Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale"

Transcript

1 Il sistema Kompogas Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse Dealer Ufficiale

2 Garanzia di efficienza e flessibilità al servizio dell ambiente: Axpo Kompogas

3 CESARO MAC IMPORT e Axpo Kompogas Partnership per l ambiente Da sempre Cesaro Mac Import è attenta all ambiente e da sempre offre soluzioni atte a proteggerlo agevolando le esigenze e le richieste di un mercato in continua evoluzione. Diminiuire gli impatti negativi sull ambiente e valorizzare le fonti rinnovabili sono oggi non solo un obbligo morale ma una reale necessità. L Europa promuove la produzione di energia alternativa ai combustibili fossili, l Italia incentiva la produzione di biogas per un energia da rifiuti senza CO2. Il settore dell energia è sempre alla ricerca di nuove soluzioni capaci di utilizzare al meglio le risorse che abbiamo a disposizione, evitando gli sprechi inutili e cercando di produrre piuttosto che consumare energia. E l ambiente che ce lo chiede e Cesaro Mac Import con Axpo Kompogas sono in grado di rispondere con una proposta tecnologica in linea con tali richieste. Ecco perché Cesaro Mac Import ha deciso di presentare ai propri clienti un nuovo prodotto efficace e all avanguardia. Dal 2010 Cesaro Mac Import è infatti il dealer ufficiale per l Italia dei digestori anaerobici Axpo Kompogas, un sistema di trattamento dei rifiuti innovativo capace di ottenere importanti quantità di biogas in modo semplice, dinamico e continuo. Il sistema di digestione anaerobica di Axpo Kompogas associa semplicità ad efficienza straordinaria. Cesaro Mac Import è perciò orgogliosa di presentare per la prima volta in Italia un prodotto innovativo, consolidato e in linea col futuro. Axpo Kompogas 3

4 IMPIANTO Axpo Kompogas Layout tipico - Componenti 1 conferimento 2 pre trattamento I rifiuti vengono introdotti in modo automatico nel digestore. Il processo è monitorato dal software di gestione e controllo. Viene eseguita una trito-vagliatura allo scopo di ridurre la pezzatura della matrice in ingresso ad un diametro inferiore a 60 mm cesaro mac import

5 3 digestione anaerobica Il cuore pulsante del sistema è il fermentatore dove, per opera di batteri anaerobi, avviene la digestione dei rifiuti e la produzione di biogas. 4 cogenerazione Il biogas in uscita dal fermentatore viene trasformato in energia elettrica e termica. 5 ispessimento Il digestato in uscita dal reattore subisce una pressatura meccanica per separare la fase solida da quella liquida. 6 post-trattamento: compostaggio Il materiale solido viene vantaggiosamente inviato alla sezione aerobica per la produzione di compost di qualità biofiltrazione L aria di processo, carica di composti odorigeni, viene avviata al sistema filtrante ove se ne realizza l abbattimento fino a contenuti di scarso rilievo percettivo. Axpo Kompogas 5

6 una tecnologia consolidata al servizio della biologia La digestione anaerobica è un processo naturale che si sviluppa spontaneamente in condizioni di assenza d aria; la dinamica e l efficienza della stessa possono essere incrementate da una tecnologia all avanguardia e dall ottimizzazione dei processi biologici. È questo il motivo per il quale Axpo Kompogas, grazie alle competenze di un team ad alta qualificazione professionale, ha creato e messo a punto un sistema consolidato caratterizzato da elevati indici di efficienza biologica e di affidabilità strutturale. Biologia del sistema Termofilia Si è scelto di preferire un regime di termofilia per la digestione anaerobica. I batteri termofili riescono infatti a produrre maggiori quantità di biogas rispetto ai batteri mesofili. In più la temperatura costante superiore a 55 C permette l igienizzazione del materiale prima della sua uscita, senza doverlo fare in seguito. Sistema a secco I digestori Axpo Kompogas appartengono alla classe dei fermentatori a secco. Sono ideali soprattutto in Italia dove i liquidi separati a valle della digestione, sono soggetti a normative restrittive e rigorose. In virtù dell elevato contenuto di sostanza secca, compreso tra 25% e 45%, la produzione di biogas è superiore. Sistema continuo Il processo si svolge senza condizioni di discontinuità dalla fase di alimentazione alla fase di estrazione del digestato. Ogni situazione di stasi del processo presupporrebbe la rigenerazione della catena trofica, bloccata dall interruzione. I cicli di carico, processo e scarico si ripetono in continuo garantendo un alta produttività di biogas dai batteri anaerobi. Allo stesso tempo il biogas fluisce continuamente ai motori senza la necessità di un apposito serbatoio di accumulo (gasometro). sistema isolato Per permettere ai batteri di vivere nelle migliori condizioni possibili e con esse, conseguire la massimizzazione della produzione di biogas, è necessario che le condizioni di anaerobiosi vengano mantenute tali: il reattore chiuso di Axpo Kompogas isola l ambiente esterno dal normale processo che avviene al suo interno. Non esistono portoni e non esistono aperture e chiusure necessarie a far funzionare il digestore. Interno del digestore Veduta frontale del digestore 6 cesaro mac import

7 Ingegneria del sistema Plug & Flow Assicura un tempo di ritenzione certo evitando cortocircuitazioni del materiale e conseguenti riduzioni di produttività. La tecnologia Plug & Flow, un brevetto Axpo Kompogas, genera una situazione di permanenza all interno del digestore che è predeterminata e costante, ottimizzando la produttività. Grazie ad un sistema di piping a valle del digestore e di una coclea a monte per l alimentazione, la matrice è obbligata a seguire un flusso unidirezionale verso l uscita, transitando in un tempo pari a quello di ritenzione. Inoculo a monte Una parte del substrato estratto viene ricircolata in testa al digestore con la preziosa funzione di inoculare le masse fresche appena introdotte. Questo ulteriore brevetto Axpo Kompogas permette di intensificare l attacco microbico, per effetto di una popolazione microbica più numerosa, e al contempo di sfruttare per un altro ciclo parte della materia in uscita ancora con energia residuale. Sistema continuo I digestori anaerobici Axpo Kompogas non necessitano di fermi per essere ricaricati di materiale fresco. Grazie a questo sistema continuo è possibile ottenere sempre la massima efficienza e le massime rese. Il tutto si traduce in maggiori quantità di materiale trattato e di biogas prodotto. Alimentazione automatica Non ci saranno mai momenti a ridotta produzione, come i giorni festivi, i week-end e la notte. Axpo Kompogas installa nei suoi impianti un sistema di alimentazione automatica che permette al digestore un alimentazione continua nell arco delle 24 ore. Agitatore unico ad asse orizzontale I digestori di Axpo Kompogas presentano al loro interno un agitatore orizzontale dotato di pale, in grado di mantenere miscelato il materiale al suo interno. Questa operazione eleva l efficienza e i rendimenti della digestione anaerobica Axpo Kompogas, in quanto favorisce il contatto tra batteri e substrato, omogeneizza le temperature, ottimizza il rilascio di biogas, rompe le eventuali croste superficiali ed evita la decantazione delle frazioni più pesanti. Software di gestione e controllo L intero processo viene monitorato in ciascuna sua fase in tempo reale per mezzo di un software evoluto e al contempo user friendly. I diversi parametri di processo vengono misurati e registrati in continuo, garantendo all operatore di intervenire con tempestività quando necessario. Software di controllo del digestore Veduta laterale del digestore Axpo Kompogas 7

8 Il processo biologico Le nuove tecnologie hanno permesso di industrializzare la produzione di biogas. La trasformazione dei substrati organici complessi in metano e anidiride carbonica avviene attraverso una catena trofica anaerobica. Ad essa partecipano gruppi metabolici distinti di microrganismi che si diversificano sia per la natura e le caratteristiche dei substrati che per i prodotti del loro metabolismo. Il processo biodegradativo si compone di 4 fasi che si susseguono temporalmente: idrolisi, acidogenesi, acetogenesi e metanogenesi. Grazie alla disposizione orizzontale del reattore e alla tecnologia Plug & Flow, i digestori anaerobici Axpo Kompogas sono in grado anche di creare una sorta di ordine spaziale, e non solo temporale, alla digestione dei rifiuti. Sebbene non scontato, sarà più facile perciò assistere alla prima delle 4 fasi (idrolisi) a monte del reattore e all ultima (metanogenesi) a valle. Questa pseudo distribuzione degli eventi nello spazio e nel tempo garantisce al materiale di essere trattato e sfruttato fino all ultimo, evitando sprechi ed ottimizzando la produzione di biogas. Grazie poi al ricircolo di una parte del materiale in uscita, i digestori Axpo Kompogas consentono ai microrganismi di continuare a degradare il materiale da cui è possibile estrarre ancora biogas. Un metodo questo per sfruttare al massimo il rifiuto. fase 1 fase 2 Idrolisi Durante questa fase i batteri idrolitici degradano i substrati organici complessi quali proteine, grassi e carboidrati in composti semplici, quali aminoacidi, acidi grassi e zuccheri semplici: è accompagnata da acidificazione del substrato. Acidogenesi Durante questa fase i batteri fermentativi degradano i composti dell idrolisi in acidi grassi volatili, per lo più a catena corta quali il propionato e il butirrato: viene inoltre prodotto ammonio come sottoprodotto della fermentazione degli aminoacidi. Durante il transito del materiale nel digestore e la sua degradazione, il biogas prodotto sale in superfi La matrice esausta viene invece scaricat 8 cesaro mac import

9 fase 3 fase 4 Acetogenesi Durante questa fase i batteri acetogeni portano alla formazione di acido acetico, acido formico, anidride carbonica e di idrogeno. Metanogenesi A partire dai prodotti dell acetogenesi, si ha la formazione di metano e anidride carbonica. In minor misura si ha la formazione di metano a partire dall acido formico. La produzione di metano CH4 rappresenta la conclusione della catena trofica anaerobica. cie e viene convogliato verso il cogeneratore per la sua trasformazione in calore e corrente elettrica. a verso l esterno dal sistema di piping. Axpo Kompogas 9

10 tipologie di rifiuto trattabile I digestori anaerobici Axpo Kompogas sono in grado di trattare diverse tipologie di rifiuto Organico da raccolta differenziata Organico da selezione meccanica del rifiuto indifferenziato Fanghi agroalimentari Sfalci e potature verdi Fanghi civili 10 cesaro mac import

11 Le fasi di pre trattamento e post trattamento Pre trattamenti Prima di entrare nel digestore il materiale viene condizionato per ottimizzarlo dal punto di vista fisico. Allo scopo, si possono seguire due procedimenti: trito-vagliatura (FORSU da raccolta differenziata) (RSU tal quale) separazione, sfibratura, omogeneizzazione (matrici da raccolta differenziata) Si vanno ad eliminare le plastiche e soprattutto si controlla la pezzatura del materiale in ingresso al digestore Fase altamente efficiente per l eliminazione di tutte le plastiche a monte del processo di digestione. Questa fase presenta notevoli vantaggi: si ottiene un compost più pulito. digestato Post trattamenti Il digestato prodotto dalla digestione anaerobica può seguire 2 diverse vie: 1 2 Ispessimento compostaggio FASE SOLIDA FASE LIQUIDA Compost di qualità 1. In presenza di un sistema di compostaggio 2. In assenza di un sistema di compostaggio Ricircolo e trattamento Axpo Kompogas 11

12 Una gestione semplice ed economica La gestione di un impianto di digestione anaerobica Axpo Kompogas risulta molto semplificata. Il modo in cui le diverse componenti sono state congeniate permette di ottimizzare molteplici aspetti gestionali: Ridotta presenza di personale Il digestore Axpo Kompogas è un reattore chiuso e sigillato il cui carico e scarico è automatico e controllato dal software di gestione e controllo. Non c è quindi bisogno di operatori che lo mantengano in esercizio. Nessun presidio Non è necessaria la presenza di personale a protezione dell impianto: la struttura del digestore e delle sue componenti salvaguardano l incolumità delle persone ed evitano danni all impianto. Automatismi Il sistema è stato progettato per funzionare autonomamente senza la necessità di personale da impegnare nei ripetitivi cicli di selezione, prelievo e carico dei materiali conferiti. La continuità di alimentazione nell arco delle 24 ore è resa possibile anche nei giorni festivi e nei week-end ed esonera dalla necessità di prevedere ampi spazi di stoccaggio. Non è necessaria la presenza costante di operatori nell impianto. Selettività Il processo della digestione anaerobica dei rifiuti ha bisogno di miscele calibrate sotto l aspetto merceologico ed analitico. Uno squilibrio qualitativo e quantitativo può non solo rallentare la produzione di biogas ma arrivare anche ad azzerarla. Attraverso dei sensori posti nell area di conferimento, il software è in grado di selezionare il rifiuto da caricare per mantenere il processo sempre ai massimi livelli. Controllo degli odori Il sistema chiuso e sigillato permette di controllare in modo efficace l emissione di odori, evitando la diffusione verso l esterno di sostanze odorigene. Questi sono i vantaggi che permettono ad un impianto di digestione anaerobica Axpo Kompogas di poter essere costruito anche in centri abitati ed in zone industriali. igienizzazione del materiale Grazie al sistema brevettato Plug & Flow e al tempo di ritenzione certo all interno del digestore, è garantita l igienizzazione del materiale in uscita. 12 cesaro mac import

13 Biogas: Energia Pulita commerciabile MODULARITÀ: Una soluzione su misura Il biogas in uscita dai digestori anaerobici Axpo Kompogas può essere utilizzato per diversi scopi: produzione di calore, di energia elettrica e, previo trattamento, anche di biofuel. Per ogni kilogrammo di metano trattato si possono produrre c.a. 1,5 L di biofuel. Questo significa che si possono ottenere ricavi importanti dal trattamento dei rifiuti con i digestori anaerobici Axpo Kompogas I digestori anaerobici Axpo Kompogas sono sistemi modulari in grado di adattarsi a qualsiasi realtà operativa: problemi di spazio e quantità di rifiuto da trattare non sono più un problema. Bastano 250 m 2 per trattare t/a. I digestori anaerobici Axpo Kompogas sono adatti sia alle piccole che alle grandi realtà. A fine digestione Metano CH % Anidride Carbonica CO % Acido Solfidrico H2S ppm NEW PF 1500 Modulo singolo fino a t/a Lunghezza 33,8 m Larghezza 8,5 m Volume m 3 trattamento ilf20 Modulo singolo t/a Lunghezza 32 m Larghezza 7.1 m Volume m 3 Biogas come carburante Metano CH % Anidride Carbonica CO % ilf40 Modulo doppio t/a Lunghezza 32 m Larghezza 14,5 m Volume m 3 ilf60 Modulo triplo t/a Lunghezza 32 m Larghezza 22,5 m Volume m 3 Axpo Kompogas 13

14 i vantaggi di scegliere Axpo Kompogas PROCESSO ECOLOGICO Rispecchia il ciclo naturale della materia organica. In più si svolge in un reattore chiuso evitando la dispersione dei composti gassosi e volatili all esterno. Sfrutta i batteri anaerobi termofili per la digestione. PROCESSO ENERGETICO Trasforma l energia contenuta nella materia organica in un energia facilmente recuperabile e valorizzabile: il biogas. PROCESSO a secco - DRY Permette la lavorazione di una matrice con contenuto solido tra il 25% ed il 45%. Inoltre riduce notevolmente le quantità di liquidi in gioco e quindi i costi di gestione per gli smaltimenti del digestato liquido. PROCESSO FLESSIBILE Con lo stesso hardware si adatta al trattamento di diverse matrici in ingresso sopportando senza problemi la presenza di sabbie, plastiche ed inerti. Oltre a matrici selezionate è possibile trattare anche l organico da rifiuto indifferenziato. PROCESSO TERMOFILO Avviene ad una temperatura minima di 55 C. Consente la completa igienizzazione del materiale trattato ed una elevata produzione di energia. PROCESSO CONTROLLATO E SICURO I parametri che più condizionano l efficienza dei processi biologici vengono monitorati in continuo in modo da garantire la stabilità dei processi. PROCESSO COLLAUDATO Tecnologia estremamente matura e collaudata in tutto il mondo che garantisce affidabilità e longevità. Un investimento intelligente dai risultati garantiti. un sistema integrato Rifiuti biologici Ossigeno energia + Compost di qualità energia Uno dei vantaggi più interessanti dei digestori Axpo Kompogas è la loro capacità di integrarsi ad un impianto di compostaggio e di ottimizzare così la produttività. I vantaggi economici che derivano dall applicazione delle recenti disposizioni in materia di produzione di energia rinnovabile e di benefici tecnici, e non solo, che scaturiscono dalla gestione di un rifiuto già stabilizzato, esaltano la logica del trattamento sinergico e complementare in anaerobiosi e aerobiosi, in rapida sucessione. Lo schema proposto si compone di due linee operative, che grazie alla più che decennale esperienza maturata in Italia e all estero in ciascuno di questi due settori, possono vantare performance molto elevate e, cosa di non poco conto, affidabilità e ripetibilità dei processi, all interno di un ottica sempre perseguita, di salvaguardia dell ambiente da impatti negativi. Il rifiuto viene sottoposto dapprima alla degradazione della frazione putrescibile e successivamente, la stabilizzazione aerobica del materiale residuo allo scopo di ottenere un prodotto finale adatto all uso agricolo. La combinazione è oltremodo efficacie quando esistono problemi di eliminazione di liquidi di processo. È possibile infatti eliminarne l esubero inviandoli direttamente al compostaggio dopo la processazione anaerobica. Inoltre la modularità e le misure compatte permettono ai digestori Axpo Kompogas di essere inseriti in un impianto già esistente. Due prodotti vincenti - la sezione anaerobica e quella aerobica - che si avvalgono di trattamenti e processi ampiamente collaudati. La progettazione, la disposizione dei vari elementi e la creazione di un layout, che risponda alle esigenze del cliente, saranno seguiti in modo attivo da Cesaro Mac Import. I nostri ingegneri, tecnici ed operatori sono professionisti in grado di seguirvi nelle fasi più importanti della realizzazione quali la progettazione dell impianto e le procedure di autorizzazione per la sua apertura. Inoltre vi seguiremo attivamente nelle diverse fasi della costruzione e dell avviamento, continuando il nostro impegno anche in seguito. Per Cesaro Mac Import l assistenza non è un optional ma un punto cardine su cui costruire un rapporto di fiducia e collaborazione col cliente. 14 cesaro mac import

15 più di 60 digestori nel mondo pf 1500 ilf 40 chavornay - orbe (Svizzera) Anno: 2012 Capacità (t/a): N digestori: 01 faedo - trento (Italia) Anno: 2012 Capacità (t/a): N digestori: 02 ilf 20 ilf 20 narni - terni (Italia) Anno: 2012 Capacità (t/a): N digestori: 01 novi ligure - alessandria (Italia) Anno: 2012 Capacità (t/a): N digestori: 01 Axpo Kompogas 15

16 Via delle Industrie Eraclea - Venezia - Tel Fax commerciale e ufficio tecnico Fax amministrazione Fax servizio ricambi Axpo Kompogas 11/2012 ver.3 (1.000)

AUSTEP tra esperienza e innovazione

AUSTEP tra esperienza e innovazione biogas impianti AUSTEP tra esperienza e innovazione Dal 1995 AUSTEP progetta e realizza impianti di trattamento anaerobici per il settore industriale. In seguito ai recenti cambiamenti ambientali e alle

Dettagli

4 BIOGAS SRL www.4biogas.it NOI LO RENDIAMO FACILE. Impianti NOVA da 50 a 300 kwp

4 BIOGAS SRL www.4biogas.it NOI LO RENDIAMO FACILE. Impianti NOVA da 50 a 300 kwp NOI LO RENDIAMO FACILE Impianti NOVA da 50 a 300 kwp Nozioni processo biologico Formazione biogas Materiale organico batteri Calore, assenza di ossigeno Composizione: CH 4 : 46 68 Vol-% CO 2 : 30 50 Vol-%

Dettagli

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO CLAUDIO COCOZZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI La digestione anaerobica è un processo biologico per mezzo del quale, in assenza di ossigeno, la sostanza organica

Dettagli

TECNOLOGIE E TENDENZE PER IL RECUPERO DA RIFIUTI

TECNOLOGIE E TENDENZE PER IL RECUPERO DA RIFIUTI Convegno MatER 15-16 Maggio 2013 TECNOLOGIE E TENDENZE PER IL RECUPERO DA RIFIUTI Recupero di energia da fonti rinnovabili: la valorizzazione della frazione biodegradabile del rifiuto di matrice organica

Dettagli

Dati delle prove effettuate e schema di processo. Processo Hydrowaste

Dati delle prove effettuate e schema di processo. Processo Hydrowaste Dati delle prove effettuate e schema di processo 2010 Processo Hydrowaste Premessa Il problema dello smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani è molto sentito in tutta Europa. Oltre ai tradizionali metodi

Dettagli

Impianto di compostaggio anaerobico

Impianto di compostaggio anaerobico Impianto di compostaggio anaerobico la valorizzazione dei rifiuti organici, ecologicamente ed economicamente affidabile, permette di produrre compost di qualità e biogas a CO 2 neutrale per la generazione

Dettagli

QUADERNO N. 2 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICA LA BIOLOGIA DEGLI IMPIANTI. Agosto 2011. Rev. 1.01 Dr. F. Appendino

QUADERNO N. 2 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICA LA BIOLOGIA DEGLI IMPIANTI. Agosto 2011. Rev. 1.01 Dr. F. Appendino QUADERNO N. 2 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICA LA BIOLOGIA DEGLI IMPIANTI Agosto 2011 Rev. 1.01 Dr. F. Appendino Consorzio Monviso Agroenergia Via del Gibuti, 1 10064 - Pinerolo (TO) Tel 0121/325901 - Fax

Dettagli

Impianto a digestione anaerobica alimentato con deiezioni animali. www.biogas-advisor.com

Impianto a digestione anaerobica alimentato con deiezioni animali. www.biogas-advisor.com Impianto a digestione anaerobica alimentato con deiezioni animali www.biogas-advisor.com Relatore Matthias Schriewer, Ornbau (D) Studio Ingegneria biologica e tecnologia di processo a Jülich Tesi di laurea:

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI

COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI Ing. Alessandro Massone Austep S.r.l. Via Mecenate, 76/45 20138 Milano Tel. +39 02 509 94 71 Fax. +39 02 580 194 22 E-mail: info@austep.com www.austep.com 1 LA COGENERAZIONE

Dettagli

DESCRIZIONE IMPIANTO E ATTIVITA

DESCRIZIONE IMPIANTO E ATTIVITA DESCRIZIONE IMPIANTO E ATTIVITA La ditta Agrinord Srl gestisce un impianto di trattamento biologico di rifiuti urbani e speciali non pericolosi, mediante stabilizzazione aerobica (compostaggio) e digestione

Dettagli

GRAINCOURT. La filiera completa per FORSU e il trattamento del digestato. Ravenna 27 settembre 2013. Ing. Ottavio Micheletti

GRAINCOURT. La filiera completa per FORSU e il trattamento del digestato. Ravenna 27 settembre 2013. Ing. Ottavio Micheletti GRAINCOURT La filiera completa per FORSU e il trattamento del digestato Ravenna 27 settembre 2013 Ing. Ottavio Micheletti ARTOIS Methanization SEDE Environment - una società del gruppo che smaltisce e

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

La digestione anaerobica

La digestione anaerobica La digestione anaerobica Matrici trattate, sviluppo impiantistico e bilancio economico Forum delle imprese per lo Sviluppo Sostenibile Ing. Alessandro CANOVAI Workshop Gruppo Compost Il compostaggio: le

Dettagli

COGENERAZIONE e BIOGAS

COGENERAZIONE e BIOGAS COGENERAZIONE e BIOGAS TIECO srl L ENERGIA CHE NON PENSAVI DI AVERE TIECO SRL PROFESSIONALITA AL TUO SERVIZIO. Fondata nel 2000, TIECO SRL rappresenta una realtà consolidata nella progettazione e realizzazione

Dettagli

IMPIANTI A BIOGAS PRODOTTO DALLA DIGESTIONE ANAEROBICA DI BIOMASSE

IMPIANTI A BIOGAS PRODOTTO DALLA DIGESTIONE ANAEROBICA DI BIOMASSE IMPIANTI A BIOGAS PRODOTTO DALLA DIGESTIONE ANAEROBICA DI BIOMASSE Giovanna Biagi Paola Bucci Servizio Territoriale Sezione Provinciale Arpa di Bologna Per DIGESTIONE ANAEROBICA si intende la degradazione

Dettagli

BIO DIGESTORI. Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010

BIO DIGESTORI. Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010 BIO DIGESTORI Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010 Indice 1. Definizione di bio digestore 2. Un esempio per chiarire 3. Schemi i biodigestori 4. Tipi di impianti: classificazione 5. L alimentazione

Dettagli

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA IL BIOGAS IN AGRICOLTURA CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione G. Bezzi IL BIOGAS Biogas: prezioso combustibile gassoso naturale che nasce dalla fermentazione di materia organica e vegetale,

Dettagli

Società agricola BIOMAX A.r.L

Società agricola BIOMAX A.r.L Società agricola BIOMAX A.r.L Impianto per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabile ( potenza nominale 999 KWel ) mediante l utilizzo di biomasse di origine agricola da realizzarsi in Comune

Dettagli

L impianto di Compostaggio di Albairate Ecoprogetto Milano Gruppo Ladurner. Giovanni Pioltini Sindaco Comune di Albairate

L impianto di Compostaggio di Albairate Ecoprogetto Milano Gruppo Ladurner. Giovanni Pioltini Sindaco Comune di Albairate L impianto di Compostaggio di Albairate Ecoprogetto Milano Gruppo Ladurner Giovanni Pioltini Sindaco Comune di Albairate Ecosistemi Consumi Risorsa Essenziale RIFIUTI Rifiuti in Italia 32,5 Mil. Ton. Rifiuti

Dettagli

La fase idrolitica come pretrattamento delle biomasse di scarto

La fase idrolitica come pretrattamento delle biomasse di scarto come pretrattamento delle biomasse SEMINARIO Biometano e chimica verde: il biogas dopo gli incentivi S. Piccinini, C. Fabbri, M. Garuti Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia 26 Febbraio 2015

Dettagli

Modulo di Chimica dei processi biotecnologici IL BIOGAS 16 Marzo 2010 Elena Tamburini Il ciclo del carbonio La digestione anaerobica è un processo biologico per mezzo dl del quale, in assenza di ossigeno,

Dettagli

TRATTAMENTO ANAEROBICO DEI RIFIUTI CIVILI, INDUSTRIALI E AGRICOLI

TRATTAMENTO ANAEROBICO DEI RIFIUTI CIVILI, INDUSTRIALI E AGRICOLI TRATTAMENTO ANAEROBICO DEI RIFIUTI CIVILI, INDUTRIALI E AGRICOLI 1 Trattamenti anaerobici vs aerobici Vantaggi Produzione di biogas Riduzione fango prodotto Abbattimento patogeni Controllo odori tabilizzazione

Dettagli

Bioraffinerie. Riciclaggio dei rifiuti organici. Produzione di biocarburanti. Chimica verde. Energia rinnovabile. Uso sostenibile del suolo.

Bioraffinerie. Riciclaggio dei rifiuti organici. Produzione di biocarburanti. Chimica verde. Energia rinnovabile. Uso sostenibile del suolo. Acronimo: Titolo: Sommario: Settore: Area di mercato: Attuatore: Tipo impresa Localizzazione BIO-RECODING BIO-REFINERY FOR COMPOST, DIESEL AND NATURAL GAS AND OTHER GREEN CHEMICALS FROM BIOWASTE Il progetto

Dettagli

Tecnologia Biogas da FORSU La Nuova Frontiera del Biogas

Tecnologia Biogas da FORSU La Nuova Frontiera del Biogas Tecnologia Biogas da FORSU La Nuova Frontiera del Biogas Il caso Agrienergia Relatore: Roberto Loschi Responsabile Cogenerazione e Fonti Rinnovabili Una Nuova Filosofia nel Ciclo dei Rifiuti I Criteri

Dettagli

Biogas Innovation FORSU La Nuova Frontiera del Biogas

Biogas Innovation FORSU La Nuova Frontiera del Biogas Biogas Innovation FORSU La Nuova Frontiera del Biogas Il caso Agrienergia Relatore: Roberto Loschi Responsabile Cogenerazione e Fonti Rinnovabili Una Nuova Filosofia nel Ciclo dei Rifiuti I Criteri Generali

Dettagli

IL CICLO DEI RIFIUTI DOMESTICI da scarti ad Energia Rinnovabile

IL CICLO DEI RIFIUTI DOMESTICI da scarti ad Energia Rinnovabile 1 IL CICLO DEI RIFIUTI DOMESTICI da scarti ad Energia Rinnovabile OBIETTIVO FAMIGLIA - FEDERCASALINGHE HORIZON 2020: TAVOLA ROTONDA Strumento di coesione e crescita delle donne. Innovazione tecnologia

Dettagli

Cagliari 12 Marzo 2009. Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it

Cagliari 12 Marzo 2009. Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it Dessì Alessandro Cagliari 12 Marzo 2009 Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it IL LABORATORIO BIOMASSE E BIOCOMBUSTIBILI Il laboratorio è stato realizzato nell ambito del Cluster Tecnologico

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Biogas. 12 novembre2015 WORKSHOP: L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Silvia R.

Biogas. 12 novembre2015 WORKSHOP: L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Silvia R. Biogas 12 novembre2015 WORKSHOP: L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Silvia R. Motta - ERSAF Numero di impianti di digestione anaerobica in RL Gli impianti in

Dettagli

POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI

POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI Ravenna 26 settembre 2012 Austep SpA Via Mecenate, 76/45 20138 Milano Tel. +39 02 509 94 71 Fax. +39 02 580 194 22 E-mail: info@austep.com AUSTEP opera dal 1995 con

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed Ambientale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed Ambientale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed Ambientale Corso di Laurea Triennale in: INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED

Dettagli

Caratteristiche dei rifiuti organici

Caratteristiche dei rifiuti organici Il trattamento della frazione organica dei rifiuti solidi urbani Caratteristiche dei rifiuti organici frazione umida: componente dei rifiuti urbani costituita dagli scarti di cucina originati sia dall

Dettagli

I numeri del compostaggio in Italia

I numeri del compostaggio in Italia I numeri del compostaggio in Italia Elab. Centemero e Zanardi, dati ISPRA 2009 I numeri del compostaggio in Italia N impianti di compostaggio in Italia 276 Impianti Operativi 220 Impianti con capacità

Dettagli

Produzione di energia termica e frigorifera dalle biomasse residuali. Roberto Jodice CORTEA

Produzione di energia termica e frigorifera dalle biomasse residuali. Roberto Jodice CORTEA Centro Studi l Uomo e l Ambiente L industria dell energiaenergia nel Sistema Agricolo Padova, 11 09 2013 Produzione di energia termica e frigorifera dalle biomasse residuali Roberto Jodice CORTEA Area

Dettagli

LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA. LA BIOMASSA: I PROCESSI DI CONVERSIONE ENERGETICA I processi biochimici

LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA. LA BIOMASSA: I PROCESSI DI CONVERSIONE ENERGETICA I processi biochimici Sei in: agricoltura biologica>produzione di energia da fonti rinnovabili>biomasse LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IN AGRICOLTURA LA BIOMASSA: I PROCESSI DI CONVERSIONE ENERGETICA I processi

Dettagli

L energia da biomasse e biogas nel mix energetico Alessandro Casula

L energia da biomasse e biogas nel mix energetico Alessandro Casula Centro per lo sviluppo del polo di Cremona L energia da biomasse e biogas nel mix energetico GER 2011 12 Le Fonti Energetiche Rinnovabili (FER) Energia e biomassa La biomassa utilizzabile ai fini energetici

Dettagli

ENERGIA DALLE BIOMASSE. ITIS Basilio Focaccia Piano Offerta Formativa a.s. 2009/2010 Responsabile del progetto: Prof.

ENERGIA DALLE BIOMASSE. ITIS Basilio Focaccia Piano Offerta Formativa a.s. 2009/2010 Responsabile del progetto: Prof. ENERGIA DALLE BIOMASSE ITIS Basilio Focaccia Piano Offerta Formativa a.s. 2009/2010 Responsabile del progetto: Prof.ssa Tullia Aquila I processi di conversione biochimica delle biomasse Digestione aerobica

Dettagli

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Domino Come funziona un impianto biogas Il biogas si ottiene dalla fermentazione anaerobica di biomasse

Dettagli

PROGETTO NITRANT 2014 VISITA TECNICA ALL AZIENDA AGRICOLA BENNATI SAN CANZIAN D ISONZO (GO) 19 NOVEMBRE 2015

PROGETTO NITRANT 2014 VISITA TECNICA ALL AZIENDA AGRICOLA BENNATI SAN CANZIAN D ISONZO (GO) 19 NOVEMBRE 2015 PROGETTO NITRANT 2014 VISITA TECNICA ALL AZIENDA AGRICOLA BENNATI SAN CANZIAN D ISONZO (GO) 19 NOVEMBRE 2015 FOCUS: LA DIGESTIONE ANAEROBICA A SECCO Pubblicazione realizzata da Veneto Agricoltura, Settore

Dettagli

L impianto di biogas a misura di azienda agricola

L impianto di biogas a misura di azienda agricola L impianto di biogas a misura di azienda agricola Dr. Daniele Pederzoli, Agraferm technologies ag Germania Mantova 02.04.2008 Chi é agraferm? Istanbul Che cos è il Biogas? o Risulta dalla decomposizione

Dettagli

Azienda agricola con centrale a biogas

Azienda agricola con centrale a biogas Azienda agricola con centrale a biogas Abbiamo avuto questa idea su basi ben precise: Ampliare l azienda agricola già esistente, di proprietà del padre di uno di noi due, inserendovi più capi di suini

Dettagli

Tre Giorni per la Scuola 13 Ottobre 2011 Città della Scienza Bagnoli Napoli. Energia Alternative e Sostenibilità Ambientale Biogas da Biomasse

Tre Giorni per la Scuola 13 Ottobre 2011 Città della Scienza Bagnoli Napoli. Energia Alternative e Sostenibilità Ambientale Biogas da Biomasse Tre Giorni per la Scuola 13 Ottobre 2011 Città della Scienza Bagnoli Napoli Sala Bach 13/10/2011 Sessione C6H6 Energia Alternative e Sostenibilità Ambientale Biogas da Biomasse Prof. Aurelio Pietro Stefanelli

Dettagli

Valorizzazione energetica di FORSU tramite Digestione Anaerobica

Valorizzazione energetica di FORSU tramite Digestione Anaerobica Valorizzazione energetica di FORSU tramite Digestione Anaerobica Rifiuti, sottoprodotti e colture dedicate come risorse per la città, l azienda e per un ambiente sostenibile Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

LiberaMenteEco! Seminario biomassa da rifiuti. Tecnologie per la produzione di biogas ed energia. prof. ing. Antonio Lallai

LiberaMenteEco! Seminario biomassa da rifiuti. Tecnologie per la produzione di biogas ed energia. prof. ing. Antonio Lallai Seminario biomassa da rifiuti Tecnologie per la produzione di biogas ed energia prof. ing. Antonio Lallai Dipartimento di Ingegneria Chimica e Materiali Università degli S tudi di Cagliari 1 Che cos è

Dettagli

Struttura del Gruppo Entsorga

Struttura del Gruppo Entsorga Maggio 2015 La valorizzazione energetica della FORSU Iimpianto di compostaggio integrato con Digestione Anaerobica della FORSU e produzione energia elettrica Comune di Santhià Dott.ssa Stefania Miranda

Dettagli

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono:

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono: PascaleCave e Costruzioni S.r.l. Biomassa -Biogas Biomassa La Biomassa utilizzabile ai fini energetici consiste in tutti quei materiali organici che possono essere utilizzati direttamente come combustibili

Dettagli

IMPIANTI BIOGAS E DEPURAZIONE

IMPIANTI BIOGAS E DEPURAZIONE IMPIANTI BIOGAS E DEPURAZIONE Viene utilizzata tecnologia New Generation con Know How esclusivo. L impianto si identifica nelle seguenti fasi: a) Impianto di depurazione finalizzato allo scarico in acque

Dettagli

Mantenere alta l efficienza dell impianto con la manutenzione biologica

Mantenere alta l efficienza dell impianto con la manutenzione biologica Bioenergy 2014 LA MANUTENZIONE E L OTTIMIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI A BIOGAS Venerdì 7 Marzo 2014 - Ore 10,00 Fiera di Cremona l efficienza dell impianto con la manutenzione Claudio Fabbri, Mirco Garuti Centro

Dettagli

La conversione biologica può essere ottenuta con la fermentazione alcolica e la digestione, mentre la conversione fisica con la spremitura.

La conversione biologica può essere ottenuta con la fermentazione alcolica e la digestione, mentre la conversione fisica con la spremitura. Biomassa La materia organica vegetale è prodotta per effetto del processo di fotosintesi clorofilliana, che grazie all apporto dell energia del sole consente di trasformare semplici elementi minerali in

Dettagli

BIOMET TM Tecnologia per la produzione di biogas da biomasse. Dare valore alle proprie risorse

BIOMET TM Tecnologia per la produzione di biogas da biomasse. Dare valore alle proprie risorse BIOET T Tecnologia per la produzione di biogas da biomasse Dare valore alle proprie risorse Affidarsi ad un partner unico La lunga tradizione nell impiantistica industriale ci porta a mettere al centro

Dettagli

LA DIGESTIONE ANAEROBICA

LA DIGESTIONE ANAEROBICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE LA DIGESTIONE ANAEROBICA GENERALITA DEL PROCESSO La degradazione biologica della sostanza organica

Dettagli

Davide Ph. D. Facchinetti

Davide Ph. D. Facchinetti Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali - Produzione, Territorio, Agroenergia Divisione di Ingegneria Agraria Il BIOGAS è costituito da una miscela di metano, nella percentuale di un 50-70%, anidride

Dettagli

Il compostaggio della frazione solida

Il compostaggio della frazione solida Gruppo Ricicla La digestione anaerobica della frazione organica dei rifiuti urbani 23 marzo 2010 Milano Il compostaggio della frazione solida e sua integrazione con la digestione anaerobica W. Giacetti

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI

PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI PRODUZIONE DI ENERGIA DALLE BIOMASSE E DAI RIFIUTI Il TEAM di Si-Web ha lavorato con impegno e professionalità utilizzando informazioni provenienti da autorevoli fonti sia nazionali che internazionali,

Dettagli

Impianto di trattamento dei rifiuti organici da raccolta differenziata Gello di Pontedera. Primo modulo da 44.000 t/a FORSU

Impianto di trattamento dei rifiuti organici da raccolta differenziata Gello di Pontedera. Primo modulo da 44.000 t/a FORSU Impianto di trattamento dei rifiuti organici da raccolta differenziata Gello di Pontedera Primo modulo da 44.000 t/a FORSU 1 INDICE Proponente dell impianto: Geofor S.p.a. 1. Appaltatore: RTI Biotec, Icef,

Dettagli

L uso e la produzione di bio-gas a fini energetici

L uso e la produzione di bio-gas a fini energetici L uso e la produzione di bio-gas a fini energetici Costante M. Invernizzi Università degli Studi di Brescia costante.invernizzi@unibs.it 28 ottobre 2008 Outline 1 La gestione dei reflui zootecnici 2 Il

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Negli ultimi anni in Italia sono stati costruiti diversi impianti funzionanti a biomasse (biogas). BIOMASSE: in base all art. 2 del D.Lgs 387/2003

Dettagli

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8 Biomassa scarti organici 97 Situazione attuale Con il termine «scarti organici» ci si riferisce a sostanze di origine organica, animale o vegetale. È possibile classificare tali sostanze in funzione delle

Dettagli

Biogas: La valorizzazione degli scarti di lavorazione nei caseifici Perugia, 04 marzo 2010

Biogas: La valorizzazione degli scarti di lavorazione nei caseifici Perugia, 04 marzo 2010 WÉààÉÜx TzÜÉÇÉÅÉ fàxytçé eéá Ç Biogas: La valorizzazione degli scarti di lavorazione nei caseifici Perugia, 04 marzo 2010 2 Obiettivo dell incontro Descrivere le potenzialità del BIOGAS applicato ai caseifici

Dettagli

Biogas, l importanza di una buona codigestione

Biogas, l importanza di una buona codigestione Workshop Rassegna suinicola di Cremona - Italpig 19 edizione Claudio Fabbri, Mirco Garuti Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia 30 Ottobre 2015 Centro Ricerche Produzioni Animali C.R.P.A. S.p.A.

Dettagli

IMPIANTI DI BIOGAS - RECUPERO ENERGETICO DA RIFIUTI E BIOMASSE

IMPIANTI DI BIOGAS - RECUPERO ENERGETICO DA RIFIUTI E BIOMASSE Ordine degli Ingegneri di Modena GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE IN AMBITO URBANO IMPIANTI DI BIOGAS - RECUPERO ENERGETICO DA RIFIUTI E BIOMASSE Ing. Marco Spada Idrodepurazione srl Via Comina, 39 I 20038

Dettagli

Progetto Gener Alife

Progetto Gener Alife Progetto GenerAlife Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma. Antoine Lavoisier INDICE 1 premessa 7 2 general construction 11 3 il progetto 17 4 il processo 23 5 i benefici 31 Faq 34 1 premessa

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

UPGRADE DI DIGESTORI ANAEROBICI PER LA STABILIZZAZIONE DI FANGHI DI DEPURAZIONE E ALTRE MATRICI ORGANICHE

UPGRADE DI DIGESTORI ANAEROBICI PER LA STABILIZZAZIONE DI FANGHI DI DEPURAZIONE E ALTRE MATRICI ORGANICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE CHIMICHE SPIN-OFF Risa S. r. l. AMGA-NET ricerche UPGRADE DI DIGESTORI ANAEROBICI PER LA STABILIZZAZIONE DI FANGHI DI DEPURAZIONE E

Dettagli

I sistemi di trattamento e smaltimento

I sistemi di trattamento e smaltimento SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MATERIALE DI APPROFONDIMENTO I sistemi di trattamento e smaltimento Impianti di selezione 1/2 Gli impianti di selezione si dividono in due tipologie: gli impianti per la

Dettagli

04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione

04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione Chapter 04-04 page 1 04-04: Frazioni varie di biomassa Proprietà e processi Introduzione Ci sono essenzialmente cinque diversi processi tra cui scegliere per la produzione di energia utile da qualsiasi

Dettagli

Impianto di biogas Venaria Reale (I) Impianti di riferimento. Dati impianto. Cliente. La Bellotta Soc. Semplice Agricola (I) Avviamento: 2010

Impianto di biogas Venaria Reale (I) Impianti di riferimento. Dati impianto. Cliente. La Bellotta Soc. Semplice Agricola (I) Avviamento: 2010 Impianto di biogas Venaria Reale (I) Cliente La Bellotta Soc. Semplice Agricola (I) Avviamento: 2010 Matrice: Insilato di mais, Insilato di triticale Potenza elettrica: 999 kw Impianto e processo La matrice

Dettagli

Gestione dei reflui zootecnici tramite digestione anaerobica: opportunità per Ledro. Collotta Massimo Pieve di Ledro 29.04.13

Gestione dei reflui zootecnici tramite digestione anaerobica: opportunità per Ledro. Collotta Massimo Pieve di Ledro 29.04.13 Gestione dei reflui zootecnici tramite digestione anaerobica: opportunità per Ledro Collotta Massimo Pieve di Ledro 29.04.13 INDICE La Digestione Anaerobica (DA) Il Sistema incentivante L opportunità per

Dettagli

Impianti a biocombustibili gassosi per la produzione di energia elettrica (con il contributo del CRPA di Reggio Emilia)

Impianti a biocombustibili gassosi per la produzione di energia elettrica (con il contributo del CRPA di Reggio Emilia) Impianti a biocombustibili gassosi per la produzione di energia elettrica (con il contributo del CRPA di Reggio Emilia) INTRODUZIONE Negli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti

Dettagli

LA CODIGESTIONE ANAEROBICA PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS: L ESPERIENZA DEL DEPURATORE DI VIAREGGIO. Relatore: Ing. Giuseppe Vitiello

LA CODIGESTIONE ANAEROBICA PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS: L ESPERIENZA DEL DEPURATORE DI VIAREGGIO. Relatore: Ing. Giuseppe Vitiello LA CODIGESTIONE ANAEROBICA PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS: L ESPERIENZA DEL DEPURATORE DI VIAREGGIO Relatore: Ing. Giuseppe Vitiello 1 Introduzione La co-digestione è un processo di stabilizzazione simultanea

Dettagli

5 INFO BIOGAS BIOGAS QUO VADIS? MONTICHIARI Centro Fiera Venerdi 23 Gennaio 2009. La biologia nel fermentatore: Come perdere e come guadagnare

5 INFO BIOGAS BIOGAS QUO VADIS? MONTICHIARI Centro Fiera Venerdi 23 Gennaio 2009. La biologia nel fermentatore: Come perdere e come guadagnare 5 INFO BIOGAS BIOGAS QUO VADIS? MONTICHIARI Centro Fiera Venerdi 23 Gennaio 2009 La biologia nel fermentatore: Come perdere e come guadagnare Dr. chim. Marlene Hölzl e Helmut Mittermair, B.T.S. Italia

Dettagli

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1 VALUTAZIONE DEL QUADRO EMISSIVO DELLE SEZIONI DI TRATTAMENTO FANGHI DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ACQUE (IMPIANTI DI DEPURAZIONE IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE) (punto p. alla parte l dell all. IV alla parte

Dettagli

Gli odori negli impianti di trattamento di rifiuti: la prevenzione e la gestione del problema

Gli odori negli impianti di trattamento di rifiuti: la prevenzione e la gestione del problema Gli odori negli impianti di trattamento di rifiuti: la prevenzione e la gestione del problema Alberto Confalonieri Scuola Agraria del Parco di Monza Vicenza, 16 aprile 2014 Il ruolo della frazione organica

Dettagli

Energia dalle biomasse

Energia dalle biomasse Energia dalle biomasse Cosa si intende per biomassa? Si definisce biomassa qualsiasi sostanza di matrice organica, vegetale o animale, che non ha subito alcun processo di fossilizzazione, utilizzata per:

Dettagli

PRESENTAZIONE. GESTIONE A FREDDO DEI RIFIUTI. Lo stato dell arte delle alternative all incenerimento per la parte residua dei rifiuti municipali

PRESENTAZIONE. GESTIONE A FREDDO DEI RIFIUTI. Lo stato dell arte delle alternative all incenerimento per la parte residua dei rifiuti municipali PRESENTAZIONE GESTIONE A FREDDO DEI RIFIUTI. Lo stato dell arte delle alternative all incenerimento per la parte residua dei rifiuti municipali Nell ambito delle iniziative legate alla Quarta Giornata

Dettagli

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of IT BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO With the support of BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la nostra

Dettagli

VII Forum Internazionale dell informazione per la salvaguardia della natura Greenaccord Viterbo, 25/29 Novembre 2009

VII Forum Internazionale dell informazione per la salvaguardia della natura Greenaccord Viterbo, 25/29 Novembre 2009 ENERGY (R) EVOLUTION VII Forum Internazionale dell informazione per la salvaguardia della natura Greenaccord Viterbo, 25/29 Novembre 2009 Antonio Bertolotto, fondatore e Amministratore Delegato del Gruppo

Dettagli

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONI CALCOLO DELLA LINEA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI DI UN IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI AL SERVIZIO DI UNA CITTA DI 200.000 ABITANTI Si chiede di

Dettagli

DA RIFIUTI A RISORSA A IMPATTO ZERO

DA RIFIUTI A RISORSA A IMPATTO ZERO DA RIFIUTI A RISORSA A IMPATTO ZERO Trasformare in metano naturale la materia organica con impianti ad alta efficienza senza alcun processo combustivo e scarti da conferire in discarica: - nel rispetto

Dettagli

Forum Compostaggio La Valorizzazione energetica delle biomasse organiche da rifiuto. Walter Giacetti Torino 5 Marzo 2008

Forum Compostaggio La Valorizzazione energetica delle biomasse organiche da rifiuto. Walter Giacetti Torino 5 Marzo 2008 Forum Compostaggio La Valorizzazione energetica delle biomasse organiche da rifiuto Walter Giacetti Torino 5 Marzo 2008 I servizi di Etra per i Comuni Etra nasce il 1 gennaio 2006 dall aggregazione dei

Dettagli

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal)

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal) Metano Caratteristiche chimico fisiche e origini Il metano è un idrocarburo semplice (alcano) formato da un atomo di carbonio e 4 di idrogeno, la sua formula chimica è CH 4, si trova in natura sotto forma

Dettagli

Digestione anaerobica.

Digestione anaerobica. Università Degli Studi di Milano http://users.unimi.it/ricicla Digestione anaerobica. Fabrizio Adani Fabrizio.adani@unimi.it Giuliana D Imporzano Giuliana.dimporzano@unimi.it DIGESTIONE ANAEROBICA Trasformazione

Dettagli

RELAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE TRATTAMENTO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO ( F.O.R.S.U.)

RELAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE TRATTAMENTO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO ( F.O.R.S.U.) RELAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE TRATTAMENTO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO ( F.O.R.S.U.) TRAFORMAZIONE IN BIOMETANO - COMPOST CON RECUPERO DELLA CO2 47121 FORLI' - ITALY 2 S.A.T.I.

Dettagli

Sistemi di trattamento biologico in condizioni anaerobiche. Generalità

Sistemi di trattamento biologico in condizioni anaerobiche. Generalità Sistemi di trattamento biologico in condizioni anaerobiche. Generalità John Dalton (1766-1844), collecting marsh gas with youngsters nearby Manchester, England Nei sistemi anaerobici si sfrutta l azione

Dettagli

RELAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE TRATTAMENTO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO ( F.O.R.S.U.)

RELAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE TRATTAMENTO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO ( F.O.R.S.U.) DESIGN BY UFFICIOSTAMPA SATI ENGINEERING RELAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE TRATTAMENTO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO ( F.O.R.S.U.) TRAFORMAZIONE IN BIOMETANO - COMPOST CON RECUPERO DELLA

Dettagli

RELAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE TRATTAMENTO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO ( F.O.R.S.U.)

RELAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE TRATTAMENTO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO ( F.O.R.S.U.) DESIGN BY UFFICIOSTAMPA SATI ENGINEERING RELAZIONE AMBIENTALE PRELIMINARE TRATTAMENTO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO ( F.O.R.S.U.) TRAFORMAZIONE IN BIOMETANO - COMPOST CON RECUPERO DELLA

Dettagli

FELSILAB s.r.l. (www.felsilab.it) Massimiliano Livi. presenta

FELSILAB s.r.l. (www.felsilab.it) Massimiliano Livi. presenta FELSILAB s.r.l. (www.felsilab.it) Massimiliano Livi presenta EFFICIENTAMENTO ENERGETICO-AMBIENTALE DEL TRATTAMENTO DEI FANGHI DA DEPURAZIONE DI REFLUI CIVILI Sede: Bologna (Italia) Operativa dall anno

Dettagli

S.A.T.I. Engineering s.r.l.

S.A.T.I. Engineering s.r.l. RECUPERO CO2 47121 FORLI' - ITALY 2 S.A.T.I. Engineering s.r.l. È una società nata nel 2014 con lo scopo di ottimizzare le risorse energetiche alternative rinnovabili. Evitare inutili emissioni di CO 2

Dettagli

S.A.T.I. Engineering s.r.l.

S.A.T.I. Engineering s.r.l. IMPIANTI BIOMETANO 47121 FORLI' - ITALY 2 S.A.T.I. Engineering s.r.l. È una società nata nel 2014 con lo scopo di ottimizzare le risorse energetiche alternative rinnovabili. Evitare inutili emissioni di

Dettagli

S.A.T.I. Engineering s.r.l.

S.A.T.I. Engineering s.r.l. BIOMETANO 47121 FORLI' - ITALY 2 S.A.T.I. Engineering s.r.l. È una società nata nel 2014 con lo scopo di ottimizzare le risorse energetiche alternative rinnovabili. Evitare inutili emissioni di CO 2 in

Dettagli

S.A.T.I. Engineering s.r.l.

S.A.T.I. Engineering s.r.l. MICROALGHE 47121 FORLI' - ITALY 2 S.A.T.I. Engineering s.r.l. È una società nata nel 2014 con lo scopo di ottimizzare le risorse energetiche alternative rinnovabili. Evitare inutili emissioni di CO 2 in

Dettagli

AUTOSTRADA DEL BRENNERO E LO SVILUPPO DI UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

AUTOSTRADA DEL BRENNERO E LO SVILUPPO DI UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE AUTOSTRADA DEL BRENNERO E LO SVILUPPO DI UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE Potenziamento impianti a metano Produzione di idrogeno verde per autotrazione Il primo mezzo a idrometano di A22 Consapevole della sua

Dettagli

Realizzazione di un impianto di digestione anerobica e compostaggio nell alta Val d Agri Quadro generale, opportunità, scelte tecniche e fattibilità

Realizzazione di un impianto di digestione anerobica e compostaggio nell alta Val d Agri Quadro generale, opportunità, scelte tecniche e fattibilità Realizzazione di un impianto di digestione anerobica e compostaggio nell alta Val d Agri Quadro generale, opportunità, scelte tecniche e fattibilità 26 ottobre 2015 Attalea Indice dell intervento Trattamento

Dettagli

SEKO spa, via Gorizia 90-35010 Curtarolo (PD) 1

SEKO spa, via Gorizia 90-35010 Curtarolo (PD) 1 Gli impianti a biogas come ausilio alla gestione dei reflui zootecnici e sistema per la valorizzazione del contenuto energetico delle biomasse: l esempio dell impianto di Limena -PD 1 LO STATO DI FATTO

Dettagli

Questo risultato viene raggiunto grazie ad una tecnologia innovativa: il pretrattamento ad umido e la digestione anaerobica del

Questo risultato viene raggiunto grazie ad una tecnologia innovativa: il pretrattamento ad umido e la digestione anaerobica del Biotec Sistemi è un azienda leader nel campo della protezione ambientale: sviluppa e costruisce apparecchiature per impianti di trattamento rifiuti, progetta e fornisce impianti chiavi in mano per il trattamento

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

TDSMZ110402BR2_IT_SOLUZIONI CONTROLLO BIOGAS.DOC - 201107Rev00MZ - Informazioni soggette a modifica senza aggiornamento Page 1 of 7 B.A.G.G.I.

TDSMZ110402BR2_IT_SOLUZIONI CONTROLLO BIOGAS.DOC - 201107Rev00MZ - Informazioni soggette a modifica senza aggiornamento Page 1 of 7 B.A.G.G.I. Analisi & Portata di biogas landfill gas syngas gas di combustione gas natural emissione fumi aria TDSMZ110402BR2_IT_SOLUZIONI CONTROLLO BIOGAS.DOC - 201107Rev00MZ - Informazioni soggette a modifica senza

Dettagli