di Gesuele Bellini - Professore a contratto presso l Università dell Insubria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Gesuele Bellini - Professore a contratto presso l Università dell Insubria"

Transcript

1 IL COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO di Gesuele Bellini - Professore a contratto presso l Università dell Insubria Le assunzioni obbligatorie sono disciplinate dalla L. 12 marzo 1999, n. 68 e successive modificazioni ed integrazioni, e dal relativo regolamento di attuazione D.P.R. 10 ottobre 2000, n. 333, che si sono prefissate l obiettivo di promuovere l inserimento e l integrazione lavorativa di soggetti particolarmente svantaggiati, quali le persone disabili nel mondo del lavoro attraverso servizi di sostegno e di collocamento mirato, offrendo loro una tutela supplementare attraverso l introduzione di veri e propri obblighi di assunzione per i datori di lavoro. Recentemente la legge n. 183/2010 (Collegato al lavoro), entrata in vigore il 24 novembre 2010, nel disporre il differimento dei termini per l esercizio delle deleghe in materia di servizi per l impiego, già previsti dalla legge n. 247/2007, nelle quali si prevedeva, tra l altro, il potenziamento dei servizi per l impiego, ha fatto tornare in auge le problematiche sulla complessa e rilevante materia relativa al collocamento al lavoro, tra cui quello obbligatorio. Si vedrà ora di ricostruire gli aspetti più salienti della normativa sul collocamento obbligatorio, tenendo conto delle modifiche intervenute. Il presente contributo esamina le norme che regolano l istituto, affrontando le problematiche connesse SOGGETTI DESTINATARI Prima dell entrata in vigore della legge n. 68 del 1999, la materia è stata regolamentata per oltre un trentennio dalla legge n. 482 del 1968, una normativa che aveva avuto il merito di rendere più organica la previgente diffusa e frammentaria legislazione, ma in termini di effettività non aveva colto nel concreto e in modo pieno l obiettivo di consentire l integrazione dei soggetti disabili nell organico delle imprese, le quali avevano difficoltà all inserimento dei disabili e vivevano l obbligo come una forte limitazione della loro autonomia. La nuova disciplina ormai operativa da più di dieci anni ha puntato principalmente su due aspetti: innanzitutto la riduzione della percentuale necessitata di assunzione di lavoratori disabili, rendendo così meno oneroso il vincolo quantitativo per i datori di lavoro e, secondariamente, l introduzione di un sistema mirato di collocamento, che permettendo una valutazione adeguata del lavoratore in ragione della sua capacità lavorativa consente una produttiva collocazione dello stesso nell impresa. La legge individua i soggetti destinatari che beneficiano delle tutele del collocamento mirato e dei datori di lavoro su cui grava il relativo obbligo di assunzione. Tra i primi sono annoverati: 1) le persone in età lavorativa che sono affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e i portatori di handicap intellettivo, con riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%, accertata dalle competenti commissioni per il riconoscimento dell invalidità civile presso le ASL; 2) gli invalidi del lavoro con un grado di invalidità superiore al 33%, accertata dall Istituto nazionale per l assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali (INAIL); 3) le persone non vedenti (colpiti da cecità assoluta o aventi un residuo visivo non superiore ad un decimo ad entrambi gli occhi, con eventuale correzione) o sordomute (colpiti da sordità dalla nascita o prima dell apprendimento della lingua parlata), di cui alle LL. 27 maggio 1970, n. 382 e 26 maggio 1970, n. 381, e successive modificazioni; 4) gli invalidi di guerra, invalidi civili di guerra e invalidi per servizio con minorazioni ascritte dalla prima all ottava categoria di cui alle tabelle annesse al testo unico delle norme in materia di pensioni di guerra, approvato con D.P.R. 23 dicembre 1978, n. 915, e successive modificazioni. Per quanto concerne un altra categoria comprendente coloro che si trovano in un particolare status sociale o per motivi di opportunità (orfani o coniugi 42 Consulenza n. 4/2011

2 superstiti di coloro che siano deceduti per causa di lavoro, di guerra o di servizio, ovvero in conseguenza dell aggravarsi dell invalidità riportata per tali cause, nonché coniugi e figli di soggetti riconosciuti grandi invalidi per causa di guerra, di servizio e di lavoro e profughi italiani rimpatriati), i quali la previgente legge n. 482/1968 ricomprendeva in un unica collocazione unitamente agli altri soggetti aventi diritto ad assunzione obbligatoria, il legislatore nell attuale legge in vigore ha operato una collocazione diversa, probabilmente dettata dall esigenza di semplificare il sistema per permettere allo stesso una maggiore efficacia. In fase transitoria è stata attribuita in loro favore una quota di riserva, sul numero di dipendenti dei datori di lavoro pubblici e privati che occupano più di cinquanta dipendenti, pari a un punto percentuale. Particolare e privilegiata tutela ricevono invece le vittime del terrorismo e della criminalità organizzata, i quali, ai sensi dell art. 1, comma 2, della legge n. 407/1998, come sostituito dall art. 2 della legge n. 288/1999, hanno diritto al collocamento obbligatorio indipendentemente dallo stato di disoccupazione, con precedenza e preferenza a parità di titoli rispetto ad ogni altra categoria. Tali soggetti nelle pubbliche amministrazioni possono essere assunti con chiamata diretta nominativa, nel limite del 10% dei posti vacanti per i livelli dal sesto all ottavo, con le modalità illustrate dalla circolare del Dipartimento della Funzione pubblica n. 2/2003. Una particolare attenzione meritano i minorati psichici, i quali come già indicato, risultano anch essi garantiti dalla legge n. 68/1999, previsione questa che conferma le disposizioni provvisorie di cui alla legge n. 104/1992, le quali, all art. 19, nelle more dell entrata in vigore di una nuova disciplina, sancivano il diritto al collocamento obbligatorio anche a tale categoria di soggetti, aventi una capacità lavorativa che ne consente l impiego in mansioni compatibili. Al riguardo, la legge n. 68/1999 utilizza tre diverse formulazioni per indicare questi ultimi: all art. 1, comma 1, lett. a) li definisce persone affette da «minorazioni psichiche o sensoriali»; sempre allo stesso articolo parla di portatori di «handicap intellettivo»; infine all art. 9, comma 4, fa riferimento ai «disabili psichici» precisando che gli stessi possono essere avviati al lavoro attraverso lo strumento di apposite convenzioni stipulate tra uffici competenti e datore di lavoro. Queste diverse formulazioni potrebbero indurre nell errore interpretativo secondo cui solo i disabili psichici possono essere avviati tramite le convenzioni, invece i minorati psichici potrebbero essere avviati anche con modalità ordinarie, errore che dalla lettura sistematica delle norme deve essere evitato poiché se così fosse vi sarebbe una irragionevole disparità di trattamento, mentre pare adeguato accogliere la tesi che il legislatore abbia utilizzato le diverse terminologie in senso atecnico. Procedura avviamento al lavoro Per quanto riguarda la procedura per l avviamento al lavoro, per disabili che intendono avvalersi del collocamento obbligatorio, si prevede l iscrizione degli stessi presso gli uffici competenti, nei quali vengono inseriti in un unico elenco con un unica graduatoria, senza nessuna ripartizione tra le varie categorie (soluzione questa innovativa rispetto la previgente disciplina che ha permesso l eliminazione del contenzioso relativo allo scorrimento delle diverse graduatorie). Ovviamente l elenco e la graduatoria sono pubblici nel rispetto dei principi della privacy riguardo ai dati sanitari. La posizione in graduatoria è determinata in base ai seguenti criteri: 1) anzianità di iscrizione; 2) reddito soggettivo dell interessato; 3) carico familiare; 4) grado di invalidità. Il disabile, dopo l iscrizione, ha la possibilità di aderire alle offerte di lavoro che giungono agli uffici competenti per il collocamento obbligatorio, sia da parte di enti pubblici sia da parte di aziende private. Egli deve manifestare la propria volontà di adesione compilando un apposito modulo di prenotazione, volontà dell interessato che dunque risulta fondamentale affinché l ufficio preposto per l impiego possa procedere all avviamento al lavoro, che non avviene quindi in maniera automatica dopo l iscrizione. I lavoratori disabili assunti, nell ipotesi in cui sono in seguito licenziati per riduzione di personale o per giustificato motivo, hanno diritto a mantenere la posizione in graduatoria acquisita all atto dell inserimento nell azienda. Di ciascuno è redatta una scheda contenente la capacità lavorativa, le competenze, l abilità al lavoro e la natura e il grado della minorazione. L avviamento al lavoro può riguardare varie categorie di lavoratori, quali gli impiegati, gli operai (generici, qualificati e specializzati) gli intermedi ed anche i quadri. DATORI DI LAVORO OBBLIGATI Gli obblighi di assunzione sono rivolti ai datori di lavoro che occupano più di quindici dipendenti, ma in maniera differenziata in base alle dimensioni del- Consulenza n. 4/

3 l organizzazione. Disposizioni speciali sono invece fissate per le pubbliche amministrazioni, in cui le assunzioni delle categorie protette possono essere effettuate sostanzialmente secondo tre modalità: 1) concorso pubblico (le persone con disabilità iscritte nelle liste speciali, hanno diritto alla riserva dei posti nei limiti della complessiva quota d obbligo e fino al 50% dei posti messi a concorso; la quota d obbligo è calcolata sulla scopertura dell organico); 2) chiamata numerica, per le assunzioni che non richiedono il concorso; 3) tramite convenzione ex art. 11 della legge n. 68/1999. Per i soggetti appartenenti alla categoria delle vittime del terrorismo, della criminalità organizzata, del dovere e del lavoro o loro congiunti, l assunzione è prevista con precedenza assoluta rispetto alle altre categorie protette, anche nell ipotesi in cui già svolgano un attività lavorativa e, quindi, in alternativa a quest ultima. Sempre in tema di specialità nelle pubbliche amministrazioni, la procedura di avviamento prevede due distinti regimi giuridici, di cui il primo, comune a tutte le amministrazioni pubbliche, per le assunzioni concernenti i profili professionali fino al quinto livello retributivo, ed il secondo, riferito esclusivamente al personale contrattualizzato del comparto Ministeri, per i livelli retributivi dal sesto all ottavo (attualmente corrispondenti alle posizioni economiche, rispettivamente, Area 2 a F3- F6 Area 3 a F1- F3). La chiamata diretta è ammessa, a seguito di apposita domanda presentata dagli interessati alle stesse amministrazioni pubbliche per i profili professionali sino al quinto livello retributivo. Per assunzioni relative ai profili professionali dal sesto all ottavo livello retributivo (posizioni economiche F3-F6, Area 2 a e F1-F3 Area 3 a ) la chiamata diretta (sempre con riferimento ai soggetti di cui all art. 1, comma 2, della legge n. 407/1998) è ammessa solo nel reclutamento di personale contrattualizzato del comparto Ministeri, nel limite del 10% del numero di vacanze in organico. La quota di riserva per i datori di lavoro pubblici si applica in ragione della loro organizzazione e la compensazione è ammessa limitatamente alle sedi situate nello stesso ambito regionale e si attua in via automatica. Per i datori di lavori privati, invece, il calcolo della quota di riserva può essere ammesso, sulla base di apposita domanda motivata, anche su base ultraterritoriale, nel senso che in una data struttura della stessa impresa posso essere assunti un numero inferiore di disabili a quello fissato nelle quote purché la percentuale prevista sia compensata con un eccedenza di assunzioni in altre unità operative. Ambiti di esonero e sospensione dell obbligo Sono esonerati dagli obblighi di assunzione ai sensi della legge n. 68/1999 i datori di lavoro del trasporto pubblico aereo, marittimo e terrestre (personale viaggiante o navigante), i gestori di impianti a fune (personale operativo), mentre può essere concesso un esonero parziale, a domanda dei datori di lavoro interessati, per determinate attività speciali a condizione che gli stessi versino un contributo giornaliero (contributo esonerativo) per ogni disabile non occupato al Fondo regionale per l occupazione dei disabili. Per determinati settori, invece, la riserva opera solo limitatamente ad alcune attività (per esempio, riguardo i servizi di sicurezza, quali di polizia, della protezione civile e della difesa nazionale, il collocamento dei disabili è ammesso nei soli servizi amministrativi). Per le organizzazioni di tendenza la quota di riserva concerne solo il personale tecnico-esecutivo e svolgente funzioni amministrative. In alcune ipotesi è ammessa la sospensione degli obblighi di assunzione di cui alla legge n. 69/1999; tra i casi più significativi si ricordano quelli relativi ad imprese che hanno avviato le procedura di mobilità, imprese che fruiscono della Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria, nonché di quelle interessate da contratti di solidarietà difensivi. Quota di riserva La percentuale obbligatoria dei disabili iscritti nelle apposite liste a carico dei datori di lavoro (cd. quota di riserva) come anticipato dipende dalle dimensioni dell organizzazione, e può essere sintetizzata con la seguente suddivisione: a) il 7% dei lavoratori occupati, per le imprese che occupano più di cinquanta dipendenti; b) due soggetti disabili, se occupanti da trentasei a cinquanta lavoratori; c) un solo lavoratore, se occupanti da 15 a 36 dipendenti. All art. 18 della legge n. 69/1999, è inoltre prevista una quota, pari all 1% delle assunzioni effettuate dai datori di lavoro con oltre 50 dipendenti, in cui rientrano le persone che sono in un particolare status per motivi sociali o di opportunità (familiari dei grandi invalidi del lavoro, del servizio o di guerra ed i profughi rimpatriati, ecc.). Al riguardo, il Ministero del lavoro aveva affermato che, non solo questi ultimi, ma anche gli altri soggetti normodotati di cui alla legge n. 407/1990 (vittime della criminalità e del dovere) hanno diritto al collocamento obbligatorio esclusivamente nell ambito della specifica quota aggiuntiva dell 1% prevista dal citato art. 18 e non 44 Consulenza n. 4/2011

4 sono computabili ai fini dell assolvimento della quota di riserva prevista a favore dei disabili. Pertanto, secondo l interpretazione del Ministero del lavoro il diritto di precedenza riconosciuto dalla legge n. 407 citata si esercitava all interno di ciascuna quota di riserva separatamente, non attribuendosi quindi la precedenza dei normodotati sui disabili, nell ambito della quota loro riservata. Sennonché l entrata in vigore del D.L. n. 102/2010 (Proroga degli interventi di cooperazione allo sviluppo e a sostegno dei processi di pace, di stabilizzazione e delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia) convertito con modificazioni nella legge n. 126/2010, all art. 5, comma 7, aggiungendo un altro periodo al secondo comma dell art. 1 della legge n. 407/1998, ha operato un interpretazione autentica della norma sancendo che «alle assunzioni di cui al presente comma non si applica la quota di riserva di cui all art. 18, comma 2, della L. 12 marzo 1999, n. 68». In pratica, tale categoria si libera dallo stretto limite dell 1% fissato dall art. 18 citato e, dunque, come conseguenza la stessa andrà ad occupare la quota riservata ai disabili dall art. 3 della legge n. 68/1999. Ciò è stato fortemente contestato dalle associazioni di categoria, in quanto ritenuto lesivo dello spazio applicativo riservato a quest ultimi e grazie anche alla loro pressione è stata presentata in Parlamento una proposta di legge che è all esame delle Camere che intende modificare la legge n. 126 del 2010, specificando che l 1% dei posti di lavoro riservati agli orfani e alle vedove di vittime del terrorismo e della criminalità organizzata, e ai soggetti ad essi equiparati come i superstiti delle vittime sul lavoro, non intacchi la quota del 7% che la legge riserva ai disabili. Tornando al computo dei dipendenti, per le finalità sopra indicate, sono conteggiati anche i lavoratori a tempo determinato con rapporto di lavoro superiore a nove mesi. Per quanto riguarda i lavoratori a tempo parziale fino al 50% dell orario di lavoro, essi si computano per la quota di orario svolto, mentre quelli che svolgono part-time superiore al 50% si conteggiano come coloro a tempo pieno. Sono computati altresì i disabili occupati a domicilio o con telelavoro, gli invalidi con riduzione della capacità lavorativa superiore al 60%, se l inabilità non è dipesa da accertata inosservanza delle norme di sicurezza da parte del datore di lavoro. Sono invece esclusi dal computo dei dipendenti occupati gli stessi disabili assunti per effetto della legge n. 68/1999 in argomento, i dirigenti, i lavoratori a tempo determinato di durata non superiore a nove mesi, i soci di cooperative di produzione e lavoro, i lavoratori assunti con contratto formazione lavoro, con contratto di reinserimento, con contratto di lavoro a domicilio, con contratto di apprendistato, con contratto di lavoro temporaneo, lavoratori che svolgono attività esclusivamente all estero, per la durata di tale attività, nonché i soggetti di cui all art. 18, comma 2, della legge in argomento (vedove ed orfani di soggetti deceduti per cause di guerra, lavoro e servizio, ecc.). Un discorso a parte va fatto per quei lavoratori che sono eventualmente divenuti inabili in conseguenza di infortunio o malattia, i quali sono computati nella quota di riserva solo se hanno subito la riduzione della capacità lavorativa, per cause non imputabili ad inadempimenti del datore in materia di igiene e sicurezza sula lavoro, in misura inferiore al 60%. Al riguardo, va sottolineato che il D.P.R. n. 333/2000, all art. 3, distingue questi ultimi (invalidi civili) da coloro i quali sono divenuti inabili a seguito di infortunio sul lavoro o malattia professionale (invalidi del lavoro), prevedendo che i secondi si computano nella quota di riserva se il loro grado di invalidità è superiore al 33%. Procedura di avviamento La procedura del collocamento obbligatorio può avvenire in due modalità: attraverso la richiesta del datore di lavoro oppure tramite una convenzione stipulata dagli uffici pubblici competenti. Il collocamento a richiesta si attua proprio tramite una richiesta di avviamento agli uffici competenti da effettuarsi entro 60 giorni dal momento in cui sorge l obbligo di assumere le categorie protette. La chiamata del lavoratore può essere nominativa o numerica. Nel primo caso gli uffici competenti avviano al lavoro il disabile in possesso della qualifica richiesta dal datore di lavoro ovvero, in caso di indisponibilità, di un soggetto con qualifica simile, tenendo conto naturalmente dell ordine della graduatoria unica. Il Servizio di collocamento obbligatorio trasmette al datore di lavoro richiedente l elenco completo dei soggetti che si sono prenotati per quella determinata offerta di lavoro. Spetterà al datore di lavoro effettuare la selezione e scegliere il disabile che riterrà più idoneo a svolgere la mansione richiesta. La legge ammette anche la richiesta nominativa nel caso che i datori di lavoro occupano tra i 15 e i 35 dipendenti, nonché per le organizzazioni di tendenza (partiti, sindacati, organizzazioni che senza scopo di lucro operano nel campo della solidarietà sociale, dell assistenza e della riabilitazione) e nel limite del 50 o 60%, a seconda le dimensioni, per gli altri datori. Il datore di lavoro ha comunque l obbligo di comunicare periodicamente agli uffici competenti la situazione dell organico e nel caso risulti non coperto nelle Consulenza n. 4/

5 quote dell obbligo sopra indicate, tale comunicazione viene equiparata dalla legge come richiesta di avviamento pe il numero dei disabili mancanti. Al riguardo, il D.M. 2 novembre 2010, di attuazione della legge n. 133/2008, stabilisce un nuovo modello per il prospetto informativo sul collocamento obbligatorio. Per le aziende con vincolo di assunzione si prevede l obbligo di inviare a mezzo telematico il prospetto informativo con riferimento alla situazione occupazionale entro il 31 gennaio. Tale obbligo non sussiste più nel caso in cui nell anno appena terminato non si siano verificati cambiamenti della situazione occupazionale tali da incidere sulla quota di riserva. Nel caso di chiamata numerica il Servizio di collocamento obbligatorio formula una graduatoria dei soggetti che si sono prenotati (in base ai criteri precedentemente detti) e provvede ad avviare l avente diritto (o gli aventi diritto) al datore di lavoro richiedente. La cosa da far rilevare è che anche nel nuovo sistema l avviamento al lavoro è comunque riconducibile ad un atto di volontà del datore di lavoro, effettivo o presunto. Scelto il lavoratore, quest ultimo ha l onere di presentarsi al datore di lavoro e nel caso non ottemperi per due volte consecutive, senza giustificato motivo, la Direzione provinciale del lavoro, sentiti gli organi competenti, può disporre la cancellazione dalle liste di collocamento per un periodo di sei mesi e la decadenza della relativa indennità di disoccupazione. Vi sono dei casi in cui anche il datore di lavoro può rifiutare l assunzione se il lavoratore avviato non appartiene alla qualifica richiesta e nemmeno ad una simile o se quest ultimo è stato licenziato per ragioni soggettive. L altra modalità di avviamento, che rappresenta l espressione più diretta del collocamento mirato, è tramite convenzione e consiste nella stipulazione di una apposita convezione tra il datore di lavoro e l ufficio competente, avente oggetto la determinazione di un programma per l attuazione degli scopi della legge. Nella convenzione vengono fissati i termini e le modalità delle assunzioni che il datore di lavoro si impegna a seguire. Tra le modalità può essere concordata anche la facoltà per il datore della scelta nominativa del disabile ed altre condizioni consentite dalla legge, tra cui lo svolgimento di tirocini o la maggior durata del periodo di prova, ecc. Si distinguono due tipologie di convenzione: 1) la convenzione di programma, che viene utilizzata dai datori di lavoro (pubblici e privati) appunto per programmare nel tempo le assunzioni obbligatorie (sono individuate le figure professionali da assumere, i tempi di copertura della quota d obbligo, periodi di prova eventualmente più ampi rispetto a quelli previsti dai contratti di lavoro, percorsi formativi mirati e stage aziendali); 2) la convenzione di integrazione lavorativa (convenzione individuale), che viene stipulata tra il Servizio provinciale per l impiego e il datore di lavoro (pubblico o privato) con la finalità di favorire l inserimento lavorativo dei soggetti disabili che presentano particolari difficoltà, individuandosi percorsi personalizzati in relazione alle necessità individuali di soggetti ben determinati. ORGANI PREPOSTI Oltre ai lavoratori e ai datori di lavoro nel procedimenti del collocamento obbligatorio dei disabili sono coinvolti anche altri soggetti, che sono i medesimi soggetti pubblici, a livello regionale, cui è demandato il collocamento ordinario. Vi è la Commissione tripartita regionale, composta da rappresentanti della Regione e da rappresentanti delle parti sociali (sindacati dei lavoratori e dei datori di lavoro), con il compito di elaborare politiche per l occupazione, politiche e indicazioni dei servizi all impiego provinciali per quanto concerne la legge n. 68/1999, e l emanazione di direttive in materia di stipula delle convenzioni (art. 11 della legge). A livello provinciale opera la Commissione tripartita provinciale, composta da rappresentanti della Provincia e delle parti sociali di competenza locale (inclusi i rappresentati di associazioni dei disabili); realizza le iniziative volte all inserimento dei disabili sulla base delle direttive regionali, compresa l approvazione dello schema di convenzione-quadro (art. 11) e l approvazione dei criteri per la formazione della graduatoria provinciale. Importanti strutture a livello provinciale sono i Centri provinciali per l impiego, che sono organismi individuati dalle Regioni ai sensi dell art. 4, D.Lgs. 23 dicembre 1997, n. 469, che la legge definisce in più occasioni «uffici competenti». Tra le funzioni esercitate, oltre la tenuta delle liste, si occupano dell avviamento al lavoro, dell attuazione del collocamento mirato, della stipula delle convenzioni, del rilascio delle autorizzazioni, delle compensazioni e degli esoneri, nonché del coordinamento con i servizi sociosanitari, educativi formativi. I Centri provinciali per l impiego sono coadiuvati, oltre che dai servizi socio-sanitari, educativi e formativi del territorio, anche da un organo tecnico, il Comitato tecnico, incardinato nell Organismo collegiale di concertazione provinciale, previsto dall art. 6, comma 3, D.Lgs. 23 dicembre 1997, n. 469, con fun- 46 Consulenza n. 4/2011

6 zione di controllo e valutativa delle capacità residue lavorative del disabile ai fini del suo inserimento nell attività produttiva. Infine vi sono le Direzioni provinciale del lavoro (unico organismo rimasto di competenza statale, dipendente direttamente dal Ministero del Lavoro), con compiti ispettivi, di gestione del contenzioso per comminare sanzioni, e di esame dei ricorsi. Questo sistema fruisce anche di uno stanziamento economico tramite le Regioni con l istituzione di un Fondo regionale per l occupazione dei disabili cui destinare finanziamenti per la realizzazione di programmi regionali volti all inserimento lavorativo dei disabili e dei relativi servizi, le cui modalità di funzionamento e gli organi amministrativi del Fondo sono determinati con legge regionale. Il Fondo regionale eroga una serie di contributi agli enti che svolgono attività rivolta al sostegno e all integrazione lavorativa delle persone disabili, per gli interventi per la trasformazione del posto di lavoro e l apprestamento di tecnologie di telelavoro o per la rimozione delle barriere architettoniche e per ogni altra provvidenza in attuazione della legge n. 68/1999. Il Fondo è finanziato dagli importi derivanti dalle sanzioni amministrative previste dalla legge n. 68/1999, dai contributi esonerativi, nonché dai contributi di fondazioni, enti di natura privata e soggetti comunque interessati. STRUTTURA E GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Il rapporto di lavoro dei disabili avviati al lavoro deve essere a tempo pieno e indeterminato, tranne che nei casi di espresso consenso del lavoratore che accetta di svolgere un lavoro a tempo determinato o part-time. Al lavoratore disabile si applica lo stesso trattamento previsto dalla contrattazione collettiva e dalla legge per gli altri lavoratori dell impresa. Disposizioni speciali sono rivolte alla tutela dello suo stato di salute in base alle sue minorazioni, con conseguente limitazione al potere di recesso da parte del datore di lavoro. Sotto quest ultimo profilo, eccetto le limitazioni che riguardano il suo stato di salute, il lavoratore disabile può essere licenziato al pari degli altri lavoratori. Invero, la giurisprudenza ha in più occasioni ribadito che l assunzione obbligatoria non comporta quanto ai modi di estinzione una posizione di privilegio, pertanto il rapporto di lavoro una volta costituito, riguardo la cessazione, soggiace alle medesime norme che disciplinano gli identici rapporti con gli altri lavoratori non invalidi. Anche in caso di licenziamenti collettivi, il datore di lavoro è tenuto al mantenimento della quota d obbligo, pena la nullità dei licenziamenti stessi. Il datore di lavoro non può adibire il disabile allo svolgimento di mansioni non compatibili con le sue minorazioni e, nel caso di aggravamento delle condizioni di salute o per effetto della riorganizzazione del lavoro, il disabile può chiedere che sia verificata la compatibilità del suo stato invalidante con le mansioni a lui affidate, mentre il datore di lavoro può rivolgersi alle competenti strutture sanitarie per verificare se il disabile, a causa delle sue minorazioni, possa essere ancora occupato in azienda. Nel caso queste ultime riscontrino l incompatibilità del disabile con la prosecuzione dell attività lavorativa (o per l aggravamento delle sue condizioni di salute oppure a causa della nuova organizzazione del lavoro), egli ha diritto alla sospensione non retribuita del rapporto di lavoro finché tale incompatibilità persista. Durante tale periodo il disabile può essere impiegato nello svolgimento di un tirocinio formativo. SANZIONI Per eventuali inadempimenti degli obblighi previsti dalla normativa sul collocamento obbligatorio sono previste apposite sanzioni, contenute nell art. 15 della legge n. 69/1999 e aggiornate con D.M. 12 dicembre Vi è da precisare che il sistema sanzionatorio opera una netta distinzione tra le imprese private e gli Enti pubblici economici e le Pubbliche amministrazioni. Invero, in caso di violazione da parte della Pubblica amministrazione degli obblighi di assunzione dei disabili, la disciplina non prevede delle sanzioni di tipo pecuniario, a differenza di quanto avviene per i datori di lavoro privati. La norma (comma 3 dell art. 15 della legge in argomento) per i responsabili delle pubbliche amministrazioni inadempienti, individuati ai sensi della L. 7 agosto 1990, n. 241, stabilisce che si applicano le sanzioni penali, amministrative e disciplinari previste dalle norme sul pubblico impiego. Una sanzione riguarda gli inadempimenti per le comunicazioni: si prevede che nel caso di ritardo di invio del prospetto informativo oltre il termine del 31 gennaio si applichi la sanzione prevista dall art. 15, comma 1, della legge n. 68/1999, pari a 578,43 euro da maggiorarsi di 28,02 euro per ogni giornata di ritardo. Infine, in caso di mancata assunzione del lavoratore disabile si prevede che trascorsi 60 giorni dalla data in cui insorge l obbligo di assumere soggetti interessati, per ogni giorno lavorativo durante il quale risulti non coperta, per cause imputabili al datore di lavoro, la quota dell obbligo, il datore di lavoro stesso è tenuto al versamento, a titolo di sanzione amministrativa, al Fondo di cui all art. 14, di una somma pari a 57,17 euro al giorno per ciascun lavoratore disabile che non risulta occupato nella medesima giornata. Consulenza n. 4/

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Legge 12 marzo 1999, n. 68. "Norme per il diritto al lavoro dei disabili"

Legge 12 marzo 1999, n. 68. Norme per il diritto al lavoro dei disabili Legge 12 marzo 1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 68 del 23 marzo 1999 - Supplemento Ordinario n. 57 Capo I DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate

computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate MERCATO DEL LAVORO: ADEMPIMENTI E INCENTIVI ALL occupazione 9 computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate a cura di Alberto Bosco e Cristian Valsiglio IN COLLABORAZIONE CON LA RIFORMA DEL LAVORO

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

Legge 12 marzo 1999, n. 68

Legge 12 marzo 1999, n. 68 Legge 12 marzo 1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili" (Pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 57/L alla Gazzetta Ufficiale 23 marzo 1999) con le modifiche apportate dalla Legge 28 giugno

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche.

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. PREMESSA L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. delle amministrazioni Una cospicua parte è dedicata al concorso, che costituisce la principale procedura con la

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Guida pratica ai Servizi per l Impiego

Guida pratica ai Servizi per l Impiego Provincia di Padova Provincia di Padova Settore Lavoro e Formazione M INISTERO DEL E DELLE POLITICHE L AV O R O S OCIALI INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO ai Servizi per l Impiego Iniziativa cofinanziata

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena AREA PERSONALE E LAVORO Servizi all Impiego Telefono +39 0425 386430 Telefax +39 0425 386410 servizio.lavoro@provincia.rovigo.it Via L. Ricchieri (detto Celio), 10 45100 Rovigo ISO 9001:2008 Cert. n. 9159.PRDR

Dettagli

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P.

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio Scolastico Provinciale di Roma Via Luigi Pianciani, 32 00185 Roma sito: http:/www.lazio.istruzione.it/csa/csa_roma.shtml

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Il Lavoro a Tempo Parziale nella Pubblica Amministrazione

Il Lavoro a Tempo Parziale nella Pubblica Amministrazione Il Lavoro a Tempo Parziale nella Pubblica Amministrazione L esposizione sotto forma di domande e risposte è un modo semplice e rapido di far conoscere le opportunità dei diversi istituti evidenziando regole

Dettagli

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 Le novità del rinnovo CCNL industria Ieri Ieri L art. 78 del CCNL industria siglato il 18/06/2008 già prevedeva i limiti

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli