Appunti delle lezioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appunti delle lezioni"

Transcript

1 Autodesk 3ds Max Appunti delle lezioni Operare in Autodesk 3ds Max con modelli di Revit Architecture Traduzione a cura di Anna Osello 1

2 Contenuti Contenuti... 2 Prefazione... 4 Organizzazione... 4 Introduzione... 4 Unità 1: Trasferimento Dati... 6 Teoria: Trasferimento dati... 6 Esportazione da Revit Architecture in formato DWG... 6 Impostazione dell interfaccia utente di default di 3ds Max... 6 Impostazione delle unità di misura a video di 3ds Max... 6 Collegare un file DWG... 7 Binding un file DWG ds Max: Trasferimento dati... 7 Connessione... 7 Caratteristiche e concetti da imparare... 7 Appunti... 8 Argomenti pratici... 8 Domande... 8 Unità 2: Visione d insieme dell interfaccia utente... 9 Teoria: Visione d insieme dell interfaccia utente... 9 Selezione di oggetti... 9 Il Layer Manager... 9 La finestra di dialogo Select Objects by Name... 9 Regolare la grandezza delle finestre Utilizzare Zoom, Pan e Arc Rotate Modificare le viste ds Max: visione d insieme dell interfaccia utente Connessione Caratteristiche e concetti da imparare Appunti Argomenti pratici Domande Unità 3: Modellazione aggiuntiva Teoria: Modellazione aggiuntiva Modificatori Modificatore Noise Scalare una geometria Paint Deformation Merging di un file di 3ds Max Clonazione Vegetazione ds Max: Modellazione aggiuntiva Connessione Caratteristiche e concetti da imparare Appunti Argomenti pratici Domande Unità 4: Materiali Teoria: Materiali

3 Impostazione del percorso della mappa Determinare il tipo di materiale Impostare la mappa in scala reale Le mappe procedurali di Revit Architecture Applicare i materiali del tipo mental ray Architectural and Design ds Max: Materiali Connessione Caratteristiche e concetti da imparare Appunti Argomenti pratici Domande Unità 5: Illuminazione Teoria: Illuminazione Creare un sistema di luce diurna Animare la luce nell arco della giornata Creare Omni Lights per interni Animare le Omni Lights ds Max: Illuminazione Connessione Caratteristiche e concetti da imparare Appunti Argomenti pratici Domande Unità 6: Rendering Teoria: Rendering Creare e posizionare una cinepresa I comandi della cinepresa Animare una cinepresa La finestra di dialogo Render Impostare il Final Gather Salvare immagini renderizzate dalla finestra Framebuffer Salvare direttamente dalla finestra di dialogo Render Renderizzare un animazione ds Max: Rendering Connessione Caratteristiche e concetti da imparare Appunti Argomenti pratici Domande

4 Prefazione Questo documento comprende delle unità (appunti teorici con relativi esercizi in Autodesk 3ds Max) che insegnano i principi fondamentali del texturing, dell animazione e del rendering di scene tridimensionali in 3ds Max. Esso è diviso in sei unità che trattano gli strumenti utilizzati comunemente in un progetto architettonico di Revit Architecture e 3ds Max. Le sei unità possono essere sviluppate rapidamente in una settimana oppure, approfondendo gli argomenti, per un intero semestre. Non tutte le unità sono tra loro uguali in lunghezza o importanza. La seguente tabella indica quanto tempo potrebbe essere necessario per affrontare i diversi argomenti. Sem. Giorno Teoria Autodesk 3ds Max I. 1 Trasferimento dati Esportazione da Revit Architecture, collegamento di un file DWG Visione d insieme Interfaccia di base, layers, manipolazione delle finestre dell interfaccia utente I. 2 Modellazione aggiuntiva Creazione di una primitiva standard, modificatore Noise, Paint Deformation, vegetazione I. 3 Materiali Impostare la scala della mappa, applicare i materiali del tipo mental ray Architectural and Design I. 4 Illuminazione Creazione e animazione di un sistema di luce diurna usando le Omni Lights I. 5 Rendering Creazione e animazione di una cinepresa, rendering di immagini e animazioni Organizzazione In generale, ciascuna unità è suddivisa nelle seguenti parti: Teoria Autodesk 3ds Max Connessione Caratteristiche e concetti da imparare Appunti Argomenti pratici Domande Alla fine di ciascuna unità viene proposto un elenco di argomenti per aiutare l allenamento pratico; in alcuni casi, è citato l eserciziario associato a questo documento. In altri casi questi argomenti offrono all insegnante degli spunti per illustrare i concetti e la teoria. Si possono utilizzare queste unità per completare un curriculum esistente, come per esempio il curriculum di Revit Architecture, o come base per farne uno nuovo. Pensare che siano degli argomenti per le lezioni può essere utile ma, i contenuti di queste dipendono dall utente. Introduzione 3ds Max è un esauriente strumento di visualizzazione per creare immagini e animazioni di alta qualità. Il flusso di lavoro di 3ds Max include comunemente modellazione, creazione e applicazione di materiali, illuminazione, utilizzo delle cineprese, animazione e rendering. 4

5 Quando 3ds Max è usato per la visualizzazione di disegni architettonici, la geometria proviene tipicamente da altri programmi, in questo caso da Revit Architecture. La caratteristica del collegamento dei file di 3ds Max permette la cattura dei dati di Revit con il potente vantaggio di poter aggiornare il file in seguito alle modifiche fatte su Revit. Una volta che i dati vengono inseriti in 3ds Max, i potenti strumenti di modellazione del software entrano in gioco. La potenzialità sta nella modellazione organica di forme libere, come per esempio la creazione del terreno, delle pietre o della vegetazione. I materiali sono una caratteristica chiave di 3ds Max. Essi definiscono come la luce interagisce con le superfici del modello e, di conseguenza, determinano il livello di realismo delle immagini renderizzate. Il Material Editor di 3ds Max contiene una esauriente raccolta di strumenti che permettono di rappresentare una grande varietà di materiali reali. I materiali applicati in Revit Architecture sono contenuti con eccezioni minori, così i cambiamenti possono essere fatti solo sugli oggetti prescelti. 3ds Max prevede una luce di base naturale e una non naturale che sono progettate per soddisfare ogni tipo di esigenza. Un esempio importante è il sistema di luce diurna che comprende due luci e una mappa ambiente che consente rapidi ed estremamente efficaci rendering di scene all aperto. 3ds Max supporta animazioni create con fotogrammi chiave, dove ogni aspetto della scena può essere virtualmente cambiato. L applicazione più pertinente per lavorare con Revit Architecture è l animazione della cinepresa e della luce. L operazione di rendering conclude il lavoro di visualizzazione del progetto. Esso è il processo in cui il modello e i suoi materiali applicati, le luci e l animazione coreografata concorrono insieme per creare immagini o sequenze video. Questo documento prevede teoria ed esercizi designati per immergere lo studente all interno di un processo lavorativo di visualizzazione del disegno architettonico usando Revit Architecture e 3ds Max. 5

6 Unità 1: Trasferimento dati Questa unità tratta il trasferimento dei modelli di disegno da Revit Architecture a 3ds Max. La procedura implica l esportazione dei files da Revit Architecture in formato DWG, e il loro successivo collegamento a 3ds Max. Questa unità tratta, inoltre, le impostazioni della interfaccia utente di default e delle unità di misura ed anche l operazione di interruzione del collegamento al file DWG (binding). Teoria: Trasferimento dati Il trasferimento dati tra Revit Architecture e 3ds Max viene compiuto attraverso il formato file DWG. Un file DWG contenente una costruzione geometrica 3D viene esportato da Revit Architecture. Questo file viene quindi portato in 3ds Max usando lo strumento File Link Manager. Questa unità tratta tutte le fasi di questo processo di trasferimento dei dati. Esportazione da Revit Architecture in formato DWG Revit Architecture è in grado di rappresentare in diversi modi gli elementi del modello. Per esempio l oggetto porta possiede una: - Vista 2D in pianta. - Vista 2D in prospetto. - Vista tridimensionale. Generalmente, 3ds Max richiede un modello tridimensionale. In Revit, di default, l esportazione genera dati associati alla vista attiva é quindi opportuno, prima dell esportazione, attivare una vista 3D. Revit Architecture esporta sia Polymesh sia solidi ACIS. Entrambi lavorano bene con 3ds Max. La modalità Polymesh tratta gli oggetti di Revit Architecture come entità composte da più componenti, rendendo facilmente modificabili i materiali, ad esempio distinguendo l interno e l esterno di un muro. I solidi ACIS hanno il vantaggio di trattare gli oggetti come se fossero dei volumi e questo consente di usare le operazione booleane in 3ds Max al fine di creare intersezioni, unioni o sottrazioni tra gli oggetti. Tuttavia questo rende la manipolazione dei materiali un pò più complessa, in quanto occorre lavorare nei sottolivelli dell oggetto per applicare materiali differenti allo stesso oggetto. Impostazione dell interfaccia utente di default di 3ds Max È possibile impostare l interfaccia utente di default di 3ds Max per differenti applicazioni. La modalità DesignVIZ.mentalray è appropriata per la realizzazione di rendering fotorealistici di modelli architettonici. Attivandola, si può usufruire di funzionalità aggiuntive, tra cui: - Attivazione delle estensioni di mental ray. - Parametri extra per cineprese, luci, e ombre. - Aggiunta di materiali architettonici e di design nel Material Editor. - Impostazione delle textures in scala reale. Un completo elenco delle impostazioni di DesignVIZ:mentalray è presente nel pannello informativo raggiungibile attraverso il menu Customize (Customize > Custom UI and Defaults Switcher). Dopo aver impostato i parametri, occorre uscire dal programma e aprirlo nuovamente per rendere effettivi i cambiamenti. Impostazione delle unità di misura a video di 3ds Max Il modello geometrico viene memorizzato nel database in unità di misura di sistema (Sistem Units). L interfaccia utente visualizza il modello in unità di misura a video (Display Units), le quali possono essere 6

7 impostate in funzione delle esigenze, senza produrre un alterazione delle dimensioni dell oggetto. 3ds Max converte automaticamente i valori da un sistema di unità all altro. Collegare un file DWG 3ds Max contiene il File Link Manager che governa i collegamenti a uno o più files DWG. La caratteristica chiave del collegamento file è la capacità di mantenere una connessione con il file sorgente. Se il file in Revit Architecture viene modificato e nuovamente esportato andando a sostituire il precedente file DWG, si ha la possibilità di aggiornare i dati in 3ds Max. Il File Link Manager contiene diverse opzioni per il controllo del processo di collegamento. Le impostazioni di collegamento adatte per i files di Revit Architecture sono disponibili selezionando Revit nella scheda Preset, all interno della finestra di dialogo del File Link Manager. Quando un file è collegato, si possono specificare i layers del file sorgente da includere. Binding un file DWG Si utilizza l opzione bind per interrompere il collegamento al file DWG. I successivi cambiamenti al file DWG non possono più essere aggiornati in 3ds Max. 3ds Max: Trasferimento dati Connessione L unità sul trasferimento dati dell eserciziario illustra il processo di trasferimento dei dati da Revit Architecture a 3ds Max. Caratteristiche e concetti da imparare Esportazione da Revit Architecture in formato DWG Impostare di una vista 3D in Revit Architecture Selezionare l output in formato ACIS o Polymesh Esportare il file DWG Impostazione dell interfaccia utente di default di 3ds Max Attivare la modalità DesignVIZ.mentalray Impostazione delle unità di misura a video di 3ds Max Accedere alla finestra di dialogo Display Unit Specificare le unità di misura a video Collegare un file DWG Accedere al File Link Manager Scegliere le preimpostazioni dei parametri di collegamento 7

8 Scalare le unità di misura Collegare il file Binding un file DWG Binding un file DWG collegato Appunti Esportazione da Revit Architecture in formato DWG Prima di esportare da Revit Architecture occorre attivare una vista 3D. I dati possono essere esportati come Polymesh o ACIS. Impostazione dell interfaccia utente di default di 3ds Max Quando l interfaccia utente è impostata su DesignVIZ.mentalray, il programma utilizza il motore di rendering mental ray. Un esempio è il sistema di luce diurna che utilizza automaticamente il sole e il cielo di mental ray (mrsun e mrsky). L impostazione dell interfaccia utente deve essere fatta solo una volta. Essa conserva le nuove impostazioni fino a quando queste non vengono nuovamente modificate. Impostazione delle unità di misura a video di 3ds Max 3ds Max possiede un Sistem Unit e un Display Unit. Il primo controlla come i dati vengono memorizzati mentre il secondo controlla come le unità vengono presentate. Il software tratta automaticamente la conversione tra un sistema e l altro. Collegare un file DWG Il file collegato mantiene una connessione con il file sorgente DWG. I cambiamenti a questo file possono essere aggiornati in 3ds Max. Il File Link Manager è l interfaccia per lavorare con i files DWG collegati. Possono essere specificati i layers da collegare e i dati in entrata possono essere regolati. Binding un file DWG Binding un file collegato si interrompe la connessione con il file sorgente e vengono eliminate le opzioni di aggiornamento di ogni cambiamento effettuato su quest ultimo file. Argomenti pratici - Aprire la finestra di dialogo Units Setup ed esaminare le differenti alternative offerte sulle unità di misura a video. - Impostare alcune differenti unità di misura a video e scoprire le differenze creando una geometria semplice come, ad esempio, una sfera. - Aprire il File Link Manager e collegare un file DWG in 3ds Max. - Binding il file DWG che era stato collegato nel passaggio precedente. Domande - L interfaccia utente di default deve essere impostata ogni volta che si avvia 3ds Max? - Le unità di misura a video di 3ds Max possono essere diverse dalle sue unità di misura di sistema? - Se un file DWG è scollegato da 3ds Max, possono essere aggiornati i cambiamenti fatti sul file sorgente? 8

9 Unità 2: Visione d insieme dell interfaccia utente Questa unità dà uno sguardo agli strumenti di 3ds Max per selezionare e organizzare oggetti e manipolare il display. Teoria: Visione d insieme dell interfaccia utente Quando 3ds Max viene utilizzato con Revit Architecture, lo scopo è normalmente quello di renderizzare immagini, creare una sequenza animata o entrambe. Il lavoro include modellazione, applicazione dei materiali, illuminazione e definizione del movimento della cinepresa. Il processo richiede anche ripetute selezioni di oggetti e manipolazioni delle finestre di scena. Questa unità descrive come raggiungere questi obbiettivi. Selezione di oggetti Probabilmente si può dire che il metodo più intuitivo per selezionare oggetti specifici sia semplicemente quello di cliccare su di essi all interno della finestra. Questa tecnica è veloce ed efficace nella maggior parte dei casi. Tuttavia, quando si lavora con scene complesse o quando la posizione di un oggetto è sconosciuta, occorre utilizzare altri metodi. 3ds Max fornisce diverse alternative che permettono agli utenti di selezionare gli oggetti velocemente e in maniera efficace. Una caratteristica importante di 3ds Max è che ogni oggetto della scena ha un nome. Le modalità per individuare gli oggetti all interno dell interfaccia utente sono: - Mantenere il cursore fermo sopra ad un oggetto per far apparire delle tooltips che riportano il suo nominativo. - Utilizzare il pannello di comando delle modifiche per visualizzare il nome ed il colore dell oggetto selezionato. - Utilizzare le finestre di dialogo Select by Name e Layer Manager. In esse sono elencati tutti gli oggetti presenti nella scena. È possibile selezionare uno o più oggetti in base al nome, indipendentemente dalla loro posizione all interno della scena e della loro visibilità nella finestra. Il Layer Manager I layers in 3ds Max sono analoghi a quelli di AutoCAD e di Revit Architecture. Essi forniscono un metodo per organizzare gli oggetti e ordinare le loro caratteristiche associandole ai layers stessi. La finestra di dialogo Layer Manager contiene tutti i layer presenti all interno della scena. Inoltre, gli oggetti contenuti all interno di ogni layer possono essere mostrati direttamente nel Layer Manager. Il Layer Manager può essere usato per selezionare gli oggetti all interno della scena ed impostare le caratteristiche dei layers. Per esempio, un particolare layer può essere congelato. Gli oggetti che vi appartengono possono essere visti ma non selezionati. L operazione di congelamento è utile per evitare che, inavvertitamente, si muovano o si modifichino gli oggetti di un particolare layer. Un layer può essere, inoltre, nascosto. Gli oggetti contenuti all interno di un layer nascosto rimangono nel file ma non sono visibili nelle finestre di lavoro. Questa operazione può essere utile per ridurre il numero degli elementi all interno delle finestre al fine di focalizzare l attenzione su determinati oggetti. Visualizzando la gerarchia dei layers si possono gestire gli oggetti appartenenti ai layers stessi. Lo stato di visibilità, di congelamento e di render di un oggetto può essere impostato per singoli elementi o per layer. La finestra di dialogo Select Objects by Name La finestra di dialogo Select Objects by Name in 3ds Max contiene elencati tutti gli oggetti di scena, indipendentemente dai loro layers. La lista può essere filtrata in base alla tipologia degli oggetti come le 9

10 geometrie, le luci, le cineprese, e poche altre categorie. Gli oggetti possono essere elencati in ordine alfabetico o in base alla tipologia, al colore e alla dimensione. L utilità di questa finestra dipende dalla convenzione utilizzata per nominare gli elementi. Gli oggetti provenienti da Revit Architecture sono spesso duplicati o troppo generici per consentire un facile utilizzo di questo strumento. Quindi, gli utenti di Revit Architecture potrebbero trovare più conveniente l utilizzo degli strumenti applicati ai layers. Tuttavia, è importante considerare la finestra di dialogo Select by Name come uno strumento chiave per lavorare in 3ds Max. Regolare la grandezza delle finestre L area del display di 3ds Max può contenere una o più finestre. Quando sono presenti più finestre, le loro grandezze relative possono essere modificate trascinando i loro bordi interni. Il layout può essere ripristinato cliccando con il pulsante destro del mouse su un bordo e impostando Reset Layout. Si può attivare solo una finestra per volta e la si può rendere attiva con un semplice click del pulsante destro del mouse all interno del suo perimetro. Una finestra attiva può essere impostata in modalità full screen usando la combinazione ALT+W. Utilizzare Zoom, Pan e Arc Rotate Un requisito comune delle applicazioni grafiche 3D è l abilità a manipolare le finestre in modo da poter visualizzare la scena da diversi e vantaggiosi punti di vista. Gli strumenti di navigazione delle finestre di 3ds Max sono posizionati nell angolo in basso a destra dell interfaccia. Quelli più comunemente usati sono Zoom, Pan e Arc Rotate. Lo Zoom adatta il display per mostrare una vista ingrandita o rimpicciolita della scena. Il Pan controlla la porzione di scena mostrata in una finestra mantenendo la stessa impostazione di Zoom. Infine, Arc Rotate permette di posizionare il punto di vista in ogni punto dello spazio tridimensionale così da poter vedere gli oggetti da ogni direzione. Notare che Zoom, Pan e Arc Rotate alterano solo il display degli oggetti di scena. Nessuno di questi strumenti modifica realmente la grandezza di un oggetto o la sua posizione nello spazio tridimensionale. Gli strumenti di navigazione cambiano leggermente a seconda che si riferiscano a finestre di proiezioni ortogonali (come top, front e left) o finestre di rappresentazioni prospettiche (come perspective e camera). Zoom e Pan possono essere attivati utilizzando la rotellina del mouse, eliminando così la necessità di cercare e cliccare uno strumento specifico. Facendola roteare si cambia lo Zoom. Tenendola premuta e trascinando il mouse si attiva il Pan. Lo strumento Arc Rotate si ottiene premendo il tasto ALT mentre si mantiene cliccato la rotella del mouse. Ci sono tre tipologie di Arc Rotate: grigia, bianca e gialla. Sono accessibili dall arc rotate flyout che appare quando si tiene premuto lo strumento. La modalità grigia è lo strumento base Arc Rotate. Esso ruota la vista rispetto al centro di vista corrente. La modalità bianca è l Arc Rotate Selected. Esso ruota rispetto al centro di geometria dell oggetto o degli oggetti selezionati. La modalità gialla è l Arc Rotate Sub-Object. Esso ruota la vista rispetto al centro di geometria di un sub-object selezionato, come una faccia o un vertice. Il nome di ogni modalità appare sulla Barra di stato non appena si posiziona il cursore sopra i comandi del flyout. Modificare le viste 3ds Max possiede diversi tipi di finestre. Uno di questi è ortogonale e viene anche chiamato vista flat o vista straight-on. Esso include le finestre top, front e left. Queste rappresentano la scena utilizzando le proiezioni parallele e sono utili per creare nuovi oggetti sui tre piani di costruzione del sistema di coordinate globale, o confrontare la posizione degli oggetti lungo gli assi X,Y e Z. 10

11 Un altro tipo di finestra è quello prospettico che assomiglia di più alla modalità di percezione dell occhio umano. Infine, ogni finestra può essere impostata come vista della cinepresa. Questo fornisce una visualizzazione interattiva della scena che si aggiorna in tempo reale ad ogni cambiamento di posizione o di parametri della cinepresa. La vista attiva può essere salvata dal menu View. Questa opzione è utile specialmente per viste prospettiche. La vista salvata può essere ripristinata in ogni momento durante il processo. Le finestre possono mostrare ogni tipo di vista. Ogni vista può essere selezionata attraverso il menu a scomparsa attivabile dall etichetta delle finestre. Sono previsti dei tasti di scelta rapida per alcune viste comuni, come T per top, F per front e P per perspective. 3ds Max fornisce inoltre un menu Viewports accessibile premendo il tasto V. Il menu permette di passare velocemente ad ogni vista (ortogonale, prospettica o camera) ed è utile in particolar modo se ad una vista non è stato assegnato un tasto di scelta rapida. Nel Viewport Shading mode si può passare a Shaded, Wireframe e Edged Faces usando i tasti funzione. Il tasto F3 permette il passaggio dalla modalità Shaded alla modalità Wireframe e viceversa mentre il tasto F4 permette di attivare o disattivare la modalità Edged Faces. Quest ultima evidenzia la geometria sottostante quando gli oggetti sono in modalità shaded. Wireframe Shaded Edges Faces 3ds Max: Visione d insieme dell interfaccia utente Connessione L unità sull interfaccia utente dell eserciziario introduce i layers e gli strumenti per il controllo della vista in 3ds Max. 11

12 Caratteristiche e concetti da imparare Interfaccia grafica 1. Barra dei menu 2. Barra principale 3. Finestra attiva 4. Cursore temporale 5. Barra delle tracce 6. Barra di stato 7. Display delle coordinate e type-ins 8 9 Comandi di tempo e animazione 10. Comandi della finestra di visualizzazione 11. Rollout 12. Categorie degli strumenti 13. Pannello comandi 14. Strumenti di trasformazione (Move, Rotate, Scale) 15. Barra dei Layers 16. Finestre di dialogo Modeless (mostra il Layer Manager) 17. Finestra di dialogo Modal (mostra i Select Objects) Layers Abilitare la barra dei livelli Nascondere i livelli Creare un Layer Current basato su un Object Selection Utilizzare il Layer Manager Selezionare tutti gli oggetti di un layer Selezionare oggetti individuali nel Layer Manager Selezionare gli oggetti mediante la finestra di dialogo Select Objects by Name Display Subtree Selezionare gli oggetti genitori Manipolare le finestre Ridimensionare e reimpostare le Viewports Ingrandire e rimpicciolire una vista attiva Strumenti di navigazione Utilizzare Zoom, Pan e Arc Rotate Visualizzazione delle Viewports Salvare e ripristinare una vista attiva Cambiare le viste Etichette delle finestre Modalità di ombreggiatura Appunti I layers I layers sono comodi per la gestione delle scene. Usando i layers si possono facilmente nascondere o congelare degli oggetti per evitare che essi possano essere selezionati per errore. Per fare questo si può utilizzare la barra dei layers o il Layer Manager che fornisce alcune funzionalità aggiuntive. Si possono utilizzare gli strumenti legati ai layers anche per selezionare velocemente oggetti di scena, globalmente o individualmente. Sia la barra dei layers che il Layer Manager sono privi di modalità, ovvero si possono lasciare sullo schermo mentre si lavora sulla propria scena. La finestra di dialogo Select by Name Si può aprire la finestra di dialogo Select by Name in due modi: utilizzando l icona sulla Barra principale o digitando la lettera H sulla tastiera. I nomi possono essere cambiati a piacere. Utilizzando un criterio logico 12

13 per la nominazione degli oggetti, la finestra di dialogo Select by Name diventa uno strumento utile. La lista può essere filtrata in base alla tipologia degli oggetti come la geometria, le cineprese e così via. Regolare la grandezza delle finestre La grandezza relativa del layout a finestra multipla può essere modificata. Il layout originale può essere ripristinato cliccando con il pulsante destro del mouse su un qualsiasi lato di una finestra e impostando Reset Layout. Può essere attivata solo una finestra per volta. Si attiva una finestra cliccando con il pulsante destro del mouse all interno di essa. Utilizzando il pulsante destro del mouse si mantiene la selezione degli oggetti correnti mentre cliccando con il pulsante sinistro in un area libera si annulla la selezione fatta in precedenza. Una finestra attiva può essere impostata in modalità full screen digitando il comando Maximize Viewport Toggle nell angolo in basso a destra dello schermo, o premendo ALT+W sulla tastiera. Se si digita nuovamente il comando viene ripristinato il precedente layout a finestra multipla. Utilizzare Zoom, Pan e Arc Rotate Zoom, Pan e Arc Rotate sono i più comuni strumenti per la navigazione delle finestre. Si accede ad essi tramite la barra nell angolo in basso a destra dello schermo oppure utilizzando la rotellina del mouse. Facendo ruotare la rotellina si incrementa lo Zoom. Premendola e trascinando il mouse si attiva l opzione Pan. Si può ottenere uno Zoom in tempo reale mantenendo premuti CTRL+ALT mentre si pigia la rotellina e si trascina il mouse. In fine, per utilizzare Arc Rotate occorre premere contemporaneamente ALT e la rotellina mentre si trascina il mouse. Modificare le viste Le viste possono essere cambiate in diversi modi: usando i tasti di scelta rapida, le etichette delle finestre, o il tasto V della tastiera che elenca tutte le opzioni disponibili nel menu a scomparsa. Le viste possono essere impostate in diverse modalità, come Wireframe (F3), Shaded (F3) e Edged Faces (F4). Quest ultima evidenzia la geometria nascosta e mostra le superfici in ombra. Si può inoltre salvare una particolare vista prospettica per utilizzarla successivamente. Argomenti pratici - Aprire un file di 3ds Max e usare il Layer Manager per capire l organizzazione degli oggetti. Provare a selezionarne alcuni localizzandoli all interno delle finestre. - Usare gli strumenti di controllo delle finestre per manipolare la scena. Osservarla da diverse direzioni e utilizzare i menu a scomparsa per passare dalla rappresentazione prospettica a quella ortogonale e viceversa. Domande - Quali sono i tasti di scelta rapida per passare dalla modalità shaded a quella wireframe e viceversa? - Perché è utile utilizzare la modalità Edged Faces? - Come si possono eseguire i comandi Zoom e Pan con la rotellina del mouse? - Quali sono i comandi di scelta rapida per impostare le modalità perspective, top, front, e camera all interno delle finestre? - Come si possono ripristinare le finestre dopo aver cambiato la loro dimensione? - Quale comando di scelta rapida si utilizza per aprire la finestra di dialogo Select by Name? 13

14 Unità 3: Modellazione aggiuntiva Questa unità tratta diversi strumenti per la modellazione in 3ds Max utilizzabili nelle applicazioni architettoniche. Teoria: Modellazione aggiuntiva Quando 3ds Max e Revit Architecture vengono utilizzati insieme nel flusso di lavoro di un applicazione di progettazione architettonica, la maggior parte del lavoro di modellazione viene eseguito in Revit Architecture. Tuttavia, diversi strumenti di modellazione di 3ds Max sono adatti per creare geometrie organiche e altri elementi che possono arricchire la scena. Questa unità descrive alcuni di questi strumenti. Modificatori I modificatori in 3ds Max possono essere applicati agli oggetti per cambiare la loro forma o le loro caratteristiche oltre alle modifiche apportabili tramite i soli parametri degli oggetti. I modificatori vengono selezionati dalla lista dei modificatori nel Modifier panel. Ce ne sono molti tra cui poter scegliere e diversi sono i risultati a cui conducono. Più di un modificatore può essere applicato ad uno stesso oggetto. Una finestra chiamata modifier stack mostra l oggetto base e tutti i modificatori applicati che funzionano come filtri sull oggetto base. 3ds Max realizza la forma finale di un oggetto partendo da un oggetto base al quale si applicano, progressivamente, i diversi modificatori. Si può scegliere tra due tipi di modificatori: modificatori OSM (Object-Space modifiers), che agiscono localmente su un oggetto, e modificatori WSM (World-Space modifiers), che relazionano l oggetto con lo spazio 3D circostante. Modificatore Noise Il modificatore Noise è usato per spostare casualmente i vertici delle mesh a cui è applicato. Il modificatore sposta i vertici secondo i tre assi coordinati X, Y e Z conformemente ai parametri specifici fondamentali. I due piani mostrati sono identici, ma a quello di destra è stato applicato il modificatore Noise. Il parametro Fractal aggiunge un grado di irregolarità o di caos alla mesh. Il modificatore Noise contiene il parametro Seed. Cambiando il valore di questo parametro due oggetti identici saranno diversi dopo l applicazione del modificatore. Un differente valore del parametro Seed causa infatti una variazione della casualità di modificazione. In questa unità, il modificatore Noise viene applicato ad un oggetto standard di 3ds Max, la geosfera. Notare che il modificatore Noise è più efficace se può lavorare su un grande numero di vertici. Quando viene applicato a primitive standard, occorre incrementare il parametro segments per aumentare la risoluzione della mesh. 14

15 Scalare una geometria La scalatura di un elemento è uno degli strumenti di trasformazione previsti in 3ds Max. Esistono tre strumenti per scalare: - Uniform Scale Tool: come esplicitato dal nome stesso, lo strumento scala una geometria uniformemente nelle tre direzioni coordinate - Nonuniform Scale Tool: lo strumento scala un oggetto in modo diverso in ogni direzione coordinata - Squash: compie contemporaneamente diverse operazioni di scala, per esempio, rimpicciolendo un oggetto in una direzione mentre lo ingrandisce nelle altre due. L effetto, come indicato dal nome stesso, è quello di schiacciare l oggetto mantenendo il volume. Come gli strumenti di trasformazione Move e Rotate, il comando Scale indica, tramite un particolare gizmo, su quale asse o su quali assi è stato applicato. Per esempio, selezionando l asse Z e trascinando il mouse si scala esclusivamente l asse Z. Quando si sposta il cursore sopra un asse diventa, questo diventa giallo. Paint Deformation Paint deformation lavora con oggetti di tipo Editable Poly e permette di tirare e spingere vertici trascinando il cursore sopra una superficie, come se si stesse dipingendo. Paint deformation agisce muovendo i vertici lungo le loro direzioni normali. È utile per dare forma a terreni e creare paesaggi. Usando Paint deformation su una mesh si spostano i vertici. Merging di un file di 3ds Max Gli oggetti contenuti all interno di un file di 3ds Max possono essere portati in un altro file di 3ds Max. Questo processo è chiamato merging. Quando si inserisce un file in un altro, occorre selezionare gli oggetti della sorgente che si vogliono trasferire nella scena corrente. I materiali associati a questi oggetti diventano anch essi parte del file di 3ds Max corrente. Clonazione Clonazione è un termine usato per descrivere il processo di creazione del duplicato di un oggetto. In 3ds Max sono possibili tre tipi di clonazione: 15

16 - Copy: questo comando permette di creare una o più copie di un oggetto originale che sono indipendenti tra loro. Sono tutti separatamente definiti nel database; quindi le modifiche apportate ad uno di essi non si ripercuotono sugli altri. - Instance: con questa opzione tutti gli oggetti sono derivati da una singola definizione nel database. Se si modifica un oggetto si ha l immediato aggiornamento degli altri. - Reference: questo comando ha alcune caratteristiche comuni ad entrambe le opzioni Copy e Instance. Con questo comando, una modifica apportata all oggetto originale si ripercuote anche sugli oggetti clonati. Tuttavia, le modifiche fatte sui duplicati non influenzano nè l originale nè gli altri duplicati. Si può accedere allo strumento Clone in due modi: - Cliccando Edit menu > Clone - Premendo il tasto SHIFT con gli strumenti di trasformazione (Move, Rotate o Scale). Usando quest ultimo approccio si ha il vantaggio che gli oggetti clonati sono separati, sono quindi più facili da distinguere e selezionare. Utilizzando lo strumento Clone dal menu Edit, il duplicato viene creato nella stessa posizione. La clonazione applica nomi sequenziali agli oggetti. Per esempio, se il primo oggetto si chiama sfera01, i cloni verranno chiamati sfera02, sfera03, e così via. Vegetazione La categoria Foglige prevede la selezione di alberi e cespugli tridimensionali. Questi oggetti hanno parametri che controllano l altezza, la densità, la potatura e la visualizzazione dei componenti. Sono accessibili dalla AEC Extended category del pannello di creazione. Questa categoria di elementi ha molte facce e questo, nonostante contribuisca al loro realismo, rallenta la fase di rendering, soprattutto se sono presenti in numero considerevole all interno della scena. 3ds Max: Modellazione aggiuntiva Connessione La parte sulla modellazione aggiuntiva dell eserciziario guida gli studenti attraverso diversi esercizi di modellazione. Caratteristiche e concetti da imparare Creazione di una primitiva Impostare i parametri dell oggetto Il modificatore Noise Impostare il parametro Fractal Impostare il parametro Strength Scalare una geometria Usare lo strumento Uniform Scale Usare lo strumento Non Uniform Scale Usare lo strumento Squash Paint Deformation Impostare i parametri Usare lo strumento Push/Pull Usare lo strumento Relax Merging di un file di 3ds Max 16

17 Merging di un file di 3ds Max Selezionare gli oggetti da trasferire Clonazione Usare lo strumento Copy Usare lo strumento Instance Usare lo strumento Reference Vegetazione Creare un albero o un cespuglio Appunti Il modificatore Noise Il modificatore Noise è utile per dare irregolarità e aspetto naturale alla geometria degli oggetti. Questo si ottiene spostando i vertici della mesh. La potenza di questo modificatore può essere impostata nelle direzioni dei tre assi coordinati X, Y e Z. Il parametro Fractal conferisce alla mesh un aspetto irregolare, e il parametro Seed permette una diversificazione della casualità di modificazione. Lo strumento Scale Si utilizza lo strumento Scale per ingrandire o rimpicciolire un oggetto. Quando si scala un oggetto con lo strumento Uniform Scale, ogni asse viene influenzato nello stesso modo mentre, quando si applica lo strumento Nonuniform Scale, ogni asse viene scalato in modo indipendente. Con lo strumento Squash avviene un ingrandimento nella direzione di un asse e un rimpicciolimento nelle altre due, o viceversa. Lo Squash mantiene il volume dell oggetto. Paint Deformation Questo strumento opera su oggetti Editable Poly o su oggetti con un modificatore Edit Poly applicato. Esso causa lo spostamento dei vertici della mesh lungo le loro direzioni normali mentre il cursore viene trascinato sulla superficie. Occorre usare il tasto ALT per invertire la direzione dello spostamento. Merging di un file di 3ds Max Un file di 3ds Max può essere portato in un altro. Occorre innanzitutto specificare gli oggetti del file sorgente che devono essere trasferiti. Questa operazione non consente di mantenere un collegamento con il file sorgente. Clonazione Clonando un oggetto questo viene duplicato. Esistono tre tipi di clonazione: Copy, Instance e Reference. Copy crea un duplicato indipendente. Instance fonda ogni duplicato su una singola definizione nel database per cui le modifiche apportate su uno qualsiasi degli oggetti si ripercuotono anche sugli altri. Con Reference le modifiche apportate all oggetto originale vengono trasmesse anche ai cloni mentre le modifiche fatte sui duplicati sono indipendenti e non si trasmettono né all oggetto originale né agli altri cloni. Vegetazione Foliage è uno strumento per la creazione di alberi e cespugli tridimensionali. Gli oggetti creati offrono un alto grado di realismo, e si possono modificare parametri come la densità e la potatura. Argomenti pratici - Creare un oggetto piano con 50 segmenti in lunghezza e in larghezza e applicare il modificatore Noise. Sperimentare i parametri Fractal e Strength. - Creare tre geosfere e provare i tre strumenti Scale: Uniform Scale, Nonuniform Scale e Squash. 17

18 - Creare un oggetto piano con 50 segmenti in lunghezza e in larghezza. Applicare un modificatore Edit Poly al piano, e sperimentare lo strumento Paint Deformation. Provare il comando Push/Pull e il comando Relax. Usare il tasto ALT per invertire la direzione della deformazione. - Creare una primitiva standard di 3ds Max, una teiera, per esempio, e usare lo strumento Clone per creare una copia. Cambiare il raggio della teiera. Osservare che solo l elemento su cui si è operato ha subito un cambiamento. Ora clonare un istanza dell originale e apportare un cambiamento al raggio. Osservare che entrambi gli elementi si sono modificati. Creare un duplicato dell originale con il comando Reference, e applicare il modificatore Noise al clone. Variare i parametri del modificatore e osservare che solo l oggetto duplicato subisce i cambiamenti. L originale rimane inalterato. - Creare diversi alberi e cespugli. A turno selezionarli tutti e modificare la loro grandezza, la loro densità, e la potatura per vederne gli effetti. Domande - Quale pannello di comando viene usato per applicare il modificatore Noise? - Quando si clona un oggetto, qual è la differenza tra Copy e Instance? - Qual è lo strumento utilizzato per scalare un oggetto in una sola direzione coordinata? - Quando si trasferisce un file di 3ds Max con il comando merge, i materiali vengono trasferiti con il modello? - In quale categoria di oggetti sono contenuti gli alberi e la vegetazione in generale? 18

19 Unità 4: Materiali Questa unità esamina i materiali ed il Material Editor. Teoria: Materiali I materiali determinano il modo in cui la luce interagisce con le superfici del modello e sono di primaria importanza nel raggiungimento di una immagine renderizzata di qualità. I materiali vengono progettati nell interfaccia del Material Editor e successivamente applicati agli oggetti di scena. Questa unità introduce i concetti basilari sui materiali: l impostazione dei percorsi per le mappe, la determinazione del nome e del tipo di un materiale esistente, l impostazione della scala reale della mappa, la regolazione delle coordinate della mappatura e l applicazione dei materiali di tipo mental ray Architectural and Design. Impostazione del percorso della mappa Quando si collega un file DWG in 3ds Max, questo potrebbe includere riferimenti a materiali bitmap applicati nel programma sorgente come, ad esempio, in Revit Architecture. Per poter effettuare correttamente il render, 3ds Max deve poter localizzare queste mappe. Impostando il percorso della mappa si fornisce la collocazione nella quale 3ds Max può ricercare queste bitmaps. I controlli del percorso si trovano in Customize > Cunfigure User Paths. La finestra di dialogo risultante fornisce gli s trumenti per aggiungere o modificare le posizioni di ricerca. Files esterni importati (es. bitmaps) (Cerca in) Percorso cartelle Aggiungi percorso Gli studenti, svolgendo gli esercizi dell eserciziario, non dovrebbero incontrare alcun problema con i percorsi delle mappe poiché tutti i files e le bitmaps sono contenute nella stessa cartella di lavoro. Tuttavia, vengono fornite queste informazioni per preparare l utente a questa eventualità. Determinare il tipo di materiale Il nome del materiale di un oggetto è presente nella finestra di dialogo Object Properties. Si può accedere a questa finestra cliccando con il pulsante destro del mouse sopra un oggetto e scegliendo poi Quad menu > Object Properties. Si possono visionare tutti i dettagli di un materiale caricandolo in uno slot campione nel Material Editor. Il Material Editor fornisce gli strumenti per determinare il nome e il tipo di un materiale applicato ad un oggetto. Lo strumento Pick Material from Object (eyedropper) permette di portare il materiale di un oggetto dalla 19

20 scena allo slot campione. Una volta caricato nello slot, tutti i dettagli del materiale sono mostrati all interno del Material Editor Rollouts. Queste informazioni includono il tipo di materiale e i riferimenti alle bitmaps. Trasferiti da Revit Architecture, i materiali basati su bitmaps (immagini scannerizzate) richiedono solo un input dell utente poiché sono già scalati e impostati con l immagine appropriata. Al contrario, i materiali di Revit Architecture basati su calcoli procedurali (matematici) non sono riconosciuti in 3ds Max e richiedono, quindi, più lavoro. Impostare la mappa in scala reale Quando le bitmaps vengono applicate agli oggetti, sono spesso ripetute sulla superficie. Questa ripetizione è chiamata tiling, e il parametro tiling specifica quante volte la bitmap viene ripetuta. Esempi di bitmaps che richiedono l utilizzo di questo parametro sono i mattoni o le piastrelle di ceramica per pavimenti. Tradizionalmente, il valore del parametro tiling potrebbe essere trovato dividendo la lunghezza globale di un oggetto con la lunghezza della geometria rappresentata nella bitmap. Con l opzione Real-World Map Scale si può evitare questo calcolo. Quando la mappa viene impostata in scala reale, si inseriscono le misure delle dimensioni reali orizzontale e verticale dell immagine bitmap. Ad Esempio, se l immagine mostra due mattoni pieni disposti di lato, occorre inserire il valore della larghezza pari a 510 mm considerando il giunto tra i due elementi pari a 10 mm. Una volta che il valore della dimensione è stato inserito, 3ds Max opera il calcolo del tiling e ripete appropriatamente l immagine da una parte all altra della superficie. La Real-World Map Scale non è attiva di default in 3ds Max, a meno che l interfaccia utente non sia impostata su DesignVIZ.mentalray, come visto nella prima unità. A questo punto viene applicato il modificatore MapScaler. Lo scopo principale del modificatore è quello di mantenere la scala della mappa quando un oggetto viene scalato. L opzione da considerare è detta Wrap Texture. Essa viene utilizzata per posizionare correttamente gli elementi della copertura sul tetto della Lake House. Le mappe procedurali di Revit Architecture Quando i files DWG vengono esportati da Revit Architecture e collegati in 3ds Max, i materiali sono, di norma, inclusi. Una eccezione è costituita dai materiali basati su mappe procedurali. Una mappa procedurale è generata dal programma e non è basata su una bitmap a grandezza fissa. Quando un materiale di Revit Architecture include una mappa procedurale, esso viene letto da 3ds Max come un Architectural Material type senza mappa e viene applicato solamente il colore diffuso (il colore sotto luce diretta) sulla superficie. Per porre rimedio a questa situazione c è bisogno di individuare un idonea mappa e applicarla in 3ds Max per sostituire l informazione del colore diffuso. 20

3D STUDIO MAX [ PROGRAMMA CORSO ]

3D STUDIO MAX [ PROGRAMMA CORSO ] FFA 3D STUDIO MAX [ PROGRAMMA CORSO ] OBIETTIVI Il corso si propone di formare gli allievi sul noto programma di grafica vettoriale 3d e di animazione, introducendolo attraverso una panoramica più generale

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

Il controllo della visualizzazione

Il controllo della visualizzazione Capitolo 3 Il controllo della visualizzazione Per disegnare in modo preciso è necessario regolare continuamente l inquadratura in modo da vedere la parte di disegno che interessa. Saper utilizzare gli

Dettagli

BLENDER. LEZIONI DI LABORATORIO Lezione 1

BLENDER. LEZIONI DI LABORATORIO Lezione 1 BLENDER LEZIONI DI LABORATORIO Lezione 1 Sito ufficiale: www.blender.org BLENDER Sito ufficiale italiano: www.blender.it Wiki: http://wiki.blender.org/ Quick start: http://wiki.blender.org/index.php/file:quickstart_guide.png

Dettagli

FFA CAD 2D/3D E RENDERING CON 3D STUDIO MAX

FFA CAD 2D/3D E RENDERING CON 3D STUDIO MAX FFA CAD 2D/3D E RENDERING CON 3D STUDIO MAX OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli allievi le abilità pratiche necessarie per una corretta formazione relativa all uso professionale di AUTOCAD 2D,

Dettagli

Introduzione alla Grafica 3D

Introduzione alla Grafica 3D Informatica Grafica per le arti Introduzione alla Grafica 3D La realizzazione di grafica tridimensionale e' un processo molto complicato che richiede notevole potenza di calcolo. Generare un'immagine tridimensionale

Dettagli

CAD 2D/3D E RENDERING

CAD 2D/3D E RENDERING FFA CAD 2D/3D E RENDERING OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli allievi le abilità pratiche necessarie per una corretta formazione relativa all uso professionale di AUTOCAD 2D, 3D e RENDERING con

Dettagli

Viste prospettiche in Autocad: Vista Dinamica

Viste prospettiche in Autocad: Vista Dinamica Viste prospettiche in Autocad: Vista Dinamica La rappresentazione tridimensionale in AutoCAD comprende oltre alle viste assonometriche anche quelle prospettiche. Il comando VISTAD (_dview) consente di

Dettagli

La carta intelligente: l ambiente layout

La carta intelligente: l ambiente layout La carta intelligente: l ambiente layout Un layout di AutoCAD è paragonabile a un foglio di carta e vi consente di impostare alcune opzioni tra cui quelle di stampa. In un disegno avete la possibilità

Dettagli

3D STUDIO MAX + VRAY Corso per studenti e professionisti che vogliono specializzarsi nel campo della modellazione tridimensionale e rendering.

3D STUDIO MAX + VRAY Corso per studenti e professionisti che vogliono specializzarsi nel campo della modellazione tridimensionale e rendering. 300 INFO E CONTATTI +39.380.9049170 3D STUDIO MAX + VRAY Corso per studenti e professionisti che vogliono specializzarsi nel campo della modellazione tridimensionale e rendering. Architetti che insegnano

Dettagli

Introduzione a ARCHICAD

Introduzione a ARCHICAD Introduzione a ARCHICAD Politecnico Di Bari Ingegneria Edile - Architettura Corso di Informatica Grafica A.A. 2004/2005 Docente del Corso: Marcello Castellano Assistente: Oronzo Tavani Pre-requisiti Pre-requisiti:

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 D. MANUALE UTILIZZO DEL VISUALIZZATORE Il Visualizzatore è un programma che permette di

Dettagli

Partiamo dalla creazione di un semplice testo in 3d, poi aggiungeremo una luce, una camera, un materiale e degli effetti video post.

Partiamo dalla creazione di un semplice testo in 3d, poi aggiungeremo una luce, una camera, un materiale e degli effetti video post. Basi di modellazione by Joyrayd Creazione di un testo 3D Partiamo dalla creazione di un semplice testo in 3d, poi aggiungeremo una luce, una camera, un materiale e degli effetti video post. Andate sul

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

SOMMARIO: NOVITÀ DI PAINT SHOP PRO 7...3 CARATTERISTICHE DI PAINT SHOP PRO...5 CARATTERISTICHE DELLE FINESTRE...17 CREAZIONI DI IMMAGINI...

SOMMARIO: NOVITÀ DI PAINT SHOP PRO 7...3 CARATTERISTICHE DI PAINT SHOP PRO...5 CARATTERISTICHE DELLE FINESTRE...17 CREAZIONI DI IMMAGINI... SOMMARIO: NOVITÀ DI PAINT SHOP PRO 7...3 CARATTERISTICHE DI PAINT SHOP PRO...5 CARATTERISTICHE DELLE FINESTRE...17 CREAZIONI DI IMMAGINI...20 CREAZIONI DI FILE DI IMMAGINI...20 APERTURA DI FILE DI IMMAGINI...21

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

I file raster gestione e stampa

I file raster gestione e stampa Alla fine del capitolo saremo in grado di: Conoscere il significato dei file di raster Saper distinguere il file raster da quello vettoriale. Saper gestire i file Raster Saper vettorializzare manualmente

Dettagli

Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello

Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello Claudio Gussini Programma dei Corsi I e II Livello Livello I - Modellazione Base - In questi primi tre giorni di corso, gli allievi impareranno a disegnare e modificare accuratamente modelli in NURBS-3D.

Dettagli

INTRODUZIONE AD AUTOCAD

INTRODUZIONE AD AUTOCAD 3 AUTOCAD: VISUALIZZAZIONE, SELEZIONE E PRECISIONE 3.1 ORIENTARSI NELLO SPAZIO DI LAVORO - NOZIONI DI BASE Dove si trovano gli oggetti grafici? Spesso nel muovere i primi passi in AutoCAD i principianti

Dettagli

CORSO DI 3DS MAX+VRAY

CORSO DI 3DS MAX+VRAY @.com..com IL SOFTWARE Realizzato da Autodesk, 3d Studio Max è un programma di grafica vettoriale tridimensionale e animazione particolarmente indicato a quanti vogliano, in maniera assolutamente professionale,

Dettagli

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente EasyPrint v4.7 Impaginatore Album Manuale Utente Lo strumento di impaginazione album consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di organizzare le immagini in maniera

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

Guida all'utilizzo di "Ambiente Italia 3D"

Guida all'utilizzo di Ambiente Italia 3D Guida all'utilizzo di "Ambiente Italia 3D" MATTM-SCC-DM0006-V01-01 Pagina 1 di 34 Sommario 1 Avvio del programma Ambiente Italia 3D 3 2 Elementi dell'interfaccia 5 2.1 Il visualizzatore 5 2.2 La barra

Dettagli

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni Windows XP In questa sezione, si desidero evidenziare le caratteristiche principali di Windows cercando possibilmente di suggerire, per quanto possibile, le strategie migliori per lavorare velocemente

Dettagli

Syllabus P.E.K.I.T. CAD

Syllabus P.E.K.I.T. CAD Syllabus P.E.K.I.T. CAD 1 Fase 1 Concetti di base 1.1 Cominciare a lavorare 1.1.1 Campi di applicazioni del CAD Sistemi di disegno tecnico computerizzato (CAE, CAM, GIS) Autodesk e le versioni di AutoCAD,

Dettagli

Premessa. GUI: organizzazione generale

Premessa. GUI: organizzazione generale Premessa Luxology Modo è un software di grafica 3D di ultima generazione. Non è un software con una vocazione specifica, ma piuttosto un sistema estremamente flessibile che comprende modellazione solida

Dettagli

SardegnaMappe Manuale utente

SardegnaMappe Manuale utente SardegnaMappe Manuale utente [2] Indice 1. Introduzione 4 2. Requisiti dell utente 5 3. L applicazione SardegnaMappe 6 3.1. Panoramica dell applicazione 6 3.1.1. Accesso all applicazione 6 3.1.2. Icona

Dettagli

Time Line: File=>Nuova Chiave Scorciatoia: Nessuna

Time Line: File=>Nuova Chiave Scorciatoia: Nessuna 356 Animare il Progetto del Logo 3D Si aprirà il dialogo della Sequenza. Cambiare la sequenza per farla iniziare al Fotogramma 91 e terminare al Fotogramma 160. Clic su OK. Passo 6. Rotazione Sequenza

Dettagli

CORSO CGI E COMPOSITING

CORSO CGI E COMPOSITING CORSO CGI E COMPOSITING per la fotografia pubblicitaria INTERNO GRIGIO IL CORSO Introduzione il corso è pensato per fornire una conoscenza completa degli strumenti di cui il settore della fotografia pubblicitaria

Dettagli

Sommario Indietro >> Aggiungi Rimuovi Lingua? Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida

Sommario Indietro >> Aggiungi Rimuovi Lingua? Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida Sommario Indietro >> Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida Personalizzazione Apertura del pannello di controllo Funzioni del pannello di controllo Schede Elenchi del pannello di controllo

Dettagli

per immagini guida avanzata Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Elementi chiave della formattazione professionale per immagini guida avanzata GRAFICO PIRAMIDI 35 30 25 20

Dettagli

Una caffettiera napoletana. Tutorial2. Materiale di proprietà di 4m group www.4mgroup.it Tutti i diritti riservati.

Una caffettiera napoletana. Tutorial2. Materiale di proprietà di 4m group www.4mgroup.it Tutti i diritti riservati. Una caffettiera napoletana Tutorial2 Esercitazione guidata Una caffettiera napoletana Dopo tante teiere, concedetevi, finalmente, il piacere di un buon caffè napoletano! Preparate tutto l occorrente: aprite

Dettagli

3DSMAX 6. Una panoramica su l interfaccia e gli strumenti a disposizione

3DSMAX 6. Una panoramica su l interfaccia e gli strumenti a disposizione 3DSMAX 6 Una panoramica su l interfaccia e gli strumenti a disposizione Vediamo di capire l interfaccia e i comandi base con i quali iniziare a lavorare con MAX, con le prossime guide affronteremo la modellazione

Dettagli

Manuale d uso - Pencil 0.4.3b by Pascal Naidon - 21 Luglio 2007 (da completare)

Manuale d uso - Pencil 0.4.3b by Pascal Naidon - 21 Luglio 2007 (da completare) Manuale d uso - Pencil 0.4.3b by Pascal Naidon - 21 Luglio 2007 (da completare) Traduzione di Eros Bottinelli Introduzione Un documento di Pencil è basato sui livelli. Ci sono attualmente quattro tipi

Dettagli

Accademia di Belle Arti di Roma / A. A. 2013/2014 / Prof. Luciano Fabale. Tecniche di rendering (3DS max) parte 1

Accademia di Belle Arti di Roma / A. A. 2013/2014 / Prof. Luciano Fabale. Tecniche di rendering (3DS max) parte 1 Tecniche di rendering (3DS max) parte 1 Premessa Accademia di Belle Arti di Roma / A. A. 2013/2014 / Prof. Luciano Fabale La restituzione fotografica (rendering) di un modello/scenario in 3ds richiede

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del

INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del testo... 6 Selezione attraverso il mouse... 6 Selezione

Dettagli

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Alla fine del capitolo saremo in grado di: Operare su forme tridimensionali comunque inclinate nello spazio rispetto ai piani

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12 $FFHVV;3 A Sommario cura di Ninni Terranova Marco Alessi DETERMINARE L INPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 DETERMINARE L OUTPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 CREARE LA STRUTTURA DI UNA TABELLA 3 STABILIRE

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per:

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: 1 - File Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: - l apertura e salvataggio di disegni nuovi e esistenti; - al collegamento con altri programmi, in particolare AutoCAD; - le opzioni di importazione

Dettagli

GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services. Manuale d'uso

GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services. Manuale d'uso GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services Manuale d'uso Indice generale Visualizzatore GREASE...1 Toolbar...3 FUNZIONI DI BASE...3 Annulla selezione...4 Aggiornamento...4 Stampa...4

Dettagli

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI Benvenuti a tutti al corso sull utilizzo di Autocad, in questa prima lezione voglio quali sono i principi base del funzionamento di Autocad. Autocad non è nient altro che

Dettagli

Visualizzazione e navigazione 3D

Visualizzazione e navigazione 3D 02 Visualizzazione e navigazione 3D La maggior parte dei progettisti che utilizzano AutoCAD, soprattutto quelli che lo usano da molto tempo sono, generalmente abituati a considerare questo software CAD

Dettagli

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro INFORMATICA MICROSOFT WORD Prof. D Agostino Funzioni ed ambiente di lavoro...1 Interfaccia di Word...1 Stesso discorso per i menu a disposizione sulla barra dei menu: posizionando il puntatore del mouse

Dettagli

Corso di INFORMATICA GRAFICA. Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani. Introduzione ad AutoCAD

Corso di INFORMATICA GRAFICA. Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani. Introduzione ad AutoCAD Corso di INFORMATICA GRAFICA Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani Introduzione ad AutoCAD Autodesk AutoCAD COS È AUTOCAD? Autodesk AutoCAD è un pacchetto software per la costruzione e modifica di disegni

Dettagli

Camera matching. Il camera matching

Camera matching. Il camera matching Il camera matching Uno dei classici problemi di rappresentazione architettonica e' quello di inserire un modello digitale in un contesto reale del quale abbiamo delle fotografie analogiche o digitali.

Dettagli

StarBoard Software Rel. 8.1

StarBoard Software Rel. 8.1 StarBoard Software Rel. 8.1 Trasforma le lezioni in opportunità creative per stimolare l'apprendimento. Un set dinamico di strumenti di supporto all insegnamento, per fare lezione, progettato per gli educatori.

Dettagli

Manuale elettronico Selection CAD

Manuale elettronico Selection CAD Manuale elettronico Selection CAD Versione: 1.0 Nome: IT_AutoCAD_V1.PDF Argomenti: 1 Nozioni generali su Selection CAD (AutoCAD)...2 2 Interfaccia AutoCAD...2 2.1 Funzioni di menu...2 2.2 Funzioni delle

Dettagli

SardegnaFotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE

SardegnaFotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE SardegnaFotoAeree La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA [2] Indice 1. Introduzione 2. Navigatore 5 7 8 9 2.1. Strumenti di navigazione 2.2. Ricerca

Dettagli

COME MODELLARE UN GUANCIALE CON NEWTEK LIGHTWAVE 3D Corso per principianti.

COME MODELLARE UN GUANCIALE CON NEWTEK LIGHTWAVE 3D Corso per principianti. COME MODELLARE UN GUANCIALE CON NEWTEK LIGHTWAVE 3D Corso per principianti. Questa mini lezione è strutturata in modo da agevolare gli utenti meno esperti di NewTek Lightwave 3D Nei successivi passaggi

Dettagli

Animazione di assiemi

Animazione di assiemi Animazione di assiemi Numero di pubblicazione spse01693 Animazione di assiemi Numero di pubblicazione spse01693 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva e sulle limitazioni d uso Questo prodotto

Dettagli

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Francesco Contò Unità 7 - Impaginazione di una carta tematica per la stampa (layout di stampa) Informazioni generali:

Dettagli

Software Arteco Client

Software Arteco Client Software Arteco Client Per gestire il sistema di videosorveglianza, utilizzeremo il software Arteco Logic Next. Al primo avvio, sarà necessario inserire le informazioni del server di videosorveglianza

Dettagli

TotalMedia. BARRA DEI PULSANTI La barra dei pulsanti a scomparsa appare per alcuni secondi ogni volta che spostate il mouse sullo schermo.

TotalMedia. BARRA DEI PULSANTI La barra dei pulsanti a scomparsa appare per alcuni secondi ogni volta che spostate il mouse sullo schermo. TotalMedia INTRODUZIONE Benvenuti in ArcSoft TotalMedia, l applicazione multimediale all-in-one che vi permette di gestire e utilizzare le vostre immagini digitali, i video, i programmi TV, la radio e

Dettagli

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 1. Novità di Excel 2003 MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 CAPITOLO 1 Microsoft Office Excel 2003 ha introdotto alcune novità ed ha apportato miglioramenti ad alcune funzioni già esistenti nelle precedenti versioni

Dettagli

UN USO DIVERSO DEL COMANDO RACCORDA

UN USO DIVERSO DEL COMANDO RACCORDA UN USO DIVERSO DEL COMANDO RACCORDA Il comando raccorda ha anche un uso diverso da quello di smussare gli angoli di polinee o di poligoni.. Può servire per ottenere un tipo molto particolare di ESTENDI.

Dettagli

Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF. 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati 2. Raddrizzamento analitico

Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF. 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati 2. Raddrizzamento analitico Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF Informazioni generali: Esercitazione: Introduzione 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati Prerequisiti 2. Raddrizzamento analitico Obiettivi

Dettagli

Il rendering fotorealistico. Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico

Il rendering fotorealistico. Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico Il rendering fotorealistico Conferimento ad oggetti 3D di un aspetto particolarmente fotorealistico Rendering fotorealistico Gli oggetti sottoposti a rendering devono essere facce 3D o essere tridimensionali.

Dettagli

Tutorial 3DRoom. 3DRoom

Tutorial 3DRoom. 3DRoom Il presente paragrafo tratta il rilievo di interni ed esterni eseguito con. L utilizzo del software è molto semplice ed immediato. Dopo aver fatto uno schizzo del vano si passa all inserimento delle diagonali

Dettagli

Strumenti Urbanistici on-line: requisiti e struttura del sito... Informazioni sulla procedura di download e installazione di Map Guide Viewer, sulla

Strumenti Urbanistici on-line: requisiti e struttura del sito... Informazioni sulla procedura di download e installazione di Map Guide Viewer, sulla Strumenti Urbanistici on-line: requisiti e struttura del sito... Informazioni sulla procedura di download e installazione di Map Guide Viewer, sulla struttura del sito e sugli elementi degli ambienti di

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA SMART BOARD

GLI STRUMENTI DELLA SMART BOARD GLI STRUMENTI DELLA SMART BOARD La struttura tecnologica è formata da: Lavagna interattiva:può essere di varie misure (da 48 a94 ) e formati (4/3 o 16/9) Proiettore: può essere sia grandangolare (con molti

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Sommario Uso del computer e gestione dei file... 3 Sistema Operativo Windows... 3 Avvio di Windows... 3 Desktop... 3 Il mouse... 4 Spostare le icone... 4 Barra delle

Dettagli

CORSO BASE DI REVIT ARCHITECTURE 2014

CORSO BASE DI REVIT ARCHITECTURE 2014 Corso di Autocad Revit Architecture - software BIM 3D di Autodesk Il BIM consente di far comunicare fra loro tutte le discipline coinvolte nei processi di progettazione architettonica, offrendo a geometri,

Dettagli

La LIM a proiezione frontale si serve di un proiettore che può essere posizionato su uno stativo. ... o fissato sul soffitto

La LIM a proiezione frontale si serve di un proiettore che può essere posizionato su uno stativo. ... o fissato sul soffitto La Lavagna Multimediale Interattiva è una periferica del computer. Allo stato dell arte della tecnologia disponibile sul mercato, la Lavagna Interattiva Multimediale è una periferica del personal computer.

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

Corso base AutoCAD 2D-3D. Corso AA. 2013-2014 Docente : Arch. Antonella Cafiero

Corso base AutoCAD 2D-3D. Corso AA. 2013-2014 Docente : Arch. Antonella Cafiero Corso base AutoCAD 2D-3D Corso AA. 2013-2014 Docente : Arch. Antonella Cafiero 1 - Introduzione ad AutoCAD Interfaccia grafica GUI Uso della tastiera Uso del mouse Barra dei menu Menu di scelta rapida

Dettagli

Corso di Autocad Revit Architecture - software BIM 3D di Autodesk

Corso di Autocad Revit Architecture - software BIM 3D di Autodesk Corso di Autocad Revit Architecture - software BIM 3D di Autodesk Il BIM (Building Information Modeling) consente di far comunicare fra loro tutte le discipline coinvolte nei processi di progettazione

Dettagli

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 INDICE 1 Strumenti di Presentazione... 4 2 Concetti generali di PowerPoint... 5 2.1 APRIRE POWERPOINT... 5 2.2 SELEZIONE DEL LAYOUT... 6 2.3 SALVARE LA PRESENTAZIONE...

Dettagli

CAD 2D / 3D. Autocad 2D/3D - Revit - Inventor - RhinoCeros - Autocad Eletrical

CAD 2D / 3D. Autocad 2D/3D - Revit - Inventor - RhinoCeros - Autocad Eletrical CAD 2D / 3D Autocad 2D/3D - Revit - Inventor - RhinoCeros - Autocad Eletrical Autocad 2D / 3D Questo corso è indirizzato a chi intenda acquisire le conoscenze necessarie per utilizzare AutoCAD 2D e 3D

Dettagli

Modulo 2 - ECDL. Uso del computer e gestione dei file. Fortino Luigi

Modulo 2 - ECDL. Uso del computer e gestione dei file. Fortino Luigi 1 Modulo 2 - ECDL Uso del computer e gestione dei file 2 Chiudere la sessione di lavoro 1.Fare Clic sul pulsante START 2.Cliccare sul comando SPEGNI COMPUTER 3.Selezionare una delle opzioni STANDBY: Serve

Dettagli

GRAPHPAD - PRO GUIDA PER GLI UTENTI

GRAPHPAD - PRO GUIDA PER GLI UTENTI GRAPHPAD - PRO GUIDA PER GLI UTENTI Settembre 2011 v2.3.0 Di Robert Shawhan Presentazione: 2 Interfaccia: 2 Schizzo: 2 Punti: 2 Linee: 2 Aree: 2 Archi: 2 Dimensioni: 2 Mettere in scala: 2 Frecce: 2 Testo:

Dettagli

Le texture UVMap in LightWave 3D

Le texture UVMap in LightWave 3D Le texture UVMap in LightWave 3D di Gian Domenico Rosi Versione di riferimento Versione 9 Conoscenze richieste Per eseguire questo tutorial è necessaria la semplice conoscenza di base dell interfaccia

Dettagli

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D Marzo 2015 (manuale on-line, con aggiunte a cura di L. Tomasi) Questo articolo si riferisce a un componente della interfaccia utente di GeoGebra. Viste Menu Vista Algebra

Dettagli

Sommario. 4. Modellare una copertura a falde... 51 Introduzione...51 Realizzare la copertura...51 Primo piano con terrazzo...57

Sommario. 4. Modellare una copertura a falde... 51 Introduzione...51 Realizzare la copertura...51 Primo piano con terrazzo...57 Sommario Introduzione... 11 1. Passare a Rhinoceros... 13 I paradigmi di modellazione...14 Perché Rhinoceros, un modellatore di superfici?...16 Adottare il paradigma di modellazione di Rhinoceros...18

Dettagli

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo FINSON EXTRACAD 6 minimo AVVIO Attraverso l icona ExtraCAD 2D presente sul desktop o tra i programmi del menù Start. In alcuni casi il software potrebbe non essere stato installato nella cartella Programmi,

Dettagli

Capitolo 11. Il disegno in 3D

Capitolo 11. Il disegno in 3D Capitolo 11 Il disegno in 3D o 11.1 Uso delle coordinate nello spazio o 11.2 Creazione di oggetti in 3D o 11.3 Uso dei piani di disegno in 3D (UCS) o 11.4 Creazione delle finestre di vista o 11.5 Definizione

Dettagli

Tutorial rendering esterno architettonico

Tutorial rendering esterno architettonico Rendering di un esterno. Materiali per l'architettura Dopo aver importato il modello dell'edificio da autocad, assegnare un modificatore uvw mapping alle varie geometrie scegliendo come tipo di mappatura

Dettagli

software applicativo per AutoCAD OmbraSolare 1.0 - Manuale d uso

software applicativo per AutoCAD OmbraSolare 1.0 - Manuale d uso software applicativo per AutoCAD OmbraSolare 1.0 - Manuale d uso Indice Descrizione...pag. 3 Installazione. pag. 4 Caricamento in AutoCAD ed avvio del programma. pag. 4 Uso di OmbraSolare....pag. 5 Disegno

Dettagli

Server E-Map. Installazione del Server E-Map. Finestra del Server E-Map

Server E-Map. Installazione del Server E-Map. Finestra del Server E-Map Manuale d uso per i programmi VS Server E-Map Con E-Map Server, si possono creare mappe elettroniche per le telecamere ed i dispositivi I/O collegati a GV-Video Server. Usando il browser web, si possono

Dettagli

Olga Scotti. Basi di Informatica. Il sistema operativo Windows

Olga Scotti. Basi di Informatica. Il sistema operativo Windows Basi di Informatica Il sistema operativo Windows Perchè Windows? MS-DOS: Interfaccia di solo testo Indispensabile conoscere i comandi Linux & Co. : Meno diffuso soprattutto nelle aziende Bella interfaccia

Dettagli

Breve guida a WORD per Windows

Breve guida a WORD per Windows 1. COSA È Il Word della Microsoft è pacchetto applicativo commerciale che rientra nella categoria dei word processor (elaboratori di testi). Il Word consente il trattamento avanzato di testi e grafica,

Dettagli

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente 1. Introduzione Il Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli (SGSS) rappresenta l evoluzione dell ambiente

Dettagli

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni.

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni. Maschere di Livello Maschere di livello Le maschere di livello sono utili per nascondere porzioni del livello a cui vengono applicate e rivelare i livelli sottostanti. Sono uno strumento di composizione

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Sistema WEB-GIS

Dettagli

Manuale Utente Ver. Pro WebGIS Informcity Bim Piave

Manuale Utente Ver. Pro WebGIS Informcity Bim Piave Manuale Utente Ver. Pro WebGIS Informcity Bim Piave 1 ACCESSIBILITA AL SISTEMA 3 2 VISUALIZZAZIONE ED ATTIVAZIONE DEI LIVELLI CARTOGRAFICI 4 2.1 Visualizzazione del singolo livello cartografico 4 2.2 Accensione/spegnimento

Dettagli

Guida rapida all uso del software LuxiBoard 3.0

Guida rapida all uso del software LuxiBoard 3.0 L avagna I nterattiva M ultimediale Guida rapida all uso del software LuxiBoard 3.0 1. Barra degli strumenti principale La barra principale raggruppa gli strumenti utilizzati più frequentemente. È possibile

Dettagli

L'INTERFACCIA DI AUTOCAD

L'INTERFACCIA DI AUTOCAD L'INTERFACCIA DI AUTOCAD L'interfaccia di autocad: la schermata di ingresso questa è la prima schermata che si presenta all'utente all'apertura di Autocad. Come si può vedere le barre strumenti non sono

Dettagli

Manuale Driver Maker (Plug-in per ECM Titanium)

Manuale Driver Maker (Plug-in per ECM Titanium) Manuale Driver Maker (Plug-in per ECM Titanium) Introduzione Questo manuale contiene una spiegazione completa del plug-in Driver Maker, che è un componente aggiuntivo sviluppato per ECM Titanium, il software

Dettagli

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino -

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino - Capitolo3 LAVORARE CON LE IMMAGINI E certo che l impatto visivo in un sito internet è molto importante ma è bene tenere presente che immagini e fotografie, pur arricchendo la struttura grafica di un web,

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file 2.1 L AMBIENTE DEL COMPUTER 1 2 Primi passi col computer Avviare il computer Spegnere correttamente il computer Riavviare il computer Uso del mouse Caratteristiche

Dettagli

Guida rapida dei comandi

Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Questo capitolo presenta una rapida panoramica dei comandi di PRO_SAP con le relative modalità di accesso. Le informazioni presentate per ogni comando

Dettagli

1. DESCRIZIONE DI CIASCUN COMPONENTE

1. DESCRIZIONE DI CIASCUN COMPONENTE 1. DESCRIZIONE DI CIASCUN COMPONENTE 1.1 Stativo 1. Regolazione della messa a fuoco 2. Vite di bloccaggio 3. Anello di fissaggio 1.2 Microscopio digitale Tasto x fotografare Linea di indicazione dell ingrandimento

Dettagli

WINDOWS: uso della tastiera e del mouse

WINDOWS: uso della tastiera e del mouse WINDOWS: uso della tastiera e del mouse a cura di: Francesca Chiarelli ultimo aggiornamento: settembre 2015 http://internet.fchiarelli.it La tastiera FUNZIONE DI EDIZIONE TAST. NUMERICO Tasti principali

Dettagli

Manuale utente di Gwenview. Aurélien Gâteau Christopher Martin Henry de Valence Traduzione della documentazione: Federico Zenith

Manuale utente di Gwenview. Aurélien Gâteau Christopher Martin Henry de Valence Traduzione della documentazione: Federico Zenith Aurélien Gâteau Christopher Martin Henry de Valence Traduzione della documentazione: Federico Zenith 2 Indice 1 Introduzione 5 1.1 Cos è Gwenview...................................... 5 2 L interfaccia

Dettagli

Procedura d installazione configurazione del sistema e caratteristiche della V8

Procedura d installazione configurazione del sistema e caratteristiche della V8 Procedura d installazione configurazione del sistema e caratteristiche della V8 Alla fine del capitolo saremo in grado di: Installare il programma. Conoscere le caratteristiche necessarie del sistema hardware.

Dettagli