Bollettino della Società Italiana dei Viaggiatori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bollettino della Società Italiana dei Viaggiatori"

Transcript

1 Bollettino della Società Italiana dei Viaggiatori volume zero 2012 firenze

2

3 Bollettino della Società Italiana dei Viaggiatori

4 Società Italiana dei Viaggiatori FIRENZE Bollettino periodico in attesa di registrazione presso il Tribunale di Firenze Direttore Alessandro Agostinelli Redazione Francesca Mancosu (caporedattore) Sandro Petri (art director) Claudio Serni Gabriella Falcone Comitato scientifico Garanti Maurizio Bossi Saggista - Firenze Vinicio Capossela Musicista - Milano Franco Cardini Storico - Firenze Philippe Daverio Critico d arte - Milano Ahmed Habouss Antropologo - Napoli Mario Maffi Americanista - Milano Giovanni Pratesi Geologo - Firenze Giorgio Van Straten Scrittore - Firenze Revisori Antonio Fournier Università Torino Luigi Marfè Università Parma Manuele Masini Universidade Nova Lisboa Maria Gloria Roselli Museo Antropologia Etnologia Firenze Info

5 alessandro agostinelli Presentazione Viaggiare: quanti sensi in questo verbo. Ci appassionano geografia, storia e scienze umane. Per questo cerchiamo nella tradizione delle vecchie società di ricerca ottocentesche una base di partenza per questa neonata Società Italiana dei Viaggiatori. Unire la ricerca e lo studio del passato con l attualità dei reportage nel campo del viaggio può aiutarci ad ampliare lo sguardo sul nostro presente, sul qui e sull altrove che spesso non sappiamo più ben definire. Questa rivista che chiamiamo bollettino tenta di legare insieme le formule dell inchiesta storica, letteraria, antropologica, sociologica con un metodo più generale di attraversamento delle città, delle culture e dei territori. Questo bollettino è quindi una forma narrativa anfibia, a metà strada tra l approfondimento scientifico e il racconto cronachistico. In questo medium di studi culturali si riprende l ispirazione originaria illuminista di fare ricerca descrivendo segnatamente ciò che l occhio incrocia nel suo spostamento e il ragionamento testimoniale del racconto. In questo lavoro di accostamento ai viaggi si cerca di raccontarne un nodo, ma pure di studiare i luoghi attraverso il deposito della storia, come se tra mappe, diari, archivi e luoghi si potesse riuscire a disperdersi dentro gli spazi fisici 1, tentando di scardinare la convenzione delle immagini da cartolina. Infatti, il grande equivoco del viaggiare nella società attuale è legato a una banalizzazione estrema del concetto di altrove e di altro, come ha scritto Guy Debord: Sottoprodotto della circolazione delle merci, la circolazione umana considerata come un consumo, il turismo, si riduce fondamentalmente alla facoltà di andare a vedere ciò che è divenuto banale. L organizzazione economica materiale della frequentazione di posti diversi è già di per se stessa la garanzia della loro equivalenza. La stessa modernizzazione che dal viaggio ha ritirato il tempo, gli ha anche ritirato la realtà dello spazio. 2 Il tentativo della Società Italiana dei Viaggiatori è quello di ovviare a questa pseudomodernizzazione, a quel paradosso inquietante per cui nel mondo dove tutti viaggia- 1 Kant divide la geografia tra geografia matematica, politica e fisica. Secondo lui la geografia fisica esamina la costituzione naturale e tutto ciò che in essa si trova, non con l esattezza propria della fisica o della storia della natura, ma con la razionale curiosità di un viaggiatore che va dappertutto alla ricerca del notevole, dello strano e del bello, e mette a confronto le osservazioni così accumulate e riflette sul suo piano. I. KANT, Scritti precritici, (di P.Carabellese), Bari 1923; (rifatta da R.Assunto e R.Hohenemser), Bari G. DEBORD, La società dello spettacolo, Milano 1997.

6 no, il viaggio viene meno, e si perde il senso della scoperta di sé attraverso il viaggio, attraverso l altro da sé. Come sintetizza Franco Ferrarotti: [ ] l uomo moderno esce di casa sbattendo la porta, corre all aeroporto, salta in auto e si lancia a duecento chilometri all ora. Non torna in sé, non si interroga, ma fugge da sé. [ ] Il viaggio senza meta, come anestetico. 3 Partire: quanti sensi in questo verbo. Schivare il concreto? Voglia di travestimento? L impatto con cose che avremmo già dovuto conoscere? Il paragone impietoso del mondo con la propria forma di civiltà? O che cosa? Paul Watzlawick cerca di rispondere con disincanto: Viaggiare non è facile. L arte di soggiornare all estero raramente si apprende nella casa paterna: anzi, l apprendistato nella casa paterna di norma non fa che condurre al bar sottocasa. 4 Si fa un gran parlare di mondo in rete, di villaggio globale: un pianeta codificato e conosciuto, che rifugge la complessità. Ma non è così, anche se il mondo, sempre più, sembrerebbe voler diventare tutto un bar sotto casa. Ma anche questa, forse, è solo un impressione scaturita dalla visione del mondo acquisita attraverso i vari schermi: del computer, della tv, del cinema. La concretezza del viaggio è una vera amplificazione dell io 5. In viaggio diminuiscono le nostre conoscenze profonde, apprezziamo e valutiamo in maniera più superficiale gli oggetti e le vicende dal punto di vista intellettuale, ma aumenta la nostra percezione del mondo, la sensibilità della nostra prestazione. I percorsi o le destinazioni affrontati qui sono tappeti con incroci diversi di diversi tessuti. Capita, infatti, che un giorno ci si ritrovi a guardare orizzontalmente molti posti, proprio come sdraiati sopra un tappeto, e a riconoscervi (o proiettarvi) tanti luoghi dell anima. È il desiderio di andare dove pare sia il tempo e il luogo di immaginarsi quale nuovo mondo, quale primavera preparare per l avvenire. 3 F. FERRAROTTI, Partire Tornare, Roma P. WATZLAWICK, America istruzioni per l uso, Milano 1985, Cfr. A. AGOSTINELLI, L estasi del mondo. Il viaggio e le droghe nella letteratura: la ricerca dell altrove o dell oblio, in Neopsichiatria Rivista di studi etnopsichiatrici in Italia, I-II.1999, Pisa 1999.

7 bollettino 2012 Studi mieko namiki maraini RICORDO DI MIO MARITO Fosco Maraini maurizio bossi FOSCO MARAINI, DALLA LUNA ALLA TERRA Piccola antologia da un grande viaggio filosofico maria gloria roselli KAFIRI, GLI INFEDELI Il leggendario popolo delle valli dell Hindukush tra Afghanistan e Pakistan attraverso i racconti di Paolo Graziosi franco cardini LE MERAVIGLIE DEL NULLA Viaggio fantastico nel Medioevo Portfolio simone donati - terraproject TATARI DI CRIMEA Return to Motherland Report fabrizio buricchi, claudia ferigo FIRENZE L altra città: un giro nel mercato di San Lorenzo alessandro agostinelli ISTANBUL, BISANZIO, CONSTANTINOPOLI La Città nelle pagine di Brodksij, De Amicis, Markaris

8

9 bollettino 2012 studi 9 mieko namiki maraini ricordo di mio marito Fosco Maraini (Firenze 15 novembre giugno 2004) La prima volta che mio marito Fosco Maraini è andato in Giappone è stato molto tempo fa. Era partito dall Italia per studiare gli Ainu nell isola di Hokkaido. Oltre venti anni fa ci siamo tornati insieme e abbiamo visitato Nibutani, un villaggio Ainu dove abbiamo incontrato una persona molto importante, un rappresentante del popolo Ainu. Siccome gli Ainu non hanno mai avuto una loro scrittura lui aveva fatto una trascrizione di tutto quello che gli anziani, gli ekashi, gli avevano trasmesso. Quindi abbiamo parlato con lui che ci ha raccontato alcune storie della tradizione Ainu. Ma ancora prima di parlare delle tradizioni Ainu, appena arrivati, lui esclamò: Benvenuto Fosco San, sei arrivato al momento giusto. E Fosco chiese perché. Ti faccio vedere, disse. Prese una ciotola piena di cubetti lucidi, quasi trasparenti. Io e Fosco non capivamo che cosa fossero. E lui ci disse: questo è cibo riservato soltanto agli ekashi, intendendo che era destinato, come forma di rispetto, soltanto ai più vecchi del gruppo. E quei cubetti erano polpastrelli delle zampe anteriori dell orso. Un cibo molto prezioso. Qualche giorno prima avevano fatto lo iyomande, la cerimonia di uccisione dell orso e quindi ci stavano facendo l onore di mangiare una prelibatezza, un dono speciale. Con Fosco eravamo a Sapporo in occasione delle olimpiadi invernali del 1972 perché il CONI e il Ministero degli Esteri avevano pregato Maraini di seguire le olimpiadi. Una casa automobilistica giapponese aveva messo a disposizione alle nazionali alcune macchine di piccola cilindrata per spostarsi dentro il villaggio olimpico. Anche l Italia ne aveva due e Fosco ne usava una. Alla fine delle olimpiadi Maraini decise di chiedere l auto in prestito alla casa produttrice per un mese e gliela concessero con molto piacere. Con questa piccola macchina abbiamo fatto il giro dell isola. Lui conosceva benissimo tutti i villaggi, io molto meno. Lui

10 10 Società Italiana dei Viaggiatori voleva più di ogni altra cosa sciare e salire in montagna. Anche a me piaceva l idea e così siamo partiti riempiendo questa piccola macchina di bagagli. Abbiamo scelto quasi sempre posti dai quali, tornando con gli sci dalla montagna, ci si potesse riposare nelle terme. Salivamo ogni giorno a piedi con gli scarponi e con gli sci in spalla, la sera scendevamo contenti. Alcuni giorno dopo Fosco si mise in testa di salire su una montagna ancora più alta e io era già abbastanza stanca ma volevo stare insieme a lui e così siamo partiti. Di buon ora ci siamo incamminati con il classico panino di riso e due arance dentro lo zaino. La salita era molto faticosa in certi punti. Lui aveva i ramponi, io no. Lui andava avanti e io lo seguivo. A un certo punto la pendenza aumentò e io cominciai a scivolare. Lui mi aiutava tirandomi con la mano. Alla fine riuscimmo ad arrivare fino quasi alla cima ma non proprio in vetta. Siccome ero stremata, dissi che ero stanca morta e non ce la facevo ad arrivare fino alla cima. Lui disse: va bene tu aspetti qua e io vado lassù. Ero circondata dalla neve e dal freddo, non si vedeva nessuno e l idea di aspettare da sola mi faceva paura. Allora dissi: va bene, vengo con te. Piano piano siamo arrivati sulla cima, e io dissi: ora mangiamo qualcosa. E tirai fuori dallo zaino il panino. Ma era congelato, e anche le arance erano congelate: non avevamo niente da mangiare. Così siamo ridiscesi, stanchi e affamati. Questo era mio marito: una volta che aveva deciso di fare una cosa non si tirava indietro per nessun motivo. E a questo mi sono dovuta adattare per tutto il tempo che ho passato con lui. La tomba di Fosco è in Garfagnana. Lui, come molti sanno, diceva di chiamarsi CitLuVit (Cittadino Luna Visita Istruzione Terra). Amava dire: sono venuto dalla Luna, mandato qua per visitare la Terra, per vedere come vivono, cosa fanno, come si muovono gli uomini e sono stato inviato per andare in giro più possibile, per documentare, studiare e fare fotografie poi comporre un report al rientro sulla Luna. È per questo che lui ha viaggiato tanto e ha fatto migliaia di fotografie in ogni parte del mondo, studiato le religioni, visitato tutto quello che è possibile. Questo era lui e quindi nella sua tomba io ho scritto: CitLuVit è tornato alla sua terra.

11 bollettino 2012 studi 11 maurizio bossi Fosco Maraini, dalla luna alla terra Piccola antologia da un grande viaggio filosofico Nel 1828 Cosimo Ridolfi, agronomo ed educatore toscano, definiva curiosità e meraviglia madri del sapere. 1 Credo che un sentimento simile abbia accompagnato Maraini per tutta la vita, e che in esso risieda buona parte del perché della singolare capacità comunicativa di tutta la sua opera. La sua curiosità profonda per gli uomini e la natura lo inserisce a pieno titolo nella lunga corrente degli uomini che attraverso le epoche hanno vissuto e teorizzato la curiosità come valore morale, e lo rende un autore classico, valevole per ogni epoca. Bernard Berenson diceva che pochi viaggiatori erano stati, come Maraini, capaci di portarlo fisicamente in luoghi lontani facendogli incontrare uomini singolarmente simili a noi. 2 Sulla sua scrittura, semplice e al contempo meticolosissima, 3 così come sul rapporto considerato inscindibile da Maraini tra scrittura e fotografia (definita, quest ultima, scrittura con la luce 4 ) si sono soffermati molti studiosi. Ognuno ha sottolineato dalla propria prospettiva la complessità e insieme la naturalezza di quanto la anima, individuandone ciascuno alcuni aspetti (non certo esclusivi nelle interpretazioni degli autori) della sua personalità di scrittore: ne è stato sottolineato, ad esempio, l inscindibile rapporto tra empatia e ironia già proprio del sentimental traveller di Lawrence Sterne; 5 o il suo poter essere considerato ultimo 1 C. Ridolfi, Delle colmate di monte. Introduzione, Giornale agrario toscano, II, 1828, p B. Berenson, lettera-prefazione (datata I Tatti, Settignano, 23 marzo 1950) a F. Maraini, Segreto Tibet, Milano, Corbaccio 1998 (1 a ed. Bari, Leonardo da Vinci 1951), p. 5 3 Così la definisce Franco Marcoaldi nel suo saggio introduttivo a F. Maraini, Pellegrino in Asia. Opere scelte, a cura e con un saggio introduttivo di F. Marcoaldi, postfazione e bibliografia di F.P. Campione, I Meridiani, Milano, Arnoldo Mondadori editore 2007, p. XIV 4 F. Maraini, Incontro con l Asia, a cura di F. Marenco, Bari, De Donato 1973, p L. Polezzi, Oltre la fine del viaggio: Fosco Maraini, Antologia Vieusseux, n.s. IV (1998), 10, pp

12 12 Società Italiana dei Viaggiatori erede dei grandi dilettanti della storia della letteratura, dei Montaigne, degli Stendhal, dei Savinio, nei quali il sapere implica l essersi liberati dall ossessiva ricerca di una spiegazione univoca del Tutto. 6 E per il suo modo di introdurci con la scrittura e le immagini alla conoscenza delle altre culture è stato definito etnologo poeta ; 7 o ancora come l iniziatore, nella letteratura di viaggio del Novecento, della corrente forse più significativa, quella dei mediatori evanescenti tra culture, come saranno Nicolas Bouvier o Riszard Kapuściński, capaci di vedere dalla prospettiva dell altro la propria civiltà, senza per questo rinnegarla. 8 La curiosità di cui si parlava all inizio, Maraini la esprimerà efficacemente con un termine scherzoso applicato a se stesso, e sempre citato quando si parla di lui, ideato alla fine degli anni Trenta quando cominciava a studiare la popolazione Ainu del nord del Giappone. Si tratta del Citluvit, acronimo di un Cittadino-Luna-Visita-Istruzione-Terra inviato con una borsa di studio per cercare di capire qualcosa del nostro mondo, e che nella sua fatica di osservare, registrare, comprendere, alla fine si innamora della Terra: Che pianeta stupendo, nonostante le sue miserie e i suoi orrori!. 9 Oggi che sempre più impellente si pone l esigenza di ciò che viene chiamato dialogo tra culture, l attualità di Maraini viaggiatore si rivela in tutta la sua forza, come ben esemplifica quanto esprime nel 1956 nella prefazione a Ore giapponesi, su come la reciproca conoscenza sia ogni giorno più necessaria in un mondo sempre più piccolo di spazi, sempre più vasto di popolo. Ma convivere significa conoscersi, e questo implica comprendere il cuore segreto degli altri. 10 E qui sta l aspetto che contraddistingue le opere di Maraini, ossia che ciò 6 F. Marcoaldi, in F. Maraini, Pellegrino in Asia, cit., p. XIII 7 Come appare nel sottotitolo dato da Francesco Paolo Campione a F. Maraini, Gli ultimi pagani. Appunti di viaggio di un etnologo poeta, a cura di F.P. Campione, Como, Red edizioni L. Marfè, Oltre la fine dei viaggi. La scrittura dell altrove nella letteratura contemporanea, Gabinetto Scientifico Letterario G.P. Vieusseux, Centro Romantico. Studi 18, Firenze, Olschki Id., Citluvit ed empresente. Colloquio con Lanfranco Colombo, in Fosco Maraini. Una vita per l Asia, a cura di A. Audisio, catalogo della mostra, Torino 1988, p F. Maraini, Ore giapponesi, Milano, Corbaccio 2000 (1 a ed. Bari, Leonardo Da Vinci, 1957), p. 5

13 bollettino 2012 studi 13 è possibile solo nella consapevolezza del rapporto che l umanità, nelle sue diverse espressioni, ha con l universo e il mistero che lo compenetra. Un mistero che avvolge gli uomini, in una condizione tale da ricondurre a unità profonda, per chi sappia coglierla, la molteplicità di espressioni e di comportamenti che l umanità presenta alle più diverse latitudini. Ma com è possibile la semplicità con cui Maraini ci introduce ai multiformi aspetti degli uomini e della natura? Nelle sue fotografie, anche le spedizioni o le scalate che più richiedono un forte equilibrio morale, o gli incontri che più domandano sforzo di comprensione, ci appaiono infatti con i tratti familiari di passeggiate, o di ritratti di vecchie conoscenze. E la sua scrittura ci accompagna per i sentieri più impervi verso la natura umana nelle sue variatissime manifestazioni ed entro lo spettacolo dell universo come se fossero gli stessi veli del mistero che li avvolgono a sollevarsi gentilmente offrendoci, se non la sua penetrazione, almeno il senso della nostra ricerca come esseri umani. Ho citato all inizio un uomo del primo Ottocento, tra i più attivi partecipanti alle iniziative del Gabinetto Scientifico Letterario di Giovan Pietro Vieusseux, fondato a Firenze nel 1819 per porre in comunicazione Firenze e l Italia con le altre culture. L ho citato non casualmente, perché quel Gabinetto, dove grande era l interesse per i viaggi, è stato scelto da Maraini affinché accogliesse dopo la sua morte il materiale librario e fotografico da lui raccolto e prodotto nel corso di tutta la sua vita, così da porre a disposizione uno strumento di conoscenza per tutti noi. Una visione, questa, che lo collega in qualche misura a quel viaggiare per riportare in patria conoscenza che fu parte essenziale del grande movimento esplorativo del primo Ottocento. Nel raccontare le difficoltà affrontate per la salvaguardia in Giappone del primo importante nucleo della sua biblioteca orientale durante le vicende della guerra, e poi del suo trasporto a Firenze, Maraini ricorda come nella sua biblioteca vi sia un volume acquistato a Darjeeling, nell allora India britannica, nel corso del suo viaggio con Tucci nel 1937 verso il Tibet. Si trattava di The People of Tibet di Charles Bell. Se lo apro - scrive Maraini - vi trovo un timbro del tempo e un segnetto che dice Or. 1. ossia Orientalia 1. Non so come, ma avevo già in mente allora, da ragazzo ventiquattrenne, di poter raccogliere (Dio, salute e fortuna volendo) una biblioteca orientalistica, da lasciarsi poi un giorno in qualche modo alla città di Firenze, che sapevo essere gravemente mancante di strumenti per gli studi e le conoscenze

14 14 Società Italiana dei Viaggiatori del genere. 11 Viaggiare per una comune crescita di conoscenza e di consapevolezza, quindi, è parte delle sue motivazioni. La profonda attrazione che la sua opera esercita è inscindibile da un interrogativo, quello che i suoi scritti e le sue fotografie suscitano in noi circa la natura del suo muoversi per il mondo. Delle imprese odierne nei territori più impervi i suoi tragitti non condividono il senso esasperato della sfida estrema. Né delle imprese di un tempo, come quelle della citata grande stagione esplorativa del primo Ottocento, hanno la tensione, estesa fino al sacrificio di sé, ad accertare le capacità di conoscenza, di adattamento e di resistenza dell uomo occidentale. Hanno piuttosto, con queste ultime imprese, una qualche parentela nella forza interiore necessaria per favorire la crescita comune, quell aspetto che nel primo Ottocento venne a costituire del viaggiatore per conoscenza un vero e proprio modello morale, che attraverso la circolazione dei resoconti dei viaggi permeava di sé buona parte degli orizzonti ideali della società dell epoca. I tragitti di Maraini comportano la consapevolezza antica e saggia che una spedizione attraverso percorsi impervi richiede mature qualità morali: come ci ricorda in Paropàmiso essa infatti non comporta solo disagi e fatiche, ma significa abituarsi all ansietà, all incertezza, alla solitudine. È quindi un atto morale, che richiede a chi lo compie un raggiunto equilibrio interiore. Delle passeggiate invece vi è tutta la viva disponibilità a cogliere ogni particolare dello spettacolo che il percorso dispiega davanti agli occhi e ai sensi. Il singolo volto, la singola roccia, la singola nuvola hanno ciascuno una presenza insostituibile, che viene aggettivata con sentimento partecipe e che nella sua individualità rappresenta sempre qualcosa di nuovo. Ma una passeggiata dove, verso cosa? Niente viene posto davanti ai nostri occhi da Maraini per caso, come ornamento che può esserci e non esserci o per l unico scopo di contribuire all equilibrio formale dell insieme. Qualsiasi particolare, sia oggetto, sia essere vivente, sia gesto umano, ci giunge, nella pagina scritta o nella fotografia, come parte essenziale di un immenso flusso di vicende. Seguire Maraini, divertirci con lui, ci impegna in realtà ad affrontare il mondo - per usare le sue parole sempre in Paropàmiso - come un geroglifico dai sensi innumerevoli», un «mi- 11 F. Maraini, Mèta: un Vieusseux-Asia, in A.Boscaro, M. Bossi (a cura di), Firenze, il Giappone, l Asia Orientale, Gabinetto Scientifico Letterario G. P. Vieusseux, Centro Romantico. Studi 10, Firenze, Olschki 2001, p. XIII

15 bollettino 2012 studi 15 stero in cui ogni generazione legge nuovi messaggi, la cui conoscenza richiede un costante andare con la comprensione oltre i muri di idee che differenziano le diverse civiltà nelle rispettive visioni dell universo, continenti dello spirito progressivamente formatisi e in movimento costante nello sforzo di generazioni e generazioni di uomini di orientarsi e di conoscere. Un impresa non da poco, e se vogliamo profondamente religiosa, quella di vivere quotidianamente come rivelazione perenne le espressioni della realtà da noi percepibile. Una passeggiata filosofica, dunque, quella dei viaggi di Maraini, della quale è parte essenziale, nella via alla comprensione, la partecipazione piena di ogni nostro talento e di ogni nostro senso. Viaggi nella casa comune degli uomini dove si palesa, si è sopra ricordato, l unità dell essere umano in tutta la varietà senza limiti delle sue manifestazioni, come Maraini ha posto in piena evidenza visiva nella grande mostra antologica Il Miramondo, promossa dal Gabinetto Vieusseux nel 1999 a Firenze, e poi esposta a Roma, Palermo, Tokyo. 12 La naturalezza con cui viene prospettato da Maraini come normale, e auspicabile per la condizione umana, confrontarsi in ogni istante con il mistero dell esistente può apparirci più spiegabile se riflettiamo su una difficoltà che viene spesso espressa: quella di definire con una corrente aggettivazione professionale la sua opera di viaggio. Ne occorrono infatti, e ne vengono generalmente usate, molte: opera di etnologo, antropologo, scrittore, fotografo, poeta, Se consideriamo poi come esempio il suo lavoro sulle pescatrici Ama dell isola di Hèkura, nella scrittura e nelle immagini dell incontro con un popolo dalla particolare, autosufficiente armonia con la natura non vi è l atteggiamento del ricercatore distaccato, né tanto meno lo spirito di una letteraria fuga dall Occidente o la sensualità compiaciuta di molti autori fra Otto e Novecento, o ancora l illusoria contemplazione di un edenico stato di natura. Vi è piuttosto, in condivisione gioiosa e spontanea di una serena vitalità, la ricerca con tutto se stesso delle radici arcaiche del colloquio tra l uomo e le forze della natura, della simbiosi tra il visibile e l invisibile che respirano in perenne comunicazione Il Miramondo. Fosco Maraini, sessanta anni di fotografia, mostra e catalogo a cura di F. Maraini e C. Chiarelli (Firenze, Museo Marino Marini, novembre 1999 febbraio 2000), Firenze, Edizioni Polistampa F. Maraini, L isola delle pescatrici, Bari, Leonardo da Vinci 1960

16 16 Società Italiana dei Viaggiatori Per uscire dalla difficoltà definitoria cui si accennava, un termine di significativa ampiezza, e per questo probabilmente il più adeguato per Fosco Maraini, è quello di filosofo, un particolarissimo filosofo che è stato capace di esprimersi con tutti i talenti di cui disponeva. La sua filosofia della vita, o meglio la sua filosofia di apertura alla percezione della vita al di là di ogni dogma o ideologia, rende inesauribile la lettura e rilettura dei suoi scritti e delle sue immagini, perché stimola ognuno di noi a trovare la propria personale via. La semplicità di cui parlavo prima è comunque frutto di un intenso lavorio interiore, come Maraini esprimeva in una lettera a Topazia Alliata, che sposerà nel 1935, nella quale, giovanissimo (siamo nel 1932), le dice quante anime si agitino in lui, e come desideri indirizzare verso una prospettiva di conoscenza quel continuo flusso di contrasti. 14 Quanto studio, quanta sapienza dietro quella leggerezza. È lo studio come amore per la vita, e la divulgazione appassionata come impegno morale. È inevitabile citare al riguardo due concezioni tra loro legate, ben note a chi frequenta le opere di Maraini ma che qui vale la pena di ricordare in quanto rappresentano coordinate fondamentali del suo osservare e raccontare. La prima riguarda il rapporto tra endocosmo ed esocosmo. Una concezione che inizia a mettere a fuoco intorno al dopoguerra e che esprimerà in forma compiuta ne I francobolli endocosmici di Shonantō. L esocosmo è il mondo esterno all uomo, dall universo fisico alle cellule e agli elettroni, che sussisterebbe anche ad umanità conclusa, soppressa, assente o ignota. [ ] In ultima istanza l esocosmo potrebbe anche essere l Assoluto, quindi Dio, o un lembo estremo di qualche sua clamide. 15 L endocosmo è invece lo spazio interiore in cui hanno luogo negli uomini le visioni del mondo, e in Paropàmiso Maraini dirà, al riguardo, che l io conoscendo, crea. Il cosmo, come si proietta e rigenera dentro di noi, vive, cresce, esplode, palpita, decade, rinasce, è in continua evoluzione. Non solo, ma l eso, l eterno mistero dell essere, è uno; gli endo sono tanti e profondamente diversi. [ ] Si è un endocosmo, non si ha un endocosmo In F. Maraini, Pellegrino in Asia, cit., pp. LXXIII-LXXIV 15 Id., I francobolli endocosmici di Shonantō. Breve discorso su somiglianze e differenze, in Id., Gli ultimi pagani, a cura di F.P. Campione, pp Id., Paropàmiso. Storie di popoli, di culture, di montagne e divinità, Torino, Edizioni CDA 2003 (1 ed. Bari, Leonardo da Vinci 1963), p. 48

17 bollettino 2012 studi 17 La seconda concezione riguarda il continuo fluire delle cose. In un dialogo con Lanfranco Colombo Maraini dice che esiste un presente [...] diverso, da tutti quelli teorici e grammaticali. [...] è il presente in cui si respira, si vive, si agisce, il presente immediatamente a ridosso dell invisibile e silenzioso muro del futuro, al di là del quale non ci è dato di vedere. È il presente che emerge di secondo in secondo dall ignoto. 17 In questa frazione temporale che Maraini definisce empresente l endocosmo è in sicuro contatto con l esocosmo. Ogni altro contatto non può consistere che in speranze, aspettative, previsioni, per quanto riguarda il futuro; e in ricordi, memorie, sovvenire, per quanto concerne il passato. 18 È proprio il desiderio di cogliere l empresente che motiva e caratterizza le sue fotografie. Con queste concezioni marainiane in mente possiamo avvicinarci al viaggio che, dice Maraini, impone di allargare l endocosmo, nutrendolo di esocosmo. Le pagine di cui darò qui qualche ampio estratto sono tratte soprattutto da Segreto Tibet, pubblicato nel 1951 e centrato sui viaggi compiuti da Maraini come fotografo a seguito del grande orientalista Giuseppe Tucci in due spedizioni, nel 1937 e nel 1948, e Paropàmiso, racconto, pubblicato nel 1963, della spedizione voluta dal CAI di Roma nell Hindu-Kush e guidata proprio da Maraini, nel 1959, per la conquista del picco Saragrahar, una delle più alte vette himalaiane (7349 m). Sono due opere nelle quali è particolarmente evidente il suo modo di confrontarsi con la natura, con gli uomini, con il mistero dell universo, e dove più emergono il suo pensiero e la sua spiritualità. Come detto a proposito del Citluvit, conoscere vuol dire utilizzare tutti gli strumenti di cui siamo dotati dalla natura, compresi i sensi, ai quali dedico i due brani seguenti, con i quali vorrei iniziare alcuni esempi di letture da Maraini. Da Segreto Tibet l approdo a Bombay, primissima tappa della spedizione Tucci: Con l aria e le esalazioni circolano i profumi, nonché i loro parenti poveri, gli odori; ci sono naturalmente anche i fuorilegge dell olfatto, i puzzi. 17 Id., Citluvit ed empresente, cit., p Id., I francobolli endocosmici di Shonantō, cit, p. 30

18 18 Società Italiana dei Viaggiatori Puzzi aggressivi, a cui non siamo abituati: oppure indefinibili, che turbano il respiro come la musica orientale turba l orecchio. Vorrei dire anzi che una sensibilità desta avverte prima di tutto attraverso il naso la grandezza di metropoli continentale che ha Bombay. [ ] Al Taj [Mahal ], mollemente seduto su una poltrona, socchiudendo gli occhi, puoi aspirare dieci civiltà diverse in mezz ora [...]. Passa una giovane pakistana in calzoni bianchi, ha le scarpe col tacco alto ed un sari; ha le unghie smaltate di rosso ed una borsa (influssi europei), lascia una scia pregna di cattiva colonia, ma sotto sotto senti il sandalo, delle spezie indefinibili, e forse l aglio. Ecco un alto e magrissimo indù, una longitudinale caricatura di Nehru, sembra sia un puro spirito, affinato da millenni di abluzioni e di cibo vegetariano, eppure anche lui lascia la sua scia, il suo recondito garofano. Per un momento nessuno. Poi un europeo del nord; sigaro, sudore ed Atkinsons. 19 Sempre i sensi, ma stavolta nel regno della natura. La spedizione infatti è in marcia lungo la valle del fiume Tista, nel Sikkim, ai piedi dell Himalaya: La foresta è viva; come individui e come collettività; viva nei tronchi impellicciati di muschi e vestiti di felci, nei frutti, nelle farfalle, nei gorgoglii, nei fischi, negli schianti, nel frusciare improvviso ed incomprensibile. La senti, la foresta, che ha una sua personalità, sue voglie, sue cattiverie, suoi odi; una sua fame, sue stanchezze e languori, suoi occhi occulti. Non puoi sfuggirle una volta che la penetri. I tentacoli verdi ti chiudono in un abbraccio angoscioso. Come dire l eccitazione strana che inducono alla lunga quelle carni verdi, quei mostruosi tronchi addobbati di muschi gocciolanti? Ah le carezze delle foglie vaste e lucide sulla pelle della mani! Il contatto delle scorze, l ebbrezza dei profumi e degli odori! Ma, parallelamente, chi può esprimere appieno il senso repulsivo di tanta strisciante, insinuante, formicolante, turgescente vitalità? Chi può esprimere la paura della morte che si cela dappertutto? Non della morte specificamente in quanto pericolo, ma in un senso sottile e onnivadente. In nessun altro luogo vita e morte sono così intimamente unite ed aggrovigliate. [...] ecco l agguato, il male penetrante e 19 Id., Segreto Tibet, Milano, Corbaccio 1998 (1 ed. 1951), p. 26

19 bollettino 2012 studi 19 segreto, l inganno; ecco lo splendore e l orrore insieme. 20 Ed eccoci agli incontri con altre civiltà. La carovana è ancora nel Sikkim, e sosta nella capitale, Gangtok. Sempre da Segreto Tibet: Ieri siamo stati invitati al palazzo per una visita che si è svolta in maniera molto simpatica, senza alcuna formalità. Stasera siamo di nuovo invitati, ma a pranzo. A tavola ci troviamo in ventisei. Il Maharaja, anziano, piccolo, magro, delicato come un uccellino e nobile come un sigillo, splendidamente chiuso nella sua zimarra tibetana di seta bruna, [...] benché d origine tibetana (come lo è del resto l intera classe dirigente del paese) è un rappresentante perfetto dell umanità minuscola e furtiva che popola le valli ai piedi dei colossi imalaiani. Ama le cose belle, le pietre rare, le lacche e le giade, che carezza con le sue dita magre d asceta raffinato, e passa in silenzio da una stanza all altra del palazzo come si muovesse per levitazione. [...] Intorno alle pareti sono appese delle pitture tibetane su stoffa (tangka) con scene della leggenda del Budda [...] Il senso festoso dei tibetani per il colore si riflette non solo nelle pitture, ma negli abiti degli ospiti. [...] Fra tanto splendore, e tanta gioia per gli occhi, noi europei sembriamo dei pinguini. Quando tornerà il gusto dell occidente ad esprimersi nella ricchezza e nel colore dei personaggi ritratti da un Bronzino o da un Holbein? [...] Dinanzi al Maharaja siede la principessa Pemà Chöki, sua seconda figlia [...] La fanciulla ha ventidue anni, il suo nome significa Loto della Fede Gioiosa ed è altrettanto affascinante lei quanto lo è il suo mistico nome. È intelligente, nervosa, altera. I capelli nerissimi, riuniti in una treccia alla tibetana, incorniciano un volto sottile, pallido, dove splendono due occhi, ora intensi e penetranti, ora improvvisamente languidi. [...] Finita la cena passiamo nel salone; mi trovo vicino a Pemà Chöki che parla assai bene l inglese. Conosce l occidente per studi e letture, ma non si è mai allontanata dall Asia; a scuola ha imparato a memoria storie ed antologie [...] però confonde Colbert (Claudette) con Flaubert (Gustave) o Aristotile con Mefistofele. Ma della civiltà tibetana conosce ogni aspetto. Adora le cerimonie buddiste ed ha speciale venerazione per Milarepa ivi, pp ivi, pp

20 20 Società Italiana dei Viaggiatori La carovana oltrepassa il valico di Natu-la e discende in Tibet. Visita al monastero Kar-Gyu, il primo che si incontra lungo la carovaniera per Gyantse: Passando sotto l arco del portale d ingresso [...] ci accoglie un senso confortevole di pace, di cose buone ed antiche. Tanti trapa (monaci ordinari, lama, maestro, è solo chi ha seguito certi studi e superato certi esami) sono apparsi sugli usci della cucina (immenso locale fumoso e fuligginoso, caldaie infernali, trogoli da poemi eroicomici, travi sconfinate e tutte nere che si perdono nel buio); altri si affacciano dalla scala; molti sorridono, i più timidamente; tutti attendono una mia parola od un cenno amichevole. I tibetani sono davvero dei curiosi xenofobi; degli xenofobi astratti e teorici. Chiudono il proprio paese agli stranieri e dettano severissime leggi da Lhasa per tenerli lontani, ma quando uno straniero arriva tra di loro lo accolgono con feste ed entusiasmo. L occidentale rappresenta un mondo d affascinanti misteri. Siamo l esotico inverso. L esotico degli aereoplani, della fotografia, degli orologi, della pennicillina, dei miracoli controllabili e repetibili (un lama vola per levitazione, ma occorrono dieci anni per prepararvisi attraverso prove severissime d ascetismo, e poi forse non ci riesce; in aereo può volare chiunque). [...] L om-tse [guardiano] ci ha lasciati per un momento, forse va ad avvertire della visita il capo del monastero, subito i seminaristi si fanno d intorno; vogliono osservare, e sperano toccare, la macchina fotografica. Riesco appena a muovermi per la ressa; intanto vado respirando a grandi zaffate il foetor tibeticus. Il foetor tibeticus è composto di vari ingredienti; il gran sudicio delle persone e delle vesti costituisce il corpo base, il rancidume del burro lo perfeziona con svolazzi lirici. [...] il burro (insieme alle ossa e al silenzio) è uno degli elementi più caratteristici del Tibet. Sembra impossibile che quelle magre femmine degli yak, pascolando fra i sassi e la sabbia, possano produrre tanto fiume di burro! Pure questo pacifico e nobile grasso ricopre il Tibet; lo si vende nei più remoti villaggi; di burro sono le offerte agli dèi nei templi e nelle cappelle private; il burro si scolpisce con maestria, colorandolo poi con raffinatezze straordinarie; il burro si brucia nelle lampade; col burro si pagano le tasse; di burro le donne si spalmano i capelli, spesso la faccia [ ] Universali come il burro sono le ossa. [...] In nessuna parte del mon-

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi

Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi 1 MAPPA CONCETTUALE TRIBÙ insieme di CLAN insieme di FAMIGLIE GRUPPO organizzato variabile nel TEMPO SPAZIO generato da BISOGNO di

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO L entrata alla scuola dell infanzia rappresenta per il bambino una tappa fondamentale di crescita. La scuola è il luogo dove il bambino prende coscienza della sua abilità

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014

L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014 L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014 Partendo da lontano: appunti di viaggio di Beatrice Vitali Berlino è così: c è sempre qualcuno scalzo c

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO L esercizio richiesto consiste nella scelta di un albero e il suo monitoraggio/racconto al fine di sviluppare l osservazione attenta come mezzo per la conoscenza del materiale vegetale. L esercitazione

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio. Il nostro cesto

Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio. Il nostro cesto Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio Il nostro cesto Lo Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti, nato nel 2004, si trova a Roma-Municipio XII, in Via Laurentina, 748 ed è un servizio

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI RIVA DEL GARDA, 14 NOVEMBRE 2013 IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI Dott.ssa Mara Marchesoni Hospice Amedeo Bettini Medico Da soli o insieme Tutte le persone sono diverse

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Test di Ingresso. Italiano classi prime

Test di Ingresso. Italiano classi prime Test di Ingresso Italiano classi prime 1. Inserisci nella frase il termine corretto: da, dà, da a. Ho fatto una lunga camminata casa al mare b. Non mi mai la mano c. il vestito a tua sorella 2. In quale

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E AL SUO RITORNO, GULLIVER CI HA PREPARATO UNA SORPRESA GULLIVER DAL CARTAPAESE CI HA PORTATO UN SACCO

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo Amare il rischio Amare gli altri Amare l amato Amare la vita Amare il mondo Amare l amato In ognuno di noi è forte il desiderio di amore: la fame e la sete di amicizia, di intimità, di unione e di comunione

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi UN DISEGNO PER DIRE Terza tappa Il percorso Fiori per dire e raccontare prende avvio dal dono di un fiore che ogni bambino della

Dettagli