Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna"

Transcript

1 PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale, tra le ipotesi che l articolo 2120 c.c. prevede per il riconoscimento di un anticipazione del Tfr e le ipotesi ammesse dall articolo 11 del Dlgs n. 252/2005 in vigore dal 1 gennaio 2007 A seguito dell anticipazione, al 1 gennaio 2007, dell entrata in vigore delle norme sulla previdenza complementare ad opera dell articolo 1, comma 752, della legge finanziaria 2007, il primo semestre di quest anno è caratterizzato dalla necessità di scegliere la destinazione del Tfr maturando. Tra gli elementi che i soggetti interessati alla scelta della destinazione del proprio Tfr dovranno considerare c è, certamente, anche la possibilità offerta dai fondi di ottenere degli anticipi della propria posizione individuale (Tfr ed eventuali contributi) già maturata o che maturerà. Nelle note che seguono si procede ad effettuare un confronto tra quanto previsto dall articolo 2120 circa gli anticipi di Tfr e quanto previsto dall articolo 11, commi 7 e 8, del Dlgs n. 252/ 2005 in merito alle anticipazioni di quanto versato alla previdenza complementare sia per i soggetti già iscritti che per quelli che si iscriveranno (tacitamente o per scelta) in conseguenza di quanto previsto dal Dlgs n. 252/2005. Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi di previdenza complementare L articolo 11, comma 7, del Dlgs n. 252/2005 riconosce la possibilità agli iscritti di richiedere un anticipo: «a) in qualsiasi momento, per un importo non superiore al 75%, per spese sanitarie a seguito di gravissime situazioni relative a sé, al coniuge e ai figli per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche. Sull importo erogato, al netto dei redditi già assoggettati ad imposta, è applicata una ritenuta a titolo d imposta con l aliquota del 15% ridotta di una quota pari a 0,30 punti percentuali per ogni anno eccedente il quindicesimo anno di partecipazione a forme pensionistiche complementari con un limite massimo di riduzione di 6 punti percentuali; b) decorsi otto anni di iscrizione, per un importo non superiore al 75%, per l acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli, documentato con atto notarile, o per la realizzazione degli interventi di cui alle lettere a), b), c), e d) del comma 1 dell articolo 3 del Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, relativamente alla prima casa di abitazione, documentati come previsto dalla normativa stabilita ai sensi dell articolo 1, comma 3, della legge 27 dicembre 1997, n Sull importo erogato, al netto dei redditi già assoggettati ad imposta, si applica una ritenuta a titolo di imposta del 23%; c) decorsi otto anni di iscrizione, per un importo non superiore al 30%, per ulteriori esigenze degli aderenti. Sull importo erogato, al netto dei redditi già assoggettati ad imposta, si applica una ritenuta a titolo di imposta del 23%; d) le ritenute di cui alle lettere a), b) e c) sono applicate dalla forma pensionistica che eroga le anticipazioni». Quindi, rinviando oltre per le considerazioni più approfondite, si precisa che, nel caso in cui venga richiesto un anticipo della posizione individuale maturata nel fondo pensione, verrà applicata una ritenuta pari a: 15%, riducibile al 9%, su anticipazione per spese sanitarie (fino al 75%); 23% su anticipazione per acquisto prima casa o per interventi di ristrutturazione (fino al 75%); 23% su anticipazione per ulteriori esigenze degli aderenti (fino al 30%); ricordando che, in ogni caso, ai sensi del successivo comma 8, le somme percepite a titolo di anticipazione non possono mai eccedere, complessivamente, il 75% del totale dei versamenti, compreso il Tfr e le plusvalenze tempo per tempo realizzate (1). (1) Con riferimento al regime transitorio delle anticipazioni e cioè della tassazione delle stesse per soggetti già iscritti alla previdenza complementare al 31 dicembre 2006 (vedi infra).

2 Guida al Lavoro PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR In merito all applicabilità della nuova disciplina fiscale si ritiene condivisibile quanto sostenuto da Assoprevidenza (cfr. circolare 18 gennaio 2007, n. 2) e cioè che la stessa riguardi unicamente le domande presentate dal 1 gennaio 2007; ai fini del calcolo del plafond del 75%, invece, che debbano essere considerate tutte le somme eventualmente già attribuite a titolo di anticipazione anche se l erogazione è intervenuta prima del 1 gennaio Previdenza complementare o Tfr: confronti e valutazioni con riferimento alle anticipazioni di prestazioni La disciplina fiscale stabilita per le anticipazioni del capitale accumulato presso i Fondi pensione, e per i riscatti, consente di fare alcune valutazioni in merito ai vantaggi e agli svantaggi conseguenti all adesione ai fondi. È evidente che decidere di aderire alla previdenza complementare significa prevalentemente guardare alle necessità che possono sorgere dopo la conclusione della propria esperienza lavorativa. Dietro la scelta, infatti, c è quasi esclusivamente la volontà di garantirsi, nel periodo in cui viene a mancare il reddito derivante da lavoro, una entrata economica più o meno consistente. Questo non esclude che si possa fare una valutazione tenendo conto anche di come le scelte effettuate possano o meno aiutare a supportare esigenze economiche che si possono presentare quando si è ancora attivi nel mondo del lavoro, anche perché tra le principali cause del mancato decollo del secondo pilastro è rinvenibile quella relativa alla diffusa percezione secondo la quale, aderendo alla previdenza complementare, ci si privi del Tfr che, d altro canto, rappresenta invece una fonte di liquidità sempre disponibile ogni volta che viene a cessare un rapporto di lavoro dipendente. Ciò premesso si effettua, di seguito, un breve confronto di convenienza, anche fiscale, tra le ipotesi che l articolo 2120 c.c. prevede per il riconoscimento di un anticipazione del Tfr e le ipotesi ammesse dall articolo 11 del Dlgs n. 252/2005 in vigore dal 1 gennaio Anticipazioni per esigenze di tipo sanitario Il lavoratore che non intenda aderire al Fondo e quindi conservi l istituto del Tfr presso il proprio datore di lavoro ovvero presso il Fondo Inps per l erogazione del Tfr istituito dall art. 1, comma 755, della legge finanziaria 2007 (legge 27 dicembre 2006, n. 296), ha diritto ad anticipazioni del Tfr accantonato, nei limiti stabiliti dall articolo 2120 c.c. ed, eventualmente, di quelli più favorevoli stabiliti dal Ccnl. Secondo quanto stabilito dall articolo 2120, l anticipazione spetta in presenza delle seguenti condizioni: q il lavoratore deve avere almeno 8 anni di anzianità presso la stessa azienda; q la richiesta deve essere motivata da spese sanitarie per terapie ed interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche; q l importo massimo della anticipazione non può eccedere il 70% del Tfr accantonato al momento della richiesta; q il datore di lavoro di lavoro ha il diritto di evadere le richieste dei dipendenti, ogni anno, nei limiti del 4% della forza lavoro (per una azienda con 100 dipendenti, ogni anno possono essere accolte non più di 4 richieste) e nei limiti del 10% degli aventi diritto (nella stessa azienda se gli aventi diritto e cioè i dipendenti con più di 8 anni di anzianità sono 20, il numero delle anticipazioni che possono essere accolte scende a 2); q ogni lavoratore ha diritto alla anticipazione (a qualunque titolo viene presentata) una sola volta durante tutta la vita lavorativa in azienda. Pertanto, l eventuale erogazione già effettuata anche ad altro titolo e qualunque sia stato l importo, anche se modesto, preclude la possibilità di una nuova richiesta; Dal punto di vista fiscale, l anticipazione del Tfr viene assoggetta ad imposizione dal datore di lavoro secondo le regole fissate dall articolo 19 del Tuir. In pratica, la stessa non potrà subire un prelievo fiscale inferiore alla aliquota minima degli scaglioni di imposta (attualmente 23%), mentre tale imposta (e quindi anche la tassazione dell anticipazione) sarà rideterminata dalla Amministrazione finanziaria al momento della liquidazione definitiva del Tfr sulla base della aliquota media di tassazione del contribuente nel quinquennio precedente l anno di maturazione del Tfr. Diversamente, nell ipotesi in cui il lavoratore abbia aderito alla previdenza complementare e debba sostenere costi di natura sanitaria, l articolo 11 del Dlgs n. 225/2005 prevede che lo stesso possa ottenere anticipazioni: q senza alcun periodo minimo di adesione alla previdenza complementare. A tale proposito, l articolo 11 del Dlgs n. 252/2005 prevede espressamente che la richiesta può essere fatta in qualsiasi momento, anche subito dopo l iscrizione, compatibilmente con i fondi disponibili; q motivando la richiesta con l indicazione del sostenimento di spese sanitarie a seguito di gravissime situazioni relative a sé, al coniuge, ai figli, per terapie ed interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche (il riferimento a «gravissime» situazioni, assenti nell articolo

3 PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro 16 c.c. per quanto riguarda il Tfr, è il solo elemento che potrebbe rendere l ambito di applicazione della disposizione più restrittiva rispetto alla analoga anticipazione prevista per il Tfr); q per un importo pari al 75% della intera posizione individuale maturata dall iscritto senza limiti; q senza limiti quantitativi relativamente alle richieste. Si deve pertanto ritenere che la semplice presenza dei requisiti faccia scattare il diritto alla anticipazione per l iscritto, indipendentemente dal numero di domande di anticipazioni che venissero presentate allo stesso Fondo da parte di altri iscritti; q indipendentemente dall ottenimento di anticipazioni, anche ad altro titolo. Le ulteriori richieste non gli precludono altre possibilità di ottenimento dell anticipazione a condizione che, complessivamente, l importo anticipato non ecceda il 75% della posizione individuale. A queste condizioni, in linea generale più favorevoli, si aggiunge il trattamento fiscale che è sicuramente migliore rispetto a quello previsto per l anticipazione del Tfr. Come già è stato descritto, le anticipazioni richieste per esigenze di carattere sanitarie sono soggette ad imposizione fiscale secondo le stesse modalità previste per le prestazioni definitive e cioè sono soggette ad una imposta sostitutiva (quindi definitiva) in misura pari al 15% che potrebbe scendere, a seconda della anzianità di iscrizione ai fondi, fino al 9%. In pratica una anticipazione del Tfr per spese sanitarie pari a subirà un prelievo fiscale non inferiore a (23%). Nella generalità dei casi la tassazione dovrebbe risultare più alta. Lo stesso anticipo, sempre per spese sanitarie, corrisposto dal fondo previdenziale, subirà una imposizione non superiore a con possibilità di scendere a 900. Anticipazioni per l acquisto e/o la ristrutturazione della prima casa Il lavoratore che ha conservato l istituto del Tfr (o presso il proprio datore di lavoro o presso il Fondo appositamente istituito presso l Inps) può chiedere una anticipazione per l acquisto della casa di abitazione, ricordando che la richiesta deve essere motivata «dall acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli». A tale proposito, la giurisprudenza ha sempre sostenuto che, dall interpretazione letterale della norma, la richiesta può essere fatta valere solo in caso di acquisto e non di ristrutturazione. Valgono, anche per l acquisto della prima casa, tutte le altre condizioni già previste per le spese sanitarie e cioè: il lavoratore deve avere almeno 8 anni di anzianità presso la stessa azienda; l importo massimo della anticipazione non può eccedere il 70% del Tfr accantonato al momento della richiesta; il datore di lavoro di lavoro ha il diritto di evadere le richieste dei dipendenti, ogni anno, nei limiti del 4% della forza lavoro o nei limiti del 10% degli aventi diritto; si ha diritto alla anticipazione (a qualunque titolo viene presentata) una sola volta durante tutta la vita lavorativa in azienda. Dal punto di vista fiscale si possono applicare le stesse considerazioni svolte con riferimento alle anticipazioni per spese sanitarie. L anticipazione viene tassata dal datore di lavoro il quale determina l aliquota in base al reddito di riferimento e che, in ogni caso, non potrà mai essere inferiore alla aliquota minima (attualmente 23%). L imposta sarà poi rideterminata dalla Amministrazione dello Stato, al momento della liquidazione definitiva, sulla base della aliquota media di tassazione degli ultimi cinque anni precedenti quello in cui è maturato il diritto alla tassazione. Diversamente, come anticipato, il lavoratore che ha aderito alla previdenza complementare può richiedere l anticipazione della propria posizione individuale per spese inerenti la prima casa alle seguenti condizioni: le spese devono essere motivate dall acquisto della prima casa per sé o per i figli oppure per la realizzazione degli interventi di cui alle lettere a), b), c) del comma 1 dell articolo 3 del Dpr n. 380/2001 e cioè per gli interventi di ristrutturazione relativi alla prima casa. Si tratta pertanto di un campo di applicazione più ampio di quello che consente la richiesta dell anticipo del Tfr; la richiesta può essere presentata decorsi 8 anni di iscrizione. Tale termine deve intendersi di iscrizione alla previdenza complementare in genere e non necessariamente al Fondo al quale viene presentata la richiesta. Da questo punto di vista c è un sostanziale allineamento alla previsione dell anticipo sul Tfr; l anticipo non può essere superiore al 75% (contro il 70% per il Tfr) di quanto accumulato nella propria posizione individuale. Non sono previste invece, come per le spese sanitarie, le ulteriori limitazioni cui è soggetta l anticipazione del Tfr è cioè: non sono stati stabiliti limiti quantitativi alle richieste, per cui si deve ritenere che la presenza dei requisiti permetta all iscritto di ottenere l anticipazione, indipendentemente da quante altre domande di anticipazioni vengono presentate allo stesso Fondo; il lavoratore ha diritto alla anticipazione per spese relative all acquisto e alla ristrutturazione

4 Guida al Lavoro PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR della prima casa anche se ha già ottenuto altre anticipazioni, e può chiederne altre a condizione che l importo complessivamente anticipato non ecceda il 75% della posizione individuale. Anche per questa anticipazione va segnalato il vantaggio fiscale, meno intenso rispetto alle anticipazioni per spese sanitarie, ma comunque significativo. L articolo 11 del decreto legislativo stabilisce infatti, come è stato già illustrato sopra, che sugli importi anticipati a questo titolo si debba applicare una aliquota a titolo di imposta (e quindi definitiva) pari al 23%. Anticipazioni per esigenze diverse L articolo 2120 c.c. non prevede altre ipotesi in relazione alle quali il lavoratore può richiedere l anticipo del Tfr, e ne rimanda la eventuale regolamentazione alla contrattazione collettiva. Altri eventi che legittimano la richiesta di anticipazione sono state previsti successivamente dalla legge n. 53/2000 la quale, all articolo 7, ha stabilito che, oltre che nelle ipotesi di cui all articolo 2120, il trattamento di fine rapporto può essere anticipato ai fini delle spese da sostenere durante i periodi di fruizione del congedo parentale e dei congedi per formazione previsti dagli articolo 5 e 6 della stessa legge. Tuttavia, secondo il Ministero del lavoro (circolare n. 85/2000) queste nuove causali non sono autonome, ma vanno ad integrare quelle già previste dall articolo 2120 c.c., e quindi sono soggette alle stesse limitazioni già indicate sopra (maturazione di almeno 8 anni di anzianità di servizio presso lo stesso datore di lavoro; il contenimento dell anticipazione entro il 70% del trattamento spettante nel caso di cessazione del rapporto alla data delle richiesta, entro i limiti del 10% degli aventi titolo e del 4% del numero totale dei dipendenti e non rateabilità nel corso dell attività lavorativa presso la stessa azienda). Per quanto riguarda l importo spettante, il Ministero del lavoro ha chiarito che «tenuto conto che la norma è intesa ad agevolare, attraverso un supporto economico, l assolvimento della funzione genitoriale o la promozione professionale dei dipendenti, tenuto conto della riduzione o dell assenza di retribuzione nei casi di congedi parentali o formativi, a tratto generale ne deriva l immediata sussistenza del nesso di causalità tra l esercizio del diritto di assenza, dal quale trae origine la necessità di integrazione economica, e la domanda di anticipazione parziale di somme comunque spettanti». L aver ricondotto queste causali nell ambito di quelle previste dall articolo 2120 e l aver quantificato l importo spettante in misura pari alla retribuzione persa che, nella normalità dei casi, non è elevata non rende questo utilizzo molto interessante, perché una volta ottenuto vengono pregiudicate altre esigenze di norma assai più rilevanti. L adesione alla previdenza complementare consente invece, dal 1 gennaio 2007, di poter richiedere anticipazioni della propria posizione individuale nella misura del 30% «per altre esigenze» valutate autonomamente dal soggetto iscritto sulle quali il Fondo, sostiene la Covip, non deve entrare nel merito. Si tratta di una opportunità aggiuntiva rispetto a quelle previste dalla regolamentazione del Tfr, che non preclude la possibilità di richiedere le anticipazioni per esigenze più rilevanti (spese sanitarie ed acquisto o ristrutturazione della prima casa), fatto salvo il principio generale che l importo complessivo delle anticipazioni non deve superare il 75% della posizione individuale maturata. Al vantaggio rappresentato dal fatto di poter contare su risorse finanziarie disponibili per ogni esigenza, si aggiunge il favorevole trattamento fiscale: anche in questo caso, come detto sopra, si deve applicare una aliquota a titolo di imposta (e quindi definitiva) pari al 23%. Regime delle anticipazioni erogate ai soggetti già iscritti alla previdenza complementare Come in parte già anticipato, il comma 749 della legge finanziaria 2007 ha modificato la lettera b) dell articolo 23 del Dlgs n. 252/2005 probabilmente al fine di evitare che possano sussistere dubbi in merito alle modalità di gestione del cd. «periodo transitorio». Infatti, tale comma regolamenta le modalità di tassazione delle prestazioni pensionistiche maturate anteriormente all entrata in vigore delle nuove norme nei confronti di soggetti già iscritti ai fondi di previdenza complementare (vecchi iscritti ai vecchi fondi compresi). Con la sostituzione delle parole «alle prestazioni maturate» con le parole «ai montanti delle prestazioni accumulate» per gli iscritti ai fondi pensione dopo il 28 aprile 1993, e con la sostituzione delle parole «alle prestazioni pensionistiche maturate» con le parole «ai montanti delle prestazioni» per i «vecchi iscritti ai vecchi fondi» si ritiene che il legislatore abbia voluto ottenere lo stesso risultato che era stato raggiunto in occasione dell entrata in vigore del Dlgs n. 47/2000 con l espressione «prestazioni riferibili ad importi maturati», espressione che aveva permesso di sostenere (2) che le (2) Si veda in proposito anche quanto chiarito dall Agenzia delle Entrate con circolare n. 29/

5 PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Modalità di reintegrazione delle somme percepite a titolo di anticipazione Si supponga un anticipazione di euro per spese mediche su cui è stata effettuata una ritenuta di euro (pari al 15%). Si supponga che l iscritto abbia versato successivamente contributi per 9.164,57 euro. Nell anno in cui è stato effettuato tale versamento il contribuente ha diritto alla deduzione ordinaria di 5.164,57 euro e sulla parte eccedente tale limite, pari a euro (ammontare reintegrato), ad un credito d imposta che deriva dal seguente calcolo: Anticipo : Imposta sull Anticipo = Ammontare reintegrato : Credito d imposta : = : X x X = = 600 Credito d imposta nuove disposizioni, introdotte dalla legge prima indicata, dovevano essere applicate solo sui montanti maturati a decorrere dal 1 gennaio 2001 (3). Pertanto, come tra l altro sostenuto da Assoprevidenza nella circolare 16 gennaio 2007, n. 4, si ritiene che le prestazioni corrisposte in conseguenza di un diritto alla percezione sorto successivamente al 31 dicembre 2006 (in capitale o in rendita), a favore di soggetti già iscritti ai fondi pensione e per i quali sussistono, quindi, dei montanti pregressi, debbano essere suddivise in: parte di prestazione relativa agli importi maturati sino al 31 dicembre 2000; parte di prestazione relativa agli importi maturati dal 1 gennaio 2001 al 31 dicembre 2006; parte di prestazione relativa agli importi maturati a decorrere dal 1 gennaio 2007, ciascuna delle quali soggetta ad una diversa modalità di tassazione. Inoltre, nella considerazione che le anticipazioni sono, in linea di principio, soggette al medesimo regime impositivo previsto per le prestazioni pensionistiche (ritenuta a titolo di imposta, in pratica imposta sostitutiva), l Associazione prima citata sostiene, sulla base di considerazioni assolutamente condivisibili, che anche per la tassazione delle anticipazioni di soggetti già iscritti alla previdenza complementare prima del 1 gennaio 2007 debbano distinguersi gli importi maturati prima e maturati dopo tale data per poterli assoggettare ai diversi regimi fiscali nel tempo vigenti. Infine, la circostanza che il nuovo regime si applica solo sul montante maturato a partire dal 1 gennaio 2007 comporta che, da tale data, debbano essere computati anche i periodi di iscrizione al fondo ai fini dell applicazione dell aliquota di tassazione del 15% fino al 9% (4). Reintegrazione delle somme anticipate Sempre con riferimento alle anticipazioni, il comma 8 dello stesso articolo 11 prevede che: «le somme percepite a titolo di anticipazione non possono mai eccedere, complessivamente, il 75% del totale dei versamenti, comprese le quote del Tfr, maggiorati delle plusvalenze tempo per tempo realizzate, effettuati alle forme pensionistiche complementari a decorrere dal primo momento di iscrizione alle predette forme. Le anticipazioni possono essere reintegrate, a scelta dell aderente, in qualsiasi momento anche mediante contribuzioni annuali eccedenti il limite di 5.164,57 euro. Sulle somme eccedenti il predetto limite, corrispondenti alle anticipazioni reintegrate, è riconosciuto al contribuente un credito d imposta pari all imposta pagata al momento della fruizione dell anticipazione, proporzionalmente riferibile all importo reintegrato». Come si può rilevare la nuova norma premia, a differenza della precedente, la reintegrazione del capitale presso il fondo pensione. Inoltre, la dottri 18 (3) A tale proposito, è noto come la Covip, nelle Direttive, il 28 giugno 2006, aveva affermato che per «prestazioni maturate» ovvero «alle prestazioni pensionistiche maturate» al 31 dicembre 2006 (dizione contenuta nell articolo 23, commi 5 e 7, prima delle modifiche introdotte dalla legge finanziaria 2007) dovevano intendersi quelle prestazioni per le quali, entro tale data, fossero stati conseguiti i requisiti di accesso e fosse stato esercitato il relativo diritto da parte dell interessato mediante esplicita richiesta (ad esempio, quindi, rendite in corso di erogazione, o prestazioni in capitale già liquidate e per le quali manchi solo il materiale versamento al beneficiario). Da tale interpretazione doveva, necessariamente, conseguire che i soggetti eroganti le prestazioni avrebbero dovuto applicare l imposta sostitutiva prevista dall art. 11, comma 6 (e cioè la ritenuta a titolo d imposta nella misura del 15%) sull intero importo della prestazione (in capitale o in rendita) erogata, indipendentemente dalla data di maturazione dei montanti concorrenti alla sua formazione. (4) Cfr. circolare Assoprevidenza 26 gennaio 2007, n. 4.

6 Guida al Lavoro PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR na (5) ha segnalato che il credito d imposta debba essere relativo unicamente alle somme eccedenti il massimale di 4.164,57, in quanto il versamento inferiore a tale importo avrà, evidentemente, le caratteristiche di mero versamento contributivo a cui si dovrà applicare l ordinario regime fiscale previsto dall articolo 8 del Dlgs n. 252/2005. In merito alle modalità di reintegrazione di tale anticipazioni, è possibile effettuare l esempio riportato nella pagina precedente. A tale proposito si rileva che, poiché scopo del reintegro è la ricostruzione della posizione individuale quale era al momento dell anticipazione (posizione che poteva essere composta sotto il profilo tributario, da tre elementi: contributi dedotti, contributi non dedotti e rendimenti gia tassati in capo al fondo), è opportuno che il reintegro «replichi» la precedente posizione individuale in modo tale da far corrispondere a tale precedente situazione anche il regime fiscale dell erogazione. Sulla base di tali considerazioni, qualora il reintegro fosse parziale, la pregressa situazione fiscale Lavoro in pillole Previndai Comunicato dei contributi dovrà quindi essere ricostruita proporzionalmente sulla base delle diverse componenti che costituivano la posizione dell iscritto al momento della percezione dell anticipazione. In merito alle modalità di utilizzo di tale credito, Assoprevidenza (cfr. circolare 16 gennaio 2007, n. 4) ritiene che, a seguito della segmentazione dei periodi di maturazione introdotta dal comma 749 della legge finanziaria per il 2007 (6), tale reintegro possa essere fatto valere solo sulle anticipazioni fruite dal 1 gennaio 2007 nella considerazione che il credito d imposta è strettamente connesso all applicazione dell imposta sostitutiva del 15% (ovvero del 9% o del 23%). Preme infine sottolineare che la dottrina sopra citata, ai fini del computo della decorrenza degli 8 anni iscrizione al fondo per l ottenimento dell anticipazione (richiesta in tutte le ipotesi diverse da quella giustificata da motivi di carattere sanitario), ritiene che si debbano considerare anche i periodi di iscrizione antecedenti al 1 gennaio Previndai: nuova modulistica Incremento Tfr maturando (mod. 266) Disponibile il modulo 266 relativo all incremento, nella misura del 100%, del Tfr destinato al Fondo (funzione «Conferimento Tfr»). Tale modulo deve essere utilizzato per tutte le posizioni dirigenziali non iscritte al 31 dicembre 2006 per le quali la norma contrattuale dispone il versamento di una quota di Tfr (3% per i «vecchi» iscritti e il 4% per i «nuovi» iscritti di classe 2). Per tali posizioni, infatti, in base a quanto disposto dal Dlgs n. 252/2005, art. 8, comma 7, lett. c), punto 2, la scelta di conferire il Tfr al Previndai è riferita a tali quote, ferma la facoltà di incremento successivo. Pertanto, qualora l interessato decida di conferire il 100% del Tfr, dovrà sottoscrivere anche il sopra citato modulo 266. Lavoro in pillole Covip Deliberazione (G.U , n. 39) Oggetto: Determinazione della misura, dei termini e delle modalità del versamento del contributo delle forme pensionistiche complementari alla Covip nell anno 2007, ai sensi dell articolo 1, comma 65, della legge 23 dicembre 2005, n. 266 Commissione di vigilanza sui fondi pensione: così il contributo di finanziamento 2007 Le forme pensionistiche complementari iscritte al relativo albo alla data del 31 dicembre 2006 devono versare entro il 31 maggio 2007 alla Covip, a titolo di contributo di finanziamento, una somma pari a 0,5 per mille dell ammontare complessivo dei contributi incassati. (5) Si veda nota 3. (6) Tale disposizione, infatti, come noto, oltre ad anticipare al 1 gennaio 2007 l entrata in vigore del Dlgs n. 252/2005 ha, di fatto, previsto l applicazione del principio di competenza per la tassazione delle prestazioni con la conseguenza che le nuove norme valgono solo per le prestazioni (e, quindi, anche per le anticipazioni) fruite dal 1 gennaio 2007 e imputabili ai montanti maturati a partire dalla medesima data. 19

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Dai valore al tuo domani. fondo pensione

Dai valore al tuo domani. fondo pensione Dai valore al tuo domani fondo pensione fondo pensione E grande la soddisfazione per aver raggiunto l'obiettivo di realizzare il primo Fondo di Previdenza Complementare di categoria gestito da una Cassa

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini LE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE DOMANDE PIU IMPORTANTI SUL FUNZIONAMENTO DI PREVIAMBIENTE

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 febbraio 2015, n. 29

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 febbraio 2015, n. 29 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 febbraio 2015, n. 29 Regolamento recante norme attuative delle disposizioni in materia di liquidazione del TFR come parte integrante della retribuzione

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013

I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Dicembre 2013 I CONGUAGLI DI FINE ANNO 2013 Con l approssimarsi della fine dell anno abbiamo ritenuto opportuno predisporre, a supporto degli Utenti, una specifica circolare riepilogativa sugli aspetti

Dettagli

(1). IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. Visto l'articolo 2120 del Codice civile, recante la disciplina del trattamento di fine rapporto;

(1). IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. Visto l'articolo 2120 del Codice civile, recante la disciplina del trattamento di fine rapporto; D.P.C.M. 20 febbraio 2015, n. 29 (1). Regolamento recante norme attuative delle disposizioni in materia di liquidazione del TFR come parte integrante della retribuzione per il periodo di paga decorrente

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli