I tesserati Under 10 possono partecipare al solo Campionato del proprio settore di età.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I tesserati Under 10 possono partecipare al solo Campionato del proprio settore di età."

Transcript

1 NUOVA EDIZIONE REGOLAMENTO CAMPIONATI A SQUADRE (RCS) Applicazione nuove norme da gennaio 2014 (in corsivo modifiche ed integrazioni rif. Atti Ufficiali FIT circolari n. 8/9/10 agosto/settembre/ ottobre 2013) NUOVE DEFINIZIONI (art.1) Lista dei giocatori: è il modulo immodificabile per i Campionati maggiori (serie A1, A2, B e divisione regionale serie C) modificabile o integrabile per la serie D e Campionati giovanili e veterani. Comprende i giocatori legittimati a partecipare al Campionato che l affiliato intende utilizzare e che presenta all atto di iscrizione della squadra al Campionato. (esempio: si possono iscrivere due stranieri, ma in formazione ce ne può stare solo uno oppure tre variati ma in formazione ce ne può stare solo uno, ecc.). Vivaio: giocatori che abbiano posseduto la tessera FIT atleta U10,12,14,16 dell affiliato che rappresentano per almeno due anni anche non consecutivi compreso quello in corso. 8+: giocatore tesserato atleta per l affiliato che rappresenta da almeno 8 anni consecutivi precedenti a quello in corso che con quest ultimo fanno 9 anni consecutivi. Variato: giocatore che non è stato tesserato entro il 30/06 dell anno precedente per l affiliato che rappresenta e che non ha disputato il Campionato con lo stesso affiliato. Limitato: giocatore tesserato atleta per l affiliato che rappresenta da meno di 8 anni consecutivi o straniero o non in possesso dei requisiti di cui ai punti Vivaio e 8+. LIMITAZIONE PARTECIPAZIONE TESSERATI E UNDER 10 (artt.8, 68, 69 e 70) Ciascun tesserato può partecipare nell anno a due Campionati a squadre: il Campionato degli affiliati e ad un solo Campionato dei settori di età o manifestazione nazionale. I Campionati giovanili sono distinti in: Under 18, 16, 14 e 12 maschili e femminili. Ogni incontro intersociale di questi Campionati si gioca con la formula di due singolari ed un doppio. È istituito anche il Campionato Under 10 (unico) ed ogni incontro intersociale si disputa con la seguente formula mista: un singolare maschile, un singolare femminile ed un doppio misto. I tesserati Under 10 possono partecipare al solo Campionato del proprio settore di età. Il Campionato Under 10 si gioca al meglio delle tre partite a sei giochi pari con l adozione del punteggio senza vantaggi NO-AD. In tutti gli incontri individuali di singolare e doppio del Campionato Under 10 in luogo della eventuale terza partita si gioca un tie-break decisivo sostitutivo a dieci punti (sempre con il vantaggio di due punti). La disputa del Campionato Under 10 è limitata alla sola fase regionale. PARTECIPAZIONE GIOCATORI STRANIERI (art.9) La loro partecipazione per la serie A1, A2, B e divisione regionale serie C (nota: la serie C, ancorché preveda una fase nazionale, è pur sempre considerata come divisione regionale) è consentita nel numero di uno per ciascuna formazione di ogni squadra presentata al GAC

2 anche se diverso da quello già incluso nelle formazioni precedenti. Per le divisioni della serie D valgono le indicazioni di ciascun Comitato Regionale. La loro partecipazione non è mai consentita nei Campionati giovanili, nei Campionati veterani Over35M, 45M, Over40F e nelle manifestazioni nazionali: Over40M, Over45F lim. a 4.5, Over45M lim. a 4.3, Over50M/F, Over55M, Over60M, Over65M e Over70M. ISCRIZIONE DELLA SQUADRA (art.11) La domanda di iscrizione al Campionato deve comprendere la lista dei giocatori che si intendono utilizzare per quella squadra e che devono essere: 1) pari al numero dei giocatori necessari a disputare tutti gli incontri previsti dalla formula del Campionato utilizzando gli stessi giocatori per i singolari e per i doppi (esempio: in serie C maschile è quattro) con le caratteristiche e le limitazioni indicate per ogni Campionato (esempi: un giocatore Under 12 non può partecipare al Campionato U16; un giocatore iscritto nella lista della serie D non può partecipare alla serie C del medesimo affiliato perché in questo caso è come se fossero due Campionati di due affiliati diversi, ecc.). 2) pari al massimo del doppio del numero dei giocatori (esempio: per la serie C maschile è 16 necessari a disputare tutti gli incontri utilizzando giocatori diversi sia per i singolari sia per i doppi) ma con i requisiti indicati per ogni Campionato (esempio: con riferimento alla lista dei giocatori, a stranieri, variati, limitati, vivaio e 8+). La lista dei giocatori dopo l iscrizione può - nella serie D, nei Campionati giovanili, veterani e relative manifestazioni nazionali - non può - nelle altre divisioni del Campionato degli affiliati - essere modificata o integrata secondo le previsioni di ogni singolo Campionato. OBBLIGHI DELL AFFILIATO OSPITANTE (art.22) L affiliato ospitante deve mettere a disposizione del GAC per ogni incontro intersociale almeno due arbitri tesserati FIT o iscritti all Albo, salvo diversa esplicita previsione per il singolo Campionato (esempio: nella serie D e nei Campionati di settore (giovanili e veterani) in loro assenza il GAC applica il CASA Codice di arbitraggio senza arbitro). Negli incontri intersociali del Campionato degli affiliati - divisioni regionali serie D - e dei Campionati giovanili, veterani e relative manifestazioni nazionali, l affiliato ospitante deve mettere a disposizione un GAC di livello 1. (nota: stante la eventuale non disponibilità del GAC1 di casa, l affiliato può coinvolgere altro GAC1 o GAC di livello 2/3 indicandolo al FUP). Deve inoltre fornire almeno quattro palle nuove per ciascun incontro individuale di marca e tipo dichiarati all atto della iscrizione. Possono essere utilizzate palle di marca e tipo diversi solo se vi è l accordo sottoscritto dai capitani che il GAC allega al referto. ASSENZA DEGLI ARBITRI (art.33) Se sono assenti gli arbitri il GAC: 1) segnala il caso al Giudice Sportivo ed assegna la vittoria alla squadra avversaria con il massimo punteggio negli incontri di serie A1, A2, B e nella fase nazionale serie C; 2) negli incontri della fase regionale della serie C, nei Campionati di settore e nelle manifestazioni nazionali veterani, il GAC segnala il caso al GS per l applicazione della sanzione pecuniaria nel minimo secondo le disposizioni vigenti. Ma solo in questi casi, cioè

3 quando non sia possibile l arbitraggio, il GAC adotta il Codice di arbitraggio senza arbitro. Per la sola serie D quando non sia possibile l arbitraggio, il GAC adotta il Codice di arbitraggio senza arbitro ma non segnala il caso al GS per l applicazione della sanzione pecuniaria nel minimo secondo le disposizioni vigenti ASSENZA DEI GIOCATORI (art.37) Quando un giocatore, presente ad una fase delle operazioni preliminari, non si presenta pronto per giocare all ora fissata dal GAC per l inizio del suo incontro individuale, questo è vinto dall avversario. Il giocatore assente alla prima o seconda fase delle operazioni preliminari o assente quando è chiamato per il suo incontro di singolare, può partecipare ai successivi incontri di doppio in programma purché presente alle rispettive fasi delle operazioni preliminari. RECLAMI (art.45) Devono essere presentati, in materia tecnica (esempio: abbinamento singolaristi, ordine valori singolaristi, giocatori in formazione ma non in lista, identità giocatori, ecc.) entro 30 minuti dal momento in cui il reclamante ha avuto conoscenza del fatto causa del reclamo. In tutti gli altri casi (esempio: organizzativi, economici e morali o altro al di fuori della legittimità di partecipazione alla gara o allo svolgimento dell incontro intersociale) entro 30 minuti dal fatto a cui si riferiscono, ma non oltre 30 minuti dal termine dell incontro intersociale se si riferiscono a fatti accaduti dopo il termine dell incontro stesso. FORMULA DEGLI INCONTRI DI DOPPIO (art.50) 1) Negli incontri di serie A1 gli incontri di doppio si disputano con il NO-AD e sul punteggio di una partita pari in luogo della terza partita si gioca un tie-break decisivo a 10 punti; 2) nella serie A2, B e divisioni regionali serie C (vedi nota art.9) gli incontri di doppio si giocano al meglio delle tre partite con tie-break a sette punti in tutte le partite. 3) nelle divisioni regionali serie D, ad eccezione dei gironi finali, in luogo della eventuale terza partita si gioca un tie-break decisivo dell incontro a 10 punti. LIMITAZIONI ALLA PARTECIPAZIONE DEI TESSERATI (art.52) Nella serie A1, A2, B e divisioni regionali serie C la partecipazione dei seguenti giocatori è limitata ad uno in ciascuna formazione presentata al GAC di ciascun incontro intersociale anche se diverso da quello già incluso nelle precedenti formazioni ma compresi nella lista: 1) giocatori stranieri; 2) giocatori variati. In ogni caso le limitazioni non si applicano: a) ai nuovi affiliati dal 1 gennaio dell anno precedente ammessi per la prima volta al Campionato; b) ai giocatori del vivaio; c) ai giocatori 8+; d) ai giocatori che pur non tesserati entro il 30 giugno dell anno precedente per l affiliato che rappresentano, hanno posseduto l ultima tessera atleta per il medesimo affiliato; e) ai giocatori italiani tesserati per la prima volta in Italia ma che non siano stati tesserati per federazioni straniere;

4 f) alla giocatrice che sostituisce un altra giocatrice di classifica pari o superiore in stato di gravidanza accertata dopo la scadenza delle iscrizioni. Nel caso in cui vi sia il possesso contemporaneo di più requisiti tra quelli sopra elencati, il giocatore è valutato come segue: a) lo straniero è sempre considerato come tale anche se appartenente al vivaio; b) il variato che sia anche del vivaio non è soggetto alle limitazioni: (esempio: in questo caso in formazione ci possono stare più variati appartenenti al vivaio ed un altro variato non facente parte del vivaio); c) lo straniero che sia anche variato è soggetto ad entrambe le limitazioni (esempio: se in formazione vi è un altro variato o un altro straniero, lo straniero variato NON può giocare né da straniero né da variato. Lo straniero/variato, cumulando i due requisiti, può giocare da straniero o da variato solo se in formazione non sia incluso né un altro variato né un altro straniero. AMMISSIONE E COMPOSIZIONE DELLA SQUADRA (art.53) Gli affiliati partecipanti alla serie A1, A2, B e divisione regionale serie C debbono inserire obbligatoriamente nella lista all atto della iscrizione e nella formazione della squadra da presentare al GAC : 1) per la serie A1, A2 e B maschile, almeno due giocatori del vivaio di cui almeno uno di età inferiore ai 30 anni calcolati dal 1 gennaio dell anno in corso o, in sostituzione del secondo, un giocatore 8+. Di questi giocatori, anche non gli stessi, ne debbono essere inseriti almeno due sia nella formazione dei singolaristi sia nella formazione dei doppisti ed almeno uno nella formazione dell eventuale doppio supplementare; 2) per la serie A1, A2 e B femminile, almeno una giocatrice del vivaio od una giocatrice 8+; almeno una di esse, anche non la stessa, deve essere inserita sia nella formazione delle singolariste sia in quella del doppio compreso l eventuale doppio supplementare; 3) per la divisione regionale serie C maschile e femminile almeno un giocatore o una giocatrice del vivaio od un giocatore od una giocatrice 8+. Almeno uno/a di essi/e, anche non lo/a stesso/a deve essere inserito/a sia nella formazione degli incontri di singolare sia in quella dei doppi compreso l eventuale doppio supplementare. Nota: la tabella all interno dell art. 53 definisce la composizione delle squadre con le caratteristiche e le limitazioni per la inclusione di giocatori e le tipologie in esse indicate. I giocatori tesserati sin dall affiliazione per un affiliato da meno di nove anni sono considerati come tesserati al nono anno di tesseramento consecutivo. Per la sola divisione serie D i giocatori componenti la lista presentata all atto della iscrizione al Campionato possono essere integrati fino al massimo del doppio del numero dei giocatori necessari per disputare tutti gli incontri (esempio: per la nostra serie D3 possono essere al massimo dieci) previsti utilizzando nominativi diversi sia per i singolari sia per i doppi solo da giocatori che abbiano una classifica uguale o inferiore a quella del giocatore di più bassa classifica inserito nella predetta lista. COMPOSIZIONE DI PIU SQUADRE ISCRITTE (art.55) Fatta eccezione per la serie A1, lo stesso giocatore non può essere utilizzato per l iscrizione di due o più squadre della medesima o di divisioni diverse.

5 Il passaggio da una squadra all altra, nel Campionato degli affiliati, non è mai consentito. Per le sole divisioni regionali serie D, il giocatore non inserito in alcuna squadra può essere incluso nella formazione di qualsiasi altra squadra fermi restando i limiti previsti dall art.53 c5 precedentemente descritti. L appartenenza di un giocatore ad una squadra è determinata dalla sua inclusione nella lista (iscrizione), ma per le sole divisioni regionali della serie D anche dalla sua inclusione nella formazione presentata al GAC (vedi esempio del può o non può - rif. art.11 c4). In caso di partecipazione ad una divisione nazionale del Campionato degli affiliati oltre ad altre di divisione regionale, nella lista da indicare all atto della iscrizione si devono includere nella serie superiore i quattro giocatori e le tre giocatrici con la migliori classifica(esempio: se un affiliato si iscrive alla serie C maschile - che parte dalla fase regionale - ed alla serie B maschile - che è una divisione nazionale - quest ultima deve avere i quattro giocatori con la migliore classifica). La composizione delle squadre non è vincolata alla classifica dei giocatori, ma nella lista e nella formazione presentata al GAC si deve indicare (rif. tabella art.53): a) il numero dei giocatori che rientrano nelle limitazioni, cioè non appartenenti al vivaio e non 8+, con le loro eventuali caratteristiche (stranieri, variati, ecc.); b) il numero dei giocatori che non rientrano nelle limitazioni con la segnalazione se si tratta di vivaio, Over30 o Under30 o di 8+. ASSENZA DEGLI UFFICIALI DI GARA (art.61) Per le sole divisioni serie D: 1) se è assente il GAC1 indicato dall affiliato ospitante e non sia sostituito da altro GAC, l affiliato perde l incontro intersociale ed è soggetto a sanzione pecuniaria; 2) in serie D non vi è più l obbligo di mettere a disposizione gli arbitri. Il GAC in assenza dell arbitro applicherà il CASA, ma non segnala il caso al GS (v. art. 33 c2b). CAMPIONATI GIOVANILI FASI DI SVOLGIMENTO DEI CAMPIONATI (ART.69). Ad eccezione degli altri Campionati giovanili, la disputa del Campionato Under 18 (e anche Under 10) è limitata alla sola fase regionale. FORMULA DEGLI INCONTRI INTERSOCIALI ED INDIVIDUALI (art.70) Negli incontri di doppio maschile e femminili si adotta il seguente metodo di punteggio: 1) nella fase regionale, ad eccezione dei gironi finali, sul punteggio di una partita pari si gioca un tie-break decisivo al dieci punti sostitutivo della terza partita; 2) nella prima e seconda fase nazionale si gioca al meglio delle tre partite con tie-break a sette punti in tutte le partite. COMPOSIZIONE DI PIU SQUADRE ISCRITTE (art.73) La variazioni di classifica dei giocatori inclusi nella lista o nella formazione intervenute in corso d anno non hanno rilevanza, tenendosi conto della classifica posseduta al momento della iscrizione o della sua successiva inclusione, sia nel caso di più squadre iscritte del

6 medesimo settore sia per quanto riguarda l ordine dei valori che deve essere mantenuto per tutta la durata della fase regionale (esempio: nessun giocatore della squadra B deve essere di classifica superiore a quella dell ultimo componente della squadra A). ART. 75, 76, 79, 80, 81. Contengono le modalità organizzative delle fasi provinciali e regionali, di competenza del CRL e delle fasi nazionali, di competenza della FIT, dei Campionati giovanili. ASSENZA DEL GIUDICE ARBITRO NELLE FASI REGIONALI (art.78) Se è assente il GAC 1 indicato dall affiliato ospitante non sarà possibile disputare l incontro e quest ultimo sarà soggetto a sanzione pecuniaria ed alla perdita dell incontro intersociale. Articolo 72 - Limitazioni alla partecipazione dei tesserati 1. I giocatori under trasferiti da altro affiliato non possono disputare i Campionati giovanili per l affiliato di destinazione per le due edizioni successive al trasferimento. 2. Qualora il trasferimento sia avvenuto in corso d anno, la limitazione si estende anche all edizione dei Campionati giovanili che dovesse ancora concludersi. 3. La limitazione non si applica ai giocatori la cui classifica, riferita all anno per cui si chiede il trasferimento, è uguale o inferiore a quella indicata nella seguente tabella: Campionato misto IV categoria NC, per gli under e le under 10 Campionato maschile Campionato femminile IV categoria 6 gruppo, per gli under 11 IV categoria 5 gruppo, per le under 11 IV categoria 5 gruppo, per gli under 12 IV categoria 4 gruppo, per le under 12 IV categoria 4 gruppo, per gli under 13 IV categoria 3 gruppo, per le under 13 IV categoria 3 gruppo, per gli under 14 IV categoria 2 gruppo, per le under 14 IV categoria 2 gruppo, per gli under 15 IV categoria 1 gruppo, per le under 15 IV categoria 1 gruppo, per gli under 16 III categoria 5 gruppo, per le under Le variazioni di classifica, sia in aumento sia in diminuzione, ottenute dopo il trasferimento, non hanno alcun effetto sulla predetta limitazione alla partecipazione o sulla sua non applicazione. 6. I giocatori stranieri non possono prendere parte ad alcun Campionato giovanile CAMPIONATI VETERANI Art.84. Negli incontri di doppio sul punteggio di una partita pari in luogo della terza partita si gioca un tie-break decisivo dell incontro a dieci punti. Art.86. I giocatori stranieri non possono partecipare a nessun Campionato ed a nessuna manifestazione nazionale per veterani. Le norme sulla composizione delle squadre e sulla assenza del GAC1 sono identiche a quelle dei Campionati giovanili. SQUADRE AMMESSE E REQUISITI (art. 85). La formazione della squadra presentata al GAC negli incontri della fase nazionale delle manifestazioni Over50 e Over55 maschili deve contenere almeno 3 giocatori e nel doppio deve partecipare almeno un giocatore diverso da quelli che hanno disputato i singolari. ART. 89, 90 e 91. Contengono l organizzazione delle fasi regionali e nazionali. La fase regionale Over50, 55 e 45 femminile non ha più la funzione di qualificare alla fase nazionale (facoltatività).

7 OBBLIGHI DI ISCRIZIONE E SCHIERAMENTO NEI CAMPIONATI GIOVANILI (art. 65 RCS) (per squadre partecipanti ad A1-A2-B) Gli affiliati che partecipano ad una divisione nazionale, sia maschile sia femminile, hanno l obbligo nello stesso anno, di iscrivere e schierare regolarmente nei Campionati giovanili, maschili o femminili: a) almeno cinque squadre, per chi disputa la serie A1; b) almeno quattro squadre, per chi disputa la serie A2; c) almeno tre squadre, per chi disputa la serie B. 6. Gli affiliati inadempienti non possono disputare nell anno successivo la divisione nazionale, sia maschile sia femminile, per la quale hanno conseguito il diritto sulla base dei risultati della serie disputata, ma possono disputare il Campionato nella serie inferiore, con la conseguenza che l inadempiente: a) se ha conseguito la promozione, resta nella serie nella quale ha disputato il Campionato; b) se ha conseguito la permanenza nella stessa serie, viene retrocesso nella serie inferiore; c) se è stato retrocesso, non subisce un ulteriore retrocessione. TITOLO II CAMPIONATI GIOVANILI CAPO I FASI E FORMULA Articolo 68 - Campionati 1. I Campionati giovanili sono distinti in: a) Campionato under 18, maschile e femminile; b) Campionato under 16, maschile e femminile; c) Campionato under 14, maschile e femminile; d) Campionato under 12, maschile e femminile; e) Campionato under 10, misto.

8 NOVITA OBBLIGO MINIMO LUX ILLUMINAZIONE ANCHE PER CAMPI ALL APERTO Articolo 20 RCS 2014 Campi 1. Gli incontri devono essere disputati sui campi denunciati all'atto dell'iscrizione dall affiliato ospitante o su quelli autorizzati dal Commissario di gara competente. 2. Qualora i campi denunciati siano inagibili per causa di forza maggiore, constatata dal Giudice arbitro, questi dispone l'effettuazione (o la prosecuzione) dell'incontro intersociale sui campi di riserva o su altri campi, come specificato nel regolamento di ogni Campionato. 3. Qualora siano utilizzati campi con la luce artificiale, l'illuminazione deve essere uniformemente distribuita sul campo, con un'intensità minima, risultante come media di 18 misurazioni equamente distribuite sul campo, di: a) 400 lux per impianti su cui si svolgono incontri del Campionato degli affiliati - divisioni nazionali di serie A1, maschile e femminile; b) 300 lux per incontri di ogni altra divisione od altro Campionato. 4. Il Giudice arbitro non fa iniziare o sospende il gioco se l'intensità dell'illuminazione, a suo giudizio, è insufficiente. 5. Il Giudice arbitro decreta la sconfitta, con il massimo punteggio consentito dalla formula del Campionato, della squadra dell'affiliato ospitante che non metta a disposizione i campi nel numero previsto e con le caratteristiche richieste ovvero sia responsabile della loro successiva inagibilità. Articolo 20 RCS 2013 Campi 1. Gli incontri devono essere disputati sui campi denunciati all'atto dell'iscrizione dall affiliato ospitante o su quelli autorizzati dal Commissario di gara competente. 2. Qualora i campi denunciati siano inagibili per causa di forza maggiore, constatata dal Giudice arbitro, questi dispone l'effettuazione (o la prosecuzione) dell'incontro intersociale sui campi di riserva o su altri campi, come specificato nel regolamento di ogni Campionato. 3. Qualora siano utilizzati campi coperti con la luce artificiale, l'illuminazione deve essere uniformemente distribuita sul campo, con un'intensità minima, risultante come media di 18 misurazioni equamente distribuite sul campo, di: a) 400 lux per impianti su cui si svolgono incontri del Campionato degli affiliati - divisioni nazionali di serie A1, maschile e femminile; b) 300 lux per incontri di ogni altra divisione od altro Campionato. 4. Il Giudice arbitro non fa iniziare o sospende il gioco se l'intensità dell'illuminazione, a suo giudizio, è insufficiente. 5. Il Giudice arbitro decreta la sconfitta, con il massimo punteggio consentito dalla formula del Campionato, della squadra dell'affiliato ospitante che non metta a disposizione i campi nel numero previsto e con le caratteristiche richieste ovvero sia responsabile della loro successiva inagibilità. REGOLE DI TENNIS Regola 1 Il campo (3) NOTA DELLA F.I.T. Illuminazione: quando una competizione si gioca con la luce artificiale, l'illuminazione deve essere uniformemente distribuita sul campo con un'intensità minima risultante come media di 18 misurazioni equamente distribuite sul campo, di: lux per impianti su cui si svolge attività internazionale con riprese televisive; lux per impianti su cui si svolge attività agonistica di vertice (Tornei di prima categoria e Campionato degli affiliati divisioni nazionali di serie A1, maschile e femminile); lux per ogni altro tipo di impianto. Il Giudice arbitro ha l'autorità di non far iniziare o sospendere il gioco se l'intensità dell'illuminazione, a suo giudizio, è insufficiente.

9 Sintesi norme campionati a squadre serie A1-A2-B-C 2014 LISTA GIOCATORI : all atto dell iscrizione devono già essere indicati tutti i giocatori utilizzabili nel corso del campionato ( la rosa ), quindi non sono più ammessi gli integrati in corso d opera. MASSIMO GIOCATORI ISCRIVIBILI : 16 x serie A1-A2-B-C maschile (ma non più di 4 (6) giocatori limitati = non vivaio o 8+), 10 x serie A1-A2-B-C femminile (ma non + di 3 (4) giocatrici limitate =non vivaio o 8+). LIMITE MINIMO LUX ILLUMINAZIONE : esteso l obbligo anche per i campi all aperto (prima era solo al coperto) : 400 lux per la serie A1, 300 per le altre competizioni. OBBLIGO SCHIERAMENTO VINCOLATI NELLA SINGOLA GIORNATA : -Serie A1-A2-B maschile = in singolare minimo 1 vivaio under vivaio under 30 / o vivaio over 30 / o 8+ ; in doppio minimo 1 vivaio under vivaio under 30 / o vivaio over 30 / o 8+ ; doppio supplementare minimo 1 fra vivaio under 30 / o vivaio over 30 / o 8+ ; -Serie A1-A2-B femminile = in singolare minimo 1 vivaio / o 8+ ; in doppio minimo 1 vivaio / o 8+ ; doppio supplementare minimo 1 vivaio / o 8+ ; -Serie C maschile e femminile = in singolare minimo 1 vivaio / o 8+ ; in doppio minimo 1 vivaio / o 8+ ; doppio supplementare minimo 1 vivaio / o 8+. LIMITAZIONI FORMAZIONE NELLA SINGOLA GIORNATA : -Serie A1-A2-B maschile = massimo 1 straniero ; massimo 1 variato (trasferito, tesserato secondo semestre a.p.,nuovo tesserato); massimo 3 (4) giocatori limitati (di cui massimo 2 schierabili in singolare) ; -Serie A1-A2-B femminile = massimo 1 straniera ; massimo 1 variata (trasferita, tesserata secondo semestre a.p., nuova tesserata); massimo 2 (3) giocatrici limitate (di cui massimo 2 schierabili in singolare) ; -Serie C maschile = massimo 1 straniero ; massimo 1 variato (trasferito, tesserato secondo semestre a.p., nuovo tesserato); massimo 4 giocatori limitati (di cui massimo 3 schierabili in singolare) ; -Serie C femminile = massimo 1 straniera ; massimo 1 variata (trasferita, tesserata secondo semestre a.p., nuova tesserata); massimo 3 giocatrici limitate (di cui massimo 2 schierabili in singolare). *** evidenziate in rosso le possibili modifiche derivanti dalla nota FIT del 21/01/2014 Con l approssimarsi dell inizio del Campionato degli Affiliati 2014 è stata formulata, da parte dei consiglieri delegati al settore dei Campionati a Squadre, una proposta volta ad ampliare il numero massimo dei giocatori che, non rivestendo le particolari caratteristiche di atleti del vivaio od 8+, possono essere complessivamente schierati nelle divisioni, sia maschili sia femminili, di Serie A1, A2, B e C. La limitazione all impiego di tali giocatori sarebbe pertanto elevata a 6 per il Campionato maschile ed a 4 per il Campionato femminile. La proposta, che verrà discussa ed eventualmente approvata nella prossima riunione del Consiglio Federale, ha lo scopo di consentire agli affiliati partecipanti di poter praticare il turn over anche con i giocatori non del vivaio o non 8+. Allo stesso tempo, per le divisioni maschili di A1, A2 e B, ferme restando le disposizioni che prevedono l obbligo di schierare almeno due atleti del vivaio sia in singolare che in doppio, uno dei quali, in sostituzione dell eventuale over 30, può essere un giocatore 8+, sarebbe anche consentito schierare quattro diversi giocatori che non rivestono le particolari caratteristiche di atleti del vivaio od 8+, in ciascun incontro intersociale. VERSIONE AGGIORNATA ALLE NORME IN VIGORE AL

NOTIZIE UTILI CAMPIONATI A SQUADRE

NOTIZIE UTILI CAMPIONATI A SQUADRE NOTIZIE UTILI CAMPIONATI A SQUADRE CAMPIONATO DEGLI AFFILIATI Maschile e Femminile distinto in : Divisioni Nazionali (Organizzazione a cura dell Ufficio Tecnico Organizzativo della FIT) Divisioni Regionali

Dettagli

CAMPIONATO DEGLI AFFILIATI 2015 Divisione nazionale Serie A1 PROGRAMMA - REGOLAMENTO

CAMPIONATO DEGLI AFFILIATI 2015 Divisione nazionale Serie A1 PROGRAMMA - REGOLAMENTO CAMPIONATO DEGLI AFFILIATI 2015 Divisione nazionale Serie A1 PROGRAMMA - REGOLAMENTO SERIE A1 MASCHILE Alla serie A1 maschile prendono parte 16 squadre divise in quattro gironi da quattro squadre, con

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE TITOLO I CAMPIONATI A SQUADRE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 - Generalità

REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE TITOLO I CAMPIONATI A SQUADRE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 - Generalità TITOLO I CAMPIONATI A SQUADRE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Generalità 1. La Federazione italiana tennis (F.I.T.) indice ed organizza annualmente, fra gli affiliati, i Campionati a squadre.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL BEACH TENNIS

REGOLAMENTO DEL BEACH TENNIS (edizione 2011 Atti ufficiali n. 4/2011) (aggiornamento Atti ufficiali n. 7/2011) CAPO I GENERALITÀ Articolo 1 Settore beach tennis 1. In attuazione delle disposizioni statuarie è costituito il settore

Dettagli

INTESTAZIONE REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE

INTESTAZIONE REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE INTESTAZIONE REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE 1 2 TITOLO I CAMPIONATI A SQUADRE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Generalità 1. La Federazione italiana tennis (F.I.T.) indice ed organizza annualmente,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE PADDLE (edizione 2010 Atti ufficiali n. 10/2010)

REGOLAMENTO DEL SETTORE PADDLE (edizione 2010 Atti ufficiali n. 10/2010) REGOLAMENTO DEL SETTORE PADDLE (edizione 2010 Atti ufficiali n. 10/2010) CAPO I GENERALITÀ Articolo 1 Settore paddle 1. In attuazione delle disposizioni statuarie è costituito il settore paddle per l organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE

REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE (edizione 2013 aggiornamento in Atti ufficiali n. 3/2013) INDICE REGOLAMENTO GENERALE DEI CAMPIONATI Articolo 1 Generalità pag. 4 Articolo 2 Elenco dei Campionati pag.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA TENNIS COMITATO CENTRALE UFFICIALI DI GARA NOTIZIE UTILI PER LA DIREZIONE DELLA SERIE A1 M/F 2014

FEDERAZIONE ITALIANA TENNIS COMITATO CENTRALE UFFICIALI DI GARA NOTIZIE UTILI PER LA DIREZIONE DELLA SERIE A1 M/F 2014 FEDERAZIONE ITALIANA TENNIS COMITATO CENTRALE UFFICIALI DI GARA NOTIZIE UTILI PER LA DIREZIONE DELLA SERIE A1 M/F 2014 PREMESSA L intento del CCUG è quello di rinfrescare ad ognuno di Voi, attraverso questa

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile.... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2

Dettagli

Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016. Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE

Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016. Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016 Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE Il Comitato Regionale Sardo F.I.Te.T. indice ed organizza per la stagione agonistica 2015-2016 i seguenti campionati

Dettagli

Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani

Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani Articolo 1. - Definizioni.... 2 Articolo 2. - Attività di ciascun campionato.... 2 Articolo 3. - Affidamento dell organizzazione....

Dettagli

CAMPIONATO INVERNALE OPEN A SQUADRE MASCHILE E FEMMINILE 2014-2015 9 novembre 2014 22 febbraio 2015

CAMPIONATO INVERNALE OPEN A SQUADRE MASCHILE E FEMMINILE 2014-2015 9 novembre 2014 22 febbraio 2015 CAMPIONATO INVERNALE OPEN A SQUADRE MASCHILE E FEMMINILE 2014-2015 9 novembre 2014 22 febbraio 2015 Il Comitato Regionale Siciliano della FIT indice ed organizza il campionato invernale a squadre open

Dettagli

CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015

CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 Specialità Petanque. Regolamento Campionato di Promozione 1 CAMPIONATO di PROMOZIONE Regionale Al Campionato di Promozione (ex serie C) maschile 2015 possono iscriversi tutte

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2015/2016

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2015/2016 REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2015/2016 Il Comitato Regionale F.I.Te.T. Liguria indice per la stagione agonistica 2015/2016 i seguenti campionati a squadre:

Dettagli

presentano Articolo 1 - Generalità

presentano Articolo 1 - Generalità presentano III Edizione Campionato Amatoriale a Squadre di Tennis Metropolis Regione Lazio Campionati di Serie A-B-C Maschile e Femminile Ottobre 2013 - Maggio 2014 Articolo 1 - Generalità Il Comitato

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2014/2015

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2014/2015 REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2014/2015 Il Comitato Regionale F.I.Te.T. Liguria indice per la stagione agonistica 2014/2015 i seguenti campionati a squadre:

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 1 Stagione Sportiva 2014-2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 1 Stagione Sportiva 2014-2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 1 Stagione Sportiva 2014-2015 I) ATTIVITA UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI La Lega Nazionale Dilettanti - in attuazione delle disposizioni di cui all art. 49, punto 1,

Dettagli

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI STAGIONE SPORTIVA 2014/2015

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 COMITATO REGIONE LOMBARDIA Via Piranesi, 46 20137 Milano tel. 02 71093667 - fax 02 70.141.385 - e-mail: crlombardia@fisg.it Codice Fiscale 97016560159 - Partita IVA 05235981007 DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE CAMPIONATI INDIVIDUALI

REGOLAMENTO REGIONALE CAMPIONATI INDIVIDUALI F.I.Te.T. - Comitato Regionale Lazio REGOLAMENTO REGIONALE CAMPIONATI INDIVIDUALI 2013-2014 Sommario PREMESSA...3 Art. 1 QUAL. REGIONALE CAMP. ITALIANI GIOVANILI, 2^ e 3^CAT...3 Art. 2 TORNEI REGIONALI...4

Dettagli

Federazione Italiana Rugby

Federazione Italiana Rugby 1 Federazione Italiana Rugby Norme che disciplinano l attività di Coppa Italia a 7 Femminile per la stagione sportiva 2014/2015. Coppa Italia a 7 Femminile 2014/2015. La Coppa Italia è considerata una

Dettagli

COMITATO ITALIANO PARALIMPICO TENNIS IN CARROZZINA

COMITATO ITALIANO PARALIMPICO TENNIS IN CARROZZINA COMITATO ITALIANO PARALIMPICO TENNIS IN CARROZZINA REGOLAMENTO ESECUTIVO E VADEMECUM ORGANIZZATIVO Dicembre 2007 2 COMITATO ITALIANO PARALIMPICO REGOLE DEL TENNIS IN CARROZINA CONTENUTO PAGINA I. REGOLE

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE B 2015. Specialità Volo

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE B 2015. Specialità Volo CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE B 2015 Specialità Volo 1. PREMESSA Al Campionato di Società di Serie B potranno partecipare tutte le Società aventi diritto, rispettando le norme del presente Regolamento.

Dettagli

Oggetto: affiliazione, tesseramento, campionati a squadre e tornei 2014.

Oggetto: affiliazione, tesseramento, campionati a squadre e tornei 2014. Trento, 24 febbraio 2014 Ai CIRCOLI TENNIS della Provincia di Trento loro indirizzi Oggetto: affiliazione, tesseramento, campionati a squadre e tornei 2014. Come tutti gli anni vi ricordo che è prossima

Dettagli

REGOLAMENTO CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE CIS

REGOLAMENTO CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE CIS 1 Ammissioni e iscrizioni. REGOLAMENTO CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE CIS 1.1 Possono partecipare al Campionato Italiano a Squadre (CIS) le rappresentative di tutte le Società affiliate alla F.S.I. entro

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Tutte le disposizioni riportate devono essere intese come norme di attuazione dei Regolamenti Federali e per

Dettagli

La Lega Pallavolo Uisp Treviso, in collaborazione con Boom Camp, organizza il campionato invernale di beach volley 2014/15.

La Lega Pallavolo Uisp Treviso, in collaborazione con Boom Camp, organizza il campionato invernale di beach volley 2014/15. La Lega Pallavolo Uisp Treviso, in collaborazione con Boom Camp, organizza il campionato invernale di beach volley 2014/15. SEDE E PERIODO DI SVOLGIMENTO Le partite del campionato si svolgeranno presso

Dettagli

Tornei Promozionali di Categoria Coppa Milano Femminile Maschile Femminile Maschile Under 16

Tornei Promozionali di Categoria Coppa Milano Femminile Maschile Femminile Maschile Under 16 Milano, 1 luglio 2015 Prot. 2 / COGP Oggetto: Campionati Provinciali e Tornei Promozionali 2015/2016 A tutte le Società della Provincia di Milano e p.c. C.R. Lombardo FIPAV Roma Il Comitato Provinciale

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE A 2015. Specialità Volo

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE A 2015. Specialità Volo CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE A 2015 Specialità Volo 1. PREMESSA Al Campionato di Società di Serie A potranno partecipare tutte le Società aventi diritto, rispettando le norme del presente Regolamento.

Dettagli

CAMPIONATO DI PROMOZIONE. Specialità Volo

CAMPIONATO DI PROMOZIONE. Specialità Volo CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 Specialità Volo 1. PREMESSA Al Campionato di Società di Promozione potranno partecipare tutte le Società aventi diritto e provenienti dalla ex Serie C Nazionale, rispettando

Dettagli

Regolamento delle Classifiche Nazionali

Regolamento delle Classifiche Nazionali Regolamento delle Classifiche Nazionali Approvato dal Consiglio Federale del 12 settembre 2015 TITOLO I - GENERALITA Art. 1 - Ambito di validità 1. Il presente Regolamento si applica a tutte le gare (individuali,

Dettagli

46 C.I.S. SERIE PROMOZIONE ABRUZZO REGOLAMENTO GENERALE ATTUATIVO 2014

46 C.I.S. SERIE PROMOZIONE ABRUZZO REGOLAMENTO GENERALE ATTUATIVO 2014 CONI FEDERAZIONE SCACCHISTICA ITALIANA COMITATO ABRUZZO 46 C.I.S. SERIE PROMOZIONE ABRUZZO REGOLAMENTO GENERALE ATTUATIVO 2014 DECLARATORIA La serie Promozione del Campionato Italiano a Squadre si svolge

Dettagli

Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori

Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori Societa affiliata alla Fipav e all MSP Manofuori Cup Non è necessario essere Campioni per divertirsi giocando a pallavolo L Associazione Culturale

Dettagli

Regolamenti 2015/2016 Metodo per l Elaborazione Automatica della Classifica Individuale Unica Nazionale

Regolamenti 2015/2016 Metodo per l Elaborazione Automatica della Classifica Individuale Unica Nazionale Regolamenti 2015/2016 Metodo per l Elaborazione Automatica della Classifica Individuale Unica Nazionale INDICE CAPO 1 - NORME GENERALI... 2 Articolo 1.1 - Obiettivi.... 2 Articolo 1.2 - Periodo valido....

Dettagli

Comunicato Ufficiale N. 001

Comunicato Ufficiale N. 001 1 Stagione Sportiva 2010/2011 Comunicato Ufficiale N. 001 1. COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. 2. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. 3. COMUNICAZIONI DELLA DIVISIONE CALCIO A CINQUE 1.1 SITO INTERNET Si segnala che

Dettagli

Stagione Sportiva 2012/2013. Comunicato Ufficiale N. 001

Stagione Sportiva 2012/2013. Comunicato Ufficiale N. 001 Stagione Sportiva 2012/2013 Comunicato Ufficiale N. 001 1. COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. 2. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. 3. COMUNICAZIONI DELLA DIVISIONE CALCIO A CINQUE 1.1 SITO INTERNET Si segnala che l

Dettagli

Comunicato Ufficiale N. 65

Comunicato Ufficiale N. 65 Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale N. 65 1. Comunicazioni della F.I.G.C. 2. Comunicazioni della L.N.D. 3. Comunicazioni della Divisione Calcio a Cinque 3.1. ATTIVITA NAZIONALE STAGIONE SPORTIVA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI REGOLAMENTO DEI GIOCATORI Approvato dal Consiglio Federale il 3 luglio 2010 L attività dei giocatori è disciplinata dal Regolamento dei Giocatori, dal Regolamento delle Competizioni e da altre specifiche

Dettagli

Norme per il tesseramento degli atleti

Norme per il tesseramento degli atleti FIPAV Federazione Italiana Pallavolo Norme per il tesseramento degli atleti Il presente documento costituisce una guida sulle norme per l'affiliazione, il tesseramento. Attualmente gli articoli relativi

Dettagli

Stagione Sportiva 2015/2016. Comunicato Ufficiale N. 001

Stagione Sportiva 2015/2016. Comunicato Ufficiale N. 001 Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N. 001 COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. COMUNICAZIONI DELLA DIVISIONE CALCIO A CINQUE 1.1 SITO INTERNET Si segnala che l indirizzo

Dettagli

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE REGIONALI

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE REGIONALI Pagina 1 FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE REGIONALI stagione sportiva 2007 2008 Delibera n. 37 Consiglio Regionale n. 22 del 29/05/2007 PER

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2013/2014 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

C.R.A.L. Università. CAMPIONATO NAZIONALE DI TENNIS DEI DIPENDENTI DELLE UNIVERSITA' ITALIANE NAPOLI 27-31 agosto 2014

C.R.A.L. Università. CAMPIONATO NAZIONALE DI TENNIS DEI DIPENDENTI DELLE UNIVERSITA' ITALIANE NAPOLI 27-31 agosto 2014 C.R.A.L. Università Napoli Federico II CAMPIONATO NAZIONALE DI TENNIS DEI DIPENDENTI DELLE UNIVERSITA' ITALIANE NAPOLI 27-31 agosto 2014 27 CAMPIONATO A SQUADRE ASSOLUTI MASCHILE E FEMMINILE 7 CAMPIONATO

Dettagli

CATEGORIE D ETA E NORME DI TESSERAMENTO SPORT DI SQUADRA CALCIO A 11

CATEGORIE D ETA E NORME DI TESSERAMENTO SPORT DI SQUADRA CALCIO A 11 1 CATEGORIE D ETA E NORME DI TESSERAMENTO SPORT DI SQUADRA CALCIO A 11 istituzionale di Calcio a 11. tempi di gioco Ragazzi Under 14 25 minuti Allievi Under 16 30 minuti Juniores Under 18 30 minuti Open

Dettagli

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out Comitato di Como Regolamento CALCIO D. Time-Out Verrà applicato in tutte le categorie, anche in quelle che non rientrano nei Campionati Nazionali. Ogni squadra potrà richiedere una sospensione di 2 per

Dettagli

FIPAV SETTORE SCUOLA E PROMOZIONE

FIPAV SETTORE SCUOLA E PROMOZIONE Comitato Provinciale di Modena FIPAV SETTORE SCUOLA E PROMOZIONE Via Giardini, 470/H - 41124 Modena (MO) - Tel. 059/8752312 327 - Fax 059/8754944 email: giovanile @ fipav.mo.it Responsabile settore CRISTINA

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Tutte le disposizioni riportate devono essere intese come norme di attuazione dei Regolamenti Federali e per

Dettagli

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Fipav Monza Brianza VADEMECUM GARE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Il presente fascicolo è parte integrante delle Circolari di Indizione

Dettagli

E IMPOSSIBILE GIOCARE IL VENERDI

E IMPOSSIBILE GIOCARE IL VENERDI INDIZIONE CAMPIONATO di SECONDA DIVISIONE FEMMINILE 2015/2016 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Organizzativa Gare di Torino organizza il campionato di Prima Divisione Femminile.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI REGOLAMENTO DEI GIOCATORI Approvato dal Consiglio Federale il 3 settembre 2013 L attività dei giocatori è disciplinata dal Regolamento dei Giocatori, dal Regolamento delle Competizioni e da altre specifiche

Dettagli

REGOLAMENTO PALLAVOLO

REGOLAMENTO PALLAVOLO REGOLAMENTO PALLAVOLO STAGIONE 2009/2010 in vigore dal 1 settembre 2009 PREMESSA: Il regolamento è uno strumento atto a garantire nel migliore dei modi lo svolgimento dell attività in sintonia con le scelte

Dettagli

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI REGIONALI 14-15 COMITATO REGIONALE TOSCANA Aggiornamento al 25 agosto 2014

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI REGIONALI 14-15 COMITATO REGIONALE TOSCANA Aggiornamento al 25 agosto 2014 1) Notizie Utili Riaffiliazione Comunicazioni Posta Elettronica Abbinamenti e Slogan Pubblicitari Tesseramento Allenatori Parità in Classifica Palloni Omologati Spostamento e Recupero Gare Tracciatura

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO SPORTIVO

REGOLAMENTO TECNICO SPORTIVO REGOLAMENTO TECNICO SPORTIVO (edizione 2015 aggiornamento in Atti ufficiali n. 6/2015 ) INDICE LIBRO PRIMO REGOLE GENERALI TITOLO I DISPOSIZIONI COMUNI Articolo 1 Discipline gestite dalla F.I.T pag. 4

Dettagli

CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D. Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 2/7/13

CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D. Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 2/7/13 CU 4 del 10/10/2013 CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 2/7/13 Si trasmettono in allegato i calendari definitivi

Dettagli

Prata & Mastrale House of Tailoring LAWYERS TENNIS CUP

Prata & Mastrale House of Tailoring LAWYERS TENNIS CUP Prata & Mastrale House of Tailoring LAWYERS TENNIS CUP REGOLAMENTO DEL TORNEO Articolo I. FORMULA DEL TORNEO Il torneo Prata & Mastrale House of Tailoring Turin Lawyers Tennis Cup (di seguito, il Torneo

Dettagli

Inizio 21 ottobre 2012 termine 19 maggio 2013

Inizio 21 ottobre 2012 termine 19 maggio 2013 CAMPIONATO UNDER 14 FEMMINILE ANNO SPORTIVO 2012/2013 Competenza Ufficio Gare Regionale - Firenze FORMULA Su esplicita richiesta del Responsabile Tecnico Territoriale della categoria, in occasione della

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2016

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2016 CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2016 SERIE C Specialità RAFFA 1 1 PREMESSA 2 NORME GENERALI 3 REGOLAMENTO TECNICO 1.0 PREMESSA 1.1 Al campionato partecipano le Società che hanno acquisito il diritto di rimanere

Dettagli

Oggetto: Norme amministrative e organizzative stagione agonistica 2005/2006.

Oggetto: Norme amministrative e organizzative stagione agonistica 2005/2006. Roma, 22 giugno 2005 A Tutte le società dei Campionati Nazionali Ai Comitati Regionali FIPAV Ai Comitati Provinciali FIPAV Alle Leghe Nazionali Pallavolo TRASMISSIONE VIA FAX ed E-MAIL Oggetto: Norme amministrative

Dettagli

DISPOSIZIONI TECNICHE Regolamenti Vari 2014. Specialità Volo

DISPOSIZIONI TECNICHE Regolamenti Vari 2014. Specialità Volo DISPOSIZIONI TECNICHE Regolamenti Vari 2014 Specialità Volo 1 Il presente Regolamento annulla e sostituisce tutti i precedenti e altresì annulla tutte le deroghe eventualmente concesse. 1) Attività della

Dettagli

www.uisp.it/reggiocalabria Tel. 3334080052 calciouisprc@gmail.com 3290005131 calciogiovanileuisp@libero.it Stagione Sportiva 2013-2014

www.uisp.it/reggiocalabria Tel. 3334080052 calciouisprc@gmail.com 3290005131 calciogiovanileuisp@libero.it Stagione Sportiva 2013-2014 Lega Calcio UISP Via Sbarre Centrali, 411 89132 REGGIO CALABRIA www.uisp.it/reggiocalabria Tel. 3334080052 calciouisprc@gmail.com 3290005131 calciogiovanileuisp@libero.it 3357652806 Stagione Sportiva 2013-2014

Dettagli

PIGIESSIADI. 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO A 5 CATEGORIA MICRO-MINI

PIGIESSIADI. 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO A 5 CATEGORIA MICRO-MINI Categorie e limiti di età. MICRO - MINI 2004/2005/2006/2007 PROPAGANDA 2002/2003 UNDER 15 2000/2001 UNDER 18 1997/1998/1999 LIBERA 1996 e prec. PIGIESSIADI 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO

Dettagli

CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE

CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE Il Comitato Provinciale della Lega Calcio UISP di Modena, indice ed organizza per la stagione sportiva 2014/2015, l attività di Campionato per le seguenti categorie con

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015 Allegato n. 2 Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015 A ) TASSA DI AFFILIAZIONE, ASSOCIAZIONE E VARIAZIONE DI ELEMENTI DELLA PERSONALITÀ DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE 1) Affiliazione a) Domanda

Dettagli

Federazione Italiana Pallavolo Comitato Regionale Emilia Romagna Commissione Beach Volley INDIZIONE

Federazione Italiana Pallavolo Comitato Regionale Emilia Romagna Commissione Beach Volley INDIZIONE INDIZIONE Circuito Regionale GIOVANILE UNDER 21 di Beach Volley 2014 Fipav Emilia Romagna Pag. 1 Art. 1 Introduzione 1. Il indice, in collaborazione con i Comitati Provinciali della Regione, un Circuito

Dettagli

STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI

STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI STAGIONE AGONISTICA 2014/2015 GUIDA PRATICA CIRCOLARE DI ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI FEDERALI Tutte le disposizioni riportate devono essere intese come norme di attuazione dei Regolamenti Federali e per

Dettagli

Sommario. Regolamento del Trofeo Lombardia Pagina 1

Sommario. Regolamento del Trofeo Lombardia Pagina 1 Trofeo Lombardia Regolamento Sommario Trofeo Lombardia Regolamento... 1 Premessa... 2 Articolazione del torneo... 3 Serie Top... 4 Serie Pioneer... 6 Iscrizioni... 9 Squadre e formazioni... 10 Norme tecniche

Dettagli

CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D. Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 8/7/14

CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D. Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 8/7/14 CU 5 del 2/10/2014 CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 8/7/14 Si trasmettono in allegato i calendari definitivi

Dettagli

NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016

NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016 Centro Sportivo Italiano Commissione Pallavolo NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016 ART. 1 ISCRIZIONE Per poter partecipare all attività organizzata dalla Commissione Pallavolo è necessario essere

Dettagli

GIUDICI ARBITRI DSR 2010 PIEMONTE

GIUDICI ARBITRI DSR 2010 PIEMONTE GIUDICE ARBITRO... 3 POSTICIPI/ANTICIPI/RINUNCE:... 3 GIOCATORI NON INSERITI IN FORMAZIONE ALL'ATTO DELL'ISCRIZIONE:... 3 Campionato degli Affiliati:... 3 STRANIERO:... 3 Campionati di settore d'età:...

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale Stagione Sportiva 2013/2014 (da redigere su carta intestata della Società

Dettagli

La lista elettronica 1.0

La lista elettronica 1.0 La lista elettronica 1.0 L articolo La Lista Elettronica N-R-G, ex articolo 48 R.E. Gare, contiene i dati anagrafici e federali degli atleti, degli allenatori e dei dirigenti, nonché l indicazione della

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO Regolamento Campionato serie C regionale A.S. 2014/2015 Formula di svolgimento: Fase di qualificazione. Fase ad orologio. Play-off. Fase di

Dettagli

-SERIE A- 3)COMPOSIZIONE SQUADRE

-SERIE A- 3)COMPOSIZIONE SQUADRE -SERIE A- La Federazione Italiana Biliardo Sportivo, Sezione Stecca, organizza il 8 Campionato Italiano a squadre Serie A che si svolgerà sui biliardi internazionali con biglie da 63.2. 1)Tutte le società

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2015

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2015 CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2015 SERIE A Specialità RAFFA Anno Sportivo 2015 1 1 PREMESSA 2 NORME GENERALI 3 REGOLAMENTO TECNICO 1.0 PREMESSA 1.1 Al campionato partecipano le Società che hanno acquisito

Dettagli

Comunicato Ufficiale N. 037

Comunicato Ufficiale N. 037 Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N. 037 1. Comunicazioni della F.I.G.C. 2. Comunicazioni della L.N.D. 3. Comunicazioni della Divisione Calcio a Cinque ATTIVITA NAZIONALE STAGIONE SPORTIVA

Dettagli

IPOTESI DI RIFORMA DEL VINCOLO SPORTIVO

IPOTESI DI RIFORMA DEL VINCOLO SPORTIVO SCHEDA N. 1 IPOTESI DI RIFORMA DEL VINCOLO SPORTIVO Norme da modificare: Regolamento organico. Tempi previsti: Approvazione del Consiglio Federale entro dicembre 2014, entrate in vigore 1 luglio 2015.

Dettagli

Campionati Italiani Hockey SERIE B MASCHILE

Campionati Italiani Hockey SERIE B MASCHILE 1 Prot. 839 del 2 settembre 2014 Campionati Italiani Hockey SERIE B MASCHILE NORME ORGANIZZATIVE FEDERALI ANNUALI Anno Sportivo 2014 / 2015 Approvate con Delibera del Presidente nr. 69 del 29/08/2014 Per

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2010/2011 Al fine di perseguire una sempre più corretta

Dettagli

www.fantascudetto.it www.fantacalcio.it REGOLAMENTO FANTACALCIO UNIONE FANTACALCIO ON-LINE

www.fantascudetto.it www.fantacalcio.it REGOLAMENTO FANTACALCIO UNIONE FANTACALCIO ON-LINE www.fantascudetto.it www.fantacalcio.it REGOLAMENTO FANTACALCIO UNIONE FANTACALCIO ON-LINE Stagione 2008 2009 I N D I C E # ARTICOLO 1 - PREMESSA.................................................. pag.

Dettagli

5 TORNEO ESTIVO 2015 ESTIVO

5 TORNEO ESTIVO 2015 ESTIVO 5 TORNEO ESTIVO 2015 ESTIVO CON FORMULA A COLORI + HANDICAP E JOLLY PROGRAMMA E REGOLAMENTO ART. 1 ORGANIZZAZIONE Il Circolo Tennis A. Ronconi, indice ed organizza un Torneo Estivo di Tennis maschile e

Dettagli

Campionati Italiani Hockey SERIE A FEMMINILE

Campionati Italiani Hockey SERIE A FEMMINILE 1 Prot. 967 del 2 ottobre 2014 Campionati Italiani Hockey SERIE A FEMMINILE NORME ORGANIZZATIVE FEDERALI ANNUALI Anno Sportivo 2014 / 2015 Approvate con Delibera del Presidente nr. 81 del 01/10/2014 Per

Dettagli

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out Comitato di Como Regolamento CALCIO D. Time-Out Verrà applicato in tutte le categorie, anche in quelle che non rientrano nei Campionati Nazionali. Ogni squadra potrà richiedere una sospensione di 2 per

Dettagli

Comunicato Ufficiale N. 001

Comunicato Ufficiale N. 001 Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale N. 001 1. COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. 2. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. 3. COMUNICAZIONI DELLA DIVISIONE CALCIO A CINQUE 3.1.1 SITO INTERNET Si segnala che

Dettagli

CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE Serie A2 Edizione 2014/2015 Approvato con delibera n. 229 Consiglio Federale del 30.09.2014

CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE Serie A2 Edizione 2014/2015 Approvato con delibera n. 229 Consiglio Federale del 30.09.2014 CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE Serie A2 Edizione 2014/2015 Approvato con delibera n. 229 Consiglio Federale del 30.09.2014 Iscrizione Tassa Gara Sono ammesse al Campionato Nazionale di Pallanuoto Maschile

Dettagli

NOTIZIE E REGOLAMENTO CAMPIONATI PROVINCIALI

NOTIZIE E REGOLAMENTO CAMPIONATI PROVINCIALI 1 FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO Comitato Provinciale di Massa Carrara Prot.n. 121/10 Carrara, 17 luglio 2010 Spett. Società FIPAV interessate e p.c. Comm. Naz. Gare FIPAV Segreteria Generale Roma Egregi

Dettagli

CAPITOLO IV - Gare. Disposizioni Campionati Nazionali Iscrizione a Referto

CAPITOLO IV - Gare. Disposizioni Campionati Nazionali Iscrizione a Referto Disposizioni Campionati Nazionali Iscrizione a Referto CAMPIONATO Obbligo Under Limite Over Limite Prestiti Serie A2 Gold e Silver 3 nati 93e seg. vedi circolare(2) Non previsto Non previsto Serie B 3

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO Regolamento Campionato serie C regionale A.S. 2013/2014 Formula di svolgimento: fase di qualificazione, fase ad orologio più Play-off e eventuali

Dettagli

Indizione Campionati Giovanili 2015/2016

Indizione Campionati Giovanili 2015/2016 FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO COMITATO PROVINCIALE DI COMO A tutte le Società affiliate della Provincia di Como Loro sedi e.p.c. FIPAV Roma Organizzazione Territoriale Como 27 / 07 / 2015 FIPAV Lombardia

Dettagli

DISCIPLINA GARE DI PLAY OFF E DI PLAY OUT- STAGIONE 2012/2013.

DISCIPLINA GARE DI PLAY OFF E DI PLAY OUT- STAGIONE 2012/2013. DISCIPLINA GARE DI PLAY OFF E DI PLAY OUT- STAGIONE 2012/2013. Qui di seguito si riporta la normativa definitiva che disciplina l organizzazione della gare di Play-Off e di Play-Out Il Consiglio Direttivo

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO PRIMO CAMPIONATO DILETTANTI 2011-2012 O CAMPIONATO DI SVILUPPO STRALCIO DEL COMUNICATO UFFICIALE n.498 del 24 gennaio 2011 Consiglio Federale n.4 - Roma, 21 e 22 gennaio

Dettagli

Centro Sportivo Italiano Comitato di Milano REGOLAMENTI 2010/2011

Centro Sportivo Italiano Comitato di Milano REGOLAMENTI 2010/2011 CALCIO A 5 ATTIVITA' ORGANIZZATA Viene organizzata la seguente attività per la stagione 2010/2011 1) OPEN: Campionato Provinciale Eccellenza e Categoria A per atleti nati nel 1995 e precedenti 2) Torneo

Dettagli

MODIFICHE E CHIARIMENTI regolamento generale pallanuoto - stagione agonistica 2010-2011

MODIFICHE E CHIARIMENTI regolamento generale pallanuoto - stagione agonistica 2010-2011 MODIFICHE E CHIARIMENTI regolamento generale pallanuoto - stagione agonistica 2010-2011 RPN 3 RINUNCE ED AMMISSIONI In caso di mancata iscrizione ad un Campionato di una Società avente diritto di partecipazione

Dettagli

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI REGIONALI 13-14 COMITATO REGIONALE TOSCANA Aggiornate al Consiglio Regionale del 3 luglio 2013

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI REGIONALI 13-14 COMITATO REGIONALE TOSCANA Aggiornate al Consiglio Regionale del 3 luglio 2013 DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI REGIONALI 13-14 COMITATO REGIONALE TOSCANA Aggiornate al Consiglio Regionale del 3 luglio 2013 1) Notizie Utili Riaffiliazione Comunicazioni Posta Elettronica Abbinamenti

Dettagli

NORME DI PARTECIPAZIONE ALLE MANIFESTAZIONI UFFICIALI DI CALCIO, CALCIO A 7/8 E CALCIO A 5 STAGIONE 2015/2016

NORME DI PARTECIPAZIONE ALLE MANIFESTAZIONI UFFICIALI DI CALCIO, CALCIO A 7/8 E CALCIO A 5 STAGIONE 2015/2016 NORME DI PARTECIPAZIONE ALLE MANIFESTAZIONI UFFICIALI DI CALCIO, CALCIO A 7/8 E CALCIO A 5 STAGIONE 2015/2016 Art. 1 Partecipazione degli atleti tesserati con la F.I.G.C. (Federazione Italiana Gioco Calcio)

Dettagli

Campionato Serie C Regionale

Campionato Serie C Regionale Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA Fax: 0965 598440 -Tel: 0965 598441 e-mail: ufficiogare@fip.it internet: www.fip.it/calabria COMUNICATO UFFICIALE

Dettagli

REGOLAMENTO GARE. (Delibera del Consiglio Federale N 159/02 e Delibera Presidenziale N15/03 valido dalla stagione 2003-2004)

REGOLAMENTO GARE. (Delibera del Consiglio Federale N 159/02 e Delibera Presidenziale N15/03 valido dalla stagione 2003-2004) REGOLAMENTO GARE (Delibera del Consiglio Federale N 159/02 e Delibera Presidenziale N15/03 valido dalla stagione 2003-2004) TITOLO PRIMO ORGANIZZAZIONE CAMPIONATI E TORNEI SEZIONE PRIMA ORGANIZZAZIONE

Dettagli

CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B-

CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B- 50 CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B- 1) Il territorio Nazionale viene suddiviso in due zone per contenere i costi delle trasferte delle Squadre e consentire l iscrizione al numero più alto possibile di formazioni:

Dettagli

Campionato di Calcio a 11

Campionato di Calcio a 11 Campionato di Calcio a 11 Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale n 1 del 01/08/2014 U.I.S.P. - Lega Calcio Via Catenaia, 12-52100 Arezzo Tel. 0575/295475 - Fax 0575/28157 Sito Lega Calcio: www.calciouisparezzo.it

Dettagli

Indizione Campionati Giovanili 2014/2015

Indizione Campionati Giovanili 2014/2015 FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO COMITATO PROVINCIALE DI COMO A tutte le Società affiliate della Provincia di Como Loro sedi e.p.c. FIPAV Roma Organizzazione Territoriale Como 31 / 07 / 2014 FIPAV Lombardia

Dettagli