CHI SIAMO E COSA FACCIAMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CHI SIAMO E COSA FACCIAMO"

Transcript

1 - Tutela Legale Giustizia Diritto militare Consulenze telefoniche gratuite Ricorsi individuali e collettivi - Raccolta normative e circolari - Banca dati riservata - Convenzioni Servizio di informazione tramite i portali web e il giornale Militari Magazine CHI SIAMO E COSA FACCIAMO SideWeb è una società di servizi nata dall entusiasmo e dall esperienza pluriennale di coloro che hanno operato per anni nelle organizzazioni di tutela individuale e collettiva, contribuendo con la propria professionalità ed il proprio impegno anche alla crescita di importanti portali web, che si occupano del personale militare. Fornisce informazione, assistenza e consulenza legale (1) e, nel suo ambito rappresenta un indiscusso punto di riferimento solido e sicuro per tutti i cittadini, militari inclusi. gratuita. Si garantisce agli abbonati, oltre a tutti gli altri servizi previsti, un qualificato centro di consulenza telefonica tri-settimanale e Abbonati ai servizi offerti da SideWeb, sostieni la tua professione... difendi i tuoi interessi. Abbonandoti usufruirai così di tutti i servizi offerti, e grazie al tuo contributo darai il sostegno ad importanti iniziative, rese note sul portale web. Il costo dell abbonamento annuale come utente servizi Time è di 40 ; come utente servizi Flash è di 60. Approfondisci qui. Il costo dell abbonamento annuale al giornale Militari Magazine è di 15 euro. Approfondisci qui. E previsto uno sconto per coloro che sottoscrivono congiuntamente un abbonamento ai servizi (Time o Flash) e al giornale Militari Magazine. Utente servizi Time + giornale Militari magazine: 50 (anziche euro 55); Utente servizi Flash + Giornale Militari Magazine: 70 (anziche euro 75). Approfondisci qui. La quota dell abbonamento annuale prescelto va versata: 1. sul conto corrente postale nr Intestato a: SIDEWEB S.R.L. - Via Terraglio, Preganziol (TV). Durata dell abbonamento: 12 mesi dal momento del versamento della quota di abbonamento. 2. oppure sul conto corrente bancario: BANCA: Karntner Sparkasse AG, Filiale di Udine, Via Aquileia nr UDINE. Conto corrente bancario nr.: Codice IBAN: IT87Z Coordinate Bancarie: Cin: Z - Abi: Cab: Intestato a: SIDEWEB S.R.L. Via Terraglio, Preganziol (TV). 3. oppure utilizzando anche la tua carta di credito del circuito VISA, MASTERCARD, CARTE RICARICABILI, MAESTRO e CARTASI. In questo caso l'attivazione dell'abbonamento avviene in modo automatico e immediato. (1) Essere utente/abbonato SideWeb non significa diventare socio di una associazione ma semplicemente aderire ai servizi offerti da una società commerciale. SideWeb s.r.l. Via Terraglio, Preganziol (TV) Tel Fax Sideweb è presente su: - Militari Magazine Aggiornamenti giornalieri - Rev PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE forze armate - forze polizia pubblico impiego La documentazione viene pubblicata in forma gratuita e di libero accesso per tutti gli utenti dei portali SideWeb

2 STATO MAGGIORE DELL AERONAUTICA 1 REPARTO =============================================================================== SMA-ORD-027 LINEE GUIDA PER LA STIPULA DI CONVENZIONI PER REGOLARE RAPPORTI DI COLLABORAZIONE TRA L A.M. E SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI EDIZIONE FEBBRAIO 2008

3 A T T O DI A P P R O V A Z I O N E Ai sensi della legge 18 febbraio 1997, n. 25 e del relativo Regolamento di attuazione (D.P.R. 25 ottobre 1999, n. 556), approvo la presente Direttiva SMA ORD 027 Linee guida per la stipula di convenzioni per regolare rapporti di collaborazione tra l A.M. e soggetti pubblici e privati Edizione Febbraio La presente pubblicazione entra in vigore alla data di ricezione. Essa abroga e sostituisce ogni disposizione precedentemente emanata in materia in Forza Armata. Roma, IL CAPO DI STATO MAGGIORE (Gen. S.A. Daniele TEI) FIRMATO III (retro bianco)

4 ELENCO DI DISTRIBUZIONE 1. DISTRIBUZIONE ESTERNA F.A. Ministero della Difesa Gabinetto del Ministro Roma Copie n. 1 Stato Maggiore della Difesa Roma Copie n. 1 Segretariato Generale della Difesa/D.N.A. Roma Copie n. 1 Stato Maggiore Esercito Roma Copie n. 1 Stato Maggiore Marina Roma Copie n. 1 Comando Generale dell Arma dei Carabinieri Roma Copie n DISTRIBUZIONE INTERNA F.A. Comando della Squadra Aerea Roma Copie n. 60 Comando Logistico Sede Copie n. 160 Comando Scuole dell A.M. Bari Copie n. 30 Comando Operativo delle Forze Aeree Poggio Renatico (FE) Copie n. 20 Comando 1^ Regione Aerea Milano Copie n. 10 Comando 3^ Regione Aerea Bari Copie n. 10 Direzione Impiego Personale Militare Aeronautica Sede Copie n. 1 Ufficio Generale per il Controllo Interno Sede Copie n. 1 Ispettorato per la Sicurezza del Volo Sede Copie n. 1 Ufficio dell Ispettore dell Aviazione per la Marina Roma Copie n. 1 Ufficio Generale di Coordinamento per la Vigilanza Antinfortunistica Sede Copie n. 1 Ufficio del Generale del Ruolo delle Armi dell Arma Aeronautica Sede Copie n. 1 Ufficio del Capo del Corpo del Genio Aeronautico Sede Copie n. 1 Ufficio del Capo del Corpo di Commissariato Aeronautico Sede Copie n. 1 Ufficio del Capo del Corpo Sanitario Aeronautico Roma Copie n. 1 Comando Carabinieri per l A.M. Sede Copie n. 1 Comando Aeronautica Militare Roma Sede Copie n DISTRIBUZIONE INTERNA SMA Ufficio Generale del Capo di SMA Sede Copie n. 1 Ufficio del Sottocapo di SMA Sede Copie n. 1 1 Reparto Ordinamento e Personale Sede Copie n Reparto Pianificazione Strumento Aerospaziale Sede Copie n. 3 4 Reparto Logistica Sede Copie n. 3 5 Reparto Affari Generali Sede Copie n. 3 6 Reparto Pianificazione Finanziaria Sede Copie n. 3 Reparto Generale Sicurezza Roma Copie n. 3 Ufficio Generale Spazio Aereo e Meteorologia Sede Copie n. 3 V (retro bianco)

5 REGISTRAZIONE DELLE AGGIUNTE E DELLE VARIANTI VII (retro bianco)

6 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Il quadro normativo di riferimento è costituito essenzialmente da: - Legge 22 aprile 1941, n. 633 Protezione del diritto d autore e di altri diritti connessi al suo esercizio; - R.D. 7 giugno 1943, n. 652 Regolamento per la Consulta Araldica del Regno ; - D.P.R. 10 gennaio 1957, n. 3 - Testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato; - Legge 31 dicembre 1962 n Istituzione e ordinamento delle scuola media statale - Legge 27 dicembre 1975, n. 790 Integrazione al regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, recante norme per l amministrazione del patrimonio e la contabilità generale dello Stato ; - Legge 28 aprile 1976, n. 424 Ratifica ed esecuzione di convenzioni internazionali in materia di proprietà intellettuale, adottati a Stoccolma il 14 luglio 1967 ; - Legge 11 luglio 1978, n Norme di principio sulla disciplina militare; - D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia di formazione nonché sperimentazione organizzativa e didattica ; - D.P.R. 18 luglio 1986, n Approvazione del Regolamento di disciplina militare ; - D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 Approvazione del testo unico delle imposte sui redditi ; - Legge 7 agosto 1990 n. 241 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e diritto di accesso ai documenti amministrativi e successive modificazioni; - Legge 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari ; - D.P.R. 20 aprile 1994 n. 367 Regolamento recante semplificazione e accelerazione delle procedure di spesa contabili ; - D.Lgs. 19 settembre 1994, n. 626 Miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro ; - Legge 18 febbraio 1997, n. 25 Attribuzioni del Ministro della Difesa, ristrutturazione dei vertici delle Forze Armate e dell Amministrazione della Difesa ; - Legge 3 aprile 1997, n. 94 Modifiche alla legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni e integrazioni, recante norme di contabilità generale dello Stato in materia di bilancio. Delega al Governo per l individuazione delle unità revisionali di base del bilancio dello Stato ; - Legge 24 giugno 1997 n Norme in materia di promozione dell occupazione ; - Decreto Legislativo 7 agosto 1997, n Individuazione delle unità previsione di base del bilancio dello Stato, riordino del sistema di tesoreria unica e ristrutturazione del rendiconto generale dello Stato ; - Decreto Legislativo 4 dicembre 1997, n. 460 Riordino della disciplina tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale ; - Decreto Legislativo 28 novembre 1997 n. 464 Riforma strutturale delle Forze Armate, a norma dell art. 1 comma 1, lettere a), d) e h) della L. 28 dicembre 1995, n. 549 ; - D.M. 25 marzo 1998, n. 142 Regolamento recante norme di attuazione dei principi e dei criteri di cui all art. 18 della Legge 24 giugno 1997, n. 196, sui tirocini formativi e di orientamento ; XI (retro bianco)

7 Segue NORMATIVA DI RIFERIMENTO - D.P.R. 25 ottobre 1999, n. 556 Regolamento di attuazione dell art. 10 della Legge 18 febbraio 1997, n. 25, concernente le attribuzioni dei vertici militari ; - Legge 12 marzo 1999, n. 68 Norme per il diritto al lavoro dei disabili ; - Legge 18 agosto 2000, n. 248 Nuove norme di tutela del diritto d autore ; - Legge 14 novembre 2000 n. 331 Norme per l istituzione del servizio militare professionale ; - Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Norme generali sull ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche ; - Decreto Legislativo 9 aprile 2003, n. 68 Attuazione della direttiva 2001/29/CE sull armonizzazione di taluni aspetti del diritto d autore e dei diritti connessi nella società dell informazione ; - Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali ; - D.P.R. 11 agosto 2003, n. 319 Regolamento di organizzazione del Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca ; - Decreto Legislativo 10 febbraio 2005, n. 30 Codice della proprietà industriale, a norma dell art. 15 della legge 12 dicembre 2002, n. 273 ; - D.P.C.M. 7 giugno 2005 Disposizioni in materia di rilascio del nulla osta di sicurezza personale ; - Legge 23 dicembre 2005, n. 266 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato ; - Decreto Ministeriale (Difesa-Economia e Finanze) 29 dicembre 2006 Disciplina delle condizioni e delle modalità per i contratti di permuta di materiali o prestazioni da stipulare tra il ministero della difesa e soggetti pubblici e privati in attuazione dell art. 1 commi 568 e 569 della legge 23 dicembre 2005 n. 266; - D.P.C.M. 3 febbraio 2006 Norme unificate per la protezione e la tutela delle informazioni classificate ; - Legge 3 agosto 2007 n. 124 Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e nuova disciplina del segreto ; - Direttiva interforze SMD-G-006 Direttive per i concorsi militari del tempo di pace ; - Circolare Ministeriale Ministero delle Finanze Dipartimento Entrate 12 maggio 1998, n. 124/E; - Foglio STAMADIFESA prot. n. 118/4202/1420 del Convegni e Accordi con Enti ed Organismi esterni all organizzazione della Difesa; - Foglio STAMADIFESA prot. n. 118/1601/1100 del Formazione superiore interforze Ampliamento del numero di corsi esteri equipollenti all ISSMI ; - Foglio STAMADIFESA prot. n. 118/183/1490 del Tirocini formativi e di orientamento. Legge n. 196 del 25/6/1997 ; - Foglio STAMADIFESA prot. n. 143/91/4100 del Condizioni e modalità per la stipula e l esecuzione di convenzioni e contratti tra il Ministero della Difesa e soggetti pubblici e privati per la permuta di materiali o prestazioni - Direttiva applicativa (divulgata in F.A. con foglio del CSMA prot. SMA-0/59077 del ). XIII (retro bianco)

8 INDICE FRONTESPIZIO ATTO DI APPROVAZIONE ELENCO DI DISTRIBUZIONE REGISTRAZIONE DELLE AGGIUNTE E VARIANTI NORMATIVA DI RIFERIMENTO INDICE pag. III pag. V pag. VII pag. XI pag. XV 1. PREMESSA pag SCOPO pag AMBITO DI APPLICAZIONE E LIMITI pag PROCEDURE pag. 4 a. Generalità pag. 4 b. Adempimenti procedimentali pag. 4 c. Organi che rilasciano la preventiva autorizzazione ed il nulla-osta pag. 5 d. Autorità che sottoscrivono la convenzione pag CONSERVAZIONE DEGLI ATTI CONVENZIONALI pag TECNICHE DI REDAZIONE pag. 7 a. Generalità pag. 7 b. Denominazione dell atto pag. 8 c. Intestazione pag. 9 d. Formulazione della Premessa pag. 9 e. Formulazione del Preambolo pag. 9 f. Formulazione delle Considerazioni pag. 9 g. Stesura del Testo dell atto pag DIVULGAZIONE DELLA DIRETTIVA pag. 20 ALLEGATO A - Fac-simile di convenzione pag. A-1 A-10 ALLEGATO B - Fac-simile di convenzione per stage e tirocini di formazione e orientamento pag. B-1 B-4 ALLEGATO C - Fac-simile di protocollo d intesa con enti di volontariato per raccolta di fondi in occasione di manifestazioni aeree pag. C-1 C-4 XV (retro bianco)

9 1. PREMESSA Il quadro normativo vigente, il prestigio e l altissima specializzazione che le Forze Armate hanno acquisito fanno sì che spesso numerosi soggetti pubblici e privati nazionali chiedano di instaurare rapporti di collaborazione con gli enti militari nei più diversi settori. La stessa esigenza è talvolta avvertita dalle FF.AA. nei confronti delle citate organizzazioni. Ne consegue che anche l Aeronautica Militare pone, sovente, in essere convenzioni, accordi, protocolli d intesa, atti preliminari d intenti, ecc., con soggetti pubblici e privati per realizzare sinergie e scambi di esperienze, di servizi e di prestazioni nei più vari campi, con particolare riguardo a quelli della formazione, dell addestramento, dell aggiornamento tecnico-professionale del personale, del passaggio di informazioni tecniche, della ricerca scientifica, delle attività culturali, sportive, di propaganda e benefiche. Tali iniziative sono estremamente positive e risultano utili alla crescita e all arricchimento professionale e culturale del personale, nonché al miglioramento dell immagine della F.A. Dette intese comportano l impiego di risorse umane, materiali e finanziarie e possono avere ricadute in termini di responsabilità civili, penali, ed amministrative. Esse devono, pertanto, essere inquadrate in una corretta cornice normativa e devono rispettare talune regole sostanziali e standard formali. E necessario, inoltre, che le predette iniziative siano intraprese in un contesto organico e convergente verso obiettivi concretamente convenienti nell ottica delle prioritarie esigenze della Difesa e non condizionino il preminente assolvimento dei compiti di istituto da parte degli Enti e del personale della F.A. Inoltre le stesse debbono essere in armonia con gli atti di indirizzo politico amministrativo di cui agli art. 14 e 16 del D.Lgs. n. 165/2001 e coerenti con gli obiettivi annuali fissati. 2. SCOPO Fornire agli Enti dell A.M. linee guida per la redazione, la richiesta, l ottenimento della preventiva autorizzazione e del nulla-osta, nonché la stipula di convenzioni per regolare rapporti di collaborazione con soggetti pubblici e privati, in armonia con le norme vigenti e le disposizioni emanate in campo interforze in materia. 3. AMBITO DI APPLICAZIONE E LIMITI a. La presente direttiva, alla luce delle esperienze acquisite in F.A., è applicabile alle convenzioni stipulate, anche ai sensi degli artt. 11 e 15 della Legge n. 241/1990, dagli Enti dell A.M. (Alti Comandi, Organismi di Vertice, Reparti S.M.A, articolazioni intermedie e periferiche) con soggetti pubblici e privati per regolare collaborazioni: (1) previste espressamente da norme di legge o regolamentari per finalità istituzionali (es. convenzioni con E.N.A.C., A.N.S.V., E.N.A.V. s.p.a. in materia di aviazione civile, ecc.); 1

10 (2) richieste all A.M. dalle altre Forze Armate italiane o dai Corpi dello Stato ad ordinamento militare o civile (o dall A.M. ad essi) per lo svolgimento di compiti istituzionali inerenti alle attività connesse con il volo (es. convenzioni per lo svolgimento di attività formative o addestrative concernenti le operazioni di volo del personale di altre FF.AA./Corpi dello Stato presso Enti/Reparti dell A.M. e viceversa), ivi comprese le richieste rivolte all A.M. per l effettuazione di attività di volo e per l impiego di proprio personale pilota. Tali tipi di convenzioni, quando siano stipulate con Corpi dello Stato ad ordinamento militare o civile (es. Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, Corpo Forestale dello Stato), discendono, di norma, da appositi decreti ministeriali di concerto tra il Ministero della Difesa ed il dicastero interessato; (3) richieste dall A.M. a soggetti pubblici o privati per il raggiungimento di propri fini istituzionali concernenti la formazione, l addestramento e l aggiornamento del proprio personale militare e civile, la ricerca e la sperimentazione scientifica, lo scambio di informazioni tecniche, la messa in comune di risorse umane e materiali (es. convenzioni con Università, Enti di ricerca, Organismi sanitari, Istituti scolastici, ecc.); (4) richieste da soggetti pubblici o privati (es. Università, Enti di ricerca, Istituti scolastici, Enti locali, ecc.) all A.M. per la selezione, la formazione, l addestramento e l aggiornamento di proprio personale, dottorandi, studenti, ecc. presso gli enti A.M., per lo scambio di informazioni tecniche, per la messa in comune di risorse umane e materiali, per il compimento di attività di ricerca e sperimentazione (es. nei settori della sperimentazione e della medicina aeronautica, della meteorologia, della tecnica di manutenzione degli aeromobili, della sicurezza del volo, ecc.). Rientrano in questa casistica anche gli stage, i tirocini formativi e di orientamento, i corsi di formazione, ecc. previsti dalle norme sull avviamento al lavoro, per i quali esiste una particolare normativa; (5) richieste dall A.M. a soggetti pubblici o privati (e viceversa) per attività correlate alla pratica sportiva (es. Aeroclub, Federazioni/Società sportive, ecc.), allo sviluppo della cultura, con particolare riguardo a quella militare ed aeronautica (es. intese con Enti culturali, con Associazioni Combattentistiche e d Arma, ecc.), alla propaganda aeronautica, agli interventi di natura filantropica (es. convenzioni con la C.R.I., con le Associazioni di volontariato, con le ONLUS, ecc.); (6) di natura occasionale (es. legate a determinate attività od avvenimenti come le manifestazioni aeree, le giornate azzurre, ecc.). 2

11 b. La presente direttiva, limitatamente alla parte concernente le tecniche di redazione delle convenzioni, trova applicazione per: - le attività di concorso svolte dalle FF.AA., in applicazione dell art. 5 del D.Lgs. n. 464/1997, nei campi della pubblica utilità e della tutela ambientale, nonché di quelle concernenti: il soccorso alla vita umana, la salvaguardia delle libere istituzioni e le pubbliche calamità (disciplinate dalla direttiva dello Stato Maggiore della Difesa SMD- G Direttive per i concorsi militari del tempo di pace, a cui si fa rinvio in materia di procedure autorizzative); - le intese stipulate dagli Enti di F.A., a carattere esclusivamente locale, per disciplinare eventuali iniziative di carattere culturale, sportive e di benessere del personale (es. convenzioni per usufruire di biblioteche, cinema, teatri, palestre, impianti, per ottenere sconti da esercizi commerciali in favore dei dipendenti, per servizi di autotrasporto locale, ecc.). c. Tenuto conto delle molteplici attività che possono essere oggetto di intese, dell amplissima casistica di convenzioni stipulabili e di clausole nelle stesse inseribili, le modalità di redazione dettate dalla presente direttiva costituiscono i requisiti minimi e gli elementi essenziali che ciascun atto convenzionale deve contenere. d. La presente direttiva non si applica: - agli atti negoziali (contrattuali o in economia) soggetti alle procedure concorsuali previste dalle norme di Contabilità Generale dello Stato (R.D. n. 2440/1923 e succ. mod. e R.D. n. 827/1924 e succ. mod.), dal Regolamento per l amministrazione e la contabilità degli organismi della Difesa (D.P.R. n. 167/2005, c.d. R.A.D. ) e dalle disposizioni da essi discendenti, dal D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, nonché alle prestazioni per le quali sia predeterminato il pagamento di una tariffa; - ai contratti di permuta di materiali o prestazioni con soggetti pubblici e privati stipulati ai sensi dell art. 1, commi 568 e 569 della legge n. 266 e del D.M Al riguardo si precisa che non si configurano come contratti di permuta le convenzioni nelle quali le attività concordate dalle parti richiedono necessariamente il conferimento di apporti di natura patrimoniale per il conseguimento delle finalità di comune interesse. In tali fattispecie convenzionali, per le quali la presente direttiva è perciò applicabile, il ricorso in via analogica alla disciplina della permuta (di cui alla sopra richiamata normativa) costituisce lo strumento per mezzo del quale le parti convengono di regolare il ristoro degli oneri da esse sostenuti per lo svolgimento dell attività oggetto della convenzione, al fine di raggiungere l equilibrio dei rispettivi impegni. In tali convenzioni la fattispecie sopra delineata si realizza quando una parte (normalmente l A.M. stessa) riceva dall altra prestazioni o materiali per un importo equivalente alle spese da essa sostenute per fornire il supporto (in materiali o prestazioni) necessario a raggiungere l obiettivo comune (vds. comma 6.b.(1)); 3

12 4. PROCEDURE - ai contratti di sponsorizzazione con soggetti pubblici e privati stipulati ai sensi dell art. 43 della legge n. 449; - agli accordi internazionali (es. Memorandum of Understanding, Technical Agreement, Local Agreement, ecc.), per i quali si fa rinvio alla specifica direttiva di F.A. (SMA-OPR-056). a. Generalità Lo Stato Maggiore della Difesa, con i documenti citati tra i riferimenti normativi, ha disposto, fin dal 1989, che le convenzioni formali con enti civili, tra i quali in particolare quelli di studio e ricerca scientifica, vengano predisposte e attuate tramite il coordinamento dello SMD, al fine di meglio tutelare la potenzialità interforze di ogni iniziativa, nonché l immagine unitaria dell A.D. nei suoi rapporti verso l esterno. Lo SMD, inoltre, nel 2005 ha rilevato che non sempre le convenzioni ed i protocolli d intesa stipulati con enti ed organismi esterni al comparto Difesa, soprattutto nei campi della formazione e della specializzazione, sono stati intrapresi in un contesto organico e convergente verso obiettivi effettivamente remunerativi, nell ottica delle prioritarie esigenze della Difesa ed armonizzate con analoghe attività avviate a livello interforze e che, a volte, già durante l esame preliminare di fattibilità sono state alimentate negli interlocutori aspettative premature, che hanno finito per condizionare la decisione finale. Conseguentemente lo SMD, allo scopo di evitare i suddetti inconvenienti, ha disposto che gli eventuali progetti relativi a future convenzioni con enti ed organismi esterni alla Difesa - con particolare riguardo a quelle attinenti alla formazione ed alla specializzazione, ed alle attività di studio e di ricerca scientifica di interesse interforze - siano sottoposte all attenzione dello stesso SMD fin dalla fase di concezione, in modo da poterne valutare la portata preventiva, nel contesto generale interforze ed in una visione complessiva dei risultati conseguibili. b. Adempimenti procedimentali L Alto Comando, la Regione Aerea, l Organismo di Vertice 1, il Comando/Ente intermedio o periferico interessato ad instaurare un rapporto di collaborazione con soggetti pubblici o privati deve: - sin dalla fase di concezione dello stesso, comunicare, - per via gerarchica con adeguate motivazioni all Organo che rilascia la preventiva autorizzazione/nulla-osta (vds. sottoparagrafo 4.c.) l intendimento di procedere alla stipula di una convenzione (avendo cura di specificare il tipo di attività che sarà svolta nell ambito della collaborazione), affinché ne venga valutata preventivamente la portata; 1 Per Organismo di Vertice si intendono: DIPMA/UGCI/ISV/CAPI RUOLO E CORPI/ISPAVIAMAR/ UGCSMA/USSMA/UGCOV/REPARTI-UFFICI GENERALI SMA 4

13 - elaborare, una volta ottenuta la preventiva autorizzazione al prosieguo dell iniziativa, uno schema di convenzione contente le condizioni che regoleranno il successivo rapporto di collaborazione (secondo le tecniche di redazione di cui al paragrafo 6.) ed acquisire l assenso della controparte circa il testo convenzionale; - sottoporre lo schema di convenzione alla valutazione tecnica dell Organo che rilascia la preventiva autorizzazione/nulla-osta; - procedere, ottenuto il predetto nulla-osta, alla stipula della convenzione con la controparte. Nel corso dei lavori preparatori possono essere intrattenuti contatti formali o informali con la controparte, avendo cura di precisare che l intesa potrà essere formalizzata mediante la sottoscrizione della convenzione solo ove pervenga il nulla-osta alla stipula dal competente Organo tecnico. c. Organi che rilasciano la preventiva autorizzazione ed il nulla-osta Le autorità decisionali in materia di rilascio della preventiva autorizzazione e del nulla-osta alla stipula di convenzioni per la collaborazione con enti ed organismi pubblici o privati esterni alla Difesa sono le seguenti: (1) Stato Maggiore Difesa Lo Stato Maggiore Difesa, al fine di armonizzare ogni iniziativa con altre analoghe avviate nel contesto interforze, è competente a rilasciare l autorizzazione preventiva ed a concedere il nulla-osta alle convenzioni che: - attengono all ambito della formazione e della specializzazione del personale dell A.D. (es. con Università, Enti di Ricerca, ecc.); - riguardano attività di studio e di ricerca scientifica che potrebbero essere d interesse oltre che dell A.M. anche delle altre FF.AA. (o a queste venire estese); - coinvolgono l immagine unitaria dell A.D. nei suoi rapporti verso l esterno; - concernono materie di cui SMD abbia avocato a sé l esclusiva competenza (es. stages, tirocini formativi e di orientamento previsti dalla legge n. 196/1997). In taluni casi, in ragione del contenuto e delle finalità della convenzione, può essere necessario acquisire, per il tramite di SMD, il preventivo assenso alla stipula da parte dell Ufficio di Gabinetto del Ministro, del Segretariato Generale della Difesa/DNA o di una o più delle Direzioni Generali interessate. 5

14 (2) Stato Maggiore Aeronautica Lo Stato Maggiore Aeronautica è competente a rilasciare l autorizzazione preventiva ed a concedere il nulla-osta per le convenzioni che: - riguardano attività di studio, di ricerca scientifica, di scambio di informazioni di esclusivo interesse della F.A.; - riguardano attività di collaborazione con Federazioni/Società sportive, Enti culturali, Associazioni Combattentistiche e d Armi, istituzioni filantropiche ed ONLUS a livello nazionale di esclusivo interesse della F.A.; - coinvolgono l immagine unitaria dell A.M. nei suoi rapporti verso l esterno; - concernono materie di cui lo SMA ha avuto delega da SMD o, rispetto agli Enti di F.A., ha avocato a sé l esclusiva competenza; - comportino, comunque, oneri finanziari per la F.A. (nel significato chiarito al successivo comma 6.b.(1)). Ciascun Reparto dello SMA cura la trattazione delle pratiche concernenti le convenzioni ed il rilascio della preventiva autorizzazione e della concessione del nulla-osta secondo la rispettiva competenza per materia, effettuando i necessari coordinamenti con gli altri Reparti SMA (ed eventualmente AA.CC./RR.AA./OO.VV.) interessati. (3) Alto Comando/Comando Regione Aerea L Alto Comando/Comando di R.A., per gli organismi dipendenti, è competente a rilasciare l autorizzazione preventiva ed a concedere il nulla-osta alle convenzioni di esclusivo interesse dell Alto Comando/Comando di R.A. che: - concernono attività di collaborazione per le quali lo SMD o lo SMA abbiano già manifestato, in via generale, il favorevole orientamento del contesto interforze o della F.A. alla stipula delle relative convenzioni (es. per l impiego di personale infermieristico/sanitario della CRI); - riguardano attività di collaborazione con Società sportive, Enti culturali, Associazioni Combattentistiche e d Armi, istituzioni filantropiche ed ONLUS a livello regionale, provinciale e locale; - concernono collaborazioni con istituti scolastici di 2 grado; - riguardano il reinserimento nel mondo del lavoro del personale Volontario che ha prestato servizio presso Enti o Reparti dell A.M. (di specifica competenza dei Comandi di R.A.). 6

15 d. Autorità che sottoscrivono la convenzione Il grado ed il livello dell autorità che sottoscrive la convenzione è stabilito dalle Parti concordemente, applicando il principio della reciprocità. Di norma le autorità firmatarie devono rivestire il grado/livello di dirigente. Qualora il Comando/Ente militare sia diretto da un Ufficiale non dirigente lo stesso deve essere espressamente autorizzato alla sottoscrizione dall autorità gerarchica da cui dipende (avente il grado/livello di dirigente). Le convenzioni stipulate a livello di SMA/O.V./A.C./R.A. devono essere sottoscritte da un autorità avente il grado di generale. 5. CONSERVAZIONE DEGLI ATTI CONVENZIONALI Ogni Comando/Ente dell A.M. (a livello centrale, intermedio o periferico), autorizzato alla stipula delle convenzioni disciplinate dalla presente direttiva, deve tenere, nel proprio ambito, un apposita raccolta degli originali di tali atti. Qualora l intesa sia stata oggetto di preventiva autorizzazione/nulla-osta da parte di un Alto Comando o di un Comando di Regione Aerea, l Ente A.M. stipulante (a livello intermedio o periferico) ne invia una copia all A.C./R.A. competente che la custodisce, a sua volta, nella raccolta delle convenzioni stipulate dagli Enti gerarchicamente dipendenti. Qualora la convenzione sia stato oggetto di preventiva autorizzazione/nulla-osta da parte dello SMA o di SMD, l Ente A.M. stipulante (a livello centrale, intermedio o periferico) deve inviarne, per via gerarchica, altre due copie allo SMA. La prima copia è conservata dal Reparto SMA che ha istruito la pratica (per l autorizzazione preventiva/nulla osta) in idonea raccolta, la seconda copia è custodita dallo SMA-1 Reparto nell apposita raccolta delle convenzioni autorizzate dallo SMA/SMD (se la pratica è stata istruita dallo SMA-1 Reparto è sufficiente l invio di una sola copia). Gli Enti Centrali (Alti Comandi/Regioni Aeree/Organismi di Vertice) che stipulano una convenzione devono inviarne due copie allo SMA. La prima copia è conservata dal Reparto SMA che ha istruito la pratica (per l autorizzazione preventiva/nulla osta) in idonea raccolta, la seconda è custodita dallo SMA-1 Reparto nell apposita raccolta delle convenzioni autorizzate dallo SMA/SMD (se la pratica è stata istruita dallo SMA-1 Reparto è sufficiente l invio di una sola copia). 6. TECNICHE DI REDAZIONE a. Generalità Ciascun atto convenzionale deve rispettare regole sostanziali e formali, nonché contenere, ove applicabili, gli elementi di seguito riportati, fermo restando che le parti possono inserire, di comune accordo, ulteriori clausole finalizzate a disciplinare compiutamente il rapporto di collaborazione. Non potendosi determinare in modo assoluto tutte le attività che possono essere oggetto di convenzione e le possibili clausole ivi inseribili, i seguenti contenuti devono considerarsi quali requisiti minimi, fermo restando che ogni intesa può essere soggetta a tutte le integrazioni e/o modifiche necessarie al caso concreto, anche in funzione di quanto concordato con i 7

16 soggetti pubblici e privati interessati. Per agevolare la redazione dell atto si unisce un fac-simile in Allegato A da adattare a seconda dell esigenza. b. Denominazione dell atto Ai fini della presente direttiva l atto, a seconda del suo contenuto, può essere denominato: convenzione o accordo, atto d intesa, protocollo d intesa, atto preliminare d intenti. (1) Convenzione o Accordo Per Convenzione o Accordo si intende un testo concordato tra una Pubblica Amministrazione e una controparte (pubblica o privata) contenente la determinazione consensuale di reciproci impegni, assunti nell ambito di una collaborazione diretta alla realizzazione di uno scopo di comune interesse. Tra le Convenzioni o Accordi non rientrano gli atti relativi all acquisto di beni o servizi regolati dalle procedure negoziali ed in economia ed in generale qualsiasi prestazione a fronte della quale sia predeterminato il pagamento di una tariffa, ai quali, in ogni caso, non si applica la presente direttiva (vds. sottoparagrafo 3.d.). L oggetto della Convenzione o Accordo riguarda la regolamentazione delle rispettive attività attraverso lo scambio di prestazioni tra l A.M. e soggetti pubblici o privati. Tale scambio di prestazioni può avvenire: - in via compensativa, allorché le parti, in ragione della riconosciuta sostanziale equivalenza dei reciproci apporti, non ritengano necessaria la previsione di alcuna forma di rimborso degli oneri. In tali casi gli eventuali oneri finanziari connessi allo svolgimento della collaborazione restano a carico di ciascuno dei contraenti per la propria parte; - con previsione di un meccanismo di ristoro degli oneri, quando una od entrambe le parti si impegnano a ristorare i costi particolari/aggiuntivi sostenuti e documentati dalla controparte. In tal caso, peraltro, detto ristoro si configura quale mero rimborso delle spese effettivamente sostenute dalla controparte, non già quale controprestazione (in denaro ovvero in natura), come avviene nell ambito dei contratti. Si evidenzia, in proposito, come sia ora ammesso per l A.D. la possibilità di regolare in natura l esecuzione dei ristori di cui sopra, mediante l applicazione analogica delle disposizioni recate dall art. 1, commi 568 e 569 della legge n. 266/2005. Lo strumento suddetto deve essere utilizzato con le modalità e nei limiti di cui al D.M ed alla direttiva applicativa di SMD (prot. 143/91/4100 del ) (vds. normativa di riferimento). Al riguardo precise puntualizzazioni sulle modalità di utilizzo delle permute nelle convenzioni oggetto delle presenti linee guida sono fornite al successivo comma 6.g.(12). 8

17 (2) Atto d intesa o Protocollo d intesa Per Atto d intesa o Protocollo d Intesa si intende un testo concordato tra una P.A. e una controparte (pubblica o privata) contenente un impegno a collaborare in uno o più settori determinati, senza assumersi necessariamente l obbligo di prestazioni reciproche. (3) Atto preliminare d intenti c. Intestazione Per Atto preliminare di intenti si intende un testo concordato tra una P.A. e una controparte (pubblica o privata) contenente la manifestazione degli obiettivi che le parti contraenti vogliono realizzare congiuntamente con la stipula di una successiva convenzione. Nell Intestazione devono essere esplicitamente indicati i soggetti tra i quali l atto intercorre (es. Aeronautica Militare e Ente Nazionale per...), nonché le generalità e l incarico ricoperto dalle autorità firmatarie dello stesso (es. Dott. X Y, Presidente dell Ente...). E necessario indicare, altresì, la sede legale e il Codice Fiscale dei soggetti contraenti. d. Formulazione della Premessa Nella Premessa devono essere esplicitati gli intenti e le motivazioni che hanno determinato una delle parti (o entrambe) a pervenire ad un accordo di reciproca collaborazione. e. Formulazione del Preambolo Il Preambolo deve contenere il richiamo alle norme di legge o di regolamento, ai decreti, alle circolari o disposizioni che sono alla base del rapporto, nonché la citazione degli estremi degli atti autorizzativi (o nullaosta) e degli eventuali pareri emessi dagli organi competenti. f. Formulazione delle Considerazioni In tale sede devono essere richiamate le norme (anche se già citate nel preambolo) che consentono all A.M. (o ai Comandi/Enti della stessa) di stipulare l atto. Devono, altresì, essere citate le ragioni che rendono conveniente od opportuna, ed in particolare effettivamente remunerativa nell ottica dell interesse pubblico e delle prioritarie esigenze della Difesa, la stipula della convenzione. 9

18 g. Stesura del Testo dell atto Il Testo dell atto deve seguire, di massima, il seguente impianto (vds. citato fac-simile in Allegato A ). (1) Oggetto e finalità Indicare la materia o l argomento dell atto (oggetto) e le finalità che, in ragione dei loro compiti istituzionali, le parti intendono conseguire con l intesa, evidenziando che la convenzione è ispirata ai criteri di efficacia, efficienza ed economicità che devono, comunque, guidare l attività amministrativa. (2) Obblighi delle parti contraenti Riportare in maniera dettagliata l elenco degli obblighi ed impegni che ciascuna delle parti, di comune accordo, assume al fine di perseguire le finalità e gli obiettivi specifici dell intesa. (3) Salvaguardia dei compiti istituzionali dei Comandi ed Enti di F.A. In relazione agli obblighi ed impegni assunti, l atto deve sempre contenere una clausola che sancisca espressamente che gli obblighi e gli impegni derivanti all A.M. non devono incidere sull assolvimento dei prioritari compiti istituzionali dei Comandi ed Enti interessati e del relativo personale. Al riguardo si precisa che nella stipula di qualsiasi atto convenzionale occorre porre la massima cautela al fine di assicurare l estraneità della F.A. da qualsiasi coinvolgimento in attività che possano, anche indirettamente, riguardare materie e/o aspetti connessi con gli artt. 6, 7, 8 e 9 della legge 11 luglio 1978, n. 382 (Norme di principio sulla disciplina militare), con il D.P.R. 18 luglio 1986 n. 545 (Approvazione del Regolamento di disciplina militare), nonché ogni altra attività che potrebbe compromettere, anche solo velatamente o per strumentalizzazione mediatica, il prestigio e l onore della Forza Armata. (4) Recesso unilaterale e sospensione temporanea Ai sensi dell art. 11, comma 4 della legge n. 241/1990, nella convenzione si deve prevedere che l A.M. si riserva sempre la facoltà di recedere unilateralmente dall accordo, con un minimo preavviso, per sopravvenuti motivi di pubblico interesse, fatto salvo il diritto al ristoro delle prestazioni già eseguite dalla controparte. Analoghe modalità di recesso devono essere previste: - per cause di forza maggiore o di inadempimento della controparte; - per cause non dipendenti dalla F.A. o quando la prosecuzione dell intesa condizioni il preminente assolvimento dei compiti di istituto da parte degli Enti e del personale della F.A. 10

19 Deve essere, altresì, esplicitato che l A.M. si riserva sempre la facoltà di sospendere temporaneamente, in qualsiasi momento, l esecuzione degli obblighi ed impegni derivanti dall atto per causa di forza maggiore o in caso di necessità, dandone avvertimento alla controparte anche con un minimo preavviso. In tutte le predette situazioni la clausola deve prevedere la rinuncia espressa della controparte ad ogni pretesa di risarcimento o esecuzione forzata delle prestazioni oggetto della convenzione, fatto salvo il diritto al ristoro delle prestazioni già eseguite. In caso di convenzione tra Pubbliche Amministrazioni la facoltà di recesso unilaterale può essere prevista per entrambe le parti contraenti. (5) Risoluzione consensuale Le parti devono espressamente prevedere che l accordo può essere risolto in ogni momento per mutuo consenso delle parti manifestato per iscritto senza alcun onere per le stesse, fatto salvo il diritto al ristoro delle prestazioni già eseguite. (6) Previsioni attinenti alla sicurezza personale e dei luoghi di lavoro Ove l intesa preveda l accesso di personale estraneo all A.D. ad installazioni militari, devono essere inserite specifiche previsioni concernenti: - le modalità dell accesso alle stesse, secondo le procedure di sicurezza vigenti nell Ente militare interessato; - il richiamo al rispetto delle norme sul segreto d ufficio (D.P.R. n. 3/1957 e L. n. 241/1990), sul trattamento dei dati personali (D.Lgs. n. 196/2003), sul segreto di Stato (L. n. 124/2007 e D.P.C.M Norme unificate per la protezione e la tutela delle informazioni classificate ), sul rilascio dei nulla osta di sicurezza (D.P.C.M Disposizioni in materia di rilascio del nulla osta di sicurezza personale e Circolare n. 1 della PCM-ANS del ); - il richiamo alle norme sulla sicurezza del personale nei luoghi di lavoro (D.Lgs. n. 626/1994 e norme discendenti). (7) Previsioni particolari attinenti al diritto d autore ed alla proprietà industriale Qualora la convenzione riguardi la collaborazione in settori di alta specializzazione scientifica o preveda lo scambio di dati tecnici o scientifici, le parti devono prevedere apposite clausole con le quali si impegnano al rispetto di tutte le norme in materia di diritto d autore (L. 22 aprile 1941, n. 633, come modificata dalla L. 18 agosto 2000, n. 248, e dal D.Lgs. 9 aprile 2003, n. 68) e concernenti la tutela della proprietà industriale (D.Lgs. 10 febbraio 2005, n. 30); 11

20 (8) Altre previsioni particolari In funzione della particolare natura della convenzione si deve aver cura di inserire, quando applicabili, apposite clausole in materia: fiscale, doganale, valutaria; a tutela dell ambiente del paesaggio, dei beni culturali, contributiva ed assistenziale; a tutela dei disabili ai sensi della Legge 12 marzo 1999, n. 68. (9) Obblighi assicurativi ed esonero dalle responsabilità In caso di convenzione richiesta da terzi all A.M. per svolgere attività presso Enti militari che comportino l accesso di personale estraneo all A.D. ad installazioni militari, devono essere inserite specifiche clausole (oltre quelle di cui al precedente comma 6.g.(6)) concernenti: - gli obblighi assicurativi, prevedendo che le parti, in materia di assicurazione del personale per la responsabilità civile, si attengano alle norme dettate dai rispettivi ordinamenti (o dalla propria organizzazione per i privati); - la stipula, con onere a carico della controparte, di un idonea polizza assicurativa per il proprio personale (o altre persone, es. studenti, ricercatori, dottorandi, ecc.) che debba avere accesso al sedime militare. Ciò a meno che l attività oggetto della convenzione rientri tra quelle che l A.D. o l A.M. ha già previsto nell apposita polizza a copertura dei danni subiti dai visitatori delle installazioni militari; - l espressa previsione che l A.M. è sollevata da ogni responsabilità civile per danni occorsi a terzi in conseguenza delle attività derivanti dalla convenzione svolte all interno delle installazioni militari. (10) Norme particolari per le attività aeronautiche svolte dal personale dell A.M. in favore delle altre FF.AA. o dei Corpi dello Stato (e viceversa) Nelle convenzioni stipulate dall A.M. con le altre Forze Armate italiane o con i Corpi dello Stato ad ordinamento militare o civile per lo svolgimento di compiti istituzionali inerenti alle attività aeronautiche, oltre alle clausole (ove applicabili) indicate ai commi (9) e (11) del presente sottoparagrafo, devono essere espressamente previste delle clausole aventi il seguente tenore: - qualora dall attività oggetto della convenzione derivino, in particolare a seguito di incidenti o inconvenienti di volo, danni al personale ed ai mezzi delle parti contraenti, ciascuna parte si fa carico dei danni occorsi al proprio personale ed ai propri mezzi, secondo i rispettivi ordinamenti, rinunciando ad ogni azione di risarcimento nei confronti della controparte. Ciò fatto salvo, in ogni caso, l esercizio delle azioni di rivalsa nei riguardi del personale coinvolto (anche se appartenente alla controparte) 12

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell economia

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali La procedura della contrattazione decentrata integrativa Comparto Regioni e Autonomie locali Marzo 2013 INDICE 1. Introduzione... 2 2. Le fasi della procedura... 3 3. Nomina delegazione di parte pubblica...

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale Partenza - Roma, 14/02/2007 Prot. 13 / SEGR / 0004746 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Oggetto: Adempimenti connessi alla instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli