IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA"

Transcript

1 IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle entrate fornisce alcuni chiarimenti in merito alla deducibilità delle spese di rappresentanza, dopo la nuova formulazione dell articolo 108 del TUIR e l emanazione del decreto ministeriale 19 novembre NORMATIVA PREVIGENTE ED ATTUALE: LE NOVITA L art. 1, comma 33, lett. p), Finanziaria 2008, ha modificato la disciplina riguardante le spese di rappresentanza, contenuta nell art. 108, comma 2, del TUIR, prevedendo che le stesse sono deducibili nel periodo d imposta di sostenimento se rispondenti a requisiti di inerenza e congruità fissati con apposito decreto. Formulazione previgente Art. 108, comma 2 Le spese di pubblicità e propaganda sono deducibili nell esercizio in cui sono state sostenute o in quote costanti nell esercizio stesso e nei quattro successivi. Le spese di rappresentanza sono ammesse in deduzione nella misura di un terzo del loro ammontare e sono deducibili per quote costanti nell esercizio in cui sono state sostenute e nei quattro successivi. Si considerano spese di rappresentanza anche quelle sostenute per i beni distribuiti gratuitamente, anche se recano emblemi, denominazioni o altri riferimenti atti a distinguerli come prodotti dell impresa, e i contributi erogati per l organizzazione di convegni e simili. Le predette limitazioni non si applicano ove le spese di rappresentanza siano riferite a beni di cui al periodo precedente di valore unitario non eccedente euro 25,82. Formulazione attuale Art. 108, comma 2 Le spese di pubblicità e propaganda sono deducibili nell esercizio in cui sono state sostenute o in quote costanti nell esercizio stesso e nei quattro successivi. Le spese di rappresentanza sono deducibili nel periodo d imposta di sostenimento se rispondenti ai requisiti di inerenza e congruità stabiliti con decreto del Ministro dell economia e delle finanze, anche in funzione della natura e della destinazione delle stesse, del volume dei ricavi dell attività caratteristica dell impresa e dell attività internazionale dell impresa. Sono comunque deducibili le spese relative a beni distribuiti gratuitamente di valore unitario non superiore a euro 50.

2 Dal confronto tra le due disposizioni, emerge quanto segue: - nessuna modifica per le spese di pubblicità e propaganda; - le spese di rappresentanza non sono più deducibili limitatamente ad un terzo del loro ammontare, in cinque quote costanti, ma sono deducibili: nel periodo di sostenimento; a condizione che siano soddisfatte le condizioni fissate da un apposito decreto ministeriale; - per le spese di rappresentanza relative a beni di modico valore ceduti gratuitamente, per le quali è riconosciuta l integrale deducibilità nell esercizio di sostenimento, l ammontare massimo del valore unitario dei beni è innalzato da euro 25,82 a euro IL DECRETO MINISTERIALE DEL 19 NOVEMBRE 2008 Il decreto ministeriale in oggetto, oltre a fornire una definizione generale delle spese di rappresentanza, fondata sui concetti di gratuità, inerenza e funzionalità, fornisce una elencazione delle fattispecie che danno origine a costi da sottoporre ai nuovi limiti di deducibilità a scaglioni, sia di quelle che ne sono escluse. 2.1 Definizione generale ed elenco delle fattispecie L articolo 1, comma 1, del decreto stabilisce che: si considerano inerenti, sempreché effettivamente sostenute e documentate, le spese per erogazioni a titolo gratuito di beni e servizi, effettuate con finalità promozionali o di pubbliche relazioni e il cui sostenimento risponda a criteri di ragionevolezza in funzione dell obiettivo di generare, anche potenzialmente, benefici economici per l impresa ovvero sia coerente con pratiche commerciali di settore Il carattere della gratuità Come si evince dalla relazione illustrativa al decreto, la gratuità costituisce il carattere essenziale di tali spese. La gratuità è caratterizzata dalla mancanza di un corrispettivo o di una specifica controprestazione da parte dei destinatari dei beni e servizi erogati. Da tale elemento, emerge la distinzione tra spese di rappresentanza e di pubblicità: per le prime l elemento qualificante è la gratuità; le seconde, invece, sono caratterizzate dalla circostanza che il loro sostenimento è frutto di un contratto a prestazioni corrispettive, la cui causa va ricercata nell obbligo della controparte di pubblicizzare/propagandare, a fronte della percezione di un corrispettivo, il marchio e/o il prodotto dell impresa al fine di stimolarne la domanda Finalità promozionali e di pubbliche relazioni Il requisito di inerenza è collegato, oltre che alla gratuità, anche alla specifica destinazione delle spese. Il decreto ministeriale considera inerenti le erogazioni a titolo gratuito che perseguono finalità promozionali o di pubbliche relazioni. Con la circolare in oggetto, è chiarito che: le finalità promozionali consistono nella divulgazione sul mercato dell attività svolta, dei beni e servizi prodotti, a beneficio sia degli attuali clienti che di quelli potenziali; nelle finalità di pubbliche relazioni sono ricomprese tutte le iniziative volte a diffondere e/o consolidare l immagine dell impresa, ad accrescerne l apprezzamento presso il pubblico, senza una diretta correlazione con i ricavi. Alla luce di quanto sopra, possono essere qualificate come spese di rappresentanza: le erogazioni gratuite a favore di clienti; le erogazioni gratuite a favore di altri soggetti con i quali l impresa ha interesse ad intrattenere pubbliche relazioni Ragionevolezza e coerenza Il decreto ministeriale specifica ulteriormente il requisito dell inerenza, richiedendo che il sostenimento delle spese di rappresentanza risponda, in ogni caso, a criteri di ragionevolezza in funzione dell obiettivo di generare, anche solo potenzialmente, benefici economici per l impresa ovvero, in alternativa, sia coerente con pratiche commerciali di settore.

3 In sintesi, una spesa di rappresentanza deve risultare: ragionevole, cioè idonea a generare ricavi ed adeguata rispetto all obiettivo atteso in termini di ritorno economico; oppure, coerente con le pratiche commerciali di settore. Tali requisiti sono alternativi. In caso di assenza, in un determinato settore, di pratiche commerciali o di incoerenza della spesa rispetto a tali pratiche, è necessario dimostrarne la ragionevolezza, valutandone l idoneità a generarne ricavi. Come chiarito nella relazione illustrativa al decreto ministeriale, la presenza di tali elementi funzionali garantisce il collegamento di tali spese con l attività d impresa e la loro distinguibilità rispetto ad altre fattispecie in cui l erogazione gratuita di reddito, soprattutto in funzione del beneficiario, risponde ad altre finalità (si pensi alle erogazioni ai soci, autoconsumo, liberalità ai dipendenti). 3. ELENCO ESEMPLIFICATIVO DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA La definizione generale di spesa di rappresentanza, è integrata da un elenco, non tassativo, di alcune fattispecie che anche nel passato sono state oggetto di pronuncia e di controllo da parte dell Amministrazione. L articolo 1 del decreto ministeriale, espressamente stabilisce che costituiscono spese di rappresentanza: a) Spese per viaggi turistici in occasione dei quali siano programmate e in concreto svolte significative attività promozionali dei beni o dei servizi la cui produzione o il cui scambio costituisce oggetto dell attività caratteristica dell impresa; b) Spese per feste, ricevimenti e altri eventi di intrattenimento organizzati in occasione di ricorrenze aziendali o di festività nazionali o religiose; c) Spese per feste, ricevimenti e altri eventi di intrattenimento organizzati in occasione dell inaugurazione di nuove sedi, uffici o stabilimenti dell impresa; d) Spese per feste, ricevimenti e altri eventi di intrattenimento organizzati in occasione di mostre, fiere, ed eventi simili in cui sono esposti i beni e i servizi prodotti dall impresa; e) Ogni altra spesa per beni e servizi distribuiti o erogati gratuitamente, ivi inclusi i contributi erogati gratuitamente per convegni, seminari e manifestazioni simili il cui sostenimento risponda a criteri di inerenza indicati nel presente comma. Le spese sopraelencate, anche se non esauriscono le fattispecie delle spese di rappresentanza, sono considerate di regola inerenti all attività di impresa. Rimane tuttavia il potere degli uffici di verificare, in sede di controllo, che nel caso specifico siano rispettati i criteri generali di inerenza e quelli specifici in relazione alle singole ipotesi individuate dal decreto. 3.1 Spese per viaggi turistici Nel caso di spese per viaggi turistici nell ambito dei quali sono programmate e svolte attività promozionali dei propri beni e servizi, l inerenza della relativa spesa deve essere valutata anche in relazione al concetto di significatività dell attività promozionale e all effettivo svolgimento della stessa. L impresa dovrà predisporre idonea documentazione che attesti l effettivo svolgimento dell attività promozionale e la rilevanza di attività qualificabili come promozionali.

4 3.2 Spese per feste, ricevimenti ed altri eventi di intrattenimento Per quanto riguarda le spese per feste, ricevimenti ed altri eventi di intrattenimento organizzati in occasione di ricorrenze aziendali, festività nazionali o religiose nonché inaugurazioni di nuove sedi, uffici o stabilimenti dell impresa, è necessario documentare la tipologia dei destinatari delle spese. Se sono presenti esclusivamente dipendenti dell impresa, tali spese non sono qualificabili come spese di rappresentanza, per la mancanza della finalità promozionale e della ragionevolezza, come sopra definiti. Nel caso di feste, ricevimenti ed altri eventi di intrattenimento organizzati in occasione di mostre, fiere ed eventi simili, si ritiene che l impresa debba dimostrare, tenendo opportune evidenze documentali, che ha effettivamente esposto i propri beni nell ambito dell evento. 3.3 Altre spese residuali Il decreto ministeriale qualifica come spese di rappresentanza ogni altra spesa per beni e servizi distribuiti o erogati gratuitamente, ivi inclusi i contributi erogati gratuitamente per convegni, seminari e manifestazioni simili il cui sostenimento risponda a criteri di inerenza indicati nel presente comma. Tale fattispecie costituisce una ipotesi residuale rispetto alle precedenti lettere, nella quale trova collocazione ogni altra erogazione gratuita di beni e servizi effettuata in occasioni diverse, ma comunque idonea, anche potenzialmente, ad assicurare all impresa benefici in termini promozionali o relazionali (nella relazione illustrativa, a titolo esemplificativo, vengono menzionate le spese sostenute per instaurare o mantenere i rapporti con i rappresentanti delle amministrazioni statali o locali o con le associazioni di categoria, sindacali, etc.). Tali spese, aventi finalità relazionali, sono deducibili nei limiti di congruità fissati dal comma 2 del decreto (ed analizzate nel successivo paragrafo), quando sono anche potenzialmente idonee a generare ritorni economici per l impresa o sono coerenti con le pratiche commerciali del settore di attività. Rientrano in tale fattispecie, inoltre, i contributi erogati gratuitamente per convegni, seminari e manifestazioni simili. Anche per tali spese deve essere verificata l inerenza. 4. LIMITI DI DEDUCIBILITÀ E PERIODO DI IMPUTAZIONE Le spese sono deducibili nel periodo d imposta di sostenimento. Il comma 2 dell articolo 1 del decreto ministeriale individua il parametro idoneo alla misurazione della congruità, costituito dai ricavi e altri proventi della gestione caratteristica dell impresa risultanti dalla dichiarazione dei redditi relativa al periodo d imposta in cui sono state sostenute. La deducibilità è stabilita in misura progressiva, come indicato nella tabella sottostante: Ricavi e/o proventi gestione caratteristica: Percentuale di deducibilità fino a euro 10 milioni 1,3 per cento per la parte eccedente euro 10 milioni e 0,5 per cento fino a euro 50 milioni per la parte eccedente euro 50 milioni 0,1 per cento Tale norma stabilisce, quindi, un limite quantitativo entro il quale le spese di rappresentanza sono da considerare congrue rispetto al volume di ricavi dell attività caratteristica dell impresa e, come tali, deducibili nell esercizio in cui sono state sostenute. Le spese eccedenti tale limite sono indeducibili e saranno oggetto di apposita variazione in aumento in dichiarazione dei redditi. Il plafond non utilizzato (nel caso di spese di rappresentanza inferiore al limite di congruità), non può essere portato in aumento negli anni successivi.

5 Nella circolare sono illustrati alcuni esempi sulle modalità di determinazione delle spese deducibili. Esempio n. 1: una impresa ha sostenuto spese di rappresentanza per euro I ricavi della gestione caratteristica sono pari a euro Verifica della quota deducibile: Ricavi % deducibilità Spese di rappresentanza deducibili 1 scaglione ,3% scaglione ,5% scaglione ,1% Totale L impresa può dedurre spese di rappresentanza per un ammontare massimo di euro ; l eccedenza di è indeducibile e dovrà essere ripresa a tassazione. Esempio n. 2: una impresa ha sostenuto spese di rappresentanza per euro I ricavi della gestione caratteristica sono pari a euro Verifica della quota deducibile: Ricavi % deducibilità Spese di rappresentanza deducibili 1 scaglione ,3% scaglione ,5% scaglione ,1% Totale La società potrà dedurre interamente le spese di rappresentanza sostenute; la quota del plafond di deducibilità non utilizzata di euro ( ) non potrà essere utilizzata nei periodi d imposta successivi. 4.1 Ricavi e proventi della gestione caratteristica Rientrano in tale nozione i ricavi e proventi rilevanti ai fini fiscali che, in considerazione dell attività svolta dall impresa, possono considerarsi caratteristici. 4.2 Spese di rappresentanza relative a prestazioni alberghiere e a somministrazione di alimenti e bevande. Dal periodo d imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2008 (cioè, dal 2009 per i contribuenti con periodo d imposta coincidente con l anno solare), le spese relative ad alberghi/ristoranti sono deducibili nella misura del 75%. Tale modifica, contenuta nell articolo 109, comma 5, ultimo periodo, TUIR, è intervenuta per effetto dell articolo 83, comma 28- quater, lett. a), del D.L. n. 112/2008 convertito in legge n. 133/2008. Il limite del 75% costituisce il limite massimo di deducibilità delle spese in questione e, ai fini delle imposte dirette, tale limite opera anche in relazione alle spese che si configurano quali spese di rappresentanza (come precisato dall Agenzia nella circolare n. 53/E/2008). Di conseguenza, le spese relative ad alberghi e ristoranti qualificabili come spese di rappresentanza, sono soggette ad un doppio limite di deducibilità: in via preliminare, è applicabile il limite di deducibilità del 75%; successivamente (cioè, dopo la riduzione al 75%), l importo è deducibile: per le imprese, nei limiti di congruità previsto dal D.L. 19 novembre 2008; per i lavoratori autonomi, nel limite dell 1% dei compensi percepiti nell anno. Se le spese per albergo/ristorante rientrano nelle spese per ospitalità di clienti, considerato che queste ultime non sono qualificate come spese di rappresentanza (si veda il par. 5), è applicabile esclusivamente il limite di deducibilità del 75%.

6 Esempio 1: Ricavi e altri proventi della gestione caratteristica: euro Spese di rappresentanza : euro , di cui: - euro , per spese alberghiere e di ristorazione qualificabili come spese di rappresentanza; - euro , quali altre spese di rappresentanza. Le spese alberghiere/ristorazione di euro dovranno essere assoggettate al limite del 75%. Di conseguenza, l importo deducibile sarà: x 75%: euro L importo di euro dovrà essere sommato alle altre spese di rappresentanza, pari a euro ; l intero importo di euro dovrà essere confrontato con il plafond di deducibilità previsto dal decreto ministeriale e pari ad euro (come nel precedente esempio 2). L impresa, quindi, potrà dedurre spese di rappresentanza per euro , mentre le residue dovranno essere riprese a tassazione mediante una variazione in aumento in dichiarazione dei redditi. Esempio 2: Ricavi e altri proventi della gestione caratteristica: euro Spese di rappresentanza : euro , di cui: - euro , per spese alberghiere e di ristorazione qualificabili come spese di rappresentanza; - euro , quali altre spese di rappresentanza. Le spese alberghiere/ristorazione di euro dovranno essere assoggettate al limite del 75%. Di conseguenza, l importo deducibile sarà: x 75%: euro L importo di euro dovrà essere sommato alle altre spese di rappresentanza, pari a euro ; l intero importo di euro dovrà essere confrontato con il plafond di deducibilità previsto dal decreto ministeriale e pari ad euro L impresa, quindi, potrà dedurre spese di rappresentanza per euro , mentre le residue dovranno essere riprese a tassazione mediante una variazione in aumento in dichiarazione dei redditi. Esempio 3: Ricavi e altri proventi della gestione caratteristica: euro Spese di rappresentanza : euro , di cui: - euro , per spese alberghiere e di ristorazione qualificabili come spese di rappresentanza; - euro , quali altre spese di rappresentanza. Spese per ospitalità clienti: euro , di cui: - euro per viaggi - euro per alberghi/ristoranti. Le spese di rappresentanza deducibili ammontano (analogamente all esempio precedente), ad euro Le spese per ospitalità clienti non sono qualificabili come spese di rappresentanza e, pertanto, non saranno assoggettate al limite del plafond di deducibilità di cui al decreto ministeriale. A tali spese si applicherà unicamente il limite del 75%, sulla parte relative alle spese di albergo/ristorante, mentre quelle di viaggio saranno interamente deducibili. Quindi: euro x 75%= euro (spese alberghi/ristoranti per ospitare clienti deducibili); le residue spese per euro (cioè, ) saranno riprese a tassazione. 4.3 Imprese di nuova costituzione Uno speciale criterio di deducibilità è riconosciuto dal comma 3 del decreto ministeriale per le imprese di nuova costituzione, in quanto nella fase di avvio generano normalmente ricavi di ammontare modesto. Le spese sostenute nei periodi di imposta anteriori a quello in cui sono conseguiti i primi ricavi, possono essere portate in deduzione dal reddito dello stesso periodo e di quello successivo se e nella misura in cui le spese sostenute in tali periodi sono inferiori a quelle deducibili sulla base della tabella per il calcolo del plafond. Per imprese di nuova costituzione s intendono quelle che presentano il requisito di novità previsto dall articolo 84, c. 2, TUIR, per il riporto illimitato nel tempo delle perdite. Deve trattarsi, quindi, di una nuova attività produttiva.

7 Le spese di rappresentanza sostenute dall impresa nella fase iniziale, in cui i ricavi sono pari a zero, potrà essere differita nel rispetto di due limiti: - limite temporale: le spese potranno essere dedotte nell esercizio di conseguimento dei primi ricavi e proventi della gestione caratteristica dell impresa e, al massimo, in quello successivo; - limite quantitativo: le spese di rappresentanza sostenute nella fase di start up, saranno deducibili nella misura in cui le medesime spese sostenute nel periodo di conseguimento dei primi ricavi e del successivo siano inferiori al relativo plafond di deducibilità. Nell esercizio di conseguimento dei primi ricavi e in quello successivo vanno innanzitutto dedotte le spese di rappresentanza sostenute in tali periodi e, nel caso in cui residui un eccedenza di plafond, lo stesso può essere utilizzato ai fini della deducibilità delle spese sostenute nei primi periodi d imposta caratterizzati dall assenza di ricavi. Esempio Una società, costituita nel 2008, presenta la seguente situazione: Ricavi/proventi gestione caratteristica Spese di rappresentanza sostenute nell esercizio Limite deducibilità (*) (**) (*) L importo di è ottenuto applicando ai ricavi pari ad euro la percentuale di deducibilità dell 1,3% ( x 1,3%). (**)L importo di è ottenuto applicando ai ricavi pari ad euro la percentuale di deducibilità dell 1,3% ( x 1,3%). Le spese di rappresentanza sostenute nel 2008 e 2009 (quando ancora i ricavi no erano realizzati) potranno essere dedotte nel 2010 e, al massimo, nel 2011 (rispettando i limiti imposti dal decreto). Quindi, le spese di rappresentanza potranno essere dedotte: - nel 2010 per un importo di euro , così costituito: euro sostenute nell anno 2010; euro sostenute negli anni (le residue spese per euro potranno ancora essere dedotte nel 2011) - nel 2011 per un importo di euro , così costituito: euro sostenute nell anno 2011; euro sostenute negli anni Le residue spese di rappresentanza sostenute negli anni , pari ad euro 1.500, non potranno essere ulteriormente riportate nel 2012 e risulteranno quindi indeducibili. 4.4 Spese relative a beni distribuibili gratuitamente di valore unitario non superiore a 50 euro. Nel calcolo delle spese deducibili non si tiene conto delle spese relative a beni distribuiti gratuitamente di valore unitario non superiore a 50 euro: tale precisazione, contenuta nel comma 4 del decreto ministeriale, realizza il coordinamento delle nuove disposizioni in esame con quanto stabilito nell ultimo periodo dell articolo 108, comma 2, TUIR. Tali beni risultano, quindi, essere integralmente deducibili nell esercizio di sostenimento del costo, a prescindere dai ricavi/proventi conseguiti. Tale disciplina è relativa solo ai beni, non anche ai servizi di pari valore. Nel caso di omaggio composto di più beni, il valore di 50 euro va riferito al valore complessivo dell omaggio. Infine, le spese relative a tali piccoli omaggi non vanno incluse nell ammontare delle spese di rappresentanza da confrontare con il plafond di deducibilità, ma possono essere interamente dedotte (la relazione al decreto ministeriale, infatti, stabilisce che l importo di dette spese non interferisce con l importo deducibile di cui al comma 2). 5. ESCLUSIONE DALLA DISCIPLINA DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Il comma 5 del decreto in oggetto elenca le spese che non costituiscono spese di rappresentanza e che, pertanto, non sono soggette ai limiti previsti.

8 Si tratta, in generale, di spese sulla cui deducibilità o meno come spese di rappresentanza sia l amministrazione finanziaria che il Comitato consultivo si sono più volte pronunciati. L esplicita indicazione nel decreto vuole, quindi, pervenire ad una maggiore certezza, pur subordinandola al rispetto di stringenti oneri di documentazione. La deducibilità di tali spese è infatti subordinata alla tenuta di un apposita documentazione dalla quale risultino anche le generalità dei soggetti ospitati, la durata e il luogo di svolgimento della manifestazione e la natura dei costi sostenuti. Le spese escluse sono le seguenti: spese di viaggio, vitto e alloggio sostenute per ospitare clienti, anche potenziali, in occasione di mostre, fiere, esposizioni ed eventi simili in cui sono esposti i beni e i servizi prodotti dall impresa o in occasione di visite a sedi, stabilimenti o unità produttive dell impresa spese di viaggio, vitto e alloggio sostenute per ospitare clienti, anche potenziali, sostenute nell ambito di iniziative finalizzate alla promozione di specifiche manifestazioni espositive o altri eventi simili sostenute da imprese la cui attività caratteristica consiste nell organizzazione di manifestazioni fieristiche e altri eventi simili spese di viaggio, vitto e alloggio sostenute direttamente dall imprenditore individuale in occasione di trasferte effettuate per la partecipazione a mostre, fiere, ed eventi simili in cui sono esposti beni e servizi prodotti dall impresa o attinenti all attività caratteristica della stessa 5.1 Clienti attuali e potenziali Si tratta, in generale, di spese di ospitalità per: - clienti attuali (cioè, soggetti attraverso i quali l impresa consegue attualmente i propri ricavi); - clienti potenziali (cioè, soggetti che abbiano in qualche modo già manifestato o possono manifestare un interesse all acquisto dei beni e servizi dell impresi, o siano destinatari dell attività della stessa); sostenute in occasioni specifiche e tassative: mostre, fiere, esposizioni, eventi simili in cui devono essere esposti i beni e i servizi prodotti, o visite a sedi, stabilimenti o unità produttive dell impresa. Il motivo dell esclusione va ricercato nel fatto che tali spese sono connotate da una forte caratterizzazione commerciale, con la conseguenza che il legislatore ne ha disposto l assimilazione agli ordinari costi di produzione. Le spese sostenute per ospitare i clienti sono strettamente correlate alla produzione dei ricavi tipici dell impresa. Si tratta di spese sostenute all interno di un contesto commerciale ben definito (fiere, mostre, esposizioni, eventi similari e visite all azienda) e sostenute direttamente a favore di quei soggetti attraverso i quali l impresa consegue effettivamente i propri ricavi. Nell ambito dei rapporti tra imprese, la potenzialità può essere dedotta in relazione all attività, affine o collegata, a quella del soggetto che partecipa agli eventi. Tali spese sono interamente deducibili, in ragione del diretto rapporto che lega il sostenimento di queste spese all ottenimento di ricavi. 5.2 Soggetti diversi Le spese di ospitalità sostenute nei confronti di soggetti diversi dai clienti, che partecipano agli eventi sopradescritti (mostre, fiere, etc.), potranno essere deducibili nei limiti in cui ne verrà valutata, in generale, l inerenza ex art. 109 TUIR. Si tratta di spese sostenute, ad esempio, per l ospitalità di fornitori, giornalisti ed agenti dell impresa.

9 5.3 Coordinamento tra il comma 5 ed il comma 1 La Circolare n. 34/E, ponendo a raffronto la disposizione di cui al citato comma 1 con quella di cui al comma 5, sottolinea che: le spese di viaggio, vitto e alloggio sostenute: a favore dei clienti in occasione di mostre, fiere, esposizioni ed eventi simili non sono considerate di rappresentanza, ancorché sostenute nell ambito di eventi analoghi a quelli individuati dal comma 1. Infatti, la disposizione di cui al comma 5 (che individua le spese non di rappresentanza) è speciale rispetto a quella di cui al comma 1 (che individua le spese di rappresentanza); indistintamente sia a favore di clienti che di altri soggetti (ad esempio, spese per un buffet offerto in occasione di una fiera cui partecipano clienti, dipendenti, giornalisti, ecc.) sono considerate interamente di rappresentanza; anche a favore di clienti attuali o potenziali, nell ambito di viaggi turistici, sono deducibili nei limiti di congruità previsti per le spese di rappresentanza in quanto l impresa che organizza viaggi turistici riconducibili alla lettera a) del comma 1 non può estrapolare dall insieme dei costi sostenuti quelli che si riferiscono a viaggio, vitto e alloggio di clienti e pertanto tutti i costi afferenti il viaggio turistico sono deducibili con le predette limitazioni. 5.4 Società specializzate nell organizzazione di fiere ed eventi simili Come previsto dal comma 5, secondo periodo, è prevista la deducibilità integrale delle spese per ospitare clienti sostenute dalle imprese che organizzano manifestazioni fieristiche non durante le fiere, ma in eventi propedeutici nei quali venga svolta attività promozionale di fiere o di altri eventi simili già programmati. Tali manifestazioni devono essere specifiche, quindi calendarizzate, cioè già programmate o in fase di realizzazione Le spese sostenute per l ospitalità di personalità del settore, che possono costituire un richiamo per la manifestazione (ad esempio, personalità del mondo scientifico), sono invece da considerarsi come costi pertinenti all organizzazione, con deducibilità integrale ai sensi dell articolo 109 TUIR. L Agenzia ritiene, infatti, che tali spese siano correlate ai ricavi della manifestazioni, semprechè si tratti di spese sostenute in via definitiva dalle società organizzatrici. Se, invece, sono state sostenute dalle società espositrici (in quanto ad esse ribaltate dalle società organizzatrici dell evento), la correlazione suddetta in capo alla società espositrice verrebbe meno. 5.5 Imprenditore individuale Le spese di viaggio, vitto e alloggio sostenute direttamente dall imprenditore individuale in occasione di trasferte effettuate per la partecipazione a mostre, fiere ed eventi simili in cui sono esposti i beni e i servizi prodotti dall impresa o attinenti all attività caratteristica della stessa, sono pienamente deducibili. La disposizione include anche le spese suddette per partecipare ad eventi in cui sono esposti beni o servizi attinenti la gestione caratteristica : sono quindi integralmente deducibili le spese sostenute direttamente dall imprenditore individuale per partecipare a manifestazioni fieristiche ed eventi similari in cui sono esposti i prodotti o servizi di altre aziende (fornitori, concorrenti) che comunque possano rappresentare, in un ottica di filiera, eventi ed interesse. Tale disposizione deve essere coordinata con quella dell art. 109, c. 5, ultimo periodo del TUIR (deducibilità al 75% di spese di vitto e alloggio sostenute dall imprenditore e diverse da quelle sostenute per trasferte). Al riguardo, si fa presente che l Agenzia, riprendendo una precisazione fornita con la circolare n. 6/E del 3 marzo 2009, punto 4, relativamente ai soci di una snc, espressamente sostiene la deducibilità al 75% delle spese di vitto e alloggio sostenute dall imprenditore individuale nell ambito delle proprie trasferte. 5.6 Spese di allestimento mostre Le spese sostenute per l organizzazione e allestimento di una mostra, stands, etc, (ad esempio, spese di trasporto, affitto e allestimento di stands) sono commerciali in quanto caratterizzate da un unico vincolo di inerenza in rapporto ai ricavi e alle vendite e sono deducibili ai sensi dell art. 109 TUIR.

10 6. DOCUMENTAZIONE Per poter dedurre interamente le spese di viaggio, vitto ed alloggio a favore dei clienti e, nei limiti previsti, le spese di rappresentanza, il contribuente deve osservare alcuni obblighi documentali: Spese di viaggio, vitto e alloggio a favore di clienti Spese di rappresentanza È necessario conservare un apposita documentazione dalla quale devono risultare anche: le generalità dei soggetti ospitati, in quanto è essenziale riscontrare che si tratta di clienti, anche potenziali dell azienda ; la durata ed il luogo di svolgimento della manifestazione; la natura dei costi sostenuti. Dalla documentazione deve risultare altresì il nesso esistente tra la spesa sostenuta a favore dei clienti e la loro partecipazione all evento promozionale. La conservazione della documentazione è richiesta a pena di decadenza del diritto all integrale deduzione delle spese. È comunque consentito al contribuente di integrare, in sede di controllo, i documenti richiesti. È necessario fornire indicazione, per ciascuna tipologia di spesa, dell ammontare totale, distinto per natura, delle erogazioni effettuate nel periodo d imposta nonché dei ricavi/proventi considerati ai fini della determinazione dell ammontare deducibile. A tal fine è possibile utilizzare il sistema di rilevazione più consono alle loro esigenze gestionali. Sarà comunque opportuno che il sistema adottato consenta di individuare agevolmente le spese di rappresentanza in base alle categorie del decreto, al fine di facilitare l attività di controllo degli organi competenti. È, ad esempio, consigliabile utilizzare codifiche di contabilizzazione differenziate per ciascuna tipologia di spesa. N.B. L Ufficio potrà richiedere anche l ammontare complessivo delle spese sostenute: per i beni ceduti gratuitamente di valore unitario non superiore a 50; per l ospitalità dei clienti (interamente deducibili). Gli obblighi documentali suddetti devono essere rispettati già in relazione alle spese sostenute nel corso del CONTRIBUENTI MINIMI Relativamente ai contribuenti minimi, la circolare specifica che le spese di rappresentanza sono deducibili nei limiti del plafond; le spese per omaggi di valore unitario non superiore a 50 euro, nonché le spese di vitto e alloggio sono deducibili integralmente nel rispetto del principio di inerenza. 8. RIFLESSI IVA La definizione delle spese di rappresentanza deducibili ai fini delle imposte dirette, tramite il decreto in oggetto, produce dei riflessi anche sulla indetraibilità dell IVA di tali spese: l articolo 19-bis1, lettera h), DPR 633/72, stabilisce, infatti, l indetraibilità ai fini IVA delle spese di rappresentanza come definite ai fini delle imposte sul reddito (ad esclusione di quelle sostenute per l acquisto di beni di costo unitario non superiore a euro 25,82) ( 1 ). I criteri di qualificazione delle spese di rappresentanza ai fini delle imposte dirette rilevano a decorrere dal periodo d imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2007: di conseguenza, i criteri di qualificazione hanno avuto riflesso immediato sull applicazione IVA già a decorrere dal 1 gennaio Si evidenzia che l ammontare del costo unitario dei beni ceduti gratuitamente per i quali è ammessa la detraibilità dell IVA a credito non ha subìto modifiche e quindi rimane fissato ad 25,82.

11 Poiché i nuovi criteri di individuazione delle spese di rappresentanza sono stati approvati con DM 19 novembre 2008, nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2008 ed il 19 novembre 2008, il contribuente potrebbe: 1) aver detratto l IVA in relazione a spese che, alla luce del nuovo decreto, sono qualificabili come spese di rappresentanza e per le quali la detrazione non è ammessa: il contribuente può provvedere al conguaglio della detrazione nel modello IVA 2009, senza applicazione di sanzioni e interessi (per il principio di tutela dell affidamento); 2) non aver detratto l IVA in relazione a spese che, alla luce del nuovo decreto, non sono qualificabili come spese di rappresentanza e per le quali la detrazione è ammessa: è possibile operare un conguaglio a favore nel modello IVA 2009, recuperando l IVA non detratta. 9. COMPILAZIONE MODELLO UNICO In merito alla modalità di evidenziazione delle spese di rappresentanza nel mod. UNICO, la circolare n. 34/E, con particolare riguardo ai soggetti in contabilità ordinaria conferma che è necessario effettuare: - una variazione in aumento di ammontare corrispondente a quello contabilizzato; - una variazione in diminuzione pari alle spese di rappresentanza deducibili. Con riferimento agli eventuali quinti residui delle spese di rappresentanza sostenute dalle società di capitali fino al periodo d imposta in corso al (2007 per la generalità dei soggetti), è confermato che le stesse devono essere ricomprese sia a colonna 1 che a colonna 2 di rigo RF43 del mod. UNICO 2009 SC.

La disciplina fiscale delle spese di rappresentanza - procedura di lavoro

La disciplina fiscale delle spese di rappresentanza - procedura di lavoro Approfondimenti e procedure La disciplina fiscale delle spese di rappresentanza - procedura di lavoro a cura del Gruppo di lavoro di Fiscalità d impresa dell ODCEC di Torino, Ivrea e Pinerolo Scopo del

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE Analisi di alcune fattispecie di variazione in aumento ed in diminuzione maggiormente significative per la determinazione del reddito d'impresa nel Modello Unico SC/2010 Il quadro RF contenuto nel Modello

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali le agevolazioni fiscali aggiornata con la normativa in vigore al 30 novembre 2007 INDICE 1. PREMESSA 2 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 4 La deducibilità dal reddito delle erogazioni liberali alle ONLUS 4 La

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti (FAQ) COMUNICAZIONE DEI DATI DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE E DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL IMPRESA

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri HELP DESK Nota Salvatempo 0006 MODULO Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri Quando serve La normativa Termini presentazione Consente la rilevazione automatica sui registri IVA dell adeguamento agli

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli