direzione-redazione: Parma - Via Rondani, 7 Tel. 0521/ Fax 0521/ direttore responsabile geom.g.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "direzione-redazione: 43100 Parma - Via Rondani, 7 Tel. 0521/289222 - Fax 0521/281140 direttore responsabile geom.g."

Transcript

1 Periodico NOTIZIARIO Anno XIII n. 01 mensile del Collegio dei Geometri della provincia di Parma 26 gennaio 2006 Spedizione in A.P. D.L. 353/2003 convertito in Legge 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 2 DCB Parma Registrato Tribunale di Parma al n. 20/1992 direzione-redazione: Parma - Via Rondani, 7 Tel. 0521/ Fax 0521/ direttore responsabile geom.g. Boselli Stampato in proprio. Inviato gratuitamente agli Iscritti all Albo ed al Registro dei Praticanti ai quali è riservato SOMMARIO 01 GEO.VAL CORSO PROFESSIONALE IN ESTIMO IMMOBILIARE 02 QUOTA ALBO COMUNE DI PARMA. VARIANTE POC 04 INDICE ISTAT NOVEMBRE LEGGE FINANZIARIA DECRETO MILLE PROROGHE 07 DOCFA CIRCOLARE 1/ DURC 09 COMMISSIONE AMMINISTRATORI IMMOBILIARI 10 COMMISSIONE SISMICA Gli articoli esprimono il pensiero dei loro Autori, i quali conservano ogni responsabilità anche in ordine a ragioni di priorità o di proprietà intellettuale e le opinioni non impegnano la Direzione ne il Collegio. Gli elaborati anche se non pubblicati non vengono restituiti. E' consentita la riproduzione parziale o totale di articoli e di notizie, purchè venga citata la fonte. Tel. 0521/ e Fax 0521/281140

2 01 Geo.Val CORSO PROFESSIONALE IN ESTIMO IMMOBILIARE In riferimento al Punto 111 del Notiziario n. 14 del 15 dicembre 2005 dove si segnalava il Corso professionale in estimo Immobiliare organizzato dall Associazione GEOVAL (Geometri Valutatori Esperti) con l obiettivo di favorire l aggiornamento professionale e la specializzazione della Categoria ci pare necessario far conoscere a tutti.. CHI E GEO.VAL ESPERTI? La Categoria dei Geometri liberi professionisti tradizionalmente esercita la propria attività professionale nel settore delle stime immobiliari, dove le competenze sono valorizzate dall approfondita conoscenza degli immobili, del mercato immobiliare, della pianificazione urbana, del sistema catastale e della metodologia estimativa. Gli utilizzatori dei servizi di valutazione, le autorità e il pubblico in generale esigono maggiore qualità e professionalità nella valutazione immobiliare. L Europa propone una regolamentazione che tende all armonizzazione delle procedure estimative e a riconoscere ed abilitare i valutatori professionisti, che intendono operare nei Paesi dell Unione. Considerando che si tratta di un settore in evoluzione, si è ritenuto di valorizzare al massimo il patrimonio di capacità e di esperienza dei Geometri nel campo estimativo, promuovendo la costituzione di una libera associazione dei professionisti iscritti nell Albo professionale. Questi professionisti sono mossi dall esigenza di adeguare ed integrare le tradizionali competenze ed ottenere una qualificazione di livello europeo nel settore delle valutazioni. L Associazione Geometri Valutatori Esperti (GeoVal) è stata costituita allo scopo di condurre studi e ricerche sugli argomenti concernenti la valutazione immobiliare, pubblicizzando le metodologie di stima e le procedure professionali che impegnano i propri associati. Si è dotata di uno statuto, di un codice deontologico e di un profilo tecnicoorganizzativo ed intende riunire i Geometri che hanno scelto di svolgere con continuità la loro attività nell ambito delle valutazioni immobiliari. L'associazione è stata costituita il 13 dicembre 2000 e nel maggio 2001 è entrata a fare parte, in qualità di "full member", del TEGoVA (Gruppo Europeo delle Associazioni dei Valutatori). E` anche membro del Comitato Tecnico Scientifico di Tecnoborsa. Il progetto del Corso professionale prende atto da un lato dell oggettiva situazione del settore immobiliare italiano e dall altro degli avanzamenti della metodologia di stima raggiunti all estero, proponendo temi teorici e applicativi allineati ai progressi compiuti nel campo delle stime immobiliari e agli standard estimativi internazionali. L obiettivo è quindi il raggiungimento di uno standard apprezzabile di qualità del servizio e di qualità del processo, che l Associazione intende perseguire per sviluppare la professionalità degli associati, consentendo loro un riconosciuto ruolo centrale nel funzionamento efficiente del mercato immobiliare, in prospettiva degli accordi di Basilea 2 e delle future norme contabili internazionali IAS/IFRS. Il Corso professionale in Estimo Immobiliare di primo livello, oltre all aggiornamento professionale nella metodologia di stima immobiliare (appraising), è propedeutico a quello di secondo livello, in corso di progettazione, con il quale ci si prefigge il perfezionamento nell attività di consulenza immobiliare (counseling) e attività tutoriali. Chi è il geometra valutatore esperto? Il geometra Valutatore esperto è un Geometra libero professionista che: 1. Ha scelto di svolgere con continuità l attività nell ambito delle valutazioni immobiliari, rappresentando un settore rilevante della propria professione. 2. Possiede un approfondita conoscenza del mercato immobiliare e una solida preparazione nelle moderne metodologie di valutazione degli immobili. 3. Aderisce a GeoVal e opera come perito indipendente in qualità di valutatore esterno ed interno, applicando gli standard valutativi internazionali e un codice di condotta riconosciuto 4. Si è qualificato con il primo livello del Corso professionale e si aggiorna costantemente.

3 5. È in grado di fornire un prodotto professionale secondo uno standard apprezzabile di qualità del servizio e di qualità del processo, revisionabile secondo gli standard internazionali e che potrà conseguire la certificazione secondo le norme EN45013 e di qualità assicurabile. 6. La figura del Geometra valutatore esperto equivale a figure professionali del settore valutativo dei paesi di più antica tradizione estimativa e dei mercati immobiliari più evoluti Perchè un Corso Professionale? Per tanti motivi: 1. perché il Corso applica per la prima volta in Italia gli standard valutativi internazionali (International Valuation Standards, IVS); 2. perché introduce nella metodologia estimativa italiana il concetto oggettivo di segmento di mercato, il principio del più conveniente e miglior uso degli immobili, i procedimenti di stima secondo gli IVS, il market comparison approach applicato alla realtà immobiliare italiana, i nomenclatori per la stima delle caratteristiche immobiliari qualitative e molte altre nozioni; 3. perché è unico, in quanto non ne esistono altri analoghi svolti per i professionisti (né per gli studenti); 4. perché non è solo un Corso di base che si avvale della cultura estimativa e delle competenze professionali esistenti; 5. perché non è solo un Corso di aggiornamento che fornisce informazioni accresciute e migliorate, ma ricostruisce da principio il quadro metodologico e riordina le nozioni di Estimo; 6. perché non è un Corso di perfezionamento che propone soltanto gli avanzamenti della disciplina estimativa; 7. perché non è un Corso di specializzazione in quanto questa nuova realtà valutativa è ancora da introdurre e consolidare, e il Corso getta le basi per i futuri approfondimenti. Per questi motivi il Corso professionale in Estimo Immobiliare mira a colmare il gap esistente tra le valutazioni italiane e le valutazioni condotte secondo gli standard internazionali nel resto del mondo. Prova ne sia che molti criteri e procedimenti di stima mantengono una denominazione in lingua inglese, in attesa di essere conosciuti e diffusi per essere poi tradotti nella nostra lingua. Il Corso indica ai professionisti la strada maestra per essere competitivi nel settore delle valutazioni immobiliari. Il Corso Professionale Il Corso professionale di primo livello, propedeutico al secondo, riguarda l'aggiornamento professionale in campo estimativo (appraising); il secondo livello riguarderà il perfezionamento professionale nel settore delle consulenze (consuling). Sia il primo livello del Corso professionale che il secondo livello sono organizzati per i Geometri professionisti che non possono assentarsi per lunghi periodi dalla loro ordinaria attività di lavoro. A chi è rivolto? Il Corso professionale di perfezionamento è rivolto a Geometri professionisti attivi nel mondo delle stime immobiliari. Sono ammessi, in un numero limitato, i diplomati e/o i laureati non geometri che hanno maturato una significativa esperienza estimativa. I Diplomi L'aggiornamento professionale è acquisito con l'attestato consegnato al termine del primo livello del Corso professionale. Il diploma di qualificazione professionale è acquisito con il superamento dell'esame previsto al termine del corso. Il perfezionamento negli studi estimativi sarà attestato dal diploma di secondo livello, consegnato al termine del secondo livello del Corso professionale. Il diploma di secondo livello consente lo svolgimento di attività tutorial nel primo livello Il possesso del diploma di primo livello è propedeutico (e obbligatorio) per conseguire il diploma di secondo livello. Il conseguimento dei diplomi, che certificano la preparazione richiesta dal mercato del lavoro, è subordinato alla regolare frequenza e al superamento degli esami.

4 Gli sbocchi professionali La specializzazione acquisita durante il percorso di aula ed il successivo consolidamento delle competenze, attraverso l'uso del software, conferiscono al Diplomato un profilo di grande flessibilità professionale che facilita l'inserimento nei seguenti settori valutativi: stime immobiliari secondo gli standard internazionali; stime immobiliari richieste per l'erogazione di mutui; stime richieste dall'autorità giudiziaria nelle controversie; stime immobiliari per l indennità assicurativa per danni; stime immobiliari per indennità di espropriazione, per usufrutto, per successioni e divisioni, stime catastali, stime condominiali. Perchè frequentare il Corso Professionale? La qualità, la formazione e la prestazione garantita sono temi sui quali le categorie professionali dovranno confrontarsi per affrontare il mercato europeo che, secondo le direttive del Consiglio Europeo di Lisbona, entro il 2010 aspira a divenire il più competitivo del mondo. In ambito europeo si mira a raggiungere l obiettivo di definire e qualificare la figura del valutatore professionista, al quale è riconosciuto un ruolo centrale nel funzionamento efficiente del mercato immobiliare. Gli accordi di Basilea 2 e le norme contabili internazionali (IAS/IFRS) sono due esempi concreti delle crescenti attese di qualità, efficienza e trasparenza dei servizi immobiliari. Queste disposizioni considerano indispensabili valutazioni immobiliari veridiche e accurate ed impongono quindi un innalzamento degli standard operativi. Con la qualifica conseguita superando l esame di primo livello del Corso professionale in estimo immobiliare si entra a far parte di un network di professionisti, che svolgono attività di valutazione secondo gli standard internazionali e secondo i criteri richiesti dagli investitori istituzionali (banche in primis) in ottemperanza agli accordi europei. Per l iscrizione all associazione GeoVal, la sola partecipazione al primo livello consente di soddisfare i requisiti richiesti, così come previsto dallo statuto; per gli iscritti che non intendono sostenere l esame finale del primo livello del Corso Professionale è previsto un attestato di partecipazione, allo scopo di confermare i requisiti di iscrizione Per informazioni consultare il sito o rivolgersi alla Segreteria del Collegio. A SEGUITO DELLE ADESIONI GIÀ PERVENUTE, UN PRIMO CORSO INIZIERÀ PRIMO CORSO: SEDE DEL CORSO: QUOTA DI PARTECIPAZIONE SCHEDA DI ISCRIZIONE LIMITE MASSIMO PARTECIPANTI MARZO P.V. DALLE ORE ALLE ORE DALLE ORE ALLE ORE PRESSO LA SEDE DEL COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI PARMA VIA RONDANI, PARMA - EURO 1400 PER GLI ISCRITTI ALL ALBO COMPRENSIVA DELLA QUOTA DI ISCRIZIONE ALL ASSOCIAZIONE GEO.VAL - EURO 1200 PER GLI ISCRITTI ALLA GEOVAL - EURO 1800 PER ALTRI V. ISCRIZIONI 20 (VENTI) QUALORA ALTRE ADESIONI DOVESSERO PERVENIRE SI VEDRÀ DI ORGANIZZARE UN SECONDO CORSO.

5 02 QUOTA ALBO 2006 RISCOSSIONE TRAMITE MAV COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI PARMA Tel (0521) Fax Via Rondani PARMA COD. FISC Parma, 11 gennaio 2006 Prot. n CIRCOLARE N. 1 - AGLI ISCRITTI ALL ALBO - AI PRATICANTI LORO SEDI QUOTA ALBO 2006 Il Consiglio direttivo nella riunione del 12 dicembre 2005 ha fissato in Euro 330,00 la quota Albo per l anno 2006 ed ha deliberato di riscuoterla con l emissione dei MAV per il tramite della Banca Popolare di Sondrio filiale Piacenza che provvederà a trasmetterli a tutti gli Iscritti. Per i Praticanti la quota annua sarà di Euro 160,00. La scadenza fissata per il pagamento sarà 28 FEBBRAIO SI INVITANO GLI ISCRITTI A RISPETTARE LA SCADENZA FISSATA IN QUANTO SE LA QUOTA VIENE INSERITA NEI RUOLI ESATTORIALI LA STESSA SARÀ MAGGIORATA DEL 20% E GRAVATA DI AGGI ESATTORIALI. Cordiali saluti. IL PRESIDENTE F. to Fausto Amadasi

6 03 COMUNE DI PARMA. VARIANTE POC Con atto n. 224 del 21/11/2005 immediatamente esecutivo avente per oggetto: Variante al POC riguardante due stazioni ecologiche (Via Bonomi, Via Toscana) L.R. 24/03/2000, n. 20 e s.m., art. 34 Approvazione I:E:, il Consiglio comunale di Parma ha chiesto la pubblicazione sul BURER del 21/12/2005. Variante al POC riguardante la reiterazione di un vincolo espropriativi ai sensi dell art. 12, 5 comma della L.R. n. 37/2002 e s.m. ed approvazione del progetto preliminare ai sensi degli articoli 14 e 16 della Legge 109/94 e s.m. per la realizzazione di un edificio pubblico in ambito B del planivolumetrico dell area di intervento definita Direzionale Uffici Comunali Adozione I.E. Atto del C.C. n. 247 del 12/12/2005 Risezionamento Strada Traversante Ravadese Approvazione del progetto preliminare ai sensi degli artt. 14 e 16 della L. 109/94 e s.m., nonché contestuale adozione di variante urbanistica al POC ai sensi dell art comma della L.R. n. 37/02 e s.m. I.E. Atto del C.C. n. 249 del 12/12/2005 Collegamento via Mantova-via da Erba Edoari, rotatoria via Mantova-via Toscana e parcheggio pubblico Approvazione del progetto preliminare ai sensi degli artt. 14 e 16 della L. 109/94 e s.m., nonché contestuale adozione di variante urbanistica al POC ai sensi dell art comma della L.R. n. 37/02 e s.m. I.E. Atto del C.C. n. 250 del 12/12/2005 Realizzazione di parcheggio adiacente al ponte De Gasperi approvazione del progetto preliminare ai sensi della L. 109/94 e s.m. e integrazioni, nonché contestuale adozione di variante urbanistica al POC ai sensi dell art. 34 della L.R. n. 20/2000 e s.m. I.E. Atto del C.C. n. 258 del 19/12/2005 Chiesta pubblicazione sul BURER del 18 gennaio 2006 per le sottoindicate varianti: Variante al POC riguardante sei aree (zona Via Spezia, zona a Porporano, zona Via Farnese, zona Via Londra a Carignano, zona Strada Paradigna) L.R e s.m., art. 34 Controdeduzione alle osservazioni e approvazione I.E. (Variante n. 50) di cui all atto di C.C. n. 244 del 12/12/2005. Approvazione di variante al POC per l attuazione dell area di trasformazione soggetta a scheda norma C8 Strada Traversante di Paradigna Comparto C8.1 e contestuale approvazione di Piano Urbanistico attuativo con attribuzione del valore di permesso di costruire per le opere di urbanizzazione e per gli interventi edilizi. L.R, , n. 20 e s.m. artt. 31 comma I.E. (Variante n. 51) di cui all atto di C.C. n. 255 del ) LA SCHEDA NORMA C8 STRADA TRAVERSANTE DI PARADIGNA E STATA TRASMESSA DAL COMUNE ALLA SEGRETERIA DEL COLLEGIO VIA . Copia della stessa potrà essere chiesta in via telematica. 04 INDICI ISTAT (G. U. n. 294 del 19 dicembre 2005) L indice dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai ed impiegati. NOVEMBRE 2005 BASE ,25 Art. 24 1,8 x 75% = 1,35 Art. 32 3,5 x 75% = 2,625

7 05 LEGGE FINANZIARIA 2006 (Gazzetta Ufficiale S.O. n. 302 del 29/12/2005) Con la Legge Finanziaria per il 2006 (Legge 23 dicembre 2006, n. 266 e con la Legge di conversione n. 248 del D.L. 203/2005 sono state introdotte alcune innovazioni normative: VARIANO LE TASSAZIONI PER I RECUPERI EDILIZI Dal 01 gennaio 2006 l Iva sui lavori di manutenzione passa dal 10 al 20% mentre sui lavori di restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione resta al 10%. L aliquota di detrazione dall IRPEF delle spese sostenute passa dal 36% al 41%. IMPOSTA DI REGISTRO SUL VALORE CATASTALE NEGLI ATTI FRA PRIVATI Le imposte di registro, ipotecaria e catastale, nelle compravendite di abitazioni fra privati, saranno calcolate su richiesta della parte acquirente resa al notaio sulla base del valore catastale rivalutato con i precedenti coefficienti indipendentemente dal valore dichiarato a rogito (comma 497 della Finanziaria). Di conseguenza la parcella notarile verrà ridotta del 20%. NUOVO TRATTAMENTO DELLE PLUSVALENZE Nel caso di plusvalenze ottenute per la rivendita di fabbricati da parte di persone fisiche prima del quinquennio o per la vendita di aree edificabili verrà applicata una imposta sostitutiva del 12,5%. RIAPERTO IL TERMINE PER LA RIVALUTAZIONE DI TERRENI EDIFICABILI E QUOTE La Legge 248/2005 di approvazione del collegato alla finanziaria (pubblicata sul s.o. alla Gazzetta Ufficiale n. 281 del 02/12/2005) ha riaperto al 30/06/2006 il termine per l asseverazione della perizia relativa a terreni posseduti al 01/01/2005 non in regime d impresa da parte di privati, società semplici, associazioni professionali ed enti non commerciali e per il versamento della relativa imposta sostitutiva. Si resta in attesa di conoscere i nuovi codici tributo in quanto non potranno essere utilizzati i precedenti. INCIDENZA DELLA FINANZIARIA IN AGRICOLTURA Ai commi la finanziaria si occupa di agricoltura ed in particolare si segnala: - la proroga al 31/12/2006 della detrazioni del 41% delle spese effettuate per la tutela dei boschi, - la proroga per il periodo d imposta 2005 dell aliquota ridotta ai fini IRAP, - la proroga al 31/12/2006 per i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali delle agevolazioni per l applicazione delle tasse ipotecarie e di registro in misura fissa e catastale al 1% in caso di acquisto di terreni agricoli. 06 DECRETO MILLE PROROGHE D.L. n. 273 del 30 dicembre 2005 (G.U. n. 273 del 30 dicembre 2005) E stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 303 del 30 dicembre 2005, il Decreto Legge milleproroghe, n.. 273/2005 Definizione e proroga dei termini, nonché conseguenti disposizioni urgenti. Segnaliamo alcuni importanti articoli di interesse professionale: Art. 5. Adeguamento alle prescrizioni antincendio per le strutture ricettive: 1. Il termine per il completamento degli investimenti per gli adempimenti relativi alla messa a norma delle strutture ricettive, previsto dall articolo 14 del decreto legge 9 novembre 2004, n. 266, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 306, è ulteriormente prorogato al 30 giugno 2006 per le imprese che abbiano presentato la richiesta di nulla osta ai vigili del fuoco entro il 30 novembre 2004.

8 Art. 10. Garanzie di sicurezza nel trattamento dei dati personali 1. Al codice in materia di protezione dei dati personali, di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modifiche: a) all articolo 180: 1) al comma 1 le parole: 31 dicembre 2005 sono sostituite dalle seguenti: 31marzo 2006; 2) al comma 3 le parole: 31 marzo 2006 sono sostituite dalle seguenti sono sostituite dalle seguenti: 30 giugno 2006; b) all articolo 181, comma 1, lettera a), le parole: 31 dicembre 2005 sono sostituite dalle seguenti: 28 febbraio N.d.R.: Prorogato al prossimo 31 marzo 2006 il termine per l'adozione delle misure minime di sicurezza previste dal "Codice della privacy"; tra esse, ricordiamo, ove prevista, la redazione del Documento programmatico sulla sicurezza previsto dall'articolo 34, comma 1. Prorogati inoltre anche i termini per l'adeguamento degli strumenti elettronici (30 giugno 2006) e per l'adozione dei regolamenti da parte di soggetti pubblici per il trattamento di dati sensibili e giudiziari (28 febbraio 2006). Art. 11. Procedure di integrazione della documentazione in materia edilizia 1. L integrazione documentale prevista nell allegato 1, ultimo periodo, del decreto legge 30 settembre 2003,n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge24 novembre 2003,n. 326, come modificato dall artticolo 10, comma 1, lettera b), del decreto-legge 29 novembre 2004, n. 282, convertito con modificazioni dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307, può essere effettuata entro il 30 aprile N.d.R. CONDONO EDILIZIO. Il termine per l'integrazione documentale dell'istanza di definizione degli illeciti edilizi, precedentemente previsto il 31 ottobre 2005, slitta al 30 aprile Entro il prossimo 30 aprile, quindi, l'istanza dovrà essere integrata con: a) denuncia in catasto dell'immobile oggetto di illecito edilizio e della documentazione relativa all'attribuzione della rendita catastale e del relativo frazionamento; b) denuncia ai fini dell'imposta comunale degli immobili di cui al decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504; c) ove dovuto, delle denunce ai fini della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e per l'occupazione del suolo pubblico. Art. 13. Edilizia residenziale pubblica 1. All art. 4, comma 150, della legge 24 dicembre 2003,n. 350, le parole: ai sensi dell articolo 11 della legge 30 aprile 1999,n. 136 sono sostituite dalle seguenti: ai sensi degli articoli 11 e 12 della legge 30 aprile 1999, n. 136 e le parole: da ratificare entro trentasei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge sono sostituite dalle seguenti: da ratificare entro il 31 dicembre I termini di centottanta giorni e di centoventi giorni, previsti dagli articoli 11, comma 2, e 12, comma 2, della legge 30 aprile 1999, n. 136, già prorogati al 31 dicembre 2005 dall articolo 19 quinquies del decreto-legge 9 novembre 2004, n. 266, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 306, sono ulteriormente prorogati al 31 dicembre Art. 25. Disposizioni in materia di catasto 1. Il termine di due anni, da ultimo stabilito con provvedimento adottato ai sensi dell articolo 7 della legge 15 marzo 1997, n. 59, e dell articolo 7 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112 N.d.R. - Differito di un anno il termine per il completamento del trasferimento ai Comuni.

9 07 DOCFA SEMPLIFICAZIONI PROCEDURALI PER PREDISPOSIZIONI DOCUMENTI DI AGGIORNAMENTO L Agenzia del Territorio ha emesso la Circolare n. 1/2006 in data 3 gennaio 2006, riguardante Ulteriori chiarimenti per la corretta attuazione dell art. 1, comma 336, della Legge 30 dicembre 2004, n. 311 Semplificazioni procedurali per la predisposizione di documenti di aggiornamento DOCFA. La presente comunicazione ci è stata inoltrata dal Consiglio Nazionale Geometri con lettera prot. n. 394 in data 18 gennaio Gli interessati potranno prenderne visione direttamente sul nostro sito nelle comunicazioni generali oppure presso la Segreteria del Collegio. 08 DURC DOCUMENTO UNICO DI REGOLARITA CONTRIBUTIVA dal titolo: Riportiamo integralmente un articolo pubblicato sul SOLE 24 ORE del 21 dicembre 2005 Gli autonomi senza <<DURC>> a cura di Arturo Rossi: I lavoratori autonomi, senza dipendenti, sono esclusi dall applicazione del Durc (Documento unico di regolarità contributiva) e da altri adempimenti, quali la verifica della regolarità contributiva. Lo ha precisato il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Direzione Generale per l attività ispettiva, con la nota del 5 dicembre 2005, protocollo n. 2988, in risposta ad un quesito posto dall Inps sull applicabilità o meno del DURC ai lavoratori autonomi. Questo importante chiarimento arriva a pochi giorni dalla partenza dell adempimento che dal 1 gennaio dell anno prossimo interesserà tutte le aziende con dipendenti per i lavori pubblici e privati in edilizi, che dovranno richiederlo alle Casse edili in via telematica. E da sottolineare, che proprio in questi giorni le Associazioni di categoria in particolare quelle che assistono gli artigiani, si erano poste il problema se un impresa artigiana senza dipendenti dovesse osservare l obbligo di certificare la regolarità contributiva nei confronti dell INPS e dell INAIL in caso di effettuazione di lavori pubblici o privati. Più specificatamente, si chiedevano se il lavoratore autonomo fosse tenuto alla presentazione del Durc per la Dia (Dichiarazione Inizio Attività) o per la richiesta di concessione edilizia. Le precisazioni. Il ministero del Lavoro precisa che l articolo 3, comma 8, del decreto legislativo 494/96 prevede che il committente chieda la regolarità contributiva alle imprese esecutrici, non facendo alcun riferimento ai lavoratori autonomi. Di conseguenza, viene lasciato intendere che l artigiano senza dipendenti possa essere ritenuto escluso dall obbligo della certificazione unica. La conferma di ciò è data anche dal fatto che ove il legislatore abbia inteso riferirsi ai lavoratori autonomi, lo ha fatto in maniera espressa; basti pensare che, sempre nell ambito degli adempimenti rimessi dalla norma sopra-citata, in capo al committente o al responsabile dei lavori, la lettera a) della stessa norma, pone la verifica dell idoneità tecnico-professionale delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi in relazione ai lavori da affidare, anche attraverso l iscrizione alla Camera di commercio. In altre occasioni, precisa ancora il ministero, il Dlg 494/96, si distingue in maniera molto chiara la condizione di lavoratore autonomo, da quelle delle imprese esecutrici, prevedendo per il primo specifici obblighi e sanzioni; basti pensare all articolo 7 e all articolo 23 del decreto. In definitiva viene rilevato che appare del tutto ragionevole interpretare la disciplina di cui all articolo 8, comma 3, del Dlgs 494 nel senso di non considerare i lavoratori autonomi senza dipendenti far i destinatari del Durc. Per tali soggetti è previsto soltanto l obbligo di cui alla lettera a), ovvero l obbligo di verificarne l idoneità tecnico-professionale in relazione ai lavori da affidare anche attraverso l iscrizione alla Camera di Commercio. Di conseguenza, ulteriori adempimenti, quali la verifica della regolarità contributiva, sono riferibili solo alle imprese che abbiano lavoratori dipendenti e ciò proprio con le finalità di tutelare questi ultimi e di contrastare fenomeni di lavoro irregolare. I coadiuvanti. Il titolare dell impresa artigiana può avere anche dei coadiuvanti; viene da chiedersi come considerare questi soggetti. Sicuramente, non rientrano nell accezione dei dipendenti, ma non è chiaro come ci si dovrà comportare nel caso di mancato versamento da parte del titolare che è l unico obbligato al versamento dei contributi per tali soggetti; sarebbe utile una risposta in merito.

10 09 COMMISSIONE AMMINISTRATORI IMMOBILIARI Consigliere responsabile Geom. Roberto Bonardi i è costituito presso il Collegio dei Geometri di Parma la Commissione Amministratori Immobiliari. La finalità della Commissione è coadiuvare gli iscritti nella professione affiancandoli nell aggiornamento sulle normative d interesse e nell affrontare eventuali problematiche, il tutto con la collaborazione di professionisti di vari settori; a tal fine si è predisposta la seguente scheda conoscitiva. La Commissione Amministratori Immobiliari è composta da i seguenti professionisti: Geom. Bonardi Roberto, Geom. Lecordetti Roberta, Geom. Mesa Pier Giuseppe, Geom. Bonati Catia, Geom. Sirocchi Paride, Geom. Delfrate Fernando, Geom. Mangiavacca Giorgio, Geom. Tramelli Filippo; si ricorda che la Commissione è aperta a tutti e le adesioni sono gradite. INDAGINE CONOSCITIVA INTERNA PER FORMAZIONE ELENCO ISCRITTI INTERESSATI AL SETTORE DI AMMINISTRAZIONE DI BENI IMMOBILI, (modulo da restituire al Collegio nel più breve tempo possibile) COGNOME NOME.. Residente a Tel..fax.. Iscritto all Albo al N (importante) .. o o Attività prevalente Attività secondaria Zona di operatività città Provincia bassa Provincia collinare Provincia montagna Fidenza-Salsomaggiore Si desidera essere aggiornato tramite mail sulle novità predisposte dalla Commissione Amministratori Immobiliari in materia di aggiornamento, di consulenza, ecc :... SCHEDA AUTORIZZAZIONE UTILIZZO DATI PERSONALI Il sottoscritto. autorizza non autorizza Il Collegio dei Geometri della Provincia di Parma, ai sensi della legge 675/96, alla formazione di un elenco di professionisti esercitanti l attività di Amministratore Immobiliare e alla trasmissione dei dati personali di cui sopra tramite gli opportuni mezzi di diffusione oppure mediante l invio ad associazioni, enti o altri organismi, a discrezione del Collegio stesso, al solo scopo di rendere nota l attività professionale svolta. Parma,.. firma

11 10 COMMISSIONE SISMICA Consigliere Responsabile Geom. Walter Tarasconi NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI La Commissione sismica si è più volte riunita per esaminare le varie problematiche che sono subentrate dal 23 ottobre 2004 ed ha ritenuto opportuno predisporre una bozza di materiale informativo per tutti gli iscritti. In particolare è stato allestito un cd nel quale sono raccolte varie normative e una parte degli atti pertinenti ai seminari del 22 novembre e primo dicembre organizzati dai Collegi dei Geometri di Parma, Piacenza e Reggio. Il cd comprende in particolare: NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI DEL Parte : I II-III-IV Delibera Regione E.R,. n. 1677/2005. Prime indicazioni applicative in merito al D.M. 14/09/2005 Vecchia normativa : DM Norme tecniche per le costruzioni in zone sismiche DM Norme tecniche per il calcolo, l esecuzione ed il collaudo delle strutture in c.a., normale e precompresso e per le strutture metalliche Legge 1086/1971 L.64/74 Circolari Elenco normativa urbanistica Relazioni: Ing. Giovanni Manieri Geom. Paolo Fantoni Ing. Marzio Morini Ing. Luigi Conti Ing. Marco Giacopelli Adempimenti conseguenti alle disposizioni normali ed alle applicazioni della Regione Principali cambiamenti introdotti dalla normativa La progettazione antisismica Costruire con il legno in zona sismica Modulistica Azioni sismiche: Voci di capitolato, criteri generali di progettazione ed elenco prezzi R.E.R. Prestazioni tecniche e parametri per gli interventi riparazioni con miglioramenti sismici R.E.R. ANIDIS SSN (Associazione Nazionale Italiana di Ingegneria Sismica) Commentario al D.M e alla Circolare n. 65/AA.GG. del del Ministero LL.PP.

12 Elenco di alcuni siti interessanti: Alcuni dei documenti citati sono scaricabili anche dal sito del Collegio Geometri di Parma normative ed elenco settori. Inoltre, sono consultabili, presso la Sede del Collegio, i due testi citati dall Ing. Giovanni Manieri, nell incontro del 1 dicembre 2005 e precisamente: 1. La città e il terremoto Comune di Parma - Documenti n. 23 dicembre 1992 ; 2. Antichi edifici e rischio sismico. Dall analisi alla prevenzione a cura di Stefano Storchi Edizioni Diabasis. Per quanto concerne i già previsti CORSI DI AGGIORNAMENTO SULLA SISMICA di cui al punto 115 del Notiziario n. 14 del 15 dicembre 2005, si precisa che sono in corso di organizzazione con la collaborazione dell Università degli Studi di Parma e dei Collegi dei Geometri delle Province di Piacenza e Reggio Emilia. Il programma in corso di definizione prevede 12 lezioni di quattro ore ciascuna. Per un totale di ore 48. Le giornate, previste per gli incontri che si terranno presso il Campus dell Università degli Studi di Parma, sono di Venerdi dal 24 febbraio al 19 maggio Le lezioni saranno tenute da docenti universitari liberi professionisti rappresentanti della Regione Emilia-Romagna. Il programma definitivo con le modalità di iscrizione (senza limite di numero) e la quota di partecipazione saranno comunicati direttamente agli interessati che hanno dato la pre-adesione. Coloro i quali volessero ancora aderire possono farlo inoltrando al Collegio la sotto-riportata scheda: SCHEDA DI PRE-ADESIONE Il sottoscritto Geom. iscritto all Albo dei Geometri della Provincia di Parma al n. e mail intende partecipare al CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLA NORMATIVA SISMICA di cui sopra. Parma, lì firma Inoltre, sono in fase di programmazione e di studio degli incontri, presso la Sede del Collegio, integrativi e per approfondimenti di alcune tematiche relative alla normativa sismica.

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA COMUNE DI MASER (TV) ESENTE da Marca da bollo COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA Il/La sottoscritto/a: DA COMPILARSI IN CASO DI PERSONA

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160) Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

del (in caso di più titolari, la sezione è ripetibile nell allegato SOGGETTI COINVOLTI ) DATI DELLA DITTA O SOCIETA

del (in caso di più titolari, la sezione è ripetibile nell allegato SOGGETTI COINVOLTI ) DATI DELLA DITTA O SOCIETA Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo SCIA SCIA con richiesta contestuale di atti presupposti Indirizzo PEC / Posta elettronica SEGNALAZIONE

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Ordinanza n. 16 del 30 Aprile 2015

Ordinanza n. 16 del 30 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO ai sensi dell art. 1 comma 2 del D.L.N. 74/2012 convertito con modificazioni dalla legge n. 122/2012 Ordinanza n. 16 del 30 Aprile 2015 Modifiche all Ordinanza

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e "Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta" Bob Proctor (Fondatore e Presidente di Life Success Productions) STANDARDS INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE IL COST APPROACH Il Cost Approach

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE Dati del titolare Cognome Nome Codice fiscale Data

Dettagli

IL CONTROLLO DELLE AGEVOLAZIONI NELL IMPOSTA DI REGISTRO. A cura di Elena Galeotti Direzione Regionale Toscana

IL CONTROLLO DELLE AGEVOLAZIONI NELL IMPOSTA DI REGISTRO. A cura di Elena Galeotti Direzione Regionale Toscana IL CONTROLLO DELLE AGEVOLAZIONI NELL IMPOSTA DI REGISTRO A cura di Elena Galeotti Direzione Regionale Toscana Versione febbraio 2010 INDICE 1 PREMESSA...4 2 PRINCIPI GENERALI...4 2.1 Imposta principale,

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DPR N 380 DEL 06/06/2001 (TUE) Il Testo Unico per l Edilizia

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

CATASTO EDILIZIO URBANO

CATASTO EDILIZIO URBANO CATASTO, CARTOGRAFIA ED EDILIZIA collana a cura di Antonio Iovine catasto edilizio urbano AI5 MARIO IOVINE NICOLA CINO CATASTO EDILIZIO URBANO GUIDA PRATICA N.3 ESEMPI DI DICHIARAZIONI DI VARIAZIONI DI

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli