BIMESTRALE DELL'IPSEMA SULLA CULTURA E L'ECONOMIA DEL MARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BIMESTRALE DELL'IPSEMA SULLA CULTURA E L'ECONOMIA DEL MARE"

Transcript

1 BIMESTRALE DELL'IPSEMA SULLA CULTURA E L'ECONOMIA DEL MARE 3/2009 Lidio Aramu Annamaria Barbato Ricci Giuseppe Gargano Duilio Mara Graziella Melina Antonio Nardo Antonio Parlato Giovanni Pellegrini Gerardo Picardo Folco Quilici Fausta Savone Annarita Scialanga Luca Sisto Daniela Squarcia Matticoli Francesca Vitale Poste Italiane S.p.A. - Sped. in abb. post. - 70% - DCB Roma

2 I SERVIZI DELL IPSEMA L attività dell Istituto si svolge in materia di assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali e di prestazioni previdenziali di malattia e maternità del personale della navigazione marittima, aerea e della pesca marittima. PRESTAZIONI L IPSEMA eroga ai propri assicurati prestazioni previdenziali obbligatorie e integrative, nonché prestazioni obbligatorie per conto dell INPS. LE PRESTAZIONI ISTITUZIONALI ASSICURATE SONO: - un indennità giornaliera temporanea, per inabilità totale al lavoro derivante da infortunio sul lavoro o malattia professionale; - un indennità giornaliera per temporanea inidoneità agli specifici servizi della navigazione; - una rendita o una somma capitale una tantum per inabilità permanente totale o parziale al lavoro conseguente ad infortunio sul lavoro o malattia professionale; - una rendita e un assegno una tantum ai superstiti in caso di morte per infortunio sul lavoro o malattia professionale; - altre prestazioni di carattere accessorio (fornitura di protesi, rimborso spese di viaggio, assegno per assistenza personale continuativa); - certificazione ai fini pensionistici dell eventuale esposizione dei marittimi alle fibre di amianto. LE PRESTAZIONI INTEGRATIVE, PREVISTE DAI CONTRATTI COLLETTIVI, SONO: - un indennità giornaliera temporanea per periodi non coperti dall assicurazione di legge; - un indennità una tantum per inabilità permanente da malattia contratta per causa di servizio; - un indennità una tantum per morte conseguente a infortunio o malattia contratta per causa di servizio. LE PRESTAZIONI EROGATE PER CONTO DELL INPS SONO: - un indennità giornaliera temporanea per i periodi di malattia previsti dalla legge; - le prestazioni economiche previste dalle leggi sulla maternità; - rimborsi per i donatori di sangue. Le prestazioni economiche a tutela della maternità sono corrisposte al personale della navigazione marittima, al personale amministrativo delle Società di navigazione di preminente interesse nazionale ed al personale di volo.

3 NAUTES BIMESTRALE DELL IPSEMA SULLA CULTURA E L ECONOMIA DEL MARE n. 3/2009 Settembre-Dicembre

4

5 L EDITORIALE Tecnologie per prevenire gli infortuni marittimi Antonio Parlato 7 IL CONVEGNO I PORTI ITALIANI La nautica da diporto, lo sviluppo della tutela del lavoro e delle garanzie sociali a cura di Antonio Nardo 11 Gente di mare, che se ne va dove gli pare, dove non sa Fausta Savone, Luca Sisto 41 Il porto di Napoli, un gigante produttivo Annamaria Barbato Ricci 47 Partono i bastimenti Duilio Mara 57 Emigranti, armatori e marinai nel burrascoso passaggio dal XIX al XX secolo Lidio Aramu 65 Marinai e migranti, stretti compagni di viaggio Graziella Melina 77 La Tabula de Amalpha e la Società Marinara Amalfitana nel Medioevo Giuseppe Gargano 87 Le navi dei misteri Raffaele Nespoli 99 Novità fiscali in materia di leasing nautico Francesca Vitale 105 I VIAGGI Dei dolori del bagnino D Artagnan e d altri simili Folco Quilici 115 I LIBRI Arriva il broker marittimo, a Genova la prima scuola nazionale 119 Comunicazione e cultura per prevenire gli infortuni in mare Gerardo Picardo 121 I FONDALI PREZIOSI I monumenti del mare Daniela Squarcia Matticoli 123 LA STORIA La flotta imperiale romana di Miseno Giovanni Pellegrini 127 LA SCIENZA Le onde del mare e le conchiglie sentono l armonia dei numeri Anna Rita Scialanga 141 LE ONDE RACCONTANO Le onde raccontano a cura di Antonio Nardo 145 INCONTRI 157 LE ARTI E IL MARE

6 NAUTES BIMESTRALE DELL IPSEMA SULLA CULTURA E L ECONOMIA DEL MARE Direttore Antonio Parlato Comitato di Direzione Antonio Parlato, Palmira Petrocelli, Agatino Cariola, Daniele Leone, Angela Razzino, Fausta Savone Direttore Responsabile Fausta Savone Hanno collaborato Lidio Aramu, Annamaria Barbato Ricci, Giuseppe Gargano, Duilio Mara, Graziella Melina, Antonio Nardo, Antonio Parlato, Giovanni Pellegrini, Gerardo Picardo, Folco Quilici, Fausta Savone, Anna Rita Scialanga, Luca Sisto, Daniela Squarcia Matticoli, Francesca Vitale Direzione e redazione Roma - Via S. Nicola da Tolentino, 5 Tel Fax Editore STILGRAFICA srl Via I. Pettinengo, 31/ Roma Tel Fax Le opinioni espresse negli articoli pubblicati su Nautes appartengono esclusivamente agli autori e non vincolano in alcun modo l Istituto N. 3/2009 Settembre-Dicembre Reg. Trib. Roma n. 616/2002 Illustrazione di copertina: Images.com / Stanley Martucci Le immagini di questo fascicolo sono state tratte da: Royal Caroline (1749) - Edito da Mursia

7 Commissario Straordinario: Antonio Parlato CONSIGLIO DI INDIRIZZO E VIGILANZA Presidente: Giovanni Guerisoli Vice Presidente: Giuseppe Ravera Consiglieri: Gennaro Fiore, Beniamino Leone, Giuseppe Lombardi, Guido Majrone, Tommaso Pacchelli, Angelo Patimo, Roberto Scotti, Luca Sisto, Mario Squittino COLLEGIO DEI SINDACI Bruna Bagalino Giuseppe Vincenzo Suppa, Anna Concetta Curtilli, Carmela Mignacca Mieli, Erminia Viggiani Direttore Generale: Palmira Petrocelli DIREZIONI CENTRALI Organizzazione e Personale: Angela Razzino Assicurazione, Prevenzione e Servizi Istituzionali: Agatino Cariola Economia, Finanze e Controllo di Gestione: Daniele Leone Affari Generali: Massimo Potestà Sede centrale ROMA - Via San Nicola da Tolentino, 5 - Cap Tel Fax Centri operativi MAZARA DEL VALLO - Piazzetta S.N. Regale, 6 - Cap Tel Fax MESSINA - Via Calabria 38/ Tel Fax MOLFETTA - Via B. Maranta, 14 - Cap Tel Fax Sedi Compartimentali GENOVA - Via Serra, 8 - Cap Tel Fax NAPOLI - Via S. Nicola alla Dogana, 9 - Cap Tel Fax TRIESTE - Via Galatti, 1 - Cap Tel Fax PALERMO - Via Onorato, 5 - Cap Tel Fax

8

9 TECNOLOGIE PER PREVENIRE GLI INFORTUNI MARITTIMI Antonio Parlato Se c è un settore della vita civile e produttiva che è progredito costantemente, per millenni, a seguito delle innovazioni tecnologiche introdotte, questo è il settore della navigazione. Marittima ed anche aerea non solo per la sostanziale affinità sancita da scienziati del diritto come Antonio Scialoja ma per la natura stessa del volo e del suo superamento della forza di gravità. Nella navigazione marittima l evoluzione delle imbarcazioni, dalla rudimentale canoa scavata in un tronco d albero al varo nel 2015 della straordinaria EOSEAS con 6 vele (ausiliarie!) per una complessiva superficie di mq montate su alberi di cento metri di altezza e fasciata da pannelli solari disposti su un perimetro di mille mq., e che porterà in crociera passeggeri, ne ha fatte di lunghissime rotte: durante le quali abbiamo visto 250 anni prima di Cristo la costruzione della straordinaria nave di Archimede, a Siracusa, l abolizione nel medioevo del doppio timone, la scoperta della bussola, l ingresso prepotente delle vele latine tra quelle quadre per stringere di più il vento e rendere la navigazione più veloce e sicura, poi l arrivo della nave a vapore e della ruota e, ancora, del ferro e dell acciaio nel fasciame e infine i motori diesel nucleari. Tutte tecnologie dirette ad accrescere la efficienza, la velocità, la capacità di stiva, la produttività e la sicurezza della spedizione. È in questo quadro che l iniziativa del Presidente di CONFITARMA, Nicola Coccia e del Presidente ed A.D. di GRANDI NAVI VELOCI, Silvano Cassano di tenere nell ottobre scorso a Genova un Convegno di due giorni intitolato alle Nuove rotte per la sicurezza - L EDITORIALE 7 NAUTES

10 8 Shipping & Safety, ha visto l immediata adesione dell IPSEMA alla suggestiva (e responsabile, venendo dagli armatori) riconsiderazione della introduzione a bordo di nuove tecnologie. Non più finalizzate solo alla efficienza ed efficacia della propria presenza nel mercato della navigazione marittima ma anche alla salute ed alla sicurezza della gente di mare imbarcata. L IPSEMA, all avanguardia in questa consapevolezza, ha avuto così modo a Genova di illustrare talune installazioni a bordo, il che vuol dire anche talune iniziative da assumere a bordo, che sono al momento al suo studio, sulla base di esperienze in atto o di autonome sue valutazioni. Si è così parlato della eventualità che l IPSEMA promuova o partecipi a progetti relativi al trasferimento del linguaggio dei marittimi

11 da quello della madre patria all inglese, secondo il codice IMO riguardante tutti i comandi, le domande e le risposte attese durante la navigazione e le manovre di bordo, alla introduzione di un personale microchip che, indossato dal marittimo, riconduca immediatamente alla sua anamnesi, alla sua personale storia sanitaria, per curarlo meglio, conoscendo i precedenti, al sopravvenire di nuovi infortuni o patologie, alla installazione a bordo delle navi da carico di defibrillatori che permettano a personale opportunamente formato, di intervenire immediatamente qualora si rilevino gravi patologie cardiache a membri dell equipaggio in navigazione, magari in mari lontani. Si potrebbe continuare nella ricerca, semplicemente ponendo in relazione la misura, la dinamica e le cause di ciascuna delle tipologie di infortuni e malattie professionali registrate e studiate dall IP- SEMA con la possibilità di interventi che, il più realisticamente possibile, rimuovano con nuove tecnologie omissioni ed errori. Questo con il sostegno dello Stato. Semplicemente perché gli oneri di un intervento tecnologico a tutto campo, pur se gradualmente realizzato, sono elevati. Ma molto meno del costo sociale, ma anche economico e produttivo, degli infortuni e delle malattie professionali. E che è un costo che, ben oltre quelli della copertura contributiva e dell erogazione delle prestazioni, a carico degli armatori, subisce lo Stato lasciando comunque martoriato il suo tessuto umano e civile. Mentre se una strategia di riduzione tecnologica degli infortuni e delle malattie fosse posta in campo, ci sarebbe in prospettiva un recupero ed un risparmio sociale. E l IPSEMA, che anche a questo pensa, va svolgendo, preliminarmente ad ogni sua proposta al Parlamento ed al Governo, complessi calcoli per stabilire quanto davvero e di più costi alla comunità nazionale, al netto dei contributi versati dagli armatori, un infortunio che colpisca la gente di mare. Vedremo L EDITORIALE 9 TECNOLOGIE PER PREVENIRE GLI INFORTUNI MARITTIMI

12

13 CONVEGNO LA NAUTICA DA DIPORTO, LO SVILUPPO DELLA TUTELA DEL LAVORO E DELLE GARANZIE SOCIALI IL CONVEGNO 11 Trieste 9 ottobre 2009 Palazzo dei Congressi - Stazione Marittima a cura di Antonio Nardo NAUTES

14 12 In occasione del 41 edizione della regata storica triestina della Barcolana, l IPSEMA oltre a parteciparvi con una barca ed un suo equipaggio non a fini competitivi ma per testimoniare il suo impegno in materia di diporto ha promosso il convegno La nautica da diporto, lo sviluppo della tutela del lavoro e delle garanzie sociali. Il convegno, tenutosi il 9 ottobre presso il Palazzo dei Congressi di Trieste, ha evidenziato la crescita della rilevanza del diporto nell attività dell Istituto e inoltre ha dato l opportunità ai protagonisti del settore di proporre una riflessione su un comparto che pur avendo il merito da un lato di promuovere l occupazione, dall altro deve iniziare a preoccuparsi delle garanzie sociali dei lavoratori. Ad aprire il tavolo delle discussioni è stata la Dott.ssa Maria Gabriella Grasso, Direttore della Sede Compartimentale di Trieste dell IPSEMA, che, oltre a definire il ruolo tradizionale dell IPSEMA nell evento Barcolana come stimolo per riflessioni e incontri, ha ricordato l impegno dell Istituto in materia di sicurezza con la pubblicazione del Quaderno di formazione per la sicurezza in sala macchine a bordo delle navi, secondo appuntamento dopo il primo Quaderno riguardante la sicurezza in cucina dell anno precedente. Dopo aver auspicato che questo incontro possa diventare un appuntamento ricorrente dove discutere di nautica da diporto, il Commissario Straordinario dell IPSEMA, l Avv. Antonio Parlato, ha posto l accento su come questo settore, nonostante risulti essere quello con un minor numero di iscritti all Istituto, stia diventando sempre più importante e rilevante nell economia italiana, un settore in cui e la sensazione è confermata dal recente Salone Nautico di Genova la crisi è lontana. «A fronte di questa crescita però non corrisponde un uguale aumento delle assicurazioni con l IPSEMA, presso il quale esiste l obbligo di assicurare l equipaggio imbarcato», ha ribadito l Avv. Parlato precisando come la scelta di discuterne durante un evento internazionale così importante come è la Barcolana, vuole testimoniare proprio l impegno e la costante attenzione che l Istituto svolge nei confronti di un settore che per anni è stato ai margini dell interesse pubblico. «Un ruolo, quello pubblico, che può diventare sempre più decisivo qualora si

15 concretizzi il progetto del nuovo Ente per la navigazione, l Esin». Ritornando ai dati, forniti dalle Capitanerie di Porto, dai Carabinieri e da altre istituzioni, l Avv. Parlato ha voluto segnalare l aumento preoccupante di incidenti in mare favoriti dalla negligenza e dall imprudenza da parte degli equipaggi cosiddetti ombra imbarcati sulle navi da diporto, spesso non assicurati e non addestrati adeguatamente: «Proprio di fronte a questo increscioso fenomeno dell irregolarità a bordo fondamentale è stato il provvedimento di stringere un Protocollo d Intesa con la Guardia di Finanza». Infine, nel riaffermare come l IPSEMA continuerà la battaglia contro questo fenomeno, l Avv. Parlato ha sottolineato l importanza di puntare sulla responsabilizzazione del personale di bordo, al rispetto e quindi alla conoscenza delle norme. Competenze ed organizzazione sono state al centro dell intervento del Presidente CIV (Consiglio d Indirizzo e Vigilanza) dell IPSE- MA, il Dott. Giovanni Guerisoli. In particolare, per quanto riguarda un argomento delicato come quello della presenza dell amianto a bordo della navi militari, si è invitato il Legislatore a superare quella che potrebbe essere una contraddizione: «Se da una parte si decide in virtù della specificità delle competenze e del ruolo di attribuire a IPSEMA la tutela e la verifica delle condizioni applicative della norma sull amianto, dall altro sembra si voglia affidare all Inail la verifica della presenza di amianto a bordo delle navi militari». Guerisoli ha ribadito inoltre come sia il protocollo con la Guardia di Finanza sia la proposta del nuovo ente, l Esin, rientrano in quella richiesta, impellente, di una tutela globale. «Tutela che aggiunge Guerisoli comporta delle scelte organizzative ed anche ispettive difficili da perseguire se permane una logica generale di risparmio sulla spesa pubblica indipendentemente dagli Enti e delle loro dimensioni». Ritornando al tema dell importanza della formazione, in sintonia con l Avv. Parlato, il Dott. Guerisoli ha evidenziato come il numero degli infortuni sia collegato all incuria e soprattutto all ignoranza delle norme più basilari, sia per quanto riguarda i lavoratori che i datori di lavoro: «Oggi, con questa iniziativa, si lancia un messaggio chiaro e generale a tutto il Paese, ossia come la sicurezza debba essere al primo posto per tutti coloro che operano nel settore». IL CONVEGNO 13 LA NAUTICA DA DIPORTO, LO SVILUPPO DELLA TUTELA DEL LAVORO

16 14 I dati nel settore del diporto dell ultimo triennio sono stati oggetto dell intervento del Direttore Generale dell IPSEMA Palmira Petrocelli, la quale ha voluto sottolineare come il numero degli iscritti risulti comunque in aumento grazie all intervento coraggioso dell Istituto che ha abbassato l aliquota dal 9% al 4,50%. La categoria del diporto, compreso il diporto a noleggio iscritto nel Registro internazionale, incide sul totale delle navi assicurate con l IPSEMA per circa il 19% e negli ultimi sette anni nel portafoglio dell Istituto si è registrato un incremento del 90% di imbarcazioni da diporto assicurate. A tale aumento corrisponde un altrettanto significativo incremento dei posti di lavoro assicurati: nello stesso arco di tempo di sei anni l aumento complessivo dei marittimi assicurati nella categoria naviglio da diporto è stato del 65%. Con l IPSEMA risultano assicurate per l anno passato circa imbarcazioni destinate alla nautica da diporto che hanno impiegato circa lavoratori. Per ciò che concerne gli incidenti sul lavoro, la Petrocelli ha evidenziato come la maggior parte degli eventi infortunistici (78%) è avvenuta in porto a bordo delle imbarcazioni, con una frequenza, il 66% dei casi, nei mesi estivi, tra giugno e settembre; le operazioni di ormeggio, disormeggio e rimorchio risultano essere pertanto la causa principale e, ha aggiunto, i danni riportati interessano soprattutto gli arti inferiori. Estremamente importante è stato il risultato emerso dalla ricerca, in collaborazione con il Ministero del Lavoro Donna al timone, che ha evidenziato come il settore, seppur con lentezza, si stia aprendo alle donne; lo stesso dato degli infortuni di sesso femminile, pari al 14%, supera abbondantemente quella rilevata annualmente sul complesso delle categorie di naviglio, pari a circa il 3%. L informazione è, conferma il Direttore Palmira Petrocelli, la chiave per ottenere dei risultati che contrastino il fenomeno degli infortuni, e a tal proposito ha proposto una collaborazione con la Capitaneria di Porto per creare momenti d incontro e diffondere materiale informativo. Infine, l ultimo dato riguardante le malattie comuni ha evidenziato come il problema si concentri soprattutto nel sistema muscolo-scheletrico. Sulla stessa linea di un approccio formativo ed informativo come soluzione per tutelare il lavoratore dagli infortuni e contrastare

17 l utilizzo di personale clandestino a bordo, è il Comandante Antonio Basile, Direttore Marittimo del Friuli Venezia Giulia, il quale ha portato all uditorio la propria esperienza nel precedente incarico a Pescara Direttore Marittimo di Abruzzo e Molise circa i risultati ottenuti attraverso una serie d incontri con il settore della pesca: «Il futuro del settore risiede nella capacità di armatori e lavoratori di percepire la sicurezza non come un aumento della spesa e dei costi, ma come una forma d investimento che ha l obiettivo di creare ed invogliare un rinnovo generazionale delle forze in campo». Un discorso che deve essere ampliato al settore del diporto aggiunge il Comandante Basile: «La necessità di disporre di personale munito di specifici titoli professionali non può che giocare a favore dell aumento di sicurezza a bordo, proprio perché il personale deve inevitabilmente iscriversi nell ambito della gente di mare». Infine, nel ricordare il ruolo tradizionale delle Capitanerie di Porto sul versante prevenzione, il Comandante Basile ha dato parere favorevole a nuove forme di collaborazione. In un mare sempre più affollato e contro questo fenomeno elusivo dell iscrizione e della sicurezza della gente di mare a bordo è secondo il Capo Ufficio Studi della Direzione Marittima di Trieste, Capitano Ettore Romagnoli il rinnovamento del Codice della Navigazione a fornire un apertura significativa, in particolare l art. 2 che concerne il diporto commerciale. (Riportiamo a parte l intervento integrale del Comandante Romagnoli e del Colonnello Flavio Aniello, Comandante del Nucleo Speciale Entrate che ha illustrato al convegno il tema della fiscalità, e con esso di tutto il complesso ciclo della Finanza Pubblica, n.d.r.). Con l augurio che presto possa attuarsi l Esin (l Ente unico della navigazione), l On. Silvano Moffa, Presidente della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati, sollecita un riordino del settore previdenziale della navigazione, ancor più urgente in vista dei dati e delle considerazioni esibiti durante il convegno stesso. Inoltre, proprio in virtù di una mancanza totale di dati sull evasione contributiva del settore marino e in particolare del settore del diporto che presenta una sua specifica problematica, l On Moffa plaude al Protocollo d Intesa con la Guardia di Finanza: «In un momento di crisi come questo è opportuno organizzare un sistema diverso IL CONVEGNO 15 LA NAUTICA DA DIPORTO, LO SVILUPPO DELLA TUTELA DEL LAVORO

18 16 di regole e controlli e a tal proposito non si può non apprezzare come l IPSEMA affronti il tema della tutela del lavoro, con un particolare riguardo all aspetto sociale, uscendo da quella logica che vede lo Stato come elemento di vessazione nei confronti del cittadino, ma piuttosto come il requisito che contribuisce ad una crescita culturale complessiva». Informare e formare, questo è il dato da cui partire dichiara l On. Moffa in totale sintonia con gli altri protagonisti del convegno sia nei confronti del datore di lavoro o dell impresa, ma soprattutto del lavoratore: «La difesa e la tutela del lavoratore, dell incolumità del lavoratore, devono essere al centro del processo di cambiamento». Un aspetto conferma l On Moffa che richiede ancor più attenzione in virtù del fenomeno dell irregolarità nel mondo del lavoro, un tema quindi non soltanto previdenziale o assicurativo, ma sociale, e che attiene anche alla slealtà nei confronti del lavoratore regolare: «Per tale ragione l IPSEMA e la Guardia di Finanza saranno invitate dalla Commissione per discutere di lavoro irregolare». In conclusione, sul tema delle bandiere ombra, l On. Moffa ha invitato tutti gli attori del settore ad una riflessione, proponendo un seminario sul diritto internazionale e sul diritto della navigazione affinché si studino e si suggeriscano nuove regole valide per un mondo ormai globalizzato.

19 DIREZIONE MARITTIMA DI TRIESTE RELAZIONE DEL CF(CP) ETTORE ROMAGNOLI 1) L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SUL DIPORTO NAUTICO In origine la navigazione da diporto trovava una sua autonoma e limitata regolamentazione nella normativa sui motoscafi da diporto contenuta nel R.d.l. 813/32 e pedissequo regolamento e nel Codice della navigazione, in apposito capo riguardante le navigazioni speciali agli artt Il R.D. aveva peraltro il forte limite di essere destinato alla sola motonautica non riguardando la navigazione vela che pur tanta e crescente passione suscita. Il Guardasigilli Grandi, con lungimiranza, affermava nella relazione al Re: Mi è parso opportuno riunire in uno speciale capo le norme relative alla navigazione da diporto intese a stabilire un ordinamento più semplice e snello per quanto concerne la navigazione da diporto, ai fini di agevolarne lo sviluppo che così notevoli ripercussioni ha non soltanto dal punto di vista sportivo e turistico. Così facendo, il legislatore conferiva importanza al settore e nel contempo avvertiva la necessità di una normativa più agile e specialmente differenziata rispetto a quella destinata alla navigazione commerciale. Nel 1971,in considerazione della rilevanza sociale ed economica assunta dalla nautica specie dopo gli anni del c.d. boom economico veniva emanata la legge 11 febbraio 1971 n. 50 che fu la prima e vera autonoma normativa dedicata al diporto. Preso atto della specialità del settore, la nuova legge forniva una specifica regolamentazione costituita da un vero e proprio corpus normativo organico e non da un semplice gruppo di deroghe tanto che fu chiamato dal rigetti Piccolo codice della nautica. Seguiva nel 1977 il regolamento lo specifico di sicurezza previsto dalla legge, una autonoma normativa fiscale (tassa di stazionamento del 1976, regime dell import-export, accise sui carburanti, riserve di bordo etc.) ed il regolamento delle abilitazioni al comando/condotta del- IL CONVEGNO 17 LA NAUTICA DA DIPORTO, LO SVILUPPO DELLA TUTELA DEL LAVORO

20 le unità da diporto approvato con D.P.R. 431/97 e tutt ora in vigore per alcune parti. Nel 1994 anche l UE inizia ad interessarsi del diporto emanando la direttiva 94/25/CE del 16 giugno che ha introdotto il c.d. marchio CE riguardante in modo specifico norme tecniche per le costruzioni, a sua volta modificata ed integrata con la 2003/44/CE in cui si evidenzia maggiore sensibilità per l ambiente (rumore, emissioni, rifiuti di bordo) e sicurezza di bordo nell ottica della protezione e tutela dei consumatori assunta oramai quale ermeneutica criterio di riferimento. Proseguendo, nel 2003 con la legge 172 abbiamo l ultima modifica fondamentale alla l. 50/71. Non solo essa che cela finalmente nel suo seno la delega al Governo per il Codice della nautica all art. 6; 18 2) IL CODICE In forza della delega, al termine di un iter durato due anni, il 18 luglio 2005 è stato approvato con D.leg.vo n. 171 il Codice della nautica. Esso è composto di 67 articoli e 16 allegati di cui i primi 15 derivano dalla direttiva comunitaria 2003/44/CE citata che ha modificato ed integrato la 94/25/CE. Il codice raccoglie e coordina le disposizioni pregresse, da attuazione alle direttive comunitarie sul diporto ed innova la materia snellendo procedure ed introducendo nuovi istituti. L art. 65 prevedeva l emanazione di un apposito regolamento di attuazione volto a fornire pratica attuabilità alle norme codicistiche e guida per l amministrazione corrente. Questo è stato adottato D.M. 29 luglio 2008 n.146 entrato in vigore il 21 dicembre 2008 e consta di tre Titoli divisi in 94 articoli con XI allegati. Il primo titolo è dedicato alle procedure amministrative inerenti le unità da diporto, il secondo alle patenti nautiche ed il terzo alla sicurezza della navigazione da diporto compresa quella commerciale. Abbisogna di ulteriori decreti di complemento per alcuni aspetti e segnatamente per le patenti e sulla sicurezza. Con il codice ed il suo regolamento di attuazione viene sancita definitivamente la speciale disciplina per il diporto che rimane comunque incardinata nel diritto marittimo potendosi dire che siamo innanzi ad un disciplina sub speciale rispetto alla classica contenuta nel C.N..

21 A norma dell art. 1 dello stesso, conservando la dizione tradizionale, la navigazione da diporto è quella che si effettua per fini sportivi e ricreativi e senza fini di lucro. L art. 3 qualifica quale unità da diporto ogni costruzione di qualunque tipo e con qualunque mezzo di propulsione destinata alla navigazione da diporto. Le unità a loro volta sono divise in tre categorie di seguito enumerate: 1) Navi, ogni unità con scafo di lunghezza superiore a 24 metri; 2) Imbarcazioni ogni unità con scafo di lunghezza superiore ai 10 metri, sino a 24 metri; 3) Natanti, ogni unità a remi o con scafo di lunghezza pari o inferiore ai dieci metri; Le distinzioni basate sul tipo di propulsione, (motore, vela, vela/motore) assumono quindi in tale contesto solo valenza descrittiva. Scomparsa la vecchia distinzione occorre un criterio per determinare il tipo di unità cosa che appare solo nell art. 25 del regolamento ed al fine di differenziare le modalità di svolgimento dell esame per patente nautica. Appare evidente quindi che la lunghezza è diventata unico parametro distintivo per legge poiché la stazza non è più menzionata. Essa è da misurarsi secondo opportuni standard armonizzati dettati dalle norme EN/ISO/DIS 8666, ed è la distanza, misurata in linea retta, tra il punto estremo anteriore della prua e il punto estremo posteriore della poppa, escluse tutte le appendici che non costituiscono parti strutturali dello scafo quali delfiniere, piattaforme poppiere, bompresso etc. Le navi e le imbarcazioni sono iscritte in speciali registri (R.N.D. e R.I.D.) ed abilitate alla navigazione con apposita licenza, sono soggette ad uno speciale regime amministrativo semplificato, hanno obbligo di esporre la bandiera che ne qualifica la nazionalità, sono contraddistinte dalla sigla dell ufficio d iscrizione (art. 25) e sono sottoposte a visite periodiche quinquennali per il rinnovo del certificato di sicurezza. L inosservanza delle norme dettate in materia dal codice trova esplicita sanzione nell art. 53 che, peraltro, prevede in alcuni casi sanzioni dimezzate per i natanti. I natanti (unità sotto i 10 mt.) sono esenti dall obbligo di iscrizione. Se a motore, devono essere muniti della dichiarazione di po- IL CONVEGNO 19 LA NAUTICA DA DIPORTO, LO SVILUPPO DELLA TUTELA DEL LAVORO

22 tenza rilasciata dal costruttore indicante la potenza massima di esercizio come definita dalla norma EN/ISO 8665 (art. 28) e della documentazione sul marchio CE se immesse in commercio dopo il 17 giugno Il regime della navigazione dei natanti è sottoposto a limitazioni e modalità di utilizzo prescritte dalle ordinanze degli Uffici Circondariali marittimi a parte il regime dei limiti di navigazione rispetto alla costa che è stato trasferito alle Capitanerie di porto ex art. 8 l. 172/03 cui è inoltre deferita la ricezione degli scritti difensivi e l emanazione dell eventuale Ordinanza- ingiunzione o d archiviazione dei processi verbali. 20 3) LE PRINCIPALI NOVITÀ DEL CODICE E REGOLAMENTO Il codice ed il regolamento, oltre ad avere riunito la pregressa normativa sparsa in plurime fonti a volte di difficile coordinamento, hanno introdotto nuovi istituti che forniscono maggiore caratterizzazione e spiccata autonomia applicativa al comparto. Tra le principali novità dobbiamo menzionare oltre all uso commerciale di cui tratteremo a parte, il riconoscimento della figura dell utilizzatore dell unità in leasing (art. 16) e la completa armonizzazione con la normativa comunitaria ripresa negli artt. da 4 a 13 e negli allegati dal I al XV. Oltre a ciò, in breve rassegna evidenziamo: - non si può commercializzare una unità priva del marchio CE a garanzia della sicurezza e della qualità del prodotto a parte alcune eccezioni specificata nell art. 4 (art. 7); - è introdotta la possibilità dell iscrizione provvisoria in attesa della formalizzazione degli atti (art. 20 e 18 reg.); - è regolamentata la disciplina delle unità autocostruite (art. 15 e 5 reg.) - è introdotta l annotazione della perdita di possesso dell unità a seguito di furto (art. 15); - l obbligo di dare pubblicità dei passaggi di proprietà entro 60 gg. (art.17); - è prevista la speciale patente per la direzione nautica per diversamente abili (art. 39). Questa non ha ancora trovato pratica attuazione neppure nel regolamento poiché deve essere ancora emanato lo specifico programma d esame e le modalità per l effettuazione dello stesso;

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria Una guida per diportisti e operatori REGIONE LIGURIA nautica& FISCO a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria UCINA nautica& FISCO Una guida per diportisti e operatori

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale Partenza - Roma, 14/02/2007 Prot. 13 / SEGR / 0004746 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Oggetto: Adempimenti connessi alla instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Le cadute dall alto per l attività di lavoro marittimo: studio della casistica nosologica ed ipotesi di interventi preventivi

Le cadute dall alto per l attività di lavoro marittimo: studio della casistica nosologica ed ipotesi di interventi preventivi Le cadute dall alto per l attività di lavoro marittimo: studio della casistica nosologica ed ipotesi di interventi preventivi Navigazione Edizione 2013 Pubblicazione realizzata con il contributo del Ministero

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA NAVIGAZIONE

PROVINCIA DI SAVONA NAVIGAZIONE PROVINI DI SVON NVIGZIONE ESME PER L ERTMENTO DELL IDONEIT PROFESSIONLE PER L ESERIZIO DELL TTIVITÀ DI ONSULENZ PER L IROLZIONE DEI MEZZI DI TRSPORTO 1 Qual'è la definizione di navigazione da diporto:

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

INDICE. Premessa...I. 2. Documentazioni...10 2.1 Vendita e acquisto unità da diporto 10 2.2 Immatricolazione 11 2.3 Assicurazione per motore.

INDICE. Premessa...I. 2. Documentazioni...10 2.1 Vendita e acquisto unità da diporto 10 2.2 Immatricolazione 11 2.3 Assicurazione per motore. INDICE Premessa.....I 1. Patenti nautiche..... 1 1.1 Patenti nautiche senza esami..1 1.2 Rinnovo patenti nautiche.3 1.3 Obbligo di possesso patente nautica.5 1.4 Validità patenti nautiche straniere 6 1.5

Dettagli

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI Il sottoscritto... nato a...il... e residente a...provincia di... in via... n C.A.P.. recapito telefonico.../... CHIEDE di essere iscritto, nella Gente di Mare di... categoria

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

ISAF REGULATION 20 CODICE PER LA PUBBLICITÀ

ISAF REGULATION 20 CODICE PER LA PUBBLICITÀ ISAF REGULATION 20 CODICE PER LA PUBBLICITÀ Questo documento deve essere letto congiuntamente all allegato estratto del Regolamento delle attrezzature per lo sport della vela nel quale sono definiti alcuni

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 6 AGRICOLTURA - FORESTE FORESTAZIONE SETTORE 4 Servizi di sviluppo agricolo fitosanitario e valorizzazione patrimonio ittico

Dettagli

Guida al Naviglio ed alla Proprietà Navale

Guida al Naviglio ed alla Proprietà Navale Capitaneria di Porto Guardia Costiera Genova Guida al Naviglio ed alla Proprietà Navale edizione 2005 a cura del C.F.(CP) Claudio MOLLICA 2 Guida al Naviglio ed alla Proprietà Navale L Ordinamento, com

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli