MA QUELLA È CASA MIA!

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MA QUELLA È CASA MIA!"

Transcript

1

2 MA QUELLA È CASA MIA! Dieci anni di Liguria al cinema Carlo Griseri Quest'opera è stata rilasciata sotto la licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-condividi allo stesso modo 2.5 Italia. Per leggere una copia della licenza visita il sito web o spedisci una lettera a Creative Commons, 171 Second Street, Suite 300, San Francisco, California, 94105, USA.

3 Indice pag. Il cinema e la Liguria - Un introduzione Il mondo scopre la Liguria La Riviera di Ponente al cinema Silvio Soldini e la sua Genova La bocca del lupo, l ultimo del decennio Interviste alle Film Commission liguri 27 Appendici 1 - Le produzioni più importanti in Liguria I festival cinematografici della Liguria (da Ponente a Levante) 36 Fonti 38 Ringraziamenti 40 L autore 41 2

4 Il cinema e la Liguria - Un introduzione Perché questo libro? L idea nasce da una considerazione banale: sono ligure (nato a Imperia), sono emigrato (vivo a Torino dal 2001) e sono un giornalista appassionato di cinema. Poche (pochissime) volte in questi anni ho avuto l occasione di vedere sul grande schermo i paesaggi della mia regione d origine, si contano purtroppo sulle dita di una mano (di due, a voler essere generosi) le volte in cui ciò è avvenuto... Ma quella è casa mia! - Dieci anni di Liguria al cinema nasce proprio da qui: verificare quando e in che modo la Liguria ( casa mia ) è stata protagonista della settima arte. La decisione di limitare la ricerca al decennio appena concluso ( ) ha l arbitrarietà, inevitabile volendo porsi dei limiti, di una scelta dettata dalla convenienza, che comporta e sopporta l esclusione dolorosa di alcuni titoli importanti. Una ricerca dal taglio giornalistico, che dà voce (ove possibile) ai protagonisti. Una ricerca che a conti fatti s interessa più alla Liguria nel cinema che non al cinema in Liguria, focalizzandosi sul rapporto territorio-produzioni cinematografiche e tralasciando il giudizio e le riflessioni sui film in quanto tali. Ribadiamo: la Liguria non è storicamente molto presente nel cinema, se si escludono i tanti poliziotteschi italiani degli anni 70 girati a Genova (come, del resto, in tutte le grandi città del Paese). Ma nell ultimo decennio si è assistito ad una svolta, forse piccola ma comunque significativa. Il merito è da attribuire alla scoperta di Genova come location inusuale (una grande città industriale davanti al mare, sviluppata in lunghezza e con le montagne subito a ridosso delle spiagge) nei film di Silvio Soldini (Agata e la Tempesta e soprattutto Giorni e Nuvole), nelle pellicole operaie La Stella che non c è e Guido che sfidò le Brigate Rosse, nei lavori dei nuovi autori che in questi anni hanno iniziato a imporsi (Fei 1, Cappuccio 2, Costantini 3 ), come ne La bocca del lupo, vincitore a fine novembre 2009 del Torino Film Festival (capitolo 3). Ma il risveglio del territorio (in chiave cinematografica, ovviamente) è dovuto 1 Francesco Fei, Onde (2005), con Anita Caprioli e Ignazio Oliva. 2 Eugenio Cappuccio, Uno su due (2006), con Fabio Volo e Ninetto Davoli. 3 Daniele Costantini, Amore che vieni amore che vai (2007), con Donatella Finocchiaro e Fausto Paravidino. 3

5 anche e forse soprattutto alle recenti produzioni internazionali e Hollywoodiane che hanno girato in parte o interamente in Liguria i propri film. Sono tre i titoli a cui mi riferisco: The Bourne Identity, le cui prime scene sono state girate a Imperia; Inkheart - La leggenda di Cuore d Inchiostro, che ha avuto il cuore della sua lavorazione nell entroterra savonese; e Genova di Michael Winterbottom, che omaggia il capoluogo a partire dal titolo (capitolo 1). Motore di questa rinascita è stato sicuramente il lavoro delle Film Commission operanti in Liguria: la Genova Liguria Film Commission e l Italian Riviera - Alpi del Mare Film Commission, più rivolta al Ponente. E per questo ho interpellato i rispettivi direttori, Andrea Rocco e Alessandra Bergero (capitolo 4). Le mie origini imperiesi mi hanno poi spinto a cercare un approfondimento specifico per quelle pochissime pellicole italiane che hanno scelto il Ponente (e non Genova, decisamente più sfruttata) come location, spesso però solo per brevi scene marittime (capitolo 2). Un ultima considerazione più generale nasce dalla percezione che la Liguria possa trasmettere uguali sensazioni e stimoli a chi la vive, la osserva, la ricorda o, come in questi casi, la filma: una caratteristica comune a molti film trattati in questo testo è la visione della regione e del suo mare come un luogo ideale per rifugiarsi e/o ripartire. Succede in Genova (con il vedovo Firth che scappa nel capoluogo ligure per ricostruirsi una vita) come in Inkheart - La Leggenda di Cuore d Inchiostro (dove la Liguria è il luogo in cui la zia Helen Mirren si è letteralmente nascosta e il cattivo Capricorn si costruisce un personale regno del male ), in Nuvole basse, d Agosto (con i ragazzi che fuggono dalla città grigia e cercano la felicità sulla spiaggia ligure) e in Brokers - Eroi per gioco (in cui il protagonista trova in Zuccarello il rifugio perfetto). In attesa di vedere quali (e quante) produzioni italiane ed estere decideranno di filmare la Liguria in futuro, questo breve saggio si pone quindi l obiettivo di censire tutti i titoli realizzati sul territorio in questo primo decennio del secolo e di raccontare la storia di alcuni di loro. Carlo Griseri Dicembre

6 Capitolo 1 Il mondo scopre la Liguria Negli ultimi anni sono tre le grandi produzioni internazionali che hanno scelto la Liguria come location, tre film profondamente diversi tra loro (uno di spionaggio, un fantasy e una pellicola di introspezione) che si differenziano molto anche nella loro genesi. Dei tre, The Bourne Identity e Inkheart - La Leggenda di Cuore d Inchiostro sono tratti da libri di grande successo (di Robert Ludlum 4 e di Cornelia Funke 5 ) ma una grande differenza li divide: mentre la storia della Funke, ambientata (e scritta) nel Ponente ligure, viene trasposta sullo schermo mantenendo le stesse location, il libro di Ludlum, ambientato a Marsiglia e zone limitrofe, viene trasferito a Imperia dalla produzione cinematografica. Una scelta importante per il territorio ligure in entrambi i casi, anche se bisogna dirlo nel caso del film con Matt Damon la Liguria non viene citata ( ufficialmente le scene sono girate in Francia) se non nei titoli di coda. Genova, invece, si sviluppa da un idea originale di Michael Winterbottom, ispirata dalla città che diventa soggetto attivo nel suo film. 4 Un nome senza volto (The Bourne Identity), BUR - Biblioteca Universale Rizzoli (1980). 5 Cuore di inchiostro (Tintenherz), Mondadori (2003). 5

7 THE BOURNE IDENTITY di Doug Liman Con Matt Damon, Franka Potente, Chris Cooper, Clive Owen, Brian Cox, Adewale Akinnuoye-Agbaje, Julia Stiles, Orso Maria Guerrini. Durata 113, produzione USA, Universal, Girato a Imperia. Avanzando da Ponente verso Oriente, o più semplicemente in ordine cronologico, il primo film internazionale che ha messo un po a sorpresa le radici in Liguria è la prima parte della trilogia dedicata all agente segreto Jason Bourne, interpretata da Matt Damon e tratta dai romanzi di Robert Ludlum. TRAMA 6 Il film si apre con una tempesta in mare, un peschereccio tra le onde nella notte. Un gruppo di pescatori gioca a carte sotto coperta, appare la scritta Mar Mediterraneo km da Marsiglia. Le immagini dei pescatori che giocano si alternano a quelle di un corpo in mare che sembra senza vita: dalla nave un uomo lo scorge e l equipaggio lo ripesca, convinto si tratti di un cadavere. Ma l uomo è vivo e viene subito soccorso: è stato colpito più volte da proiettili alla schiena. Curato dal medico di bordo (interpretato da Orso Maria Guerrini), si risveglia completamente privo di memoria e dopo un paio di settimane di convalescenza passate a bordo del peschereccio inizia un lungo viaggio alla ricerca della verità su ciò che gli è successo. È allora che la barca rientra in porto (sono passati otto minuti e qualche secondo dall inizio) ed è impossibile, per chi lo conosce, non individuare il molo di Oneglia, con il suo faro, e subito dopo un altra inquadratura di Imperia, delle sue case e delle sue chiese. Ancora uno sguardo sul porto e sulle sue gru, infine la banchina lungo la quale Jason Bourne passeggia, infagottato in un piumino. 6 Circoscritta alle scene iniziali girate in Liguria. 6

8 Neanche dieci minuti di pellicola e già Imperia, la Liguria e il suo mare abbandonano il film, così come Bourne scompare dalla scena quasi magicamente. Non potevamo permetterci di girare la scena iniziale in piscina - ricorda Doug Liman - e quindi l abbiamo girata a Imperia, in Italia. Eravamo ancorati al molo, oltre ad avere una chiatta nel porto. La pioggia l abbiamo ricreata lì sul posto 7. Le scene di Bourne sulla nave che inizia a fare ginnastica e a cercare la verità su se stesso sono state girate in parte in studio e in parte nella nave attraccata al molo: in una si intravede una gru che era sul molo di Oneglia (mentre il peschereccio dovrebbe essere in mezzo al mare!), ma tanto non si capisce 8. Noterete che è un posto molto tranquillo - dice ancora il regista, riferendosi al porto di Oneglia nel suo complesso - la tempesta è stata aggiunta al computer 9. Imperia è quindi il centro scatenante della vicenda: Jason Bourne è ripescato dal peschereccio San Francesco, abitualmente attivo nel porto di Oneglia, scelto per il film perché il più grande della città, ma ribattezzato per l occasione Aventura. Sono, così, la possibilità di girare le scene in mare unita ad un porto pittoresco ad aver convinto Liman e la Universal a scegliere Imperia: nel libro di Ludlum si narra di diversi luoghi del mar Mediterraneo, la nave che soccorre Jason Bourne (partita da La Ciotat, nei pressi di Marsiglia) lo porta a Île de Port Noir, nel film la definizione geografica è più vaga ma in ogni caso non si cita la Liguria. Il produttore Patrick Crowley ricorda come le pessime condizioni atmosferiche abbiano costretto la troupe a provare a girare ogni sera per una settimana, senza mai riuscire a causa dei forti venti e delle piogge violente 10. Viceversa, la successiva calma piatta ha costretto la produzione a ricorrere agli effetti speciali di Peter Donen. Per filmare le scene in mare aperto (a circa un miglio dalla costa) è stata allestita una vera e propria flotta di barche che ha ospitato cast, crew e apparecchiature, il tutto sotto la guida del veterano nel campo Ransom Walrod. Una mattinata (relativamente) assolata ha poi permesso alla troupe di girare la breve scena della passeggiata di Jason Bourne in banchina: la sua ricerca lo porterà subito dopo a Parigi. 7 Extra del dvd Universal DVD Ibidem. 9 Ibidem

9 INKHEART - LA LEGGENDA DI CUORE D INCHIOSTRO di Iain Softley Con Brendan Fraser, Paul Bettany, Helen Mirren, Jim Broadbent, Andy Serkis, Sienna Guillory. Durata 106, produzione USA, Germania, Gran Bretagna, Eagle Pictures, Girato nelle province di Savona e Imperia. TRAMA Mortimer Mo Folchart (Brendan Fraser) e sua figlia di dodici anni, Meggie (Eliza Hope Bennett), condividono la stessa grande passione per i libri ed entrambi possiedono il dono unico e magico di dar vita ai personaggi dei libri, semplicemente leggendo ad alta voce le loro storie. Ma il loro incredibile dono è anche decisamente rischioso, perchè ogni volta che danno vita ad uno dei personaggi dei libri che leggono, una persona reale scompare nelle sue pagine... Durante una delle loro visite in un negozio di libri di seconda mano, Mo sente delle voci che non aveva più sentito da molti anni. Individua il libro da cui provengono le voci e, all improvviso, sente un brivido percorrergli la schiena. Si tratta di Inkheart, un libro che contiene numerose illustrazioni di castelli medievali e di strane creature; è proprio il libro che Mo cerca da quando Meggie aveva tre anni, quando Resa (Sienna Guillory), sua madre, è scomparsa all interno del suo mondo fantastico. Il piano di Mo (utilizzare il libro allo scopo di trovare e salvare Resa) è ostacolato da Capricorn (Andy Serkis), il malvagio cattivo di Inkheart, il quale rapisce Meggie e costringe Mo a dar vita ad altri malvagi personaggi dei libri. Determinato a salvare sua figlia e a rispedire i personaggi dei libri da dove sono venuti, Mo mette insieme un gruppo di alleati, sia reali sia magici, e si avventura in un intrepido viaggio colmo di pericoli Pressbook ufficiale. 8

10 Inkheart - La Leggenda di Cuore d Inchiostro è stato girato in esterni nelle località di Balestrino, Laigueglia, Alassio, Albenga, Fanghetto, Realdo ed Entracque nel novembre 2006: la scelta della location è la stessa che fece a suo tempo Cornelia Funke, autrice del libro omonimo, affascinata dai luoghi in cui stava trascorrendo alcuni anni della sua vita. Gli interni sono invece stati girati negli studi di Shepperton in Gran Bretagna, dove è stata anche ricostruita una parte del borgo diroccato di Balestrino. Un film costato 60 milioni di dollari che ha avuto una notevole ricaduta economica sulla zona: notti in bassa stagione a novembre, mille comparse impegnate, servizi (autisti, sicurezza, manovalanza, informatica, telefonia), artigiani (pittori, falegnami, ecc), noleggi. La troupe era composta da 400 persone che hanno fatto shopping in loco. La ricaduta è stata valutata in 3-4 milioni di euro, spiega Alessandra Bergero, direttrice dell Italian Riviera - Alpi del Mare Film Commission 12. Pensavo fosse molto importante girare il film nei luoghi in cui è ambientato, spiega lo stesso Iain Softley. Sono tornato sul libro e ho scoperto che era ambientato in Liguria e che Cornelia Funke lo aveva scritto proprio nel periodo in cui viveva lì. Dopo una serie di ricerche svolte in questa zona volte a individuare le location adatte, ci siamo resi conto della grande varietà paesaggistica di questi luoghi. La combinazione di paesini di montagna e cittadine di mare rappresentava una serie di location perfette per tutti gli esterni del film 13. Non dimenticherò mai la strana mescolanza tra vita moderna e atmosfere medievali che si trova in quei luoghi, racconta l autrice, che ha vissuto in Liguria quando sua figlia era piccola. È stato un periodo della mia vita molto speciale e mentre l idea per il libro cresceva nella mia mente, ero certa che non potesse esistere un posto migliore dove ambientare la storia. Si può facilmente immaginare Capricorn nascondersi in uno dei paesini deserti di quelle montagne. Il libro mi ha anche dato l opportunità di dichiarare il mio amore per questa regione 14. Diana Pokorny, produttore esecutivo di New Line Cinema, ricorda come l obiettivo principale fosse quello di trovare una perfetta combinazione che coincidesse con la visione che il nostro regista, il nostro direttore artistico e il nostro autore avevano per l ambientazione della sceneggiatura. (...) Abbiamo avuto il 12 Intervista rilasciata da Alessandra Bergero per questa pubblicazione (vedi anche il capitolo 5). 13 Pressbook ufficiale. 14 Ibidem. 9

11 grande piacere di un ospitalità calda e amichevole durante il nostro soggiorno; tutto diventa ancor più d effetto considerando la nostra pesante invasività nei paesi e borghi relativamente piccoli dove siamo stati a girare 15. Ecco l elenco dettagliato di tutte le location del film: La parte iniziale del film è stata girata a Entracque, in provincia di Cuneo, la valle è quella del Colle di Tenda, il ponte antico è in provincia di Imperia, a Fanghetto. La rocca di Capricorn Village è quella di Realdo (sempre in provincia di Imperia), mentre il villaggio, dominato dal Castello di Capricorn, è quello del vecchio borgo di Balestrino, in provincia di Savona. Il paese costiero nella versione cinematografica si chiama Alassio (così viene nominata in un dialogo da Brendan Fraser), mentre nella versione originale del libro è Costa Raineri: le sequenze riguardanti questa location sono state girate nei centri storici di Laigueglia e di Albenga e nella stazione ferroviaria decò di Alassio Intervista rilasciata da Alessandra Bergero per questa pubblicazione (vedi anche il capitolo 5). 16 Ibidem. 10

12 GENOVA di Michael Winterbottom Con Colin Firth, Catherine Keener, Hope Davis, Willa Holland, Perla Haney-Jardine. Durata 92, produzione UK, Revolution Films, Girato in provincia di Genova. TRAMA La città di Genova rappresenta l inizio di una nuova vita per Joe e le sue giovani figlie; una famiglia che cerca di ricominciare dopo la tragica morte della madre trasferendosi in Liguria dall Inghilterra. Mentre Kelly, la figlia maggiore, esplora con curiosità i misteri di questo nuovo mondo, Mary, la più piccola, rivede la madre aggirarsi per i vicoli. L idea di girare un film a Genova - ha rivelato il regista britannico Winterbottom - è nata quasi per caso: ci sono capitato e mi ha colpito molto. Sono tornato 2-3 anni dopo per cercare di conoscerla meglio ed è stata proprio il punto di partenza per il film, non è stato il contrario. Mi ha dato l idea di potervi ambientare questa storia di persone straniere che ricominciavano a conoscere anche sé stesse attraverso la conoscenza che dovevano sviluppare della città e delle persone che la abitavano. Il film è stato girato principalmente in quella che è la Città Vecchia, per le sue stradine, praticamente per tutta Genova: mi è piaciuta, è stata un esperienza estremamente coinvolgente anche per il rapporto con le persone, che sono sempre state estremamente disponibili ed amichevoli. Noi abbiamo soggiornato a Camogli 17. Ma il film è un insieme di tanti tasselli, tante fonti di ispirazione, come il romanzo di Marguerite Duras Moderato Cantabile: Qualcosa di Genova mi ricordava quel romanzo, anch esso ambientato in una città portuale. L ho letto molto tempo fa, ma 17 Dichiarazione rilasciata a Torino nel corso del Sottodiciotto Film Festival 2008: 11

13 di quella storia mi è rimasto in testa il fatto del genitore che porta il figlio a lezione di pianoforte. Abbiamo preso in prestito quell idea. Ho due figlie e volevo raccontare la storia di un padre di due ragazze. E il film di Nicolas Roeg A Venezia Un dicembre rosso shocking: Genova è in un qualche modo la città gemella di Venezia, l atmosfera è simile, entrambe hanno stretti vicoli. È una città molto bella, ma anche abbastanza inquietante e mi ha fatto venire in mente il film di Roeg 18. Ho sempre pensato che [Genova, NdR] sarebbe stata il luogo ideale per infondere una luce di speranza in una storia drammatica. Oltre che essere una città con un forte fascino visivo, si è dimostrata molto accogliente nei confronti della produzione 19, ha dichiarato il regista. Dal momento che il nostro scopo era catturare l atmosfera di Genova, abbiamo usato le location che erano lì a nostra disposizione 20. Ho cercato di riprendere tutto così come lo vedevano i miei occhi, non avevo storyboard. Ero libero di lasciarmi ispirare dalla città sul momento, per questo mi sono mosso con una troupe di poche persone, cinque al massimo. C era una sceneggiatura da seguire, ma se gli attori improvvisavano, meglio, quella diventava realtà da filmare 21. Lavorare con un numero ridotto di persone libera dagli aspetti più sfibranti del girare un film e mette tutti a proprio agio. Girare in città è stato piuttosto semplice: Genova non ha una vera e propria industria cinematografica, ma tutti quelli che hanno collaborato sono stati molto disponibili ed entusiasti. Questo ha semplificato molto le cose. Ci siamo divertiti molto; è stato quasi come essere in vacanza 22. Per concludere, ecco come la giornalista Barbara Zorzoli descrive l opera: Il film si snocciola per la maggior parte nei caruggi che, pur incarnando la metafora dello smarrimento, conservano tutto il loro genuino folklore, fatto di squarci incantevoli ma anche di eterne impalcature, immondizia e, come dice una delle figlie, odore di urina. Il senso di tensione e apnea non viene meno neanche con le riprese aeree della città, gli scorci di tetti, gli assaggi delle vie centrali (Via XX Settembre e Via Garibaldi), le incursioni nelle spiagge del Levante. Alla fine dei conti, Genova ne esce superba, ritratta senza artifici né trucchi, come una vecchia signora che, nonostante le rughe, ha conservato intatto il suo fascino. Forse è questo il segreto di Winterbottom, la ricerca della realtà. In tutto. Gioca la carta dell empatia col paesaggio; i personaggi sono schiacciati quasi sopraffatti da ciò che li circonda, il frastuono dei vicoli e del traffico cittadino sono perfetti per descriverne lo stato 18 Pressbook ufficiale. 19 Genova protagonista, regia di Winterbottom di Francesca Felletti (in FILMDOC n. 74, settembreottobre 2007, pag. 8). 20 Pressbook ufficiale. 21 Genova di nome e di fatto di Barbara Zorzoli (in FILMDOC n. 81, gennaio-febbraio 2009, pag. 19). 22 Pressbook ufficiale. 12

14 d animo. Non sono poi da dimenticare altri due protagonisti: l onnipresente colonna sonora originale di Melissa Parmenter, principalmente a base di pianoforte (la madre defunta nonché le figlie sono abili pianiste), e soprattutto il suono, quello vero, e in presa diretta, dell esistenza. (...) Ecco allora che la più piccola delle due figlie vede il fantasma della madre, dapprima nel buio della cameretta e poi sempre più allo scoperto. Qui viene fuori il misticismo della città, con le sue innumerevoli chiese (su tutte San Donato e la Basilica di San Fruttuoso di Camogli) e le Madonnine delle edicole che vegliano sulle vie del centro storico. Come nei suoi documentari, Winterbottom si limita a far vedere com è che va, non dice, non aggiunge, non giudica, se possibile lavora per sottrazione. Misurato anche nei tempi (circa un ora e mezza), Genova è un piccolo affresco della Superba vista non con gli occhi del turista, ma di chi si lascia trasportare dai suoi misteri... indugiando sulla <bocca del lupo> 23. Questo l elenco completo delle location italiane del film: Genova Centro Storico: Appartamento famiglia - Via Canneto il Lungo Appartamento amici - Salita Santa Brigida Università di Genova - Via Balbi Palazzo Rosso - Via Garibaldi - Festa del Governatore Esterni - Piazza Cavour, Piazza Matteotti, Piazza De Ferrari, Via Garibaldi Chiesa SS. Annunziata - Piazza dell Annunziata Chiesa SS. Cosma e Damiano - Piazza San Cosimo Genova Quinto: Serata calcetto - Bar A due passi dal mare Spiaggia dello scalo di Quinto Genova Sestri Ponente: Aeroporto di Genova Sori Sillo Bar - Margherita e Joe sulla spiaggia (scena del bacio) Camogli/ San Fruttuoso/ Parco di Portofino Porticciolo Camogli - Stazione ferry boat San Fruttuoso di Camogli - In spiaggia Joe, Mary, Kelly Parco di Portofino - Fuga di Mary Stazione FF.SS. di Camogli - Joe ritrova Mary Moneglia Bagni Letizia - Pomeriggio in spiaggia Sestri Levante Esterni Scene motorino 23 Genova di nome e di fatto di Barbara Zorzoli (in FILMDOC n. 81, gennaio-febbraio 2009, pag. 19). 13

15 Capitolo 2 La Riviera di Ponente al cinema I due film Hollywoodiani affrontati nel capitolo precedente sono il fiore all occhiello dell avventura cinematografica del Ponente ligure decennio Non si tratta, però, degli unici girati nell area: in questo capitolo affrontiamo i quattro titoli italiani (in realtà sarebbero cinque volendo considerare Io sono l amore di Luca Guadagnino, presentato a Venezia 2009 ma in uscita nel ): Brokers - Eroi per gioco La rabbia Nuvole basse, d Agosto Terrarossa Di questi film nessuno ha purtroppo ottenuto l attenzione del grande pubblico: l unico a sconfiggere l anonimato conquistandosi una, seppur minima, visibilità è Brokers - Eroi per gioco, miglior film al Video Festival Imperia e vincitore del premio del pubblico al Festival del cinema indipendente di Foggia. La rabbia, pur vantando un cast di primissimo piano e la regia di un autore seguito dalla critica, coinvolge il Ponente solo per una breve apparizione (la spiaggia, il mare: ma l impressione dello spettatore è che per la storia un qualunque tratto di mare avrebbe potuto andare ugualmente bene). Anche in Nuvole basse, d Agosto la Liguria di ponente è solo il suo mare, ma come spiega la stessa regista a pagina 19 per lo sviluppo del plot quel mare è fondamentale. Purtroppo quest ultimo titolo divide con Terrarossa un identico destino: la (quasi?) totale irreperibilità. Il bilancio complessivo non è quindi dei più rosei : i titoli in cui il Ponente compare sono pochi e tranne, in parte, Brokers - Eroi per gioco non regalano al territorio una grande visibilità. Fugaci riprese o film quasi impossibili da trovare determinano la conseguente invisibilità dell area come location. 24 L uscita in sala del film è stata spostata più volte, da settembre 2009 in avanti: al momento in cui scriviamo la data prevista è febbraio 2010: per questo motivo il film non rientra più nell elenco delle pellicole uscite in sala nel decennio , oggetto di questa pubblicazione. 14

16 BROKERS - EROI PER GIOCO di Emiliano Cribari Con Fabrizio Rizzolo, Annamaria Malipiero, Diego Casale, Margherita Fumero, Isabella Tabarini, Riccardo Leto, Girato a Zuccarello in provincia di Savona. TRAMA Una commedia agro-dolce, una storia di redenzione, individuale e collettiva. Una favola moderna le cui vicende straordinarie trasformano tutti i protagonisti coinvolti, adulti e bambini. Brokers - Eroi per gioco è la storia di un uomo che cambia vita e si rifugia in un piccolo paese di provincia: il paese è Zuccarello, in provincia di Savona. L'avventura di Brokers - Eroi per gioco, partì qualche anno fa, precisamente agli inizi del 2007, racconta lo sceneggiatore (e attore) Riccardo Leto. Mi ritrovavo a scrivere una sceneggiatura dove il gioco della borsa era il fulcro portante dell'intera avventura dei protagonisti. All'inizio il plot si basava sul personaggio di Carlo Marzìa (Fabrizio Rizzolo) e del suo amico Marco Jmenez (Sergio Muniz), ma poi con l'evolversi della stesura narrativa sono entrati magicamente altri 11 personaggi, fino a diventare il film che conosciamo tutti oggi 25. Durante la lavorazione della sceneggiatura mi ritrovai ad inserire nell'ambientazione un vecchio paese di provincia. Serviva un paese che fosse ancora ancorato alle vecchi tradizioni, ai valori, al contatto umano, e preso dalle avventure dei miei personaggi coinvolsi il produttore Claudio Morello nella ricerca. Visionammo una ventina di paesi, borghi, piccoli centri abitativi di tutta Italia, ma poi la scelta andò direttamente su un vecchio luogo, reminiscenza adolescenziale del Morello: il paese di Zuccarello. Mi fece vedere qualche foto su internet e mi convinse a tentare l'avventura. Partimmo in assoluto silenzio. Noi due solamente, a ispezionare e visitare ogni singolo centimetro di quel borgo. La sorpresa fu enorme. Tutto il paese corrispondeva esattamente a come lo avevo immaginato e descritto io, nei minimi particolari. Solo che questo l'avevo pensato prima di vederlo. Sarà stata una coincidenza? Decidemmo allora di presentare richiesta formale al sindaco per il nostro progetto, e dopo circa un anno fra permessi, ricerca delle location e logistica, riuscimmo nel nostro intento: Zuccarello sarebbe diventato il nostro set. L intero paese è stato ripreso e coinvolto nel film, spiega Leto. Abbiamo filmato l'arrivo del nostro protagonista al vecchio borgo (la strada provinciale, il ponte 25 Tutte le dichiarazioni di questo capitolo sono state rilasciate per questa pubblicazione. 15

17 romano, la piazza, alcuni vicoli) e il suo contatto con i bizzarri abitanti: nell ufficio del sindaco, dal fioraio, al bar o in chiesa, e dove non avevamo una location adatta l'abbiamo costruita, come è capitato per la farmacia di Nicola (interpretato da me), e il bar di Wall Street del barista Beppe (Stefano Pelliconi). Zuccarello - ricorda il regista, Emiliano Cribari - ha offerto quanto di più prezioso una location, e una popolazione, possano offrire a una produzione cinematografica: ovvero disponibilità e cortesia, e soprattutto tanti sorrisi, conditi da momenti divertenti di coinvolgimento e aggregazione totale. Uno dei tentativi (credo ben riusciti) sia miei che della produzione è stato quello di attingere il più possibile alle straordinarie risorse umane (soprattutto in chiave attoriale) offerte da Zuccarello e più in generale dalla provincia, dai paesi circostanti: a mio parere il film trasmette bene questo tipo di empatia e partecipazione, che ripeto è andata al di là della semplice collaborazione. Le varie location (scelte prima ancora che io fossi chiamato a dirigere il film) si sono rivelate adatte e sorprendenti, nel loro dischiudersi a ogni nostra (anche minima) esigenza: tanto che il bar del piccolo borgo, nel quale ci siamo sentiti subito come a casa nostra, nel giro di pochissimi giorni è stato spontaneamente eletto da tutti a quartier generale per riunioni e confronti, spiega ancora il regista. La chiesa del paese che si vede nel film non è quella reale, confessa Riccardo Leto. La curia non ci dette il permesso per girare all'interno. Allora cercammo decine di chiese, nei paesi limitrofi, ma la risposta era sempre la stessa... Trovammo la soluzione alla fine di una giornata tremenda, presso il cimitero di Zuccarello. La vecchia chiesa sconsacrata faceva al caso nostro, e quindi in meno di una giornata fu ridipinta, accessoriata e pronta per le riprese. Un vero miracolo di tutta la troupe!. La meteorologia invece non ha aiutato, ricorda Cribari: Poca fortuna l'abbiamo avuta col tempo, che ci ha tagliato letteralmente le gambe (ha piovuto quasi sempre!). Ma per il resto non posso che ringraziare e ricordare con sincero affetto quei luoghi e quella gente.... La lavorazione del film è stata un vero evento per il paesino savonese, celebrato 16

18 in grande stile anche dal sito del Comune: Una soddisfazione reciproca, a quanto traspare dalle parole conclusive dello sceneggiatore, Riccardo Leto: Sconvolgere l'esistenza di trecento abitanti non è stata una cosa semplice. Sembrava un po' come l'arrivo del circo in città. Immaginate camion, set, furgoni, mezzi tecnici che invadono la quiete di un borgo (reputato fra i migliori d'italia), che rimane a guardare dubbioso e un po' perplesso. Ecco, il nostro arrivo è stato così. Bisogna dire anche che tutti noi artisti e tecnici abbiamo fatto il possibile per non recare disturbo più di tanto, ma si sa, il cinema ha le sue regole e quando c'è da fare una notturna con i generatori accesi e il brusio generale... beh la pazienza a volte scappa. A Zuccarello non è mai successo, e ciò ha lasciato un grande ricordo nel cuore di tutti. Il bar, come detto da Emiliano, è stato il nostro quartier generale: attori e tecnici insieme agli abitanti in una sorta di simbiosi. Noi avevamo dalla nostra la macchina del cinema, loro la calma, l'esperienza di vita, la voglia di raccontare e raccontarsi. Il tutto davanti ad un bicchiere e una partita a carte. Memorabili le partite tra il nostro sindaco di scena (Giovanni Boni) e alcune fan.... Personalmente, ho lasciato il cuore a Zuccarello. Ho passato quasi un anno ad andare su e giù da Torino, e la pazienza e la cordialità delle persone (tutte) la porto ancora con me. Grazie al sindaco Stefano Mai che ha permesso tutto questo. Chissà forse un giorno ritornerò per dare un seguito all'avventura del nostro professore

19 LA RABBIA di Louis Nero Con Faye Dunaway, Franco Nero, Giorgio Albertazzi, Lou Castel, Tinto Brass, Girato a Finale Ligure in provincia di Savona. TRAMA La storia raccontata è quella di un giovane regista che tenta disperatamente di realizzare un film. La visione del mondo da parte del protagonista muta in relazione agli stati di paura e determinazione che si alternano nella realizzazione del suo personalissimo progetto. Assorbito totalmente dal suo sogno, anche quello che appare come l unico legame sentimentale, il rapporto con la fidanzata convivente, diventa sempre più blando fino a spezzarsi del tutto. Unico scopo del suo passaggio sulla terra è quello di lasciare un segno tangibile, attraverso la creazione di un racconto per immagini 26. Un film dotato di un cast di primissimo livello, una riflessione sul cinema, un omaggio alla magia del cinema, all illusione che la proiezione crea, ma tuttavia percorre anche una tematica realista, la difficoltà di portare a termine un processo creativo senza l aiuto di budget 27. La Liguria è presente soprattutto con il suo mare 28. Il protagonista vaga su una spiaggia nel sogno che dà il via al plot: un unica lunga sequenza, che per i primi sei minuti regala allo spettatore una splendida visuale del mare ligure con l isola Gallinara sullo sfondo. 26 Pressbook ufficiale. 27 Ibidem. 28 Unica eccezione la sequenza girata negli uffici del Palazzo Municipale di Savona (con Giorgio Albertazzi protagonista). 18

20 NUVOLE BASSE D AGOSTO di Marta Gervasutti Con Davide Mancini, Francesco D Asaro, Lavinia Longhi, Rita Giacobazzi, Girato a Laigueglia in provincia di Savona. TRAMA Quando ciò che ti circonda ti opprime, quando sei un adolescente pieno di aspettative, quando ti senti solo, allora cominci a sognare. Nanni, Michele e Lele, la sorella di Nanni, vivono nella periferia grigia e maleodorante di una città ostile. Grandi palazzi, strade colme di traffico e il degrado dei quartieri popolari incombono sulle loro piccole e sognanti vite. La ricerca di un identità, la voglia di libertà, il desiderio di una vita migliore, li fa fuggire via, verso il sogno di un luogo magico: un monte e le sue vallate, i prati verdi e il cielo libero da palazzoni, dove si vedono le nuvole, dove puoi immaginare che ogni nuvola sia ciò che desideri. Ma sognare non è sufficiente a cancellare la rabbia crescente per le proprie condizioni. È un miraggio, un desiderio di libertà che unisce i tre ragazzi, che fuggono dalla realtà per identificarsi nei loro sogni 29. Si tratta del primo lungometraggio scritto e diretto da Marta Gervasutti, girato in Liguria solo per una scena. I ragazzi partono da Milano e la loro fuga li porta al mare: Abbiamo girato - spiega la regista, Marta Gervasutti - esclusivamente sulla spiaggia di Laigueglia. In Liguria ci sono cresciuta e continuo a viverla. Alassio è la mia seconda casa e Laigueglia è a due passi. Quindi ho semplicemente raccontato la voglia di libertà dei protagonisti che provengono da una Milano grigia ed opprimente con l'arrivo al mare più vicino e facilmente raggiungibile anche scappando da casa! 30. Il film non è purtroppo reperibile in DVD: Il bello di questo film - ha raccontato ancora la regista - è che non ha distribuzione, quindi non esiste... I fortunati che lo hanno visto proiettato, hanno partecipato ai festival ed alle rassegne in cui mi hanno invitata e dove ha sempre avuto un buon successo. Il film ha vinto il contributo dei beni culturali, ma al momento del lancio tagliarono il FUS e sono tra i numerosi registi che non hanno praticamente mai potuto distribuire il proprio film Tutte le dichiarazioni di questo capitolo sono state rilasciate per questa pubblicazione. 19

21 TERRAROSSA di Giorgio Molteni Con Carmine Recano, Monica Comegna, Elena Fresco, Paco Reconti, Girato a Balestrino in provincia di Savona. TRAMA A Terrarossa il tempo sembra essersi cristallizzato nella povertà, nel disagio e nell'incertezza. Immobili, algidi, gli abitanti del paese illuminano la notte con aghi di pino, cercano calore nelle grotte insieme alle capre, e vivono nutrendosi di castagne. Trasportati in questo scenario, durante la guerra, giungono quattro operai a costruire delle case popolari. Scoperto che la farina del tesseramento non arriva al villaggio per gli intrighi del podestà, i quattro muratori spingono il popolo alla rivolta ma, in questa terra aspra, non è l'uomo l'unico avversario: si scatena una violenta alluvione 31. Nato a Loano, in provincia di Savona, nel 1949, Giorgio Molteni è un regista molto attivo tra cinema e televisione: il suo titolo per il grande schermo di maggior richiamo è sicuramente Il servo ungherese del 2003, mentre per la tv è autore di numerosi programmi e fiction (tra cui Capri e Centovetrine). Raro caso di regista ligure, Molteni è stato a lungo collaboratore di Giuseppe Ferrara, nonché autore di testi per Radio Rai. Terrarossa, liberamente tratto da La Teda di Saverio Strati 32, è girato in Liguria come altri film di cui è autore Molteni: Un gusto molto particolare, Aurelia e Il ritorno del grande amico. Sono molto legato alla Liguria, per questo cerco di ambientare qui tutti i miei film, da Aurelia a Terrarossa, fino a questo Ufficio oggetti smarriti, ha detto Molteni in un intervista rilasciata a Roberta Olcese in occasione dell inizio della lavorazione della sua nuova fiction per la tv. La Liguria è un posto che mi ispira. È vero che i film possono essere girati ovunque, ma questo per il suo dna doveva essere girato proprio in questa regione. Io sono ligure, ligure è parte della produzione e poi siamo stati aiutati dalla Film Commission locale 33. Terminato nel 1999, Terrarossa ha avuto una brevissima presenza in sala nell estate del 2001, ma non è mai stato distribuito in dvd La Teda, A. Mondadori, La Liguria è il mio set ideale di Roberta Olcese (ne Il Secolo XIX, 11 novembre 2009, pag. 31). 20

22 Capitolo 3 Silvio Soldini e la sua Genova Per ben due volte in carriera il regista Silvio Soldini ha scelto Genova come location per i suoi film: ma se in Agata e la tempesta (2004) solo una parte della storia si svolgeva in Liguria, nel successivo Giorni e nuvole (2007) il capoluogo è diventato unica sede delle vicende familiari della coppia Margherita Buy-Antonio Albanese, al punto da arrivare a condividere con i due attori anche la locandina. Volevo una città che avesse un'apertura sul mare 34, ha dichiarato il regista ai tempi dell uscita nei cinema di Agata e la tempesta. AGATA E LA TEMPESTA - LA TRAMA Una donna che si chiamava Agata, che era convinta di avere un fratello, che amava i libri e faceva la libraia, che si era innamorata di un ragazzo più giovane, sempre più fulminava lampadine al suo passaggio e non sapeva il perché quando si accorse che qualcosa stava cambiando. Un uomo che si chiamava Gustavo, che credeva di avere una sorella di nome Agata, di aver ereditato il mestiere del padre e il nome del nonno, che con sua moglie e suo figlio si sentiva al riparo dalle intemperie un bel giorno scoprì che quell uomo non era lui. Un altro uomo di nome Romeo, che viaggiava per la pianura con un macchinone pieno di vestiti, che pensava a sua moglie come al fiore più bello ma si posava come un grosso calabrone su tanti altri fiori, credeva di non avere fratelli né sorelle ma si sbagliava non sapeva che il suo mondo era più grande di quello che pensava. E a cantare assieme a loro l'allegra, dolorosa, imprevedibile canzone della vita, un coro di personaggi vibranti e bizzarri i cui destini si intrecciano in una storia d'altri tempi che potrebbe avvenire solo oggi o forse anche domani 35. Dice Soldini: La pianura Padana e Genova erano luoghi già accennati in fase di sceneggiatura, ma li conoscevo poco. Soprattutto Genova, ma mi è bastata qualche ora per capire che era lei la città. Credo che uno dei criteri di scelta di una città o di un luogo sia il fatto che ti deve affascinare, dev esserci qualcosa che ti colpisce, anche se non sai subito cos è. Devi sentire che quello che vedi può Pressbook ufficiale. 21

23 servire bene la storia che vuoi raccontare, ma anche che hai voglia di fotografarlo, che ti stimola 36. Anche se mai nominata nel film, Genova è inconfondibile: l accento genovese, la bandiera della Sampdoria che si vede in un bar, i riferimenti a Chiavari e al mare, ma anche piazza De Ferrari nella scena in cui Agata crede di vedere Nico (il personaggio interpretato da Claudio Santamaria) con un altra donna, una cena a Recco e alcune vedute dei palazzi di Genova rendono la location facilmente individuabile. Quando ho visitato Genova per la prima volta cadeva una pioggia torrenziale, che però mi ha confermato il fascino di questa città. Ma l'ho mostrata poco: vorrei scoprirla ancora, girando qui un altro film 37. Detto, fatto: passano circa tre anni e Soldini torna sotto la Lanterna. GIORNI E NUVOLE - LA TRAMA Elsa e Michele sono una coppia colta e benestante con vent anni di matrimonio alle spalle e una figlia di nome Alice. La loro serenità anche economica ha permesso a Elsa di lasciare il lavoro e coronare un antico sogno: laurearsi in storia dell'arte. Ma improvvisamente la loro vita cambia: Michele le confessa di aver perso il lavoro. Il futuro non si presenta più così tranquillo e prevedibile: svanisce la certezza di poter contare su stabilità e serenità. Gli equilibri che sembravano consolidati rischiano di crollare e di travolgere ogni aspetto della loro vita, persino il rapporto con Alice. Moglie e marito sono costretti ad affrontare la crisi, ognuno a modo suo, contando sulla non comune forza della loro unione. Ma questo basterà a salvarli? 38 Soldini nel 2007 torna sul luogo del delitto con Giorni e nuvole, come aveva quasi promesso: È una città che mi affascina e che dal lato fotografico trovo molto forte. Avevo ambientato lì una parte di Agata e la tempesta e per la prima volta, finite le riprese, mi era rimasta la voglia di tornarci. A un certo punto gli sceneggiatori premevano perché girassi a Milano, ma ho pensato che in una città chiusa su se stessa questa storia sarebbe forse diventata claustrofobica. Mi piaceva l idea che Elsa e Michele abitassero in una città con il mare, il cielo, le nuvole, in cui lo sguardo potesse spaziare verso l orizzonte. Il mare dà un respiro diverso, in fondo. Non so se quella con Genova sia un esperienza conclusa. È una città difficile, ma molto cinematografica, capace di diventare lei stessa uno dei personaggi principali di una storia 39. In questo secondo film Genova è grande protagonista ed è perciò impossibile fare un elenco di quello che si vede della città: il porto, il mare, la vista dall alto, le tante vie percorse dai protagonisti (a piedi ma anche in scooter): Genova è 36 Ibidem Pressbook ufficiale. 39 Pressbook ufficiale. 22

24 ovunque. Tornato a girare a Genova, Soldini racchiude ancor più la sua nuova storia entro l arco urbano offerto dallo sviluppo collinare della città e ciò concorre a fare di Giorni e nuvole un film fondamentalmente intimo e privato. Forse anche una metafora della storia di Genova. La città è guardata prevalentemente dall alto in tutto il suo antico splendore dalla cinepresa di Soldini, ma anche vista soprattutto come un mondo chiuso, un nido entro il quale gli esseri umani si rinchiudono per curarsi delle ferite loro inferte dalla società e per trovare infine la forza di tornare orgogliosamente a vivere. Ma, di fatto, questa valenza metaforica il film di Soldini tende ad assegnarla quasi esclusivamente al maestoso e algido paesaggio delle riprese in campo lungo di Genova, rendendola esplicita solo nella cornice narrativa del restauro storico, al quale Margherita Buy partecipa dopo la laurea conseguita in via Balbi e sotto la cui colorata volta la coppia infine si ricompone; perché poi come sempre più sovente gli accade il regista tende a privilegiare l osservazione dei piccoli momenti della vita quotidiana dei personaggi rispetto alla loro valenza universale. Soldini è portato, cioè, in perfetta coerenza con il cinema che ha sempre fatto, a privilegiare il particolare, a non alzare mai troppo il tono del discorso, a lasciare che il senso nasca soprattutto dallo sguardo amoroso ma mai troppo coinvolto sulla vita di tutti gli esseri viventi che porta sullo schermo: siano essi protagonisti o semplici comprimari della vicenda raccontata. Questo è molto poco milanese (dove Soldini è nato), ma molto svizzero (dove Soldini ha ottenuto i suoi primi successi) e anche molto genovese (dove Soldini ha trovato ultimamente una casa artistica). E questo è forse anche il motivo per cui i genovesi si rispecchiano così amorevolmente nel suo film (abitato tra l altro da tante presenze locali: da Alberto Giusta a Orietta Notari, da Massimo Brizi a Lisa Galantini, da Carla Signoris al professor Marco Salotti). In fin dei conti, del resto non solo per i genovesi, Silvio Soldini viene visto come suo fratello Giovanni quale un navigatore solitario nel mare del cinema italiano. E questo piace molto agli spettatori in città 40. L evidente passione del regista milanese per la Superba ha spinto l organizzazione del Genova Film Festival a dedicargli una retrospettiva, proprio nel Nell introduzione a quella personale, i responsabili del festival hanno ipotizzato le ragioni di questo amore improvviso tra Soldini e la città: Genova è complessa, verticale, ricca di ambientazioni interessanti e bizzarri accostamenti urbanistici, il mare improvvisamente fa capolino al termine di un "carruggio" strettissimo e apparentemente senza uscita : questo e molto altro ha probabilmente catturato lo sguardo di un regista eclettico e sensibile. I progetti a cui il regista sta ora lavorando lo hanno portato lontano dal capoluogo ligure, ma restiamo fiduciosi in attesa che si completi la trilogia genovese (ci piace immaginarla così...) di Silvio Soldini. 40 Coppia in crisi nella Genova d oggi di A. Viganò (in FILMDOC n. 76, gennaio-febbraio 2008, pag. 12). 23

25 Capitolo 4 La bocca del lupo : l ultimo del decennio L ultimo film girato in Liguria uscito nel decennio è La bocca del lupo 41 di Pietro Marcello, capace di vincere primo titolo italiano di sempre il premio come miglior lungometraggio al Torino Film Festival 42. Un film decisamente inusuale, sia per la sua durata (poco più di un ora) sia per il suo essere a metà strada (circa) tra un documentario e un qualcos altro non facilmente definibile... TRAMA Un uomo torna a casa, dopo una lunga assenza. Scende al volo da un treno in una livida città portuale. L attraversa cercando i luoghi di un tempo, ormai in dismissione, che affiorano alla memoria nel loro antico splendore. Nella piccola dimora nel ghetto della città vecchia, l aspetta da anni una cena fredda e la compagna di una vita. Mary in strada ed Enzo in carcere si sono aspettati e voluti sin dal tempo del loro incontro dietro le sbarre, quando ancora si mandavano messaggi muti, registrati su cassette nascoste. 41 Il titolo La bocca del lupo rimanda all omonimo romanzo del 1892 scritto da Gaspare Invrea (noto con lo pesudonimo di Remigio Zena), libro che narra una storia di vinti e reietti, repressi dalla sorte e frustrati da ambizioni che non potranno essere soddisfatte senza correre il rischio di finire nella bocca del lupo (trama tratta dalla scheda di Wikipedia: Bocca del lupo è quindi ormai una sorta di sinonimo della Genova degli emarginati. 42 La bocca del lupo non è ancora uscito nelle sale, e di conseguenza non avrebbe dovuto essere inserito in questo testo (come avvenuto per Io sono l amore, vedi pagina 14): ho voluto trattarlo ugualmente per il suo ruolo di ultimo del decennio e per l importante risultato conseguito al Torino Film Festival. 24

26 Una casetta in campagna sopra la città e il suo mare, questo è il loro sogno, lontano dal tempo presente, sospeso in un altro tempo di semplice felicità. Ora e ancora, condividono il loro destino furtivo con i compagni degli abissi nel dedalo di Croce Bianca, Madre di Dio, Sottoripa... nomi antichi di un posto non ancora moderno dove il Novecento s è incagliato come una nave senza ancora 43. In fase di presentazione, Pietro Marcello ha raccontato qualcosa in più del suo film, che nasce grazie a un idea della Fondazione San Marcellino 44 : Ho passato un periodo di preparazione ed osservazione del territorio di otto mesi. Non conoscevo la città, se non dai racconti di mio padre che da lì s imbarcava con la marina mercantile, non sapevo com era vivere lì. Rispetto alla Genova che raccontava mio padre, oggi abbiamo una città completamente diversa. É una città del nord che guarda al sud, con tutti i problemi delle città del settentrione: immigrazione e integrazione in primis, basti pensare ai vicoli, ora abitati da gente straniera. Il protagonista del suo film, Enzo, lo ha incontrato in modo decisamente singolare: Ero appena uscito da una panetteria che incontro quest uomo seduto sul marciapiede, iniziamo a chiacchierare e lui quasi subito mi mostra i segni dei buchi delle pallottole nella sua gamba. Da quella conversazione è nato lo spunto per il film. Mary l ho conosciuta più tardi, all inizio era timida e restìa a farsi intervistare, così come Enzo che col passare del tempo è diventato sempre più sciolto davanti alla cinepresa. Sul sito del Torino Film Festival, la giornalista Paola Fornara ha raccontato un incontro con il regista e con Dario Zonta, uno dei produttori del film. Eccone alcuni passaggi: (...) Siamo al bar, Pietro e Dario si prendono un caffè e si mangiano un toast. Il tuo è un film ibrido, fatto di tanti tasselli diversi. L intenzione era quella di raccontare questo melodramma, una storia vera, una piccola storia. E poi di raccontare una grande storia, quella della città attraverso i materiali di repertorio raccolti a Genova. La genovesità nel film si mostra nel materiale degli archivi, girato da cineamatori genovesi e rimasto inedito fino ad ora. Molto di questo lavoro di ricerca è stato fatto da Sara Fgaier che è anche la montatrice del film. Parlaci di come hai trovato i due interpreti, Mary e Vincenzo. Li ho trovati sotto casa, perché il mio raggio d azione era quello. Questo film è stato voluto dalla Fondazione San Marcellino, i gesuiti di Genova. Mi hanno dato un appartamento nell area dell angiporto, tra via del Campo e Sottoripa: è lì che loro operano ed è lì che ho cercato una storia. La mia è espressamente una storia di residuali che hanno vissuto una Genova che non c è più. Poi si ferma, ci guarda e ci chiede: Ma davvero non lo vuoi un panino? Un succo di frutta? Nemmeno un caffè?, poi riprende. Ero alla ricerca di qualcuno che mi raccontasse qualcosa con la faccia. Bastava la faccia. Il volto significa un sacco di cose, una faccia vissuta pensa a quegli attori di plastica, quei marcantoni che ti propongono nei casting: non hanno storia. Una faccia che racconta è una faccia che racconta. 43 Pressbook ufficiale. 44 La Fondazione San Marcellino è una ONLUS ligure nata con esclusivo scopo il perseguimento di finalità di solidarietà sociale nell ambito dell assistenza sociale e della formazione. Si occupa dell assistenza ai senza dimora. 25

27 L idea del film è molto semplice, una storia intima, tenera. È stato tutto un percorso, anche la preparazione al film: Enzo non aveva mai fatto una cosa del genere. Pian piano spiegavo a lui le cose, come realizzare questo film. C è voluto tempo prima di fargli l intervista, tempo e duro lavoro. L intervista è stata realizzata come parte finale del film, quando loro erano stati iniziati a questa cosa strana che per loro era un film. C è anche una questione etica, io non sono un amante delle interviste perché trovo siano statiche, però qui ho creduto efficace farla. Dovevano essere loro a raccontarsi e l hanno fatto nel migliore dei modi. Non a caso non c è mai uno stop di camera. Sono abbastanza potenti, i due. Mary e Vincenzo si vedevano in giro [per Torino, NdR] in questi giorni, due persone normali nell aver vissuto qualcosa di assolutamente fuori dall ordinario. Adesso sono partiti. È stato un momento bellissimo della loro vita, dalla Croce Bianca di Genova a qui. Poi il Festival è stato straordinariamente attento alla loro presenza. Sono andati via dicendo che è stato un momento bellissimo, non avevano mai ricevuto tante attenzioni. Raccontaci com è andata mentre giravi il film. Giravamo di notte e chiaramente c era qualche problemino però il documentario si basa sull imprevisto. Ci possiamo aspettare qualsiasi cosa scendendo in mezzo alla strada a filmare. I miei produttori sono stati importanti, sono un arcangelo sigillato dal tridente Nicola Giuliano, Francesca Cima e Dario Zonta. Poi si rivolge a Zonta: Ti piace l espressione tridente? Il progetto nasce dall idea di San Marcellino ma anche dall unione dell Avventurosa Film e Indigo Film (...). È stata una lavorazione molto di squadra, di gruppo. Siamo entusiasti di aver presentato qui il film, anche per l accoglienza che abbiamo avuto Dai, di tu qualcosa. Zonta: Non tutti i film vanno bene per tutti i festival, questo film va bene per Torino. Torino ha quel pubblico attento, selezionato, che può capirlo, apprezzarlo, non è un festival che macina i film indistintamente (...)

28 Capitolo 5 Interviste alle Film Commission liguri Non unica nel panorama italiano, la Liguria può vantare due Film Commission che operano sul territorio: la Genova Liguria Film Commission, con base nel capoluogo, e la Italian Riviera - Alpi del Mare Film Commission, con sede a Cisano sul Neva in provincia di Savona. Ma cos è una Film Commission? Un ente la cui attività principale è il sostegno alle produzioni cinematografiche e televisive che scelgono di produrre su di un territorio con una serie di servizi operanti dalla prima analisi della sceneggiatura, alla ricerca delle location, alla concessione dei permessi tramite gli uffici comunali e provinciali fino a tutto il periodo delle riprese per giungere alle anteprime o ai festival a cui il film venga selezionato. Diventa quindi utile approfondire il ruolo di queste due realtà, che si muovono sul territorio da alcuni anni cercando di incrementare il numero delle produzioni cinematografiche interessate a girare in Liguria.

29 Genova Liguria Film Commission 46 Intervista ad Andrea Rocco, Direttore Come è cambiato (se è cambiato) in questi anni il lavoro della Film Commission? È cambiato moltissimo. Noi abbiamo iniziato come Genova Set Film Commission, con una sfera d azione limitata alla sola città di Genova. Siamo andati avanti così dal 1999 al 2006, quando abbiamo assunto l attuale denominazione, allargandoci a tutta la Regione. Inizialmente svolgevamo il lavoro puro di una Film Commission, e cioè quello di fare un po promozione e di dare assistenza alle troupe cinematografiche attive sul territorio. Poi, negli anni, un po anche per coprire le lacune di altri che non se ne occupavano, i compiti si stanno allargando sempre di più nel campo produttivo (abbiamo ad esempio dato vita ad una sorta di incubatore d impresa e abbiamo realizzato il Cineporto), in quello della formazione, nel settore dello sviluppo turistico legato all uscita dei film nelle sale e (forse l aspetto più importante) nel fornire risorse alle produzioni che vorrebbero girare in Liguria. Cosa spinge le produzioni, italiane ed estere, a scegliere questo territorio? Di sicuro la conformazione del nostro territorio, che fornisce location molto varie (e con una buona flessibilità di utilizzo) nell ambito di una sola regione e con distanze relativamente brevi. Poi, da non trascurare, abbiamo creato un sistema di logistica e di permissistica efficiente e rapido, tra i migliori credo in tutta Italia. Infine, c è la possibilità sempre maggiore per le produzioni di trovare anche in Liguria personale tecnico di ottime capacità, in modo da ridurre i costi non dovendosi così occupare delle trasferte per troupe troppo ampie. Quale invece il maggiore ostacolo che trovate nel convincerli? Sono sempre di più incentivi di varia natura, specie economica, a dirottare produzioni da una location all altra: in questo campo siamo più indietro rispetto ad altri, non avendo un fondo di sostegno adeguato a cui poter attingere. Questo non vuol dire che non diamo nulla a chi viene a girare qui, ma la differenza con regioni più ricche ci ha fatto perdere molte produzioni, che hanno deciso di girare altrove. Adesso, con il Cineporto, speriamo che la situazione migliori, ma prima avevamo anche l handicap della totale mancanza di strutture di sostegno per le produzioni

30 Parliamo del Cineporto. I cantieri si sono chiusi a inizio novembre, manca ancora qualche dettaglio ma siamo operativi. Cosa vi si può trovare? mq coperti, mq di parcheggi, laboratori di falegnameria, scenografia e sartoria costumi, una sala casting con camerini, una piccola sala posa di 180 mq, 8-9 uffici produttivi, una foresteria per le troupe ospiti, una mensaristorante per cui realizzeremo un bando e, infine, un ulteriore area di mq vuota, a disposizione per i set. Esiste sul territorio e, nel caso, come viene gestito il fenomeno del turismo cinematografico? Il turismo cinematografico è una gran cosa, anche se ovviamente non può accadere per tutte le produzioni. Per ora noi non abbiamo vissuto grossi esempi in questo senso, anche se il caso di Genova di Michael Winterbottom è già significativo. È un film diretto da un regista forse di nicchia ma sicuramente molto apprezzato dalla critica, un lavoro che abbiamo supportato molto dal punto di vista logistico ma a cui, per i motivi che dicevo prima, non abbiamo fornito alcun aiuto economico. Nonostante ciò il nome della città è stato inserito nel titolo, è anzi il titolo stesso: un beneficio incredibile per l afflusso turistico, se pensate che in casi simili sia Palermo (per Palermo shooting di Wim Wenders) sia Barcellona (per Vicky Cristina Barcelona di Woody Allen) hanno dovuto pagare per avere questo privilegio! Qualche anno fa avevamo anche realizzato una carta geografica della città di Genova con segnalate tutte le location cinematografiche più importanti: la ristampa aggiornata di questo servizio è uno dei progetti per il prossimo futuro. Ha qualche dato sull impatto economico del settore cinema sul territorio locale? Dai dati pubblicati da Il Sole 24 Ore a inizio novembre risulta che nei primi nove mesi del 2009 abbiamo avuto in Liguria 233 giorni di produzioni per un totale di 3,5 milioni di euro. Rispetto al 2008 siamo in crescita (il totale era fermo a 2,7), ma lo scorso anno si era registrata una crisi che per fortuna in questo caso è già rientrata. Com è la convivenza con la Italian Riviera - Alpi del Mare Film Commission? Noi siamo un organismo attivo su tutta la regione, finanziato tra gli altri dalla stessa Regione Liguria. La nostra non è l unica zona d Italia in cui convivono più Film Commission, noi e la Italian Riviera non siamo concorrenti ma agiamo indipendentemente, alcune produzioni si rivolgono a loro, altre si rivolgono a noi. 29

31 Italian Riviera - Alpi del Mare Film Commission 47 Intervista ad Alessandra Bergero, Direttore Come è cambiato (se è cambiato) in questi anni il lavoro della Film Commission? Sì, è cambiato ed è sempre in evoluzione. Noi siamo stati la prima Film Commission Italiana ad essere al Festival del Cinema di Cannes, già nel 1998, con uno stand minuscolo dove avevamo appeso le foto prestate dall Azienda di Promozione Turistica locale. Il nostro modello allora era la Francia che aveva già un sistema locale, regionale e nazionale di Film Commission. Erano avanti. Ed anche noi. Eravamo certi di aver individuato un territorio ideale per fare cinema, molto simile alla California: le tre province di Savona, Imperia e Cuneo. Dal Mare alle Alpi in un ora. Una varietà incredibile di location in poco spazio con un clima mite tutto l anno. Una zona basata principalmente sul turismo, con strutture e servizi di ricezione di buon livello, e soprattutto con molta disponibilità tutto l anno (soli esclusi i mesi di luglio e agosto) e vicino ad aeroporti internazionali e capoluoghi. Non avendo una tradizione cinematografica, nessuno aveva mai pensato di venire a girare qui film, spot o documentari, a parte pochissimi casi isolati, ed era quindi necessario operare la promozione del territorio come luogo ideale per il cinema ai principali appuntamenti internazionali, come i Festival del Cinema di Cannes e Berlino. Questo è stato essenziale per lanciare sul mercato internazionale dell industria cinematografica la Italian Riviera, ovvero la Liguria di Ponente e il Basso Piemonte. Anche se il progetto era decisamente pionieristico rispetto al panorama italiano, le nostre Istituzioni locali parteciparono in gruppo con capofila la Provincia di Savona. Questa fase promozionale ha stimolato il trend di venire a girare nell Italian Riviera da ogni parte del mondo ed il numero di produzioni sul territorio è in continua crescita, decisamente cambiato da quando la Italian Riviera - Alpi del Mare Film Commission non c era. Nel corso degli anni di esperienza diretta la nostra offerta si è sintonizzata e adattata perfettamente alle richieste delle produzioni ed ora riusciamo ad erogare

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Claudio Baglioni A modo mio

Claudio Baglioni A modo mio Claudio Baglioni A modo mio Contenuti: revisione passato prossimo, lessico, espressioni italiane. Livello QCER: B1 Tempo: 2 h Claudio Baglioni è un grande cantautore italiano, è nato a Roma il 16 maggio

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

Prima che la storia cominci

Prima che la storia cominci 1 Prima che la storia cominci Non so da dove sia scaturita questa mia voglia di scrivere storie. So che mi piace ascoltare le narrazioni degli altri e poi ripensare quelle storie fra me e me, agitarle,

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Attraversando il deserto un cammino di speranza

Attraversando il deserto un cammino di speranza Attraversando il deserto un cammino di speranza Kusi Evans e Albert Kwabena mi colpiscono da subito in una burrascosa giornata di febbraio lungo le rive di un canale che stanno disboscando con la loro

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI In un mondo che ha perso quasi ogni contatto con la natura, di essa è rimasta solo la magia. Abituati come siamo alla vita di città, ormai veder spuntare un germoglio

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Di che colore è la tua macchina? è rossa Di che colore è il tuo divano? Di che colore è il tuo quaderno di italiano?

Di che colore è la tua macchina? è rossa Di che colore è il tuo divano? Di che colore è il tuo quaderno di italiano? 1. C è / ci sono. Vai a pagina 62 di Piazza Navona e fai l esercizio numero 5. Quando hai finito, prova a disegnare le frasi, come nell esempio. frase 1 2. Numeri ordinali. Vai a pagina 62 di Piazza Navona

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

Racconti popolari giapponesi

Racconti popolari giapponesi Adriana Lisboa Racconti popolari giapponesi traduzione di Natale P. Fioretto Graphe.it edizioni 2013 UN PAIO DI PAROLE DELL AUTRICE S e sei arrivato fino a qui, se hai aperto questo libro, probabilmente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si

Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si chiama Francesca, era molto simpatica; la seconda invece

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

Classe 5^A. a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia)

Classe 5^A. a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia) Classe 5^A a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia) Autori: Bagni Heloà Cadeddu Federico Caramaschi Marco Carretti Elisa Cella Samuele Collaku Selmir De Luca Annapia

Dettagli

Un film di Hiromasa Yonebayashi. Titolo originale: Karigurashi no Arrietty. Animazione. Durata 94 min. Giappone (2010).

Un film di Hiromasa Yonebayashi. Titolo originale: Karigurashi no Arrietty. Animazione. Durata 94 min. Giappone (2010). ARRIETTY Per i più grandi. Un film di Hiromasa Yonebayashi. Titolo originale: Karigurashi no Arrietty. Animazione. Durata 94 min. Giappone (2010). Sotto il pavimento di una grande casa nella campagna di

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

Dai, domanda! 6. Vita romana

Dai, domanda! 6. Vita romana Italiano per Sek I e Sek II Dai, domanda! 6. Vita romana 9:46 minuti Olivia: Edward: Margherita Un vecchio proverbio dice che tutte le strade portano a Roma. E finalmente sono venuto qua, giusto in tempo

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 3 uscita di giugno 2014 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via Casentinese,73/f

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni PIANO DI L ETTURA LA PIANTA MAGICA ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Orecchia Serie Azzurra n 81 Pagine: 87 Codice: 978-88-384-3564-2 Anno di pubblicazione: 2006 Dai 7 anni L AUTRICE Erminia Dell

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

CAPITOLO 4 LE PREPOSIZIONI LE PREPOSIZIONI SEMPLICI A. COMPLETARE CON LA PREPOSIZIONE SEMPLICE:

CAPITOLO 4 LE PREPOSIZIONI LE PREPOSIZIONI SEMPLICI A. COMPLETARE CON LA PREPOSIZIONE SEMPLICE: CAPITOLO 4 LE PREPOSIZIONI LE PREPOSIZIONI SEMPLICI A. COMPLETARE CON LA PREPOSIZIONE SEMPLICE: 1. dove sei? Sono Milano 2. Dove abiti? Abito Italia. 3. Come vai all'università? Vado bicicletta. 4. Vieni

Dettagli

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO ANICA, TRA PASSATO E FUTURO Documentario di Massimo De Pascale e Saverio di Biagio Regia di Saverio Di Biagio PREMESSA Il rischio di ogni anniversario è quello di risolversi in una celebrazione, magari

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli