LA RESPONSABILITÀ PER DANNO DA PRODOTTO DIFETTOSO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RESPONSABILITÀ PER DANNO DA PRODOTTO DIFETTOSO"

Transcript

1 Seminario LA RESPONSABILITÀ PER DANNO DA PRODOTTO DIFETTOSO Avv. Enzo Bacciardi Avv. Marco Bertini 10 luglio 2012 ore 9.30 Loggia dei Mercanti, Via della Loggia n. 1, Ancona 1

2 DEFINIZIONE DI PRODUCT LIABILITY Con l'espressione "product liability" o "responsabilità per danno da prodotto difettoso" si intende: l obbligo di risarcire i danni causati a persone o a cose da un prodotto difettoso. 2

3 Ai fini della product liability, un prodotto si considera difettoso quando cagiona danni a persone e/o a cose a fronte di "difetti" riconducibili alle fasi di: progettazione fabbricazione assemblaggio conservazione messa in circolazione 3

4 La responsabilità per product liability fa carico al "produttore" il quale è identificabile come qualsiasi persona fisica o giuridica che: progetti fabbrichi assembli importi metta in circolazione un prodotto, sia con marchio proprio che con marchio altrui. 4

5 DEFINIZIONE DI GARANZIA La garanzia è l obbligo, facente capo al venditore, di garantire che il prodotto venduto è privo di vizi e/o difetti di conformità. La garanzia può avere altresì ad oggetto: il corretto funzionamento del prodotto per l intera durata della garanzia, senza necessità di alcuna manutenzione; il raggiungimento di un determinato livello di rendimento e di perfomance come nel caso di un macchinario industriale. 5

6 GARANZIA LEGALE E GARANZIA COMMERCIALE L obbligo di garanzia può essere: a) imposto al venditore dalla legge (garanzia legale - obbligatoria); oppure b) assunto dal venditore, su base volontaria (garanzia commerciale - facoltativa). 6

7 PRODUCT LIABILITY = RESPONSABILITÀ EXTRACONTRATTUALE PER DANNO DA PRODOTTO DIFETTOSO - PERICOLOSO La product liability costituisce una forma di responsabilità extracontrattuale per danno da prodotto difettoso la quale, pertanto, può insorgere in capo ad un soggetto, il "produttore", anche se tra quest'ultimo e il soggetto danneggiato non esiste un rapporto contrattuale diretto. 7

8 GARANZIA = RESPONSABILITÀ CONTRATTUALE PER PRODOTTO NON CONFORME La garanzia costituisce una responsabilità contrattuale per non conformità e difetti del prodotto, la quale sorge invece in capo al venditore, nei confronti del proprio acquirente diretto, in forza della legge o di un contratto, a fronte della violazione degli obblighi nascenti dal contratto di vendita. 8

9 PRODUCT LIABILITY Il soggetto che, utilizzando un forno a micro-onde, abbia subito lesioni personali a causa di un difetto del sistema di alimentazione, potrà agire in giudizio direttamente nei confronti del produttore anche se quest'ultimo non è il soggetto che gli ha venduto il prodotto. PRODUTTORE vende a RIVENDITORE che rivende a UTILIZZATORE FINALE 9

10 GARANZIA Nel caso in cui, nella vendita del suddetto forno a microonde, il venditore abbia garantito al proprio acquirente diretto l assenza di difetti sul prodotto per un periodo di due anni, l acquirente potrà esercitare, solamente nei confronti del venditore da cui ha acquistato il prodotto, i diritti riconosciutigli dalla legge in caso di difetti del prodotto. PRODUTTORE vende a RIVENDITORE che rivende a UTILIZZATORE FINALE 10

11 È inoltre possibile, e spesso frequente, che, in relazione al medesimo prodotto, lo stesso soggetto (ad esempio il produttore/venditore) sia tenuto a rispondere: a) sia a titolo di responsabilità contrattuale garanzia per non conformità o difetti del prodotto; b) sia a titolo di responsabilità extracontrattuale - product liability per danni da prodotto difettoso 11

12 Ad esempio, se il forno a micro-onde, allo stesso tempo: a) è affetto da non conformità o da difetti; e b) cagiona un danno a persone e/o a cose; il produttore/venditore potrà essere tenuto a: i. riparare o sostituire il prodotto ai sensi delle norme in tema di garanzia (responsabilità contrattuale); ii. risarcire i danni cagionati a persone e/o a cose dal prodotto, ai sensi delle norme in tema di product liability (responsabilità extracontrattuale); 12

13 LA LEGGE APPLICABILE IN AMBITO NAZIONALE In ambito nazionale (vale a dire qualora il produttore e il danneggiato abbiano entrambi la propria residenza o sede legale in Italia), la materia della product liability sarà regolata dalle previsioni dettate dal Codice del Consumo e, in particolare, dal titolo II della parte IV di tale Codice intitolato «Responsabilità per danno da prodotti difettosi». 13

14 LA LEGGE APPLICABILE IN AMBITO INTERNAZIONALE In ambito internazionale, non esistono convenzioni internazionali che contengano una normativa sostanziale sulla product liability come, ad esempio, la Convenzione di Vienna del 1980 nel caso della vendita internazionale. Pertanto, nel rapporto tra un produttore italiano e un danneggiato straniero, occorrerà stabilire se alla vendita di applichi, in tema di product liability, la legge italiana, ovvero la legge straniera dell'utilizzatore finale. 14

15 LA LEGGE APPLICABILE IN AMBITO INTERNAZIONALE Nella materia della product liability, infatti, non è possibile la scelta della legge applicabile in quanto tra il produttore e il soggetto danneggiato dal prodotto non esiste un rapporto contrattuale diretto. 15

16 LA LEGGE APPLICABILE IN AMBITO INTERNAZIONALE Di conseguenza: occorrerà individuare la legge che risulterà applicabile al rapporto (di natura non contrattuale) venutosi a creare tra il produttore e il soggetto danneggiato dal prodotto; a nulla rilevando le clausole di scelta della legge applicabile che il produttore abbia eventualmente inserito nei contratti con i propri distributori o acquirenti finali. 16

17 LA GIURISDIZIONE IN AMBITO NAZIONALE In ambito nazionale (vale a dire qualora il produttore e il danneggiato abbiano entrambi la propria residenza o sede legale in Italia), il danneggiato potrà citare in giudizio il produttore avanti al giudice italiano del luogo in cui: a) il produttore ha la propria sede legale; b) si è verificato il danno. 17

18 LA GIURISDIZIONE IN AMBITO INTERNAZIONALE In ambito internazionale, non esistono nemmeno convenzioni internazionali che stabiliscano quale giudice sia competente in caso di controversie in tema di product liability (eccetto che in ambito europeo). Di conseguenza, nel rapporto tra un produttore italiano e un danneggiato straniero occorrerà stabilire se il giudice competente a risolvere la controversia tra le parti sia il giudice italiano ovvero il giudice straniero del danneggiato. 18

19 LA GIURISDIZIONE IN AMBITO INTERNAZIONALE Nella materia della product liability, infatti, non è possibile la scelta preventiva del giudice a cui devolvere la risoluzione delle eventuali controversie in quanto tra il produttore e il soggetto danneggiato dal prodotto non esiste quasi mai un rapporto contrattuale diretto. 19

20 LA GIURISDIZIONE IN AMBITO INTERNAZIONALE Di conseguenza: a) occorrerà individuare il giudice che risulterà competente a risolvere le controversie relative al rapporto (di natura non contrattuale) venutosi a creare tra il produttore e il danneggiato dal prodotto; b) a nulla rilevando le clausole di scelta della giurisdizione e del foro che il produttore abbia eventualmente inserito nei contratti con i propri distributori o acquirenti finali. 20

21 LA LEGGE APPLICABILE NEI RAPPORTI TRA SOGGETTI COMUNITARI (produttore e danneggiato) Il giudice dovrà individuare la legge applicabile sulla base dei criteri dettati dal Regolamento CE n. 864/2007 in tema di legge applicabile alle obbligazioni extracontrattuali - Regolamento Roma II -. L'articolo 5, comma 1 di tale Regolamento prevede che: "la legge applicabile all'obbligazione extracontrattuale che deriva da danni causati da un prodotto è: 21

22 LA LEGGE APPLICABILE a) la legge del paese in cui la persona che ha subito il danno risiedeva abitualmente quando si è verificato il danno, se il prodotto è stato commercializzato in tale paese; Esempio: Se un italiano acquista in Germania una pentola a pressione, la responsabilità per l'esplosione della pentola sarà regolata dalla legge italiana se la pentola è regolarmente commercializzata anche in Italia dal produttore, sia direttamente che indirettamente. o, in mancanza di tale commercializzazione 22

23 LA LEGGE APPLICABILE b) la legge del paese in cui è stato acquistato il prodotto, se il prodotto è stato commercializzato in tale paese; Esempio: Se un italiano acquista in Germania una pentola a pressione che non è regolarmente commercializzata in Italia dal produttore, la responsabilità per l'esplosione della pentola sarà regolata dalla legge tedesca. o, in mancanza di tale commercializzazione 23

24 LA LEGGE APPLICABILE c) la legge del paese in cui il danno si è verificato, se il prodotto è stato commercializzato in tale paese". Esempio: Se un italiano acquista in Germania una pentola a pressione di seconda mano che non è regolarmente commercializzata dal produttore né in Italia né in Germania, la responsabilità per l'esplosione della pentola a pressione avvenuta in Francia sarà regolata dalla legge francese se la pentola è regolarmente commercializzata in Francia 24

25 LA LEGGE APPLICABILE L'articolo 4, comma 2, del Regolamento Roma II prevede che: "qualora il responsabile e il danneggiato risiedano abitualmente nello stesso paese nel momento in cui il danno si verifica, si applica la legge di tale paese ". 25

26 LA LEGGE APPLICABILE NEI RAPPORTI TRA UN SOGGETTO COMUNITARIO E UN SOGGETTO EXTRACOMUNITARIO La legge applicabile verrà individuata dal giudice a cui l'utilizzatore finale danneggiato si è rivolto, sulla base delle norme di diritto internazionale privato del proprio Stato. Se l'utilizzatore finale danneggiato dal prodotto si rivolge al giudice italiano, quest'ultimo dovrà applicare le norme di diritto internazionale privato italiano (legge 31 maggio 1995, n. 218) e, in particolare, l'articolo 63 secondo cui: "La responsabilità per danno da prodotto è regolata, a scelta del danneggiato: a) dalla legge dello Stato in cui si trova il domicilio o l'amministrazione del produttore, oppure b) da quella dello Stato in cui il prodotto è stato acquistato, a meno che il produttore provi che il prodotto vi è stato immesso in commercio senza il suo consenso. 26

27 LA GIURISDIZIONE NEI RAPPORTI TRA SOGGETTI COMUNITARI (produttore e danneggiato) La giurisdizione sulla controversia è determinata in base ai criteri dettati dal Regolamento CE n. 44/2001 in tema di competenza giurisdizionale, riconoscimento ed esecuzione delle sentenze in materia civile e commerciale. L'articolo 2, comma 1 di tale Regolamento prevede un foro generale: "Salve le disposizioni del presente regolamento, le persone domiciliate nel territorio di un determinato Stato membro sono convenute, a prescindere dalla loro nazionalità, davanti ai giudici di tale Stato membro". L'articolo 5, punto 3, di tale Regolamento prevede un foro speciale: La persona domiciliata nel territorio di uno Stato membro può essere convenuta in un altro Stato membro, in materia di illeciti civili dolosi e/o colposi, davanti al giudice del luogo in cui l'evento dannoso è avvenuto o può avvenire ". 27

28 LA GIURISDIZIONE NEI RAPPORTI TRA UN SOGGETTO COMUNITARIO E UN SOGGETTO EXTRACOMUNITARIO Il giudice adito dal soggetto danneggiato dovrà accertare la sussistenza della propria giurisdizione sulla controversia in base al diritto internazionale privato del proprio Stato. Il soggetto danneggiato può scegliere di rivolgersi: a) al giudice del luogo in cui il produttore ha la propria sede legale; b) al giudice del luogo in cui l'evento dannoso è avvenuto; c) ad un giudice diverso avente giurisdizione in base al diritto internazionale privato del proprio Stato. In ogni caso il danneggiato deve altresì tenere in considerazione la possibilità o l'impossibilità di rendere esecutiva la sentenza nello Stato del produttore. 28

29 LA PRODUCT LIABILITY ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA LA DIRETTIVA COMUNITARIA 85/374/CE IN TEMA DI PRODUCT LIABILITY E LA SUA ATTUAZIONE NELL'ORDINAMENTO ITALIANO LA DISCIPLINA DEL CODICE DEL CONSUMO 29

30 INTRODUZIONE All'interno dell'unione Europea, la materia della product liability è regolata in maniera pressoché uniforme in quanto le normative nazionali in vigore nei vari Stati membri derivano tutte dalla direttiva comunitaria 85/374/CE. 30

31 LE PREVISIONI DELLA DIRETTIVA La direttiva ha stabilito un regime di responsabilità oggettiva in capo al produttore e, cioè, ha previsto che la responsabilità di quest'ultimo: a) sussista indipendentemente dal dolo o dalla colpa dello stesso; e b) richieda, come unico presupposto, la semplice riferibilità causale del danno ad un difetto del prodotto 31

32 LA DISCIPLINA DELLA PRODUCT LIABILITY NEL DIRITTO ITALIANO In sede di attuazione della direttiva, il legislatore italiano: a) in un primo momento, ha emanato il d.p.r. 24 maggio 1988 n. 224; b) in un secondo momento, in sede di approvazione del Codice del Consumo, ha trasferito i contenuti del d.p.r. 24 maggio 1988 n. 224 nella parte IV di tale Codice. 32

33 LA DISCIPLINA DELLA PRODUCT LIABILITY NEL CODICE DEL CONSUMO LA RESPONSABILITÀ DEL PRODUTTORE L'articolo 114 del Codice del Consumo dispone che: "il produttore è responsabile del danno cagionato da difetti del suo prodotto". Tale articolo ribadisce pertanto, a carico del produttore, un regime di responsabilità oggettiva come quello previsto dalla direttiva. 33

34 LA NOZIONE DI PRODUTTORE Ai sensi dell'articolo 115, comma 2 bis, Codice del Consumo, sono qualificabili come "produttore" tutti i seguenti soggetti: a) il fabbricante del prodotto finito; b) il fabbricante di una componente del prodotto finito; c) il fabbricante della materia prima; d) per i prodotti agricoli del suolo e per quelli dell'allevamento, della pesca o della caccia, rispettivamente l'agricoltore, l'allevatore, il pescatore e il cacciatore. 34

35 LA NOZIONE DI FORNITORE Ai sensi dell articolo 116, comma 1, del Codice del Consumo: "quando il produttore non sia individuato, è sottoposto alla stessa responsabilità il fornitore che abbia distribuito il prodotto nell'esercizio di un'attività commerciale, se ha omesso di comunicare al danneggiato, entro tre mesi dalla richiesta, l'identità o il domicilio del produttore o della persona che gli ha fornito il prodotto". 35

36 LA NOZIONE DI DANNEGGIATO I soggetti legittimati ad agire nei confronti del produttore sono: l acquirente del prodotto; l utilizzatore del prodotto; qualora abbiano subito un danno alla persona ovvero ai loro beni a seguito dell utilizzo del prodotto difettoso, senza che abbia alcuna rilevanza il fatto che il danneggiato sia il proprietario del prodotto ovvero un semplice utilizzatore. Pertanto, sarà legittimato ad agire nei confronti del produttore qualunque soggetto, che da solo od insieme ad altri (ad es. il passeggero trasportato nel veicolo difettoso), abbia utilizzato il prodotto: a titolo oneroso; a titolo gratuito; oppure in base a un rapporto di famiglia; oppure per semplice cortesia o amicizia; e abbia dubito un danno a causa di un difetto del prodotto. 36

37 Soggetti legittimati ad agire nei confronti del produttore sono, inoltre: i cosiddetti innocent bystanders vale a dire quei soggetti che, pur non facendo uso né diretto né indiretto del prodotto difettoso, si trovano esposti alla sua pericolosità e ne ricevono un danno Si pensi, ad esempio, al passante occasionale che subisce un danno a seguito dell investimento da parte di un veicolo con freni difettosi oppure alla casa del Sig. Rossi che viene danneggiata dall esplosione della caldaia difettosa del Sig. Bianchi nella casa limitrofa. 37

38 LA NOZIONE DI PRODOTTO L'articolo 115 Codice del Consumo stabilisce che, nell'ambito della product liability, per "prodotto" deve intendersi: "ogni bene mobile, anche se incorporato in altro bene mobile o immobile". Costituisce un "prodotto", pertanto, anche la materia prima ovvero un componente che, a qualsiasi titolo, sia incorporato in un prodotto finito. 38

39 LA NOZIONE DI DIFETTOSITÀ DEL PRODOTTO RILEVANTE AI FINI DELLA PRODUCT LIABILITY In base all'articolo 117 del Codice del Consumo: "un prodotto è difettoso quando non offre la sicurezza che ci si può legittimamente attendere tenuto conto di tutte le circostanze, tra cui: a) il modo in cui il prodotto è stato messo in circolazione, la sua presentazione, le sue caratteristiche palesi, le istruzioni e le avvertenze fornite; b) l'uso al quale il prodotto può essere ragionevolmente destinato e i comportamenti che, in relazione ad esso, si possono ragionevolmente prevedere; c) il tempo in cui il prodotto è stato messo in circolazione". 39

40 Il difetto, pertanto, così come concepito dal Codice del Consumo ai fini della product liability implica un'insidia o un pericolo: per l'utilizzatore del prodotto; e/o per i terzi che si trovano in contatto con l'utilizzatore del prodotto; Il difetto, pertanto, non coincide con la nozione di vizio contenuta nell'articolo 1490 cc. poiché quest'ultimo, che identifica più propriamente un'imperfezione del bene, può anche non comportare un'insicurezza del prodotto, una sua pericolosità ed un conseguente danno. La giurisprudenza, al fine di identificare il, e valutare la sussistenza del, difetto, utilizza anche la nozione di "prodotto sicuro" contenuta all art. 103 del Codice del Consumo nella disciplina sulla sicurezza generale dei prodotti. 40

41 In base all articolo 103 del Codice del Consumo: "E sicuro il prodotto che, in condizioni di uso normali o ragionevolmente prevedibili, compresa la durata e, se del caso, la messa in servizio, l'installazione e la manutenzione, non presenti alcun rischio oppure presenti unicamente rischi minimi, compatibili con l'impiego del prodotto e considerati accettabili nell'osservanza di un livello elevato di tutela della salute e della sicurezza delle persone, tenendo conto dei seguenti elementi: 1) delle caratteristiche del prodotto, in particolare la sua composizione, il suo imballaggio, le modalità del suo assemblaggio e, se del caso, della sua installazione e manutenzione; 2) dell'effetto del prodotto su altri prodotti, qualora sia ragionevolmente prevedibile l'utilizzazione del primo con i secondi; 3) della presentazione del prodotto, della sua etichettatura, delle eventuali avvertenze e istruzioni per il suo uso e la sua eliminazione, nonché di qualsiasi altra indicazione o informazione relativa al prodotto; 4) delle categorie di consumatori che si trovano in condizione di rischio nell'utilizzazione del prodotto, in particolare dei minori e degli anziani". 41

42 La difettosità del prodotto è generalmente riconducibile/ricondotta a: a) il difetto di progettazione e/o fabbricazione; b) l'assenza o la carenza di istruzioni 42

43 Il difetto di progettazione e/o fabbricazione è stato riscontrato, ad esempio, nei seguenti casi: a) cedimento della struttura refrigerante di una cella frigorifera di un automezzo, con la responsabilità del produttore per i danni cagionati da un grave difetto di fabbricazione; b) rottura del sistema sterzante per erroneo fissaggio del manubrio di un motociclo; c) rottura della forcella anteriore e conseguente distacco della ruota di una mountain bike; d) mancato funzionamento del sistema frenante dell'autovettura ; e) scoppio di una bottiglia d'acqua minerale nella mano di un consumatore che l'aveva presa da un bancone self- service; f) esplosione del tappo di una bottiglia di succo verificatosi in conseguenza di procedimenti fermentativi riconducibili ad un'omessa o insufficiente pastorizzazione del prodotto; g) rottura di una scala in alluminio; h) cedimento di un letto a castello; i) presenza di un topo in una lattina di coca cola. 43

44 L'assenza o la carenza di istruzioni è stata invece qualificata come difetto, ad esempio, nel caso di un produttore di una caffettiera che è stato condannato dal Tribunale di Vercelli al risarcimento dei danni, derivati dall'esplosione del prodotto, per avere allegato informazioni insufficienti proprio in relazione alle circostanze che ne hanno causato lo scoppio. 44

45 ALTRI CRITERI L articolo 117 del Codice del Consumo, prevede che: "un prodotto non può essere considerato difettoso per il solo fatto che un prodotto più perfezionato sia stato in qualunque tempo messo in commercio" e che "un prodotto è difettoso se non offre la sicurezza offerta normalmente dagli altri esemplari della medesima serie". 45

46 IL PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITÀ: LA MESSA IN CIRCOLAZIONE DEL PRODOTTO Affinché il produttore possa essere ritenuto responsabile di un danno derivante da un difetto di un prodotto, è necessario che abbia messo in circolazione il prodotto medesimo. Secondo l'articolo 119 del Codice del Consumo, la messa in circolazione avviene quando il bene è consegnato: a) all'acquirente; b) all'utilizzatore; c) a un ausiliario dei suddetti soggetti, anche solo in visione o in prova. La messa in circolazione avviene anche mediante la consegna al vettore o allo spedizioniere per l'invio all'acquirente o all'utilizzatore. 46

47 PROFILI PROBATORI: ONERE PROBATORIO A CARICO DEL DANNEGGIATO Sotto il profilo probatorio, l'articolo 120 del Codice del Consumo prevede che il danneggiato deve provare: a) il difetto; b) il danno; c) la connessione causale tra difetto e danno. Il danneggiato, pertanto, non deve dimostrare la colpa del produttore né l'esistenza di uno specifico vizio del bene, ma solamente che quel prodotto non presentava la sicurezza che ci si può legittimamente attendere sulla base dei criteri indicati dall'articolo 117 del Codice del Consumo. Favor per il danneggiato, specie nel caso di distruzione del bene. 47

48 PROFILI PROBATORI: ONERE PROBATORIO A CARICO DEL PRODUTTORE Il secondo comma dell'art. 120 del Codice del Consumo prevede che il produttore può essere esonerato da responsabilità se prova i fatti idonei ad escluderla secondo le disposizioni dell'art. 118 Codice del Consumo. 48

49 L'articolo 118 del Codice del Consumo prevede che la responsabilità del produttore è esclusa: a) se il produttore non ha messo il prodotto in circolazione; b) se il difetto che ha cagionato il danno non esisteva quando il produttore ha messo il prodotto in circolazione; c) se il produttore non ha fabbricato il prodotto per la vendita o per qualsiasi altra forma di distribuzione a titolo oneroso, né lo ha fabbricato o distribuito nell'esercizio della sua attività professionale; d) se il difetto è dovuto alla conformità del prodotto a una norma giuridica imperativa o a un provvedimento vincolante; e) se lo stato delle conoscenze scientifiche e tecniche, al momento in cui il produttore ha messo in circolazione il prodotto, non permetteva ancora di considerare il prodotto come difettoso; f) nel caso del produttore o fornitore di una parte componente o di una materia prima, se il difetto è interamente dovuto alla concezione del prodotto in cui è stata incorporata la parte o materia prima o alla conformità di questa alle istruzioni date dal produttore che la ha utilizzata. 49

50 RESPONSABILITÀ DI PIÙ PRODUTTORI Qualora al processo di fabbricazione di un prodotto partecipi, come avviene di solito, una pluralità di soggetti, questi rispondono tutti nei confronti del danneggiato per eventuali danni derivanti da difetti del prodotto. Infatti, ai sensi dell art. 121 del Codice del Consumo: "se più persone sono responsabili del medesimo danno, tutte sono obbligate in solido al risarcimento". Il danneggiato, pertanto: i. potrà agire indifferentemente nei confronti di ciascuno dei soggetti responsabili che hanno partecipato al processo di fabbricazione del prodotto ed esigere da questo il risarcimento dei danni subiti; ii. non sarà invece tenuto a individuare il soggetto effettivamente responsabile del difetto e del conseguente danno e, quindi, a rivolgere solo allo stesso le proprie pretese. 50

51 Il soggetto della pluralità chiamato a risarcire il danno al danneggiato potrà, in un secondo momento, agire in regresso nei confronti del soggetto effettivamente responsabile del difetto, e quindi del danno. L'art. 121, comma 2, del Codice del Consumo, infatti, prevede che: "colui che ha risarcito il danno ha regresso contro gli altri nella misura determinata: a) dalle dimensioni del rischio riferibile a ciascuno; b) dalla gravità delle eventuali colpe; e c) dalla entità delle conseguenze che ne sono derivate. Nel dubbio la ripartizione avviene in parti uguali". 51

52 In base agli articoli 115 e 121 del Codice del Consumo, pertanto, il fabbricante del prodotto finito è responsabile, in solido con i fabbricanti delle componenti e della materia prima, per ogni prodotto fabbricato dalla sua impresa: pertanto, il fabbricante del prodotto finito risponderà per i danni cagionati dal proprio prodotto anche se non ha potuto effettivamente esercitare un totale controllo sull'intero processo produttivo dello stesso. Il danneggiato, nella maggior parte dei casi, agirà nei confronti del fabbricante/assemblatore del prodotto finito (o di colui che si presenta come tale apponendo il proprio marchio su un prodotto fabbricato da altri) in quanto tale soggetto, quasi sempre, sarà il soggetto più facilmente individuabile e generalmente anche quello più solvibile. Dopodiché, quest'ultimo, generalmente agirà in regresso nei confronti degli altri anelli del processo produttivo del bene, sulla base dell art. 121 del Codice del Consumo. 52

53 LE CLAUSOLE DI ESONERO E DI LIMITAZIONE DA RESPONSABILITÀ L art. 124 sancisce che è nullo qualsiasi patto che escluda o limiti preventivamente, nei confronti del danneggiato, la responsabilità prevista dal presente titolo. In pratica, un eventuale clausola, contenuta nel contratto di vendita stipulato tra il produttore e l'utilizzatore finale - danneggiato, che preveda che il produttore, nei confronti del danneggiato: a) non sia mai responsabile per eventuali danni derivanti da difetti del prodotto; ovvero b) sia responsabile solo a determinate condizioni ovvero fino a un determinato importo; non avrà alcuna efficacia. 53

54 Per contro, tutti i soggetti partecipanti al processo produttivo di un bene (fabbricante della materia prima, fabbricante di un componente, fabbricante del prodotto finito, distributore) possono validamente ed efficacemente ripartirsi e trasferirsi la propria responsabilità per danno da prodotto difettoso nell ambito dei contratti tra questi stipulati (pertanto, anche prima che il danno venga ad esistenza). Tali accordi: a) sono validi ed efficaci fra i soggetti partecipanti al processo produttivo del bene; b) non sono invece validi ed efficaci nei confronti del danneggiato. 54

55 CONTRATTO OEM DAL FABBRICATORE ALL UTILIZZATORE FINALE IL FABBRICATORE DEL PRODOTTO IN OEM fornisce il prodotto al «PRODUTTORE» che vende il prodotto a proprio marchio al DISTRIBUTORE che lo rivende al RIVENDITORE che lo rivende all'utilizzatore FINALE 55

56 SUBFORNITURA DI COMPONENTI IL FORNITORE DI COMPONENTI fornisce la componente al PRODUTTORE DEL PRODOTTO FINITO che rivende il prodotto finito al DISTRIBUTORE che lo rivende al RIVENDITORE che lo rivende all'utilizzatore FINALE 56

57 DANNI RISARCIBILI Ai sensi dell articolo 123 del Codice del Consumo, non è risarcibile qualsiasi tipologia di danno derivante da difetti di un prodotto, bensì: a) il danno cagionato dalla morte o da lesioni personali; b) la distruzione o il deterioramento di una cosa diversa dal prodotto difettoso. Per ottenere il riconoscimento di altre tipologie di danni, il danneggiato dovrà necessariamente azionare i rimedi generali riconosciutigli dal codice civile. Il comma 2 dell articolo 123, infine, prevede che il danno a cose è risarcibile solo nella misura che ecceda la somma di Euro 387,00. 57

58 PRESCRIZIONE DEL DIRITTO DEL DANNEGGIATO AL RISARCIMENTO Quanto alla prescrizione, l articolo 125 del Codice del Consumo prevede che il diritto al risarcimento si prescrive in 3 anni dal giorno in cui il danneggiato ha avuto o avrebbe dovuto avere conoscenza di tutti i seguenti elementi: a) il danno; b) il difetto; e c) l identità del responsabile. 58

59 DECADENZA DEL DIRITTO DEL DANNEGGIATO AL RISARCIMENTO Quanto alla decadenza, l articolo 126 del Codice del Consumo, prevede che: "Il diritto del danneggiato al risarcimento si estingue alla scadenza di dieci anni dal giorno in cui il produttore o l'importatore nella Unione Europea ha messo in circolazione il prodotto che ha cagionato il danno. La decadenza è impedita solo da una domanda giudiziale". 59

60 LA TUTELA IN TEMA DI PRODUCT LIABILITY IN BASE A DISPOSIZIONI DIVERSE DA QUELLE CONTENUTE NEL CODICE DEL CONSUMO La normativa dettata dal Codice del Consumo costituisce una disciplina di carattere speciale che non sostituisce i rimedi già esercitabili dal danneggiato sulla base delle disposizioni generali del codice civile ma si affianca ad essi, rappresentando una disciplina settoriale la cui possibilità di utilizzo è rimessa alla scelta del danneggiato. Ai sensi dell'art. 127 del Codice del Consumo (Responsabilità secondo altre disposizioni di legge), infatti, le disposizioni contenute nel Titolo II (Responsabilità per danno da prodotti difettosi) non escludono né limitano i diritti attribuiti al danneggiato da altre leggi. 60

61 L'ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 85/374/CE NEGLI ALTRI STATI DELL'UNIONE EUROPEA Come già anticipato, all interno dell Unione Europea la materia della product liability è regolata in maniera pressoché uniforme in quanto le normative nazionali in vigore nei vari Stati membri derivano tutte dalla direttiva comunitaria 85/374/CE. Tuttavia, le normative di recepimento adottate nei vari Stati presentano alcune lievi differenze in quanto, come sopra chiarito, la direttiva: ha stabilito le tutele minime che, in ogni caso, devono essere garantite al consumatore; mentre ha lasciato agli Stati la libertà di adottare, in favore dei consumatori, previsioni di maggiore tutela rispetto a quelle stabilite dalla direttiva. 61

62 CENNI SULLE PRINCIPALI DIFFERENZE TRA LE DISPOSIZIONI DELLA DIRETTIVA E LE NORMATIVE NAZIONALI DI RECEPIMENTO Le previsioni normative, in vigore negli Stati membri dell Unione Europea, che si discostano rispetto alle previsioni della direttiva riguardano essenzialmente i seguenti articoli del provvedimento, in riferimento ai quali la direttiva ha lasciato agli Stati membri alcuni spazi di libertà. 62

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

VADEMECUM DELLA GARANZIA

VADEMECUM DELLA GARANZIA VADEMECUM DELLA GARANZIA Il contributo sul tema della garanzia è rappresentato da: - una relazione del nostro consulente Avv. Roberto Spreafico Studio legale Spreafico - un estratto da Il Sole 24 Ore del

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme?

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Introduzione Le macchine per costruzioni immesse sul mercato europeo devono rispettare le norme Ue e tutti

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Aspetti critici e rimedi Avv. Giovanni Indirli Senior attorney +32 2 5515961 gindirli@mayerbrown.com 21 Maggio 2010 Mayer Brown is a

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli,

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, 1) OPERE EDILI MAL ESEGUITE Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, dal 1667 al 1673 (vedi di seguito), proprio al problema della "difformità

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

4. LE OBBLIGAZIONI 1

4. LE OBBLIGAZIONI 1 4. LE OBBLIGAZIONI 1 OBBLIGAZIONI Ad esse è dedicato il Libro IV Codice Civile artt. 1171-1320 cod. civ. strumento tecnicamente adottato al fine di semplificare la disciplina e dettare una disciplina unitaria

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna Un pò di storia - Il diritto naturale d'autore nasce nei primi anni del 1700 in Inghilterra;

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI GetYourHero S.L., con sede legale in Calle Aragón 264, 5-1, 08007 Barcellona, Spagna, numero di identificazione fiscale ES-B66356767, rappresentata

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Testo della CONVENZIONE DI ROMA DEL 1980 SULLA LEGGE APPLICABILE ALLE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI

Testo della CONVENZIONE DI ROMA DEL 1980 SULLA LEGGE APPLICABILE ALLE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI Testo della CONVENZIONE DI ROMA DEL 1980 SULLA LEGGE APPLICABILE ALLE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI a cura della Prof.ssa Alessandra Lanciotti CONVENZIONE SULLA LEGGE APPLICABILE ALLE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

CODICE DEI DIRITTI ONLINE VIGENTI NELL UE

CODICE DEI DIRITTI ONLINE VIGENTI NELL UE CODICE DEI DIRITTI ONLINE VIGENTI NELL UE Un agenda digitale europea RISERVA COMPLEMENTARE Né la Commissione europea né alcuna persona operante a nome della Commissione è responsabile dell uso che possa

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli