MESSA A PUNTO DI UN PROGRAMMA DI ANALISI DEI DATI STORICI DI FUNZIONAMENTO DI UNA CENTRALE TERMOELETTRICA DI COGENERAZIONE. (riassunto) Luca Bianchini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MESSA A PUNTO DI UN PROGRAMMA DI ANALISI DEI DATI STORICI DI FUNZIONAMENTO DI UNA CENTRALE TERMOELETTRICA DI COGENERAZIONE. (riassunto) Luca Bianchini"

Transcript

1 MESSA A PUNTO DI UN PROGRAMMA DI ANALISI DEI DATI STORICI DI FUNZIONAMENTO DI UNA CENTRALE TERMOELETTRICA DI COGENERAZIONE (riassunto) Luca Bianchini SOMMARIO In questo lavoro di tesi presento un applicazione che ho sviluppato in questi anni per effettuare differenti tipi di analisi sui dati dell archivio storico delle variabili di processo di una centrale termoelettrica di cogenerazione (CTE). L applicazione ha nome ADSCTE ed è scritta in Microsoft Visual Basic. La CTE in oggetto produce l energia elettrica e termica (principalmente sotto forma di vapore tecnologico per l asciugamento della carta) necessaria a una cartiera che produce carta per cartone ondulato con due macchine continue. Il funzionamento della CTE e i suoi scambi energetici con la cartiera richiedono il monitoraggio continuo dei valori delle variabili di processo e degli indici di efficienza, da confrontare almeno quotidianamente con valori di riferimento, per rilevare tempestivamente eventuali anomalie e per individuare la possibilità di ottimizzazioni. E possibile fare questo tipo di controlli soltanto se si dispone di un archivio storico di dati e di un programma di analisi. Il programma ADSCTE è in grado di effettuare numerosi tipi di elaborazioni sull archivio storico disponibile, consentendo di rappresentare trends storici giornalieri, distribuzioni di frequenza e curve cumulative su determinati periodi e, soprattutto, un rapporto giornaliero che contiene i valori medi delle variabili di processo, degli indici di efficienza, dei fabbisogni di vapore ed energia, ciascuno confrontato con la media degli ultimi trenta giorni. L utilizzo sistematico di ADSCTE e l analisi dei suoi indicatori hanno consentito di ottenere importanti risultati, sia in termini di individuazione tempestiva di anomalie, sia in termini di ottimizzazioni. LA CENTRALE TERMOELETTRICA La centrale termoelettrica in oggetto è una centrale cogenerativa. Essa produce l energia elettrica e termica (quest ultima sotto forma di vapore) necessarie a una cartiera che produce carta per cartone ondulato con due macchine continue (MC1 e MC2) L energia elettrica prodotta è normalmente in eccesso rispetto alle necessità della cartiera, per cui una parte è ceduta alla rete di distribuzione ENEL. La centrale è a ciclo combinato gas-vapore ed è costituita da: - un gruppo turbogeneratore azionato da una turbina a gas, in grado di produrre una potenza elettrica massima di 7,2 MW - un generatore di vapore a recupero, dotato di post combustione, con una producibilità massima di 40 t/h di vapore surriscaldato a 57 bar e 440 C - un gruppo turbogeneratore azionato da una turbina a vapore, regolata in contropressione, in grado di produrre una potenza elettrica massima di 3.6 MW con una portata di vapore di 40 t/h ed una contropressione di 4.85 bar. Nella pagina seguente è rappresentato uno schema della centrale. I fumi di scarico della turbina a gas, a una temperatura di 500 C, sono inviati al generatore di vapore il quale, con una cospicua percentuale di post combustione (circa 50%), produce vapore surriscaldato a 57 bar e 440 C nella quantità richiesta dagli utilizzi tecnologici della cartiera. Il vapore prodotto dal generatore, si espande in una turbina a vapore a contropressione, da cui esce con una pressione di 5 bar ed una temperatura di circa 240 C. Gli utilizzi tecnologici della cartiera necessitano di vapore saturo, mentre quello scaricato dalla turbina a vapore è ancora surriscaldato. Per questo motivo, prima di essere inviato in cartiera, il vapore è portato in condizioni di saturazione in un saturatore. Gli utilizzi di vapore saturo nella cartiera sono essenzialmente di tre tipi: - asciugamento della carta nei cilindri essiccatori delle macchine continue (l utilizzo principale) - riscaldamento dell aria esterna da immettere nelle cappe delle seccherie delle macchine continue per realizzare il ricambio della fumana umida - cottura dell amido impiegato in massa o in size press per aumentare le caratteristiche meccaniche del foglio. La condensa recuperata dai primi due utilizzi (la condensa del terzo utilizzo non è recuperata perché il vapore è immesso direttamente nella salda di amido da cuocere) è inviata al degasatore della CTE, il cui scopo è quello di realizzare il degasaggio dell acqua dagli incondensabili per ridurre al minimo la presenza di ossigeno. Nel degasatore è effettuato anche il reintegro con acqua demineralizzata. La pompa di alimento del generatore di vapore è alimentata dal degasatore. L acqua di alimento, prima di esserre immessa nel corpo cilindrico, passa attraverso l economizzatore, posto fra il generatore di vapore e il camino, il cui scopo è quello di recuperare energia termica dai fumi di scarico della CTE, raffreddandoli il più possibile.

2 IL PROGRAMMA ADSCTE Il nome ADSCTE è un acronimo e sta per Analizzatore dei Dati Storici della Centrale Termo Elettrica. Il programma è scritto nel linguaggio di programmazione Microsoft Visual Basic e utilizza i dati contenuti nei files dell archivio storico dei valori delle variabili di processo della CTE per effettuare vari tipi di elaborazioni: 1) rappresentazione grafica e tabulata dei trends storici giornalieri delle varie grandezze con differenti scale temporali 2) rappresentazione della distribuzione di frequenza e della curva cumulativa dei valori delle varie grandezze 3) analisi degli indici di efficienza della turbina a vapore in funzione della portata di vapore 4) analisi della produzione di potenza elettrica e degli indici di efficienza della turbina a gas in funzione della temperatura dell aria di alimento (T1) 5) elaborazione di un report giornaliero in cui sono rappresentati i valori medi di tutte le grandezze più significative della centrale termoelettrica 6) elaborazione del report giornaliero delle emissioni dal camino L archivio storico contiene i valori di 60 variabili di processo, rilevati con una frequenza di un dato al minuto per ogni variabile, a partire dal mese di settembre del Attualmente vi sono immagazzinati circa files di tipo testo, che contengono in totale circa 300 milioni di dati, occupando uno spazio sull hard disk di circa 6 GB. Le due immagini seguenti sono le schermate di ADSCTE relative all elaborazione della distribuzione di frequenza e della curva cumulativa della produzione di vapore surriscaldato nell arco di un mese.

3 relativa all elaborazione dei trends storici. relativa all elaborazione dell andamento della potenza elettrica specifica della turbina a vapore (cioè del rapporto fra potenza elettrica prodotta e portata di vapore) in funzione della portata di vapore. relativa all elaborazione dell andamento della potenza elettrica prodotta dalla turbina a gas in funzione della temperatura dell aria di alimento T1. Le immagini seguenti rappresentano due delle schermate generate da ADSCTE dopo l elaborazione del rapporto giornaliero. Nella prima sono riportati i valori medi giornalieri e quelli degli ultimi 30 giorni delle principali variabili di processo, dei rendimenti e dei fabbisogni di vapore ed energia della cartiera Nella seconda è riportato uno schema delle centrale con indicati, in particolare, i vari bilanci di massa ed energia.

4 RISULTATI OTTENUTI CON L UTILIZZO DI ADSCTE Di seguito alcuni esempi di applicazioni di ADSCTE che hanno consentito di realizzare importanti ottimizzazioni. Riduzione del degrado delle prestazioni della turbina a gas Al trascorrere dei giorni di funzionamento, la capacità di produzione di potenza elettrica della turbina a gas, a parità di condizioni (in particolare della temperatura T1 e della pressione atmosferica), subisce un degrado determinato dallo sporcamento della macchina. Analizzando con l ausilio di ADSCTE l andamento della produzione prima e dopo il lavaggio in marcia del compressore della turbina, eseguito quotidianamente, è stato possibile correggere la procedura con cui questo lavaggio era eseguito. Ciò ha consentito di ridurre notevolmente il tasso di degrado, come mostrato nel grafico seguente. Invecchiamento della turbina a gas L invecchiamento della turbina a gas determina un degrado costante delle prestazioni della macchina. Con l ausilio di ADSCTE è stato possibile quantificare con precisione questo degrado, che è risultato sensibilmente superiore a quello stimato dal costruttore. Ciò ha consentito di rivedere il numero di ore di funzionamento minimo a cui è opportuno programmare la sostituzione della macchina. Monitoraggio delle prestazioni della turbina a vapore Anche la turbina a vapore, come la turbina a gas, subisce un degrado di prestazioni nel tempo, legato soprattutto all usura delle tenute meccaniche che evitano il trafilamento del vapore da una camera all altra. Con l utilizzo di ADSCTE è stato possibile monitorare quotidianamente il degrado, individuando il momento giusto per effettuare la revisione della macchina, che ha consentito di ottenere un notevole recupero di prestazioni (circa 230 kw), come mostrato nel grafico seguente. Andamento della potenza della turbina a vapore in funzione della temperatura del vapore surriscaldato Con l ausilio di ADSCTE, è stato possibile determinare l andamento della produzione di potenza elettrica della turbina a vapore in funzione della temperatura del vapore surriscaldato, mostrato nel grafico seguente. L utilizzo della retta di correlazione (che indica la variazione di produzione in funzione della variazione di temperatura) ha consentito di determinare la temperatura ottimale in relazione al fabbisogno di gas naturale di post combustione. Perdita di fumi dalla serranda di bypass della TG Analizzando l andamento giornaliero della pressione e della portata dei fumi in ingresso al generatore di vapore (valutata in ADSCTE con un bilancio di massa ed energia) è stato possibile individuare tempestivamente una cospicua perdita di fumi attraverso la serranda di bypass della turbina a gas, che non si era completamente chiusa.

5

Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia

Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia Corso di Impianti Meccanici Laurea Triennale Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia Prof. Ing. Cesare Saccani Prof. Ing. Augusto Bianchini Dott. Ing. Marco Pellegrini Dott. Ing. Michele Gambuti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 4. Sistemi Termici Motori. 4.3. Sistemi Combinati. Roberto Lensi

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 4. Sistemi Termici Motori. 4.3. Sistemi Combinati. Roberto Lensi Roberto Lensi 4. Sistemi Termici Motori 4.3. Sistemi Combinati Pag. 1 di 30 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 4. Sistemi Termici Motori 4.3. Sistemi Combinati Roberto Lensi DIPARTIMENTO

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 3. Sistemi di Conversione. Roberto Lensi

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 3. Sistemi di Conversione. Roberto Lensi Roberto Lensi 3. Sistemi di Conversione Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 3. Sistemi di Conversione Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2002-03 Roberto Lensi

Dettagli

CAPITOLO 9 COGENERAZIONE

CAPITOLO 9 COGENERAZIONE CAITOLO 9 COGENERAZIONE 9.1. Introduzione er cogenerazione si intende la produzione combinata di elettricità e di calore, entrambi intesi come effetti utili. Essa trova ampio spazio sia in ambito civile

Dettagli

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano 3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano PERCHE LA COGENERAZIONE? È la produzione combinata di calore e di

Dettagli

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento LA TECNOLOGIA DEL CICLO COMBINATO A GAS NATURALE La maggiore quantità di energia elettrica generata da Edison è prodotta da 28 centrali termoelettriche. Edison sviluppa, progetta e costruisce interamente,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 3. Impianti per la cogenerazione. Roberto Lensi

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 3. Impianti per la cogenerazione. Roberto Lensi Roberto Lensi 3. Impianti per la cogenerazione Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 3. Impianti per la cogenerazione Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2003-04

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

il caso di Hayat Kymia in Turchia

il caso di Hayat Kymia in Turchia Utilizzo di energia residua in una moderna cartiera tissue: il caso di Hayat Kymia in Turchia ALL INIZIO DEL 2006 PMT ITALIA HA AVVIATO CONGIUNTAMENTE AL GRUPPO HAYAT UNA NUOVA CARTIERA NELL AREA DI IZMIT

Dettagli

menoenergia LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE

menoenergia LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE 1 LE COSA LE ENERGIE RICHIESTE E UNA COSA RINNOVABILI POMPA DI E RINNOVABILE

Dettagli

MODALITA DI PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

MODALITA DI PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA ALLEGATO 3.A MODALITA DI PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Autorizzazione Integrata Ambientale Impianto IPPC SEDAMYL S.p.A. (AIA n.1018 del 12/10/2007) Comune SALUZZO INDICE 1 di 17 PREMESSA... 3 CARATTERISTICHE

Dettagli

CORSO DI SISTEMI ENERGETICI II - A.A. 2014-2015 Prof. Ing. Giorgio Cau

CORSO DI SISTEMI ENERGETICI II - A.A. 2014-2015 Prof. Ing. Giorgio Cau CORSO DI SISTEMI ENERGETICI II A.A. 20142015 Prof. Ing. Giorgio Cau VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI UN IMPIANTO DI COGENERAZIONE E VERIFICA DEGLI INDICI ENERGETICI AI SENSI DELLA DELIBERA AEEG 42/02 Caratteristiche

Dettagli

Relazione Tecnica. Allegato n 1. Valutazione Impatto Ambientale CENTRALE DI COGENERAZIONE. IMPIANTO DI POST COMBUSTIONE DEL CHP3 (Camino n 3)

Relazione Tecnica. Allegato n 1. Valutazione Impatto Ambientale CENTRALE DI COGENERAZIONE. IMPIANTO DI POST COMBUSTIONE DEL CHP3 (Camino n 3) Relazione Tecnica Allegato n 1 Valutazione Impatto Ambientale Impianto IPPC SEDAMYL S.p.A. AIA n.1018 del 12/10/2007 in fase di rinnovo Comune SALUZZO CENTRALE DI COGENERAZIONE IMPIANTO DI POST COMBUSTIONE

Dettagli

Cogenerazione. UNIVERSITA DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria. Dipartimento di Energetica S.Stecco Sezione di Macchine

Cogenerazione. UNIVERSITA DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria. Dipartimento di Energetica S.Stecco Sezione di Macchine Cogenerazione La cogenerazione di energia elettrica e calore è considerata come una delle forme più efficaci di risparmio energetico Gran parte dell'energia termica viene utilizzata a temperature relativamente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 1. Complementi sui sistemi termici. Roberto Lensi

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 1. Complementi sui sistemi termici. Roberto Lensi Roberto Lensi 1. Complementi sui sistemi termici Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 1. Complementi sui sistemi termici Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico

Dettagli

LA CENTRALE TORINO NORD

LA CENTRALE TORINO NORD LA CENTRALE Iren Energia è la società del ruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia elettrica, nella produzione e distribuzione di energia termica per teleriscaldamento

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document Page : 1/8 12. GARANZIE Page : 2/8 SOMMARIO 12.1 Basi di definizione delle garanzie... 3 12.2 Garanzie di prestazioni... 3 12.2.1 Potenzialità di trattamento... 3 12.2.2 Caratteristiche e portate vapore

Dettagli

CORSO DI GESTIONE DELL ENERGIA E DEI SISTEMI ENERGETICI PROFESSORE DAVIDE ALBERTI ING. ADRIANO CARRARA

CORSO DI GESTIONE DELL ENERGIA E DEI SISTEMI ENERGETICI PROFESSORE DAVIDE ALBERTI ING. ADRIANO CARRARA CORSO DI GESTIONE DELL ENERGIA E DEI SISTEMI ENERGETICI PROFESSORE DAVIDE ALBERTI ING. ADRIANO CARRARA 1 DEF. TECNICA: COGENERARE SIGNIFICA PRODURRE CONTEMPORANEAMENTE PIÙ FORME DI ENERGIA, SOLITAMENTE

Dettagli

CC C T U Gruppo turbogas 3

CC C T U Gruppo turbogas 3 Corso di IMPIANI di CONVERSIONE dell ENERGIA L energia, fonti, trasformazioni i ed usi finali Impianti a vapore I generatori di vapore Impianti turbogas Cicli combinati e cogenerazione Il mercato dell

Dettagli

Cogenerazione: tecnologie a confronto

Cogenerazione: tecnologie a confronto CESI RICERCA Cogenerazione: tecnologie a confronto MILANO 8 ottobre 2008 Fabio Armanasco fabio.armanasco@cesiricerca.it 1. Definizione di CHP 2. Motori primi convenzionali Turbine a vapore Turbine a gas

Dettagli

Impianti motori termici

Impianti motori termici Impianti motori termici Classificazione: impianto motore termico con turbina a vapore il fluido evolvente nell impianto è acqua in diversi stati di aggregazione impianto motore termico con turbina a gas

Dettagli

V10CFD1/V10CFD2/V10CFD3 - Impianti di Generazione e Utilizzazione Vapore (200/450/750 Kg/h)

V10CFD1/V10CFD2/V10CFD3 - Impianti di Generazione e Utilizzazione Vapore (200/450/750 Kg/h) TERMODINAMICA V10CFD1/V10CFD2/V10CFD3 - Impianti di Generazione e Utilizzazione Vapore (200/450/750 Kg/h) 1. Generalità Gli impianti di generazione e utilizzazione del vapore hanno particolare rilevanza

Dettagli

AE BIO SOLAR AE BIO SOLAR IMPIANTO IBRIDO SOLARE/BIOMASSA ADESSO ENERGIA SRL IMPIANTO IBRIDO SOLARE/BIOMASSA L INIZIO DI UNA NUOVA ENERGIA

AE BIO SOLAR AE BIO SOLAR IMPIANTO IBRIDO SOLARE/BIOMASSA ADESSO ENERGIA SRL IMPIANTO IBRIDO SOLARE/BIOMASSA L INIZIO DI UNA NUOVA ENERGIA ADESSO ENERGIA SRL AE BIO SOLAR L INIZIO DI UNA NUOVA ENERGIA Via Notarbartolo n 49 14.05.2014-90141 Palermo Pagina 1 INTRODUZIONE Il Sistema ibrido ingegnerizzato da Adesso Energia srl, denominato AE

Dettagli

GAS NATURALE O METANO

GAS NATURALE O METANO Composto prevalentemente da un idrocarburo: metano da da cui prende il nome. GAS NATURALE O METANO Alto potere calorifico. Mancanza di tossicità e impurità. È un'ottima risorsa energetica. È l'energia

Dettagli

Fino a qualche MW elettrico. Grande terziario e industriale piccolo-medio. 30% - 40% energia elettrica 40% - 50% calore recuperato 10% - 30% perdite

Fino a qualche MW elettrico. Grande terziario e industriale piccolo-medio. 30% - 40% energia elettrica 40% - 50% calore recuperato 10% - 30% perdite ,PSLDQWLGLPLFURFRJHQHUD]LRQH 'HVFUL]LRQHGHOODWHFQRORJLD Si tratta di impianti che utilizzano un combustibile per la produzione combinata di elettricità e calore (detta cogenerazione), di piccola taglia

Dettagli

INGEGNERIA INDUSTRIALE Impianti per la produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili

INGEGNERIA INDUSTRIALE Impianti per la produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili ICARIA s.r.l. SOCIETA DI SERVIZI DI INGEGNERIA Sede legale: Via La Spezia, 6 00182 Roma Sedi Operative: Corso Cavour, 445 05018 Orvieto Tel. 0763.340875 Fax 0763.341251 Viale Liegi, 42 00198 Roma e_mail

Dettagli

LA GENERAZIONE COMBINATA DI ENERGIA ELETTRICA E CALORE

LA GENERAZIONE COMBINATA DI ENERGIA ELETTRICA E CALORE LA GENERAZIONE COMBINATA DI ENERGIA ELETTRICA E CALORE Per soddisfare i fabbisogni di energia elettrica e termica si può pensare ad una fornitura che prevede il ricorso a due servizi distinti oppure attraverso

Dettagli

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.)

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) 2 LA MISSION DI MENOENERGIA ORIGINE DI MENOENERGIA Menoenergia è una società controllata dal Gruppo

Dettagli

Capitolo IV. Programmazione ottima di impianti di cogenerazione. 4.1 Introduzione. Capitolo IV

Capitolo IV. Programmazione ottima di impianti di cogenerazione. 4.1 Introduzione. Capitolo IV Capitolo IV Programmazione ottima di impianti di cogenerazione 4.1 Introduzione In ambito industriale i processi e le lavorazioni che hanno notevoli fabbisogni energetici sono molto diffusi; particolarmente

Dettagli

GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE E IL TELERISCALDAMENTO A TORINO

GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE E IL TELERISCALDAMENTO A TORINO GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE E IL TELERISCALDAMENTO A TORINO Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia elettrica, nella produzione e distribuzione

Dettagli

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia)

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) OPET SEED (Italia) Impianto di realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) ENERGIE Introduzione L impianto di in esame è installato presso un azienda

Dettagli

Vitomax - Tecnologia moderna per la generazione di calore nei grandi impianti

Vitomax - Tecnologia moderna per la generazione di calore nei grandi impianti TopTechnology Vitomax - Tecnologia moderna per la generazione di calore nei grandi impianti Top Technology Vitomax 100, 200, 300: produzione di acqua calda fino a 20 MW La produzione di calore a basso

Dettagli

Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore

Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore 173 Intervento dal titolo Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore A cura di Dott. Stefano Bonotto F2 S.r.l. 175 Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore 1) IL RELATORE

Dettagli

Recupero calore Risparmio energetico Sostenibilità ambientale

Recupero calore Risparmio energetico Sostenibilità ambientale s c a m b i o t e r m i c o - E E R Recupero calore Risparmio energetico Sostenibilità ambientale E X P E R T I S E S O L U T I O N S S U S T A I N A B I L I T Y s c a m b i o t e r m i c o - E E R Recupero

Dettagli

Microcogeneratori Heron

Microcogeneratori Heron Microcogeneratori Heron 2015 Un'esclusiva MALUX SA per tutta la Svizzera e il Liechtenstein Heron: la cogenerazione accessibile a tutti. Heron è un microcogeneratore a basso costo adatto per le piccole

Dettagli

Rapporto ambientale Anno 2012

Rapporto ambientale Anno 2012 Rapporto ambientale Anno 2012 Pagina 1 di 11 1 ANNO 2012 Nell anno 2005 la SITI TARGHE srl ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008 e

Dettagli

Capitolo I. La cogenerazione. 1.1 Introduzione

Capitolo I. La cogenerazione. 1.1 Introduzione Capitolo I La cogenerazione 1.1 Introduzione L idea alla base della cogenerazione è nota: in ogni ciclo termodinamico che genera energia elettrica utilizzando come fonte energetica calore ad alta temperatura

Dettagli

v. il dimensionamento d impianto vi. l integrazione con la realtà produttiva 3. Le opportunità ambientale ed economica

v. il dimensionamento d impianto vi. l integrazione con la realtà produttiva 3. Le opportunità ambientale ed economica Workshop Rafforzare la competitività delle PMI: opportunità in Europa Investire nello sviluppo sostenibile: la cogenerazione ing. Giuseppe Starace Università del Salento LECCE (I) Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica

Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica TIPOLOGIA DI IMPIANTO Un impianto di produzione di energia elettrica da biocombustibili solidi si compone dei due seguenti principali

Dettagli

Cogenerazione ESCo nella produzione della pasta. 5 marzo 2014

Cogenerazione ESCo nella produzione della pasta. 5 marzo 2014 Cogenerazione ESCo nella produzione della pasta 5 marzo 2014 Attività Heat & Power nasce nel 2004 come società di servizi energetici (ESCo). Il Gruppo opera su quattro aree: 1. Area Cogenerazione: Heat

Dettagli

Solare Termico. LIUC 7 Ottobre 2009 Paolo Torri. Castellanza 7 Ottobre 2009

Solare Termico. LIUC 7 Ottobre 2009 Paolo Torri. Castellanza 7 Ottobre 2009 Solare Termico LIUC 7 Ottobre 2009 Paolo Torri Cos è SOLARE TERMICO Sistema che sfrutta l irradiazione solare per la produzione di energia termica, principalmente sotto forma di acqua calda o vapore SOLARE

Dettagli

POMPE DI CALORE. Introduzione

POMPE DI CALORE. Introduzione POMPE DI CALORE Introduzione In impianto tradizionale di riscaldamento si utilizza il potere calorifico di un combustibile (gasolio, metano, legno, carbone, ecc.) per riscaldare a bassa temperatura dei

Dettagli

SCHEDA H. PRODUZIONE Energia prodotta nell intero impianto (per le caratteristiche delle unità di produzione di energia compilare la Tab. H.

SCHEDA H. PRODUZIONE Energia prodotta nell intero impianto (per le caratteristiche delle unità di produzione di energia compilare la Tab. H. Rev. Descrizione della revisione Simbolo A Emissione del 29/11/2012 B C Revisione del 15/07/2014 per prescrizioni VIA Revisione del 16/12/2014 per integrazioni riferite all endoprocedimento AIA, controdeduzioni

Dettagli

Azioni di incremento dell efficienza energetica nel settore delle piastrelle di ceramica: esperienze e limiti normativi. MILANO 14 giugno 2011

Azioni di incremento dell efficienza energetica nel settore delle piastrelle di ceramica: esperienze e limiti normativi. MILANO 14 giugno 2011 Azioni di incremento dell efficienza energetica nel settore delle piastrelle di ceramica: esperienze e limiti normativi MILANO 14 giugno 2011 L industria italiana delle piastrelle di ceramica Aziende (numero)

Dettagli

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Indice 1. Introduzione... 2 2. L'impianto proposto... 3 3. Schema a blocchi dell'impianto... 4 4. Descrizione dell'impianto... 5 4.1 Trattamenti meccanici...

Dettagli

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Integrazione fra la produzione della biomassa ed il suo riutilizzo a fini energetici Massarosa, 8 novembre 2013 Ing. Simone Bonari P&I srl 09/11/2013 Comune

Dettagli

Energia e Fonti Rinnovabili. Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia elettrica

Energia e Fonti Rinnovabili. Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia elettrica Energia e Fonti Rinnovabili Almo Collegio Borromeo, Pavia, a.a. 2009-2010 corso riconosciuto dall Università degli Studi di Pavia Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia

Dettagli

CURTI costruzioni meccaniche S.p.A. DIVISIONE ENERGIA

CURTI costruzioni meccaniche S.p.A. DIVISIONE ENERGIA CURTI costruzioni meccaniche S.p.A. DIVISIONE ENERGIA L azienda Curti SpA nasce nel 1957 ad Imola con la produzione di macchine per l industria tessile e agricola. Negli anni successivi l azienda si specializza

Dettagli

PINCH TECHNOLOGY. Il target può essere: minima area degli scambiatori minimo consumo di energia minimo costo annuo totale

PINCH TECHNOLOGY. Il target può essere: minima area degli scambiatori minimo consumo di energia minimo costo annuo totale PINCH TECHNOLOGY Obiettivo => ottimizzare i flussi energetici nel sistema i.e. trovare la migliore disposizione degli scambiatori di calore (energia) necessari per ottenere le temperature finali richieste.

Dettagli

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI)

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti di stabilimento Opuscolo informativo Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti stabilimento Introduzione F.I.S.

Dettagli

WHB / GXC CALDAIE A RECUPERO TERMICO

WHB / GXC CALDAIE A RECUPERO TERMICO WHB / GXC CALDAIE A RECUPERO TERMICO ICI CALDAIE LE CALDAIE A RECUPERO TERMICO Le caldaie a recupero di calore sono macchine termiche che utilizzano il calore dei gas di scarico per la produzione di acqua

Dettagli

IMPIANTI TECNOLOGICI E DGR 1366 DEL 26/09/11: SOLUZIONI PRATICHE

IMPIANTI TECNOLOGICI E DGR 1366 DEL 26/09/11: SOLUZIONI PRATICHE IMPIANTI TECNOLOGICI E DGR 1366 DEL 26/09/11: SOLUZIONI PRATICHE 1 IMPIANTI SOSTENIBILI Sostenibilità: equilibrio fra il soddisfacimento delle esigenze presenti, senza compromettere la possibilità delle

Dettagli

GUIDA AL RICONOSCIMENTO DELLA COGENERAZIONE

GUIDA AL RICONOSCIMENTO DELLA COGENERAZIONE GUIDA AL RICONOSCIMENTO DELLA COGENERAZIONE Decreto Legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 Delibera dell Autorità per l energia elettrica ed il gas n. 42/02 Edizione n. 1 ottobre 2008 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE?

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? La pompa di calore è costituita da un circuito chiuso, percorso da uno speciale

Dettagli

Efficienza energetica di produzione propria Calore ed elettricità con i cogeneratori Wolf Il marchio competente per i sistemi a risparmio energetico

Efficienza energetica di produzione propria Calore ed elettricità con i cogeneratori Wolf Il marchio competente per i sistemi a risparmio energetico Risparmio energetico e tutela ambientale di serie Efficienza energetica di produzione propria Calore ed elettricità con i cogeneratori Wolf Il marchio competente per i sistemi a risparmio energetico Cogeneratori

Dettagli

COMPANY PROFILE. La nostra storia ed esperienza per soddisfare ogni vostra nuova e più impegnativa esigenza

COMPANY PROFILE. La nostra storia ed esperienza per soddisfare ogni vostra nuova e più impegnativa esigenza La nostra storia ed esperienza per soddisfare ogni vostra nuova e più impegnativa esigenza COMPANY PROFILE DIRETTIVA 97/23/CE Attrezzature a Pressione Sistema Qualità certificato in conformità alla Norma

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 230:1997 31/10/1997 Bruciatori monoblocco di olio combustibile a polverizzazione. Dispositivi di sicurezza, di comando e di regolazione. Tempi di sicurezza. UNI EN 247:2001 31/05/2001 Scambiatori

Dettagli

COMBI CYCLE 300 PLUS CHP

COMBI CYCLE 300 PLUS CHP Gruppo Progeco PROGECO e la sua consociata INGECO sono a Silea (Treviso) con stabilimento di produzione di 2.200 mq PROGECO e per l Italia di GENERAL ELECTRIC - Heat Recovery Solutions PROGECO Progetta

Dettagli

Gruppo. Distributor GE Energy. Combi Cycle Systems. Sistemi di generazione a Ciclo Combinato Vapore + ORC di piccola taglia ad alta efficienza

Gruppo. Distributor GE Energy. Combi Cycle Systems. Sistemi di generazione a Ciclo Combinato Vapore + ORC di piccola taglia ad alta efficienza Gruppo Distributor Combi Cycle Systems Sistemi di generazione a Ciclo Combinato Vapore + ORC di piccola taglia ad alta efficienza Distributor Gruppo Progeco PROGECO e la sua consociata INGECO sono a Silea

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2008 secondo le più moderne

Dettagli

menoenergia IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO

menoenergia IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO menoenergia IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO Il riscaldamento degli edifici avviene tradizionalmente mediante impianti di combustione ( gas metano, gasolio, carbone ). Recentemente sono stati introdotti sistemi

Dettagli

Anno 2014. Rapporto ambientale

Anno 2014. Rapporto ambientale Anno 2014 Rapporto ambientale 1 ANNO 2014 Nell anno 2005 la SITI TARGHE S.r.l. ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008, nel 2011 e nel

Dettagli

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL &DOGDLHDFRQGHQVD]LRQH 'HVFUL]LRQHGHOODWHFQRORJLD Le caldaie sono il cuore degli impianti di riscaldamento dato che realizzano il processo di combustione da cui si ricava l energia termica necessaria per

Dettagli

COGENERAZIONE. Tipologie di impianti di cogenerazione

COGENERAZIONE. Tipologie di impianti di cogenerazione COGENERAZIONE La cogenerazione, o produzione combinata di energia elettrica e calore, consente di ottenere da una singola unità produttiva energia elettrica e termica, o in alcuni casi, lavoro ed energia

Dettagli

Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione

Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione COGENERAZIONE & TRIGENERAZIONE RISPARMIO ENERGETICO = RISPARMIO ECONOMICO Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione Domenico Laforgia Magnifico Rettore Professore ordinario di Sistemi

Dettagli

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 6 La caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 47 Consigli generali Lo sapete che In media una famiglia italiana spende ogni anno circa 500 per il riscaldamento, che rappresenta

Dettagli

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il quesito cui cercherò di rispondere 2 La pompa di calore utilizza energia elettrica per

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA DI

L EFFICIENZA ENERGETICA DI EcoSynGas 2 L EFFICIENZA ENERGETICA DI Soluzione EcoSynGas Indice 1. La Soluzione Sintesi... 4 Sviluppo del progetto... 5 Campi d applicazione... 6 Biomasse impiegabili... 7 2. La tecnologia Gassificatore

Dettagli

Biomasse ad uso energetico: un opportunità per lo sviluppo sostenibile del territorio

Biomasse ad uso energetico: un opportunità per lo sviluppo sostenibile del territorio Biomasse ad uso energetico: un opportunità per lo sviluppo sostenibile del territorio Workshop stato delle tecnologie Sessione 2 cogenerazione da biomassa legnosa La transizione dal presente al futuro

Dettagli

Sistemi ad adsorbimento

Sistemi ad adsorbimento Sistemi ad adsorbimento Il ciclo in oggetto impiega un solido capace di adsorbire su uno strato superficiale il fluido frigorigeno. Sostanze che presentano tali caratteristiche sono ad esempio zeolite

Dettagli

Gruppo Astea L IMPEGNO DEL GRUPPO ASTEA NEL SETTORE DEL RISPARMIO ENERGETICO. A cura di Astea Spa Fabio Giuseppini - Giuseppe Mengoni - Danilo Salvi

Gruppo Astea L IMPEGNO DEL GRUPPO ASTEA NEL SETTORE DEL RISPARMIO ENERGETICO. A cura di Astea Spa Fabio Giuseppini - Giuseppe Mengoni - Danilo Salvi L IMPEGNO DEL GRUPPO ASTEA NEL SETTORE DEL RISPARMIO ENERGETICO A cura di Astea Spa Fabio Giuseppini - Giuseppe Mengoni - Danilo Salvi Osimo, 25 giugno 2009 PREMESSA Quella del Gruppo ASTEA è una storia

Dettagli

Energia dalle Biomasse - Parte C

Energia dalle Biomasse - Parte C Tecnologie delle Energie Rinnovabili Energia dalle Biomasse - Parte C Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali Università degli Studi di Cagliari daniele.cocco@unica.it

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLA COGENERAZIONE IN ITALIA ANNO PRODUZIONE 2011

RELAZIONE ANNUALE SULLA COGENERAZIONE IN ITALIA ANNO PRODUZIONE 2011 Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L ENERGIA Direzione Generale per l Nucleare, le Energie Rinnovabili e l Efficienza Energetica RELAZIONE ANNUALE SULLA COGENERAZIONE IN ITALIA ANNO PRODUZIONE

Dettagli

ALLEGATO I. Tecnologie di cogenerazione oggetto del presente decreto

ALLEGATO I. Tecnologie di cogenerazione oggetto del presente decreto 2. Sono approvati gli allegati IV, V, VI e VII, recanti integrazioni al metodo di calcolo dell energia da cogenerazione ad alto rendimento, relativamente a: a) allegato IV - valori di rendimento di riferimento

Dettagli

ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA

ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 GUIDA GESTIONE DELL ENERGIA SOMMARIO ILLUMINAZIONE...

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Impianti a ciclo combinato e cogenerativo

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Impianti a ciclo combinato e cogenerativo UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE Impianti a ciclo combinato e cogenerativo Il concetto di ciclo combinato cessione di calore a temperatura media T adduzione di calore a temperatura

Dettagli

Termovalorizzatore di Acerra

Termovalorizzatore di Acerra Termovalorizzatore di Acerra Il termovalorizzatore di Acerra è uno dei più grandi impianti d Europa, con una capacità di smaltimento pari a 600.000 t/anno di RSU pretrattato; esso produce 600 milioni di

Dettagli

ESERCITAZIONI FISICA TECNICA. Prof. Fabio Polonara Prof. Gianni Cesini. Corso di Ingegneria Meccanica

ESERCITAZIONI FISICA TECNICA. Prof. Fabio Polonara Prof. Gianni Cesini. Corso di Ingegneria Meccanica ESERCITAZIONI FISICA TECNICA Prof. Fabio Polonara Prof. Gianni Cesini Corso di Ingegneria Meccanica 2 TERMODINAMICA APPLICATA Termodinamica degli stati 3 ESERCIZIO TA-T8 Utilizzando il piano P-T e le tabelle

Dettagli

19 giugno 2013. Vittorio Chiesa Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group www.energystrategy.it

19 giugno 2013. Vittorio Chiesa Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group www.energystrategy.it 19 giugno 2013 Vittorio Chiesa Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group Il trend dei consumi Gli obiettivi stabiliti dalla SEN per l efficienza energetica: - 24% sui consumi primari (-20 Mtep); -

Dettagli

Dossier Microcogenerazione Progetto RES & RUE Dissemination

Dossier Microcogenerazione Progetto RES & RUE Dissemination Dossier Microcogenerazione Progetto RES & RUE Dissemination Realizzato da DOMOTECNICA A cura di: P.I. Renato Cremonesi Dott. Gianni Pilati Ing. Giorgio Bergamini INDICE 1. LA COGENERAZIONE... 5 1.1. Minore

Dettagli

STABILIMENTO DI TARANTO. Febbraio 2007. Allegato D10

STABILIMENTO DI TARANTO. Febbraio 2007. Allegato D10 STABILIMENTO DI TARANTO Febbraio 2007 Analisi energetica dello Stabilimento Siderurgico ILVA di Taranto Lo stabilimento siderurgico di Taranto consuma, nel suo assetto attuale, c.a. 181.000 Tj/anno in

Dettagli

Energy Saving Solutions

Energy Saving Solutions Energy Saving Solutions Energy Saving Solutions IBT È PARTNER ESCLUSIVO PER L ITALIA DELLA SOCIETÀ CALIFORNIANA CAPSTONE TURBINE CORPORATION, LEADER MONDIALE NELLA TECNOLOGIA DEI SISTEMI ENERGETICI CON

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2005 secondo le più moderne

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 4 agosto 2011. Integrazioni al decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20, di attuazione della direttiva 2004/8/CE sulla promozione della cogenerazione basata

Dettagli

Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi

Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi si presenta in una veste rinnovata, mantenendo inalterate tutte le caratteristiche che l hanno sempre contraddistinta. Mynute Sinthesi è l innovativa caldaia a condensazione

Dettagli

VIESMANN. Foglio dati tecnici. VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 6.5 a 35 kw. VITODENS 100-W modello WB1C

VIESMANN. Foglio dati tecnici. VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 6.5 a 35 kw. VITODENS 100-W modello WB1C VIESMANN VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 6.5 a 35 kw Foglio dati tecnici Articoli e prezzi: vedi listino prezzi VITODENS 100-W modello WB1C Caldaia murale a gas a condensazione con

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA IN AMBITO INDUSTRIALE: UNA SCELTA IMPRENDITORIALE

L EFFICIENZA ENERGETICA IN AMBITO INDUSTRIALE: UNA SCELTA IMPRENDITORIALE UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS L EFFICIENZA ENERGETICA IN AMBITO INDUSTRIALE: UNA SCELTA IMPRENDITORIALE Prof. Ing. Cesare Saccani

Dettagli

Esercizi non risolti

Esercizi non risolti Esercizi non risolti 69 Turbina idraulica (Pelton) Effettuare il dimensionamento di massima di una turbina idraulica con caduta netta di 764 m, portata di 2.9 m 3 /s e frequenza di rete 60 Hz. Turbina

Dettagli

CONOSCERE LE FONTI. Ecorisorse impianti ENERGETICHE RINNOVABILI

CONOSCERE LE FONTI. Ecorisorse impianti ENERGETICHE RINNOVABILI CONOSCERE LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI ARGOMENTI TRATTATI - Il solare termico - Il fotovoltaico - Le biomasse legnose - Casi concreti di impianti a biomasse legnose IL SOLARE TERMICO Il pannello solare

Dettagli

Servizio per la gestione del calore e l adeguamento tecnologico e alle norme di sicurezza degli impianti di riscaldamento degli edifici comunali

Servizio per la gestione del calore e l adeguamento tecnologico e alle norme di sicurezza degli impianti di riscaldamento degli edifici comunali Servizio per la gestione del calore e l adeguamento tecnologico e alle norme di sicurezza degli impianti di riscaldamento degli edifici comunali Sintesi motivazione scelte progettuali e descrizione soluzioni

Dettagli

Cogenerazione con una Energy Service Company: i vantaggi senza i problemi. 5 Giugno 2014

Cogenerazione con una Energy Service Company: i vantaggi senza i problemi. 5 Giugno 2014 Cogenerazione con una Energy Service Company: i vantaggi senza i problemi 5 Giugno 2014 Chi siamo: Heat & Power nasce nel 2004 come società di servizi energetici (ESCo). Il Gruppo opera su quattro aree:

Dettagli

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA DA 1MWE ALIMENTATA A CIPPATO DI LEGNA

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA DA 1MWE ALIMENTATA A CIPPATO DI LEGNA GMB ENGINEERING - DIPARTIMENTO ENERGIE RINNOVABILI COGENERAZIONE PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA DA 1MWE ALIMENTATA A CIPPATO DI LEGNA SETTEMBRE 2009 Introduzione Il fabbisogno

Dettagli

Caldaie murali a condensazione MURELLE EV HE

Caldaie murali a condensazione MURELLE EV HE Caldaie murali a condensazione MURELLE EV HE Caldaie murali Murelle EV HE istantanea e solo riscaldamento Murelle EV HE ad accumulo La caldaia evoluta MURELLE EV HE Murelle EV HE è una gamma di caldaie

Dettagli

Procedure di base finalizzate all efficienza energetica

Procedure di base finalizzate all efficienza energetica Energia del futuro: l efficienza nei sistemi energetici del territorio 17-18 maggio 2014 Hotel Splendid Baveno, via Sempione 12 Procedure di base finalizzate all efficienza energetica prof. Marco Carlo

Dettagli

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17):

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): 4. LE SEZIONI DI UN IMPIANTO DI TEMODISTRUZIONE Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): Fig.17: sezioni fondamentali di un

Dettagli

CAPITOLO 8 IMPIANTI A CICLO COMBINATO

CAPITOLO 8 IMPIANTI A CICLO COMBINATO CAPITOLO 8 IMPIANTI A CICLO COMBINATO 8.1. Introduzione Nel capitolo precedente si è visto come i fumi all uscita di un impianto turboas siano caratterizzati da valori della temperatura piuttosto elevati,

Dettagli

Il legno come combustibile

Il legno come combustibile Approfondimento Il legno come combustibile Le biomasse soddisfano circa il 15% degli usi energetici primari nel mondo; tra esse la più nota è il legno, il più antico combustibile utilizzato dall uomo per

Dettagli

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC Seminario Tecnico Stabilimenti IPPC: Piano di Monitoraggio e Controllo (PMC) e Sistemi di Monitoraggio delle emissioni (SME) Provincia di

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parti 3 4 1 IMPIANTO TERMICO In generale si può pensare articolato nelle seguenti parti: Generatore uno o più apparati che forniscono energia termica ad un mezzo di trasporto

Dettagli