Cavi e cablaggio strutturato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cavi e cablaggio strutturato"

Transcript

1 Dispensa sui mezzi trasmissivi, pagine estratte dal testo Ambrosini, Maini, Perlasca Le telecomunicazioni, 2012 Tramontana Editore Cavi e cablaggio strutturato 1. Introduzione I mezzi trasmissivi sono i canali fisici nei quali l informazione, sotto forma di grandezza fisica, si propaga dal trasmettitore al ricevitore. I mezzi utilizzati si sono evoluti nel tempo con il miglioramento delle tecniche e delle tecnologie. Si pensi ai segnali luminosi a distanza usati da cinesi, indiani o greci nel 200 a. C. o ai messaggeri a cavallo nei servizi postali creati dai Tasso per Venezia e per lo Stato Pontificio nel Attualmente i mezzi più utilizzati sono i cavi metallici, le guide d onda, le fibre ottiche, il canale radio e il canale ottico ad infrarossi. I primi tre sono canali che guidano il segnale all interno di un supporto fisico, mentre negli ultimi il segnale si propaga nello spazio per cui servono opportuni apparati che consentono di ottimizzare l invio e la ricezione delle onde irradiate. Nella presente unità di lavoro si approfondirà lo studio delle linee di trasmissione metalliche, nelle successive il canale radio e le fibre ottiche. 2. Le linee di trasmissione Doppino intrecciato (Twisted Pair) Con il nome di linee di trasmissione si definiscono tutti le linee metalliche costituite generalmente da due conduttori attraverso i quali si propagano segnali di tensione e di corrente. I due mezzi maggiormente utilizzati sono il doppino intrecciato (twisted pair) ed il cavo coassiale. Il doppino (figura 1) è costituito da due fili metallici, ciascuno ricoperto da isolante, che vengono intrecciati per ridurre i disturbi dovuti ai campi elettromagnetici esterni. A causa dell intreccio, le correnti indotte sono alternativamente di verso opposto e quindi tendono ad annullarsi. Questo supporto è utilizzato nelle terminazioni d utente delle linee telefoniche, nei collegamenti tra terminali delle reti LAN (con eventuale schermatura aggiuntiva). Presenta i vantaggi di costi ridotti, della flessibilità e leggerezza che facilita il cablaggio. Lo svantaggio è dato dall elevata attenuazione soprattutto a medie ed alte frequenze e dalla sensibilità ai disturbi elettromagnetici. Inoltre poiché nei cavi sono presenti numerosi coppie di doppini intrecciati si ha un elevata interferenza reciproca tra segnali diversi inviati su doppini adiacenti (disturbo chiamato diafonia). Figura 1- Doppino intrecciato ed effetto delle correnti indotte. Cavo Coassiale Un miglioramento delle prestazioni si ha con il cavo coassiale (figura 2). Questo è costituito da due conduttori coassiali separati da materiale isolante, uno interno nel quale vi è presente il segnale ed uno esterno generalmente costituito da una calza metallica collegata a massa che ha la funzione di schermo elettromagnetico. Il segnale elettrico interno risulta protetto dai disturbi elettromagnetici presenti nell ambiente circostante così P.Maini Mezzi trasmissivi pag.1/16

2 come il segnale informativo non irradia all esterno del cavo e quindi non crea interferenze ad altri segnali. Figura 2- Cavo coassiale. Il costo superiore, la rigidezza del cavo e la maggiore precisione necessaria per le connettorizzazioni ne consigliano l uso solo per applicazioni nelle quali il doppino è inefficace: trasmissioni ad alta frequenza, collegamento tra strumenti di misura, acquisizione di segnali di debole intensità. 3. Cablaggio strutturato Finalità del cablaggio strutturato Il diffondersi delle reti locali di computer ha portato ad un utilizzo sempre maggiore di cavi per connettere computer, stampanti, modem, router, ecc. Le velocità di trasmissione dei dati è pari o superiore alle decine di Mbit/sec e le distanze tra i dispositivi superano qualche metro, per cui è necessario che le linee abbiano caratteristiche di bassa interferenza e di buon adattamento affinché la comunicazione tra i computer sia corretta. Dopo un periodo iniziale di deregulation è sorta l esigenza internazionale di definire regole condivise che stabilissero le caratteristiche dei mezzi e dei collegamenti tra apparati. E stato quindi chiamato cablaggio strutturato l insieme di norme che definiscono le specifiche per le connessioni di rete: le topologie di rete, gli elementi da usare per il cablaggio, i mezzi trasmissivi, le dorsali tra i piani, il cablaggio orizzontale nell area di lavoro, le regole di installazione, le sigle da dare ai cavi e la documentazione da tenere. Lo scopo delle norme è di garantire le prestazioni migliori del sistema di cablaggio della rete e di potere certificare la misurazione di queste. Un buon cablaggio strutturato deve permettere una facilità di installazione e di manutenzione, deve prevedere un riutilizzo della rete anche con dispositivi di livello superiore (in termini di velocità di trasmissione e di aumento delle postazioni collegate), deve assicurare un affidabilità e stabilità delle prestazioni nel tempo. Il termine strutturato deriva dal fatto che il principio su cui si basano le norme prevede un sistema di collegamenti gerarchici che da un punto centrale collega attraverso punti intermedi le postazioni dei singoli apparati (figura 8). P.Maini Mezzi trasmissivi pag.2/16

3 Struttura del cablaggio di rete Figura 8 Schema di cablaggio strutturato di un edificio. Figura 9 - Conduttore a trefoli (a) e a filo pieno (b). Area di lavoro Area di lavoro Area di lavoro Cablaggio orizzontale Cablaggio orizzontale Cablaggio orizzontale Sala Apparati Dorsale Sala Apparati Sala Apparati La rete viene suddivisa in aree di lavoro (working areas) dove si trovano le postazioni che sono collegate ad un armadio (telecommunications closet) o ad una sala apparati (telecommunications room). Queste ultime postazioni sono collegate tra loro o a stella o a catena mediante dorsali (backbones) realizzate con cavi in rame o fibre ottiche di qualità elevata per supportare le grandi quantità di dati che le diverse aree di lavoro si possono scambiare. Il collegamento tra le postazioni di lavoro e gli apparati di collegamento di ogni piano è generalmente a stella ed è chiamato cablaggio orizzontale (orizzontal wiring). La descrizione delle specifiche relative a tutti gli aspetti del cablaggio strutturato è rimandata a testi specifici 1, qui si trattano solo gli aspetti relativi ai cavi di collegamento. Questi possono essere doppini intrecciati, cavo coassiale o fibra ottica. La tipologia maggiormente utilizzata è il cavo a coppie di doppini intrecciati, i cavi coassiali sono ormai abbandonati in quanto i doppini schermati hanno ormai prestazione adeguate alle esigenze delle reti. Le fibre si usano solo per collegamenti a lunga distanza e con capacità di trasmissione dell ordine dei Gbit/sec. Il doppino intrecciato è facile da installare, economico e semplice da connettere. Il cavo standard è costituito da quattro coppie di doppini. Ogni conduttore può essere a filo pieno o a trefoli, cioè formato da fili più piccoli arrotolati (figura 9). Nel secondo caso diminuisce la conduttività ma migliora la flessibilità e la resistenza del filo nelle piegature delle condotte. Le norme prescrivono sezioni dei conduttori dell ordine di 0,4 0,6 mm, che corrispondono a circa AWG. L AWG (American Wire Gauge) è l unità di misura utilizzata in ambito internazionale per i conduttori metallici, la scala è geometrica a regressione con 39 valori nell intervallo da 0 AWG (corrispondente a 11,684 mm) a 36 AWG (corrispondente a 0,127 mm). Minore è il valore dell AWG maggiore è il diametro del conduttore che quindi ha una perdita inferiore. Come regola pratica si può ricordare che per ogni diminuzione di 6 AWG si ha circa il raddoppio del diametro del conduttore. Il cavo formato da doppini non schermati è chiamato UTP (Unshielded Twisted Pair). Per migliorare la protezione rispetto alle interferenze si possono schermare i cavi o con un sottile foglio metallico collegato ad un filo per la messa a terra, o con un calza metallica esterna. Nel primo caso il cavo è denominato FTP (Foiled Twisted Pair), nel 1 Ad esempio J. Trulove LAN Wiring, 2006 McGraw-Hill. P.Maini Mezzi trasmissivi pag.3/16

4 Figura 10- Cavo UTP (a): doppini intrecciati non schermati; cavo FTP (b): doppini intrecciati schermati da un foglio metallico: cavo S/FTP (c): coppie di doppini intrecciati ciascuna schermata da un foglio metallico e calza esterna di schermatura del cavo. Tabella 3 Classificazion e dei cavi seconda la norma EIA- 568-C. secondo STP (Shielded Twisted Pair). Per avere una schermatura superiore si prevede un foglio di schermatura per ogni coppia di doppini a queste scheramature se ne aggiunge una ulteriore per l intero cavo (S/FTP Shielded/ Foiled Twisted Pair o F/FTP Foiled/ Foiled Twisted Pair). In figura 10 alcuni esempi di questi cavi. Per facilitare la scelta dei cavi, questi vengono classificati in categorie crescenti determinate sulla base sia delle applicazioni che delle frequenze di trasmissione: la categoria 1 si riferisce ai cavi peggiori adatti unicamente alla telefonia analogica mentre la 7 (ancora in fase di proposta) si riferisce a cavi completamente schermati per reti a 10 Gbit/sec. La normativa di riferimento è la ANSI-TIA-EIA-568 che dal 1991 ha definito la Categoria 5 per le LAN a 100 Mbit/sec. Questi cavi sono ancora oggi quelli maggiormente diffusi nei cablaggi strutturati. L esigenza di collegamenti di rete a velocità sempre maggiore ha portato i comitati ha definire nel 1999 la categoria superiore categoria 5e e nel 2002 la nuova categoria 6 (TIA-568-B.2-1) con prestazioni ancora più severe per le interferenze e la diafonia. Nel 2006 viene emanata la nuova versione degli standard EIA-568-C che prescrive il cablaggio per reti a 10 Gbit/sec con supporti in doppino, fibra e coassiale. Quest ultima normativa riprende e riordina le definizioni delle categorie inferiori e delle applicazioni previste dagli standard precedenti. Al momento vi è anche una categoria 7, non ancora definitivamente approvata, che utilizza fibre ottiche o cavi schermati S/FTP o F/FTP. In tabella 3 sono riportate le categorie ridefinite dalla EIA-568-C. Classificazioni AWG Impedenza caratteristica Frequenza segnali Applicazioni Categoria Non specificata Audio, DC Altoparlanti, citofoni Categoria Non specificata fino a 1,5 MHz Telefonia analogica Categoria Ω ± 10% fino a 16 MHz 10BaseT, 4/16 Token-Ring Categoria Ω ± 10% fino a 20 MHz 10BaseT, 4/16 Token-Ring Categoria 5/5e Ω ± 10% fino a 100 MHz 100BaseTX, ATM, 1000BaseT Categoria Ω ± 10% fino a 200 MHz 1000BaseTX Categoria Ω ± 10% fino a 1,2 GHz 10GBase, multimediali (proposta) P.Maini Mezzi trasmissivi pag.4/16

5 Alla fine del 1800 Guglielmo Marconi durante i suoi primi esperimenti sulla trasmissione senza fili scoprì che collegando all oscillatore di trasmissione un filo o un altro conduttore metallico poteva aumentare la distanza della trasmissione. Diede il nome di antenna al conduttore che veniva issato in alto, prendendo il nome da un termine marinaro che indicava un palo dell albero maestro. Le prime antenne marconiane (ancora visibili a Villa Grifone) erano cubi metallici issati su di un palo e collegati tramite un filo al trasmettitore. In successivi esperimenti usò antenne filiformi collegate ad aquiloni ( i draghi volanti ) per issarle a decine di metri di altezza rispetto alla terra. Il vuoto e le antenne Fig. 2- Propagazione di onde elettromagnetiche trasversali (TEM). 1. Le onde elettromagnetiche Si consideri un conduttore filiforme percorso da una corrente i(t) come in figura 1, per la legge di Ampere si origina un campo magnetico nel piano perpendicolare al conduttore: per la legge di Faraday la variazione di campo magnetico genera un campo elettrico concatenato ma perpendicolare al flusso magnetico. A sua volta la variazione di flusso di campo elettrico E genera un successivo campo magnetico H, che a sua volta produce un campo elettrico E, e così in successione. In questo modo si crea un onda che trasporta un campo elettrico ed un campo magnetico associato. L onda si propaga nello spazio dal conduttore verso l esterno. Fig. 1- Onde elettromagnetiche generate da un conduttore percorso da corrente. Le caratteristiche di queste onde elettromagnetiche (figura 2) è che i due campi sono perpendicolari tra loro e la direzione di propagazione è a sua volta perpendicolare ad entrambi: sono onde trasversali (TEM Transverse ElectroMagnetic waves). E H S Vettore di Poynting Se si esegue il prodotto vettoriale tra campo elettrico E e magnetico H si ottiene un terzo vettore S, chiamato vettore di Poynting, che fornisce tutte le informazioni principali sull onda: S E H 1 La direzione ed il verso di questo vettore indicano la propagazione nello spazio ed il valore del modulo è la densità di potenza elettromagnetica inviata, misurata in Watt/m 2 : S E H [W/m 2 ] 2 Queste onde, trasportando campi elettromagnetici, non necessitano di un mezzo composto da particelle, per cui si propagano sia nel vuoto che in mezzi densi, con opportune attenuazioni. Nel caso incontrino superfici metalliche, analogamente a quanto avviene per i cavi chiusi in corto-circuito, verranno totalmente riflesse con uno sfasamento del campo elettrico di 180. P.Maini Mezzi trasmissivi pag.5/16

6 Polarizzazione dell onda Velocità di propagazione delle onde elettromagnetiche Le onde elettromagnetiche non necessitano di un mezzo fisico per propagarsi e la massima velocità di propagazione si ha Classificazione delle onde e.m. Tabella 1 Classificazione standard delle bande dei segnali ad onde elettromagnetiche. Come detto queste onde sono trasversali nel senso che i campi E ed H sono perpendicolari alla direzione di propagazione, La direzione del campo elettrico E indica la polarizzazione dell onda. Se il campo elettrico rimane sempre perpendicolare al suolo si dice che l onda è polarizzata verticalmente, se rimane parallelo al suolo polarizzata orizzontalmente, invece se durante la propagazione si ha la rotazione dei campi sempre nel piano perpendicolare alla direzione dell onda, questa è polarizzata ellitticamente o circolarmente. Le onde polarizzate circolarmente sono meno soggette a disturbi atmosferici e a quelli della ionosfera. La direzione di polarizzazione deriva dal verso del campo elettrico generato dal dispositivo di trasmissione, e quindi dalla geometria e dalle alimentazioni dello stesso. Affinché si abbia la massima ricezione occorre che anche il dispositivo ricevente abbia la stessa direzione di polarizzazione. Queste onde avendo la stessa natura della luce si propagano nello spazio alla sua stessa velocità c: 1 c0 c0 c 7 n r ove ε e μ sono la costante dielettrica e la permeabilità magnetica del mezzo attraversato; ε r e μ r costante dielettrica relativa e la permeabilità magnetica relativa del mezzo attraversato; n è l indice di rifrazione e c 0 la velocità della luce nel vuoto uguale a m/sec. Si noti che per mezzi diversi dal vuoto (in pratica anche per l aria) risulta n>0, pertanto la velocità di propagazione è massima nel vuoto (aria). Per segnali sinusoidali di frequenza f, i valori dei campi elettromagnetici si ripetono nello spazio ad ogni lunghezza d onda λ, data da r c 8 f Questo relazione è molto importante perché nelle radiocomunicazioni le onde vengono classificate sulla base delle frequenze e delle lunghezze d onde. La lunghezza d onda è inoltre un parametro fondamentale per la realizzazione delle antenne e per il calcolo della propagazione in aria dei segnali. Lo standard internazionale prevede bande di frequenze numerate con un valore N che definisce i limiti della banda da 0,3 10 N a 3 10 N. In tabella 1 sono riportate le bande per onde elettromagnetiche. Banda Frequenza λ Sigla Nome Applicazioni khz km VLF Very Low Frequencies Trasmissioni a bassa frequenza, radionavigazione, radiotelegrafia khz 10-1 km LF Low Frequencies Trasmissioni a onde lunghe, radiotelegrafia 6 0,3-3 MHz 1-0,1 km MF Medium Frequencies Trasmissioni a onde lunghe, radiodiffusione (AM) MHz m HF Very Low Frequencies Trasmissioni a onde corte, radiotelegrafia MHz 10-1 m VHF Very High Frequencies Radiodiffusione (FM), Radiotrasmissione TV 9 0,3-3 GHz 1-0,1 m UHF Ultra High Frequencies Radiotrasmissione TV, telefonia mobile GHz mm SHF Super High Frequencies Trasmissione satellitare, radar, ponti radio GHz 10-1 mm EHF Extremely High Frequencies Trasmissione tra satelliti, radar Per applicazioni ISM (Industrial, Scientific, Medical) sono riservate alcune bande per le quali non si richiede la licenza per l utilizzo. In tabella 3 sono riportate alcune di queste utilizzate nell uso comune. Tabella 3 Bande riservate ad applicazioni ISM. Frequenza Applicazioni 26,957 27,283 MHz Radioamatori di Banda Cittadina (CB) MHz , ZigBee 2,4 2,5 GHz Forni a microonde, Bluetooth, WiFi b, g, , ZigBee 5,725 5,875 GHz WiFi a P.Maini Mezzi trasmissivi pag.6/16

7 Gli strati dell atmosfera terrestre Troposfera: fino a 12 km; i fenomeni meteorologici influiscono sulla propagazione. Stratosfera: tra 12 e 60 km; non influenza la propagazione. Ionosfera: da 60 e oltre 400 km; diffrazione sotto i 30 MHz. Fig. 3- Modalità di propagazione di onde elettromagnetiche nell atmosfera terrestre (a), zona del silenzio e distanza di skip(b). La propagazione nell atmosfera Idealmente nello spazio le onde si propagano in maniera rettilinea, mentre nell atmosfera terrestre la propagazione dipende sia dalla frequenza dei segnali sia dagli strati che attraversano. L atmosfera che circonda la terra può essere suddivisa in tre zone di seguito descritte. La troposfera dal suolo fino a circa km, nella quale le onde elettromagnetiche sono influenzate dai fenomeni meteorologici; La stratosfera compresa tra i 12 e i 60 km, con bassa densità gassosa e quindi senza grande influenza nella propagazione; La ionosfera che si estende dai 60 km ad oltre i 400 km di altezza; vi è una forte presenza di cariche libere, ioni ed elettroni, determinate dalle radiazioni ultraviolette del sole. La densità delle cariche non è omogenea ma varia con l altezza e con l irraggiamento solare, per cui le sue caratteristiche mutano di giorno e di notte. In questo strato le onde elettromagnetiche di frequenza inferiore a circa 30 MHz subiscono sia una curvatura delle traiettorie per effetti di diffrazione sia la riflessione totale che le rimanda verso la superficie terrestre. Per frequenze superiori le onde non vengono deviate ma si propagano attraverso i vari strati della ionosfera in maniera rettilinea, con debole attenuazione da parte delle cariche libere. a) b) Tipologie di onde e.m, in atmosfera Angolo limite: con un angolo di incidenza inferiore non c è riflessione. Distanza di skip: distanza minima di ricezione tramite onda riflessa. A causa di queste interazioni con l atmosfera e con la superficie terrestre le onde elettromagnetiche possono propagarsi in diversi modi (figura 3). Si hanno le onde dirette quando i due punti di trasmissione e di ricezione sono in visibilità, la propagazione può essere rettilinea o curvilinea dovuta alla rifrazione dell aria. Le onde di superficie invece sono onde che seguono la curvatura del suolo terrestre e sono soggette a diffrazione, attenuazione e riflessioni dipendenti dalla natura e forma delle superficie terrestre. Le onde spaziali invece sono le onde dirette verso la ionosfera che vengono poi riflesse da questa sulla superficie terrestre. La riflessione avviene se l angolo di incidenza della radiazione supera un valore limite (detto angolo limite), per cui per avere riflessione occorre che la direzione dell onda verso la ionosfera sia sufficientemente inclinata. A causa di questo fenomeno vi è una zona, detta zona del silenzio, all interno della quale non è possibile ricevere nessun tipo di onda, a meno di avere un antenna sufficientemente alta (come mostrato in figura 3b). La distanza minima di ricezione dell onda riflessa spaziale che limita la zona del silenzio è detta distanza di skip. 2. Le antenne I dispositivi che permettono di irradiare le onde elettromagnetiche nello spazio sono le antenne. Gli stessi dispositivi sono in grado di intercettare le onde e trasformare i campi elettromagneti in segnali elettrici. P.Maini Mezzi trasmissivi pag.7/16

8 Le tipologie e le forme delle antenne dipendono sia dalle lunghezze d onda dei campi elettromagnetici che si vogliono trasmettere e ricevere sia dalle prestazioni richieste dal collegamento. Fig. 4- Antenna a dipolo hertziano. La più semplice antenna può essere costituita da un tratto di linea terminata in circuito aperto (figura 4). Se i due conduttori sono vicini nella linea si hanno onde di tensione e di corrente sia dirette che riflesse, secondo quanto trattato nella precedente unità di lavoro. Se invece si aprono i due conduttori di 90, le onde di corrente e tensione generano onde di campi magnetici ed elettrici che si propagano dal generatore verso lo spazio circostante. Le onde generate si diffondono in tutto lo spazio con conseguente riduzione della densità di potenza irradiata nell allontanarsi dall antenna. Se viceversa la medesima antenna è investita da un flusso di onde elettromagnetiche, nei conduttori si indurranno segnali di corrente e di tensione proporzionali alla potenza dei campi magnetici ed elettrici ricevuti. Non solo teoria 10B.1 L antenna parabolica L antenna a riflettore parabolico, o semplicemente antenna parabolica (in figura quella in uso presso il centro spaziale del Fucino, presso Avezzano (AQ)) è una delle antenne più utilizzate per la trasmissione delle microonde. La sua caratteristica è di avere una superficie conduttiva di forma parabolica che, per le proprietà geometriche, riflette nel suo fuoco tutte le onde parallele al suo asse o al contrario riflette tutte le onde emesse dal fuoco nella direzione parallela all asse. Utilizzata in ricezione questa proprietà permette di convogliare nel punto focale tutte le onde provenienti da grande distanza che possono considerarsi parallele all asse. In trasmissione, invece, consente di convogliare le onde emesse dal fuoco secondo una sola direzione, quindi di generare un fascio parallelo e rettilineo. Perciò l antenna è molto direttiva e dotata di un elevato guadagno, per questi motivi è utilizzata per le trasmissioni satellitari dove, a causa delle distanze, le attenuazioni da spazio libero sono elevate. P.Maini Mezzi trasmissivi pag.8/16

9 . LE RETI E I DISPOSITIVI WIRELESS 1. Reti WLAN Abbastanza presto, nello sviluppo delle reti telematiche e di Internet, si è posto il problema di garantire accesso alle reti dati da parte di postazioni mobili, o comunque di connessioni che non richiedessero cablaggio fisico, costoso e complicato specie se da effettuare in strutture ed edifici preesistenti. E' così nata la tecnologia WLAN, acronimo per Wireless Local Area Network, rete locale senza fili. In realtà sotto l'acronimo WLAN si raggruppano tipologie diverse: Le reti Wireless: per liberarsi della schiavitù dei cavi Le WLAN propriamente dette, a livello di abitazione, singolo edificio o spazio pubblico limitato (locali pubblici, scuole, aziende, centri commerciali) Le PAN (Personal Area Network, rete personale), che connettono oggetti di solito usati da un singolo utente su brevi distanze (accessori wireless e computer, auricolari e sistemi audio.) Le WAN wireless (wireless Wide Area Network, reti senza fili su vasta area), che coprono sostanzialmente centri urbani. Vedremo rapidamente tre tipi di reti wireless oggi particolarmente diffusi: La WIFI, che è una WLAN propriamente detta, ma che oggi si sta evolvendo in WAN. Il Bluetooth, che è la PAN più diffusa. Lo standard ZIGBEE, WLAN/PAN pensata in particolare per applicazioni di telecontrollo e domotica. 2. WIFI I PC in rete sulle onde radio Il WIFI (qualcosa come Wireless Fidelity, un calco sulla sigla hifi) è una tecnica utilizzata sostanzialmente in due modi: 1. Per connettere in wireless dispositivi (in genere computer, ma oggi anche smart phones) a una rete fissa tramite un Access Point (Figura 1) - o a Internet - tramite un Router, cioè un dispositivo in grado di ridirezionare su Internet i pacchetti dati scambiati via WiFi. 2. Per connettere direttamente fra loro dispositivi, come console giochi multiplayer, sottosistemi di impianti audio e in generale apparati di elettronica consumer, ed è la cosiddetta modalità WiFi ad hoc. P.Maini Mezzi trasmissivi pag.9/16

10 Figura 1 Accesso a una rete attraverso il WiFi Il WiMax Il WiMax (standard IEEE , con diversi sottostandard) è una sorta di WiFi potenziato. E' stato concepito soprattutto per offrire un'alternativa al cavo o alla ADSL nella copertura dell'"ultimo miglio", cioè nella connessione delle reti WLAN e di Internet all'utente finale. Tendenzialmente è destinato a sostituire il WiFi nelle reti urbane, e a supportare servizi VoIP e IPTV (Voice over Internet Protocol, Internet Protocol TeleVision), cioè di telefonia e televisione via Internet. A differenza del WiFi, incorpora sistemi per mantenere la sincronizzazione fra stazione fissa e terminali mobili, per cui è un candidato a sostituire le reti di telefonia cellulare GSM e CDMA. Lo attuale utilizza una banda da 10 a 66 GHz, in tecnica OFDMA (Orthogonal Frequency Division Multiple Access, accesso multiplo a divisione di frequenza ortogonale), arriva a 70 Mbit/s e supporta connessioni punto multipunto (P-MP) e multipunto multipunto (MP- MP o MESH, "a maglia") 3. BLUETOOTH Il BlueToorh: un re vichingo per collegare la nostra elettronica personale Il Bluetooth è una tecnologia radio per comunicazioni a breve distanza fra apparati fissi o mobili. Il suo ambito di applicazione è principalmente quello del Personal Area Networking (PAN), cioè l'interconnessione di apparati utilizzati da una singola persona (PC, stampante, cellulare, sistemi audio, auricolari, ma anche apparati elettromedicali). E' stato lanciato dalla svedese Ericcson, e la sua origine nordica si sente nel nome: Bluetooth, Blåtand/Blåtann in antico norreno, significa dente blu, soprannome del re vichingo Harald 1 che nel sec. X unificò Danimarca e Norvegia. Lo stesso logo del Bluetooth richiama le rune dell'alfabeto vichingo. Il limite di velocità è intorno a 1 Mbit/s; la portata dipende dalla classe del dispositivo: circa 100 m per la classe 1, 10 m per la 2, poco più di 1 m per la 3. Chip Bluetooth possono essere direttamente incorporati in dispositivi fissi o mobili, oppure in "pennette" da connettere via USB a un PC (Figura 4). P.Maini Mezzi trasmissivi pag.10/16

11 a) b) Figura 4 Dispositivi Bluetooth: un auricolare wireless (a) e un adattatore con interfaccia USB (b) 4. ZIGBEE ZigBee: uno gnomo per la casa del futuro Lo standard ZigBee si differenzia dal WiFi e dal Bluetooth principalmente per le sue finalità. Più che per trasmettere dati o suoni, è concepito per il telecontrollo e il monitoraggio ambientale, in particolare per applicazioni di domotica (Figura 6) e in più in generale di Intelligent Building ("edilizia intelligente"). In questo senso, l'accento non è posto sulla velocità di trasmissione, quanto sull'affidabilità, costanza del collegamento, consumi ridotti. In particolare, i dispositivi ZigBee hanno la capacità di autoorganizzarsi, configurandosi automaticamente in reti a maglia (wireless mesh), in cui i vari nodi possono passarsi "a staffetta" i messaggi (routing Multi-Hop, instradamento a salto multiplo), permettendo così di raggiungere portate molto più grandi di quelle del singolo dispositivo. Figura 6 Lo ZigBee nella domotica Facendo il verso al Bluetooth, anche l'origine del nome ZigBee è da ricercare nella mitologia nordica: sarebbe un troll (una sorta di gnomo della tradizione norvegese) benevolo verso gli umani, una sorta di protettore delle case, che aiuta le massaie nei lavori domestici. Per la verità la tecnologia deriva da un progetto nato negli anni novanta del secolo scorso in un'ottica molto memo "buonista": il governo USA aveva bisogno di una rete di sensori a basso costo e grande autonomia per controllare le centinaia di chilometri del confine desertico con il Messico, contro l'immigrazione clandestina. P.Maini Mezzi trasmissivi pag.11/16

12 Fibre ottiche 1. Introduzione La trasmissione di messaggi luminosi, come descritto nell unità di apprendimento 1, è stata una delle prime modalità di comunicazione a distanza, utilizzata fin dall antichità. In genere si sfruttava l aria e la visibilità degli uomini (magari forniti di lenti e successivamente di cannocchiali) per l invio di simboli e messaggi. Solo verso la fine dell 800 sono noti i primi esperimenti di invio della luce mediante guide trasparenti che convogliassero i raggi luminosi. Nel 1950 negli Stati Uniti ed in Inghilterra nascono le prime fibre ottiche per l utilizzo in medicina per endoscopia. I vantaggi delle fibre ottiche Figura 1 Grafico dell attenuazione in funzione della frequenza dei principali cavi utilizzati in telecomunicazioni. I vantaggi dell utilizzo delle fibre come mezzo trasmissivo, rispetto a cavi e ai collegamenti senza fili, sono molteplici. Derivano sia dalla natura del segnale luminoso che trasporta l informazione sia dalla struttura stessa della fibra. Il primo vantaggio è la bassa attenuazione del mezzo trasmissivo, anche per alte frequenze: le fibre attuali hanno attenuazione di 0,2 db/km indipendentemente dalla frequenza di invio dei segnali, permettendo così collegamenti per centinaia di chilometri senza apparati intermedi di rigenerazione. Il segnale luminoso inviato in fibra è per sua natura di frequenza alta (dai Gigahertz ai Terahertz), gli impulsi ottici possono quindi essere inviati a frequenze elevate, permettendo la trasmissione di grandi quantità di dati senza influire sull attenuazione del canale trasmissivo (gli attuali sistemi di trasmissione digitali ad alta velocità hanno una frequenza di trasmissione di 40 Gbit/sec). Attenuazione (db/km) Cavo telefonico Doppino per alta frequenza Cavo coassiale Fibra ottica multimodo gradedindex Fibra ottica monomodo Frequenza (Hz) Inconvenienti Inoltre la fibra è costituita da materiale dielettrico trasparente (vetro, plastica, quarzo) che la rende immune ai disturbi elettromagnetici, pertanto si riduce la probabilità di ricevere in modo errato i dati, aumentando la qualità delle comunicazioni. I sistemi di comunicazione in fibra ottica non generano campi elettromagnetici e non si ha il fenomeno dell inquinamento elettromagnetico che sia le grosse antenne, sia i sistemi wireless domestici generano, con potenziali rischi per la salute. Un ulteriore vantaggio è dato dal materiale che rende i cavi ottici molto più leggeri e di dimensioni ridotte rispetto ai tradizionali cavi in rame, ciò semplifica e riduce i costi di installazione e di cablaggio dei sistemi di comunicazione. Infine essendo la comunicazione attraverso una guida chiusa, non vi è il rischio di interferenze tra fibre adiacenti né pericoli di intercettazione dei segnali mediante apparati collocati lungo il collegamento. A questi vantaggi vanno contrapposti i maggiori costi rispetto ai mezzi tradizionali, soprattutto per gli apparati optoelettronici di trasmissione, di rigenerazione, di ricezione. Anche l installazione richiede macchinari particolari per avere alti livelli di precisione nelle connessioni e nella posa dei collegamenti. P.Maini Mezzi trasmissivi pag.12/16

13 La costituzione della fibra ottica 2. La luce La luce è composta da onde elettromagnetiche della stessa natura di quelle utilizzate nelle trasmissioni radio, esaminate nell unità di lavoro precedente. Ciò che caratterizza la radiazione luminosa è la lunghezza d onda λ che è molto minore di quella delle onde radio: la luce visibile ha valori che vanno da circa 400_nm per il colore viola a circa 700 nm per il colore rosso; la luce invisibile all occhio umano si ha al di sotto del colore viola (i raggi ultravioletti) e al di sopra del colore rosso (i raggi infrarossi). Tabella 1 Parametri delle radiazioni luminose. Radiazione luminosa Lunghezza d onda λ (nm) Frequenza (Hz) Energia del fotone (J) Ultravioletto < 400 > viola Spettro visibile blu verde giallo arancione rosso Infrarosso > 750 < Figura 2 Riflessione e rifrazione in ottica geometrica. Quando un raggio luminoso passa da un mezzo ad un altro avente diverso indice di rifrazione n avvengono due fenomeni: una riflessione perché una parte della luce viene riflessa e rimane all interno del primo mezzo ed una rifrazione perché la rimanente parte della luce penetra nel secondo mezzo con un angolo diverso da quello di provenienza. Come illustrato in fig. 2, un raggio luminoso, chiamato raggio incidente, proveniente da un mezzo n 1, incontra la superficie di separazione dal mezzo di indice di modulazione n 2 nel punto P. Da questo punto si originano due raggi, quello riflesso che rimane nel primo mezzo e quello rifratto che penetra nel secondo mezzo cambiando la direzione di propagazione. Definendo gli angoli rispetto alla normale alla superficie, si chiama θ 1 l angolo incidente, θ 3 l angolo del raggio riflesso e θ 2 l angolo del raggio rifratto. Le leggi dell ottica geometrica affermano che l angolo di riflessione è identico all angolo incidente: La relazione tra gli angoli incidente e rifratto è data dalla legge di Snell: n 1 sin 1 n2 sin 2 5 Figura 3 Fenomeno della riflessione totale: angolo di incidenza θ 1 <θ lim (a), angolo di incidenza θ 1 =θ lim (b) e angolo di incidenza θ 1 >θ lim (c). La riflessione totale Angolo limite: angolo di incidenza oltre il quale non si ha più rifrazione. Se l angolo incidente supera l angolo limite (fig3 c)), dovendo l angolo rifratto superare l angolo retto, non vi è più rifrazione ed il segnale luminoso si mantiene completamente all interno del mezzo da cui proviene. Questo fenomeno, chiamato riflessione totale, avviene se si verificano due condizioni: l indice di rifrazione del mezzo da cui proviene il raggio luminoso è maggiore del mezzo verso cui incide e l angolo di incidenza è superiore all angolo limite ricavato mediante la 8. P.Maini Mezzi trasmissivi pag.13/16

14 3. La fibra ottica La fibra ottica è una sottilissima fibra realizzata da materiali trasparenti alla radiazione luminosa: vetro, quarzo o plastica. E formata da due strati concentrici, quello più interno chiamato core (nucleo) e quello più esterno chiamato cladding (mantello). Vi sono poi rivestimenti esterni di protezione che costituiscono il jacket. Il core ha un indice di rifrazione di poco superiore a quello del cladding, quindi se il raggio luminoso proveniente dal core incide sulla superficie di separazione del cladding con un angolo superiore all angolo limite si ha la riflessione totale, per cui il raggio continua a propagarsi per continue riflessioni rimanendo all interno della fibra, senza avere perdite di energia per rifrazione (figura 4). Figura 4 Propagazione del segnale nella fibra ottica. Il diametro della sezione del core ha valori compresi tra circa 5 e 100 μm, mentre quello del cladding ha valori compresi tra 80 e 140 μm. E quindi necessario che all esterno vi siano robusti rivestimenti per evitare la rottura del filamento e nel caso di cavi ottici contenenti più fibre sono previste protezioni metalliche esterne che rendono il cavo più resistente nelle operazioni di installazione. Come mostrato in figura 5 affinché si abbia la riflessione totale, il segnale luminoso deve essere inviato nel core con un angolo di incidenza θ i sufficientemente piccolo, in modo che l angolo corrispondente sulla superficie core-cladding superi l angolo limite. Figura 5 Cono di accettazione del segnale in fibra ottica. Si definisce come cono di accettazione l angolo solido entro cui devono essere inviati i raggi per la propagazione all interno della fibra ottica. Questo è delimitato dall angolo di accettazione θ a corrispondente al raggio che raggiunge all interno l angolo limite θ lim. 4. Le caratteristiche della fibra Le fibre possono essere classificate in base al materiale con cui sono fabbricate. Fibre con il core ed il cladding in vetro: sono le più utilizzate, il vetro usato è purissimo, molto trasparente realizzato in biossido di silicio o in quarzo fuso. Il vetro puro viene successivamente drogato con impurezze, quali germanio o fosforo, per avere gli indici di rifrazione desiderati. Altre impurezze residue, dovute al processo di fabbricazione determinano l attenuazione della fibra. Fibre PCD (Plastic clad silica): hanno il core in vetro e il cladding in plastica. Le prestazioni sono buone anche se inferiori alle fibre in vetro. Fibre plastiche: hanno sia il core che il cladding in plastica. Pur limitate in frequenza e in perdite, sono usate per il basso costo e la facilità di utilizzo. In particolare per collegamenti corti dove il collegamento deve essere protetto da disturbi elettromagnetici e da eventuali intercettazioni del segnale. P.Maini Mezzi trasmissivi pag.14/16

15 Figura 6 Fibra multimodale stepindex (a), multimodale gradedindex (b) e monomodale (c). 50 m 125 m r n cladding n n core cladding core cladding a) fibra multimodale step-index r n cladding cladding 50 m 125 m r n n core n cladding core cladding b) fibra multimodale graded-index 5 m 125 m n n core cladding core c) fibra monomodale cladding Nel caso di fibre multimodali, l impulso ottico inviato in fibra viene suddiviso secondo i vari modi, ognuno trasporta una parte della potenza ottica, alla fine della fibra la sovrapposizione dei diversi modi permette di ottenere l impulso di uscita. 3. Il cablaggio strutturato in fibra ottica Le fibre utilizzate nel cablaggio strutturato Per le connessioni delle reti, sia locali che geografiche, si utilizzano le apposite normative del cablaggio strutturato, che comprendono sezioni dedicate ai collegamenti ottici. Le norme specificano le caratteristiche delle fibre e dei componenti (connettori giunti, LED, LASER, ecc.) e le modalità di installazione e di misura delle prestazioni della rete. Inizialmente la progettazione delle reti locali (LAN) prevedeva l utilizzo della fibra solo per lunghe dorsali per supportare le grandi quantità di dati, successivamente la necessità di connettere stazioni di lavoro a reti WAN e MAN ha portato a definire reti ad elevata velocità (chiamate Gigabit Ethernet) dove la fibra viene impiegata anche nel cablaggio orizzontale. Rimandando al testo già citato 2 nell unità di lavoro 10A per il dettaglio sulle specifiche del cablaggio ottico, qui si illustrano le caratteristiche principali delle fibre prescritte. Le fibre sono di tre tipi: multimodo graded index 62,5/125, multimodo graded index 50/125 e monomodo 4 o 8/125. Le prime due fibre sono utilizzate in prima e seconda finestra mentre la fibra monomodo può operare in seconda e terza finestra. In tabella 3 sono riportate i parametri principali di queste fibre. Tabella 3 Caratteristiche delle fibre standard per il cablaggio strutturato. Tipo di fibra Multimodo graded index Dimensioni core/cladding (μm) 62,5/125 50/125 Monomodo 4-10/125 Lunghezza d onda operativa (nm) Attenuazione (db/km) Prodotto banda-lunghezza (MHz km) 850 3, , , , , ,4 - Si specificano inoltre due tipi di cavo ottico: quello aderente (tight) in cui le fibre sono ben serrate nella guaina e quello lasco (loose) dove la fibra all interno della protezione esterna è libera di assorbire eventuali dilatazioni termiche del cavo. Il primo viene usato negli interni o nelle linee verticali, il secondo nei collegamenti esterni tra edifici separati. Inoltre i cavi devono avere guaina in materiale LSZH (Low smoke zero halogen), a bassa emissione di fumi tossici, e possono essere protetti esternamente da armature metalliche 2 J. Trulove LAN Wiring, 2006 McGraw-Hill P.Maini Mezzi trasmissivi pag.15/16

16 Gli standard secondo la IEEE 802.3z Tabella 5 Standard dei collegamento ottico per reti LAN secondo lo standard IEEE 802.3z. Figura 14 Distanza previste dalle norme IEEE 802.3ab e 802.3z per la rete Gigabit Ethernet. antiroditori per evitare rotture da parte di topi. Si specifica poi che il cavo per dorsali deve contenere almeno sei singole fibre. Le norme TIA-EIA-568-C e le successive IEEE 802.3z prescrivono le caratteristiche delle reti con dorsali ottiche, indicando le fibre da utilizzare e le distanze minime garantite (tabella 5). Le distanze dipendono dalla frequenza della rete, dal tipo di fibra e dalla finestra in cui si lavora: queste ultime vengono riconosciute dalle sigle SX, corrispondente a short wavelenght cioè la prima finestra a 850 nm; LX, corrispondente a long wavelenght cioè la seconda finestra a 1350 nm; SLX, corrispondente a super long wavelenght e ELX corrispondente a extra long wavelenght cioè la terza finestra a 1550 nm. Tipologia di rete Velocità di trasmissione Tipo di fibra Distanza minima della dorsale in fibra 10 Base FL 10 Mbit/sec Multimodo (OM1) 2 Km 100 Base FX 100 Mbit/sec Multimodo (OM1) 400m 100 Base SX 100 Mbit/sec Multimodo (OM1) 300 m 1000 Base SX 1 Gbit/sec Multimodo (OM2) m 1000 Base LX 1 Gbit/sec Multimodo (OM2) m Monomodo (OS1) 5 Km 1000 Base SLX 1 Gbit/sec Monomodo (OS1) 10 Km Le reti Ethernet Gigabit mantengono la possibilità di utilizzare cavi in rame di categoria 5 per la 1000 Base e di categoria 7 per la 10GBase. In questo caso i costi del cablaggio sono molto inferiori, ma anche le distanze tra le stazioni sono decisamente minori di quelle consentite dal mezzo ottico. Un confronto tra le distanze consentite dagli standard per la rete Gigabit Ethernet è riportata in figura 14, dove è anche indicata la tipologia del mezzo trasmissivo. Nel giugno 2002 si è approvata la definizione della rete Ethernet a 10 Gbit/sec (10-GBE) progettata per la migrazione delle reti LAN a reti WAN (Wide Area Network) e MAN (Metropolitan Area Network), per consentire scambi di grandi quantità di dati anche lungo dorsali di 40 km. P.Maini Mezzi trasmissivi pag.16/16

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Radiazioni non ionizzanti

Radiazioni non ionizzanti 12. Da sempre sulla Terra è presente un fondo naturale di radiazione elettromagnetica non ionizzante dovuto ad emissioni del sole, della Terra stessa e dell atmosfera. Il progresso tecnologico ha aggiunto

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

Propagazione sui 10 metri

Propagazione sui 10 metri Propagazione sui 10 metri Caratteristiche generali Sono possibili collegamenti a brevi distanza sfruttando una moderata curvatura delle onde dovuta alla troposfera, che permette collegamenti oltre la portata

Dettagli

Corso di Comunicazioni Ottiche Anno accademico 2003-200. ottiche

Corso di Comunicazioni Ottiche Anno accademico 2003-200. ottiche Corso di Comunicazioni Ottiche Anno accademico 2003-200 2004 Tecniche di produzione p delle fibre ottiche Indice (1) Famiglie di fibre ottiche: fibre monomodali; fibre multimodali. Materiali per le fibre

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE

1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE 1. I GUASTI NEI CAVI ELETTRICI, SISTEMI DI LOCALIZZAZIONE 1.1 Introduzione I cavi elettrici, utilizzati per il trasporto dell energia elettrica, sono l elemento più vulnerabile del sistema di distribuzione

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

FASE O. FASCICOLO TEORICO

FASE O. FASCICOLO TEORICO FASE O. FASCICOLO TEORICO Prima parte O1. Le onde ONDE MECCANICHE Un'onda meccanica è la propagazione di una perturbazione in un mezzo (gassoso, liquido o solido). Per formare un'onda meccanica occorrono

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Fig.2 Diagramma del rumore, con evidenziata la situazione per la gamma dei 20 metri.

Fig.2 Diagramma del rumore, con evidenziata la situazione per la gamma dei 20 metri. Propagazione sui 20 metri Dopo la serie di articoli precedentemente pubblicati, inizia qui una nuova collana dedicata allo studio della propagazione sulle gamme amatoriali più alte delle onde corte, questa

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN CI 4 Comm. IMMS-CI-HW Interfaccia programmatore (CI) IMMS POWER From Transformer 24 V 24 V Ground To REM Istruzioni per l installazione To SmartPort Sensor 1 Sensor 2 Sensor 3 From Sensors Sensor Common

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

Materiale di radiocomunicazione

Materiale di radiocomunicazione BevSTitelSeite PROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE Materiale di radiocomunicazione Ricetrasmittente SE-125 UFFICIO FEDERALE DELLA PROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE Febbraio 2004 1503-00-1-02-i.doc Indice Ricetrasmittente

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico?

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico? FAQ 1. Quali sono le differenze con un accesso telefonico? 2. Quali sono le differenze con un collegamento DSL? 3. Funziona come un collegamento Satellitare? 4. Fastalp utilizza la tecnologia wifi (802.11)?

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Fig. 2 - Spiegazione della rifrazione. Fig. 1 - La rifrazione

Fig. 2 - Spiegazione della rifrazione. Fig. 1 - La rifrazione O1 - LA RIFRAZIONE La luce, si sa, viaggia in linea retta. Detto così, sembra ovvio. Ma Prima di tutto, cos è la luce? In secondo luogo, come viaggia? In terzo luogo, proprio sempre in linea retta? Vediamo.

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

RILEVAMENTO DI CAMPI ELETTROMAGNETICI

RILEVAMENTO DI CAMPI ELETTROMAGNETICI facoltà di INGEGNERIA CORSO di LAUREA in INGEGNERIA ELETTRONICA RILEVAMENTO DI CAMPI ELETTROMAGNETICI Coordinatore: prof. Galli Giovanni Buttò Santina Calbo Giovanni Di Benedetto Luigi Mancuso Antonino

Dettagli

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale IMMS 3.0 TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO Sistema di controllo centrale Aprite la finestra sul vostro mondo Il software di monitoraggio e gestione dell

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Cosa sono i campi elettromagnetici?

Cosa sono i campi elettromagnetici? Cosa sono i campi elettromagnetici? Definizioni e sorgenti I campi elettrici sono creati da differenze di potenziale elettrico, o tensioni: più alta è la tensione, più intenso è il campo elettrico risultante.

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Le seguenti grandezze fisiche sono utilizzate per descrivere l'esposizione ai campi elettromagnetici:

Dettagli