LA VOCE DEL FALCO I.T. G.C.FALCO CAPUA (CE) Farò 13? NUMERO 3 FEBBRAIO MARZO Anno scolastico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA VOCE DEL FALCO I.T. G.C.FALCO CAPUA (CE) Farò 13? NUMERO 3 FEBBRAIO MARZO Anno scolastico 2013-2014"

Transcript

1 LA VOCE DEL FALCO I.T. G.C.FALCO CAPUA (CE) Farò 13? NUMERO 3 FEBBRAIO MARZO Anno scolastico Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire ne mondo (Gandhi)

2 .. DALLA REDAZIONE Gentilissimi dottori, noi ragazzi dell'i.t. Giulio Cesare Falco appena abbiamo appreso della vostra presenza a Capua in occasione della commemorazione del Soprintendente Jacobitti, abbiamo pensato di avanzarvi delle richieste perché vorremmo che il nostro territorio fosse maggiormente valorizzato dal punto di vista culturale ed architettonico! Molti monumenti, secondo il nostro parere, andrebbero riaperti, per far capire ad ogni capuano, e non solo, realmente la magnificenza della Città! In una terra tormentata da numerosi problemi sociali, come disse Giuseppe Impastato: " bisogna ricordarsi cos'è la bellezza, imparare a riconoscerla e difenderla"! Solo in questo modo ogni capuano riacquisterà il suo senso di appartenenza alla città, perché ora come ora non tutti hanno questa percezione! Molti dei monumenti, infatti, o sono deturpati o addirittura sono destinati alla dimenticanza e all incuria del tempo! Vi chiediamo di rendere fruibili i due castelli, quello di Carlo V e quello delle Pietre e di portare avanti la rivalutazione delle nostre fortificazioni cittadine. Vi chiediamo di rendere accessibile l'ingresso alle due polveriere, quella Meridionale e quella Settentrionale (detta Limata), così tutti possono capire realmente cosa è davvero accaduto sul nostro suolo! Da non sottovalutare anche la Sala d'armi per la sua dualità, prima chiesa poi struttura militare! Insomma vorremmo che la nostra città ritornasse o riacquistasse i fasti di un tempo anche con l aiuto di noi giovani che potremmo così trovare in questo settore, perché no, una sicura occupazione! Gli alunni dell IT Giulio Cesare Falco di Capua Lettera consegnata il 24 febbraio 2013 al dottor Fabrizio Vona (Soprintendente al Polo Museale Napoli-Caserta) e alla dott.ssa. Anna Maria Romano (Storico dell'arte - Polo Museale Napoli- Caserta) nell'aula Consiliare del Palazzo Municipale di Piazza dei Giudici, durante il seminario di studi in memoria di Gian Marco Jacobitti, Soprintendente di Caserta e di Benevento. Pagina 2

3 27 GENNAIO: GIORNO DELLA MEMORIA Dal 24 al 29 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria (27 gennaio) e per il secondo anno consecutivo, l istituto scolastico guidato dal dirigente Paolo Tutore ha voluto dedicare sei giorni a una seria e condivisa riflessione su una tematica di grandissima importanza, soprattutto alla luce dei valori che sottende. Per tre giorni lo spazio espositivo è stato aperto alle scolaresche e ai visitatori provenienti dai paesi limitrofi. Negli ultimi tre giorni, invece, la mostra è stata visitata con grande partecipazione dagli allievi dell istituto accompagnati dai rispettivi docenti. Nel corso della visita, la Shoah è stata ripercorsa attraverso la lettura di brani, la visione di documenti e le melodie che ricordano il triste destino di sei milioni di ebrei. L evento si è concluso con la visita della mostra da parte dei ragazzi che frequentano l ultimo anno del corso di studi. A raccontare la storia dell Olocausto è stato il professore Felicio Corvese, presidente dell Istituto Vera Lombardi, il quale si è soffermato nella descrizione della parte della mostra intitolata Sterminio in Europa e su quella dedicata agli Eccidi Nazisti a Pignataro Maggiore, ripercorrendo quelle fasi della Seconda Guerra Mondiale che hanno toccato anche Terra di Lavoro. È stata, insomma un esperienza molto positiva! Salvatore SGUEGLIA III AMM Ricordando l architetto Gian Marco Jacobitti, soprintendente di Caserta e di Benevento Lunedì 24 febbraio 2014 alle ore 17 nell Aula Consiliare il dott. Gregorio Angelini (Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania), il dott. Fabrizio Vona (Soprintendente al Polo Museale Napoli-Caserta) e la dott.ssa Anna Maria Romano ( Storico dell'arte. Polo Museale Napoli-Caserta) hanno ricordato la figura dell architetto Gian Marco Jacobitti, soprintendente di Caserta e di Benevento. L'evento è stato promosso ed organizzato dall'assessorato alla Cultura del Comune di Capua, nella persona della professoressa Jolanda Capriglione, con le associazioni Città di Capua, Club Unesco e "Luigi Vanvitelli". Jacobitti era arrivato a capo della soprintendenza nel gennaio del Vi rimase fino al marzo del 1997 (il successore fu Livio Ricciardi), quando un giro di nomine del Ministero per i Beni culturali lo portò in terra di Puglia. Prima come soprintendente di Bari, poi come direttore regionale dei Beni culturali con ufficio sempre al Castello Svevo ai margini della città vecchia. E anche a Bari Jacobitti seppe dare prova del suo grande impegno. Assieme al prefetto Vincenzo Damiano fu autore del grande exploit di Caserta 94, quando la città prima lanciò la candidatura e poi ottenne l onore di ospitare la cena di gala della riunione del G7 che era in programma a Napoli. Ma Gian Marco Jacobitti deve essere ricordato anche per una serie di altre iniziative che negli anni hanno impreziosito il Palazzo reale di Caserta. Fu il soprintendente che promosse e portò a termine il restauro del Teatro di corte. Rivitalizzò il Giardino all inglese e creò il museo dell'opera e del territorio nei seminterrati dell'edificio. Ultimo, ma non ultimo, riuscì nell operazione di portare Terrae Motus alla Reggia stringendo accordi con Lucio Amelio prima della sua morte e, successivamente, con le sorelle del gallerista a capo della Fondazione. Salvatore SGUEGLIA III AMM Pagina 3

4 Ricordando Don Peppe Diana Il 19 marzo, festa di San Giuseppe, si fa memoria di un grande sacerdote che si è battuto per la camorra a Casal di Principe, Don Peppe Diana. È stato ucciso mentre si preparava a celebrare la messa nella sua parrocchia nel casalese, il 19 marzo del Questo sacerdote, nato a Casale, aveva deciso che la chiesa, in quel territorio soprattutto, si doveva far sentire, doveva dare una svolta a quello che quotidianamente succedeva all'interno di quel territorio, sotto gli occhi delle autorità che rimanevano, spesso, "indifferenti"! Lui dedicò la vita e l impegno pastorale alla lotta per contrastare illegalità, abuso, privilegio, assassinio della speranza nel futuro. Le sue non erano prediche generiche o esortazioni buone per ogni cerimonia, ma ragionamenti ricchi di esempi, di nomi e di cognomi, di denunce etiche e politiche. Don Peppe diede un messaggio chiaro ai camorristi di Casale, quando una domenica, durante la celebrazione della Messa, al momento della Comunione, non diede la comunione al Capo del clan camorrista più famoso di Casale, Gennaro Esposito. Con questo gesto voleva far capire che la chiesa non poteva accettare la presenza di camorristi all'interno dei luoghi sacri. Questo, però, non segnò la sua condanna, che fu, invece stabilita dal figlio di Esposito, che non aveva i valori "nobili" e il rispetto dei sacerdoti come il padre! Infatti, mandò uno "scagnozzo" ad uccidere don Peppe. Ma il suo sangue è stato il seme che ha dato buoni frutti. Ora, il territorio che in tanti conoscevano come il regno della camorra, sta cambiando grazie anche al suo martirio e sta cambiando anche nome: Casal di Principe non è il paese di Sandokan, ma è il paese di don Peppino Diana. Benedetto MEROLA IV BEL La Giornata Mondiale della Poesia e gli studenti capuani Gli studenti dell IT G. C. Falco hanno partecipato, insieme ad altri studenti degli istituti superiori della città, alla Giornata della Poesia, istituita dalla XXX Sessione della Conferenza Generale UNESCO nel 1999 e celebrata per la prima volta, nella città di Capua, il 21 marzo L evento è stato ideato e promosso da Jolanda Capriglione, assessore alla cultura del Comune di Capua e presidente del Club Unesco di Caserta, in collaborazione con gli studenti dell Istituto Tecnico Federico II, dell Istituto Tecnico G.C. Falco, del Liceo L. Garofano, del Liceo S.Pizzi e dell Associazione Internazionale degli Amici della Poesia C. Kavafis La manifestazione è iniziata nella sala consiliare di Capua dove gli studenti dei quattro istituti organizzatori hanno recitato numerose poesie mentre una giovane alunna dipingeva al suo cavalletto l evento. Una rosa per te è stato il primo componimento di una lunga serie, quasi a voler omaggiare l altra protagonista indiscussa della giornata, la primavera. Tema delle poesie è stato l amore ed un giovane musicista ha accompagnato sulle note di un flauto, il susseguirsi dei versi. Successivamente gli studenti sono scesi nella piazza antistante il municipio ed hanno invitato i passanti ad ascoltare, festeggiando, letteralmente, la poesia. La parola poesia significa creatività, - ha detto la prof.ssa Jolanda Capriglione sono commossa per l entusiasmo che avete messo nell organizzazione di questo evento. E sempre con grande piacere che lavoro per la bellezza e per la poesia. Una collaborazione quella tra le scuole e l assessorato alla cultura per la quale il sindaco di Capua Carmine Antropoli si è detto entusiasta. E straordinario vedere come il mondo della scuola si sia avvicinato alle istituzioni, - ha aggiunto Antropoli nel saluto iniziale il popolo della scuola in questo modo si confronta con l ente e crea unione tra i vari istituti. Tutto questo è importante visto che gli studenti sono circa La mattinata si è conclusa con un componimento recitato dall assessore Capriglione, Itaca di Costantino Kavafis. Un augurio per la vita che l assessore ha voluto offrire ai giovani studenti attraverso le parole del poeta e giornalista greco che, ispirandosi a quello che rappresentò Itaca per Ulisse, recitano: E se la trovi povera, non per questo Itaca ti avrà deluso. Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso, già tu avrai capito ciò che Itaca vuole significare. Salvatore SGUEGLIA III AMM NUMERO 3: FEBBRAIO MARZO Anno scolastico 2013/2014 Pagina 4

5 L'estinzione dei Mestieri L Italia è un paese in cui non rimane più molto spazio per le tradizioni: questo discorso è valido come non mai per il lavoro, visto che mestieri storici e antichi come l'artigianato stanno scomparendo in maniera progressiva e in una quasi totale indifferenza. Il rischio estinzione è dietro l angolo e l'artigianato ne sa qualcosa in quanto nell elenco vanno inclusi anche canestrai, ricamatrici, corniciai, ebanisti... Il motivo dell'estinzione è facile da intuire: in alcuni casi le nuove generazioni non vogliono apprendere il mestiere, ragione per cui basteranno dieci anni e non ne sentiremo più parlare. Ma non tutto è perduto ci sono anche storie di successo molto interessanti: si tratta, ad esempio, dello stilista Marco Strano, che è stato capace di sfruttare la sartoria e i materiali grezzi nella sua bottega artigianale, oppure di Barbara Donati che ha 31 anni e fa stampe d arte, dell ebanista Alessio Gismondi, oppure della Torneria Meccanica Srl di Novara, azien- da a conduzione familiare che si occupa ancora di fresature, lavorazioni del marmo e del legno senza risentire troppo dei tempi moderni! Molto tempo fa questi erano mestieri quasi pregiati, sembra passato molto tempo da allora ma in realtà si parla solo di qualche secolo fa eppure l'italia e il mondo stanno cambiando, la tecnologia prende sempre di più il sopravvento e anche se ci sono persone come Alessio,Barbara o Marco questi mestieri sono e saranno per sempre destinati ad estinguersi per dare spazio come al solito alle nuove tecnologie!. Bisognerebbe rivalutare da un punto di vista sociale il lavoro manuale e le attività che offrono queste opportunità. Per questo è necessario avvicinare la formazione scolastica al mondo del lavoro. Bisogna fare una vera e propria rivoluzione culturale per ridare dignità, valore sociale e un giusto riconoscimento economico a tutte quelle professioni dove il saper fare con le proprie mani costituisce una virtù aggiuntiva che rischiamo di perdere. Mario J ZIPPO III BMM Disoccupazione in Italia Mentre una timida ripresa inizia a far apparire un segno "più" davanti ai principali indicatori economici, il mercato del lavoro continua a patire le conseguenze di cinque anni di profonda recessione. Tra il 2008 e il 2012 i disoccupati ufficiali sono aumentati di oltre un milione di unità e "l area della difficoltà occupazionale" ha registrato un aggravio di circa 2 milioni di persone. Un fenomeno concentrato nel Sud che ha "conseguenze sociali allarmanti" su tutto il Paese e che anche quest'anno non è affatto migliorato. Nel rapporto Occupati e disoccupati, l'istat ha rilevato che ad agosto la disoccupazione è salita al 12,2% toccando il livello più alto dall inizio sia delle serie mensili, gennaio 2004, sia delle trimestrali, primo trimestre Il dato più drammatico è sicuramente il tasso che riguarda i giovani tra i 15 e i 24anni e che ad agosto è balzato al 40,1%. Nel corso dell'aggravarsi della crisi economica, la sovrapposizione di un forte rialzo dell offerta di lavoro accompagnato da una contrazione del numero di occupati ha determinato un incremento significativo della disoccupazione che ha superato il 12%. "L evoluzione del mercato del lavoro italiano suggerisce che parte dell aumento del tasso di disoccupazione sia di carattere strutturale", si legge nel Rapporto che pone l'accento sul rischio che "molti di coloro che sono stati espulsi dal mercato, o non sono neanche riusciti ad entrarvi, restino a lungo fuori dal processo produttivo". "Se nella definizione ufficiale l aumento del numero dei disoccupati è di oltre un milione in quattro anni, l area della difficoltà occupazionale in senso lato "registra un allargamento ben più consistente, giungendo ad aumentare di circa due milioni di persone. Si tratta di uno spreco di risorse ingente, oltre che di un fenomeno le cui conseguenze sociali sono allarmanti". Secondo i calcoli degli analisti del CNEL, per riportare il tasso di disoccupazione all 8% bisogna aspettare almeno fino al Il tasso di crescita del PIL, però dovrà superare il 2% all anno. Si tratta di un target "non eccezionale", ma che ammette essere, almeno per oggi, "non alla portata del nostro sistema". L Italia negli anni di crisi economica ha, infatti, perso circa 750mila posti di lavoro. Se l occupazione fosse diminuita quanto il prodotto interno lordo, le perdite sarebbero oggi pari a occupati. Questo "è certamente l anno peggiore della storia dell economia italiana dal secondo dopoguerra", ma quello che può "intercettare il punto di svolta del ciclo economico". "La contrazione del prodotto cumulata dall avvio della crisi ha raggiunto l 8%! Una caduta di tale entità non poteva non lasciare tracce profonde nel tessuto produttivo e sulle opportunità occupazionali. Negli ultimi anni si sono persi 750mila posti di lavoro. Numeri alla mano appare chiaro che la caduta del PIL italiano è stata seconda soltanto alla Grecia mentre la riduzione dell occupazione è stata relativamente contenuta. Angelica CARAMIELLO III BMM Pagina 5

6 LA MALEDIZIONE DEI 27 ANNI Ventisette è il numero maledetto del rock. Di solito per una celebrità appartenere ad un club dovrebbe essere un onore, ma in questo caso, i media parlano di club27 e non è molto carino entrare a farne parte. A 27 anni se ne sono andati grandi artisti, e quattro di loro avevano la J inclusa nel nome o cognome, cosa che affascina gli amanti del mistero: Jimi Hendrix, Jim Morrison, Brian Jones e Janis Joplin. Oltre a loro, Kurt Cobain, Amy Winehouse, Ringo de Palma e altri. Morti in prevalenza dovute a droga, alcool o suicidi, e soprattutto avvolte nel mistero! Si sa, le maledizioni non esistono, certo è, però, che questo club è ancora aperto. 3 luglio 1969: Brian Jones, fondatore dei Rolling Stones, viene trovato morto in una piscina. Secondo i dottori, Jones è affogato. Il caso viene archiviato come incidente, anche se il suo cuore e il fegato erano fortemente rovinati da alcol e droghe, e ci sono delle versioni che portano a pensare ad un omicidio. 18 settembre 1970: Jimi Hendrix, padre della chitarra elettrica, viene trovato morto in un appartamento a Londra. La sua ragazza racconta di una morte provocata da soffocamento nel vomito dovuto a un mix di alcool e tranquillanti. Le varie versioni presentano variazioni e non è noto se Hendrix fosse ancora vivo all arrivo dei soccorsi. 4 ottobre 1970: Janis Joplin, cantante blues, viene trovata morta in un motel a Hollywood. Overdose di eroina. 3 luglio 1971: Jim Morrison, poeta, cantante e frontman dei Doors viene trovato morto a Parigi. La notizia ufficiale dice arresto cardiaco, ma sul suo corpo non sarà mai eseguita l autopsia. 1 giugno 1990: Ringo de Palma, batterista dei Litfiba, muore a Firenze per overdose di eroina. Poco prima aveva lasciato la band per presunti problemi fisici; situazione mai chiarita. 8 aprile 1994: Kurt Cobain, cantante e leader dei nirvana viene trovato morto nel garage della sua casa a Seattle. Si tolse la vita con un colpo di fucile alla testa, con molta probabilità il 5 aprile. Anche Cobain faceva uso di droghe e una settimana prima del suicidio si era allontanato dal gruppo facendo perdere le proprie tracce. 23 luglio 2011: Amy Winehouse, cantautrice e stilista, viene trovata morta a letto da una sua guardia del corpo. L autopsia non ne chiarisce le cause, anche se la Winehouse ha spesso fatto parlare di sé per i suoi vizietti, legati ad alcool, droga e disordini alimentari. Comprare droga è come comprare un biglietto per un mondo fantastico, ma il prezzo di questo biglietto è la vita! (Jim Morrison) Antonio CARNIATO V AMM VITULA: PROMOZIONE E JUNIORES Non solo la prima squadra, il Vitula, nelle zone alte di classifica, ma anche i giovani, la Juniores di Massimiliano Merolillo che nel suo girone è seconda in classifica nel campionato regionale. Tanti giovani in auge richiesti, che si alternano con il team del tecnico Richy Ricciardi; la prima squadra del veterano capitano Peppe Rosi. Ci dice il talento Giovanni Benincasa: Abbiamo la fortuna di avere alle spalle una grande società, che valorizza e promuove noi giovani locali e non. Noi confermiamo, che il pensiero del fluidificante sinistro è veritiero, e già abbiamo scritto e parlato della passione e impegno del presidente dott. Enzo Cocco, una presenza continua, le due squadre che devono soprattutto rispettare l avversario, la continuità del Fair Play ; riunioni e dialogo, una costante del presidente che insieme al dott. Achille Cuccari hanno riportato l entusiasmo di una volta, scelte giuste, progetto vincente. A nostro sereno giudizio, un plauso va al dirigente Agostino Nonnato, rosanero purosangue che ci diceva il Vitula in promozione da oltre 20 anni, un record per un piccolo centro come Vitulazio Il medico sociale dott. Achille Cuccari gia presidente di Lega casertana, ci ha detto che il futuro sarà sempre per la linea verde, i giovani per una società sana, per la gande bellezza che loro offrono. Anche noi diamo un voto alto ai due tecnici Ricciardi e Merolillo per aver fatto sognare i tifosi in questo finale di campionato Dalla Gazzetta di Caserta Giovanni BENINCASA V AM Pagina 6

7 BELGIO CHOC "Sì" ALL'EUTANASIA PER I BAMBINI Commento all articolo di cronaca del Mattino del 14 febbraio 2014 La Camera dei Deputati del Belgio ha dato ieri il via definitivo alla modifica della Legge del 28 Maggio 2002 che legalizzava l eutanasia per adulti, estendendola ai minori. Per la prima volta al mondo un Paese accetta che un bambino possa chiedere di essere ucciso per porre fine alle sue sofferenze. Accertato che la malattia sia alla fase terminale spetterà al bambino stesso con l'accordo dei genitori decidere di accettare o meno la "dolce morte". Negli ultimi mesi l'opinione pubblica belga, interrogata a riguardo, si è dimostrata favorevole alla revisione della legge. Il 27 Novembre, dal Senato è arrivato il primo " SI" con una maggioranza di 86 "si", 44 "no" e 12 astenuti. Il progetto di estendere l'eutanasia anche ai bambini è stato sostenuto da molti, anche se durante il dibattito parlamentare dalla tribuna del pubblico qualcuno ha gridato tre volte assassini. I Vescovi del Belgio hanno criticato duramente tale legge, appellandosi al principio che solo Dio può togliere la vita e non certo i deputati. Ma le loro proteste sono rimaste inascoltate. Secondo il nostro parere decidere di approvare o meno questa legge è molto difficile perché crediamo che solo chi si trova in una situazione di grave sofferenza può sapere quale sia la cosa giusta da fare. Ma noi tutti, adulti, bambini abbiamo il diritto alla vita e di certo non possono decidere i deputati ovvero gente qualsiasi di togliercela, solo Dio può farlo. Nella buona o cattiva sorte bisogna vivere la vita perché è un bene prezioso,e visto che ce l'ha donata Dio solo Lui è legittimato a togliercela. Anche la sofferenza fa parte della vita e le due cose vanno di pari passo e non possono essere separate. Procurare la morte a qualcuno, anche se per motivi umanitari, è secondo noi sempre un assassinio. E poi questa legge rischia di diventare pericolosa, perché potrebbe col tempo estendersi agli handicappati, ai malati di mente, o semplicemente a coloro che sono stanchi di vivere. Girolamo PETRELLA e Maria RAIMONDO classe 3^ACM s.a. Grazzanise VIOLENZA NEGLI STADI Nella nostra vita oltre al lavoro e alla scuola e agli impegni quotidiani, c'è anche lo sport: l'insieme di attività fisiche effettuate per fini salutistici, formativi, ricreativi, competitivi. Molte persone al giorno d'oggi praticano sport a livello dilettantistico o agonistico e quello più diffuso e famoso è sicuramente il calcio: uno sport di squadra nel quale si affrontano due formazioni composte ognuna da undici giocatori, usando un pallone sferico all'interno di un campo da gioco rettangolare con due porte. Questo gioco è regolamentato da una serie di norme codificate, e vince chi segna più goal. Assistere ad una partita di calcio rappresenta uno dei più diffusi e popolari modi di impiegare il tempo libero. Essere tifosi di una squadra significa, esaltarsi per i suoi successi e disperarsi per le sue sconfitte; andare allo stadio, incitare i calciatori, partecipare ai cori, che non sempre sono ingiuriosi o volgari, sono cose alquanto fantastiche. Purtroppo quella che dovrebbe essere una festa spesso si trasforma, specialmente in Italia, in un'occasione di violenza. Il problema della violenza negli stadi italiani, ormai è un problema annoso. Negli ultimi tempi, si è assistito con sempre maggior frequenza a cori razzisti che offendono i giocatori, allenatori, presidenti, tifoserie avversarie. Nonostante i numerosi controlli delle forze dell'ordine all'entrata degli stadi, spesso capita che alcuni tifosi riescano ad introdurre striscioni offensivi, ma non è questo il solo problema. Ancor più grave è il fatto che gli spalti diventano dei veri e propri ring da combattimento, dove regna aggressività e violenza. Ogni settimana si assiste ad ammonizioni, squalifiche del campo e ad innumerevoli multe che vengono pagate dalle varie società sportive. Nonostante questi provvedimenti il fenomeno non sembra diminuire, anzi sembra che vada ad aumentare. Ma, per quale motivo accade tutto ciò? Innanzitutto io credo per ignoranza, per analfabetismo mentale ed emotivo di chi la compie. La violenza degli ultras è assurda perché non è un mezzo per raggiungere uno scopo, si compie con annoiata indifferenza, prorompe senza motivo e non necessita di alcuna decisione. Ed è una violenza vigliacca perché ogni singolo si nasconde nel gruppo per compiere le sue azioni che hanno maggiore valenza se sono condivise con gli altri. Per arginare tale fenomeno che sta diventando sempre più preoccupante, si deve assolutamente intervenire. Ma come? Non basta far rispettare le leggi con maggiore forza e severità, bisognerebbe cambiare la mentalità dei tifosi, cercando di far capire loro la vera natura della tifoseria. Bisogna coinvolgere maggiormente a mio avviso, tutte le figure che ruotano in questo mondo, dall allenatore ai dirigenti, dai giocatori ai giornalisti, perché tutti ugualmente sono responsabili di quello che accade dentro e fuori il campo. Alla favola che il calcio è solo un gioco, non ci crede più nessuno, perché purtroppo, ormai c'è un giro di affari troppo grosso che vi ruota attorno, però, pensare che un avvenimento di calcio possa essere un ritrovo anche per la famiglia, come accade altrove, non è completamente utopistico e bisogna lottare per questo. Daniele VASTANO classe 3 ACM s.a. Grazzanise Pagina 7

8 PERCHÉ IN IUGOSLAVIA CI FU MASSACRO DEGLI ITALIANI NELLE FOIBE? Quando si parla di foibe ci si riferisce agli eccidi occorsi durante la seconda guerra mondiale e nell'immediato dopoguerra ai danni della popolazione italiana della Venezia Giulia e della Dalmazia. Il nome deriva dai grandi inghiottitoi carsici dove furono gettati i corpi delle vittime, che nella Venezia Giulia sono chiamati, appunto, "foibe". Ma cos'è successo veramente? Perché in Jugoslavia ci fu un massacro? Cosa avevano fatto gli italiani? Il fascismo italiano non conquistò solo l Etiopia, non commise delitti inauditi solo in Libia, in Grecia, in Albania. Dal 1941 pretese che popoli come quello sloveno fossero snazionalizzati, annientati. Negò loro il diritto ad avere lingua e patria. Pochi sanno che a questo scopo furono allestiti in Italia ben oltre cento campi di internamento e lavoro per jugoslavi. Un popolo, questo, che con Tito aveva avviato la lotta di Resistenza antinazifascista, per cacciare via gli invasori, che si erano spartiti le sue terre e i suoi beni. Gli italiani avevano avuto la parte occidentale, i nazisti quella orientale. Il 6 aprile 1941, infatti, l esercito italiano e quello nazista invasero la Jugoslavia. La Slovenia venne smembrata fra Italia (il territorio che diventa provincia di Lubiana) e Germania. Quest'invasione portò alla nascita dei primi gruppi di partigiani che combatterono contro i soldati tedeschi ed italiani. La prima rivolta fu fatta nel luglio del 41 la seconda ad ottobre dello stesso anno e la terza dal 12 aprile al 15 giugno del 42,quest'ultima ancora più distruttiva e sanguinaria delle precedenti. Il fallimento della resistenza jugoslava portò solo ad una maggiore ferocia da parte dell'esercito italiano e tedesco. L'Intensificazione delle azioni contro guerriglia in Slovenia da parte delle forze del XI Corpo d Armata, quattro Divisioni italiane, con l aggiunta dei fascisti sloveni della Bela Garda (Guardia Bianca). Portò ad azioni di terrorismo contro i civili e la deportazione delle popolazioni di intere zone, senza distinzioni di sesso e di età. Dietro tutta la vicenda delle foibe non c è, quindi, solo Tito. Ci sono a monte le scelte folli imperialistiche del fascismo, ci sono anche le risposte errate di Tito e, soprattutto, di singoli ufficiali titini che agirono di testa propria Il fatto che nel marzo 2006 la Slovenia abbia consegnato un elenco di deportati goriziani nel 1945 da parte delle milizie jugoslave del IX Corpus, è certo un passo avanti nei confronti della verità storica occultata per oltre sessant anni, ed è anche il segno di una volontà di collaborazione tra l Italia e questa neonata Repubblica. Un segno importante, ma debole, perché questo passo non esaurisce la complessiva tragedia che le popolazioni della zona di confine italo-sloveno subirono negli anni dell immediato dopoguerra, ed è assolutamente improprio parlare, come hanno fatto molti giornali e uomini politici, di riconciliazione. Un fatto storico va valutato per quello che è stato, nella sua completezza perché anni ed anni di battaglie non vengono dimenticati in così poco tempo! Gianmarco DE LUCIA V BT Pagina 8

9 LA FRIZIONE La frizione è un meccanismo che, avvalendosi dell'attrito, consente di unire gradualmente il moto di due alberi che ruotano a velocità diversa. Questa sua caratteristica è parecchio utilizzata nell'ambito dei sistemi di trasmissione. Per esempio, per far partire gradualmente un'automobile con motore a combustione senza spegnere il motore, è necessario che la trazione sia applicata in modo progressivo; qui interviene la frizione che rende possibile ciò. Il suo funzionamento rimanda a quello dei freni di un'auto, ma opera inversamente: i freni sono fermi, e la ruota non viene bloccata istantaneamente, ma gradualmente grazie all'attrito; similmente la frizione muove gradualmente un albero fermo o in rotazione a velocità diversa. L'apertura (disinnesto) o chiusura (innesto) della frizione avvengono per via meccanica, per via idraulica, pneumatica o elettrica. Il sistema di trasmissione a ruote di frizione è usato per trasmettere il moto internamente alla testa motrice di una macchina o macchina utensile. Si può utilizzare il punto di frizione, che si basa sulla calettatura di due ruote di determinati diametri e larghezze su due alberi paralleli in modo che le due ruote si tocchino in un punto detto punto di frizione. Nelle automobili, quando viene premuto il pedale di comando (il pedale più a sinistra), attraverso un cavo tirante o un sistema idraulico, si allenta la pressione del meccanismo spingidisco, generata da una molla o da più molle lineari, e il disco viene liberato e allontanato dal volano, sconnettendo le due parti. Nelle motociclette la frizione viene aperta per mezzo di una leva posta sulla maniglia di sinistra del manubrio. Le frizioni possono funzionare in vario modo: Frizione a secco, la frizione rimane in un ambiente isolato o viene lasciata parzialmente esposta all'aria, il che permette di ridurre al minimo l'assorbimento energetico della stessa, assorbimenti dati dall'attrito viscoso e dallo sbattimento con l'olio. Frizione a bagno d'olio, in cui l'elemento di attrito è immerso in un liquido refrigerante e lubrificante, che ne migliora la durata e la resistenza allo stress. Frizione centrifuga, caratterizzata da un funzionamento automatico, legato ai regimi di rotazione della stessa. Convertitore di coppia, sistema usato nei cambi automatici Le frizioni a seconda del tipo, hanno strutture differenti: Frizione monodisco, la coppia fornita dal motore viene trasmessa all albero condotto sfruttando la resistenza d attrito che si sviluppa tra le due superfici, una solidale all albero motore e l altra all albero di entrata del cambio, premute tra loro grazie all azione di molle. Il disco condotto è montato sul mozzo scanalato: la scanalatura permette al disco uno scorrimento di qualche millimetro. Per rendere più elastico e progressivo l innesto il disco è provvisto di molle parastrappi. Il meccanismo spingidisco ha il compito di portare avanti e premere il disco condotto contro il volano fissato all albero motore. Il componente che permette di poter agire sul meccanismo in rotazione è il reggispinta, costituito da un cuscinetto, generalmente a sfere, atto a sopportare una spinta assiale. Premendo il pedale, la leva di comando allontana il disco condotto dal volano. Rilasciando il pedale del disco riavviene il contatto. Per l attrito che si genera tra le diverse superfici si giunge alla stessa velocità di rotazione. Frizione multidisco, nella frizione a dischi multipli (in bagno d olio o a secco) costituita da più dischi condotti, viene aumentata la coppia motrice in quanto risulta aumentata la superficie di contatto. Frizione centrifuga, prevalentemente utilizzata nelle applicazioni scooteristiche e minimoto. Giovanni CASAVECCHIA D'AMICO III BMM Pagina 9

10 IL TURBOFAN Il turbofan è un tipo di motore a reazione usato per gli aeromobili basato su un motore a turbina ed è costituito da una turbina a gas, una presa d aria anteriore, un ugello posteriore un elica, dal compressore, gli iniettori di carburante, dalla camera di combustione e dal condotto di scarico ; tutti questi organi, insieme agli organi secondari quali il motorino d avviamento, le pompe per i lubrificanti ed i liquidi di raffreddamento, i post-bruciatori ecc, sono contenuti in un involucro a struttura tubolare situato nella fusoliera del velivolo. La cosa più evidente rispetto ad un tradizionale turbogetto è la parte frontale del motore, costituita appunto da una ventola (o Fan in inglese) che elabora una portata generalmente molto elevata rispetto a quella del compressore, e che solo in parte attraversa (dopo la ventola) il compressore e partecipa quindi al processo di combustione. E pertanto facile individuare due distinti flussi, uno indicabile come Freddo, rappresentato dal flusso che attraversa la sola ventola ed uno Caldo, che attraversa l intera serie componenti per poi eventualmente ricongiungersi con il flusso freddo nella sezione finale del motore, ovvero nell ugello di scarico. Tutti gli aeroplani moderni a getto adottano il turboventola, in quanto è il motore che permette il minimo consumo e migliori prestazioni rispetto al precedente turbogetto. Carmine Benincasa IV ACA Pagina 10

11 Route Nazionale R/S Agesci. Quest anno l associazione Scout parteciperà con tutti i Clan e Noviziati (ragazzi compresi tra i 16 ai 21 anni) di tutti i gruppi d Italia ad un CAMPO NA- ZIONALE, o meglio detta ROUTE. L'AGESCI come tema della Route ha scelto IL CORAGGIO, perché vuole che i suoi giovani si rendano conto che è il momento di diventare i protagonisti del cambiamento, costruttori del proprio futuro e di quello del Paese. La Route nazionale darà l occasione a tutti i Rover e le Scolte impegnate in questa grande avventura di intraprendere percorsi di crescita nell'essere buoni cittadini pronti per esperienze di cittadinanza attiva a servizio del Paese. Attraverso processi di democrazia partecipata, i ragazzi arriveranno a scrivere la Carta del coraggio, che sarà focalizzata su orizzonti di futuro; questo non sarà affatto un manifesto teorico, ma conterrà proposte concrete da portare alle istituzioni regionali e nazionali e servirà, inoltre, alle singole comunità scout per progettare attività future. le tematiche di coraggio che i rispettivi Clan/Noviziati sceglieranno per lavorarci e i sentieri sono, invece, dei punti da sviluppare inerenti alla strada scelta. Quei punti porteranno a far fissare, da parte delle comunità, degli impegni concreti che influiranno positivamente sul territorio. Le strade sono dette di coraggio perché rappresentano,ognuna, delle azioni di coraggio da compiere per essere al servizio del paese. Esse sono 5: 1)Il coraggio di AMARE (Chi sceglie questa strada vuole lavorare sui temi legati alle relazioni tra le persone, alla sessualità, ai conflitti, al perdono, alla famiglia); 2) Il coraggio di FARSI ULTIMI (Chi sceglie questa strada vuole lavorare sui temi legati alla giustizia, alla povertà, alla solidarietà, alla globalità, all accoglienza); 3) Il coraggio di ESSERE CHIESA (Chi sceglie questa strada vuole lavorare sul significato di vivere l esperienza cristiana, su cosa significa vivere la fede in una comunità, sulla condizione della Chiesa in questo periodo e su che cosa significa vivere la centralità del Vangelo); 4) Il coraggio di ESSERE CITTADINI (Chi sceglie questa strada vuole lavorare sui temi legati alla democrazia e alla formazione del consenso, alla partecipazione, ai temi della rappresentatività, della legalità, dell informazione, della costruzione del bene comune, dell economia, dell ambiente; La data del campo è stata fissata dal 1 al 10 Agosto ed avrà 2 modalità: ci saranno pochi giorni di campo mobile nel quale ci si sposterà camminando fino ad arrivare alla meta (San Rossore) dove si terrà il campo fisso. La Route aprirà orizzonti nuovi per tutta l Associazione, attraverso l'esperienza concreta del fare STRADA (percorso formativo branca R/S) insieme; è sulla strada si fa educazione: per l AGESCI non si tratta di un fatto privato, ma di un'azione politica pubblica, che richiede condivisione e responsabilità. I vari Clan/ Noviziati lavoreranno, come preparazione alla Route, ad un capitolo ; ossia un percorso di approfondimento concreto sul valore del coraggio. Nella preparazione sono compresi momenti di osservazione della realtà, formazione di una propria opinione e azioni di cambiamento, che saranno parte integrante del cammino della Route. Questa sarà un esperienza a servizio del territorio grazie alla quale partendo da esperienze di coraggio esistenti se ne potranno generare nuove per fruttare il cambiamento del nostro Paese in bilico. In questa esperienza saranno impegnate oltre comunità partecipanti che promuoveranno su tutto il territorio l esperienza maturata nel capitolo. Questo capitolo è strutturato in strade a loro volta strutturate in sentieri : le strade sono 5) Il coraggio di LIBERARE IL FUTURO( Chi sceglie questa strada vuole lavorare sull inventare e costruire il lavoro, sul sapere interpretare il proprio tempo ed anche sull essere persone solide). Durante l anno le varie comunità R/S, oltre a lavorare per il capitolo, sono state impegnate a partecipare ognuna ad un Forum riguardante la propria regione: questo Forum è stato un momento di incontro dove tutti i Clan/Noviziati coinvolti hanno presentato la strada e l azione concreta scelte sul proprio territorio. Il Forum Regionale della Campania si è svolto tra i gironi 1-2 Marzo (ultimo giorno per svolgere i Forum)a Napoli; li è stato presente anche il Cardinale Sepe. Questo è un evento Nazionale molto importante per gli Scout ma soprattutto per i giovani! Il motto della Route è One Way che in inglese significa unica direzione ed è proprio quella che per riscattarci come Nazione dobbiamo intraprendere tutti! Siamo noi giovani il futuro di questo Paese ed è giusto prepararsi con CORAGGIO! Ad Agosto saremo tanti li, tutti con un unico obiettivo, tutti su di un UNICA DIRE- ZIONE! Nicola AIEZZA IV BEL Pagina 11

12 Vito Faenza Il 21 febbraio 2014 nell istituto tecnico Giulio Cesare Falco di Capua è avvenuto l incontro con l autore e giornalista Vito Faenza. Questi nasce a Nocera Inferiore ma dal 1953 abita ad Aversa.Uno scrittore conterraneo, dunque, che durante il progetto Incontro con l autore ha descritto e spegato, ai ragazzi presenti, il suo romanzo: L isola dei fiori di cappero. Un romanzo che racconta dell amore di due giovani, Anna e Giovanni, ostacolato dal male assoluto: il figlio del Boss, che per tutto il racconto sarà chiamato Lui. Un amore a lieto fine, ma che incontrerà vari ostacoli prima di poter fiorire. Il romanzo è ispirato a una storia realmente accaduta: i protagonisti l'hanno raccontata a Faenza seduti a un tavolino del "Chitarra bar" che si trova a Marina Piccola di Lipari ed è stato frequentato anche da Lucio Dalla. Vito Faenza ha raccontato di quanto è coraggioso, non ha mai amato la scorta eppure ha dovuto adottarla in diverse occasioni, ma è rimasto sempre nella sua terra. Ha scelto di combattere il male che più ci perseguita: la mafia. Un uomo coraggioso, ma confessa anche che Chi non ha paura è un fesso!. Parole che hanno saputo creare il gelo! Come si può dire di essere coraggiosi, ma al contempo paurosi? Qual è, allora, la vera definizione di coraggioso?. Si diventa coraggiosi, forse, quando si comincia ad aver paura? Carla Petrella (IV ACA) Una sua ricetta: la polacca aversana Vito è anche un buon cuoco è questa è una delle sue buone ricette: La polacca.. Ingredienti: per la pasta 1/2 Kg di farina; 50 gr di zucchero; 150 grammi di burro o di margarina; un panetto di lievito di birra; 2 uova intere, un pizzico di sale, scorza di arancia grattugiata, un cucchiaio di farina di mandorle, una bustina di vaniglia. Per la crema pasticciera: 4 tuorli d uovo, sei cucciai di zucchero, quattro cucchiai di farina, la scorza di limone grattugiata, una bustina di vaniglia, mezzo litro di latte. Per la farcitura e prima di infornare: un tuorlo d uovo, amarene sciroppate e un cucchiaio di zucchero semolato. Preparazione: Impastare tutti gli ingredienti fino ad ottenere una pasta elastica che lascerete riposare per qualche ora. Preparate la crema pasticciera, battendo i tuorli con lo zucchero, aggiungete alternativamente farina e latte, aggiungete la buccia di limone grattugiata e la bustina di vaniglia. Mescolate con la frusta per evitare che si formino grumi, quando è ben densa, spegnete e lasciate raffreddare. Stendete la pasta in dischi molto sottili al massimo spessi un paio di millimetri. Su uno dei dischi mettete la crema pasticciera e aggiungete a intervalli regolari le amarene sciroppate, Ricoprite con un secondo disco di pasta. Spennellate sulla superficie il tuorlo d uovo e cospargete di zucchero semolato. Informate per 30 minuti a 180 gradi, il forno deve essere già caldo. Se non trovate la farina di mandorle potete tritarle e polverizzarle usando delle mandorle pelate. Ma si può anche fare a meno di questo preparato usando qualche goccia di essenza di mandorla. Per chiudere bene i due dischi e farli aderire potete usare del bianco d uovo (o in alternativa inumidite i bordi esterni con dell acqua). Per cuocerla meglio usate una teglia bassa che avrete imburrato e infarinato, ce ne sono in commercio anche di usa e getta di quelle per fare la pizza. Se durante la cottura la superficie diventa troppo scura, copritela con un foglio di carta argentata. Di questa ricetta, ha detto Vito Faenza, ne esistono molte varianti e alcuni eliminano le mandorle oppure usano anche fecola di patate o addirittura patate premute assieme alla farina. Io ho provato le varianti ma quella che ha soddisfatto di più i miei amici è quella che vi propongo! Nicolamario Di Robbio IV Bel Pagina 12

13 UNA GIORNATA ALLO STADIO: JUVE - GENOA IL 27 OTTOBRE 2013 E STA- TO UN GIORNO INDIMENTI- CABILE PER ME,PERCHÈ DOPO TANTI I ANNI IL MIO SOGNO DI VEDERE UNA PARTITA DELLA MIA AMA- TISSIMA JUVE DAL VIVO FINALMENTE E DIVENTATO REALTA. LA MATTINA AR- RIVAI A TORINO ALLE 11:15 SCESI DAL PULMAN E ANCORA NON RIUSCIVO A CREDERCI CHE FOSSE TUTTO VERO, MI SEMBRA- VA DI VVIVERE UN SO- GNO,TREMAVO DALLA GIOIA E DALL EMOZIONE.IN ATTESA DELL APERTURA DEI CANCELLI PER ENTRARE ALLO STADIO, FECI UN ESPLO- RAZIONE DI TORINO VISITAI TUTTE LE BANCARELLE SUI MARCIAPIEDI FUORI ALLO STADIO DOVE COMPRAI DUE MINI POSTER DEL GRANDE, IMMENSO ED UNICO CAPITA- NO ALESSANDRO DEL PIERO E ANCHE UN BRACIALETTO DELLA JUVE, POI L IMMENSO CENTRO COMMERCIALE,.POI EBBI ANCHE LA FORTUNA DI VEDERE LO JUVENTUS MU- SEUM, CHE E STATO FONDATO DALLA JUVENTUS IL 16 MAGGIO 2012, UN MUSEO IMMENSO DOVE SONO POSTATI TUTTI I TROFEI VINTI SUL CAMPO E DICO SUL CAMPO DAL- LA MIA AMATA VECCHIA SIGNORA. ALLE 13:45 ENTRAI FI- NALMENTE ALLO JUVENTUS STADIUM, ERO EMOZIONATIS- SIMO MA ALLO STESSO TEMPO ERO CONCENTRATO AL 100% SULLA PARTITA, PERCHE JUVENTUS - GENOA ERA UNA PARTITA CHE LA JUVE NON POTEVA E NON DOVEVA ASSOLUTAMENTE SBAGLIARE AVEVO UNA TENSIONE INCREDIBILE ADOSSO VISTA L IMPORTANZA CHE AVEVA QUELLA PARTITA, DATO CHE LA DOMENICA PRECEDENTE (20 OTTOBBRE) PERDEMMO CONTRO LA FIORENTINA A FI- RENZE 4-2.QUELLA DI FIRENZE FU LA PARTITA PIU IN- CREDIBILE CHE IO ABBIA MAI VISTO, GLI ULTIMI 15 MINU- TI PIU PAZZI DELLA STORIA DEL CALCIO PER 75 MINUTI DOMINNAMO LA PARTITA, LA FIORENTINA NON RIUSCI MAI A TIRARE VERSO LA PORTA BIANCONERA, FINO APPUNTO AL MINUTO 75 QUANDO LA JUVE EBBE UN CROLLO FISICO E MENTALE DI CONSEGUENZA SUB ì LA RIMONTA DELLA SQUADRA VIOLA. TORNANDO ALLA PARTITA JUVE-GENOA VINCEMMO 2-0 CON RETI TUTTE SIGLATE NEL 1 TEMPO CON LA FIRMA PRIMA DI ARTURO VIDAL SU RIGORE AL MI- NUTI 23 POI DI CARLITOS TEVEZ AL MINUTO 36 DOPO UNA BELLISSIMA AZIONE MANOVRATA.LA GIOIA ERA IMMENSA, INDESCRIVIBILE, QUASI NON AVEVO PIU VOCE DALLE URLA PER GIOIA PER QUELLA VITTORIA. ALLE 17 INIZIAI AD USCIRE DALLO STADIO E CI MISI NON MENO, MA FORSE ANCHE PIU DI MEZZ ORA PER ARRIVARE AL PULMAN PAR- TII DA TORINO ALLE 18:30 DIREZIONE SANTA MARIA CA- PUA VETERE, ARRIVAI LA MATTINA SEGUENTE ALLE 03:30 IO ERO STANCHISSIMO AVEVO UN SONNO INCREDIBILE, MA ALLO STESSO TEMPO ERO STRAFELICISSIMO SIA PER COME ERA ANDATA LA PARTITA SIA PERCHE SI ERA REA- LIZZATO UNO DEI PIU GRANDI SOGNI DELLA MIA VITA. Giovanni AMATO IV BEL Pagina 13

14 CARNEVALE DI CAPUA 129 EDIZIONE di Vincenzo VERRILLO V AM Pagina 14

15 L'ANGOLO Giovanni CASAVECCHIA D'AMICO III BMM DEI DISEGNI Pagina 15

16 L'ANGOLO DELLA POESIA A VOLTE AFFOGO NELLE LACRIME DEL CUORE AFFOGO NEI SENTIMENTI, NEI DOLORI, NELLE FERITE CHE CONTINUANO AD UCCIDERE LA MIA ANIMA SENZA LASCIARE ALCUNA VIA D'USCITA E INTANTO CON UN SEMPLICE SGUARDO. UNA PAROLA, UN SORRISO DA QUEL MOMENTO NON SONO MAI RIUSCITA A DIMENTICARTI SEI DIVENTATO L'UNICA COSA CHE MI FA VIVERE SEI COME L'ACQUA PER DISSETARMI E LACRIME DI SOFFERENZA PIANGO DI DOLORE DALLA TUA DELUSIONE L'ARIA PER RESPIRARE SEI DIVENTATO INDISPENSABILE AMORE MIO. CHE HAI DATO AL MIO CUORE. CHE SI SENTE TRISTE E DELUSO E SCONVOLTO DALL'AMORE FALSO CHE MI HAI DATO. IN PASSATO CON TE MI SENTIVO ALLE STELLE ERO FELICE, MA ORA MI RITROVO ALLE STALLE CON TANTE SOFFERENZE ORA MI RITROVO SOLA SENZA NESSUNO CHE MI AIUTA A NON ESSERE ABBONDATA DA TUTTI, MA TI SBAGLI PERCHÉ UN GIORNO RITROVERÒ IL MIO VERO AMORE E RICOMINCERÒ DA ZERO. TI SENTO NEL L'ARIA CHE RESPIRO. TI SENTO NELLA MIA ANIMA TI SENTO NEL TEMPO TI SENTO IN OGNI PARTE DI ME TI SENTO NELLA MIA TESTA TI SENTO NEL MIO CUORE TI SENTO IN OGNI PARTE DI DEL MONDO CHE CI CIRCONDA E SOPRATTUTTO NEL NOSTRO AMORE di fuoco. Raffaella PALMIERI IV ACA Pagina 16

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

PALSO ESAMI DI LINGUA ITALIANA LIVELLO A2 MAGGIO 2006. Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI. Nome:... Cognome:...

PALSO ESAMI DI LINGUA ITALIANA LIVELLO A2 MAGGIO 2006. Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI. Nome:... Cognome:... Nome:... Cognome:... ESAMI DI LINGUA ITALIANA PALSO LIVELLO A2 Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI MAGGIO 2006 Scrivi il tuo nome e cognome (in questa pagina, in alto). Non aprire questo fascicolo

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Il Caffè è il balsamo del cuore e dello spirito.

Il Caffè è il balsamo del cuore e dello spirito. Il Caffè è il balsamo del cuore e dello spirito. (Giuseppe Verdi) Metti un momento di tranquillità nel bel mezzo del pomeriggio da godersi a casa propria con le amiche... solo il tempo di preparare un

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013 Classe II D Prof.ssa Daniela Simone PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Radio Kreattiva, web radio scolastica per la diffusione della cultura della legalità,

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO COSA E L insieme di attività avviate dall allenatore per formare il ragazzo, attraverso lo sport, ai valori umani e cristiani PARTI COINVOLTE - ALLENATORE RESP. ANNATA

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i dialoghi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. DEVI SCRIVERE LE TUE

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà Progetto/azione Il tifoso protagonista della sicurezza Responsabilità Gabinetto del Sindaco Politiche per la Sicurezza Urbana Soggetti coinvolti Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società

Dettagli

IL SEGRETO PER FARE I SOLDI Scritto da Sharon di Giovanbattista

IL SEGRETO PER FARE I SOLDI Scritto da Sharon di Giovanbattista IL SEGRETO PER FARE I SOLDI Scritto da Sharon di Giovanbattista Premessa Per lungo tempo ho cercato delle risposte, le ho cercate in tutte le persone che mi erano e mi sono vicine, ho guardato fissa nei

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Maria Ponticello MA VIE

Maria Ponticello MA VIE Ma vie Maria Ponticello MA VIE racconti odierni www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Ponticello Tutti i diritti riservati Dedicato a Romano Battaglia, che con i suoi libri ha intrattenuto la

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Vita di campo. Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi

Vita di campo. Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi Settembre 2013 Vita di campo Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi T re giorni nelle zone rurali visitando la comunità di João do Vale casa per casa, da mattina

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

Per capire il gioco come modo di essere immaginiamo che qualcuno si metta

Per capire il gioco come modo di essere immaginiamo che qualcuno si metta Piero Ferrucci. Introduzione alla psicosintesi. Roma: Edizioni Mediterranee, 2010. Per capire il gioco come modo di essere immaginiamo che qualcuno si metta giocare a ping-pong, o a briscola, o a qualsiasi

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Atto di fede, Luciano Ligabue

Atto di fede, Luciano Ligabue Atto di fede, Luciano Ligabue Ho visto belle donne spesso da lontano ognuno ha il proprio modo di tirarsele vicino e ho visto da vicino chi c'era da vedere e ho visto che l'amore cambia il modo di guardare

Dettagli

Inserto settimanale di scommesse sportive. il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli. www.pianetazzurro.it QUOTE

Inserto settimanale di scommesse sportive. il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli. www.pianetazzurro.it QUOTE Inserto settimanale di scommesse sportive www.pianetazzurro.it il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli QUOTE IL PRONOSTICO L ex centrocampista azzurro si augura però che la squadra di Mazzarri

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook 1 Alla ricerca di se stessi Federica Cortina 2 Titolo Alla ricerca di se stessi Autore Federica Cortina Editore PNL e Coaching edizioni Sito internet www.pnlecoaching.it ATTENZIONE: Tutti i diritti sono

Dettagli

MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 14 LUGLIO 2014 - TEST D ITALIANO LIVELLO A1

MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 14 LUGLIO 2014 - TEST D ITALIANO LIVELLO A1 ANNO ACCADEMICO 2013-2014 COGNOME NOME MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 14 LUGLIO 2014 - TEST D ITALIANO TEMPO MASSIMO PER LA CONSEGNA DELLA PROVA: 90 MINUTI 1.Inserisci gli articoli determinativi corretti.

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 Carissimi Educatori, come anticipato prima di Natale con alcune informazioni sulla Festa diocesana della Pace del 16 febbraio 2014, vi proponiamo

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli