! " #$$#%#$$&!' " ( ' ) * *! + (

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "! " #$$#%#$$&!' " ( ' ) * *! + ("

Transcript

1 !"$$%$$&!" ()**!+ (

2 ,! -./ / ( (!!" $! % & & ( "($)* + 2

3 - "$ - % o o &&, "% &&&,- % &&., & &&/,0 &$ &.,&"( &.&,( &.., &./, ) - * +,-.( o o.&,*!& (.(.&&,$-1./.&.,*-1.)..,(.%..&,"(.0 -. /$ o o /&,!220(!"2/!""(3-1!/$ /&&,!4-1!4(567/) /.,0!*/% /.&,- /% /.., 0 )""&+ /0 - / &1 $/ o o 8&,$/!! -! 8.,$$) 220(!"2/ 34-1!4( * )+0(!"2/)+ & 0(!"2/ 3

4 o 8/,). - $ ""2&&&.)% o 9&,*)%!! ""& :! o 9.,$)0 -!+4 22; 0(!"2/ - <+ 0(!"2/ o 9/,%& - ) %$ & :4;...398:%$.% /55!!! <89<5455<9</& 4

5 " & &! *: = >)0 * 3 = A >)$: ;B 2??.+ = > )$: ;B 2??.+! C )+ ) + )+ C " - ) + 4 ) + C7 D )+ 5

6 7 )+ ( = > : A - B $ : * -E:F.8?49. $:;B )2??.+0-1* &!* 6

7 &7 )0 1: <1 2??8+ 7* 7 7 D 9 899<4488 5! 558 4;28! 8 899= C )*(" + C ) +!4 " & 7 " )+ 4 3 )- 2+0 ) " $+ )!0 + 7

8 ) 0 + " )G!G" + 6&35! : :! := : 9 88: 4 " - $ -$I2 -$I. -$! " )J8.K+ 66= 8 9A-!0! 4/49484E!- <G $ A.H/ ;.;. 2.-$ (0!(40 :44( (G22-$I I -G! A L " )J9/K+ * 9A-/ 9A- (0! ($2!0! $2 1 $ : 9 88: 4 $2.3/9 ;248 & ;. 2. & A& A! * 9A-2!9A-89A-.! 9A- < <2<. <G " " <24. - (G2 * 1! % 0 1 ; 4 ( ( 8

9 ! 1 4)- $I2+ 4)( 2N+ 6 => & D C D )+) E+7 7 )0 "12??8+7 )$Q 2?N8+ "! )0 : " 2?N2+* *R )0 : 2??2+6 C ) + C D C & D )O *.PPP+ & )

10 *("! *(" ) + 4 )O *.PPP+ & )$ + &!4 " & && )2+ I!4 ) + &&&&I & ) + ) + C!0! => C " 10

11 &3& (40 :44 )(0!+ ).+ (0! $ (G2 "D7 =B > => & $! D 4!<! ) + 6 " * ) + ) 1+ 11

12 , & (0! 7 * ) + "D!<! & <84 88 & *(" -$!--% *&(%4-!C!0&"% ; 6 12

13 (;%*&(%-!C!0&"!!C;%*&(%-!C!0&"!C7 C 7 4 4C / C 7 C & ( 7 & 4 C ; => ) + -$!--% *&(% 4$;-&"% C!$; * 4 13

14 )/ + 4 & ) + C 7 C -$!--% *&(%4";$I&"!C; & &&& &I ;. 3)+-) +- 14

15 -$!--%*&(%40;*;(";!C&"%&&I ) + 7 )!+ )*2?98+ )0 1 2?9N+ C I&! $!"&C;4<C<!$;! &&& &I C7 C ( )S1T ; 2?N2U C < )-: 2?N9+ )+ 4 ) + ) SV(SW+ " & 1 )(% + " L R *)(2??.U 0 T S12??. 2??/U0 2??/+ 15

16 . 84< C )! + ) V$I0 W! + &)-.8 + D ) + ;7! & 2P31)0 :T C )A ).PP8+ ;! 7 ) +)O 2?N/+ $I0 )+7 : )T < 2???U.PP8+ C )

17 C ) + ) U.4 U /4 D - & )2??2+;$I0 )+ )+ )+ C 4 4 $I0 U 4 &&& I ) 2??9+* 4! 4 ) 2??2+; $I0 4 4 C 17

18 84)!+0 )<+C )" + C!<! GL( U 18

19 )O 12?N.+ 635! 8! :955! 45944! 84< &> 5! 8! 8! :5= ( * & IE.J 5! 8! 8! :5< !!<!!1)" GG+ /J 5! 8! 8! :52622:! * 8J 84<886<65:929?=<8 "! 19

20 3 882!! ! !! 88 & 7 )- /+ 6 * )(.PP.+ & ) + ) *B + R )A T 0 :.PP2U * T O.PP.+ (% )-(4+& & D )AT 0 :.PP2UO 1T 0.PP.+ C & ( C 7 ; U 20

21 )C.PP.+ & C;. );. +7 C 24 )&C24 + -(4 & - -$I2 ". L C & ( B )( +7 ;7 C7 & 7 (0! U!0!(% 6 &C24 -(4 & )0.PP.+& 21

22 7 ).PP2+! )A: T A.PPP : 854<58 < ! 98=8 5:8558 % => & )&C2F+ -( & " 0!!)+ & & - D * 7 ( 77 O O = > C <4 )<(+)$ 2??.U O T *.PP.+& )9+ 7 7!0! 22

23 & 7 6 )9+! (G42 *! (0! 4 ) " + & <( (0! 7 9,0 & (G42 47=>

24 ! & 7 4 $I0 % ).PPP.PP ( )<.PP.+ ).PP D )F+ -*( 24

25 R F,; & 4 7 *("( (%! 7 & 25

26 & ! <8: & 7 D 3 C D & 7 D %3 89<54584<=8 26

27 8 &(.( /( 8( 9( ) +! 6! 689?! 9 ; )4+ )* " $+ &)(S I&+ &)* (S+ &) + $*! 6! 8! 9 * )+ * ( " $* (S I&!* 7 & *(" R*! D G ( )2??N+ * 27

28 295 < *; C$ % 0 A ).PP.+ =- >X(..92.?492/F *!!1 C <1 $; ).PP2+ : ACA0 0 0 )2??2+=(:>! $(28.2?489$B AC0 1!<$)2??9+=Q%(% AC<!&)2???+=" :>&O 0 1$);+-E 1; "C/P?4/.? C$& 0 O $).PP8+=0 1: Q:>(2./8/49. A S! X; C = : : A*0 :).PP2+=-:>($.N/4?2 A:$O AC).PPP+=-µδ >X(.P2.8?42.9? C<<*"! :><8P. 2NN42?. CSA1<$O ).PP.+=* : :1:E:>X:9/...?4./? 0!<S1-C)2??.+=A: :* 1 : :E: 0!< S1-C)2??. + =! 4 4: >X!;E-.F/2/F428F 0!< S1-C)2??/+ =: 1 *-4?2 9P8NNA C4&! : (*!& 0 :XC : 0 "1G)2??8+ =(4: > 9? /?48/ 0 *- )2??/+=(EE)(% +> 0 12?9N 0 1:A<1()2??8+="": >. *&!* 0 :$!" X()2?N2+=0:: B 28

29 0 : $! G " $A - $ )2??2+ =0 : )0&!+ 1:><$9F2.9.4.F2 0!GG-GB 1C!).PP.+=Q:!<! (").PP.+=>(8.PN8F4N9. ( G G I1 $0 )2??.+ (0 1G&B G- S*$ !(G)2??N+ =$ B E :> % 0 A*A0 -).PPP +=0 Q:: : :B :>(C.?P2.?42/. % 0 A ).PP.+=":>- (.9/2?4/.9 $Q *( " X( 0 : $! )2?N8+ = ; : ::B Q: $GA:XCO 0 $0!)2??.+Y-4(0! 0 G4NP2 ::B >*9P)/+//2488 * XO "X).PP.+="B 5>((92PF.42PF9 *;!G 10 * 1:; )2?98+=$:> (:2?98% -: 0 S1 -C A C )2?N9+ =;E 94A- >X::/9?29242F. O 1 C$ 0 *).PP.+ =<: >:$N.?N242P22 O 1C$"!)2?N.+=% 414)*&!+ :1><$X.8U.8.).+.??4/PN O G(<B 1$0 Z0 )2?N/+=(Q ><$.F/294/2 O "X*0 O O "X*0 O S1-C;$)2?N2+=141: 29

30 * +,- 3 5! 4=72< 4 C( 7 <( (-/ ) /+ (-839 (-FU & * R R )!2?FN+ & D =C- >)C-+ <R 7 G% )G ( & )L34+ ( )-1! + )- 8+ ; 4 G% ( - 1! & 30

31 7 (4 & 4 7 *(" *( *(. 9 & /8 C- ; N? *( 9 " G&(C& 2. 2/ $ 28 *( 29 C:O ;(!**!?F29./?429.88)2???+/$0 0 ; (!**!?.NN9F4NNFP)2??9+)* ;E( N).PP2+ 0" (( F)2??N+&( ((28.2P4.2/ )2??F+&/!10 (*( -1 *(" 6 ( ( *(" & ( D 31

32 ( )*B *(" )0 :2?NF+ ( 4 )"!-+ )!+ ( 4)X 2??P S 2??2+ C( R % *-1!)A )*1.PP2+& ( * ; B C(7 * C ( 7-(6 ( 3 &C 2 -(( 32

33 ) 4 4+ ( 3 R ( )C.PP8*.PPP) 598:4; ( 2?8P $ C 0 I1 A & CC 0 A & / C A $C0 C & C 0 A D * 6 ; 2NP)*2NP+ & *2NP 0 ; &0 $ & 0 "2?98DD 4 ( (2?9? ( ( ( 7 2?FP *(" ( 33

34 B 4 % % 7 )".PP/+ X(G[ X4(4 1U 0!G[0 4 1U &/G[: /4 1UC"4γ="4γ <882 C :4 1 )-1+ : )-(+ % :1!)-1!+U<((-8 : 1 < )-1<+U (-/ :1" )- 1" " )2??9.PP2+ ( ; )?+ " ( D *("! ) *("+! E(7 34

35 6 R ( & 41 C ( 7-1! * ( C -1! 7 ; E ( -1! ( & ( 0,* )".PP/+ &-1 ;$G (41< 35

36 ( C ( <<4 98 = 89< &- 1 E = 41>)- 1!48-1!49+ )2P+ * ) 2??N+! )C$0 + )O 2??9+ " C$0 &(3 <<498 & -G E = 41> )& :4 1 "S*[ :4 C$0[ 4 36

37 -1! (-/( )0 T 0 12??F+ C -G ; 2P -1 C )1+ $3;1) E+)?+ 4/4% A)&/G+ )C" 4γ+ )" 2???+ C $ $ " 8. )GQT A2???+. 98:%$ 7 8 ;(- -1 (- ( 37

38 3 488 C(7 7 0 ( 7 ; 3 )0 0 T <2???+C ( * D & ( D & (D ( /P (7 )CB2??/+&7 ( ):2??8+& ( ( -1! -1! ( & ) 94A- + )C2??8+-1!&7( 7 )<2?N.0 1 2?NF <1 7 ( ( ( "$ 38

39 )2?N2%2?N8I2??9+ C ( I& )"" G+ (S & 7 ( 4$(!<( -1!$)!2??F 7( ( )I$2+)- 2??N+ I$2 ( 3 8=8! 84 =5 48! 9? C ( 7 C( 7 ( 7 & ( ) 2??. O 2??8+&C42 )*4 2??9+ ) 2??9+-(4 )O ( * 7 ( ) !4& )002??9+& 39

40 ( ( C ( )0.PP/+ - -1! ( )< 2?N ?NF <1 ( (!( ) + ) + ) )+)$T < : 2???+ 6 ( B )!$%%(&0;(-%8+ * ( 7 7 * O 7 ( *B )A ( - 40

41 )""& +" B " => " = & ( & ( ( 4 )+ ) + D ; ( ) 2???+ 4( $ )$ T < : 2???U $ 2???*.PP.+ ""& / 5!!! <8 < 54 55< < ; 7 *4 &7 7 ( 0 (! ( U )-(&C42+ 4 ( 7 ; 0 -< - ( 41

42 295!;!C<*)2??/+=!B >$(X40 U8)2+824F.$B! C <4C C <* 0 =- E B :>!:*U9.)?+NN/4?8$B!C40 $")2?FN+=-B )( + >!; :$!0 ;O!0)2??F +=(BE 4 $(! :> 0 " <1X >&!!:!&N../N4.8/ <! < ; < ; )2?N.+ =& B B ::>;<*C2/N2?P42?. "0 4:>-(2N/.24/.F "0 I).PP2+;$ 0 B /.F?9 "0 I).PP/+=(:B :> ($B (8.??4/P? "---QB 1X6 C I0 ).PPP+=!B : : B 4-1! " G"! $ 0 $ )2???+ = 1 "\\ 410 "<2?8.P?48.2N X*$*")2??.+ =& 4:: B >(8?F?/4F?N ;"$$!Z0 )2??9+=&Q: (B IE1>(F2/..42/.8 0 *1G% )2?N2+=<E B A$G*<B :4 >X"<2P82F./42F/2 A G : X" <1; X;0 X)2??/+ =0 : B ( : > X <" X *1*10 C).PP2+=0 :E B >0 X;% 0 "(A)2??P+=C4B B B :>;E(% U22P)2+.94/N GQCT C ;! 14A A AB $).PP8+ =0 B ::>*0 C!<!-$ 0$*)2??8+=0: ( CB $$!0 0 C0 )2??/+=(B : >X(2/.2/F4.28N 42

43 0 CC -*).PP/+=(B :: B E4142 :14N ( :>";E$*4% 0 1(O 1 ;% )2?NF+=( B >;<*2?N/294/.P 0 X&* 0 1)2??F+ = E -1! :>0 0 0 *<<CA&E 12P942.N)AC2???+ 0 0 *<<C:XI)2??9+=- B : :1!4& >(0 0 4 : -1!4E B 0 : O " $1B1 XC -1 & )2?NF+ =( B :: % <X< X)2?N8+=(B E1> ;Q:2PF2??4.P2 ;4: <!A0 )2???+=& B :< " $!<-)2??8+=-:: ( : Q>!(:/F.884.8F $0*T < :0!)2???+=!:B E : :4>;X(22)/+ $0* 10 )2??9+=* B Q:B ( $C*"*--C0 )2???+=;( 4( B *4 < *!! )2??9+ =" B : :> < ** C G( $ ).PPP+ Y* :4:4 E : B > C * ( *B 4 ><$% *1*).PP2+ =( B 1 4 > 0 (!4U.8)24/+2N/4??$B *0! (*).PP.+= E >;X( -*S-0 S0 -0 "0 X0!<)2??N+=- 4>(.29/2498/ $-%"C)2??N+A -1!( -1"(-/ 9N8P 43

44 II0 $0 O 4AZA1-)2??9+=B E : >X(29.PN24.P?F O X0 )2??9+=* 4-1! O "X!! *4 < =":1 B :: 8.8 O "X*4 <0 6 )2??8+=(B S A Z S S")2??2+ =; B :><$X.299.)2+29?4F/. 44

45 . C ( 3-1! & ( 7.3 2&& &. 98: 88 8! :558 1 C22 0(!" 2/ )! + -1!4( ;! )".PP2.PP8.PP9+ C22 )"2?NN+ )4(+7 ( 7 ; ( -1! ( (-/& ( 22 7 )02??N"2???".PPP$.PPP.PP/+ C0(!"2/ )"2???+)4-1!+ -1! ( ; - 1! ( )" 2???.PPP+ C ( 0(!" 2/ 45

46 E -1! C0(!" 2/ 7-1< -1" 6 R 0(!" 2/ -1! 4( 4-1! 4-1!7.38CD<58E!! 22 0(!" 2/ D 4( 3-1! ) + ; 4 ( 3-1! 3" 7D7 7 &4-1!7 4( 5 & D ( &- 1! ( D ( = > ( 7 46

47 ) + - 1! &4B4 7 0(!" 2/7! 0(!" & D 22 ( D => ( - 1!! 7. 84! :8 < &3 548! : 882!! 88) T & 7 4 I.P µ )9] + + C7 E - 1 ) + E ) + B 4Q1 ) +& 47

48 7 18P& *(" 1 C!δ" C C 7 )A: 2??P+U U 7 )! 2??8+*D )" )$ 2??2+ )O 4!T " B 2??2+ " 22 )" 2?N?+ 6 )G 2?N?+ )1 T * ; 7 )" 2??P

49 )94.P Test della Formalina 160 Licking (sec) MIN 5-10 MIN MIN MIN MIN MIN MIN MIN 22,! 1 )T " 2??/U" 2??P+" D =8 998, -4< 84 <8:)<T H2?NN+ & 7 C 4 HS12P 49

50 C 7 4 C D 7 & <HR 8 D & C < / ).+ 6 ) * 2???+ : )<+ & C 7 ) + C 3 C 2P )2.+ 50

51 CCI (Costrizione del Nervo Sciatico) Forza (grammi). 14,00 12,00 10,00 8,00 6,00 4,00 2,00 0,00 media ipsi media contr baseline giorno7 giorno14 giorno28 giorno42 giorno64 giorno94 2.,- + ; ; "","!!! &0B.- 51

52 295!!0! 0;" )2??8+=*E > < XHS)2?NN+=!4: "* "! ).PPP+ =! 41 B " 0! $ * = ><<$.FN?4?N "!"* 0 ; )2???+ = 1 : 1! :4 "!$<")2?NN+=-: 4 B B >X(9P2PP/42P2P " Q X $ $ )2?N?+ =! : >(C2P//8?4/9/ "-XI!C0 1$)2??P+=":: Q><$9/ N " *"!"!C ).PP8+=: H4: : : 22 B " *"!C ).PP2+=: :H4:: 0(!"2/ 4: 1! " *"!C ).PP9+=( ( 4-1! : 4-1! 0 * Z)2???+ =:: >& -E 1 :O 0 1$"C =* 4: >/P/8?4 /FP * =- : ;!*C").PP/+=!4B! 4 A&I42"8L-:: 4*"& >(!**!2PP G" $O )2?N?+=>;X :828* ;!; )2??N+ =- 4 B /28P ; 0 ; $ 0 ).PPP+ =<1 ( 4-1! "!" 0 )2??/+=* >( $ "*"! ).PPP+ =: 11 B 1::>X(.P.9N?4.FP2 52

53 53 $ (XO A: " X! =! : > )*8+*.99 $(XO * A4 +^% O 4!A"B!)2??2+=* B >::2P8/9488

54 /3 & 1 & /&3894< :! " 2 )" $ C " &:+ /948P * E )..L2K" + )FP] +3 2.! -?PP28PP C =" $;&&!*>)!&(_ 2?N/2F2P?422P+ )C22F3?. " ; NF3FP?3;;" + & 7 * + 4( 22)" 2?NN+ )0 +) + ".PP8U+4-1!0(!" 2/)" 2???+ )0 + ) + ".PP2U +& )& *& 0!+0 - & & 54

55 & + )+ & 0(!" 2/0 FPµ3.Pµ µ3.Pµ 2N U + 30(!"2/0,9µg, 1,875µg, 3,75µg, 7,5µg, 15µg, 30µg, 60µg /20µl µ3.Pµ2.9µ3.Pµ 2N ; + 0(!" 2/ )+ 15µg/ 2N U + 7 0(!" 2/& 2µ3.Pµ2N)" ; +24.9,93129 & % /P E)/PE2.E2/+!! 4A).F4+ )9].Pµ+ 1) + ) + : ) P 9 55

56 & )P429+)2948P+C!(% I! 6 4C* /3 5< 2&& & & 2 2N C & )..8 P9P/[PF22PU22N +! )../ P9.2[PFPP?U../ 28FN[P.92/U + &3 4! 8,(/(! -498! :8! 849<:: !! =988, 86-&?-8&B?A-:! 4; ! <::8 E98! :8584F0! 59<58<::84! 985&B?48=FB5< 8<4=5<::5 9? G<8<! 5 56

57 6 0-1!3( 1 C 2/! 2& 0(!"2/0 0(!"2/ (60µg/20µl), alfad11 Mab o alfad11 Fab (12,5µg/20µl). L analisi della varianza metteva in evidenza come non ci fossero differenze significative tra gli animali somministrati con anticorpi Mab e gli animali IgG durante la prima )..N e la seconda fase )..N 2/?/ [P.F9P+! 4-1!3( 2 )2/<+ )..F N/8PMPP2+( 7)..F 2FPN[P.2?9+ & !! ! 5< 98! :8! !! &&6(12,5µg/20µl) ed anti-trka MNAC13 Mab (60µg/20µl) 1h prima dell inizio del test, B) 2&& 6 (12,5µg/20µl) ed anti-trka MNAC13 Fab (60µg/20µl) 1h prima dell inizio del test. Un effetto analgesico significatico è osservato esclusivamente nella seconda fase con il trattamento di anticorpi Fab.,-,F&&- α&&,f&(- &.,F&(-4,A-6,F0-α&&6,F&(-&.6,F&(-. HI(($HHI((&=5?5:9=9888<:,5?;5-6 2N 28 & & ) F[P/22.+ 4(0 4-1!

58 0(!"2/ 0 (F 2,24 : 5,129 P<0,01) )28!+ C 2N )28<+ 1)../ P8FN[PF/2N+ )../ &/ !! ! 5< 98! :8! !! &&6(12,5µg/20µl) ed anti-trka MNAC13 Mab (60µg/20µl) 18h prima dell inizio del test, B) 2&& 6 (12,5µg/20µl) ed anti-trka MNAC13 Fab (60µg/20µl) 18h prima dell inizio del test. Un effetto analgesico significatico è osservato esclusivamente nella seconda fase con somministrazione dell anti-trka MNAC13 Mab.,-,F&(- α&&,fb-&.,f0-4,a-6,f&(-α&&6,fb-&.6,fb-. HI(($HHI((&=5?5:9=9888<:,5?;5 - L acitivity ed il grooming osservati per 40 min, durante il test della formalina, non venivano modificati dal trattamento farmacologico come mostrato nella Tab.5. Questi risultati dimostravano che il decremento di licking è ascrivibile esclusivamente al potere analgesico degli anticorpi e non ad effetti delle molecole sul comportamento generale dell animale. 58

59 6$3 -4! :8,59-:5584;! 4<5428!,(/(! - 98! :8! 49=J88! 984=5! 58!! 5 C &$ 3 0(!" 2/ 0 2N " 1 ) 82/8 MPPP2+ (0,9µg/20µl), & C 15µg/20µl 60µg/20µl. ;15µg/20µl )MPP9+ &$3 < :854 &.859&B?:! ! =5<:! MNAC13 mab (0,9µg n=8; 1,875µg n=10; 3,75µg n=10; 7,5µg n=10; 15µg n=10; 30µg n=10; 60µg/20 µl n=9) * P<0.05, ** P<0.01,*** P<0.001 vs IgG (n=12) sc-injected mice (Fisher s PLSD). 59

60 C&) 22 )2.9µ3.Pµ 2.9µ3.Pµ+ " )../ [P.2F/+)../ 2P 7 &) 3 < :85 4 2&& 58!! 58 59&B?:! 4; ! 224<:! F&(K α&&&$µfbkα&&&$µfb. " +,:- &.,59- " &% 0(!" 2/2N 15µg/topo, scelta in base ai risultati ottenuti con il dose/risposta (minima dose con massimo effetto), era in grado di generare un significativo decremento del licking sia nella prima fase) 22F 9/9/MPP9+) 22F MPPP2+ 0(!"2/ ) 9?.. MPP9 MPPP9+ & 0(!" 2/ ( 3-1! R 7 60

61 &%3 8!! 5 859,15µg/20µl) vs somministrazioni ip (15µg/topo) 4 &.89<8&B? :! 4; 8del test della formalina. F0 &.F&(K F0 &.F0 HFI(($ HHFI((($ &. C&B 0(!" 2/ 2N )2µ3.Pµ+ ) & )0(!" 2/ 2µ3.PµL )&0(!"2/2µ3.PµL&2µ3.PµL02 31+) 98.?PF?MPPPP2+) / MPPPP2+ D )& [PPP.?U && [PPPP )[PP99.+ )[PPP29+ )9 31+)& MPPPP2&& MPPPP2+ D )[PP

62 &B &.! !! 88 8!! 5 8 4;98:8 &.8 59&B?:! 4; ! µ3.Pµ) & L*[N0(!"2/L[?& L0 2[?& L0 9[F0(!"2/L0 2[? `[MPPP9``[MPPPP9```[MPPPP2 62

63 /.3 59<558 6 ( 3-1! 7-1!! (!" 2/5C RC (-1! C ( 7 $ ( ) 2??.U O 2??8+! D ( ( 7 0(!" 2/ 22! 0(!"2/ " 4 4-1!!7 7 * 7 0 I2N 0(!"2/0 6 7 )

64 )O.PPP+ C 0 C 7 2 D 7 4 " 2N 0(!"2/ ; 7 )+ )+ 29µ0(!"2/0 7 & ) :+ 4-1! 4-1! 7 0(!" 2/ 7 & 64

65 D - ; 0(!" 2/! 0(!"2/ *7-1! =1> )GTIZB.PP/+( 0 B ).PP8+ $ ( - 1!&7 ( )!.PP.+C ( & D -1! 65

66 !$C &*$).PP.+Y; B EB "!$<")2?NN+=-: 4 B B >X(9P2PP/42P2P "!"* 0 ; )2???+ = 1 : 1! :4 " *"!C ).PP2+=: :H4:: 0(!"2/ 4: 1! X*$*")2??.+ =& 4:: B >(8?F?/4F?N GGZB 0 ).PP/+=(4 : B ::>X(0 0 B -*).PP8+ =;E B 4 4 O <B 0*O <(A0 ).PPP+=-& )$+ 1:$&$&& :$!>X&2F89/2/49/2N O "X*4 <0 6 )2??8+=(B 66

67 $3 ""&. 2&& $&3894< :! " 2 )" $ C " &:+ /948P * E )..L2K" + )FP] +3 2.! -?PP28PP C =" $;&&!*>)!&(_ 2?N/2F2P?422P+ )C22F3?. " ; NF3FP?3;;" + & 7 * + 4( 22)" 2?NN+ )0 + ".PP8U + 4-1!0(!" 2/)" 2???+ )0 +".PP2U+ & )& *&0!+ 0 & -!+8 /89F 0 220(!" 2/9P3 - <+ N / 8 9 N? 2P 0 0(!" 67

68 " L + C <)<T H2?NN+ )8PP 31+ " / ) F3P+ 2 & & 6 ) * 2???+ : )<+ & C 7 ) + C 3 ) +% 2P (!+ /28 <+ /2 4 68

69 7!(% I! 6 4 C* $3 5< A-32&&&. &! 0(!" 2/22 9Pµ3 2? ).2?.2F?8U MPPPP2+ ) F2? 92N2U MPPPP2+ ) 2N2? /P9UMPPPP2+ &03! 85<69898,/: )4&.42&&4854 $(µ18:8 F%K2&&F&(K &.F$ & 0(!"2/22*)2?+89F 69

70 0(!" 2/ (!" 2/ 4-1! < AA- "&. & < N 0(!"2/ (.P 0(!" 2//Pµ3)/4F 2P?. [ ) 98288MPPPP2+ C 0(!" µ3+ )8+ ) 2.2 (3! 85<69898A-B58!! 5 8:,.&(-4&..(%(µ18:8! 98<4=85998 F&& &..(FB &.%(F& &2?/2)..N 9P82F MPPPP2+ 4-1!! 70

71 )2.+ & )..N.8PP MPPPP2+ ) 29.N 2F2/FMPPPP2+ ) /P.N 8N89MPPPP2+ $.3 59<558 & ( 3-1! * ( 7 & 4-1!) + ( ; C )+! $ 4B 4. ( * ( 3-1! & * 7 4( 3-1! 71

72 ! C (0!!0!!<! 7 *(" ( U 7 6 D 7 ) + 8 N! 7 * 0(!" 2/7 D 7 ". ( 7 => & 7 R 72

73 C C0(!" 2/ -1!! =0 ( 7 D 5> 0(!" 2/ * ).P+ D 2?* ( => -1! 0(!" 2/ 76 C ).PP/+ (! 4-1!3( " 0(!" 2/322 73

74 295 "!$<")2?NN+=-: 4 B B >X(9P2PP/42P2P "!"* 0 ; )2???+ = 1 : 1! :4 " *"!C ).PP2+=: :H4:: 0(!"2/ 4: 1! C!" S I0 CB X</ ).PP/+ Y" B >((U2N8)2+.?94/P/ 74

75 )3 & 4( 224-1!0(!" 2/A -1! ( & &R 0(!" 2/ 22 0(!" 2/ 2N7 0(!" 2/7 0(!" 2/ 22 0(!" 2/! D D 7 * 3 ( 3U C => 7 7 % 75

76 D 5C & C C ; 4( 3-1! & 76

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti BIOSTATISTICA 4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@?"?$3J I?@?@?@'@J I")&?@%@?J I?"!@?"!"J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@??$3J I?@?@?@'@J I)&?@%@?J I?!@?!J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO CAMPIONE DELL URSS Alla fine di novembre del 1956 cominciò a Tbilisi la semifinale del 24 campionato dell Urss. Tal vi prese parte. Aspiravano al diritto di giocare il torneo di campionato, tra gli altri,

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione -

Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione - Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione - Questo documento è un tentativo di raccolta e riorganizzazione dei vari post & thread esistenti sull'argomento SEKA 2, senza la pretesa di essere un trattato esaustivo.

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE La presentazione dei dati per molte ricerche mediche fa comunemente riferimento a frequenze, assolute o percentuali. Osservazioni cliniche conducono sovente

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Serie RTC. Prospetto del catalogo

Serie RTC. Prospetto del catalogo Serie RTC Prospetto del catalogo Bosch Rexroth AG Pneumatics Serie RTC Cilindro senza stelo, Serie RTC-BV Ø 16-80 mm; a doppio effetto; con pistone magnetico; guida integrata; Basic Version; Ammortizzamento:

Dettagli

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 adempimenti di inizio anno 15 lunedì C.di C. 3AG 13.30 14.15 programmazione - visite studio - varie solo docenti 15 lunedì C.di

Dettagli

Statistica. Lezione 6

Statistica. Lezione 6 Università degli Studi del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Infermieristica Corso integrato in Scienze della Prevenzione e dei Servizi sanitari Statistica Lezione 6 a.a 011-01 Dott.ssa Daniela Ferrante

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimare una funzione f significa trovare una funzione f di forma più semplice che possa essere usata al posto di f. Questa strategia è utilizzata nell

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

Equazioni alle differenze finite (cenni).

Equazioni alle differenze finite (cenni). AL 011. Equazioni alle differenze finite (cenni). Sia a n } n IN una successione di numeri reali. (Qui usiamo la convenzione IN = 0, 1,,...}). Diremo che è una successione ricorsiva o definita per ricorrenza

Dettagli

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali ACRONIMO DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO SETTORE DI RIFERIMENTO PREVALENTE FLOROVIVAISMO AGRIENERGIE

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

CONNESSIONI IN MORSETTIERA. Caratteristiche generali. Morsettiere a 6 pioli per motori

CONNESSIONI IN MORSETTIERA. Caratteristiche generali. Morsettiere a 6 pioli per motori CONNESSIONI IN MORSETTIERA Morsettiere a 6 pioli per motori -monofase -monofase con condensatore di spunto -bifase -trifase a singola velocità -trifase dahlander -trifase bipolari -trifase tripolari forniti

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE

SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE di M. VILLA. e L. MURACCHINI (a Bologna) 1. - Nelle nostre ricerche sull'applicabilita proiettiva delle trasformazioni puntuali fra piani, abbiamo

Dettagli

DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015

DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015 DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015 ESERCIZIO 1 (DE,DTE) Un transistore bipolare n + pn con N Abase = N Dcollettore = 10 16 cm 3, µ n = 0.09 m 2 /Vs, µ p = 0.035 m 2 /Vs, τ n = τ p = 10 6 s, S=1

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI.

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. PH. ELLIA Indice Introduzione 1 1. Divisori di un numero. 2 2. Numeri primi: definizioni. 4 2.1. Fare la lista dei numeri primi.

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. 2015/4790 Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano.

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano. Il punto Il punto è un elemento geometrico fondamentale privo di dimensioni ed occupa solo una posizione. Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto

Dettagli

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. P E. R Svz szz pz - CNR L f sh s s mp pph ; p è pps pm pssbà p sss è ss vs, s s mp mq sz, ; s (, svh.) pss ss s z. I sh ss s spsv è sfvm fz m pph s p:

Dettagli

Principal Component Analysis (PCA)

Principal Component Analysis (PCA) Principal Component Analysis (PCA) Come evidenziare l informazione contenuta nei dati S. Marsili-Libelli: Calibrazione di Modelli Dinamici pag. Perche PCA? E un semplice metodo non-parametrico per estrarre

Dettagli

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile.

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ Statistica5 23/10/13 Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. Se si afferma che un vitello di razza chianina pesa 780 kg a 18

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE variabile casuale (rv): regola che associa un numero ad ogni evento di uno spazio E. variabile casuale di Bernoulli: rv che può assumere solo due valori (e.g.,

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro Lo Spettro primo di un anello Carmelo Antonio Finocchiaro 2 Indice 1 Lo spettro primo di un anello: introduzione 5 1.1 Le regole del gioco................................ 5 1.2 Prime definizioni e risultati

Dettagli

LEZIONE 17. B : kn k m.

LEZIONE 17. B : kn k m. LEZIONE 17 17.1. Isomorfismi tra spazi vettoriali finitamente generati. Applichiamo quanto visto nella lezione precedente ad isomorfismi fra spazi vettoriali di dimensione finita. Proposizione 17.1.1.

Dettagli

MATEMATICA C3 - GEOMETRIA 1 2. CONGRUENZA NEI TRIANGOLI

MATEMATICA C3 - GEOMETRIA 1 2. CONGRUENZA NEI TRIANGOLI MATEMATICA C3 - GEOMETRIA 1 2. CONGRUENZA NEI TRIANGOLI Indice Triangle Shapes Photo by: maxtodorov Taken from: http://www.flickr.com/photos/maxtodorov/3066505212/ License: Creative commons Attribution

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : LECCO

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : LECCO GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E DISTINTI PER CLASSE DI CONCORSO, I SEGUENTI DATI RELATIVI AI DOCENTI TITOLARI

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi

iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi Idea di base Supponiamo di avere un idea del valore (incognito) di una media di un campione, magari attraverso

Dettagli

Listino Prezzi riservato al Pubblico. Agosto 2014. Macchine Accessori Prodotti di Consumo. Office. Legenda simboli: ATTENZIONE

Listino Prezzi riservato al Pubblico. Agosto 2014. Macchine Accessori Prodotti di Consumo. Office. Legenda simboli: ATTENZIONE Listino Prezzi riservato al Pubblico Agosto 2014 Macchine Accessori Prodotti di Consumo Office Legenda simboli: p p = prezzo modificato n n = nuovo prodotto c c = codice prodotto modificato i i = Informazioni

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

REGOLAZIONI PARAMETRI DAL MENU DI SERVIZIO

REGOLAZIONI PARAMETRI DAL MENU DI SERVIZIO REGOLAZIONI PARAMETRI DAL MENU DI SERVIZIO ATTENZIONE : le operazioni di regolazione dei parametri di funzionamento richiedono molta attenzione. L'autore di queste note non deve essere ritenuto responsabile

Dettagli

Joomla! Import/Export Virtuemart

Joomla! Import/Export Virtuemart Joomla! Import/Export Virtuemart Queste funzionalità permettono di importare anagrafiche e prodotti all interno del componente Virtuemart 2.0.x, installato su un sito Joomla! 2.5 e di esportare da esso

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Lezioni di STATISTICA MATEMATICA A

Lezioni di STATISTICA MATEMATICA A Università di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Lezioni di STATISTICA MATEMATICA A Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Laurea in Ingegneria dei Materiali - Anno Accademico 010/11

Dettagli

1. DESCRIZIONE BLACK VOICE... 2 2. COME EFFETTUARE LE CHIAMATE... 4 3. COME TRASFERIRE UNA CHIAMATA ALL'INTERNO DELL'AZIENDA... 4

1. DESCRIZIONE BLACK VOICE... 2 2. COME EFFETTUARE LE CHIAMATE... 4 3. COME TRASFERIRE UNA CHIAMATA ALL'INTERNO DELL'AZIENDA... 4 INDICE GENERALE 1. DESCRIZIONE BLACK VOICE... 2 2. COME EFFETTUARE LE CHIAMATE... 4 3. COME TRASFERIRE UNA CHIAMATA ALL'INTERNO DELL'AZIENDA... 4 4. COME DEVIARE LE CHIAMATE SU UN ALTRO APPARECCHIO...

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1 Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 Capitolo 3. L'analisi della varianza. Il problema dei confronti multipli. La soluzione drastica di Bonferroni ed il test

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE E N N A

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE E N N A Prot.n.3925/Usc ELENCO POSTI DISPONIBILI PER LE OPERAZIONI DI MOBILITA ANNUALE - DEL PERSONALE A.T.A. PROFILO DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI. - ANNO SCOLASTICO 2013/2014. I.C. VALGUARNERA

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE Se il coefficiente di correlazione r è prossimo a 1 o a -1 e se il diagramma di dispersione suggerisce una relazione di tipo lineare, ha senso determinare l equazione

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Programmazione TELXXC

Programmazione TELXXC Manuale Programmazione Versione 5.0 Programmazione TELXXC TELLAB Via Monviso, 1/B 24010 Sorisole (Bg) info@tellab.it INDICE Programmazione e comandi... 2 Messaggio comando multiplo.. Formato... 3 Messaggi

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società Registro Imprese - La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società - I trasferimenti di sede da altra provincia Come descrivere l attività Sintetica, chiara e concreta SI

Dettagli

Le Derivate delle Funzioni Elementari

Le Derivate delle Funzioni Elementari Capitolo 4 Le Derivate delle Funzioni Elementari In questo Capitolo impareremo a trovare la formula per la funzione derivata di una funzione elementare, cioè di una funzione costruita con ingredienti di

Dettagli

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2 L. Pandolfi Lezioni di Analisi Matematica 2 i Il testo presenta tre blocchi principali di argomenti: A Successioni e serie numeriche e di funzioni: Cap., e 2. B Questa parte consta di due, da studiarsi

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE NON AVRESTE VOLUTO SAPERE DEL CORSO DI

TUTTO QUELLO CHE NON AVRESTE VOLUTO SAPERE DEL CORSO DI TUTTO QUELLO CHE NON AVRESTE VOLUTO SAPERE DEL CORSO DI INTRODUZIONE ALLA TEORIA DEI GRUPPI, DEGLI ANELLI E DEI CAMPI MA CHE QUALCUNO VI HA VOLUTO INSEGNARE LO STESSO CONTIENE 1. tutte le risposte alle

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

DICHIARAZIONE AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL TFR

DICHIARAZIONE AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL TFR Al Dirigente Scolastico DICHIARAZIONE AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL TFR Il/La sottoscritto/a Cognome: Nome: -C.F. Luogo di nascita: (Prov. )- data di nascita: Luogo di residenza -Prov. - C.A.P. Indirizzo:

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

POLVERI MULTIDOSE CAPSULE

POLVERI MULTIDOSE CAPSULE PLVERI MULTIDSE MENTL PLVERE CUTANEA PREPARARE UNA A SCELTA FRA LE DUE FRMULAZINI Composizione: levomentolo o mentolo racemico g 1.0 talco g 99.0 Preparazione 20 g TALC MENT-CANFRAT Composizioe: levomentolo

Dettagli

6 fl. . di non aver subito condanne penali;. di assicurare la propria presènza a tutti gli incontri collegati alla realizzazione del P.I.

6 fl. . di non aver subito condanne penali;. di assicurare la propria presènza a tutti gli incontri collegati alla realizzazione del P.I. FOn,l Éù.TTBUTTURQLI \àd, ia) EUROPEI 2047-2015.ÙMPETENZÉ PER LO SVILUPP (r e, - r{btenll P B L' APPNEN IMENTO {FC ) l-c.'sawétvlllll" ISTITUTO COMPRENSIVO "G. SAIVEMIM" 74122 TARANTO. VIA GREGORIO VII,

Dettagli

Lezioni di Teoria dei Gruppi. Andrea Mori Dipartimento di Matematica Università di Torino

Lezioni di Teoria dei Gruppi. Andrea Mori Dipartimento di Matematica Università di Torino Lezioni di Teoria dei Gruppi Andrea Mori Dipartimento di Matematica Università di Torino Maggio 2005 Questo lavoro è dedicato alla memoria di Lia Venanzangeli (1959 2004) amica e compagna. Gigni de nihilo

Dettagli

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO AP/ap Determinazione n. DD-2015-391 esecutiva dal 06/03/2015 Protocollo Generale n. PG-2015-22551 del 05/03/2015

Dettagli

Il principio di induzione e i numeri naturali.

Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione è un potente strumento di dimostrazione, al quale si ricorre ogni volta che si debba dimostrare una proprietà in un numero infinito

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO 1 (Ridis. con modifiche da M. De Stefano, 2009) 2 3 Concetto di duttilità 4 5 6 7 E necessario avere i valori di q dallo strutturista ( ma anche qo). Per

Dettagli

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori"

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori" slide a cura di Salvatore Orlando & Marta Simeoni " Architettura degli Elaboratori 1 Interi unsigned in base 2" Si utilizza un

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1)

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1) Esercizi sulle distribuzioni binoiale e poissoniana Esercizio n. Una coppia ha tre figli. Calcolare la probabilità che abbia non più di un aschio se la probabilità di avere un aschio od una feina è sepre

Dettagli

I TRATTAMENTI ANTIVARROA

I TRATTAMENTI ANTIVARROA I TRATTAMENTI ANTIVARROA In pratica DR.SSA GIULIANA BONDI Aggiornato 2013 Circolare MdS 06 Febbraio 2006

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

Prot. N 8502/A32 Augusta lì, 18/09/2014

Prot. N 8502/A32 Augusta lì, 18/09/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STTLE "SLVTORE TODRO" 96011 UGUST (SR) - Via Gramsci - 0931/993733-0931/511970

Dettagli

Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP)

Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP) Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP) Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova 2 Il metodo SAW costruisce un peso con cui valutare le alternative

Dettagli

Integrazione numerica

Integrazione numerica Integrazione numerica Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 6-20-26 ottobre 2009 Indice 1 Formule di quadratura semplici e composite Formule di quadratura

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Lezione 4: Principi di Conservazione Conservazione della quantità di moto e del momento della quantità di moto

Lezione 4: Principi di Conservazione Conservazione della quantità di moto e del momento della quantità di moto Lezione 4: Principi di Conservazione Conservazione della quantità di moto e del momento della quantità di moto Claudio Tamagnini Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università degli Studi di

Dettagli