Lo scudo di Achille Omero, Iliade, 18,

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo scudo di Achille Omero, Iliade, 18, 468-616"

Transcript

1 PAGINA 1 ONLINE 9 T8 Omero, Iliade, 18, RGUIDA ALLA LETTURA ecatasi Recatasi da Efesto, Thetis gli chiede di forgiare delle nuove armi per il figlio Achille. Il dio acconsente e si mette all opera, dedicandosi come prima cosa alla fabbricazione di uno scudo suddiviso in cinque zone concentriche, ognuna delle quali reca incisa un artistica raffigurazione. A partire dalla più interna, esse sono nell ordine: 1) La terra, il mare e il cielo, in cui brillano il sole, la luna e le costellazioni. 2) Due città, rispettivamente descritte in periodo di pace e in tempo di guerra. Nella prima si festeggia un matrimonio e si celebra un giudizio davanti al popolo riunito nella piazza; la seconda è assediata dal nemico e coraggiosamente difesa dai suoi abitanti, i quali compiono addirittura una sortita e tendono un agguato agli avversari. 3) Scene di vita agreste comprendenti l aratura, la mietitura, la vendemmia e la pastura degli armenti e delle greggi, con l assalto di due leoni a una mandria di vacche e lo sbranamento di un toro. 4) L esibizione di alcuni danzatori e acrobati fra numerosi spettatori. 5) L Oceano, che funge da orlo estremo a tutto lo scudo. La lunga descrizione dello scudo di Achille è uno dei luoghi del poema che ha suscitato maggiore interesse negli interpreti, sia antichi sia moderni. Se il grammatico Zenodoto, primo direttore della Biblioteca di Alessandria, riteneva spurio tutto il brano e proponeva di espungerlo dal testo omerico, gli studiosi della Scuola di Pergamo e quelli di matrice stoica tendevano a darne un interpretazione allegorica e a vedere in esso una raffigurazione dell universo celeste, terrestre e marino. In ogni caso, il passo costituisce l esempio più antico di e[kfrasi", cioè di digressione finalizzata a descrivere un manufatto artistico, procedimento che diverrà canonico nella letteratura greca successiva (soprattutto d età ellenistica) e poi in quella latina. L attenzione dei commentatori moderni si è soprattutto soffermata sulla tecnica adoperata da Efesto per forgiare lo scudo (vv ) e su alcune delle scene terrestri in esso raffigurate. Se nella menzione dei materiali adoperati (bronzo, stagno, oro e argento) manca significativamente quella del ferro, ignoto all età micenea, i preparativi effettuati dal divino Fabbro sono quelli impiegati nella lavorazione di questo metallo, e ciò costituisce una delle tante prove del fatto che l autore dell Iliade vive in un periodo abbastanza lontano da quello in cui si collocano i fatti narrati ed è quindi portato a cadere in simili anacronismi. Se lo scudo in se è dunque un fossile arcaico (l intarsio policromo dei metalli sembra corrispondere a quello di manufatti rinvenuti nelle tombe micenee), analogo interesse archeologico presentano alcuni particolari delle scene in esso descritte. Soprattutto quella del giudizio, la cui conduzione è affidata a un giudice assistito da un gruppo di anziani, rivela, al di là dei tratti formali arcaici (il cerchio sacro, gli scettri impugnati dai gevronte" ), una concezione già più avanzata del diritto, in cui alla vendetta privata si è sostituita la prassi del risarcimento. Prescindendo dall interesse filologico e antiquario, il passo presenta comunque momenti di elevata qualità poetica e apre vivaci squarci su un mondo quotidiano assai diverso da quello eroico e divino, di cui è soprattutto intessuta la trama dell epos. W" eijpw;n th;n me;n livpen aujtou', bh' dδ ejpi; fuvsa": ta;" dδ ej" pu'r e[treye kevleusev te ejrgavzesqai. 470 Fu'sai dδ ejn coavnoisin ejeivkosi pa'sai ejfuvswn La lasciò, così detto, e tornò verso i mantici: al fuoco li rivoltò, li invitò a lavorare: 470 e i mantici, tutti e venti, soffiarono sulle fornaci,

2 PAGINA 2 pantoivhn eu[prhston aju>tmh;n ejxaniei'sai, a[llote me;n speuvdonti parevmmenai, a[llote dδ au\te, o{ppw" Hfaistov" tδ ejqevloi kai; e[rgon a[noito. Calko;n dδ ejn puri; bavllen ajteireva kassivterovn te 475 kai; cruso;n timh'nta kai; a[rguron: aujta;r e[peita qh'ken ejn ajkmoqevtw/ mevgan a[kmona, gevnto de; ceiri; rjaisth'ra kraterhvn, ejtevrhfi de; gevnto puravgrhn. Poivei de; prwvtista savko" mevga te stibarovn te pavntose daidavllwn, peri; dδ a[ntuga bavlle faeinh;n 480 trivplaka marmarevhn, ejk dδ ajrguvreon telamw'na. Pevnte dδ a[rδ aujtou' e[san savkeo" ptuvce": aujta;r ejn aujtw'/ poivei daivdala polla; ijduivh/si prapivdessin. ΔEn me;n gai'an e[teuxδ, ejn dδ oujranovn, ejn de; qavlassan, hjevliovn tδ ajkavmanta selhvnhn te plhvqousan, 485 ejn de; ta; teivrea pavnta, tav tδ oujrano;" ejstefavnwtai, Plhi>avda" qδ ÔUavda" te tov te sqevno" ΔWrivwno" Arktovn qδ, h}n kai; Amaxan ejpivklhsin kalevousin, h{ tδ aujtou' strevfetai kaiv tδ ΔWrivwna dokeuvei, oi[h dδ a[mmorov" ejsti loetrw'n ΔWkeanoi'o. 490 ΔEn de; duvw poivhse povlei" merovpwn ajnqrwvpwn kalav". ejn th'/ mevn rja gavmoi tδ e[san eijlapivnai te, nuvmfa" dδ ejk qalavmwn dai?dwn u{po lampomenavwn hjgivneon ajna; a[stu, polu;" dδ ujmevnaio" ojrwvrei: kou'roi dδ ojrchsth're" ejdivneon, ejn dδ a[ra toi'sin 495 aujloi; fovrmiggev" te boh;n e[con: ai} de; gunai'ke" ijstavmenai qauvmazon ejpi; proquvroisin ejkavsth. mandando fuori soffi gagliardi e variati a volte buoni a servirlo con fretta, a volte il contrario, come Efesto voleva e procedeva il lavoro; e bronzo inconsumabile gettò nel fuoco, e stagno, 475 oro prezioso e argento; e poi pose sul piedistallo la grande incudine, afferrò in mano un forte maglio, con l altra afferrò le tanaglie. E fece per primo uno scudo grande e pesante, ornandolo dappertutto; un orlo vi fece, lucido, 480 triplo, scintillante, e una tracolla d argento. Erano cinque le zone dello scudo, e in esso fece molti ornamenti coi suoi sapienti pensieri. Vi fece la terra, il cielo e il mare, l infaticabile sole e la luna piena, 485 e tutti quanti i segni che incoronano il cielo, le Pleiadi, l Iadi e la forza d Orìone e l Orsa, che chiamano col nome di Carro: ella gira sopra se stessa e guarda Orìone, e sola non ha parte dei lavacri d Oceano Vi fece poi due città di mortali, belle. In una erano nozze e banchetti; spose dai talami, sotto torce fiammanti guidavano per la città, s alzava molto «Imeneo!», 2 giovani danzatori giravano, e fra di loro 495 flauti e cetre davano suono; le donne dritte ammiravano, sulla sua porta ciascuna. 1. Non si tuffa mai nel mare, cioè non tramonta mai. 2. «Imeneo» è propriamente il dio delle nozze e anche il canto che s intonava durante la cerimonia nuziale. Nella traduzione esso è forse confuso col grido rituale ÔUmhvn, che s innalzava nella medesima circostanza.

3 PAGINA 3 Laoi; dδ eijn ajgorh'/ e[san ajqrovoi: e[nqa de; nei'ko" wjrwvrei, duvo dδ a[ndre" ejneivkeon ei{neka poinh'" ajndro;" ajpofqimevnou: o} me;n eu[ceto pavntδ ajpodou'nai 500 dhvmw/ pifauvskwn, o} dδ ajnaivneto mhde;n ejlevsqai: a[mfw dδ ijevsqhn ejpi; i[stori pei'rar ejlevsqai. Laoi; dδ ajmfotevroisin ejphvpuon ajmfi;" ajrwgoiv: khvruke" dδ a[ra lao;n ejrhvtuon: oi} de; gevronte" ei{atδ ejpi; xestoi'si livqoi" ijerw'/ ejni; kuvklw/, 505 skh'ptra de; khruvkwn ejn cevrsδ e[con hjerofwvnwn: toi'sin e[peitδ h[i>sson, ajmoibhdi;" de; divkazon. Kei'to dδ a[rδ ejn mevssoisi duvw crusoi'o tavlanta, tw'/ dovmen o}" meta; toi'si divkhn ijquvntata ei[poi. Th;n dδ ejtevrhn povlin ajmfi; duvw stratoi; h{ato law'n 510 teuvcesi lampovmenoi: divca dev sfisin h{ndane boulhv, hje; diapraqevein h] a[ndica pavnta davsasqai kth'sin o{shn ptoliveqron ejphvraton ejnto;" e[ergen: oi} dδ ou[ pw peivqonto, lovcw/ dδ ujpeqwrhvssonto. Tei'co" mevn rjδ a[locoiv te fivlai kai; nhvpia tevkna 515 rjuvatδ ejfestaovte", meta; dδ ajnevre" ou}" e[ce gh'ra": oi} dδ i[san: h\rce dδ a[rav sfin Arh" kai; Palla;" ΔAqhvnh a[mfw cruseivw, cruvseia de; ei{mata e{sqhn, kalw; kai; megavlw su;n teuvcesin, w{" te qewv per ajmfi;" ajrizhvlw: laoi; dδ ujpolivzone" h\san. 520 Oi} dδ o{te dhv rjδ i{kanon o{qi sfivsin ei\ke loch'sai ejn potamw'/, o{qi tδ ajrdmo;" e[hn pavntessi botoi'sin, e[nqδ a[ra toiv gδ i{zontδ eijlumevnoi ai[qopi calkw'/. E v era del popolo nella piazza raccolto: e qui una lite sorgeva: due uomini leticavano per il compenso d un morto; 3 uno gridava d aver tutto dato, 500 dichiarandolo in pubblico, l altro negava d aver niente avuto: entrambi ricorrevano al giudice, per aver la sentenza, il popolo acclamava ad entrambi, di qua e di là difendendoli; gli araldi trattenevano il popolo; i vecchi sedevano su pietre lisce in sacro cerchio, 505 avevano tra mano i bastoni degli araldi voce sonore, con questi si alzavano e sentenziavano ognuno a sua volta; nel mezzo erano posti due talenti d oro, da dare a chi di loro dicesse più dritta giustizia. 4 L altra città circondavano intorno due campi d armati, 510 brillando nell armi; doppio parere piaceva fra loro, 5 o tutto quanto distruggere o dividere in due la ricchezza che l amabile città racchiudeva; quelli però non piegavano; s armavano per un agguato. Il muro, le spose care e i piccoli figli 515 difendevano impavidi, e gli uomini che vecchiaia spossava; gli altri andavano, Ares li conduceva e Pallade Atena, entrambi d oro, vesti d oro vestivano, belli e grandi con l armi, come dèi visibili d ogni parte; gli uomini eran più piccoli. 520 E quando arrivarono dov era deciso l agguato, nel fiume, dov era l abbeverata di tutte le mandrie, qui appunto si accovacciarono, chiusi nel bronzo lucente; 3. Il «compenso / d un morto» è l ammenda che il primo dei due contendenti è tenuto a pagare per aver ucciso un congiunto del secondo. 4. Il senso del verso non è molto chiaro: parrebbe che i due talenti fossero destinati a quello fra gli anziani che avesse pronunziato la sentenza più conforme a giustizia. 5. I vv vanno intesi nel senso che gli assedianti porgono agli assediati un ultimatum: o questi ultimi accettano di spartire con essi i propri beni o la città verrà presa e distrutta.

4 PAGINA 4 Toi'si dδ e[peitδ ajpavneuqe duvw skopoi; ei{ato law'n devgmenoi ojppovte mh'la ijdoivato kai; e{lika" bou'". 525 Oi} de; tavca progevnonto, duvw dδ a{mδ e{ponto nomh'e" terpovmenoi suvrigxi: dovlon dδ ou[ ti pronovhsan. Oi} me;n ta; proi>dovnte" ejpevdramon, w\ka dδ e[peita tavmnontδ ajmfi; bow'n ajgevla" kai; pwvea kala; ajrgennevwn oijw'n, ktei'non dδ ejpi; mhloboth'ra". 530 Oi} dδ wj" ou\n ejpuvqonto polu;n kevladon para; bousi;n eijravwn propavroiqe kaqhvmenoi, aujtivkδ ejfδ i{ppwn bavnte" ajersipovdwn metekivaqon, ai\ya dδ i{konto. Sthsavmenoi dδ ejmavconto mavchn potamoi'o parδ o[cqa", bavllon dδ ajllhvlou" calkhvresin ejgceivh/sin. 535 ΔEn dδ Eri" ejn de; Kudoimo;" ojmivleon, ejn dδ ojloh; Khvr, a[llon zwo;n e[cousa neouvtaton, a[llon a[outon, a[llon teqnhw'ta kata; movqon e{lke podoi'in: ei ma dδ e[cδ ajmfδ w[moisi dafoineo;n ai{mati fwtw'n. ÔWmivleun dδ w{" te zwoi; brotoi; hjdδ ejmavconto, 540 nekrouv" tδ ajllhvlwn e[ruon katateqnhw'ta". ΔEn dδ ejtivqei neio;n malakh;n piveiran a[rouran eujrei'an trivpolon: polloi; dδ ajroth're" ejn aujth'/ zeuvgea dineuvonte" ejlavstreon e[nqa kai; e[nqa. Oi} dδ ojpovte strevyante" ijkoivato tevlson ajrouvrh", 545 toi'si dδ e[peitδ ejn cersi; devpa" melihdevo" oi[nou dovsken ajnh;r ejpiwvn: toi; de; strevyaskon ajnδ o[gmou", ijevmenoi neioi'o baqeivh" tevlson ijkevsqai. ÔH de; melaivnetδ o[pisqen, ajrhromevnh/ de; ejwv/kei, e v erano un po lontano due spie dell esercito, spianti quando le greggi vedessero e i bovi lunati Ed ecco vennero avanti, due pastori seguivano, e si dilettavan del flauto, non sospettavano agguato. Essi, vedendoli, corsero e presto tagliarono fuori le mandrie dei bovi, le greggi belle di candide pecore, e uccisero i pastori. 530 Ma gli altri, 7 come udirono molto urlìo in mezzo ai bovi mentre sedevano nell adunanza, subito sopra i cavalli scalpitanti balzarono, li inseguirono e li raggiunsero; e si fermarono e combatterono lungo le rive del fiume; gli uni colpivano gli altri con l aste di bronzo, 535 Lotta e Tumulto 8 era fra loro e la Chera di morte, che afferrava ora un vivo ferito, ora un illeso o un morto tirava pei piedi in mezzo alla mischia. Veste vestiva sopra le spalle, rossa di sangue umano. E come fossero uomini vivi si mescolavano e lottavano 540 e trascinavano i morti nella strage reciproca. Vi pose anche un novale 9 molle, e un campo grasso, largo, da tre arature; e qui molti aratori voltando i bovi aggiogati di qua e di là, li spingevano: e quando giungevano alla fine del campo, a girare, 545 allora una coppa di vino dolcissimo in mano poneva loro un uomo, appressandosi; e solco per solco giravano, bramosi di arrivare alla fine del maggese profondo. Dietro nereggiava la terra, pareva arata, 6. I buoi sono detti «lunati» dalla forma ricurva delle loro corna. 7. «Gli altri» sono gli assedianti. 8. Lotta e Tumulto sono due personificazioni demoniche. 9. «Novale» è lo stesso che «maggese», cioè il campo lasciato a riposo.

5 PAGINA 5 cruseivh per ejou'sa: to; dh; peri; qau'ma tevtukto. 550 ΔEn dδ ejtivqei tevmeno" basilhvi>on: e[nqa dδ e[riqoi h[mwn ojxeiva" drepavna" ejn cersi;n e[conte". Dravgmata dδ a[lla metδ o[gmon ejphvtrima pi'pton e[raze, a[lla dδ ajmallodeth're" ejn ejlledanoi'si devonto. Trei'" dδ a[rδ ajmallodeth're" ejfevstasan: aujta;r o[pisqe 555 pai'de" dragmeuvonte" ejn ajgkalivdessi fevronte" ajsperce;" pavrecon: basileu;" dδ ejn toi'si siwph'/ skh'ptron e[cwn ejsthvkei ejpδ o[gmou ghqovsuno" kh'r. Khvruke" dδ ajpavneuqen ujpo; drui dai'ta pevnonto, bou'n dδ ijereuvsante" mevgan a[mfepon: ai} de; gunai'ke" 560 dei'pnon ejrivqoisin leuvkδ a[lfita polla; pavlunon. ΔEn dδ ejtivqei stafulh'/si mevga brivqousan ajlwh;n kalh;n cruseivhn: mevlane" dδ ajna; bovtrue" h\san, ejsthvkei de; kavmaxi diampere;" ajrgurevh/sin. ΔAmfi; de; kuanevhn kavpeton, peri; dδ e{rko" e[lasse 565 kassitevrou: miva dδ oi[h ajtarpito;" h\en ejpδ aujthvn, th'/ nivsonto forh'e" o{te trugovw/en ajlwhvn. Parqenikai; de; kai; hji?qeoi ajtala; fronevonte" plektoi'" ejn talavroisi fevron melihdeva karpovn. Toi'sin dδ ejn mevssoisi pavi>" fovrmiggi ligeivh/ 570 ijmeroven kiqavrize, livnon dδ ujpo; kalo;n a[eide leptalevh/ fwnh'/: toi; de; rjhvssonte" ajmarth'/ molph'/ tδ ijugmw'/ te posi; skaivronte" e{ponto. ΔEn dδ ajgevlhn poivhse bow'n ojrqokrairavwn: ai} de; bove" crusoi'o teteuvcato kassitevrou te, pur essendo d oro; ed era gran meraviglia. 550 Vi pose ancora un terreno regale; 10 qui mietitori mietevano, falci taglienti avevano tra mano; i mannelli, alcuni sul solco cadevano, fitti, per terra, altri i legatori stringevano con legami di paglia; v erano tre legatori, in piedi; ma dietro 555 fanciulli, spigolando, portando le spighe a bracciate, le davano continuamente. Il re fra costoro, in silenzio, tenendo lo scettro, stava sul solco, godendo in cuore. Gli araldi in disparte sotto una quercia preparavano il pasto, e ucciso un gran bue, lo imbandivano; le donne 560 versavano, pranzo dei mietitori, molta bianca farina. Vi pose anche una vigna, stracarica di grappoli, bella, d oro; i grappoli neri pendevano: era impalata da cima a fondo di pali d argento; e intorno condusse un fossato di smalto e una siepe 565 di stagno; un solo sentiero vi conduceva, per cui passavano i coglitori a vendemmiare la vigna; fanciulle e giovani, sereni pensieri nel cuore, in canestri intrecciati portavano il dolce frutto e in mezzo a loro un ragazzo con una cetra sonora 570 graziosamente sonava e cantava un bel canto con la voce sottile; quelli battendo a tempo, danzando, gridando e saltellando seguivano. E vi fece una mandria di vacche corna diritte; le vacche erano d oro e di stagno, 10. Il tevmeno" basilhvi>on cui si fa riferimento nel testo greco è in realtà un appezzamento di terreno appartenente a un basileuv", cioè a un principe locale. La traduzione «regale» («re» al v. 556) non tiene conto che almeno in epoca micenea il sovrano è detto wanax.

6 PAGINA mukhqmw'/ dδ ajpo; kovprou ejpesseuvonto nomo;n de; pa;r potamo;n kelavdonta, para; rjodano;n donakh'a. Cruvseioi de; nomh'e" a{mδ ejsticovwnto bovessi tevssare", ejnneva dev sfi kuvne" povda" ajrgoi; e{ponto. Smerdalevw de; levonte duvδ ejn prwvth/si bovessi 580 tau'ron ejruvgmhlon ejcevthn: o} de; makra; memukw;" e{lketo: to;n de; kuvne" metekivaqon hjdδ aijzhoiv. Tw; me;n ajnarrhvxante boo;" megavloio boeivhn e[gkata kai; mevlan ai ma lafuvsseton: oi} de; nomh'e" au[tw" ejndivesan taceva" kuvna" ojtruvnonte". 585 Oi} dδ h[toi dakevein me;n ajpetrwpw'nto leovntwn, ijstavmenoi de; mavlδ ejggu;" ujlavkteon e[k tδ ajlevonto. ΔEn de; nomo;n poivhse perikluto;" ajmfiguhvei" ejn kalh'/ bhvssh/ mevgan oijw'n ajrgennavwn, staqmouv" te klisiva" te kathrefeva" ijde; shkouv". 590 ΔEn de; coro;n poivkille perikluto;" ajmfiguhvei", tw'/ i[kelon oi ovn potδ ejni; Knwsw'/ eujreivh/ Daivdalo" h[skhsen kalliplokavmw/ ΔAriavdnh/. Enqa me;n hji?qeoi kai; parqevnoi ajlfesivboiai ojrceu'ntδ ajllhvlwn ejpi; karpw'/ cei'ra" e[conte". 595 Tw'n dδ ai} me;n lepta;" ojqovna" e[con, oi} de; citw'na" ei{atδ eju>nnhvtou", h\ka stivlbonta" ejlaivw/: kaiv rjδ ai} me;n kala;" stefavna" e[con, oi} de; macaivra" ei\con cruseiva" ejx ajrgurevwn telamwvnwn. Oi} dδ ojte; me;n qrevxaskon ejpistamevnoisi povdessi 600 rjei'a mavlδ, wj" o{te ti" troco;n a[rmenon ejn palavmh/sin 575 muggendo dalla stalla movevano al pascolo lungo il fiume sonante e i canneti flessibili; pastori d oro andavano con le vacche, quattro, e nove cani piedi rapidi li seguivano. Ma fra le prime vacche due spaventosi leoni 580 tenevano un toro muggente; e quello alto mugghiando veniva tirato; lo ricercavano i giovani e i cani, ma i leoni, stracciata già del gran toro la pelle, tracannavan le viscere e il sangue nero; i pastori li inseguivano invano, aizzando i cani veloci: 585 questi si ritraevano dal mordere i leoni, ma stando molto vicino, abbaiavano e li evitavano. E un pascolo vi fece lo Storpio glorioso, 11 in bella valle, grande, di pecore candide, e stalle e chiusi e capanne col tetto. 590 E una danza vi ageminò 12 lo Storpio glorioso; simile a quella che in Cnosso vasta un tempo Dedalo 13 fece ad Ariadne riccioli belli. Qui giovani e giovanette che valgono molti buoi, 14 danzavano, tenendosi le mani pel polso: 595 queste avevano veli sottili, e quelli tuniche ben tessute vestivano, brillanti d olio soave; ed esse avevano belle corone, questi avevano spade d oro, appese a cinture d argento; e talvolta correvano con i piedi sapienti, 600 agevolmente, come la ruota ben fatta tra mano 11. Lo Storpio è Efesto, dio zoppo. La menomazione rimanda forse a strutture sociali primitive, in cui le mansioni artigiane sono affidate a invalidi, incapaci di combattere. 12. La tecnica dell ageminatura consiste nella lavorazione artistica dei metalli ad incastro. 13. Dedalo è il mitico artefice e Ariadne (Arianna) la figlia del re cretese Minosse (Cnosso è l antica capitale dell isola). 14. I buoi costituivano la dote nuziale delle fanciulle.

7 PAGINA 7 ejzovmeno" kerameu;" peirhvsetai, ai[ ke qevh/sin: a[llote dδ au\ qrevxaskon ejpi; stivca" ajllhvloisi. Pollo;" dδ ijmeroventa coro;n periivstaqδ o{milo" terpovmenoi: doiw; de; kubisthth're katδ aujtou;" 605 molph'" ejxavrconte" ejdivneuon kata; mevssou". ΔEn dδ ejtivqei potamoi'o mevga sqevno" ΔWkeanoi'o a[ntuga pa;r pumavthn savkeo" puvka poihtoi'o. Aujta;r ejpei; dh; teu'xe savko" mevga te stibarovn te, teu'xδ a[ra oij qwvrhka faeinovteron puro;" aujgh'", 610 teu'xe dev oij kovruqa briarh;n krotavfoi" ajrarui'an kalh;n daidalevhn, ejpi; de; cruvseon lovfon h ke, teu'xe dev oij knhmi'da" ejanou' kassitevroio. Aujta;r ejpei; pavnqδ o{pla kavme kluto;" ajmfiguhvei", mhtro;" ΔAcillh'o" qh'ke propavroiqen ajeivra". 615 ÔH dδ i[rhx w}" a\lto katδ Oujluvmpou nifovento" teuvcea marmaivronta parδ ÔHfaivstoio fevrousa. prova il vasaio, sedendo, per vedere se corre; altre volte correvano in file, gli uni verso gli altri. E v era molta folla intorno alla danza graziosa, rapita; due acrobati intanto 605 dando inizio alla festa roteavano in mezzo. Infine vi fece la gran possanza del fiume Oceano 15 lungo l ultimo giro del solido scudo. Ma quando ebbe fatto lo scudo forte e pesante, una corazza gli fece, splendente più che la vampa del fuoco, 610 gli fece un elmo fortissimo, adattato alle tempie, bello, ornato, e sopra un aureo cimiero vi pose; e gli fece schinieri di duttile stagno. E quando tutte l armi ebbe fatto lo Storpio glorioso, le sollevò e le pose davanti alla madre d Achille; 615 ella come sparviero balzò giù dall Olimpo nevoso, portando l armi scintillanti d Efesto. (trad. di R. Calzecchi Onesti, op. cit.) 15. L Oceano è qui immaginato come un fiume che circonda la terra, a sua volta raffigurata come un disco.

Gioachino Chiarini RIFLESSIONI SULLA DANZA DEL LABIRINTO

Gioachino Chiarini RIFLESSIONI SULLA DANZA DEL LABIRINTO Gioachino Chiarini RIFLESSIONI SULLA DANZA DEL LABIRINTO Nel canto XVIII dell Iliade si canta la massima impresa artistica del dio Efesto: la fabbricazione di nuove armi per Achille, dopo che Patroclo

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

PROVA DI ITALIANO VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Riflessione sulla lingua (categorie grammaticali) Scuola... Classe...

PROVA DI ITALIANO VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Riflessione sulla lingua (categorie grammaticali) Scuola... Classe... VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO Riflessione sulla lingua (categorie grammaticali) Scuola..........................................................................................................................................

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA Sei in campagna, seduto su un bel prato e guardi il cielo, che cosa vedi?.le STELLE!! Guarda bene: non ti sembra che il cielo assomigli ad

Dettagli

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07 ILIADE 1 PERSONAGGI DELL ILIADE I PERSONAGGI DELL ILIADE SONO UOMINI E DEI, ABITANTI DELLA GRECIA E DI TROIA. GLI UOMINI, SONO ECCEZIONALI E HANNO QUALITA FUORI DAL COMUNE. ESSI SONO GUERRIERI VALOROSI

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO A cura di ANNA CARMELITANO LE PRIME CIVILTA SI SVILUPPARONO Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO I SUMERI, GLI EGIZI GLI INDIANI I CINESI I BABILONESI GLI ASSIRI

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

La corsa. La città di Olimpia. Olimpia. Le Olimpiadi nel mondo Greco. Il pugilato. La corsa dei carri. Il giavellotto Il salto Il disco

La corsa. La città di Olimpia. Olimpia. Le Olimpiadi nel mondo Greco. Il pugilato. La corsa dei carri. Il giavellotto Il salto Il disco La città di Olimpia La corsa La lotta La corsa dei carri Olimpia Le Olimpiadi nel mondo Greco Il pugilato Il giavellotto Il salto Il disco Le origini dei Giochi sono circondate da miti e leggende, ma la

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

La canzone: storia, analisi e pratica vocale

La canzone: storia, analisi e pratica vocale DECS UIM Prova cantonale di educazione musicale 2015 DIPARTIMENTO DELL EDUCAZIONE, DELLA CULTURA E DELLO SPORT UFFICIO DELL INSEGNAMENTO MEDIO Prova Cantonale 2015 di Educazione Musicale CLASSE TERZA 2

Dettagli

Capitolo 1. Ivo e Caramella 1. Completa il fumetto di Ivo con le parole della lista. 2. Leggi quello che dice Ivo, disegna e scrivi.

Capitolo 1. Ivo e Caramella 1. Completa il fumetto di Ivo con le parole della lista. 2. Leggi quello che dice Ivo, disegna e scrivi. Capitolo Ivo e Caramella Completa il fumetto di Ivo con le parole della lista. DIECI NNI È IL MIO CNE MI CHIMO IN CMPGN CIO! IO IVO. HO. ITO. CRMELL! Leggi quello che dice Ivo, disegna e scrivi. COMINRE

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno...

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno... VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO Comprensione della lettura Scuola..........................................................................................................................................

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

GLI ELFI DI BABBO NATALE

GLI ELFI DI BABBO NATALE Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it GLI ELFI DI BABBO NATALE Gioco in Oratorio Genere: a stand Ambienti: sia in interno che in esterno Età: bambini delle elementari/medie AMBIENTAZIONE

Dettagli

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI L Iliade Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI Sara S Da nove anni si combatte sotto la città di Troia: Greci e Troiani si affrontano in una battaglia sanguinosa.

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Quando fu sera, su consiglio della mamma di Katrina, Merlino decise di trascorrere la notte fuori: stando sdraiato in giardino a fissare il cielo,

Quando fu sera, su consiglio della mamma di Katrina, Merlino decise di trascorrere la notte fuori: stando sdraiato in giardino a fissare il cielo, Quando fu sera, su consiglio della mamma di Katrina, Merlino decise di trascorrere la notte fuori: stando sdraiato in giardino a fissare il cielo, magari avrebbe trovato la risposta che cercava. E così

Dettagli

Le gru In volo per la felicità

Le gru In volo per la felicità Le gru In volo per la felicità Lenuta Virlan LE GRU In volo per la felicità Racconto www.booksprint Edizioni.it Copyright 2015 Lenuta Virlan Tutti i diritti riservati Ai mei tre figli Alexandru, Andreea

Dettagli

L'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide,

L'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, L'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. 1 Entrando

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Aldo Moro Scuola dell Infanzia Collodi Corbetta Anno Scolastico 2012-2013

Istituto Comprensivo Statale Aldo Moro Scuola dell Infanzia Collodi Corbetta Anno Scolastico 2012-2013 alla Istituto Comprensivo Statale Aldo Moro Scuola dell Infanzia Collodi Corbetta Anno Scolastico 2012-2013 IL CALENDARIO DELL AVVENTO Collaborando con la Città dei Bambini, ogni sezione ha preparato su

Dettagli

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Il contenuto è la semplificazione di un libro di testo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE Scheda 5 I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE La maggior parte degli abitanti del villaggio lavorava la terra. I contadini non avevano tutti gli stessi obblighi verso il signore, e si

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

Il mistero del Natale dimenticato. Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna

Il mistero del Natale dimenticato. Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna Il mistero del Natale dimenticato Scuola dell infanzia di Boschi Sant Anna MILLE FIOCCHI BIANCHI Quell anno faceva tanto freddo e a Paesello ognuno se ne stava rintanato al calduccio nella sua casetta.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSE TERZA PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO Le prove saranno somministrate negli ultimi quindici giorni di Maggio. 1 Nome... data Pippi festeggia il suo compleanno Un

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

INDICE DEI TEMI. Domanda

INDICE DEI TEMI. Domanda INDICE DEI TEMI Domanda La chiave per comprendere il linguaggio dell Apocalisse 1 «Colui che è, che era e che viene» 2 «Il testimone fedele» e «il primogenito dei morti» 2 «Le sette chiese d Asia» 3 Perché

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

IURY E LA Tigre bianca

IURY E LA Tigre bianca IURY E LA Tigre bianca di Infanti Susy Dedicato a tutti coloro, che desiderano cambiare il mondo accanto a se, con l'augurio di non perdere mai la speranza. C era una volta, in un tempo non molto lontano,

Dettagli

IL GIOCO STRATEGICO PER LA CONQUISTA DEL MONDO (DA 3 A 6 GIOCATORI)

IL GIOCO STRATEGICO PER LA CONQUISTA DEL MONDO (DA 3 A 6 GIOCATORI) IL GIOCO STRATEGICO PER LA CONQUISTA DEL MONDO (DA 3 A 6 GIOCATORI) Con abilità, calma, coraggio, una buona strategia e un po di fortuna si può arrivare alla conquista del mondo. Potrete occupare ogni

Dettagli

Fondo Transi SCHEDA FONDO. Numero identificativo: 19. Collocazione: TRA-19. Provenienza: San Giorgio di Crognaleto (Teramo) Autore: sig.

Fondo Transi SCHEDA FONDO. Numero identificativo: 19. Collocazione: TRA-19. Provenienza: San Giorgio di Crognaleto (Teramo) Autore: sig. SCHEDA FONDO Numero identificativo: 19 Collocazione: TRA-19 Provenienza: San Giorgio di Crognaleto (Teramo) Autore: sig. Transi Donazione o deposito: deposito Consistenza: 1 Dvd Durata: 1h 25' Formato:

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Comprensione di semplici testi

Comprensione di semplici testi PERCORSI DIDATTICI Comprensione di semplici testi di: Mavale scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 6-8 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper leggere e comprendere semplici

Dettagli

NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI

NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI I bisogni dei bambini e delle bambine sono stati chiamati DIRITTI. Un diritto stabilisce quello che ci è permesso fare e quello che deve fare chi si occupa di noi

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

A.V.D.A. Associazione Vigevanese Divulgazione Astronomica Codice Fiscale 94029820183

A.V.D.A. Associazione Vigevanese Divulgazione Astronomica Codice Fiscale 94029820183 Codice Fiscale 94029820183 a Vigevano dal 1996 www.avdavigevano.com CALENDARIO ASTRONOMICO MESE DI GIUGNO 10 Visibilità dei pianeti: MERCURIO: inizialmente il pianeta è ancora visibile al mattino, ma l

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE DALL ALGERIA LA NASCITA RITI E TRADIZIONI Secondo le tradizioni algerine, una coppia ha il primo bambino entro i primi due anni dal matrimonio. Nei nostri giorni la famiglia ha in media due, tre o al massimo

Dettagli

Državni izpitni center LINGUA ITALIANA PROVA SCRITTA. martedì 6 maggio 2008 / 60 minuti. VERIFICA DELLE COMPETENZE alla fine del secondo triennio

Državni izpitni center LINGUA ITALIANA PROVA SCRITTA. martedì 6 maggio 2008 / 60 minuti. VERIFICA DELLE COMPETENZE alla fine del secondo triennio C o d i c e d e l l' a l u n n o: Državni izpitni center *N08111121* SESSIONE ORDINARIA LINGUA ITALIANA PROVA SCRITTA martedì 6 maggio 2008 / 60 minuti All'alunno è consentito l'uso della penna stilografica

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

COME SI PRODUCEVA, COSA SI CONSUMAVA, COME SI VIVEVA IN EUROPA

COME SI PRODUCEVA, COSA SI CONSUMAVA, COME SI VIVEVA IN EUROPA Scheda 1 Introduzione Lo scopo di questo gruppo di schede è di presentare alcuni aspetti della grande trasformazione dei modi di produrre, consumare e vivere avvenuta in alcuni paesi europei (Inghilterra,

Dettagli

Programma giochi 14 novembre 1999. Viaggio in cina

Programma giochi 14 novembre 1999. Viaggio in cina Programma giochi 14 novembre 1999 Viaggio in cina La muraglia cinese (1) Pallone Questo gioco serve per fare le squadre. Tutti i giocatori si piazzeranno nella posizione B1. Un animatore si piazzerà invece

Dettagli

Andrea Vecchio. Acciughe. racconti minimi EUNOEDIZIONI

Andrea Vecchio. Acciughe. racconti minimi EUNOEDIZIONI TÒPOI 2 Andrea Vecchio Acciughe racconti minimi EUNOEDIZIONI Tòpoi collana a cura di Francesco Pontorno Copyright Andrea Vecchio Acciughe copyright 2012 Euno Edizioni 94013 Leonforte (En) / Piazza Margherita

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

GIOCHI SENZA SQUADRE

GIOCHI SENZA SQUADRE GIOCHI SENZA SQUADRE Età: 5-8 anni Questi giochi (50) sono proposti nel seguente modo: si ritaglia la descrizione del gioco, si piega il pezzo di carta e s inseriscono tutti i 50 foglietti in un sacchetto.

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le..

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le.. ROMA REPUBBLICANA: LE CASE DEI PLEBEI Mentre la popolazione di Roma cresceva, si costruivano case sempre più alte: le INSULAE. Erano grandi case, di diversi piani e ci abitavano quelli che potevano pagare

Dettagli

Hatshepsut la donna faraone

Hatshepsut la donna faraone Hatshepsut la donna faraone Sai che nell antico Egitto non esisteva la parola regina? Esisteva una parola che significava moglie del re perché, per molto tempo, solo l uomo poteva diventare faraone eppure

Dettagli

natale Gnomi al lavoro!

natale Gnomi al lavoro! natale Gnomi al lavoro! La fabbrica di Babbo Natale è un posto davvero speciale, ci sono gnomi specializzati molto ben organizzati che preparano giochi e dolcetti per riempire tutti i pacchetti: dipingono

Dettagli

In questo articolo non ci sono veri e propri errori di battitura, eppure, come dimostrano le

In questo articolo non ci sono veri e propri errori di battitura, eppure, come dimostrano le In queste pagine ci sono alcuni miei lavori di correzione e revisione bozze. Non si tratta di una raccolta di refusi, perché sistemare gli errori di battitura e la grammatica non è altro che il lavoro

Dettagli

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE Lucia è una piccola giraffa che viene rapita e portata via dal suo ambiente naturale e dalla sua famiglia. Nel periodo di convivenza forzata con la famiglia

Dettagli