BIMESTRALE DELL'IPSEMA SULLA CULTURA E L'ECONOMIA DEL MARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BIMESTRALE DELL'IPSEMA SULLA CULTURA E L'ECONOMIA DEL MARE"

Transcript

1 BIMESTRALE DELL'IPSEMA SULLA CULTURA E L'ECONOMIA DEL MARE 3/2009 Lidio Aramu Annamaria Barbato Ricci Giuseppe Gargano Duilio Mara Graziella Melina Antonio Nardo Antonio Parlato Giovanni Pellegrini Gerardo Picardo Folco Quilici Fausta Savone Annarita Scialanga Luca Sisto Daniela Squarcia Matticoli Francesca Vitale Poste Italiane S.p.A. - Sped. in abb. post. - 70% - DCB Roma

2 I SERVIZI DELL IPSEMA L attività dell Istituto si svolge in materia di assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali e di prestazioni previdenziali di malattia e maternità del personale della navigazione marittima, aerea e della pesca marittima. PRESTAZIONI L IPSEMA eroga ai propri assicurati prestazioni previdenziali obbligatorie e integrative, nonché prestazioni obbligatorie per conto dell INPS. LE PRESTAZIONI ISTITUZIONALI ASSICURATE SONO: - un indennità giornaliera temporanea, per inabilità totale al lavoro derivante da infortunio sul lavoro o malattia professionale; - un indennità giornaliera per temporanea inidoneità agli specifici servizi della navigazione; - una rendita o una somma capitale una tantum per inabilità permanente totale o parziale al lavoro conseguente ad infortunio sul lavoro o malattia professionale; - una rendita e un assegno una tantum ai superstiti in caso di morte per infortunio sul lavoro o malattia professionale; - altre prestazioni di carattere accessorio (fornitura di protesi, rimborso spese di viaggio, assegno per assistenza personale continuativa); - certificazione ai fini pensionistici dell eventuale esposizione dei marittimi alle fibre di amianto. LE PRESTAZIONI INTEGRATIVE, PREVISTE DAI CONTRATTI COLLETTIVI, SONO: - un indennità giornaliera temporanea per periodi non coperti dall assicurazione di legge; - un indennità una tantum per inabilità permanente da malattia contratta per causa di servizio; - un indennità una tantum per morte conseguente a infortunio o malattia contratta per causa di servizio. LE PRESTAZIONI EROGATE PER CONTO DELL INPS SONO: - un indennità giornaliera temporanea per i periodi di malattia previsti dalla legge; - le prestazioni economiche previste dalle leggi sulla maternità; - rimborsi per i donatori di sangue. Le prestazioni economiche a tutela della maternità sono corrisposte al personale della navigazione marittima, al personale amministrativo delle Società di navigazione di preminente interesse nazionale ed al personale di volo.

3 NAUTES BIMESTRALE DELL IPSEMA SULLA CULTURA E L ECONOMIA DEL MARE n. 3/2009 Settembre-Dicembre

4

5 L EDITORIALE Tecnologie per prevenire gli infortuni marittimi Antonio Parlato 7 IL CONVEGNO I PORTI ITALIANI La nautica da diporto, lo sviluppo della tutela del lavoro e delle garanzie sociali a cura di Antonio Nardo 11 Gente di mare, che se ne va dove gli pare, dove non sa Fausta Savone, Luca Sisto 41 Il porto di Napoli, un gigante produttivo Annamaria Barbato Ricci 47 Partono i bastimenti Duilio Mara 57 Emigranti, armatori e marinai nel burrascoso passaggio dal XIX al XX secolo Lidio Aramu 65 Marinai e migranti, stretti compagni di viaggio Graziella Melina 77 La Tabula de Amalpha e la Società Marinara Amalfitana nel Medioevo Giuseppe Gargano 87 Le navi dei misteri Raffaele Nespoli 99 Novità fiscali in materia di leasing nautico Francesca Vitale 105 I VIAGGI Dei dolori del bagnino D Artagnan e d altri simili Folco Quilici 115 I LIBRI Arriva il broker marittimo, a Genova la prima scuola nazionale 119 Comunicazione e cultura per prevenire gli infortuni in mare Gerardo Picardo 121 I FONDALI PREZIOSI I monumenti del mare Daniela Squarcia Matticoli 123 LA STORIA La flotta imperiale romana di Miseno Giovanni Pellegrini 127 LA SCIENZA Le onde del mare e le conchiglie sentono l armonia dei numeri Anna Rita Scialanga 141 LE ONDE RACCONTANO Le onde raccontano a cura di Antonio Nardo 145 INCONTRI 157 LE ARTI E IL MARE

6 NAUTES BIMESTRALE DELL IPSEMA SULLA CULTURA E L ECONOMIA DEL MARE Direttore Antonio Parlato Comitato di Direzione Antonio Parlato, Palmira Petrocelli, Agatino Cariola, Daniele Leone, Angela Razzino, Fausta Savone Direttore Responsabile Fausta Savone Hanno collaborato Lidio Aramu, Annamaria Barbato Ricci, Giuseppe Gargano, Duilio Mara, Graziella Melina, Antonio Nardo, Antonio Parlato, Giovanni Pellegrini, Gerardo Picardo, Folco Quilici, Fausta Savone, Anna Rita Scialanga, Luca Sisto, Daniela Squarcia Matticoli, Francesca Vitale Direzione e redazione Roma - Via S. Nicola da Tolentino, 5 Tel Fax Editore STILGRAFICA srl Via I. Pettinengo, 31/ Roma Tel Fax Le opinioni espresse negli articoli pubblicati su Nautes appartengono esclusivamente agli autori e non vincolano in alcun modo l Istituto N. 3/2009 Settembre-Dicembre Reg. Trib. Roma n. 616/2002 Illustrazione di copertina: Images.com / Stanley Martucci Le immagini di questo fascicolo sono state tratte da: Royal Caroline (1749) - Edito da Mursia

7 Commissario Straordinario: Antonio Parlato CONSIGLIO DI INDIRIZZO E VIGILANZA Presidente: Giovanni Guerisoli Vice Presidente: Giuseppe Ravera Consiglieri: Gennaro Fiore, Beniamino Leone, Giuseppe Lombardi, Guido Majrone, Tommaso Pacchelli, Angelo Patimo, Roberto Scotti, Luca Sisto, Mario Squittino COLLEGIO DEI SINDACI Bruna Bagalino Giuseppe Vincenzo Suppa, Anna Concetta Curtilli, Carmela Mignacca Mieli, Erminia Viggiani Direttore Generale: Palmira Petrocelli DIREZIONI CENTRALI Organizzazione e Personale: Angela Razzino Assicurazione, Prevenzione e Servizi Istituzionali: Agatino Cariola Economia, Finanze e Controllo di Gestione: Daniele Leone Affari Generali: Massimo Potestà Sede centrale ROMA - Via San Nicola da Tolentino, 5 - Cap Tel Fax Centri operativi MAZARA DEL VALLO - Piazzetta S.N. Regale, 6 - Cap Tel Fax MESSINA - Via Calabria 38/ Tel Fax MOLFETTA - Via B. Maranta, 14 - Cap Tel Fax Sedi Compartimentali GENOVA - Via Serra, 8 - Cap Tel Fax NAPOLI - Via S. Nicola alla Dogana, 9 - Cap Tel Fax TRIESTE - Via Galatti, 1 - Cap Tel Fax PALERMO - Via Onorato, 5 - Cap Tel Fax

8

9 TECNOLOGIE PER PREVENIRE GLI INFORTUNI MARITTIMI Antonio Parlato Se c è un settore della vita civile e produttiva che è progredito costantemente, per millenni, a seguito delle innovazioni tecnologiche introdotte, questo è il settore della navigazione. Marittima ed anche aerea non solo per la sostanziale affinità sancita da scienziati del diritto come Antonio Scialoja ma per la natura stessa del volo e del suo superamento della forza di gravità. Nella navigazione marittima l evoluzione delle imbarcazioni, dalla rudimentale canoa scavata in un tronco d albero al varo nel 2015 della straordinaria EOSEAS con 6 vele (ausiliarie!) per una complessiva superficie di mq montate su alberi di cento metri di altezza e fasciata da pannelli solari disposti su un perimetro di mille mq., e che porterà in crociera passeggeri, ne ha fatte di lunghissime rotte: durante le quali abbiamo visto 250 anni prima di Cristo la costruzione della straordinaria nave di Archimede, a Siracusa, l abolizione nel medioevo del doppio timone, la scoperta della bussola, l ingresso prepotente delle vele latine tra quelle quadre per stringere di più il vento e rendere la navigazione più veloce e sicura, poi l arrivo della nave a vapore e della ruota e, ancora, del ferro e dell acciaio nel fasciame e infine i motori diesel nucleari. Tutte tecnologie dirette ad accrescere la efficienza, la velocità, la capacità di stiva, la produttività e la sicurezza della spedizione. È in questo quadro che l iniziativa del Presidente di CONFITARMA, Nicola Coccia e del Presidente ed A.D. di GRANDI NAVI VELOCI, Silvano Cassano di tenere nell ottobre scorso a Genova un Convegno di due giorni intitolato alle Nuove rotte per la sicurezza - L EDITORIALE 7 NAUTES

10 8 Shipping & Safety, ha visto l immediata adesione dell IPSEMA alla suggestiva (e responsabile, venendo dagli armatori) riconsiderazione della introduzione a bordo di nuove tecnologie. Non più finalizzate solo alla efficienza ed efficacia della propria presenza nel mercato della navigazione marittima ma anche alla salute ed alla sicurezza della gente di mare imbarcata. L IPSEMA, all avanguardia in questa consapevolezza, ha avuto così modo a Genova di illustrare talune installazioni a bordo, il che vuol dire anche talune iniziative da assumere a bordo, che sono al momento al suo studio, sulla base di esperienze in atto o di autonome sue valutazioni. Si è così parlato della eventualità che l IPSEMA promuova o partecipi a progetti relativi al trasferimento del linguaggio dei marittimi

11 da quello della madre patria all inglese, secondo il codice IMO riguardante tutti i comandi, le domande e le risposte attese durante la navigazione e le manovre di bordo, alla introduzione di un personale microchip che, indossato dal marittimo, riconduca immediatamente alla sua anamnesi, alla sua personale storia sanitaria, per curarlo meglio, conoscendo i precedenti, al sopravvenire di nuovi infortuni o patologie, alla installazione a bordo delle navi da carico di defibrillatori che permettano a personale opportunamente formato, di intervenire immediatamente qualora si rilevino gravi patologie cardiache a membri dell equipaggio in navigazione, magari in mari lontani. Si potrebbe continuare nella ricerca, semplicemente ponendo in relazione la misura, la dinamica e le cause di ciascuna delle tipologie di infortuni e malattie professionali registrate e studiate dall IP- SEMA con la possibilità di interventi che, il più realisticamente possibile, rimuovano con nuove tecnologie omissioni ed errori. Questo con il sostegno dello Stato. Semplicemente perché gli oneri di un intervento tecnologico a tutto campo, pur se gradualmente realizzato, sono elevati. Ma molto meno del costo sociale, ma anche economico e produttivo, degli infortuni e delle malattie professionali. E che è un costo che, ben oltre quelli della copertura contributiva e dell erogazione delle prestazioni, a carico degli armatori, subisce lo Stato lasciando comunque martoriato il suo tessuto umano e civile. Mentre se una strategia di riduzione tecnologica degli infortuni e delle malattie fosse posta in campo, ci sarebbe in prospettiva un recupero ed un risparmio sociale. E l IPSEMA, che anche a questo pensa, va svolgendo, preliminarmente ad ogni sua proposta al Parlamento ed al Governo, complessi calcoli per stabilire quanto davvero e di più costi alla comunità nazionale, al netto dei contributi versati dagli armatori, un infortunio che colpisca la gente di mare. Vedremo L EDITORIALE 9 TECNOLOGIE PER PREVENIRE GLI INFORTUNI MARITTIMI

12

13 CONVEGNO LA NAUTICA DA DIPORTO, LO SVILUPPO DELLA TUTELA DEL LAVORO E DELLE GARANZIE SOCIALI IL CONVEGNO 11 Trieste 9 ottobre 2009 Palazzo dei Congressi - Stazione Marittima a cura di Antonio Nardo NAUTES

14 12 In occasione del 41 edizione della regata storica triestina della Barcolana, l IPSEMA oltre a parteciparvi con una barca ed un suo equipaggio non a fini competitivi ma per testimoniare il suo impegno in materia di diporto ha promosso il convegno La nautica da diporto, lo sviluppo della tutela del lavoro e delle garanzie sociali. Il convegno, tenutosi il 9 ottobre presso il Palazzo dei Congressi di Trieste, ha evidenziato la crescita della rilevanza del diporto nell attività dell Istituto e inoltre ha dato l opportunità ai protagonisti del settore di proporre una riflessione su un comparto che pur avendo il merito da un lato di promuovere l occupazione, dall altro deve iniziare a preoccuparsi delle garanzie sociali dei lavoratori. Ad aprire il tavolo delle discussioni è stata la Dott.ssa Maria Gabriella Grasso, Direttore della Sede Compartimentale di Trieste dell IPSEMA, che, oltre a definire il ruolo tradizionale dell IPSEMA nell evento Barcolana come stimolo per riflessioni e incontri, ha ricordato l impegno dell Istituto in materia di sicurezza con la pubblicazione del Quaderno di formazione per la sicurezza in sala macchine a bordo delle navi, secondo appuntamento dopo il primo Quaderno riguardante la sicurezza in cucina dell anno precedente. Dopo aver auspicato che questo incontro possa diventare un appuntamento ricorrente dove discutere di nautica da diporto, il Commissario Straordinario dell IPSEMA, l Avv. Antonio Parlato, ha posto l accento su come questo settore, nonostante risulti essere quello con un minor numero di iscritti all Istituto, stia diventando sempre più importante e rilevante nell economia italiana, un settore in cui e la sensazione è confermata dal recente Salone Nautico di Genova la crisi è lontana. «A fronte di questa crescita però non corrisponde un uguale aumento delle assicurazioni con l IPSEMA, presso il quale esiste l obbligo di assicurare l equipaggio imbarcato», ha ribadito l Avv. Parlato precisando come la scelta di discuterne durante un evento internazionale così importante come è la Barcolana, vuole testimoniare proprio l impegno e la costante attenzione che l Istituto svolge nei confronti di un settore che per anni è stato ai margini dell interesse pubblico. «Un ruolo, quello pubblico, che può diventare sempre più decisivo qualora si

15 concretizzi il progetto del nuovo Ente per la navigazione, l Esin». Ritornando ai dati, forniti dalle Capitanerie di Porto, dai Carabinieri e da altre istituzioni, l Avv. Parlato ha voluto segnalare l aumento preoccupante di incidenti in mare favoriti dalla negligenza e dall imprudenza da parte degli equipaggi cosiddetti ombra imbarcati sulle navi da diporto, spesso non assicurati e non addestrati adeguatamente: «Proprio di fronte a questo increscioso fenomeno dell irregolarità a bordo fondamentale è stato il provvedimento di stringere un Protocollo d Intesa con la Guardia di Finanza». Infine, nel riaffermare come l IPSEMA continuerà la battaglia contro questo fenomeno, l Avv. Parlato ha sottolineato l importanza di puntare sulla responsabilizzazione del personale di bordo, al rispetto e quindi alla conoscenza delle norme. Competenze ed organizzazione sono state al centro dell intervento del Presidente CIV (Consiglio d Indirizzo e Vigilanza) dell IPSE- MA, il Dott. Giovanni Guerisoli. In particolare, per quanto riguarda un argomento delicato come quello della presenza dell amianto a bordo della navi militari, si è invitato il Legislatore a superare quella che potrebbe essere una contraddizione: «Se da una parte si decide in virtù della specificità delle competenze e del ruolo di attribuire a IPSEMA la tutela e la verifica delle condizioni applicative della norma sull amianto, dall altro sembra si voglia affidare all Inail la verifica della presenza di amianto a bordo delle navi militari». Guerisoli ha ribadito inoltre come sia il protocollo con la Guardia di Finanza sia la proposta del nuovo ente, l Esin, rientrano in quella richiesta, impellente, di una tutela globale. «Tutela che aggiunge Guerisoli comporta delle scelte organizzative ed anche ispettive difficili da perseguire se permane una logica generale di risparmio sulla spesa pubblica indipendentemente dagli Enti e delle loro dimensioni». Ritornando al tema dell importanza della formazione, in sintonia con l Avv. Parlato, il Dott. Guerisoli ha evidenziato come il numero degli infortuni sia collegato all incuria e soprattutto all ignoranza delle norme più basilari, sia per quanto riguarda i lavoratori che i datori di lavoro: «Oggi, con questa iniziativa, si lancia un messaggio chiaro e generale a tutto il Paese, ossia come la sicurezza debba essere al primo posto per tutti coloro che operano nel settore». IL CONVEGNO 13 LA NAUTICA DA DIPORTO, LO SVILUPPO DELLA TUTELA DEL LAVORO

16 14 I dati nel settore del diporto dell ultimo triennio sono stati oggetto dell intervento del Direttore Generale dell IPSEMA Palmira Petrocelli, la quale ha voluto sottolineare come il numero degli iscritti risulti comunque in aumento grazie all intervento coraggioso dell Istituto che ha abbassato l aliquota dal 9% al 4,50%. La categoria del diporto, compreso il diporto a noleggio iscritto nel Registro internazionale, incide sul totale delle navi assicurate con l IPSEMA per circa il 19% e negli ultimi sette anni nel portafoglio dell Istituto si è registrato un incremento del 90% di imbarcazioni da diporto assicurate. A tale aumento corrisponde un altrettanto significativo incremento dei posti di lavoro assicurati: nello stesso arco di tempo di sei anni l aumento complessivo dei marittimi assicurati nella categoria naviglio da diporto è stato del 65%. Con l IPSEMA risultano assicurate per l anno passato circa imbarcazioni destinate alla nautica da diporto che hanno impiegato circa lavoratori. Per ciò che concerne gli incidenti sul lavoro, la Petrocelli ha evidenziato come la maggior parte degli eventi infortunistici (78%) è avvenuta in porto a bordo delle imbarcazioni, con una frequenza, il 66% dei casi, nei mesi estivi, tra giugno e settembre; le operazioni di ormeggio, disormeggio e rimorchio risultano essere pertanto la causa principale e, ha aggiunto, i danni riportati interessano soprattutto gli arti inferiori. Estremamente importante è stato il risultato emerso dalla ricerca, in collaborazione con il Ministero del Lavoro Donna al timone, che ha evidenziato come il settore, seppur con lentezza, si stia aprendo alle donne; lo stesso dato degli infortuni di sesso femminile, pari al 14%, supera abbondantemente quella rilevata annualmente sul complesso delle categorie di naviglio, pari a circa il 3%. L informazione è, conferma il Direttore Palmira Petrocelli, la chiave per ottenere dei risultati che contrastino il fenomeno degli infortuni, e a tal proposito ha proposto una collaborazione con la Capitaneria di Porto per creare momenti d incontro e diffondere materiale informativo. Infine, l ultimo dato riguardante le malattie comuni ha evidenziato come il problema si concentri soprattutto nel sistema muscolo-scheletrico. Sulla stessa linea di un approccio formativo ed informativo come soluzione per tutelare il lavoratore dagli infortuni e contrastare

17 l utilizzo di personale clandestino a bordo, è il Comandante Antonio Basile, Direttore Marittimo del Friuli Venezia Giulia, il quale ha portato all uditorio la propria esperienza nel precedente incarico a Pescara Direttore Marittimo di Abruzzo e Molise circa i risultati ottenuti attraverso una serie d incontri con il settore della pesca: «Il futuro del settore risiede nella capacità di armatori e lavoratori di percepire la sicurezza non come un aumento della spesa e dei costi, ma come una forma d investimento che ha l obiettivo di creare ed invogliare un rinnovo generazionale delle forze in campo». Un discorso che deve essere ampliato al settore del diporto aggiunge il Comandante Basile: «La necessità di disporre di personale munito di specifici titoli professionali non può che giocare a favore dell aumento di sicurezza a bordo, proprio perché il personale deve inevitabilmente iscriversi nell ambito della gente di mare». Infine, nel ricordare il ruolo tradizionale delle Capitanerie di Porto sul versante prevenzione, il Comandante Basile ha dato parere favorevole a nuove forme di collaborazione. In un mare sempre più affollato e contro questo fenomeno elusivo dell iscrizione e della sicurezza della gente di mare a bordo è secondo il Capo Ufficio Studi della Direzione Marittima di Trieste, Capitano Ettore Romagnoli il rinnovamento del Codice della Navigazione a fornire un apertura significativa, in particolare l art. 2 che concerne il diporto commerciale. (Riportiamo a parte l intervento integrale del Comandante Romagnoli e del Colonnello Flavio Aniello, Comandante del Nucleo Speciale Entrate che ha illustrato al convegno il tema della fiscalità, e con esso di tutto il complesso ciclo della Finanza Pubblica, n.d.r.). Con l augurio che presto possa attuarsi l Esin (l Ente unico della navigazione), l On. Silvano Moffa, Presidente della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati, sollecita un riordino del settore previdenziale della navigazione, ancor più urgente in vista dei dati e delle considerazioni esibiti durante il convegno stesso. Inoltre, proprio in virtù di una mancanza totale di dati sull evasione contributiva del settore marino e in particolare del settore del diporto che presenta una sua specifica problematica, l On Moffa plaude al Protocollo d Intesa con la Guardia di Finanza: «In un momento di crisi come questo è opportuno organizzare un sistema diverso IL CONVEGNO 15 LA NAUTICA DA DIPORTO, LO SVILUPPO DELLA TUTELA DEL LAVORO

18 16 di regole e controlli e a tal proposito non si può non apprezzare come l IPSEMA affronti il tema della tutela del lavoro, con un particolare riguardo all aspetto sociale, uscendo da quella logica che vede lo Stato come elemento di vessazione nei confronti del cittadino, ma piuttosto come il requisito che contribuisce ad una crescita culturale complessiva». Informare e formare, questo è il dato da cui partire dichiara l On. Moffa in totale sintonia con gli altri protagonisti del convegno sia nei confronti del datore di lavoro o dell impresa, ma soprattutto del lavoratore: «La difesa e la tutela del lavoratore, dell incolumità del lavoratore, devono essere al centro del processo di cambiamento». Un aspetto conferma l On Moffa che richiede ancor più attenzione in virtù del fenomeno dell irregolarità nel mondo del lavoro, un tema quindi non soltanto previdenziale o assicurativo, ma sociale, e che attiene anche alla slealtà nei confronti del lavoratore regolare: «Per tale ragione l IPSEMA e la Guardia di Finanza saranno invitate dalla Commissione per discutere di lavoro irregolare». In conclusione, sul tema delle bandiere ombra, l On. Moffa ha invitato tutti gli attori del settore ad una riflessione, proponendo un seminario sul diritto internazionale e sul diritto della navigazione affinché si studino e si suggeriscano nuove regole valide per un mondo ormai globalizzato.

19 DIREZIONE MARITTIMA DI TRIESTE RELAZIONE DEL CF(CP) ETTORE ROMAGNOLI 1) L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SUL DIPORTO NAUTICO In origine la navigazione da diporto trovava una sua autonoma e limitata regolamentazione nella normativa sui motoscafi da diporto contenuta nel R.d.l. 813/32 e pedissequo regolamento e nel Codice della navigazione, in apposito capo riguardante le navigazioni speciali agli artt Il R.D. aveva peraltro il forte limite di essere destinato alla sola motonautica non riguardando la navigazione vela che pur tanta e crescente passione suscita. Il Guardasigilli Grandi, con lungimiranza, affermava nella relazione al Re: Mi è parso opportuno riunire in uno speciale capo le norme relative alla navigazione da diporto intese a stabilire un ordinamento più semplice e snello per quanto concerne la navigazione da diporto, ai fini di agevolarne lo sviluppo che così notevoli ripercussioni ha non soltanto dal punto di vista sportivo e turistico. Così facendo, il legislatore conferiva importanza al settore e nel contempo avvertiva la necessità di una normativa più agile e specialmente differenziata rispetto a quella destinata alla navigazione commerciale. Nel 1971,in considerazione della rilevanza sociale ed economica assunta dalla nautica specie dopo gli anni del c.d. boom economico veniva emanata la legge 11 febbraio 1971 n. 50 che fu la prima e vera autonoma normativa dedicata al diporto. Preso atto della specialità del settore, la nuova legge forniva una specifica regolamentazione costituita da un vero e proprio corpus normativo organico e non da un semplice gruppo di deroghe tanto che fu chiamato dal rigetti Piccolo codice della nautica. Seguiva nel 1977 il regolamento lo specifico di sicurezza previsto dalla legge, una autonoma normativa fiscale (tassa di stazionamento del 1976, regime dell import-export, accise sui carburanti, riserve di bordo etc.) ed il regolamento delle abilitazioni al comando/condotta del- IL CONVEGNO 17 LA NAUTICA DA DIPORTO, LO SVILUPPO DELLA TUTELA DEL LAVORO

20 le unità da diporto approvato con D.P.R. 431/97 e tutt ora in vigore per alcune parti. Nel 1994 anche l UE inizia ad interessarsi del diporto emanando la direttiva 94/25/CE del 16 giugno che ha introdotto il c.d. marchio CE riguardante in modo specifico norme tecniche per le costruzioni, a sua volta modificata ed integrata con la 2003/44/CE in cui si evidenzia maggiore sensibilità per l ambiente (rumore, emissioni, rifiuti di bordo) e sicurezza di bordo nell ottica della protezione e tutela dei consumatori assunta oramai quale ermeneutica criterio di riferimento. Proseguendo, nel 2003 con la legge 172 abbiamo l ultima modifica fondamentale alla l. 50/71. Non solo essa che cela finalmente nel suo seno la delega al Governo per il Codice della nautica all art. 6; 18 2) IL CODICE In forza della delega, al termine di un iter durato due anni, il 18 luglio 2005 è stato approvato con D.leg.vo n. 171 il Codice della nautica. Esso è composto di 67 articoli e 16 allegati di cui i primi 15 derivano dalla direttiva comunitaria 2003/44/CE citata che ha modificato ed integrato la 94/25/CE. Il codice raccoglie e coordina le disposizioni pregresse, da attuazione alle direttive comunitarie sul diporto ed innova la materia snellendo procedure ed introducendo nuovi istituti. L art. 65 prevedeva l emanazione di un apposito regolamento di attuazione volto a fornire pratica attuabilità alle norme codicistiche e guida per l amministrazione corrente. Questo è stato adottato D.M. 29 luglio 2008 n.146 entrato in vigore il 21 dicembre 2008 e consta di tre Titoli divisi in 94 articoli con XI allegati. Il primo titolo è dedicato alle procedure amministrative inerenti le unità da diporto, il secondo alle patenti nautiche ed il terzo alla sicurezza della navigazione da diporto compresa quella commerciale. Abbisogna di ulteriori decreti di complemento per alcuni aspetti e segnatamente per le patenti e sulla sicurezza. Con il codice ed il suo regolamento di attuazione viene sancita definitivamente la speciale disciplina per il diporto che rimane comunque incardinata nel diritto marittimo potendosi dire che siamo innanzi ad un disciplina sub speciale rispetto alla classica contenuta nel C.N..

21 A norma dell art. 1 dello stesso, conservando la dizione tradizionale, la navigazione da diporto è quella che si effettua per fini sportivi e ricreativi e senza fini di lucro. L art. 3 qualifica quale unità da diporto ogni costruzione di qualunque tipo e con qualunque mezzo di propulsione destinata alla navigazione da diporto. Le unità a loro volta sono divise in tre categorie di seguito enumerate: 1) Navi, ogni unità con scafo di lunghezza superiore a 24 metri; 2) Imbarcazioni ogni unità con scafo di lunghezza superiore ai 10 metri, sino a 24 metri; 3) Natanti, ogni unità a remi o con scafo di lunghezza pari o inferiore ai dieci metri; Le distinzioni basate sul tipo di propulsione, (motore, vela, vela/motore) assumono quindi in tale contesto solo valenza descrittiva. Scomparsa la vecchia distinzione occorre un criterio per determinare il tipo di unità cosa che appare solo nell art. 25 del regolamento ed al fine di differenziare le modalità di svolgimento dell esame per patente nautica. Appare evidente quindi che la lunghezza è diventata unico parametro distintivo per legge poiché la stazza non è più menzionata. Essa è da misurarsi secondo opportuni standard armonizzati dettati dalle norme EN/ISO/DIS 8666, ed è la distanza, misurata in linea retta, tra il punto estremo anteriore della prua e il punto estremo posteriore della poppa, escluse tutte le appendici che non costituiscono parti strutturali dello scafo quali delfiniere, piattaforme poppiere, bompresso etc. Le navi e le imbarcazioni sono iscritte in speciali registri (R.N.D. e R.I.D.) ed abilitate alla navigazione con apposita licenza, sono soggette ad uno speciale regime amministrativo semplificato, hanno obbligo di esporre la bandiera che ne qualifica la nazionalità, sono contraddistinte dalla sigla dell ufficio d iscrizione (art. 25) e sono sottoposte a visite periodiche quinquennali per il rinnovo del certificato di sicurezza. L inosservanza delle norme dettate in materia dal codice trova esplicita sanzione nell art. 53 che, peraltro, prevede in alcuni casi sanzioni dimezzate per i natanti. I natanti (unità sotto i 10 mt.) sono esenti dall obbligo di iscrizione. Se a motore, devono essere muniti della dichiarazione di po- IL CONVEGNO 19 LA NAUTICA DA DIPORTO, LO SVILUPPO DELLA TUTELA DEL LAVORO

22 tenza rilasciata dal costruttore indicante la potenza massima di esercizio come definita dalla norma EN/ISO 8665 (art. 28) e della documentazione sul marchio CE se immesse in commercio dopo il 17 giugno Il regime della navigazione dei natanti è sottoposto a limitazioni e modalità di utilizzo prescritte dalle ordinanze degli Uffici Circondariali marittimi a parte il regime dei limiti di navigazione rispetto alla costa che è stato trasferito alle Capitanerie di porto ex art. 8 l. 172/03 cui è inoltre deferita la ricezione degli scritti difensivi e l emanazione dell eventuale Ordinanza- ingiunzione o d archiviazione dei processi verbali. 20 3) LE PRINCIPALI NOVITÀ DEL CODICE E REGOLAMENTO Il codice ed il regolamento, oltre ad avere riunito la pregressa normativa sparsa in plurime fonti a volte di difficile coordinamento, hanno introdotto nuovi istituti che forniscono maggiore caratterizzazione e spiccata autonomia applicativa al comparto. Tra le principali novità dobbiamo menzionare oltre all uso commerciale di cui tratteremo a parte, il riconoscimento della figura dell utilizzatore dell unità in leasing (art. 16) e la completa armonizzazione con la normativa comunitaria ripresa negli artt. da 4 a 13 e negli allegati dal I al XV. Oltre a ciò, in breve rassegna evidenziamo: - non si può commercializzare una unità priva del marchio CE a garanzia della sicurezza e della qualità del prodotto a parte alcune eccezioni specificata nell art. 4 (art. 7); - è introdotta la possibilità dell iscrizione provvisoria in attesa della formalizzazione degli atti (art. 20 e 18 reg.); - è regolamentata la disciplina delle unità autocostruite (art. 15 e 5 reg.) - è introdotta l annotazione della perdita di possesso dell unità a seguito di furto (art. 15); - l obbligo di dare pubblicità dei passaggi di proprietà entro 60 gg. (art.17); - è prevista la speciale patente per la direzione nautica per diversamente abili (art. 39). Questa non ha ancora trovato pratica attuazione neppure nel regolamento poiché deve essere ancora emanato lo specifico programma d esame e le modalità per l effettuazione dello stesso;

*** NORMATTIVA - Stampa ***

*** NORMATTIVA - Stampa *** *** NORMATTIVA - Stampa *** Pagina 1 di 6 DECRETO 10 maggio 2005, n. 121 Regolamento recante l'istituzione e la disciplina dei titoli professionali del. Vigente al: 16-7-2015 IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

GUIDA DEL DIPORTISTA NAUTICO Le brevi note in prosieguo intendono fornire al diportista un memorandum estrapolato dal codice della nautica da

GUIDA DEL DIPORTISTA NAUTICO Le brevi note in prosieguo intendono fornire al diportista un memorandum estrapolato dal codice della nautica da GUIDA DEL DIPORTISTA NAUTICO Le brevi note in prosieguo intendono fornire al diportista un memorandum estrapolato dal codice della nautica da diporto, di cui al decreto legislativo del 18 luglio 2005,

Dettagli

NUOVE ABILITAZIONI PER GLI ISCRITTI ALLA GENTE DI MARE

NUOVE ABILITAZIONI PER GLI ISCRITTI ALLA GENTE DI MARE NUOVE ABILITAZIONI PER GLI ISCRITTI ALLA GENTE DI MARE Abilitazioni di coperta Ø Allievo Ufficiale di coperta Ø Ufficiale di navigazione Ø Ufficiale di navigazione su navi che compiono viaggi costieri

Dettagli

Soluzione interpretativa prospettata dal contribuente.

Soluzione interpretativa prospettata dal contribuente. RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 marzo 2002 Oggetto: Forniture di carburante a bordo di natanti da diporto gestiti in noleggio. Regime di non imponibilità Iva di

Dettagli

L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi

L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi Avv. Enrico Mordiglia Studio Legale Mordiglia Genova - Milano Inquadramento normativo > Codice della nautica da

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

COMI. PG/2013/250690 Venezia, 4 giugno 2013

COMI. PG/2013/250690 Venezia, 4 giugno 2013 COMI Direzione Mobilità e Trasporti Settore Trasporti Gestione Amministrativa Traffico Acqueo trasporti.acquei@comune.venezia.it (PEC) protocollo@pec.comune.venezia.it www.comune.venezia.it/trasportoacqueo

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 10 maggio 2005, n. 121 Regolamento recante l'istituzione e la disciplina dei titoli professionali del diporto. IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Marittima di Palermo

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Marittima di Palermo IL DIRETTORE MARITTIMO DELLA SICILIA OCCIDENTALE VISTO : l art. 123 del Codice della navigazione, modificato dall art. 7 della L. 27.02.1998, n. 30; nonché gli artt. 282 e 285 del Regolamento di esecuzione

Dettagli

Il Codice della Navigazione R.D 30 marzo 1942 n 327n Articolo 123

Il Codice della Navigazione R.D 30 marzo 1942 n 327n Articolo 123 Il Codice della Navigazione R.D 30 marzo 1942 n 327n Articolo 123 Regolamento per l esecuzione l del Codice della Navigazione D.P.R 15 febbraio 1952 n 328 Articoli dal 248 al 274 Art.123 (Titoli Professionali

Dettagli

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

Roma, 31/03/2011. e, per conoscenza, Circolare n. 61

Roma, 31/03/2011. e, per conoscenza, Circolare n. 61 Roma, 31/03/2011 Circolare n. 61 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore generale Medico legale

Dettagli

Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio

Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio Premessa Il presente lavoro è finalizzato a fornire una descrizione della normativa italiana in materia di IVA nel settore della nautica da

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo della formazione continua agli iscritti all Ordine degli Ingegneri (art. 3, comma 5, lettera b) del decreto-legge 13 agosto 2011, n.

Dettagli

LE ABILITAZIONI PROFESSIONALI DELLA GENTE DI MARE

LE ABILITAZIONI PROFESSIONALI DELLA GENTE DI MARE LE ABILITAZIONI PROFESSIONALI DELLA GENTE DI MARE Il primo riferimento è l attuale CODICE DELLA NAVIGAZIONE, la cui entrata in vigore risale al lontano 1942, completato dal relativo Regolamento di Esecuzione

Dettagli

Materiali da costruzione si

Materiali da costruzione si Materiali da costruzione si Antonio Oddo Seppur posticipato nel tempo, il passaggio da Direttiva a Regolamento determina rilevanti modifiche perché tocca diversi elementi di contenuto legati in primo luogo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Circolare N. 69 del 8 Maggio 2015

Circolare N. 69 del 8 Maggio 2015 Circolare N. 69 del 8 Maggio 2015 Tassa annuale sulle imbarcazioni alla cassa entro il prossimo 01.06.2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, entro il prossimo 01 giugno 2015

Dettagli

L Art. 16 del Decreto Salva Italia e le successive le modifiche introducono la tassa per il Possesso delle unità da diporto superiori a 10,00 metri.

L Art. 16 del Decreto Salva Italia e le successive le modifiche introducono la tassa per il Possesso delle unità da diporto superiori a 10,00 metri. L Art. 16 del Decreto Salva Italia e le successive le modifiche introducono la tassa per il Possesso delle unità da diporto superiori a 10,00 metri. Di seguito troverete il nostro contributo che raccoglie

Dettagli

Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005. Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra ROMA

Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005. Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra ROMA Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005 Al Signor Ministro della Giustizia Sen. Roberto Castelli Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra E, per conoscenza

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

Roma, 21/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 100

Roma, 21/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 100 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Organizzazione Ufficio Centrale di monitoraggio e coordinamento in materia di protezione dei dati personali e accesso alle banche

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MIUR DIREZIONE GENERALE PER LO STUDENTE, L INTEGRAZIONE, LA PARTECIPAZIONE E LA COMUNICAZIONE E PROTOCOLLO DI INTESA tra MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI

CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI CONDIZIONI GENERALI PER LA LOCAZIONE DELLE IMBARCAZIONI 1. OGGETTO L armatore concede in locazione al Conduttore l imbarcazione da diporto senza equipaggio, indicata nella comunicazione di conferma di

Dettagli

Guardia di Finanza PREMESSO CHE

Guardia di Finanza PREMESSO CHE Guardia di Finanza PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO AI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE TRA L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LA GUARDIA DI FINANZA l Istituto Nazionale per

Dettagli

$UW $0%,72',$33/,&$=,21(

$UW $0%,72',$33/,&$=,21( 5(*2/$0(172 '(*/,$3352',',81,7$ $9(/$$',%,7($/&+$57(51$87,&235(662/$ '$56(1$$&721'(/32572',1$32/, $0%,72',$33/,&$=,21( Il presente regolamento disciplina, a titolo sperimentale, l uso delle banchine portuali

Dettagli

Articolo 1 (finalità) Articolo 2 (ambito di applicazione) Articolo 3 (definizioni)

Articolo 1 (finalità) Articolo 2 (ambito di applicazione) Articolo 3 (definizioni) DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2009/18/CE CHE STABILISCE I PRINCIPI FONDAMENTALI IN MATERIA DI INCHIESTE SUGLI INCIDENTI NEL SETTORE DEL TRASPORTO MARITTIMO E CHE MODIFICA LE DIRETTIVE

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIREZIONE GENERALE TERRITORIALE DEL NORD OVEST UFFICIO MOTORIZZAZIONE CIVILE DI MILANO

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIREZIONE GENERALE TERRITORIALE DEL NORD OVEST UFFICIO MOTORIZZAZIONE CIVILE DI MILANO Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIREZIONE GENERALE TERRITORIALE DEL NORD OVEST UFFICIO MOTORIZZAZIONE CIVILE DI MILANO Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIREZIONE GENERALE TERRITORIALE

Dettagli

Roma, p.d.c. 06 59084196 l8l cacp@pec.mit.gov.it; Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. All'

Roma, p.d.c. 06 59084196 l8l cacp@pec.mit.gov.it; Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. All' Roma, p.d.c. 06 59084196 l8l cacp@pec.mit.gov.it; Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto 6 Reparto - 4 Ufficio _3 Sezione All' ISTITUTO TECNOLOGICO

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

2) Per quanto riguarda la Repubblica federativa del Brasile, alle legislazioni concernenti il regime di previdenza sociale dell I.N.P.S.

2) Per quanto riguarda la Repubblica federativa del Brasile, alle legislazioni concernenti il regime di previdenza sociale dell I.N.P.S. BRASILE PROTOCOLLO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO DI EMIGRAZIONE FRA L ITALIA ED IL BRASILE DEL 9/12/1960 Firma: Brasilia, 30 gennaio 1974 Ratifica: legge 6 aprile 1977, n. 236 G.U. del 1 giugno 1977, n. 147 Entrata

Dettagli

NORME TARIFFARIE PER LA GARANZIA DELLA RESPONSABILITA CIVILE OBBLIGATORIA

NORME TARIFFARIE PER LA GARANZIA DELLA RESPONSABILITA CIVILE OBBLIGATORIA Area Tecnica RAMI AUTO NORME TARIFFARIE in vigore dal 01/04/2013 NORME TARIFFARIE PER LA GARANZIA DELLA RESPONSABILITA CIVILE OBBLIGATORIA ---------------------------------------- NATANTI, IMBARCAZIONI,

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

15. Da quale sigla è seguito il numero di iscrizione delle navi da diporto? A) N B) ND C) D

15. Da quale sigla è seguito il numero di iscrizione delle navi da diporto? A) N B) ND C) D GRUPPO C2015 1. In base a quali parametri si classificano le Unità da diporto? A) lunghezza B) lunghezza, larghezza e altezza di costruzione C) potenza dell apparato motore, stazza e lunghezza 2. Per pescaggio

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

Dis corsi nautici, norme di navigazione per il canottaggio. Conferenza Regionale Allenatori - Trieste 15 dicembre 2012 Bruno Spanghero STC ADRIA 1877

Dis corsi nautici, norme di navigazione per il canottaggio. Conferenza Regionale Allenatori - Trieste 15 dicembre 2012 Bruno Spanghero STC ADRIA 1877 Federazione Italiana Canottaggio COMITATO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA Dis corsi nautici, norme di navigazione per il canottaggio Conferenza Regionale Allenatori - Trieste 15 dicembre 2012 Bruno Spanghero

Dettagli

DISCIPLINARE AI SENSI DELL ART. 6 DEL DECRETO MINISTERIALE 15 SETTEMBRE 2009, N. 154

DISCIPLINARE AI SENSI DELL ART. 6 DEL DECRETO MINISTERIALE 15 SETTEMBRE 2009, N. 154 DISCIPLINARE AI SENSI DELL ART. 6 DEL DECRETO MINISTERIALE 15 SETTEMBRE 2009, N. 154 PERCORSO NORMATIVO Art. 18, co. 1 e 2 del DL 27/07/05, n. 144, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 10043 06/10/2009 Identificativo Atto n. 1155 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO ATTIVAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO ABILITANTE PER L ESERCIZIO DELL ARTE AUSILIARIA DI MASSAGGIATORE E DI

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

PROVINCIA DI POTENZA Unità Direzionale Trasporti

PROVINCIA DI POTENZA Unità Direzionale Trasporti PROVINCIA DI POTENZA Unità Direzionale Trasporti COMMISSIONE PROVINCIALE D ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITÀ PROFESSIONALE PER L ATTIVITÀ DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO

Dettagli

I CONTENUTI DELL ACCORDO 30 DICEMBRE 2014 TRA FEDERMANAGER E CONFINDUSTRIA DI RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI

I CONTENUTI DELL ACCORDO 30 DICEMBRE 2014 TRA FEDERMANAGER E CONFINDUSTRIA DI RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2492 Roma 31 dicembre 2014 ALLE ALLE ALLE ASSOCIAZIONI E SINDACATI TERRITORIALI UNIONI REGIONALI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE COMPONENTI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ai Direttori

Dettagli

Vigilanza sulle Entrate - Capitoli 3402, 3404, 3405, 3629, 3645, 3646 e 3802 del Capo XII Presidenza del Bilancio della Regione Siciliana.

Vigilanza sulle Entrate - Capitoli 3402, 3404, 3405, 3629, 3645, 3646 e 3802 del Capo XII Presidenza del Bilancio della Regione Siciliana. REPUBBLICA ITALIANA NUMERO DI CODICE FISCALE 012000826 NUMERO DI PARTITA IVA 02711070827 REGIONE SICILIANA PRESIDENZA Dipartimento Regionale del Personale dei Servizi Generali di Quiescenza Previdenza

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE. Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194

DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE. Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194 DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI PRESSO MINISTERO DELLA GIUSTIZIA (Gazzetta Ufficiale n. 53 del 5 marzo 2007) Regolamento per la formazione continua SOMMARIO Introduzione Pagina 3 Titolo I Disposizioni generali

Dettagli

Marzo 2015. Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper

Marzo 2015. Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper Marzo 2015 DDL Concorrenza e novità in tema di fondi pensione Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper Il cosiddetto Disegno Di

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO 1. IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO IN ITALIA L'apprendistato ha assunto in Italia un ruolo centrale nelle politiche occupazionali e nel quadro degli interventi formativi, rappresentando

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria 0 Presentazione La valutazione dei rischi è il presupposto necessario per l adozione

Dettagli

Decreto 5 ottobre 1999, n. 478. Regolamento recante norme di sicurezza per la navigazione da diporto. IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE

Decreto 5 ottobre 1999, n. 478. Regolamento recante norme di sicurezza per la navigazione da diporto. IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE Decreto 5 ottobre 1999, n. 478 Regolamento recante norme di sicurezza per la navigazione da diporto. IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE Vista la legge 11 febbraio 1971, n. 50, e successive modificazioni

Dettagli

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto SCHEMA di Contratto d'appalto tipo CONTRATTO D APPALTO TRA Il sig. nato a il e residente a C.F. in seguito denominato

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito

Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 15/06/2009 Circolare n. 80 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo

Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo TRA Il Comune di Casatenovo (C.F. 00631280138) con sede a Casatenovo (LC), Piazza della Repubblica 7, legalmente

Dettagli

COMUNE DI SPOTORNO Provincia di Savona

COMUNE DI SPOTORNO Provincia di Savona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI SPOTORNO APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL

Dettagli

La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina

La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina 16 La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina Con l'emanazione del D. Lgs. 21 aprile 1993, n. 124 come modificato dalla L. 8 agosto 1995,

Dettagli

Istituto Comprensivo Parziale B. C. Ferrini Via L. Greppi, 19-21057 Olgiate Olona (VA)

Istituto Comprensivo Parziale B. C. Ferrini Via L. Greppi, 19-21057 Olgiate Olona (VA) Istituto Comprensivo Parziale B. C. Ferrini Via L. Greppi, 19-21057 Olgiate Olona (VA) CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO ART. 1 Campo di

Dettagli

Circolare n. 111 del 13 Ottobre 2006

Circolare n. 111 del 13 Ottobre 2006 [ Direzione Centrale Vigilanza sulle Entrate ed Economia Sommersa Circolare n. 111 del 13 Ottobre 2006 OGGETTO: Art. 36 bis - Legge n. 248/06 SOMMARIO: Interventi in materia di entrate e di contrasto al

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

L INVIO TELEMATICO DELLE PRATICHE AL REGISTRO DELLE IMPRESE. Alcune riflessioni alla luce degli interventi del Ministero e di UnionCamere

L INVIO TELEMATICO DELLE PRATICHE AL REGISTRO DELLE IMPRESE. Alcune riflessioni alla luce degli interventi del Ministero e di UnionCamere L INVIO TELEMATICO DELLE PRATICHE AL REGISTRO DELLE IMPRESE. Alcune riflessioni alla luce degli interventi del Ministero e di UnionCamere Di Claudio Venturi 1. Premessa Dopo molti rinvii e tante polemiche,

Dettagli

E.N.P.A.F. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA FARMACISTI Roma, 6 dicembre 2012

E.N.P.A.F. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA FARMACISTI Roma, 6 dicembre 2012 E.N.P.A.F. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA FARMACISTI Roma, 6 dicembre 2012 FONDAZIONE DI DIRITTO PRIVATO Viale Pasteur, 49-00144 ROMA Tel. 06 54711 - Fax 06 5917732 Cod. Fisc. 80039550589

Dettagli

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Approvato dal Consiglio Provinciale con delibera n. 88 del 24.10.2005 In vigore dal 22/11/2005 ART.1

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROMULGA La seguente

Dettagli

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato.

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. Decreto 13 maggio 1999, n. 219 Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. IL MINISTRO DEL TESORO DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Visto il decreto legislativo 24 febbraio 1998,

Dettagli

La disciplina sanzionatoria (applicata all art. 26)

La disciplina sanzionatoria (applicata all art. 26) Modulo A.1: Organizzazione sanitaria (Formazione di base) sanzionatoria (applicata all art. 26) Dlgs. 81/08 e s.m.i. Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Consigliere con delega alla SSLL fulvi.francesco@gmail.com

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

La Formazione professionale continua

La Formazione professionale continua La Formazione professionale continua E scattato per gli avvocati l obbligo della formazione professionale continua, con la partecipazione (obbligatoria) ad eventi formativi per conseguire in un triennio

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche I docenti delle Università pubbliche, in quanto dipendenti civili dello Stato, sono iscritti alla cassa per i trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS), istituita il 1 gennaio 1996 come

Dettagli

Roma, 05 novembre 2008

Roma, 05 novembre 2008 RISOLUZIONE N.423/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Deduzioni dalla base imponibile IRAP di

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Con circolare 15 maggio 2008, n. 60, l Inps detta le istruzioni per l accesso al pensionamento

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier

Studio Legale Casella e Scudier Circolare n. 2/2011 del 20 settembre 2011* SICUREZZA E SALUTE DEL LAVORO NELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO E NELLE COOPERATIVE SOCIALI: EMANATO IL DECRETO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DEL DECRETO 81/08

Dettagli

Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo

Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei Conti in Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I e II Collegio nell adunanza congiunta

Dettagli

Navigazioneoccorre occorre

Navigazioneoccorre occorre Istituti Tecnici dei Trasporti e Logistica: Nautico San Giorgio di Genova Nautico C. Colombo di Camogli Modalità di iscrizione alla Gente di Mare per gli studenti degli ISTITUTI NAUTICI Per avere il Libretto

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il D.P.R. 2 ottobre 1968, n. 1639, recante il Regolamento per l'esecuzione della legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima ; VISTO il Decreto del Ministero delle

Dettagli

Soggiorni di studio all estero Sottoprogramma Comenius Mobilità individuale degli alunni. Incontro del 14 ottobre 2011 Roma Liceo Tasso

Soggiorni di studio all estero Sottoprogramma Comenius Mobilità individuale degli alunni. Incontro del 14 ottobre 2011 Roma Liceo Tasso Soggiorni di studio all estero Sottoprogramma Comenius Mobilità individuale degli alunni Incontro del 14 ottobre 2011 Roma Liceo Tasso Premessa Numerosi alunni delle scuole secondarie di istruzione secondaria

Dettagli

Comune di Guiglia Provincia di Modena

Comune di Guiglia Provincia di Modena Comune di Guiglia Provincia di Modena Regolamento Comunale di volontari di Protezione Civile Art.1 (Oggetto e Finalità) Oggetto del presente Regolamento è la costituzione e l organizzazione di una struttura

Dettagli

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato A TUTTI I R.S.P.P. LORO SEDI Casale Monf.to, 6 novembre 2000 Ns/rif. Doc. n. 04/00/02/01/082 Oggetto: Circolare informativa. Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato Responsabilità

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile.

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. Statuto Regolamento del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. approvato con delibera della Giunta Comunale n. 29 del 18.03.2004 modificato con delibera della Giunta Comunale n. 216 del

Dettagli

LOCAZIONE SENZA CONDUCENTE DI AUTOCARRI LEGGERI - CHIARIMENTI - di Maurizio PIRAINO *

LOCAZIONE SENZA CONDUCENTE DI AUTOCARRI LEGGERI - CHIARIMENTI - di Maurizio PIRAINO * LOCAZIONE SENZA CONDUCENTE DI AUTOCARRI LEGGERI - CHIARIMENTI - di Maurizio PIRAINO * La questione che si pone è se sia applicabile a carattere residuale la violazione dell art. 82/8 e 10 comma del Nuovo

Dettagli

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 Mediazione Civile Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 dicembre 2009 A cura della Commissione Arbitrato e Conciliazione Presidente Flavia Silla Componenti

Dettagli

RESPONSABILITA TECNICHE E AGGIORNAMENTO DEI PROFESSIONISTI DELLA PREVENZIONE INCENDI

RESPONSABILITA TECNICHE E AGGIORNAMENTO DEI PROFESSIONISTI DELLA PREVENZIONE INCENDI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza RESPONSABILITA TECNICHE E AGGIORNAMENTO DEI PROFESSIONISTI DELLA PREVENZIONE INCENDI dott. ing. Marco Di Felice Ordine Ingegneri della Provincia di Vicenza

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

BREVI CENNI SULLE NORME PREVIGENTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO.

BREVI CENNI SULLE NORME PREVIGENTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO. Circolare n.1/2008 Prot. n.1008/cm0447 del 23.1.2008 Posiz. UFFICIO RISCATTI E PENSIONI Allegati n. - Al personale di ruolo e non di ruolo dell Università degli Studi del Sannio L O RO S E D I OGGETTO:

Dettagli