Lo scudo di Achille Omero, Iliade, 18,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo scudo di Achille Omero, Iliade, 18, 468-616"

Transcript

1 PAGINA 1 ONLINE 9 T8 Omero, Iliade, 18, RGUIDA ALLA LETTURA ecatasi Recatasi da Efesto, Thetis gli chiede di forgiare delle nuove armi per il figlio Achille. Il dio acconsente e si mette all opera, dedicandosi come prima cosa alla fabbricazione di uno scudo suddiviso in cinque zone concentriche, ognuna delle quali reca incisa un artistica raffigurazione. A partire dalla più interna, esse sono nell ordine: 1) La terra, il mare e il cielo, in cui brillano il sole, la luna e le costellazioni. 2) Due città, rispettivamente descritte in periodo di pace e in tempo di guerra. Nella prima si festeggia un matrimonio e si celebra un giudizio davanti al popolo riunito nella piazza; la seconda è assediata dal nemico e coraggiosamente difesa dai suoi abitanti, i quali compiono addirittura una sortita e tendono un agguato agli avversari. 3) Scene di vita agreste comprendenti l aratura, la mietitura, la vendemmia e la pastura degli armenti e delle greggi, con l assalto di due leoni a una mandria di vacche e lo sbranamento di un toro. 4) L esibizione di alcuni danzatori e acrobati fra numerosi spettatori. 5) L Oceano, che funge da orlo estremo a tutto lo scudo. La lunga descrizione dello scudo di Achille è uno dei luoghi del poema che ha suscitato maggiore interesse negli interpreti, sia antichi sia moderni. Se il grammatico Zenodoto, primo direttore della Biblioteca di Alessandria, riteneva spurio tutto il brano e proponeva di espungerlo dal testo omerico, gli studiosi della Scuola di Pergamo e quelli di matrice stoica tendevano a darne un interpretazione allegorica e a vedere in esso una raffigurazione dell universo celeste, terrestre e marino. In ogni caso, il passo costituisce l esempio più antico di e[kfrasi", cioè di digressione finalizzata a descrivere un manufatto artistico, procedimento che diverrà canonico nella letteratura greca successiva (soprattutto d età ellenistica) e poi in quella latina. L attenzione dei commentatori moderni si è soprattutto soffermata sulla tecnica adoperata da Efesto per forgiare lo scudo (vv ) e su alcune delle scene terrestri in esso raffigurate. Se nella menzione dei materiali adoperati (bronzo, stagno, oro e argento) manca significativamente quella del ferro, ignoto all età micenea, i preparativi effettuati dal divino Fabbro sono quelli impiegati nella lavorazione di questo metallo, e ciò costituisce una delle tante prove del fatto che l autore dell Iliade vive in un periodo abbastanza lontano da quello in cui si collocano i fatti narrati ed è quindi portato a cadere in simili anacronismi. Se lo scudo in se è dunque un fossile arcaico (l intarsio policromo dei metalli sembra corrispondere a quello di manufatti rinvenuti nelle tombe micenee), analogo interesse archeologico presentano alcuni particolari delle scene in esso descritte. Soprattutto quella del giudizio, la cui conduzione è affidata a un giudice assistito da un gruppo di anziani, rivela, al di là dei tratti formali arcaici (il cerchio sacro, gli scettri impugnati dai gevronte" ), una concezione già più avanzata del diritto, in cui alla vendetta privata si è sostituita la prassi del risarcimento. Prescindendo dall interesse filologico e antiquario, il passo presenta comunque momenti di elevata qualità poetica e apre vivaci squarci su un mondo quotidiano assai diverso da quello eroico e divino, di cui è soprattutto intessuta la trama dell epos. W" eijpw;n th;n me;n livpen aujtou', bh' dδ ejpi; fuvsa": ta;" dδ ej" pu'r e[treye kevleusev te ejrgavzesqai. 470 Fu'sai dδ ejn coavnoisin ejeivkosi pa'sai ejfuvswn La lasciò, così detto, e tornò verso i mantici: al fuoco li rivoltò, li invitò a lavorare: 470 e i mantici, tutti e venti, soffiarono sulle fornaci,

2 PAGINA 2 pantoivhn eu[prhston aju>tmh;n ejxaniei'sai, a[llote me;n speuvdonti parevmmenai, a[llote dδ au\te, o{ppw" Hfaistov" tδ ejqevloi kai; e[rgon a[noito. Calko;n dδ ejn puri; bavllen ajteireva kassivterovn te 475 kai; cruso;n timh'nta kai; a[rguron: aujta;r e[peita qh'ken ejn ajkmoqevtw/ mevgan a[kmona, gevnto de; ceiri; rjaisth'ra kraterhvn, ejtevrhfi de; gevnto puravgrhn. Poivei de; prwvtista savko" mevga te stibarovn te pavntose daidavllwn, peri; dδ a[ntuga bavlle faeinh;n 480 trivplaka marmarevhn, ejk dδ ajrguvreon telamw'na. Pevnte dδ a[rδ aujtou' e[san savkeo" ptuvce": aujta;r ejn aujtw'/ poivei daivdala polla; ijduivh/si prapivdessin. ΔEn me;n gai'an e[teuxδ, ejn dδ oujranovn, ejn de; qavlassan, hjevliovn tδ ajkavmanta selhvnhn te plhvqousan, 485 ejn de; ta; teivrea pavnta, tav tδ oujrano;" ejstefavnwtai, Plhi>avda" qδ ÔUavda" te tov te sqevno" ΔWrivwno" Arktovn qδ, h}n kai; Amaxan ejpivklhsin kalevousin, h{ tδ aujtou' strevfetai kaiv tδ ΔWrivwna dokeuvei, oi[h dδ a[mmorov" ejsti loetrw'n ΔWkeanoi'o. 490 ΔEn de; duvw poivhse povlei" merovpwn ajnqrwvpwn kalav". ejn th'/ mevn rja gavmoi tδ e[san eijlapivnai te, nuvmfa" dδ ejk qalavmwn dai?dwn u{po lampomenavwn hjgivneon ajna; a[stu, polu;" dδ ujmevnaio" ojrwvrei: kou'roi dδ ojrchsth're" ejdivneon, ejn dδ a[ra toi'sin 495 aujloi; fovrmiggev" te boh;n e[con: ai} de; gunai'ke" ijstavmenai qauvmazon ejpi; proquvroisin ejkavsth. mandando fuori soffi gagliardi e variati a volte buoni a servirlo con fretta, a volte il contrario, come Efesto voleva e procedeva il lavoro; e bronzo inconsumabile gettò nel fuoco, e stagno, 475 oro prezioso e argento; e poi pose sul piedistallo la grande incudine, afferrò in mano un forte maglio, con l altra afferrò le tanaglie. E fece per primo uno scudo grande e pesante, ornandolo dappertutto; un orlo vi fece, lucido, 480 triplo, scintillante, e una tracolla d argento. Erano cinque le zone dello scudo, e in esso fece molti ornamenti coi suoi sapienti pensieri. Vi fece la terra, il cielo e il mare, l infaticabile sole e la luna piena, 485 e tutti quanti i segni che incoronano il cielo, le Pleiadi, l Iadi e la forza d Orìone e l Orsa, che chiamano col nome di Carro: ella gira sopra se stessa e guarda Orìone, e sola non ha parte dei lavacri d Oceano Vi fece poi due città di mortali, belle. In una erano nozze e banchetti; spose dai talami, sotto torce fiammanti guidavano per la città, s alzava molto «Imeneo!», 2 giovani danzatori giravano, e fra di loro 495 flauti e cetre davano suono; le donne dritte ammiravano, sulla sua porta ciascuna. 1. Non si tuffa mai nel mare, cioè non tramonta mai. 2. «Imeneo» è propriamente il dio delle nozze e anche il canto che s intonava durante la cerimonia nuziale. Nella traduzione esso è forse confuso col grido rituale ÔUmhvn, che s innalzava nella medesima circostanza.

3 PAGINA 3 Laoi; dδ eijn ajgorh'/ e[san ajqrovoi: e[nqa de; nei'ko" wjrwvrei, duvo dδ a[ndre" ejneivkeon ei{neka poinh'" ajndro;" ajpofqimevnou: o} me;n eu[ceto pavntδ ajpodou'nai 500 dhvmw/ pifauvskwn, o} dδ ajnaivneto mhde;n ejlevsqai: a[mfw dδ ijevsqhn ejpi; i[stori pei'rar ejlevsqai. Laoi; dδ ajmfotevroisin ejphvpuon ajmfi;" ajrwgoiv: khvruke" dδ a[ra lao;n ejrhvtuon: oi} de; gevronte" ei{atδ ejpi; xestoi'si livqoi" ijerw'/ ejni; kuvklw/, 505 skh'ptra de; khruvkwn ejn cevrsδ e[con hjerofwvnwn: toi'sin e[peitδ h[i>sson, ajmoibhdi;" de; divkazon. Kei'to dδ a[rδ ejn mevssoisi duvw crusoi'o tavlanta, tw'/ dovmen o}" meta; toi'si divkhn ijquvntata ei[poi. Th;n dδ ejtevrhn povlin ajmfi; duvw stratoi; h{ato law'n 510 teuvcesi lampovmenoi: divca dev sfisin h{ndane boulhv, hje; diapraqevein h] a[ndica pavnta davsasqai kth'sin o{shn ptoliveqron ejphvraton ejnto;" e[ergen: oi} dδ ou[ pw peivqonto, lovcw/ dδ ujpeqwrhvssonto. Tei'co" mevn rjδ a[locoiv te fivlai kai; nhvpia tevkna 515 rjuvatδ ejfestaovte", meta; dδ ajnevre" ou}" e[ce gh'ra": oi} dδ i[san: h\rce dδ a[rav sfin Arh" kai; Palla;" ΔAqhvnh a[mfw cruseivw, cruvseia de; ei{mata e{sqhn, kalw; kai; megavlw su;n teuvcesin, w{" te qewv per ajmfi;" ajrizhvlw: laoi; dδ ujpolivzone" h\san. 520 Oi} dδ o{te dhv rjδ i{kanon o{qi sfivsin ei\ke loch'sai ejn potamw'/, o{qi tδ ajrdmo;" e[hn pavntessi botoi'sin, e[nqδ a[ra toiv gδ i{zontδ eijlumevnoi ai[qopi calkw'/. E v era del popolo nella piazza raccolto: e qui una lite sorgeva: due uomini leticavano per il compenso d un morto; 3 uno gridava d aver tutto dato, 500 dichiarandolo in pubblico, l altro negava d aver niente avuto: entrambi ricorrevano al giudice, per aver la sentenza, il popolo acclamava ad entrambi, di qua e di là difendendoli; gli araldi trattenevano il popolo; i vecchi sedevano su pietre lisce in sacro cerchio, 505 avevano tra mano i bastoni degli araldi voce sonore, con questi si alzavano e sentenziavano ognuno a sua volta; nel mezzo erano posti due talenti d oro, da dare a chi di loro dicesse più dritta giustizia. 4 L altra città circondavano intorno due campi d armati, 510 brillando nell armi; doppio parere piaceva fra loro, 5 o tutto quanto distruggere o dividere in due la ricchezza che l amabile città racchiudeva; quelli però non piegavano; s armavano per un agguato. Il muro, le spose care e i piccoli figli 515 difendevano impavidi, e gli uomini che vecchiaia spossava; gli altri andavano, Ares li conduceva e Pallade Atena, entrambi d oro, vesti d oro vestivano, belli e grandi con l armi, come dèi visibili d ogni parte; gli uomini eran più piccoli. 520 E quando arrivarono dov era deciso l agguato, nel fiume, dov era l abbeverata di tutte le mandrie, qui appunto si accovacciarono, chiusi nel bronzo lucente; 3. Il «compenso / d un morto» è l ammenda che il primo dei due contendenti è tenuto a pagare per aver ucciso un congiunto del secondo. 4. Il senso del verso non è molto chiaro: parrebbe che i due talenti fossero destinati a quello fra gli anziani che avesse pronunziato la sentenza più conforme a giustizia. 5. I vv vanno intesi nel senso che gli assedianti porgono agli assediati un ultimatum: o questi ultimi accettano di spartire con essi i propri beni o la città verrà presa e distrutta.

4 PAGINA 4 Toi'si dδ e[peitδ ajpavneuqe duvw skopoi; ei{ato law'n devgmenoi ojppovte mh'la ijdoivato kai; e{lika" bou'". 525 Oi} de; tavca progevnonto, duvw dδ a{mδ e{ponto nomh'e" terpovmenoi suvrigxi: dovlon dδ ou[ ti pronovhsan. Oi} me;n ta; proi>dovnte" ejpevdramon, w\ka dδ e[peita tavmnontδ ajmfi; bow'n ajgevla" kai; pwvea kala; ajrgennevwn oijw'n, ktei'non dδ ejpi; mhloboth'ra". 530 Oi} dδ wj" ou\n ejpuvqonto polu;n kevladon para; bousi;n eijravwn propavroiqe kaqhvmenoi, aujtivkδ ejfδ i{ppwn bavnte" ajersipovdwn metekivaqon, ai\ya dδ i{konto. Sthsavmenoi dδ ejmavconto mavchn potamoi'o parδ o[cqa", bavllon dδ ajllhvlou" calkhvresin ejgceivh/sin. 535 ΔEn dδ Eri" ejn de; Kudoimo;" ojmivleon, ejn dδ ojloh; Khvr, a[llon zwo;n e[cousa neouvtaton, a[llon a[outon, a[llon teqnhw'ta kata; movqon e{lke podoi'in: ei ma dδ e[cδ ajmfδ w[moisi dafoineo;n ai{mati fwtw'n. ÔWmivleun dδ w{" te zwoi; brotoi; hjdδ ejmavconto, 540 nekrouv" tδ ajllhvlwn e[ruon katateqnhw'ta". ΔEn dδ ejtivqei neio;n malakh;n piveiran a[rouran eujrei'an trivpolon: polloi; dδ ajroth're" ejn aujth'/ zeuvgea dineuvonte" ejlavstreon e[nqa kai; e[nqa. Oi} dδ ojpovte strevyante" ijkoivato tevlson ajrouvrh", 545 toi'si dδ e[peitδ ejn cersi; devpa" melihdevo" oi[nou dovsken ajnh;r ejpiwvn: toi; de; strevyaskon ajnδ o[gmou", ijevmenoi neioi'o baqeivh" tevlson ijkevsqai. ÔH de; melaivnetδ o[pisqen, ajrhromevnh/ de; ejwv/kei, e v erano un po lontano due spie dell esercito, spianti quando le greggi vedessero e i bovi lunati Ed ecco vennero avanti, due pastori seguivano, e si dilettavan del flauto, non sospettavano agguato. Essi, vedendoli, corsero e presto tagliarono fuori le mandrie dei bovi, le greggi belle di candide pecore, e uccisero i pastori. 530 Ma gli altri, 7 come udirono molto urlìo in mezzo ai bovi mentre sedevano nell adunanza, subito sopra i cavalli scalpitanti balzarono, li inseguirono e li raggiunsero; e si fermarono e combatterono lungo le rive del fiume; gli uni colpivano gli altri con l aste di bronzo, 535 Lotta e Tumulto 8 era fra loro e la Chera di morte, che afferrava ora un vivo ferito, ora un illeso o un morto tirava pei piedi in mezzo alla mischia. Veste vestiva sopra le spalle, rossa di sangue umano. E come fossero uomini vivi si mescolavano e lottavano 540 e trascinavano i morti nella strage reciproca. Vi pose anche un novale 9 molle, e un campo grasso, largo, da tre arature; e qui molti aratori voltando i bovi aggiogati di qua e di là, li spingevano: e quando giungevano alla fine del campo, a girare, 545 allora una coppa di vino dolcissimo in mano poneva loro un uomo, appressandosi; e solco per solco giravano, bramosi di arrivare alla fine del maggese profondo. Dietro nereggiava la terra, pareva arata, 6. I buoi sono detti «lunati» dalla forma ricurva delle loro corna. 7. «Gli altri» sono gli assedianti. 8. Lotta e Tumulto sono due personificazioni demoniche. 9. «Novale» è lo stesso che «maggese», cioè il campo lasciato a riposo.

5 PAGINA 5 cruseivh per ejou'sa: to; dh; peri; qau'ma tevtukto. 550 ΔEn dδ ejtivqei tevmeno" basilhvi>on: e[nqa dδ e[riqoi h[mwn ojxeiva" drepavna" ejn cersi;n e[conte". Dravgmata dδ a[lla metδ o[gmon ejphvtrima pi'pton e[raze, a[lla dδ ajmallodeth're" ejn ejlledanoi'si devonto. Trei'" dδ a[rδ ajmallodeth're" ejfevstasan: aujta;r o[pisqe 555 pai'de" dragmeuvonte" ejn ajgkalivdessi fevronte" ajsperce;" pavrecon: basileu;" dδ ejn toi'si siwph'/ skh'ptron e[cwn ejsthvkei ejpδ o[gmou ghqovsuno" kh'r. Khvruke" dδ ajpavneuqen ujpo; drui dai'ta pevnonto, bou'n dδ ijereuvsante" mevgan a[mfepon: ai} de; gunai'ke" 560 dei'pnon ejrivqoisin leuvkδ a[lfita polla; pavlunon. ΔEn dδ ejtivqei stafulh'/si mevga brivqousan ajlwh;n kalh;n cruseivhn: mevlane" dδ ajna; bovtrue" h\san, ejsthvkei de; kavmaxi diampere;" ajrgurevh/sin. ΔAmfi; de; kuanevhn kavpeton, peri; dδ e{rko" e[lasse 565 kassitevrou: miva dδ oi[h ajtarpito;" h\en ejpδ aujthvn, th'/ nivsonto forh'e" o{te trugovw/en ajlwhvn. Parqenikai; de; kai; hji?qeoi ajtala; fronevonte" plektoi'" ejn talavroisi fevron melihdeva karpovn. Toi'sin dδ ejn mevssoisi pavi>" fovrmiggi ligeivh/ 570 ijmeroven kiqavrize, livnon dδ ujpo; kalo;n a[eide leptalevh/ fwnh'/: toi; de; rjhvssonte" ajmarth'/ molph'/ tδ ijugmw'/ te posi; skaivronte" e{ponto. ΔEn dδ ajgevlhn poivhse bow'n ojrqokrairavwn: ai} de; bove" crusoi'o teteuvcato kassitevrou te, pur essendo d oro; ed era gran meraviglia. 550 Vi pose ancora un terreno regale; 10 qui mietitori mietevano, falci taglienti avevano tra mano; i mannelli, alcuni sul solco cadevano, fitti, per terra, altri i legatori stringevano con legami di paglia; v erano tre legatori, in piedi; ma dietro 555 fanciulli, spigolando, portando le spighe a bracciate, le davano continuamente. Il re fra costoro, in silenzio, tenendo lo scettro, stava sul solco, godendo in cuore. Gli araldi in disparte sotto una quercia preparavano il pasto, e ucciso un gran bue, lo imbandivano; le donne 560 versavano, pranzo dei mietitori, molta bianca farina. Vi pose anche una vigna, stracarica di grappoli, bella, d oro; i grappoli neri pendevano: era impalata da cima a fondo di pali d argento; e intorno condusse un fossato di smalto e una siepe 565 di stagno; un solo sentiero vi conduceva, per cui passavano i coglitori a vendemmiare la vigna; fanciulle e giovani, sereni pensieri nel cuore, in canestri intrecciati portavano il dolce frutto e in mezzo a loro un ragazzo con una cetra sonora 570 graziosamente sonava e cantava un bel canto con la voce sottile; quelli battendo a tempo, danzando, gridando e saltellando seguivano. E vi fece una mandria di vacche corna diritte; le vacche erano d oro e di stagno, 10. Il tevmeno" basilhvi>on cui si fa riferimento nel testo greco è in realtà un appezzamento di terreno appartenente a un basileuv", cioè a un principe locale. La traduzione «regale» («re» al v. 556) non tiene conto che almeno in epoca micenea il sovrano è detto wanax.

6 PAGINA mukhqmw'/ dδ ajpo; kovprou ejpesseuvonto nomo;n de; pa;r potamo;n kelavdonta, para; rjodano;n donakh'a. Cruvseioi de; nomh'e" a{mδ ejsticovwnto bovessi tevssare", ejnneva dev sfi kuvne" povda" ajrgoi; e{ponto. Smerdalevw de; levonte duvδ ejn prwvth/si bovessi 580 tau'ron ejruvgmhlon ejcevthn: o} de; makra; memukw;" e{lketo: to;n de; kuvne" metekivaqon hjdδ aijzhoiv. Tw; me;n ajnarrhvxante boo;" megavloio boeivhn e[gkata kai; mevlan ai ma lafuvsseton: oi} de; nomh'e" au[tw" ejndivesan taceva" kuvna" ojtruvnonte". 585 Oi} dδ h[toi dakevein me;n ajpetrwpw'nto leovntwn, ijstavmenoi de; mavlδ ejggu;" ujlavkteon e[k tδ ajlevonto. ΔEn de; nomo;n poivhse perikluto;" ajmfiguhvei" ejn kalh'/ bhvssh/ mevgan oijw'n ajrgennavwn, staqmouv" te klisiva" te kathrefeva" ijde; shkouv". 590 ΔEn de; coro;n poivkille perikluto;" ajmfiguhvei", tw'/ i[kelon oi ovn potδ ejni; Knwsw'/ eujreivh/ Daivdalo" h[skhsen kalliplokavmw/ ΔAriavdnh/. Enqa me;n hji?qeoi kai; parqevnoi ajlfesivboiai ojrceu'ntδ ajllhvlwn ejpi; karpw'/ cei'ra" e[conte". 595 Tw'n dδ ai} me;n lepta;" ojqovna" e[con, oi} de; citw'na" ei{atδ eju>nnhvtou", h\ka stivlbonta" ejlaivw/: kaiv rjδ ai} me;n kala;" stefavna" e[con, oi} de; macaivra" ei\con cruseiva" ejx ajrgurevwn telamwvnwn. Oi} dδ ojte; me;n qrevxaskon ejpistamevnoisi povdessi 600 rjei'a mavlδ, wj" o{te ti" troco;n a[rmenon ejn palavmh/sin 575 muggendo dalla stalla movevano al pascolo lungo il fiume sonante e i canneti flessibili; pastori d oro andavano con le vacche, quattro, e nove cani piedi rapidi li seguivano. Ma fra le prime vacche due spaventosi leoni 580 tenevano un toro muggente; e quello alto mugghiando veniva tirato; lo ricercavano i giovani e i cani, ma i leoni, stracciata già del gran toro la pelle, tracannavan le viscere e il sangue nero; i pastori li inseguivano invano, aizzando i cani veloci: 585 questi si ritraevano dal mordere i leoni, ma stando molto vicino, abbaiavano e li evitavano. E un pascolo vi fece lo Storpio glorioso, 11 in bella valle, grande, di pecore candide, e stalle e chiusi e capanne col tetto. 590 E una danza vi ageminò 12 lo Storpio glorioso; simile a quella che in Cnosso vasta un tempo Dedalo 13 fece ad Ariadne riccioli belli. Qui giovani e giovanette che valgono molti buoi, 14 danzavano, tenendosi le mani pel polso: 595 queste avevano veli sottili, e quelli tuniche ben tessute vestivano, brillanti d olio soave; ed esse avevano belle corone, questi avevano spade d oro, appese a cinture d argento; e talvolta correvano con i piedi sapienti, 600 agevolmente, come la ruota ben fatta tra mano 11. Lo Storpio è Efesto, dio zoppo. La menomazione rimanda forse a strutture sociali primitive, in cui le mansioni artigiane sono affidate a invalidi, incapaci di combattere. 12. La tecnica dell ageminatura consiste nella lavorazione artistica dei metalli ad incastro. 13. Dedalo è il mitico artefice e Ariadne (Arianna) la figlia del re cretese Minosse (Cnosso è l antica capitale dell isola). 14. I buoi costituivano la dote nuziale delle fanciulle.

7 PAGINA 7 ejzovmeno" kerameu;" peirhvsetai, ai[ ke qevh/sin: a[llote dδ au\ qrevxaskon ejpi; stivca" ajllhvloisi. Pollo;" dδ ijmeroventa coro;n periivstaqδ o{milo" terpovmenoi: doiw; de; kubisthth're katδ aujtou;" 605 molph'" ejxavrconte" ejdivneuon kata; mevssou". ΔEn dδ ejtivqei potamoi'o mevga sqevno" ΔWkeanoi'o a[ntuga pa;r pumavthn savkeo" puvka poihtoi'o. Aujta;r ejpei; dh; teu'xe savko" mevga te stibarovn te, teu'xδ a[ra oij qwvrhka faeinovteron puro;" aujgh'", 610 teu'xe dev oij kovruqa briarh;n krotavfoi" ajrarui'an kalh;n daidalevhn, ejpi; de; cruvseon lovfon h ke, teu'xe dev oij knhmi'da" ejanou' kassitevroio. Aujta;r ejpei; pavnqδ o{pla kavme kluto;" ajmfiguhvei", mhtro;" ΔAcillh'o" qh'ke propavroiqen ajeivra". 615 ÔH dδ i[rhx w}" a\lto katδ Oujluvmpou nifovento" teuvcea marmaivronta parδ ÔHfaivstoio fevrousa. prova il vasaio, sedendo, per vedere se corre; altre volte correvano in file, gli uni verso gli altri. E v era molta folla intorno alla danza graziosa, rapita; due acrobati intanto 605 dando inizio alla festa roteavano in mezzo. Infine vi fece la gran possanza del fiume Oceano 15 lungo l ultimo giro del solido scudo. Ma quando ebbe fatto lo scudo forte e pesante, una corazza gli fece, splendente più che la vampa del fuoco, 610 gli fece un elmo fortissimo, adattato alle tempie, bello, ornato, e sopra un aureo cimiero vi pose; e gli fece schinieri di duttile stagno. E quando tutte l armi ebbe fatto lo Storpio glorioso, le sollevò e le pose davanti alla madre d Achille; 615 ella come sparviero balzò giù dall Olimpo nevoso, portando l armi scintillanti d Efesto. (trad. di R. Calzecchi Onesti, op. cit.) 15. L Oceano è qui immaginato come un fiume che circonda la terra, a sua volta raffigurata come un disco.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA Sei in campagna, seduto su un bel prato e guardi il cielo, che cosa vedi?.le STELLE!! Guarda bene: non ti sembra che il cielo assomigli ad

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi Gli scavi successivi condotti dallo stesso Evans a Cnosso e da altri archeologi a Festo, Haghià Triada, Mallia, Gurnià, Zacros

Dettagli

L AEDO e IL PUBBLICO

L AEDO e IL PUBBLICO L AEDO e IL PUBBLICO Elementi per ricostruire la figura dell aedo e la funzione del suo canto in epoca arcaica si trovano: nell Iliade nell Odissea diversi passaggi dell Inno a Ermes (Inni omerici, IV)

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

BELLEI ANDREA BERTELLI LEONARDO FERRACINI ALESSANDRO MANICARDI PIETRO 1 Abstract Pagina Motivazione Pagina 4 Problema Pagina 5 Differenze fra le 2 maschere Pagina 6 Analisi dei reperti Pagina 7-8 Egizi

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata. un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad

La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata. un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad affascinare tutti, soprattutto noi ragazzi. Il cielo è stato pressoché dimenticato per

Dettagli

TITOLO: La pittura vascolare

TITOLO: La pittura vascolare 1E 120308_CaloriPitturavascolare, Pagina 1 di 5 TITOLO: La pittura vascolare La pittura vascolare: tutto ciò che resta della pittura greca Vario utilizzo e tipologie dei vasi Vari stili di pittura vascolare

Dettagli

La corsa. La città di Olimpia. Olimpia. Le Olimpiadi nel mondo Greco. Il pugilato. La corsa dei carri. Il giavellotto Il salto Il disco

La corsa. La città di Olimpia. Olimpia. Le Olimpiadi nel mondo Greco. Il pugilato. La corsa dei carri. Il giavellotto Il salto Il disco La città di Olimpia La corsa La lotta La corsa dei carri Olimpia Le Olimpiadi nel mondo Greco Il pugilato Il giavellotto Il salto Il disco Le origini dei Giochi sono circondate da miti e leggende, ma la

Dettagli

PAESI DEL MONDO KENYA. Il mio amico SAFARI. di Massimo Leoncini. febbraio 2011 - GEOMONDO - 36

PAESI DEL MONDO KENYA. Il mio amico SAFARI. di Massimo Leoncini. febbraio 2011 - GEOMONDO - 36 PAESI DEL MONDO KENYA Il mio amico SAFARI di Massimo Leoncini febbraio 2011 - GEOMONDO - 36 In questi giorni invernali di freddo, pioggia e neve mi sono trovato per caso a guardare le foto del bellissimo

Dettagli

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57 CRETA e MICENE 1700-1400 1400 a.c. La civiltà minoica (dal re Minosse) ) si sviluppa parallelamente a quella egizia e mesopotamica La posizione geografica di è strategica per l area del Mediterraneo Già

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Giovanni Pascoli (1855-1912)

Giovanni Pascoli (1855-1912) Giovanni Pascoli (1855-1912) Giovanni Pascoli: la vita 1855: nasce a S. Mauro di Romagna 10 agosto 1867: muore il padre, assassinato 1873: borsa di studio, frequenta la facoltà di lettere a Bologna. Aderisce

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

L U N E D Ì M A R T E D Ì M E R C O L E D Ì G I O V E D Ì V E N E R D Ì S A B A T O D O M E N I C A

L U N E D Ì M A R T E D Ì M E R C O L E D Ì G I O V E D Ì V E N E R D Ì S A B A T O D O M E N I C A 2 0 1 5 C O S T E L L A Z I O N E : S A G I T T A RI U S [ S A G I T T A R I O ] Centauro raffigurato nell atto di scagliare una freccia. Secondo la leggenda, con una freccia uccise lo Scorpione che punse

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La chiamata alla speranza

La chiamata alla speranza La chiamata alla speranza Preghiera mensile Dicembre 2015 1.- Introduzione L'Avvento è un tempo per rispondere alla "chiamata alla speranza". La nostra è la speranza che abbiamo nella nascita di Cristo,

Dettagli

Andrea Vecchio. Acciughe. racconti minimi EUNOEDIZIONI

Andrea Vecchio. Acciughe. racconti minimi EUNOEDIZIONI TÒPOI 2 Andrea Vecchio Acciughe racconti minimi EUNOEDIZIONI Tòpoi collana a cura di Francesco Pontorno Copyright Andrea Vecchio Acciughe copyright 2012 Euno Edizioni 94013 Leonforte (En) / Piazza Margherita

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

TESTO SEMPLIFICATO PER ALLIEVI NON ITALOFONI

TESTO SEMPLIFICATO PER ALLIEVI NON ITALOFONI TESTO SEMPLIFICATO PER ALLIEVI NON ITALOFONI DI ALESSANDRA SPREAFICO, REVISIONE A CURA DI ANGELA PLAZZOTTA, CENTRO COME 2 IL TESTO CHE ABBIAMO SEMPLIFICATO È STATO REALIZZATO PER ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole.

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. I G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. PENISOLA: territorio bagnato tre parti dal mare ed

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

Giostre e tornei. da " I vanhoe": Da scudiero a cavaliere

Giostre e tornei. da  I vanhoe: Da scudiero a cavaliere Giostre e tornei Fig.1 da " I vanhoe": Da scudiero a cavaliere C on uno sbuffo, i due cavalli corazzati partirono dalle cime della lizza e, alzando nubi di polvere, si lanciarono a galoppo. A metà della

Dettagli

Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore?

Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore? Parrocchia Gesù Crocifisso VAJONT Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore? INCONTRO CEB E GRUPPI FAMILIARI Marzo 2012 Presso fam. Via giorno Ore Introduzione Tutti abbiamo una grande sete di amore,

Dettagli

la cantina Il vino, per la nostra famiglia, è una storia presente che rimanda al passato. Il nonno coltivava la vigna e così il nonno del nonno. Oggi, nel solco della tradizione, noi portiamo avanti la

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è malinconianuda sono qui nuda appesa al chiodo della mia malinconia di questa mia grande malinconia che è qui presente incolmabile immensa e mi tiene prigioniera il capo reclinato i capelli sciolti e biondi

Dettagli

Osserva e scopri! Vi sono insenature naturali. Creta. Osservala attentamente e rispondi

Osserva e scopri! Vi sono insenature naturali. Creta. Osservala attentamente e rispondi I Cretesi L ambiente Vi sono insenature naturali. Osserva e scopri! Questa fotografia mostra l isola di Creta. Osservala attentamente e rispondi alle domande. Com è il territorio? Secondo te, c è la possibilità

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti w w w. p r o g p h o t o a g e n c y. c o m Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra Testo e foto: Giuseppe Famiglietti Onore Agli Eroi Una speranza di pace

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

ESCURSIONI. DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint.

ESCURSIONI. DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint. ESCURSIONI DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint. Alla scoperta dei colli di Barga Questa è l escursione ideale per chi vuole scoprire senza

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Canzoni di Carnevale

Canzoni di Carnevale Canzoni di Carnevale CORIANDOLI Testo e Musica di Pietro Diambrini Prendi un foglio di carta, prendilo colorato, prendi le forbicine col bordo arrotondato, taglia, taglia, taglia, taglia, e tanti coriandoli

Dettagli

I Giochi Tradizionali all Aria Aperta

I Giochi Tradizionali all Aria Aperta I Giochi Tradizionali all Aria Aperta Salta cavallo a lungo a lungo Lo scaricabarile Giocatori maschi almeno 6 Si formavano due quadre con un uguale numero di concorrenti. I componenti di una delle due

Dettagli

CAMPIONE 100 bambini PROCEDURA. 50 di 4/5 anni 50 di 7/8 anni

CAMPIONE 100 bambini PROCEDURA. 50 di 4/5 anni 50 di 7/8 anni Con tutto il corpo: le espressioni emotive durante la fruizione Mi è piaciuto...o no: Like/Dislike Questionnarie La parola: il bambino racconta le proprie emozioni; Il disegno: il bambino rielabora le

Dettagli

Schiassi 20120127_Arte cretese, Pagina 1 di 6

Schiassi 20120127_Arte cretese, Pagina 1 di 6 Schiassi 20120127_Arte cretese, Pagina 1 di 6 CIVILTà CRETESE RIASSUNTO DELLA LEZIONE TIPO TWEET Twitter is an online social networking and microblogging service that enables its users to send and read

Dettagli

Un lapbook sulla civiltà micenea

Un lapbook sulla civiltà micenea Un lapbook sulla civiltà micenea In queste pagine inserisco materiale che può ispirare la costruzione di un lapbook sulla civiltà degli Achei. Resta fermo, però, il principio che un lapbook non è un lavoretto

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

narrazione percorso Espressivo creativo Scuola Primaria M.S. Tiozzo Classi quarte

narrazione percorso Espressivo creativo Scuola Primaria M.S. Tiozzo Classi quarte QUANDO LE ARTI SI INCONTRANO INCONTRANO Musica, arte, Musica arte narrazione sii intrecciano i t i i un in p percorso Espressivo creativo Scuola Primaria M.S. Tiozzo Classi quarte Senti, senti.. le note

Dettagli

Sul diritto della navigazione nell antica Grecia

Sul diritto della navigazione nell antica Grecia Massimiliano Musi Sul diritto della navigazione nell antica Grecia ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173 Roma

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca 1 Le origini Mentre nel Mar Mediterraneo si sviluppava la civiltà cretese in Grecia vi erano molti villaggi e alcune città più importanti. Una di queste

Dettagli

GLI ELFI DI BABBO NATALE

GLI ELFI DI BABBO NATALE Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it GLI ELFI DI BABBO NATALE Gioco in Oratorio Genere: a stand Ambienti: sia in interno che in esterno Età: bambini delle elementari/medie AMBIENTAZIONE

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

I testi delle canzoni del nostro spettacolo natalizio Il cerchio della vita

I testi delle canzoni del nostro spettacolo natalizio Il cerchio della vita I testi delle canzoni del nostro spettacolo natalizio Il cerchio della vita E un bel giorno ti accorgi che esisti che sei parte del mondo anche tu non per tua volontà e ti chiedi chissà siamo qui per volere

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Orientarsi con un bastone

Orientarsi con un bastone Orientarsi con un bastone Pianta in terra un bastone, puntandolo verso il sole in maniera che non faccia ombra sul terreno. Dopo almeno una ventina di minuti apparirà l ombra alla base del bastone, questa

Dettagli

VIAGGIO TRA LO SPAZIO

VIAGGIO TRA LO SPAZIO PROGETTO DI ASTRONOMIA VIAGGIO TRA LO SPAZIO Soggetti coinvolti: bambini di 5 anni della scuola dell infanzia statale di Ceregnano SEZIONE TRILLY ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLADOSE (RO) Insegnanti impegnate

Dettagli

SUL MATRIMONIO. Kahlil Gibran

SUL MATRIMONIO. Kahlil Gibran SUL MATRIMONIO Allora Almitra di nuovo parlò e disse: Che cos è il Matrimonio, maestro? E lui rispose dicendo: Voi siete nati insieme e insieme starete per sempre. Sarete insieme quando le bianche ali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL GONFALONE, DELLO STEMMA PROVINCIALE E DELLA BANDIERA NAZIONALE, DELL UNIONE EUROPEA E DELL ONU Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 1 del

Dettagli

SCHEDA GRECIA ARTE VASCOLARE GRECA. Cod.6301 - cm. 35x35-596,00 Cod.6301-1 - cm. 20x20-278,00

SCHEDA GRECIA ARTE VASCOLARE GRECA. Cod.6301 - cm. 35x35-596,00 Cod.6301-1 - cm. 20x20-278,00 SCHEDA GRECIA Achille e Patroclo ARTE VASCOLARE GRECA Achille, mitico eroe greco che fascia il braccio all'amico Patroclo. Questi, posato il suo elmo, volta la testa da un lato per non far notare le smorfie

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical Rimini, Centro Tarkosvkij - 31 ottobre e 1 novembre 2007 I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista presentano Musical Regia di Christine Joan in collaborazione con Don Alessandro Zavattini e

Dettagli

Il carnevale. Venezia, Regina del carnevale. Jules A. Guillaume C.

Il carnevale. Venezia, Regina del carnevale. Jules A. Guillaume C. C'è allegria per il carnevale Ci sono spettacoli con musica La gente balla, canta, mangia Dolci, frittelle, zucchero filato. La gente è travestita Con bellissimi costumi e maschere. Due ragazzi sono travestiti

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

TRADIZIONI CINESI. secondo me il fatto che la donna possa avere un bambino è grandioso; la nascita è un evento felice, dobbiamo ringraziare Dio

TRADIZIONI CINESI. secondo me il fatto che la donna possa avere un bambino è grandioso; la nascita è un evento felice, dobbiamo ringraziare Dio DALLA CINA LA NASCITA TRADIZIONI CINESI secondo me il fatto che la donna possa avere un bambino è grandioso; la nascita è un evento felice, dobbiamo ringraziare Dio In Cina, tutti sono contenti quando

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne la simbologia con domande stimolo: - Perché la Storia

Dettagli

Lo sport nell'antica Roma

Lo sport nell'antica Roma Lo sport nell'antica Roma A Roma gli spettacoli sportivi più praticati erano le corse dei cavalli,che si tenevano al Circo Massimo,che sorgeva nell avvallamento tra il colle Palatino e l Aventino. Si diceva

Dettagli

Volti da ricordare by VendemiaireWings

Volti da ricordare by VendemiaireWings Volti da ricordare by VendemiaireWings Vestiario per gli uomini http://www.vazia.it/images/lisciano/contadini%20lisciano.jpg http://www.bresso.net/flex/images/d.86e4fa2c2a84a9f7f245/contadini.jpg Per le

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

PERUGIA, FONTANA MAGGIORE

PERUGIA, FONTANA MAGGIORE L erogazione dell acqua per le necessità quotidiane avveniva attraverso le fontane le cui forme primitive andarono evolvendosi e impreziosendosi nei secoli. Del 1278 è la fontana della piazza principale

Dettagli

NAVIGANDO TRA I COLORI DI PUGLIA

NAVIGANDO TRA I COLORI DI PUGLIA NAVIGANDO TRA I COLORI DI PUGLIA Navigare per mare, castelli e abbazie, addentrarsi fra le cur ve dei muret ti a secco. Gustare la sapienza del vino dei trulli. TOUR IN BARCA CON BRUNCH A BORDO MONOPOLI

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Progetto Continuità. Laboratorio di Scrittura creativa

Progetto Continuità. Laboratorio di Scrittura creativa Progetto Continuità Laboratorio di Scrittura creativa A cura delle prof.sse Simon Paola e Tanese Cinzia con gli alunni della classe 5 A di Gandoli e con la partecipazione di alcuni alunni della classe

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

Il pittogramma di Chaco Canyon rappresenta la supernova SN1054?

Il pittogramma di Chaco Canyon rappresenta la supernova SN1054? Il pittogramma di Chaco Canyon rappresenta la supernova SN1054? Immagine: il Grande Kiva di Chetro Ketl, una delle Grandi Case nel Chaco Canyon (New Mexico, USA). Fonte: Chaco Canyon National Historical

Dettagli

T r a n s e u r o p A

T r a n s e u r o p A T r a n s e u r o p A EDIZIONI valerio evangelisti l i n q u i s i t o r e e i portatori di luce t r a n s e u r o p a inaudita big La collana si propone di mostrare il laboratorio segreto dei Big della

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

FAMMI CRESCERE I DENTI DAVANTI INTERVENTO EDUCAZIONE SANITARIA: IGIENE DENTALE

FAMMI CRESCERE I DENTI DAVANTI INTERVENTO EDUCAZIONE SANITARIA: IGIENE DENTALE FAMMI CRESCERE I DENTI DAVANTI INTERVENTO EDUCAZIONE SANITARIA: IGIENE DENTALE TARGET INTERVENTO RIVOLTO AI BAMBINI PRIMO CICLO SCUOLA ELEMENTARE METODOLOGIA ANIMAZIONE TEATRALE CON UTILIZZO DI STRUMENTI

Dettagli

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri Vento e batticuore In primavera mi comporto da pantera prendo la corriera e torno a casa la sera Entro in un bar, apro la porta e mi vedo arrivare una cameriera con la gonna corta! Dalla finestra sento

Dettagli

I sigilli di Hammurabi

I sigilli di Hammurabi I sigilli di Hammurabi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non

Dettagli

FERIE DELLE MESSI 19-20 - 21 giugno 2015

FERIE DELLE MESSI 19-20 - 21 giugno 2015 FERIE DELLE MESSI 19-20 - 21 giugno 2015 L Associazione Cavalieri di Santa Fina, il cui nome onora Fina dei Ciardi, la giovinetta morta in odore di santità il 12 marzo 1253 e diventata compatrona di San

Dettagli

Gli dei che troviamo in queste storie avevano difetti umani (avidità, gelosia, collera, ecc...) o forze sovrumane. A volte si comportavano bene,

Gli dei che troviamo in queste storie avevano difetti umani (avidità, gelosia, collera, ecc...) o forze sovrumane. A volte si comportavano bene, La mitologia greca è la raccolta di tutte quelle storie molto ma molto avventurose che nei tempi antichi furono inventate per spiegare le origini del mondo e dell uomo ed anche per parlare della natura

Dettagli

Tecniche di guida e ausili per la mobilità

Tecniche di guida e ausili per la mobilità Tecniche di guida e ausili per la mobilità Lega del Filo d Oro Onlus Via Montecerno, 1-60027 Osimo (AN) telefono 071 72.45.1 - fax 071 71.71.02 part. iva 01185590427 - cod. fisc. 80003150424 www.legadelfilodoro.it

Dettagli

IC Conti JESI. Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F

IC Conti JESI. Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F IC Conti JESI Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F CENTRO- PERIFERIA Mappa Concettuale CENTRO PERIFERIA = SPAZI GERACHICIZZATI con SCAMBIO INEGUALE caratterizzati dall intercambiabilità

Dettagli

IL COLONIALISMO INDICAZIONI

IL COLONIALISMO INDICAZIONI IL COLONIALISMO DESTINATARI Il percorso proposto si rivolge ad alunni stranieri di almeno nove anni e può essere adattato anche per gli studenti dei corsi per adulti. PREREQUISITI Sapersi orientare con

Dettagli