Viaggio all inferno e ritorno di Diana Santini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Viaggio all inferno e ritorno di Diana Santini"

Transcript

1 Viaggio all inferno e ritorno di iana Santini ue settimane in Giappone dopo lo tsunami e dopo il disastro nucleare di Fukushima. Giorno per giorno, il diario tenuto dall inviata di east. Con molte annotazioni inedite rispetto a quanto è stato detto e scritto. 15 marzo L antefatto L a notte arriva presto se si corre a cinquecento chilometri all ora in direzione dell Oriente. isciplinati, dopo avere trangugiato la cena preriscaldata servita dalle hostess del volo Londra-Tokyo BA005, i miei compagni di viaggio, tutti giapponesi, posizionano i cuscinetti e si calano sugli occhi le mascherine per ripararsi dalla luce. iecimila metri più in basso dorme la distesa sconfinata della Siberia. Quattro giorni fa un terremoto di violenza inaudita e uno tsunami ancor più apocalittico hanno sconquassato il Nord del Paese. Il bilancio delle vittime è ancora provvisorio, potrebbero essere migliaia, malgrado questo sia il Paese con le misure antisismiche più avanzate al mondo. C è pure un piccolo imprevisto: in una centrale nucleare affacciata sull oceano, a qualche centinaio di chilometri da Tokyo, a causa del sisma, sistemi di raffredda- Arahama: si recuperano i pescherecci, alcuni sono stati spinti dallo tsunami a quasi due chilometri dalla costa. La riapertura dei settori legati alla pesca è indispensabile per ricostruire le economie locali: circa il 90% per cento dei 29mila pescherecci delle prefetture di Iwate, Miyagi e Fukushima, sono inutilizzabili. Minamisoma: controllo dei permessi da parte della polizia al posto di blocco della no entry zone. numero 36. giugno

2 Giappone: è stato come ripiombare nel marzo Il mio primo terremoto uando il sole sorge da un orizzonte che sembra infinito l aereo sta ancora sorvolando la Cina. Un esplosione atomica di luce bianca inonda il cuscino di nuvole appoggiato sulla Terra, qualche migliaio di metri più sotto. a una decina di ore non ho notizie Q del mondo. Esisterà ancora? Atterro in una bella mattina tersa, c è il vento, ai bordi della pista un po di neve ammonticchiata. Nel frattempo vengo a sapere che due dei sei reattori della centrale sono esplosi. Un alta colonna di fumo nero si innalza verso il cielo. Una catastrofe, o forse no. Nella sala arrivi di Narita, l aeroporto di Tokyo, tutto sembra scorrere con la consueta armoniosa frenesia. Alla biglietteria degli autobus un impiegata mi sta spiegando a gesti da quale banchina devo partire in direzione del centro. Poi, all improvviso, resta come pietrificata. La incoraggio a proseguire, resta immobile. I vetri prendono a tintinnare: prima ancora di capire che cosa stia succedendo mi si stringe lo stomaco, le ginocchia si fanno molli. Il terremoto, il mio primo terremoto. Nel giro di una quindicina di secondi tutto torna alla normalità. Le valigie riprendono la loro corsa su rotelle al seguito di indaffarati uomini d affari. Anche l impiegata del- 74. east. europe and asia strategies la biglietteria si scongela. A Tokyo la pioggia è radioattiva: mi consiglia di comprare un ombrello, per precauzione. La piattaforma da cui parte l autobus è la numero marzo Arigato, konnichiwa ul terrazzo al sesto piano i vasi dei fiori rotolano da tutte le parti, le sedie sono ribaltate in un angolo. C è un gran vento, e non è una buona notizia. Spira da nord e impregna l aria della capitale del nemico invisibile, le radiazioni. In metropolitana è un tripudio di mascherine bianche, ma nessuno ammette che è per proteggersi dai miasmi della centrale di Fukushima. Ufficialmente le indossano per proteggersi dai pollini: è quasi primavera, meglio non farsi cogliere impreparati dai semini volanti. Tokyo è sicura, recita come un mantra la tv nazionale giapponese, che dal giorno del terremoto trasmette in di- S A SINISTRA Uomini della 10^ divisione SOTTO La stazione ferroviaria di Osaka. delle Jieitai, le Forze di autodifesa, A ESTRA La polizia intenta nella prefettura di Miyagi. ai controlli d accesso all area di Arahama. retta da uno studio luccicante, al centro del quale troneggia un plastico della centrale di Fukushima aiichi, con le vaschette di raffreddamento di un azzurro luminoso e i vessel argentati. Ogni dieci minuti una piccola interruzione: trenta secondi di pubblicità-progresso per sensibilizzare i telespettatori alla solidarietà in questa difficile circostanza. Nello spot i pupazzetti colorati si prendono per mano e saltellano sotto un arcobaleno stilizzato: «Arigato, arigato, konnichiwa, konnichiwa», cantano in coro con vocine infantili. Grazie, e buongiorno a lei! 18 marzo Prepararsi all evacuazione a Fukushima arrivano notizie confuse, contraddittorie. Si avverte una tensione strisciante, in vari modi dissimulata. Nel corso della notte alcune nuove esplosioni negli edifici che ospitano i reat- mento sono danneggiati, la temperatura nei reattori sta crescendo e si temono fuoriuscite radioattive. La cabina dell aereo resta avvolta in una penombra silenziosa, i miei vicini di poltrona dormono immobili. Le vacanze sono finite, è ora di tornare a casa. In fondo non c è nulla di cui preoccuparsi, la situazione è sotto controllo, ripeteva rassicurante un responsabile della compagnia che gestisce la centrale dagli schermi ultrapiatti delle tv nella sala d attesa dell aeroporto di Heathrow prima del decollo. numero 36. giugno

3 tori hanno convinto le ambasciate straniere a ordinare l evacuazione dei propri cittadini dalla capitale. E non sono solo gli stranieri a partire. Sullo Shinkansen delle 8.00, in partenza dalla stazione centrale di Tokyo e diretto a Osaka, non c è un posto libero. Al binario le famiglie aspettano in file tanto precise e composte da sembrare disegnate col righello, che il treno superveloce apra le sue porte. Hanno con sé cumuli di valigie, la gabbietta del canarino, il nonno: partono per stare via quanto più possono. ai finestrini le colline spolverate di neve brillano sotto il sole. A Osaka, invece, il cielo è basso e pesante, fa caldo. Trovare una stanza libera è un impresa: alla fine mi accomodo in una sorta di albergo a ore, il tassista mi lancia un occhiata equivoca quando gli scrivo l indirizzo su un foglietto. C è pure chi dalla stazione fa rotta direttamente sull aeroporto. In effetti, cinquecento chilometri in più o in meno, in caso di autentico disastro, farebbero poca differenza. 19 marzo istanza psicologica ai rubinetti della capitale ha preso a scorrere acqua radioattiva, la concentrazione di iodio 131 e cesio 137 è superiore alla soglia di sicurezza fissata per i bambini piccoli. Nei supermercati del centro gli scaffali delle acque minerali, liscia e gassata, si svuotano a una velocità impressionante. Osaka, invece, si gode indisturbata le prime avvisaglie di una primavera tardiva. Qualche ciliegio è già fiorito, capannelli di persone si accalcano per fotografare i boccioli col telefonino. Il contrasto con la tensione che si respira a solo qualche centinaio di chilometri di distanza non potrebbe essere più stridente. I ristoranti espongono in vetrina riproduzioni in plastica dei piatti del menu. Alla sera le vie del centro di questa brutta metropoli, disordinata ed estesa, si riempiono di adolescenti che sfoggiano variopinte acconciature. Gli 800 chilometri scarsi che separano la città da Fukushima funzionano come un potente ansiolitico: il disastro nucleare sembra un eventualità remota, le macerie di Sendai una tragedia altrui. 20 marzo Gempatsu iranai rovarli non è facile, nel brulichio di famigliole a spasso nel parco di Ueno, uno dei più grandi di Tokyo, di domenica pomeriggio. Poi, dietro un T gruppo di ragazzi che reinterpretano Grease intorno a uno stereo con la musica a tutto volume, eccoli, gli attivisti antinucleari. È il primo corteo contro le centrali dopo i danneggiamenti agli impianti di Fukushima, e uno dei rarissimi nella storia recente giapponese. I manifestanti sono un migliaio, chiamati in piazza da un piccolo sindacato maoista, molti, in verità per gli standard nipponici. Tanto più che le previsioni del tempo prevedevano pioggia per oggi, una circostanza poco salutare, considerate tutte quelle nocive particelle radioattive sospese nell atmosfera. opo un incomprensibile numero di giri in tondo in un angolo del parco il corteo sfila, stretto tra imponenti cordoni di poliziotti e gli sguardi incuriositi dei passanti intenti a fare shopping, per la centralissima Shibuya. «Gempatsu iranai», scandiscono in coro, non vogliamo il nucleare. C è anche una delegazione venuta da Hiroshima, lì dove l uomo ha pagato il suo prezzo più alto all atomo. E poi gli studenti e i disoccupati. E perfino un cane tutto infiocchettato. Il corteo procede un po a singhiozzo, è vero, perché quando il semaforo è rosso il serpentone si immobilizza per non ostruire il traffico automobilistico. Ma la soddisfazione generale è evidente. 21 marzo Elogio della pazienza N on che la verdura sia il piatto forte della tradizione culinaria giapponese, ma la sospensione della distribuzione di vegetali a foglia larga provenienti dalle quattro prefetture più vicine alla centrale in ebollizione, psicologicamente è un colpo. Richiama alla mente Chernobyl, un incubo fattosi archetipo e metro di misura per il presente. In realtà la situazione a Fukushima è sostanzialmente stazionaria e a parte qualche parola amara, qualche fugace concessione ad azioni irrazionali (come riempire la credenza di latte a lunga conservazione), la città continua a mettere in scena ogni giorno la sua studiata normalissima quotidianità, fatta di metropolitane affollate e cortesie reciproche. Se già poteva essere vero prima, ancora di più in questi giorni sospesi sembra di assistere a un balletto disperato. Ma anche a un grande spettacolo di pazienza, di ostinazione e di coraggio. «Andarmene via? Non è possibile», mi dice una giovane impiegata che incontro in un ristorante di Akihabara. «Se si ferma To- kyo, si ferma il Giappone. Adesso dobbiamo resistere, prima di tutto alla paura». 22 marzo Operazione risparmio energetico «T i ho preparato un bagno caldo». Yoko mi accoglie sorridendo nella sua villetta di Kichijoji, periferia ovest di Tokyo, un delizioso suburbio maniacalmente ortogonale. La casa, che affaccia su una stradina affiancata da marciapiedi, è circondata da un verde ordinato. «Ora vorrai fare un bagno», insiste. Tra i vari imperativi nazionali di questi giorni, quello che consiglia di fare almeno tre docce al giorno per lavare via gli atomini radioattivi con cui si può essere entrati in contatto è uno dei più pervasivi. Yoko lo segue alla lettera: capisco che il suo è qualcosa più di un invito e mi piego all esigenza dell igiene antinucleare. Un altro fronte della mobilitazione diffusa riguarda il risparmio energetico. Con la centrale di Fukushima fuori uso e molte altre spente dal giorno del terremoto, la società elettrica fatica a soddisfare l enorme fabbisogno energetico della capitale. Si rischia, titolano a otto colonne i maggiori quotidiani, il blackout generalizzato. E così tutti cercano di fare la propria parte. Il gioco preferito di Teo e Meo, i figli Yoko, che hanno solo sette anni, consiste nel seguirmi e fare a gara a spegnere le luci che io dimentico accese. A investirli del compito di vigilare strenuamente contro ogni forma di spreco di corrente è stata la maestra. Lo Yomiuri online pubblicava, invece, questa mattina le istruzioni per cucinare il riso senza la pentola elettrica, un operazione che in molti non hanno mai fatto, qui. Le scale mobili delle metropolitane sono spente e tra i sarariman che arrancano a piedi per dieci piani verso la luce si respira quell ostinazione paziente di cui parlavo prima. La città è buia, dai grandi magazzini di elettronica agli uffici pubblici si spegne tutto quel che si può: schermi, lampioni, pubblicità. Shibuya, già tempio metropolitano dell abuso di lumen, sembra un anonimo incrocio di periferia. 21 marzo Verso Nord S eduta all alba davanti al finestrino della monorotaia che mi sta conducendo in aeroporto, mi lascio distrarre dal moto lento delle chiatte nei canali. Tra poche ore sarò nel Tohoku, su al Nord, dove tut- to è successo. Mi sento un po fuori luogo, tutta intabarrata in uno sciarpone di lana e con ai piedi gli stivaletti da neve comprati per l occasione. Ma le mie precauzioni non si dimostreranno eccessive: a Yamagata la temperatura è di parecchi gradi sotto lo zero. La meta di oggi è Sendai, la città dove, sulla spiaggia, sono stati trovati, già il giorno successivo allo tsunami, i corpi di migliaia di persone. Il porto è un cimitero buio di macchine abbandonate, le portiere spalancate, come esplose. Le uniche tracce di vita sono costituite dai mezzi della polizia e del soccorso stradale, che tappano in modo del tutto provvisorio le voragini che si sono aperte qua e là nell asfalto. Per il resto, solo corvi che passeggiano indisturbati per le strade deserte, tra resti di quelli che, con una buona dose di immaginazione, si intuisce fossero edifici, hangar, depositi. La radio, tutte le radio, diffondono ogni ora le comunicazioni di servizio: classificazione dei danni, distribuzione di acqua e generi di prima necessità, numeri di emergenza. Poi, sotto una nevicata commovente, ma comunque un pochino radioattiva, parte la canzone diventata simbolo del disastro, una sorta di E se domani giapponese: Fukushima I love you dice Fukushima I need you. 21 marzo Tremate tremate L e scosse di assestamento sono talmente frequenti, qui, che si perde il conto. Quante stanotte? Tre, quattro, non ricordo. I futon attutiscono i colpi, trasformano quell ondeggiare scomposto della terra in un rollio da bonaccia. La colazione a base di riso e funghi in agrodolce rende il tutto ancora più surreale. Sono arrivata ieri sera a Ichinoseki. Questa è una delle zone in cui il terremoto e lo tsunami dell 11 marzo scorso hanno fatto più danni. La città funge un po da centro di coordinamento dei soccorsi per i disastrati paesini della costa, a una cinquantina di chilometri di distanza. Gli sfollati, qui, sono decine di migliaia. La mobilitazione è generale e permanente e dappertutto è un via vai di volontari e operatori arrivati da tutto il Paese. Sulle strade si vedono quasi solo mezzi di soccorso e camionette dell esercito. Passo il pomeriggio a fare la coda per la benzina. È razionata, non se ne possono avere più di venti litri a testa. E anche per quelli, bisogna solo sperare che la pompa 76. east. europe and asia strategies numero 36. giugno

4 non si svuoti prima del proprio turno. Vedo un vecchietto infilarsi da una stradina laterale, scavalcando almeno una sessantina di macchine già in coda. Ci scambiamo un sorriso complice, mi commuovo un poco pensando a come l emergenza abbia aperto una piccola breccia anche nel sovrumano senso di onestà giapponese. 25 marzo Kesennuma C amminando in direzione del porto, a Kesennuma, l odore si fa via via più acre, il fango depositato sulle strade più spesso. ietro una curva, infine, lo sfacelo. Centinaia di case rase al suolo, l acqua di mare raccolta in larghe pozze nere, i gabbiani che gridano, le barche scaraventate sul molo. È un paesaggio così doloroso che fa tremare le mani. Il mare a Kesennuma è entrato dalla strada principale. L onda, alta undici metri, ha prima squassato quella tavola piatta che è di solito il mare in questa baia lunga e stretta, poi ha inghiottito il porticciolo, infine si è infilata tra le case per diverse centinaia di metri. Ha preso a correre sempre più forte, rovesciando tutto ciò che incontrava sul suo cammino: le macchine, i lampioni, i distributori delle bibite, i mercati, le case. Quando ormai le strade erano ridotte a fiumi di detriti, il mare è tornato da dove era venuto. Nel fango rimangono una macchina da cucire, una teiera, una macchinina giocattolo incastrata nel cartoccio di lamiere di un automobile vera, quotidiani zuppi, scarpe, cuscini, mobili, ante, vestiti, tatami. I sopravvissuti approfittano di uno spiraglio di sole per andare a recuperare qualcosa in quel che resta delle loro case. Entrano scavalcando le macerie, escono trionfanti con un sacchetto di plastica in mano. Poi, all ora di pranzo, si mettono in fila per il pasto caldo davanti alla cucina del centro di raccolta. Salutano, spiegano, ci ringra- ziano di essere venuti fin lì, scusandosi quasi del tour dell orrore che abbiamo appena fatto in città. Le lacrime si confondono nel brodo caldo degli spaghetti alla trippa con uova crude, che mi concedo a un baracchino sulla via del ritorno. 26 marzo Rikuzen-Takata mattina presto. A Rikuzen-Takata, davanti al nuovissimo edificio che funge da municipio È quello di prima è stato scaraventato dalla furia del mare a un centinaio di metri di distanza dalla sua posizione originaria e se ne sta lì accartocciato contro un altura c è una fila ordinatissima di persone. Sono in coda da un po : stamattina apre l ufficio in cui depositare le richieste per gli alloggi temporanei in costruzione. Cubetti di legno nascosti dietro una collina, sì, ma pur sempre qualcosa di più simile a una casa che non la grande palestra della scuola elementare. La ricostruzione, quella vera, qui è un miraggio lontano, per certi versi irrealizzabile. L onda nera non ha risparmiato che una manciata di palazzi, che spuntano solitari da uno sconfinato ground zero, per chilometri e chilometri quadrati. ove fossero le case, gli isolati, i parcheggi, lo si capisce solo dal reticolo geometrico delle strade, già tutte ripulite e agibili. ue postini, spediti qui da Osaka con la divisa di ordinanza, frugano con una mazza da baseball nella melma. Cercano corrispondenza, mai spedita o spedita e mai arrivata. Chi trova oggetti che possano avere un qualche valore affettivo li estrae dal fango e li deposita davanti a quella che, da vari indizi, si immagina fosse una casa: fotografie, libri, statuette. Il resto è cibo per le ruspe: sollevano mucchi di detriti, li rimescolano. Ogni tanto, tra un asse marcio e un automobile, spunta un corpo. Con gesti ormai esperti, i soccorritori lo caricano su un furgone e A SINISTRA Ad Arahama si stima che ci vorranno almeno 3 anni per rimuovere i detriti accumulati lungo le coste devastate. A ESTRA Supestiti ricoverati nella scuola elementare di Watari, nella prefettura di Miyagi. 78. east. europe and asia strategies numero 36. giugno

5 cancellano il nome dalla lista dei dispersi. Nell onsen dell albergo grandi vasche costruite sulle sorgenti di acqua bollente che spuntano un po dappertutto in Giappone cerco di lavare via un po di disperazione. Una signora giapponese cerca di intavolare un improbabile conversazione. Finisce che cantiamo in coro a squarciagola O sole mio, tutte nude tra i vetri appannati dai vapori, mentre fuori inizia un altra volta a nevicare. 27 marzo Fukushima nanmin N ella palestra che sorge al centro del parco di Yamagata sono alloggiate una cinquantina di persone. Sono tornata qui in città per restituire l auto noleggiata: mentre discuto con l impiegata dell agenzia mi rubano la macchina fotografica dal cruscotto. Non vorrei che stessimo esagerando con queste deroghe all onestà nipponica In città vivono una buona parte di coloro che sono stati evacuati dalle immediate vicinanze della centrale di Fukushima: chi nella palestra, chi nello stadio, chi in prefettura, chi nelle scuole chiuse. Lasciare casa, per chissà dove e per chissà quanto, non è stata una scelta facile e neppure troppo facilitata. Al di là delle auto della polizia che giravano con gli altoparlanti intimando di chiudere le finestre, mi raccontano, non hanno avuto molto: non un viaggio pagato, non una destinazione certa né un pieno di benzina assicurato. entro la palestra il campo di basket è stato trasformato in un piccolissimo quartiere, in cui ogni famiglia occupa un quadrato di quattro metri di lato. Al soffitto basso sono appesi gli stendini per la biancheria, i bambini giocano a nascondino tra le valigie e gli scatoloni. L odore dolciastro del gasolio delle stufe si mescola a quello del tè che fuma nei bollitori. 28 marzo Signori, il plutonio L a novità di oggi è il plutonio. Ne sono state rinvenute tracce in ben cinque punti dell impianto di Fukushima, scopro comprando una copia del Japan Times al mio arrivo a Tokyo, in un alba chiarissima. Il pullmann notturno sostitutivo della linea ferroviaria interrotta mi scarica a Shibuya. Mentre, assonnata, tento di non calpestare le decine di senzatetto che dormono nei corridoi della stazione della metropolitana, scavo nella memoria alla ricerca di informazioni su questo nuovo nemico polverizzato nell aria. Più che mai radioattivo, ma comunque pesante, mi dico, e dunque poco volatile: improbabile che sia arrivato fin qui. Quotidianamente i giornali pubblicano le rilevazioni di sostanze radioattive nell aria, provincia per provincia, città per città. Viste sulla mappa sono una serie di cerchi concentrici che hanno al centro Fukushima. Nella capitale i valori sono in calo e comunque i più sembrano non occuparsene troppo. Se è negli scaffali vuol dire che è sicuro, mi dice con naturalezza una signora brandendo un mazzo di spinaci durante un improvvisata sessione di interviste in un supermercato di Ueno. «Ma chi controlla?», chiedo io in inglese al ragazzo etiope che studia giapponese e che si è offerto di farmi da interprete, il quale a sua volta rigira la domanda in un giapponese elementare a un ragazzo di Tokyo, che pone la domanda alle signore intente a fare la spesa. Il sospetto che qualcosa si perda in questa babele improvvisata davanti al banco dei surgelati è forte. La signora ride: non è questa una cosa che la riguardi. 29 marzo Miracoli postali a quando sono tornata dal Nord non sogno che terremoti: terrificanti, quotidiani, a volte perfino piacevoli. C è un camion che tutte le notti parte dalla strada davanti a casa alle 3.00 spaccate e accende il motore nel silenzio della periferia addormentata. Ogni volta sussulto. A svegliarmi stamattina, invece, è stato il postino. Mi recapita un pacco dal Tohoku: è il caricabatterie del computer che avevo dimenticato in un rifugio per sfollati a Yamagata. al numero di telefono che gli avevo lasciato sono risaliti all indirizzo e ieri pomeriggio me l hanno spedito. E così, in un Paese che si vorrebbe in ginocchio, un gruppo di rifugiati scampati alla catastrofe nucleare trova il tempo e la voglia di andare in posta a spedire un plico a una distratta signorina italiana che non ha fatto altro che tempestarli di domande per un intero pomeriggio. E quel plico, in meno di dodici ore, percorre quasi mille chilometri e arriva a destinazione nelle mani di un postino gentile, che rifiuta cortesemente un caffè mentre mi informa che la spedizione è stata pagata dal mittente. 80. east. europe and asia strategies numero 36. giugno

6 Chiamo il centro di accoglienza per rifugiati di Yamagata per ringraziare e finisce che sono loro a ringraziarmi per la telefonata. 30 marzo Fukushima Fifties all incidente alla centrale sono passati, oggi, venti giorni. Era iniziata come una corsa contro il tempo, si sta rivelando un disastro al rallentatore. Tra un paio di giorni sarò di nuovo in Italia e ho la sensazione di lasciare tutto come l ho trovato. Le operazioni di raffreddamento dei reattori sono in corso, nonostante lavorare all interno degli impianti sia ormai pericolosissimo, per l alta concentrazione di radiazioni accumulatesi. Gli eroi di Fukushima, gli operai al lavoro per la messa in sicurezza della centrale già diventati un icona popolare di abnegazione e sacrificio, cadono uno dopo l altro. Quelli gravemente contaminati sono ormai una trentina. E anche gli altri, ormai, sono qualche centinaio: all inizio non erano che cinquanta, e non se la passano molto meglio. Non hanno abbastanza da mangiare, si è scoperto, dormono tutti insieme al freddo in una sala conferenze, non sono informati sui rischi che corrono. Confronto la versione stilizzata degli eroi nei rassicuranti spot governativi con le facce pallide degli operai contaminati sdraiati in un letto d ospedale. Viste da qui le radiazioni non sono che numeri dietro uno zero e a una virgola: scoprire che uccidono davvero restituisce al dramma la sua dimensione intimamente umana. 31 marzo Addio I l tempio della dea Kannon è una nuvola di incensi e di preghiere. Ho deciso di venire qui, stamattina, a salutare il Giappone, alla vigilia della partenza. Tanti dei negozietti di souvenir sono chiusi e in questo, che è uno dei luoghi più turistici della città, non passa uno straniero per tutta la mattina. Il tempio, comunque, è affollatissimo, le cassette delle offerte risuonano in continuazione delle monetine depositate dentro dai visitatori. Certe obese carpe koi sgomitano per conquistarsi i posti migliori ai lati dei ponticelli sul laghetto, nella speranza di intercettare le briciole che lanciano loro i fedeli. Mi fermo a un baracchino per una zuppa fumante di grassini di manzo in salsa piccante. omani inizia l hanami, la festa della fioritura dei ciliegi. Mi dispiace non poterci essere east. europe and asia strategies

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3)

TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3) Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3) 1. Completa il testo con gli articoli e le desinenze dei nomi e degli aggettivi. Le tendenze alimentari italiane. Quali sono le mode alimentari

Dettagli

0. (Esempio) - Vorrei un caffè e un cornetto con la marmellata. - Il caffè macchiato? - Sì grazie, macchiato con latte freddo. - Subito.

0. (Esempio) - Vorrei un caffè e un cornetto con la marmellata. - Il caffè macchiato? - Sì grazie, macchiato con latte freddo. - Subito. Ascolto - Prova n.1 Trascrizione del brano fatto ascoltare 0. (Esempio) - Vorrei un caffè e un cornetto con la marmellata. - Il caffè macchiato? - Sì grazie, macchiato con latte freddo. - Subito. 1. -

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

La tragedia di Chernobyl

La tragedia di Chernobyl Da L Epresso Articolo di Margherita Belgioioso testo semplificato. 1 La tragedia di Chernobyl Per comprendere bene questo articolo, devi conoscere il significato delle seguenti parole: Centrale nucleare:

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Indice analitico. Il tempo e i numeri

Indice analitico. Il tempo e i numeri Indice analitico Il tempo e i numeri Esercizio 1 e 2 Il lunedì il parrucchiere è chiuso Il martedì faccio la spesa Il mercoledì accompagno i bambini in piscina Il giovedì c è mercato Al venerdì vado alla

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Giugno 2010 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

ITALIENSKA NIVÅTEST Grund Sid 1(3)

ITALIENSKA NIVÅTEST Grund Sid 1(3) Grund Sid 1(3) Namn: Poäng: Nivå : Adress: Tel: Le parole seguenti sono in disordine. Rimettetele in ordine in modo da formare una frase dotata di senso. Esempio: A / il / comincia / ora / film / che /?

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

ESERCITAZIONE SUL LAVORO DI GRUPPO BLOCCATI NELLA NEVE

ESERCITAZIONE SUL LAVORO DI GRUPPO BLOCCATI NELLA NEVE In questo esercizio esplorerete il concetto di sinergia di team. Lavorando dapprima individualmente e successivamente in team, sarete in grado di valutare la forza del gruppo nel modificare o rinforzare

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra.

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Che puzza extragalattica c è qui!. Il mio mondo è bello,

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina IRINA E GIOVANNI La giornata di Irina La mia sveglia suona sempre alle 7.00 del mattino: mi alzo, vado in bagno e mi lavo, mi vesto, faccio colazione e alle 8.00 esco di casa per andare a scuola. Spesso

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Indice Pasta per due... pag. 5 Scheda culturale - Le carte... pag. 42 Esercizi... pag. 45 Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma.

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

a scuola di Protezione Civile

a scuola di Protezione Civile Servizio Protezione Civile e Rischi Industriali Città di Venezia Il Servizio Nazionale di Protezione Civile in Italia Vigili del Fuoco La Croce Rossa a scuola di Protezione Civile Forze Armate e di Polizia

Dettagli

Un viaggio accessibile

Un viaggio accessibile Un viaggio accessibile Cari amici, è da tanto ce non pubblico nulla, questa sera ho riletto il racconto di un viaggio fatto con mio figlio Nicola, e in un territorio come la Romagna dove il turismo accessibile,

Dettagli

MA CHE FREDDO FA! La prima neve di Gaia

MA CHE FREDDO FA! La prima neve di Gaia MA CHE FREDDO FA! Iniziamo con la lettura di un racconto. Lettura dell insegnante. Questo percorso didattico propone attività di analisi dei mutamenti della natura e delle attività dell uomo nella stagione

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi naturali.

Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi naturali. Progetto P.RI.S.M.A. Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria Novembre 2010 Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Radio Lina. Prima parte - CAP I e II

Radio Lina. Prima parte - CAP I e II 45 D - Riordina il dialogo 1 - Naturale o gassata? 2 - E da bere? 3 - Un piatto di spaghetti e un insalata. 4 - Naturale, grazie. 5 - Cosa prende, signorina? 6 - a bene, torno subito con gli spaghetti.

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Puoi abbonarti inviando il tuo indirizzo postale e versando la somma indicata con un bonifico bancario a CSVVA iban IT30M0542850180000000089272

Puoi abbonarti inviando il tuo indirizzo postale e versando la somma indicata con un bonifico bancario a CSVVA iban IT30M0542850180000000089272 Sped. in abb. postale - 70% Fil. di Varese. TAXE PERÇUE. Euro 8,00 GENNAIO/FEBBRAIO 2015 - n. 347 La Rivista dei Volovelisti Italiani Caro volovelista, ti invio in omaggio una copia dell ultima rivista

Dettagli

In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città.

In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città. IN GIRO PER LA CITTÀ In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città. Allora, ragazzi, ci incontriamo oggi pomeriggio alle 3.00 in

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta.

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta. Cognome : Nome: Data : Istruzioni Sono state elaborate sotto forma di questionario a scelta multipla alcune tipiche situazioni professionali dell assistenza domiciliare. Vengono proposte tre situazioni

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

W P E VIAGGIO FOTOGRAFICO CHERNOBYL, LA ZONA PROIBITA 24 APRILE - 1 MAGGIO. Struttura del Viaggio fotografico

W P E VIAGGIO FOTOGRAFICO CHERNOBYL, LA ZONA PROIBITA 24 APRILE - 1 MAGGIO. Struttura del Viaggio fotografico VIAGGIO FOTOGRAFICO CHERNOBYL, LA ZONA PROIBITA 24 APRILE - 1 MAGGIO Questo workshop fotografico ci porterà all interno della zona di esclusione di Chernobyl, un luogo entrato tragicamente nella storia

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

C era una volta. Endi il Folletto

C era una volta. Endi il Folletto C era una volta Endi il Folletto Storia elaborata dalle Classi Terze delle scuole: Le Grazie Pittura San Vito - Politi Endi, il folletto, è un fanciullo di corporatura esile e non molto alto. I suoi occhi

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

La coda degli autosauri

La coda degli autosauri La coda degli autosauri Leggendo il libro La coda degli autosauri l attenzione di quasi tutti noi ragazzi è stata catturata dalla pagina del libro che parla dell enorme mucchio di candele e fiammiferi

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

L INDUSTRIA E I SERVIZI

L INDUSTRIA E I SERVIZI VOLUME 2 CAPITOLO 3 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE L INDUSTRIA E I SERVIZI 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: economia... industria... fabbrica...

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara 1 evento del progetto nazionale La scuola studia e racconta il terremoto Convegno Mirandola Giovedì 18 Aprile 2013 Istituto Comprensivo «Alda Costa» Ferrara

Dettagli

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale.

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale. VC Ginnasio Riporta un tuo recente comportamento individuale, rappresentativo della tua responsabilità sociale. - Rispettare la raccolta differenziata a scuola e in famiglia. Muovermi a piedi. - Attraversare

Dettagli

Esercizi pronomi diretti

Esercizi pronomi diretti 1. Completate con i pronomi diretti: Esercizi pronomi diretti 1. Marina ha la tosse, dobbiamo portar dal dottore. 2. Signorina, prego di salutare i Suoi genitori quando vedrà. 3. Caro, sei libero stasera?

Dettagli

Presentazione. L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo le seguenti cartine:

Presentazione. L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo le seguenti cartine: CONOSCERE IL NOSTRO TERRITORIO anno scolastico 2003-2004 classi terze A-B plesso Don Milani Presentazione L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA!

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! Un colore per ogni azione Abbiamo progettato un sistema impostato sul colore per favorire l'apprendimento dei vari comportamenti. Vignette e fumetti sono colorati per

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

www.scuolaitalianatehran.com

www.scuolaitalianatehran.com щ1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN Corso Settembre - Dicembre 2006 ESAME FINALE LIVELLO 2 щ Nome: Cognome: Numero tessera: щ1 щ2 Leggi il testo e completa il riassunto (15 punti) Italiani in

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Il Piccolo Principe

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Il Piccolo Principe I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Il Piccolo Principe Indice illustrato CAPITOLO 1 L incontro con il piccolo principe... 7 CAPITOLO 2 Il pianeta del piccolo principe.... 17 CAPITOLO 3 Un

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

1 Completate con i verbi dati. 2 Completate le frasi. 3 Completate la domanda o la risposta.

1 Completate con i verbi dati. 2 Completate le frasi. 3 Completate la domanda o la risposta. 1 Completate con i verbi dati. parlate partono preferiamo abitano pulisce lavora sono vivo aspetto 1. Stefania... tanto. 2. Io... una lettera molto importante. 3. Tu e Giacomo... bene l inglese. 4. Noi...

Dettagli

A.11 Leggere i testi da 1 a 5. Guardare le illustrazioni delle pagine seguenti. Abbinare ogni

A.11 Leggere i testi da 1 a 5. Guardare le illustrazioni delle pagine seguenti. Abbinare ogni PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.11 Leggere i testi da 1 a 5. Guardare le illustrazioni delle pagine seguenti. Abbinare ogni testo all'illustrazione opportuna indicata con una lettera. Indicare

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

P.31 F. 6 anni Io odissimo* la radioattività.

P.31 F. 6 anni Io odissimo* la radioattività. P.30 F. 6 anni Signor Kan, faccia sparire la radioattività per favore. Sono Sae Ogawa di Fukushima. Voglio uscire a giocare fuori. Da Sae 6 anni 1 elementare. (letto da Simona) P.31 F. 6 anni Io odissimo*

Dettagli

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato.

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. ........ In ogni situazione occorre prestare molta attenzione. Se tanti pericoli

Dettagli

LA SCUOLA IN ITALIA UNITÁ 20

LA SCUOLA IN ITALIA UNITÁ 20 LA SCUOLA IN ITALIA In Italia, l istruzione è obbligatoria per otto anni, dai sei ai quattordici anni di età. La scuola dell obbligo inizia con la scuola elementare, che dura cinque anni, e continua con

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Catturo immagini del paesaggio che scorre veramente veloce dal finestrino.

Catturo immagini del paesaggio che scorre veramente veloce dal finestrino. 10 luglio La stazione di Shinagawa è una delle principali stazioni ferroviarie di Tokyo ed è anche una delle più antiche (1872). Nonostante il nome, non si trova nel quartiere di Shinagawa, bensì in Minato,

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

1. Un altra partenza

1. Un altra partenza 1. Un altra partenza Da qualche tempo maturava nella mia mente l idea di un viaggio in Giappone che sarebbe anche stato un altro pellegrinaggio geopoetico: un omaggio alle cose giapponesi (cose preziose

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

in realtà fa molto freddo quindi decidiamo di visitare l interno del castello e di guardare il

in realtà fa molto freddo quindi decidiamo di visitare l interno del castello e di guardare il 28/12 - Partenza da Bolzano alla mattina in direzione Vienna. Passiamo il confine dopo Vipiteno, passiamo Innsbruck, un tratto di strada in Baviera e rientriamo in Austria a Salisburgo; passiamo vicino

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Unità 13. Festa multiculturale. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2 CHIAVI. In questa unità imparerai:

Unità 13. Festa multiculturale. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2 CHIAVI. In questa unità imparerai: Unità 13 Festa multiculturale CHIAVI In questa unità imparerai: come si compila un modulo di adesione a una festa multiculturale le parole utilizzate in testi informativi sulle feste multiculturali a scegliere

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA- Mirella Pezzin. Unità didattica. ATTENTE RAGAZZE

SCUOLA DELL INFANZIA- Mirella Pezzin. Unità didattica. ATTENTE RAGAZZE SCUOLA DELL INFANZIA- Mirella Pezzin Unità didattica. ATTENTE RAGAZZE Lingua per comunicare Età indicata: bambini di 3, 4, 5 anni Obiettivi: 1. Potenziare il lessico dei campi semantici del vestiario e

Dettagli

Ski Report Pasqua 2008 a Canazei

Ski Report Pasqua 2008 a Canazei Ski Report Pasqua 2008 a Canazei Venerdi' 21 marzo con Giuse si sale sul pordoi tardi (verso le 11) con l'idea di andare sulla mezdi. Poi a Giuse non gli regge di farsi la salita quindi ripieghiamo per

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT N E W S O U T H W A L E S HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION 1998 ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT 2 ITEM 1 PAOLO PAOLO Ieri ho avuto una bella sorpresa; ho ricevuto una lettera da Paolo.

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

MARIA LUISA VASSALLO: Io sono in Brasile dalla metà del duemilauno.

MARIA LUISA VASSALLO: Io sono in Brasile dalla metà del duemilauno. Lezione 7 Intervista con Maria Luisa Vassallo, lettrice del Ministero degli Affari Esteri e docente di Lingua Italiana e traduzione presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Dettagli

Io sono una porta semplice, aperta a metà ma capisco che sono fatta per essere spalancata

Io sono una porta semplice, aperta a metà ma capisco che sono fatta per essere spalancata Accogliente, aperta: magari un po a volte mi chiudo ma solo se sono stata distratta a cedere alla routine del quotidiano, non pecco di presunzione solo mi piace avere la disponibilità ad aprire la mia

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli