I tesserati Under 10 possono partecipare al solo Campionato del proprio settore di età.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I tesserati Under 10 possono partecipare al solo Campionato del proprio settore di età."

Transcript

1 NUOVA EDIZIONE REGOLAMENTO CAMPIONATI A SQUADRE (RCS) Applicazione nuove norme da gennaio 2014 (in corsivo modifiche ed integrazioni rif. Atti Ufficiali FIT circolari n. 8/9/10 agosto/settembre/ ottobre 2013) NUOVE DEFINIZIONI (art.1) Lista dei giocatori: è il modulo immodificabile per i Campionati maggiori (serie A1, A2, B e divisione regionale serie C) modificabile o integrabile per la serie D e Campionati giovanili e veterani. Comprende i giocatori legittimati a partecipare al Campionato che l affiliato intende utilizzare e che presenta all atto di iscrizione della squadra al Campionato. (esempio: si possono iscrivere due stranieri, ma in formazione ce ne può stare solo uno oppure tre variati ma in formazione ce ne può stare solo uno, ecc.). Vivaio: giocatori che abbiano posseduto la tessera FIT atleta U10,12,14,16 dell affiliato che rappresentano per almeno due anni anche non consecutivi compreso quello in corso. 8+: giocatore tesserato atleta per l affiliato che rappresenta da almeno 8 anni consecutivi precedenti a quello in corso che con quest ultimo fanno 9 anni consecutivi. Variato: giocatore che non è stato tesserato entro il 30/06 dell anno precedente per l affiliato che rappresenta e che non ha disputato il Campionato con lo stesso affiliato. Limitato: giocatore tesserato atleta per l affiliato che rappresenta da meno di 8 anni consecutivi o straniero o non in possesso dei requisiti di cui ai punti Vivaio e 8+. LIMITAZIONE PARTECIPAZIONE TESSERATI E UNDER 10 (artt.8, 68, 69 e 70) Ciascun tesserato può partecipare nell anno a due Campionati a squadre: il Campionato degli affiliati e ad un solo Campionato dei settori di età o manifestazione nazionale. I Campionati giovanili sono distinti in: Under 18, 16, 14 e 12 maschili e femminili. Ogni incontro intersociale di questi Campionati si gioca con la formula di due singolari ed un doppio. È istituito anche il Campionato Under 10 (unico) ed ogni incontro intersociale si disputa con la seguente formula mista: un singolare maschile, un singolare femminile ed un doppio misto. I tesserati Under 10 possono partecipare al solo Campionato del proprio settore di età. Il Campionato Under 10 si gioca al meglio delle tre partite a sei giochi pari con l adozione del punteggio senza vantaggi NO-AD. In tutti gli incontri individuali di singolare e doppio del Campionato Under 10 in luogo della eventuale terza partita si gioca un tie-break decisivo sostitutivo a dieci punti (sempre con il vantaggio di due punti). La disputa del Campionato Under 10 è limitata alla sola fase regionale. PARTECIPAZIONE GIOCATORI STRANIERI (art.9) La loro partecipazione per la serie A1, A2, B e divisione regionale serie C (nota: la serie C, ancorché preveda una fase nazionale, è pur sempre considerata come divisione regionale) è consentita nel numero di uno per ciascuna formazione di ogni squadra presentata al GAC

2 anche se diverso da quello già incluso nelle formazioni precedenti. Per le divisioni della serie D valgono le indicazioni di ciascun Comitato Regionale. La loro partecipazione non è mai consentita nei Campionati giovanili, nei Campionati veterani Over35M, 45M, Over40F e nelle manifestazioni nazionali: Over40M, Over45F lim. a 4.5, Over45M lim. a 4.3, Over50M/F, Over55M, Over60M, Over65M e Over70M. ISCRIZIONE DELLA SQUADRA (art.11) La domanda di iscrizione al Campionato deve comprendere la lista dei giocatori che si intendono utilizzare per quella squadra e che devono essere: 1) pari al numero dei giocatori necessari a disputare tutti gli incontri previsti dalla formula del Campionato utilizzando gli stessi giocatori per i singolari e per i doppi (esempio: in serie C maschile è quattro) con le caratteristiche e le limitazioni indicate per ogni Campionato (esempi: un giocatore Under 12 non può partecipare al Campionato U16; un giocatore iscritto nella lista della serie D non può partecipare alla serie C del medesimo affiliato perché in questo caso è come se fossero due Campionati di due affiliati diversi, ecc.). 2) pari al massimo del doppio del numero dei giocatori (esempio: per la serie C maschile è 16 necessari a disputare tutti gli incontri utilizzando giocatori diversi sia per i singolari sia per i doppi) ma con i requisiti indicati per ogni Campionato (esempio: con riferimento alla lista dei giocatori, a stranieri, variati, limitati, vivaio e 8+). La lista dei giocatori dopo l iscrizione può - nella serie D, nei Campionati giovanili, veterani e relative manifestazioni nazionali - non può - nelle altre divisioni del Campionato degli affiliati - essere modificata o integrata secondo le previsioni di ogni singolo Campionato. OBBLIGHI DELL AFFILIATO OSPITANTE (art.22) L affiliato ospitante deve mettere a disposizione del GAC per ogni incontro intersociale almeno due arbitri tesserati FIT o iscritti all Albo, salvo diversa esplicita previsione per il singolo Campionato (esempio: nella serie D e nei Campionati di settore (giovanili e veterani) in loro assenza il GAC applica il CASA Codice di arbitraggio senza arbitro). Negli incontri intersociali del Campionato degli affiliati - divisioni regionali serie D - e dei Campionati giovanili, veterani e relative manifestazioni nazionali, l affiliato ospitante deve mettere a disposizione un GAC di livello 1. (nota: stante la eventuale non disponibilità del GAC1 di casa, l affiliato può coinvolgere altro GAC1 o GAC di livello 2/3 indicandolo al FUP). Deve inoltre fornire almeno quattro palle nuove per ciascun incontro individuale di marca e tipo dichiarati all atto della iscrizione. Possono essere utilizzate palle di marca e tipo diversi solo se vi è l accordo sottoscritto dai capitani che il GAC allega al referto. ASSENZA DEGLI ARBITRI (art.33) Se sono assenti gli arbitri il GAC: 1) segnala il caso al Giudice Sportivo ed assegna la vittoria alla squadra avversaria con il massimo punteggio negli incontri di serie A1, A2, B e nella fase nazionale serie C; 2) negli incontri della fase regionale della serie C, nei Campionati di settore e nelle manifestazioni nazionali veterani, il GAC segnala il caso al GS per l applicazione della sanzione pecuniaria nel minimo secondo le disposizioni vigenti. Ma solo in questi casi, cioè

3 quando non sia possibile l arbitraggio, il GAC adotta il Codice di arbitraggio senza arbitro. Per la sola serie D quando non sia possibile l arbitraggio, il GAC adotta il Codice di arbitraggio senza arbitro ma non segnala il caso al GS per l applicazione della sanzione pecuniaria nel minimo secondo le disposizioni vigenti ASSENZA DEI GIOCATORI (art.37) Quando un giocatore, presente ad una fase delle operazioni preliminari, non si presenta pronto per giocare all ora fissata dal GAC per l inizio del suo incontro individuale, questo è vinto dall avversario. Il giocatore assente alla prima o seconda fase delle operazioni preliminari o assente quando è chiamato per il suo incontro di singolare, può partecipare ai successivi incontri di doppio in programma purché presente alle rispettive fasi delle operazioni preliminari. RECLAMI (art.45) Devono essere presentati, in materia tecnica (esempio: abbinamento singolaristi, ordine valori singolaristi, giocatori in formazione ma non in lista, identità giocatori, ecc.) entro 30 minuti dal momento in cui il reclamante ha avuto conoscenza del fatto causa del reclamo. In tutti gli altri casi (esempio: organizzativi, economici e morali o altro al di fuori della legittimità di partecipazione alla gara o allo svolgimento dell incontro intersociale) entro 30 minuti dal fatto a cui si riferiscono, ma non oltre 30 minuti dal termine dell incontro intersociale se si riferiscono a fatti accaduti dopo il termine dell incontro stesso. FORMULA DEGLI INCONTRI DI DOPPIO (art.50) 1) Negli incontri di serie A1 gli incontri di doppio si disputano con il NO-AD e sul punteggio di una partita pari in luogo della terza partita si gioca un tie-break decisivo a 10 punti; 2) nella serie A2, B e divisioni regionali serie C (vedi nota art.9) gli incontri di doppio si giocano al meglio delle tre partite con tie-break a sette punti in tutte le partite. 3) nelle divisioni regionali serie D, ad eccezione dei gironi finali, in luogo della eventuale terza partita si gioca un tie-break decisivo dell incontro a 10 punti. LIMITAZIONI ALLA PARTECIPAZIONE DEI TESSERATI (art.52) Nella serie A1, A2, B e divisioni regionali serie C la partecipazione dei seguenti giocatori è limitata ad uno in ciascuna formazione presentata al GAC di ciascun incontro intersociale anche se diverso da quello già incluso nelle precedenti formazioni ma compresi nella lista: 1) giocatori stranieri; 2) giocatori variati. In ogni caso le limitazioni non si applicano: a) ai nuovi affiliati dal 1 gennaio dell anno precedente ammessi per la prima volta al Campionato; b) ai giocatori del vivaio; c) ai giocatori 8+; d) ai giocatori che pur non tesserati entro il 30 giugno dell anno precedente per l affiliato che rappresentano, hanno posseduto l ultima tessera atleta per il medesimo affiliato; e) ai giocatori italiani tesserati per la prima volta in Italia ma che non siano stati tesserati per federazioni straniere;

4 f) alla giocatrice che sostituisce un altra giocatrice di classifica pari o superiore in stato di gravidanza accertata dopo la scadenza delle iscrizioni. Nel caso in cui vi sia il possesso contemporaneo di più requisiti tra quelli sopra elencati, il giocatore è valutato come segue: a) lo straniero è sempre considerato come tale anche se appartenente al vivaio; b) il variato che sia anche del vivaio non è soggetto alle limitazioni: (esempio: in questo caso in formazione ci possono stare più variati appartenenti al vivaio ed un altro variato non facente parte del vivaio); c) lo straniero che sia anche variato è soggetto ad entrambe le limitazioni (esempio: se in formazione vi è un altro variato o un altro straniero, lo straniero variato NON può giocare né da straniero né da variato. Lo straniero/variato, cumulando i due requisiti, può giocare da straniero o da variato solo se in formazione non sia incluso né un altro variato né un altro straniero. AMMISSIONE E COMPOSIZIONE DELLA SQUADRA (art.53) Gli affiliati partecipanti alla serie A1, A2, B e divisione regionale serie C debbono inserire obbligatoriamente nella lista all atto della iscrizione e nella formazione della squadra da presentare al GAC : 1) per la serie A1, A2 e B maschile, almeno due giocatori del vivaio di cui almeno uno di età inferiore ai 30 anni calcolati dal 1 gennaio dell anno in corso o, in sostituzione del secondo, un giocatore 8+. Di questi giocatori, anche non gli stessi, ne debbono essere inseriti almeno due sia nella formazione dei singolaristi sia nella formazione dei doppisti ed almeno uno nella formazione dell eventuale doppio supplementare; 2) per la serie A1, A2 e B femminile, almeno una giocatrice del vivaio od una giocatrice 8+; almeno una di esse, anche non la stessa, deve essere inserita sia nella formazione delle singolariste sia in quella del doppio compreso l eventuale doppio supplementare; 3) per la divisione regionale serie C maschile e femminile almeno un giocatore o una giocatrice del vivaio od un giocatore od una giocatrice 8+. Almeno uno/a di essi/e, anche non lo/a stesso/a deve essere inserito/a sia nella formazione degli incontri di singolare sia in quella dei doppi compreso l eventuale doppio supplementare. Nota: la tabella all interno dell art. 53 definisce la composizione delle squadre con le caratteristiche e le limitazioni per la inclusione di giocatori e le tipologie in esse indicate. I giocatori tesserati sin dall affiliazione per un affiliato da meno di nove anni sono considerati come tesserati al nono anno di tesseramento consecutivo. Per la sola divisione serie D i giocatori componenti la lista presentata all atto della iscrizione al Campionato possono essere integrati fino al massimo del doppio del numero dei giocatori necessari per disputare tutti gli incontri (esempio: per la nostra serie D3 possono essere al massimo dieci) previsti utilizzando nominativi diversi sia per i singolari sia per i doppi solo da giocatori che abbiano una classifica uguale o inferiore a quella del giocatore di più bassa classifica inserito nella predetta lista. COMPOSIZIONE DI PIU SQUADRE ISCRITTE (art.55) Fatta eccezione per la serie A1, lo stesso giocatore non può essere utilizzato per l iscrizione di due o più squadre della medesima o di divisioni diverse.

5 Il passaggio da una squadra all altra, nel Campionato degli affiliati, non è mai consentito. Per le sole divisioni regionali serie D, il giocatore non inserito in alcuna squadra può essere incluso nella formazione di qualsiasi altra squadra fermi restando i limiti previsti dall art.53 c5 precedentemente descritti. L appartenenza di un giocatore ad una squadra è determinata dalla sua inclusione nella lista (iscrizione), ma per le sole divisioni regionali della serie D anche dalla sua inclusione nella formazione presentata al GAC (vedi esempio del può o non può - rif. art.11 c4). In caso di partecipazione ad una divisione nazionale del Campionato degli affiliati oltre ad altre di divisione regionale, nella lista da indicare all atto della iscrizione si devono includere nella serie superiore i quattro giocatori e le tre giocatrici con la migliori classifica(esempio: se un affiliato si iscrive alla serie C maschile - che parte dalla fase regionale - ed alla serie B maschile - che è una divisione nazionale - quest ultima deve avere i quattro giocatori con la migliore classifica). La composizione delle squadre non è vincolata alla classifica dei giocatori, ma nella lista e nella formazione presentata al GAC si deve indicare (rif. tabella art.53): a) il numero dei giocatori che rientrano nelle limitazioni, cioè non appartenenti al vivaio e non 8+, con le loro eventuali caratteristiche (stranieri, variati, ecc.); b) il numero dei giocatori che non rientrano nelle limitazioni con la segnalazione se si tratta di vivaio, Over30 o Under30 o di 8+. ASSENZA DEGLI UFFICIALI DI GARA (art.61) Per le sole divisioni serie D: 1) se è assente il GAC1 indicato dall affiliato ospitante e non sia sostituito da altro GAC, l affiliato perde l incontro intersociale ed è soggetto a sanzione pecuniaria; 2) in serie D non vi è più l obbligo di mettere a disposizione gli arbitri. Il GAC in assenza dell arbitro applicherà il CASA, ma non segnala il caso al GS (v. art. 33 c2b). CAMPIONATI GIOVANILI FASI DI SVOLGIMENTO DEI CAMPIONATI (ART.69). Ad eccezione degli altri Campionati giovanili, la disputa del Campionato Under 18 (e anche Under 10) è limitata alla sola fase regionale. FORMULA DEGLI INCONTRI INTERSOCIALI ED INDIVIDUALI (art.70) Negli incontri di doppio maschile e femminili si adotta il seguente metodo di punteggio: 1) nella fase regionale, ad eccezione dei gironi finali, sul punteggio di una partita pari si gioca un tie-break decisivo al dieci punti sostitutivo della terza partita; 2) nella prima e seconda fase nazionale si gioca al meglio delle tre partite con tie-break a sette punti in tutte le partite. COMPOSIZIONE DI PIU SQUADRE ISCRITTE (art.73) La variazioni di classifica dei giocatori inclusi nella lista o nella formazione intervenute in corso d anno non hanno rilevanza, tenendosi conto della classifica posseduta al momento della iscrizione o della sua successiva inclusione, sia nel caso di più squadre iscritte del

6 medesimo settore sia per quanto riguarda l ordine dei valori che deve essere mantenuto per tutta la durata della fase regionale (esempio: nessun giocatore della squadra B deve essere di classifica superiore a quella dell ultimo componente della squadra A). ART. 75, 76, 79, 80, 81. Contengono le modalità organizzative delle fasi provinciali e regionali, di competenza del CRL e delle fasi nazionali, di competenza della FIT, dei Campionati giovanili. ASSENZA DEL GIUDICE ARBITRO NELLE FASI REGIONALI (art.78) Se è assente il GAC 1 indicato dall affiliato ospitante non sarà possibile disputare l incontro e quest ultimo sarà soggetto a sanzione pecuniaria ed alla perdita dell incontro intersociale. Articolo 72 - Limitazioni alla partecipazione dei tesserati 1. I giocatori under trasferiti da altro affiliato non possono disputare i Campionati giovanili per l affiliato di destinazione per le due edizioni successive al trasferimento. 2. Qualora il trasferimento sia avvenuto in corso d anno, la limitazione si estende anche all edizione dei Campionati giovanili che dovesse ancora concludersi. 3. La limitazione non si applica ai giocatori la cui classifica, riferita all anno per cui si chiede il trasferimento, è uguale o inferiore a quella indicata nella seguente tabella: Campionato misto IV categoria NC, per gli under e le under 10 Campionato maschile Campionato femminile IV categoria 6 gruppo, per gli under 11 IV categoria 5 gruppo, per le under 11 IV categoria 5 gruppo, per gli under 12 IV categoria 4 gruppo, per le under 12 IV categoria 4 gruppo, per gli under 13 IV categoria 3 gruppo, per le under 13 IV categoria 3 gruppo, per gli under 14 IV categoria 2 gruppo, per le under 14 IV categoria 2 gruppo, per gli under 15 IV categoria 1 gruppo, per le under 15 IV categoria 1 gruppo, per gli under 16 III categoria 5 gruppo, per le under Le variazioni di classifica, sia in aumento sia in diminuzione, ottenute dopo il trasferimento, non hanno alcun effetto sulla predetta limitazione alla partecipazione o sulla sua non applicazione. 6. I giocatori stranieri non possono prendere parte ad alcun Campionato giovanile CAMPIONATI VETERANI Art.84. Negli incontri di doppio sul punteggio di una partita pari in luogo della terza partita si gioca un tie-break decisivo dell incontro a dieci punti. Art.86. I giocatori stranieri non possono partecipare a nessun Campionato ed a nessuna manifestazione nazionale per veterani. Le norme sulla composizione delle squadre e sulla assenza del GAC1 sono identiche a quelle dei Campionati giovanili. SQUADRE AMMESSE E REQUISITI (art. 85). La formazione della squadra presentata al GAC negli incontri della fase nazionale delle manifestazioni Over50 e Over55 maschili deve contenere almeno 3 giocatori e nel doppio deve partecipare almeno un giocatore diverso da quelli che hanno disputato i singolari. ART. 89, 90 e 91. Contengono l organizzazione delle fasi regionali e nazionali. La fase regionale Over50, 55 e 45 femminile non ha più la funzione di qualificare alla fase nazionale (facoltatività).

7 OBBLIGHI DI ISCRIZIONE E SCHIERAMENTO NEI CAMPIONATI GIOVANILI (art. 65 RCS) (per squadre partecipanti ad A1-A2-B) Gli affiliati che partecipano ad una divisione nazionale, sia maschile sia femminile, hanno l obbligo nello stesso anno, di iscrivere e schierare regolarmente nei Campionati giovanili, maschili o femminili: a) almeno cinque squadre, per chi disputa la serie A1; b) almeno quattro squadre, per chi disputa la serie A2; c) almeno tre squadre, per chi disputa la serie B. 6. Gli affiliati inadempienti non possono disputare nell anno successivo la divisione nazionale, sia maschile sia femminile, per la quale hanno conseguito il diritto sulla base dei risultati della serie disputata, ma possono disputare il Campionato nella serie inferiore, con la conseguenza che l inadempiente: a) se ha conseguito la promozione, resta nella serie nella quale ha disputato il Campionato; b) se ha conseguito la permanenza nella stessa serie, viene retrocesso nella serie inferiore; c) se è stato retrocesso, non subisce un ulteriore retrocessione. TITOLO II CAMPIONATI GIOVANILI CAPO I FASI E FORMULA Articolo 68 - Campionati 1. I Campionati giovanili sono distinti in: a) Campionato under 18, maschile e femminile; b) Campionato under 16, maschile e femminile; c) Campionato under 14, maschile e femminile; d) Campionato under 12, maschile e femminile; e) Campionato under 10, misto.

8 NOVITA OBBLIGO MINIMO LUX ILLUMINAZIONE ANCHE PER CAMPI ALL APERTO Articolo 20 RCS 2014 Campi 1. Gli incontri devono essere disputati sui campi denunciati all'atto dell'iscrizione dall affiliato ospitante o su quelli autorizzati dal Commissario di gara competente. 2. Qualora i campi denunciati siano inagibili per causa di forza maggiore, constatata dal Giudice arbitro, questi dispone l'effettuazione (o la prosecuzione) dell'incontro intersociale sui campi di riserva o su altri campi, come specificato nel regolamento di ogni Campionato. 3. Qualora siano utilizzati campi con la luce artificiale, l'illuminazione deve essere uniformemente distribuita sul campo, con un'intensità minima, risultante come media di 18 misurazioni equamente distribuite sul campo, di: a) 400 lux per impianti su cui si svolgono incontri del Campionato degli affiliati - divisioni nazionali di serie A1, maschile e femminile; b) 300 lux per incontri di ogni altra divisione od altro Campionato. 4. Il Giudice arbitro non fa iniziare o sospende il gioco se l'intensità dell'illuminazione, a suo giudizio, è insufficiente. 5. Il Giudice arbitro decreta la sconfitta, con il massimo punteggio consentito dalla formula del Campionato, della squadra dell'affiliato ospitante che non metta a disposizione i campi nel numero previsto e con le caratteristiche richieste ovvero sia responsabile della loro successiva inagibilità. Articolo 20 RCS 2013 Campi 1. Gli incontri devono essere disputati sui campi denunciati all'atto dell'iscrizione dall affiliato ospitante o su quelli autorizzati dal Commissario di gara competente. 2. Qualora i campi denunciati siano inagibili per causa di forza maggiore, constatata dal Giudice arbitro, questi dispone l'effettuazione (o la prosecuzione) dell'incontro intersociale sui campi di riserva o su altri campi, come specificato nel regolamento di ogni Campionato. 3. Qualora siano utilizzati campi coperti con la luce artificiale, l'illuminazione deve essere uniformemente distribuita sul campo, con un'intensità minima, risultante come media di 18 misurazioni equamente distribuite sul campo, di: a) 400 lux per impianti su cui si svolgono incontri del Campionato degli affiliati - divisioni nazionali di serie A1, maschile e femminile; b) 300 lux per incontri di ogni altra divisione od altro Campionato. 4. Il Giudice arbitro non fa iniziare o sospende il gioco se l'intensità dell'illuminazione, a suo giudizio, è insufficiente. 5. Il Giudice arbitro decreta la sconfitta, con il massimo punteggio consentito dalla formula del Campionato, della squadra dell'affiliato ospitante che non metta a disposizione i campi nel numero previsto e con le caratteristiche richieste ovvero sia responsabile della loro successiva inagibilità. REGOLE DI TENNIS Regola 1 Il campo (3) NOTA DELLA F.I.T. Illuminazione: quando una competizione si gioca con la luce artificiale, l'illuminazione deve essere uniformemente distribuita sul campo con un'intensità minima risultante come media di 18 misurazioni equamente distribuite sul campo, di: lux per impianti su cui si svolge attività internazionale con riprese televisive; lux per impianti su cui si svolge attività agonistica di vertice (Tornei di prima categoria e Campionato degli affiliati divisioni nazionali di serie A1, maschile e femminile); lux per ogni altro tipo di impianto. Il Giudice arbitro ha l'autorità di non far iniziare o sospendere il gioco se l'intensità dell'illuminazione, a suo giudizio, è insufficiente.

9 Sintesi norme campionati a squadre serie A1-A2-B-C 2014 LISTA GIOCATORI : all atto dell iscrizione devono già essere indicati tutti i giocatori utilizzabili nel corso del campionato ( la rosa ), quindi non sono più ammessi gli integrati in corso d opera. MASSIMO GIOCATORI ISCRIVIBILI : 16 x serie A1-A2-B-C maschile (ma non più di 4 (6) giocatori limitati = non vivaio o 8+), 10 x serie A1-A2-B-C femminile (ma non + di 3 (4) giocatrici limitate =non vivaio o 8+). LIMITE MINIMO LUX ILLUMINAZIONE : esteso l obbligo anche per i campi all aperto (prima era solo al coperto) : 400 lux per la serie A1, 300 per le altre competizioni. OBBLIGO SCHIERAMENTO VINCOLATI NELLA SINGOLA GIORNATA : -Serie A1-A2-B maschile = in singolare minimo 1 vivaio under vivaio under 30 / o vivaio over 30 / o 8+ ; in doppio minimo 1 vivaio under vivaio under 30 / o vivaio over 30 / o 8+ ; doppio supplementare minimo 1 fra vivaio under 30 / o vivaio over 30 / o 8+ ; -Serie A1-A2-B femminile = in singolare minimo 1 vivaio / o 8+ ; in doppio minimo 1 vivaio / o 8+ ; doppio supplementare minimo 1 vivaio / o 8+ ; -Serie C maschile e femminile = in singolare minimo 1 vivaio / o 8+ ; in doppio minimo 1 vivaio / o 8+ ; doppio supplementare minimo 1 vivaio / o 8+. LIMITAZIONI FORMAZIONE NELLA SINGOLA GIORNATA : -Serie A1-A2-B maschile = massimo 1 straniero ; massimo 1 variato (trasferito, tesserato secondo semestre a.p.,nuovo tesserato); massimo 3 (4) giocatori limitati (di cui massimo 2 schierabili in singolare) ; -Serie A1-A2-B femminile = massimo 1 straniera ; massimo 1 variata (trasferita, tesserata secondo semestre a.p., nuova tesserata); massimo 2 (3) giocatrici limitate (di cui massimo 2 schierabili in singolare) ; -Serie C maschile = massimo 1 straniero ; massimo 1 variato (trasferito, tesserato secondo semestre a.p., nuovo tesserato); massimo 4 giocatori limitati (di cui massimo 3 schierabili in singolare) ; -Serie C femminile = massimo 1 straniera ; massimo 1 variata (trasferita, tesserata secondo semestre a.p., nuova tesserata); massimo 3 giocatrici limitate (di cui massimo 2 schierabili in singolare). *** evidenziate in rosso le possibili modifiche derivanti dalla nota FIT del 21/01/2014 Con l approssimarsi dell inizio del Campionato degli Affiliati 2014 è stata formulata, da parte dei consiglieri delegati al settore dei Campionati a Squadre, una proposta volta ad ampliare il numero massimo dei giocatori che, non rivestendo le particolari caratteristiche di atleti del vivaio od 8+, possono essere complessivamente schierati nelle divisioni, sia maschili sia femminili, di Serie A1, A2, B e C. La limitazione all impiego di tali giocatori sarebbe pertanto elevata a 6 per il Campionato maschile ed a 4 per il Campionato femminile. La proposta, che verrà discussa ed eventualmente approvata nella prossima riunione del Consiglio Federale, ha lo scopo di consentire agli affiliati partecipanti di poter praticare il turn over anche con i giocatori non del vivaio o non 8+. Allo stesso tempo, per le divisioni maschili di A1, A2 e B, ferme restando le disposizioni che prevedono l obbligo di schierare almeno due atleti del vivaio sia in singolare che in doppio, uno dei quali, in sostituzione dell eventuale over 30, può essere un giocatore 8+, sarebbe anche consentito schierare quattro diversi giocatori che non rivestono le particolari caratteristiche di atleti del vivaio od 8+, in ciascun incontro intersociale. VERSIONE AGGIORNATA ALLE NORME IN VIGORE AL

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Fipav Monza Brianza VADEMECUM GARE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Il presente fascicolo è parte integrante delle Circolari di Indizione

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

REGOLE DI TENNIS. Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014)

REGOLE DI TENNIS. Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014) REGOLE DI TENNIS Approvate dalla ITF International tennis federation (1) edizione 2015 (A.A.U.U. 11/12 di novembre - dicembre 2014) INDICE Prefazione pag. 2 Regola 1 Il campo pag. 3 Regola 2 - Arredi permanenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Regolamenti 2013: parti generali

Regolamenti 2013: parti generali Regolamenti 2013: parti generali Regole Generali Attraverso gli sport del nuoto, tuffi, sincronizzato, pallanuoto e nuoto in acque libere il programma Master deve promuovere il benessere, l'amicizia, la

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

REGOLE DI TENNIS Approvate dalla International tennis federation

REGOLE DI TENNIS Approvate dalla International tennis federation REGOLE DI TENNIS Approvate dalla International tennis federation (1) (1) NOTA. Eccetto quando è diversamente stabilito, ogni riferimento di queste Regole ai giocatori include anche le giocatrici. ... schema

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F MAGGIO 2015 VENERDÌ 1 ODERZO (TV) Piazza Grande XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F XIX Trofeo Mobilificio

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 www.federnuoto.piemonte.it nuoto@federnuoto.piemonte.it INDICE REGOLAMENTO ATTIVITÀ...pag.4 AVVERTENZE DI CARATTERE GENERALE...pag.5 ISCRIZIONI...pag.6 Norme generali...pag.6

Dettagli

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA FEDERAZIONE ITALIANA VELA Settore Programmazione Attività Sportiva Nazionale NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA Edizione 2009 (versione n. 15 con variazioni del 25.03)

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III Regolamento Organico F.I.N. INDICE TITOLO I CAPO I LE SOCIETA Art. 1 Affiliazione pag. 1 Art. 2 Domanda di affiliazione pag. 1 Art. 3 Domanda di riaffiliazione pag. 2 Art. 4 Accettazione della domanda

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

Comitato Regionale del Piemonte

Comitato Regionale del Piemonte Il Comitato Regionale ha programmato anche per quest anno il Progetto Giovani, il cui Regolamento Nazionale presenta una novità importante riguardante le sedi di svolgimento che saranno abbinate alle tappe

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Il Regolamento del Giuoco del Calcio corredato dalle Decisioni Ufficiali FIGC e dalla Guida Pratica AIA Edizione 2013 FEDERATION INTERNATIONALE DE FOOTBALL ASSOCIATION (FIFA)

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE C o m i t a t o P r o v i n c i a l e M e s s i n a Via Rossini, 4-98076 Sant'Agata Militello (Me) Tel. / Fax 0941/721948 e-mail: segreteria@pgsmessina - www.pgsmessina.it COMUNICATO UFFICIALE N 49 Stagione

Dettagli

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA Agg. al 31/10/2014 1 INDICE Calendario Attività Agonistica 2014-2015 e scadenze pag. 3 Norme

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO Parte I Attribuzioni, struttura e organizzazione del Settore Tecnico Art. 1 Attribuzioni e funzioni 1. Il Settore Tecnico della F.I.G.C., tenuto anche conto delle esperienze

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 Pagina 1 CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 FINALI NAZIONALI SERIE B MASCHILE DOCUMENTO INFORMATIVO PER IL TEAM MEETING Team Meeting Finali B Maschili Pagina 1 Pagina 2 Sommario 1 INTRODUZIONE...3

Dettagli

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013 Agg. Al 05 dicembre 2012 1 INDICE REGOLE GENERALI Specialità: definizione Attività: struttura Attività di singolo Coppie Artistico e Coppie Danza Categorie: singolo Formula Uisp Livelli Coppia artistico

Dettagli

Una Grande Famiglia per il Volley

Una Grande Famiglia per il Volley Una Grande Famiglia per il Volley il Notiziario della Settimana n.30 di lunedì 18 Maggio 2015 SOMMARIO : : Campionato Nazionale: Terminato!! : Campionato Regionale: 30a giornata pag.2,3 : Campionato Provinciale:

Dettagli

Ufficio Attività Agonistica Giudice Sportivo Territoriale

Ufficio Attività Agonistica Giudice Sportivo Territoriale F E D E R A Z I O N E I T A L I A N A G I U O C O H A N D B A L L P a l l a m a n o AREA TERRITORIALE LIGURIA PIEMONTE LOMBARDIA - VENETO - FRIULI V. G. Ufficio Attività Agonistica Giudice Sportivo Territoriale

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE

FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE Norme Integrative al Codice Internazionale del Bridge Edizione 2012 a cura di Maurizio Di Sacco Direttore della Scuola Arbitrale Italiana Modificata con Delibera del C.F.

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE CENTRO DI TRASMISSIONE DATI (CTD) DI STANLEYBET MALTA (SM) SUL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA.

REGOLAMENTO GENERALE CENTRO DI TRASMISSIONE DATI (CTD) DI STANLEYBET MALTA (SM) SUL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA. REGOLAMENTO GENERALE CENTRO DI TRASMISSIONE DATI (CTD) DI STANLEYBET MALTA (SM) SUL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA. 1) Il presente regolamento è valido dal 10.01.2012, sostituisce ogni altra precedente

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

1 REQUISITI DI PARTECIPAZIONE ISCRIZIONE PER ATLETI RESIDENTI IN ITALIA

1 REQUISITI DI PARTECIPAZIONE ISCRIZIONE PER ATLETI RESIDENTI IN ITALIA Regolamento Il Gruppo Sportivo Bancari Romani, sotto l egida della IAAF e della FIDAL, con il patrocinio di Roma Capitale e della Regione Lazio, indice ed organizza la 41ª edizione della Roma Ostia Half

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO

REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO REGOLAMENTO UFFICIALE FEDERAZIONE FANTACALCIO STAGIONE 2011 2012 INTRODUZIONE Qui di seguito trovate le Regole Ufficiali della Federazione Fantacalcio. Ogni anno, se necessario, vengono modificate e aggiornate

Dettagli

Campionati Regionali Giovanili. Comitato Regionale Toscana

Campionati Regionali Giovanili. Comitato Regionale Toscana Campionati Regionali Giovanili Comitato Regionale Toscana Arezzo, 9-6-2013 Lista iscritti alle gare Campionati Regionali Giovanili Partecipanti 1-30/59 N.Tess... Giocatore NS. Cod.soc. Societa SMG SFG

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

PPK SC PRIM THOUAR 4^A-fase di classe ASD TENNISTAVOLO NOVARA

PPK SC PRIM THOUAR 4^A-fase di classe ASD TENNISTAVOLO NOVARA ASD TENNISTAVOLO NOVARA Novara, 28/10/2013 Lista iscritti alle gare Partecipanti 1-18/18 N.Tessera Giocatore NS. Cod.soc. Societa SMG SFG 000000 MARTINISI Lorenzo 11 2130902783 SC PRIM THOUAR -4^A X 000000

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI.

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. REGISTRAZIONE: Cliccare su Registrati La procedura di registrazione prevede tre

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO 1 GENERALITA L Alta Scuola nasce in Italia nel XV sec. I tra i grandi maestri, i più noti ci sono: Giambattista Pignatelli,

Dettagli

In collaborazione con:

In collaborazione con: In collaborazione con: DAY CAMP Peschiera del Garda dal 15 al 20 giugno / dal 22 al 27 giugno / dal 29 giugno al 4 luglio Centro Sportivo Parc Hotel Paradiso Borgo Roma dal 15 al 20 giugno Centro Sportivo

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI 00187 Roma Via di San Basilio, 72 Tel. +39 06.42.00.84 Fax +39 06.42.00.84.44/5 www.cnpi.it cnpi@cnpi.it C.F. 80191430588 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA

NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI * * * * NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA E SCUOLE NUOTO FEDERALI * * * * STAGIONE 2014 2015 APPROVATA CON DELIBERA C.F. 7/7/2014 AGGIORNATA AL 07/10/2014 INDICE

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA divisione Quotidiani- con sede in via Rizzoli 8 20132 Milano (di seguito: Promotore )

SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA divisione Quotidiani- con sede in via Rizzoli 8 20132 Milano (di seguito: Promotore ) REGOLAMENTO ART.11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001,430 CONCORSO A PREMI DENOMINATO MAGIC+3 CAMPIONATO 2014-2015 PROMOSSO DALLA SOCIETA RCS MEDIAGROUP SPA MILANO CL 410/2014 SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

1 von 6 04.02.2012 18:49

1 von 6 04.02.2012 18:49 1 von 6 04.02.2012 18:49 Serie A Calendario Classifica Statistiche Squadre Alleghe Asiago Bolzano Cortina Fassa Pontebba Ritten Sport Valpellice Val Pusteria Vipiteno Serie A2 Classifica A2 Serie C Serie

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Federazione Italiana Nuoto. Propaganda-Scuole Nuoto Prot. AP/pr/ar/2013/8904 Roma 15 novembre 2014

Federazione Italiana Nuoto. Propaganda-Scuole Nuoto Prot. AP/pr/ar/2013/8904 Roma 15 novembre 2014 Federazione Sportiva Nazionale riconosciuta dal Coni Federazione Italiana Nuoto F.I.N.A. LE.N. I.LS.E. I.L.S. Propaganda-Scuole Nuoto Prot. AP/pr/ar/2013/8904 Roma 15 novembre 2014 Ai Presidenti dei Comitati

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

Oggetto: Offerta per l'acquisto dell'immobile sito in

Oggetto: Offerta per l'acquisto dell'immobile sito in MODELLO PER PERSONE FISICHE ACI SERVIZIO PATRIMONIO E APPROVVIGIONAMENTI Coordinamento e Controllo Gestione Immobili Via Marsala 8 00185 - Roma OFFERTA A TRATTATIVA PRIVATA Oggetto: Offerta per l'acquisto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

1 Campionato Provinciale 2012-13 C7. Calendario incontri UNICO

1 Campionato Provinciale 2012-13 C7. Calendario incontri UNICO 1 Campionato Provinciale 2012-13 C7 Calcio a 7 Calendario incontri UNICO Squadre partecipanti AMICI DEL LIDER-UDINESE AUGURESE-SAMPDORIA BOSETTI BOYS-MILAN DARIO-JUVENTUS 2 MAGLIA DREAM TEAM-LAZIO VENI

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE 1 INDICE INDICE...2 1. Date degli eventi... 2 2. Percorso... 3 3. L area dei Paddock... 4 4. Organizzazione... 5 5. Regolamento 12H Cycling Marathon... 6 Safety

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli