CLASSICI CONTRO 7 Marzo 2013 Ideologia Augustea Immagini, idee e problemi della comunicazione politica tra antichità e mondo moderno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLASSICI CONTRO 7 Marzo 2013 Ideologia Augustea Immagini, idee e problemi della comunicazione politica tra antichità e mondo moderno"

Transcript

1 Matilde Comin V ginnasio A Liceo Montale S. Donà di P. CLASSICI CONTRO 7 Marzo 2013 Ideologia Augustea Immagini, idee e problemi della comunicazione politica tra antichità e mondo moderno Nella conferenza tenutasi il giorno giovedì 7 Marzo 2013 presso l auditorium Leonardo da Vinci i professori Luigi Sperti, Giulia Bordignon e Tomaso Maria Lucchelli ci hanno guidato in un bellissimo viaggio alla scoperta dell Antico. Anzitutto grazie al prof. Alberto Camerotto, che ci ha finalmente fatto capire cosa realmente si intenda per ideologia, concetto che per molti anni è stato demonizzato. Questa parola è composta di due elementi antichi, due parole greche (ιδεα e λογοs), ed è nata nel 1796 come frutto dell illuminismo. Ideologia vuol dire semplicemente discorso sulle idee, un gruppo di idee condivise, attraverso le quali possiamo costruire la nostra democrazia. L intervento si è concluso con la lettura di una poesia del poeta greco moderno Manolis Anagnostakis che, oltre ad essermi particolarmente piaciuta, mi ha veramente colpita: Siete a favore o contro? Rispondete almeno con un sì o con un no, avete valutato il problema? Sono sicuro che vi ha tormentato. Nella vita ogni cosa ci tormenta, figli, mogli, insetti, piante nocive, ore perdute, passioni difficili, denti cariati, film mediocri, anche questo certi vi ha tormentato. Dunque parlate con responsabilità, almeno un sì o un no, la decisione spetta a voi. Naturalmente non vi chiediamo di interrompere le vostre occupazioni, di rinunciare alla vostra vita, ai vostri giornali preferiti, alle discussioni dal barbiere, alle domeniche allo stadio. Soltanto una parola, coraggio dunque! Siete a favore o contro? Riflettete bene, aspetterò (Manolis Anagnostakis, La decisione, da Continuazione 3, 1962, trad. di Nicola Crocetti) 1

2 ARA PACIS Il Prof. Luigi Sperti ci ha parlato della parte antica dell ara pacis, facendocene una breve introduzione storica. Nel 31 a.c. si conclude, con la battaglia di Azio, un periodo drammatico per la storia della Repubblica Romana, un secolo di violentissime lotte civili al quale Ottaviano, vincitore contro Marco Antonio e Cleopatra, pone fine inaugurando una nuova era della storia di Roma (l età imperiale) in cui il tema della pace era una necessità. Per questo motivo non è casuale che anche nelle Res Gestae Augusti, il suo testamento spirituale, Augusto sottolinei come, durante il suo principato, le porte del tempio di Giano furono chiuse tre volte, mentre dalla fondazione di Roma, questo accadde sarebbe accaduto solo altre due volte. La chiusura delle porte del tempio di Giano indicava,infatti, l inizio di un periodo di pace: Res Gestae 12,2: Quando, sotto il consolato di Tiberio Nerone e Publio Quintilio (13 a.c.) in onore del mio ritorno, il Senato decretò che dovesse essere consacrata l ara della pace di Augusto, presso il Campo Marzio e dispose che in essa, ogni anno, i magistrati, i sacerdoti e le vergini Vestali celebrassero un sacrificio. 2

3 Il senso è chiaro: nel 13 a.c. si assiste al reditus, ovvero al ritorno vittorioso di Augusto che aveva rappacificato la Spagna e la provincia della Gallia. Il Senato decreta che venga consacrata l ara pacis Augustae, nel Campo Marzio, e che in essa, ogni anno, sacerdoti, magistrati e vergini vistali, sacerdotesse del culto di Vesta, dovessero celebrare un sacrificio. Nel 13 a.c., quindi, l altare viene consacrato, ma viene completato quattro anni più tardi, nel 9 a.c. L ara pacis è un grande recinto con all interno un altare vero e proprio, elevato su una serie di gradini. La collocazione antica dell altare, che oggi si trova nei pressi del Tevere, era nel Campo Marzio, un grande spazio, all epoca di Augusto poco costruito, che si trovava a nord del centro storico di Roma ed era limitato da un lato dal Tevere e ad est dalla cosiddetta Via Lata, l attuale Via del Corso. Sappiamo che l ara faceva parte di un contesto monumentale molto articolato e significativo, poiché erano previsti, in questa zona, quattro monumenti, tra cui il più importante era il Mausoleo di Augusto, una gigantesca tomba monumentale, ispirata alla tomba di Alessandro ad Alessandria, che era in realtà un pantheon dinastico e che fu iniziato a costruire appena Augusto prese il potere, quando era poco più che trentenne e quindi ben circa quarant anni prima della sua morte. 3

4 Più che una tomba, il monumento era in realtà destinato ad esaltare la dinastia della Gens Iulia, di cui Augusto faceva parte. Vicino al mausoleo si trovava un grande spiazzo lastricato, il cui lato orientale era occupato dall ara pacis, che era, in realtà, una meridiana gigantesca, monumento da poco ricostruito, di circa 100 m di lunghezza, con al centro, come elemento indicante l ombra, un obelisco, naturale riferimento al trionfo su Cleopatra e quindi sull Egitto, e che indicava l ora su una serie di porzioni segnate da delle listelle di bronzo con varie iscrizioni. L ara pacis, quindi, andava a rappresentare la figura dell imperatore in un contesto molto importante. All epoca l ara si presentava con un ingresso verso la Via Lata (ingresso est) e uno verso l Horologium Augusti. Il recinto esterno era formato da due registri; sui lati lunghi era incisa una processione che rappresentava Augusto e i principali magistrati e sacerdoti e che raffigurava, probabilmente, la processione solenne del 13 a.c., in occasione del ritorno di Augusto dalla Gallia e dalla Spagna. I rilievi delle due processioni in marmo lunense che corrono lungo i lati nord e sud del monumento sono altri circa un metro e mezzo; essi corrono nella fascia superiore e presentano Augusto, una serie di altre alte cariche dello Stato, sia religiose sia politiche. Un altra parte del rilievo è dedicata, invece, alla celebrazione della Gens Iulia, di cui Augusto era autorevole esponente. Tralasciando il fronte nord che è stato il lato più fortemente restaurato, siamo passati alla descrizione del fronte sud, di maggior interesse, sia perché meno restaurato, sia perchè presenta i protagonisti dell Impero, primo fra tutti Augusto. Nella sezione principale del 4

5 rilievo si può osservare l imperatore, purtroppo mutilo, preceduto dai littori, che lo proteggevano con dei bastoni, e seguito da una serie di sacerdoti e da figure della casa imperiale, per cui anche donne e bambini, ed infine altri personaggi, tra i quali emerge Agrippa, genero di Augusto, marito di sua figlia Giulia e padre di Caio e Lucio Cesare. Agrippa, in realtà, se l ara pacis viene consacrata nel 13 a.c. e realizzata nel 9 a.c., cioè quattro anni più tardi, era già morto da tre anni. Viene quindi sottolineato il fatto che non si trattava di una presentazione cronachistica degli avvenimenti, bensì di un immagine ideale che doveva sottolineare la grandezza del fondatore dell Impero, il suo impegno per la pax, la sua pietas, ovvero l attenzione verso gli dei, l armonia delle più alte sfere religiose e politiche e l importanza della Gens Iulia, rappresentata da una serie di personaggi su cui gli archeologi discutono da circa cento anni. Augusto è rappresentato velato capite, con il capo velato, cosa che nel mondo romano significava il ricoprire funzioni religiose. Nella raffigurazione, oltre a sacerdoti e figure incoronate con l alloro, si identificano altri quattro personaggi con un copricapo molto curioso, una sorta di cuffia con un disco di legno, molto riconoscibili ed importanti, i cosiddetti Flamines Maiores, dei sacerdoti patrizi addetti ai culti di divinità molto importanti come Marte, Quirino, personificazione del popolo romano e di una recente divinità, Dius Iulius, Giulio Cesare, di cui Augusto si proclamava figlio, che, divinizzato, era entrato a tutti gli effetti nel pantheon degli dei romani. Sono presenti anche altre figure legate al sacrificio, con il capo coperto e con un ascia sulla spalla. Quella dell ara pacis è una raffigurazione molto viva, e presenta anche degli elementi curiosi, come due bambini vestiti in un modo molto strano: al collo portano un torches, una collana di metallo attorcigliato con un dente di leone, che i Romani non usavano mai, e che 5

6 era un tipico attributo barbarico; essi sono vestiti con una corta tunica che non aveva nulla a che vedere con il costume romano. Riguardo queste figure sono nate due ipotesi: la prima è che siano due piccoli barbari, due principi di popoli barbarici che, secondo la consuetudine, venivano allevati all interno della corte imperiale per rinsaldare i legami tra i centri di potere e le popolazione dei margini. Una seconda ipotesi, invece, afferma che sono i figli di Agrippa e Giulia, Caio e Lucio Cesare, raffigurati con quello strano costume perché, proprio in quegli anni, Augusto aveva inaugurato i ludi troiani, in cui i figli dell aristocrazia si cimentavano in gare di vario genere e nel corso delle quali i giovinetti si vestivano alla troiana, cioè alla barbara. Lungo il fianco di entrambi i lati ovest ed est dell ara pacis vi sono due pannelli che rappresentano, dalla parte ovest, i temi legati all origine mitica di Roma (Lupercale, ovvero la lupa che allatta Romolo e Remo) ed il sacrificio di Enea, che giunge in Lazio, dopo la caduta di Troia. Dalla parte opposta si trovano due personificazioni: una, molto discussa ma che meglio rappresenta la pace, ritrarebbe o Tellus, cioè la Terra, o la Pax Augusta stessa, e l altra raffigura invece la Dea Roma. Il primo dei pannelli, piuttosto ben conservato, ci presenta Enea e suo figlio Iulo, progenitore della Gens Iulia. Enea appare a capo coperto e dunque sacrificante, vestito con una toga priva di tunica che secondo Plinio era l abito originario dei Romani. Questo pannello ha una chiara connotazione dinastica ed il messaggio è che questo personaggio, pur non essendo romano, è rappresentato come tale in quanto lontanissimo mitico progenitore di Roma. Enea sta sacrificando di fronte ad un altare, aiutato da due camilli, giovani assistenti durante i sacrifici, di cui uno sta offrendo un vassoio di frutta, l altro sta portando un maiale. Un dettaglio molto significativo sullo sfondo è un tempietto con due personaggi seduti che stanno assistendo al sacrificio: sono i Penati che, secondo il racconto non solo virgiliano, Enea, in fuga con Iulo e con il padre Anchise e da Troia, aveva portato fino nel Lazio, dove aveva eretto loro un tempio che secondo le fonti è proprio quello raffigurato. 6

7 Un dato iconografico importante è la figura di Iulo, che tiene nella mano una lancia che,fin dall età alessandrina, indica la conquista del territorio. Per cui, altro tema toccato in questo pannello è l arrivo di Enea, maturo e leggendario per pietas, assimilabile ad Augusto, con il figlio che porta il simbolo della conquista del Lazio. Questo pannello si trovava entrando a destra della parte ovest, dalla parte opposta, invece, si trova un altro pannello, giunto purtroppo in condizioni molto mutile, raffigurante una testa, un asta e qualche altro frammento, da un lato, e dall altro un frammento che presenta una figura con in mano un bastone, poveramente vestita, appoggiata ad un albero di fico su cui poggia le zampe un uccello, più in particolare un picchio. Ci sono una serie di raffigurazioni di età romana, coeve, o anche posteriori molto, simili, che mostrano la figura del dio Marte, vestito in armi, da un lato, e dall altro un pastore di nome Faustolo che, secondo la tradizione, presenzia al rinvenimento dei due gemelli Romolo e Remo, nutriti dalla lupa. Secondo la tradizione, inoltre, la grotta, dove avvenne il fatto, si trovava alle pendici del Palatino e, all epoca, era stata restaurata da Augusto stesso come luogo delle memoriale. Il significato globale di questo lato consiste in un esaltazione delle origini leggendarie di Roma. 7

8 A questo lato ovest, dedicato alle origini di Roma, si contrappone il lato est che rappresenta, invece, in maniera non mitologica, bensì allegorica, l attualità della Roma Augustea. Il pannello, probabilmente il più famoso e meglio conservato, già noto nel Cinquecento, rappresenta una scena molto discussa, ma di semplice comprensione: si trova una figura femminile, contornata da elementi legati all abbondanza, frutti e spighe sul grembo, due bimbi che si avvicinano ai semi, degli armenti, una mucca ed una pecora. Questo personaggio, interpretato in una decina circa di modi diversi, potrebbe essere la personificazione di Tellus, la terra che, offrendo i suoi frutti, nutre l uomo; potrebbe anche essere, però, la rappresentazione della Pax Augusta, della pace, che secondo una particolare moneta, il Cistoforo, emessa nelle provincie orientali e che presenta nel verso la personificazione della pace, crea la ricchezza e benessere. Questa figura femminile potrebbe, inoltre, rappresentare Venus, la dea Venere, e vorrebbe forse mettere in luce la fecondità. Ai lati della figura principale si trovano due personificazioni, due ninfe seminude, con un mantello rigonfio, tipica iconografia ellenistica per la rappresentazione dei venti. Qui le troviamo con due diversi attributi, una è su un cigno, che sta sopra un campo sul quale nascono diverse specie vegetali, l altra poggia su un mostro marino che raffigura il mare. Sono quindi i venti di terra che favoriscono l agricoltura e le coltivazioni, ed i venti di mare che favoriscono piuttosto il commercio spingendo le navi. 8

9 Sul lato secondario si trova inoltre un pannello, limitato ad una parte delle gambe, che presenta la Dea Roma come una figura femminile seduta su una catasta d armi. È interessante osservare come la pax nel mondo antico assumesse una sfumatura diversa da quella che noi oggi usiamo attribuire. La radice della parola pax viene da pac, stessa radice di pactum, patto, accordo. La pace quindi nel mondo antico era il risultato di una negoziazione successiva ad un successo militare ed assumeva, soprattutto per gli antichi romani, una connotazione di imposizione che noi, oggi, a causa forse della nostra cultura cristiana, sentiamo molto lontana. Dopo aver esaminato l apparato principale, ci è stato fatto notare un altro importante elemento dell altare augusteo, ovvero l enorme fregio vegetale di pregevole fattura, probabilmente opera di artisti greci, che corre lungo tutti i lati, sotto i fregi presi i considerazione. Il fregio presenta un gigantesco cespo d acanto con un irreale proliferazione di elementi vegetali che presentano una cinquantina, circa, di specie diverse. Con questa enorme varietà naturalistica, molto probabilmente, si voleva sottolineare, ancora una vota, l età dell oro. 9

10 Tutti questi elementi naturali sono abitati da piccoli animaletti, ma vi si trovano anche altri tipi di animali quali un cigno e una lucertola con una rana. Più importante, e drammatica, è la raffigurazione di un serpente che si avvicina ad un nido per mangiare gli uccellini che vi si trovano. Questo, che può sembrare un piccolo dettaglio, è in realtà uno dei temi più importanti dell arte romana e che ricorre molto di frequente. Un esempio lo troviamo in un passo di Omero, nel secondo libro dell Iliade, in cui i Greci sono riuniti per celebrare un sacrificio, prima di salpare verso Troia, quando accade un grande prodigio: [...] un serpente scarlatto sotto la schiena, pauroso, che appunto l Olimpo fece venire alla luce, balzando di sotto l altare, si avventò al platano. Qui era un nido di passeri, tenere creature, sul ramo più alto, nascosti sotto le foglie, otto, e nona la madre che fece le creature, il serpente divorò i piccoli, pigolanti pietosamente; volava intorno la madre, piangendo le se creature; quello s arrotola, scatta, l afferra per l ala, che pigola. Ma quando ebbe ingoiato i piccoli della passera e lei, lo annientò il dio, che lo fece apparire, pietra lo fece a u tratto il figlio di Crono pensiero complesso [...] Ma subito Calcante spiegò il responso divino<[...] come questo ha ingoiato i piccoli della passere e lei, otto, e nona la madre che fece le creature, così, appunto, tanti anni noi dovremo combattere, ma al decimo prenderemo la spaziosa città> [...] (Omero, Iliade, II, ) La prof.ssa Giulia Bordignon ha invece trattato degli aspetti architettonici del monumento augusteo, parlandoci anzitutto della sua collocazione, quella di una grande sede museale voluta nel 1995 dal comune di Roma e commissionata direttamente, senza concorso, all architetto Richard Meier, noto nella storia dell architettura contemporanea per aver realizzato, per esempio, il Getty Museum di Los Angeles. 10

11 Questa commissione diretta ad una figura così importante dell architettura contemporanea ha portato alla ribalta l ara pacis, in virtù proprio di questa rimusealizzazione che è stata estremamente contestata per la mancata comprensione, si dice, da parte dell architetto, dell oggetto archeologico che andava conservato e protetto dallo smog e dalle difficili condizioni ambientali in cui l altare si era venuto a trovare a partire dagli anni 30, quando questo venne ricomposto a partire dai frammenti via via ritrovati. Il nuovo museo realizzato da Meier, nonostante le varie critiche,ha fatto del sito, in cui si trova oggi l ara pacis la terza meta turistica museale di Roma, dopo il Colosseo e i Musei Vaticani. La precedente teca di conservazione del monumento fu realizzata nel 1938 quando, per diretto interessamento di Mussolini e del Ministro dell allora educazione nazionale Bottai, l ara pacis venne collocata lungo le sponde del Tevere, accanto al Mausoleo di Augusto, dove rubò, per così dire, la scena al grande monumento dinastico che inizialmente doveva incarnare i fasti del nuovo impero fascista. Il mausoleo venne quindi considerato un grande dente cariato (parole della critica dell epoca) e tutta la funzione di esaltazione ideologicopolitica del regime fascista venne incarnata dalla nuova collocazione dell ara pacis. Mussolini, con la conferenza di Monaco, che avrebbe dovuto rappresentare un momento di arresto rispetto alla situazione che stava portando verso la Seconda Guerra Mondiale, si propose come il pacificatore sulla scena europea analogamente ad Augusto che, nel 13 a.c., tornando dalla Spagna e dalla Gallia, si era proposto come il pacificatore della scena internazionale antica. Lo spostamento dei resti dell ara pacis dalla sua originaria collocazione al centro del Campo Marzio verso il Mausoleo di Augusto si realizzò con un grande dispendio di mezzi e di risorse economiche. Gli scavi, infatti, degli ultimi resti dell altare, che iniziarono ad essere recuperati sin dall età Rinascimentale e che poi proseguirono nel corso dei secoli successivi, furono molto difficili perché si andavano a toccare le fondamenta di un palazzo 11

12 costruito a partire dalle fine del XIII secolo sopra i resti dell ara pacis stessa, in una zona fortemente acquitrinosa ed imbevuta d acqua. Gli scavi, a singhiozzo, proseguirono di trentennio in trentennio e vennero regolarmente interrotti per le difficoltà di esecuzione. Nel però la necessità ideologico-simbolica di ricostituire l intero dell altare e non possedere soltanto frammenti di queste meravigliose lastre scolpite di età augustea, portò alla decisione di completare e chiudere gli scavi anche in condizioni proibitive. Gli scavi vennero quindi realizzati con metodi avanzati, con la realizzazione di una serie di tubature in cui scorreva anidride carbonica allo stato liquido per congelare il terreno e renderlo non più acquitrino e pregno d acqua, riuscendo così ad estrarre le lastre che ancora giacevano al di sotto di questo palazzo. Si realizzò così questo straordinario scavo in profondità, che raggiunse i 24m, che portò in superficie gli ultimi pezzi dell ara pacis su diretto interessamento del Duce. È, quindi, importante chiedersi da cosa fosse scaturito questo grande interesse da parte di Mussolini per ricostruire in toto il monumento. Questo interesse era, probabilmente, dovuto al fatto che l ara pacis presentava un programma figurativo che costituiva un evidente esaltazione della figura di Augusto, fondatore dell impero, come Mussolini a 2000 anni di distanza. Un incisione, però, ci fa comprendere come già agli inizi del 1500 fossero iniziati ad emergere, dal sottosuolo alluvionale, alcuni frammenti dell altare augusteo. L ara pacis, in realtà, come dimostrano delle monete di età neroniana e domizianea, che illustrano il fronte est e ovest del monumento, doveva essere ancora visibile tra gli anni 60 e 90 del primo secolo d.c. Queste monete rappresentavano, anche, come la figura di pacator, pacificatore, di Augusto dovesse fornire un modello di riferimento per gli imperatori successivi, che riprendono il simbolo della pace augusta anche nello loro monete. L importanza della figura di Augusto e dell impronta augustea la si ritrova, inoltre, in età adrianea, cosa che viene dimostrata dal rinvenimento, durante gli scavi Novecenteschi, di un muro di contenimento del monumento augusteo, databile con precisione al 123 d.c. Questo muro viene considerato una prima forma di monumentalizzazione dell altare augusteo a scopo protettivo, a causa dell innalzamento del livello del terreno, che era già stato responsabile del non funzionamento dell Horologium Augusti. Da questo momento in poi non si sono più avute testimonianze riguardo la visibilità dell ara pacis, che scompare anche dalla memorie delle fonti. Sappiamo però che, nel 1566, il cardinale fiorentino Giovanni Ricci da Montepulciano scrive al segretario del duca Cosimo I de Medici di Firenze la notizia di aver ritrovato XV o 12

13 XVIII pezzi di marmi grechi trovati sotterrati, dicono d un arco Trionfale, che fece Domitiano, i quali pezzi dall un canto havevano figure de Trionfi che dal tempo sono un poco disfatti e dall altro havevavno certi festoni [...] riferendosi poi alle lastre scrve: li quali pezzi furono in tutto nove, ma tanto grossi [...] et ho ordinato che siano segati[...]. Il cardinal Ricci, in particolare, fa riferimento al pannello raffigurante la pax augusta, Tellus che, acquistato da Cosimo de Medici, viene subito inviato a Firenze come bella bizzarria che si credo fossero fatte per tre elementi, cioè Aria, Acqua et Terra. Nella corrispondenza del Cardinale Ricci si allude a nove pezzi, tra i quali il pannello con le tre figure femminili, che, una volta segati, sono stati utilizzati per ornare la Villa Medici, nella cui facciata, ancora oggi, si trovano murate le parti interne con i festoni dell ara pacis. Secondo le fonti dell epoca nel giardino di Villa Medici, si trovavano murate, accanto ad altri rilievi provenienti da un monumento di età claudia, parti della processione dei lati lungi dell altare. 13

14 Le prime ricostruzioni virtuali dell ara pacis si hanno verso la fine del 1800 grazie a degli archeologi tedeschi, tra cui Eugen von Petersen, che propongono un tentativo di ricostruzione grafica dell intero monumento che non presenta ancora il doppio accesso poiché gli scavi non erano ancora stati condotti a termine. Gli scavi continuano nel 1903 quando viene ritrovato un fregio raffigurante il volto di Augusto. Negli anni 30, infine, con un gran dispendio di mezzi, i vari frammenti vengono tratti dal sottosuolo e vengono svolte numerose trattative, con scarso successo, per tentare di recuperare le varie lastre disseminate per le grandi capitali europee. L intero viene quindi pazientemente ricomposto da ciò che già si possedeva dell ara pacis, anche nelle parti totalmente perse, come ad esempio la trabeazione, che viene ricostruita senza una minima traccia archeologica, o la mensa interna, ricostruita anch essa ex novo. Come ci ha detto, quindi, la prof.ssa Bordignon : Questo monumento augusteo nasce con una vocazione archeologica già ai tempi di Augusto e rinasce nella sua vita postuma novecentesca con una più forte vocazione di tipo ideologico-politico Ci è stata presentata, infine, un immagine dell ara pacis che mai mi sarei aspettata di vedere, rossa, blu, verde, così come, probabilmente la vedevano gli antichi romani e così come la volle Augusto nel 9 a.c. Nessuno, ovviamente, ha osato dipingere l altare, è stata invece, ancora una volta, la tecnologia a fare meraviglie: luci multicolori illuminano il marmo e ci restituiscono la sua antica immagine. Il mondo antico era, infatti, a colori: il Partenone era colorato, la Colonna Traiana era una festa di colori, il marmo non esisteva come marmo bianco, poiché doveva comunque restituire un emozione. Nessuna di queste tinte sta lì per caso; un equipe di storici dell arte, archeologi ed esperti di restauro hanno confrontato le microscopiche tracce cromatiche ancora presenti sulla pietra con la pittura di altre sculture e vasellame della stessa epoca. Il senso dell esperimento è stato, quindi, quello di ridare la parola agli antichi, lasciare che le opere d arte parlino come parlavano tanti secoli fa. 14

15 GUERRA, VITTORIA E PACE SULLE MONETE Simboli, ideologie e comunicazione nell età Augustea 15

16 Le ideologie di Augusto, modello dei fasti dell impero fascista, erano molto complicate e ci sono state spiegate, dal prof. Tomaso Maria Lucchelli, in base a concetti chiari come guerra, vittoria e pace. Moneta del 19 a.c. 16

17 In questo denario, per esempio, si riconosce nel rovescio la figura di un uomo inginocchiato, per sottomissione, che porta i pantaloni e con la barba a punta: qualsiasi Romano avrebbe riconosciuto in questo personaggio un barbaro orientale. Questo barbaro porta in mano un insegna militare romana. Il significato della moneta ci viene spiegato dalla scritta impressa sul retro: CAESAR AUGUSTUS SIGN RECE, abbreviazione di un ablativo assoluto, SIGNIS RECEPTIS, restituite le insegne. La moneta celebra un avvenimento del 20 a.c., ovvero la restituzione ai romani, da parte del re dei Parti, delle insegne militari che essi avevano ripetutamente conquistato in seguito ad una serie di sconfitte degli eserciti romani. Per questo avvenimento il senato propose di celebrare un trionfo per Augusto e venne costruito perfino un arco di trionfo. Moneta del 18 a.c In questo denario viene, dunque, raffigurato l arco di Augusto: sopra l arco centrale si trova una quadriga e sopra gli archi laterali due figure, sempre con i pantaloni e quindi barbari, che porgono le insegne militari. Le insegne vengono portate a Roma ed esposte da Augusto in un tempietto appositamente costruito: il Tempio di Marte Ultore, vendicatore, poiché si trattava di vendicare le sconfitte subite dagli eserciti romani. Il tema della restituzione delle insegne viene rappresentato in un numero molto abbondante di monete, dal 19 al 17 a.c. circa. 17

18 La restituzione delle insegne, a Roma, fu accomagnata da cerimonie solenni, da festeggiamenti, dalla costruzione di monumenti, ma esisteva il problema di divulgare questo messaggio a tutto l Impero dal momento che a queste celebrazioni potevano partecipare soltanto i cittadini romani; la soluzione si trovò con la circolazione delle immagini attraverso le monete, usate soprattutto per pagare i soldati, che a loro volta le utilizzavano per le proprie spese. Chi si soffermava a guardare queste monete poteva, quindi, facilmente comprendere che era avvenuta una sottomissione di altri popoli, anche molto vicini come l Armenia. Nella moneta è, infatti, rappresentata, attraverso la figura di un soldato barbaro in atteggiamento tutt altro che aggressivo, la conquista dell Armenia. Altra rappresentazione della vittoria sull Armenia consiste nella raffigurazione della Vittoria, con le sue ali, che sgozza un toro in sacrificio agli dei per quella conquista. 18

19 Un ulteriore moneta, sempre atto a celebrare la conquista dell Armenia, raffigura delle armi tipiche dei barbari, tra cui le frecce, e la legenda: ARMENIA CAPTA È infine importante sottolineare come le monete, grande mezzo di diffusione di ideologie, fossero sì una fonte storica diretta, che però quasi mai dice la verità, mentre afferma ciò che i centri di potere volevano comunicare. Chiuque, infatti, all epoca, avesse osservato queste monete avrebbe pensato a grandi guerre, conclusesi con altrettanto grandi vittorie e trionfi romani. In realtà però non fu così: la restituzione delle insegne da parte dei Parti nel 20 a.c. avvenne per via diplomatica, per mezzo di una trattativa, così come l Armenia, che tanto veniva decantata come capta, non fu mai conquistata dai Romani che aspettarono di trovare un accordo quando salì al trono un re Armeno che, solo formalmente, riconosceva l autorità e la sovranità romana sul territorio. Le monete quindi, se lette correttamente e contrapposte ad altre fonti storiche, consentono di cogliere la deformazione ideologica degli avvenimenti da parte del potere, in questo caso augusteo. 19

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione Un ipotesi di percorso didattico Motivazioni culturali ed educative rilevanza del tema nella storia e nella cultura romana codici di interpretazione

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

GLI ANIMALI SI NUTRONO

GLI ANIMALI SI NUTRONO Azione 1 Italiano come L2 La lingua per studiare DISCIPLINA: SCIENZE Livello : A 2 GLI ANIMALI SI NUTRONO Gruppo 5 Autori: CRETI MARIELLA - GIONTI FRANCA Destinatari: alunni 1 biennio - scuola primaria

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI -numero luoghi: 10 -tempo necessario: 1 giorno (2 giorni x itinerari 1 e 2) -sequenza consigliata:

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monti di Carate Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monte di Carate (Freccia gialla) visto da Brunate (*) Monte di Carate visto dalla strada del Bisbino E' formato da una cinquantina di baite immerse

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli