...I fatti nostri Notiziario della Scuola Media di Oulx-BardonecchiaSestriere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "...I fatti nostri Notiziario della Scuola Media di Oulx-BardonecchiaSestriere"

Transcript

1 ...I fatti nostri Notiziario della Scuola Media di Oulx-BardonecchiaSestriere numero 30 - dicembre 2012 Consultabile sul sito sez. I Fatti Nostri

2 2 Alla scoperta del Nord-Est Emozioni condivise nei luoghi della Storia e risate in piazza Il 5 dicembre 2012 le classi terze della Scuola Media di Oulx sono partite per Venezia. Dopo sette ore di viaggio in pullman, le insegnanti hanno accompagnato gli alunni in Piazza S. Marco. Fissato luogo e orario di ritrovo, hanno permesso loro di girovagare liberamente per la città. I ragazzi hanno ammirato le meraviglie del luogo, ballato con i gondolieri, comprato souvenirs e giocato con i piccioni che infastiditi hanno lasciato un ricordino ad alcuni Fortunatamente le previsioni del tempo si sono rivelate errate e, anziché l acqua alta e un cielo plumbeo e nuvoloso, hanno goduto di una splendida giornata. Sul calar del sole l allegra brigata a malincuore ha salutato la Serenissima e si è trasferita a Grado. Gli alunni si sono sistemati nelle camere e rifocillati. Alcuni si sono rilassati ed entusiasmati davanti alla tv (Juve - Shakter 1-0), mentre altri hanno visitato la cittadina. Suonato il coprifuoco, la comitiva diligentemente è corsa a letto La mattina del 6 Dicembre 2012 i gitanti assonnati si sono recati alla risiera di San Sabba. La visita guidata e la visione delle celle, dei resti del forno crematorio, dei muri imponenti hanno suscitato forti emozioni. Consumati il pranzo e l ora d aria presso un grande centro commerciale, gli allievi hanno raggiunto le foibe, cavità naturali del terreno in cui venivano gettati oggetti e persone. All imbrunire un ulteriore passaggio per Trieste ha consentito di vedere la Chiesa greco-ortodossa di San Nicolò e la splendida Piazza Unità d Italia illuminata. Rientrata a Grado, dopo cena, la truppa si è scatenata sulla pubblica piazza attirando le ire degli indigeni stagionati. Nonostante i ripetuti richiami, la baldoria è proseguita in albergo. L ultimo giorno di quest avventura ha permesso ai Valsusini di esplorare la Grotta Gigante, di percorrere le gradinate del Sacrario di Redipuglia e di attraversare le trincee della Prima Guerra Mondiale. Gli alunni, sulla via del ritorno, si sono cimentati nel canto. L arrivo a Oulx è stato tragico: neve, freddo e separazione dai compagni. L esperienza è stata semplicemente indimenticabile L augurio alle future classi terze è che le uscite didattiche siano altrettanto favolose. Gli alunni del Laboratorio Alla scoperta del quotidiano

3 3 L occasione è un concorso - - per cui il materiale non arriva in tempo, ma che diventa l immagine oltre lo specchio delle nostre abitudini: 13 marzo 2012, da Bardonecchia. Nel 2012 la mia scuola era un edificio sopra il comune, c erano cinque classi, una! due 2 e due 3. Quando ero in 1 media la mia classe era la classe peggiore di tutte le medie e forse perché eravamo in tanti (24) di cui la metà era molto agitata e uno tirava dietro l altro e tutti ci prendevamo punizioni a non finire. I miei migliori amici erano Samuele, Joe e Alessandro. Le materie di una volta erano 13 e venivamo a scuola 5 ore al giorno e un pomeriggio. Con certi professori facevamo molto rumore un pò tutti e l ora dopo ci riempivano di compiti di punizione. Le mie materie preferite erano matematica e musica. C era un gruppetto di ragazzi che mi prendevano in giro, ma io ormai ci avevo fatto l abitudine. Cari nipoti rispondetemi Ronaldo [un po difficile avere risposta dal futuro almeno per ora. ] Cari nipoti Qui sono fatte molte cose tipo dei giochi dei rincorrimenti ecc. Arianna PER I MIEI NIPOTI VIA DELLA SAPIENZA 172 FUTURALANDIA la mia scuola era molto divertente eravamo molto come dire stupidi. Parlavamo solo e c era un mio amico che prendeva almeno due note al giorno, ma io non ero da meglio, eravamo tutti amici! Ma c era Luca Deca che era il mio migliore amico ed era un pazzo un po come me. Poi c era Pizzo, quante cavolate con lui e Alessandro O. I disegni di Chiara e Micaela assicurano che alcune cose non cambiano, nonostante il diverso millennio!

4 4 Cari nipotini, la mia classe è la più rumorosa della scuola, avevo molti compagni, ma i più rumorosi di tutti erano Matteo, Ale, Pizzo e Abrate. Cortassa Matteo era un grande chiacchierone mentre gli altri erano dei grandi furbi. Durante le lezioni i maschi si mettevano a gridare è [!] quando arrivavano i prof. davano la colpa alle femmine. Poi avevo una compagna che tutti prendevano in giro, solo perché era di un altra nazione. Nella mia scuola avevo dei profes. molto severi, mentre altri che urlavano infine avevo una prof. molto gentile è [!] un altra sordomuta. Durante la ricreazione mangiavamo e giocavamo con gli aereoplanini. Beh io ho finito, ma vi scriverò ancora. The end Giulia Eserrciizii dii ffanttagolla:: come ttrrasporrttarre un lleccallecca giigantte perr lla 1 dii Barrdonecchiia? dividendo in tante parti e appena arrivati appiccicarli con la panna montata! È un lavoro infame, faticoso, ma per fortuna Oglio era tra di noi e ci ha aiutati! È siamo stati tutti fortunati perché Ollio ci ha salvati!!!

5 5 Io e una mia amica portavamo in spalle una cosa che io amavo, il leccalecca stava per cadere, ma siamo stati fortunati perché un eroe ci ha salvati. Il leccalecca giacomino andò dal Padre tomino che assomigliava a un tombino. C era una volta un lecca lecca Ma sono solo per la peppia Io voglio solo quelli di Bardonecchia Quelli di Torino Sono da Bambino. C era un leccalecca che stranamente salì sul treno e a Bardonecchia finì e 24 alunni aspettano il leccalecca. I leccalecca sono dolci non come quei spilorci sono di tutti i colori rosa, rossi, viola, arancioni e marroni Mentre trasportavamo i leccalecca si sciolsero. Noi non sapevamo cosa fare Allora chiamammo un maiale che se li mangiò tutti ed era anche brutto come un cassonetto Poi tornammo indietro a prenderne altri ma erano finiti. C era una volta un leccalecca Che partiva da Bardonecchia Poi arrivò a Torino Per far contento un Bambino. Un giorno mentre eravamo a scuola arrivò un signore strano di poche parole, ma ci lasciò un leccalecca gigante. Non aveva detto di chi era, allora me lo presi io. Allora lo portammo alla fiera. C era un leccalecca che avanzava verso l auto-gril. Ad un certo punto si sente un rumore strano, si stava pappando l auto del proprietario dell auto-gril. C era una volta un leccalecca gigante e uno piccolo piccolo, poi arrivò un gicante grande e uno gnomo. Il gigante si prese quello grande e lo gnomo prese quello piccolo e vissero felici e contenti. Mi chiamano sul cellulare Mentre ascolto cantare Mi dicono che vogliono un leccalecca gigante E io svengo all istante. Lo seziono e lo metto in un cesto E su un Frecciarossa lo metto: arrivo a Torino e lo metto sull auto lo so sembro un trasporto eccezionale forse perché pesa un quintale. Arrivo a casa e suono il campanello E mi dicono che volevano un ombrello. Ronaldo, Sara, Arianna, Luca S. Lorenzo, Alessandro E., M., Giulia e anonimi

6 6 è anche cambiare una favola! Buon divertimento dalla 1 A di Bardonecchia I vestiti nuovi dell imperatore. La fiaba parla di un imperatore vanitoso, completamente dedito alla cura del suo aspetto esteriore e in particolare del suo abbigliamento. I truffatori giunti in città spargono la voce di essere tessitori e di avere a disposizione un nuovo formidabile tessuto, sottile, leggero e meraviglioso con la particolarità di risultare invisibile agli sciocchi e ai vergognosi. I cortigiani inviati dal re non riescono a vederlo, ma per non essere giudicati male riferiscono all imperatore lodando la bellezza del tessuto. L imperatore, convinto, si fa preparare dagli imbroglioni un abito. Quando questo abito gli viene consegnato, però, l imperatore si rende conto di non essere neppure lui in grado di vedere alcunché. Come i suoi cortigiani prima di lui, anch egli decide di fingere e di mostrarsi contento per il lavoro dei tessitori. Col nuovo vestito sfila per le vie della città di fronte ad una folla di cittadini che applaudono e lodano a gran voce l eleganza del sovrano. L incantesimo è spezzato da un bambino che, sgranando gli occhi, grida: Ma non ha niente addosso!, da questa frase deriverà la famosa frase fatta: <<Il re è nudo>>. Camilla La nuova tuta da sci. Un giorno, durante l inverno, si scoprì che la tuta da sci della signora Cornelia non andava più bene, era piccola, strappata e scolorita. Ad un certo punto si venne a sapere che al mercato era in vendita una stoffa che, messa anche solo sulle spalle, tutta la tuta tornava come nuova e più grande. Allora tutta la città volle comprare quella stoffa; anche la signora con la tuta da sci vecchia andò a comprarla. Quella stoffa si comprava all interno di un tendone, una volta entrato uscivi da dietro così nessuno ti vedeva, Quando la signora andò a sciare e si mise la tuta da sci con la stoffa comprata il giorno prima, tutti sussurravano al suo passaggio: ma che cosa si è messa addosso quella signora?. La signora si era messa addosso la tuta ancora tutta sciupata, perché la stoffa era finta, non esisteva. Sofia La macchina dell imperatore Il l imperatore Claudio di Spagna chiamò i meccanici più bravi del pianeta per farsi costruire una nuova macchina con il motore della Lotus e le ruote della Ferrari. L imperatore pagò i meccanici 11 milioni di $. I meccanici si presero tutti i soldi e i pezzi per costruire la macchina dell imperatore li usarono per costruirsi la loro macchina. Il giorno della gara, che si svolgeva sul percorso dedicato al grande Jack James Abrams, Claudio ci andò con la macchina che pensava fosse quella nuova, ma era quella vecchia. La gara comprendeva 54 giri con un totale di 108 KM. Il motore poteva percorrere 1234 KM e ne aveva già percorsi Alla partenza Claudio era convinto di vincere. Quando la macchina raggiunse il totale dei KM che poteva percorrere si fermò e la portarono in garage e solo in quel momento l imperatore si accorse che la macchina non era quella nuova, ma quella vecchia. Tentò di trovare i meccanici, ma senza risultato. L imperatore si pentì di aver pagato ai meccanici tutti quei soldi e da quel momento decise di pagare solo dopo aver visto ciò che voleva comprare. Giorgio ed Edoardo I vestiti dell imperatore C era una volta un imperatore molto esigente, soprattutto nell abbigliamento. Questo imperatore non piaceva a nessuno perché non svolgeva i suoi doveri, la città voleva un imperatore capace come Mirko, che era molto cortese. Visto che uno scienziato aveva inventato una macchina del tempo, un tessitore aveva avuto un idea per ingannare l imperatore e teletrasportarlo in un epoca antica dove sarebbe diventato uno schiavo. Il tessitore andò dal re per dirgli che faceva i vestiti più belli del Paese, allora il re si fece fare un vestito. Lo scienziato assemblò la macchina al vestito: << Appena il re premerà il bottone si teletrasporterà>> così disse lo scienziato.

7 7 Il re venne a ritirare il suo vestito e il tessitore gli disse: << Appena premerà il bottone farà un figurone davanti a tutti, ma non lo prema adesso perché è usa e getta. Non si preoccupi, io lo rimetterò gratis!>> l imperatore :<<Allora perché non posso premerlo adesso?>> Il tessitore rispose:<< Perché noi lo seguiremo fino alla cerimonia: se lo preme prima, glielo facciamo pagare tanto.>> Il re si mise subito il vestito e andò alla cerimonia, lì fece il suo discorso e premette il bottone e si teletrasportò nell antico Egitto come schiavo. Mirko diventò imperatore e vissero tutti felici e contenti!!! Eugenio I nuovi trucchi dell imperatrice La fiaba parla di un imperatrice molto vanitosa, completamente dedita alla cura del suo aspetto esteriore e in particolare al trucco degli occhi. Gli imbroglioni in città spargono la voce di essere truccatori e di avere a disposizione un nuovo formidabile trucco, chiaro, colorato e brillante, che fa diventare bella e senza rughe. L imperatrice si fa preparare dagli imbroglioni un trucco, ma, quando questo le viene consegnato, l imperatrice si rende conto di non vederlo e decide di fingere e di mostrarsi contenta per il lavoro dei truccatori. Col nuovo trucco sfila per le vie della città di fronte a una folla di cittadini che applaudono. L incantesimo è svelato da un bambino che, sgranando gli occhi, grida: <<Ma non è truccata!>>. Da questa frase deriverà il famoso detto: <<la regina è brutta e ha le rughe.>> Michela Il sarto C era una volta un giovane sarto di nome Vincenzo. Era il sarto più celebre di tutto il mondo, infatti tutti i nobili andavano a farsi riparare i vestiti da lui. Si diceva che le sue forbici fossero magiche, infatti gli furono regalate da una vecchina, rivelatasi una fattucchiera: una sera, tornando a casa, vide due malfattori che la derubarono e lui la soccorse con coraggio. Vincenzo suscitava la gelosia di molti sarti, i quali cercavano in ogni modo di carpire i suoi segreti. Un giorno un sarto suo nemico andò in incognito a farsi aggiustare la camicia, ma, appena Vincenzo si girò, il vecchio gli rubò le forbici e scappò via. Vincenzo, disperato, tornò a casa e si mise a dormire. Il giorno dopo trovò le forbici sul suo letto e da quel giorno le tenne sempre in tasca. Federico La storia delle forbici Le forbici hanno origini molto lontane. Sono state trovate forbici tra le rovine delle colonie romane in Asia minore e in Egitto circa nel I secolo a.c. In Francia e in Germania sono state trovate forbici dell età del ferro, circa 330 a.c. A quell epoca erano un oggetto di grande valore. Col passare del tempo le forbici diventarono sempre più evolute fino ad arrivare alle nostre forbici moderne che tutti possiedono, non più come nell antichità in possesso solo dei ricchi. Le forbici di un tempo erano formate da una leva di III genere costruita con due lame ed un ferro ad U. Francesco Pierino il calzolaio Una volta c era un calzolaio molto importante, faceva scarpe splendide grazie alle sue forbici, che gli furono donate dal padre prima di morire: se qualcuno doveva comprare delle scarpe andava da Pierino. Gli altri calzolai erano gelosi perché loro non vendevano molto. Allora si organizzarono e, sapendo che le teneva sempre in tasca, gli tesero un agguato, ma, ahiloro, non sapevano che conoscesse le arti marziali e in un batter d occhio Pierino li stese a terra e tornò a casa, a dormire per la fatica. Morale: non prendere ciò che non ti appartiene o ne subirai le conseguenze. Francesco Il re e la farfalla C era un re che un giorno andò nel regno di un sovrano suo amico per aiutarlo a costruire un palazzo e portò con sé tutti i muratori del suo Paese. Un giorno, mentre dirigeva i lavori, incontrò una farfalla con ali stupende e così iniziò a parlare con lei. La farfalla aveva paura degli uomini, ma il re la convinse a posarsi sulle sue mani. Col tempo nacque un amicizia bellissima che il re teneva segreta perché non doveva farlo sapere alla regina. Perla, così l aveva chiamata, si affezionò tantissimo al re, passarono giorni stupendi insieme, ma i lavori al castello finirono e il re tornò nel suo regno portando con sé la farfalla. All inizio la regina fu gelosa della farfalla, ma col tempo imparò a conoscerla e a volerle bene, così decisero che Perla sarebbe rimasta con loro per sempre e vissero felici e contenti. Andrea e Gaia

8 8 Trofeo Mosso: S. M. Des Ambrois sul gradino più alto Il 26 novembre 2012, varie scuole della Val di Susa si sono riunite al Parco del Gravio a Condove per partecipare alla fase provinciale di corsa campestre. Durante la ricognizione generale ogni gruppo di ragazzi sembrava nervoso e ansioso di correre. La categoria Ragazze, formata dalle femmine di I media, ha dato il via alla competizione. Sul podio si sono piazzate al: - 1 posto Cristiana Ara di Almese; - 2 posto Andrea Giulia Perron Cabus di Oulx; - 3 posto Daria Marculet di Oulx. Quando tutte le concorrenti hanno finito la gara, dai blocchi di partenza sono partiti i Ragazzi. Risultati: - Al 1 posto Marco Allemand di Oulx; - Al 2 posto un atleta di Condove; - Al 3 posto Francesco Perron di Oulx. Successivamente hanno gareggiato le Cadette, gruppo formato dalle femmine di II e III media. Ecco le classifiche: - Al 1 posto Alessia Scaini di Oulx; - Al 2 posto Sara Allemand di Bardonecchia; - Al 3 posto Alice Forner di Condove. Infine, tra i Cadetti, si sono guadagnati il podio: - Al 1 posto Pietro Pereno di Oulx: - Al 2 posto Andrea Grandis di Susa; - Al 3 posto Guglielmo Roberto di Susa. Terminate le premiazioni individuali, sono iniziate quelle per le scuole. Il Des Ambrois (Oulx/Bardonecchia), anche quest anno è riuscito a portare a casa il Trofeo Mosso. Susa e Condove si sono piazzate entrambe al secondo posto. Allemand Ilaria e Ferrotta Camilla III A Oulx (Laboratorio Alla scoperta del quotidiano )

9 9 Vedere un film: Carlo Magno Perché ho fatto domande? perché? sigh la prof. L abilità che distingue i guerrieri franchi è saper nuotare Che sono molto muscolosi Chiara Valorosi/ forti e valorosi/ molto potenti, forti e valorosi Alessandro E., Alessandro O., Axel, Luca S., Lorenzo, Gaia, Luca, Sara, Miriam, Cassandra Sono bravi a calcare i cavalli e a colpire senza farsi sentire Samuele Che sono spietati Ronaldo Sono bravi con le armi Giulia Che loro combattono senza avere paura di niente Paolo Perché sono abili, intelligenti e forti Joe La lealtà e la forza Francesca Il primo figlio di Carlo Magno è Pipino il gobbo è un bambino (sicuro? non un animale o un vegetale?) è Pipino il Breve (è il padre) è Alessandro Magno!! Moglie, concubina, figlio legittimo/illegittimo: cosa vuol dire? Quelle regole sono ancora in vigore? Moglie = donna che sta insieme a sposata con un uomo Concubino = uno con più mogli Figlio legittimo= figlio nato da un rapporto Figlio illegittimo = figlio adottivo fatto con l amante Samuele Moglie: una donna sposata in un matrimonio Concubina: amante usata per estersioni (sigh! estorsioni? aberrazioni?)sessuali Figlio legittimo: stesso sangue figlio unito dalla legge Figlio inlegittimo: adottato figlio non unito dalla legge Axel Moglie = donna unita in matrimonio al marito Concubina = donna non unita al marito Figlio legittimo = figlio di uomo e donna dentro la legge, figlio di padre e madre sposati Figlio illegittimo = figlio di donna o uomo non sposati fuori la legge Francesca Moglie = donna scelta per unirsi con lui Concubina = si usa per prestazioni sessuali Legittimo = figlio avuto dalla moglie Inlegittimo = figlio avuto da altre donne Cassandra Concubina: amante Figlio legittimo. Segnato alla legge, figlio dentro la legge Figlio illegittimo: il contrario, fuori dalla legge La legge può essere di Dio o della gente (intesa come tribù, spero!) Miriam Moglie: donna unita ad un uomo Figlio legittimo: figlio avuto dalla propria moglie Figlio illegittimo: figlio non avuto dalla propria moglie. Sara Concubino: uno con più mogli Figlio legittimo: il prossimo re figlio nato da un rapporto e tenuto Illegittimo: figlio adottivo. Joe Moglie: donna unita con un uomo in matrimonio Figlio legittimo= avuto dalla moglie dentro la legge Figlio illegittimo= non avuto dalla moglie, fuori dalla legge Concubina= donna usata per azioni sessuali Luca

10 10 Moglie = una donna che è unita con un uomo in matrimonio Figlio legittimo = figlio fatto o avuto dalla donna Figlio illegittimo = figlio non fatto o non avuto dalla propria moglie Paolo Concubine: amante Figlio legittimo: vero, di sangue Figlio inlegittimo: addottato tipo La legge può essere dello Stato, ma può essere la legge del Signore Gaia Moglie: si è sposata con un uomo (sposo), unita attraverso il matrimonio Concubina: donna usata, sottoposta a prostituirsi da altri uomini per denaro. Donna truffata, venuta in Italia a causa di una proposta di lavoro inesistente, poi sottomessa da uomini e lasciata per strada a prostituirsi per poi dare i soldi agli uomini. Figlio legittimo: figlio fatto dai genitori propri consacrato dalla legge Figlio illegittimo: figlio adottato consacrato fuori dalla legge Lorenzo Moglie: sposa di un uomo Concubino: persona con + mogli o + mariti Figlio legittimo: non adottivo, dei genitori, consacrato dalla legge Figlio illegittimo: adottivo/adottato, non avuto dalla madre, consacrato fuori dalla legge Luca S. Moglie: donna sposata Concubina: diritti diversi fra le mogli, 1 delle tante mogli.no, queste regole non sono in vigore Figlio legittimo: della moglie Ilegittimo: dell amante. Giulia Moglie: era una donna sposata Concubina: era una cosa facile delle mogli Figlio legittimo: che è il primo erede Illegittimo: non può essere erede. (Regola) no, non più (in vigore). Chiara Concubina: donna usata solo per prestazioni sessuali Figlio legittimo: figlio avuto dalla vera moglie. Alessandro O. PAPERE e paperine d interrogazione! Da Bardonecchia Matteo dice a Luca che un professore scorreggiava in classe e faceva vedere Il massimo della fantasia! 2013 auguri!

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Mauro. Simone. Mamy Jara

Mauro. Simone. Mamy Jara Trebisonda è un programma per ragazzi su RAI 3, dove si fanno dei giochi educativi a cui partecipano ragazzi di una scuola. Stavolta è toccato alla mia classe, la 2^A, e a una di Coldirodi. Noleggiato

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CARPI NORD SCUOLA PRIMARIA SALTINI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 2ª B ANNO

ISTITUTO COMPRENSIVO CARPI NORD SCUOLA PRIMARIA SALTINI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 2ª B ANNO ISTITUTO COMPRENSIVO CARPI NORD SCUOLA PRIMARIA SALTINI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 2ª B DI UN ANNO A tutti gli alunni Abbiamo imparato l alfabeto, infatti abbiamo i serpenti dell alfabeto sull armadio.

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord

Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord Un giorno Babbo Natale e i suoi elfi aspettavano un pacco importante per la note di Natale. Dentro a quel pacco c era una polverina magica che faceva diventare

Dettagli

Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi

Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Classe 1ª A a.s. 2012/2013 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Anno scolastico 2012-2013 Ideato

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A. MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA. presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO)

SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A. MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA. presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO) SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO) ATTIVITA ALTERNATIVA ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA CON LA COLLABORAZIONE DELL INSEGNANTE VANIA

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO"G. CAVALCANTI " LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014!

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADOG. CAVALCANTI  LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014! SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO"G. CAVALCANTI " LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014! Giornata della lettura nella scuola Cavalcanti RESPONSABILE DEL PROGETTO: Docente bibliotecaria Donatella Di Nardo ORARIO

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Christian, Riccardo, Camilla, Andrea

Christian, Riccardo, Camilla, Andrea Giovedì pomeriggio ci siamo recati in biblioteca per fare una ricerca sull'illuminismo. Cercavamo un libro abbastanza antico, non trovandolo la bibliotecaria ci ha portati nell'archivio e ci ha dato un

Dettagli

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente.

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Le piace molto stare in compagnia,le piace giocare con me con papà e con Alessandro anche

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

Storia di Equilibristi e difficili equilibri

Storia di Equilibristi e difficili equilibri Storia di Equilibristi e difficili equilibri Autore Patrizia Belluzzo Un attore girovaga tra il pubblico, cantando una canzoncina e salterellando. Si dirige verso il palco. Io, la mia mamma, il mio papà

Dettagli

PROGETTO PON MATEMATICAMENTE

PROGETTO PON MATEMATICAMENTE PROGETTO PON MATEMATICAMENTE In quest anno scolastico nel nostro Circolo Didattico per la prima volta si è realizzato il Progetto PON: Obiettivo C Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani

Dettagli

ALUNNI DI CLASSE TERZA CASPOGGIO

ALUNNI DI CLASSE TERZA CASPOGGIO ALUNNI DI CLASSE TERZA CASPOGGIO I CAVALLUCCI MARINI Un giorno, ad una gara di corsa, un cavalluccio marino sfidò un altro cavalluccio marino. Si chiamavano Pippo e Lucio. Pippo era coraggioso, umile e

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE )

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE ) PER LA PREGHIERA Ho bisogno, ragazzi, della vostra amicizia, come voi avete bisogno della nostra. Ma non ho bisogno che uno dopo l altro mi diciate: ti amo, perché quando verrà il mio Amore, che aspetto,

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Relazione: una giornata a Torino.

Relazione: una giornata a Torino. Relazione: una giornata a Torino. Martedì 2 febbraio 2016 noi alunni della classe 2 A del Liceo Economico Sociale Lagrangia di Vercelli siamo andati in quel che è il capoluogo della nostra regione, per

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

I compiti vanno in vacanza

I compiti vanno in vacanza Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Camillo Bortolato I compiti vanno in vacanza 2 Il disfa-libro per la primaria CLSS

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 5 uscita del 13 febbraio 2015 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

FIABE IN BIBLIOTECA. Con un po di fantasia ed un pizzico di colore, la classe 2 a A vi propone le fiabe in biblioteca.

FIABE IN BIBLIOTECA. Con un po di fantasia ed un pizzico di colore, la classe 2 a A vi propone le fiabe in biblioteca. FIABE IN BIBLIOTECA Nel corso dell anno scolastico 2009-2010, gli alunni della classe 2 a A della scuola primaria di Candiolo si sono recati periodicamente presso la biblioteca comunale di Candiolo. Durante

Dettagli

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Scuola Primaria Pisani Dossi Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Autori: alunni 3^B Anno scolastico 2012-2013 Il 10 maggio abbiamo incominciato questa esperienza. Ci sono 4 materie: italiano,

Dettagli

Processo d I integrazione nel gruppo classe di un bambino autistico,raccontato dal suo punto di vista.

Processo d I integrazione nel gruppo classe di un bambino autistico,raccontato dal suo punto di vista. Processo d I integrazione nel gruppo classe di un bambino autistico,raccontato dal suo punto di vista. 1 2 A me non piaceva andare in classe, perché non capivo che cosa si doveva fare: vedevo i bambini

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO La frase: IL SOGGETTO Leggi le seguenti frasi e sottolinea il soggetto: 1. Marco va a trovare la nonna. 2. Il cane ha morso il postino. 3. E caduta la bottiglia del latte. 4. Sono solito fare i compiti

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Scuola dell infanzia: S.Giuseppina De Muro Insegnanti: Maria Caronna Angela Marotta

Scuola dell infanzia: S.Giuseppina De Muro Insegnanti: Maria Caronna Angela Marotta Scuola dell infanzia: S.Giuseppina De Muro Insegnanti: Maria Caronna Angela Marotta FINALITA -EDUCARE ALLA CITTADINANZA PER SCOPRIRE GLI ALTRI, GESTIRE CONTRASTI, RICONOSCENDO DIRITTI E DOVERI ATTRAVERSO

Dettagli

Essere "con" - Essere "per" Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008

Essere con - Essere per Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008 Essere "con" - Essere "per" Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008 Bellissima la coincidenza odierna, qui al Suffragio, che celebra insieme la festa

Dettagli

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9 1.Introduzione... 2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8 4.Conclusione... 9 Elisa Boffi 2009/2010 Opzione Storia 2 1) Introduzione In questo lavoro parlerò del mio sport, il nuoto sincronizzato.

Dettagli

Formazione. Comunità incontro ONLUS Novembre 2003 dicembre 2004

Formazione. Comunità incontro ONLUS Novembre 2003 dicembre 2004 Formazione Mediatore culturale ISTITUTO: PERIODO E VOTO: PRINCIPALI MATERIE: COSA MI HA LASCIATO: Comunità incontro ONLUS Novembre 2003 dicembre 2004 Front office di orientamento (ascolto attivo, comprensione

Dettagli

Favole di luce. C era una volta? Eh no, c è adesso. era una volta in un paese lontano Conosciamo bene queste

Favole di luce. C era una volta? Eh no, c è adesso. era una volta in un paese lontano Conosciamo bene queste Favole di luce C era una volta? Eh no, c è adesso C era una volta in un paese lontano Conosciamo bene queste parole. Quasi tutte le fiabe che ci hanno accompagnato nella crescita, così come hanno accompagnato

Dettagli

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Piccoli cittadini crescono Lidia Tonelli, Scuola Primaria Calvisano INPUT: L Assessorato alla Pubblica Istruzione propone alle classi quinte un percorso di educazione

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Bessi, la mia vita in Italia chiedo giustizia, mio Signore

Bessi, la mia vita in Italia chiedo giustizia, mio Signore Bessi, la mia vita in Italia chiedo giustizia, mio Signore Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Bessi Soraya Gonzalez Garcia BESSI,

Dettagli