Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone"

Transcript

1 Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone

2

3 SOMMARIO SERVIZI ALLE PERSONE - Accoglienza e informazione - Dichiarazione di disponibilità all impiego e colloquio di primo livello; - Colloquio di secondo livello (progetto Pipol Garanzia Giovani e Occupabilità); - Iscrizione nell elenco provinciale dei lavoratori disabili (L.68/99) e altre categorie e colloquio di primo livello; - Colloquio di secondo livello collocamento mirato (L.68/99); - Laboratori di orientamento al lavoro; - Graduatoria annuale aventi diritto al collocamento obbligatorio ai sensi della legge 68/1999; - Candidatura per opportunità d inserimento in azienda; - Accesso ai cantieri di lavoro; - Accesso ai lavori socialmente utili; - Accesso ai lavori di pubblica utilità; - Accesso al lavoro nella pubblica amministrazione; - Consulenza per la creazione d impresa; - Sportello assistenza familiare Si.Con.Te

4 I Centri per l Impiego sono stati interessati da un radicale processo di mutamento in seguito alle riforme che si sono susseguite nel corso degli anni, la prima nel 2000 con la delega alle Province dei servizi di formazione, orientamento e collocamento al lavoro, la seconda del 2001/2003, con il Dlgs. 181 che ha comportato la riorganizzazione dei servizi per l impiego e dello stato di disoccupazione e l ultima, ma altrettanto innovativa, legge 30 del 2003 che ha provocato un complesso ripensamento e adeguamento sul fronte dei contratti di lavoro. Con la legge regionale 18/2005 è stata definita ulteriormente l attività dei servizi per l impiego definendo gli ambiti di intervento diretto e quelli erogati in collaborazione con i soggetti accreditati o autorizzati in una logica di rete. La carta dei servizi illustra le attività offerte ai cittadini e alle imprese dal Centro per l Impiego e si propone come obiettivo il miglioramento della comunicazione nei confronti di tutti i fruitori dei servizi.

5 La Provincia di Trieste nell offrire ed erogare i servizi ai propri utenti del Centro per l Impiego osserva i seguenti principi: Eguaglianza e imparzialità garanzia di pari trattamento agli utenti, agendo con obiettività, imparzialità, giustizia e trasparenza senza discriminazioni di età, sesso, nazionalità, lingua, religione, condizione sociale e opinioni politiche. Continuità e regolarità del servizio garanzia di continuità e regolarità nell erogazione dei servizi, negli orari e nei tempi stabiliti. In caso di funzionamento irregolare, derivante da causa di forza maggiore, si adottano misure volte ad arrecare agli utenti il minor disagio possibile. Partecipazione e trasparenza agevolazione della partecipazione attiva degli utenti per una corretta gestione e per il miglioramento dei servizi offerti. Con la Carta dei servizi e con il sito sono garantiti la diffusione ed il facile accesso in forma comprensibile e chiara ad ogni informazione utile. Efficienza ed efficacia utilizzo delle risorse umane e finanziarie in base ai principi di efficacia e efficienza, monitorando i bisogni delle imprese e dei cittadini e verificando i risultati conseguiti. Con la realizzazione della Carta dei servizi il Centro per l Impiego di Trieste intende instaurare un rapporto diretto con i propri utenti, dotandoli da una parte di uno strumento per agevolare l accesso e la piena fruibilità ai servizi e dall altra tutelarne i diritti e riconoscere loro la possibilità di verificare e migliorare la qualità dei servizi stessi.

6 6 SERVIZI ALLE PERSONE Accoglienza e informazione Che cosa offre - illustra all utente i servizi erogati dal Centro per l Impiego indicando modalità e tempi di accesso; - raccoglie i bisogni dell utente; - propone il rinvio ad altri servizi interni e/o esterni. - alle persone che cercano informazioni su opportunità di lavoro (bandi di concorso, richieste di personale da parte di aziende private), formazione e orientamento nel mercato del lavoro. Modalità di erogazione - l utente può spiegare le proprie esigenze e riceve dall operatore le prime informazioni e se necessario viene indicato il servizio specialistico più adeguato ai bisogni espressi. - accesso immediato in orario di apertura al pubblico; - attesa del prorpio turno; - durata del colloquio da 5 a 15 minuti.

7 7 Dichiarazione di disponibilità all impiego e colloquio di primo livello - permette di acquisire lo stato di disoccupazione o di mantenerlo anche in costanza di rapporto di lavoro nel caso in cui il reddito annuale lordo sia inferiore a euro per il lavoro subordinato o parasubordinato e euro per il lavoro autonomo; in questi casi il soggetto può presentarsi presso il Centro per l Impiego durante il rapporto di lavoro, o tassativamente entro 30 giorni dalla sua cessazione recando con se idonea documentazione, chiedendo che gli venga riconosciuta l acquisizione dello stato di disoccupazione o la conservazione dello stesso; - permette di svolgere un colloquio di orientamento al lavoro di primo livello al fine di sostenere e facilitare nei processi di scelta, di transizione professionale e lavorativa; - vengono concordati i servizi di cui l utente ritiene opportuno fruire; - viene descritta la mappa dei servizi utilizzabili nel Centro per l Impiego per orientarsi nel mercato del lavoro. - ai cittadini dell unione europea e ai cittadini extra-comunitari con permesso di soggiorno valido per il lavoro, immediatamente disponibili all impiego: disoccupati e inoccupati. - si effettua la presa in carico dell utente con la sottoscrizione della dichiarazione di disponibilità immediata all impiego e del patto di servizio; - viene svolto il colloquio di orientamento in cui l operatore approfondisce e registra nella banca dati Ergonet: dati anagrafici e professionali dell utente, esperienze lavorative e formative, competenze e disponibilità; - viene attivato il curriculum che verrà estratto qualora vi siano richieste di personale compatibili con il profilo e le disponibilità dell utente; - viene concordato il piano di azione individuale con l insieme dei servizi che l utente, con il supporto di un operatore specializzato, ritiene più opportuni; - vengono fornite informazioni sul mercato del lavoro ed i servizi disponibili a seconda delle esigenze della persona; - è previsto anche un eventuale rinvio alla consulenza orientativa di secondo livello per chi ha bisogno di approfondimento.

8 8 - l accesso è in tempo reale; - attesa del proprio turno; - durata colloquio: minuti (tempo medio). Colloquio di secondo livello (progetto Pipol: Garanzia Giovani e Occupabilità) - sostiene e facilita i processi di scelta di transizione professionale, lavorativa, formativa e definisce gli obiettivi professionali e formativi; - offre consulenza su percorsi formativi e sulle modalità di accesso all incontro domanda offerta. - ai cittadini dell unione europea e ai cittadini extra-comunitari con permesso di soggiorno valido per il lavoro, residenti in Italia (per aderire a Garanzia giovani) residenti in Regione FVG (per aderire a Occupabilità) immediatamente disponibili all impiego: disoccupati, inoccupati, cassaintegrati, persone in mobilità. - viene svolto il colloquio di orientamento in cui l operatore approfondisce e registra nella banca dati Ergonet: dati anagrafici e professionali dell utente, esperienze lavorative e formative, competenze e disponibilità; - viene attivato il curriculum che verrà estratto qualora vi siano richieste di personale compatibili con il profilo e le disponibilità dell utente; - vengono presentati i servizi offerti dal Centro per l Impiego mettendo in evidenza gli obiettivi del colloquio di secondo livello finalizzato ad elaborare un progetto formativo- lavorativo e a facilitare i processi di scelta e di transizione al lavoro; - vengono analizzate le competenze dell utente (punti di forza e di debolezza), viene fornito sostegno nella scelta degli obiettivi professionali e formativi, definito il proprio progetto professionale, fornito supporto nella stesura del curriculum vitae; - viene concordato il piano di azione individuale con l insieme dei servizi (orientamento, formazione, tirocini, offerte d impiego) che l utente, con il supporto di un operatore specializzato, ritiene più opportuni;

9 9 - si fornisce consulenza sui settori, le figure professionali in espansione o in declino, sulla situazione economica e le prospettive del mercato del lavoro locale. - la registrazione al progetto è on line dal sito della Regione FVG oppure presso lo sportello del Centro per l Impiego; - su appuntamento; - tempi di attesa per l appuntamento: 60 giorni (Garanzia Giovani) 90 giorni (Occupabilià); - durata del colloquio: 45/60 minuti (tempo medio). Iscrizione nell elenco provinciale dei lavoratori disabili (L.68/99) e delle categorie protette non disabili - i lavoratori disoccupati, in possesso di apposito riconoscimento di disabilità ovvero di profugo, orfano/vedova o equiparato per cause di guerra, di servizio o di lavoro, secondo quanto previsto dalla legge 68/1999 e successive modifiche e integrazioni, possono richiedere l iscrizione al collocamento mirato e usufruire delle opportunità lavorative nei confronti dei datori di lavoro pubblici e privati soggetti all obbligo della riserva per tali categorie a persone disoccupate, in età lavorativa, che rientrano in una delle seguenti categorie e che abbiano capacità lavorative accertate: DISABILI (art. 1 L. 68/1999) - riduzione della capacità lavorativa superiore al 45 %, accertata dalle competenti commissioni per il riconoscimento dell invalidità civile; - disabilità derivante da infortunio sul lavoro o malattia professionale che comporti un grado di invalidità, accertata dall INAIL, superiore al 33 %; - minorazioni ascritte dalla prima all ottava categoria, nel caso di persone invalide di guerra, invalide civili di guerra e invalide per servizio; - persone non vedenti o sordomute.

10 10 ALTRE CATEGORIE PROTETTE (NON DISABILI art. 18, c. 2, L. 68/1999) è necessario essere in possesso di apposito riconoscimento: - di profugo (L. 763/81); - di orfano/vedova o equiparato per cause di guerra, di servizio o di lavoro. - per ottenere l iscrizione al collocamento mirato è necessario presentare al Centro per l Impiego la seguente documentazione: il certificato medico con indicazione della percentuale di invalidità riconosciuta, ai sensi dell art. 20 della legge 102/2009 (ovvero certificazione rilasciata dall INAIL, nel caso di persone invalide del lavoro); il certificato medico rilasciato ai sensi del DPCM (diagnosi funzionale); un documento di identità valido; il codice fiscale; per le persone straniere, il permesso di soggiorno; l attestato di riconoscimento del requisito per le categorie protette non disabili. Verificati i requisiti per l accesso al servizio, si effettua la presa in carico dell utente con la sottoscrizione della dichiarazione di disponibilità immediata all impiego e del patto di servizio. Viene svolto il colloquio di primo livello in cui l operatore registra i dati anagrafici, ricostruisce il precorso scolastico e formativo della persona nella banca dati Ergonet e fornisce un quadro chiaro dell offerta dei servizi del collocamento mirato e rinvia al colloquio specialistico e ad altri eventuali servizi. - l accesso è in tempo reale; - è necessaria l attesa del proprio turno; - durata del colloquio: 20 minuti (tempo medio).

11 11 Colloquio di secondo livello collocamento mirato (L.68/99) - sostiene e facilita i processi di scelta di transizione professionale, lavorativa, formativa e definisce gli obiettivi professionali e formativi; - offre consulenza su percorsi formativi e sulle modalità di accesso all incontro domanda offerta. - alle persone iscritte al collocamento mirato L.68/99. - un operatore specializzato approfondisce e registra nella banca dati: dati anagrafici e professionali dell utente, esperienze lavorative e formative, competenze e disponibilità; - vengono analizzate le residue capacità lavorative e le esigenze/bisogni/ aspettative della persona disabile; - viene attivato il curriculum al fine dell estrazione qualora vi siano richieste di personale compatibili con il profilo e le disponibilità dell utente; - vengono presentati i servizi offerti dal Centro per l Impiego mettendo in evidenza gli obiettivi del colloquio di secondo livello finalizzato ad elaborare un progetto formativo- lavorativo e a facilitare i processi di scelta e di transizione al lavoro; - viene fornito sostegno nella scelta degli obiettivi professionali e formativi, definito il proprio progetto professionale, fornito supporto nella stesura del curriculum vitae e concordato il piano di azione individuale con l insieme dei servizi che l utente, con il supporto di un operatore specializzato, ritiene più opportuni; - è previsto il rinvio del caso al Comitato tecnico per le situazioni che necessitano di un approfondimento o di una verifica sulle residue capacità lavorative e la compatibilità con le opportunità d inserimento. - su appuntamento rivolgendosi agli operatori addetti all ufficio collocamento mirato; - tempi di attesa per l appuntamento 60 giorni; - durata del colloquio: 60 minuti (tempo medio).

12 12 Laboratori di orientamento al lavoro i laboratori informativi sono azioni collettive di orientamento volte a favorire la conoscenza del mercato del lavoro ed offrire strumenti per supportare la persona nella ricerca attiva del lavoro. i laboratori sono organizzati per target omogenei quali: giovani; donne; over 50; stranieri; percettori di ammortizzatori sociali; partecipanti a progetti speciali. Modalità di erogazione - ogni laboratorio affronta tematiche generali in materia di orientamento al lavoro e specialistiche a seconda del target di riferimento, quali, ad esempio: funzionamento dei Centri per l Impiego e delle agenzie per il lavoro private, mercato del lavoro locale e nazionale,contrattualistica vigente e ultime modifiche normative in materia di lavoro, istituti di tutela dei diritti dei lavoratori, sgravi contributivi nazionali e incentivi regionali per l assunzione di determinate categorie di lavoratori, percorsi di formazione e di riqualificazione professionale, canali di ricerca attiva del lavoro, analisi del curriculum vitae, stesura della lettera di presentazione, simulazione di colloqui di ricerca di lavoro. - i laboratori si svolgono in orario pomeridiano nelle giornate di lunedì e giovedì presso la sala riunioni del CPI; - chi è interessato può dare la propria disponibilità al laboratorio presso lo sportello accoglienza in orario di apertura o tramite mail al seguenti indirizzo: - durata del laboratorio: da 2 a 3 ore.

13 13 Graduatoria annuale aventi diritto al collocamento obbligatorio ai sensi della legge 68/1999 i lavoratori disabili e non disabili aventi diritto al collocamento mirato ai sensi della legge 68/1999 possono presentare domanda di inserimento nella graduatoria annuale valida per gli avviamenti numerici che sarà utilizzata nel corso di ogni anno, previo parere del comitato tecnico, per rispondere a specifiche richieste di avviamento numerico. alle persone disabili e agli appartenenti alle categorie protette in possesso dei seguenti requisiti: - essere disoccupati al 31 dicembre dell anno precedente - essere iscritti al collocamento mirato - essere in possesso di un modello ISEE valido fino al 31 marzo dell anno corrente. - i lavoratori disabili e non disabili aventi diritto al collocamento obbligatorio ai sensi della legge 68/1999 possono presentare domanda di inserimento nella graduatoria annuale valida per gli avviamenti numerici che sarà utilizzata nel corso di ogni anno; - il punteggio di graduatoria è determinato dal reddito, dal carico familiare, dall anzianità di iscrizione al collocamento mirato e per gli avviamenti a enti pubblici e pubbliche amministrazioni dalla percentuale di invalidità; - per motivi di tutela della riservatezza, la graduatoria non è pubblicata, ma è disponibile per la consultazione presso il Centro per l Impiego, ufficio collocamento mirato stanza n. 12; - in corso d anno, gli interessati devono tenere aggiornati tutti i dati che li riguardano e che concorrono a determinare il punteggio di graduatoria con particolare riguardo al dato relativo al reddito, attestato dal modello ISEE. - la domanda di inserimento in graduatoria, redatta sul modello predisposto, è compilata e presentata allo sportello, previa esibizione di un valido documento di identità personale; - la graduatoria è formata e pubblicata entro il 31 marzo di ogni anno con

14 14 riferimento alla situazione al 31 dicembre dell anno precedente. Candidatura per opportunità d inserimento in azienda - favorisce il contatto tra le disponibilità del lavoratore e le esigenze delle aziende. - alle persone immediatamente disponibili al lavoro: disoccupati e inoccupati. - le ricerche di personale di profili, che non sono reperibili nella banca dati Ergonet, vengono pubblicate sul sito del Centro per l Impiego; - le persone in possesso dei requisiti richiesti dall azienda possono autocandidarsi presentando il proprio curriculum al Centro per l Impiego; - gli operatori del Centro per l Impiego valutano il cv di ogni persona rispetto ai requisiti richiesti dall azienda e inviano solo i curricula attinenti ai profili ricercati. - l accesso è in tempo reale; - è necessaria l attesa del proprio turno; - durata del colloquio: 20 minuti (tempo medio). Accesso ai cantieri di lavoro - è possibile presentare domanda di inserimento nella graduatoria dei cantieri di lavoro presso le Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Trieste. I cantieri di lavoro sono attività temporanee e straordinarie per l inserimento lavorativo di soggetti disoccupati, in ambito forestale e vivaistico, di rimboschimento, di sistemazione montana e di costruzione di opere di pubblica utilità, diretti al miglioramento dell ambiente e degli spazio urbani. i candidati devono: - essere residenti in Regione;

15 15 - essere disoccupati da almeno 8 mesi; - non percepire alcun tipo di ammortizzatore sociale. Modalità di erogazione - il Centro per l Impiego provvede a: - dare la massima diffusione alla richiesta della Pubblica amministrazione sul sito e fissa le date entro le quali i lavoratori interessati possono presentare la loro adesione all iniziativa; - redigere, in base al domicilio dei disoccupati, una graduatoria per ogni comune della provincia. - accesso al servizio: in tempo reale; - attesa del proprio turno; - il CPI redige una greduatoria aggiornata mensilmente; - l elenco dei candidati viene fornito all ente richiedente entro 30 giorni dalla raccolta delle adesioni. Accesso ai lavori socialmente utili - è possibile presentare domanda di lavori socialmente utili presso le Pubbliche Amministrazioni della Provincia di Trieste che pongono in essere attività finalizzate a migliorare la qualità della vita, dell ambiente, degli spazi urbani e del territorio, nonchè per migliorare la qualità delle prestazioni offerte; - le prestazioni di attività socialmente utile, rientrano nel quadro delle misure di sostegno al reddito dei lavoratori e non comportano l instaurazione di un rapporto di lavoro con la Pubblica Amministrazione presso la quale viene svolta l attività lavorativa; - lo svolgimento di lavori socialmente utili non comporta la perdita dello stato di disoccupazione, né implica la sospensione o la cancellazione dalle liste di mobilità.l utilizzo dei lavoratori nei progetti di attività socialmente utili non può comunque superare il periodo residuo di trattamento previdenziale; - le prestazioni effettuate fino a 20 ore settimanali sono coperte esclusivamente dal trattamento previdenziale percepito dal lavoratore. Le ore eccedenti sono a carico dell Amministrazione utilizzatrice e sono retribuite da un importo corrispondente alla retribuzione oraria relativa al livello retributivo

16 16 iniziale, al netto delle ritenute previdenziali e assistenziali, prevista per i dipendenti che svolgono attività analoghe presso l Amministrazione. - lavoratori posti in CIGS sospesi a zero ore e titolari del relativo trattamento; - lavoratori posti in mobilità e titolari del relativo trattamento (indennità di mobilità L. 223/91); - lavoratori titolari di altro trattamento speciale di disoccupazione (edilizia). il Centro per l Impiego provvede a: - dare la massima diffusione alla richiesta della Pubblica amministrazione sul sito e fissando le date entro le quali i lavoratori interessati possono presentare la loro adesione all iniziativa; - formulare l elenco tenendo conto di: residenza dei lavoratori; periodo residuo di trattamento previdenziale. - accesso al servizio è in tempo reale; - attesa del proprio turno; - l elenco dei candidati viene fornito all ente richiedente entro 30 giorni dalla raccolta delle adesioni. Accesso ai lavori di pubblica utilità è possibile presentare domanda d inserimento nelle tre liste di disponibilità per lo svolgimento di attività di lavoro di pubblica utilità, ciascuna con riferimento a uno dei seguenti settori di attività previsti: valorizzazione di beni culturali e artistici anche mediante l attività di salvaguardia, promozione, allestimento e custodia di mostre, musei e biblioteche; custodia e vigilanza finalizzati a migliorare la fruibilità degli impianti sportivi, centri sociali, educativi o culturali gestiti dalle Amministrazioni pubbliche; attività ausiliarie di tipo sociale a carattere temporaneo.

17 17 I requisiti per iscriversi alle tre liste di disponibilità per lo svolgimento di attività di lavoro di pubblica utilità sono: essere residenti in Friuli Venezia Giulia e domiciliati nel bacino territoriale di competenza del Centro per l impiego della Provincia di Trieste; essere in stato di disoccupazione da almeno 8 mesi ai sensi del DPReg. n. 227 del 25 luglio 2006, Regolamento recante indirizzi e procedure in materia di azioni volte a favorire l incontro domanda e offerta di lavoro e a contrastare la disoccupazione di lunga durata; non percepire alcun tipo di ammortizzatore sociale; non essere titolari di pensione assimilabile a reddito da lavoro. Tali requisiti devono essere posseduti dal beneficiario all atto di presentazione della domanda di inserimento nelle liste e al momento di elaborazione della graduatoria e di avvio del progetto. il Centro per l Impiego individua i soggetti beneficiari da assumere dal soggetto attuatore tra quelli inseriti nelle tre liste di disponibilità per lo svolgimento di attività di lavoro di pubblica utilità. Per la scelta dei beneficiari, il Centro per l impiego redige mensilmente una graduatoria riferita ai beneficiari domiciliati nel territorio comunale ove si svolgono i progetti territoriali di iniziative di lavoro di pubblica utilità. Il Centro per l impiego redige anche una graduatoria integrata, composta da tutti i lavoratori iscritti nella lista relativa ad ogni singolo settore di intervento da utilizzare in caso di mancanza di beneficiari domiciliati nel territorio comunale luogo di svolgimento del progetto. Su richiesta numerica dell ente attuatore, il CPI trasmette i nominativi dei beneficiari inseriti in posizione utile nell ultima graduatoria mensile, che l attuatore è tenuto a impiegare nello svolgimento dei progetti. - accesso in tempo reale; - attesa del proprio turno; - adozione della graduatoria entro 30 giorno dalla raccolta delle candidature.

18 18 Accesso al lavoro nella pubblica amministrazione - è possibile candidarsi alle opportunità di lavoro disponibili presso gli Enti Pubblici della Provincia di Trieste. alle persone disoccupate, inoccupate ed occupate ed in possesso dei seguenti requisiti: età non inferiore ai 18 anni ed in possesso dei requisiti previsti per l accesso al Pubblico impiego; obbligo scolastico assolto; eventuali altri requisiti richiesti dall Ente necessari per la specifica professionalità. - vengono raccolte le candidature delle persone che si presentano al Centro per l Impiego; - si procede alla pubblicazione della graduatoria e all invio della stessa all Ente Pubblico richiedente; - i lavoratori aventi i requisiti saranno avviati alla selezione specifica per il profilo ricercato. - accesso in tempo reale; - attesa del proprio turno; - adozione della graduatoria entro 30 giorni dalla raccolta delle candidature. Consulenza per la creazione d impresa - fornisce una consulenza orientativa per la creazione di un attività imprenditoriale che approfondisce diversi aspetti a seconda delle esigenze specifiche della persona. - alle persone immediatamente disponibili al lavoro: disoccupati e inoccupati.

19 19 - la persona interessata alla creazione d impresa individua dall elenco dei consulenti disponibili quello che più ritiene adeguato alla proprie esigenze; - il consulente illustra all utente gli strumenti per una corretta analisi del mercato, i rischi e le opportunità; - offre una prima analisi della forma giuridica delle imprese; - presenta i contributi utili alla creazione d impresa; - supporta nella elaborazione del progetto d impresa personalizzato e indirizza ad altri soggetti per ulteriori approfondimenti. - su appuntamento; - tempi di attesa 30 giorni; - durata del colloquio: 60 minuti (tempo medio). Sportello assistenza familiare Si.Con.Te. - promuove l incontro domanda offerta di lavoro di persone in cerca di lavoro come assistenti familiari, baby sitter e collaboratrici familiari con le famiglie della provincia di Trieste. - alle persone che desiderano lavorare come assistenti familiari, baby sitter e collaboratrici familiari. viene svolto un colloquio di orientamento al lavoro al fine di conoscere le esperienze di lavoro nel campo domestico, le disponibilità di orari e mansioni e per l inserimento del curriculum all interno della banca dati Si.Con.Te. per essere contattati da una famiglia. - su appuntamento rivolgendosi agli operatori addetti allo sportello Si.Con.Te.; - tempo di attesa 15 giorni; - durata del colloquio: 60 minuti (tempo medio).

20 CENTRO PER L IMPIEGO DI TRIESTE Scala dei Cappuccini, 1 Tel Orario di apertura al pubblico: - collocamento ordinario dal lunedì al venerdì dalle 9.15 alle collocamento mirato lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9.15 alle 12.45

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI

Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI Centri per l Impiego della Provincia di Rieti Centro per l'impiego Rieti Via M. Rinaldi

Dettagli

Borsa continua nazionale del lavoro pag. 16

Borsa continua nazionale del lavoro pag. 16 RICERCA ATTIVA DEL LAVORO 2 sommario Introduzione pag. 4 Centri per l impiego pag. 6 Agenzie per il lavoro pag. 12 Informagiovani pag. 14 Altri operatori pag. 15 Borsa continua nazionale del lavoro pag.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO APPIANO GENTILE CANTU COMO ERBA MENAGGIO COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI 0 L DELLA PROVINCIA DI COMO Dal 1999

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEI CENTRI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI FIRENZE

CARTA DEI SERVIZI DEI CENTRI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI FIRENZE CARTA DEI SERVIZI DEI CENTRI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI FIRENZE Presentazione 2 Servizi alle persone 6 1.1. Accoglienza e informazione orientativa; 6 1.2. Colloquio di orientamento primo livello

Dettagli

Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca

Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca Regolamento per l attivazione di tirocini ai sensi dell articolo 63 della legge regionale 9 agosto 2005,

Dettagli

Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati

Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Interventi di sostegno al reddito e di formazione per disoccupati privi di ammortizzatori sociali

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO AVVISO PUBBLICO PER LA CREAZIONE DI UN ELENCO DI PERSONE DISPONIBILI A PRESTARE ATTIVITA OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO NELL AMBITO DEL PROGETTO RECIPROCA SOLIDARIETA E LAVORO ACCESSORIO FINANZIATO DALLA

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

NOTIZIE DAL MONDO DELL HANDICAP. Ma, soprattutto di mettere tutti a conoscenza delle leggi che tutelano i portatori di handicap.

NOTIZIE DAL MONDO DELL HANDICAP. Ma, soprattutto di mettere tutti a conoscenza delle leggi che tutelano i portatori di handicap. NOTIZIE DAL MONDO DELL HANDICAP Come sapete, da settembre è attivo lo SPORTELLO HANDICAP (aperto tutte le mattine dal lun. al ven. dalle 9.30 alle 12.30, tel 0415491226) il quale ha come scopo principale

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

COMUNE DI ARZIGNANO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ARZIGNANO Provincia di Vicenza COMUNE DI ARZIGNANO Provincia di Vicenza SCADENZA: 10/08/2011 AVVISO PUBBLICO PER LA RICERCA DI PERSONALE PER 2 TIROCINI LAVORATIVI DELLA DURATA DI 6 MESI NELL AMBITO DEL PROGETTO DENOMINATO PATTO SOCIALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI

AMMORTIZZATORI SOCIALI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ammortizzatori Sociali Cosa Sono? Ammortizzatori Sociali Art. 38 I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Dettagli

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore)

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore) Criteri e modalità per l attivazione dei tirocini formativi e di orientamento ai sensi dell articolo 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19. Articolo 1 (Oggetto e ambito di applicazione) Nel

Dettagli

Città di Brienza REGOLAMENTO RELATIVO A PRESTAZIONI DI LAVORO ACCESSORIO DI NATURA MERAMENTE OCCASIONALE I N D I C E

Città di Brienza REGOLAMENTO RELATIVO A PRESTAZIONI DI LAVORO ACCESSORIO DI NATURA MERAMENTE OCCASIONALE I N D I C E Città di Brienza (Prov. di Potenza) (D.p.r. del 7/11/2005) Piazza dell Unità d Italia 85050 Brienza tel. 0975381003 - fax 0975381988 comune.brienza@cert.ruparbasilicata.it www.comune.brienza.pz.it REGOLAMENTO

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità.

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

- Lo stato di disoccupazione

- Lo stato di disoccupazione Indice La disoccupazione - Lo stato di disoccupazione - Che cos è - Disoccupati: una categoria trasversale - La dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro - Immediatamente disponibili - La perdita

Dettagli

Scheda n. 1. Riferimenti normativi e organizzativi inerenti l attuazione del procedimento

Scheda n. 1. Riferimenti normativi e organizzativi inerenti l attuazione del procedimento Scheda n. 1 Iscrizione elenco anagrafico ex DPR 442/2000 e acquisizione stato di disoccupazione mediante sottoscrizione della DID Dichiarazione di Immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa

Dettagli

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 Servizi per le aziende Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 L applicativo studiato per la trasmissione delle comunicazioni obbligatorie

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO AVVISO PUBBLICO PER LA CREAZIONE DI UN ELENCO DI PERSONE DISPONIBILI A PRESTARE ATTIVITA OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO NELL AMBITO DEL PROGETTO RECIPROCA SOLIDARIETA E LAVORO ACCESSORIO FINANZIATO DALLA

Dettagli

DIRETTIVA DI ATTUAZIONE DEI TIROCINI EXTRACURRICULARI

DIRETTIVA DI ATTUAZIONE DEI TIROCINI EXTRACURRICULARI ALLEGATO A DIRETTIVA DI ATTUAZIONE DEI TIROCINI EXTRACURRICULARI (ART. 1, L.R. 17/09/2013 N. 17) 1 Art. 1 Finalità, definizioni e campo di applicazione 1. La Regione favorisce l uso integrato dei tirocini

Dettagli

Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI

Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI FEDERAZIONE ITALIANA TRASPORTI DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI Come noto il Consiglio dei Ministri ha approvato i primi due decreti attuativi

Dettagli

AVVISO PUBBLICO GAIA SERVIZI SRL RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO GAIA SERVIZI SRL RENDE NOTO AVVISO PUBBLICO PER L ACQUISIZIONE DELLA DISPONIBILITA A SVOLGERE LAVORO ACCESSORIO OCCASIONALE CON PAGAMENTO MEDIANTE BUONO LAVORO (VOUCHER). DI N. 20 PERSONE GAIA SERVIZI SRL Visto il D.lgs. 10 settembre

Dettagli

I SERVIZI PER L'IMPIEGO

I SERVIZI PER L'IMPIEGO I SERVIZI PER L'IMPIEGO Nel corso degli anni il ruolo del Centro per l Impiego è cambiato: c'è stato un passaggio epocale da amministrazione meramente certificatrice (ufficio di collocamento) ad amministrazione

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI Servizio 1

PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI Servizio 1 PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI Servizio 1 Centro per l Impiego di M O R L U P O Centro per l Impiego di Morlupo Via San Michele 87-89 telefono : 06/9072763 fax: 06/90192776 e-mail : impiego.morlupo@provincia.roma.it

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNALE LINEE D INTERVENTO 1 2 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ***************************

Dettagli

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO ASSESSORATO AI CENTRI PER L IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ATTIVITA PRODUTTIVE, ENERGIA E SICUREZZA Servizio Lavoro, Collocamento e Formazione GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO GLI STRUMENTI MESSI IN

Dettagli

SEMPRE DI PIÙ AL SERVIZIO DELLE IMPRESE

SEMPRE DI PIÙ AL SERVIZIO DELLE IMPRESE GUIDA PER L AZIENDA Direzione Servizio Lavoro via S. Anastasio n. 3 Trieste Tel. 040 3798536-547 Fax 040 3798232 Scala dei Cappuccini n. 1 Stanza n.5 Tel. 040 369104 (int. 249); Fax 040 369577 SEMPRE DI

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 ALLEGATOA alla Dgr n. 1324 del 23 luglio 2013 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Ambito di applicazione...4

Dettagli

6 Dicembre 2006 Numero 23 www.cgil.bg.it/inca/index.htm conoscere per tutelare/2 L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE: LEGGE 68/1999

6 Dicembre 2006 Numero 23 www.cgil.bg.it/inca/index.htm conoscere per tutelare/2 L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE: LEGGE 68/1999 INCA INFORMA Quindicinale di informazione previdenziale a cura dell INCA- CGIL Bergamo 6 Dicembre 2006 Numero 23 www.cgil.bg.it/inca/index.htm conoscere per tutelare/2 L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE:

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI)

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ART. 1 - NASPI A decorrere dal 1 Maggio 2015 è istituita una

Dettagli

Politiche del lavoro

Politiche del lavoro Politiche del lavoro insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione Ampia gamma di politiche pubbliche, riconducibili a 3 tipi principali: 1) politiche per

Dettagli

Tabelle di sintesi in materia di ammortizzatori sociali e disoccupazione involontaria D.L.vo n. 22/2015

Tabelle di sintesi in materia di ammortizzatori sociali e disoccupazione involontaria D.L.vo n. 22/2015 Tabelle di sintesi in materia di ammortizzatori sociali e disoccupazione involontaria D.L.vo n. 22/2015 Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Argomento CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

SERVIZI PER IL CITTADINO Bando per disoccupati/e per l'accesso a n. 5 inserimenti lavorativi con borsa lavoro.

SERVIZI PER IL CITTADINO Bando per disoccupati/e per l'accesso a n. 5 inserimenti lavorativi con borsa lavoro. 17015 - CELLE LIGURE SERVIZI PER IL CITTADINO Bando per disoccupati/e per l'accesso a n. 5 inserimenti lavorativi con borsa lavoro. Si comunica che è pubblicato sul sito del Comune di Celle Ligure il disoccupati/e

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO CARTA DEI SERVIZI PER L ORIENTAMENTO E AL LAVORO Edizione 01 settembre 2013 1 Sommario Premessa...3 Api formazione s.c.r.l...3 Struttura della Carta dei Servizi...4 1. Principi fondamentali e valori...4

Dettagli

Il centro per l impiego

Il centro per l impiego Il centro per l impiego E un ufficio pubblico che eroga gratuitamente servizi di informazione, accoglienza, preselezione, orientamento e collocamento mirato, per consentire a chi è in cerca di occupazione

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEI CENTRI TERRITORIALI PER L IMPIEGO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E PUBBLICA ISTRUZIONE

CARTA DEI SERVIZI DEI CENTRI TERRITORIALI PER L IMPIEGO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E PUBBLICA ISTRUZIONE CARTA DEI SERVIZI DEI CENTRI TERRITORIALI PER L IMPIEGO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E PUBBLICA ISTRUZIONE PROVINCIA BARLETTA-ANDRIA-TRANI SERVIZI AL CITTADINO SERVIZI AGLI ENTI

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI CAPOTERRA AVVISO PUBBLICO COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari 6 Settore Servizi Sociali AVVISO PUBBLICO approvato con Determinazione del Responsabile del Settore n 467 del 06/06/2013 PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI

Dettagli

Città di Vigevano. Settore Politiche Sociali S.I.L. e Servizio Disabilità

Città di Vigevano. Settore Politiche Sociali S.I.L. e Servizio Disabilità Città di Vigevano Settore Politiche Sociali S.I.L. e Servizio Disabilità Prot. AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA DI SOGGETTI ATTI A SVOLGERE LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO CON

Dettagli

Allegato A) alla Determinazione Dirigenziale n.

Allegato A) alla Determinazione Dirigenziale n. Allegato A) alla Determinazione Dirigenziale n. del BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE PER TITOLI PER IL PROGETTO INVESTI NEL LAVORO DI N. 20 TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO, IN AZIENDA, AI SENSI DELL ART.

Dettagli

COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali

COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI AL SOSTEGNO DELLE SPESE ABITATIVE (AFFITTO/MUTUO) 1. FINALITA DELL INTERVENTO A fronte dell attuale congiuntura

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che Allegato n. 3 CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO ai sensi dell art. 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19 Premesso che - la Provincia autonoma di Trento, per favorire le

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari BANDO DI SELEZIONE CRITERI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ANNUALITA 2013.

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi.

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Giovani Under 30 svantaggiati L. 99/13 Aziende Interessate Possono accedere al beneficio tutti i datori di lavoro che : -Risultano in regola con obblighi contributivi

Dettagli

La riforma Fornero. Milano, 5 e 12 settembre 2012

La riforma Fornero. Milano, 5 e 12 settembre 2012 La riforma Fornero Milano, 5 e 12 settembre 2012 Dimissioni Con il termine dimissioni in bianco si indica una pratica, in realtà molto più diffusa di quanto correntemente si pensi e si dica, per la quale

Dettagli

a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it

a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it Aggiornamenti Professionali Tirocini formativi: approvate le linee guida a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it Cambiano le regole dei tirocini

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DOMICILIARE PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. approvata con deliberazione della giunta comunale n.43 del 09/05/2013.

CARTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DOMICILIARE PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. approvata con deliberazione della giunta comunale n.43 del 09/05/2013. C O M U N E D I B U S S E R O PROVINCIA DI MILANO PIAZZA DIRITTI DEI BAMBINI, 1 C.A.P. 20060 - TEL. 02/953331 - FAX. 02/9533337 Codice Fiscale e Partita IVA 03063770154 www.comune.bussero.mi.it e-mail:

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

L.R. 18/2005, art. 37, c. 2, lett. b) B.U.R. 27/7/2011, n. 30

L.R. 18/2005, art. 37, c. 2, lett. b) B.U.R. 27/7/2011, n. 30 L.R. 18/2005, art. 37, c. 2, lett. b) B.U.R. 27/7/2011, n. 30 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 13 luglio 2011, n. 0163/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di incentivi all

Dettagli

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Disabili per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Disabili per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate Ambito di Seriate Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri Regolamento per l erogazione del Buono

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO PRESENTAZIONE OPERATORE CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO La Cooperativa Sociale Conedia è stata costituita a maggio 2011, come emanazione dell Associazione F.L.E.G. Formazione Lavoro e Gioventù. Ha come oggetto

Dettagli

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015:

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015: GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015: NASPI ASDI DIS-COLL 2015 Con il Jobs Act ideato dal Governo Renzi, l Aspi diventa Naspi, la Nuova prestazione di Assicurazione sociale dell impiego, l indennità

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

LA PROTEZIONE DELLA LE RIFORME DEL 2012 E DEL 2015 DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: 25/05/2015 1

LA PROTEZIONE DELLA LE RIFORME DEL 2012 E DEL 2015 DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: 25/05/2015 1 LA PROTEZIONE DELLA DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: LE RIFORME DEL 2012 E DEL 2015 25/05/2015 1 L ASSICURAZIONE CONTRO LA DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: LE RAGIONI DI UNA RIFORMA 1) Quale inclusione? La maggior parte

Dettagli

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO La nuova legge n. 68 del 12/03/1999 Norme per il diritto al lavoro dei disabili risponde alla necessità di creare maggiori ed innovative opportunità per un collocamento

Dettagli

Guida pratica ai Servizi per l Impiego

Guida pratica ai Servizi per l Impiego Provincia di Padova Provincia di Padova Settore Lavoro e Formazione M INISTERO DEL E DELLE POLITICHE L AV O R O S OCIALI INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO ai Servizi per l Impiego Iniziativa cofinanziata

Dettagli

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi ASPI e MINI ASPI LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2 Cessazioni dal 1/1/2013 Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi sostituiscono disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti normali disoccupazione

Dettagli

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012 La riforma degli ammortizzatori sociali Legge n. 92 del 28 giugno 2012 1 Il nuovo sistema degli ammortizzatori sociali si fonda su 3 pilastri: O Istituzione dell ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego)

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME Prot. n. 946 Del /3/4 BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME ANNUALITA 3 Il Responsabile del Servizio

Dettagli

Guida ai Servizi per un Lavoro più accessibile

Guida ai Servizi per un Lavoro più accessibile Guida ai Servizi per un Lavoro più accessibile a cura della Provincia Ogliastra Assessorato al Lavoro Progetto grafico e stampa: GRAFICHE PILIA srl - Tel. 0782 623475 - Tortolì INTRODUZIONE DELL ASSESSORE

Dettagli

I servizi per i cittadini

I servizi per i cittadini CENTRI PER L IMPIEGO Provincia di Livorno: Livorno Via G. Galilei 40 Tel. 0586.257519 Fax 0586.449623 ci.livorno@provincia.livorno.it Rosignano Via Amendola 9 - Tel. 0586.760169 - Fax. 0586.760234 ci.rosignano@provincia.livorno.it

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO

PROVINCIA DI BERGAMO PROVINCIA DI BERGAMO SERVIZIO SELEZIONI E ASSUNZIONI Via T. Tasso, n. 8 - BERGAMO (Tel. 035-387.103-4-5-6 - Fax 035-387.210) Http://www.provincia.bergamo.it e-mail: segreteria.personale@provincia.bergamo.it

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

PROVA DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI ED ESAMI, PER L ASSUNZIONE, A TEMPO DETERMINATO, DI N. 8 ISTRUTTORI DIRETTIVI CAT. D

PROVA DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI ED ESAMI, PER L ASSUNZIONE, A TEMPO DETERMINATO, DI N. 8 ISTRUTTORI DIRETTIVI CAT. D PROVA DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI ED ESAMI, PER L ASSUNZIONE, A TEMPO DETERMINATO, DI N. 8 ISTRUTTORI DIRETTIVI CAT. D da impiegare nell area dei servizi innovativi per l impiego con funzione di

Dettagli

Carta dei Servizi. per il Lavoro. La prima Carta dei Servizi per il Lavoro del Cittadino per tutti e di tutti! PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS

Carta dei Servizi. per il Lavoro. La prima Carta dei Servizi per il Lavoro del Cittadino per tutti e di tutti! PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS io PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS Carta dei Servizi per il Lavoro La prima Carta dei Servizi per il Lavoro del Cittadino per tutti e di tutti! Carta dei Servizi per il Lavoro 1 INDICE I Centri Servizi

Dettagli

I partecipanti, per tutta la durata del progetto, mantengono la figura giuridica di disoccupati.

I partecipanti, per tutta la durata del progetto, mantengono la figura giuridica di disoccupati. SCADENZA: MARTEDI 17/06/2014 ore 12,00 Bando Pubblico di selezione PROGETTO COMUNALE di accompagnamento al lavoro in favore di cittadini residenti inoccupati/disoccupati denominato SPERIMENTA - LAVORO

Dettagli

Linee guida per la stipulazione tirocini legge n 68/99 presso datori di lavoro privati

Linee guida per la stipulazione tirocini legge n 68/99 presso datori di lavoro privati PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO Settore Servizi alla Persona e Sviluppo Socio Economico Servizio Politiche del Lavoro e Coordinamento Provinciale Ufficio Inserimento Mirato Linee guida per la stipulazione tirocini

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014. Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI)

Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014. Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014 Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Art. 1 Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego

Dettagli

Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità

Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità Tappe delle novità introdotte in materia di tirocini Sul tema dei tirocini sono intervenuti recentemente, sia a livello nazionale che regionale, alcuni provvedimenti

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO NEWSLETTER PERIODICA DEL SERVIZIO SVILUPPO IMPRESE luglio 2014 n 19 Livorno, 24 luglio 2014 Questo servizio è a cura del consulente del Servizio Sviluppo Imprese.

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Piano di Attuazione Regionale (PAR) Lazio 2014 2015 Garanzia Giovani

Piano di Attuazione Regionale (PAR) Lazio 2014 2015 Garanzia Giovani Piano di Attuazione Regionale (PAR) Lazio 2014 2015 Garanzia Giovani Servizio FAQ Sezione: Domande Generali Aggiornamento del 23 Giugno 2015 1) Chi può aderire al programma Garanzia Giovani? I giovani

Dettagli

I contributi economici a sostegno del reddito

I contributi economici a sostegno del reddito Corso di formazione ed aggiornamento sulla gestione dei servizi sociali con riferimento alle prestazioni agevolate I contributi economici a sostegno del reddito Rimini, 24 gennaio 2012 Le misure della

Dettagli

SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DELLE BABY SITTER ADDETTE ALLA CURA DEI BAMBINI 0-3 ANNI

SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DELLE BABY SITTER ADDETTE ALLA CURA DEI BAMBINI 0-3 ANNI SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DELLE BABY SITTER ADDETTE ALLA CURA DEI BAMBINI 0-3 ANNI INDICE Schema di certificazione delle aassistenti famigliari addette alla cura dei bambini 0-3 anni INDICE 0. Introduzione

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Provincia di Ravenna DISPOSIZIONI OPERATIVE RELATIVE ALL ATTUAZIONE DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA- ROMAGNA 5 MAGGIO 2003 N. 810 Indirizzi operativi per l attuazione nel sistema

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. NEW COM New Commercial Networks CORSO PER OPERATORE COMMERCIALE ESTERO. Asse II Occupabilità PG.12.02.2E.047

AVVISO PUBBLICO. NEW COM New Commercial Networks CORSO PER OPERATORE COMMERCIALE ESTERO. Asse II Occupabilità PG.12.02.2E.047 AVVISO PUBBLICO NEW COM New Commercial Networks CORSO PER OPERATORE COMMERCIALE ESTERO Asse II Occupabilità PG.12.02.2E.047 Soggetto accreditato presso la Regione Umbria che realizza l intervento: TUCEP

Dettagli

Comune di Matrice Provincia di Campobasso

Comune di Matrice Provincia di Campobasso Albo n.211 del 05.12.2014 Comune di Matrice Provincia di Campobasso AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DEI DESTINATARI DI N. 2 BORSE LAVORO COFINANZIATE DALL UNIONE EUROPEA Titolo del progetto: TUTELA DELL

Dettagli

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. GARANZIA GIOVANI Riferimenti normativi Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 Decreto legge n. 76/2013 legge n. 99/2013 Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Dettagli

NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015

NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015 NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015 NASpI ASDI DIS-COLL Decreto Legislativo n. 22 del 4/03/2015 (G.U. n. 54 de 6/03/2015) Disposizioni per il riordino della normativa in materia

Dettagli

Iscrizione alla banca dati del servizio FlèchEmploi - Sportello Lavoro. Servizio FlèchEmploi-Sportello Lavoro

Iscrizione alla banca dati del servizio FlèchEmploi - Sportello Lavoro. Servizio FlèchEmploi-Sportello Lavoro Servizio FlèchEmploi-Sportello Lavoro Via Garin 1, Aosta Tel. 0165 275501-275558 www.regione.vda.it voce lavoro sportello lavoro Il Dipartimento Politiche per l Impiego attraverso FlèchEmploi - Sportello

Dettagli

COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari

COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI SOCIALI In attuazione delle disposizioni della deliberazione della Giunta Comunale n. 49 del 06 agosto 2014, con la quale sono

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona CARTA DEI SERVIZI SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona 1 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno degli strumenti che un organizzazione utilizza per dare informazioni sulle attività che

Dettagli

U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO

U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO Determinazione nr. 409 Trieste 20/02/2015 Proposta nr. 279 Del 18/02/2015 Oggetto: Rettifica della determinazione n. 1117 dd. 10.4.2014, ad oggetto "Approvazione indirizzi per

Dettagli

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014 Regole per la gestione dello stato di disoccupazione In vigore dal 1 gennaio 2014 Stato di disoccupazione Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole per la gestione dello stato di disoccupazione,

Dettagli

LEGGE DI STABILITÀ 2015 IN SINTESI

LEGGE DI STABILITÀ 2015 IN SINTESI LEGGE DI STABILITÀ 2015 IN SINTESI È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre 2014, la Legge di Stabilità 2015, L. n. 190 del 23 dicembre 2014. Di seguito si riepilogano le principali

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 07-09-2010 PREMESSA. IL PROGETTO.

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 07-09-2010 PREMESSA. IL PROGETTO. 25734 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 07-09-2010 PREMESSA. IL PROGETTO. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 07-09-2010 25735 25736 Bollettino Ufficiale della Regione

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

Glossario Prestazioni previdenziali e assistenziali

Glossario Prestazioni previdenziali e assistenziali La previdenza e l assistenza economica Glossario Prestazioni previdenziali e assistenziali Aliquote contributive aliquota di finanziamento: la quota della retribuzione lorda che viene versata sotto forma

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE FINALIZZATO

Dettagli

S e r v i z i a l l e p e r s o n e i s c r i t t e n e g l i e l e n c h i d e l l a L e g g e 6 8 / 9 9

S e r v i z i a l l e p e r s o n e i s c r i t t e n e g l i e l e n c h i d e l l a L e g g e 6 8 / 9 9 S e r v i z i a l l e p e r s o n e i s c r i t t e n e g l i e l e n c h i d e l l a L e g g e 6 8 / 9 9 Rev 1 1 di 14 Indice Presentazione...3 Erogazione servizi essenziali...4 Colloquio di orientamento...4

Dettagli

La tutela contro la disoccupazione

La tutela contro la disoccupazione La tutela contro la disoccupazione La nuova Assicurazione Sociale per l Impiego Enrico Barraco Premessa Art. 2, comma 1, riforma A decorrere dal 1 gennaio 2013 e in relazione ai nuovi eventi di disoccupazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI SETTEMBRE 2008 AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento realizzato dai Comuni del Distretto 5 per

Dettagli