Le macchine semoventi per la movimentazione del terreno Norme di prevenzione contro gli infortuni sul lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le macchine semoventi per la movimentazione del terreno Norme di prevenzione contro gli infortuni sul lavoro"

Transcript

1 Le macchine semoventi per la movimentazione del terreno Francesco Botte Feltre (BL) Ottobre 2002

2 Introduzione Questo manuale ha lo scopo di portare a conoscenza dei conduttori dei mezzi d opera utilizzati per la movimentazione del terreno(pale ed escavatori) i pericoli che essi possono incontrare nello svolgimento del proprio lavoro. Di conseguenza portare a conoscenza degli operatori le misure di prevenzione e protezione necessarie. Gli strumenti operativi e i necessari approfondimenti per gli addetti alla gestione ed all uso dei mezzi d opera presenti all interno del manuale sono suddivisi in quattro capitoli: 1. Il mezzo d opera: nel capitolo relativo verranno analizzati i dispositivi di prevenzione minimi necessari per i mezzi d opera e per le attrezzature di lavoro utilizzate per i lavori di movimentazione meccanizzata del terreno; particolare attenzione verrà dedicata ai pericoli e ai rischi residui che il fabbricante e il progettista del macchinario non è riuscito ad eliminare e/o ridurre e sulla necessità di attuare sia programmi di manutenzione ordinaria e straordinaria sia interventi di verifica della sicurezza del mezzo. 2. I compiti del conducente del mezzo: verranno analizzati i compiti dell addetto alla conduzione del mezzo d opera; il conducente deve possedere specifiche caratteristiche attitudinali ed essere sempre in perfette condizioni psico-fisiche. Particolare attenzione verrà posta infine alle relazioni che intercorrono con gli altri soggetti presenti nel cantiere. 3. Le misure di prevenzione da applicare nelle specifiche attività. verranno analizzate le misure di prevenzione necessarie per la realizzazione nelle attività di movimentazione meccanizzata del terreno (stabilità dei terreni durante le operazioni di scavo, presenza di sottoservizi e di eventuale materiale bellico, realizzazione di trincee, ecc.). 4. Appendice legislativa: La normativa di sicurezza vigente in tema di uso di mezzi d opera. nel capitolo relativo verranno analizzati tutti i disposti legislativi in merito alla sicurezza sul luogo di lavoro; verrà realizzata una breve panoramica ponendo particolare attenzione sull analisi del Titolo III Attrezzature di lavoro del D. Lgs. 626/94. La maggior parte degli incidenti dovuti all uso di macchine operatrici si può ricondurre alla mancanza del rispetto delle più elementari norme di prevenzione. Scopo di questo manuale è quello di fornire le indicazioni indispensabili per un uso corretto delle macchine di movimento terra, e creare un senso di responsabilità ed una conoscenza delle possibilità della macchina affidata al conducente. Francesco Botte - Feltre (BL) 2

3 Il mezzo d opera Il mezzo d opera è un attrezzatura di lavoro che permette la meccanizzazione di processi lavorativi estremamente pericolosi per l integrità fisica e la salute dei lavoratori. La continua meccanizzazione del cantiere edile tende a razionalizzare l esecuzione dei lavori al fine di ottenere risultati (manufatti edili) di buona fattura con il minor dispendio di energie e di risorse e ottenuti anche con il minor impatto e quindi pericolo nei confronti dell operatore e dell ambiente esterno. Le macchine per movimento terra consentono di eseguire le operazioni di scavo, carico e trasporto, spandimento e compattazione. Le macchine per movimento terra analizzate all interno del manuale sono: escavatori idraulici; pale caricatrici; terne 1 (macchine combinate: pale ed escavatori). 1 Terna denominazione nata per designare la tripla funzione di trattore-escavatore-pala. Francesco Botte - Feltre (BL) 3

4 La scelta delle macchine Le macchine da cantiere si collocano all interno delle scelte di razionalizzazione sopra riportate e quindi le scelte imprenditoriali, a parità di condizioni di sicurezza: conformità alle norme tecniche e legislative e bassa intensità rumorosa, sono quasi sempre indirizzate su due tipi di macchine: macchine con potenza tale da soddisfare le punte massime dei lavori richiesti 2 ; macchine che offrono delle prestazioni riferite ai valori medi giornalieri richiesti 3. E opportuno ribadire che la scelta del macchinario è anche in funzione di vari fattori, quali: lo stato dell arte del materiale (terreno, ecc.) da movimentare, per esempio se è sciolto, leggero, ecc.; la progettazione relativa allo scavo da realizzare; per esempio se esso si trova a piccola profondità ed è di piccole dimensioni. i tempi di realizzazione e la tipologia di lavoro, come nel caso di cantieri stradali. La legislazione italiana sulla sicurezza sul lavoro prevede che l'acquisto di una macchina, deve essere affrontato mediante una selezione del prodotto in funzione della sua pericolosità sia nei confronti del singolo lavoratore sia della collettività e dell ambiente. In particolare, nello specifico per una corretta scelta, invita ad analizzare esplicitamente due aspetti: rumore: le macchine ed apparecchiature che possono essere acquistate sono quelle che producono, nelle normali condizioni di funzionamento, il più basso livello di rumore 4 ; ergonomia: le macchine ed apparecchiature che possono essere acquistate sono quelle che rispettano i principi ergonomici nella concezione dei posti di lavoro 5. 2 In questo modo le macchine lavorano al massimo delle loro possibilità quasi sicuramente per un numero limitato di volte nell arco di un singolo periodo lavorativo, mentre per la restante parte sono inutilizzate. 3 Questa soluzione presenta l inconveniente delle punte massime. 4 comma 3, art.44 del D. Lgs. 277/91. 5 Lettera f, comma 1, art.3 del D. Lgs. 626/94. Francesco Botte - Feltre (BL) 4

5 Rispettare i principi ergonomici L osservanza dei principi ergonomici, che deve essere eseguita in fase di progettazione del mezzo, contribuisce ad aumentare la sicurezza riducendo la tensione nervosa e gli sforzi fisici dell operatore, migliorando così l esecuzione e l affidabilità dell operazione, e riducendo quindi la possibilità di commettere errori in tutte le fasi di utilizzazione della macchina. Il codice della strada Il Codice della Strada individua i cosiddetti mezzi d opera che devono essere in possesso di specifici requisiti costruttivi e funzionali. Le pale e gli escavatori si collocano in tale categoria, se però eccedono le dimensioni stabilite dalla cosiddetta sagoma libera, pari a 2,5 metri di larghezza e a 4,0 metri di altezza ovvero con larghezze superori vengono individuati come veicoli eccezionali, e quindi per la circolazione sulle vie pubbliche se hanno una sagoma con larghezza compresa tra 2,5 e 3,0 metri è necessaria la scorta del personale dell impresa, se hanno una sagoma oltre i 3,0 metri di larghezza è necessaria la scorta della Polizia Stradale. Francesco Botte - Feltre (BL) 5

6 Requisiti di sicurezza delle macchine Gli elementi delle macchine, quando costituiscono un pericolo, devono essere protetti o segregati o provvisti di dispositivi di sicurezza (art.41 DPR 547/55). Alcuni dei principali requisiti di sicurezza che le macchine devono possedere sono: posto di lavoro comandi cabine di manovra progettate affinché il conducente lavori in buone condizioni e sia protetto dai rischi quali: temperatura e aerazione inadeguate, eccesso di rumore e vibrazioni; cabine di manovra progettate con una resistenza tale da proteggere gli operatori in caso di caduta di materiale dall alto e di penetrazione di materiale: la macchina deve essere munita di una struttura di protezione contro tale rischio per il conducente FOPS; inoltre deve garantire in caso di ribaltamento in adeguato volume limite di deformazione DLV; cabine di manovra progettate con una resistenza 6 tale da proteggere gli operatori in caso di ribaltamento del mezzo: la macchina deve essere munita di una struttura di protezione contro tale rischio per il conducente ROPS; inoltre deve garantire in caso di ribaltamento un adeguato volume limite di deformazione DLV; sedile progettato per ridurre al livello ragionevolmente più basso possibile le vibrazioni trasmesse al conducente; realizzati in modo tale da scoraggiare l avviamento del motore da parte di persone non autorizzate e progettati in modo che possano essere azionati da un conducente in modo sicuro con il minimo rischio di confusione; progettati al fine di rispettare la circolazione stradale, quindi in grado di permettere il rallentamento, l arresto, la frenatura e l immobilizzazione che garantiscono la sicurezza in tutte le conduzioni di funzionamento (freni, eventuali stabilizzatori come nel caso per esempio degli escavatori). mezzi di segnalazione segnaletica e/o targhe con le istruzioni concernenti l impiego, la regolazione e la manutenzione necessaria; dispositivi di illuminazione per attività svolte in ambienti con carenza di illuminazione; avvertitore acustico che consenta di avvertire le persone esposte; segnalatore luminoso (girofaro) per la circolazione sulla via pubblica. 6 La macchina deve essere dotata di mezzi che consentano di evitare all autista di restarvi chiuso dentro o, in caso di impossibilità, di chiedere aiuto, quindi deve essere munita di un uscita di emergenza (diversa dell uscita normale) in modo da consentire un rapido abbandono della cabina. Qualora la macchina fosse munita di una struttura di protezione in caso di ribaltamento, il sedile deve portare una cintura di sicurezza o un dispositivo equivalente che mantenga il conducente sul suo sedile senza opporsi ai movimenti necessari alla guida né agli eventuali movimenti della sospensione Francesco Botte - Feltre (BL) 6

7 Gli escavatori Gli escavatori sono macchine in grado di eseguire uno scavo mediante un lungo braccio munito di un utensile, chiamato benna o cucchiaio, dotato di denti anteriori di acciaio. Inoltre, possono essere dotati di ruote gommate o di cingoli. Si suddividono in due tipi: a) escavatori con benna frontale; b) escavatori con benna rovescia. Le benne possono avere differenti larghezze e dimensioni chiaramente in funzione del tipo di lavoro da eseguire. Il mezzo opera da posizione fissa, il braccio viene azionato fino a scavare il terreno e, mediante una rotazione della torretta, viene effettuato il carico del materiale asportato sui cassoni dei camion o lo scarico de materiale asportato su un altra zona del cantiere. Esistono escavatori che permettono di eseguire lavori di escavazione con modesti spostamenti di terra in questo caso vengono denominati miniescavatori; tali mezzi sono di dimensioni ridotte e peso contenuto, in genere sono dotati di una benna rovescia e di una lama anteriore. Altra tipologia di escavatori sono i ragni, tali mezzi muniti di quattro appoggi idraulici a terra regolabili in lunghezza, altezza e larghezza, gli appoggi possono essere dotati di due ruote gommate, permettono di eseguire lavori di escavazione anche in presenza di forti pendii. Francesco Botte - Feltre (BL) 7

8 Le pale Le pale sono macchine in grado di eseguire uno scavo mediante un lungo braccio munito di un utensile, chiamato benna, dotato di denti anteriori di acciaio. Si differenziano dagli escavatori dalla forma della benna e le modalità operative: l azione di asportazione del terreno avviene infatti con il movimento della macchina dal punto di scavo a quello di deposito del materiale. In tal modo sono indicate in situazioni dove è difficoltoso accedere con gli automezzi. Inoltre, possono essere dotati di ruote gommate o di cingoli. Le pale su ruote gommate hanno un telaio snodato che consente un articolazione maggiore, al fine di poter operare in spazi ristretti. Come gli escavatori, anche per le pale le benne possono avere differenti larghezze e dimensioni chiaramente in funzione del tipo di lavoro da eseguire. Esistono pale che permettono di eseguire lavori di escavazione con modesti spostamenti di terra in questo caso vengono denominati minipale. Essi sono di dimensioni ridotte e peso contenuto; oltre alle benne, possono essere dotati di molteplici utensili: forche universali, forche con pinze, martelli idraulici, rulli vibranti, ecc. e quindi utilizzati per vari scopi: Per gli spostamenti con le pale fuori dal cantiere, la lama della benna deve essere segnalata montata montando il coprifilo regolamentare. Francesco Botte - Feltre (BL) 8

9 Le terne Le terne sono macchine dotate di pala caricatrice e braccio escavatore. Offrono una maggiore flessibilità di uso, in quanto, possono essere utilizzate sia come escavatore sia come pala. Anche nel caso delle terne, è possibile avere macchine di dimensioni contente, tali da permettere di eseguire lavori in ambienti con spazi ristretti Francesco Botte - Feltre (BL) 9

10 I compiti del conducente del mezzo I mezzi d opera sono considerati come una macchina utensile od operatrice, per cui si prevede che (artt.21 e 22 del D.Lgs.626/94) il datore di lavoro fornisca: adeguate informazioni al lavoratore sui rischi specifici per la sicurezza e la salute a cui lo stesso è sottoposto in relazione all'attività svolta; formazione sufficiente ed adeguata in materia di sicurezza e salute, con particolare riferimento alle specifiche mansioni. La formazione deve avvenire in occasione dell'assunzione, del trasferimento o cambiamento di mansioni, dell'introduzione di nuove macchine ed attrezzature. La selezione del personale è un punto importante ai fini del rendimento e della sicurezza del lavoro, e gli elementi ritenuti idonei ad eseguire un determinato lavoro devono possedere capacità fisiche e mentali sufficienti per consentire di apprendere l istruzione che viene loro data. Tuttavia una corretta procedura aziendale, che tenga conto della peculiarità della mansione oggetto della scelta, rispettosa di moderni principi di sicurezza, dovrebbe seguire la seguente prassi: Selezione dei conducenti Il personale addetto alla conduzione dei mezzi d opera deve essere allo scopo incaricato (art.35 D.Lgs.626/94). Per l'autorizzazione e l incarico è opportuno che il lavoratore designato: sia maggiorenne e dotato di patente di guida (tipo B); sia in possesso, a giudizio dell'azienda, di idonee qualità psicofisiche (riflessi pronti, temperamento calmo e riflessivo, senso di responsabilità e prudenza); abbia conseguito nel tempo sufficienti cognizioni di meccanica e fisica (capacità di valutare ingombri, distanze, velocità, capacità di valutare la stabilità dei carichi, il peso e l'equilibrio) anche attraverso appositi corsi di formazione; conosca in maniera approfondita le caratteristiche tecniche del mezzo con cui deve operare; fornisca prima dell'autorizzazione una prova pratica di esecuzione delle mansioni assegnate. Francesco Botte - Feltre (BL) 10

11 Il conducente deve attenersi scrupolosamente alle disposizioni ricevute dal proprio responsabile e non deve compiere, di propria iniziativa, operazioni o manovre che non gli competono. Il conducente non deve consentire l'uso del mezzo d opera ad altre persone, se non è stato autorizzato dal proprio responsabile. Compiti dei conducenti I compiti del conducente sono di due tipi: generali e specifici. I compiti di carattere generale si possono individuare all'interno degli obblighi dei lavoratori in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro (art.5 D.Lgs.626/94) in particolare: ciascun lavoratore deve prendersi cura della propria salute e di quella delle altre persone, sulle quali possono ricadere gli effetti delle sue azioni; il lavoratore osserva le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro ai fini della protezione individuale e collettiva; il lavoratore utilizza correttamente i macchinari e le attrezzature messe a sua disposizione; il lavoratore deve segnalare immediatamente al datore di lavoro le deficienze dei mezzi e dispositivi, nonché l'insorgenza di altre condizioni di pericolo; il lavoratore non deve rimuovere o modificare i dispositivi di sicurezza o di segnalazione e controllo. Compiti generali Compiti specifici I compiti a carattere specifico si possono così riassumere: stretta osservanza delle procedure aziendali elaborate dal servizio di prevenzione e protezione dei rischi riguardo la circolazione dei mezzi d opera; utilizzo appropriato delle macchine ed attrezzature messe a disposizione; il conducente diventa quindi responsabile della buona conservazione negli anni del mezzo d opera; divieto di rimuovere o modificare i dispositivi di sicurezza installati; per esempio gli avvisatori acustici installati per segnalare la presenza di mezzi d opera in retromarcia non vanno assolutamente rimossi; segnalazione immediata al diretto responsabile dell'inefficienza dei dispositivi di sicurezza: l'avvisatore acustico del mezzo d opera deve sempre essere funzionante; segnalazione immediata al diretto responsabile degli incidenti che si sono verificati nell'utilizzo della macchina; ad essi si dovrebbero aggiungere anche le segnalazioni dei "quasi incidenti", cioè delle situazioni pericolose, ma che non hanno causato infortuni. La conoscenza di queste situazioni è fondamentale per consentire all'azienda di elaborare le misure di prevenzione necessarie. Francesco Botte - Feltre (BL) 11

12 L'addetto si deve presentare all'inizio del lavoro in condizioni psicofisiche ottimali: il conducente di un mezzo deve affrontare gli impegni di utilizzo in buone condizioni di salute, evitando: Doveri dei conduttori un alimentazione che gli procuri problemi digestivi; di bere alcolici sia durante lo svolgimento delle attività lavorative anche durante le pause(pranzo, colazione, ecc.); di assumere farmaci che possono provocare sonnolenza; di assumere droghe; di fumare durante l attività lavorativa; di bere e di mangiare durante l attività lavorativa; di utilizzare il telefono cellulare. Ogni mansione lavorativa richiede un'attenzione e concentrazione puntuale, indispensabile per mantenere il livello di sicurezza richiesto. Pertanto qualora non ci si senta in grado di garantire tale livello è opportuno farsi sostituire, anche temporaneamente. Da osservare che il conducente è responsabile del buon uso del mezzo, questo deve essere mantenuto pulito (almeno la cabina ) e deve essere utilizzato con la massima cura. Francesco Botte - Feltre (BL) 12

13 Prima dell'inizio di ogni turno di lavoro il conducente è tenuto a controllare 7 l'efficienza del mezzo d opera sotto il profilo della sicurezza. Ogni eventuale condizione di pericolo o difetto di funzionamento del mezzo d opera, rilevato all'inizio o al termine del lavoro o durante la condotta del mezzo, deve essere tempestivamente segnalato al proprio superiore responsabile. Se il mezzo non è in buone condizioni non deve essere utilizzato. Doveri dei conduttori Per esempio deve controllare: la pressione dei pneumatici ed accertatevi che non siano danneggiati. lo stato di efficienza dello sterzo, dei freni mettendo in moto il mezzo d opera ed operando con piccoli spostamenti; il funzionamento regolare dell'avvisatore acustico e delle luci; lo stato dei flessibili del circuito olio e presenza di eventuali trafilamenti o perdite d'olio (esaminate attentamente se la macchina presenta difetti riconoscibili a vista: cricche, distorsioni o deformazioni di piastre o di saldature, perdite di combustibile, di olio lubrificante o di olio idraulico; controllate se notate componenti rotti o mancanti); che tutti i dispositivi di sicurezza siano efficienti ed installati correttamente. A fine turno di lavoro il conducente deve curarsi di: parcheggiare il mezzo d opera nel luogo designato 8 ; posizionare i comandi in folle, spegnete il motore, tirate il freno a mano ed estrarre la chiave e collocarla nel luogo previsto dalle procedure di prevenzione; azionare il freno di stazionamento; consegnare in efficienza il mezzo. Nel caso dovesse aver riscontrato alcuna anomali, informare immediatamente il diretto responsabile. 7 Usate una lista di controllo per ispezionare attentamente il mezzo d opera prima di usarlo. La manutenzione preventiva, l'ingrassaggio ed il controllo devono essere effettuati secondo un programma prestabilito, secondo le istruzioni del costruttore che devono sempre essere unite al mezzo all'atto della consegna. 8 il luogo designato non deve essere localizzato in una zona di passaggio o davanti ad una porta e non deve impedire od ostacolare l'accesso alle attrezzature da usare in caso di emergenza. Dovendo lasciare il mezzo d opera in una zona in pendenza, oltre alle cautele previste in caso di abbandono del mezzo d opera, è necessario inserire una marcia, sterzare le ruote e, se occorre, bloccarle con cunei. Francesco Botte - Feltre (BL) 13

14 Il funzionamento della macchina In ogni cantiere, le persone che vi lavorano costituiscono sempre un grave pericolo. L operatività di un mezzo meccanizzato non deve interferire con la loro attività. La presenza di spettatori è pericolosa, il mezzo non deve essere messo in movimento e utilizzato fino a quando non hanno lasciato l area. Il conducente del mezzo deve attenersi alle seguenti misure di prevenzione: è vietato trasportare altre persone a bordo della macchina operatrice, altresì è vietato usare la benna come mezzo di sollevamento per persone; la benna non va azionata al di sopra delle teste di altre persone o delle cabine di altri mezzi d opera; nelle zone congestionate, sulle pendenze ed in corrispondenza di terreni sconnessi si deve procedere lentamente. Mantenete una velocità sufficientemente ridotta per avere sempre il completo controllo della macchina; durante il trasporto la benna carica deve essere abbassata e tenuta vicino al terreno per ottenere la massima stabilità della macchina. Se la macchina tende a ribaltare frontalmente perché troppo carica abbassate la benna fino a toccare il terreno; quando è possibile occorre lavorare sempre nel senso della pendenza, in salita o in discesa. Lavorare a mezza costa riduce la stabilità della macchina, con il pericolo di ribaltamento; lavorando con il retroescavatore, nel caso della terna, fate attenzione: esistono condizioni d impiego della macchina (come ad esempio terreni sabbiosi o bagnati) che rendono pericoloso lavorare al massimo, o vicino al massimo, raggio di lavoro; lavorando con il retroescavatore, nel caso della terna, in pendenza, occorre evitare di estendere il braccio e di aprire la benna più di quanto sia strettamente necessario nel senso della pendenza perché ridurreste la stabilità della macchina. Francesco Botte - Feltre (BL) 14

15 Il responsabile dei lavori non deve consentire l'uso del mezzo d opera a persone non appositamente incaricate. Compiti del diretto responsabile I compiti del responsabile dei lavori sono di due tipi: generali e specifici. I compiti di carattere generale si possono individuare all'interno degli obblighi dei preposti in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro (art.4 D.Lgs.626/94 e degli artt. 4 e 5 del DPR 547/56) in particolare: attuare le misure di sicurezza e le misure generali di tutela previste dalla vigente normativa; valutare il rischio; rendere edotti i lavoratori dei rischi specifici cui sono esposti e portare a loro conoscenza le norme essenziali di prevenzione; informa il più presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione e, quindi prende le misure appropriate affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico; fornisce ai lavoratori i necessari e idonei dispositivi di protezione individuale, sentito il responsabile del servizio di prevenzione e protezione. Compiti generali Compiti specifici I compiti a carattere specifico si possono così riassumere: richiede l'osservanza da parte dei lavoratori delle norme vigenti, nonché delle disposizioni aziendali in materia di sicurezza e di igiene del lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuale messi a loro disposizione, quindi dispone ed esige che i singoli lavoratori osservino le norme di sicurezza ed usino i mezzi di protezione messi a loro disposizione; nell'affidare i compiti ai lavoratori tiene conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e alla sicurezza; adotta le misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dà istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato ed inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa; si astiene, salvo eccezioni debitamente motivate, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave e immediato. Francesco Botte - Feltre (BL) 15

16 Le misure di prevenzione da applicare nelle specifiche attività Nulla deve essere dato per scontato. Non pensare che tutto sia a posto oggi quando iniziate il lavoro, solo perché tutto sembrava a posto ieri, quando avete smesso di lavorare. Prendete famigliarità con l area di lavoro. Prima di iniziare il nuovo lavoro guardate quali e dove sono gli eventuali ostacoli che vi impongono delle limitazioni operative: in altezza, in larghezza, se vi sono cordoli o stretti passaggi che dovete rispettare. Controllate le portate massime ammesse sulle rampe di accesso. Accertatevi dell ubicazione esatta di eventuali linee aeree ad alta tensione, di cavi elettrici interrati, o di condotte di gas, acqua, ecc., che potrebbero ostacolare il vostro lavoro. Nei trasferimenti su strada, sapere sempre quali sono le condizioni del tragitto che dovete affrontare: luci massime in larghezza ed in altezza, densità del traffico, tipo di pavimentazione, ecc. State attenti alla presenza di fumi, nebbia e pulviscolo che potrebbero ridurre la visibilità. Non permettere l accesso alla macchina a persone non autorizzate. Francesco Botte - Feltre (BL) 16

17 Scavi Lo scavo va affrontato con la massima cautela, perizia, precisione ed attenzione, ottemperando agli oneri che ogni situazione comporta, e pianificando l intervento che va integrato con un efficace opera di prevenzione. Scavare in un terreno significa intaccare gli equilibri interni dello stesso, generando gravi pericoli di instabilità, da cui derivano possibili franamenti che espongono al rischio di seppellimento gli addetti ai lavori. Inoltre, con la probabile presenza nel sottosuolo di canalizzazioni di gas, acqua, fognature, linee elettriche e telefoniche, ecc., incominciare un lavoro di scavo comporta, non di rado, scontrarsi con situazioni imprevedibili e pericolose. L impiego di macchine movimento terra, comporta altri rischi che bisogna ridurre effettuando un efficace opera di formazione ed osservando scrupolosamente le comuni misure di sicurezza che principalmente sono: vietare la presenza del personale sul ciglio ed alla base della parete di attacco, in quanto area a rischio di franamenti; vietare la presenza del personale nella zona interessata dal raggio d azione del mezzo; quando per esigenze operative è necessaria la presenza combinata di uomini e mezzo meccanico, occorre rispettare la distanza di sicurezza dal mezzo in movimento e quando si deve intervenire manualmente sullo scavo l organo lavoratore del mezzo deve stare lontano dai lavoratori. Utilizzando gli escavatori, per raggiungere notevoli profondità occorre procedere col sistema a gradoni: vengono fissate le quote di scavo in relazione alle profondità della macchina in modo da non lasciare, col procedere dello stesso, parti strapiombanti nel fronte d attacco. Ecco perché, le operazioni di scavo, non vanno mai sottovalutate o eseguite frettolosamente, considerandole solo come passaggi obbligati per le successive lavorazioni. Francesco Botte - Feltre (BL) 17

18 Gli scavi Le misure di prevenzione comuni a tutti gli scavi sono obbligatorie o dettate dalla buona tecnica, le seguenti: la zona interessata dai lavori di scavo va opportunamente delimitata mediante barriere fisse e segnalazioni che devono essere collocate in modo da impedire il traffico dei mezzi sul ciglio dello scavo 9 ; la protezione contro la caduta di persone all interno degli scavi di sbancamento, consiste nell allestire sul suo perimetro, robusti parapetti; è vietato ammucchiare materiali presso il ciglio dello scavo; con particolare attenzione bisogna operare in prossimità di muri di recinzione e costruzioni in genere adiacenti lo scavo; In generale per evitare il rischio di franamenti nell esecuzione di qualsiasi scavo, occorre conoscere esattamente il tipo di terreno che ci si appresta a scavare valutandone la stabilità. Stabilità dei terreni di scavo Ogni tipo di terreno ha un particolare comportamento conseguente alle operazioni di scavo: si può ritenere stabile quando l inclinazione delle pareti è contenuta dall angolo di natural declivio; mantenendo quindi la pendenza delle scarpe entro questi limiti, si evita il franamento del materiale. L angolo sopraccitato varia non solo secondo le caratteristiche del terreno, ma anche in funzione del suo contenuto d acqua. Ad esempio i terreni a legante calcareo ed argilloso, se bagnati, assumono un eccessiva plasticità, tale proprietà è particolarmente pericolosa per la spinta esercitata sulle pareti dello scavo. Ulteriori rischi di franamento insorgono operando in terreni di riporto, per la loro imprevedibile composizione e per la loro minore compattezza; di conseguenza l angolo di natural declivio dovrà essere più acuto rispetto a quello normalmente usato nei terreni vergini di uguale composizione. In ogni scavo la stabilità delle pareti, indipendentemente dal tipo di materiale è suscettibile di variazioni derivanti da cause esterne di diversa natura, come: piogge insistenti che espongono al dilavamento dello scavo; acque provenienti da falde esistenti nel terreno o da perdite di condotte adiacenti; l azione disgregante del gelo e del disgelo; presenza di vibrazioni dovute a lavori eseguiti nel cantiere o fuori dal cantiere, al transito di mezzi d opera o di autoveicoli circolanti su strade adiacenti. 9 Se non si garantisce il rispetto delle distanze di sicurezza potrebbe verificarsi il franamento delle pareti e il conseguente ribaltamento dei mezzi. L utilizzo dei nastri segnaletici (bianco-rosso o giallo-nero) ha esclusivamente una funzione di segnalazione e non di protezione Francesco Botte - Feltre (BL) 18

19 Splateamento e sbancamento Questo tipo di scavo, se eseguito in terreno pianeggiante, comporta rischi limitati in quanto interessa un ampia area con le scarpate molto distanziate tra loro (contrariamente alle trincee). La situazione muta notevolmente se l intervento è da eseguire in zona collinare, dove le forti pendenze aumentano il rischio di franamento. In questo caso è necessario porre più attenzione alla costruzione delle armature o nella formazione delle scarpate. Con particolare cura occorre approntare le rampe di accesso allo scavo, ed in particolare: devono avere un fondo sufficientemente solido per sostenere i mezzi di trasporto che la percorrono ed una pendenza adeguata alle possibilità dei mezzi stessi; devono avere una larghezza tale da superare di almeno 70 cm per parte la larghezza dei veicoli; qualora questo non sia possibile si devono predisporre delle piazzole o nicchie di rifugio ad intervalli non superiori a 20 m. I profili delle pareti di scavo vanno immediatamente controllati, per rimuovere gli eventuali massi affioranti e i blocchi di terreno instabili eliminando così il rischio di caduta di materiale dall alto ed i franamenti. Nel caso non sia possibile applicare la giusta inclinazione, si deve ricorrere, tempestivamente all armatura di sostegno delle pareti o, preventivamente, al consolidamento del terreno. Francesco Botte - Feltre (BL) 19

20 Lo scavo in trincea Lo scavo in trincea, pur essendo di entità minore rispetto agli scavi di sbancamento è particolarmente pericoloso per gli addetti ai lavori. Il rischio di seppellimento è elevato in quanto è sufficiente un piccolo frammento di materiale per riempire la sezione di scavo potendo causare infortuni per schiacciamento o asfissia. Ulteriori rischi di franamento sono determinati dalla vicinanza alla trincea di manufatti esistenti, dalla presenza o vicinanza di terreni precedentemente scavati e quindi meno compatti e dalle vibrazioni prodotte dal traffico di autoveicoli. Nella esecuzione degli scavi aventi profondità superiore a 1,50 metri, quando la consistenza del terreno non dia sufficienti garanzie di stabilità, si deve provvedere, man mano che si procede, alla applicazioni delle armature di sostegno, assicurandosi che le tavole di rivestimento delle pareti sporgano dal bordo dello scavo di almeno 30 cm. Tali armature possono essere evitate, se gli angoli delle scarpate degli scavi, sono sufficienti ad evitare rischi di franamento. A tale scopo si riporta la tabella sotto allegata che indica, in funzione del tipo di terreno e della profondità dello scavo, la distanza minima tra le proiezione sullo stesso piano orizzontale, dei punti di attacco della parete dello scavo rispetto al ciglio e al fondo (vedi distanza d nella figura), che permette di evitare di costruire le armature. Tipo di terreno Profondità scavo 1 m Profondità scavo 1,5 m Profondità scavo 2 m Roccia 0 m 0 m 0 m Argille compatte o dure 0,5 m 0,8 m 1,0 m Terreni con caratteristiche medie 1,0 m 1,5 m 2,0 m Sabbie e ghiaie sciolte/argille tenere 1,5 m 2,3 m 3,0 m Sabbie sature / argille molto tenere 2,0 m 3,0 m 4,0 m Francesco Botte - Feltre (BL) 20

SCAVI e MOVIMENTO TERRA

SCAVI e MOVIMENTO TERRA SCAVI e MOVIMENTO TERRA Il quadro normativo D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 -art. 118 Splateamento e sbancamento -art. 119 Pozzi, scavi e cunicoli -art. 120 Deposito di materiali in prossimità degli scavi

Dettagli

Pala gommata : macchina dai molteplici usi

Pala gommata : macchina dai molteplici usi Pala gommata : macchina dai molteplici usi di Salvatore ESPOSITO e Giuseppe GRECO Esperti in materia di Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro. I molteplici usi della macchina Tipi di infortuni che possono

Dettagli

Committente Provincia Regionale di Catania

Committente Provincia Regionale di Catania cantiere sito nel comune di Grammichele e Ramacca Rev. 00 Committente Provincia Regionale di Catania DOCUMENTO ELABORATO AI SENSI DELL ART. 100 DEL D. LGS. 81/2008 COORDINATO CON IL D. LGS. 3 AGOSTO 2009,

Dettagli

Direzione generale della Presidenza. Settore Sistema Regionale di Protezione Civile Settore Sistema delle Competenze e Formazione

Direzione generale della Presidenza. Settore Sistema Regionale di Protezione Civile Settore Sistema delle Competenze e Formazione Direzione generale della Presidenza Settore Sistema Regionale di Protezione Civile Settore Sistema delle Competenze e Formazione Corso regionale per volontari di protezione civile addetti alla conduzione

Dettagli

ITALIA: Estratto dal D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 con le modifiche apportate dal D.lgs 3 agosto 2009, n. 106 (in vigore dal 20 agosto 2009)

ITALIA: Estratto dal D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 con le modifiche apportate dal D.lgs 3 agosto 2009, n. 106 (in vigore dal 20 agosto 2009) ITALIA: Estratto dal D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 con le modifiche apportate dal D.lgs 3 agosto 2009, n. 106 (in vigore dal 20 agosto 2009) (Attenzione: di seguito sono riportati solo degli estratti degli

Dettagli

Attrezzatura: CARRELLO MOBILE ELEVATORE

Attrezzatura: CARRELLO MOBILE ELEVATORE Scheda 18 Operazione: MOVIMENTAZIONE DEI CARICHI Attrezzatura: CARRELLO MOBILE ELEVATORE Introduzione Lo scopo della movimentazione dei carichi con carrello elevatore consiste nel sollevare, spostare,

Dettagli

ALLEGATO VI DISPOSIZIONI CONCERNENTI L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO

ALLEGATO VI DISPOSIZIONI CONCERNENTI L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO ALLEGATO VI DISPOSIZIONI CONCERNENTI L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Osservazione preliminare Le disposizioni del presente allegato si applicano allorché esiste, per l'attrezzatura di lavoro considerata,

Dettagli

Estratto dal Decreto Legislativo del 19 settembre 1994 n. 626

Estratto dal Decreto Legislativo del 19 settembre 1994 n. 626 Italia I decreti legislativi che hanno recepito le Direttive Europee 89/655/CE, 95/63/CE e 2001/45/CE sulla salute e sicurezza nell uso delle attrezzature di lavoro sono state conglobate in Italia, come

Dettagli

Macchine Movimento Terra

Macchine Movimento Terra 1 CorsI di PRODUZIONE EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Macchine Movimento Terra Prof. Ing. Pietro Capone a.a. 2010-2011 1. LE MACCHINE TERRA Funzioni e struttura Le macchine movimento

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza.

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza. Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 2 MISURE E DISPOSITIVI DA PREDISPORRE DA PARTE DEI DATORI DI LAVORO

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. Capo I Uso delle attrezzature di lavoro

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. Capo I Uso delle attrezzature di lavoro TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Capo I Uso delle attrezzature di lavoro Articolo 69 Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente

Dettagli

della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI

della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI LUCIO FATTORI della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI manuale ad uso dei lavoratori Informazione dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m. Contenuti conformi

Dettagli

Le scale portatili - D.L.vo 81/08 Per. Ind. Roberto Aondio A.S.L. di Lecco

Le scale portatili - D.L.vo 81/08 Per. Ind. Roberto Aondio A.S.L. di Lecco Regione Lombardia Sanità Linea Guida per l utilizzo di scale portatili nei cantieri temporanei e mobili Le scale portatili - D.L.vo 81/08 Per. Ind. Roberto Aondio A.S.L. di Lecco Riferimenti normativi

Dettagli

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi L'armatura deve comunque possedere le seguenti caratteristiche: essere realizzata in modo da evitare il rischio di seppellimento: in un terreno incoerente, la procedura deve consentire di disporre armature

Dettagli

SEGNALAZIONE RISCHI SPECIFICI ATTIVITA DI CANTIERE TEMPORANEO RETE E IMPIANTI FOGNATURA (ex art.7 D.Lgs. 626/94)

SEGNALAZIONE RISCHI SPECIFICI ATTIVITA DI CANTIERE TEMPORANEO RETE E IMPIANTI FOGNATURA (ex art.7 D.Lgs. 626/94) SEGNALAZIONE RISCHI SPECIFICI ATTIVITA DI CANTIERE TEMPORANEO RETE E IMPIANTI FOGNATURA (ex art.7 D.Lgs. 626/94) Generalità In applicazione al dettato dell art.7 del D.Lgs. 626/94, ASI SpA Azienda Servizi

Dettagli

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul

Dettagli

ALLEGATO VI (9) DISPOSIZIONI CONCERNENTI L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO

ALLEGATO VI (9) DISPOSIZIONI CONCERNENTI L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO 5.15.3 Le porte dei forni, delle stufe, delle tramogge e simili devono essere disposte in modo che le manovre di chiusura ed apertura risultino agevoli e sicure. In particolare deve essere assicurata la

Dettagli

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione A.1. Valutazione dei rischi 1 Documento di valutazione dei rischi ( DLgs. 81/08 art. 28 c.2 ) 2 Autocertificazione

Dettagli

I requisiti di sicurezza delle attrezzature di lavoro secondo il D.Lgs. 81/2008 e obblighi di adeguamento

I requisiti di sicurezza delle attrezzature di lavoro secondo il D.Lgs. 81/2008 e obblighi di adeguamento Seminario Utilizzo di dispositivi di sicurezza per l adeguamento di macchine ed attrezzature in ambito lavorativo Organizzato dal Gruppo Specialistico Safety ANIE Auditorium dell'azienda USL 11 di Empoli

Dettagli

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8 03 Lavori in quota Introduzione I lavori in quota possono esporre i lavoratori a rischi particolarmente gravi per la loro salute e sicurezza. Ci riferiamo in particolare ai rischi di caduta dall alto che

Dettagli

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti 01. Esistono scale fisse a gradini 01.01. Le scale che presentano dislivelli pericolosi dispongono di parapetti sui lati aperti 01.02. I parapetti sono di tipo normale. Per lavori edili o di manutenzione

Dettagli

D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine)

D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine) Allegato E alla direttiva del 7 gennaio 2015 RISCHI MECCANICI 1 - PREMESSA Il D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine) ha introdotto nel panorama normativo sulla tutela della salute nei luoghi di lavoro importanti

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV D.Lgs. 81/08 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI VIGILANZA MINIMO ETICO MINIMO ETICO DI SICUREZZA PERICOLO DI INFORTUNI GRAVI PRESUPPOSTI CARENZE, CONFIGURABILI COME VIOLAZIONI ALLE NORME NON SANABILI

Dettagli

RIFERIMENTI: POS-04 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE UTILIZZO MEZZI DI TRASPORTO. Timbro della ditta IL CARRELLO ELEVATORE NORME DI SICUREZZA

RIFERIMENTI: POS-04 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE UTILIZZO MEZZI DI TRASPORTO. Timbro della ditta IL CARRELLO ELEVATORE NORME DI SICUREZZA ALLEGATO 3 Timbro della ditta IL CARRELLO ELEVATORE NORME DI SICUREZZA 13 di 19 1. LE NORME GENERALI PER LA CONDUZIONE L uso del carrello elevatore è consentito esclusivamente al personale autorizzato,

Dettagli

Le Macchine di cantiere

Le Macchine di cantiere Cosa fare, cosa evitare Le Macchine di cantiere A.S.L.E ChièA A.S.L.E L A.S.L.E., Associazione per la Sicurezza dei Lavoratori in Edilizia, nasce da un accordo fra organizzazioni sindacali ed associazioni

Dettagli

Norme di sicurezza ditte esterne. Norme di sicurezza ditte esterne

Norme di sicurezza ditte esterne. Norme di sicurezza ditte esterne Norme di sicurezza ditte esterne Redazione * Verifica QA * Autorizzazione * Revisore QA Pedrinelli Giacomo 10:53:00 Resp. SPP Tonelli Alberto 10:32:00 Resp. Acquisti e Logistica Cozzini Silvia Verifica

Dettagli

GLI SCAVI NEI CANTIERI EDILI

GLI SCAVI NEI CANTIERI EDILI GLI SCAVI NEI CANTIERI EDILI La normativa di riferimento I piani di sicurezza, non più un bluff? Oggi qualcosa sta cambiando L applicazione del D.P.R. 3 Luglio 2003 n 222 I rischi principali Gli obblighi

Dettagli

Per l utilizzo corretto della Piattaforma di Lavoro Elevabile sono stati considerati i seguenti riferimenti normativi:

Per l utilizzo corretto della Piattaforma di Lavoro Elevabile sono stati considerati i seguenti riferimenti normativi: Nel lavoro temporaneo in quota il datore di lavoro deve scegliere l attrezzatura in funzione delle caratteristiche del luogo, dell ambiente, della tipologia di attività da svolgere, della durata, della

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: UTILIZZO TRANSPALLET ELETTRICI E MANUALI (CARRELLI ELEVATORI CON TIMONE)

GESTIONE IN SICUREZZA: UTILIZZO TRANSPALLET ELETTRICI E MANUALI (CARRELLI ELEVATORI CON TIMONE) Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE DEFINIZIONE Demolizione: Operazione di abbattimento parziale o totale di un opera edificata, attraverso una sequenza programmata di interventi da effettuare sull opera

Dettagli

P.S.C. Allegato 6 DOTAZIONE DI SICUREZZA ED USO DEI MEZZI DIESEL ELABORATO

P.S.C. Allegato 6 DOTAZIONE DI SICUREZZA ED USO DEI MEZZI DIESEL ELABORATO ELABORATO P.S.C. Allegato 6 DOTAZIONE DI SICUREZZA ED USO DEI MEZZI DIESEL Pagina 1 di 12 1. DOTAZIONI DI SICUREZZA ED USO DI MEZZI EQUIPAGGIATI CON MOTORI DIESEL... 4 1.1 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 1.2

Dettagli

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa Direzione Provinciale del Lavoro Lucca Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa CADUTE dall alto La causa principale dei

Dettagli

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo Pag. 1 di 7 Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo PREMESSA Questa nota e indirizzata al personale dipendente dell INFN e/o ad esso assimilato che

Dettagli

Il Rischio Meccanico e la Sicurezza delle Macchine

Il Rischio Meccanico e la Sicurezza delle Macchine Il Rischio Meccanico e la Sicurezza delle Macchine Prof. Ing. Marcello Braglia DIMNP Facoltà d Ingegneria Università di Pisa Il Rischio Meccanico e la Sicurezza delle Macchine Attraverso il suo funzionamento,

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

1. SCOPO 2. APPLICAZIONE 3. ISTRUZIONE OPERATIVA ISTRUZIONE OPERATIVA UTILIZZO DEL CARRELLO ELEVATORE OBBLIGHI DEL CARRELLISTA

1. SCOPO 2. APPLICAZIONE 3. ISTRUZIONE OPERATIVA ISTRUZIONE OPERATIVA UTILIZZO DEL CARRELLO ELEVATORE OBBLIGHI DEL CARRELLISTA 1. SCOPO La presente istruzione ha lo scopo di definire le corrette modalità di utilizzo dei carrelli elevatori. 2. APPLICAZIONE L istruzione si applica ogniqualvolta si eseguano operazioni che prevedano

Dettagli

IN COLLABORAZIONE CON ASEAMAC

IN COLLABORAZIONE CON ASEAMAC 1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL MARTELLO PNEUMATICO La seguente scheda mostra le norme di sicurezza che deve seguire l operatore di un MARTELLO PNEUMATICO (demolitore, perforatore, picconiere). L operatore

Dettagli

Macchine per la movimentazione di carichi pesanti

Macchine per la movimentazione di carichi pesanti Serie MHT Macchine per la movimentazione di carichi pesanti 5 modelli in grado di sollevare da 5 a 16 tonnellate L esperienza consolidata nella progettazione di macchine per la movimentazione fuoristrada

Dettagli

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO Ing. Angelo Romanelli, Direttore Dipartimento RCV Bergamo Data 12 settembre 2014 INTRODUZIONE IL COMMITTENTE Soggetto individuato

Dettagli

L uso dei carrelli elevatori

L uso dei carrelli elevatori L uso dei carrelli elevatori I rischi diretti ed indiretti nelle operazione di carico-scarico e movimentazione di materiale attraverso l impiego di carrelli elevatori Il Muletto I carrelli elevatori sono

Dettagli

Norme per imprese esterne

Norme per imprese esterne LIVELLO: 2 PROCEDURE AZIENDALI Documento n. 97.530.PRO Oggetto: Norme per imprese esterne Pag. 1 di 8 Redatto da: P. Venuto Controllato da: P.Perazzo Approvato da: A Bertilotti Norme per imprese esterne

Dettagli

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Dipartimento Tecnologie di Sicurezza La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Il Titolo III I requisiti di sicurezza delle

Dettagli

L abilitazione degli operatori di particolari attrezzature di lavoro

L abilitazione degli operatori di particolari attrezzature di lavoro L abilitazione degli operatori di particolari attrezzature di lavoro ( art. 73 comma 5 D. Lgs. 81/2008) Ing. Alessandro Gandini 1 premesse normative dell accordo del 22/02/2012 D. Lgs. 09 aprile 2008 n.

Dettagli

I CARRELLI ELEVATORI CON OPERATORE A BORDO (carrelli elevatori a forche)

I CARRELLI ELEVATORI CON OPERATORE A BORDO (carrelli elevatori a forche) SCHEDA TECNICA N 24 I CARRELLI ELEVATORI CON OPERATORE A BORDO (carrelli elevatori a forche) Servizio Prevenzione e Protezione V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail:

Dettagli

Libretto verifiche e controlli per

Libretto verifiche e controlli per Libretto verifiche e controlli per Gru a torre n fabbrica matricola ISPESL Eseguendo le verifiche e i controlli è necessario osservare quanto segue: - le norme di legge italiane e comunitarie, - le norme

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO DURATA IL CORSO SPECIFICO PER L UTILIZZO DI POMPE PER CALCESTRUZZO HA UNA DURATA COMPLESSIVA DI 16 ORE ORGANIZZATE IN TRE MODULI: MODULO DI BASE (4 ORE) E MODULO TECNICO

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi ai sensi del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008

Documento di Valutazione dei Rischi ai sensi del D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 INTRODUZIONE Pagina 1 In applicazione del D.lgs. 81/08 e s.m.i. Titolo III, art. 69 che definisce le attrezzature di lavoro: 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente titolo si intende per:

Dettagli

Vista la legge 1 marzo 2002, n. 39, ed in particolare l'articolo 1, commi 1, 3 e 5;

Vista la legge 1 marzo 2002, n. 39, ed in particolare l'articolo 1, commi 1, 3 e 5; Attuazione della direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l'uso delle attrezzature di lavoro da parte dei lavoratori IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli

Dettagli

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico chiuso con porte pieghevoli ISTRUZIONI PER L USO F17PB07 01/04/2010

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico chiuso con porte pieghevoli ISTRUZIONI PER L USO F17PB07 01/04/2010 DOMUSLIFT XL Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico chiuso con porte pieghevoli F17PB07 01/04/2010 Via Di Vittorio, 21 20060 Vignate Milano Italy Tel 0295127.1 Fax 029560423 IGV www.igvlift.com

Dettagli

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto ISTRUZIONI PER L USO F17PA07 01/04/2010

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto ISTRUZIONI PER L USO F17PA07 01/04/2010 DOMUSLIFT XL Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto F17PA07 01/04/2010 Via Di Vittorio, 21 20060 Vignate Milano Italy Tel 0295127.1 Fax 029560423 IGV www.igvlift.com www.domuslift.com

Dettagli

GSQ CORSO DI ABILITAZIONE PER ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI GESTIONE SICUREZZA & QUALITA

GSQ CORSO DI ABILITAZIONE PER ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI GESTIONE SICUREZZA & QUALITA IMPRESE MASSA CARRARA GSQ CON LA COLLABORAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE SICUREZZA & QUALITA CORSO DI ABILITAZIONE PER ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI INTRODUZIONE La movimentazione

Dettagli

SOMMARIO: Motivo revisione. Redazione. Verifica. Approvazione Autorizzazione. RSPP: P.I. M. Bolchi Dr. L. Corradini PROCEDURA DI SICUREZZA

SOMMARIO: Motivo revisione. Redazione. Verifica. Approvazione Autorizzazione. RSPP: P.I. M. Bolchi Dr. L. Corradini PROCEDURA DI SICUREZZA Pag. 1 di 6 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili

Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili Sicurezza realizzabile Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili Nella vostra azienda le piattaforme di lavoro elevabili vengono usate in condizioni di sicurezza? Le piattaforme di lavoro elevabili

Dettagli

1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL MINIESCAVATORE 2. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) CON LA COLLABORAZIONE DI

1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL MINIESCAVATORE 2. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) CON LA COLLABORAZIONE DI CON LA COLLABORAZIONE DI 1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL MINIESCAVATORE Questa scheda mostra le norme di sicurezza che deve seguire l operatore di un MINIESCAVATORE per manovrarlo in modo sicuro. Vale per

Dettagli

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire SICUREZZA MACCHINE: Marcatura CE: La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire - 21 ottobre 2010 Relatore: Marino Zalunardo Con il patrocinio

Dettagli

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO 7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO L ascensore da cantiere, proprio per la sua caratteristica di uso temporaneo presenta, a differenza di altre apparecchiature installate permanentemente in

Dettagli

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni.

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. CAMPO DI APPLICAZIONE Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. FIGURE INTERESSATE Datore di Lavoro Lavoratore

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

2.4.15 Centro di lavoro D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12417:2003

2.4.15 Centro di lavoro D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12417:2003 2.4.15 Centro di lavoro D. Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN 12417:2003 Macchina utensile in cui il mandrino, orizzontale o verticale, è in grado di eseguire due o più processi di lavorazione

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Prevenzione degli infortuni nei lavori in quota e nell uso delle attrezzature di lavoro. Maria Rosaria Libone U.F. PISLL USL 12 Viareggio

Prevenzione degli infortuni nei lavori in quota e nell uso delle attrezzature di lavoro. Maria Rosaria Libone U.F. PISLL USL 12 Viareggio Prevenzione degli infortuni nei lavori in quota e nell uso delle attrezzature di lavoro Maria Rosaria Libone U.F. PISLL USL 12 Viareggio NORMATIVA ANTINFORTUNISTICA D.P.R. 27-04-55 n.547 norme generali

Dettagli

GUIDA SICURA PIU CHE UN OBBLIGO..UNA POSSIBILITA

GUIDA SICURA PIU CHE UN OBBLIGO..UNA POSSIBILITA GUIDA SICURA PIU CHE UN OBBLIGO..UNA POSSIBILITA I PRINCIPI DELLA GUIDA SICURA Da un rapporto dell ACI e del Censis sono emersi i seguenti dati: 3 guidatori su 1000 Sono considerati Ottimi Conducenti 5

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A.

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti in Applicazione a quanto previsto dall Art.28 del D.Lgs. 81/08 tra ATAF S.p.A e Azienda Affidataria per il servizio

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

o Norma CEI EN 60903 (CEI 11-31) Specifica per guanti e muffole di materiale isolante per lavori sotto tensione ;

o Norma CEI EN 60903 (CEI 11-31) Specifica per guanti e muffole di materiale isolante per lavori sotto tensione ; LAVORI ELETTRICI Norme di riferimento: o Norma CEI EN 50110-1 (CEI 11-48) e variante V1 Esercizio degli impianti elettrici ; o Norma CEI EN 50110-2 (CEI 11-49) Esercizio degli impianti elettrici (allegati

Dettagli

1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO 2. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) ELETTROGENO PORTATILE

1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO 2. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) ELETTROGENO PORTATILE Unione 1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO ELETTROGENO PORTATILE La seguente scheda mostra le norme di sicurezza che deve seguire l operatore di un GRUPPO ELETTROGENO PORTATILE. Le norme qui di seguito

Dettagli

D.M. 27-3-1998. Pubblicato nella Gazz. Uff. 5 maggio 1998, n. 102. IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE.

D.M. 27-3-1998. Pubblicato nella Gazz. Uff. 5 maggio 1998, n. 102. IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE. D.M. 27-3-1998 Riconoscimento di conformità alle vigenti norme di un sistema di sicurezza anticaduta montato su una scala fissa metallica ad un montante. Pubblicato nella Gazz. Uff. 5 maggio 1998, n. 102.

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) UFFICIO TECNICO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26

Dettagli

Linee guida per l emissione dei permessi di lavoro

Linee guida per l emissione dei permessi di lavoro Permessi Linee guida per l emissione dei permessi Nella redazione dei permessi e nell assegnazione delle prescrizioni di sicurezza, occorre tenere conto delle varie tipologie di lavori descritte nella

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26 del d.lgs. n. 81/2008 - Sicurezza e salute nel luogo di lavoro)

Dettagli

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici.

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. Palazzo dei Torriani (UD) Martedì, 14 giugno 2011 La manutenzione delle apparecchiature elettriche: legislazione e normativa

Dettagli

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Schede SEGNALETICA 1 Segnaletica di sicurezza In cantiere dovrà essere posizionata la segnaletica di sicurezza, conforme al D. Lgs. 81/08. Quando nei luoghi di

Dettagli

Utilizzo di carrello elevatore con timone (transpallet)

Utilizzo di carrello elevatore con timone (transpallet) Pag. 1/8 Utilizzo di carrello elevatore con timone File Redazione Stefania Bertoldo, Francesca Longhi, Orestina Princivalle, Andrea Alducci, Giovanna Baldin, Paolo Feltrin, Roberto Fiorenza, Patrizia Raisi,

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata

Dettagli

D.Lgs 9 aprile 2008, n.81

D.Lgs 9 aprile 2008, n.81 D.Lgs 9 aprile 2008, n.81 Definizioni Ai sensi dell art.2 del decreto 81/2008, si precisa che: 1. Datore di lavoro: è il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Nel caso Suo è la persona

Dettagli

ISTRUZIONI MODELLO POS

ISTRUZIONI MODELLO POS ISTRUZIONI MODELLO POS ISTRUZIONI - COPERTINA DOCUMENTO È necessario revisionare il POS ogni qual volta siano apportate modifiche significative alla situazione lavorativa ipotizzata, soprattutto se connessa

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Articolo 69 Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente

Dettagli

Allegato VI - Disposizioni concernenti l'uso delle attrezzature di lavoro

Allegato VI - Disposizioni concernenti l'uso delle attrezzature di lavoro Allegato VI - Disposizioni concernenti l'uso delle attrezzature di lavoro Osservazione preliminare Le disposizioni del presente allegato si applicano allorché esiste, per l'attrezzatura di lavoro considerata,

Dettagli

GUIDA OPERATORE CARRELLO INDUSTRIALE SEMOVENTE

GUIDA OPERATORE CARRELLO INDUSTRIALE SEMOVENTE GUIDA PRATICA DI SICUREZZA PER OPERATORI ADIBITI ALLA GUIDA DEI CARRELLI ELEVATORI INDUSTRIALI SEMOVENTI NORME PER LA GESTIONE DEI CARRELLI PREMESSA Il presente opuscolo ha lo scopo di indicare ai carrellisti

Dettagli

Manuale Uso e Manutenzione

Manuale Uso e Manutenzione Manuale Uso e Manutenzione SOLLEVATORE BIBRACCIO BBI-BBO-BBV-BBC Brevettato Ed. 10.10.2013 1 MARIANI Srl Via Aldo Moro 25, 46020 PEGOGNAGA (MN) Copyright: MARIANI Srl Pubblicato in data: 10 Ottobre 2013

Dettagli

5. SCALE FISSE E PORTATILI

5. SCALE FISSE E PORTATILI 01. E stata effettuata una specifica valutazione dei rischi associati alle scale fisse portatili 02. Nei luoghi di lavoro sono utilizzate scale fisse a gradini 02.01. Le scale che presentano dislivelli

Dettagli

Sicurezza informazioni carrelli elevatori a forche 626

Sicurezza informazioni carrelli elevatori a forche 626 Pagina 1 di 24 I Conducenti devono guidare il carrello elevatore a forche solo se sono stati addestrati in modo adeguato. Siete qualificati per essere dei conducenti di un carrello elevatore a forche?

Dettagli

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI U CHECK LIST PER LA CUREZZA NEI CANTIERI EDILI LE CONDERAZIONI ESPOSTE SO FRUTTO ESCLUVO DEL PENERO 1DEGLI AUTORI E N HAN CARATTERE IN ALCUN MODO IMPEGTIVO PER L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DI APPARTENENZA.

Dettagli

GAMMA DEI PRODOTTI ESCAVATORI GOMMATI COMPATTI

GAMMA DEI PRODOTTI ESCAVATORI GOMMATI COMPATTI GAMMA DEI PRODOTTI ESCAVATORI GOMMATI COMPATTI ESCAVATORI GOMMATI COMPATTI TEREX PRONTI A TUTTO Gli escavatori gommati compatti Terex sono macchine versatili capaci di offrire una straordinaria mobilità.

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA RELATIVA ALL ACCESSO ALL IMPIANTO BHS AREA SEGREGATA

PROCEDURA DI SICUREZZA RELATIVA ALL ACCESSO ALL IMPIANTO BHS AREA SEGREGATA N pagina 1 PROCEDURA DI SICUREZZA RELATIVA ALL ACCESSO ALL IMPIANTO BHS AREA SEGREGATA N pagina 2 1. INDICE 2. SCOPO...3 3. APPLICABILITA'...3 4. RIFERIMENTI...3 5. RESPONSABILITA'...3 6. DEFINIZIONI...3

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI a cura di Marialuisa Diodato SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo III Capo III articoli 80-87 e Allegati V- VI - IX Titolo IV Capo II art 117 e Allegato X - così come modificati dal Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n.

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Introduzione Principio Di norma, quando si sceglie l ubicazione di una gru a torre bisogna fare in modo che la movimentazione dei carichi sul cantiere

Dettagli

Manutenzione di macchine e impianti Lista di controllo

Manutenzione di macchine e impianti Lista di controllo Manutenzione di macchine e impianti Lista di controllo Nella vostra azienda si garantisce la sicurezza durante gli interventi di manutenzione? Le persone più a rischio sono i manutentori e gli operatori

Dettagli