DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI"

Transcript

1 SCUOLA " CARRIERO" _ PRIMARIA e SECONDARIA di I via Cuoco Campomarino (CB) Internet: - DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (Artt. 17 e 28, D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81) DATA: 24/01/2011 REVISIONE: 02 DESCRIZIONE: IL DATORE DI LAVORO (EZIO DI PINTO) IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (Giovanna Narciso) IL MEDICO COMPETENTE (Dott. Marcello Catena) CerTus-LdL by Guido Cianciulli - Copyright ACCA software S.p.A. pag. 1

2 # 0& R.S.P.P. ARCHITETTO GIOVANNA NARCISO PREMESSA Il presente documento è stato elaborato secondo quanto previsto dalla normativa nazionale: - D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, "Attuazione dell'art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro" e seguenti; Nei capitoli successivi sono riportati gli esiti della valutazione di tutti i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori presenti nell'ambito dell'organizzazione in cui essi prestano la propria attività. Modalità di elaborazione Le attività di valutazione del rischio e di elaborazione del presente documento sono state effettuate dal datore di lavoro in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente e previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. La valutazione e il relativo documento saranno rielaborati, nel rispetto delle modalità previste dalla normativa, in occasione di modifiche del processo produttivo o dell'organizzazione del lavoro significative ai fini della salute e della sicurezza dei lavoratori, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione e della protezione o a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità. Contenuti del documento Il documento contiene, ai sensi dell'art. 28, comma 2, del D.Lgs. 81/2008: - una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l attività lavorativa, nella quale sono specificati i criteri adottati per la valutazione stessa; - l indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati, a seguito della valutazione; - il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza; - l individuazione delle procedure per l attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell'organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri; - l indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio; - l individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento. pag. 2

3 # 1&dati R.S.P.P. ARCHITETTO GIOVANNA NARCISO DATI IDENTIFICATIVI AZIENDALI aziendali e nominativi di quanti hanno funzioni inerenti la sicurezza (Art. 28, comma 2, lettera e), D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) Nel presente capitolo sono riportati i dati identificativi aziendali, ovvero la ragione sociale, le generalità del datore di lavoro, dei collaboratori e delle figure designate o nominate ai fini della sicurezza aziendale. AZIENDA Ragione sociale SCUOLA " CARRIERO" _ PRIMARIA e SECONDARIA di I Indirizzo via Cuoco CAP Città Campomarino (CB) Telefono 0875 FAX Internet Codice Fiscale Partita IVA Datore di Lavoro Nominativo EZIO DI PINTO Qualifica DIRIGENTE Indirizzo Via Alcide De Gasperi, 52 CAP Città TERMOLI (CB) ALTRE FIGURE AZIENDALI Di seguito sono indicati i nominativi delle figure di cui all'art. 28, comma 2, lettera e) del D.Lgs. 81/2008, ovvero i nominativi "del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio". Medico Competente: Nome e Cognome: Marcello Catena Qualifica: Medico Posizione Esterno Data nomina: 11/03/2009 Sede Campomarino Indirizzo: Via Molise Città: Campomarino (CB) CAP: Telefono / Fax: Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione [RSPP]: Nome e Cognome: Qualifica: Giovanna Narciso Consulente pag. 3

4 Posizione Esterno Data nomina: 14/01/2009 Sede Studio professionale Indirizzo: Via Volta,24 Città: Campomarino CAP: Telefono / Fax: Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza [RLS]: Nome e Cognome: Qualifica: Antonietta Del Monte Insegnante Comune: Nome e Cognome: Comune di Campomarino Qualifica: Proprietario dell'immobile Posizione Esterno Sede via G. d. Chiesa 2 ADDETTI ai SERVIZI Di seguito sono indicati i nominativi delle figure di cui all'art. 18, comma 1, lettera b), del D.Lgs. 81/2008, ovvero i nominativi de "i lavoratori incaricati dell'attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell'emergenza". Addetti al Servizio di ANTINCENDIO: Nome e Cognome: Qualifica: Sede Vincenzo Lamonaca collaboratore scolastico scuola secondaria di primo grado -piano terra Nome e Cognome: Qualifica: Sede Paola D'Errico collaboratore scolastico scuola secondaria di I grado e scuola primaria Carriero Addetti al Servizio di EVACUAZIONE: Nome e Cognome: Qualifica: Sede Luigi Ceglia collaboratore scolastico scuola secondaria di primo grado Nome e Cognome: Qualifica: Sede Raffaele Masciulli collaboratore scolastico scuola secondaria di igrado, scuola primaria Carriero Addetti al Servizio di PRIMO SOCCORSO: Nome e Cognome: Qualifica: Sede Ferdinando Ricciuti collaboratore scolastico scuola secondaria di I grado e scuola primaria pag. 4

5 Nome e Cognome: Qualifica: Sede Addolarata Di Sano collaboratore scolastico scuola secondaria di i grado, scuola primaria Carriero Elenco MANSIONI Le attività lavorative sono svolte dai lavoratori aventi le seguenti mansioni. 1) Corpo docente; Sono tutti gli insegnanti 2) Addetto alla attività di "Preparazione saggio fine anno"; Gli addetti al saggio di fine anno sono i collaboratori scolastici con l'aiuto degli insegnanti per il montaggio delle scenografie. 3) Addetto alla attività di "Recupero e sostegno"; Sono insegnanti con apposita preparazione 4) Addetto all'attività di "Vigilanza, piccola manutenzione e pulizie"; Sono i collaboratori scolastici 5) Addetto all'attività di "Laboratorio grafico-artistico"; Fanno parte del corpo docente e sono individuati negli insegnanti di educazione artistica, inoltre operano prevalentemente nel laboratorio di educazione artistica 6) Addetto all'attività di "Preparazione gruppi sportivi"; Fanno parte del corpo docente e sono individuati negli insegnanti di educazione fisica ed operano prevalentemente nel locale palestra 7) Addetto all'attività di "Laboratorio tecnico"; Fanno parte del corpo docente e sono individuati negli insegnanti di educazione tecnica, inoltre operano prevalentemente nel laboratorio tecnico 8) Addetto all'attività di "Direzione e amministrazione"; 9) Addetto al " laboratorio di informatica"; Fanno parte del corpo docente e sono individuati negli insegnanti di informatica, inoltre operano prevalentemente nella sala computer pag. 5

6 # 2&individuazione R.S.P.P. ARCHITETTO GIOVANNA NARCISO DESCRIZIONE dei LUOGHI di LAVORO e descrizione dettagliata dei luoghi di lavoro Presupposto necessario e fondamentale per la valutazione e la conseguente elaborazione del Documento di Valutazione dei Rischi è la rappresentazione dettagliata dei luoghi di lavoro, così come definiti dall'art. 62 del D.Lgs. 81/2008. Di seguito, pertanto, sono descritti tutti i luoghi di lavoro destinati ad ospitare posti di lavoro, ubicati all'interno dell'azienda in oggetto, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda accessibile al lavoratore nell'ambito del proprio lavoro. Ogni luogo di lavoro è individuato con i dati anagrafici, con una breve descrizione delle caratteristiche generali e strutturali e, supportato da tavole grafiche, con un dettaglio dei vari ambienti, siano essi "locali chiusi", destinati ad ospitare posti di lavoro o servizi e accessori, "zone interne" (cioè suddivisioni) dei locali chiusi, destinate ad attività lavorative di maggiore interesse o approfondimento, o "zone esterne" accessibili al lavoratore per esigenze di lavorazione. Tali luoghi di lavoro (locali chiusi, zone interne o zone esterne) sono dettagliatamente ed esaurientemente descritti con tutti gli elementi necessari per una corretta valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Scuola "Carriero" dell'istituto Comprensivo di Campomarino L edificio scolastico, oggetto della presente relazione, è condiviso con l Istituto Professionale per i Servizi Commerciali e Turistici e la cucina gestita dall ente comunale (questi due luoghi di lavoro non sono oggetto del presente documento). L edificio sarà diviso, per facilità di organizzazione della sicurezza, in sette sottosistemi secondo una metodologia funzionale: 01) ESTERNO 02) AULE, UFFICI, CORRIDOI E SERVIZI IGIENICI 03) PALESTRA 04) AUDITORIUM 05) CENTRALE TERMICA 06) LABORATORIO VETRO 01 - SOTTOSISTEMA ESTERNO L'area dove insiste la sede è pianeggiante e le strade di accesso sono asfaltate. La sede si presenta recintata da muro in cemento armato sormontato da ringhiera in ferro e tre ingressi dei quali uno è attualmente chiuso e gli altri sono utilizzati dalla scuola media e dalla scuola professionale. Quest ultimi presentano cancelli scorrevoli in ferro della larghezza di mt All interno del recinto sono presenti delle aree tenute a verde e delle stradine asfaltate. Lo spazio comune è utilizzato per attività ludico-ricreativo. E presente una pista per salto in alto. Dall ingresso carrabile si accede alla struttura tramite una rampa alla fine della quale è posta una griglia per il deflusso delle acque piovane. Alla destra è ubicato un chiosco in prefabbricati di dimensioni mt. 5.50x4.50 e un area asfaltata adibita a parcheggio. L edificio scolastico è circondato da un marciapiede con mattonelle in cemento antisdrucciolevoli delle dimensioni di cm. 40x40 con cordolo in marmo. L accesso alla scuola media è consentito da un atrio esterno con mattonelle in ceramica delle dimensioni di cm. 5x10. L edificio è servito da cinque ingressi affiancati per gli utenti, tra questi uno è utilizzato dal personale, e un altro ha una rampa per i disabili SOTTOSISTEMA AULE, UFFICI, CORRIDOI, SERVIZI IGIENICI La struttura si articola in un piano terra ed un primo piano. Entrando nell edificio scolastico, sulla sinistra sono presenti le aule adibite a uffici e sala computers, sulla destra le aule didattiche. pag. 6

7 Delle aule adibite a uffici ve ne è una provvista di porta blindata dedicata alla sala computer, dotata di dodici computers, con sedie ergonomiche, tre stampanti, uno scanner ed un televisore. La suddetta sala di informatica è munita di porta blindata, finestre con barre, e di un sistema di allarme., un altra sempre con porta blindata vi è una cassaforte e una macchina fotocopiatrice; una destinata a ufficio del dirigente scolastico, e una destinata ad aula per il pronto soccorso, o aiuto disabili. In tale zona è presente un area destinata ai servizi, divisi per sesso, composta da uno spogliatoio e da due servizi igienici con relativo antibagno, con aerazione naturale, forniti di lavabo a comandi manuali e wc. Negli stessi sono presenti mezzi detergenti e per asciugarsi. Di fronte l ingresso vi sono altre tre stanze comunicanti tra loro adibite a deposito; nell ultima è presente un bagno, con aerazione naturale, usato dal personale dove è istallata una caldaia di piccole dimensioni a servizio degli uffici. Alla destra dell atrio d ingresso vi è un corridoio, largo mt. 2.80, dal cui lato destro si accede a cinque aule. A sinistra del corridoio sono presenti finestre. Il corridoio viene interrotto da una struttura in alluminio e vetro retinato con una porta di cm. 90 sprovvista di maniglione antipanico, che permette il passaggio dalla scuola media verso la scuola professionale. Le aule di circa 35 mq., hanno porte di legno tamburato, larghe un metro e dieci e con semplice maniglia. Nella zona riservata alla scuola media sono presenti due bagni uno per ragazzi con due wc, uno per gli insegnanti e uno per le ragazze con un wc. Per accedere al primo piano della parte dell edificio riservato alla scuola media, si utilizza un corpo scala composto di ventidue gradini divisi in due rampe. L intera scalinata, che è posizionata nell atrio, si presenta rivestita da materiale di gomma antisdrucciolo. Al primo piano dell edificio, accedendo dalla suddetta gradinata, sulla destra sono presenti la sala adibita ad applicazioni artistiche e una adibita ad educazione musicale e lettura dalla quale si può accedere ad un terrazzino praticabile. In quest ala vi è anche un servizio igienico per gli alunni, con aerazione naturale, composto da quattro bagni di cui due con bidet e wc e i restanti due con lavabo e wc. Sempre al primo piano, a sinistra del corpo scala principale, dal corridoio, si accede a numero 12 aule. Delle decidici aule una è destinata al laboratorio tecnico. Le aule si snodano a ferro di cavallo e nella prossimità del primo cambio di geometria e al termine del corridoio sono presenti scale di emergenza esterne. Di fronte al laboratorio tecnico, sulla sinistra del corridoio, vi sono tre bagni uno per gli insegnanti con un wc, uno per le alunne con 5 wc e uno per gli alunni con altri 5 wc, tutti con aerazione naturale SOTTOSISTEMA PALESTRA La palestra si sviluppa al piano terra ed è separata dai locali della Scuola Media con una parete in metallo e vetro. Dall esterno si accede alla palestra tramite una rampa asfaltata provvista di una griglia per il deflusso dell acqua piovana o dall atrio della scuola media da cui ci si immette in un apposita scala esterna con undici gradini rivestiti in gomma. La porta di accesso della palestra è in vetro retinato ed alluminio. La stessa immette in un atrio dal quale si accede sia agli spogliatoi distinti per sesso, sia alla palestra stessa. Lo spogliatoio maschile, areato naturalmente, è dotato di dieci lavabi e sei wc posti in due locali separati e comunicanti tramite un corridoio di mt di lunghezza, provvisto di due panche di legno. Lo spogliatoio femminile è composto da un locale di dimensioni 2.8x 2.30 mt. munito di una doccia e di un servizio igienico provvisto di un solo wc con aerazione naturale. L ambiente adibito a palestra ha le dimensioni di mt. 1 x 2. Il soffitto è in cemento armato, il pavimento è rivestito con un tappetino in gomma. Nella stessa, in alto, sono presenti numero ventiquattro finestroni che garantiscono aerazione ed illuminazione naturale sprovviste di maniglioni per l apertura dal basso. Nella palestra sono presenti inoltre quattro porte in vetro retinato e alluminio, che immettono direttamente all esterno che sono state provviste di maniglioni antipanico SOTTOSISTEMA AUDITORIUM Di fronte all ingresso principale è ubicata la sala auditorium dalle dimensioni di mt. 16.5x12.00 con un altezza di mt circa. La stessa è areata sufficientemente tramite diciotto finestre poste su due livelli. Sono presenti otto porte, quattro permettono l uscita nell ingresso della scuola e quattro all esterno parzialmente provviste di maniglioni antipanico. L illuminazione di tale sala è assicurata da lampade al neon sospese al soffitto. pag. 7

8 05 - SOTTOSISTEMA CENTRALE TERMICA In prossimità dell ingresso della palestra, esternamente all edificio, è presente una scalinata composta da dieci gradini in cemento che immette nel locale caldaia posto ad un livello seminterrato. La porta di ingresso del locale caldaia, è in ferro con griglie che permettono un aerazione conforme alla normativa vigente. Accanto vi è un locale, dedicato alla riserva di acqua in caso di incendi LABORATORIO VETRO Adiacente al locale cucina vi è un locale con accesso dall esterno utilizzato solo per la conservazione, durante l anno di materiali per i lavori in vetro e pietre. Ha una unica porta di accesso e delle finestre, entrando sulla destra. Si ricorda che l edificio nel suo complesso è costituito da altri locali non oggetto del presente documento e qui di seguito elencati: Locali adibiti a cucina Un ala di edificio adibita a Istituto Professionale per i Servizi Commerciali e Turistico; Chiosco esterno. Tali ambienti di lavoro sono stati indicati nel presente documento secondo la terminologia identificata dagli insegnanti che operano nello stesso edificio scolastico (vedasi planimetria allegata). pag. 8

9 SICUREZZA ANTINCENDIO La scuola oggetto del presente documento ha una presenza media annua di alunni maggiore di 100 unità e inferiori a trcento. Il D.M. 10/3/98 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro prevede una serie di azioni da mettere in campo per migliorare la sicurezza in caso d incendio. Tra queste si rende obbligatorio, per ogni sede scolastica, un piano d emergenza, delle figure addette alla sicurezza e, per quanto previsto nell allegato IX e X, per le scuole con più di 100 e meno di 1000 persone, come nel caso della scuola Media statale C.A. Carriero classificate a rischio medio dal D.M.16/02/82, il personale addetto alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze deve frequentare un corso di formazione di 8 ore. Negli allegati sono contenuti anche i contenuti minimi del corso. Le norme antincendio per l edilizia scolastica riportate al D.M.16/02/82, prescrivono, inoltre, che per ogni edificio scolastico con più di 100 persone presenti, come nel caso dell edificio in oggetto, deve essere fatta richiesta ai VVFF del rilascio del CPI ( certificato prevenzione incendi), attività 85,ossia il certificato che attesta la conformità dell edificio alle norme antincendio. Inoltre, tale CPI è necessario anche per la presenza, in tale istituto, della centrale termica. Dall esame dei documenti esaminati risulta che per l istituto in oggetto non è stato ad oggi rilasciato il CPI. pag. 9

10 Indirizzo: Via Cuoco Città: Campomarino (CB) CAP: Telefono / Fax: Internet: ELENCO DELLE TAVOLE GRAFICHE: 1) piano terra; 2) primo piano; pag. 10

11 m² 1.20 m² 1.20 m² 1.20 m² 1.20 w.c. w.c w.c. w.c m² spogliatoi m² 3.99 w.c m² Auditorium Istituto Professionale = m² m² palestra m² 5.15 m² ripostiglio ufficio m² 8.39 m² w.c. w.c m² ripostiglio m² ingresso m² 1 ripostiglio m² 4.23 quadro elettrico m² aula 4 m² aula 3 aula 1 m² m² antibagno laboratorio vetro m² m² m² presidenza Aula Computer infermeria 2.12 m² 1.95 m² lavabo lavabo 0.70 Cucuna comunale = m² m² 1.82 m² 1.82 w.c. w.c area ingresso esterna R.S.P.P. ARCHITETTO GIOVANNA NARCISO pag. 11 piano terra La presente tavola grafica risulta così definita: - 31 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m zone esterne di pertinenza dell'azienda, accessibili al lavoratore nell'ambito del proprio lavoro, per una superficie complessiva di m m² w.c m² m² aula 5 m² aula 2

12 ELENCO DEI LOCALI CHIUSI: 1) Aula Computer (67.86 m 2 ); 2) infermeria (15.84 m 2 ); 3) lavabo (1.95 m 2 ); 4) lavabo (1.95 m 2 ); 5) antibagno (5.00 m 2 ); 6) w.c. (1.82 m 2 ); 7) w.c. (1.82 m 2 ); 8) Auditorium ( m 2 ); 9) palestra ( m 2 ); 10) presidenza (31.35 m 2 ); 11) ripostiglio (10.20 m 2 ); 12) ufficio (29.65 m 2 ); 13) ripostiglio (13.23 m 2 ); 14) w.c. (5.15 m 2 ); 15) quadro elettrico (4.23 m 2 ); 16) ripostiglio (1 m 2 ); 17) spogliatoi (86.16 m 2 ); 18) w.c. (3.99 m 2 ); 19) w.c. (1.20 m 2 ); 20) w.c. (1.20 m 2 ); 21) w.c. (1.20 m 2 ); 22) w.c. (1.20 m 2 ); 23) aula 1 (48.00 m 2 ); 24) aula 2 (48.00 m 2 ); 25) aula 3 (48.00 m 2 ); 26) aula 4 (48.00 m 2 ); 27) aula 5 (48.00 m 2 ); 28) w.c. (8.39 m 2 ); 29) w.c. (13.28 m 2 ); 30) ingresso ( m 2 ); 31) laboratorio vetro (73.01 m 2 ). ELENCO DELLE ZONE ESTERNE: 1) Istituto Professionale ( m 2 ); 2) Cucuna comunale ( m 2 ). Per ognuno dei luoghi individuati si è proceduto ad una descrizione esauriente e dettagliata a complemento di ciò che è già riportato nella relativa tavola grafica. Aula Computer (67.86 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 95 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. Vengono svolte le seguenti attività: 1) Laboratorio informatica. infermeria (15.84 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: pag. 12

13 1) Dimensioni: 100 cm X 50 cm. Superficie lorda: 5000 cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 50 cm. Superficie lorda: 5000 cm 2. lavabo (1.95 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.95 m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di 5.66 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "antibagno". 2) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". lavabo (1.95 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.95 m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di 5.66 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "antibagno". 2) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". antibagno (5.00 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 5.00 m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". 2) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "lavabo". 3) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "lavabo". w.c. (1.82 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.82 m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di 5.28 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "lavabo". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. w.c. (1.82 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.82 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 5.46 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "lavabo". Auditorium ( m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 6.70 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 120 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 2) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 3) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 4) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". 5) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". 6) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". 7) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. pag. 13

14 5) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. palestra ( m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 190 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 2) Dimensioni: 210 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 3) Dimensioni: 140 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". 4) Dimensioni: 100 cm X 210 cm. Confina con il vano "ripostiglio". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 5) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 6) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 7) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 8) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 9) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 10) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 11) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 12) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 13) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 14) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 15) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 16) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 17) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 18) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 19) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 20) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 21) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 22) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 23) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 24) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 25) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 26) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 27) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 28) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 29) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 30) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. Vengono svolte le seguenti attività: 1) Preparazione gruppi sportivi. Presidenza (31.35 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 100 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. Vengono svolte le seguenti attività: 1) Direzione e amministrazione. Ripostiglio (10.20 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 6.70 m, per una cubatura di m 3. pag. 14

15 Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 100 cm X 210 cm. Confina con il vano "palestra". ufficio (29.65 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 90 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 50 cm. Superficie lorda: 5000 cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 50 cm. Superficie lorda: 5000 cm 2. ripostiglio (13.23 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ripostiglio". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 50 cm. Superficie lorda: 5000 cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 50 cm. Superficie lorda: 5000 cm 2. w.c. (5.15 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 5.15 m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ripostiglio". quadro elettrico (4.23 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 4.23 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". ripostiglio (1 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ripostiglio". 2) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 3) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". spogliatoi (86.16 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 2) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 3) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 4) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 5) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 6) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 7) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 8) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 9) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 10) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". pag. 15

16 11) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 12) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 13) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 14) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 15) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 16) Dimensioni: 180 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 17) Dimensioni: 140 cm X 210 cm. Confina con il vano "palestra". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 47 cm X 100 cm. Superficie lorda: 4700 cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 5) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 6) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 7) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 8) Dimensioni: 47 cm X 100 cm. Superficie lorda: 4700 cm 2. 9) Dimensioni: 109 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 10) Dimensioni: 109 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 11) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. w.c. (3.99 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 3.99 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". 2) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 47 cm X 100 cm. Superficie lorda: 4700 cm 2. w.c. (1.20 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.20 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 3.60 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". w.c. (1.20 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.20 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 3.60 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". w.c. (1.20 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.20 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 3.60 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". w.c. (1.20 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 1.20 m 2, un'altezza media netta di 3.00 m, per una cubatura di 3.60 m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "spogliatoi ". aula 1 (48.00 m 2 ) pag. 16

17 Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. aula 2 (48.00 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. aula 3 (48.00 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. aula 4 (48.00 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. aula 5 (48.00 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. w.c. (8.39 m 2 ) pag. 17

18 Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di 8.39 m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 2) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 3) Dimensioni: 78 cm X 210 cm. Confina con il vano "ingresso". w.c. (13.28 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. ingresso ( m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti le seguenti porte: 1) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "Auditorium". 2) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "Auditorium". 3) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "Auditorium". 4) Dimensioni: 160 cm X 210 cm. Confina con il vano "Auditorium". 5) Dimensioni: 78 cm X 210 cm. Confina con il vano "w.c.". 6) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "aula 5". 7) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "aula 4". 8) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "aula 3". 9) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "aula 2". 10) Dimensioni: 110 cm X 210 cm. Confina con il vano "aula 1". 11) Dimensioni: 177 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 12) Dimensioni: 212 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 13) Dimensioni: 212 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 14) Dimensioni: 212 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 15) Dimensioni: 95 cm X 210 cm. Confina con il vano "Aula Computer". 16) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "infermeria". 17) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "antibagno". 18) Dimensioni: 100 cm X 210 cm. Confina con il vano "presidenza". 19) Dimensioni: 90 cm X 210 cm. Confina con il vano "ufficio". 20) Dimensioni: 80 cm X 210 cm. Confina con il vano "ripostiglio". 21) Dimensioni: 90 cm X 210 cm. Nessun vano confinante. 22) Dimensioni: 70 cm X 210 cm. Confina con il vano "quadro elettrico". Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 400 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 5) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 6) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 7) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 8) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 9) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 10) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 11) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 12) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 13) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 14) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 15) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 16) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 17) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 18) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 19) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. pag. 18

19 laboratorio vetro (73.01 m 2 ) Il presente vano ha una superficie lorda (ovvero senza la deduzione dei mobili, macchine e impianti fissi) di m 2, un'altezza media netta di 2.90 m, per una cubatura di m 3. Sono presenti i seguenti infissi: 1) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 2) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 3) Dimensioni: 100 cm X 100 cm. Superficie lorda: cm 2. 4) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 5) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 6) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. 7) Dimensioni: 100 cm X 170 cm. Superficie lorda: cm 2. Istituto Professionale ( m 2 ) [Esterna] La zona evidenziata ha una superficie lorda di m 2. Cucina comunale ( m 2 ) [Esterna] La zona evidenziata ha una superficie lorda di m 2. pag. 19

20 m² m² m² aula 14 aula 16 aula 15 m² aula m² aula m² laboratorio di tecnologia m² corridoio m² terrazzo m² aula 11 m² m² m² m² laboratorio musica m² aula aula 8 aula 6 aula 7 m² aula m² laboratorio arte 3.22 R.S.P.P. ARCHITETTO GIOVANNA NARCISO pag. 20 primo piano La presente tavola grafica risulta così definita: - 16 locali chiusi destinati ad ospitare posti di lavoro per una superficie complessiva di m

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI SCUOLA " JACOVITTI" _ PRIMARIA c.da Nuova Cliternia - 86042 Campomarino (CB) 0875-539404 - 0875-539404 Internet: http://www.comprensivocampomarino.it/ DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI tutela della salute

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Scuola Elementare Guido Dotto Via Santa Scolastica, 113-40123 Bologna (Bologna) (051) 55 66 77 - (051) 66 77 88 Internet: www.guidodotto.it - E-mail: info@guidodotto.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

LUOGO e DATA: Roma, 04/12/2014 REVISIONE: 02 IL DATORE DI LAVORO. (Clara Rech) in collaborazione con

LUOGO e DATA: Roma, 04/12/2014 REVISIONE: 02 IL DATORE DI LAVORO. (Clara Rech) in collaborazione con Liceo Classico Statale 'Ennio Quirino Visconti' Piazza del Collegio Romano 4-00186 Roma (RM Tel.: +3906121124325 - Fax: +390667663882 Internet: http://www.liceoeqvisconti.it/ - E-Mail: rmpc080007@istruzione.it

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO DIREZIONE MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO, EDILIZIA SCOLASTICA, TURISTICO-SPORTIVA E PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI LUIGI

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

TavBa. Provincia Regionale di Ragusa. Aggiornato ai sensi dei disposti del comma A dell'art.10 della L.R. 12.07.2011 n.12

TavBa. Provincia Regionale di Ragusa. Aggiornato ai sensi dei disposti del comma A dell'art.10 della L.R. 12.07.2011 n.12 Provincia Regionale di Ragusa Lavori di "Adeguamento alle norme di sicurezza e prevenzione incendi immobili scolastici nella zona di Ragusa, Comiso e Vittoria. Completamento 2.000.000" - Progetto Esecutivo

Dettagli

1) Premessa. 2) Obbiettivi prefissati

1) Premessa. 2) Obbiettivi prefissati 1) Premessa L edificio oggetto del presente progetto e la Scuola Elementare di proprieta Comunale denominata Martiri della Liberta, ubicata in via G. del Carretto a Casale M.to. Per l anno scolastico in

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Il Liceo Scientifico Giovanni da Procida è ubicato in via De Falco, traversa di via Manganario, con succursale nell ex Seminario Regionale,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI tutela della salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro (Artt. 17 e 28, D.Lgs 9 aprile 2008 n.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI tutela della salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro (Artt. 17 e 28, D.Lgs 9 aprile 2008 n. ASP CASA VALLONI VIA DI MEZZO N 1-47900 RIMINI (RIMINI ) 0541-367811 - 0541-367854 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI tutela della salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro (Artt. 17 e 28, D.Lgs 9 aprile

Dettagli

LOCALI DA PULIRE Numero locali da pulire Mq. pavimenti Mq. vetri Note

LOCALI DA PULIRE Numero locali da pulire Mq. pavimenti Mq. vetri Note EDIFICIO N. 1: SEDE MUNICIPALE - PIAZZA BEROZZI N. 3 DA PULIRE pulire Mq. pavimenti Mq. vetri Note Uffici 22 595,00 82,00 Corridoi - atri 3+2 264,00 5,00 Uno per piano Bagni 7 66,00 14,20 2+2+2+1 Antibagni

Dettagli

La 1^ A (coordinata dai docenti Pezzotta e Dumassi) Vi invita a un tour (virtuale) nella Scuola Secondaria di 1 Grado Giovanni XXIII di Castelveccana

La 1^ A (coordinata dai docenti Pezzotta e Dumassi) Vi invita a un tour (virtuale) nella Scuola Secondaria di 1 Grado Giovanni XXIII di Castelveccana La 1^ A (coordinata dai docenti Pezzotta e Dumassi) Vi invita a un tour (virtuale) nella Scuola Secondaria di 1 Grado Giovanni XXIII di Castelveccana Anno scolastico 2013/2014 La vecchia targa all ingresso

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO Progetto: PROGETTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE, ANTINCENDIO E DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DELLA SCUOLA ELEMENTARE RODARI IN VIA

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA SPAZIO GIOCO

COMUNE DI PERUGIA SPAZIO GIOCO COMUNE DI PERUGIA SPAZIO GIOCO Caratteristiche: E un servizio con caratteristiche ludiche che prevede modalità di frequenza secondo criteri di massima flessibilità e per una fruizione saltuaria di massimo

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "SALVATORE TODARO" FONDI STRUTTURALI EUROPEI PON FESR 2007/2013 Asse II

Dettagli

LUOGO e DATA: Forte dei Marmi, 27/12/2012 REVISIONE: 01 MOTIVAZIONE: IL DATORE DI LAVORO. (Dott.ssa Silvia Barbara Gori) in collaborazione con

LUOGO e DATA: Forte dei Marmi, 27/12/2012 REVISIONE: 01 MOTIVAZIONE: IL DATORE DI LAVORO. (Dott.ssa Silvia Barbara Gori) in collaborazione con Istituto Comprensivo Forte dei Marmi Via Padre Ignazio da Carrara n 79-55042 Forte dei Marmi (LU) Tel.: 0584/752117 - Fax: 0584/752159 Internet: www.icsfortedeimarmi.gov.it - E-Mail: luic81700n@istruzione.it

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO Parco Laghi di Suviana e Brasimone INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ MUSEO DEL BOSCO DI PORANCETO Il Museo è situato in località Poranceto nel comune di Cumugnano ed è ospitato all interno di un unico edificio

Dettagli

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.)

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) Indice: 1. Quali sono le principali leggi di riferimento per gli adempimenti sicurezza sui luoghi di lavoro? 2. Quali sono le aziende che hanno l obbligo di adempiere a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08?

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO N. BERTHER Piazza Marconi, 2 25010 SAN ZENO (BS) 27/05/2013 SCARINZI Alessandra

Dettagli

AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI

AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI Allegato F Gara tipo B Monza, agosto 2014 Gare Nazionali di medio livello AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI ELENCO ZONE DI INTERVENTO gara tipo B 1. TRIBUNA D ONORE 2. CENTRO MEDICO 3. TENDA VERIFICHE

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

STUDIO TECNICO PAGLIARONE ing. DARIO VERBALE DI ESODO

STUDIO TECNICO PAGLIARONE ing. DARIO VERBALE DI ESODO VERBALE DI ESODO In data il sottoscritto ing. Dario Pagliarone in qualità di R.S.P.P. dell Istituto Comprensivo Pablo Neruda a seguito delle prove di evacuazione svolte fino alla data odierna ha evidenziato

Dettagli

ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEFINIZIONE DELLE AREE INTERESSATE DAL GLOBAL SERVICE pag.01 EDIFICIO E3 Ardiss, Sede operativa di Trieste 246 CAMERE STANDARD DA: mq 9,5 mq 2337 totali 123

Dettagli

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO Pagina 1 di 5 ALLEGATO H Il Datore di Lavoro Il R.S.P.P: visto l R.L.S. Prof.ssa Margherita Ventura Geom. Gabriele Sbaragli Ins. Nadia Capezzali Pagina 2 di 5 In via generale per tutti i plessi scolastici.

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE MONTIRONE (BS)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE MONTIRONE (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE MONTIRONE (BS) 27/05/2013 SCARINZI Alessandra Data sopralluogo Elaboratore File:Primaria_Montirone_giugno_2013

Dettagli

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI U CHECK LIST PER LA CUREZZA NEI CANTIERI EDILI LE CONDERAZIONI ESPOSTE SO FRUTTO ESCLUVO DEL PENERO 1DEGLI AUTORI E N HAN CARATTERE IN ALCUN MODO IMPEGTIVO PER L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DI APPARTENENZA.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA ELEMENTARE STATALE ALDO MORO SACRO CUORE

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA ELEMENTARE STATALE ALDO MORO SACRO CUORE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA ELEMENTARE STATALE ALDO MORO SACRO CUORE VIA OMBONI PALAZZOLO S/O 04/11/2013 SCARINZI Roberto Data sopralluogo

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALL ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PIER FORTUNATO CALVI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALL ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PIER FORTUNATO CALVI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALL ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PIER FORTUNATO CALVI VIA C. MARCHESI, 73 32100 BELLUNO 24/04/2014 SCARINZI Roberto

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SCAURI

ISTITUTO COMPRENSIVO SCAURI MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO SCAURI Via Appia 212, 04028 Scauri (LT) ( 0771614545 - fax 0771614808 - * LTIC855001@istruzione.it ---------------------------------------------------------

Dettagli

18 Dicembre 2013 ore 18.00 19.00. Concetta Ciarletta Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

18 Dicembre 2013 ore 18.00 19.00. Concetta Ciarletta Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORATORI (12 ore) Decreto legislativo n. 81/2008 artt. 36 e 37 ACCORDO STATO REGIONI - 21 DICEMBRE 2011 ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBANELLA (SA) Scuola dell Infanzia, Primaria

Dettagli

A. STANDARD ORGANIZZATIVI PER SERVIZI GIA FUNZIONANTI E DI NUOVA APERTURA

A. STANDARD ORGANIZZATIVI PER SERVIZI GIA FUNZIONANTI E DI NUOVA APERTURA COMUNE DI PERUGIA CENTRO PER BAMBINE/BAMBINI E FAMIGLIE Caratteristiche: E un servizio con caratteristiche educative, ludiche, culturali e di aggregazione sociale; prevede la presenza contemporanea di

Dettagli

IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis

IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis Cosa si intende per rischio nei luoghi di lavoro? (Art.2 DLgs 81/08): probabilità di raggiungimento del livello potenziale

Dettagli

CARICHI DI LAVORO MANSIONI E ORARI DI SERVIZIO DEL PERSONALE COLLABORATORE SCOLASTICO SCUOLA MEDIA CARMINATI ANNO SCOLASTICO

CARICHI DI LAVORO MANSIONI E ORARI DI SERVIZIO DEL PERSONALE COLLABORATORE SCOLASTICO SCUOLA MEDIA CARMINATI ANNO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale C. CARMINATI Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Via Dante 4 21015 - LONATE POZZOLO (VA) Tel 0331/66.81.62

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico )

LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico ) LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico ) Requisiti generali - dotati del Certificato di Conformità Edilizia rilasciato dal Comune sulla base della verifica di conformità alla vigente

Dettagli

DOMANDA DI LICENZA PER PUBBLICI SPETTACOLI E INTRATTENIMENTI (artt. 68 e 80 T.U.L.P.S.) Al Comune di MACERATA 0 4 3 0 2 3

DOMANDA DI LICENZA PER PUBBLICI SPETTACOLI E INTRATTENIMENTI (artt. 68 e 80 T.U.L.P.S.) Al Comune di MACERATA 0 4 3 0 2 3 Marca da bollo DOMANDA DI LICENZA PER PUBBLICI SPETTACOLI E INTRATTENIMENTI (artt. 68 e 80 T.U.L.P.S.) Al Comune di MACERATA 0 4 3 0 2 3 Il sottoscritto Cognome C.F. Nome Data di nascita / / Cittadinanza

Dettagli

Istituto Statale d Istruzione Superiore P. Artusi

Istituto Statale d Istruzione Superiore P. Artusi Istituto Statale d Istruzione Superiore P. Artusi Viale Matteotti, 54 47034 Forlimpopoli (FC) Valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori e relative misure di prevenzione e protezione

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008)

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI OSTELLATO (FE) Scuola dell infanzia di Migliarino Via del Parco 1 Località Migliarino comune di Fiscaglia tel./fax 0533.52686 e-mail viadelparco@libero.it PIANO DI GESTIONE

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi LEZIONE # 2 Gestione della Prevenzione, D.Lgs. 81/08 SICUREZZA

Dettagli

SRAFFA VIA COMBONI - BRESCIA. 21/05/2012 SCARINZI Roberto. 1 di 63

SRAFFA VIA COMBONI - BRESCIA. 21/05/2012 SCARINZI Roberto. 1 di 63 ADEMPIMENTI A CARICO DELLA PROVINCIA PER LA MESSA A NORMA ED IN SICUREZZA DELLA SEDE CENTRALE DELL ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE SERVIZI COMMERCIALI E TURISMO SRAFFA VIA COMBONI - BRESCIA 21/05/2012 SCARINZI

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA MAMELI. Via DELLA CHIESA, 73 - BRESCIA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA MAMELI. Via DELLA CHIESA, 73 - BRESCIA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA MAMELI Via DELLA CHIESA, 73 - BRESCIA 11/11/2014 SCARINZI Roberto Data Sopralluogo Elaboratore \\Server-hp\dati\-

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

Scuola secondaria Statale ITCeG L. Einaudi Documento di valutazione dei rischi per la maternità Revisione n 3 del 16-09-2010

Scuola secondaria Statale ITCeG L. Einaudi Documento di valutazione dei rischi per la maternità Revisione n 3 del 16-09-2010 1/9 Azienda : (D.lgs 151/01) Il presente documento è finalizzato ad identificare la presenza di fattori di rischio per le lavoratrici madri e per individuare le misure di prevenzione e le procedure necessarie

Dettagli

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 1 UCTSP MILANO 27 GIUGNO 2008 STEFANIA CASOTTO RESPONSABILE DEI SERVIZI AMBIENTE - SICUREZZA - POLITICHE ENERGETICHE Agenda 2 La definizione di

Dettagli

COMUNE DI VERONA C.d.R. Spettacolo

COMUNE DI VERONA C.d.R. Spettacolo COMUNE DI VERONA Servizi Consulenza Tecnica Organizzativa Michele Gallo Direzione Area Cultura COMUNE DI VERONA C.d.R. Spettacolo T E ATRO C AM PLOY DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI O ttobr e 2003 D.

Dettagli

ALLEGATO DOCUMENTAZIONE TECNICA

ALLEGATO DOCUMENTAZIONE TECNICA ALLEGATO DOCUMENTAZIONE TECNICA LOCALI FISSI CON CAPIENZA PARI O INFERIORE A 200 PERSONE DOMANDA DI PARERE PREVENTIVO Tutti i documenti allegati alla richiesta devono essere in originale od in copia autenticata

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA BARACCA SUD. Via GARIBALDI GHEDI (BS)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA BARACCA SUD. Via GARIBALDI GHEDI (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA BARACCA SUD Via GARIBALDI GHEDI (BS) 14/05/2015 SCARINZI Roberto Data Sopralluogo Elaboratore File:Primaria_Baraccasud_Ghedi_maggio_2015

Dettagli

Relazione tecnica descrittiva

Relazione tecnica descrittiva Relazione tecnica descrittiva La presente relazione è stata redatta al fine di descrivere le verifiche affrontate e gli interventi che dovranno essere realizzati per la messa in sicurezza della Scuola

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco delle Madonie INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ C.E.A. LA TERRA DEI NOSTRI PADRI A CASTELLANA SICULA Il Centro di Educazione Ambientale è ospitato all interno di un edificio di due piani a Castellana Sicula.

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO

LA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) LA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI Servizio 3 Politiche del Lavoro, I - 61121 Pesaro - Via Mazzolari, 4 della Formazione, Sociali, Tel. 0721.3592531/2507/2503 Culturali e Turismo Fax 0721.33930 PEC: provincia.pesarourbino@legalmail.it P.O.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I.I.S. A. GENTILESCHI DI CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Elaborato E2 COMUNE DI SESTRI LEVANTE Località San Bartolomeo della Ginestra Zona di P.U.C.: AC(B3) E1 (TPA) territorio di presidio ambientale agricolo Istanza Permesso di Costruire in variante al P.U.C.

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il sottoscritto è stato incaricato dall Amministrazione Comunale di

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE DON BOSCO VIA LOMBARDI; 16 BAGOLINO (BS)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE DON BOSCO VIA LOMBARDI; 16 BAGOLINO (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE DON BOSCO VIA LOMBARDI; 16 BAGOLINO (BS) 06/10/2014 ALBERTI Carlo Data sopralluogo Elaboratore

Dettagli

Ha accolto negli anni ottanta le classi della scuola media che erano ospitate, dal loro nascere, presso l'oratorio "San Giovanni Bosco".

Ha accolto negli anni ottanta le classi della scuola media che erano ospitate, dal loro nascere, presso l'oratorio San Giovanni Bosco. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - CREMENO La sede centrale, dell Istituto Comprensivo Statale San Giovanni Bosco, che ospita la Scuola Secondaria di Primo grado, si trova vicino a una pineta in una zona

Dettagli

CENTRO VISITE SILVANO MASSOLO AD AISONE

CENTRO VISITE SILVANO MASSOLO AD AISONE Parco Alpi Marittime INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE DI VERNANTE Il Centro visite è ubicato al piano terra di un edificio posto al centro dell abitato di Vernante in Valle Vermegnana. La struttura

Dettagli

FRUIBILITÀ E QUALITÀ DELLO SPAZIO ABITATO REQUISITO: ORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI SPAZI E ATTREZZATURE (E 8.2) SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO

FRUIBILITÀ E QUALITÀ DELLO SPAZIO ABITATO REQUISITO: ORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI SPAZI E ATTREZZATURE (E 8.2) SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO FRUIBILITÀ E QUALITÀ DELLO SPAZIO ABITATO REQUISITO: ORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI SPAZI E ATTREZZATURE (E 8.2) SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO de 8.2 LIVELLI PRESTAZIONALI E PRESCRIZIONI SPECIFICHE [1]

Dettagli

4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI

4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI Pag. 1 di 15 4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI Nell ambito della struttura scolastica operano, oltre alle varie mansioni già individuate

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALITA

RELAZIONE TECNICA GENERALITA RELAZIONE TECNICA GENERALITA L'Amministrazione del Comune di Gonnoscodina ha conferito all Ing. Elio Musa l'incarico della progettazione, direzione lavori, contabilità, per i lavori riguardanti MANUTENZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fa 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Manzoni, 18 - MANIAGO (PN) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

SCHEMA DELLA PROCEDURA STANDARDIZZATA. Descrizione generale dell'azienda MODULO N. 1.1 Paragrafo 4.1

SCHEMA DELLA PROCEDURA STANDARDIZZATA. Descrizione generale dell'azienda MODULO N. 1.1 Paragrafo 4.1 SCHEMA DELLA PROCEDURA STANDARDIZZATA PASSO N. 1 PASSO N. 2 PASSO N. 3 Descrizione dell'azienda, del ciclo lavorativo/attivit à e delle mansioni Individuazione dei pericoli presenti in azienda Valutazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

ATTIVITA DI ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA)

ATTIVITA DI ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) ATTIVITA DI ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) INIZIO ATTIVITÀ - SUBINGRESSO TRASFERIMENTO DI SEDE VARIAZIONI - CESSAZIONE ATTIVITA Al Comune di Ai sensi del d.lgs. n.59/2010

Dettagli

VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA

VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE

Dettagli

Art. 3 Determinazione della capienza delle palestre

Art. 3 Determinazione della capienza delle palestre g) limite di compensabilità: limitazione posta alla compensabilità di superfici, calcolata sulla base del rapporto tra l ambiente più grande e l ambiente più piccolo; h) frazionabilità degli spogliatoi:

Dettagli

D.P.I.) e Presidi sanitari (cassetta di pronto soccorso);

D.P.I.) e Presidi sanitari (cassetta di pronto soccorso); Allegato "A" al bando per la nomina del RSPP PRESTAZIONI RICHIESTE L'incarico consiste a) nello svolgimento di tutti i compiti ed adempimenti propri del RSPP, meglio individuati nell'art.33 del D. Lgs.

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Comune di Caneva Provincia di Pordenone LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PALESTRA CENTRO STUDI DI VIA MARCONI PROGETTO ESECUTIVO ALL. E: RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

Dettagli

ALBERGHI RIFERIMENTO NORMATIVO. Art. 81 Regolamento comunale di igiene. Art. 126 Regolamento comunale di igiene

ALBERGHI RIFERIMENTO NORMATIVO. Art. 81 Regolamento comunale di igiene. Art. 126 Regolamento comunale di igiene ALBERGHI Tipologia di locali che devono essere presenti (condizione minima richiesta per alberghi ad una *): A Locale ricevimento portineria informazioni B camere C servizi igienici comuni/servizi igienici

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Norme di sicurezza per costruzione e gestione impianti sportivi Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 D.M. 18 marzo

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA D.M. 10-03-98 D.Lgs. 81/08

PIANO DI EMERGENZA D.M. 10-03-98 D.Lgs. 81/08 Indice 0 Generalità 1 Informazioni generali, luoghi, vie di esodo 2 Elenco impianti e attrezzature antincendio presenti 3 Popolazione presente 4 Obblighi e norme comportamentali degli addetti all emergenza

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo le procedure standardizzate ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo le procedure standardizzate ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Viene presentato un Esempio di Realizzazione di Documento di Valutazione dei Rischi secondo le Procedure Standardizzate. Per maggiori informazioni sul nostro servizio a basso costo vi invitiamo a contattarci:

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO

SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO AMBIENTI/ARREDI 1 SCADENZE 31 31 DICEMBRE 2004 2004 (LEGGE 265/99) 265/99) ADEGUAMENTO ADEGUAMENTO STRUTTURALE STRUTTURALE NORME NORME ANTINCENDIO ANTINCENDIO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO ASSEMINI

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO ASSEMINI DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO ASSEMINI Cod. mecc.: CAEE037009 - Cod. Fisc. 80009480924 Via Di Vittorio, 5 09032 Assemini (CA) Tel. 070940692 fax 070942713 e-mail: CAEE037009@istruzione.it DOCUMENTO

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Procedure standardizzate per la valutazione dei rischi Pubblicato il Decreto Interministeriale del 30 novembre 2012 Con il Decreto Interministeriale dei 30 novembre 2012 sono state recepite le procedure

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO

SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO SCHEDA TECNICA N 18 SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

All Azienda U.L.S.S. N. 20 Servizio Igiene e Sanità Pubblica Via S. D Acquisto, 7 VERONA

All Azienda U.L.S.S. N. 20 Servizio Igiene e Sanità Pubblica Via S. D Acquisto, 7 VERONA Riservato all'ufficio Marca da Bollo 10,33 All Azienda U.L.S.S. N. 20 Servizio Igiene e Sanità Pubblica Via S. D Acquisto, 7 VERONA OGGETTO: Richiesta di parere igienico-sanitario per rilascio di Concessione/Autorizzazione

Dettagli

PIANO DELL EMERGENZA

PIANO DELL EMERGENZA PIANO DELL EMERGENZA ISTITUTO COMPRENSIVO LAIVES 1 BIBLIOTECA INTERSCOLASTICA Via Innerhofer 17 39055 Laives ai sensi del DL 626/94 DM 26/08/92 e DI 10/03/98 Anno scolastico 2013/2014 Identificazione e

Dettagli

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009 Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro Modena, 30 ottobre 2009 Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. n. 106 "Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

La scuola sicura ORIZZONTI SCUOLA. Premessa:

La scuola sicura ORIZZONTI SCUOLA. Premessa: Premessa: La scuola sicura In che modo salvaguardare la sicurezza nelle scuole? Quali sono i principali rischi per docenti e studenti? Cosa fare in caso di situazioni di emergenza? Come proteggersi da

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ALLESTIMENTO DI UN CENTRO PER LA DIVULGAZIONE SCIENTIFICA PRESSO I LOCALI DELL EDIFICIO 10 DI POLARIS PULA.

PROGETTO PRELIMINARE PER L ALLESTIMENTO DI UN CENTRO PER LA DIVULGAZIONE SCIENTIFICA PRESSO I LOCALI DELL EDIFICIO 10 DI POLARIS PULA. PROGETTO PRELIMINARE PER L ALLESTIMENTO DI UN CENTRO PER LA DIVULGAZIONE SCIENTIFICA PRESSO I LOCALI DELL EDIFICIO 10 DI POLARIS PULA. RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA STUDIO ASSOCIATO degli Ingg. Salvatore

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-5 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI REQUISITI STRUTTURALI, TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI

Dettagli

CHECKLIST PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

CHECKLIST PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA SUL LAVORO CHECKLIST PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

Dettagli

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag.

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag. Indice Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio GENERALITA Pag. 3 1. ATTIVITA SVOLTA Pag. 3 2. DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA E DELL ATTIVITÀ SVOLTA Pag. 3 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3 2.2

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA Schede preliminari identificative dell Istituzione scolastica e degli eventuali plessi, che vanno compilate, per ogni singolo edificio, ed inviate al seguente indirizzo e-mail 81@euservice.it euservice

Dettagli