione e la crescita ottimale dell'individuo. Acquisizione di competenze relative alla valutazione degli interventi formazione permanente con particolare riferimento alla formazione professionale e dell'inserimento lavorativo. Capacità di applicare conoscenza e comprensione Acquisizione della capacità di progettazione, realizzazione e valutazione di interventi formativi sia in presenza sia in FAD (Formazione a Distanza), nell'ambito dell'orientamento, del tutorato, della qualificazione e dell'aggiornamento professionale con individuazione dei bisogni formativi individuali e di gruppo. Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative: PSICOLOGIA DEL CICLO DI VITA EDUCAZIONE PERMANENTE E FORMAZIONE DEGLI ADULTI psicologia dinamica e clinica

5 Conoscenza e comprensione Acquisizione di conoscenze e competenze finalizzate alla progettazione e conduzione di interventi psicologico-clinici di prevenzione, diagnosi, valutazione, sostegno psicologico e riabilitazione, congruenti con le esigenze delle persone e dei gruppi, nelle organizzazioni e nelle comunità Capacità di applicare conoscenza e comprensione Acquisizione della capacità di applicare le conoscenze acquisite e di condurre gli interventi ritenuti necessari in questi ambiti in piena autonomia professionale Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative: ANALISI E TRATTAMENTO DEL DISAGIO PSICHICO E DELLE PSICOPATOLOGIE SCIENZE PSICHIATRICHE PSICOLOGIA DI COMUNITA' TECNICHE E MODELLI DI PSICOTERAPIA psicologia sociale e del lavoro Conoscenza e comprensione Acquisizione di conoscenze e competenze in materia di psicologia sociale e del lavoro propedeutici allo svolgimento delle attività di competenza degli operatori del servizio sociale, competenze che, integrate con quelle afferenti agli altri ambiti disciplinari completano il profilo professionale dello studente Capacità di applicare conoscenza e comprensione Acquisizione della capacità di applicare le conoscenze e le capacità di comprensione acquisite anche al fine di disporre di strumenti di lettura delle situazioni che concretamente si incontrano nel lavoro quotidiano e nelle aree di intervento nel sociale con particolare riferimento alle aree di maggiore problematicità e criticità quali il mondo del lavoro e della famiglia Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative: TEORIE E TECNICHE DI MEDIAZIONE FAMILIARE E DEI GRUPPI giuridico manageriale Conoscenza e comprensione Acquisizione di conoscenze e competenze giuridiche rilevanti in ambito sanitario e sociale. Un particolare approfondimento verterà in merito ai principi della Costituzione con particolare riferimento al Diritto alla salute. Capacità di applicare conoscenza e comprensione Applicazione di tali nozioni di natura giuridica al proprio contesto professionale Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative: PRINCIPI COSTITUZIONALI, LEGISLAZIONE E PROGRAMMAZIONE SANITARIA E SOCIALE

6 QUADRO A4.c Autonomia di giudizio Abilità comunicative Capacità di apprendimento Autonomia di giudizio In relazione alla consapevolezza ed autonomia di giudizio, si richiede al laureato la capacità di formulare autonomamente giudizi critici nella lettura e interpretazione della letteratura scientifica di riferimento psicologico. Si richiede inoltre la capacità di formulare valutazioni argomentate sui fenomeni indagati, in base ai dati osservativi e strumentali rilevati, anche tenendo conto dei principi dell'etica professionale. Tali capacità possono concretizzarsi - soprattutto attraverso l'esperienza della preparazione della dissertazione finale - nell'acquisizione di un'autonomia professionale e di un bagaglio di conoscenze e metodi, che pur nella loro identità ancora in fierià devono ambire ad essere esportati nelle scelte professionali del futuro psicologo. Il laureato è infatti consapevole del livello di formazione raggiunto e analizza con obiettività e deontologia la propria preparazione rispetto alla complessità degli interventi rivolti alle persone, famiglie, gruppi e organizzazioni. Le capacità di giudizio autonomo sono valutate attraverso gli esiti delle attività laboratoriali, la rendicontazione dell'attività di tirocinio, la prova finale. Abilità comunicative In relazione alle capacità comunicative, il laureato è in grado di: comunicare in modo chiaro ed efficace, utilizzando appropriatamente il lessico della propria disciplina; stabilire relazioni professionali con utenti e professionisti, tenendo in considerazione le esigenze e le richieste degli individui, dei gruppi e delle organizzazioni con i quali si trova ad operare nel corso della propria attività ; è in grado di collaborare in èquipe multidisciplinari. Le competenze sopra richiamate sono acquisite tramite le attività laboratoriali ed il tirocinio. Capacità di apprendimento Si richiede al laureato una capacità sostanziale di riflettere sugli argomenti di studio e di saper leggere criticamente la letteratura del settore in modo da aggiornarsi continuamente in modo autonomo; di sapersi orientare rispetto alle offerte formative relative ad un livello di studi superiori (master, scuole di specializzazione e dottorato di ricerca) e di possedere le conoscenze di base che ne permettano l'eventuale accesso. Il laureato è inoltre in grado di definire un piano di ricerca e sviluppo della propria professione e della qualità professionale. Il possesso di tali competenze è verificato in sede di valutazione della prova finale. QUADRO A5 Prova finale Dopo aver superato tutte le verifiche presenti nel curriculum, ivi compresi quelli relativi alla preparazione della prova finale, lo studente è ammesso a sostenere la prova finale, la quale consiste nella discussione individuale di un elaborato scritto da discutere dinanzi alla Commissione di Laurea, su un argomento a carattere teorico e/o sperimentale applicativo, redatto in modo creativo ed originale inerente agli argomenti presenti nel curriculum. La tesi va preparata sotto l'egida di un docente relatore titolare di un insegnamento nel corso di laurea. Di norma nella commissione è presente il docente relatore. Possono essere componenti la commissione di valutazione della prova finale uno o più correlatori, non necessariamente docenti dell'università e-campus, che abbiano comunque supervisionato il lavoro in itinere in qualità di esperto. Il conseguimento del titolo è l'esito di una valutazione complessiva del curriculum di studi e della tesi di laurea da parte di

7 apposita commissione nominata dal Rettore. Il giudizione finale è espresso in centodecimi e, qualora la votazione finale sia quella massima, la commissione può conferire in modo unanime la lode. QUADRO B1.a Descrizione del percorso di formazione Il Corso si sviluppa step by step e ogni apprendimento fatto proprio è prerequisito per quello successivo fino al possesso di una metodologia che autorizza l applicazione dei saperi a situazioni e contesti definiti ed eterogenei. In questo modo l apporto dei saperi disciplinari rivela tutta la sua fecondità ed autorizza in itinere e conclusivamente modalità di valutazione. Il corso, nel suo sviluppo, prevede una efficace mediazione tra i saperi disciplinari che trovano una concreta uniformità nel possesso di conoscenze e competenze spendibili nel mercato relazionale a seconda degli anni di Corso. Il Corso di laurea Magistrale in Psicologia intende elevare il grado di formazione raggiunto dai laureati triennali, attraverso il perfezionamento e l approfondimento delle conoscenze e competenze acquisite nel precedente livello di corso di laurea. In particolare, si intende favorire l acquisizione di metodi e strumenti conoscitivi e applicativi utilizzabili negli interventi psicologici (prevenzione, consultazione diagnostica, formazione e consulenza) rivolti a utenze diversificate, siano esse rappresentate da individui, famiglie, gruppi o organizzazioni.

8 QUADRO B1.b Descrizione dei metodi di accertamento La verifica del grado di apprendimento degli obiettivi formativi inerenti i diversi insegnamenti del Corso di Laurea, può svolgersi con esami orali e eventualmente anche scritti (nel caso di insegnamenti che rendano possibile una verifica scritta delle competenze raggiunte) e l'eventuale valutazione della partecipazione attiva degli studenti alle attività seminariali. Ai fini del superamento dell'esame è necessario conseguire il punteggio minimo di 18 punti. L'eventuale attribuzione della lode, in aggiunta al punteggio massimo di 30 punti, è subordinata alla valutazione unanime della Commissione o sottocommissione esaminatrice. Le informazioni relative a ciascun insegnamento sono raccolte in schede allegate alla guida dello studente e pubblicate sul sito. In ogni scheda sono indicati: la denominazione dell'insegnamento, il settore scientifico-disciplinare di appartenenza, i crediti assegnati, gli obiettivi formativi, i contenuti, i pre-requisiti, le propedeuticità, le modalità di accertamento del profitto ed i testi da utilizzare per la preparazione. Ogni "scheda insegnamento", in collegamento informatico al Quadro A4-b, indica, oltre al programma dell'insegnamento, anche il modo cui viene accertata l'effettiva acquisizione dei risultati di apprendimento da parte dello studente. Ogni "scheda insegnamento", in collegamento informatico al Quadro A4-b, indica, oltre al programma dell'insegnamento, anche il modo cui viene accertata l'effettiva acquisizione dei risultati di apprendimento da parte dello studente. QUADRO B1.c Articolazione didattica on line Ogni insegnamento dei corsi prevede numerose tipologie di L.O. (learning object) fruibili online, predeterminati dai CFU dell'insegnamento (otto lezioni per ogni CFU, per un totale di almeno 16 ore/cfu di impegno online), con lezioni costituite da un'attività di studio principale e da almeno tre sessioni di approfondimento. Il sistema ecampus supporta L.O. costituiti da: presentazioni multimediali (slides); videolezioni; filmati (formati più diffusi); test di valutazione (aperti); test di autovalutazione (chiusi); testi/dispense (pdf, docx); immagini e schemi (formati più diffusi); podcast (formati più diffusi), e tutti i contenuti prevedono un complesso processo di certificazione per step sequenziali ognuno dei quali contribuisce

9 (nell'ambito di uno stato d'avanzamento globale) a completare il percorso di certificazione quali-quantitativo dei L. O. che costituiscono l'insegnamento. Per le verifiche degli apprendimenti i docenti hanno a disposizione numerosi strumenti del VLE. Monitor Tutoria Online: consente di visualizzare in tempo reale le principali attività che intercorrono tra discente e Tutor durante l'erogazione dell'insegnamento (numero e frequenza degli incontri, contenuti degli incontri, corrispondenza intercorsa, difficoltà riscontrate, revisioni della progettazione dell'erogazione del corso, ecc.). Forum Tutoria Online-Docenti: consente di discutere e di condividere, all'interno delle rispettive comunità (Docenti e Tutor), problematiche inerenti i L. O. di ogni insegnamento, oltre a consentire ai Tutor di collaborare direttamente con il Docente nell'ottimizzare la fase di trasmissione e di verifica d'apprendimento dei contenuti per ogni singolo discente. eportfolio: fondamentale componente del sistema ecampus, consente di certificare sia il processo valutativo in itinere che quello sommativo per i singoli insegnamenti. Quando l'insegnamento viene programmato, ad ogni studente si crea un'area specifica dove l'erogatore archivia in modo progressivo: gli svolgimenti dei test somministrati online, che vengono inviati automaticamente all'eportfolio appena lo studente dichiara conclusa questo tipo di attività ; gli svolgimenti delle esercitazioni infracorso presenti all'interno del singolo L. O., aprendo temporaneamente (e fino a quando non si dichiara conclusa l'attività ) allo studente la possibilità di uploadare il relativo file richiesto dal docente. I docenti hanno poi la possibilità di visualizzare, per ogni allievo, tutte le prove svolte e di inserire sia singole valutazioni che un giudizio complessivo che delle note personali: il tutto, ovviamente, viene istantaneamente reso disponibile al discente nell'area di studio personale. QUADRO B1.d Modalità di interazione prevista Per tutti gli insegnamenti dei corsi il VLE dell'ateneo presenta una sezione specifica per l'interazione diretta (sincrona) docente-studente ed un'altra, sempre specifica ma asincrona, dedicata alla registrazione dei feedback rilasciati dal docente sulle singole e-tivity svolte dagli studenti. Per l'interazione sincrona i docenti possono: - ricevere gli studenti nel proprio Ufficio Virtuale e relativa sala d'attesa (consente comunicazioni bidirezionali in audio e video in tempo reale, con lavagna condivisa); - comunicare direttamente e gratuitamente con i propri studenti attraverso un sistema telefonico (VOIP) dedicato con numerazione privata, anche mediante un dispositivo mobile personale; - scambiare messaggi istantanei (con allegati) con i propri allievi, il sistema avvisa in tempo reale sul ricevimento di un nuovo messaggio. Per l'interazione asincrona i docenti possono utilizzare la sezione denominata 'I miei studenti', all'interno della quale visualizzano: tutti i dati relativi alla carriera dello studente; il numero delle lezioni programmate e quello delle lezioni erogate ad una precisa data; gli esiti relativi alla somministrazione dei test di autovalutazione infracorso; ogni svolgimento (delle esercitazioni infracorso che richiedono la produzione di elaborati) realizzato dall'allievo, quindi possono inserire il giudizio di valutazione ed eventuali note di commento, ma anche allegare ed inviare un file come soluzione e/o approfondimento in merito all'attività svolta.

10 QUADRO B2.a Calendario del Corso di Studio e orario delle attività formative QUADRO B2.b Calendario degli esami di profitto QUADRO B2.c Calendario sessioni della Prova finale QUADRO B4 Aule e laboratori In quanto università telematica, la fruizione dei contenuti didattici avviene principalmente in modalità remota, tuttavia l attività didattica integrativa a frequenza facoltativa di natura seminariale viene svolta presso le aule presenti nelle tre sedi fisiche dell università. Spazi complessivamente disponibili (Novedrate, dati in m 2 ) Totale spazi disponibili di cui aule di cui laboratori informatici 160 di cui altri laboratori 540 di cui biblioteche 430 di cui mensa 763 di cui convitto di cui chiesa 88 di cui cinema all'aperto 924 di cui bar 195 Fonte: Ateneo

11 Spazi complessivamente disponibili (Roma, dati in m 2 ) Totale spazi disponibili 900 di cui aule 420 di cui laboratori informatici 27 di cui altri laboratori 178 di cui bar 27 Fonte: Ateneo Spazi complessivamente disponibili (Messina, dati in m 2 ) Totale spazi disponibili 500 di cui aule/lab. didattici 170 di cui laboratori informatici 43 Fonte: Ateneo Spazi complessivamente disponibili (Bari, dati in m 2 ) Totale spazi disponibili 494 di cui aule/lab. didattici 175 di cui laboratori informatici 50 Fonte: Ateneo QUADRO B4 Biblioteche Link inserito: QUADRO B4 Infrastruttura tecnologica - Requisiti delle soluzioni tecnologiche L infrastruttura hardware di supporto è impostata sul piano di sviluppo dell Università ed è ininterrottamente monitorata da sistemi completamente automatici; tale soluzione, oltre a garantire la sicurezza dei dati, consente anche un collegamento diretto con il fornitore della connettività ottenendo così una doppia sicurezza: da un lato, di usufruire interamente della banda (40 Mb/s), dall altro la garanzia di continuità del servizio previsto dal SLA sottoscritto dal provider. Tale architettura, consente oggi l erogazione di tutti i corsi e i servizi online ad almeno utenti simultaneamente connessi. La soluzione di backup attualmente implementata prevede lo storage dei dati e le politiche adottate sono: - di backup incrementale giornaliero; - di copia fisica completa settimanale, entrambe successivamente archiviate su nastro.

12 Il sistema formativo/educativo mediante il quale l Ateneo ecampus eroga i propri corsi è costituito da: - un VLE (Virtual Learning Environment) di tipo proprietario; - un eportfolio; - un insieme di Tools Web 2.0, che contribuiscono a creare per ogni corsista il proprio PLE (Personal Learning Environment), che resta in dotazione allo studente anche dopo aver concluso il percorso curriculare. Il VLE si compone di: - un CMS, che è lo strumento software, installato su server web, con il quale si gestiscono tutte le visualizzazioni e le tipologie di contenuti dell'intero sistema dell Ateneo ecampus; - un LMS, che presidia sia la distribuzione dei learning object dei corsi online che il tracciamento di tutte le attività didattiche online, sia erogative che interattive (tempo di visualizzazione delle lezioni, test multi-choice, verifiche, esercizi, ecc.), essendo compatibile con lo standard SCORM, necessario per certificare le attività svolte dagli studenti. - un ambiente specifico per la didattica collaborativa; - un area specifica per i Servizi di Segreteria (Generale, Studenti e Docenti); - un Polo Bibliotecario Multimediale; - due Registri delle Attività Online (Studenti e Docenti). In particolare, l accessibilità ai L. O., intesa come capacità del VLE di erogarli -insieme agli altri servizi e al rilascio delle informazioni fruibili senza discriminazioni- anche a coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive, viene garantita dalla presenza di una sezione specifica del VLE, all interno dell area Assistenza e Supporti, nella quale sono resi disponibili strumenti e soluzioni software che permettono a tale categoria di studenti di superare o di ridurre le condizioni di svantaggio. Sempre nella stessa area ( Assistenza e Supporti ) del VLE d Ateneo, sono disponibili (sia per la lettura che in download per la stampa):- la Guida Tecnica dello Studente, che spiega in modo semplice e visuale ma con il massimo dettaglio, tutte le funzioni del VLE che l Ateneo mette a disposizione dei discenti; - il Manuale Operativo del Docente, che dettaglia tutte le numerose funzioni del VLE che l Ateneo mette a disposizione dei Professori. All inizio di ogni A. A. viene presentato e commentato al corpo docente in apposita sessione frontale, durante l anno gli aggiornamenti sono effettuati online (download dall Area Riservata dei capitoli aggiornati); - numerosi video-tutorial riguardanti aspetti particolari del VLE; - una sezione riguardante le FAQ, suddivisa per macroargomenti; - l accesso online all Help Desk di secondo livello sia per i docenti che per gli studenti. Infatti, per qualsiasi difficoltà nell uso dei front-end del sistema ecampus, come peraltro ben specificato nella Carta dei Servizi, è disponibile sia un helpdesk di primo livello, svolto negli orari d ufficio dalla Segreteria Studenti e dalla Segreteria Docenti, che un helpdesk di secondo livello attivabile dietro apertura della segnalazione via portale, che garantisce l intervento e/o un contatto con un operatore tecnico entro le 24 h. Tutte le principali attività inerenti la didattica, sia erogativa che interattiva, nonché quelle di Segreteria (prenotazione esami, rilascio certificati, consultazione libretto elettronico, consultazione bacheche elettroniche, calendari d esame, ecc.) sono fruibili da tutti i device mobili, con una scalarità (versioni dei sistemi operativi e tipologia di dispositivo) aggiornata continuamente e veicolata a tutti gli utenti tramite VLE, in una sezione dedicata dove i Sistemi Informativi d Ateneo rendono disponibile una c.d. Matrice di Compatibilità. L accesso a tutte le funzionalità offerte dal VLE avviene mediante un unica autenticazione (sistema Single Sign On), per motivi di sicurezza la medesima password deve essere ridigitata dall utente quando accede ad applicazioni di terze parti (p.e. Gestionale di Segreteria, Biblioteca Digitale Online). Conformemente a quanto previsto dalla Legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro), il VLE d Ateneo consente di pubblicare e rendere accessibili gratuitamente i curricula -aggiornati in tempo reale- dei propri studenti tramite Portale, inoltre è in grado di inoltrarli alla Borsa Continua Nazionale del Lavoro, per il tramite del sistema Cliclavoro. Analogamente, il VLE supporta, registra e gestisce tutte le attività di Tirocinio, Stage e Placement svolte dai discenti, dai laureandi e dai laureati. Infine, sia nella sede centrale (Novedrate) che in quelle decentrate (Roma, Messina, Bari), dietro prenotazione da effettuarsi in Segreteria, sono disponibili numerosi client a navigazione libera e gratuita, per gli studenti dei corsi e per i docenti d Ateneo.

13 QUADRO B4 Infrastruttura tecnologica - Contenuti multimediali Il VLE di ecampus è stato progettato per consentire l erogazione contenuti didattici multimediali rispondenti a specifici standard supportanti Learning Objects in formato XML (extensible Markup Language) e di tracciarne l erogazione a scopo didattico e certificativo, con granularità a livello di Learning Object e singolo test di apprendimento (Advanced Distributed Learning specifica SCORM 1.2.) La tracciabilità della fruizione del corso online in termini di erogazione e utilizzo di tutti i contenuti fino a livello di Learning Objects, oltre ad essere sostegno al modello didattico scelto, garantisce la salvaguardia del diritto d autore del materiale didattico stesso. Il processo di progettazione e produzione dei contenuti multimediali presenti all interno dei corsi è basato su un architettura Learning Content Management System con capacità di authoring, indicizzazione contenuti, aggregazione a granularità variabile, regole di ad attività espresse in forma esplicita e interoperabili tra sistemi di vari fornitori (per esempio con la specifica in XML Simple Sequencing), grande capacità di archiviazione online con possibilità di autenticazione di accesso e protocolli standard di condivisione dei metadata (basato su SOAP XML). La piena integrazione tra i moduli di Segreteria Didattica, il CMS, il LMS e l insieme delle web-application costituenti il Virtual Learning Environment (VLE) consentono la produzione di contenuti specifici finalizzati alla successiva erogazione garantendo la massima aderenza agli standard adottati e la compatibilità con i più recenti standard tecnologici. I percorsi didattici sono quindi realizzati utilizzando combinazioni, anche complesse di contenuti multimediali, che spaziano dai più semplici (testuali) a forme complesse ed interattive quali le videolezioni in ambiente multicanale (sistema L2L del Consorzio CINECA) e possono essere schematizzati nelle seguenti categorie: - testuali; - audiolezioni; - videolezioni; - dirette streaming; - test interattivi. Per agevolare la produzione di contenuti multimediali di qualità il software EPPI, la componente del VLE in uso ai docenti, consente comunque la produzione di oggetti complessi sulla base di schemi predefiniti che guidano il docente stesso nella realizzazione dei LO. Tramite questo applicativo è infatti possibile strutturare i contenuti dei propri insegnamenti sia utilizzando oggetti semplici (mp3, documenti word, pdf, ecc.) sia utilizzando dei modelli standardizzati (contenitori multimediali) che, una volta personalizzati usando come strumento di lavoro Microsoft PowerPoint, consentono di creare oggetti SCORM in grado di essere erogati e tracciati dal sistema ecampus. Tutti i contenuti inseriti in EPPI (anche quelli multimediali) vengono in seguito rielaborati utilizzando tecniche e software dedicati (Articulate Presenter, Adobe Acrobat, ecc.) che li convertono e li pubblicano nel VLE in formato SCORM compatibile: ciò consente di garantire la massima compatibilità con i principali browser e dispositivi utilizzati dagli studenti. QUADRO B5 Orientamento in ingresso "l'orientamento in ingresso si svolge attraverso "Il Progetto Ponte Scuole-Università. questo è costituito da una serie di attività di orientamento rivolte ai docenti e agli studenti delle scuole superiori, che hanno l'obiettivo di favorire l'incontro tra scuola, università e mondo del lavoro. Le attività si svolgono nelle sedi dell'università ecampus e, su richiesta, presso gli stessi istituti superiori, conformemente alla l. 19 novembre 1990, n. 341, nonchè alla vigente legislazione universitaria, anche statutaria e regolamentare dell'università ecampus, al d. lgs 14 gennaio 2008, n. 21, alla circ. MIUR 12 aprile 2012 n. 29. Le attività di orientamento prevedono:

14 1)Presso le sedi dell'università ecampus (Novedrate, Roma, Messina, Bari ) - partecipazione di scolaresche alle giornate e alle settimane di orientamento, rivolta agli studenti del penultimo e ultimo anno degli istituti superiori (gli studenti sono messi a confronto con il contesto universitario e i contenuti disciplinari degli insegnamenti di tutte le facoltà ) - partecipazione di scolaresche ai cicli di lezioni per diplomandi ( riservate ai soli studenti dell'ultimo anno e tenute da docenti dell'università ecampus) - visite guidate delle sedi e del campus universitario; 2) Presso le sedi delle Scuole - partecipazione di gruppi di studenti alle iniziative di orientamento ( con presentazione dell'università ecampus, spiegazione e svolgimento del questionario di auto-orientamento e definizione delle modalità di restituzione del medesimo) - presentazioni e seminari sulla formazione richiesta dal mondo del lavoro e sui processi di selezione 3) Sul web e sui social network- attivazione della piattaforma Portfolio Ricerche e Pubblicazioni. ( con possibilità di redazione e pubblicazione di elaborati a cura degli studenti)"

15 QUADRO B5 Orientamento e tutorato in itinere Presso l'università ecampus, in ottemperanza a quelli che sono i più avanzati metodi dell'e-learning e conformemente a quanto recita lo statuto all'art. 26, è attivo un sistema di tutoring. Ogni studente viene gestito da un unico tutor online e da vari tutor in presenza. Il tutor online rappresenta la figura garante dell'obiettivo laurea di ciascuno studente; le sue attività fondamentali si articolano in: progettazione didattica del piano di studi personale di ciascuno studente; coordinamento delle attività dello studente in funzione alle esigenze dello stesso; monitoraggio dell'andamento complessivo di ciascuno studente mediante l'utilizzo di strumenti sincroni e asincroni; supporto tecnico, burocratico e motivazionale. La funzione del tutorato online è finalizzata a: supportare l'allievo durante tutto il percorso di studi del singolo studente, in quanto figura garante dell'obiettivo laurea. Il tutor in presenza, invece, è un esperto dei contenuti di alcune materie dei corsi di laurea, costui inoltre viene appositamente formato alla gestione dei processi cognitivi e motivazionali dell'apprendimento e degli aspetti tecnico-comunicativi della didattica on-line. La maggior parte dei tutor online di ecampus svolge anche funzione di tutor in presenza; per questa ragione in un'unica figura convergono le tre tipologie di tutor (disciplinare, tecnico e dei corsi di studio) previste dalla normativa vigente. Il regolamento didattico di ateneo definisce in modo dettagliato i requisiti richiesti ai tutor. I compiti dei tutor sono indicati nella Carta dei servizi. Sotto la responsabilità dei Consigli delle strutture didattiche, essi possono essere chiamati a collaborare con i docenti per le attività di orientamento e di tutorato previste dal comma 2 dell'art. 13 della legge 19 novembre 1990, n Al fine di migliorare la qualità dei processi di erogazione del servizio di tutoria, durante lo svolgimento dell'ultimo anno accademico l'università ecampus ha realizzato le seguenti attività : questionario volto ai tutti i Tutor on line e a tutti i tutor in presenza con lo scopo di rilevare criticità ed attuare piani di miglioramento; avvio di un progetto che consta di cicli di incontri in streaming tenuti dai docenti e rivolti a tutor on line e tutor in presenza con il duplice scopo di favorire la comunicazione tra docenti e tutor, e di permettere ai docenti di fornire indicazioni didattiche precise ai tutor. QUADRO B5 Assistenza per lo svolgimento di periodi di formazione all'esterno (tirocini e stage) Da Novembre 2010 presso l'università ecampus è stato istituito l'ufficio Relazioni Internazionali che si occupa del placement internazionale, ovvero di stipulare convenzioni con aziende straniere disposte ad ospitare tirocinanti che vogliano coniugare l'esperienza lavorativa con la conoscenza di realtà diverse, stimolo per la crescita personale, culturale, professionale e linguistica. Le convenzioni (redatte conformemente agli ordinamenti legislativi dei Paesi scelti), formulate grazie al supporto di questo personale specializzato attivo all'interno della nostra Università, prevedono una totale assistenza fino al supporto fornito agli studenti nella ricerca di un alloggio, restando quale imprescindibile punto di riferimento per tutta la durata dell'esperienza all'estero.

16 QUADRO B5 Assistenza e accordi per la mobilità internazionale degli studenti L'Università ecampus è consapevole quanto sia importante la formazione degli studenti in uno spirito internazionale. Anche per questo Corso di Studi è quindi importante fornire occasioni di collegamento con gli ambienti internazionali. Per questo si sta organizzando un programma di Summer School presso università statunitensi; si partirà prima con corsi di due o tre settimane che saranno offerti a studenti e ricercatori che assieme si potranno ritrovare a vivere esperienze qualificanti. QUADRO B5 Accompagnamento al lavoro Un servizio di Placement è attivo da tempo con numerosi collegamenti con aziende ed enti. Da quest'anno verranno avviate alcune giornate di incontro con il mondo delle imprese e delle professioni, a partire dall'organizzazione di un Career-Day. La giornata sarà anche l'occasione per raccogliere informazioni ed indicazioni per le richieste di aggiornamento professionale dei laureati; tali informazioni costituiscono la base da cui partire per l'offerta di master universitari o corsi professionalizzanti. QUADRO B6 Opinioni studenti In merito alla ricognizione sull'efficacia del processo formativo percepita dagli studenti, sono stati raccolti i dati relativi a un totale di studenti afferenti alla Facoltà di Psicologia e immatricolati degli Anni Accademici e seguenti. Per l'anno solare 2013 l'analisi dei questionari è stata fatta a livello di Facoltà, con l'anno 2014 si provvederà all'analisi delle risposte degli studenti per singolo corso di Laurea. Per quanto riguarda gli Anni Accademici 2012/2013 e 2013/2014, interessati dal periodo di rilevazione del livello di gradimento degli Studenti (anno 2013), sono stati coinvolti studenti, indagandone la percezione dell'efficacia del processo formativo utilizzando una scala Likert a 4 punti di seguito dettagliati: 1=Decisamente sì; 2=Più si che no; 3=Più no che sì; 4=Decisamente no. Ai fini della presentazione dei presenti risultati, si sono considerate come positive (ovvero rispecchianti un giudizio favorevole da parte degli Studenti) le modalità 1 e 2 ( decisamente sì, Più sì che no), e si sono invece considerate negative (ovvero rispecchianti un giudizio sfavorevole da parte degli Studenti) le modalità 3 e 4 (più no che sì, decisamente no). I risultati ottenuti sono di seguito sinteticamente elencati: Per quanto riguarda la valutazione generale della Facoltà di Psicologia nel suo complesso, gli Studenti hanno mostrato un soddisfacente livello di soddisfazione globale (modalità mediana = 2; per ulteriori dettagli si rimanda alla tabella allegata alla scheda SUA). Per quanto riguarda l'organizzazione dei corsi, l'organizzazione complessiva (orario, esami) degli insegnamenti ufficialmente previsti nel periodo di riferimento è risultata accettabile (modalità mediana = 2), il materiale didattico (indicato o fornito) risultato adeguato per lo studio (modalità mediana = 1), e le attività didattiche di autoapprendimento (slide) sono risultate di facile accesso e utilizzo (modalità mediana = 1; per ulteriori dettagli si rimanda alla tabella allegata alla scheda SUA).

17 Per quanto riguarda la sezione tutoria, i tutor sono risultati reperibili per chiarimenti e spiegazioni (modalità mediana = 2), hanno supportato adeguatamente le attività didattiche e di studio (modalità mediana = 2), e in generale gli Studenti sono risultati soddisfatti di come si sono svolte le attività di tutorato (modalità mediana = 2; per ulteriori dettagli si rimanda alla tabella allegata alla scheda SUA). Per quanto riguarda i docenti, essi sono risultati effettivamente reperibili per chiarimenti e spiegazioni (modalità mediana = 1; per ulteriori dettagli si rimanda alla tabella allegata alla scheda SUA). Infine, per quanto riguarda le conoscenze, le conoscenze preliminari possedute dagli Studenti sono risultate sufficienti per la comprensione degli argomenti trattati (modalità mediana = 1; per ulteriori dettagli si rimanda alla tabella allegata alla scheda SUA). QUADRO B7 Opinioni dei laureati Sono state messe in atto iniziative per la somministrazione delle schede per la raccolta dell'opinione degli studenti laureati sulla didattica delle Università telematiche (allegato VI bis decreto AVA). Al momento i dati sono in fase di raccolta e non ancora disponibili per la pubblicazione.

18 QUADRO C1 Dati di ingresso, di percorso e di uscita Per quanto attiene ai risultati dagli studenti nei loro aspetti quantitativi (dati di ingresso, provenienza, percorso di studi e uscita), si segnala che il Corso di Laurea Magistrale in Psicologia (LM51) è di recente attivazione (Anno Accademico 2013/2014); si sono finora registrate 141 immatricolazioni di Studenti, di cui 1 fuori corso. Per quanto attiene alla Facoltà di Psicologia nel suo complesso, si sono registrate immatricolazioni nei vari Corsi di Laurea afferenti alla Facoltà, tenendo conto degli Anni Accademici AA 2012/2013 e 2013/2014 interessati dal periodo di rilevazione a cui fa riferimento la presente scheda SUA (anno 2013). In generale, per la Facoltà di Psicologia nel suo complesso, si sono registrate 66 rinunce; 91 Studenti non hanno proseguito nel 2013, e 91 Studenti non hanno proseguito nel Per quanto attiene al Corso di Laurea Magistrale in Psicologia (LM51), risultano attivi 137 studenti; si è registrata la rinuncia di un solo studente, e 3 studenti hanno ottenuto finora il relativo titolo di studio. Più in dettaglio, per quanto riguarda la distinzione sulla base del tipo di diploma superiore posseduto dagli Studenti, i piã¹ frequenti risultano essere: diploma di maturità scientifica (22 studenti); classica (21 studenti); e magistrale (20 studenti). Per quanto riguarda la distinzione in base alla regione italiana di provenienza, su 141 Studenti: 54 provengono dalla Lombardia; 16 dal Lazio; e 16 dalla Campania. Per quanto riguarda la distinzione in base alla cittadinanza, su 141 Studenti 139 sono di cittadinanza italiana, e 2 di cittadinanza ucraina. Per quanto riguarda l'età degli Studenti, su 141 Studenti l'età media risulta essere 40,6 anni (con una deviazione standard di 11,77). Infine, per quanto attiene al genere degli Studenti, su 141 Studenti le donne risultano essere 124 (88%), e i maschi 17 (12%). QUADRO C2 Efficacia Esterna Per il reperimento dei dati relativi all'ingresso dei laureati nel mondo del lavoro specifici dei corsi di laurea, sono state poste in essere una serie di iniziative. In particolare èstata recuperata l'anagrafica di tutti i laureati a partire dal 2009; è stata inoltre acquisita la procedura di gestione dei tirocini, con la relativa modalità di inserimento delle aziende; è stata inoltre creata un'applicazione in grado di: I. Recuperare AUTOMATICAMENTE tutti gli studenti e i laureandi ecampus dal servizio web pubblico fornito dal Cineca II. Recuperare SEMI-AUTOMATICAMENTE le aziende registrate in formato elettronico sul sistema informativo ecampus E' stata inoltre avviata l'elaborazione di una procedura al fine di monitorare e mantenere contatti con gli studenti in uscita con l'obiettivo di creare un database di schede inerenti la carriera accademica e professionale dei laureati ecampus che possa essere offerto sotto forma di servizio alle aziende che si appoggiano al placement, ma anche ai docenti e agli studenti stessi che hanno necessità di acquisire personale qualificato nelle proprie aziende o società ; monitorare il percorso dei laureati ecampus dopo la laurea tramite l'uso di sistemi informatici automatizzati disponibili sulla piattaforma ecampus, al fine di raccogliere statistiche e analizzare le performance raggiunte, così come richiesto dalle direttive del ministero. I dati sono in fase di raccolta.

19 QUADRO C3 Opinioni enti e imprese con accordi di stage / tirocinio curriculare o extra-curriculare La gestione diretta dell'offerta di tirocini e stage e l'introduzione dei laureati nel mondo del lavoro anche con l'organizzazione di JobDay, viene svolta all'ufficio Stage&Placement. L'università ecampus ha attivato da tempo una procedura informatica per la registrazione e l'accreditamento delle aziende e per la gestione dei tirocini. La creazione del database e la rilevazione delle opinioni delle aziende coinvolte è in fase di sviluppo

Università Telematica "E-CAMPUS" EDUCATIONAL SCIENCE. italiano. http://www.uniecampus.it/didattica/index.html. in teledidattica

Università Telematica E-CAMPUS EDUCATIONAL SCIENCE. italiano. http://www.uniecampus.it/didattica/index.html. in teledidattica Informazioni generali sul Corso di Studi Università Nome del corso Classe Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Eventuale indirizzo internet del corso di laurea Tasse Modalità di svolgimento Università

Dettagli

italiano in teledidattica

italiano in teledidattica Informazioni generali sul Corso di Studi Università Nome del corso Classe Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Eventuale indirizzo internet del corso di laurea Tasse Modalità di svolgimento Università

Dettagli

italiano www.uniecampus.it/didattica/index.html in teledidattica

italiano www.uniecampus.it/didattica/index.html in teledidattica Informazioni generali sul Corso di Studi Università Nome del corso Classe Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Eventuale indirizzo internet del corso di laurea Tasse Modalità di svolgimento Università

Dettagli

italiano in teledidattica

italiano in teledidattica Informazioni generali sul Corso di Studi Università Nome del corso Classe Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Eventuale indirizzo internet del corso di laurea Tasse Modalità di svolgimento Università

Dettagli

Università Telematica "E-CAMPUS" MOTOR AND SPORT ACTIVITIES SCIENCES. italiano. http://www.uniecampus.it/didattica/index.html.

Università Telematica E-CAMPUS MOTOR AND SPORT ACTIVITIES SCIENCES. italiano. http://www.uniecampus.it/didattica/index.html. Informazioni generali sul Corso di Studi Università Nome del corso Classe Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Eventuale indirizzo internet del corso di laurea Tasse Modalità di svolgimento Università

Dettagli

COMMUNICATION SCIENCES. italiano. in teledidattica

COMMUNICATION SCIENCES. italiano. in teledidattica Informazioni generali sul Corso di Studi Università Nome del corso Classe Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Eventuale indirizzo internet del corso di laurea Tasse Modalità di svolgimento Università

Dettagli

Economics. italiano. in teledidattica

Economics. italiano. in teledidattica Informazioni generali sul Corso di Studi Università Nome del corso Classe Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Eventuale indirizzo internet del corso di laurea Tasse Modalità di svolgimento Università

Dettagli

Università Telematica "E-CAMPUS" http://www.uniecampus.it/didattica/index.hml

Università Telematica E-CAMPUS http://www.uniecampus.it/didattica/index.hml Informazioni generali sul Corso di Studi Università Nome del corso Classe Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Eventuale indirizzo internet del corso di laurea Tasse Modalità di svolgimento Università

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE SEZIONE I - NORME GENERALI E COMUNI CAPO I - DENOMINAZIONE E ORGANI Art. 1 - Denominazione dei corsi di laurea e classi di riferimento Art.

Dettagli

Università Telematica "E-CAMPUS" LM-32 - Ingegneria informatica. italiano. http://www.uniecampus.it/didattica/index.html.

Università Telematica E-CAMPUS LM-32 - Ingegneria informatica. italiano. http://www.uniecampus.it/didattica/index.html. Informazioni generali sul Corso di Studi Università Nome del corso Classe Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Eventuale indirizzo internet del corso di laurea Tasse Modalità di svolgimento Università

Dettagli

italiano in teledidattica

italiano in teledidattica Informazioni generali sul Corso di Studi Università Nome del corso Classe Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Eventuale indirizzo internet del corso di laurea Tasse Modalità di svolgimento Università

Dettagli

Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Scienze Pedagogiche (LM 85)

Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Scienze Pedagogiche (LM 85) Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Scienze Pedagogiche (LM 85) Articolo 1 Definizioni e finalità Il presente regolamento, nel rispetto della libertà

Dettagli

Regolamento Didattico. Corso di Laurea in Scienze Motorie Classe L-22

Regolamento Didattico. Corso di Laurea in Scienze Motorie Classe L-22 Regolamento Didattico Corso di Laurea in Scienze Motorie Classe L-22 REG.CDL.SM rev. 0 del 16 febbraio 2011 1/9 Articolo 1 - Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: a) per Facoltà:

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Classe L 18

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA) REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICA Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA CLINICA afferisce

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Classe di appartenenza: LM - 51 Clinical Psychology REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

1.Votazione di laurea maggiore o uguale a 90/110 (82/100 se in centesimi).

1.Votazione di laurea maggiore o uguale a 90/110 (82/100 se in centesimi). REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Classe: LM-31- Ingegneria gestionale Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN NEUROSCIENZE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN NEUROSCIENZE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN NEUROSCIENZE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Corso di Laurea in Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica (Abilitante alla Professione del Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica) 1. Aspetti generali e definizione

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE E FINANZIARIE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI IN SERVIZIO SOCIALE E POLITICHE SOCIALI (LM-87) Ai

Dettagli

FUNZIONARIO GIUDIZIARIO E AMMINISTRATIVO ANNO ACCADEMICO 2010/2011

FUNZIONARIO GIUDIZIARIO E AMMINISTRATIVO ANNO ACCADEMICO 2010/2011 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea telematico in: FUNZIONARIO GIUDIZIARIO E AMMINISTRATIVO ANNO ACCADEMICO 2010/2011 Depliant informativo FACOLTA' DI GIURISPRUDENZA

Dettagli

L-11 - Lingue e culture moderne. italiano. in teledidattica

L-11 - Lingue e culture moderne. italiano. in teledidattica Informazioni generali sul Corso di Studi Università Nome del corso Classe Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Eventuale indirizzo internet del corso di laurea Tasse Modalità di svolgimento Università

Dettagli

Informazioni generali sul Corso di Studi. Università. Università Telematica "E-CAMPUS" Nome del corso. FILOLOGIA MODERNA(IdSua:1516609) Classe

Informazioni generali sul Corso di Studi. Università. Università Telematica E-CAMPUS Nome del corso. FILOLOGIA MODERNA(IdSua:1516609) Classe Informazioni generali sul Corso di Studi Università Nome del corso Classe Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Eventuale indirizzo internet del corso di laurea Tasse Modalità di svolgimento Università

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Scienze della Formazione Primaria. (LM-85 bis - Scienze della Formazione Primaria)

Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Scienze della Formazione Primaria. (LM-85 bis - Scienze della Formazione Primaria) Dipartimento di Studi Umanistici Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Scienze della Formazione Primaria (LM-85 bis - Scienze della Formazione Primaria) Manifesto degli Studi A.A. 2014/2015 Presentazione

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATI VI All interno dell Ateneo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Scuola di Ingegneria - Sede di Bologna Laurea Magistrale in Ingegneria energetica Classe: LM-30 Ingegneria

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Scuola di Ingegneria - Sede di Bologna Laurea Magistrale in Ingegneria energetica Classe: LM-30 Ingegneria REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Scuola di Ingegneria - Sede di Bologna Laurea Magistrale in Ingegneria energetica Classe: LM-30 Ingegneria Energetica e Nucleare Art. 1: Requisiti per l'accesso

Dettagli

D. R. n. 36/14 IL RETTORE

D. R. n. 36/14 IL RETTORE IL RETTORE D. R. n. 36/14 Vista la legge 9 maggio 1989 n. 168; Vista Visti Visti Vista Viste la legge 19 novembre 1990 n. 341 ed in particolare l art.11; l art. 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997,

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI (Classe LM-52 Relazioni Internazionali) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY

Dettagli

http://www.uniecampus.it/didattica/index.html

http://www.uniecampus.it/didattica/index.html Università Telematica "E-CAMPUS" Design e discipline della moda L-3 - Discipline delle arti figurative, della musica, dello spettacolo e della moda Design and fashion italiano http://www.uniecampus.it/didattica/index.html

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n.

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 1 REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 56/S) Art. 1 - Denominazione del Corso di Studio (CdS) e classe di appartenenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze Psicologiche Classe di appartenenza: L - 24 Psychological Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE MODERNE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Classe: LM-31 - Ingegneria gestionale Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA SEZIONE I NORME GENERALI E COMUNI CAPO I CORSI DI STUDIO Art. 1 Corsi di Studio (CdS) attivati nel Dipartimento

Dettagli

MFANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in PSICOLOGIA Classe LM - 51 Anno Accademico 2013-2014

MFANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in PSICOLOGIA Classe LM - 51 Anno Accademico 2013-2014 MFANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in PSICOLOGIA Classe LM - 51 Anno Accademico 2013-2014 Requisiti d accesso e modalità di verifica Per essere ammessi al corso di laurea magistrale in Psicologia

Dettagli

MASTER di I Livello MA336 - Management e pubblica amministrazione: nuove competenze I EDIZIONE 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA336

MASTER di I Livello MA336 - Management e pubblica amministrazione: nuove competenze I EDIZIONE 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA336 MASTER di I Livello MA336 - Management e pubblica amministrazione: nuove competenze I EDIZIONE 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA336 www.unipegaso.it Titolo MA336 - Management e pubblica amministrazione:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATCA E COMUNICAZIONE DIGITALE Art. 1 Finalità (art.2 c.6 art.15

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA, INFORMATICA ED ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE COORTE 2014/2015 TITOLO I Disposizioni Generali Art.1 Finalità del Regolamento e ambito

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA (classe L/SNT1 Professioni sanitarie infermieristiche e professione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Ingegneria gestionale Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Classe: L-9 - Ingegneria industriale Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze della Formazione. LAUREA MAGISTRALE IN Consulenza pedagogica e ricerca educativa

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze della Formazione. LAUREA MAGISTRALE IN Consulenza pedagogica e ricerca educativa UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Scienze della Formazione LAUREA MAGISTRALE IN Consulenza pedagogica e ricerca educativa REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE Emanato con Decreto del Presidente del Consiglio dell Università n. 04 del 12.0.2009 (decorrenza a.a. 2009/2010) STR 1 Art. 1 Definizione e

Dettagli

Scuola di Giurisprudenza

Scuola di Giurisprudenza Scuola di Giurisprudenza PARTE NORMATIVA DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA - sede di Bologna ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO AL CORSO Per essere ammesso

Dettagli

corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M. 270/04)

corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M. 270/04) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE Regolamento didattico di corso di studio (laurea di II livello) corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M.

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso di laurea in MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche- L 24. CAPO I Oggetto

Regolamento Didattico del Corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche- L 24. CAPO I Oggetto Dipartimento di Scienze umane Art. 1 - Oggetto del regolamento Regolamento Didattico del Corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche- L 24 CAPO I Oggetto Il presente regolamento, in conformità con

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN SOCIAL WORK

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN SOCIAL WORK UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE (Classe L-39 Servizio sociale) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA SEZIONE I NORME GENERALI E COMUNI CAPO I CORSI DI STUDIO Art. 1 Corsi di Studio (CdS) attivati nel Dipartimento

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Classe di appartenenza: LM - 85 Pedagogical Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM-33 Classe delle lauree magistrali in INGEGNERIA MECCANICA Art. 1 - Finalità TITOLO

Dettagli

34-Classe delle lauree in scienze e tecniche psicologiche Nome del corso. Scienze e tecniche psicologiche

34-Classe delle lauree in scienze e tecniche psicologiche Nome del corso. Scienze e tecniche psicologiche Università Università degli studi di Genova Classe 34-Classe delle lauree in scienze e tecniche psicologiche Nome del corso Scienze e tecniche psicologiche Modifica di Scienze e tecniche psicologiche (codice=22328)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Ingegneria gestionale Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Classe: L-9 -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Ingegneria gestionale Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Classe: L-9 - REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Ingegneria gestionale Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Classe: L-9 - Ingegneria industriale Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso

Dettagli

D. R. n. 35/14 IL RETTORE

D. R. n. 35/14 IL RETTORE IL RETTORE D. R. n. 35/14 Vista la legge 9 maggio 1989 n. 168; Vista Visti Visti Vista la legge 19 novembre 1990 n. 341 ed in particolare l art.11; l art. 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Ingegneria meccanica Scuola di Ingegneria e Architettura Sede di Bologna Classe: L-9 - Ingegneria industriale Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso

Dettagli

L-10 - Lettere. italiano. in teledidattica

L-10 - Lettere. italiano. in teledidattica Informazioni generali sul Corso di Studi Università Nome del corso Classe Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Eventuale indirizzo internet del corso di laurea Tasse Modalità di svolgimento Università

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento Scienze

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale, a ciclo unico, in Scienze della Formazione Primaria. Manifesto degli Studi. Anno Accademico 2015-2016

Corso di Laurea Magistrale, a ciclo unico, in Scienze della Formazione Primaria. Manifesto degli Studi. Anno Accademico 2015-2016 Corso di Laurea Magistrale, a ciclo unico, in Scienze della Formazione Primaria Manifesto degli Studi Anno Accademico 2015-201 Denominazione del Corso di Studio Scienze della Formazione Primaria Denominazione

Dettagli

Area B Percorso formativo

Area B Percorso formativo Area B Percorso formativo Il Corso di Studio deve assicurare agli studenti attività formative che conducano, tramite contenuti, metodi e tempi adeguatamente progettati e pianificati, ai risultati di apprendimento

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE Classe delle Lauree in Servizio sociale (L-39) Sedi didattiche del Corso di Laurea: Asti Presidente del Corso di Laurea: Prof.ssa Elena Allegri Referente di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione Decreto Rettorale di emanazione Rep. n. 628/2008, Prot. 14296 del 2 aprile 2008

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea specialistica in PSICOLOGIA SPERIMENTALE (Classe di laurea 58/S Psicologia)

Regolamento didattico del Corso di Laurea specialistica in PSICOLOGIA SPERIMENTALE (Classe di laurea 58/S Psicologia) 1 Regolamento didattico del Corso di Laurea specialistica in PSICOLOGIA SPERIMENTALE (Classe di laurea 58/S Psicologia) Art 1. Denominazione È istituito presso l Università di Firenze il Corso di Laurea

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del corso di laurea in Scienze dell educazione e della formazione (L19)

Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del corso di laurea in Scienze dell educazione e della formazione (L19) Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del corso di laurea in Scienze dell educazione e della formazione (L19) Articolo 1 Definizioni e finalità Il presente regolamento disciplina, nel rispetto

Dettagli

MASTER di I Livello. Management e pubblica amministrazione: nuove competenze. 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA407

MASTER di I Livello. Management e pubblica amministrazione: nuove competenze. 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA407 MASTER di I Livello 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA407 Pagina 1/9 Titolo Edizione 1ª EDIZIONE Area GIURIDICA ECONOMICA Categoria MASTER Livello I Livello Anno accademico 2015/2016

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche

Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Politiche Regolamento didattico di Facoltà (Emanato con Decreto Rettorale n. 1412/2000-01 del 18.09.2001, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 35 del

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale Interclasse in e delle Telecomunicazioni Classi di Laurea LM-27 e LM-29 a.a.201-2014 TITOLO I Dati generali ARTICOLO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese 1 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO Ai sensi del DM 270/2004 Emanato con D.R. n. 15863 dell'08.04.2010 Ultime modifiche apportate con D.R. Rep. n. 964/2013 del 05/08/2013 Entrato in vigore il 02/08/2013

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO in Scienze e Tecniche Psicologiche dei Processi Mentali CLASSE L 24, ai SENSI DEL D.M. 270/2004 A.A. 2014-2015 TITOLO I - SCIENZE

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea magistrale in Architettura. Classe di laurea magistrale LM 4

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea magistrale in Architettura. Classe di laurea magistrale LM 4 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA Corso di laurea magistrale in Architettura Classe di laurea magistrale LM 4 DM 270/2004, art. 12 R.D.A. art. 5 RIDD Approvato dal

Dettagli

FUNZIONARIO GIUDIZIARIO E AMMINISTRATIVO

FUNZIONARIO GIUDIZIARIO E AMMINISTRATIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea telematico in: FUNZIONARIO GIUDIZIARIO E AMMINISTRATIVO ANNO ACCADEMICO 2010/2011 Depliant informativo FACOLTA' DI GIURISPRUDENZA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN FINANZA E METODI QUANTITATIVI PER L ECONOMIA CLASSI DELLE LAUREE MAGISTRALI LM-1 e LM-83 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 (FIN) (Sede

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Scienza dei Materiali. Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...2 1. Obiettivi specifici del corso...2 2.

Dettagli

FUNZIONARIO GIUDIZIARIO E AMMINISTRATIVO ANNO ACCADEMICO 2009/2010

FUNZIONARIO GIUDIZIARIO E AMMINISTRATIVO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea telematico in: FUNZIONARIO GIUDIZIARIO E AMMINISTRATIVO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 Depliant informativo FACOLTA' DI GIURISPRUDENZA

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E

Dettagli

Università degli Studi di Siena

Università degli Studi di Siena Università degli Studi di Siena Corsi di Laurea Magistrale per l insegnamento nella scuola secondaria di primo grado istituiti in base al D.M. 249 del 10 settembre 2010 Estratti dagli Ordinamenti Didattici

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA ENZO FERRARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA (CLASSE LM-32 INGEGNERIA INFORMATICA)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN FILOLOGIA, LETTERATURA E TRADIZIONE CLASSICA CLASSE LM-15 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

Il regolamento didattico

Il regolamento didattico Il regolamento didattico dell Università telematica e-campus INDICE Art. 1 Finalità Titolo I DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE E DI RICERCA Capo I TITOLI E CORSI Art. 2 Titoli Art. 3 Corsi di studio

Dettagli

Master Executive. MASTER di I Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE. 1500 ore - 60 CFU. Anno Accademico 2014/2015

Master Executive. MASTER di I Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE. 1500 ore - 60 CFU. Anno Accademico 2014/2015 Master Executive MASTER di I Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 Titolo Categoria Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE MASTER I Livello Anno Accademico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1 - Denominazione del Corso di Laurea Presso la Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione dell Università di Cagliari Carta dei servizi per lo Studente

Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione dell Università di Cagliari Carta dei servizi per lo Studente Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione dell Università di Cagliari Carta dei servizi per lo Studente Art. 1 Principi generali e finalità 1. La Carta dei Servizi per lo Studente è regolata dal D.M.

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA EDILE

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA EDILE Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA EDILE D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del corso

Dettagli

Regolamento Didattico dell Università telematica e-campus

Regolamento Didattico dell Università telematica e-campus Art. 1 Finalità Regolamento Didattico dell Università telematica e-campus INDICE Titolo I DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE E DI RICERCA Capo I TITOLI E CORSI Art. 2 Titoli Art. 3 Corsi di studio a

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Regolamento didattico del Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche (L-24 Classe delle Lauree in Scienze e tecniche psicologiche)

Dettagli