ALICUDI. Giorgio Zamariola. Diario di viaggio Giugno Giorgio Zamariola ALICUDI Diario di viaggio Giugno 2002

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALICUDI. Giorgio Zamariola. Diario di viaggio 17-22 Giugno 2002. Giorgio Zamariola ALICUDI Diario di viaggio 17-22 Giugno 2002"

Transcript

1 Giorgio Zamariola Giorgio Zamariola II edizione - II ristampa - Novembre 2004 copyright 2003 GZbox.it Via Vignale, Torino edizioni GZbox

2 INTRODUZIONE La Lettera: "Alicudi - I Giorni" Dal quattro al nove di Giugno di quest anno duemilauno abbiamo vissuto ad Alicudi. Ogni giorno abbiamo ricevuto molto dall isola e dalle persone che vi abitano, ed abbiamo dato quanto avevamo da dare: tutto in modo naturale, per il piacere di dare, scoprire, ricevere e assimilare. Qualche tempo prima di noi, l isola di Alicudi ha ospitato per alcuni giorni due personaggi, marito e moglie, probabilmente scrittori, poeti, o forse gente abituata a scrivere i propri pensieri. Silvio una sera ci ha mostrato alcune pagine, scritte da questi ospiti che hanno vissuto l isola con grande intensità. Queste pagine descrivono molte delle sensazioni che abbiamo provato e vissuto. Con il dovuto rispetto ed in omaggio ad Alicudi trascrivo così le parole di questi ospiti che non ho conosciuto di persona, ringraziando tutte le persone che ho conosciuto e che vorrei rivedere presto. ~~~ Domani lascio il mare delle isole Eolie, per tornare al mare di casa, senza isole. Tornare è come voltare pagina. Questo presente, questa aria e questi colori diventano ricordo. Anche Antonio e Giuseppe sono già diventati ricordo. Sono stati il nostro presente per tre giorni. I tre giorni che abbiamo trascorso ad Alicudi. Su quest isola è meglio arrivare, piuttosto che in aliscafo, in nave, il postale delle Eolie, come quello dei Fiordi norvegesi, che trasporta i rifornimenti alimentari e la posta; così il mondo conosciuto lentamente si allontana e si assottiglia in un puro profilo di isole scure negli azzurri dell orizzonte. Ci era stato precedentemente detto: Alicudi è un isola dove una volta arrivato, o prendi il primo mezzo per ripartire subito, o rimani un mese perché non riesci più a staccartene. E vero. Non ci avevano informato però che ad Alicudi non sei necessariamente tu a decidere se partire o meno. Alicudi è piccola, tonda, scoscesa; è fatta più di mare che di terra. E tutto dipende dal mare. Se il vento si alza e alza anche le onde, non è detto che l aliscafo possa o voglia arrivare, e per la nave può succedere che ti dicano: sì; è arrivata a Salina, ma poi è tornata indietro. E tu rimani lì di fronte al mare, che commenta rumorosamente il tuo stupore, ma che è felice di darti l occasione di conoscere la tua impotenza di fronte a un destino così intensamente azzurro. Se il mare è mosso, però, si può aspettare; non aspettare il tram o aspettare una persona a un appuntamento, come siamo abituati a fare noi che viviamo nelle città con le automobili, le strade illuminate, tanta vita che scorre. Ad Alicudi c è un Ape e qualche asino, di notte si cammina per i viottoli con la pila e per vedere la vita che scorre bisogna imparare ad osservarla. Ad Alicudi si aspetta, e basta. E aspettando, succedono tante cose. Soprattutto ci si incontra. La Lettera: "Alicudi - I Giorni" Il nostro primo incontro è stato con Giuseppe. Sì, avevamo già parlato con diverse persone, ma è Giuseppe che abbiamo incontrato per primo. Sulla barca ci stava portando a fare il giro dell isola. Ci siamo fermati a un originale scoglio verticale, un filo che parte dalla montagna e prosegue nel mare (e anche sotto il mare): un bel posto dove fare il bagno. Che può diventare un angolo ricco di emozioni se in barca c è qualcuno che lo conosce da sempre e che, con estrema semplicità e voglia di comunicare, ti racconta che è da quello scoglio che si fanno le gare di tuffo con gli amici e aggiunge che d estate è bello essere ad Alicudi, lavorare pescando e guardare il movimento dei turisti, ma d inverno per un giovane è dura: un giorno è lungo un mese. Giuseppe capisce in un lampo quello che gli dico (anche se non glielo dico) e i suoi occhi, scuri nella carnagione scura, si illuminano di luce improvvisa. E io imparo cose bellissime su come si pescano i totani, su quando i sauri passano da Salina, sul pescespada e la lunghezza delle reti I luoghi d incontro pubblico non sono molti ad Alicudi: c è un albergo che fa anche da ristorante con diversi turisti e qualche locale: lì ci si dice buongiorno. E però attorno al tavolo comunitario di Silvio, dove si mangia il suo pesce tutti insieme, che è più facile incontrarsi e raccontarsi; oppure nei pochi negozi, soprattutto in quello sul mare, che ha sistemato qualche tavolino all ombra sul terrazzo, dove, nei giorni in cui si aspetta, si può bere una lattina e giocare a carte o a Scarabeo. Ci si incontra anche al posto telefonico pubblico, aperto quelle date ore al giorno (poi finalmente si sta tranquilli e, se si è rotto il cellulare come a noi, si tagliano i collegamenti col mondo). Lì ci si incontra volentieri, perché è lì che ci si può riparare a un ombra di pianta. E l ombra di pianta ha un fresco diverso dall ombra di muro. Su quello slargo che è l unico del paese ci sono due enormi benjamin (gli unici del paese?), che proteggono i bagagli dei turisti pronti per l imbarco e le borse da mare di chi prende fiato per affrontare la salita. Infatti il paese vero, dove si abita, si va alla posta e si va a messa, è in salita. E la montagna è contenta che tu possa conoscere la tua fatica, nei viottoli che salgono Via Roma, Via Regina Elena, fra terrazze abbandonate piene del profumo di finocchio selvatico e capperi, tra i muretti ciclopici di grossi blocchi di lava. Ma è il molo la vera piazza del paese; è sul molo che, anche nei giorni in cui si aspetta, succede sempre qualcosa: arriva Nunzio con tre cernie; si svolge una visita guidata al peschereccio San Giovanni ; ci si riconosce, chiacchiera, si gioca o si pesca. Quando poi non si aspetta più, è sul molo che all arrivo si dà il benvenuto, offrendo collane di bouganville, e alla partenza si dà un clamoroso arrivederci, battendo cucchiai di legno sulle padelle; oppure sul molo arriviamo noi, con i gamberetti di Silvio (piccoli, pochi, ma rossi e pieni di uova blu) e con i granchi per la mamma di Salvatore Foti di Lipari, che regala sempre le arance. Sì, perché quando il mare aveva finalmente deciso che potevamo smettere di aspettare, nelle due ore prima della partenza Antonio ci ha portato con la sua (per metà) barca a ritirare le nasse che avevamo lasciato giù prima della mareggiata. I II

3 La Lettera: "Alicudi - I Giorni" Antonio è figlio di Silvio. Antonio ha l entusiasmo della gioventù. Ma deve essere sempre stato entusiasta, se tanta era la sua voglia di venire a scoprire il mondo, che è nato sull aliscafo prima che questo facesse in tempo a portare la mamma all ospedale di Lipari. Antonio ha il sorriso aperto e la conversazione intelligente e sciolta. Ma di fronte alla luna piena che si riflette sul mare, tace. Altrimenti racconta i fatti di cronaca delle isole (l aliscafo disorientato nella nebbia, il sub rimasto impigliato in una caverna sottomarina ) o le avventure di un giovane eoliano che lavora per un inverno a Roma. Non so come fosse Silvio all età di Antonio: ora ha un aria così saggia. Anche se sembra lontano, assorto nei suoi pensieri, è attentissimo a ciò che lo circonda e non gli sfugge nulla. Osserva; poi, se proprio è necessario, parla. Forse gliel ha insegnato il mare. Silvio prende il caffè con calma prima di uscire con la barca, perché lui possiede il suo tempo. Io passo la vita a correre dietro a un tempo che fugge. Silvio sa stare in equilibrio sulla barca mossa dalle onde senza bisogno di tenersi con le mani, perché queste gli servono a rinnovare con gesti rapidi e precisi le esche delle nasse. Ad Alicudi ho incontrato salite, fichi d India, rocce, ciotoli il vento che entrava dalle finestre spalancate la luna che sorgeva tardi e cancellava le stelle il sole che sorgeva presto e cancellava il buio l azzurro che inglobava qualsiasi altro colore. Ho incontrato chi nel mondo ha già provato tutto e cerca il nulla e chi ha imparato a vivere nel nulla e vorrebbe conoscere tutto nel mondo. Ho incontrato comportamenti antichi, valori essenziali, rispetto, equilibrio e attenzione. Ma quando mi capiterà di sentire nominare Alicudi il mio pensiero correrà soprattutto a Giuseppe ed Antonio. noi saremo lì con voi staremo sul terrazzo illuminato da tre faretti colorati, in una casa costruita in una notte, ma con l aiuto di tutti. Chiacchieriamo con Matteo, che interrompe i suoi giorni americani per illuminare queste notti con la luce di una candela, e con la ragazza che vive e studia a Lipari pur continuando a mangiare il pesce di Alicudi! E faremo festa, perché che cosa importa se non è venuta tanta gente; voi ci siete e noi ci siamo. La chiacchierata proseguirà lungo le scale che scendono al mare, sotto la luna pienissima, e, proseguirà forse un altra volta quando torneremo per tener fede a una promessa andare a pescare i totani con Giuseppe. ~~~ I seimilatrecentoottantasette caratteri, contenuti nelle milletrecentoquaranta parole che avete letto sono emozioni vissute e da vivere. Sono situazioni semplici, ma rare e lontane dai luoghi comuni, eppure vicine a noi, che spesso non sappiamo avvicinarci, a noi che non sappiamo aspettare. La possibilità di imparare, capire e cambiare e migliorare esiste, per tutti, anche per noi. La Lettera: "Alicudi - I Giorni" "Cercavamo un posto dove vivere una vita tranquilla, lontana dal caos, dalle sirene impazzite, dalle auto in coda, dagli assalti ai semafori, dalla gente inferocita. Cercavamo un posto dove poter sorridere al nostro prossimo anziché averne paura, senza dover duellare per un parcheggio: un luogo ove la nostra casa continuasse oltre il cancello. E cercavamo il mare, il sole, il profumo, il silenzio. Tutto questo per continuare ad essere noi stessi. Siamo allora partiti per paesi lontani. Abbiamo visto, provato e alla fine il nostro esotismo si é realizzato, indovinate un po': dietro l'angolo di casa, nell'arcipelago delle Eolie. E qui viviamo e vogliamo offrire a chi ha gli stessi nostri desideri la possibilità di vivere questa atmosfera". Aldo e Gisella Ardizzone Queste parole vi hanno avvicinato all essenza ed al fascino delle Isole Eolie. Il Lettore è ora pronto ad assaporare le situazioni ed a respirare l aria della più remota delle Eolie, Alicudi, dove si sono svolte le vicende del racconto. Giorgio Zamariola III IV

4 Ho cambiato anche la disposizione del letto: questa notte dormirò con la testa rivolta verso la finestra sul mare, guardando l'infinito del mare e delle stelle, nel silenzio e nel buio più assoluti. 17 Giugno 2002: ritorno ad Alicudi Ed ecco finalmente Alicudi. Arrivando con la nave provavo una forte emozione mentre l'isola si avvicinava sempre di più. Non era più la prima volta, c'erano sul molo tanti volti a me non più nuovi, persone che si ricordavano di me e di Roberto: ci siamo salutati, e questa è stata la più bella accoglienza che potevo ricevere. C'erano sulla banchina dei pescespada, frutto della pesca durata cinque giorni. All'ombra c'era Rocky, il cane di tutti, un bellissimo cane lupo che riceve carezze da tutti, e che sale sulla nave il postale delle Eolie ogni giorno, per salutare l'equipaggio e ricevere altre carezze di cui non è mai sazio. La casa dei sogni, quella sul mare accanto alla piazza, quella delle foto dello scorso anno, mi attendeva. Ho trovato le chiavi nella porta, sono entrato, ho lasciato i pochi bagagli ed è diventata subito mia. Sulla busta c'era scritto: <<Giorgio - Alicudi>>. Questa mattina, nella fretta e nel sonno, ho dimenticato a Lipari il "k-way", che mi serve per coprirmi la mattina presto quando andiamo a tirare le reti. Qualche minuto fa però è arrivato l'aliscafo e sono sceso a prendere il mio "k-way" che Roberto, a Lipari, ha dato a un marinaio. Mentre pranzavo sulla sua terrazza all'ombra, è arrivato Silvio, che portava due tonnetti, uno per mano, ci siamo salutati e si è seduto un po' a parlare, a raccontare e ad ascoltare le novità, del suo viaggio di cinque mesi in Australia con Gabriella, della pesca; dell'amore per la propria terra e per questa Isola. Dopo un ottimo pranzo a base di pesci fritti, cucinati sapientemente da Gabriella, ed una gustosa insalata ricca di capperi freschi in fiore, sono tornato nella mia casetta al primo piano, da dove non mi stancherò mai di guardare il mare e di fotografarlo a tutte le ore. 2

5 19 Giugno 2002: la Salita al vecchio Cratere Qui, ad Alicudi, i giorni trascorrono lenti ed intensi, con Navi ed Aliscafi che attraccano e salpano mentre si inizia a gustare un piatto di pasta. Ieri, nel tardo pomeriggio, passeggiando verso la zona "Bazina", in un intercalare di sali-scendi lungo il versante Est di Alicudi, ho incontrato una pianta di capperi in fiore. Il fiore del cappero è chiamato "Orchidea delle Eolie". Tornando dalla passeggiata si sentiva il suono di uno strumento a fiato, forse un Corno o un Trombone. Alla sera, da Silvio, c'erano diversi ospiti a cena, turisti del Nord, ed anche un maestro delle scuole Medie, Nicola. Nicola raccontava della sua casa, andata a fuoco anni fa e ricostruita all'insegna dei colori vivaci, mescolati ovunque in onde infinite, anche sul soffitto, sul pavimento, sul divano. Nicola suona il Corno, qualche volta. Nella sua scuola ci sono circa 4 bambini per la scuola materna, 4 per le elementari e 4 per le medie. Più che una scuola, è un dialogo con i bambini, a cui si cerca di insegnare quanto previsto dal programma, in un ambiente molto diverso dalla scuola istituzionale. Il premio è stato un meraviglioso scorcio della costa e del mare di Alicudi, a picco sotto di noi. Il ritorno in discesa era ancor più faticoso, meglio dimenticare tutto in un bagno rigenerante nel mare sotto casa, dove non occorre portare con sè nulla, neanche le chiavi di casa. A pranzo, Roberta e Giuseppe sono stati miei ospiti, così ho provato l'emozione di preparare un piatto di pasta con sugo di pomodori freschi ed una insalata. Poi abbiamo guardato insieme le foto della passeggiata di questa mattina, di cui portiamo sulle braccia e sulle gambe il fregio inconfondibile di chi è salito in cima al cratere. L'album delle foto cresce ogni momento, chissà quali saranno le prossime immagini... Ho conosciuto anche Giuseppe e Roberta, da un paesino fra Bologna ed Imola. Con Giuseppe, questa mattina, sono andato fino in cima al vecchio cratere spento di Alicudi. Gli oltre 600 m. di dislivello, le nubi, il sole, i rovi, gli infiniti gradini, le mucche che vagano assetate, negli stretti passaggi sulla radura pianeggiante della cima, hanno reso difficile, ma ancora più emozionante e gratificante la salita e l'attraversamento del cratere spento. 3 4

6 20 Giugno 2002: Alicudi e il Mare Alicudi è mare. Tutto è collegato in qualche modo al mare. Non c'e nulla che non arrivi dal mare. Anche ciò che arriva dalla terra. Nel pensiero del ritorno alla propria terra, qui, ognuno, guardando il mare che gli scorre davanti, pensa al momento in cui dovrà lasciare questa Isola per ritornare al di là del vento, per tornare alle proprie occupazioni, per tornare dalle persone care, per tornare. Ma pur sempre lontano da queste Isole. La giornata di ieri, 19 Giugno 2002, si è conclusa con il rientro del peschereccio, fuori da giorni e giorni, chi dice 5, chi dice 20, chi dice 25. Chi dice che è stato in Tunisia, chi in Sardegna, chi a Gibilterra, chi dice che è stato solo qui intorno. Quel che è certo è che ha scaricato circa 70 Pesci Spada, più alcuni Tonnetti, ed un Pesce-Vetro (detto così perchè ha le pinne affilatissime e taglienti come il vetro). Un uomo alla bilancia in mezzo al molo pesava ogni pesce, una donna con un quaderno teneva il conto, e ad ogni pesce veniva segnato il proprio peso con una specie di pastello rosso, sul lato inferiore della spada. Qualcuno, citando il film "Tempesta perfetta" criticava bonariamente il fatto che i pesci vanno pesati "senza più la testa", mentre il lavoro andava avanti, ed il camion sul molo continuava a fagocitare grossi pesci, dall'aspetto non più minaccioso: profumati come il mare, ed avvolti in grosse buste di nylon. Uno dei pescatori in tuta arancione, nella cella frigorifera del camion, apriva alti sacchi traboccanti di ghiaccio tritato, e quella neve artificiale serviva per ricoprire e conservare i pesci. Un uomo ogni tanto prendeva una manciata di quella neve e la tirava a Rocky, per giocare come si fa lanciando sassi o rami da riportare al padrone. Il cane si rinfrescava, e addirittura mangiava quella neve dalla mano dell'uomo, mentre la stiva del peschereccio continuava a svuotarsi. Oggi ho conosciuto anche tutti i pescatori di ieri, e siamo stati insieme dopo cena da Silvio, non parlando di pesca, ma parlando come si parla tra amici. Carmelo addirittura ha portato il tiramisù fatto da lui, il migliore ed il più sano mai assaggiato prima: senza mascarpone nè liquori forti, solo un budino alla vaniglia più "allungato" ed i biscotti bagnati col Baileys. La mia carriera sull'isola procede più velocemente della mia carriera nella vita e sul lavoro, forse perchè il tempo qui scorre diversamente, più intensamente. Conosco sempre più persone residenti nell'isola, addirittura qualcuno mi saluta anche dalle barche che passano più vicine. Ogni giorno conosco qualcuno in più. Gli altri turisti non sono molti in questo periodo, e finisco per conoscere anche loro. I ristretti spazi dell isola, in contrasto con gli spazi immensi del mare, fanno sì che ci si incontri sempre e volentieri. Questo luogo facilita i rapporti umani, è l'esatto opposto delle città dove alle volte non si conosce neppure il vicino di casa. Oggi addirittura mi è capitato di fare da tramite per l'alloggio che lascerò, e di organizzare il giro dell'isola in barca con altri nuovi amici. Sono venute due coppie, mentre io portavo la barca di Silvio. Recuperando il "Gozzo" ormeggiato al peschereccio, ho dato un passaggio ai due marinai che dovevano scendere a terra, poi, giunti al molo, sono saliti Giuseppe, Roberta e Francesco. Mezzo miglio più ad est è salita anche Valentina, che ci aspettava sulla costa, accanto alla loro tenda. Quando i quattro amici si sono sistemati ai loro posti, per bilanciare correttamente la barca, è iniziata l'escursione, mentre il sole ormai basso ci accompagnava come una bussola indicando la posizione dell'isola rispetto a noi. Il versante Nord di Alicudi mostrava il meglio di sé con le sciare e le fantasie della lava vecchia di millenni; e i dirupi a picco sul mare, colorati di ruggine e di terra, e le ombre che disegnavano geometrie sempre nuove. Francesco fotografava, i gabbiani gridavano, si posavano di tanto in tanto nel mare o su uno scoglio, sempre un po' diffidenti per la nostra presenza. Le piccole onde, rompendosi sullo scafo, accompagnavano le sensazioni che vivevamo tutti insieme. Una sosta per il bagno nella acque cristalline dai fondali scoscesi, con i pesci colorati che ci guardavano dal fondo. Infine il ritorno, dal versante Ovest. Un aliscafo lontano puntava verso di noi, quasi una sfida, poi, atterrando nel mare, virava verso il molo. Dopo l'approdo dell'aliscafo siamo arrivati anche noi, passandogli accanto ed approdando alla piccola scaletta accanto al molo, dove sono terminati la nostra escursione e il mio incarico di marinaio. Come sempre, la giornata si è conclusa nel migliore dei modi, con una cena di pesce arrostito alla tavola di Silvio. 5 6

7 La notte, verso le una e trenta, come mi aveva anticipato Antonio, sono arrivati due pescherecci che erano fuori da quindici giorni, circa. Scendendo da casa ho ritrovato la stessa scena del giorno appena passato, ma questa volta in versione notturna: anche i volti erano tutti sconosciuti, marinai della Sicilia che facevano scalo ad Alicudi, prima di ripartire per altri giorni. Qualche rapido scambio di battute, e tanti tanti pescispada, centinaia, il più grosso che ho visto pesava ottanta chili, ma dalla seconda barca ho saputo che ne "hanno uscito" uno di oltre centocinquanta chili. I marinai mi hanno regalato ancora altri due pesci, un tonno, ed un altro piccolo Pesce Spada, che ho regalato a mia volta. Fra poche ore Roberta, Valentina, Francesco e Giuseppe saranno qui, per dividere insieme questo nuovo dono del cielo e del mare. Il mondo di Alicudi è di tutti, ma non per tutti, è da amare, è mare. Ad un certo punto un marinaio mi ha dato un piccolo pescespada, forse di quattro chili. Quando ho capito che era per me, un altro dei momenti magici di questi giorni stava iniziando: la lunga notte. Le mani cominciavano a gelarsi nel pescare il ghiaccio dai sacchi per cospargere i tonnetti freschi momentaneamente poggiati sul molo, la stanchezza era sempre più viva, così, ringraziando ancora una volta, ho salutato tutti, questa volta però con un reciproco "ciao!". Eccomi a casa, con un pesce lungo quanto un braccio, pensando: <<ed ora???>>......dormire, farlo a tranci per portarlo a Lipari, mangiarlo qui con gli amici: la scelta e stata di dividerlo con gli amici della barca, ed il resto nel congelatore per portarlo ad Acquacalda. Nel buio delle tre di notte, con le mani completamente insanguinate dalle viscere del pesce, il mio aspetto non era del tutto rassicurante. Ultimo dubbio: sciacquarlo nel comodo lavello oppure in riva al mare dove le murene possono essere attirate dal sangue. Illuminato da un lampione, sulla risacca del mare il pesce ha avuto il giusto lavaggio nella sua acqua. 7 8

8 21 Giugno 2002: Solstizio d'estate Inizia l'estate, quando la vacanza nell'isola delle Isole termina. Domani ritorno ad Acquacalda, a ritrovare gli amici che mi cercano più dei "torinesi". Alla fine della settimana prossima lascerò anche Lipari per tornare a Torino. La malattia delle isole, quella dell'aliscafo o della nave, ovvero quella della partenza, sta per terminare la sua felice incubazione per manifestarsi con uno degli aliscafi o delle navi che ho sempre guardato con distacco. Ora inizia la diffidenza: quale sarà il Caronte che mi traghetterà? La malinconia della partenza è inevitabile, ma immaginare qualcosa di diverso dalla partenza, sarebbe quasi una presunzione nei confronti di chi lavora qui ogni giorno e ogni notte. Le bellezze ed il fascino delle Isole, ed in particolare di Alicudi, si pagano con il duro lavoro e con le difficoltà. Capire veramente, ed apprezzare tutte le quotidianità e le realtà non può avvenire in poche settimane. Dopo la passeggiata al molo e all'eliporto, la nuova sorpresa è stata la serata con il Doctor, che ci ha dissetati con dell'ottima acqua frizzante, in uno scenario di stelle, terrazze e mare, raccontandoci alcune storie e perché dell'isola. Domani, tornando ad essere un viaggiatore solitario, ripenserò a tutte queste parole ispirate dal mare, dal tempo, dagli esseri viventi. Ringrazierò ancora Chi ha reso possibile tutto questo, con la Sua grandezza e le Sue creazioni. Ripenserò a chi ha già letto o leggerà queste parole; e, se siete arrivati fino a qui, forse, avete vissuto un po' questi sogni e di questa vita con noi, ad Alicudi. Il pranzo di oggi ha avuto successo, il pesce, cucinato molto semplicemente (anche a causa della scarsa disponibilità di ingredienti) sapeva di mare puro. Non posso certo competere con le cene della sera, che superano qualunque ristorante per atmosfera, qualità e quantità, ma un altro gioioso ricordo può aggiungersi agli eventi della settimana ad Alicudi. E la casetta sul porto ha potuto vivere con allegria, senza essere degradata a dormitorio. Alla cena di questa sera c'è stata una esplosione di fotografie, scambi di indirizzi, auguri e ringraziamenti reciproci, tutti segnali inequivocabili della prossima partenza. C'era anche un ospite del Paraguay che parlava esclusivamente spagnolo e tedesco. Cercare di capirci è stato subito semplicissimo. Terminati i convenevoli, è iniziata la parte più difficile ma divertente, e ci siamo in qualche modo sempre capiti. Più che una traduzione, la mia, diceva Silvio, era una intepretazione. 9 10

9 22-24 Giugno 2002: i delfini, l'epilogo All'alba, passeggiando senza una meta, il pensiero correva giá al momento della partenza: mancavano pero' ancora diverse ore e tante cose potevano ancora accadere. E sono accadute. Innanzitutto le gentilezze da parte di tutti. Dalla colazione al pranzo, alle provviste per il viaggio: mi hanno voluto assolutamente dare qualcosa, rendendo cosí, con semplici attenzioni, l'attesa meno mentale. La nave portava ritardo ed é dovuta ripartire subito, riducendo i saluti a pochi istanti in movimento. Questa fortuna ha prolungato la permanenza, ed ho visto da vicino i delfini nuotare a meno di 50 metri dalla riva, quasi un arrivederci a presto. Poco dopo, tornato sul ponte: fra me e l Isola, la nave e il mare. Dalla nave in partenza vedevo il molo allontanarsi: gli amici salutavano con le mani e con il cuore. Avrei voluto stare ancora un po sull Isola, ma il giorno della partenza era quello; avrei voluto stare ancora un po sul ponte della nave a guardarli, ma il marinaio addetto ai biglietti mi ha richiamato all ordine ed alla realtà. ~~~ "L ultimo atto, dopo tante coreografie e scene diverse, offerte dal molo, da Dio e dagli uomini" Il molo dello scarico dei pesce spada e dei tonni, dello sbarco dei turisti. Il molo del tramonto, il molo dell alba su Filicudi. La meta delle passeggiate serali, la partenza per il giro dell isola in barca. L arrivo della nave, con lo sbarco e l imbarco dei camion-frigo, affiancati sul molo, sfiorandosi, e con i tubi di scappamento fumanti, l unico ingorgo nell inesistente traffico di Alicudi. L arrivo degli aliscafi, gli ormeggiatori, i nuovi turisti ed i rifornimenti alimentari, il molo con le carriole per trasportare i pacchi, ed i muli che attendono di essere caricati per salire in alto sull isola. Il molo dei racconti, dei Vips, con i camerieri che scendono a terra, con le loro divise eleganti, a fare provviste di Aragoste, pesci, e altre prelibatezze. E poi il molo che non ho mai visto, quello d Agosto, circondato da una folla di imbarcazioni a vela ed a motore, e il molo di notte, con le feste sotto le stelle e la musica e l allegria dei balli. ~~~ Il molo distante, sembrava il palcoscenico di un teatro che è la vita, con tutti gli attori che salutano al termine della rappresentazione. In pochi minuti tutto sembrava già così lontano; prima di volgere lo sguardo a prua, verso l inizio del ritorno, prima di volgere lo sguardo verso ciò che c era al di là del vento, è trascorso ancora altro tempo. ~~~ Qualche giorno di silenzio per smaltire la stanchezza di 60 ore senza sonno, ricordando un molo con tanti amici che si allontanavano salutando con le braccia tese al Cielo, e Alicudi che si allontanava velocemente, troppo velocemente. Un dolore strano, come una parte, che staccandosi con fatica, si lacera faticosamente: Alicudi, sempre piú piacevolmente e inconsciamente parte dei miei pensieri. Avevo promesso un sigaro Cubano, a un amico che lavora ad Alicudi. Oggi, mentre andavo agli aliscafi per spedire la busta con la scritta in pennarello, ho incontrato proprio lui, che mi ha chiesto in dialetto "dove vai?" ed io "a spedire la busta per te!". Siamo stati insieme quasi un'ora, con il suo compare, al fresco di una strada di Lipari, con del buon vino bianco, poi siamo scesi a Marina Corta e l'aliscafo li ha portati ad Alicudi. Ora, Silvio, non deve piú aspettare la busta per Carmelo, ad Alicudi. Dedicato a questa terra preziosa, in mezzo al nostro mare Giorgio Zamariola 11 12

10 Giorgio Zamariola nasce a Torino nel Vissuto a Londra per brevi periodi, durante gli studi, oggi vive a Torino, dove, si occupa di servizi informatici, musica, fotografia ed umorismo. Visitando le Isole Eolie, ritrova la passione per il mare e l'amore per la natura. Negli anni successivi affiora l'interesse per la scrittura: qui nasce l'idea di raccogliere "in diretta", in un racconto illustrato, l'atmosfera, le emozioni e le immagini. Ispirato alla lettera "Alicudi, i giorni" (2001), scrive "Alicudi, Diario di Viaggio" (2002), e pochi mesi dopo, tornato ad Acquacalda, scrive "Lipari a Natale, un Dicembre alle Isole Eolie", l'essenza pura e viva dei cento giorni, che l'autore ha trascorso nell'arcipelago, in quell'angolo di terra in mezzo al mare. Collaborando da alcuni mesi con il giornale "La Tampa" di Torino, intraprende un nuovo viaggio alle Eolie, accompagnato da una vena umoristica e dal nuovo racconto "Lipari, solo andata" (2004). Finito di stampare in Torino nel mese di Novembre Novembre 2002

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA OTTOBRE-NOVEMBRE 2009 LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA CAMPO DI ESPERIENZA PRIVILEGIATO: LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE OBIETTIVI Scoprire i colori derivati:(come nascono, le gradazioni,

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Reportage. Le Cinque. Terre. di Roberta Furlan. Foto di Maurizio Severin. Il borgo di Vernazza

Reportage. Le Cinque. Terre. di Roberta Furlan. Foto di Maurizio Severin. Il borgo di Vernazza Le Cinque Terre di Roberta Furlan Foto di Maurizio Severin 14 Il borgo di Vernazza La tentazione di ignorare la sveglia che suona alle quattro del mattino, per ricordarci l appuntamento alle Cinque Terre,

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Progetto Accoglienza Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Ieri 22 settembre è stata una giornata speciale per noi alunni di Gorno delle classi3a, 4a e 5a... infatti non siamo stati

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

- 1 reference coded [1,15% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,15% Coverage] - 1 reference coded [1,15% Coverage] Reference 1-1,15% Coverage ok, quindi tu non l hai mai assaggiato? poi magari i giovani sono più attratti sono più attratti perché

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3)

TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3) Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3) 1. Completa il testo con gli articoli e le desinenze dei nomi e degli aggettivi. Le tendenze alimentari italiane. Quali sono le mode alimentari

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Progetto Con Muu Muu a scuola di alimentazione. Classe 2 A Scuola Primaria di Serravalle Sesia

Progetto Con Muu Muu a scuola di alimentazione. Classe 2 A Scuola Primaria di Serravalle Sesia Progetto Con Muu Muu a scuola di alimentazione Classe 2 A Scuola Primaria di Serravalle Sesia Un viaggio veramente speciale La nostra amica Muu Muu, decide di andare in vacanza con i suoi amici, Quatto

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

PRESENTAZIONE INDICE

PRESENTAZIONE INDICE PRESENTAZIONE Quest anno noi ragazzi di prima C, con l aiuto dell insegnante di Lettere, abbiamo deciso di comporre alcune brevi poesie per creare un atmosfera natalizia dolce e festosa. Oltre a rallegrarvi

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 Μάθημα: Ιταλικά Ημερομηνία και ώρα εξέτασης: Σάββατο, 14 Ιουνίου 2008 11:00 13:30

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

GEMELLAGGIO CON LA SCUOLA PRIMARIA DI VALGREGHENTINO DA VALGREGHENTINO A CREVALCORE

GEMELLAGGIO CON LA SCUOLA PRIMARIA DI VALGREGHENTINO DA VALGREGHENTINO A CREVALCORE GEMELLAGGIO CON LA SCUOLA PRIMARIA DI VALGREGHENTINO DA VALGREGHENTINO A CREVALCORE Il comune di Valgreghentino (Lecco) fin dai primi giorni successivi al sisma di Maggio 2012 ha promosso iniziative di

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio.

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio. 1 LA FAMIGLIA 1.1 Lettura primo testo Il prossimo anno l austriaca Alexandra partirà per l Italia. Per quattro mesi frequenterà il liceo a Ravenna. Stamattina ha ricevuto una lettera dalla sua famiglia

Dettagli

Cardito di Vallerotonda. Reparto sagittario RM 36

Cardito di Vallerotonda. Reparto sagittario RM 36 Cardito di Vallerotonda Reparto sagittario RM 36 Lo scenario delle nostre avventure delle emozioni, delle esperienze che abbiamo vissuto e dei ricordi che ci rimarranno sempre impressi. Quest anno il campo

Dettagli

Presentazione. L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo le seguenti cartine:

Presentazione. L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo le seguenti cartine: CONOSCERE IL NOSTRO TERRITORIO anno scolastico 2003-2004 classi terze A-B plesso Don Milani Presentazione L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina IRINA E GIOVANNI La giornata di Irina La mia sveglia suona sempre alle 7.00 del mattino: mi alzo, vado in bagno e mi lavo, mi vesto, faccio colazione e alle 8.00 esco di casa per andare a scuola. Spesso

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI In un mondo che ha perso quasi ogni contatto con la natura, di essa è rimasta solo la magia. Abituati come siamo alla vita di città, ormai veder spuntare un germoglio

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

A pesca di lucci in Svezia

A pesca di lucci in Svezia A pesca di lucci in Svezia Eccomi a raccontare una nuova esperienza di pesca..per chi non lo sapesse io sono nato in Svezia e quindi dopo diverse esperienze di pesca in giro per il mondo quest anno ho

Dettagli