Osservazioni di Assotelecomunicazioni-Asstel Relative alla consultazione pubblica avviata con

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Osservazioni di Assotelecomunicazioni-Asstel Relative alla consultazione pubblica avviata con"

Transcript

1 Osservazioni di Assotelecomunicazioni-Asstel Relative alla consultazione pubblica avviata con Delibera n. 588/12/CONS Avvio del procedimento di consultazione pubblica per modifiche alla Direttiva in materia di qualità dei servizi telefonici di contatto (call center) nel settore delle comunicazioni elettroniche approvata con la Delibera n. 79/09/CSP. Sede Legale ed Operativa: via Barberini 11, Roma Tel codice fiscale Gennaio 2013

2 In data 17 dicembre 2012 AGCOM ha avviato la consultazione pubblica per apportare alcune modifiche alla Direttiva in materia di qualità dei servizi telefonici di contatto (call center) nel settore delle comunicazioni elettroniche (Delibera n. 79/09/CSP). Con la Delibera 588/12/CONS, AGCOM ha proposto una serie di modifiche ed integrazioni alla Delibera 79/09/CONS; in particolare, per gli indicatori di seguito riportati ha introdotto nuovi valori di obiettivi minimi obbligatori e vincolanti per gli Operatori che offrono servizi di comunicazioni elettroniche, per il triennio Di seguito si riportano le tabelle con il dettaglio del decalage proposto per gli anni 2013, 2014 e 2015, in relazione sia ai servizi di telefonia fissa che di telefonia mobile. Servizio di telefonia fissa 2

3 Servizio di telefonia mobile Come già evidenziato in occasione dell'emanazione della Delibera 79/09/CSP, si pone nuovamente la questione circa la legittimità dell intervento dell Autorità nel fissare obiettivi minimi di qualità del servizio clienti che incidono in modo invasivo nelle scelte e nelle politiche industriali delle singole aziende, piuttosto che limitarsi ad indicare quali paramenti misurare e come misurarli, a beneficio della comprensione, della comparazione, della trasparenza e delle scelte degli utenti. Le stesse Direttive Europee da cui trae origine il Codice delle Comunicazioni Elettroniche non conferiscono poteri così netti alle autorità di regolamentazione in ordine alla determinazione di obiettivi minimi di qualità a carattere così imperativo. L'art. 22 della Direttiva 2009/136/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 25 novembre 2009 (recante modifica della Direttiva 2002/22/CE relativa al servizio universale e ai diritti degli utenti in materia di reti e di servizi di comunicazione elettronica, della Direttiva 2002/58/CE relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche e del Regolamento (CE) n. 2006/2004 sulla cooperazione tra le autorità nazionali responsabili dell esecuzione della normativa a tutela dei consumatori) prevede la possibilità di imporre degli obblighi minimi, ma solo per la qualità del servizio di telefonia fisso e mobile, inteso in senso stretto quale servizio di comunicazioni elettroniche. Da nessuna parte si cita il Servizio di Assistenza Clienti degli Operatori che offrono servizi di comunicazioni elettroniche. Anche l'annex III della stessa Direttiva elenca una serie di parametri di misurazione del servizio sulla base di standard ETSI, ma anche in tale allegato non si parla di Customer Care. E, infatti, l Italia risulta 3

4 essere l unico Paese in cui sono imposti dall Autorità obiettivi minimi di qualità con specifiche sanzioni in caso di loro mancato rispetto. Si ritiene invece che, qualora l Autorità volesse estendere l'ambito dell'articolo 22 al Customer Care, sarebbe necessario seguire una apposita procedura di consultazione con il BEREC e con la Commissione Europea sulla falsariga di quanto previsto all art. 7 della stessa Direttiva sopra citata. Del resto lo stesso art.72 del Codice delle Comunicazioni (CCE, richiamato in Delibera 588/12/CONS) recita al comma 2 che: L Autorità può precisare, tra l'altro, i parametri di qualità del servizio da misurare, nonché il contenuto, la forma e le modalità della pubblicazione, per garantire che gli utenti finali abbiano accesso ad informazioni complete, comparabili e di facile consultazione, anche utilizzando i parametri, le definizioni e i metodi di misura indicati nell'allegato n. 6. Solo in alcuni casi limite e particolarmente gravi - di degrado del servizio telefonico o di rallentamento del traffico in rete - l Autorità può fissare degli standard di qualità minima rispettando una procedura ben definita; ciò proprio per evitare abusi da parte delle NRA che arrechino danno alla libera concorrenza del mercato e impongano alle imprese che vi operano il sostenimento di costi strutturali e organizzativi eccessivi. Recita infatti l art. 72 del CCE, nei commi 2-bis, 2-ter e 2-quarter, introdotti dal D.Lgs 28/05/2012 n. 70: 2-bis. Per impedire il degrado del servizio e la limitazione o il rallentamento del traffico di rete, l'autorità può imporre prescrizioni in materia di qualità minima del servizio all'impresa o alle imprese che forniscono reti di comunicazione pubbliche. 2-ter. L'Autorità fornisce alla Commissione europea, con largo anticipo rispetto alla fissazione delle prescrizioni di cui al comma 2-bis, una sintesi delle ragioni alla base dell'intervento, le misure previste e l'impostazione proposta. Dette informazioni sono rese disponibili anche al BEREC. 2-quater. Nel Deliberare sulle prescrizioni di cui al comma 2-bis del presente articolo, l'autorità tiene nella massima considerazione le osservazioni o raccomandazioni eventualmente formulate dalla Commissione europea in esito alla comunicazione di cui al comma 2. Fermo restando che tale articolo non fa riferimento ai servizi di assistenza clienti, bensì, in generale, al servizio di comunicazioni elettroniche, l obiettivo della determinazione dei parametri di qualità del servizio ha come finalità quella di fornire agli utenti finali un chiaro quadro comparativo delle informazioni relative alla qualità del servizio di ciascun operatore, non certo quello di imporre degli 4

5 standard di qualità su servizi che tutti gli Operatori dovranno quindi fornire in maniera uniforme. L imposizione di standard minimi di qualità è prevista al comma 2 bis solo con riferimento al servizio di comunicazioni elettroniche, onde appunto evitare il degrado o la limitazione o il rallentamento del traffico in rete. Si fa inoltre presente che l Italia, nel panorama europeo, rappresenta un vero e proprio unicum in tema di qualità dei call center: è, infatti, l unico Paese in cui vengono imposti degli obiettivi minimi di qualità dei call center. Invero, in Francia ed in Spagna è previsto che la qualità dei call center debba essere misurata e che i relativi risultati debbano essere resi pubblici, ma non sono prescritti agli Operatori obiettivi minimi da raggiungere, né tanto meno alcuna sanzione è prevista nell evenienza di un loro mancato conseguimento. L ingerenza, quindi, nella libertà delle aziende di effettuare scelte economiche che riguardano servizi in concorrenza tra gli Operatori quali i Servizi di Assistenza Clienti, può determinare un livellamento delle prestazioni/servizi da parte degli Operatori, tale da limitare anche le possibilità di scelta dello stesso consumatore a discapito della concorrenza. Le proposte di modifica degli standard minimi di qualità di cui alla Consultazione in esame finiscono per avere un incidenza diretta sui modelli commerciali delle aziende. Ogni azienda, in effetti, costruisce la propria offerta anche sulla base della tipologia di assistenza al cliente che fornisce; anche quest ultima sarà oggetto di scelta da parte dell utente, al pari delle altre caratteristiche dell offerta. Se codesta Autorità livella in maniera uniforme e fortemente incisiva gli standard di qualità dei servizi di assistenza al cliente, finisce necessariamente per incidere sul modello di business di ogni operatore. In tal modo, questa Autorità non soltanto determina un effetto negativo sulla concorrenza nel mercato, in palese violazione della finalità di promozione della concorrenza per la quale è stata istituita, ma, altresì, incide sulla libertà di iniziativa economica costituzionalmente garantita. Non si può non rilevare come la concezione utilizzata per individuare il perimetro dei tre indicatori su menzionati, oggetto della proposta di Delibera, sia basata su una logica che non necessariamente implica una maggiore qualità del servizio a fronte solo di una diminuzione dei tempi di attesa da parte del consumatore/cliente. È evidente infatti che un rapido accesso al servizio assistenza clienti e poter parlare con un operatore siano elementi importanti, ma non certamente i soli da tenere in considerazione per valutare nel complesso la qualità della gestione del servizio offerto. Oggi, infatti, tutti gli Operatori misurano il servizio clienti con KPI (Key Performance Indicator) molto più completi, al fine di rilevare nel suo complesso l effettiva soddisfazione/insoddisfazione del cliente e 5

6 quindi tarare nel modo più appropriato i processi e l organizzazione del servizio d assistenza per migliorare gli aspetti individuati. Tale soddisfazione non può essere misurata solo facendo riferimento ai tempi di attesa per raggiungere l operatore. Per il cliente è essenziale soprattutto che l esigenza per cui si è rivolto al servizio di assistenza venga presa in carico e gestita in modo puntuale e soddisfacente. Valori come l'accuratezza della risposta e la capacità dell'operatore di comprendere e risolvere rapidamente il problema sono oggi assolutamente prioritari per gli utenti rispetto al tempo di risposta della chiamata. Tutte le aziende adottano da anni strumenti di monitoraggio della qualità percepita dai propri clienti a seguito della gestione di una chiamata al servizio di assistenza. Tali strumenti, detti di CSI (Customer Satisfaction Index), si basano su questionari diretti e sono affidati a società esterne di rilevazione che conducono tali indagini per conto degli Operatori. L andamento del CSI 2012 dimostra come la qualità del servizio del call center fornita dagli Operatori sia cresciuta nel tempo. Inoltre, le aziende in questi anni hanno sviluppato e messo a disposizione del cliente numerosi canali di contatto che sono alternativi alla chiamata al call center, nonché altrettanto efficaci e spesso addirittura più immediati e veloci. In particolare, si segnala che sul sito web di ciascuna azienda, nella pagina gestionale di ogni cliente, è possibile trovare autonomamente la soluzione al problema tramite delle FAQ guidate, o comunque è possibile compilare un form per l invio di un reclamo e per essere ricontattati in poche ore, o chiedere assistenza in chat con un operatore. L evoluzione tecnologica, oltre alla diffusione degli smartphone e delle App, ivi incluse quelle di assistenza, ha consentito inoltre di utilizzare anche i più noti socialnetwork per permettere ai clienti di richiedere l assistenza desiderata. Tale nuovi canali di comunicazione mostrano un trend di crescita esponenziale nell ultimo anno, a testimonianza del fatto che spesso alla chiamata diretta al call center viene preferito un canale di comunicazione alternativo. Ciò premesso, le novità introdotte dalla consultazione, relativamente alla rimodulazione dei valori in termini ancora più stringenti e rigorosi per misurare attraverso parametri in realtà riduttivi la qualità del servizio del call center, comporterebbero come unico mezzo per raggiungere il risultato richiesto un cospicuo aumento delle unità operative a disposizione sullo stesso turno di lavoro, assumendo cioè personale aggiuntivo. Tale soluzione, in un contesto di crisi economica come quello attuale, è del tutto irrealizzabile ed assolutamente in controtendenza rispetto alle strategie di gestione di qualunque azienda sana che cerchi di restare sul mercato, e cioè la cessione in outsourcing di alcune attività dell azienda stessa, a discapito della qualità stessa del servizio. 6

7 A conferma di quanto sopra, si sottolinea a codesta Autorità che, contrariamente a quanto affermato nelle premesse della Delibera 588/12/CONS, gli obiettivi fissati per l anno appena concluso non sono stati pienamente raggiunti da diversi tra i principali Operatori di comunicazione elettronica, ciò a riprova del fatto che gli obiettivi previsti dalla Delibera erano già in alcuni casi eccessivi per le aziende e non rispondevano al potere di intervento da parte di AGCom nei limiti posti dalle direttive europee e dal CCE. Se si considera inoltre il contesto economico attuale, imporre valori come quelli proposti significherebbe caricare le aziende di un aggravio di costi notevole e difficilmente sostenibile. Si ritiene pertanto sicuramente non opportuna la determinazione da parte di codesta Autorità di nuovi obiettivi di qualità più sfidanti di quelli attualmente previsti dalla Delibera 79/09/CSP; si segnala peraltro anche che, in alcuni casi, gli stessi obiettivi già previsti da detta Delibera risultano troppo stringenti e limitativi della libertà di ogni operatore di adottare il modello competitivo ritenuto più congruo, in relazione anche alle risorse economiche a disposizione. Pertanto, fermi restando gli specifici contributi che ciascun Associato farà pervenire al riguardo, si richiede di non intervenire sul tema in questione, in considerazione del quantomeno dubbio potere d intervento dell Autorità in materia, dell attuale e concreta difficoltà da parte di alcuni Operatori di raggiungere in alcuni ambiti gli obiettivi minimi attuali e del fatto che nell ultimo triennio sono state numerose le novità introdotte dagli Operatori stesse nella gestione ed organizzazione dei propri servizi di assistenza clienti e nella modalità di presentazione dei reclami da parte delle aziende. 7

La regolamentazione dei servizi di assistenza clienti nel settore delle comunicazioni elettroniche

La regolamentazione dei servizi di assistenza clienti nel settore delle comunicazioni elettroniche Direzione Tutela dei Consumatori Dott. Sergio Del Grosso La regolamentazione dei servizi di assistenza clienti nel settore delle comunicazioni elettroniche 1 di 20 Cosa incide sulla customer satisfaction?

Dettagli

Camera dei Deputati. XI^ Commissione Lavoro pubblico e privato. Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center

Camera dei Deputati. XI^ Commissione Lavoro pubblico e privato. Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center Camera dei Deputati XI^ Commissione Lavoro pubblico e privato Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione del Presidente del Garante per

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI TELEFONICI DE

REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI TELEFONICI DE DCO 452/2014/R/com REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI TELEFONICI DELLE AZIENDE DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE ORIENTAMENTI FINALI Osservazioni e proposte ANIGAS Milano,

Dettagli

DELIBERA N. 628/07/CONS

DELIBERA N. 628/07/CONS DELIBERA N. MERCATO DELLA TERMINAZIONE DI CHIAMATE VOCALI SU SINGOLE RETI MOBILI (MERCATO N. 16 FRA QUELLI IDENTIFICATI DALLA RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA N. 2003/311/CE): VALUTAZIONE AI SENSI

Dettagli

Bollettino. Settimanale. Anno XVIII - n. 29

Bollettino. Settimanale. Anno XVIII - n. 29 Bollettino Settimanale Anno XVIII - n. 29 Pubblicato sul sito www.agcm.it il 25 agosto 2008 56 BOLLETTINO N. 29 DEL 25 AGOSTO 2008 PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE PS7 - SKY-PACCHETTO CALCIO Provvedimento

Dettagli

I Commissione del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro

I Commissione <Affari Costituzionali> del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro I Commissione del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro Audizione del Prof. Agostino Meale in data 23 settembre 2014 sul d.d.l. n. 1577 Riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche

Dettagli

I commenti di seguito formulati sono suddivisi in osservazioni di carattere prioritario e osservazioni relative alle specifiche disposizioni proposte.

I commenti di seguito formulati sono suddivisi in osservazioni di carattere prioritario e osservazioni relative alle specifiche disposizioni proposte. OSSERVAZIONI ALLO SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITÀ DI RACCOLTA DELLE ADESIONI ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI In via preliminare, si esprime apprezzamento per il lavoro svolto dalla Commissione

Dettagli

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI, DELIBERAZIONE 19 febbraio 2009

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI, DELIBERAZIONE 19 febbraio 2009 Regolamentazione del livello sonoro dei messaggi pubblicitari e delle televendite Garante Comunicazioni, deliberazione 18.03.2009 n. 34/09/CSP Le emittenti radiotelevisive pubbliche e private e i fornitori

Dettagli

Delibera n. 13845 del 11-12-1998 proposta da GIOVANAZZI. Legge provinciale 11 settembre 1998, n. 10, art. 44, 4. comma.

Delibera n. 13845 del 11-12-1998 proposta da GIOVANAZZI. Legge provinciale 11 settembre 1998, n. 10, art. 44, 4. comma. Delibera n. 13845 del 11-12-1998 proposta da GIOVANAZZI Legge provinciale 11 settembre 1998, n. 10, art. 44, 4 comma. Individuazione dei criteri in base ai quali il Servizio Lavori Pubblici degli Enti

Dettagli

Determinazione n. 5/2012 GRUPPO DI IMPEGNI N. 4 GARANZIE DI TRASPARENZA DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO

Determinazione n. 5/2012 GRUPPO DI IMPEGNI N. 4 GARANZIE DI TRASPARENZA DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO Determinazione n. 5/2012 GRUPPO DI IMPEGNI N. 4 GARANZIE DI TRASPARENZA DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO CHIUSURA DELLE ATTIVITA DI VIGILANZA SUGLI INDICATORI DI PERFORMANCE - KPI L ORGANO DI VIGILANZA nella

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 38/11 DEL 30.9.2014

DELIBERAZIONE N. 38/11 DEL 30.9.2014 Oggetto: Disposizioni in materia di recupero e riscossione dei crediti regionali e per l eventuale dichiarazione di inesigibilità. Gestione dei crediti regionali per il tramite di istituti di credito convenzionati.

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

Spett.le Garante per la protezione dei dati personali Piazza di Monte Citorio, 121 00186 Roma chiamatemute@gpdp.it Roma, 22 gennaio 2014 Prot.

Spett.le Garante per la protezione dei dati personali Piazza di Monte Citorio, 121 00186 Roma chiamatemute@gpdp.it Roma, 22 gennaio 2014 Prot. Inviata via PEC Spett.le Garante per la protezione dei dati personali Piazza di Monte Citorio, 121 00186 Roma chiamatemute@gpdp.it Roma, 22 gennaio 2014 Prot. 20/14 Oggetto: Osservazioni di Assotelecomunicazioni-Asstel

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DI REALIZZAZIONE E SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA E INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI

RELAZIONE SULLO STATO DI REALIZZAZIONE E SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA E INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI Organismo indipendente di valutazione RELAZIONE SULLO STATO DI REALIZZAZIONE E SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA E INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI (art.14, co.4 lett.

Dettagli

DCO 4/10 CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE. Osservazioni e proposte ANIGAS

DCO 4/10 CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE. Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 4/10 CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 7 giugno 2010 Premessa Anigas presenta le proprie osservazioni al DCO

Dettagli

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Parere sul disegno di legge recante: Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella sedute del 10 febbraio 1999, ha deliberato di

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 22.2.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 51/3 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 19 novembre 2013 in merito a una proposta di direttiva del

Dettagli

C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro)

C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro) C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice: Premessa p. 2 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune p. 3 2. Il processo

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un INTRODUZIONE Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un continuo aumento d importanza, in termini qualitativi e quantitativi, del settore dei servizi,

Dettagli

DELIBERA N. 10/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX Mena /Wind Telecomunicazioni XXXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 10/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX Mena /Wind Telecomunicazioni XXXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 10/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX Mena /Wind Telecomunicazioni XXXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità

Dettagli

Il presidente Mario Finzi

Il presidente Mario Finzi Spett. Commissione, Alla Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni Camera dei Deputati Piazza Montecitorio 00187 Roma questa Associazione di tutela degli utenti dei servizi pubblici ha preso visione

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

dovranno di volta in volta essere valutate alla luce delle specifiche risultanze istruttorie delle singole fattispecie concrete esaminate.

dovranno di volta in volta essere valutate alla luce delle specifiche risultanze istruttorie delle singole fattispecie concrete esaminate. Linee guida della direzione tutela dei consumatori esplicative per l attività di vigilanza da effettuare ai sensi dell art. 1, comma 4, della legge n. 40/2007, con particolare riferimento alle previsioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

Proposta di Deliberazione per l Assemblea dell Autorità d Ambito

Proposta di Deliberazione per l Assemblea dell Autorità d Ambito Autorità di Ambito Territoriale Ottimale del Servizio Idrico Integrato MARCHE SUD ASCOLI PICENO Viale Indipendenza n 42 63100 Ascoli Piceno Proposta di Deliberazione per l Assemblea dell Autorità d Ambito

Dettagli

Determinazione 14/2015. Definizione della controversia Cazzani XXX /H3G S.p.A. IL DIRIGENTE

Determinazione 14/2015. Definizione della controversia Cazzani XXX /H3G S.p.A. IL DIRIGENTE Determinazione 14/2015 Definizione della controversia Cazzani XXX /H3G S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilità.

Dettagli

Cessione di prodotti agricoli e agroalimentari Art. 62 D.L. 1/2012 - bozza di DM attuativo.

Cessione di prodotti agricoli e agroalimentari Art. 62 D.L. 1/2012 - bozza di DM attuativo. Cessione di prodotti agricoli e agroalimentari Art. 62 D.L. 1/2012 - bozza di DM attuativo. L art. 62 del Decreto Legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla Legge 24 marzo 2012,

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 642/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Le nuove regole sui call center delocalizzati all estero: adempimenti ed obblighi privacy ai sensi del d.l. 83/2012.

Le nuove regole sui call center delocalizzati all estero: adempimenti ed obblighi privacy ai sensi del d.l. 83/2012. Le nuove regole sui call center delocalizzati all estero: adempimenti ed obblighi privacy ai sensi del d.l. 83/2012. di: Prof. Avv. Alessandro del Ninno Studio Legale Tonucci & Partners adelninno@tonucci.com

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

OSSERVAZIONI DOCUMENTO IN CONSULTAZIONE ATTUAZIONE DISCIPLINA SANZIONATORIA PER LE VIOLAZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 181/2011

OSSERVAZIONI DOCUMENTO IN CONSULTAZIONE ATTUAZIONE DISCIPLINA SANZIONATORIA PER LE VIOLAZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 181/2011 OSSERVAZIONI DOCUMENTO IN CONSULTAZIONE ATTUAZIONE DISCIPLINA SANZIONATORIA PER LE VIOLAZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 181/2011 PRESENTAZIONE DEL RECLAMO MODALITA Questione 1: Presentazione del reclamo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

Ministero del lavoro e delle politiche sociali

Ministero del lavoro e delle politiche sociali CIRCOLARE N. 14/2013 Roma, 2 aprile 2013 Ministero del lavoro e delle politiche sociali Agli indirizzi in allegato Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0005914 Oggetto: L. n. 92/2012 (c.d.

Dettagli

Codice Comportamentale (Delibera 718/08/CONS)

Codice Comportamentale (Delibera 718/08/CONS) Codice Comportamentale (Delibera 718/08/CONS) Release 3 Gennaio 2010 Pagina 1 di 11 Indice Premessa...3 Obiettivi e Valori...4 Azioni...6 Destinatari. 8 Responsabilità....9 Sanzioni...11 Pagina 2 di 11

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Modifiche al Regolamento recante la disciplina dei servizi di gestione accentrata, di liquidazione, dei sistemi di garanzia e delle relative società di gestione adottato dalla Consob e dalla Banca d Italia

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia LORO SEDI

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE Roma 19 aprile 2012 Prot. n. 09-12-007647 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia Alle Rappresentanze per l Italia

Dettagli

Chiavette USB a prova di attacchi

Chiavette USB a prova di attacchi Chiavette USB a prova di attacchi Adalberto Biasiotti Il punto sui dispositivi di archiviazione portatili che si stanno sempre più diffondendo nelle aziende, ma che possono presentare non pochi problemi

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 14.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 337/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) PARERI BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 19 novembre 2010 in merito ad una

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE I. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. La legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

Coinvolgere, valorizzare ed emozionare il cliente nei nuovi modelli di servizio

Coinvolgere, valorizzare ed emozionare il cliente nei nuovi modelli di servizio Coinvolgere, valorizzare ed emozionare il cliente nei nuovi modelli di servizio DIMENSIONE CLIENTE 2012 Roma, 11 aprile 2013 Daniela Vitolo ABI Ufficio Analisi Gestionali - Direzione Strategie e Mercati

Dettagli

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE 2014-2016

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE 2014-2016 Pagina 1/17 PIANO TRIENNALE Pagina 2/17 Sommario 1. LA SOCIETÀ E LA SUA ORGANIZZAZIONE...3 2. LA LEGGE 190/2012...3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE...4 4. FINALITÀ DEL

Dettagli

Customer Satisfaction 2014

Customer Satisfaction 2014 Customer Satisfaction 2014 Università degli Studi di Torino Direzione Sviluppo Organizzativo, Innovazione e Servizi Bibliotecari Sezione Formazione Professionale e Continua 1 La Sezione Formazione Professionale

Dettagli

Associazione Italia Startup

Associazione Italia Startup Alla cortese attenzione del personale amministrativo addetto alla Divisione Strategie Regolamentari della CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Via G.B. Martini 3 00198 Roma Associazione

Dettagli

Ci si riferisce, in particolare, all'abuso della qualità di operatore di

Ci si riferisce, in particolare, all'abuso della qualità di operatore di Con il presente provvedimento il Garante intende richiamare tutti i titolari di trattamenti effettuati, anche in parte, mediante strumenti elettronici alla necessità di prestare massima attenzione ai rischi

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Sede referente: 10 a Commissione (Industria, commercio e turismo) Audizione del Presidente dell Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Prof. Angelo Marcello Cardani Esame

Dettagli

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI AGGIORNAMENTO DELLA REGOLAZIONE DELLA MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI AGGIORNAMENTO DELLA REGOLAZIONE DELLA MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 262/2014/R/EEL ORIENTAMENTI IN MATERIA DI AGGIORNAMENTO DELLA REGOLAZIONE DELLA MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA Documento per la consultazione 6 giugno 2014 1 Premessa

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice: Premessa 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune 2. Il processo di pubblicazione dei dati 3. Le iniziative per l integrità

Dettagli

La tutela dei consumatori nella legislazione italiana

La tutela dei consumatori nella legislazione italiana La tutela dei consumatori nella legislazione italiana La legislazione italiana ha sempre dato attuazione alle Direttive Comunitarie nel campo della tutela dei consumatori anche se ha riscontrato in passato

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO DI BAUNEI ANNI 2014-15-16

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO DI BAUNEI ANNI 2014-15-16 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Località Pedra Niedda TEL. 0782/610820 FAX 0782/610275 nuic863008@istruzione.it www.icsbaunei.nu.it 08040 BAUNEI

Dettagli

A2A SpA - Regolamentazione di Mercato. 24 gennaio 2008

A2A SpA - Regolamentazione di Mercato. 24 gennaio 2008 A2A SpA - Regolamentazione di Mercato 24 gennaio 2008 Indice del documento Delibera n. 139/07 - Direttiva in tema di qualità dei servizi telefonici dei venditori di energia elettrica e di gas Delibera

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati

Concorso Premiamo i risultati Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE 1 PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

composta dai magistrati:

composta dai magistrati: Del. n. 87/2012/PRSP SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA TOSCANA composta dai magistrati: - Pres. Sez. Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Raimondo POLLASTRINI Relatore - Cons. Graziella DE CASTELLI

Dettagli

DELIBERA Articolo 1 Modifiche alla delibera n. 728/13/CONS

DELIBERA Articolo 1 Modifiche alla delibera n. 728/13/CONS DELIBERA Articolo 1 Modifiche alla delibera n. 728/13/CONS 1. All articolo 1, comma 1, la lettera d), risulta così riformulata: d. Posta non registrata : corrispondenza che non necessita della sottoscrizione

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1. Premessa sui riferimenti normativi 2. Pianificazione Strategica e Programmazione Operativa 2.1 Il Piano strategico,

Dettagli

Le norme sullo Spalma incentivi tra incostituzionalità e violazione del diritto sovranazionale

Le norme sullo Spalma incentivi tra incostituzionalità e violazione del diritto sovranazionale Le norme sullo Spalma incentivi tra incostituzionalità e violazione del diritto sovranazionale di FRANCESCO SAVERIO MARINI ANDREA STICCHI DAMIANI Tra le pieghe del d.l. n. 91/2014 (c.d. decreto competitività

Dettagli

Novità per le cessioni di prodotti agricoli e agroalimentari (art. 62 DL n. 1/2012, Decreto att. Min. politiche Agricole)

Novità per le cessioni di prodotti agricoli e agroalimentari (art. 62 DL n. 1/2012, Decreto att. Min. politiche Agricole) Novità per le cessioni di prodotti agricoli e agroalimentari (art. 62 DL n. 1/2012, Decreto att. Min. politiche Agricole) Premessa Con l articolo 62 del DL n. 1/2012 (C.D. Decreto Liberalizzazioni) il

Dettagli

Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail

Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail PREMESSA L Inail da sempre fonda la sua attività su una cultura aziendale che pone l utente al centro del proprio sistema organizzativo;

Dettagli

La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari

La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari L art. 62 del D.L 24 gennaio 2012 n.1, convertito nella L. n. 27 del 24 marzo 2012, ha introdotto una disciplina specifica in materia

Dettagli

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno CISALPINA TOURS CISALPINA RESEARCH Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno Cisalpina Research, il nuovo centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

ARCHIVIO VIES ISCRIZIONE NELLA BANCA DATI VIES

ARCHIVIO VIES ISCRIZIONE NELLA BANCA DATI VIES ARCHIVIO VIES L art. 22 del D.Lgs. 21 novembre 2014, n. 175 (cd. Decreto Semplificazioni fiscali ) ha introdotto importanti novità in merito alle regole riguardanti l inclusione e l esclusione dalla banca

Dettagli

Relazione annuale sul funzionamento del Sistema di valutazione,trasparenza e Integrità dei controlli interni Anno 2014

Relazione annuale sul funzionamento del Sistema di valutazione,trasparenza e Integrità dei controlli interni Anno 2014 Regione Calabria Organismo Indipendente di Valutazione (OIV) Giunta Regionale Relazione annuale sul funzionamento del Sistema di valutazione,trasparenza e Integrità dei controlli interni Anno 2014 (Approvata

Dettagli

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA ALLEGATO C PROVINCIA DI MANTOVA SETTORE RISORSE SVILUPPO ORGANIZZATIVO E AFFARI ISTITUZIONALI AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA 1 Mattiamoci la faccia: customer sui L ente ha già attivato un sistema di

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 FAQ TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 IDENTIFICATIVO VERSIONE Ed. 1 Rev. 0/04-01-2013 RTI : HP Enterprise Services Italia S.r.l. Selex ES S.p.A.

Dettagli

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA Al Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Al Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Al Ministro dell Economia e delle Finanze Per

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) INTRODUZIONE Il decreto legislativo 14.03.2013 n. 33 avente ad oggetto il Riordino della disciplina

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter composto dai signori magistrati: Luigi Tosti Italo Volpe Maria Ada Russo Presidente

Dettagli

di Marco Maglio Avvocato Lucerna Iuris International Legal Network Studio Legale Maglio & Partners (avvocato@maglio.eu)

di Marco Maglio Avvocato Lucerna Iuris International Legal Network Studio Legale Maglio & Partners (avvocato@maglio.eu) COME GESTIRE IL VERBAL ORDER NELLE ATTIVITÀ DI VENDITA TELEFONICA DOPO LA RIFORMA DEL CODICE DEL CONSUMO Le novità introdotte a seguito dell'approvazione del d.lgs del 21 febbraio 2014 n. 21 di Marco Maglio

Dettagli

DELIBERA N. 21/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO LEGALE XXX / BT ITALIA XXX

DELIBERA N. 21/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO LEGALE XXX / BT ITALIA XXX DELIBERA N. 21/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO LEGALE XXX / BT ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI CAGLIARI e pertinenze (CARBONIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n. 606/07/CONS ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n 606/07/CONS 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

Allegato D alla Delibera n. 711/11/CONS

Allegato D alla Delibera n. 711/11/CONS Allegato D alla Delibera n. 711/11/CONS Documento per la consultazione pubblica in materia di Nuove disposizioni in materia di carte dei servizi e qualità dei servizi di televisione a pagamento ai sensi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

Il Sistema Integrato di Ascolto della Soddisfazione

Il Sistema Integrato di Ascolto della Soddisfazione Il Sistema Integrato di Ascolto della Soddisfazione Misurare e agire: l eccellenza nei risultati economici dipende dalla capacità di soddisfare i propri clienti meglio e più a lungo della concorrenza Busacca

Dettagli

Camera dei Deputati Commissioni VI Finanze e X Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati Commissioni VI Finanze e X Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati Commissioni VI Finanze e X Attività produttive, commercio e turismo AC 1920 Conversione in legge del decreto legge 23 dicembre 2013, n. 145, recante Interventi urgenti di avvio del

Dettagli

RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE*

RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* Luglio Agosto 2005 Comunicato n. 80/2005 Decreto-Legge 30 giugno 2005, n. 115 Disposizioni urgenti per assicurare la funzionalità di settori della

Dettagli

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI 29 Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici

Dettagli

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE di Pasquale Saggese 1. Le novità introdotte con la legge di stabilità 2015 Nell ambito delle

Dettagli

Qualità, integrazione e innovazione nei call center bancari

Qualità, integrazione e innovazione nei call center bancari L Osservatorio 2010 ABI-ABI Lab sui call center bancari evidenzia una sempre più ampia proattività di questo canale che diviene operativo anche nella comunicazione via web, potendo beneficiare della professionalità

Dettagli

SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE REGIONI ORDINARIE

SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE REGIONI ORDINARIE SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE REGIONI ORDINARIE Sentenza N. 299 del 19 dicembre 2012 Materia: Concorrenza, livello essenziale delle prestazioni e commercio Giudizio: Legittimità costituzionale in

Dettagli

Ai COMUNI. All Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) ROMA. e, p.c.: All Agenzia delle Entrate CIRCOLARE N.3 /DPF. Roma, 3 maggio 2002

Ai COMUNI. All Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) ROMA. e, p.c.: All Agenzia delle Entrate CIRCOLARE N.3 /DPF. Roma, 3 maggio 2002 CIRCOLARE N.3 /DPF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Roma, 3 maggio 2002 DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE FISCALI UFFICIO FEDERALISMO FISCALE Area I Reparto V Prot. 14725 /2002/DPF/UFF Ai COMUNI LORO

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA DELLE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 2006/2004, RELATIVO

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA DELLE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 2006/2004, RELATIVO DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA DELLE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 181/2011, CHE MODIFICA IL REGOLAMENTO (CE) N. 2006/2004, RELATIVO AI DIRITTI DEI PASSEGGERI

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 333/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (UE) N. 333/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 5.4.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 103/15 REGOLAMENTO (UE) N. 333/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell 11 marzo 2014 che modifica il regolamento (CE) n. 443/2009 al fine di definire

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELLA riunione odierna, in presenza del prof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott.

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELLA riunione odierna, in presenza del prof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott. IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELLA riunione odierna, in presenza del prof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott. Giuseppe Chiaravalloti, vice presidente, del dott. Mauro Paissan

Dettagli

Asse I Competitività Titolo IV (Cap I, Sez. I)

Asse I Competitività Titolo IV (Cap I, Sez. I) Asse I Competitività Titolo IV (Cap I, Sez. I) QUESTIONARIO PROPOSTO DAL MIPAF Le risposte di COLDIRETTI 1. MISURE PER L ASSE COMPETITIVITA a. Ritenete che il set di misure proposto in questo asse offra

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma 25 marzo 2008

CIRCOLARE N. 25/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma 25 marzo 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 25 marzo 2008 OGGETTO: Art. 1, commi 158 e159, della legge 24 dicembre 2007 n. 244 (legge finanziaria per il 2008)

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (A.I.R.)

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (A.I.R.) ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (A.I.R.) (all. A alla Direttiva P.C.M. 16 gennaio 2013) Titolo: Decreto-legge recante: Disposizioni urgenti in materia di contabilità e di concorso all equilibrio

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli