DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI"

Transcript

1 SCUOLA " CARRIERO" _ PRIMARIA e SECONDARIA di I via Cuoco Campomarino (CB) Internet: - DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (Artt. 17 e 28, D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81) DATA: 24/01/2011 REVISIONE: 02 DESCRIZIONE: IL DATORE DI LAVORO (EZIO DI PINTO) IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (Giovanna Narciso) IL MEDICO COMPETENTE (Dott. Marcello Catena) CerTus-LdL by Guido Cianciulli - Copyright ACCA software S.p.A. pag. 1

2 # 0& R.S.P.P. ARCHITETTO GIOVANNA NARCISO PREMESSA Il presente documento è stato elaborato secondo quanto previsto dalla normativa nazionale: - D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, "Attuazione dell'art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro" e seguenti; Nei capitoli successivi sono riportati gli esiti della valutazione di tutti i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori presenti nell'ambito dell'organizzazione in cui essi prestano la propria attività. Modalità di elaborazione Le attività di valutazione del rischio e di elaborazione del presente documento sono state effettuate dal datore di lavoro in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente e previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. La valutazione e il relativo documento saranno rielaborati, nel rispetto delle modalità previste dalla normativa, in occasione di modifiche del processo produttivo o dell'organizzazione del lavoro significative ai fini della salute e della sicurezza dei lavoratori, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione e della protezione o a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità. Contenuti del documento Il documento contiene, ai sensi dell'art. 28, comma 2, del D.Lgs. 81/2008: - una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l attività lavorativa, nella quale sono specificati i criteri adottati per la valutazione stessa; - l indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati, a seguito della valutazione; - il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza; - l individuazione delle procedure per l attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell'organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri; - l indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio; - l individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento. pag. 2

3 # 1&dati R.S.P.P. ARCHITETTO GIOVANNA NARCISO DATI IDENTIFICATIVI AZIENDALI aziendali e nominativi di quanti hanno funzioni inerenti la sicurezza (Art. 28, comma 2, lettera e), D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) Nel presente capitolo sono riportati i dati identificativi aziendali, ovvero la ragione sociale, le generalità del datore di lavoro, dei collaboratori e delle figure designate o nominate ai fini della sicurezza aziendale. AZIENDA Ragione sociale SCUOLA " CARRIERO" _ PRIMARIA e SECONDARIA di I Indirizzo via Cuoco CAP Città Campomarino (CB) Telefono 0875 FAX Internet Codice Fiscale Partita IVA Datore di Lavoro Nominativo EZIO DI PINTO Qualifica DIRIGENTE Indirizzo Via Alcide De Gasperi, 52 CAP Città TERMOLI (CB) ALTRE FIGURE AZIENDALI Di seguito sono indicati i nominativi delle figure di cui all'art. 28, comma 2, lettera e) del D.Lgs. 81/2008, ovvero i nominativi "del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio". Medico Competente: Nome e Cognome: Marcello Catena Qualifica: Medico Posizione Esterno Data nomina: 11/03/2009 Sede Campomarino Indirizzo: Via Molise Città: Campomarino (CB) CAP: Telefono / Fax: Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione [RSPP]: Nome e Cognome: Qualifica: Giovanna Narciso Consulente pag. 3

4 Posizione Esterno Data nomina: 14/01/2009 Sede Studio professionale Indirizzo: Via Volta,24 Città: Campomarino CAP: Telefono / Fax: Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza [RLS]: Nome e Cognome: Qualifica: Antonietta Del Monte Insegnante Comune: Nome e Cognome: Comune di Campomarino Qualifica: Proprietario dell'immobile Posizione Esterno Sede via G. d. Chiesa 2 ADDETTI ai SERVIZI Di seguito sono indicati i nominativi delle figure di cui all'art. 18, comma 1, lettera b), del D.Lgs. 81/2008, ovvero i nominativi de "i lavoratori incaricati dell'attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell'emergenza". Addetti al Servizio di ANTINCENDIO: Nome e Cognome: Qualifica: Sede Vincenzo Lamonaca collaboratore scolastico scuola secondaria di primo grado -piano terra Nome e Cognome: Qualifica: Sede Paola D'Errico collaboratore scolastico scuola secondaria di I grado e scuola primaria Carriero Addetti al Servizio di EVACUAZIONE: Nome e Cognome: Qualifica: Sede Luigi Ceglia collaboratore scolastico scuola secondaria di primo grado Nome e Cognome: Qualifica: Sede Raffaele Masciulli collaboratore scolastico scuola secondaria di igrado, scuola primaria Carriero Addetti al Servizio di PRIMO SOCCORSO: Nome e Cognome: Qualifica: Sede Ferdinando Ricciuti collaboratore scolastico scuola secondaria di I grado e scuola primaria pag. 4

5 Nome e Cognome: Qualifica: Sede Addolarata Di Sano collaboratore scolastico scuola secondaria di i grado, scuola primaria Carriero Elenco MANSIONI Le attività lavorative sono svolte dai lavoratori aventi le seguenti mansioni. 1) Corpo docente; Sono tutti gli insegnanti 2) Addetto alla attività di "Preparazione saggio fine anno"; Gli addetti al saggio di fine anno sono i collaboratori scolastici con l'aiuto degli insegnanti per il montaggio delle scenografie. 3) Addetto alla attività di "Recupero e sostegno"; Sono insegnanti con apposita preparazione 4) Addetto all'attività di "Vigilanza, piccola manutenzione e pulizie"; Sono i collaboratori scolastici 5) Addetto all'attività di "Laboratorio grafico-artistico"; Fanno parte del corpo docente e sono individuati negli insegnanti di educazione artistica, inoltre operano prevalentemente nel laboratorio di educazione artistica 6) Addetto all'attività di "Preparazione gruppi sportivi"; Fanno parte del corpo docente e sono individuati negli insegnanti di educazione fisica ed operano prevalentemente nel locale palestra 7) Addetto all'attività di "Laboratorio tecnico"; Fanno parte del corpo docente e sono individuati negli insegnanti di educazione tecnica, inoltre operano prevalentemente nel laboratorio tecnico 8) Addetto all'attività di "Direzione e amministrazione"; 9) Addetto al " laboratorio di informatica"; Fanno parte del corpo docente e sono individuati negli insegnanti di informatica, inoltre operano prevalentemente nella sala computer pag. 5

6 # 2&individuazione R.S.P.P. ARCHITETTO GIOVANNA NARCISO DESCRIZIONE dei LUOGHI di LAVORO e descrizione dettagliata dei luoghi di lavoro Presupposto necessario e fondamentale per la valutazione e la conseguente elaborazione del Documento di Valutazione dei Rischi è la rappresentazione dettagliata dei luoghi di lavoro, così come definiti dall'art. 62 del D.Lgs. 81/2008. Di seguito, pertanto, sono descritti tutti i luoghi di lavoro destinati ad ospitare posti di lavoro, ubicati all'interno dell'azienda in oggetto, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda accessibile al lavoratore nell'ambito del proprio lavoro. Ogni luogo di lavoro è individuato con i dati anagrafici, con una breve descrizione delle caratteristiche generali e strutturali e, supportato da tavole grafiche, con un dettaglio dei vari ambienti, siano essi "locali chiusi", destinati ad ospitare posti di lavoro o servizi e accessori, "zone interne" (cioè suddivisioni) dei locali chiusi, destinate ad attività lavorative di maggiore interesse o approfondimento, o "zone esterne" accessibili al lavoratore per esigenze di lavorazione. Tali luoghi di lavoro (locali chiusi, zone interne o zone esterne) sono dettagliatamente ed esaurientemente descritti con tutti gli elementi necessari per una corretta valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Scuola "Carriero" dell'istituto Comprensivo di Campomarino L edificio scolastico, oggetto della presente relazione, è condiviso con l Istituto Professionale per i Servizi Commerciali e Turistici e la cucina gestita dall ente comunale (questi due luoghi di lavoro non sono oggetto del presente documento). L edificio sarà diviso, per facilità di organizzazione della sicurezza, in sette sottosistemi secondo una metodologia funzionale: 01) ESTERNO 02) AULE, UFFICI, CORRIDOI E SERVIZI IGIENICI 03) PALESTRA 04) AUDITORIUM 05) CENTRALE TERMICA 06) LABORATORIO VETRO 01 - SOTTOSISTEMA ESTERNO L'area dove insiste la sede è pianeggiante e le strade di accesso sono asfaltate. La sede si presenta recintata da muro in cemento armato sormontato da ringhiera in ferro e tre ingressi dei quali uno è attualmente chiuso e gli altri sono utilizzati dalla scuola media e dalla scuola professionale. Quest ultimi presentano cancelli scorrevoli in ferro della larghezza di mt All interno del recinto sono presenti delle aree tenute a verde e delle stradine asfaltate. Lo spazio comune è utilizzato per attività ludico-ricreativo. E presente una pista per salto in alto. Dall ingresso carrabile si accede alla struttura tramite una rampa alla fine della quale è posta una griglia per il deflusso delle acque piovane. Alla destra è ubicato un chiosco in prefabbricati di dimensioni mt. 5.50x4.50 e un area asfaltata adibita a parcheggio. L edificio scolastico è circondato da un marciapiede con mattonelle in cemento antisdrucciolevoli delle dimensioni di cm. 40x40 con cordolo in marmo. L accesso alla scuola media è consentito da un atrio esterno con mattonelle in ceramica delle dimensioni di cm. 5x10. L edificio è servito da cinque ingressi affiancati per gli utenti, tra questi uno è utilizzato dal personale, e un altro ha una rampa per i disabili SOTTOSISTEMA AULE, UFFICI, CORRIDOI, SERVIZI IGIENICI La struttura si articola in un piano terra ed un primo piano. Entrando nell edificio scolastico, sulla sinistra sono presenti le aule adibite a uffici e sala computers, sulla destra le aule didattiche. pag. 6

7 Delle aule adibite a uffici ve ne è una provvista di porta blindata dedicata alla sala computer, dotata di dodici computers, con sedie ergonomiche, tre stampanti, uno scanner ed un televisore. La suddetta sala di informatica è munita di porta blindata, finestre con barre, e di un sistema di allarme., un altra sempre con porta blindata vi è una cassaforte e una macchina fotocopiatrice; una destinata a ufficio del dirigente scolastico, e una destinata ad aula per il pronto soccorso, o aiuto disabili. In tale zona è presente un area destinata ai servizi, divisi per sesso, composta da uno spogliatoio e da due servizi igienici con relativo antibagno, con aerazione naturale, forniti di lavabo a comandi manuali e wc. Negli stessi sono presenti mezzi detergenti e per asciugarsi. Di fronte l ingresso vi sono altre tre stanze comunicanti tra loro adibite a deposito; nell ultima è presente un bagno, con aerazione naturale, usato dal personale dove è istallata una caldaia di piccole dimensioni a servizio degli uffici. Alla destra dell atrio d ingresso vi è un corridoio, largo mt. 2.80, dal cui lato destro si accede a cinque aule. A sinistra del corridoio sono presenti finestre. Il corridoio viene interrotto da una struttura in alluminio e vetro retinato con una porta di cm. 90 sprovvista di maniglione antipanico, che permette il passaggio dalla scuola media verso la scuola professionale. Le aule di circa 35 mq., hanno porte di legno tamburato, larghe un metro e dieci e con semplice maniglia. Nella zona riservata alla scuola media sono presenti due bagni uno per ragazzi con due wc, uno per gli insegnanti e uno per le ragazze con un wc. Per accedere al primo piano della parte dell edificio riservato alla scuola media, si utilizza un corpo scala composto di ventidue gradini divisi in due rampe. L intera scalinata, che è posizionata nell atrio, si presenta rivestita da materiale di gomma antisdrucciolo. Al primo piano dell edificio, accedendo dalla suddetta gradinata, sulla destra sono presenti la sala adibita ad applicazioni artistiche e una adibita ad educazione musicale e lettura dalla quale si può accedere ad un terrazzino praticabile. In quest ala vi è anche un servizio igienico per gli alunni, con aerazione naturale, composto da quattro bagni di cui due con bidet e wc e i restanti due con lavabo e wc. Sempre al primo piano, a sinistra del corpo scala principale, dal corridoio, si accede a numero 12 aule. Delle decidici aule una è destinata al laboratorio tecnico. Le aule si snodano a ferro di cavallo e nella prossimità del primo cambio di geometria e al termine del corridoio sono presenti scale di emergenza esterne. Di fronte al laboratorio tecnico, sulla sinistra del corridoio, vi sono tre bagni uno per gli insegnanti con un wc, uno per le alunne con 5 wc e uno per gli alunni con altri 5 wc, tutti con aerazione naturale SOTTOSISTEMA PALESTRA La palestra si sviluppa al piano terra ed è separata dai locali della Scuola Media con una parete in metallo e vetro. Dall esterno si accede alla palestra tramite una rampa asfaltata provvista di una griglia per il deflusso dell acqua piovana o dall atrio della scuola media da cui ci si immette in un apposita scala esterna con undici gradini rivestiti in gomma. La porta di accesso della palestra è in vetro retinato ed alluminio. La stessa immette in un atrio dal quale si accede sia agli spogliatoi distinti per sesso, sia alla palestra stessa. Lo spogliatoio maschile, areato naturalmente, è dotato di dieci lavabi e sei wc posti in due locali separati e comunicanti tramite un corridoio di mt di lunghezza, provvisto di due panche di legno. Lo spogliatoio femminile è composto da un locale di dimensioni 2.8x 2.30 mt. munito di una doccia e di un servizio igienico provvisto di un solo wc con aerazione naturale. L ambiente adibito a palestra ha le dimensioni di mt. 1 x 2. Il soffitto è in cemento armato, il pavimento è rivestito con un tappetino in gomma. Nella stessa, in alto, sono presenti numero ventiquattro finestroni che garantiscono aerazione ed illuminazione naturale sprovviste di maniglioni per l apertura dal basso. Nella palestra sono presenti inoltre quattro porte in vetro retinato e alluminio, che immettono direttamente all esterno che sono state provviste di maniglioni antipanico SOTTOSISTEMA AUDITORIUM Di fronte all ingresso principale è ubicata la sala auditorium dalle dimensioni di mt. 16.5x12.00 con un altezza di mt circa. La stessa è areata sufficientemente tramite diciotto finestre poste su due livelli. Sono presenti otto porte, quattro permettono l uscita nell ingresso della scuola e quattro all esterno parzialmente provviste di maniglioni antipanico. L illuminazione di tale sala è assicurata da lampade al neon sospese al soffitto. pag. 7

8 05 - SOTTOSISTEMA CENTRALE TERMICA In prossimità dell ingresso della palestra, esternamente all edificio, è presente una scalinata composta da dieci gradini in cemento che immette nel locale caldaia posto ad un livello seminterrato. La porta di ingresso del locale caldaia, è in ferro con griglie che permettono un aerazione conforme alla normativa vigente. Accanto vi è un locale, dedicato alla riserva di acqua in caso di incendi LABORATORIO VETRO Adiacente al locale cucina vi è un locale con accesso dall esterno utilizzato solo per la conservazione, durante l anno di materiali per i lavori in vetro e pietre. Ha una unica porta di accesso e delle finestre, entrando sulla destra. Si ricorda che l edificio nel suo complesso è costituito da altri locali non oggetto del presente documento e qui di seguito elencati: Locali adibiti a cucina Un ala di edificio adibita a Istituto Professionale per i Servizi Commerciali e Turistico; Chiosco esterno. Tali ambienti di lavoro sono stati indicati nel presente documento secondo la terminologia identificata dagli insegnanti che operano nello stesso edificio scolastico (vedasi planimetria allegata). pag. 8

9 SICUREZZA ANTINCENDIO La scuola oggetto del presente documento ha una presenza media annua di alunni maggiore di 100 unità e inferiori a trcento. Il D.M. 10/3/98 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro prevede una serie di azioni da mettere in campo per migliorare la sicurezza in caso d incendio. Tra queste si rende obbligatorio, per ogni sede scolastica, un piano d emergenza, delle figure addette alla sicurezza e, per quanto previsto nell allegato IX e X, per le scuole con più di 100 e meno di 1000 persone, come nel caso della scuola Media statale C.A. Carriero classificate a rischio medio dal D.M.16/02/82, il personale addetto alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze deve frequentare un corso di formazione di 8 ore. Negli allegati sono contenuti anche i contenuti minimi del corso. Le norme antincendio per l edilizia scolastica riportate al D.M.16/02/82, prescrivono, inoltre, che per ogni edificio scolastico con più di 100 persone presenti, come nel caso dell edificio in oggetto, deve essere fatta richiesta ai VVFF del rilascio del CPI ( certificato prevenzione incendi), attività 85,ossia il certificato che attesta la conformità dell edificio alle norme antincendio. Inoltre, tale CPI è necessario anche per la presenza, in tale istituto, della centrale termica. Dall esame dei documenti esaminati risulta che per l istituto in oggetto non è stato ad oggi rilasciato il CPI. pag. 9

10 Indirizzo: Via Cuoco Città: Campomarino (CB) CAP: Telefono / Fax: Internet: ELENCO DELLE TAVOLE GRAFICHE: 1) piano terra; 2) primo piano; pag. 10

11 m² 1.20 m² 1.20 m² 1.20 m² 1.20 w.c. w.c w.c. w.c m² spogliatoi m² 3.99 w.c m² Auditorium Istituto Professionale = m² m² palestra m² 5.15 m² ripostiglio ufficio m² 8.39 m² w.c. w.c m² ripostiglio m² ingresso m² 1 ripostiglio m² 4.23 quadro elettrico m² aula 4 m² aula 3 aula 1 m² m² antibagno laboratorio vetro m² m² m² presidenza Aula Computer infermeria 2.12 m² 1.95 m² lavabo lavabo 0.70 Cucuna comunale = m² m² 1.82 m² 1.82 w.c. w.c area ingresso esterna R.S.P.P. ARCHITETTO GIOVANNA NARCISO pag. 11 piano terra La presente tavola grafica risulta così definita: - 31 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m zone esterne di pertinenza dell'azienda, accessibili al lavoratore nell'ambito del proprio lavoro, per una superficie complessiva di m m² w.c m² m² aula 5 m² aula 2

12 ELENCO DEI LOCALI CHIUSI: 1) Aula Computer (67.86 m 2 ); 2) infermeria (15.84 m 2 ); 3) lavabo (1.95 m 2 ); 4) lavabo (1.95 m 2 ); 5) antibagno (5.00 m 2 ); 6) w.c. (1.82 m 2 ); 7) w.c. (1.82 m 2 ); 8) Auditorium ( m 2 ); 9) palestra ( m 2 ); 10) presidenza (31.35 m 2 ); 11) ripostiglio (10.20 m 2 ); 12) ufficio (29.65 m 2 ); 13) ripostiglio (13.23 m 2 ); 14) w.c. (5.15 m 2 ); 15) quadro elettrico (4.23 m 2 ); 16) ripostiglio (1 m 2 ); 17) spogliatoi (86.16 m 2 ); 18) w.c. (3.99 m 2 ); 19) w.c. (1.20 m 2 ); 20) w.c. (1.20 m 2 ); 21) w.c. (1.20 m 2 ); 22) w.c. (1.20 m 2 ); 23) aula 1 (48.00 m 2 ); 24) aula 2 (48.00 m 2 ); 25) aula 3 (48.00 m 2 ); 26) aula 4 (48.00 m 2 ); 27) aula 5 (48.00 m 2 ); 28) w.c. (8.39 m 2 ); 29) w.c. (13.28 m 2 ); 30) ingresso ( m 2 ); 31) laboratorio vetro (73.01 m 2 ). ELENCO DELLE ZONE ESTERNE: 1) Istituto Professionale ( m 2 ); 2) Cucuna comunale ( m 2 ). Per ognuno dei luoghi individuati si è proceduto ad una descrizione esauriente e dettagliata a complemento di ciò che è già riportato nella relativa tavola grafica. Aula Computer (67.86 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 95 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. Vengono svolte le seguenti attività: 1) Laboratorio informatica. infermeria (15.84 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: pag. 12

13 1) Dimensioni: 100 cm X 50 cm. Superficie lorda: 5000 cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 50 cm. Superficie lorda: 5000 cm 2. lavabo (1.95 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.95 m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di 5.66 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "antibagno". 2) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". lavabo (1.95 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.95 m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di 5.66 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "antibagno". 2) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". antibagno (5.00 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 5.00 m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". 2) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "lavabo". 3) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "lavabo". w.c. (1.82 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.82 m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di 5.28 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "lavabo". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. w.c. (1.82 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.82 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 5.46 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "lavabo". Auditorium ( m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 6.70 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 120 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 2) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 3) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 4) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". 5) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". 6) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". 7) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. pag. 13

14 5) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. palestra ( m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 190 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 2) Dimensioni: 210 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 3) Dimensioni: 140 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". 4) Dimensioni: 100 cm X 210 cm. Confina con il vano "ripostiglio". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 5) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 6) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 7) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 8) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 9) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 10) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 11) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 12) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 13) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 14) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 15) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 16) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 17) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 18) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 19) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 20) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 21) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 22) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 23) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 24) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 25) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 26) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 27) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 28) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 29) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 30) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. Vengono svolte le seguenti attività: 1) Preparazione gruppi sportivi. Presidenza (31.35 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 100 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. Vengono svolte le seguenti attività: 1) Direzione e amministrazione. Ripostiglio (10.20 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 6.70 m, per una cubatura di m 3. pag. 14

15 Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 100 cm X 210 cm. Confina con il vano "palestra". ufficio (29.65 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 90 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 50 cm. Superficie lorda: 5000 cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 50 cm. Superficie lorda: 5000 cm 2. ripostiglio (13.23 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ripostiglio". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 50 cm. Superficie lorda: 5000 cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 50 cm. Superficie lorda: 5000 cm 2. w.c. (5.15 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 5.15 m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ripostiglio". quadro elettrico (4.23 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 4.23 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". ripostiglio (1 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ripostiglio". 2) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 3) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". spogliatoi (86.16 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 2) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 3) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 4) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 5) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 6) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 7) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 8) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 9) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 10) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". pag. 15

16 11) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 12) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 13) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 14) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 15) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 16) Dimensioni: 180 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 17) Dimensioni: 140 cm X 210 cm. Confina con il vano "palestra". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 47 cm X 100 cm. Superficie lorda: 4700 cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 5) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 6) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 7) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 8) Dimensioni: 47 cm X 100 cm. Superficie lorda: 4700 cm 2. 9) Dimensioni: 109 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 10) Dimensioni: 109 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 11) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. w.c. (3.99 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 3.99 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". 2) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 47 cm X 100 cm. Superficie lorda: 4700 cm 2. w.c. (1.20 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.20 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 3.60 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". w.c. (1.20 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.20 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 3.60 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". w.c. (1.20 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.20 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 3.60 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". w.c. (1.20 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.20 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 3.60 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". aula 1 (48.00 m 2 ) pag. 16

17 Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. aula 2 (48.00 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. aula 3 (48.00 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. aula 4 (48.00 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. aula 5 (48.00 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. w.c. (8.39 m 2 ) pag. 17

18 Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 8.39 m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 2) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 3) Dimensioni: 78 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". w.c. (13.28 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. ingresso ( m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "Auditorium". 2) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "Auditorium". 3) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "Auditorium". 4) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "Auditorium". 5) Dimensioni: 78 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 6) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "aula 5". 7) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "aula 4". 8) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "aula 3". 9) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "aula 2". 10) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "aula 1". 11) Dimensioni: 177 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 12) Dimensioni: 212 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 13) Dimensioni: 212 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 14) Dimensioni: 212 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 15) Dimensioni: 95 cm X 210 cm. Confina con il vano "Aula Computer". 16) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "infermeria". 17) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "antibagno". 18) Dimensioni: 100 cm X 210 cm. Confina con il vano "presidenza". 19) Dimensioni: 90 cm X 210 cm. Confina con il vano "ufficio". 20) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ripostiglio". 21) Dimensioni: 90 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 22) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "quadro elettrico". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 400 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 5) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 6) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 7) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 8) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 9) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 10) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 11) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 12) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 13) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 14) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 15) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 16) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 17) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 18) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 19) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. pag. 18

19 laboratorio vetro (73.01 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 5) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 6) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 7) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. Istituto Professionale ( m 2 ) [Esterna] La zona evidenziata ha una superficie lorda di m 2. Cucina comunale ( m 2 ) [Esterna] La zona evidenziata ha una superficie lorda di m 2. pag. 19

20 m² m² m² aula 14 aula 16 aula 15 m² aula m² aula m² laboratorio di tecnologia m² corridoio m² terrazzo m² aula 11 m² m² m² m² laboratorio musica m² aula aula 8 aula 6 aula 7 m² aula m² laboratorio arte 3.22 R.S.P.P. ARCHITETTO GIOVANNA NARCISO pag. 20 primo piano La presente tavola grafica risulta così definita: - 16 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLEGATO A PARTE RISERVATA ALL UFFICIO AL DIRIGENTE DATA Direzione Risorse Umane e Organizzazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO PROT. N Via Verdi, 6-38100 TRENTO SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E PROVE

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI ALLEGATO A Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI Provincia Area Edilizia di Scolastica Na Ufficio Specialistico Tecnico Edilizia Scolastica 1 DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

all esercizio, direttamente, sia da luogo pubblico, che da luogo privato aperto al pubblico.

all esercizio, direttamente, sia da luogo pubblico, che da luogo privato aperto al pubblico. "Esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande: i controlli della Polizia Municipale sulla sorvegliabilità dei locali e sulle uscite di sicurezza" Magg. Centrone dott. Giovanni Comandante

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA

AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA Marca da bollo Da. 14,62 Spazio per timbro protocollo AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA per il successivo inoltro alla A.S.U.R. n. 12 Dipartimento di Prevenzione di SAN BENEDETTO

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli