...I fatti nostri Notiziario della Scuola Media di Oulx-BardonecchiaSestriere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "...I fatti nostri Notiziario della Scuola Media di Oulx-BardonecchiaSestriere"

Transcript

1 ...I fatti nostri Notiziario della Scuola Media di Oulx-BardonecchiaSestriere numero 30 - dicembre 2012 Consultabile sul sito sez. I Fatti Nostri

2 2 Alla scoperta del Nord-Est Emozioni condivise nei luoghi della Storia e risate in piazza Il 5 dicembre 2012 le classi terze della Scuola Media di Oulx sono partite per Venezia. Dopo sette ore di viaggio in pullman, le insegnanti hanno accompagnato gli alunni in Piazza S. Marco. Fissato luogo e orario di ritrovo, hanno permesso loro di girovagare liberamente per la città. I ragazzi hanno ammirato le meraviglie del luogo, ballato con i gondolieri, comprato souvenirs e giocato con i piccioni che infastiditi hanno lasciato un ricordino ad alcuni Fortunatamente le previsioni del tempo si sono rivelate errate e, anziché l acqua alta e un cielo plumbeo e nuvoloso, hanno goduto di una splendida giornata. Sul calar del sole l allegra brigata a malincuore ha salutato la Serenissima e si è trasferita a Grado. Gli alunni si sono sistemati nelle camere e rifocillati. Alcuni si sono rilassati ed entusiasmati davanti alla tv (Juve - Shakter 1-0), mentre altri hanno visitato la cittadina. Suonato il coprifuoco, la comitiva diligentemente è corsa a letto La mattina del 6 Dicembre 2012 i gitanti assonnati si sono recati alla risiera di San Sabba. La visita guidata e la visione delle celle, dei resti del forno crematorio, dei muri imponenti hanno suscitato forti emozioni. Consumati il pranzo e l ora d aria presso un grande centro commerciale, gli allievi hanno raggiunto le foibe, cavità naturali del terreno in cui venivano gettati oggetti e persone. All imbrunire un ulteriore passaggio per Trieste ha consentito di vedere la Chiesa greco-ortodossa di San Nicolò e la splendida Piazza Unità d Italia illuminata. Rientrata a Grado, dopo cena, la truppa si è scatenata sulla pubblica piazza attirando le ire degli indigeni stagionati. Nonostante i ripetuti richiami, la baldoria è proseguita in albergo. L ultimo giorno di quest avventura ha permesso ai Valsusini di esplorare la Grotta Gigante, di percorrere le gradinate del Sacrario di Redipuglia e di attraversare le trincee della Prima Guerra Mondiale. Gli alunni, sulla via del ritorno, si sono cimentati nel canto. L arrivo a Oulx è stato tragico: neve, freddo e separazione dai compagni. L esperienza è stata semplicemente indimenticabile L augurio alle future classi terze è che le uscite didattiche siano altrettanto favolose. Gli alunni del Laboratorio Alla scoperta del quotidiano

3 3 L occasione è un concorso - - per cui il materiale non arriva in tempo, ma che diventa l immagine oltre lo specchio delle nostre abitudini: 13 marzo 2012, da Bardonecchia. Nel 2012 la mia scuola era un edificio sopra il comune, c erano cinque classi, una! due 2 e due 3. Quando ero in 1 media la mia classe era la classe peggiore di tutte le medie e forse perché eravamo in tanti (24) di cui la metà era molto agitata e uno tirava dietro l altro e tutti ci prendevamo punizioni a non finire. I miei migliori amici erano Samuele, Joe e Alessandro. Le materie di una volta erano 13 e venivamo a scuola 5 ore al giorno e un pomeriggio. Con certi professori facevamo molto rumore un pò tutti e l ora dopo ci riempivano di compiti di punizione. Le mie materie preferite erano matematica e musica. C era un gruppetto di ragazzi che mi prendevano in giro, ma io ormai ci avevo fatto l abitudine. Cari nipoti rispondetemi Ronaldo [un po difficile avere risposta dal futuro almeno per ora. ] Cari nipoti Qui sono fatte molte cose tipo dei giochi dei rincorrimenti ecc. Arianna PER I MIEI NIPOTI VIA DELLA SAPIENZA 172 FUTURALANDIA la mia scuola era molto divertente eravamo molto come dire stupidi. Parlavamo solo e c era un mio amico che prendeva almeno due note al giorno, ma io non ero da meglio, eravamo tutti amici! Ma c era Luca Deca che era il mio migliore amico ed era un pazzo un po come me. Poi c era Pizzo, quante cavolate con lui e Alessandro O. I disegni di Chiara e Micaela assicurano che alcune cose non cambiano, nonostante il diverso millennio!

4 4 Cari nipotini, la mia classe è la più rumorosa della scuola, avevo molti compagni, ma i più rumorosi di tutti erano Matteo, Ale, Pizzo e Abrate. Cortassa Matteo era un grande chiacchierone mentre gli altri erano dei grandi furbi. Durante le lezioni i maschi si mettevano a gridare è [!] quando arrivavano i prof. davano la colpa alle femmine. Poi avevo una compagna che tutti prendevano in giro, solo perché era di un altra nazione. Nella mia scuola avevo dei profes. molto severi, mentre altri che urlavano infine avevo una prof. molto gentile è [!] un altra sordomuta. Durante la ricreazione mangiavamo e giocavamo con gli aereoplanini. Beh io ho finito, ma vi scriverò ancora. The end Giulia Eserrciizii dii ffanttagolla:: come ttrrasporrttarre un lleccallecca giigantte perr lla 1 dii Barrdonecchiia? dividendo in tante parti e appena arrivati appiccicarli con la panna montata! È un lavoro infame, faticoso, ma per fortuna Oglio era tra di noi e ci ha aiutati! È siamo stati tutti fortunati perché Ollio ci ha salvati!!!

5 5 Io e una mia amica portavamo in spalle una cosa che io amavo, il leccalecca stava per cadere, ma siamo stati fortunati perché un eroe ci ha salvati. Il leccalecca giacomino andò dal Padre tomino che assomigliava a un tombino. C era una volta un lecca lecca Ma sono solo per la peppia Io voglio solo quelli di Bardonecchia Quelli di Torino Sono da Bambino. C era un leccalecca che stranamente salì sul treno e a Bardonecchia finì e 24 alunni aspettano il leccalecca. I leccalecca sono dolci non come quei spilorci sono di tutti i colori rosa, rossi, viola, arancioni e marroni Mentre trasportavamo i leccalecca si sciolsero. Noi non sapevamo cosa fare Allora chiamammo un maiale che se li mangiò tutti ed era anche brutto come un cassonetto Poi tornammo indietro a prenderne altri ma erano finiti. C era una volta un leccalecca Che partiva da Bardonecchia Poi arrivò a Torino Per far contento un Bambino. Un giorno mentre eravamo a scuola arrivò un signore strano di poche parole, ma ci lasciò un leccalecca gigante. Non aveva detto di chi era, allora me lo presi io. Allora lo portammo alla fiera. C era un leccalecca che avanzava verso l auto-gril. Ad un certo punto si sente un rumore strano, si stava pappando l auto del proprietario dell auto-gril. C era una volta un leccalecca gigante e uno piccolo piccolo, poi arrivò un gicante grande e uno gnomo. Il gigante si prese quello grande e lo gnomo prese quello piccolo e vissero felici e contenti. Mi chiamano sul cellulare Mentre ascolto cantare Mi dicono che vogliono un leccalecca gigante E io svengo all istante. Lo seziono e lo metto in un cesto E su un Frecciarossa lo metto: arrivo a Torino e lo metto sull auto lo so sembro un trasporto eccezionale forse perché pesa un quintale. Arrivo a casa e suono il campanello E mi dicono che volevano un ombrello. Ronaldo, Sara, Arianna, Luca S. Lorenzo, Alessandro E., M., Giulia e anonimi

6 6 è anche cambiare una favola! Buon divertimento dalla 1 A di Bardonecchia I vestiti nuovi dell imperatore. La fiaba parla di un imperatore vanitoso, completamente dedito alla cura del suo aspetto esteriore e in particolare del suo abbigliamento. I truffatori giunti in città spargono la voce di essere tessitori e di avere a disposizione un nuovo formidabile tessuto, sottile, leggero e meraviglioso con la particolarità di risultare invisibile agli sciocchi e ai vergognosi. I cortigiani inviati dal re non riescono a vederlo, ma per non essere giudicati male riferiscono all imperatore lodando la bellezza del tessuto. L imperatore, convinto, si fa preparare dagli imbroglioni un abito. Quando questo abito gli viene consegnato, però, l imperatore si rende conto di non essere neppure lui in grado di vedere alcunché. Come i suoi cortigiani prima di lui, anch egli decide di fingere e di mostrarsi contento per il lavoro dei tessitori. Col nuovo vestito sfila per le vie della città di fronte ad una folla di cittadini che applaudono e lodano a gran voce l eleganza del sovrano. L incantesimo è spezzato da un bambino che, sgranando gli occhi, grida: Ma non ha niente addosso!, da questa frase deriverà la famosa frase fatta: <<Il re è nudo>>. Camilla La nuova tuta da sci. Un giorno, durante l inverno, si scoprì che la tuta da sci della signora Cornelia non andava più bene, era piccola, strappata e scolorita. Ad un certo punto si venne a sapere che al mercato era in vendita una stoffa che, messa anche solo sulle spalle, tutta la tuta tornava come nuova e più grande. Allora tutta la città volle comprare quella stoffa; anche la signora con la tuta da sci vecchia andò a comprarla. Quella stoffa si comprava all interno di un tendone, una volta entrato uscivi da dietro così nessuno ti vedeva, Quando la signora andò a sciare e si mise la tuta da sci con la stoffa comprata il giorno prima, tutti sussurravano al suo passaggio: ma che cosa si è messa addosso quella signora?. La signora si era messa addosso la tuta ancora tutta sciupata, perché la stoffa era finta, non esisteva. Sofia La macchina dell imperatore Il l imperatore Claudio di Spagna chiamò i meccanici più bravi del pianeta per farsi costruire una nuova macchina con il motore della Lotus e le ruote della Ferrari. L imperatore pagò i meccanici 11 milioni di $. I meccanici si presero tutti i soldi e i pezzi per costruire la macchina dell imperatore li usarono per costruirsi la loro macchina. Il giorno della gara, che si svolgeva sul percorso dedicato al grande Jack James Abrams, Claudio ci andò con la macchina che pensava fosse quella nuova, ma era quella vecchia. La gara comprendeva 54 giri con un totale di 108 KM. Il motore poteva percorrere 1234 KM e ne aveva già percorsi Alla partenza Claudio era convinto di vincere. Quando la macchina raggiunse il totale dei KM che poteva percorrere si fermò e la portarono in garage e solo in quel momento l imperatore si accorse che la macchina non era quella nuova, ma quella vecchia. Tentò di trovare i meccanici, ma senza risultato. L imperatore si pentì di aver pagato ai meccanici tutti quei soldi e da quel momento decise di pagare solo dopo aver visto ciò che voleva comprare. Giorgio ed Edoardo I vestiti dell imperatore C era una volta un imperatore molto esigente, soprattutto nell abbigliamento. Questo imperatore non piaceva a nessuno perché non svolgeva i suoi doveri, la città voleva un imperatore capace come Mirko, che era molto cortese. Visto che uno scienziato aveva inventato una macchina del tempo, un tessitore aveva avuto un idea per ingannare l imperatore e teletrasportarlo in un epoca antica dove sarebbe diventato uno schiavo. Il tessitore andò dal re per dirgli che faceva i vestiti più belli del Paese, allora il re si fece fare un vestito. Lo scienziato assemblò la macchina al vestito: << Appena il re premerà il bottone si teletrasporterà>> così disse lo scienziato.

7 7 Il re venne a ritirare il suo vestito e il tessitore gli disse: << Appena premerà il bottone farà un figurone davanti a tutti, ma non lo prema adesso perché è usa e getta. Non si preoccupi, io lo rimetterò gratis!>> l imperatore :<<Allora perché non posso premerlo adesso?>> Il tessitore rispose:<< Perché noi lo seguiremo fino alla cerimonia: se lo preme prima, glielo facciamo pagare tanto.>> Il re si mise subito il vestito e andò alla cerimonia, lì fece il suo discorso e premette il bottone e si teletrasportò nell antico Egitto come schiavo. Mirko diventò imperatore e vissero tutti felici e contenti!!! Eugenio I nuovi trucchi dell imperatrice La fiaba parla di un imperatrice molto vanitosa, completamente dedita alla cura del suo aspetto esteriore e in particolare al trucco degli occhi. Gli imbroglioni in città spargono la voce di essere truccatori e di avere a disposizione un nuovo formidabile trucco, chiaro, colorato e brillante, che fa diventare bella e senza rughe. L imperatrice si fa preparare dagli imbroglioni un trucco, ma, quando questo le viene consegnato, l imperatrice si rende conto di non vederlo e decide di fingere e di mostrarsi contenta per il lavoro dei truccatori. Col nuovo trucco sfila per le vie della città di fronte a una folla di cittadini che applaudono. L incantesimo è svelato da un bambino che, sgranando gli occhi, grida: <<Ma non è truccata!>>. Da questa frase deriverà il famoso detto: <<la regina è brutta e ha le rughe.>> Michela Il sarto C era una volta un giovane sarto di nome Vincenzo. Era il sarto più celebre di tutto il mondo, infatti tutti i nobili andavano a farsi riparare i vestiti da lui. Si diceva che le sue forbici fossero magiche, infatti gli furono regalate da una vecchina, rivelatasi una fattucchiera: una sera, tornando a casa, vide due malfattori che la derubarono e lui la soccorse con coraggio. Vincenzo suscitava la gelosia di molti sarti, i quali cercavano in ogni modo di carpire i suoi segreti. Un giorno un sarto suo nemico andò in incognito a farsi aggiustare la camicia, ma, appena Vincenzo si girò, il vecchio gli rubò le forbici e scappò via. Vincenzo, disperato, tornò a casa e si mise a dormire. Il giorno dopo trovò le forbici sul suo letto e da quel giorno le tenne sempre in tasca. Federico La storia delle forbici Le forbici hanno origini molto lontane. Sono state trovate forbici tra le rovine delle colonie romane in Asia minore e in Egitto circa nel I secolo a.c. In Francia e in Germania sono state trovate forbici dell età del ferro, circa 330 a.c. A quell epoca erano un oggetto di grande valore. Col passare del tempo le forbici diventarono sempre più evolute fino ad arrivare alle nostre forbici moderne che tutti possiedono, non più come nell antichità in possesso solo dei ricchi. Le forbici di un tempo erano formate da una leva di III genere costruita con due lame ed un ferro ad U. Francesco Pierino il calzolaio Una volta c era un calzolaio molto importante, faceva scarpe splendide grazie alle sue forbici, che gli furono donate dal padre prima di morire: se qualcuno doveva comprare delle scarpe andava da Pierino. Gli altri calzolai erano gelosi perché loro non vendevano molto. Allora si organizzarono e, sapendo che le teneva sempre in tasca, gli tesero un agguato, ma, ahiloro, non sapevano che conoscesse le arti marziali e in un batter d occhio Pierino li stese a terra e tornò a casa, a dormire per la fatica. Morale: non prendere ciò che non ti appartiene o ne subirai le conseguenze. Francesco Il re e la farfalla C era un re che un giorno andò nel regno di un sovrano suo amico per aiutarlo a costruire un palazzo e portò con sé tutti i muratori del suo Paese. Un giorno, mentre dirigeva i lavori, incontrò una farfalla con ali stupende e così iniziò a parlare con lei. La farfalla aveva paura degli uomini, ma il re la convinse a posarsi sulle sue mani. Col tempo nacque un amicizia bellissima che il re teneva segreta perché non doveva farlo sapere alla regina. Perla, così l aveva chiamata, si affezionò tantissimo al re, passarono giorni stupendi insieme, ma i lavori al castello finirono e il re tornò nel suo regno portando con sé la farfalla. All inizio la regina fu gelosa della farfalla, ma col tempo imparò a conoscerla e a volerle bene, così decisero che Perla sarebbe rimasta con loro per sempre e vissero felici e contenti. Andrea e Gaia

8 8 Trofeo Mosso: S. M. Des Ambrois sul gradino più alto Il 26 novembre 2012, varie scuole della Val di Susa si sono riunite al Parco del Gravio a Condove per partecipare alla fase provinciale di corsa campestre. Durante la ricognizione generale ogni gruppo di ragazzi sembrava nervoso e ansioso di correre. La categoria Ragazze, formata dalle femmine di I media, ha dato il via alla competizione. Sul podio si sono piazzate al: - 1 posto Cristiana Ara di Almese; - 2 posto Andrea Giulia Perron Cabus di Oulx; - 3 posto Daria Marculet di Oulx. Quando tutte le concorrenti hanno finito la gara, dai blocchi di partenza sono partiti i Ragazzi. Risultati: - Al 1 posto Marco Allemand di Oulx; - Al 2 posto un atleta di Condove; - Al 3 posto Francesco Perron di Oulx. Successivamente hanno gareggiato le Cadette, gruppo formato dalle femmine di II e III media. Ecco le classifiche: - Al 1 posto Alessia Scaini di Oulx; - Al 2 posto Sara Allemand di Bardonecchia; - Al 3 posto Alice Forner di Condove. Infine, tra i Cadetti, si sono guadagnati il podio: - Al 1 posto Pietro Pereno di Oulx: - Al 2 posto Andrea Grandis di Susa; - Al 3 posto Guglielmo Roberto di Susa. Terminate le premiazioni individuali, sono iniziate quelle per le scuole. Il Des Ambrois (Oulx/Bardonecchia), anche quest anno è riuscito a portare a casa il Trofeo Mosso. Susa e Condove si sono piazzate entrambe al secondo posto. Allemand Ilaria e Ferrotta Camilla III A Oulx (Laboratorio Alla scoperta del quotidiano )

9 9 Vedere un film: Carlo Magno Perché ho fatto domande? perché? sigh la prof. L abilità che distingue i guerrieri franchi è saper nuotare Che sono molto muscolosi Chiara Valorosi/ forti e valorosi/ molto potenti, forti e valorosi Alessandro E., Alessandro O., Axel, Luca S., Lorenzo, Gaia, Luca, Sara, Miriam, Cassandra Sono bravi a calcare i cavalli e a colpire senza farsi sentire Samuele Che sono spietati Ronaldo Sono bravi con le armi Giulia Che loro combattono senza avere paura di niente Paolo Perché sono abili, intelligenti e forti Joe La lealtà e la forza Francesca Il primo figlio di Carlo Magno è Pipino il gobbo è un bambino (sicuro? non un animale o un vegetale?) è Pipino il Breve (è il padre) è Alessandro Magno!! Moglie, concubina, figlio legittimo/illegittimo: cosa vuol dire? Quelle regole sono ancora in vigore? Moglie = donna che sta insieme a sposata con un uomo Concubino = uno con più mogli Figlio legittimo= figlio nato da un rapporto Figlio illegittimo = figlio adottivo fatto con l amante Samuele Moglie: una donna sposata in un matrimonio Concubina: amante usata per estersioni (sigh! estorsioni? aberrazioni?)sessuali Figlio legittimo: stesso sangue figlio unito dalla legge Figlio inlegittimo: adottato figlio non unito dalla legge Axel Moglie = donna unita in matrimonio al marito Concubina = donna non unita al marito Figlio legittimo = figlio di uomo e donna dentro la legge, figlio di padre e madre sposati Figlio illegittimo = figlio di donna o uomo non sposati fuori la legge Francesca Moglie = donna scelta per unirsi con lui Concubina = si usa per prestazioni sessuali Legittimo = figlio avuto dalla moglie Inlegittimo = figlio avuto da altre donne Cassandra Concubina: amante Figlio legittimo. Segnato alla legge, figlio dentro la legge Figlio illegittimo: il contrario, fuori dalla legge La legge può essere di Dio o della gente (intesa come tribù, spero!) Miriam Moglie: donna unita ad un uomo Figlio legittimo: figlio avuto dalla propria moglie Figlio illegittimo: figlio non avuto dalla propria moglie. Sara Concubino: uno con più mogli Figlio legittimo: il prossimo re figlio nato da un rapporto e tenuto Illegittimo: figlio adottivo. Joe Moglie: donna unita con un uomo in matrimonio Figlio legittimo= avuto dalla moglie dentro la legge Figlio illegittimo= non avuto dalla moglie, fuori dalla legge Concubina= donna usata per azioni sessuali Luca

10 10 Moglie = una donna che è unita con un uomo in matrimonio Figlio legittimo = figlio fatto o avuto dalla donna Figlio illegittimo = figlio non fatto o non avuto dalla propria moglie Paolo Concubine: amante Figlio legittimo: vero, di sangue Figlio inlegittimo: addottato tipo La legge può essere dello Stato, ma può essere la legge del Signore Gaia Moglie: si è sposata con un uomo (sposo), unita attraverso il matrimonio Concubina: donna usata, sottoposta a prostituirsi da altri uomini per denaro. Donna truffata, venuta in Italia a causa di una proposta di lavoro inesistente, poi sottomessa da uomini e lasciata per strada a prostituirsi per poi dare i soldi agli uomini. Figlio legittimo: figlio fatto dai genitori propri consacrato dalla legge Figlio illegittimo: figlio adottato consacrato fuori dalla legge Lorenzo Moglie: sposa di un uomo Concubino: persona con + mogli o + mariti Figlio legittimo: non adottivo, dei genitori, consacrato dalla legge Figlio illegittimo: adottivo/adottato, non avuto dalla madre, consacrato fuori dalla legge Luca S. Moglie: donna sposata Concubina: diritti diversi fra le mogli, 1 delle tante mogli.no, queste regole non sono in vigore Figlio legittimo: della moglie Ilegittimo: dell amante. Giulia Moglie: era una donna sposata Concubina: era una cosa facile delle mogli Figlio legittimo: che è il primo erede Illegittimo: non può essere erede. (Regola) no, non più (in vigore). Chiara Concubina: donna usata solo per prestazioni sessuali Figlio legittimo: figlio avuto dalla vera moglie. Alessandro O. PAPERE e paperine d interrogazione! Da Bardonecchia Matteo dice a Luca che un professore scorreggiava in classe e faceva vedere Il massimo della fantasia! 2013 auguri!

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente.

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Le piace molto stare in compagnia,le piace giocare con me con papà e con Alessandro anche

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi

Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Classe 1ª A a.s. 2012/2013 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Anno scolastico 2012-2013 Ideato

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani. L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO

PROGETTO CONTINUITÀ. Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani. L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO PROGETTO CONTINUITÀ Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO I primi giorni di aprile, tornati dalle vacanze di Pasqua, il postino ci porta

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Cronache da SPECIALE IL MUSEO VA A SCUOLA. Scuola DANTE - Asti - Classe 4 A

Cronache da SPECIALE IL MUSEO VA A SCUOLA. Scuola DANTE - Asti - Classe 4 A Cronache da SPECIALE IL MUSEO VA A SCUOLA Scuola DANTE - Asti - Classe 4 A Presto, presto! Oggi Il Museo va a scuola e non possiamo farci aspettare dalla classe 4 A della scuola primaria Dante! Nella valigia

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA SCUOLA PRIMARIA ALDA COSTA FERRARA CLASSE IV A A.S. 2014/15 PARTECIPIAMO AL CONCORSO Luciana Albieri Edizione2015 Associazione Dammi la Mano SON TUTTE BELLE LE FAMIGLIE

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A. MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA. presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO)

SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A. MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA. presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO) SCUOLA A. MANZONI CLASSE 3A MAHAM JANJUA e DOUGLAS SILVA presentano (RIELABORAZIONE DI UN LIBRO) ATTIVITA ALTERNATIVA ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA CON LA COLLABORAZIONE DELL INSEGNANTE VANIA

Dettagli

Capitolo 1. Ivo e Caramella 1. Completa il fumetto di Ivo con le parole della lista. 2. Leggi quello che dice Ivo, disegna e scrivi.

Capitolo 1. Ivo e Caramella 1. Completa il fumetto di Ivo con le parole della lista. 2. Leggi quello che dice Ivo, disegna e scrivi. Capitolo Ivo e Caramella Completa il fumetto di Ivo con le parole della lista. DIECI NNI È IL MIO CNE MI CHIMO IN CMPGN CIO! IO IVO. HO. ITO. CRMELL! Leggi quello che dice Ivo, disegna e scrivi. COMINRE

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Scuola dell infanzia: S.Giuseppina De Muro Insegnanti: Maria Caronna Angela Marotta

Scuola dell infanzia: S.Giuseppina De Muro Insegnanti: Maria Caronna Angela Marotta Scuola dell infanzia: S.Giuseppina De Muro Insegnanti: Maria Caronna Angela Marotta FINALITA -EDUCARE ALLA CITTADINANZA PER SCOPRIRE GLI ALTRI, GESTIRE CONTRASTI, RICONOSCENDO DIRITTI E DOVERI ATTRAVERSO

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

che hanno racconto come protagonisti degli animali una morale linguaggio semplice frasi brevi insegnamento parlano e si comportano come gli uomini

che hanno racconto come protagonisti degli animali una morale linguaggio semplice frasi brevi insegnamento parlano e si comportano come gli uomini LA favola È un racconto breve ha come protagonisti degli animali che parlano e si comportano come gli uomini un linguaggio semplice frasi brevi molti dialoghi una morale cioè un insegnamento hanno pregi

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Maria, Matteo, Victor, Stefania, Samuele

Maria, Matteo, Victor, Stefania, Samuele Un giorno, finita la scuola siamo passati dal bar per comprare le cicche. Eravamo a piedi, desiderosi di fare due passi all'aria aperta e di goderci la bella giornata. Quando siamo usciti dal bar è arrivato

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

ALUNNI DI CLASSE TERZA CASPOGGIO

ALUNNI DI CLASSE TERZA CASPOGGIO ALUNNI DI CLASSE TERZA CASPOGGIO I CAVALLUCCI MARINI Un giorno, ad una gara di corsa, un cavalluccio marino sfidò un altro cavalluccio marino. Si chiamavano Pippo e Lucio. Pippo era coraggioso, umile e

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Debora Curulli, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, Elena Sambo, don Enrico Garbuio Finito di stampare:

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Storie d Inverno. Classe seconda di Novaglie Anno scolastico 2013/14

Storie d Inverno. Classe seconda di Novaglie Anno scolastico 2013/14 Storie d Inverno Classe seconda di Novaglie Anno scolastico 2013/14 1 La tigre dispettosa delle nevi C era una volta una tigre molto dispettosa e le piaceva la neve. Faceva i dispetti a tutti. Questa tigre,

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Dopo il recente evento sismico,le associazioni Incontrarti e Piccole onde hanno avuto l'occasione di proporre alla classe III B della scuola don

Dopo il recente evento sismico,le associazioni Incontrarti e Piccole onde hanno avuto l'occasione di proporre alla classe III B della scuola don Dopo il recente evento sismico,le associazioni Incontrarti e Piccole onde hanno avuto l'occasione di proporre alla classe III B della scuola don Milani un laboratorio sul tema del cambiamento. Stimolati

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

CRE UGOLINI. Giacomo Pulcini

CRE UGOLINI. Giacomo Pulcini CRE UGOLINI Giacomo Pulcini Giacomo Pulcini è un pasticcione nato! Piccoli errori ed equivoci lo hanno accompagnato per tutta la sua vita. Questi errori, però, chissà come, lo hanno sempre portato a ritrovarsi

Dettagli

UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin. Lettura della storia

UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin. Lettura della storia UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin Lettura della storia La famiglia Ratti vive in un ripostiglio di una bella casa. In questa famiglia i ruoli sono chiari: il padre va a lavorare ogni mattina e la

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA

ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA Molto spesso arrivo a scuola in ritardo per colpa di un semaforo che diventa verde dopo molto tempo o di persone in auto che non mi vogliono far passare sulle

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO La frase: IL SOGGETTO Leggi le seguenti frasi e sottolinea il soggetto: 1. Marco va a trovare la nonna. 2. Il cane ha morso il postino. 3. E caduta la bottiglia del latte. 4. Sono solito fare i compiti

Dettagli

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO II I destinatari del diritto Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli