DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI"

Transcript

1 SCUOLA " CARRIERO" _ PRIMARIA e SECONDARIA di I via Cuoco Campomarino (CB) Internet: - DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (Artt. 17 e 28, D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81) DATA: 24/01/2011 REVISIONE: 02 DESCRIZIONE: IL DATORE DI LAVORO (EZIO DI PINTO) IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (Giovanna Narciso) IL MEDICO COMPETENTE (Dott. Marcello Catena) CerTus-LdL by Guido Cianciulli - Copyright ACCA software S.p.A. pag. 1

2 # 0& R.S.P.P. ARCHITETTO GIOVANNA NARCISO PREMESSA Il presente documento è stato elaborato secondo quanto previsto dalla normativa nazionale: - D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, "Attuazione dell'art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro" e seguenti; Nei capitoli successivi sono riportati gli esiti della valutazione di tutti i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori presenti nell'ambito dell'organizzazione in cui essi prestano la propria attività. Modalità di elaborazione Le attività di valutazione del rischio e di elaborazione del presente documento sono state effettuate dal datore di lavoro in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente e previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. La valutazione e il relativo documento saranno rielaborati, nel rispetto delle modalità previste dalla normativa, in occasione di modifiche del processo produttivo o dell'organizzazione del lavoro significative ai fini della salute e della sicurezza dei lavoratori, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione e della protezione o a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità. Contenuti del documento Il documento contiene, ai sensi dell'art. 28, comma 2, del D.Lgs. 81/2008: - una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l attività lavorativa, nella quale sono specificati i criteri adottati per la valutazione stessa; - l indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati, a seguito della valutazione; - il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza; - l individuazione delle procedure per l attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell'organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri; - l indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio; - l individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento. pag. 2

3 # 1&dati R.S.P.P. ARCHITETTO GIOVANNA NARCISO DATI IDENTIFICATIVI AZIENDALI aziendali e nominativi di quanti hanno funzioni inerenti la sicurezza (Art. 28, comma 2, lettera e), D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) Nel presente capitolo sono riportati i dati identificativi aziendali, ovvero la ragione sociale, le generalità del datore di lavoro, dei collaboratori e delle figure designate o nominate ai fini della sicurezza aziendale. AZIENDA Ragione sociale SCUOLA " CARRIERO" _ PRIMARIA e SECONDARIA di I Indirizzo via Cuoco CAP Città Campomarino (CB) Telefono 0875 FAX Internet Codice Fiscale Partita IVA Datore di Lavoro Nominativo EZIO DI PINTO Qualifica DIRIGENTE Indirizzo Via Alcide De Gasperi, 52 CAP Città TERMOLI (CB) ALTRE FIGURE AZIENDALI Di seguito sono indicati i nominativi delle figure di cui all'art. 28, comma 2, lettera e) del D.Lgs. 81/2008, ovvero i nominativi "del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio". Medico Competente: Nome e Cognome: Marcello Catena Qualifica: Medico Posizione Esterno Data nomina: 11/03/2009 Sede Campomarino Indirizzo: Via Molise Città: Campomarino (CB) CAP: Telefono / Fax: Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione [RSPP]: Nome e Cognome: Qualifica: Giovanna Narciso Consulente pag. 3

4 Posizione Esterno Data nomina: 14/01/2009 Sede Studio professionale Indirizzo: Via Volta,24 Città: Campomarino CAP: Telefono / Fax: Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza [RLS]: Nome e Cognome: Qualifica: Antonietta Del Monte Insegnante Comune: Nome e Cognome: Comune di Campomarino Qualifica: Proprietario dell'immobile Posizione Esterno Sede via G. d. Chiesa 2 ADDETTI ai SERVIZI Di seguito sono indicati i nominativi delle figure di cui all'art. 18, comma 1, lettera b), del D.Lgs. 81/2008, ovvero i nominativi de "i lavoratori incaricati dell'attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell'emergenza". Addetti al Servizio di ANTINCENDIO: Nome e Cognome: Qualifica: Sede Vincenzo Lamonaca collaboratore scolastico scuola secondaria di primo grado -piano terra Nome e Cognome: Qualifica: Sede Paola D'Errico collaboratore scolastico scuola secondaria di I grado e scuola primaria Carriero Addetti al Servizio di EVACUAZIONE: Nome e Cognome: Qualifica: Sede Luigi Ceglia collaboratore scolastico scuola secondaria di primo grado Nome e Cognome: Qualifica: Sede Raffaele Masciulli collaboratore scolastico scuola secondaria di igrado, scuola primaria Carriero Addetti al Servizio di PRIMO SOCCORSO: Nome e Cognome: Qualifica: Sede Ferdinando Ricciuti collaboratore scolastico scuola secondaria di I grado e scuola primaria pag. 4

5 Nome e Cognome: Qualifica: Sede Addolarata Di Sano collaboratore scolastico scuola secondaria di i grado, scuola primaria Carriero Elenco MANSIONI Le attività lavorative sono svolte dai lavoratori aventi le seguenti mansioni. 1) Corpo docente; Sono tutti gli insegnanti 2) Addetto alla attività di "Preparazione saggio fine anno"; Gli addetti al saggio di fine anno sono i collaboratori scolastici con l'aiuto degli insegnanti per il montaggio delle scenografie. 3) Addetto alla attività di "Recupero e sostegno"; Sono insegnanti con apposita preparazione 4) Addetto all'attività di "Vigilanza, piccola manutenzione e pulizie"; Sono i collaboratori scolastici 5) Addetto all'attività di "Laboratorio grafico-artistico"; Fanno parte del corpo docente e sono individuati negli insegnanti di educazione artistica, inoltre operano prevalentemente nel laboratorio di educazione artistica 6) Addetto all'attività di "Preparazione gruppi sportivi"; Fanno parte del corpo docente e sono individuati negli insegnanti di educazione fisica ed operano prevalentemente nel locale palestra 7) Addetto all'attività di "Laboratorio tecnico"; Fanno parte del corpo docente e sono individuati negli insegnanti di educazione tecnica, inoltre operano prevalentemente nel laboratorio tecnico 8) Addetto all'attività di "Direzione e amministrazione"; 9) Addetto al " laboratorio di informatica"; Fanno parte del corpo docente e sono individuati negli insegnanti di informatica, inoltre operano prevalentemente nella sala computer pag. 5

6 # 2&individuazione R.S.P.P. ARCHITETTO GIOVANNA NARCISO DESCRIZIONE dei LUOGHI di LAVORO e descrizione dettagliata dei luoghi di lavoro Presupposto necessario e fondamentale per la valutazione e la conseguente elaborazione del Documento di Valutazione dei Rischi è la rappresentazione dettagliata dei luoghi di lavoro, così come definiti dall'art. 62 del D.Lgs. 81/2008. Di seguito, pertanto, sono descritti tutti i luoghi di lavoro destinati ad ospitare posti di lavoro, ubicati all'interno dell'azienda in oggetto, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda accessibile al lavoratore nell'ambito del proprio lavoro. Ogni luogo di lavoro è individuato con i dati anagrafici, con una breve descrizione delle caratteristiche generali e strutturali e, supportato da tavole grafiche, con un dettaglio dei vari ambienti, siano essi "locali chiusi", destinati ad ospitare posti di lavoro o servizi e accessori, "zone interne" (cioè suddivisioni) dei locali chiusi, destinate ad attività lavorative di maggiore interesse o approfondimento, o "zone esterne" accessibili al lavoratore per esigenze di lavorazione. Tali luoghi di lavoro (locali chiusi, zone interne o zone esterne) sono dettagliatamente ed esaurientemente descritti con tutti gli elementi necessari per una corretta valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Scuola "Carriero" dell'istituto Comprensivo di Campomarino L edificio scolastico, oggetto della presente relazione, è condiviso con l Istituto Professionale per i Servizi Commerciali e Turistici e la cucina gestita dall ente comunale (questi due luoghi di lavoro non sono oggetto del presente documento). L edificio sarà diviso, per facilità di organizzazione della sicurezza, in sette sottosistemi secondo una metodologia funzionale: 01) ESTERNO 02) AULE, UFFICI, CORRIDOI E SERVIZI IGIENICI 03) PALESTRA 04) AUDITORIUM 05) CENTRALE TERMICA 06) LABORATORIO VETRO 01 - SOTTOSISTEMA ESTERNO L'area dove insiste la sede è pianeggiante e le strade di accesso sono asfaltate. La sede si presenta recintata da muro in cemento armato sormontato da ringhiera in ferro e tre ingressi dei quali uno è attualmente chiuso e gli altri sono utilizzati dalla scuola media e dalla scuola professionale. Quest ultimi presentano cancelli scorrevoli in ferro della larghezza di mt All interno del recinto sono presenti delle aree tenute a verde e delle stradine asfaltate. Lo spazio comune è utilizzato per attività ludico-ricreativo. E presente una pista per salto in alto. Dall ingresso carrabile si accede alla struttura tramite una rampa alla fine della quale è posta una griglia per il deflusso delle acque piovane. Alla destra è ubicato un chiosco in prefabbricati di dimensioni mt. 5.50x4.50 e un area asfaltata adibita a parcheggio. L edificio scolastico è circondato da un marciapiede con mattonelle in cemento antisdrucciolevoli delle dimensioni di cm. 40x40 con cordolo in marmo. L accesso alla scuola media è consentito da un atrio esterno con mattonelle in ceramica delle dimensioni di cm. 5x10. L edificio è servito da cinque ingressi affiancati per gli utenti, tra questi uno è utilizzato dal personale, e un altro ha una rampa per i disabili SOTTOSISTEMA AULE, UFFICI, CORRIDOI, SERVIZI IGIENICI La struttura si articola in un piano terra ed un primo piano. Entrando nell edificio scolastico, sulla sinistra sono presenti le aule adibite a uffici e sala computers, sulla destra le aule didattiche. pag. 6

7 Delle aule adibite a uffici ve ne è una provvista di porta blindata dedicata alla sala computer, dotata di dodici computers, con sedie ergonomiche, tre stampanti, uno scanner ed un televisore. La suddetta sala di informatica è munita di porta blindata, finestre con barre, e di un sistema di allarme., un altra sempre con porta blindata vi è una cassaforte e una macchina fotocopiatrice; una destinata a ufficio del dirigente scolastico, e una destinata ad aula per il pronto soccorso, o aiuto disabili. In tale zona è presente un area destinata ai servizi, divisi per sesso, composta da uno spogliatoio e da due servizi igienici con relativo antibagno, con aerazione naturale, forniti di lavabo a comandi manuali e wc. Negli stessi sono presenti mezzi detergenti e per asciugarsi. Di fronte l ingresso vi sono altre tre stanze comunicanti tra loro adibite a deposito; nell ultima è presente un bagno, con aerazione naturale, usato dal personale dove è istallata una caldaia di piccole dimensioni a servizio degli uffici. Alla destra dell atrio d ingresso vi è un corridoio, largo mt. 2.80, dal cui lato destro si accede a cinque aule. A sinistra del corridoio sono presenti finestre. Il corridoio viene interrotto da una struttura in alluminio e vetro retinato con una porta di cm. 90 sprovvista di maniglione antipanico, che permette il passaggio dalla scuola media verso la scuola professionale. Le aule di circa 35 mq., hanno porte di legno tamburato, larghe un metro e dieci e con semplice maniglia. Nella zona riservata alla scuola media sono presenti due bagni uno per ragazzi con due wc, uno per gli insegnanti e uno per le ragazze con un wc. Per accedere al primo piano della parte dell edificio riservato alla scuola media, si utilizza un corpo scala composto di ventidue gradini divisi in due rampe. L intera scalinata, che è posizionata nell atrio, si presenta rivestita da materiale di gomma antisdrucciolo. Al primo piano dell edificio, accedendo dalla suddetta gradinata, sulla destra sono presenti la sala adibita ad applicazioni artistiche e una adibita ad educazione musicale e lettura dalla quale si può accedere ad un terrazzino praticabile. In quest ala vi è anche un servizio igienico per gli alunni, con aerazione naturale, composto da quattro bagni di cui due con bidet e wc e i restanti due con lavabo e wc. Sempre al primo piano, a sinistra del corpo scala principale, dal corridoio, si accede a numero 12 aule. Delle decidici aule una è destinata al laboratorio tecnico. Le aule si snodano a ferro di cavallo e nella prossimità del primo cambio di geometria e al termine del corridoio sono presenti scale di emergenza esterne. Di fronte al laboratorio tecnico, sulla sinistra del corridoio, vi sono tre bagni uno per gli insegnanti con un wc, uno per le alunne con 5 wc e uno per gli alunni con altri 5 wc, tutti con aerazione naturale SOTTOSISTEMA PALESTRA La palestra si sviluppa al piano terra ed è separata dai locali della Scuola Media con una parete in metallo e vetro. Dall esterno si accede alla palestra tramite una rampa asfaltata provvista di una griglia per il deflusso dell acqua piovana o dall atrio della scuola media da cui ci si immette in un apposita scala esterna con undici gradini rivestiti in gomma. La porta di accesso della palestra è in vetro retinato ed alluminio. La stessa immette in un atrio dal quale si accede sia agli spogliatoi distinti per sesso, sia alla palestra stessa. Lo spogliatoio maschile, areato naturalmente, è dotato di dieci lavabi e sei wc posti in due locali separati e comunicanti tramite un corridoio di mt di lunghezza, provvisto di due panche di legno. Lo spogliatoio femminile è composto da un locale di dimensioni 2.8x 2.30 mt. munito di una doccia e di un servizio igienico provvisto di un solo wc con aerazione naturale. L ambiente adibito a palestra ha le dimensioni di mt. 1 x 2. Il soffitto è in cemento armato, il pavimento è rivestito con un tappetino in gomma. Nella stessa, in alto, sono presenti numero ventiquattro finestroni che garantiscono aerazione ed illuminazione naturale sprovviste di maniglioni per l apertura dal basso. Nella palestra sono presenti inoltre quattro porte in vetro retinato e alluminio, che immettono direttamente all esterno che sono state provviste di maniglioni antipanico SOTTOSISTEMA AUDITORIUM Di fronte all ingresso principale è ubicata la sala auditorium dalle dimensioni di mt. 16.5x12.00 con un altezza di mt circa. La stessa è areata sufficientemente tramite diciotto finestre poste su due livelli. Sono presenti otto porte, quattro permettono l uscita nell ingresso della scuola e quattro all esterno parzialmente provviste di maniglioni antipanico. L illuminazione di tale sala è assicurata da lampade al neon sospese al soffitto. pag. 7

8 05 - SOTTOSISTEMA CENTRALE TERMICA In prossimità dell ingresso della palestra, esternamente all edificio, è presente una scalinata composta da dieci gradini in cemento che immette nel locale caldaia posto ad un livello seminterrato. La porta di ingresso del locale caldaia, è in ferro con griglie che permettono un aerazione conforme alla normativa vigente. Accanto vi è un locale, dedicato alla riserva di acqua in caso di incendi LABORATORIO VETRO Adiacente al locale cucina vi è un locale con accesso dall esterno utilizzato solo per la conservazione, durante l anno di materiali per i lavori in vetro e pietre. Ha una unica porta di accesso e delle finestre, entrando sulla destra. Si ricorda che l edificio nel suo complesso è costituito da altri locali non oggetto del presente documento e qui di seguito elencati: Locali adibiti a cucina Un ala di edificio adibita a Istituto Professionale per i Servizi Commerciali e Turistico; Chiosco esterno. Tali ambienti di lavoro sono stati indicati nel presente documento secondo la terminologia identificata dagli insegnanti che operano nello stesso edificio scolastico (vedasi planimetria allegata). pag. 8

9 SICUREZZA ANTINCENDIO La scuola oggetto del presente documento ha una presenza media annua di alunni maggiore di 100 unità e inferiori a trcento. Il D.M. 10/3/98 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro prevede una serie di azioni da mettere in campo per migliorare la sicurezza in caso d incendio. Tra queste si rende obbligatorio, per ogni sede scolastica, un piano d emergenza, delle figure addette alla sicurezza e, per quanto previsto nell allegato IX e X, per le scuole con più di 100 e meno di 1000 persone, come nel caso della scuola Media statale C.A. Carriero classificate a rischio medio dal D.M.16/02/82, il personale addetto alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze deve frequentare un corso di formazione di 8 ore. Negli allegati sono contenuti anche i contenuti minimi del corso. Le norme antincendio per l edilizia scolastica riportate al D.M.16/02/82, prescrivono, inoltre, che per ogni edificio scolastico con più di 100 persone presenti, come nel caso dell edificio in oggetto, deve essere fatta richiesta ai VVFF del rilascio del CPI ( certificato prevenzione incendi), attività 85,ossia il certificato che attesta la conformità dell edificio alle norme antincendio. Inoltre, tale CPI è necessario anche per la presenza, in tale istituto, della centrale termica. Dall esame dei documenti esaminati risulta che per l istituto in oggetto non è stato ad oggi rilasciato il CPI. pag. 9

10 Indirizzo: Via Cuoco Città: Campomarino (CB) CAP: Telefono / Fax: Internet: ELENCO DELLE TAVOLE GRAFICHE: 1) piano terra; 2) primo piano; pag. 10

11 m² 1.20 m² 1.20 m² 1.20 m² 1.20 w.c. w.c w.c. w.c m² spogliatoi m² 3.99 w.c m² Auditorium Istituto Professionale = m² m² palestra m² 5.15 m² ripostiglio ufficio m² 8.39 m² w.c. w.c m² ripostiglio m² ingresso m² 1 ripostiglio m² 4.23 quadro elettrico m² aula 4 m² aula 3 aula 1 m² m² antibagno laboratorio vetro m² m² m² presidenza Aula Computer infermeria 2.12 m² 1.95 m² lavabo lavabo 0.70 Cucuna comunale = m² m² 1.82 m² 1.82 w.c. w.c area ingresso esterna R.S.P.P. ARCHITETTO GIOVANNA NARCISO pag. 11 piano terra La presente tavola grafica risulta così definita: - 31 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m zone esterne di pertinenza dell'azienda, accessibili al lavoratore nell'ambito del proprio lavoro, per una superficie complessiva di m m² w.c m² m² aula 5 m² aula 2

12 ELENCO DEI LOCALI CHIUSI: 1) Aula Computer (67.86 m 2 ); 2) infermeria (15.84 m 2 ); 3) lavabo (1.95 m 2 ); 4) lavabo (1.95 m 2 ); 5) antibagno (5.00 m 2 ); 6) w.c. (1.82 m 2 ); 7) w.c. (1.82 m 2 ); 8) Auditorium ( m 2 ); 9) palestra ( m 2 ); 10) presidenza (31.35 m 2 ); 11) ripostiglio (10.20 m 2 ); 12) ufficio (29.65 m 2 ); 13) ripostiglio (13.23 m 2 ); 14) w.c. (5.15 m 2 ); 15) quadro elettrico (4.23 m 2 ); 16) ripostiglio (1 m 2 ); 17) spogliatoi (86.16 m 2 ); 18) w.c. (3.99 m 2 ); 19) w.c. (1.20 m 2 ); 20) w.c. (1.20 m 2 ); 21) w.c. (1.20 m 2 ); 22) w.c. (1.20 m 2 ); 23) aula 1 (48.00 m 2 ); 24) aula 2 (48.00 m 2 ); 25) aula 3 (48.00 m 2 ); 26) aula 4 (48.00 m 2 ); 27) aula 5 (48.00 m 2 ); 28) w.c. (8.39 m 2 ); 29) w.c. (13.28 m 2 ); 30) ingresso ( m 2 ); 31) laboratorio vetro (73.01 m 2 ). ELENCO DELLE ZONE ESTERNE: 1) Istituto Professionale ( m 2 ); 2) Cucuna comunale ( m 2 ). Per ognuno dei luoghi individuati si è proceduto ad una descrizione esauriente e dettagliata a complemento di ciò che è già riportato nella relativa tavola grafica. Aula Computer (67.86 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 95 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. Vengono svolte le seguenti attività: 1) Laboratorio informatica. infermeria (15.84 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: pag. 12

13 1) Dimensioni: 100 cm X 50 cm. Superficie lorda: 5000 cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 50 cm. Superficie lorda: 5000 cm 2. lavabo (1.95 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.95 m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di 5.66 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "antibagno". 2) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". lavabo (1.95 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.95 m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di 5.66 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "antibagno". 2) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". antibagno (5.00 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 5.00 m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". 2) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "lavabo". 3) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "lavabo". w.c. (1.82 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.82 m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di 5.28 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "lavabo". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. w.c. (1.82 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.82 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 5.46 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "lavabo". Auditorium ( m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 6.70 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 120 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 2) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 3) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 4) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". 5) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". 6) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". 7) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. pag. 13

14 5) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. palestra ( m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 190 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 2) Dimensioni: 210 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 3) Dimensioni: 140 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". 4) Dimensioni: 100 cm X 210 cm. Confina con il vano "ripostiglio". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 5) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 6) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 7) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 8) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 9) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 10) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 11) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 12) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 13) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 14) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 15) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 16) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 17) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 18) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 19) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 20) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 21) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 22) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 23) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 24) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 25) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 26) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 27) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 28) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 29) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 30) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. Vengono svolte le seguenti attività: 1) Preparazione gruppi sportivi. Presidenza (31.35 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 100 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. Vengono svolte le seguenti attività: 1) Direzione e amministrazione. Ripostiglio (10.20 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 6.70 m, per una cubatura di m 3. pag. 14

15 Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 100 cm X 210 cm. Confina con il vano "palestra". ufficio (29.65 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 90 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 50 cm. Superficie lorda: 5000 cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 50 cm. Superficie lorda: 5000 cm 2. ripostiglio (13.23 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ripostiglio". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 50 cm. Superficie lorda: 5000 cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 50 cm. Superficie lorda: 5000 cm 2. w.c. (5.15 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 5.15 m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ripostiglio". quadro elettrico (4.23 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 4.23 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". ripostiglio (1 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ripostiglio". 2) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 3) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". spogliatoi (86.16 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 2) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 3) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 4) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 5) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 6) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 7) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 8) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 9) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 10) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". pag. 15

16 11) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 12) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 13) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 14) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 15) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 16) Dimensioni: 180 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 17) Dimensioni: 140 cm X 210 cm. Confina con il vano "palestra". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 47 cm X 100 cm. Superficie lorda: 4700 cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 5) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 6) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 7) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 8) Dimensioni: 47 cm X 100 cm. Superficie lorda: 4700 cm 2. 9) Dimensioni: 109 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 10) Dimensioni: 109 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 11) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. w.c. (3.99 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 3.99 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". 2) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 47 cm X 100 cm. Superficie lorda: 4700 cm 2. w.c. (1.20 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.20 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 3.60 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". w.c. (1.20 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.20 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 3.60 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". w.c. (1.20 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.20 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 3.60 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". w.c. (1.20 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.20 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 3.60 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". aula 1 (48.00 m 2 ) pag. 16

17 Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. aula 2 (48.00 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. aula 3 (48.00 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. aula 4 (48.00 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. aula 5 (48.00 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. w.c. (8.39 m 2 ) pag. 17

18 Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 8.39 m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 2) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 3) Dimensioni: 78 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". w.c. (13.28 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. ingresso ( m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "Auditorium". 2) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "Auditorium". 3) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "Auditorium". 4) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "Auditorium". 5) Dimensioni: 78 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 6) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "aula 5". 7) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "aula 4". 8) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "aula 3". 9) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "aula 2". 10) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "aula 1". 11) Dimensioni: 177 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 12) Dimensioni: 212 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 13) Dimensioni: 212 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 14) Dimensioni: 212 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 15) Dimensioni: 95 cm X 210 cm. Confina con il vano "Aula Computer". 16) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "infermeria". 17) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "antibagno". 18) Dimensioni: 100 cm X 210 cm. Confina con il vano "presidenza". 19) Dimensioni: 90 cm X 210 cm. Confina con il vano "ufficio". 20) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ripostiglio". 21) Dimensioni: 90 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 22) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "quadro elettrico". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 400 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 5) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 6) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 7) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 8) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 9) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 10) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 11) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 12) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 13) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 14) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 15) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 16) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 17) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 18) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 19) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. pag. 18

19 laboratorio vetro (73.01 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 5) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 6) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 7) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. Istituto Professionale ( m 2 ) [Esterna] La zona evidenziata ha una superficie lorda di m 2. Cucina comunale ( m 2 ) [Esterna] La zona evidenziata ha una superficie lorda di m 2. pag. 19

20 m² m² m² aula 14 aula 16 aula 15 m² aula m² aula m² laboratorio di tecnologia m² corridoio m² terrazzo m² aula 11 m² m² m² m² laboratorio musica m² aula aula 8 aula 6 aula 7 m² aula m² laboratorio arte 3.22 R.S.P.P. ARCHITETTO GIOVANNA NARCISO pag. 20 primo piano La presente tavola grafica risulta così definita: - 16 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI SCUOLA " JACOVITTI" _ PRIMARIA c.da Nuova Cliternia - 86042 Campomarino (CB) 0875-539404 - 0875-539404 Internet: http://www.comprensivocampomarino.it/ DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI tutela della salute

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

TavBa. Provincia Regionale di Ragusa. Aggiornato ai sensi dei disposti del comma A dell'art.10 della L.R. 12.07.2011 n.12

TavBa. Provincia Regionale di Ragusa. Aggiornato ai sensi dei disposti del comma A dell'art.10 della L.R. 12.07.2011 n.12 Provincia Regionale di Ragusa Lavori di "Adeguamento alle norme di sicurezza e prevenzione incendi immobili scolastici nella zona di Ragusa, Comiso e Vittoria. Completamento 2.000.000" - Progetto Esecutivo

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Scuola Elementare Guido Dotto Via Santa Scolastica, 113-40123 Bologna (Bologna) (051) 55 66 77 - (051) 66 77 88 Internet: www.guidodotto.it - E-mail: info@guidodotto.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI

Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI 5.1. Ambienti didattici 5.2. Aree per attività fisiche 5.3. Laboratori 5.4. Uffici Capitolo 5 - Rev. 02 26/09/2014 - pag. 1 di 5 5.1. AMBIENTI DIDATTICI

Dettagli

IDENTIFICAZIONE AZIENDA. FIGURE PREPOSTE ALLA SICUREZZA SUI LUGHI DI LAVORO (indicare solo se sono presenti)

IDENTIFICAZIONE AZIENDA. FIGURE PREPOSTE ALLA SICUREZZA SUI LUGHI DI LAVORO (indicare solo se sono presenti) IDENTIFICAZIONE AZIENDA Ragione Sociale Azienda Nome del Datore di lavoro/legale Rappresentante (identificato con chi ha il potere di spesa e decisionale) P.Iva Azienda Codica Fiscale Azienda Tel Azienda

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I.I.S. A. GENTILESCHI DI CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO QUALIFICA RUOLO FUNZIONI E MANSIONI DIRIGENTE SCOLASTICO DATORE DI LAVORO Definisce gli interventi, le priorità, le necessità finanziarie, riguardo

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi LEZIONE # 2 Gestione della Prevenzione, D.Lgs. 81/08 SICUREZZA

Dettagli

STUDIO TECNICO PAGLIARONE ing. DARIO VERBALE DI ESODO

STUDIO TECNICO PAGLIARONE ing. DARIO VERBALE DI ESODO VERBALE DI ESODO In data il sottoscritto ing. Dario Pagliarone in qualità di R.S.P.P. dell Istituto Comprensivo Pablo Neruda a seguito delle prove di evacuazione svolte fino alla data odierna ha evidenziato

Dettagli

LA SCUOLA E UN LUOGO DI LAVORO

LA SCUOLA E UN LUOGO DI LAVORO IL D.Lgs. 81/08 Si applica a tutti i settori di attività, privati e pubblici, e a tutte le tipologie di rischio. Nei riguardi degli istituti di istruzione ed educazione di ogni ordine e grado. LA SCUOLA

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

Documento di Valutazione del Rischio Incendio ai sensi dell art. 2 del D.M. 10/03/98 DIREZIONE DIDATTICA IV CIRCOLO - FORLI

Documento di Valutazione del Rischio Incendio ai sensi dell art. 2 del D.M. 10/03/98 DIREZIONE DIDATTICA IV CIRCOLO - FORLI Documento di Valutazione del Rischio Incendio ai sensi dell art. 2 del D.M. 10/03/98 DIREZIONE DIDATTICA IV CIRCOLO - FORLI SCUOLA PRIMARIA A. MELLINI e SCUOLA DELL INFANZIA IL PAPAVERO Redatto dal Datore

Dettagli

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese Il concetto di sicurezza a scuola è quasi sempre associato a situazioni di rischio connesse alla vulnerabilità degli edifici scolastici e alle questioni inerenti la loro sicurezza strutturale, igienica

Dettagli

DOSSIER CORSI DI FORMAZIONE GENNAIO - DICEMBRE 2015

DOSSIER CORSI DI FORMAZIONE GENNAIO - DICEMBRE 2015 DOSSIER CORSI DI FORMAZIONE GENNAIO - DICEMBRE Formazione sulla sicurezza negli ambienti di lavoro (D.Lgs 81/2008) e s.m.i PRESENTAZIONE Con il presente catalogo intendiamo sintetizzare le principali opportunità

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono:

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono: Principali obblighi per i Datori di Lavoro di piccole/medie imprese (settore commercio) in seguito all entrata in vigore del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro D.Lgs 81/2008 Le principali attività

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO Parco Laghi di Suviana e Brasimone INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ MUSEO DEL BOSCO DI PORANCETO Il Museo è situato in località Poranceto nel comune di Cumugnano ed è ospitato all interno di un unico edificio

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 Scuola di cittadinanza attiva SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 settembre 2002 1 PREMESSA Poiché il tema della sicurezza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

r.berardi ELEMENTI DI ANALISI DEGLI AMBIENTI ABITATIVI

r.berardi ELEMENTI DI ANALISI DEGLI AMBIENTI ABITATIVI r.berardi ELEMENTI DI ANALISI DEGLI AMBIENTI ABITATIVI ANALISI AMBIENTI ABITATIVI Indici dell edilizia Pag. 1 Schizzo di ambiente Pag. 11 scolastica abitativo Simbologia edilizia Pag.. 2 Analisi spazi

Dettagli

Capitolo 2 Informazioni Generali

Capitolo 2 Informazioni Generali CAPITOLO 2 INFORMAZIONI GENERALI pag. 1/14 Capitolo 2 Informazioni Generali 2.1 DATI GENERALI... 2 2.2 ORGANIGRAMMA DELLA SICUREZZA... 3 2.3 DOCUMENTAZIONE D OBBLIGO PER GLI EDIFICI... 4 2.4 INFORMAZIONI

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE MODALITA DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

PIANO DI EVACUAZIONE MODALITA DI GESTIONE DELLE EMERGENZE PIANO DI EVACUAZIONE MODALITA DI GESTIONE DELLE EMERGENZE 2012/ 2013 Il piano di evacuazione nasce dalla necessità di gestire le emergenze che possono insorgere durante l orario di lezione. Le emergenze

Dettagli

Seminario su D.Lgs.81/08

Seminario su D.Lgs.81/08 Seminario su D.Lgs.81/08 La Valutazione del Rischio Per individuare le Misure di Prevenzione e Protezione a tutela della Salute e Sicurezza dei lavoratori Piacenza, 17/11/2010 Anna Bosi Dipartimento Sanità

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

La 1^ A (coordinata dai docenti Pezzotta e Dumassi) Vi invita a un tour (virtuale) nella Scuola Secondaria di 1 Grado Giovanni XXIII di Castelveccana

La 1^ A (coordinata dai docenti Pezzotta e Dumassi) Vi invita a un tour (virtuale) nella Scuola Secondaria di 1 Grado Giovanni XXIII di Castelveccana La 1^ A (coordinata dai docenti Pezzotta e Dumassi) Vi invita a un tour (virtuale) nella Scuola Secondaria di 1 Grado Giovanni XXIII di Castelveccana Anno scolastico 2013/2014 La vecchia targa all ingresso

Dettagli

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 1 Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 DEFINIZIONE Luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda

Dettagli

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO Pagina 1 di 5 ALLEGATO H Il Datore di Lavoro Il R.S.P.P: visto l R.L.S. Prof.ssa Margherita Ventura Geom. Gabriele Sbaragli Ins. Nadia Capezzali Pagina 2 di 5 In via generale per tutti i plessi scolastici.

Dettagli

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI ChiesadiMilano LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI CENNI SULLA LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ED IL PIANO DI EMERGENZA DOCUMENTI DA PREDISPORRE E CONSERVARE Relatore: Ing.

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/2008

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/2008 Art. 26 del D.Lgs. 81/08 - Obblighi connessi al contratto di appalto" (D.U.V.R.I.Documento unico di Valutazione dei rischi da interferenze) relativo alle sedi di lavoro. N.B: il suddetto documento è allegato

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA COMUNE DI COSSIGNANO Gara per l affidamento del servizio di mensa scolastica per la scuola dell infanzia e la scuola primaria anni scolastici 2012/2013 e 2013/2014. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA 1) Comunicazione da apporre in bacheca aziendale per informare i lavoratori della possibile figura di RLS 2) Verbale di elezione del RLS 3) Anagrafica RLS 4) Lettera

Dettagli

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE Allo scopo di ottenere una più adeguata conoscenza dell ambiente di lavoro/studio, soprattutto per i nuovi allievi, e di attivare i necessari automatismi nelle operazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE

BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI Bologna, 28 marzo 2015 LA GESTIONE DELLA SICUREZZA ALL INTERNO DI UN IMPIANTO SPORTIVO Gestione della

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MOD. OT/20

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MOD. OT/20 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MOD. OT/20 Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 delle Modalità di Applicazione delle Tariffe dei Premi (D.M. 12.12.2000) nei primi due anni

Dettagli

Art. 3 Determinazione della capienza delle palestre

Art. 3 Determinazione della capienza delle palestre g) limite di compensabilità: limitazione posta alla compensabilità di superfici, calcolata sulla base del rapporto tra l ambiente più grande e l ambiente più piccolo; h) frazionabilità degli spogliatoi:

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

Dettagli

-SCHEDE SCUOLE -STRUTTURE EDILIZIE

-SCHEDE SCUOLE -STRUTTURE EDILIZIE Allegato 1 al POF Istituto Comprensivo N.Tommaseo di Conselve a.scol. 2012-13 -SCHEDE SCUOLE -STRUTTURE EDILIZIE CONSELVE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE GIRASOLE Via L.Traverso, 3 e 2 (sez.staccata -ala

Dettagli

Gli obblighi in materia di valutazione dei rischi. Lazzarotto Walter - Tecnico della prevenzione

Gli obblighi in materia di valutazione dei rischi. Lazzarotto Walter - Tecnico della prevenzione Gli obblighi in materia di valutazione dei rischi Lazzarotto Walter - Tecnico della prevenzione SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Per quanto riguarda l organizzazione interna della sicurezza nei singoli

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Norme di sicurezza per costruzione e gestione impianti sportivi Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 D.M. 18 marzo

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAMPOMARINO VIA CUOCO - 86042 CAMPOMARINO (CB) 0875 530986-0875 539417 Internet: www.comprensivocampomarino.it - E-mail: cbic81800c@istruzione.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi a pag. 3-11 II. Modulistica per la redazione del documento di valutazione

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i FORMAZIONE GENERALE Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i Indice 1. PREMESSA... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART. 28)... 2 4. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE IN AZIENDA...

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Asilo Nido Marina di Pisa Il tecnico

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

PROGETTO SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO OVEST 1

PROGETTO SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO OVEST 1 PROGETTO SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO OVEST 1 BRESCIA Unità didattica n. 1 LA PROVA D EVACUAZIONE Percorsi d apprendimento A 1A.1 Il percorso d evacuazione 1A.2 I comportamenti corretti 1A.3 La segnaletica

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico

LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI Rilevatore: Referente sede Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico Dipartimento di Altezza dei locali REQUISITI L altezza del locale,

Dettagli

Systema Consulting Srl

Systema Consulting Srl Corso di Formazione RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) valido ai sensi del com. 11, art. 37 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ed all art. 2 del D.M. 16/01/97 SEDE DEL CORSO: Via C.A.

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08)

AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08) AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08) Il sottoscritto/a nato a il residente a indirizzo in qualità di Datore di Lavoro dei

Dettagli

UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI

UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI D.G.R. n. 20763 del 16 febbraio 2005 Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi per l autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per le

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BORGORICCO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BORGORICCO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BORGORICCO Via Europa n.14 35010 Borgoricco (Pd) Scuola Secondaria G. Ungaretti Borgoricco Scuola Primaria A. Locatelli Borgoricco Scuola Primaria T. Minniti S.Eufemia di

Dettagli

Valutazione dei rischi in cantiere: il P.O.S.

Valutazione dei rischi in cantiere: il P.O.S. Valutazione dei rischi in cantiere: il P.O.S. Carmine Del Basso Tecnico della Prevenzione S.Pre.S.A.L. Cosa dice la norma La valutazione dei rischi Il Datore di Lavoro valuta tutti i rischi: per la sicurezza

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37 Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37 AGENFORM Centro di Formazione Professionale Viale Amendola Eboli(SA) Consulente Dott. Ing. Elena Chiappa FORMAZIONE:

Dettagli

CARENZE EVIDENZIATE E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI DI ADEGUAMENTO E MIGLIORAMENTO

CARENZE EVIDENZIATE E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI DI ADEGUAMENTO E MIGLIORAMENTO A Formazione generale per tutti i lavoratori ai sensi dell' "Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 per la formazione dei lavoratori ai sensi dell'art. 37, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile

Dettagli

SCHEMA DELLA PROCEDURA STANDARDIZZATA. Descrizione generale dell'azienda MODULO N. 1.1 Paragrafo 4.1

SCHEMA DELLA PROCEDURA STANDARDIZZATA. Descrizione generale dell'azienda MODULO N. 1.1 Paragrafo 4.1 SCHEMA DELLA PROCEDURA STANDARDIZZATA PASSO N. 1 PASSO N. 2 PASSO N. 3 Descrizione dell'azienda, del ciclo lavorativo/attivit à e delle mansioni Individuazione dei pericoli presenti in azienda Valutazione

Dettagli

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica Anno Scolastico 2013/2014 e 2014/2015 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro

NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro Chi svolge l attività in forma individuale, e senza avere dipendenti subordinati, non ha obblighi in materia di formazione sulla

Dettagli

Oggetto: Consulenza ed assolvimento adempimenti come da D.Lgs. 81 del 2008 e s.m.i.

Oggetto: Consulenza ed assolvimento adempimenti come da D.Lgs. 81 del 2008 e s.m.i. spett.le A.N.D.I. via Massaua, n. 1 70100 BARI (BA) c.a. dott. Roberto MAFFEI Oggetto: Consulenza ed assolvimento adempimenti come da D.Lgs. 81 del 2008 e s.m.i. Inviamo la ns. miglior offerta per l assolvimento

Dettagli

Corso di formazione per Addetto al Servizio di Emergenza - Prevenzione incendio

Corso di formazione per Addetto al Servizio di Emergenza - Prevenzione incendio di Emergenza - Prevenzione incendio - Aziende a basso, medio ed alto rischio - Studio di Consulenza e Formazione Consulting Professional Napoli - Corso Arnaldo Lucci 102 Cell. 393.943.81.57 Centro di formazione

Dettagli

Formazione lavoratori Rischio basso 4 ore Online (più 4 ore in aula obbligatorie escluse)

Formazione lavoratori Rischio basso 4 ore Online (più 4 ore in aula obbligatorie escluse) Formazione lavoratori Rischio basso 4 ore Online (più 4 ore in aula obbligatorie escluse) Descrizione del corso Obbiettivi Fornire ai partecipanti gli approfondimenti e aggiornamenti necessari per conoscere

Dettagli

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A.

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A. INDICE 1 GENERALITA... 2 2 RESPONSABILITA... 2 3 MODALITA DI GESTIONE DELLA... 2 3.1 DEI NEOASSUNTI... 3 3.2 MANSIONI SPECIFICHE... 4 3.3 PREPOSTI... 4 3.4 ALTRI INTERVENTI FORMATIVI... 4 3.5 DOCUMENTAZIONE

Dettagli

Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 MAT e domanda di riduzione del premio ai sensi della Legge 147/2013.

Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 MAT e domanda di riduzione del premio ai sensi della Legge 147/2013. Nota 9 maggio 2014, n. 3266 Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 MAT e domanda di riduzione del premio ai sensi della Legge 147/2013. Modulo di domanda Come noto (NOTA

Dettagli

EQUITALIA CENTRO SPA AVVISO DI RICERCA DI IMMOBILE AD USO UFFICIO E SPORTELLO

EQUITALIA CENTRO SPA AVVISO DI RICERCA DI IMMOBILE AD USO UFFICIO E SPORTELLO EQUITALIA CENTRO SPA AVVISO DI RICERCA DI IMMOBILE AD USO UFFICIO E SPORTELLO 1.NATURA DELLA RICERCA Equitalia Centro SpA, società appartenente al Gruppo Equitalia, ricerca in locazione, un immobile ad

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

RELAZIONE GENERALE. Premessa

RELAZIONE GENERALE. Premessa RELAZIONE GENERALE Premessa La scuola dell infanzia con il Nido Integrato persegue la formazione integrale di bambini dai 12 ai 36 mesi offrendo opportunità per il raggiungimento di capacità e competenze

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) All. 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AD ALUNNI DISABILI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 E 2 GRADO SERVIZIO

Dettagli

LE FIGURE PER LA SICUREZZA

LE FIGURE PER LA SICUREZZA La Sicurezza in azienda LE FIGURE PER LA SICUREZZA 1 La Sicurezza in azienda Sommario 1. Organigramma per la sicurezza 2. Definizioni 3. Obblighi e compiti delle figure per la sicurezza 2 La Sicurezza

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Ufficio Anagrafe Riglione Il tecnico

Dettagli

SINPER S.n.c. SICUREZZA & PRIVACY SICUREZZA & PRIVACY. Via XII Ottobre, 12/1/A - 16121 GENOVA - partita IVA : 02055380998 - cod. fiscale : 02055380998

SINPER S.n.c. SICUREZZA & PRIVACY SICUREZZA & PRIVACY. Via XII Ottobre, 12/1/A - 16121 GENOVA - partita IVA : 02055380998 - cod. fiscale : 02055380998 SINPER S.n.c. SICUREZZA SUL LAVORO - D.LGS 81/2008 NOVITA DVR (Documento Valutazione Rischi) INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORATORI INDICE 1 Premessa...2 2 Il Documento di Valutazione Rischi (DVR)...2

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Il Liceo Scientifico Giovanni da Procida è ubicato in via De Falco, traversa di via Manganario, con succursale nell ex Seminario Regionale,

Dettagli

ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info

ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info DATORE DI LAVORO LAVORATORI SORVEGLIANZA SANITARIA FORMAZIONE E INFORMAZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE VALUTAZIONE DEI RISCHI MEDICO COMPETENTE DIRIGENTI

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

OGGETTO: Adempimenti previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 in materia di sicurezza e salute durante il lavoro.

OGGETTO: Adempimenti previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 in materia di sicurezza e salute durante il lavoro. CIRCOLARE N 3 Prot. n.2882 del 05 settembre 2013 Al Sig.Sindaco del Comune di Dragoni OGGETTO: Adempimenti previsti dal D.Lgs. n. 81/2008 in materia di sicurezza e salute durante il lavoro. Il sottoscritto

Dettagli

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 8Verbali per la gestione della sicurezza nelle aziende agricole V1. Verbale di nomina Rspp V2. Verbale di nomina del Medico Competente V3. Verbale di elezione RlS V4. Verbale di nomina addetto gestione

Dettagli

Corso di formazione 15 marzo 2013

Corso di formazione 15 marzo 2013 Istituto Comprensivo di Ronco Scrivia a.s. 2012/13 Corso di formazione 15 marzo 2013 La sicurezza nei luoghi di lavoro Dirigente Scolastico: dott.silvio Peri RSPP: prof.ssa Perla Ferrari Argomenti del

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A

Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO LAVORI IN PROSSIMITÁ DI IMPIANTI ELETTRICI E LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE IN BT E FUORI TENSIONE IN AT

Dettagli

CANILI PRIVATI E PENSIONI PER CANI (Tipologia dei locali e condizioni minime obbligatorie)

CANILI PRIVATI E PENSIONI PER CANI (Tipologia dei locali e condizioni minime obbligatorie) CANILI PRIVATI E PENSIONI PER CANI (Tipologia dei locali e condizioni minime obbligatorie) A. REPARTO RICOVERO CANI B. REPARTO ISOLAMENTO (PER CANI AMMALATI O SOSPETTI O DI NUOVA INTRODUZIONE) C. AREA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA TIBONI. Via Interna 22 - BRESCIA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA TIBONI. Via Interna 22 - BRESCIA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA TIBONI Via Interna 22 - BRESCIA 11/11/2014 SCARINZI Roberto Data Sopralluogo Elaboratore \\Server-hp\dati\-

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M.

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. 363/98 Art. 1 DATORE DI LAVORO 1. Il Rettore, quale rappresentante

Dettagli

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 1 UCTSP MILANO 27 GIUGNO 2008 STEFANIA CASOTTO RESPONSABILE DEI SERVIZI AMBIENTE - SICUREZZA - POLITICHE ENERGETICHE Agenda 2 La definizione di

Dettagli

La sicurezza. Informativa art. 36 TU 81/08 Lunedì 7 e mercoledì 9 settembre 2015

La sicurezza. Informativa art. 36 TU 81/08 Lunedì 7 e mercoledì 9 settembre 2015 La sicurezza Informativa art. 36 TU 81/08 Lunedì 7 e mercoledì 9 settembre 2015 La gestione delle situazioni di emergenza nella scuola, che possono nascere da un incendio, da un terremoto, o da altri pericoli

Dettagli

1) Premessa. 2) Obbiettivi prefissati

1) Premessa. 2) Obbiettivi prefissati 1) Premessa L edificio oggetto del presente progetto e la Scuola Elementare di proprieta Comunale denominata Martiri della Liberta, ubicata in via G. del Carretto a Casale M.to. Per l anno scolastico in

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO dispensa informativa per docenti e non docenti A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni

Dettagli

Igiene alimentare e sicurezza sul lavoro: il rispetto delle regole nelle manifestazioni temporanee

Igiene alimentare e sicurezza sul lavoro: il rispetto delle regole nelle manifestazioni temporanee Igiene alimentare e sicurezza sul lavoro: il rispetto delle regole nelle manifestazioni temporanee Convegno UNPLI MARCHE Ostra, 28 Febbraio 2015 Cerchiamo di rispondere a due domande: Cosa devono fare

Dettagli

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS Pag. 1 /9 6. Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse L Istituto rende disponibili le risorse necessarie, per attuare e tenere aggiornato il SG ed i processi che ne fanno parte compatibilmente

Dettagli

1992 DM 26/08/92 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica Legge 11/01/96 n. 23 Norme per l edilizia scolastica

1992 DM 26/08/92 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica Legge 11/01/96 n. 23 Norme per l edilizia scolastica 1. Premessa La presente relazione è parte integrante del progetto preliminare dei Lavori di adeguamento per la divisione del plesso scolastico di via Segni in due parti: scuola per l'infanzia al piano

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998 CPI

D.M. 10 marzo 1998 CPI D.M. 10 marzo 1998 CPI La prevenzione incendi: Norme di riferimento Il D.lgs 81/08 prevede che, fermo restando quanto previsto dal D.lgs 139/2006, dovranno essere adottati uno o più decreti in cui siano

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 2 Informazione

Dettagli