Studio Impatto Ambientale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio Impatto Ambientale"

Transcript

1 Pagina 30 di QUADRO PROGETTUALE ILLUSTRAZIONE DEL PROGETTO L impianto di sterilizzazione delle carcasse animali autorizzato e funzionante dal 2004, dell Atlas modello TSR 1964, sta per finire il suo ciclo di vita, considerato decennale. Il cuocitore è il fulcro delle attività dell INPROMA. Partendo per tempo, l azienda per garantire la continuità della lavorazione, essenziale per le attività economiche regionali, deve considerare i tempi necessari per l espletamento delle pratiche di autorizzazione, dell ordine al fornitore e infine del montaggio di un impianto in sostituzione a quello presente. Si tratta di un impianto per la cottura a pressione delle carcasse animali, precedentemente triturate, di marca ATLAS facente parte del colosso svedese Haarslev Industries, la stessa casa dell impianto precedente. E i suoi partner Rendering, essiccatori, presse, petfood Haarslev Industries con i suoi marchi tra cui l Atlas, è una società dedicata alla costruzione di tecnologie pulite e fornisce soluzioni nel campo ambientale ed è specializzata nella produzione di impianti e attrezzature per la lavorazione animale dei sottoprodotti e animali morti. Tra le varie soluzioni di processo di rendering a umido o a secco, l'elaborazione di piume di pollame e maiale i capelli, l'elaborazione di sangue e di scioglimento dei grassi, si è scelto quella più versatile: l essicazione. Il sistema di rendering Haarslev continuo a secco è il risultato di molti anni di esperienza nel settore del rendering. Le apparecchiature di elaborazione gestiscono quasi tutti i tipi di materiali, è molto flessibile e può essere combinato con altri tipi di sistemi di rendering. Rispetto ad un processo convenzionale di un forno a lotto continuo (back coke process), il sistema di rendering della Haarslev a secco è adatto per portate variabili e può ridurre la necessità del tempo di lavoro in modo considerevole. Fig. 8 Vista dell impianto (coclea trasporto, cuocitore con sua aspirazione e ciclone, presse..)

2 Pagina 31 di 70 L impianto scelto, inizialmente era il modello HM 2564 (si vedano le caratteristiche allegate) con una capacità di evaporazione di circa 13 t/h, avrebbe assorbito oltre 17 t/h di vapore. In seguito ad una approfondita analisi energetica e di mercato (vedasi relazione tecnica dell ing. Botta) per far aumentare l efficienza energetica e ridurre i consumi di e.e. da Enel, è risultato vantaggioso l installazione di un modello poco superiore a quello presente, in quanto è auspicabile avere un quantitativo costante di materiale che non l accensione di un impianto che mangia velocemente grandi quantitativi magari 2 o 3 volte a settimana. L optimum energetico si otterrebbe non spegnendolo mai con un processo continuo di trasformazione e anche il deoinc ne gioverebbe perché i refrattari interni verrebbero sollecitati di meno. Eventualmente tale modalità si potrà attivare con aumento della necessità di smaltimento del mercato lavorando alternativamente sul nuovo impianto e sul vecchio. Questo sarebbe possibile perché la manutenzione settimanale è richiesta ai macchinari accessori quali il frantumatore. Il Modello prescelto HM2264, analogo all esistente ha una superficie di cottura pari a 375 mq (statore) + camicia di 29 mq = 404 mq, con una capacità nominale di evaporazione di 10 t/h, assorbe 13,5 t/h di vapore. Il reattore è cilindrico in acciaio (14 m di lunghezza x 3 m di diametro) con una potenza di kw110/132. Rispetto alla taglia superiore è più lungo e con un diametro inferiore garantendo una migliore trasformazione della materia anche nel nucleo. Il cuocitore continuo Haarselv Industries è una macchina che rispetto alla TSR1964 è più compatta, più versatile, più sicura e meno energivora. Fig. 9 Vista in pianta e sezione del cuocitore scelto La macchina sarebbe posizionata nell area produttiva lasciata libera dallo smantellamento della linea piume, presente fino al 2004 e poi smantellata. Come s può vedere nella TAV. 5 di progetto preliminare, c è sufficiente spazio intorno per le attività di installazione, lavorazione e manutenzione. La funzione del cuocitore è lo scioglimento della materia prima con relativa sterilizzazione a circa 140 gradi centigradi per circa minuti. La trasformazione avviene in modo continuo attraverso una coclea che attraversa la macchina cilindrica. La macchina è in acciaio AISI 304 e deve resistere ad alte temperature e ad alte pressioni, la macchina può sopportare fino a 10 bar. Il cuocitore (fig. 9) consiste di uno statore orizzontale con rotore riscaldato a vapore, in una speciale esecuzione per scaldare e trasportare il materiale cotto durante il processo. Il cuocitore continuo è fornito con un riduttore montato sull albero mosso da un motore elettrico attraverso cinghie a V.

3 Pagina 32 di 70 Un quadro comandi sofisticato indica in tempo reale le temperature all ingresso, intermedia e all uscita del cuocitore, i giri di alimentazione in entrata e in uscita, il livello del cuocitore, ecc. Un sistema automatico blocca l uscita del materiale se la temperatura scende sotto 133 C. La linea è rifornita di vapore a 8-9 bar dal generatore di calore già presente. Il quadro comandi verrà posizionato nel locale attuale posto al secondo piano con vista sugli impianti. La capacità di evaporazione è basata su un ricircolo del grasso all entrata del cuocitore. Lo statore è fornito con camicia scaldata a vapore in acciaio inox AISI 304. La camicia ha una superficie scaldata di 29 m2 ed è progettata per la stessa pressione di vapore del rotore, 10 Bar 180 C. La camicia è fornita con connessione a flangia per valvola vapore ed apparati condense. Le parti dello statore che sono in diretto contatto con il grasso ed il materiale cotto sono fatte di acciaio inox AISI 304. Lo statore è munito di un numero di raschiatori inox che sono progettati per fermare l accumulo di materiale tra i dischi del rotore. I raschiatori sono montati per mezzo di viti a testa esagonale. Le piastre finali ad entrambe le estremità sono in acciaio normale con 5 mm. di acciaio inox. e possono essere tolte ed il rotore estratto. Lo statore è munito di portelli di ispezione raggiungibili dalla passerella. L entrata del materiale umido ha luogo attraverso la tramoggia di ingresso all estremità motorizzata del cuocitore continuo. L uscita del grasso e del materiale cotto ha luogo all estremità opposta sul fondo dello statore attraverso una coclea di estrazione con motorizzazione a velocità variabile (fig 10). I vapori sono rimossi attraverso due uscite per i vapori. Fig. 10 Sezione della coclea di estrazione e trasporto da/all cuocitore La linea di lavorazione finale sarà costituita dai seguenti impianti: - tramoggia di carico costituite da 2 vasconi in acciaio da 100 mc, chiudibili - separatore magnetico di metalli - frantumatore (tritacarne) - n 2 presse ad alta efficienza - coclea drenante - decanter a centrifuga - tricanter

4 Pagina 33 di 70 Il ciclo produttivo come detto, non verrà variato, avrà una potenzialità corrispondente all autorizzato attuale, ma un sistema di controllo più sofisticato. Il processo finale sarà pertanto quello schematizzato nella fig.11. N 9 SERBATOI GRASSO DI RISERVA 28 mc tot 252 mc N 2 SERBATOI GRASSO di chiarificazione 90 mc INGRESSO MATERIA PRIMA TRAMOGGIA DI CARICO CAPACITA 100 mc Fumane TRITACARNE t/h CUOCITORE 10 t/h P Ciclo grasso Produzione farina Tricanter 2,8 t/h N 5 SERBATOI GRASSO Tot 230 mc EVAPORATORE 3 t/h N 3 serbatoi interrati di alimentazione grasso 45 mc 2 PRESSE 6 t/h P Sgronda a coclea autopulente SERBATOI 5 mc P SERBATOI 5 mc VIBROVAGLIO Decanter 2,5 t/h Inc/deo Macinazione e N 10 silos farina (capacità stoccaggio 1000 t) Magazzino Ausiliario Volume 180 t FARINA 30 t/g Fig. 11 Flusso delle lavorazioni con il dimensionamento impianti e in rosso le variazioni La temperatura dell impianto è controllata mediante termometri a resistenza di platino 100 Ohm, per i quali è prevista una taratura annuale da effettuarsi mediante strumento di riferimento esterno ed operatore qualificato di Azienda specializzata. La lavorazione sarà migliorata con l installazione di: - sistema di drenaggio dei liquidi della materia prima (vascone di scarico) con serbatoio da 10 mc con relative pompe - evaporatore da 3 t/h (es. Catelli) L evaporatore in progetto ha la funzione di trattare a parte i liquidi di sgronda dal materiale fresco in arrivo e le acque reflue di lavaggio contaminate.

5 Pagina 34 di 70 Tali acque venivano trattate nel precedente impianto insieme al materiale. Questo sistema riduceva la potenzialità dell impianto e allungava i tempi di trattamento. Il quantitativo veniva contabilizzato mediante un misuratore di portata delle acque al cuocitore. Nel 2010 è risultato 2,2 mc/h, cioè una riduzione di oltre il 20% della potenzialità dell impianto. L evaporatore che si vuole installare in accoppiata al cuocitore ha la funzione di trattare le acque reflue che precedentemente finivano per ragioni sanitarie al cuocitore: -acque di sgronda dalla materia prima -acque di lavaggio della tramoggia d scarico -acque di lavaggio cassoni - acque utilizzate nel tricanter per la chiarificazione del grasso -acque provenienti dallo scrubber. I prodotti utilizzati per la disinfezione e sanificazione non contengono nè liberano cloro e quindi i loro vapori potevano essere inviati al deoinc tranquillamente. Imp. TRATT. ACQUE per CALDAIA reintegro 2.65 t/h Eff. 78% (scarto 0,6 mc/h) LAVAGGIO TRAMOGGIA DI CARICO E LIQUIDI DI MATERIA PRIMA VASCA RACCOLTA ACQUE DA RECUPERARE 8 mc TRICANTER 1,5 mc/h Serbatoio 10 mc di accumulo LAVAGGIO CASSONI SCRUBBER Inc/deo EVAPORATORE 3000 mc/h Fig. 12 Ciclo delle acque reflue Si veda nella Tav. 4 il nuovo ciclo delle acque reflue e lo schema in fig. 12. Non si potrà inviare il fango della vasca di prima pioggia che continuerà a finire nel cuocitore. Il modello della Catelli VENUS T100 M ha la precisa funzione di concentrare sotto-vuoto prodotti ad elevata viscosità/consistenza, del tipo a semplice effetto con circolazione forzata a flusso discendente del prodotto. L impianto ha un elevata efficienza nella fase di evaporazione dell acqua grazie alla configurazione dello scambiatore sopra alla camera. Pompe, scambiatori e tubazioni sono progettate per funzionare con prodotti ad elevata consistenza, non si realizzano trascinamenti di prodotto verso le torri di raffreddamento. Dati tecnici: Quantità di acqua evaporata [t/h] 3; Vapore di caldaia a 6 bar [kg/h] Potenza elettrica installata [kw] 90; Aria compressa a 6 bar [Nm3/h]

6 Pagina 35 di SCOPO DEL PROGETTO Le opere sopra descritte permetteranno di efficienziare l attività esistente permettendo comunque una più rapida lavorazione del materiale. La riduzione dei tempi di attesa, riduce la produzione di odori per il degradamento della materia organica e il rischio di contaminazione per sviluppo di eventuali ceppi batterici e permette di non dover utilizzare un magazzino ausiliario e celle frigorifere energivore. Il servizio verrà garantito anche con l apertura del cantiere, ogni giorno dell anno x 24 h. L impianto TRS1964 funzionerà fino alla partenza del nuovo impianto prevista per maggio L aumento della potenzialità dell impianto è data anche dal fatto che non verrà sottratta capacità dell impianto per evaporare i liquidi reflui. Attualmente la capacità effettiva dell impianto di trasformazione è di circa 8 t/h. I liquidi in futuro potranno essere avviati all evaporatore. L ATLAS si occuperà della fornitura dell intera linea, che dovrà essere autonoma e che potrà essere messa in funzione al momento della fermata della linea esistente senza discontinuità del servizio. L impianto è fornito di dichiarazione di conformità PED (direttiva macchine e impianti a pressione), verrà richiesto il piano operativo alla ditta installatrice e il rilascio della dichiarazione di corretta installazione. Alle prove e collaudi sarà presente l ingegnere progettista e il tecnico dell ATLAS responsabile della commessa. La condotte di collegamento all impianto di trattamento delle fumane e all approvvigionamento del vapore sono le stesse esistenti, installate nel 2009 con l avvio del INc/DEO Non sarà possibile utilizzare contemporaneamente i due impianti. L impianto vecchio sarà revisionato e mantenuto come riserva, saranno poste delle valvole sulle tubazioni. Da quando entrerà in funzione il nuovo impianto (completo di tramoggia, doppio frantoio, doppio metaldetector, coclee varie, cuocitore con superficie riscaldante di 375 m² allo statore e 29 m² alla camicia, doppia pressa, filtro ed evaporatore) a pieno regime necessiterà di 16,750 t/h di vapore a cui si devono sommare i fabbisogni per il riscaldamento ambientale, per la termostatazione del grasso nei serbatoi ecc, quantificabili al massimo in 1,5 t/h. L aumentata necessità energetica, aumenterà la richiesta di grasso al combustore che passerà da 900 Kg/h fino ad un massimo di Kg/h. Il combustore della BWI dimensionato per bruciare fino a Kg/h di grasso, passerebbe dal 40% della sua potenzialità al 61-70% a seconda delle stagioni. In conseguenza della differenza dei consumi orari tra il periodo estivo e quello invernale, la capacità dello stoccaggio di grasso dovrebbe essere aumentata considerando in prima analisi di poter stoccare tutto il surpluss prodotto in estate per sopperire il maggior fabbisogno invernale: 200 kg/h x 24 h/gg x 5,5 gg/sett. X 20 sett. = 528 t equivalente a circa 621 m³. La capacità di stoccaggio del grasso viene incrementata conseguentemente di 260 mc per arrivare a un totale di 637 mc e garantirsi ragionevolmente lo stoccaggio di tutto il surpluss di grasso prodotto da usufruirsi nei mesi più freddi. Aumentando il quantitativo di grasso occorrerà conseguentemente aumentare anche la portata di aria comburente al bruciatore. La portata di fumane in uscita dal cuocitore che in realtà hanno una temperatura di 95 C passerà dalle attuali 6,5 t/h a 7,5 t/h, mentre l aspirazione di aria di processo a 50 C dalle presse e coclee rimarrà pressoché costante a 7 t/h; diversamente l aria estratta dai reparti produttivi aumenterà dalle attuali 17 t/h a 30 t/h per garantire la corretta combustione del grasso. In tal modo si potrà avviare all impianto di deodorizzazione e cogenerazione anche l aria estratta dal reparto di Ricevimento materia prima con una portata di mc/h pari a circa 4 vol/h in continuo, che prima era avviata allo Scrubber, insieme a quelle del magazzino ausiliario delle MP.

7 Pagina 36 di INTERVENTI DI MITIGAZIONE DA REALIZZARSI Le nuove macchine sono da installarsi nel capannone di produzione chiuso sui 4 lati. L impianto stesso è un opera di mitigazione perché permette di scongiurare le fermate. Nel complesso l attività viene migliorata perchè sono previste opere accessorie e il potenziamento dell aspirazione dei locali. Sulla base del programma di miglioramento in atto dal punto di vista ambientale e nell ottica del miglioramento continuo e del rispetto normativo anche quello di cui volontariamente l azienda decide di seguire (es. ISO 14001) si sta valutando la bonifica del tetto di eternit, il rifacimento delle facciate, la sostituzione dei silos esterni. Fig. 13 Pianta della tramoggia di carico sdoppiata La possibilità di sdoppiamento in due tramogge differenti (fig. 13), permetterà di scaricare alternatamente nella tramoggia pulita evitando fuoriuscite di odori. Gli obiettivi sono: - ulteriore riduzione della possibile diffusione degli odori dai locali - ulteriore riduzione rischio sanitario di epidemie - riduzione dei consumi energetici a parità di materiale lavorato (energia specifica) - riduzione delle sostanze pericolose (acqua ossigenata, amianto) - miglioramento dell impatto visivo ottenibili mediante realizzazione dei seguenti traguardi: 1) Aumento della possibilità di produzione di vapore con un consumo del grasso fino a 1100 kg/h nel periodo di transizione e poi fino a a 1600 kg/h, creando un accoppiamento con la turbina e miglioramento dell efficienza di autoproduzione di energia elettrica 2) Aumento dell aspirazione e trattamento dell aria dei locali di lavorazione locali materia prima mediante utilizzo come aria comburente nell impianto INC/DEON con chiusura dall aspirazione del magazzino farine (quando non ci sono in stoccaggio) con valvola elettromeccanica. 3) Poiché la rete esistente di aspirazione dell aria estratta dai reparti non consente di aspirare tutta la portata aggiuntiva, senza superare il limite di prevalenza del ventilatore, si è previsto di realizzare una seconda condotta parallela a quella esistente che adduca questa portata direttamente sino all imbocco del ventilatore, in cui si raccorderà alla canalizzazione esistente. La condotta verrà sezionata e verrà installata una valvola elettromeccanica. 4) Per evitare problemi di corrosione la nuova condotta sarà realizzata in tubi di PVC del diametro di 700 mm.

8 Pagina 37 di 70 5) Installazione di serrande elettromeccaniche sui condotti provenienti dal vecchio impianto, che potrà essere utilizzato in alternativa al nuovo in caso di epidemie garantendo 24/24 lo smaltimento delle carcasse animali 6) Installazione di presse ad alta efficienza che permettano una migliore spremitura del grasso riducendo ulteriormente il grasso nelle farine e favorendo il recupero energetico in situ (km zero) 7) Installazione del cuocitore ad alta efficienza 8) Installazione dell evaporatore 9) Installazione di 2 tramogge di scarico delle materie prime; inizialmente era previsto di utilizzare i vasconi esistenti e i trituratori esistenti (vedi Tav. 5), ma in questo scenario siccome anche i trituratori hanno bisogno della fermata settimanale per la manutenzione (punto critico dei denti e controllo distanza incudine) non si poteva garantire le 24 h/24 h. 10) Riduzione dei consumi energetici e di acqua ossigenata perchè l utilizzo dello scrubber diventa solo aggiuntivo e/o limitato a quando c è del materiale ma l INC/DEO è spento 11) Installazione di altri 5 serbatoi orizzontali da 28 mc nella vasca esterna per riserva di grasso nei momenti di surpluss 12) Sostituzione dei due silos verticali alti 12 m (S1 e S2) con silos analoghi, con fondo conico e capacità 45 mc, che lavorino a turno per la separazione /decantazione di eventuali impurità del grasso sfuggite al vibrovaglio, decanter, tricanter. per minimo 24 ore (dato da 1,6 t/h * 1,17 mc/t * 24 h= 45 mc ) 13) Sostituzione dei 5 silos verticali esistenti aventi altezza di mt. 8 con altri in acciaio aventi altezza di mt. 12 e capienza circa i mc. 46, alla stessa altezza anche di S1 e S2 e dello stesso colore. 14) Raggiungere la certificazione ISO del proprio sistema di gestione ambientale prima della fine dell iter autorizzativo e il suo mantenimento che comporterà una gestione trasparente e personale sempre maggiormente consapevole e competente. 15) Sostituzione di manto di copertura in fibra di amianto sugli immobili interessati (come meglio evidenziato nell elaborato grafico Tav. 5 PROGETTO PRELIMINARE 16) Miglioramento della pannellatura perimetrale di tamponamento a chiusura del locale presso il quale sono installati i silos di stoccaggio delle farine animali e del locale pompe antincendio e deposito oli, mediante la posa di nuove lastre grecate in acciaio, senza modifica delle sagome esterne; ottenendo un miglioramento dell immagine 17) Realizzazione di rampa di accesso in cemento armato a vasca interrata esistente presso la quale risultano esservi n 4 cisterne per lo stoccaggio del grasso animale e dove ne verranno installate altre 5 sempre da 28 mc. La certificazione ISO oltre ad essere uno strumento di gestione aziendale e a garantire un corretto funzionamento delle procedure previste, permetterà all azienda di risparmiare il 40 % sulla fidejussione per lo stoccaggio dei rifiuti: 154,94 /t per i rifiuti non pericolosi in stoccaggio.

9 Pagina 38 di DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA LEGATE AL PROGETTO L impianto di deodorizzazione e cogenerazione BWI ha una potenzialità modulabile dal 10 al 100%, grazie agli inverter di cui sono dotati i motori dei ventilatori di aspirazione delle fumane, dell aria comburente, del bruciatore, delle pompe di alimento dell acqua in caldaia ecc.. L abbassamento della contropressione della turbina fino a 5 bar (assoluti) nel periodo di funzionamento , ha permesso di ottenere un consumo minore di grasso (sempre inferiore a 900 kg/h) con una produzione di vapore surriscaldato ad una temperatura ( 200 C) sufficiente per riscaldare il cuocitore, ma non ha dato ottimi rendimenti di produzione d energia elettrica. Il progetto prevedeva la fornitura a 6 bar, ma non aveva tenuto conto di tutte le necessità energetiche e aveva fatto il conto del grasso sulla base di una ipotetica produzione e non del fabbisogno energetico. L azienda alla luce delle esperienze vissute, delle prestazioni del DEO/INC e del sistema caldaia/turbina, ha scelto di sostituire l impianto con un altro di potenzialità di poco superiore, per garantire le effettive 10 t/h di materia prima trattabile, come da autorizzazione. Con l evaporatore intende crearsi la possibilità di trattare le acque separatamente, non sottraendo alla potenzialità. Per potere fare fronte ai casi di violente epidemie (aviaria, afta bovina, BSE ecc.) che, come già verificatosi in passato, hanno messo in crisi la produzione ordinaria dello stabilimento, avendo la doppia linea si potrà lavorare non stop, potendo smaltire realmente 240 t/gg x 7 gg= 1680 t a settimana. 14,5 t/h 95 C LOCALE RICEVIMENTO MP/produz. 13 t/h 7,5 t/h 95 C CICLONE Riscaldatore a vapore 3 t/h 50 C CAPPA 2 t/h 30 C LOCALE FARINA 14 t/h CUOCITORE PRESSE COCLEA CALDA 3 t/h 50 C DECANTER DP INV COCLEE FREDDE 1 t/h 30 t/h 20 C evaporatore 3.25 t/h 95 C VF VAC COMBUSTORE 950 C TC Fig. 14 Aspirazioni e ventilatori In fig. 14 troviamo VF che è il ventilatore delle fumane che ha una portata max di mc/h ad una temperatura di oltre 100 C e può pertanto aspirare l aria proveniente dal cuocitore, presse, decanter e coclea calda (14,5 t/h) e dell evaporatore (3.25 t/h) per un totale 17,75 t/h di aria da de-odorizzare.

10 Pagina 39 di 70 VAC è il ventilatore dell aria comburente della portata nominale di mc/h a una T 20 C, aspira l aria del locale di produzione tramite una cappa grande posta sopra le presse (2 t/h), dalle coclee fredde (1 t/h), dal reparto magazzino ausiliario delle farine (14 t/h) in caso di utilizzo previo comunicazione agli enti. Verrà posizionata una serranda e raddoppiato il condotto in modo da portare come aria comburente anche l aria estratta dal locale ingresso MP e di produzione (da 13 t/h a 27 t/h). La messa in depressione dell ambiente di ricevimento materie prime e locale produzione quando l impianto è in funzione permette di fermare lo scrubber. Si tratta di posizionare una saracinesca deviatrice di flusso automatica con comando normalmente chiuso che si apre a seconda di richiamo aria da scrubber o da impianto, si veda il progetto collegamento (TAV. 06) e il dimensionamento degli impianti di aspirazione e dei condotti nella relazione tecnica dell Ing. Botta.I ventilatori sono dotati di inverter (INV) comandati da presso stati differenziali (DP). Il richiamo dell aria comburente è regolato da una sonda posta nel termoossidatore (TC). In quest ottica dopo l avviamento del nuovo impianto di cogenerazione, in cui si è cercato il punto di equilibrio tra la quantità minima di materia prima da trattare necessaria a produrre la quantità minima di grasso che, utilizzato come combustibile, garantisca l autonomia energetica dello stabilimento, ora si deve passare all elasticità di trattare la materia disponibile sul mercato, in modo efficace ed efficiente. In questi 2 anni di attività si è notato un consumo maggiore di energia rispetto a quanto ipotizzato in progetto. Questo perché il vapore viene utilizzato anche a scaldare i silos del grasso, l acqua delle lance ad alta pressione per la pulizia impianti, il riscaldamento ambienti ecc. Anche il consumo elettrico è maggiore, d estate c è un esubero di grasso perché si consuma minor energia termica, mentre d inverno è all inverso, è necessario pertanto avere una capacità istantanea flessibile. Il punto fondamentale è pertanto il passaggio dell autorizzazione alla combustione fino eventualmente al massimo suo limite tecnologico di 2180 Kg/h di grasso e ponendo invece un limite del grasso da trattare all anno di t che si ottengono da un quantitativo teorico massimo di materia prima da trattare di 10 t/h x 52 settimane x 24 h, considerando un massimo di grasso del 12 % e che richiedono per la cottura + evaporazione delle acque reflue 17,75 t/h di vapore a temperatura oscillante tra 160 e 175 C, con una media di consumo di grasso di kg/h. Si veda la relazione tecnica allegata dell ing. Botta per la produzione di energia, il calcolo del rendimento, il dimensionamento delle aspirazioni e dei condotti e il calcolo del tempo di permanenza nella camera di combustione che sarà sempre superiore a 2 secondi. In Allegato (Tav. 06) è riportato il progetto Definitivo nel suo insieme con la distribuzione delle aree di produzione, i servizi, le aree di stoccaggio di materiale e di rifiuti, le opere di mitigazione degli impatti ambientali significativi. Le due presse, più efficienti avranno una capacità di kg/h di ciccioli, riuscendo a spremere dal 9 al 14% di grasso sulla base del contenuto della materia prima. Parametri/limiti U.M. ATTUALE AUTORIZZATO ATTUALE FUTURO REALE CAPACITA DELL IMPIANTO DI t/h di MP 10 7,8 8,5 10 TRASFORMAZIONE ORE LAVORABILI N h Circa CAPACITA ANNUA t/anno Produzione grasso da MP (valore usato per i % 11,5 8,2 12 calcoli) QUANTITA MASSIMA ANNUA DI GRASSO t/anno UTILIZZABILE IN CALDAIA Quantità istantanea di grasso che può essere kg/h grasso 900 Transizione avviata alla combustione Quantità stoccabile di grasso mc mc Tab. 13 Confronto dei Valori limite rispetto alla precedente autorizzazione

11 Pagina 40 di CARATTERISTICHE TECNOLOGICHE E DIMENSIONALI DEGLI IMPIANTI Il nuovo cuocitore è riportato nel progetto definitivo dell impianto Allegato (Tav. 6) con i calcoli dimensionali, descritto nel dettaglio nella RELAZIONE TECNICA dell Ing. Botta allegata. Come riportato nella scheda tecnica, non assorbe maggiore energia del vecchio impianto (max 132 kw) e la potenza elettrica rimane pertanto invariata, questo vale per tutte le macchine della linea, che come detto non potranno mai lavorare in contemporanea e la cui potenza è paragonabile a quella precedente se non inferiore. Soltanto l evaporatore risulta essere una macchina in più Gli impianti e attrezzature che potranno essere installati a corredo e/o miglioramento del sistema ulteriormente allo stato attuale che possono accrescere la potenza elettrica sono impianti U.M. potenza elettrica installata potenza elettrica assorbita kw esistente kw evaporatore TOTALE kw Tab. 14 Potenza elettrica installata e assorbita di ulteriori impianti a completamento del progetto I serbatoi del grasso conici (S1, S2) saranno fissati a terra con tirafondi a fissaggio chimico sulla platea di cemento, sarà prevista la relazione di calcolo per determinare lo spessore dell acciaio minimo e la portata dei piedi. Saranno dotati di una serpentina interna dove passa vapore al fine di mantenere il grasso liquido per la decantazione delle impurità e il successivo pompaggio. L alimentazione sarà dall alto per aiutare la diffusine del calore e la decantazione delle impurità. Avranno un passo d uomo di diametro 400 mm e uno sfiato rivolto verso il basso di diametro 114 mm (DN100) dotati di retina antinsetto. Lo sfiato DN 100 è più grande dello scarico DN 80 per garantire ce non ci sia i rischi di implosioni, in ogni caso la pompa ha una portata minima. Il cono avrà un angolo di 45 % ottimale per la decantazione. Gli altri serbatoi a fondo piatto saranno sostenuti dalla stabilità di peso.

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V Serie Genio Tecnic Moduli termici a premiscelazione a condensazione Emissioni di NOx in classe V Serie Genio tecnic Vantaggi Sicurezza Generatore totalmente stagno rispetto all ambiente. Progressiva riduzione

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Valvole KSB a flusso avviato

Valvole KSB a flusso avviato Valvole Valvole KSB a flusso avviato Valvole KSB di ritegno Valvole Idrocentro Valvole a farfalla Valvole a sfera Valvoleintercettazionesaracinesca Valvole di ritegno Giunti elastici in gomma Compensatori

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

Centrale Generativa e Energie alternative Pianta ergonomica dei componenti

Centrale Generativa e Energie alternative Pianta ergonomica dei componenti Soluzione 3 Dimensioni Nuova Sala Termica Cortina 30 ottobre 2013 agg. 12 Novembre 2013 agg. 18 Novembre 2013 Comune di Cortina d'ampezzo Provincia di Belluno 1,50 0,80 Pompa di Calore Aermec ANLI 021H

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22 pag. E- Descrizione Recuperatore di calore compatto con configurazione attacchi fissa (disponibili 8 varianti. Cassa autoportante a limitato sviluppo verticale con accesso laterale per operazioni d ispezione/manutenzione.

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche:

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche: OGGETTO: Egregi, a breve verrà commercializzata una nuova gamma di caldaie a condensazione, chiamata Paros Green, che andranno a integrare il catalogo listino attualmente in vigore. Viene fornita in tre

Dettagli

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo.

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Autoclave Autoclave Mod. RFL 122202A Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Protezione termica interna per i sovracarichi. Gira a secco

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente.

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente. Handöl 26 Magnifici focolari Handöl 26T e Handöl 26K sono le prime stufe di grandi dimensioni della serie Handöl 20. Un magnifico focolare di produzione svedese per tutti coloro che sono alla ricerca di

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Sistema solare termico

Sistema solare termico Sistema solare termico 1 VELUX Collettori solari VELUX. Quello che cerchi. Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Sempre più

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Sistemi di trattamento aria per impianti radianti

Sistemi di trattamento aria per impianti radianti Sistemi di trattamento aria per impianti radianti Da trent anni lavoriamo in un clima ideale. Un clima che ci ha portato ad essere leader in Italia nel riscaldamento e raffrescamento radianti e ad ottenere,

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Nuova tecnologia solare Beretta

Nuova tecnologia solare Beretta Nuova tecnologia solare Beretta Risparmio, energia e ambiente Detrazioni fiscali del 55% Nei casi contemplati dalla normativa. 1 Beretta Clima: i professionisti del solare Beretta Clima, specializzata

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento GRUNDFOS WASTEWATER Pompe per drenaggio e prosciugamento Pompe per drenaggio e prosciugamento altamente efficienti tecnologicamente all avanguardia Grundfos offre una gamma completa di pompe per per drenaggio

Dettagli

Sistemi SET FREE 5-8 - 10-16 - 20 -

Sistemi SET FREE 5-8 - 10-16 - 20 - Sistemi SET FREE 5-8 - 10-16 - 20 - La gaa più completa di Sistemi VRF Esclusivo compressore HITACHI SCROLL ad Alta Pressione, garanzia di elevata resa e grande affidabilità nel tempo Scambiatori di calore

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

INOX SOL 200 TOP Pacchetto solare con 1 Collettore Piano CP4 XL e Unità Bollitore INOXSTOR da 200 litri

INOX SOL 200 TOP Pacchetto solare con 1 Collettore Piano CP4 XL e Unità Bollitore INOXSTOR da 200 litri INOX SOL 200 TOP Pacchetto solare con 1 Collettore Piano CP4 XL e Unità Bollitore INOXSTOR da 200 litri 1 Pacchetto Solare INOX SOL 200 TOP (cod. 3.022124) 1 Collettore Piano + boiler INOX 200 litri +

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

CB 1 CB 2. Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2...

CB 1 CB 2. Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2... CB 1 CB 2 Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2... 1 Indice Note importanti Pagina Corretto impiego...8 Note di sicurezza...8 Pericolo...8 Applicabilità secondo articolo

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O 023573g Valvola a sfera in ottone cromato di diam. 2" con maniglia a leva gialla. Si intende compreso nel prezzo la mano d'opera e quanto altro necessario a rendere l'opera finita

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Valvole di controllo. per ogni tipo di servizio

Valvole di controllo. per ogni tipo di servizio Valvole di controllo per ogni tipo di servizio v a l v o l e d i c o n t r o l l o Valvole di controllo per ogni tipo di servizio Spirax Sarco è in grado di fornire una gamma completa di valvole di controllo

Dettagli

Tecnologia della fermentazione

Tecnologia della fermentazione Effettivo riscaldamento del fermentatore BIOFLEX - BRUGG: tubo flessibile inox per fermentazione dalla famiglia NIROFLEX. Il sistema a pacchetto per aumentare l efficienza dei fermentatori BIOFLEX- tubazione

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli