Confronti, equals. Operatori Relazionali, confronti Confronti fra Oggetti, ridefinizione di equals. Laboratorio di Programmazione - Luca Tesei

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Confronti, equals. Operatori Relazionali, confronti Confronti fra Oggetti, ridefinizione di equals. Laboratorio di Programmazione - Luca Tesei"

Transcript

1 Confronti, equals Operatori Relazionali, confronti Confronti fra Oggetti, ridefinizione di equals 1

2 Operatori relazionali All interno delle parentesi tonde della condizione dell if è possibile, come abbiamo visto, inserire il confronto tra due valori poiché questa espressione ha un valore di tipo boolean (true o false) Vediamo, nella tabella seguente, tutti gli operatori relazionali che possiamo usare: 2

3 Operatori Relazionali Operatore Java > >= < <= ==!= Notazione matematica > < = Descrizione Maggiore Maggiore o uguale Minore Minore o uguale Uguale Diverso 3

4 Errore comune: = invece di == I programmatori ancora inesperti spesso confondono l uso di = con == In particolare un errore comune è quello di inserire in un confronto l operatore = invece che == if (a=5) b++; // Errore di compilazione L espressione a=5, oltre ad essere un assegnamento e non un confronto, ha un valore di tipo int 4

5 Confronti di valori in virgola mobile Gli operatori == o!= non hanno molto senso applicati a valori in virgola mobile Un errore tipico è quello di cercare di controllare se un valore double (o float) sia uguale a 0.0 È molto improbabile che un double risultante da un calcolo sia esattamente zero Potrebbe essere invece un valore prossimo allo zero 5

6 Confronti di valori in virgola mobile Prendiamo ad esempio questo semplice programma: double r = Math.sqrt(2); double d = r * r -2; if (d == 0) System.out.println("Radice quadrata di 2 per 2 meno 2 fa 0"); else System.out.println("Radice quadrata di 2 per 2 meno 2 fa " + d); Il valore stampato non è zero: d vale E-16 che è prossimo a zero, ma non è zero! 6

7 Confronti di valori in virgola mobile In generale, per confrontare l uguaglianza di due valori in virgola mobile è bene fissare una soglia EPSILON di tolleranza e vedere se i due valori sono sufficientemente prossimi rispetto a questa Per esempio si può definire final double EPSILON = 1E-14; E poi controllare se x-y EPSILON. Se è vero si può decidere che i due valori vanno considerati uguali 7

8 Confronti di valori in virgola mobile Tuttavia, se x e y sono valori molto grandi, la loro differenza potrebbe essere una quantità maggiore di EPSILON, ma comunque, vista la loro grandezza, essere irrisoria È bene, quando x e y non sono prossimi a zero, considerare la differenza dei due valori rapportata alla loro grandezza: x y max( x, y ) 8

9 Confronti di valori in virgola mobile In codice java: final double EPSILON = 1E-14; double x, y;... if (Math.abs(x-y) / Math.max(Math.abs(x), Math.abs(y)) <= EPSILON) System.out.println( \ Uguali\ ); else System.out.println( \ Diversi\ ); 9

10 Confronto di Stringhe Le stringhe in Java, lo sappiamo, sono oggetti Quindi il valore di una variabile di frame di tipo String non è la stringa in sé, ma un riferimento all oggetto stringa Se cercassimo di confrontare direttamente due variabili di tipo stringa staremmo semplicemente controllando se puntano allo stesso oggetto Ma in generale ciò che ci interessa è sapere se il contenuto di due stringhe (oggetti stringa diversi) è lo stesso 10

11 Confronto di Stringhe... String pippo = console.readline(); String pluto = console.readline(); if (pippo == pluto) //falso System.out.println( Stringhe Uguali ) else System.out,println( Stringhe Diverse ) Per il confronto del contenuto di due stringhe dobbiamo usare il metodo equals della classe String Come tipico della programmazione ad oggetti, un operatore binario fra due oggetti viene realizzato con un metodo che va chiamato su uno dei due e a cui va passato un riferimento all altro oggetto operando 11

12 Confronto di Stringhe System.out.println("Inserisci una stringa"); String pippo = console.readline(); System.out.println("Inserisci una seconda stringa per il confronto"); String pluto = console.readline(); if ( pippo == pluto ) System.out.println("Confronto con == : Stringhe Uguali"); else System.out.println("Confronto con == : Stringhe Diverse"); if ( pippo.equals(pluto) ) System.out.println("Confronto con metodo equals: Stringhe + Uguali"); else System.out.println("Confronto con metodo equals: Stringhe + Diverse"); Inserendo due stringhe uguali il primo confronto fallisce, mentre il secondo ha successo 12

13 Confronto di Stringhe La classe String fornisce anche operatori di confronto corrispondenti a <, > Il metodo compareto ha un parametro String in ingresso e confronta la stringa su cui è chiamato con la stringa passata come parametro Il valore di uscita è un int il cui valore indica se la stringa passata è uguale, maggiore o minore nel senso di ordine alfabetico 13

14 Confronto di Stringhe int r = string1.compareto(string2); Se r > 0 allora string1 precede string2 nell ordine alfabetico (lessicografico) Se r < 0 allora string1 segue string2 nell ordine alfabetico (lessicografico) Se r == 0 allora le stringhe sono uguali (alternativa a equals) 14

15 Confronto di oggetti Il discorso fatto per le stringhe si applica agli oggetti in generale Applicando l operatore == a due variabili riferimento si controlla semplicemente se puntano allo stesso oggetto Se si vuole invece confrontare lo stato si deve fornire la classe di un metodo equals simile a quello che viene fornito con String 15

16 Ridefinizione di equals Se guardiamo il codice della classe String vediamo che il metodo equals è così definito: public boolean equals(object anobject) { if (this == anobject) { return true; Sono esattamente lo stesso oggetto } if (anobject instanceof String) { String anotherstring = (String) anobject;... } return false; } Esegue il controllo carattere per carattere, se le stringhe sono uguali ritorna true, altrimenti ritorna false 16

17 Ridefinizione di equals La classe Object definisce un metodo equals che identifica due oggetti se sono lo stesso, cioè se i riferimenti puntano alla stessa area di memoria heap Ogni classe eredita questo metodo equals Ogni classe dovrebbe ridefinirlo nello stesso modo in cui viene fatto nella classe String Vediamo in dettaglio... 17

18 Ridefinizione di equals Il metodo deve prendere come parametro un generico Object: public boolean equals(object anobject) { Per prima cosa controlla se il riferimento all'oggetto passato è uguale a quello di questo oggetto Se è così sicuramente anche bisogna rispondere true (è ciò che fa equals di Object) Se non è così allora bisogna controllare il tipo dell'oggetto passato 18

19 Ridefinizione di equals L'operatore instanceof restituisce true se un riferimento generico a Object punta in realtà a un certo oggetto di una classe data: if (anobject instanceof String) { Se questo non è vero allora bisognerà rispondere false (due oggetti di classi diverse in genere non vengono identificati) Se invece è questo il caso si dovranno controllare le variabili istanza per decidere l'uguaglianza... 19

20 Ridefinizione di equals La prima cosa da fare è un casting per riottenere un riferimento alla classe vera: String anotherstring = (String) anobject; Poi si confronteranno i valori degli oggetti this e anotherstring per decidere se si considerano questi due oggetti uguali Non bisogna comunque dimenticare che anche se equals ridefinito identifica due oggetti diversi questi rimangono sempre oggetti distinti! 20

21 Codice hash Se si ridefinisce il metodo equals è sempre bene ridefinire anche il metodo hashcode della classe Object Tale metodo restituisce un intero associato all'oggetto Questo valore viene utilizzato come chiave per inserire l'oggetto in una tabella hash Non ci addentriamo nei particolari di questa struttura dati 21

22 Codice hash Per i nostri scopi ci basta sapere che deve valere la seguente proprietà: Se due oggetti sono uguali allora devono avere lo stesso codice hash Il viceversa non è richiesto Se ridefiniamo il metodo equals dobbiamo quindi ridefinire anche hashcode per rispettare questa proprietà 22

23 Codice hash Un modo per ridefinire il metodo è di scegliere un numero primo (va bene 31 o 37...) Per ogni variabile istanza che viene usata nella definizione di equals si considera il relativo codice hash Per questo: Le classi involucro di int, double, etc forniscono il relativo metodo hashcode String e le altre classi delle API che ridefiniscono equals forniscono un adeguato hashcode 23

24 Codice hash Supponiamo ad esempio che var1, var2, var3 siano i nomi delle tre variabili istanza che vengono usate per definire equals Il codice hash dell'oggetto va allora calcolato così: int hash = 1; hash = hash * 31 + var1.hashcode(); hash = hash * 31 + var2.hashcode(); hash = hash * 31 + var3.hashcode(); return hash; 24

25 Codice hash Questo algoritmo va utilizzato soltanto se ci sono almeno due variabili istanza che definiscono l'uguaglianza Se l'uguaglianza è definita solo in base a una certa variabile istanza si può utilizzare semplicemente l'hashcode di questa 25

26 Esempio Consideriamo la classe Persona che rappresenta una persona public class Persona{ private String cognome; private String nome; private String luogodinascita; private int annodinascita, mesedinascita, giornodinascita; private double altezza, peso;... 26

27 Ridefinizione di equals Supponiamo per ora che una persona sia distinta dall'altra da cognome, nome, luogo di nascita e data di nascita Allora è bene ridefinire il metodo equals basandosi su queste informazioni Spesso le informazioni che servono per ridefinire equals hanno un valore che resta immutato per tutta la vita dell'oggetto E' bene quindi definirle final 27

28 Ridefinizione di equals public class Persona{ private final String cognome; private final String nome; private final String luogodinascita; private final int annodinascita, mesedinascita, giornodinascita; private double altezza, peso; private String colorecapelli, coloreocchi, segniparticolari;... 28

29 Ridefinizione di equals public boolean equals (Object other){ Persona o = null; if (this == other) return true; if (other instanceof Persona) o = (Persona) other; else return false; AND Logico return this.cognome.equals(o.cognome) && this.nome.equals(o.nome) && this.luogodinascita.equals(o.luogodinascita) && this.annodinascita == o.annodinascita && this.mesedinascita == o.mesedinascita && this.giornodinascita == o.giornodinascita; } 29

30 Ridefinizione di hashcode Ci troviamo nella situazione di più variabili I tipi sono int e String Dobbiamo usare i metodi hashcode della classe Integer e della classe String Scegliamo il 31 come numero primo di base del calcolo: 30

31 Ridefinizione di hashcode public int hashcode(){ int hash = * cognome.hashcode(); hash = hash + 31 * nome.hashcode(); hash = hash + 31 * luogodinascita.hashcode(); Integer x = new Integer(annoDiNascita); hash = hash + 31 * x.hashcode(); x = new Integer(meseDiNascita); hash = hash + 31 * x.hashcode(); x = new Integer(giornoDiNascita); hash = hash + 31 * x.hashcode(); return hash; } 31

32 Esercizio Aggiungere la variabile istanza String codicefiscale e usarla come unico valore di identificazione dell'oggetto Ridefinire equals e hashcode di conseguenza 32

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014 Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 11 luglio 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli esercizi

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Lettura di dati da input In Java la lettura di dati da input

Dettagli

Fondamenti di Informatica I

Fondamenti di Informatica I Sapienza Università di Roma, Facoltà di Ingegneria Corso di Fondamenti di Informatica I Canale 1 (A-K) Anno Accademico 2009-2010 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Docente: Camil Demetrescu Esercitatore:

Dettagli

Operazioni numeriche - Input

Operazioni numeriche - Input Operazioni numeriche - Input Espressioni, funzioni matematiche, classi involucro, Acquisizione di input 11/11/2004 Laboratorio di Programmazione - Luca Tesei 1 Operazioni fra interi e decimali In Java

Dettagli

Programmazione in Java (I modulo)

Programmazione in Java (I modulo) Programmazione in Java (I modulo) Lezione 4 Variabili di tipo primitivo. Dichiarazione di costanti Conversioni di tipo: operatore cast Altri operatori di assegnamento Operazioni aritmetiche e di confronto

Dettagli

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari 7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi:

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi: Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 22 settembre 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli

Dettagli

Riferimenti ad oggetti: Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 4 Java: I/O, Costruttori e altro. Riferimenti ad oggetti: (Esempio)

Riferimenti ad oggetti: Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 4 Java: I/O, Costruttori e altro. Riferimenti ad oggetti: (Esempio) Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 4 Java: I/O, Costruttori e altro A.A. 2005/06 Tutor: Loris Cancellieri loris.cancellieri@studio.unibo.it Riferimenti ad oggetti: Cosa si può fare con i riferimenti?

Dettagli

Uso di metodi statici. Walter Didimo

Uso di metodi statici. Walter Didimo Uso di metodi statici Walter Didimo Metodi di istanza Fino ad ora abbiamo imparato a creare oggetti e ad invocare metodi su tali oggetti i metodi venivano eseguiti dagli oggetti un metodo invocato su un

Dettagli

5 - Istruzioni condizionali

5 - Istruzioni condizionali 5 - Istruzioni condizionali Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato

Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato Corso di Studi in Informatica Programmazione 1 corso B prof. Elio Giovannetti Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato Programmazione 1 B - a.a. 2002-03 53 Modello di memoria

Dettagli

STRINGHE IN JAVA In Java, le stringhe non sono pezzi di memo-ria con dentro dei caratteri, come in C: sono oggetti appartenenti alla classe

STRINGHE IN JAVA In Java, le stringhe non sono pezzi di memo-ria con dentro dei caratteri, come in C: sono oggetti appartenenti alla classe STRINGHE IN JAVA In Java, le stringhe non sono pezzi di memo-ria con dentro dei caratteri, come in C: sono oggetti appartenenti alla classe String Una stringa Java rappresenta uno specifico valore e come

Dettagli

Sviluppo di programmi

Sviluppo di programmi Sviluppo di programmi Per la costruzione di un programma conviene: 1. condurre un analisi del problema da risolvere 2. elaborare un algoritmo della soluzione rappresentato in un linguaggio adatto alla

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1. Costruttori Ereditarietà

Fondamenti di Informatica T-1. Costruttori Ereditarietà Costruttori Ereditarietà 2 Costruttori Si occupano della creazione e dell'allocazione in memoria degli oggetti. public class Persona{ //Variabili di istanza private String nome; private String cognome;

Dettagli

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore Programma del corso Introduzione agli algoritmi Rappresentazione delle Informazioni Architettura del calcolatore Reti di Calcolatori Elementi di Programmazione Algoritmi e programmi Algoritmo Sequenza

Dettagli

Unità Didattica 2 Linguaggio C. Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso

Unità Didattica 2 Linguaggio C. Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso Unità Didattica 2 Linguaggio C Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso 1 Espressioni e assegnazioni Le espressioni sono definite dalla grammatica: espressione = variabile

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti. Emilio Di Giacomo e Walter Didimo

Programmazione Orientata agli Oggetti. Emilio Di Giacomo e Walter Didimo Programmazione Orientata agli Oggetti Emilio Di Giacomo e Walter Didimo Una metafora dal mondo reale la fabbrica di giocattoli progettisti Un semplice giocattolo Impara i suoni Dall idea al progetto Toy

Dettagli

Programmazione in Python. Moreno Marzolla

Programmazione in Python. Moreno Marzolla Programmazione in Python Moreno Marzolla http://www.moreno.marzolla.name/ Copyright 2011, Moreno Marzolla (http://www.moreno.marzolla.name/teaching/labinf2011/) This work is licensed under the Creative

Dettagli

Una classe Borsellino. Tipi numerici di base - Costanti. Esempio d uso. Classe Borsellino cont d. Primi passi per l implementazione di Purse

Una classe Borsellino. Tipi numerici di base - Costanti. Esempio d uso. Classe Borsellino cont d. Primi passi per l implementazione di Purse Una classe Borsellino Tipi numerici di base - Interi e decimali Definizione di costanti /** Realizza un borsellino per le monete. Registra il numero di monete e calcola il valore totale public class Purse

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++

Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++ Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++ Anno Accademico Francesco Tortorella Struttura di un programma C++ // Programma semplice in C++ #include int main() { cout

Dettagli

VBA Principali Comandi

VBA Principali Comandi VBA Principali Comandi Sintassi Significato Esempio Dim As Dichiarazione Dim x As Integer di una variabile Dim , , ,.,

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1

Fondamenti di Informatica T-1 Fondamenti di Informatica T-1 Mappe Tutor: Allegra De Filippo allegra.defilippo@unibo.it a.a. 2015/2016 Fondamenti di Informatica T-1 Allegra De Filippo 1 / 1 Mappe: definizione Tabelle a due colonne:

Dettagli

Programmazione II Compitino (Vers. A)

Programmazione II Compitino (Vers. A) Programmazione II Compitino (Vers. A) 16 gennaio 2009 Cognome Jekyll Nome Doctor Matricola 112233 Nei seguenti quesiti, quando vi è richiesto di scrivere un programma, potete limitarvi al corpo del metodo

Dettagli

Lab 02 Tipi semplici in C

Lab 02 Tipi semplici in C Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni e Ingegneria dell Automazione a.a. 2009/2010 Lab 02 Tipi semplici in C Lab02 1 Obiettivo dell esercitazione Acquistare

Dettagli

Linguaggio C. Tipi predefiniti e operatori. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin

Linguaggio C. Tipi predefiniti e operatori. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin Linguaggio C Tipi predefiniti e operatori Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione Università di Brescia 1 RICHIAMI char 8 bit Valori interi

Dettagli

VBA è un linguaggio di scripting derivato da Visual Basic, da cui prende il nome. Come ogni linguaggio ha le sue regole.

VBA è un linguaggio di scripting derivato da Visual Basic, da cui prende il nome. Come ogni linguaggio ha le sue regole. Excel VBA VBA Visual Basic for Application VBA è un linguaggio di scripting derivato da Visual Basic, da cui prende il nome. Come ogni linguaggio ha le sue regole. 2 Prima di iniziare. Che cos è una variabile?

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dei numeri relativi

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dei numeri relativi Codice BCD Prima di passare alla rappresentazione dei numeri relativi in binario vediamo un tipo di codifica che ha una certa rilevanza in alcune applicazioni: il codice BCD (Binary Coded Decimal). È un

Dettagli

Fondamenti di Informatica T1 Mappe

Fondamenti di Informatica T1 Mappe Fondamenti di Informatica T1 Mappe Tutor Melissa Licciardello melissa.licciardell2@unibo.it Melissa Licciardello Fondamenti di Informatica T1 1 / 16 Mappe Matrice N x 2 : Gli elementi della prima colonna,

Dettagli

Problemi, istanze, soluzioni

Problemi, istanze, soluzioni lgoritmi e Strutture di Dati II 2 Problemi, istanze, soluzioni Un problema specifica una relazione matematica tra dati di ingresso e dati di uscita. Una istanza di un problema è formata dai dati di un

Dettagli

Linguaggio C. tipi di dati definiti dall utente. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin

Linguaggio C. tipi di dati definiti dall utente. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin Linguaggio C tipi di dati definiti dall utente Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione Università di Brescia 1 Tipi di dati in C Predefiniti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE: Le strutture di controllo

PROGRAMMAZIONE: Le strutture di controllo PROGRAMMAZIONE: Le strutture di controllo Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Le tre modalità La modalità basilare di esecuzione di un programma è la sequenza: le istruzioni vengono eseguite una dopo l

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1. Selezione Stringhe

Fondamenti di Informatica T-1. Selezione Stringhe Selezione Stringhe 2 Stringhe Tipo di dato che rappresenta un insieme ordinato di caratteri. String saluto = "Ciao"; String saluto2 = new String("Ciao"); Operazioni: Concatenazione: String messaggio =

Dettagli

Programmazione I. 11 gennaio Considerate la seguente gerarchia di classi (rappresentata mediante un diagramma UML): +f(double x):

Programmazione I. 11 gennaio Considerate la seguente gerarchia di classi (rappresentata mediante un diagramma UML): +f(double x): Programmazione I 11 gennaio 2012 Matricola:........................................................................ Cognome:........................................................................ Nome:...........................................................................

Dettagli

Definizione di metodi in Java

Definizione di metodi in Java Definizione di metodi in Java Un metodo in Java definisce un operazione ad alto livello (sottoprogramma) che consente di manipolare dati e oggetti. Durante la computazione effettuata da un programma, un

Dettagli

Istruzioni Condizionali in C

Istruzioni Condizionali in C Concetti chiave Istruzioni Condizionali in C Tipi di Istruzioni Condizionali Espressioni Blocchi d istruzioni Istruzioni Condizionali: if-else Istruzioni Condizionali: switch-case Istruzione break Istruzioni

Dettagli

Espressione composta da: Operatori Operandi (costanti, variabili, )

Espressione composta da: Operatori Operandi (costanti, variabili, ) Cenni linguaggio C: Espressioni Espressione: formula (regola di calcolo) che specifica sempre un valore Esempio: espressione algebrica: z=x* y, (x+3)/5 Espressione composta da: Operatori Operandi (costanti,

Dettagli

Prima lezione di laboratorio. I mattoni di base di un programma Java. Comandi Unix. Riassunto. Oggi. Un programma complicato.

Prima lezione di laboratorio. I mattoni di base di un programma Java. Comandi Unix. Riassunto. Oggi. Un programma complicato. I mattoni di base di un programma Java Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione, lezione 2 1 ottobre

Dettagli

Utilizza i tipi di dati comuni a tutto il framework.net Accesso nativo ai tipi.net (C# è nato con.net) Concetti fondamentali:

Utilizza i tipi di dati comuni a tutto il framework.net Accesso nativo ai tipi.net (C# è nato con.net) Concetti fondamentali: 1 Tipi di dati 1 Tipi di dati Utilizza i tipi di dati comuni a tutto il framework.net Accesso nativo ai tipi.net (C# è nato con.net) Concetti fondamentali: Tutto è un oggetto Tutto eredita implicitamente

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Laurea in Ingegneria Civile e Ambientale

Laboratorio di Programmazione Laurea in Ingegneria Civile e Ambientale Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Laboratorio di Programmazione Laurea in Ingegneria Civile e Ambientale Algebra di Boole Stefano Cagnoni Algebra di Boole L algebra

Dettagli

Stringhe e Array. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni

Stringhe e Array. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni La Classe String In Java le stringhe, a differenza della maggior parte dei linguaggi di programmazione, non sono array di caratteri (char), bensì

Dettagli

Definizione di classi

Definizione di classi Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa E05 Definizione di classi A. Miola Novembre 2006 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Definizione di classi 1 Contenuti

Dettagli

Programmazione Funzionale

Programmazione Funzionale 1/9 Programmazione Funzionale Esercizio sulle variabili locali Davide Mottin - Themis Palpanas March 12, 2014 OCaml Funzioni preparatorie Sommario 2/9 Funzioni preparatorie Costruire una funzione val even

Dettagli

24 - Possibili approfondimenti

24 - Possibili approfondimenti 24 - Possibili approfondimenti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Informatica/ Ing. Meccanica/ Edile/ Prof. Verdicchio/ 17/01/2014/ Foglio delle domande / VERSIONE 1

Informatica/ Ing. Meccanica/ Edile/ Prof. Verdicchio/ 17/01/2014/ Foglio delle domande / VERSIONE 1 Informatica/ Ing. Meccanica/ Edile/ Prof. Verdicchio/ 17/01/2014/ Foglio delle domande/ VERSIONE 1 1) L approccio con cui si studia un sistema focalizzandosi solo sul rapporto tra input e output si chiama

Dettagli

La principale modalità di calcolo è l applicazione di funzioni

La principale modalità di calcolo è l applicazione di funzioni 1 La principale modalità di calcolo è l applicazione di funzioni Nei linguaggi funzionali puri non esistono strutture di controllo predefinite per la realizzazione di cicli quali for, while, repeat Un

Dettagli

Informatica! Appunti dal laboratorio 1!

Informatica! Appunti dal laboratorio 1! Informatica! Appunti dal laboratorio 1! Sistema Operativo! Windows 7, Windows 8, Mac OS X, Linux, Debian, Red Hat, etc etc! Il sistema operativo è un programma che serve a gestire TUTTE le risorse presenti

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa E03 Esempi di algoritmi e programmi A. Miola Settembre 2006 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Esempi di algoritmi e

Dettagli

Caratteristiche di un linguaggio ad alto livello

Caratteristiche di un linguaggio ad alto livello Caratteristiche di un linguaggio ad alto livello Un linguaggio ad alto livello deve offrire degli strumenti per: rappresentare le informazioni di interesse dell algoritmo definire le istruzioni che costituiscono

Dettagli

Unità F1. Obiettivi. Il linguaggio C. Il linguaggio C++ Linguaggio C. Pseudolinguaggio. Primi programmi

Unità F1. Obiettivi. Il linguaggio C. Il linguaggio C++ Linguaggio C. Pseudolinguaggio. Primi programmi Obiettivi Unità F1 Primi programmi Conoscere il significato di dichiarazione e definizione di variabili Conoscere i tipi di dato numerici Essere in grado di realizzare semplici algoritmi in pseudolinguaggio

Dettagli

Lezione 3 programmazione in Java

Lezione 3 programmazione in Java Lezione 3 programmazione in Java Nicola Drago drago@sci.univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Anteprima Help in linea La selezione Il costrutto di scelta Espressioni logiche Esercizi

Dettagli

Le Funzioni e la Ricorsione

Le Funzioni e la Ricorsione Aula V Dip. di Matematica G. Castelnuovo Univ. di Roma La Sapienza Le Funzioni e la Ricorsione Igor Melatti Slides disponibili (assieme ad altro materiale) in: http://www.dsi.uniroma1.it/ melatti/programmazione1.2007.2008.html

Dettagli

Puntatori. Fondamenti di Programmazione

Puntatori. Fondamenti di Programmazione Puntatori Fondamenti di Programmazione Funzioni utili stdio.h c = getchar(); restituisce un carattere letto da tastiera. Equivale a: scanf( %c, &c); putchar(c); scrive un carattere sullo schermo. Equivale

Dettagli

Programmazione ad oggetti

Programmazione ad oggetti DAIS Univ. Ca' Foscari Venezia Programmazione ad oggetti Samuel Rota Bulò Tipi di dato primitivo Tipo Descrizione Range bytes int interi 2147483648 2147483647 4 byte interi -128 127 1 short interi -32768

Dettagli

Linguaggi ad oggetti (object oriented) LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE: PARADIGMI DI PROGRAMMAZIONE. Programmazione ad oggetti

Linguaggi ad oggetti (object oriented) LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE: PARADIGMI DI PROGRAMMAZIONE. Programmazione ad oggetti LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE: PARADIGMI DI PROGRAMMAZIONE Anno Accademico 2000-2001 Alberto Martelli Programmazione ad Oggetti Parte I Linguaggi ad oggetti (object oriented) I linguaggi di programmazione

Dettagli

CLASSI ASTRATTE - ESERCIZIO

CLASSI ASTRATTE - ESERCIZIO CLASSI ASTRATTE - ESERCIZIO Definire una tassonomia di forme geometriche non esiste la generica forma geometrica! esistono triangoli, quadrilateri, pentagoni,... Forme può ben essere una classe astratta

Dettagli

Esercizio 3. Oppure fare queste operazioni nel metodo main all interno della classe Persona.

Esercizio 3. Oppure fare queste operazioni nel metodo main all interno della classe Persona. Esercizio 3 Scrivere un programma con i seguenti requisiti. Utilizzare una classe Persona che dichiara le variabili nome, cognome, età. Si dichiari inoltre un metodo dettagli() che restituisce in una stringa

Dettagli

Le basi del linguaggio Java

Le basi del linguaggio Java Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 10 Le basi del linguaggio Java Aprile 2010 Le basi del linguaggio Java 1 Prerequisiti Nozioni generali sulla sintassi e semantica del

Dettagli

APPUNTI DI INFORMATICA

APPUNTI DI INFORMATICA APPUNTI DI INFORMATICA Per il biennio di liceo scientifico scienze applicate Sommario Il calcolo binario... 2 Numerazione Decimale... 2 Numerazione Binaria... 2 Conversione Binario -> Decimale... 2 Conversione

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica I

Corso di Fondamenti di Informatica I Corso di Fondamenti di Informatica I Generics in Java Fabio Patrizi, Silvia Bonomi Dipartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e

Dettagli

Espressione di chiamata di funzione

Espressione di chiamata di funzione Avvertenza Quanto segue NON è un libro, ma è una copia dei lucidi usati a lezione che NON sostituisce i libri di testo adottati e consigliati per l insegnamento di Informatica Generale. Questa copia è

Dettagli

Subtype Polymorphism. Conversioni di tipo. Conversioni di tipo. Subtyping. Conversioni di tipo. Interfacce e subtype polimorfismo

Subtype Polymorphism. Conversioni di tipo. Conversioni di tipo. Subtyping. Conversioni di tipo. Interfacce e subtype polimorfismo Subtype Polymorphism Interfacce e subtype polimorfismo Tipi, sottotipi e conversioni di tipo Polimorfismo e dinamic dispatch Conversioni di tipo Variabile: locazione con un tipo associato Tipo della variabile

Dettagli

Allocazione Dinamica della Memoria

Allocazione Dinamica della Memoria Allocazione Dinamica della Memoria Elisa Marengo Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica Elisa Marengo (UNITO) Allocazione Dinamica della Memoria 1 / 10 Scelta delle variabili Quando

Dettagli

Compitino di Laboratorio di Informatica CdL in Matematica 13/11/2007 Teoria Compito A

Compitino di Laboratorio di Informatica CdL in Matematica 13/11/2007 Teoria Compito A Matematica 13/11/2007 Teoria Compito A Domanda 1 Descrivere, eventualmente utilizzando uno schema, gli elementi funzionali di una CPU. Domanda 2 Java è un linguaggio compilato o interpretato? Motivare

Dettagli

Programmazione Procedurale in Linguaggio C++

Programmazione Procedurale in Linguaggio C++ Programmazione Procedurale in Linguaggio C++ Elementi di Base Parte 3 Istruzioni di Assegnazione G. Mecca M. Samela Università della Basilicata Elementi di Base >> Sommario Sommario Introduzione Istruzioni

Dettagli

Fondamenti di Programmazione. Strutture di controllo

Fondamenti di Programmazione. Strutture di controllo Fondamenti di Programmazione Strutture di controllo 1! Controllo del flusso! n Flusso di esecuzione: ordine in cui le istruzioni di un programma sono eseguite! n Salvo contrordini, è in sequenza! n Due

Dettagli

public double getlato() restituisce la lunghezza del lato del quadrato che esegue il metodo.

public double getlato() restituisce la lunghezza del lato del quadrato che esegue il metodo. Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 21 settembre 2015 TEMPO DISPONIBILE: 1 ora e 40

Dettagli

Variabile, costante ed espressione

Variabile, costante ed espressione Variabile, costante ed espressione All interno di un programma un informazione può essere organizzata in vari modi: Variabile Costante Espressione Le variabili a loro volta possono essere: scalari vettori

Dettagli

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Proprietà object-oriented di Java Definendo le caratteristiche e le operazioni di

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti

Programmazione Orientata agli Oggetti Programmazione Orientata agli Oggetti Lezione 13 La programmazione ad oggetti si basa su due principi fondamentali ereditarietà polimorfismo Queste due proprietà consentono di definire nuovi tipi di dato

Dettagli

Variabili d ambiente (2) Variabili d ambiente. Ambito delle Variabili (2) Ambito delle Variabili

Variabili d ambiente (2) Variabili d ambiente. Ambito delle Variabili (2) Ambito delle Variabili Variabili d ambiente Variabili d ambiente (2)! Sono variabili esistenti al di fuori di script PHP! Sono disponibili in qualsiasi script PHP! Forniscono informazioni sulla transazione Client/Server! Hanno

Dettagli

Laboratorio di Matematica e Informatica 1

Laboratorio di Matematica e Informatica 1 Laboratorio di Matematica e Informatica 1 Matteo Mondini Antonio E. Porreca matteo.mondini@gmail.com porreca@disco.unimib.it Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Università degli Studi

Dettagli

Rappresentazione dell Informazione

Rappresentazione dell Informazione Rappresentazione dell Informazione Rappresentazione delle informazioni in codice binario Caratteri Naturali e Reali positivi Interi Razionali Rappresentazione del testo Una stringa di bit per ogni simbolo

Dettagli

Corso sul linguaggio C Modulo Tipi di dato

Corso sul linguaggio C Modulo Tipi di dato Corso sul linguaggio C Modulo 1 1.3 - Tipi di dato 1 Prerequisiti Concetto di espressione Cenni sulla struttura del calcolatore 2 1 Introduzione In questa lezione si esaminano i tipi di dato. I tipi di

Dettagli

Riassumiamo le proprietà dei numeri reali da noi utilizzate nel corso di Geometria.

Riassumiamo le proprietà dei numeri reali da noi utilizzate nel corso di Geometria. Capitolo 2 Campi 2.1 Introduzione Studiamo ora i campi. Essi sono una generalizzazione dell insieme R dei numeri reali con le operazioni di addizione e di moltiplicazione. Nel secondo paragrafo ricordiamo

Dettagli

Metodi per la risoluzione di sistemi lineari

Metodi per la risoluzione di sistemi lineari Metodi per la risoluzione di sistemi lineari Sistemi di equazioni lineari. Rango di matrici Come è noto (vedi [] sez.0.8), ad ogni matrice quadrata A è associato un numero reale det(a) detto determinante

Dettagli

LABORATORIO DI INFORMATICA: PROGRAMMAZIONE

LABORATORIO DI INFORMATICA: PROGRAMMAZIONE LABORATORIO DI INFORMATICA: PROGRAMMAZIONE DOMANDE PER LA SECONDA PROVA IN LABORATORIO Problema 1. È il software (ovvero le istruzioni che ordinano al calcolatore di eseguire azioni e di prendere decisioni)

Dettagli

associate ai corrispondenti valori assunti dall uscita.

associate ai corrispondenti valori assunti dall uscita. 1. Definizione di variabile logica. Una Variabile Logica è una variabile che può assumere solo due valori: 1 True (vero, identificato con 1) False (falso, identificato con 0) Le variabili logiche si prestano

Dettagli

Tipi ed espressioni. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa 5. Carla Limongelli Settembre 2007

Tipi ed espressioni. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa 5. Carla Limongelli Settembre 2007 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 5 Tipi ed espressioni Carla Limongelli Settembre 2007 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Tipi ed espressioni 1 Contenuti

Dettagli

Oggetti e classi. Cos è un oggetto

Oggetti e classi. Cos è un oggetto Oggetti e classi Cos è un oggetto Basta guardarsi intorno per scoprire che il mondo reale è costituito da oggetti: libri, biciclette, giocattoli, ma anche ragazzi, bambini, fiori, gatti, cani, fiumi, montagne,

Dettagli

Programmazione: variabili e operatori. Variabili

Programmazione: variabili e operatori. Variabili Programmazione: variabili e operatori Variabili Una variabile è un'area di memoria (RAM) individuata da un nome detto identificativo. Tale nome esprime l'indirizzo dove sarà posto il valore che si assegnerà

Dettagli

In questa lezione. Polimorfismo

In questa lezione. Polimorfismo In questa lezione Polimorfismo (in Java) Tipo statico e tipo dinamico dei reference Binding dinamico (late binding) Casting (Upcasting e Downcasting) Operatore instanceof Polimorfismo con Object Polimorfismo

Dettagli

PROBLEMI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE

PROBLEMI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE PROBLEMI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE CLASSE SECONDA D PROGRAMMARE = SPECIFICARE UN PROCEDIMENTO CAPACE DI FAR SVOLGERE AD UNA MACCHINA UNA SERIE ORDINATA DI OPERAZIONI AL

Dettagli

Strutture dati e loro organizzazione. Gabriella Trucco

Strutture dati e loro organizzazione. Gabriella Trucco Strutture dati e loro organizzazione Gabriella Trucco Introduzione I linguaggi di programmazione di alto livello consentono di far riferimento a posizioni nella memoria principale tramite nomi descrittivi

Dettagli

8 - Stringhe (e altre classi dalla Libreria Standard di Java)

8 - Stringhe (e altre classi dalla Libreria Standard di Java) 8 - Stringhe (e altre classi dalla Libreria Standard di Java) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

Linguaggio C - sezione dichiarativa: costanti e variabili

Linguaggio C - sezione dichiarativa: costanti e variabili Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Linguaggio C - sezione dichiarativa: costanti e variabili La presente

Dettagli

Esercitazione 3. Espressioni booleane I comandi if-else e while

Esercitazione 3. Espressioni booleane I comandi if-else e while Esercitazione 3 Espressioni booleane I comandi if-else e while Esercizio Si consideri la seguente istruzione: if (C1) if (C2) S1; else S2; A quali delle seguenti interpretazioni corrisponde? if (C1) if

Dettagli

Marco Faella I pattern Template Method e Factory Method

Marco Faella I pattern Template Method e Factory Method Marco Faella I pattern Template Method e Factory Method 12 Lezione n. Parole chiave: Java Corso di Laurea: Informatica Insegnamento: Linguaggi di Programmazione II Email Docente: faella.didattica@gmail.com

Dettagli

Variabili e Istruzioni

Variabili e Istruzioni Exit Menù Variabili e Istruzioni 1 Le Variabili Una VARIABILE è un oggetto identificato da un NOME e da uno STATO, detto CONTENUTO o VALORE. Possiamo immaginarla come una scatola contenuto Pippo 11 nome

Dettagli

Università degli studi di Bergamo. Informatica II. Programmazione Object Oriented Tutorato. Lezione 1. Dott. Marco Guarnieri Dott. Eros Magri

Università degli studi di Bergamo. Informatica II. Programmazione Object Oriented Tutorato. Lezione 1. Dott. Marco Guarnieri Dott. Eros Magri Università degli studi di Bergamo Informatica II Programmazione Object Oriented Tutorato Lezione 1 Dott. Marco Guarnieri Dott. Eros Magri 05.10.11 Informazioni Contatti 0guarnieri.marco0@gmail.com erosmagri@gmail.com

Dettagli

Algebra di Boole ed elementi di logica

Algebra di Boole ed elementi di logica Algebra di Boole ed elementi di logica Marco D. Santambrogio marco.santambrogio@polimi.it Ver. aggiornata al 10 O0obre 2013 Obiettivi Algebra di Boole Algebra di boole a due valori: algebra di commutazione

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica. La ricorsione

Corso di Fondamenti di Informatica. La ricorsione Corso di Fondamenti di Informatica La ricorsione La ricorsione Si dice che un oggetto (una struttura dati, una funzione matematica, un concetto ) è ricorsivo se è possibile darne una definizione in termini

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1 Modulo 2

Fondamenti di Informatica T-1 Modulo 2 Fondamenti di Informatica T-1 Modulo 2 1 Obiettivi di questa esercitazione 1. Passaggio dei parametri per valore/riferimento 2. Trattamento degli errori: funzioni che restituiscono anche codici di errore

Dettagli

Ereditarietà e Polimorfismo

Ereditarietà e Polimorfismo Ereditarietà e Polimorfismo Riusare il software A volte si incontrano classi con funzionalità simili In quanto sottendono concetti semanticamente vicini È possibile creare classi disgiunte replicando le

Dettagli

Obiettivi di questa esercitazione

Obiettivi di questa esercitazione Fondamenti di Informatica T-1 Modulo 2 1 Obiettivi di questa esercitazione 1. Passaggio dei parametri per valore/riferimento 2. Trattamento degli errori: funzioni che restituiscono anche codici di errore

Dettagli

Ricordiamo come si definisce una funzione

Ricordiamo come si definisce una funzione Ricordiamo come si definisce una funzione Definiamo una funzione che restituisce il massimo di una lista passata come argomento: La parola chiave def introduce una definizione di funzione Deve essere seguita

Dettagli

VISUAL BASIC FOR APPLICATION

VISUAL BASIC FOR APPLICATION VISUAL BASIC FOR APPLICATION LA PIATTAFORMA DI SVILUPPO GLI ELEMENTI DI VBA Finestra di progetto: mostra l elenco gerarchico dei progetti aperti e di tutti i moduli di codice e finestre di interfaccia

Dettagli

TEOREMA DEL RESTO E REGOLA DI RUFFINI

TEOREMA DEL RESTO E REGOLA DI RUFFINI TEOREMA DEL RESTO E REGOLA DI RUFFINI ALCUNI TEOREMI IMPORTANTI Prendiamo una divisione intera tra numeri: 6 : 3 = 2. Il resto di questa divisione è 0, e questo significa che moltiplicando il quoziente

Dettagli

Esercizio 1: archivio CD e DVD

Esercizio 1: archivio CD e DVD Esercizio 1: archivio CD e DVD Realizzare un applicazione Java per la creazione e la consultazione di un archivio di dischi ottici (CD e DVD). L applicazione riceve da standard input in maniera interattiva

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini Gli algoritmi e la risoluzione di problemi

Informatica Generale Andrea Corradini Gli algoritmi e la risoluzione di problemi Informatica Generale Andrea Corradini 12 - Gli algoritmi e la risoluzione di problemi Sommario Che significa risolvere un problema? Algoritmi e programmi Rappresentazione di algoritmi Lo pseudocodice Primitive

Dettagli

public BankAccount() { balance = 0; } public BankAccount(double initialbalance) { balance = initialbalance; }

public BankAccount() { balance = 0; } public BankAccount(double initialbalance) { balance = initialbalance; } Il Linguaggio Java Le interfacce La classe BankAccount public class BankAccount { public BankAccount() { balance = 0; public BankAccount(double initialbalance) { balance = initialbalance; public void deposit(double

Dettagli