Viaggio all inferno e ritorno di Diana Santini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Viaggio all inferno e ritorno di Diana Santini"

Transcript

1 Viaggio all inferno e ritorno di iana Santini ue settimane in Giappone dopo lo tsunami e dopo il disastro nucleare di Fukushima. Giorno per giorno, il diario tenuto dall inviata di east. Con molte annotazioni inedite rispetto a quanto è stato detto e scritto. 15 marzo L antefatto L a notte arriva presto se si corre a cinquecento chilometri all ora in direzione dell Oriente. isciplinati, dopo avere trangugiato la cena preriscaldata servita dalle hostess del volo Londra-Tokyo BA005, i miei compagni di viaggio, tutti giapponesi, posizionano i cuscinetti e si calano sugli occhi le mascherine per ripararsi dalla luce. iecimila metri più in basso dorme la distesa sconfinata della Siberia. Quattro giorni fa un terremoto di violenza inaudita e uno tsunami ancor più apocalittico hanno sconquassato il Nord del Paese. Il bilancio delle vittime è ancora provvisorio, potrebbero essere migliaia, malgrado questo sia il Paese con le misure antisismiche più avanzate al mondo. C è pure un piccolo imprevisto: in una centrale nucleare affacciata sull oceano, a qualche centinaio di chilometri da Tokyo, a causa del sisma, sistemi di raffredda- Arahama: si recuperano i pescherecci, alcuni sono stati spinti dallo tsunami a quasi due chilometri dalla costa. La riapertura dei settori legati alla pesca è indispensabile per ricostruire le economie locali: circa il 90% per cento dei 29mila pescherecci delle prefetture di Iwate, Miyagi e Fukushima, sono inutilizzabili. Minamisoma: controllo dei permessi da parte della polizia al posto di blocco della no entry zone. numero 36. giugno

2 Giappone: è stato come ripiombare nel marzo Il mio primo terremoto uando il sole sorge da un orizzonte che sembra infinito l aereo sta ancora sorvolando la Cina. Un esplosione atomica di luce bianca inonda il cuscino di nuvole appoggiato sulla Terra, qualche migliaio di metri più sotto. a una decina di ore non ho notizie Q del mondo. Esisterà ancora? Atterro in una bella mattina tersa, c è il vento, ai bordi della pista un po di neve ammonticchiata. Nel frattempo vengo a sapere che due dei sei reattori della centrale sono esplosi. Un alta colonna di fumo nero si innalza verso il cielo. Una catastrofe, o forse no. Nella sala arrivi di Narita, l aeroporto di Tokyo, tutto sembra scorrere con la consueta armoniosa frenesia. Alla biglietteria degli autobus un impiegata mi sta spiegando a gesti da quale banchina devo partire in direzione del centro. Poi, all improvviso, resta come pietrificata. La incoraggio a proseguire, resta immobile. I vetri prendono a tintinnare: prima ancora di capire che cosa stia succedendo mi si stringe lo stomaco, le ginocchia si fanno molli. Il terremoto, il mio primo terremoto. Nel giro di una quindicina di secondi tutto torna alla normalità. Le valigie riprendono la loro corsa su rotelle al seguito di indaffarati uomini d affari. Anche l impiegata del- 74. east. europe and asia strategies la biglietteria si scongela. A Tokyo la pioggia è radioattiva: mi consiglia di comprare un ombrello, per precauzione. La piattaforma da cui parte l autobus è la numero marzo Arigato, konnichiwa ul terrazzo al sesto piano i vasi dei fiori rotolano da tutte le parti, le sedie sono ribaltate in un angolo. C è un gran vento, e non è una buona notizia. Spira da nord e impregna l aria della capitale del nemico invisibile, le radiazioni. In metropolitana è un tripudio di mascherine bianche, ma nessuno ammette che è per proteggersi dai miasmi della centrale di Fukushima. Ufficialmente le indossano per proteggersi dai pollini: è quasi primavera, meglio non farsi cogliere impreparati dai semini volanti. Tokyo è sicura, recita come un mantra la tv nazionale giapponese, che dal giorno del terremoto trasmette in di- S A SINISTRA Uomini della 10^ divisione SOTTO La stazione ferroviaria di Osaka. delle Jieitai, le Forze di autodifesa, A ESTRA La polizia intenta nella prefettura di Miyagi. ai controlli d accesso all area di Arahama. retta da uno studio luccicante, al centro del quale troneggia un plastico della centrale di Fukushima aiichi, con le vaschette di raffreddamento di un azzurro luminoso e i vessel argentati. Ogni dieci minuti una piccola interruzione: trenta secondi di pubblicità-progresso per sensibilizzare i telespettatori alla solidarietà in questa difficile circostanza. Nello spot i pupazzetti colorati si prendono per mano e saltellano sotto un arcobaleno stilizzato: «Arigato, arigato, konnichiwa, konnichiwa», cantano in coro con vocine infantili. Grazie, e buongiorno a lei! 18 marzo Prepararsi all evacuazione a Fukushima arrivano notizie confuse, contraddittorie. Si avverte una tensione strisciante, in vari modi dissimulata. Nel corso della notte alcune nuove esplosioni negli edifici che ospitano i reat- mento sono danneggiati, la temperatura nei reattori sta crescendo e si temono fuoriuscite radioattive. La cabina dell aereo resta avvolta in una penombra silenziosa, i miei vicini di poltrona dormono immobili. Le vacanze sono finite, è ora di tornare a casa. In fondo non c è nulla di cui preoccuparsi, la situazione è sotto controllo, ripeteva rassicurante un responsabile della compagnia che gestisce la centrale dagli schermi ultrapiatti delle tv nella sala d attesa dell aeroporto di Heathrow prima del decollo. numero 36. giugno

3 tori hanno convinto le ambasciate straniere a ordinare l evacuazione dei propri cittadini dalla capitale. E non sono solo gli stranieri a partire. Sullo Shinkansen delle 8.00, in partenza dalla stazione centrale di Tokyo e diretto a Osaka, non c è un posto libero. Al binario le famiglie aspettano in file tanto precise e composte da sembrare disegnate col righello, che il treno superveloce apra le sue porte. Hanno con sé cumuli di valigie, la gabbietta del canarino, il nonno: partono per stare via quanto più possono. ai finestrini le colline spolverate di neve brillano sotto il sole. A Osaka, invece, il cielo è basso e pesante, fa caldo. Trovare una stanza libera è un impresa: alla fine mi accomodo in una sorta di albergo a ore, il tassista mi lancia un occhiata equivoca quando gli scrivo l indirizzo su un foglietto. C è pure chi dalla stazione fa rotta direttamente sull aeroporto. In effetti, cinquecento chilometri in più o in meno, in caso di autentico disastro, farebbero poca differenza. 19 marzo istanza psicologica ai rubinetti della capitale ha preso a scorrere acqua radioattiva, la concentrazione di iodio 131 e cesio 137 è superiore alla soglia di sicurezza fissata per i bambini piccoli. Nei supermercati del centro gli scaffali delle acque minerali, liscia e gassata, si svuotano a una velocità impressionante. Osaka, invece, si gode indisturbata le prime avvisaglie di una primavera tardiva. Qualche ciliegio è già fiorito, capannelli di persone si accalcano per fotografare i boccioli col telefonino. Il contrasto con la tensione che si respira a solo qualche centinaio di chilometri di distanza non potrebbe essere più stridente. I ristoranti espongono in vetrina riproduzioni in plastica dei piatti del menu. Alla sera le vie del centro di questa brutta metropoli, disordinata ed estesa, si riempiono di adolescenti che sfoggiano variopinte acconciature. Gli 800 chilometri scarsi che separano la città da Fukushima funzionano come un potente ansiolitico: il disastro nucleare sembra un eventualità remota, le macerie di Sendai una tragedia altrui. 20 marzo Gempatsu iranai rovarli non è facile, nel brulichio di famigliole a spasso nel parco di Ueno, uno dei più grandi di Tokyo, di domenica pomeriggio. Poi, dietro un T gruppo di ragazzi che reinterpretano Grease intorno a uno stereo con la musica a tutto volume, eccoli, gli attivisti antinucleari. È il primo corteo contro le centrali dopo i danneggiamenti agli impianti di Fukushima, e uno dei rarissimi nella storia recente giapponese. I manifestanti sono un migliaio, chiamati in piazza da un piccolo sindacato maoista, molti, in verità per gli standard nipponici. Tanto più che le previsioni del tempo prevedevano pioggia per oggi, una circostanza poco salutare, considerate tutte quelle nocive particelle radioattive sospese nell atmosfera. opo un incomprensibile numero di giri in tondo in un angolo del parco il corteo sfila, stretto tra imponenti cordoni di poliziotti e gli sguardi incuriositi dei passanti intenti a fare shopping, per la centralissima Shibuya. «Gempatsu iranai», scandiscono in coro, non vogliamo il nucleare. C è anche una delegazione venuta da Hiroshima, lì dove l uomo ha pagato il suo prezzo più alto all atomo. E poi gli studenti e i disoccupati. E perfino un cane tutto infiocchettato. Il corteo procede un po a singhiozzo, è vero, perché quando il semaforo è rosso il serpentone si immobilizza per non ostruire il traffico automobilistico. Ma la soddisfazione generale è evidente. 21 marzo Elogio della pazienza N on che la verdura sia il piatto forte della tradizione culinaria giapponese, ma la sospensione della distribuzione di vegetali a foglia larga provenienti dalle quattro prefetture più vicine alla centrale in ebollizione, psicologicamente è un colpo. Richiama alla mente Chernobyl, un incubo fattosi archetipo e metro di misura per il presente. In realtà la situazione a Fukushima è sostanzialmente stazionaria e a parte qualche parola amara, qualche fugace concessione ad azioni irrazionali (come riempire la credenza di latte a lunga conservazione), la città continua a mettere in scena ogni giorno la sua studiata normalissima quotidianità, fatta di metropolitane affollate e cortesie reciproche. Se già poteva essere vero prima, ancora di più in questi giorni sospesi sembra di assistere a un balletto disperato. Ma anche a un grande spettacolo di pazienza, di ostinazione e di coraggio. «Andarmene via? Non è possibile», mi dice una giovane impiegata che incontro in un ristorante di Akihabara. «Se si ferma To- kyo, si ferma il Giappone. Adesso dobbiamo resistere, prima di tutto alla paura». 22 marzo Operazione risparmio energetico «T i ho preparato un bagno caldo». Yoko mi accoglie sorridendo nella sua villetta di Kichijoji, periferia ovest di Tokyo, un delizioso suburbio maniacalmente ortogonale. La casa, che affaccia su una stradina affiancata da marciapiedi, è circondata da un verde ordinato. «Ora vorrai fare un bagno», insiste. Tra i vari imperativi nazionali di questi giorni, quello che consiglia di fare almeno tre docce al giorno per lavare via gli atomini radioattivi con cui si può essere entrati in contatto è uno dei più pervasivi. Yoko lo segue alla lettera: capisco che il suo è qualcosa più di un invito e mi piego all esigenza dell igiene antinucleare. Un altro fronte della mobilitazione diffusa riguarda il risparmio energetico. Con la centrale di Fukushima fuori uso e molte altre spente dal giorno del terremoto, la società elettrica fatica a soddisfare l enorme fabbisogno energetico della capitale. Si rischia, titolano a otto colonne i maggiori quotidiani, il blackout generalizzato. E così tutti cercano di fare la propria parte. Il gioco preferito di Teo e Meo, i figli Yoko, che hanno solo sette anni, consiste nel seguirmi e fare a gara a spegnere le luci che io dimentico accese. A investirli del compito di vigilare strenuamente contro ogni forma di spreco di corrente è stata la maestra. Lo Yomiuri online pubblicava, invece, questa mattina le istruzioni per cucinare il riso senza la pentola elettrica, un operazione che in molti non hanno mai fatto, qui. Le scale mobili delle metropolitane sono spente e tra i sarariman che arrancano a piedi per dieci piani verso la luce si respira quell ostinazione paziente di cui parlavo prima. La città è buia, dai grandi magazzini di elettronica agli uffici pubblici si spegne tutto quel che si può: schermi, lampioni, pubblicità. Shibuya, già tempio metropolitano dell abuso di lumen, sembra un anonimo incrocio di periferia. 21 marzo Verso Nord S eduta all alba davanti al finestrino della monorotaia che mi sta conducendo in aeroporto, mi lascio distrarre dal moto lento delle chiatte nei canali. Tra poche ore sarò nel Tohoku, su al Nord, dove tut- to è successo. Mi sento un po fuori luogo, tutta intabarrata in uno sciarpone di lana e con ai piedi gli stivaletti da neve comprati per l occasione. Ma le mie precauzioni non si dimostreranno eccessive: a Yamagata la temperatura è di parecchi gradi sotto lo zero. La meta di oggi è Sendai, la città dove, sulla spiaggia, sono stati trovati, già il giorno successivo allo tsunami, i corpi di migliaia di persone. Il porto è un cimitero buio di macchine abbandonate, le portiere spalancate, come esplose. Le uniche tracce di vita sono costituite dai mezzi della polizia e del soccorso stradale, che tappano in modo del tutto provvisorio le voragini che si sono aperte qua e là nell asfalto. Per il resto, solo corvi che passeggiano indisturbati per le strade deserte, tra resti di quelli che, con una buona dose di immaginazione, si intuisce fossero edifici, hangar, depositi. La radio, tutte le radio, diffondono ogni ora le comunicazioni di servizio: classificazione dei danni, distribuzione di acqua e generi di prima necessità, numeri di emergenza. Poi, sotto una nevicata commovente, ma comunque un pochino radioattiva, parte la canzone diventata simbolo del disastro, una sorta di E se domani giapponese: Fukushima I love you dice Fukushima I need you. 21 marzo Tremate tremate L e scosse di assestamento sono talmente frequenti, qui, che si perde il conto. Quante stanotte? Tre, quattro, non ricordo. I futon attutiscono i colpi, trasformano quell ondeggiare scomposto della terra in un rollio da bonaccia. La colazione a base di riso e funghi in agrodolce rende il tutto ancora più surreale. Sono arrivata ieri sera a Ichinoseki. Questa è una delle zone in cui il terremoto e lo tsunami dell 11 marzo scorso hanno fatto più danni. La città funge un po da centro di coordinamento dei soccorsi per i disastrati paesini della costa, a una cinquantina di chilometri di distanza. Gli sfollati, qui, sono decine di migliaia. La mobilitazione è generale e permanente e dappertutto è un via vai di volontari e operatori arrivati da tutto il Paese. Sulle strade si vedono quasi solo mezzi di soccorso e camionette dell esercito. Passo il pomeriggio a fare la coda per la benzina. È razionata, non se ne possono avere più di venti litri a testa. E anche per quelli, bisogna solo sperare che la pompa 76. east. europe and asia strategies numero 36. giugno

4 non si svuoti prima del proprio turno. Vedo un vecchietto infilarsi da una stradina laterale, scavalcando almeno una sessantina di macchine già in coda. Ci scambiamo un sorriso complice, mi commuovo un poco pensando a come l emergenza abbia aperto una piccola breccia anche nel sovrumano senso di onestà giapponese. 25 marzo Kesennuma C amminando in direzione del porto, a Kesennuma, l odore si fa via via più acre, il fango depositato sulle strade più spesso. ietro una curva, infine, lo sfacelo. Centinaia di case rase al suolo, l acqua di mare raccolta in larghe pozze nere, i gabbiani che gridano, le barche scaraventate sul molo. È un paesaggio così doloroso che fa tremare le mani. Il mare a Kesennuma è entrato dalla strada principale. L onda, alta undici metri, ha prima squassato quella tavola piatta che è di solito il mare in questa baia lunga e stretta, poi ha inghiottito il porticciolo, infine si è infilata tra le case per diverse centinaia di metri. Ha preso a correre sempre più forte, rovesciando tutto ciò che incontrava sul suo cammino: le macchine, i lampioni, i distributori delle bibite, i mercati, le case. Quando ormai le strade erano ridotte a fiumi di detriti, il mare è tornato da dove era venuto. Nel fango rimangono una macchina da cucire, una teiera, una macchinina giocattolo incastrata nel cartoccio di lamiere di un automobile vera, quotidiani zuppi, scarpe, cuscini, mobili, ante, vestiti, tatami. I sopravvissuti approfittano di uno spiraglio di sole per andare a recuperare qualcosa in quel che resta delle loro case. Entrano scavalcando le macerie, escono trionfanti con un sacchetto di plastica in mano. Poi, all ora di pranzo, si mettono in fila per il pasto caldo davanti alla cucina del centro di raccolta. Salutano, spiegano, ci ringra- ziano di essere venuti fin lì, scusandosi quasi del tour dell orrore che abbiamo appena fatto in città. Le lacrime si confondono nel brodo caldo degli spaghetti alla trippa con uova crude, che mi concedo a un baracchino sulla via del ritorno. 26 marzo Rikuzen-Takata mattina presto. A Rikuzen-Takata, davanti al nuovissimo edificio che funge da municipio È quello di prima è stato scaraventato dalla furia del mare a un centinaio di metri di distanza dalla sua posizione originaria e se ne sta lì accartocciato contro un altura c è una fila ordinatissima di persone. Sono in coda da un po : stamattina apre l ufficio in cui depositare le richieste per gli alloggi temporanei in costruzione. Cubetti di legno nascosti dietro una collina, sì, ma pur sempre qualcosa di più simile a una casa che non la grande palestra della scuola elementare. La ricostruzione, quella vera, qui è un miraggio lontano, per certi versi irrealizzabile. L onda nera non ha risparmiato che una manciata di palazzi, che spuntano solitari da uno sconfinato ground zero, per chilometri e chilometri quadrati. ove fossero le case, gli isolati, i parcheggi, lo si capisce solo dal reticolo geometrico delle strade, già tutte ripulite e agibili. ue postini, spediti qui da Osaka con la divisa di ordinanza, frugano con una mazza da baseball nella melma. Cercano corrispondenza, mai spedita o spedita e mai arrivata. Chi trova oggetti che possano avere un qualche valore affettivo li estrae dal fango e li deposita davanti a quella che, da vari indizi, si immagina fosse una casa: fotografie, libri, statuette. Il resto è cibo per le ruspe: sollevano mucchi di detriti, li rimescolano. Ogni tanto, tra un asse marcio e un automobile, spunta un corpo. Con gesti ormai esperti, i soccorritori lo caricano su un furgone e A SINISTRA Ad Arahama si stima che ci vorranno almeno 3 anni per rimuovere i detriti accumulati lungo le coste devastate. A ESTRA Supestiti ricoverati nella scuola elementare di Watari, nella prefettura di Miyagi. 78. east. europe and asia strategies numero 36. giugno

5 cancellano il nome dalla lista dei dispersi. Nell onsen dell albergo grandi vasche costruite sulle sorgenti di acqua bollente che spuntano un po dappertutto in Giappone cerco di lavare via un po di disperazione. Una signora giapponese cerca di intavolare un improbabile conversazione. Finisce che cantiamo in coro a squarciagola O sole mio, tutte nude tra i vetri appannati dai vapori, mentre fuori inizia un altra volta a nevicare. 27 marzo Fukushima nanmin N ella palestra che sorge al centro del parco di Yamagata sono alloggiate una cinquantina di persone. Sono tornata qui in città per restituire l auto noleggiata: mentre discuto con l impiegata dell agenzia mi rubano la macchina fotografica dal cruscotto. Non vorrei che stessimo esagerando con queste deroghe all onestà nipponica In città vivono una buona parte di coloro che sono stati evacuati dalle immediate vicinanze della centrale di Fukushima: chi nella palestra, chi nello stadio, chi in prefettura, chi nelle scuole chiuse. Lasciare casa, per chissà dove e per chissà quanto, non è stata una scelta facile e neppure troppo facilitata. Al di là delle auto della polizia che giravano con gli altoparlanti intimando di chiudere le finestre, mi raccontano, non hanno avuto molto: non un viaggio pagato, non una destinazione certa né un pieno di benzina assicurato. entro la palestra il campo di basket è stato trasformato in un piccolissimo quartiere, in cui ogni famiglia occupa un quadrato di quattro metri di lato. Al soffitto basso sono appesi gli stendini per la biancheria, i bambini giocano a nascondino tra le valigie e gli scatoloni. L odore dolciastro del gasolio delle stufe si mescola a quello del tè che fuma nei bollitori. 28 marzo Signori, il plutonio L a novità di oggi è il plutonio. Ne sono state rinvenute tracce in ben cinque punti dell impianto di Fukushima, scopro comprando una copia del Japan Times al mio arrivo a Tokyo, in un alba chiarissima. Il pullmann notturno sostitutivo della linea ferroviaria interrotta mi scarica a Shibuya. Mentre, assonnata, tento di non calpestare le decine di senzatetto che dormono nei corridoi della stazione della metropolitana, scavo nella memoria alla ricerca di informazioni su questo nuovo nemico polverizzato nell aria. Più che mai radioattivo, ma comunque pesante, mi dico, e dunque poco volatile: improbabile che sia arrivato fin qui. Quotidianamente i giornali pubblicano le rilevazioni di sostanze radioattive nell aria, provincia per provincia, città per città. Viste sulla mappa sono una serie di cerchi concentrici che hanno al centro Fukushima. Nella capitale i valori sono in calo e comunque i più sembrano non occuparsene troppo. Se è negli scaffali vuol dire che è sicuro, mi dice con naturalezza una signora brandendo un mazzo di spinaci durante un improvvisata sessione di interviste in un supermercato di Ueno. «Ma chi controlla?», chiedo io in inglese al ragazzo etiope che studia giapponese e che si è offerto di farmi da interprete, il quale a sua volta rigira la domanda in un giapponese elementare a un ragazzo di Tokyo, che pone la domanda alle signore intente a fare la spesa. Il sospetto che qualcosa si perda in questa babele improvvisata davanti al banco dei surgelati è forte. La signora ride: non è questa una cosa che la riguardi. 29 marzo Miracoli postali a quando sono tornata dal Nord non sogno che terremoti: terrificanti, quotidiani, a volte perfino piacevoli. C è un camion che tutte le notti parte dalla strada davanti a casa alle 3.00 spaccate e accende il motore nel silenzio della periferia addormentata. Ogni volta sussulto. A svegliarmi stamattina, invece, è stato il postino. Mi recapita un pacco dal Tohoku: è il caricabatterie del computer che avevo dimenticato in un rifugio per sfollati a Yamagata. al numero di telefono che gli avevo lasciato sono risaliti all indirizzo e ieri pomeriggio me l hanno spedito. E così, in un Paese che si vorrebbe in ginocchio, un gruppo di rifugiati scampati alla catastrofe nucleare trova il tempo e la voglia di andare in posta a spedire un plico a una distratta signorina italiana che non ha fatto altro che tempestarli di domande per un intero pomeriggio. E quel plico, in meno di dodici ore, percorre quasi mille chilometri e arriva a destinazione nelle mani di un postino gentile, che rifiuta cortesemente un caffè mentre mi informa che la spedizione è stata pagata dal mittente. 80. east. europe and asia strategies numero 36. giugno

6 Chiamo il centro di accoglienza per rifugiati di Yamagata per ringraziare e finisce che sono loro a ringraziarmi per la telefonata. 30 marzo Fukushima Fifties all incidente alla centrale sono passati, oggi, venti giorni. Era iniziata come una corsa contro il tempo, si sta rivelando un disastro al rallentatore. Tra un paio di giorni sarò di nuovo in Italia e ho la sensazione di lasciare tutto come l ho trovato. Le operazioni di raffreddamento dei reattori sono in corso, nonostante lavorare all interno degli impianti sia ormai pericolosissimo, per l alta concentrazione di radiazioni accumulatesi. Gli eroi di Fukushima, gli operai al lavoro per la messa in sicurezza della centrale già diventati un icona popolare di abnegazione e sacrificio, cadono uno dopo l altro. Quelli gravemente contaminati sono ormai una trentina. E anche gli altri, ormai, sono qualche centinaio: all inizio non erano che cinquanta, e non se la passano molto meglio. Non hanno abbastanza da mangiare, si è scoperto, dormono tutti insieme al freddo in una sala conferenze, non sono informati sui rischi che corrono. Confronto la versione stilizzata degli eroi nei rassicuranti spot governativi con le facce pallide degli operai contaminati sdraiati in un letto d ospedale. Viste da qui le radiazioni non sono che numeri dietro uno zero e a una virgola: scoprire che uccidono davvero restituisce al dramma la sua dimensione intimamente umana. 31 marzo Addio I l tempio della dea Kannon è una nuvola di incensi e di preghiere. Ho deciso di venire qui, stamattina, a salutare il Giappone, alla vigilia della partenza. Tanti dei negozietti di souvenir sono chiusi e in questo, che è uno dei luoghi più turistici della città, non passa uno straniero per tutta la mattina. Il tempio, comunque, è affollatissimo, le cassette delle offerte risuonano in continuazione delle monetine depositate dentro dai visitatori. Certe obese carpe koi sgomitano per conquistarsi i posti migliori ai lati dei ponticelli sul laghetto, nella speranza di intercettare le briciole che lanciano loro i fedeli. Mi fermo a un baracchino per una zuppa fumante di grassini di manzo in salsa piccante. omani inizia l hanami, la festa della fioritura dei ciliegi. Mi dispiace non poterci essere east. europe and asia strategies

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone Se fossi... Nicole Pesce Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone se fossi un coppa mi lascerei osservare da tutti, ed essere contenta di essere con te, te che mi

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 95/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 322/2014 DELLA COMMISSIONE del 28 marzo 2014 che impone condizioni speciali

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

L ultima cosa che ho visto

L ultima cosa che ho visto L ultima cosa che ho visto Cinzia Politi L ULTIMA COSA CHE HO VISTO www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Nome Autore Tutti i diritti riservati Dedicato a Sara, una giovane, grande donna CAPITOLO

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO I BIGLIETTI SCUOLA I biglietti scuola, nella modalità biglietto singolo, hanno un costo di 10 per ogni studente e sono riservati ai gruppi scolastici

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

QuadernoUNO B1.qxd:5-Quaderno-UNO.qxd 22-05-2012 12:33 Pagina 1 UNO

QuadernoUNO B1.qxd:5-Quaderno-UNO.qxd 22-05-2012 12:33 Pagina 1 UNO QuadernoUNO B1.qxd:5-Quaderno-UNO.qxd 22-05-2012 12:33 Pagina 1 UNO Giugno 2012 QuadernoUNO B1.qxd:5-Quaderno-UNO.qxd 22-05-2012 12:33 Pagina 2 QuadernoUNO B1.qxd:5-Quaderno-UNO.qxd 22-05-2012 12:33 Pagina

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i.

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. Nomi con plurale particolare Gruppo in -a Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. poeta (m) poeti problema (m) problemi programma (m) programmi I nomi in -ista sono maschili e femminili.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione.

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione. 1. Per l entrata ed il soggiorno in campeggio è obbligatoria la registrazione di ogni singola persona. All arrivo ogni ospite è tenuto a depositare un documento d identità e controllare l esattezza delle

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Dai diamanti non nasce niente

Dai diamanti non nasce niente LA NOSTRA IDEA IN POCHE PAROLE Innanzitutto, un cambio di prospettiva. Il centro non è la violenza, ma ciò che resta. Importa ciò che vive, ha un corpo, segni tangibili e un dolore sommerso e stordente,

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori)

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) Ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro (OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) 822.112 del 10 maggio 2000 (Stato 1 aprile 2015) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli