LICEO ARTISTICO SATALE POMEZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO ARTISTICO SATALE POMEZIA"

Transcript

1 MINISTERO DELLL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA LICEO ARTISTICO SATALE POMEZIA UFF. SERV. M 85 - Cod. Mecc. RMSD11000B - COD. FISC Via Cavour, POMEZIA Tel Fax Sezione Associata di Anzio Cod. Mecc. RMSD11001C Via del Teatro Romano, Anzio Tel fax ALLEGATO 1 DUVRI Art.26 D.Lgs. n.81/08 e s.m.i. Distribuzione automatica generi alimentari IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Dott.ssa Alessandra Silvestri) firma autografa sostituita a mezzo stampa, ai sensi dell art. 3, comma 2 del d.lgs n. 39/1993 1

2 Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali ai sensi dell art. 26 del Dlgs 81/2008 e s.m.i. ELENCO DELLE REVISIONI: Revisione Data Data: Revisione: n 1) Azienda ospitante a) LICEO ARTISTICO SATALE POMEZIA Via Cavour, POMEZIA Tel Fax Cod. Mecc. RMSD11000B - COD. FISC Sezione Associata di Anzio Cod. Mecc. RMSD11001C Via del Teatro Romano, Anzio Tel fax Attività: istituzione scolastica statale Dirigente Scolastico: Dott.ssa Alessandra Silvestri D.S.G.A.: Rag. Maria Cristina Perillo A.S.P.P.: RSPP : Arch. Alessandro Moretto tel e.mail Nominativo RLS: Medico Competente: ORGANIGRAMMA SICUREZZA: Sede centrale via Cavour, 5 - Pomezia Addetti al Servizio Prevenzione e Protezione Addetti antincendio: Valeri Claudio - Meuti Margherita Cara Cristina- Boldrini Gaetano Addetti Gestione Emergenza Edificio sede centrale prof. Boldrini Gaetano prof.ssa Alfieri Antonella Edificio sede centrale Addetti al Primo Soccorso 2

3 Meuti Margherita Cara Cristina Alfieri Antonella Fiscarelli Gina- Proietti Elisabetta Edificio sede centrale ORGANIGRAMMA SICUREZZA: succursale via Del Teatro Romano, 1 Anzio Addetti al Servizio Prevenzione e Protezione Addetti antincendio: Mancini Pierina Odelanti Maria Edificio succursale Addetti Gestione Emergenza Mancini Pierina Taraborelli Marta Russo Anna Edificio succursale Addetti al Primo Soccorso D Alfonso Tiziana De Luca Rosa Maria Sanfilippo Anna Rocchetti Elisabetta Taraborelli Marta Edificio succursale ) Azienda incaricata per l'esecuzione dell'attività: Contratto di Appalto: Ditta : Indirizzo sede legale: Codice fiscale e P.I.: Posizione INAIL: Iscrizione C.C.I.A.A.: CODICE ISTAT: Telefono: Attività: distribuzione automatica di generi alimentari Datore di lavoro: legale rappresentante: RSPP : Medico Competente: Nominativo RLS: 3

4 N.B. tutti i dati suindicati saranno forniti dopo la gara ed inseriti nel DUVRI (aggiornamento n.1) Certificato di iscrizione alla Camera di Commercio, Industria e Artigianato: acquisito e valutato pertinente ai lavori da eseguire: sarà messo agli atti Atto Sostitutivo di Atto di Notorietà che dichiari il possesso dei requisiti di idoneità tecnico professionale: acquisito e valutato adeguato ai lavori da eseguire: sarà messo agli atti Piano Operativo di Sicurezza: acquisito e valutato adeguato ai lavori da eseguire: sarà messo agli atti 3) Attività lavorative da eseguire Noleggio, manutenzione, rifornimento macchine distributrici di alimenti confezionati 4) Aree dell'azienda committente interessate Appositi spazi all interno degli edifici. 5) Durata prevista dell'attività lavorativa Gestione per anni 3 della manutenzione e ricarica delle macchinette. Ciascun intervento dura approssimativamente 15 minuti. 6) Rischi d'interferenza esistenti Premessa: la presenza di alunni di età prevalente compresa tra 14 e 18 anni (n. 517 presso la sede centrale di via Cavour, 5 Pomezia n. 142 presso la succursale via Del Teatro Romano, 1 Anzio) crea di per sé un amplificazione di qualsiasi rischio, dovuta al comportamento tendenzialmente irruente, imprevedibile e scarsamente prudente, all affollamento e al movimento di gruppi numerosi. Gli orari di maggior affollamento sono al momento dell entrata (ore _8,10_), dell uscita (ore_14,00_), degli intervalli (ore 11,00 11,15 ) e ai cambi d ora, quando intere classi si spostano da un aula ai laboratori ecc. Sono inoltre presenti circa 67 docenti + 21 ATA nella sede centrale di via Cavour, 5 Pomezia e n. 28 docenti + 6 ATA nella succursale via Del Teatro Romano, 1 Anzio) - ed episodicamente genitori, e/o visitatori a vario titolo. Ciò premesso, i rischi di interferenza sono i seguenti: 1) Rischio di ferimento di persone per collisione/urto durante il trasporto di attrezzi e merci dal furgone alle macchinette 2) Rischio elettrocuzione o ferimento se qualcuno tocca le macchinette quando sono aperte per la manutenzione e l operatore sta facendo la spola con il furgone per trasportare prodotti 3) Rischi di ferimento se un alunno tocca un attrezzo abbandonato presso le macchinette 4) Rischi dovuti a sversamenti di liquidi per la manutenzione o di liquidi della macchinetta 5) Rischio per uso di prodotti chimici per la manutenzione/pulizia delle macchinette 6) Rischi dovuti a interventi dell operatore esterno sull impianto elettrico della scuola 7) Rischio di intralcio o di comportamento inadeguato in caso di emergenza 7) Misure di sicurezza 4

5 Rischio 1: ferimento di persone per collisione/urto durante il trasporto dei materiali Misura a) sfasamento temporale. Misura b) : obbligo di sospendere le operazioni se sono presenti gruppi di alunni e/o persone. In alternativa, non potendo attendere, deve essere richiesto l intervento di un nostro operatore scolastico, che protegga il trasporto dal pericolo di collisioni. Rischio 2: Rischio elettrocuzione o ferimento se qualcuno tocca le macchinette quando sono aperte per la manutenzione e l operatore sta facendo la spola con il furgone per trasportare prodotti. Misura a) sfasamento temporale. Misura b): le macchinette devono avere il marchio di conformità che attesti tra l altro la protezione da elettrocuzione. Misura c): a protezione delle macchinette va inserita una barriera, mediante 4 paletti mobili autoreggenti e un nastro di collegamento. Va inserito anche un cartello di con la dicitura Pericolo. Non avvicinarsi Rischio 3: Rischi di ferimento se un alunno o un dipendente tocca un attrezzo lasciato incustodito Misura a) sfasamento temporale. Misura b): obbligo di non abbandonare incustoditi attrezzi taglienti o pericolosi, in particolare utensili elettrici collegati all alimentazione elettrica. Misura c): a protezione delle macchinette va inserita una barriera, mediante 4 paletti mobili autoreggenti e un nastro di collegamento. Va inserito anche un cartello di con la dicitura Pericolo. Non avvicinarsi Rischio 4: Rischi dovuti a sversamenti di liquidi per la manutenzione o di liquidi della macchinetta Misura a): obbligo di avere a bordo del furgone un kit per assorbire liquidi sversati, raccogliere i materiali dopo l assorbimento e trasportali via per lo smaltimento. Rischio 5: Rischio per uso di prodotti chimici per la manutenzione/pulizia delle macchinette Misura a) sfasamento temporale. Misura b): procedura di autorizzazione. L impresa dovrà consegnare preventivamente le schede di sicurezza dei prodotti che intende utilizzare. Nel caso di prodotti classificati con frasi di rischio, dovrà essere richiesto l apposito modulo di autorizzazione. Rischio 6: Rischi dovuti a interventi dell operatore esterno sull impianto elettrico della scuola Misura a): Obbligo di utilizzare apparecchi elettrici e componenti marcati CE ed in perfetto stato di conservazione. È consentito uso di prese domestiche solo se l ambiente e l attività non presentano rischi riferiti alla presenza di acqua, polveri ed urti. In caso contrario si devono utilizzare prese a spina di tipo industriale. L Impresa deve verificare che la potenza dell apparecchio sia compatibile in relazione alle prese utilizzate ed al quadro di derivazione. E vietato l uso di spine multiple e di prolunghe volanti. Misura b): Se fosse necessaria la messa fuori servizio dell intero impianto elettrico, essa è subordinata a una precisa procedura: l impresa deve chiedere un autorizzazione scritta, la scuola incaricherà un proprio dipendente di eseguire le manovre di messa fuori e in servizio; alla messa fuori servizio dovrà applicare un cartello segnaletico sull interruttore per indicare che deve restare fuori servizio. L impresa riceverà un apposito modulo con le indicazioni. Rischio 7: Rischio di intralcio o di comportamento inadeguato in caso di emergenza ecc. Misura a): obbligo di non ingombrare mai le uscite di sicurezza e le vie di esodo (che sono indicate dalla segnaletica e dalle planimetrie esposte; obbligo di non parcheggiare mai l automezzo nell area riservata al punto di raccolta sicuro o in modo da ostruire vie di esodo. Misura b) obbligo di conoscere le procedure interne di emergenza: il segnale di allarme è costituito da un suono prolungato della sirena posta nella palazzina uffici per almeno dieci secondi. Tutti devono recarsi immediatamente al punto di raccolta sicuro. Nella fattispecie il lavoratore esterno dovrà rimuovere eventuali attrezzi o materiali che ingombrano il passaggio e immediatamente recarsi nel punto di raccolta sicuro, informando subito il Coordinatore dell evacuazione di essere presente. Solo al termine dell evacuazione potrà riprendere l attività. Tutto ciò vale anche in caso di esercitazione. Misura c): Nel caso in cui il lavoratore esterno debba chiamare soccorsi esterni, può avvalersi degli uffici della direzione. In caso di necessità, rivolgendosi alla portineria dell edificio, essa potrà convocare d urgenza uno o 5

6 più addetti Antincendio o al Pronto Soccorso. 8) Procedura per l accesso nell azienda e Procedure generali di sicurezza obbligatorie Procedura 1: per l accesso nella scuola: Per i doveri generali di vigilanza che stanno in capo al Datore ospitante i lavori e considerato che l ingresso e la circolazione incontrollati di lavoratori esterni costituiscono un interferenza di per sé rischiosa, è fatto obbligo ad ogni lavoratore esterno esibire alla Portineria il cartellino identificativo previsto dal Testo Unico; in caso ne sia sprovvisto, non sarà consentito l ingresso. Nel caso sia richiesto l accesso in giorni o orari non previsti, l ingresso non sarà consentito. Nel caso in cui sia stato preventivamente concordato il numero e il nominativo dei lavoratori autorizzati ad entrare, potranno accedere all interno dell azienda solo le persone concordate preventivamente. Procedure di sicurezza obbligatorie: Procedura 1: Contro i rischi connessi alla presenza di Subappaltatori Si richiama la responsabilità dell appaltatore nel caso si avvalga di subappaltatori o lavoratori autonomi. Egli ha il dovere di informare e formare tali figure, trasferendo loro tutte le informazioni contenute nel DUVRI e nelle note informative scambiate, nonché emerse durante le attività di cooperazione e coordinamento. Ha anche l obbligo di verificarne l idoneità tecnico-professionale e di controllarne l attività al fine di verificare il rispetto di tutte le disposizioni e misure di sicurezza. Procedura 2: Contro il rischio che le misure previste si rivelino inadeguate o lo divengano a seguito di evoluzioni impreviste del lavoro Si stabilisce inoltre che il responsabile della sede di lavoro o chi per lui e l'incaricato della ditta appaltatrice per il coordinamento dei lavori potranno interrompere le lavorazioni, dietro autorizzazione del Direttore dell esecuzione se nominato, qualora ritenessero che le medesime, anche per sopraggiunte nuove interferenze, non fossero più da considerarsi sicure. Le operazioni potranno riavere inizio solamente dopo la verifica tecnico-amministrativa, da eseguirsi da parte del Direttore dell esecuzione e la firma del verbale di coordinamento da parte del responsabile di sede. Procedura 3: Contro i rischi derivanti da accumulo di imballaggi o contenitori o scarti infiammabili Nel caso l appaltatore dia luogo ad un accumulazione significativa di imballi (cartoni, carta, plastica, legno, ecc.) oppure di scarti infiammabili oppure di bidoni o barattoli con fondi di liquidi infiammabili, è tenuto prima di tutto ad accumularli ordinatamente all esterno in luogo sicuro e poi a smaltirli immediatamente con le appropriate procedure. Procedura 4: Contro rischio che vengano introdotti utensili, attrezzature, macchinari e DPI non conformi e quindi pericolosi L appaltatore ha l obbligo di introdurre nell ambiente del Datore che ospita i lavori solamente utensili, attrezzature, macchinari e DPI conformi alla normativa in vigore e riportanti la marcatura di conformità CE. Procedura 5: Contro rischio che vengano introdotti detergenti e prodotti chimici di cui non sono note la natura, la pericolosità, le misure da adottare, i rimedi in caso di esposizione pericolosa Per ogni detergente o prodotto chimico che l azienda esterna ha intenzione di utilizzare è obbligatorio consegnare previamente al Datore ospitante i lavori la relativa Scheda di sicurezza. Se il prodotto è etichettato con frasi di rischio o è comunque pericoloso, deve prima essere richiesta l autorizzazione all introduzione e all uso. Nessun prodotto chimico o miscela può essere mantenuto in contenitore anonimo oppure recante nome diverso o comunque tale da trarre in inganno. Nessun prodotto chimico può essere lasciato in azienda durante la notte. Nessun prodotto chimico può essere lasciato incustodito, in particolare in luoghi potenzialmente frequentati da minori; la custodia deve avvenire con modalità che non consentano a minori di prenderlo. Eventuali deroghe per prodotti particolari vanno concordate con l azienda ospitante. Procedura 6: Contro rischi i derivanti dal fumo E vietato fumare in tutti gli ambienti chiusi Procedura 7: Contro rischi derivanti da fiamme libere (saldature o riscaldamento di materiali) L uso di fiamme libere può aver luogo solo se il referente del datore Ospitante ha rilasciato l autorizzazione, eventualmente subordinata alla vigilanza costante di un Incaricato o di un addetto antincendio oppure ad altre precauzioni. 6

7 Procedura 8: Contro rischi derivanti da introduzione/stoccaggio/abbandono di bombole di gas o contenitori di infiammabili o esplosivi. L introduzione e lo stoccaggio di bombole di gas o contenitori di infiammabili o esplosivi possono avvenire solo a seguito di specifica autorizzazione, che riguarderà anche l uso, il divieto di abbandono anche temporaneo, lo stoccaggio in luoghi concordati e con modalità prestabilite. In generale è vietato lasciare in azienda materiali di questo genere. Procedura 9: Contro rischi derivanti da Attivazione/Disattivazione di linee elettriche, di impianti di macchine o linee di lavorazione, di impianti di adduzione di gas o carburante Queste manovre, se non coordinate con l azienda ospitante i lavori, possono essere causa di infortuni o di inconvenienti importanti. Pertanto l esecuzione di tali manovre è subordinata a una specifica autorizzazione scritta, che indicherà eventualmente anche l obbligo di apporre sull interruttore un cartello che renda noto lo stato dell impianto, l obbligo di non aprire o chiudere, ecc., ma soprattutto l obbligo della compresenza di un dipendente del datore ospitante, il quale avrà le istruzioni di avvertire i preposti interessati. Procedura 10: Contro rischi derivanti dalla costituzione di depositi temporanei di materiali I depositi temporanei possono causare incendi, caduta di oggetti pesanti e altro. Pertanto è vietato costituire depositi temporanei senza un apposita autorizzazione, la quale stabilirà il luogo esatto, nonché le modalità (altezza massima, modalità di accatastamento e di eventuale messa in sicurezza da caduta, recinzione provvisoria, apposizione di cartelli di pericolo). Nel caso di presenza numerosa nelle vicinanze di minori, le precauzioni e le misure di sicurezza vanno rafforzate. L attuazione delle misure indicate è interamente imputata all Impresa esecutrice dei lavori I costi delle misure previste non sono evidenziati, ma saranno sostenuti dal l Impresa esecutrice dei lavori NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA Al segnale di allarme i lavoratori esterni devono: a ) interrompere il lavoro, disattivando l alimentazione elettrica alle macchine ed attrezzi eventualmente in uso; b) mettere in condizioni di sicurezza gli ambienti di lavoro e le attrezzature utilizzate; c) abbandonare, eventualmente, i locali, seguendo le vie di fuga prestabilite o le indicazioni delle squadre di emergenza, raggiungendo il punto di raccolta sicuro. I visitatori e i lavoratori esterni sono invitati a mantenere la calma e collaborate con II personale interno e a seguirne le istruzioni, perché esso è stato addestrato ai comportamenti da tenere in caso di incendio o di altra calamità e conosce i piani di intervento prestabiliti, All'interno dei locali sono esposte planimetrie indicanti le vie di fuga e il punto di raccolta in caso di esodo per emergenza. Appositi cartelli indicano in ogni zona la via di fuga. In caso di evacuazione d emergenza: Evitare di correre e di affollarsi disordinatamente alle uscite. Seguire le indicazioni del personale interno. Evacuare la sede percorrendo le vie di fuga segnalate. 9) Modalità di verifica dell' attuazione delle misure di sicurezza contro i rischi interferenziali Stanti le responsabilità generali del Datore ospitante, viene incaricato l ing. Daniele Saburri, con la mansione di RSPP, di eseguire periodiche verifiche sul campo, per controllare che i programmi siano rispettati e il presente DUVRI sia applicato 7

8 10) Modalità di gestione del flusso delle informazioni tra Datori e della cooperazione e coordinamento tra di loro. In caso di incidenti e/o infortuni accaduti durante le attività appaltate deve essere tempestivamente informato il referente del Datore ospitante, Qualsiasi novità o imprevisto o modifica degli orari va immediatamente segnalata al Datore affidante o ai suoi referenti di cui nell anagrafica al punto 1. Brevi riunioni possono essere richieste da Voi o dal Datore ospitante telefonando al referente della controparte. 11) Informazioni sui rischi specifici dell ambiente in cui avranno luogo i lavori e sulle misure di prevenzione adottate in relazione alla propria attività Ai sensi dell art. 26 comma 1 punto b, il Datore affidante fornisce alle imprese appaltatrici / lavoratori autonomi dettagliate informazioni: sui rischi specifici esistenti nell'ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di sicurezza adottate. In questo istituto viene svolta attività scolastica, Saltuariamente sono presenti persone esterne (prevalentemente genitori). L ambiente scolastico ospita attività non suscettibili di produrre rischi o effetti dannosi sulle persone esterne compresenti. L alimentazione elettrica è disponibile a 220 V Nell area scolastica non vi sono linee ad alta tensione. Il rischio più grave è rappresentato dal sopravvenire di un emergenza (incendio, terremoto, ecc.) che costringa all evacuazione; infatti la particolare numerosità dei presenti e la natura degli stessi rendono estremamente delicata tale operazione, se svolta in situazione di possibile panico. In merito la misura preventiva è un accurata predisposizione delle procedure di evacuazione e l esecuzione di prove almeno 2 volte all anno. Misure antincendio: vi sono - estintori a polvere e anidride carbonica per gli apparecchi elettrici di valore. - idranti. Altre misure preventive: non ci sono altre misure che possano interessare i lavoratori esterni. 12) Verbale della riunione di cooperazione e coordinamento L obbligo di cooperazione e coordinamento contenuto nell art. 26 comma 2 sarà attuato mediante la riunione tra tutti i rappresentanti dei datori interessati. Nella Revisione 1 sarà allegato il relativo verbale. IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Dott.ssa Alessandra Silvestri) firma autografa sostituita a mezzo stampa, ai sensi dell art. 3, comma 2 del d.lgs n. 39/1993 8

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D.Lgs 81/2008) e MISURE ADOTTATE

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

ACCLUSO AL CONTRATTO N... DEL... ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.Lgs. 81/08 FORNITURA DI MATERIALE SOSTITUTIVO DELL OSSO

ACCLUSO AL CONTRATTO N... DEL... ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.Lgs. 81/08 FORNITURA DI MATERIALE SOSTITUTIVO DELL OSSO Pag. 1 / 12 ACCLUSO AL CONTRATTO N.... DEL... ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.Lgs. 81/08 FORNITURA DI MATERIALE SOSTITUTIVO DELL OSSO Il presente documento denominato DUVR-I è redatto ai sensi dell

Dettagli

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08)

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) Appalto per RISTORAZIONE SCOLASTICA COMMITTENTE COMUNE DI CREAZZO DITTA APPALTATRICE

Dettagli

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE LOGO DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2009/2010 IL COMMITTENTE/RESPONSABILE ARTVEN ASSOCIAZIONE ALLEGATO AL CONTRATTO N Pag. 1 di 8 DATI DELL INSEDIAMENTO IN CUI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DOCUMENTO UNICO DA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/08 DITTA Sede Legale: Oggetto della manutenzione: SERVIZI DI ASSISTENZA E MANUTENZIONE SUI PC E PERIFERICHE

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO PROCEDURA DI SICUREZZA PER INDICE 1 Scopo 2 Campo di applicazione e funzioni coinvolte 3 Contenuti 4 Attività e responsabilità ALLEGATI 1 Scheda informativa di sicurezza 2 Modulo di verifica di idoneità

Dettagli

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs.

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. CLI:1608 Committente: COMUNITA MONTANA DELL ESINO-FRASASSI via DANTE, FABRIANO - (AN) 0732-6951 Ditta Appaltatrice: ragione sociale indirizzo recapito telefonico e fax OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI. Servizio Infermieristico Aziendale

UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI. Servizio Infermieristico Aziendale UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI Azienda committente Ubaldo Campagnola di Avio A.P.S.P. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Appalto/Contratto d opera Servizio

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA Unione Montana Alta Val di Cecina Via Roncalli, 38-56045 Pomarance (PI) Telefono 0588/62003 - Fax 0588/62700 PEC umavc@postacert.toscana.it CF-PI 02032270502 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA

Dettagli

Documento Unico di Valutazione dei Rischi redatto ai sensi del D.Lgs. 09/04/08 n 81 art.26, comma 3-ter

Documento Unico di Valutazione dei Rischi redatto ai sensi del D.Lgs. 09/04/08 n 81 art.26, comma 3-ter Documento Unico di Valutazione dei Rischi redatto ai sensi del D.Lgs. 09/04/08 n 81 art.26, comma 3-ter DATI RELATIVI AL COMMITTENTE RAGIONE SOCIALE : Comune di Cavezzo INDIRIZZO Via Cavour, 36 ATTIVITA

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I.

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I. COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PERIODO: ANNI 2013 E 2014

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO art. 7, D. Lgs. 626/94 Legge delega n 123/2007 art. 26 Testo Unico 1 art.7 D.Lgs. 626/94 Il datore di lavoro, in caso di AFFIDAMENTO DEI LAVORI ALL INTERNO

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE (Preliminare) (Art. 26 Decreto Legislativo 81/08) GARA PER L AFFIDAMENTO DELLA MANUTENZIONE

Dettagli

Coordinamento tra Datori di Lavoro Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti. DUVRI Rev. N 00. (Art. 26 D.Lgs.

Coordinamento tra Datori di Lavoro Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti. DUVRI Rev. N 00. (Art. 26 D.Lgs. DOCUMENTO UNIICO I VALUTAZIIONE DEII RIISCHII PER LE ATTIIVIITÀ IINTERFERENTII RELATIIVE ALL APPALTO DEL SERVIIZIIO I ASSIISTENZA DOMIICIILIIARE E GESTIIONE CENTRO IURNO PER ANZIIANII (Art. 26 D.Lgs. 81/2008)

Dettagli

DUVRI (DOCUMENTO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZE) AI SENSI DELL ART. 26 DEL D.LGS 81/08

DUVRI (DOCUMENTO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZE) AI SENSI DELL ART. 26 DEL D.LGS 81/08 SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA AREA PATRIMONIO E SERVIZI ECONOMALI UFFICIO PATRIMONIO IMMOBILIARE SETTORE VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CAPITOLATO SPECIALE GARA DIGITAL SIGNAGE CONCESSIONE DI SERVIZIO PER

Dettagli

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA Schede preliminari identificative dell Istituzione scolastica e degli eventuali plessi, che vanno compilate, per ogni singolo edificio, ed inviate al seguente indirizzo e-mail 81@euservice.it euservice

Dettagli

IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE

IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO.. PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE Dirigente scolastico : dott.ssa Luisa Imbriani RSPP : Ing. Davide Riccardi Docenti : Robertina

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONI DEI RISCHI PER INTERFERENZE (Art. 26 D.Lgs 81/2008 e D.Lgs. 106/2009)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONI DEI RISCHI PER INTERFERENZE (Art. 26 D.Lgs 81/2008 e D.Lgs. 106/2009) COMUNE DI VICENZA Settore Provveditorato DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONI DEI RISCHI PER INTERFERENZE (Art. 26 D.Lgs 81/2008 e D.Lgs. 106/2009) SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E TRASLOCO DI ARREDI E ATTREZZATURE

Dettagli

Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008

Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008 FORMAZIONE OBBLIGHI SANZIONI Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008 Mancata informazione ai lavoratori 1.315,20 a 5.699,20 Mancata formazione ai lavoratori, ai dirigenti (RSPP) e preposti, ai lavoratori addetti

Dettagli

81@euservice.it oppure al fax: 0623325743

81@euservice.it oppure al fax: 0623325743 Schede preliminari identificative dell Istituzione scolastica e degli eventuali plessi, che vanno compilate, per ogni singolo edificio, ed inviate al seguente indirizzo e-mail 81@euservice.it oppure al

Dettagli

(Art. 26 del DLgs. n. 81 del 09 aprile 2008, Legge 3 Agosto 2007 n. 123)

(Art. 26 del DLgs. n. 81 del 09 aprile 2008, Legge 3 Agosto 2007 n. 123) D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (Art. 26 del DLgs. n. 81 del 09 aprile 2008, Legge 3 Agosto 2007 n. 123) Oggetto : APPALTO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI CONDUZIONE

Dettagli

DUVRI. Individuazione dei rischi e misure adottate per eliminare le interferenze - Art. 26, commi 3 e 5, D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 D.U.V.R.I.

DUVRI. Individuazione dei rischi e misure adottate per eliminare le interferenze - Art. 26, commi 3 e 5, D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 D.U.V.R.I. AFFIDAMENTO GESTIONE, IN VIA TEMPORANEA E SPERIMENTALE, DEL SERIVIZO DI ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PER IL PERIODO DAL 01.03.2012 AL 30.06.2012 DUVRI DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE

Dettagli

RISPETTO DELL'AMBIENTE E DELLA SICUREZZA DA PARTE DEI PRESTATORI DI OPERA IN APAM

RISPETTO DELL'AMBIENTE E DELLA SICUREZZA DA PARTE DEI PRESTATORI DI OPERA IN APAM 4 01.02. 2014 5 1 RISPETTO DELL'AMBIENTE E DELLA SICUREZZA DA PARTE DEI PRESTATORI DI OPERA IN APAM SOMMARIO 1. Scopo 2. Categoria di fornitori da tenere sotto controllo 3. Responsabilità 4. Controllo

Dettagli

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI D.U.V.R.I.

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI D.U.V.R.I. COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. A.S. 2013/2014 A.S. 2014/2015

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO Art. 1 Campo di applicazione Il regolamento si applica a tutte le attività istituzionali dell Università

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. GALILEI PROGETTO ESECUTIVO DTJVRT NAPOLI. COD.NAPSB6OOO5 i. Via S.Domenico, L07

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. GALILEI PROGETTO ESECUTIVO DTJVRT NAPOLI. COD.NAPSB6OOO5 i. Via S.Domenico, L07 1i,,,,''. rqiii..,;:ìàì, i.j\*"i ;.7 -l - rl ] CUP Intervento C-3 : 168G10001210007 CUP lntervento C-5 : 168G10001 340007 I LAD l'" i LICEO SCIENTIFICO STATALE G. GALILEI I I I ;l Via S.Domenico, L07 NAPOLI

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO I.S.A 10

ISTITUTO COMPRENSIVO I.S.A 10 ISTITUTO COMPRENSIVO I.S.A 10 Informazioni e disposizioni in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro [artt 36, 18 c. 1, l. f), l) D.Lgs. 81/08] Ed.1 Rev.0_14 INDICE 1. Disposizioni

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE IO_11_Regole comportamentali per Fornitori Gentile Fornitore, Eco-recuperi srl ha stabilito una propria politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente (disponibile sul sito http://www.ecorecuperi.it/it/918-qualita.htm

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA MAN - Pag. 1 di 12 MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA AI SEN SI DELL AR T. 30 D.Lg Lgs. 81/20 08 MAN - Pag. 2 di 12 Attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di

Dettagli

COMUNE DI CISLIANO. Provincia di Milano D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N.

COMUNE DI CISLIANO. Provincia di Milano D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N. D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N. 81/08) SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI CIG Z7C0D7B416 1 Premessa Il presente documento unico di valutazione

Dettagli

3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI. PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008)

3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI. PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008) 3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI Via A.Labriola -80016 MARANO DI NAPOLI PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008) Il Dirigente Scolastico : Dott.ssa Silvana

Dettagli

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA:

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA: Allegato F, schema di DUVRI DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA:. OGGETTO APPALTO: FORNITURA E INSTALLAZIONE DI OPERE D ARTE PER IL PALAZZO RICERCA E CONOSCENZA DELLA FONDAZIONE

Dettagli

Lavorare in sicurezza

Lavorare in sicurezza 11 settembre 2013 Lavorare in sicurezza Con il decreto legislativo 626 del 1994 riguardante il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro, l informazione e la formazione

Dettagli

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009 Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro Modena, 30 ottobre 2009 Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. n. 106 "Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Preliminare

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Preliminare DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Preliminare (art. 26 del D.Lgs. 81/2008 s.m.i.) OGGETTO DEL CONTRATTO: AFFIDAMENTO, PER DUE MESI, DEL SERVIZIO DI TRASPORTO INFERMI E DIALIZZATI

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO E S T R A T T O D A L P I A N O D I E M E R G E N Z A I N T E R N O S e z i o n e i n e r e n t e D O C E N T I A. T. A. - ALLI E V I Estensori

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 modificato dal D.Lgs.106/2009 Oggetto dell appalto: contratto per il servizio di refezione scolastica e di sporzionamento

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DA ADOTTARE PER ELIMINARE/RIDURRE AL MINIMO I RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DA ADOTTARE PER ELIMINARE/RIDURRE AL MINIMO I RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 6 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DA ADOTTARE PER ELIMINARE/RIDURRE AL MINIMO I RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.)

Dettagli

PROCEDURA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI LAVORI IN APPALTO

PROCEDURA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI LAVORI IN APPALTO PROCEDURA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI LAVORI IN APPALTO E DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA articolo 26 D.Lgs n 81/2008 e s.m.i. Il presente documento e le informazioni in esso

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE LL.PP. E MANUTENZIONI - PATRIMONIO UFFICIO GESTIONE SERVIZI CIMITERIALI

COMUNE DI TERNI DIREZIONE LL.PP. E MANUTENZIONI - PATRIMONIO UFFICIO GESTIONE SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI TERNI DIREZIONE LL.PP. E MANUTENZIONI - PATRIMONIO UFFICIO GESTIONE SERVIZI CIMITERIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) (ART. 26 DEL D.LGS 81/2008) 1. PREMESSA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) Provincia di Firenze DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) Ai sensi del: D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 - art. 26 In riferimento a: Servizio di pulizia degli uffici comunali Da

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione

DUVRI Documento Unico di Valutazione DUVRI Documento Unico di Valutazione Rischi Interferenti D. Lgs. 81/08 integrato con il D. Lgs. 106/09 Committente Lavori di Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Servizio di pulizia locali

Dettagli

Oggetto : informazione sul piano di evacuazione.

Oggetto : informazione sul piano di evacuazione. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale "G.Parini" Via Roma - 21055 Gorla Minore (VA) Tel. e fax : 0331 601650 e-mail uffici: comprensivogorla@libero.it

Dettagli

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI II LOTTO

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI II LOTTO DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI II LOTTO DOCUMENTO DELLA SICUREZZA PER LE DITTE CHE EFFETTUERANNO DEI LAVORI ALL INTERNO DEL COMUNE DI BRA con sede in Piazza Caduti della Libertà n 14 12042

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

Il piano di emergenza e di evacuazione. Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania

Il piano di emergenza e di evacuazione. Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania Il piano di emergenza e di evacuazione Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania L emergenza Cos è l emergenza? Una condizione insolita e pericolosa che può presentarsi in modi e tempi non

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

COMUNE DI SANREMO SETTORE SICUREZZA SOCIALE RESIDENZA PROTETTA CASA SERENA

COMUNE DI SANREMO SETTORE SICUREZZA SOCIALE RESIDENZA PROTETTA CASA SERENA Allegato 7 COMUNE DI SANREMO SETTORE SICUREZZA SOCIALE RESIDENZA PROTETTA CASA SERENA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI PER ATTIVITA DI COORDINAMENTO RELATIVO ALLE ATTIVITA DI GESTIONE

Dettagli

partire dall'incrocio della strada di accesso al parco e della strada comunale.

partire dall'incrocio della strada di accesso al parco e della strada comunale. DESCRIZIONE GENERALE DELL AREA PARCO La sede centrale di Sardegna Ricerche è stata realizzata nel territorio comunale di Pula in località Pixina Manna su un area di circa 160 ha, nella valle del Rio Palaceris

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE?

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE? L emergenza Cos è? Una emergenza è una situazione imprevista di potenziale pericolo che si genera quando le persone, i beni, le strutture, l ambiente sono esposti (o possono essere esposti) agli effetti

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONI DEI RISCHI PER INTERFERENZE (Art. 26 Dlgs 81/2008 e Dlgs. 106/2009)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONI DEI RISCHI PER INTERFERENZE (Art. 26 Dlgs 81/2008 e Dlgs. 106/2009) COMUNE DI VICENZA Settore Provveditorato DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONI DEI RISCHI PER INTERFERENZE (Art. 26 Dlgs 81/2008 e Dlgs. 106/2009) SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E TRASLOCO DEGLI UFFICI SOPPRESSI DELLA

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

DUVRI RISONANZA MAGNETICA

DUVRI RISONANZA MAGNETICA AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTO ORTOPEDICO GAETANO PINI DUVRI RISONANZA MAGNETICA Art. 26 D.Lgs 81/2008 D. LGS 81/2008 SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ANNO 2008 Preparato da Verificato da Approvato da

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

Impresa Appaltatrice: Data: IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi

Impresa Appaltatrice: Data: IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi 2014 2015 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. Fermi L. da Vinci Via Bonistallo 73 50053 Empoli ALLEGATO 9.1 DUVRI semplificato per operatori singoli Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE a.s. 2014/2015 PREMESSA Nel rispetto del DMI del D.Lgs 81/2008 è stato predisposto per l'anno

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

Datore di lavoro e il dirigente

Datore di lavoro e il dirigente Datore di lavoro e il dirigente Mancata effettuazione della Valutazione dei rischi (VDR) e adozione del documento in collaborazione con l RSPP e il MC Mancata nomina del RSPP (anche se svolto direttamente)

Dettagli

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI DUVRI DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI Azienda Committente: Centro Residenziale Anziani Umberto I Appalto / Contratto d Opera : Appalto Lavori di pulizia Lavori da eseguire: Lavori pulizia

Dettagli

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI per l anno scolastico 2012-2013 Nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie in cui sono evidenziate

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO dispensa informativa per docenti e non docenti A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni

Dettagli

DUVRI INDIVIDUZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE

DUVRI INDIVIDUZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE DUVRI INDIVIDUZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (Artt. 26 comma 3, 5 D. Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 così come modificato dal D. Lgs. n. 106/09) Data: 02/07/2009 Azienda Committente:

Dettagli

FERRARA ARTE S.P.A. SEDE AMMINISTRATIVA PALAZZO dei DIAMANTI C.so Ercole I d Este, 21 44121Ferrara (FE)

FERRARA ARTE S.P.A. SEDE AMMINISTRATIVA PALAZZO dei DIAMANTI C.so Ercole I d Este, 21 44121Ferrara (FE) FERRARA ARTE S.P.A. SEDE AMMINISTRATIVA PALAZZO dei DIAMANTI C.so Ercole I d Este, 21 44121Ferrara (FE) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) TRASPORTO E ALLESTIMENTO DOCUMENTO

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

EMERGENZA ed EVACUAZIONE

EMERGENZA ed EVACUAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE C. MENNELLA PROCEDURA DA ATTUARSI NEI CASI DI EMERGENZA ed EVACUAZIONE DESTINATO AGLI INCARICATI ALL EMERGENZA ED EVACUAZIONE Questo libretto deve essere Consegnato ad

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali. Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali. Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 Oggetto dell appalto: Contratto per la gestione dell impianto sportivo calcistico Aldo Nelli in località Oste Dirigente/

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze Adempimento degli obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione di cui all art. 26 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008.

Dettagli

per gli utenti del servizio scolastico ( studenti - genitori )

per gli utenti del servizio scolastico ( studenti - genitori ) Scuola Media Statale P. Paoli Viale Reiter 81-41100 Modena tel. 059/222373 Fax 059/239972 MANUALE DI INFORMAZIONE SUI RISCHI E LA SICUREZZA NELLA SCUOLA per il personale docente e non docente per gli utenti

Dettagli

PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA

PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA IL RETTORE LA RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO 1 INTRODUZIONE Il piano di emergenza costituisce

Dettagli

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26, co.3-ter

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

A.G.E.C. Onoranze Funebri S.p.A. VERONA

A.G.E.C. Onoranze Funebri S.p.A. VERONA A.G.E.C. Onoranze Funebri S.p.A. VERONA APPALTO PER FORNITURA DI COFANI DI TIPO ECONOMICO PER ONORANZE E TRASPORTI FUNEBRI DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (ALL. 1/A) DOCUMENTO

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Rimembranze, n. 2 73031 ALESSANO (LE) Distretto n. 47 Cod. Min.: LEIC80400T cod. Fisc. 90018660754 Tel e fax 0833-781118 email leee010007@istruzione.it Web Site: www.comprensivoalessano.it

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA PROVINCIA NA SETTORE OPERE PUBBLICHE E VIABILITA Azienda Appaltante Comune di Giugliano in Campania Datore di Lavoro Azienda Appaltante Ing. Vittorio Russo Documento DOCUMENTO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO)

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO) LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO) INDICAZIONI GENERALI 1. Modifiche strutturali, modifiche e/o manutenzione

Dettagli

MANUALE DI SICUREZZA E SALUTE : COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI : INCENDIO, RISCHIO INDUSTRIALE, TERREMOTO E INFORTUNIO.

MANUALE DI SICUREZZA E SALUTE : COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI : INCENDIO, RISCHIO INDUSTRIALE, TERREMOTO E INFORTUNIO. C B I.C. CESCO BASEGGIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESCO BASEGGIO Via Trieste, 203-30175 VENEZIA MARGHERA Cod. Scuola VEIC87100T Cod. Fisc. 94000070279 Tel. e fax 041920530/Tel. 041920584 VEIC87100T@istruzione.it

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I VIA S. CANIO N 1, TEL. 0784-53125 FAX 0784-529085 PEC

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I VIA S. CANIO N 1, TEL. 0784-53125 FAX 0784-529085 PEC Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I VIA S. CANIO N 1, TEL. 0784-53125

Dettagli

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA Istituto Comprensivo MAHATMA GANDHI Via Corinaldo, 41 00156 Roma Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA D.Lgs. n. 81/2008, art. 32, comma 2 >Figure sensibili addette all antincendio

Dettagli

QUESTIONARIO QUESTIONARIO UNICO PREPOSTO.

QUESTIONARIO QUESTIONARIO UNICO PREPOSTO. 1/6 01.DEFINIZIONE DI PERICOLO O FATTORE DI RISCHIO: PROPRIETA O QUALITA INTRINSECA DI UN FATTORE AVENTE IL POTENZIALE DI CAUSARE DANNI. PROPRIETA CHIMICO FISICHE DI UNA SOSTANZA ESPLOSIVA. PROPRIETA CINETICHE

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DI POTENZA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DI POTENZA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DI POTENZA Allegato E) APPALTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELEVATORI ELETTRICI ED IDRAULICI INSTALLATI PRESSO GLI EDIFICI DI PROPRIETA DELL

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZA ai sensi dell ART. 26 COMMA 3 del D. LGS. 81/08 e successive modificazioni

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZA ai sensi dell ART. 26 COMMA 3 del D. LGS. 81/08 e successive modificazioni DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZA ai sensi dell ART. 26 COMMA 3 del D. LGS. 81/08 e successive modificazioni tra Scuola Normale Superiore P.za Cavalieri 7 56126 Pisa e Via /P.za Città

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli