Indice generale. 1 Il calcolatore: astrazioni. 2 Le istruzioni: il linguaggio. e tecnologia 1. dei calcolatori 57

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice generale. 1 Il calcolatore: astrazioni. 2 Le istruzioni: il linguaggio. e tecnologia 1. dei calcolatori 57"

Transcript

1 I Indice generale Prefazione viii 1 Il calcolatore: astrazioni e tecnologia Introduzione 1 Tipi di calcolatore e loro caratteristiche 2 Cosa si può imparare da questo libro Cosa c è dietro un programma 7 Da un linguaggio ad alto livello al linguaggio dell hardware I componenti di un calcolatore 10 Anatomia di un mouse 12 Attraverso lo specchio 12 Dentro la scatola 13 Un posto sicuro per i dati 16 Comunicare con gli altri calcolatori 18 Tecnologie per la produzione di processori e memorie Le prestazioni 21 Definizione delle prestazioni 21 Misurare le prestazioni 24 Le prestazioni della CPU 25 Misura delle prestazioni associata alle istruzioni 27 L equazione classica di misura delle prestazioni La barriera dell energia La metamorfosi delle architetture: il passaggio dai sistemi uniprocessore ai sistemi multiprocessore Un caso reale: la produzione e la valutazione dei chip Opteron X4 di AMD 37 Confronto tra CPU: i benchmark SPEC 39 Benchmark SPEC sul consumo di potenza Errori e trabocchetti Note conclusive Inquadramento storico e approfondimenti Esercizi 47 2 Le istruzioni: il linguaggio dei calcolatori Introduzione Le operazioni svolte dall hardware del calcolatore Gli operandi dell hardware del calcolatore 62 Operandi allocati in memoria 63 Operandi immediati o costanti Numeri con e senza segno 68 Riepilogo Rappresentazione delle istruzioni nel calcolatore 74 I campi delle istruzioni MIPS Operazioni logiche Le istruzioni per prendere decisioni 82

2 iv Indice generale I cicli 84 Il costrutto case/switch Supporto hardware alle procedure 88 Utilizzo di più registri 89 Procedure annidate 91 Allocazione dello spazio sullo stack per nuovi dati 94 Allocazione dello spazio sullo heap per nuovi dati Comunicare con le persone 96 Caratteri e stringhe in Java Indirizzamento MIPS dei dati e indirizzi di tipo immediato su 32 bit 101 Operandi immediati a 32 bit 101 L indirizzamento nei salti 103 Riassunto delle modalità di indirizzamento del MIPS 105 Come decodificare il linguaggio macchina Parallelismo e istruzioni: la sincronizzazione Tradurre e avviare un programma 112 Il compilatore 112 L assemblatore 113 Il linker 114 Il loader 117 Librerie a caricamento dinamico 117 Come eseguire un programma Java Un esempio riassuntivo in linguaggio C 120 La procedura scambia 120 La procedura ordina Confronto tra vettori e puntatori 128 La versione della procedura azzera che utilizza vettore e indice 129 La versione della procedura azzera che utilizza i puntatori 130 Il confronto tra le due versioni di azzera Approfondimento: compilazione del C e interpretazione di Java Un caso reale: le istruzioni dell architettura ARM 132 Modalità di indirizzamento 132 Comparazioni e salti condizionati 134 Caratteristiche uniche dell ARM Un caso reale: le istruzioni dell architettura x Evoluzione dell Intel x I registri e le modalità di indirizzamento dell x Le operazioni su numeri interi dell x La codifica delle istruzioni x Conclusioni sull x Errori e trabocchetti Note conclusive Inquadramento storico e approfondimenti Esercizi L aritmetica dei calcolatori Introduzione Somma e sottrazione 171 Operazioni per il multimedia 174 Riepilogo La moltiplicazione 176 Versione sequenziale dell algoritmo della moltiplicazione e sua implementazione hardware 177 Moltiplicazione di numeri dotati di segno 180 La moltiplicazione veloce 181 La moltiplicazione nel MIPS 181 Riepilogo La divisione 182 Un algoritmo di divisione e l hardware che lo implementa 183 La divisione di numeri dotati di segno 186 Una divisione più veloce 186 La divisione nel MIPS 187 Riepilogo I numeri in virgola mobile 189 La rappresentazione in virgola mobile 190 La somma in virgola mobile 195 La moltiplicazione in virgola mobile 199 Le istruzioni in virgola mobile nel MIPS 202 L accuratezza dell aritmetica 208 Riepilogo Il parallelismo e l aritmetica dei calcolatori: l associatività Un caso reale: la virgola mobile nell x L architettura in virgola mobile dell x L architettura dell estensione 2 Streaming SIMD in virgola mobile (SSE2) di Intel Errori e trabocchetti Considerazioni conclusive Inquadramento storico e approfondimenti Esercizi Il processore Introduzione 233 Un implementazione di base del MIPS 234 Una panoramica dell implementazione Convenzioni del progetto logico 237 Metodologia di temporizzazione La realizzazione di una unità di elaborazione dati 240 La progettazione dell unità di elaborazione unificata Uno schema semplice di implementazione 247 L unità di controllo della ALU 247 La progettazione dell unità di controllo principale 249 Il funzionamento dell unità di elaborazione 253 Il completamento dell unità di controllo 256 Perché non si utilizzano più implementazioni a singolo ciclo? Introduzione al pipelining 259 Progettazione dell insieme di istruzioni per architetture dotate di pipeline 263 Gli hazard nelle pipeline 263 Hazard strutturali 263 Hazard sui dati 263 Hazard sul controllo 267 Riepilogo sul pipelining L unità di elaborazione con pipeline e l unità di controllo associata 272 Rappresentazione grafica delle pipeline 281 L unità di controllo della pipeline Hazard sui dati: propagazione o stallo 287

3 Indice generale v Hazard sui dati e stallo Hazard sul controllo 298 Ipotizzare che il salto condizionato non sia eseguito 299 Ridurre i ritardi associati ai salti condizionati 300 Predizione dinamica dei salti 301 Riepilogo sul pipelining Le eccezioni 306 La gestione delle eccezioni nelle architetture MIPS 307 Le eccezioni e la loro implementazione nella pipeline Parallelismo e parallelismo avanzato a livello di istruzioni 312 Il concetto di speculazione 313 Parallelizzazione statica dell esecuzione 314 Un esempio: parallelizzazione statica dell ISA del MIPS 315 Processori dotati di parallelizzazione dinamica dell esecuzione 319 Riorganizzazione dinamica del codice in una pipeline 319 Efficienza energetica e pipeline avanzate Un caso reale: la pipeline dell AMD Opteron X4 (Barcelona) Argomenti avanzati: un introduzione alla progettazione digitale con un linguaggio di progettazione dell hardware e un modello di pipeline, e approfondimenti sulla pipeline Errori e trabocchetti Note conclusive Inquadramento storico e altre letture Esercizi Grande e veloce: la gerarchia di memoria Introduzione Principi base delle cache 358 Accesso alla cache 360 La gestione delle miss della cache 365 La gestione della scrittura 366 Un esempio di memoria cache: il processore Intrinsity FastMATH 368 Come progettare il sistema di memoria per supportare le cache 370 Riepilogo Misurare e migliorare le prestazioni di una cache 374 Riduzione delle miss di una cache utilizzando un posizionamento più flessibile dei blocchi 378 Ridurre la penalità di miss utilizzando una cache multilivello 384 Riepilogo La memoria virtuale 389 Come individuare la posizione di una pagina e come ritrovarla 392 I page fault 394 Cosa succede in scrittura? 398 Come rendere più veloce la traduzione degli indirizzi: il TLB 398 Integrazione della memoria virtuale, dei TLB e delle cache 403 Meccanismi di protezione basati sulla memoria virtuale 404 Gestione delle miss del TLB e dei page fault 406 Riepilogo Uno schema comune per le gerarchie di memoria 413 Domanda 1: dove può essere posizionato un blocco? 414 Domanda 2: come si trova un blocco? 415 Domanda 3: quale blocco deve essere sostituito in caso di miss della cache? 416 Domanda 4: cosa succede in caso di scrittura? 416 Le tre C: un modello intuitivo per comprendere il comportamento delle gerarchie di memoria Le virtual machine 420 Requisiti del monitor di una macchina virtuale 421 Mancanza di supporto alle virtual machine da parte dell architettura dell insieme di istruzioni 422 Protezione e architettura dell insieme delle istruzioni Come utilizzare una macchina a stati finiti per controllare una cache semplificata 423 Una cache semplificata 424 Le macchine a stati finiti 424 La FSM per il controllore della cache semplificata Parallelismo e gerarchie di memoria: coerenza della cache 428 Schemi di base per garantire la coerenza 429 I protocolli di snooping Argomenti avanzati: come implementare i controllori delle cache Due casi reali: la gerarchia di memoria dell AMD Opteron X4 e dell Intel Nehalem 432 La gerarchia di memoria del Nehalem e dell Opteron 432 Tecniche per ridurre la penalità di miss Errori e trabocchetti Considerazioni conclusive Prospettiva storica e letture consigliate Esercizi La memoria di massa e le altre periferiche Introduzione Attendibilità, affidabilità e disponibilità Dischi magnetici 457 Tempo di lettura da disco Memorie flash La connessione tra i processori, le memorie e i dispositivi di I/O 464 Nozioni fondamentali sulle connessioni Interfacciamento dei dispositivi di I/O con il processore, la memoria e il sistema operativo 468 Come impartire i comandi ai dispositivi di I/O 469 Come comunicare con il processore 470 Livelli di priorità degli interrupt 471 Trasferimento dati tra un dispositivo e la memoria 472

4 vi Indice generale L accesso diretto alla memoria (DMA) e il sistema di memoria Misure delle prestazioni dell I/O: esempi sui dischi e sui file system 476 Benchmark di I/O: elaborazione delle transazioni 476 Benchmark di I/O: file system e web Come progettare un sistema di I/O Parallelismo e I/O: insiemi ridondanti di dischi economici 479 Nessuna ridondanza (RAID 0) 480 Mirroring (RAID 1) 481 Riconoscimento degli errori e codice di correzione degli errori (RAID 2) 481 Bit di parità interallacciati (RAID 3) 481 Blocchi di parità interallacciati (RAID 4) 482 Blocchi di parità interallacciati distribuiti (RAID 5) 483 Ridondanza P + Q (RAID 6) 484 Riepilogo sui dischi RAID Un caso reale: il server Fire x4150 di Sun Argomenti avanzati: le reti Errori e trabocchetti Note conclusive Prospettive storiche e ulteriori Letture Esercizi Multicore, multiprocessori e cluster Introduzione Le difficoltà nel creare programmi a esecuzione parallela Multiprocessori a memoria condivisa Cluster e altri multiprocessori a scambio di messaggi Multithreading hardware SISD, MIMD, SIMD, SPMD e processori vettoriali 518 SIMD negli x86: le estensioni multimediali 519 Processori vettoriali 520 Confronto tra architetture vettoriali e scalari 522 I processori vettoriali e le estensioni multimediali Introduzione alle unità di elaborazione grafica 524 Un introduzione alle architetture GPU di NVIDIA 526 Le prospettive delle GPU Introduzione alle topologie delle reti di calcolatori Benchmark per i multiprocessori Roofline: un semplice modello per valutare le prestazioni 536 Confronto tra due generazioni di Opteron Un caso reale: il confronto tra quattro processori multicore attraverso il modello roofline 543 I quattro sistemi multicore 543 Matrici sparse 546 Griglie strutturate 547 Produttività Errori e trabocchetti Osservazioni finali Prospettiva storica e letture di approfondimento Esercizi 553 APPENDICI A La grafica e il calcolo con la GPU 562 A.1 Introduzione 562 Breve storia delle GPU 562 Sistemi eterogenei 563 Le GPU evolvono verso i processori paralleli scalabili 564 Perché CUDA e perché utilizzare le GPU per il calcolo? 564 La GPU unifica grafica e calcolo 565 Applicazioni di elaborazione visuale su GPU 565 A.2 Le architetture dei sistemi GPU 566 Architettura del sistema eterogeneo CPU-GPU 566 Interfacce e driver delle GPU 568 La pipeline grafica logica 568 Mappatura della pipeline grafica su GPU a processori unificati 568 Architettura GPU unificata di base 568 A.3 Programmazione delle GPU 570 Programmazione della grafica in tempo reale 571 Pipeline grafica logica 571 I programmi degli shader grafici 572 Un esempio di shader dei pixel 573 Programmazione di applicazioni di calcolo parallelo 574 Programmazione scalabile parallela con CUDA 576 A.4 Architettura multiprocessore multithread 582 Il multithreading massivo 582 L architettura multiprocessore 583 Singola istruzione e thread multipli (SIMT) 584 L esecuzione dei warp SIMT e le biforcazioni del codice 586 La gestione dei thread e dei blocchi di thread 586 Le istruzioni dei thread 587 L architettura dell insieme delle istruzioni (ISA) 588 I processori a flusso continuo (SP) 591 Le unità per le funzioni speciali (SFU) 591 Confronto con altri multiprocessori 592 I multiprocessori multithread in sintesi 593 A.5 Il sistema parallelo di memoria 593 Considerazioni sulle DRAM 594 Le memorie cache 595 L unità di gestione della memoria (MMU) 595 Le aree di memoria 595 La memoria globale 596 La memoria condivisa 596 La memoria locale 596 La memoria delle costanti 597 La memoria di tessitura 597 Le superfici 597 Lettura e scrittura in memoria 597 I ROP 598 A.6 Aritmetica in virgola mobile 598 I formati supportati 598 L aritmetica di base 599 L aritmetica specializzata 599 Le operazioni sulla tessitura 600 Le prestazioni 601 La doppia precisione 602

5 Indice generale vii A.7 Un caso reale: la GeForce 8800 di NVIDIA 602 La schiera di processori a flusso continuo (SPA, Streaming Processor Array) 602 Il nucleo tessitura/processore (TPC) 603 Il multiprocessore a flusso continuo (SM) 604 L insieme delle istruzioni 605 Il processore a flusso continuo (SP) 605 L unità per funzioni speciali (SFU) 606 La rasterizzazione 606 Il processore delle operazioni di rasterizzazione (ROP) e il sistema di memoria 606 Scalabilità 607 Le prestazioni 607 Le prestazioni sull algebra lineare densa 607 Le prestazioni sulle FFT 608 Le prestazioni sull ordinamento 609 A.8 Un caso reale: come adattare le applicazioni alla GPU 610 Matrici sparse 610 Utilizzo della memoria condivisa come cache 613 Scansione e riduzione 615 Radix Sort 617 Applicazioni del problema a N corpi su GPU 619 A.9 Errori e trabocchetti 624 A.10 Note conclusive 629 Ringraziamenti 629 A.11 Inquadramento storico e approfondimenti 629 B.7 Eccezioni e interrupt 654 B.8 Input e Output 658 B.9 SPIM 660 Simulazione di una macchina virtuale 660 Primi passi con SPIM 661 Caratteristiche principali 662 Ordinamento dei byte 662 Chiamate di sistema 662 B.10 Il linguaggio assembler del MIPS R Modalità di indirizzamento 664 Sintassi dell assemblatore 665 La codifica delle istruzioni MIPS 667 Il formato delle istruzioni 667 Le istruzioni aritmetiche e logiche 669 Istruzioni di manipolazione delle costanti 673 Istruzioni di confronto 673 Le istruzioni di salto condizionato 675 Istruzioni di salto incondizionato 677 Istruzioni di trap 678 Istruzioni di lettura dalla memoria (load) 679 Istruzioni di scrittura in memoria (store) 681 Le istruzioni di spostamento dati 683 Istruzioni su numeri in virgola mobile 684 Istruzioni di gestione di eccezioni e interrupt 690 B.11 Considerazioni conclusive 691 Letture ulteriori 691 B.12 Esercizi 692 B Gli assemblatori, i linker e il simulatore SPIM 631 B.1 Introduzione 631 Quando conviene utilizzare il linguaggio assembler 634 Svantaggi del linguaggio assembler 635 B.2 Gli assemblatori 636 Formato dei file oggetto 638 Altre funzionalità degli assemblatori 639 B.3 I linker 642 B.4 Caricamento 643 B.5 Utilizzo della memoria 644 B.6 Convenzioni di chiamata a procedura 646 Le chiamate a procedura 646 R Risposte alle domande di autovalutazione 693 G Indice delle voci di glossario 695 T Scheda tecnica riassuntiva del MIPS 695

Introduzione alla GPGPU Corso di sviluppo Nvidia CUDATM. Davide Barbieri

Introduzione alla GPGPU Corso di sviluppo Nvidia CUDATM. Davide Barbieri Introduzione alla GPGPU Corso di sviluppo Nvidia CUDATM Davide Barbieri Contatti skype: davbar86 mail: davide.barbieri@ghostshark.it Panoramica corso Introduzione al mondo delle GPU Modello GPGPU Nvidia

Dettagli

La memoria virtuale. La gerarchia di memorie. Indirizzo fisico. Memoria virtuale. Architetture Avanzate dei Calcolatori. Valeria Cardellini

La memoria virtuale. La gerarchia di memorie. Indirizzo fisico. Memoria virtuale. Architetture Avanzate dei Calcolatori. Valeria Cardellini La memoria Architetture Avanzate dei Calcolatori Valeria Cardellini Nelle lezioni precedenti { Memoria La gerarchia di memorie Registri Istruzioni, operandi L Cache Blocchi L2 Cache Blocchi Memoria Pagine

Dettagli

Architettura di un sistema di calcolo

Architettura di un sistema di calcolo Richiami sulla struttura dei sistemi di calcolo Gestione delle Interruzioni Gestione della comunicazione fra processore e dispositivi periferici Gerarchia di memoria Protezione. 2.1 Architettura di un

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Architetture parallele

Architetture parallele 1 Calcolatori paralleli A meno di una nuova rivoluzione scientifica la legge di Moore (che pronostica un raddoppio del numero di transistor su un singolo chip ogni 18 mesi) non potrà rimanere valida per

Dettagli

Programmazione modulare 2012-2013

Programmazione modulare 2012-2013 Programmazione modulare 2012-2013 Indirizzo: Informatica Abacus Disciplina: SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI Classe: A e B Docenti: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 5

Dettagli

Introduzione ai sistemi operativi

Introduzione ai sistemi operativi Introduzione ai sistemi operativi Che cos è un S.O.? Shell Utente Utente 1 2 Utente N Window Compilatori Assembler Editor.. DB SOFTWARE APPLICATIVO System calls SISTEMA OPERATIVO HARDWARE Funzioni di un

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

Parte VIII. Architetture Parallele

Parte VIII. Architetture Parallele Parte VIII Architetture Parallele VIII.1 Motivazioni Limite di prestazioni delle architetture sequenziali: velocità di propagazione dei segnali, la luce percorre 30 cm in un nsec! Migliore rapporto costo/prestazioni

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio Il software di base Software

Dettagli

La macchina di Von Neumann. Archite(ura di un calcolatore. L unità di elaborazione (CPU) Sequenza di le(ura. Il bus di sistema

La macchina di Von Neumann. Archite(ura di un calcolatore. L unità di elaborazione (CPU) Sequenza di le(ura. Il bus di sistema La macchina di Von Neumann rchite(ura di un calcolatore us di sistema Collegamento Unità di Elaborazione (CPU) Memoria Centrale (MM) Esecuzione istruzioni Memoria di lavoro Interfaccia Periferica P 1 Interfaccia

Dettagli

Architettura degli Elaboratori e delle Reti

Architettura degli Elaboratori e delle Reti Architettura degli Elaboratori e delle Reti CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA PER LE TELECOMUNICAZIONI A. A. 2006-2007 Cristina Silvano Università degli Studi di Milano Dipartimento di Informatica

Dettagli

Introduzione alle tecnologie informatiche. Strumenti mentali per il futuro

Introduzione alle tecnologie informatiche. Strumenti mentali per il futuro Introduzione alle tecnologie informatiche Strumenti mentali per il futuro Panoramica Affronteremo i seguenti argomenti. I vari tipi di computer e il loro uso Il funzionamento dei computer Il futuro delle

Dettagli

Architettura di un sistema operativo

Architettura di un sistema operativo Architettura di un sistema operativo Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy Struttura di un S.O. Sistemi monolitici Sistemi a struttura semplice Sistemi a livelli Virtual Machine Sistemi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2014-2015

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2014-2015 PROGRAMMAZIONE MODULARE 01-015 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: TERZA A INF Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Articolazione INFORMATICA Docenti: Silvia Gualdi (teoria) Paolo Aurilia (laboratorio)

Dettagli

CAP. 4: Aspetti generali del Sistema Operativo Linux. l http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm

CAP. 4: Aspetti generali del Sistema Operativo Linux. l http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm Struttura interna del sistema Operativo Linux CAP. 4: Aspetti generali del Sistema Operativo Linux CAP. 5: Funzionalità del calcolatore l http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm Funzionalità del Sistema

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. Instruction Set Architecture (ISA) e 68000

AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. Instruction Set Architecture (ISA) e 68000 AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo Instruction Set Architecture (ISA) e 68000 introduzione a ISA ISA - Instruction Set Architecture insieme delle istruzioni (instruction set) che possono

Dettagli

Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1. Introduzione

Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1. Introduzione Introduzione Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1 Elaboratori necessitano di SOFTWARE SOFTWARE DI SISTEMA (SISTEMI OPERATIVI): fanno funzionare le varie componenti del computer e permettono all

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Dott. Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 30/11/07 Sommario Concetti fondamentali

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI

CALCOLATORI ELETTRONICI CALCOLATORI ELETTRONICI Giuseppe Coldani Tel. 0382 985678 e-mail: giuseppe.coldani@unipv.it giuseppe.coldani@tin.it orario delle lezioni: Mercoledì 14.00-18.00 orario di ricevimento: su appuntamento 1

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Il software Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Universitàdegli Studi di Parma SOFTWARE I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software

Dettagli

CAPITOLO 5 - Sistemi Operativi Moderni

CAPITOLO 5 - Sistemi Operativi Moderni CAPITOLO 5 - Sistemi Operativi Moderni PRESENTAZIONE DI INSIEME Vedremo ora come si è evoluta nel tempo la struttura di un sistema operativo, per passare dalle vecchie strutture di tipo normalmente modulari,

Dettagli

Architettura CUDA Corso di sviluppo Nvidia CUDATM. Davide Barbieri

Architettura CUDA Corso di sviluppo Nvidia CUDATM. Davide Barbieri Architettura CUDA Corso di sviluppo Nvidia CUDATM Davide Barbieri Panoramica Lezione Modello Architetturale CUDA Modello di programmazione CUDA Hello World in CUDA Gestione degli errori Terminologia Host

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Università degli Studi di Messina Ingegneria delle Tecnologie Industriali Docente: Ing. Mirko Guarnera 1 Approccio al corso Approccio IN OUT Visione Globale solo insieme alla programmazione 2 1 Contenuti

Dettagli

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1)

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Corso di Laurea in Informatica Architettura degli elaboratori a.a. 2014-15 La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Schema base di esecuzione Istruzioni macchina Outline Componenti di un

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici La Pipeline Superpipeline Pipeline superscalare Schedulazione dinamica della pipeline Processori reali: l architettura Intel e la pipeline dell AMD Opteron X4 Ricapitolando Con

Dettagli

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione Il sistema di I/O Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O Introduzione 1 Sotto-sistema di I/O Insieme di metodi per controllare i dispositivi di I/O Obiettivo: Fornire ai processi utente un interfaccia

Dettagli

Architettura degli elaboratori (A)

Architettura degli elaboratori (A) Laurea in Informatica a.a. 2010-2011 Laboratorio del corso di Architettura degli elaboratori (A) Modulo 1: l Architettura dell 8086 Valeria Carofiglio Linguaggi a vari livelli e loro relazioni Programma

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

Architettura (10/9/2003) Pag. 1/6. Cognome e Nome (in stampatello):

Architettura (10/9/2003) Pag. 1/6. Cognome e Nome (in stampatello): Architettura (10/9003) Pag. 1/6 Esame di Architettura (matr.0-1) del 10/9003 Per Fondamenti di Architettura NON rispondere Per le domande a risposta multipla cerchiare la risposta scelta. Non alle domande

Dettagli

Fondamenti di Informatica PROBLEMI E ALGORITMI. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1

Fondamenti di Informatica PROBLEMI E ALGORITMI. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Fondamenti di Informatica PROBLEMI E ALGORITMI Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Specifica di un algoritmo Primo approccio, scrittura diretta del programma: la soluzione coincide con la codifica

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 2007 SISTEMI OPERATIVI Gestione della memoria Domande di verifica Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 Gestione della memoria 1. Si descriva il concetto di memoria virtuale (esame del 19-06-2006)

Dettagli

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Sistema operativo Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Architettura a strati di un calcolatore

Dettagli

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi Evoluzione dei sistemi operativi (4) Sistemi multiprogrammati! più programmi sono caricati in contemporaneamente, e l elaborazione passa periodicamente dall uno all altro Evoluzione dei sistemi operativi

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Biomedica. Fondamenti di Informatica II A.A. (2002-2003)

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Biomedica. Fondamenti di Informatica II A.A. (2002-2003) Università degli Studi Magna Græcia di Catanzaro Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Biomedica Fondamenti di Informatica II A.A. (2002-2003) Docente: Prof. Mario Cannataro cannataro@unicz.it www.isi.cs.cnr.it/isi/cannataro

Dettagli

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione Dr Damiano Macedonio Università di Verona Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macrocomponenti:

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 11/01/08 Nota Questi lucidi sono

Dettagli

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 01 Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Marzo 2009 L architettura del calcolatore 1 Nota bene Alcune parti

Dettagli

introduzione I MICROCONTROLLORI

introduzione I MICROCONTROLLORI introduzione I MICROCONTROLLORI Definizione Un microcontrollore è un dispositivo elettronico programmabile Può svolgere autonomamente diverse funzioni in base al programma in esso implementato Non è la

Dettagli

Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96

Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96 Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96 Il software L hardware non è direttamente utilizzabile Sono necessari dei programmi per far svolgere delle funzioni all insieme di circuiti Informatica 97 Il

Dettagli

Sistema Operativo e Applicativi

Sistema Operativo e Applicativi Sistema Operativo e Applicativi Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Software A.A. 2012-2013 1 / 36 Software Conosciamo due classi di software: Programmi

Dettagli

Corso di Architettura degli Elaboratori

Corso di Architettura degli Elaboratori Corso di Architettura degli Elaboratori Introduzione DOCENTE Luigi Palopoli AA. 2011/2012 Calcolatori I calcolatori elettronici sono il prodotto di una tecnologia estremamente vitale Produce il 10% del

Dettagli

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori I n d i c e 3 Capitolo primo Informatica e calcolatori 7 Capitolo secondo La rappresentazione delle informazioni 11 2.1 La codifica dei caratteri 2.1.1 Il codice ASCII, p. 11-2.1.2 Codifiche universali,

Dettagli

ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI

ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI A09 139 Graziano Frosini Giuseppe Lettieri ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI VOLUME II STRUTTURA DEL PROCESSORE, DEL BUS, DELLA MEMORIA E DELLE INTERFACCE, E GESTIONE DELL I/O CON RIFERIMENTO AL PERSONAL COMPUTER

Dettagli

Lezioni frontali. Riprendere i concetti basilari del processore utilizzato e la programmazione a basso livello

Lezioni frontali. Riprendere i concetti basilari del processore utilizzato e la programmazione a basso livello Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2012-2013 Classe 4^ MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

Memoria Virtuale. Anche la memoria principale ha una dimensione limitata. memoria principale (memoria fisica) memoria secondaria (memoria virtuale)

Memoria Virtuale. Anche la memoria principale ha una dimensione limitata. memoria principale (memoria fisica) memoria secondaria (memoria virtuale) Memoria Virtuale Anche la memoria principale ha una dimensione limitata. Possiamo pensare di superare questo limite utilizzando memorie secondarie (essenzialmente dischi) e vedendo la memoria principale

Dettagli

Quinto Homework. Indicare il tempo necessario all'esecuzione del programma in caso di avvio e ritiro fuori ordine.

Quinto Homework. Indicare il tempo necessario all'esecuzione del programma in caso di avvio e ritiro fuori ordine. Quinto Homework 1) Si vuole progettare una cache a mappatura diretta per un sistema a 32 bit per una memoria da 2 GB (quindi sono solo 31 i bit utili per gli indirizzi) e blocchi di 64 byte. Rispondere

Dettagli

Sistemi Operativi. Introduzione. C.d.L. in Informatica (laurea triennale) Anno Accademico 2013-2014. Dipartimento di Matematica e Informatica Catania

Sistemi Operativi. Introduzione. C.d.L. in Informatica (laurea triennale) Anno Accademico 2013-2014. Dipartimento di Matematica e Informatica Catania Sistemi Operativi C.d.L. in Informatica (laurea triennale) Anno Accademico 2013-2014 Dipartimento di Matematica e Informatica Catania Introduzione Prof. Mario Di Raimondo Sistemi Operativi 9 CFU (72 ore)

Dettagli

(1) - - (4) R4 = R7 * R7 (4) (2) (3) 5 - (4) rinviata perché in WAW con (3) 6 (3) e (4) ritirabili ma attendono il completamento di (2) (2) (3) (4)

(1) - - (4) R4 = R7 * R7 (4) (2) (3) 5 - (4) rinviata perché in WAW con (3) 6 (3) e (4) ritirabili ma attendono il completamento di (2) (2) (3) (4) Esercizio 1 (20%) Si assuma di avere una macchina con 10 registri ufficiali (da R0 a R9) e sufficienti registri segreti in grado di avviare 2 istruzioni per ciclo di clock. Tale macchina richiede 2 cicli

Dettagli

ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI

ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI PROGETTO DELLA CPU MEMORIZZAZIONE DEGLI OPERANDI DOVE SONO MEMORIZZATI GLI OPERANDI NELLA CPU? ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI SCELTE PROGETTUALI: 1. DOVE SONO MEMORIZZATI

Dettagli

La Macchina Virtuale

La Macchina Virtuale Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Anno Accademico 2008/2009 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

CPU pipeline 4: le CPU moderne

CPU pipeline 4: le CPU moderne Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 25 CPU pipeline 4: le CPU moderne Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 25 1/16

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

Input/Output: bus, interfacce, periferiche

Input/Output: bus, interfacce, periferiche Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 29 Input/Output: bus, interfacce, periferiche A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L

Dettagli

PROGRAMMA di INFORMATICA E LABORATORIO Classi prime Servizi Commerciali (Grafica)

PROGRAMMA di INFORMATICA E LABORATORIO Classi prime Servizi Commerciali (Grafica) Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA di INFORMATICA E LABORATORIO Classi prime Servizi Commerciali (Grafica) INFORMAZIONE, DATI E LORO CODIFICA o Definizione di Informatica o Differenza

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2012-2013 QUADERNO DI INFORMATICA

ANNO SCOLASTICO 2012-2013 QUADERNO DI INFORMATICA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 QUADERNO DI INFORMATICA L INFORMAZIONE L informazione è un concetto (legato, ma indipendente dal codice usato). Non riguarda solo interazioni umane. L informazione analizza il

Dettagli

Università degli studi di Roma Tor Vergata Ingegneria Medica Informatica I Programma del Corso

Università degli studi di Roma Tor Vergata Ingegneria Medica Informatica I Programma del Corso Obiettivi formativi Introdurre i principi del funzionamento di un elaboratore e della programmazione. Presentare gli approcci elementari alla soluzione di problemi (algoritmi)e al progetto di strutture

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

In realtà, non un solo microprocessore, ma un intera famiglia, dalle CPU più semplici con una sola pipeline a CPU molto complesse per applicazioni ad

In realtà, non un solo microprocessore, ma un intera famiglia, dalle CPU più semplici con una sola pipeline a CPU molto complesse per applicazioni ad Principi di architetture dei calcolatori: l architettura ARM. Mariagiovanna Sami Che cosa è ARM In realtà, non un solo microprocessore, ma un intera famiglia, dalle CPU più semplici con una sola pipeline

Dettagli

Introduzione alle architetture parallele

Introduzione alle architetture parallele Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Introduzione alle architetture parallele Corso di Sistemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2009/10 Parallelismo Il parallelismo

Dettagli

Sistemi Operativi Giovanni Conforti. Sistemi di I/O

Sistemi Operativi Giovanni Conforti. Sistemi di I/O Sistemi Operativi Giovanni Conforti Sistemi di I/O 1 Sistemi di I/O Un ruolo fondamentale in un sistema di calcolo è rivestito dai dispositivi di I/O I dispositivi di I/O che popolano un sistema di calcolo

Dettagli

Il Sistema Operativo Introduzione Gestione dei processi Gestione della memoria Memoria cache (cenni) Informatica B Prof. A.

Il Sistema Operativo Introduzione Gestione dei processi Gestione della memoria Memoria cache (cenni) Informatica B Prof. A. Il Sistema Operativo Introduzione Gestione dei processi Gestione della memoria Memoria cache (cenni) Informatica B Prof. A. Morzenti Il sistema Operativo Il sistema operativo (SO) è uno strato software

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Strutturata

Laboratorio di Programmazione Strutturata Laboratorio di Programmazione Strutturata Facoltà di Scienze e Tecnologie per i Media Anno 2008/2009 Dati Generali Docente del corso : Dott. Tulimiero Davide Materiale del corso : Corso completo di programmazione

Dettagli

Francia dalla contrazione delle parole INFORmazione e automatica. Elaborazione e trattamento automatico delle informazioni INFORMATICA

Francia dalla contrazione delle parole INFORmazione e automatica. Elaborazione e trattamento automatico delle informazioni INFORMATICA INFORMATICA La parola INFORMATICA indica l insieme delle discipline e delle tecniche che permettono la trattazione automatica delle informazioni che sono alla base delle nostre conoscenze e delle loro

Dettagli

Processi e thread. Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy. Sommario

Processi e thread. Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy. Sommario Processi e thread Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy Sommario Concetto di processo Stati di un processo Operazioni e relazioni tra processi Concetto di thread Gestione dei processi

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Implementazione del file system Implementazione del File System Struttura del file system. Realizzazione del file system. Implementazione delle directory. Metodi di allocazione. Gestione dello spazio libero.

Dettagli

Introduzione. Indice. Linguaggio macchina. Linguaggio assembler

Introduzione. Indice. Linguaggio macchina. Linguaggio assembler Indice Linguaggio ad alto livello, linguagio assembler e linguaggio macchina Il linguaggio assembler MIPS: istruzioni aritmetiche, di trasferimento dati e di salto Conversione linguaggio assembler in linguaggio

Dettagli

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO ARCHIVIO è un insieme di informazioni che hanno tra di loro un nesso logico (sono inerenti ad uno stesso argomento) e sono organizzate in modo tale da renderne facile la consultazione Le informazioni di

Dettagli

Sistemi Operativi per Sistemi di Elaborazione Ubiqui

Sistemi Operativi per Sistemi di Elaborazione Ubiqui Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sistemi Operativi per Sistemi di Elaborazione Ubiqui Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Sistemi Operativi per Ubiquitous Computing Palm OS Symbian OS

Dettagli

Architetture DSP. Capitolo 6

Architetture DSP. Capitolo 6 Capitolo 6 Architetture DSP Un convertitore analogico-digitale (ADC) trasforma un segnale a tempo continuo in una sequenza di bit; viceversa un convertitore digitale-analogico (DAC) trasforma una sequenza

Dettagli

1. INTRODUZIONE ALL INFORMATICA. LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI

1. INTRODUZIONE ALL INFORMATICA. LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI LICEO SCIENTIFICO STATALE F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMA SVOLTO Disciplina: INFORMATICA Docente: LUCARELLI STEFANIA Classe: PRIMA Sezione: O Anno Scolastico 2013/2014 1. INTRODUZIONE ALL INFORMATICA. LA

Dettagli

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Lezione 11 system Sistemi operativi 12 maggio 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 11.1 Di cosa parliamo in questa lezione? L interfaccia : system 1 Il

Dettagli

Lezione1. Cos è la computer grafica. Lezione del 10 Marzo 2010. Michele Antolini Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano

Lezione1. Cos è la computer grafica. Lezione del 10 Marzo 2010. Michele Antolini Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano Lezione1 Informatica Grafica Cos è la computer grafica Lezione del 10 Marzo 2010 Grafica OpenGL vs Direct Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano 1.1 Tubo a Raggi Catodici Cathode Ray

Dettagli

Sistemi Operativi. Introduzione. C.d.L. in Informatica (laurea triennale) Anno Accademico 2009-2010. Dipartimento di Matematica e Informatica Catania

Sistemi Operativi. Introduzione. C.d.L. in Informatica (laurea triennale) Anno Accademico 2009-2010. Dipartimento di Matematica e Informatica Catania Sistemi Operativi C.d.L. in Informatica (laurea triennale) Anno Accademico 2009-2010 Dipartimento di Matematica e Informatica Catania Introduzione Prof. Mario Di Raimondo Sistemi Operativi 9 CFU (72 ore)

Dettagli

IL DSP - Digital Signal Processor

IL DSP - Digital Signal Processor IL DSP - Digital Signal Processor Processore dei segnali digitali 1. Generalità Il Digital Signal Processor (DSP, processore di segnali digitali) è un particolare tipo di microprocessore, ottimizzato per

Dettagli

Sommario. Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi. Categorie di Dispositivi di I/O. Human readable

Sommario. Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi. Categorie di Dispositivi di I/O. Human readable Sommario Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi Dispositivi di I/O Organizzazione delle funzioni di I/O Problematiche di Progettazione I/O Buffering Disk Scheduling Categorie di Dispositivi di I/O Area

Dettagli

Richiami di informatica e programmazione

Richiami di informatica e programmazione Richiami di informatica e programmazione Il calcolatore E una macchina usata per Analizzare Elaborare Collezionare precisamente e velocemente una grande quantità di informazioni. Non è creativo Occorre

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Architettura di un sistema operativo

Architettura di un sistema operativo Architettura di un sistema operativo Struttura di un S.O. Sistemi monolitici Sistemi a struttura semplice Sistemi a livelli Virtual Machine Sistemi basati su kernel Sistemi con microkernel Sistemi con

Dettagli

Software. Algoritmo. Algoritmo INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Software. Algoritmo. Algoritmo INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Gli elaboratori utilizzano memoria per Dati da elaborare Istruzioni eseguite dall elaboratore software differenti risoluzione problemi differenti Algoritmo

Dettagli

Cosa è un Sistema Operativo (S.O.)

Cosa è un Sistema Operativo (S.O.) Cosa è un Sistema Operativo (S.O.) Modulo software costituito da un insieme di programmi per: permettere all utente l uso dell elaboratore senza la conoscenza approfondita dell hardware S.O. supporto all

Dettagli

Il processore SHARC ADSP-21262

Il processore SHARC ADSP-21262 2 Il processore SHARC ADSP-21262 Il processore ADSP-21262, utilizzato nel presente lavoro, appartiene ad una vasta famiglia di Digital Signal Processors della Analog Devices, denominata SHARC, particolarmente

Dettagli

Parte I. Evoluzione dei Sistemi di Elaborazione (a.a. 2008-2009)

Parte I. Evoluzione dei Sistemi di Elaborazione (a.a. 2008-2009) Parte I Evoluzione dei Sistemi di Elaborazione (a.a. 2008-2009) I.1 Evoluzione degli Elaboratori N.B. Quasi tutto è successo negli ultimi 50 anni I.2 Generazione 0 (1600-1945) Pascal (1623-1662) Pascaline:

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella Il Sistema Operativo Sistema Operativo 2 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Concetti base e architettura. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. Concetti base e architettura. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) Concetti base e architettura Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario Funzionamento

Dettagli

10.7 La classe BitSet... 555 Esercizi di autovalutazione... 558 Risposte agli esercizi di autovalutazione... 559 Esercizi 559

10.7 La classe BitSet... 555 Esercizi di autovalutazione... 558 Risposte agli esercizi di autovalutazione... 559 Esercizi 559 Sommario PREFAZIONE... XI Il nostro approccio didattico... xi Una panoramica del libro... xiv Ringraziamenti... xvii Gli autori... xix Deitel & Associates, Inc.... xx CAPITOLO 1 LA GRAFICA E JAVA2D...

Dettagli

Guida rapida all'insegnamento

Guida rapida all'insegnamento Guida rapida all'insegnamento Architettura degli elaboratori Docente: Giuseppe Scollo Università di Catania Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica, AA 2010-11

Dettagli

AXO. Operativi. Architettura dei Calcolatori e Sistemi. memoria virtuale

AXO. Operativi. Architettura dei Calcolatori e Sistemi. memoria virtuale AXO Architettura dei Calcolatori e Sistemi Operativi memoria virtuale concetto di memoria virtuale Separare il concetto di: spazio di indirizzamento di un programma eseguibile e dimensione effettiva della

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Funzioni dei Sistemi Operativi!2 Le funzioni principali del SO Gestire le risorse dell elaboratore

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Architettura

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Architettura Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Architettura Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Obiettivi di un sistema operativo Concetti di base sui sistemi operativi

Dettagli

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche Input/Output n Grande varietà di periferiche gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi n Tutti più lenti della CPU e della RAM n Necessità di avere moduli di I/O Moduli

Dettagli

I Thread. I Thread. I due processi dovrebbero lavorare sullo stesso testo

I Thread. I Thread. I due processi dovrebbero lavorare sullo stesso testo I Thread 1 Consideriamo due processi che devono lavorare sugli stessi dati. Come possono fare, se ogni processo ha la propria area dati (ossia, gli spazi di indirizzamento dei due processi sono separati)?

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto. Sistemi Operativi mod.

Sistemi Distribuiti. Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto. Sistemi Operativi mod. Sistemi Distribuiti Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto 19.1 Introduzione A metà degli anni quaranta inizia l era dei calcolatori elettronici

Dettagli

Introduzione. Sistemi Distribuiti. Introduzione. Introduzione. Definizione di sistema distribuito. Introduzione

Introduzione. Sistemi Distribuiti. Introduzione. Introduzione. Definizione di sistema distribuito. Introduzione Sistemi Distribuiti Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto A metà degli anni quaranta inizia l era dei calcolatori elettronici moderni: grandi, costosi e

Dettagli

Ottimizzazioni 1 Corso di sviluppo Nvidia CUDATM. Davide Barbieri

Ottimizzazioni 1 Corso di sviluppo Nvidia CUDATM. Davide Barbieri Ottimizzazioni 1 Corso di sviluppo Nvidia CUDATM Davide Barbieri Panoramica Lezione Principali versioni dell'hardware CUDA Tesla Fermi Accesso veloce alla memoria globale Accesso veloce alla memoria condivisa

Dettagli

02 - Organizzazione dei sistemi di calcolo

02 - Organizzazione dei sistemi di calcolo Organizzazione dei sistemi di calcolo - Processori - Memoria principale - Memoria secondaria - Input/Output Pagina 2 Processori Pagina 3 La CPU è composta da: - Unità di controllo - Unità logico-aritmetica

Dettagli