1-27 INCONTRO CON ALTRI SODOMITI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1-27 INCONTRO CON ALTRI SODOMITI"

Transcript

1 Canto XVI Posizione VII cerchio, 3 girone (violenti). Sul baratro tra il VII e l VIII cerchio Peccatori Sodomiti (violenti contro Dio nella natura) Pena Corrono nella landa infuocata sotto la pioggia di fuoco, senza potersi mai fermare Contrappasso La pena richiama probabilmente la pioggia di fuoco che si abbatté sulle corrotte città di Sodoma e Gomorra (Gen. 19) Dante incontra Iacopo Rusticucci; Guido Guerra; Tegghiaio Aldobrandi; Gerione (custode dell VIII cerchio) Sequenze narrative vv 1-27 INCONTRO CON ALTRI SODOMITI Sempre seguendo l argine di pietra che costeggia il sabbione, i due poeti giungono in un luogo dove si ode chiaramente il rumore della cascata del Flegetonte; qui vedono avvicinarsi un altra schiera di sodomiti, che in terra furono insigni esponenti del ceto politico e militare. Tre di loro, che dalla veste di Dante hanno capito che trattasi di un fiorentino, gli si accostano correndo a cerchio intorno a lui, dato che la pena non consente loro di fermarsi, e mostrano il desiderio di voler parlare con lui. Inferno, XVI, 20-27, miniatura ferrarese, , Ms. Urb. Lat. 365, f. 41 r. Roma, Biblioteca Vaticana. vv COLLOQUIO COI TRE FIORENTINI Virgilio invita il discepolo a dimostrarsi cortese nei confronti di costoro, degni di rispetto nonostante l attuale condizione. A parlare è solo uno degli spiriti, che dice di essere Iacopo Rusticucci; con lui sono Guido Guerra e Tegghiaio Aldobrandi. Sono tre dei Fiorentini della passata generazione ch a ben far puoser li ngegni, della cui sorte Dante aveva già chiesto notizie a Ciacco (Inf.VI, 79-84). Dante spiega loro la sua condizione e le ragioni del suo viaggio. vv CAUSE DELLA CORRUZIONE DI FIRENZE Alla domanda di Iacopo se a Firenze esistano ancora cortesia e valor, Dante prorompe in un aspra invettiva contro la Firenze attuale, così diversa da quella passata perché corrotta dagli immigrati dal contado (la gente nuova) e dalle ricchezze accumulate rapidamente (i sùbiti guadagni). I tre dannati si dimostrano addolorati per le parole di Dante, ma gli sono tuttavia riconoscenti per la risposta; quindi, dopo averlo pregato di rinnovare il loro ricordo tra i vivi, si allontanano rapidamente. vv L ARRIVO DI GERIONE I due poeti riprendono il cammino e vengono presto assordati dal precipitare del Flegetonte nell ottavo cerchio. Virgilio si fa porgere da Dante la corda che questi porta legata ai fianchi e la getta nel burrone. Allora, d improvviso, sale dal fondo un essere mostruoso e strano, che sembra nuotare nell aria. Si tratta di Gerione, simbolo della frode e custode dell ottavo cerchio. 163

2 Inferno Canto XVI Temi e motivi La decadenza degli antichi valori All inizio del canto Dante incontra tre illustri fiorentini, rappresentanti della vecchia Firenze magnatizia e ammirati per la loro rettitudine e amor di patria: Guido Guerra, Tegghiaio Aldobrandi e Iacopo Rusticucci. Tema del colloquio è la decadenza morale e politica di Firenze, la terra prava che accomuna Dante a questi dannati e stabilisce una linea di continuità con i canti VI, X e XV, i cui protagonisti - rispettivamente Ciacco*, Farinata* e Brunetto Latini* -, sono tutti concittadini del poeta. Nucleo centrale del colloquio, culminante nell apostrofe* dei vv , è il contrasto tra la Firenze del buon tempo antico (che verrà celebrata ancora da Cacciaguida* in Paradiso XVI) e la corruzione attuale della città. La causa di questo degrado è individuata da Dante nell ascesa della gente nuova (v. 73), della borghesia affaristica e mercantile, priva di nobili ideali e animata unicamente dal miraggio dei sùbiti guadagni (v. 73). In verità è proprio questa classe di mercanti e banchieri a scardinare le strutture di un economia ancora semifeudale, determinando il passaggio della città da Comune a Signoria e gettando le basi della futura potenza economica di Firenze. Per il suo conservatorismo politico Dante è lontano dal comprendere questa profonda trasformazione, ma ciò che gli preme è registrarne gli effetti negativi sul piano morale, che lo portano ad opporre con forza (v. 76) all arroganza e alla volgarità riscontrate nei nuovi ceti emergenti gli ideali aristocratici e cortesi, ai suoi occhi irrimediabilmente perduti, della Firenze antica rappresentata dai tre concittadini: rettitudine, pacifica convivenza, senso della tradizione, sobrietà, liberalità, amor di patria. L illustre passato dei tre personaggi evidenzia drammaticamente la loro attuale condizione di dannati; pur riconoscendo la grandezza terrena del ben far dei tre compatrioti (vv ), il poeta accentua il distacco da loro sul piano spirituale (Lascio lo fele e vo per dolci pomi, v. 61). Il rito della corda Sull orlo del settimo cerchio si svolge quindi un misterioso rito allegorico: il lancio di una corda (di cui era cinto Dante e che egli porge al maestro aggroppata e ravvolta) nel precipizio sottostante per attirare Gerione, l essere ibrido che dovrà trasportare a volo i due pellegrini nell ottavo cerchio, dove è punita la frode di cui egli è inequivocabilmente il simbolo. Certamente, la corda risulta collegata a Gerione (che da essa viene attirato sulla sponda) e alla lonza del primo canto (con quella stessa corda, infatti, Dante dice di aver pensato alcuna volta/ prender la lonza a la pelle dipinta, vv ), istituendo di conseguenza un rapporto anche tra Gerione e la lonza. Il significato di questa corda è ancora oggetto di discussione; in quanto strumento virtuoso, valido sia contro la lussuria che contro la frode, essa deve avere una funzione simbolica polivalente, individuata da alcuni nella «temperanza» contro la lonza e nella «giustizia e verità» contro Gerione, da altri nella «continenza e castità» nei confronti della lonza, nella «giustizia e fede» rispetto a Gerione. Sta di fatto che il lancio della corda determina l arrivo di Gerione, una straordinaria creatura caratterizzata, come si vedrà, da un aspetto multiforme, e investita di una funzione decisiva nella dinamica spaziale e allegorica del viaggio ultraterreno, rilevata tra l altro da un appello al lettore * in cui viene coinvolto il poema stesso, per la prima volta indicato come «comedìa» (vv ). Per il momento, però, Dante lascia ancora indistinta e confusa questa figura maravigliosa ad ogne cor sicuro (v. 132), limitandosi a descriverne la risalita dal baratro attraverso una similitudine nautica e rinviando la sua precisa descrizione, con calcolato effetto di attesa, al canto successivo. 164

3 Canto XVI Inferno Già era in loco onde s udìa l rimbombo de l acqua che cadea ne l altro giro, 3 simile a quel che l arnie fanno rombo, quando tre ombre insieme si partiro, correndo, d una torma che passava 6 sotto la pioggia de l aspro martiro. Venian ver noi, e ciascuna gridava: «Sòstati tu ch a l abito ne sembri 9 esser alcun di nostra terra prava». Ahimè, che piaghe vidi ne lor membri, ricenti e vecchie, da le fiamme incese! 12 Ancor men duol pur ch i me ne rimembri. A le lor grida il mio dottor s attese; volse l viso ver me, e: «Or aspetta», 15 disse, «a costor si vuole esser cortese. E se non fosse il foco che saetta la natura del loco, i dicerei 18 che meglio stesse a te che a lor la fretta». Ricominciar, come noi restammo, ei l antico verso; e quando a noi fuor giunti, 21 fenno una rota di sé tutti e trei. Qual sogliono i campion far nudi e unti, avvisando lor presa e lor vantaggio, 24 prima che sien tra lor battuti e punti, così rotando, ciascuno il visaggio drizzava a me, sì che n contraro il collo 27 faceva ai piè continüo vïaggio. E «Se miseria d esto loco sollo rende in dispetto noi e nostri prieghi», 30 cominciò l uno, «e l tinto aspetto e brollo, la fama nostra il tuo animo pieghi a dirne chi tu se, che i vivi piedi 33 così sicuro per lo nferno freghi. Questi, l orme di cui pestar mi vedi, tutto che nudo e dipelato vada, 36 fu di grado maggior che tu non credi: vv 1-27 INCONTRO CON ALTRI SODOMITI Ero (era) ormai giunto nel punto [dell argine] (loco) in cui si udiva il rimbombo del ruscello (l acqua) che cadeva nel cerchio successivo (l altro giro), simile al ronzio (rombo) delle api nelle arnie, quando, da una schiera (torma) che procedeva sotto la pioggia di fuoco del duro supplizio (martiro), si staccarono (si partiro) insieme di corsa tre spiriti (ombre). Venivano verso di noi e ciascuno di essi gridava: «Fermati (Sòstati) tu che dal modo di vestire (ch a l abito) ci (ne) sembri essere uno (alcun) della nostra crudele (prava) città». Ahimè, quali piaghe, vecchie e recenti, prodotte (incese) dalle fiamme, io vidi nelle loro membra! Mi recano ancora dolore (men duol) solo (pur ch ) a ricordarle. La mia guida (dottor) si fermò rivolgendo la propria attenzione (s attese) alle loro grida; voltò lo sguardo (viso) verso di me e disse: «Fermati (aspetta) ora, nei confronti di costoro è giusto (si vuole) essere cortesi. E se non fosse per le fiamme (foco) che la natura del luogo fa scendere (saetta), direi che la fretta dovesse convenire (stesse) più a te che a loro». Non appena (come) noi ci fermammo (restammo), essi (ei) ripresero il loro consueto lamento (l antico verso); e quando furono giunti presso di noi, tutti e tre (trei) insieme formarono (fenno) un cerchio (rota). Come sono soliti fare i lottatori (campion) nudi e unti, studiando (avvisando) la presa più vantaggiosa (lor presa e lor vantaggio) prima di colpirsi e ferirsi (battuti e punti), così, con lo stesso movimento circolare (rotando), ciascuno (dei tre) rivolgeva (drizzava) a me lo sguardo (visaggio), così che il loro collo doveva fare un continuo movimento (vïaggio) contrario a quello dei piedi. vv COLLOQUIO COI TRE FIORENTINI Uno di essi cominciò: «Se la misera condizione (miseria) di questo sabbione (loco sollo = luogo cedevole) e il nostro aspetto annerito (tinto) e scorticato (brollo) rende spregevoli (in dispetto) noi e le nostre richieste (prieghi), la fama rimasta di noi (nostra) induca (pieghi) il tuo animo a dirci chi sei tu, che ancora vivo calchi (freghi) i piedi nell Inferno senza timore di bruciarti (sicuro). Costui, di cui mi vedi calpestare le orme, benché (tutto che) vada nudo e scorticato (dipelato), fu di rango sociale (grado) più alto (maggior) di quanto credi: 165

4 Inferno Canto XVI nepote fu de la buona Gualdrada; Guido Guerra ebbe nome, e in sua vita 39 fece col senno assai e con la spada. L altro, ch appresso me la rena trita, è Tegghiaio Aldobrandi, la cui voce 42 nel mondo sù dovria esser gradita. E io, che posto son con loro in croce, Iacopo Rusticucci fui, e certo 45 la fiera moglie più ch altro mi nuoce». S i fossi stato dal foco coperto, gittato mi sarei tra lor di sotto, 48 e credo che l dottor l avria sofferto; ma perch io mi sarei brusciato e cotto, vinse paura la mia buona voglia 51 che di loro abbracciar mi facea ghiotto. Poi cominciai: «Non dispetto, ma doglia la vostra condizion dentro mi fisse, 54 tanta che tardi tutta si dispoglia, tosto che questo mio segnor mi disse parole per le quali i mi pensai 57 che qual voi siete, tal gente venisse. Di vostra terra sono, e sempre mai l ovra di voi e li onorati nomi 60 con affezion ritrassi e ascoltai. Lascio lo fele e vo per dolci pomi promessi a me per lo verace duca; 63 ma nfino al centro pria convien ch i tomi». «Se lungamente l anima conduca le membra tue», rispuose quelli ancora, 66 «e se la fama tua dopo te luca, cortesia e valor dì se dimora ne la nostra città sì come suole, 69 o se del tutto se n è gita fora; ché Guiglielmo Borsiere, il qual si duole con noi per poco e va là coi compagni, 72 assai ne cruccia con le sue parole». fu nipote della virtuosa (buona) Gualdrada; si chiamò Guido Guerra e in vita si distinse (fece assai) sia per virtù civili (col senno) che militari (con la spada). L altro, che calpesta (trita) la sabbia (rena) vicino a me, è Tegghiaio Aldobrandi, il cui consiglio (voce) avrebbe dovuto essere stato meglio ascoltato (dovrìa esser gradita) a Firenze (nel mondo sù). E io, che sono sottoposto al tormento (posto in croce) insieme a loro, fui Iacopo Rusticucci; e certo più di ogni altra cosa (più ch altro) mi è dannosa (mi nuoce) la moglie intrattabile (fiera)». Se io fossi stato protetto (coperto) dal fuoco, mi sarei gettato giù tra loro, e credo che il mio maestro (dottor) l avrebbe consentito (sofferto); ma dal momento che mi sarei bruciato, la paura prese il sopravvento (vinse) sul sincero sentimento (buona voglia) che mi rendeva desideroso (ghiotto) di abbracciarli. Poi cominciai: «La vostra condizione mi impresse (fisse) nell animo (dentro) non disprezzo (dispetto), ma un dolore (doglia) così intenso (tanta) che dovrà passare molto tempo (tardi) prima che svanisca (si dispoglia) del tutto, non appena (tosto che) la mia guida (segnor) mi disse parole per le quali io pensai che venissero (verso di noi) persone tanto meritevoli (tal gente) quali voi siete. Io sono della vostra città (terra), e sempre (sempre mai) ascoltai e riferii ad altri (ritrassi) con piacere (affezion) le vostre azioni (ovra) e i vostri nomi onorati. Lascio l amarezza del peccato (lo fele) e mi dirigo (vo) verso la dolcezza del bene (dolci pomi), promessa a me dalla mia guida (duca) veritiera (verace); ma prima è necessario (convien) che io scenda (tomi) fino al centro dell universo». vv CAUSE DELLA CORRUZIONE DI FIRENZE «Con l augurio (Se) che tu possa vivere ancora a lungo», rispose ancora quello spirito, «e che la tua fama risplenda (luca) dopo la tua morte (dopo te), dicci se i valori cortesi e le virtù morali (cortesia e valor) sopravvivono (dimora) ancora, come solevano un tempo (sì come suole), nella nostra città, o se l hanno del tutto abbandonata (se n è gita fora); poiché Guglielmo Borsiere, che da poco tempo (per poco) è tormentato (si duole) insieme a noi ed è laggiù con i suoi compagni, ci affligge (ne cruccia) molto con le sue parole». 166

5 Canto XVI Inferno «La gente nuova e i sùbiti guadagni orgoglio e dismisura han generata, 75 Fiorenza, in te, sì che tu già ten piagni». Così gridai con la faccia levata; e i tre, che ciò inteser per risposta, 78 guardar l un l altro com al ver si guata. «Se l altre volte sì poco ti costa», rispuoser tutti «il satisfare altrui, 81 felice te se sì parli a tua posta! Però, se campi d esti luoghi bui e torni a riveder le belle stelle, 84 quando ti gioverà dicere I fui, fa che di noi a la gente favelle». Indi rupper la rota, e a fuggirsi 87 ali sembiar le gambe loro isnelle. Un amen non saria possuto dirsi tosto così com e fuoro spariti; 90 per ch al maestro parve di partirsi. Io lo seguiva, e poco eravam iti, che l suon de l acqua n era sì vicino, 93 che per parlar saremmo a pena uditi. Come quel fiume c ha proprio cammino prima dal Monte Viso nver levante, 96 da la sinistra costa d Apennino, che si chiama Acquacheta suso, avante che si divalli giù nel basso letto, 99 e a Forlì di quel nome è vacante, rimbomba là sovra San Benedetto de l Alpe per cadere ad una scesa 102 ove dovea per mille esser recetto; così, giù d una ripa discoscesa, trovammo risonar quell acqua tinta, 105 sì che n poc ora avria l orecchia offesa. Io avea una corda intorno cinta, e con essa pensai alcuna volta 108 prender la lonza a la pelle dipinta. «Gli immigrati recenti (gente nuova) e le loro improvvise fortune (sùbiti guadagni) hanno generato in te, Firenze, superbia (orgoglio) e sfrenatezza (dismisura), così che già cominci a pagarne le conseguenze (già ten piagni)». Così gridai a testa alta; e i tre, che recepirono queste parole come (per) risposta, si guardarono l un l altro come si assiste (guata) alla conferma di una dura verità (al ver). «Se ti costa sempre come ora (l altre volte) così poco», risposero tutti insieme, «rispondere esaurientemente alle domande (il satisfare altrui), felice te se sei in grado di parlare liberamente (a tua posta) con tanta franchezza (sì)! Perciò, con l augurio (se) che tu possa scampare (campi) dall Inferno (d esti luoghi bui) e ritornare a vedere il cielo (le belle stelle), quando ti piacerà (gioverà) rievocare il viaggio nell Oltretomba (dicere I fui ), fa in modo di parlare (fa che favelle) di noi alla gente». Quindi sciolsero (rupper) il cerchio (rota), e nel (a) fuggire le loro gambe veloci (isnelle) sembrarono (sembiar) ali. Non si sarebbe potuto (possuto) pronunciare (dirsi) un amen così velocemente (tosto) come essi scomparvero (fuoro spariti); per la qual cosa al maestro parve opportuno (parve) allontanarsi (partirsi). vv L ARRIVO DI GERIONE Io lo seguivo e, dopo essere avanzati (iti) un poco, il fragore della cascata ( l suon de l acqua) era così vicino a noi che, se ci fossimo parlati (per parlar), ci saremmo a malapena (a pena) uditi. Come il fiume che per primo, dal Monviso verso oriente (levante), nella parte sinistra dell Appennino, sfocia in mare (ha proprio cammino), e che si chiama Acquacheta nella parte alta del suo corso (suso), prima (avante) di scendere (divalli) in pianura (giù nel basso letto), e a Forlì non si chiama più (è vacante = è privo) con quel nome, rimbomba presso (là sovra) San Benedetto all Alpe poiché precipita (per cadere) con un unico salto (ad una scesa) là dove (ove) dovrebbe (dovea) essere ricevuto (recetto) in moltissimi (salti) (mille); così, giù da una parete (ripa) scoscesa, incontrammo (trovammo) quell acqua rossa (tinta) cadere fragorosamente (risonar), tanto che avrebbe danneggiato l udito (l orecchia offesa) in brevissimo tempo ( n poc ora). Io portavo avvolta intorno ai fianchi (intorno cinta) una corda, con la quale (e con essa) una volta pensai di catturare la lonza dalla (a la) pelle screziata (dipinta). 167

6 Inferno Canto XVI Poscia ch io l ebbi tutta da me sciolta, sì come l duca m avea comandato, 111 porsila a lui aggroppata e ravvolta. Ond ei si volse inver lo destro lato, e alquanto di lunge da la sponda 114 la gittò giuso in quell alto burrato. E pur convien che novità risponda, dicea fra me medesmo, al novo cenno 117 che l maestro con l occhio sì seconda. Ahi quanto cauti li uomini esser dienno presso a color che non veggion pur l ovra, 120 ma per entro i pensier miran col senno! El disse a me: «Tosto verrà di sovra ciò ch io attendo e che il tuo pensier sogna; 123 tosto convien ch al tuo viso si scovra». Sempre a quel ver c ha faccia di menzogna de l uom chiuder le labbra fin ch el puote, 126 però che sanza colpa fa vergogna; ma qui tacer nol posso; e per le note di questa comedìa, lettor, ti giuro, 129 s elle non sien di lunga grazia vòte, ch i vidi per quell aere grosso e scuro venir notando una figura in suso, 132 maravigliosa ad ogne cor sicuro, sì come torna colui che va giuso talora a solver l àncora ch aggrappa 135 o scoglio o altro che nel mare è chiuso, che n sù si stende e da piè si rattrappa. Dopo (Poscia) averla completamente srotolata (da me sciolta), così come mi aveva ordinato il maestro, gliela porsi (porsila) raccolta a matassa (aggroppata e ravvolta). Egli allora si volse verso destra e la gettò giù nel profondo burrone (alto burrato) un po lontano (alquanto di lunge) dalla sponda. Qualcosa di straordinario (novità) deve (convien) certo (pur) corrispondere (risponda), dicevo tra me e me, all inconsueto (novo) segnale (cenno) che il maestro segue con tanta attenzione (sì seconda). Ahi quanto devono (dienno) essere cauti gli uomini vicino alle persone che non solo (pur) vedono (veggion) gli atti esteriori (l ovra), ma, grazie al loro acume (col senno), riescono a penetrare (miran) nei pensieri! Egli mi disse: «Presto (Tosto) salirà (verrà di sovra) ciò che io attendo con certezza e che tu immagini solo confusamente (il tuo pensier sogna): presto dovrà (convien) rivelarsi ai tuoi occhi (viso). L uomo, finché può (puote), deve (de ) sempre rifiutarsi dall esprimere (chiuder le labbra) quella verità (ver) che ha l apparenza (faccia) di menzogna, poiché (però che) essa lo farebbe sembrare bugiardo (fa vergogna) anche se è sincero (sanza colpa); ma in questa occasione (qui) non posso tacerla; e in nome dei versi (note) di questo poema (comedìa) possano (se) non essere a lungo privi (vòte) di favore presso il pubblico (di lunga grazia), ti giuro, lettore, che io vidi salire (venir in suso) attraverso quell aria densa (grosso) e scura, come se nuotasse (notando), una figura tale da impressionare (maravigliosa) anche un animo intrepido (cor sicuro), con lo stesso movimento con cui risale (torna) il marinaio (colui), che talvolta scende sott acqua (va giuso) per liberare (solver) l ancora rimasta impigliata (ch aggrappa) in uno scoglio o in un altro ostacolo (altro) sul fondo marino (che nel mare è chiuso), che stende in alto le braccia e raccoglie le gambe (da piè si rattrappa). 168

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

VIA CRUCIS. Gesù, Gesù mio Bene Stampatemi nel cor le vostre pene. Composta dal Sig. Abate Pietro Metastasio

VIA CRUCIS. Gesù, Gesù mio Bene Stampatemi nel cor le vostre pene. Composta dal Sig. Abate Pietro Metastasio VIA CRUCIS Composta dal Sig. Abate Pietro Metastasio (1698-1782) T eco vorrei, Signore, Oggi portar la Croce, Nella tua doglia atroce Io ti vorrei seguir. Ma troppo infermo, e lasso Donami Tu coraggio,

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina Voce fuori campo: Nell ora presente,noi siamo forse alla vigilia del giorno nel quale l Austri si butterà sulla Serbia e dall ora l Austria e la Germania gettandosi sui serbi e sui russi è l Europa in

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT

Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT Parola della Grazia Worship Team Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT Ti servirai di me ( 2006 Giovanni Di Sano & Marta Cascio) Verse Sol#Min Si5 Fa#5 Mi Mio Signore Mio Salvatore Fatti Conoscere Sol#Min

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Debora Curulli, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, Elena Sambo, don Enrico Garbuio Finito di stampare:

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

IL VENERABILE DON PASQUALE UVA:

IL VENERABILE DON PASQUALE UVA: IL VENERABILE DON PASQUALE UVA: - - - - - - 11 - - - La fede: risposta d amore al Dio Amore - - - 12 Si conosce Dio per fede, e non vi è altra via sulla ter- ra per conoscerlo. E la religiosa pratica questa

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

M I S T E R I D E L D O L O R E

M I S T E R I D E L D O L O R E M I S T E R I D E L D O L O R E Mio Dio, dona a tutti, a tutti gli uomini, la conoscenza di te e la compassione dei tuoi dolori. Le rosaire. Textes de, Monastère de Chambarand, Roybon 2009, p. 27 1. L

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Dante nella selva oscura

Dante nella selva oscura Dante nella selva oscura Da La Divina Commedia Inferno, Canto 1 I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) classi 4 A-4 E a.s. 2012/2013 Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, 3 ché

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

CANZONI: NIVEL INTERMEDIO: LAURA PAUSINI: NON C È

CANZONI: NIVEL INTERMEDIO: LAURA PAUSINI: NON C È ESCUELA OFICIAL DE IDIOMAS OVIEDO CENTRO DE AUTOAPRENDIZAJE IDIOMA: ITALIANO PRÁCTICA: COMPRENSIÓN ORAL NIVEL: NIVEL INTERMEDIO MATERIAL: CINTA / CUESTIONARIO / SOLUCIONES TEMA: PREPOSIZIONI/ LESSICO Grande

Dettagli

Francesca Gallus. Poesie in volo

Francesca Gallus. Poesie in volo Il sole sorge ed è già poesia e il profumo della vita io lo sento, quando l amore ti entra nelle vene, e un sorriso allevia le tue pene, il profumo della vita, io, lo sento! Francesca Gallus Prendi un

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.!

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.! Gli Aspetti Spirituali del Matrimonio nelle Letture di Cayce *** Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio. D: Il matrimonio come l abbiamo è necessario e consigliabile?

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

UN PO DI ENIGMISTICA MANZONIANA

UN PO DI ENIGMISTICA MANZONIANA UN PO DI ENIGMISTICA MANZONIANA REBUS N. 1 (5, 2, 5) Cosa si disse in paese quando Renzo e Lucia si ritrovarono?! NZO REBUS N. 2 (5, 5) A quale personaggio attribuiresti le parole di questo rebus? B A

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Enzo l incontro con Gesù

Enzo l incontro con Gesù Enzo l incontro con Gesù Enzo Casagni ENZO L INCONTRO CON GESÙ Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Enzo Casagni Tutti i diritti riservati A Gesù che mi ha sempre seguito fin dal seno

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Janna Carioli. Poesie a righe. e quadretti

Janna Carioli. Poesie a righe. e quadretti Janna Carioli Poesie a righe e quadretti VOGLIO UNA SCUOLA Voglio una scuola che parla ai bambini come la rondine ai rondinini che insegna a volare aprendo le ali e sa che i voli non sono mai uguali. Voglio

Dettagli

Pretendi il tuo raccolto

Pretendi il tuo raccolto Domenica, 11 marzo 2012 Pretendi il tuo raccolto Galati 6:7-10- Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perchè chi semina per la sua

Dettagli

La Tua volontà. Gesù è la Via, la Verità e la Vita. la-do. intro: strofa: la-gesù mostrami le Tue vie, insegnami i Tuoi sentieri.

La Tua volontà. Gesù è la Via, la Verità e la Vita. la-do. intro: strofa: la-gesù mostrami le Tue vie, insegnami i Tuoi sentieri. La Tua volontà Gesù è Via, Verità e Vita testo: Emanue Lo Piccolo, musica: Daniele Cascio Cd: Gesù è via, verità e vita Cd: Gesù è via, verità e vita -- (5) -- stro: (5) - (5) -Ciò che ci unisce è fede

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE

PARROCCHIA SACRO CUORE PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 2013 1 ARCIDIOCESI DI CAPUA PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 30 OTTOBRE 2013 SULLE STADE DEL MONDO PRESIEDE DON CARLO IADICICCO MISSIONARIO FIDEI DONUM

Dettagli