Mauro TERZONI. Dirigente Politiche Comunitarie Autorità di Gestione FESR e FSE Regione Marche

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mauro TERZONI. Dirigente Politiche Comunitarie Autorità di Gestione FESR e FSE Regione Marche"

Transcript

1 Mauro TERZONI Dirigente Politiche Comunitarie Autorità di Gestione FESR e FSE Regione Marche

2 Costruire il POR a partire dai bisogni Quali sfide? del territorio Unamodesta performance regionale in materia di ricerca e sviluppo, dovuta ad un apporto contenuto del settore privato che, sebbene in crescita, non riesce ancora a compensare gli effetti della spending review sulla ricerca pubblica né a contrastare efficacemente l emigrazione del capitale umano più qualificato Ilrischio di una perdita progressiva di competitività del sistema industriale, caratterizzato dalla prevalenza di imprese di piccole e piccolissime dimensioni specializzate nei settori tradizionali, moderatamente innovative e con grandi difficoltà ad accedere a risorse finanziare esterne per promuovere processi di sviluppo Il divario rispetto ai target dell Agenda digitale europea (in parte dovuto ai ritardi del sistema paese) con particolare riferimento alla digitalizzazione di alcuni servizi pubblici (es. sanità) e alla diffusione dell economia digitale Lavulnerabilità energetica della Regione documentata dalla distanza rispetto agli obiettivi di produzione da fonti rinnovabili fissati dal decreto Burden Sharing e dalla forte intensità energetica dei trasporti, del settore domestico e dell industria I rischi per la popolazione marchigiana connessi al degrado del territorio anche per effetto dei cambiamenti climatici.

3 Costruire il POR a partire dai bisogni Quali potenzialità? del territorio La tendenza ad una specializzazione della ricerca universitaria verso le scienze dure e, conseguentemente, un progressivo aumento delle interrelazioni fra mondo accademico e mondo dell impresa L esistenza di uno spirito imprenditoriale diffuso e radicato chehafattodelle Marche una delle regioni più industrializzate d Italia Una naturale propensione all aggregazione e alle logiche di rete, connaturata al modello distrettuale L infrastruttura per la banda larga a 2 mbps che copre già il 99% della popolazione L esistenza di una pianificazione regionale in materia di politiche energetiche e l adozione di standard di certificazione più elevati rispetto ai requisiti di legge La ricchezza e varietà delle risorse naturali, paesaggistiche, culturali, e architettoniche e la pluralità dei centri storici minori della regione, che possono diventare occasione per migliorare la fruizione del patrimonio a vantaggio di un segmento sempre più ampio di visitatori (marchigiani, nazionali ed esteri) interessati a scoprire il territorio oltre la fascia costiera.

4 Funding priorities per il FP 1 Competitività del sistema regionale OT 1 Ricerca e innovazione OT 3 PMI OT 4 Riduzione CO2 OT 2 Riduzione divario digitale OT 6 Patrimonio OT 5 Rischi FP 2 Qualità della vita dei cittadini

5 Un approccio che punta ai risultati......ma con un forte regia dal centro Il punto di partenza è il risultato atteso: cosa vogliamo cambiare? Le azioni/interventi sono invece i mezzi che scegliamo per raggiungere quei risultati, ovvero quello che «compriamo» con le risorse FESR. TUTTAVIA L approccio italiano al tema della concentrazione delle risorse ha dato vita ad un Accordo di Partenariato fortemente «dirigistico» che non si pone, cioè, come semplice cornice di riferimento per i programmi regionali. Al contrario, tutti i POR dovranno puntare a obiettivi specifici già individuati nell Accordo, identificando gli strumenti per raggiungerli nel menu di azioni proposte per ciascun risultato.

6 Allocazione delle risorse sui risultati Obiettivo Tematico 1) Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l'innovazione 2) Migliorare l'accesso alle TIC, il loro utilizzo e la loro qualità 3) Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese (PMI) 4) Sostenere la transizione verso un'economia a bassa emissione di carbonio in tutti i settori 5) Prevenzione e gestione dei rischi Obiettivi Specifici corrispondenti ai risultati dell'accordo di Partenariato Incremento dell'attività di innovazione delle imprese 25,5% Rafforzamento del sistema regionale attraverso l incremento della collaborazione fra imprese e strutture di ricerca 9,5% Riduzione dei divari digitali nei territori e diffusione di connettività in banda larga e ultra larga 2,0% Digitalizzazione dei processi amministrativi e diffusione di servizi pienamente interoperabili della PA 5,0% Sviluppo occupazionale e produttivo in aree territoriali colpite da crisi diffusa delle attività produttive 6,0% Consolidamento, modernizzazione e diversificazione dei sistemi produttivi territoriali 5,0% Incremento del livello di internazionalizzazione dei sistemi produttivi 4,0% Nascita e consolidamento delle Micro, Piccole e Medie Imprese a carattere innovativo 2,0% Miglioramento dell accesso al credito 4,0% Ridurre i consumi energetici negli edifici e nelle strutture pubbliche e integrazione di fonti rinnovabili 8,0% Ridurre i consumi energetici nei cicli e strutture produttive e integrazione di fonti rinnovabili 2,0% Aumentare la mobilità sostenibile nelle aree urbane 8,0% Migliorare lo sfruttamento sostenibile delle bioenergie 2,0% Ripartizione risorse % OS % OT Ridurre il rischio idrogeologico e di erosione costiera 7,0% 7% 35% 7% 21% 20% 6) Preservare e proteggere l'ambiente e promuovere l'efficienza delle risorse Miglioramento delle condizioni e degli standard di offerta e fruizione del patrimonio culturale 3,4% Migliorare la competitività e la capacità di attrazione delle destinazioni turistiche, attraverso la valorizzazione sistemica ed integrata di risorse e competenze territoriali 6,6% 10%

7 Risultati e Azioni OT 1 35% Quali cambiamenti? Incrementare l'attività di innovazione delle imprese 25,5% Come pensiamo di conseguirli? costruendo le basi di un futuro vantaggio competitivo della struttura produttiva sostenendo gli investimenti dei cluster negli ambiti di specializzazione intelligente favorendo un più rapido sfruttamento economico delle nuove idee attraverso azioni di industrializzazione dei risultati della ricerca (anche nel settore culturale) favorendo lo sviluppo di servizi e applicazioni innovativi in ambito cloud rivitalizzando i settori più tradizionali con interventi a sostegno dell innovazione dei modelli aziendali, anche attraverso un più deciso ricorso all'ict promuovendo l'eco-sostenibilità dei processi produttivi anche attraverso lo sviluppo di sistemi integrati tra reti di imprese logisticamente connesse accelerando i percorsi di R&S sulle nuove sfide sociali, ambientali, ecc. attraverso il ricorso agli appalti innovativi di servizi per migliorare la qualità di vita delle comunità rafforzando l imprenditorialità innovativa attraverso lo sviluppo e il consolidamento di spin-off industriali e accademici nei settori di specializzazione intelligente Rafforzare il sistema innovativo regionale 9,5% promuovendo a livello regionale i Cluster tecnologici Nazionali incuilaregioneè presente ( Tecnologie per gli ambienti di vita e Fabbrica intelligente ) favorendo l attivazione della piattaforma di ricerca e innovazione nel settore degli apparecchi domestici e professionali incentivando l ampliamento delle reti esistenti tra i diversi soggetti del sistema della ricerca e la connessione con strutture di eccellenza italiane ed europee (es. vouchers per coprire le spese necessarie alla definizione dei formulari di candidatura di Horizon 2020) e all attivazione di partenariati nazionali/transnazionali.

8 Risultati e Azioni OT 2 7% Quali cambiamenti? Riduzione dei divari digitali nei territori e diffusione di connettività in banda larga e ultra larga 2% Come pensiamo di conseguirli? sostenendo investimenti selettivi di rafforzamento delle infrastrutture di connettività (nel rispetto delle condizione in materia di aiuti di stato per la banda larga) attraverso il progetto NGN che rappresenta un evoluzione del Piano telematico regionale e punta ad investire nei distretti industriali per lo sviluppo di reti di nuova generazione ultra broadband basate su servizi di accesso in fibra ottica e LTE con velocità di connessione di oltre50mb/s Digitalizzazione dei processi amministrativi e diffusione di servizi pienamente interoperabili della PA 5% realizzando un'infrastruttura regionale di cloud computing che consenta di erogare ad aziende istituzioni e cittadini servizi amministrativi digitali, moderni ed innovativi e ad alto contenuto tecnologico (con riferimento ad es. alla gestione dell'identità digitale, del fascicolo sanitario, dei pagamenti elettronici, dell'e-commerce e della piattaforma del turismo) favorendo la realizzazione di un Adriatic-cloud, nuvola telematica cui potranno agganciarsi istituzioni, stakeholders, forze sociali, organizzazioni civili che contribuiscono al percorso della Macroregione

9 Risultati e Azioni OT 3 (1/2) 21% Quali cambiamenti? Sviluppo produttivo in aree colpite da crisi diffusa 6% Consolidamento, modernizzazione e diversificazione dei sistemi produttivi territoriali 5% Nascita e consolidamento delle MPMI a carattere innovativo 2% Come pensiamo di conseguirli? fronteggiando il protrarsi della congiuntura negativa nelle aree colpite da crisi diffusa attraverso interventi ad hoc di sostegno alle PMI promuovendo l integrazione delle filiere culturali, creative e dello spettacolo favorendo la valorizzazione delle filiere tradizionali del made in Italy grazie all'introduzione di tecnologie e servizi provenienti da settori ad alta intensità di conoscenza favorendo l'introduzione di modelli di logistica integrata nell'ambito delle filiere sostenendo lo sviluppo di idee imprenditoriali (in particolare nel settore culturale) anche attraverso il potenziamento di hub creativi e incubatori rafforzando le filiere di innovazione digitale (cioè PMI specializzate nello sviluppo ed erogazione di servizi cloud, ICT, ecc. affinché con la loro azione operino come agenti di fertilizzazione incrociata rispetto ai settori tradizionali)

10 Risultati e Azioni OT 3 (2/2) 21% Quali cambiamenti? Incremento del livello di internazionalizzazione dei sistemi produttivi 4% Come pensiamo di conseguirli? rafforzando la propensione all internazionalizzazione attraverso progetti di promozione dell export basati sulla creazione di reti di imprese e sinergie tra filiere produttive (che permettano alle singole PMI di ridurre l impatto dell investimento all estero e di condividerne il rischio), voucher per l acquisto di consulenze, partecipazione ad eventi ecc. ma anche azioni di sistema per valorizzare i canali di incontro tra domanda e offerta, migliorare l accessibilità ai servizi di informazione, fornire orientamento sui nuovi mercati, ecc. Miglioramento dell accesso al credito 4% potenziando il sistema delle garanzie attraverso una valorizzazione del ruolo dei Confidi contribuendo allo sviluppo del mercato dei fondi di capitale di rischio per sostenere lo start up di impresa, i processi di rafforzamento patrimoniale e di trasferimento della proprietà favorendo le piattaforme di crowdfunding per finanziare progetti imprenditoriali attraverso la mobilitazione di potenziali investitori su internet

11 Risultati e Azioni OT 4 20% Quali cambiamenti? Come pensiamo di conseguirli? Ridurre i consumi energetici negli edifici e nelle strutture pubbliche 8% Ridurre i consumi energetici nei cicli e nelle strutture produttive 2% Finanziando, anche attraverso il coinvolgimento delle ESCO e possibilmente dando priorità a "pacchetti integrati", interventi di: miglioramento dell efficienza energetico-ambientale degli edifici pubblici esistenti e nuova costruzione di edifici pubblici ad elevata efficienza energetica (es. edilizia scolastica, sanitaria, ecc.) efficientamento e ammodernamento delle reti di pubblica illuminazione con sistemi improntati al risparmio e alla riduzione dell'inquinamento luminoso finanziando interventi sulle strutture (rinnovo impianti a favore di macchinari più tecnologici, revisione dei sistemi energetici aziendali, efficientamento capannoni,...) e/o la razionalizzazione dei cicli produttivi (riorganizzazione dei processi in azienda) recuperando insediamenti dismessi, in vista di una successiva rifunzionalizzazione, attraverso la loro ristrutturazione secondo criteri di efficienza energetica ed ambientale

12 Risultati e Azioni OT 4 20% Quali cambiamenti? Come pensiamo di conseguirli? Aumentare la mobilità sostenibile nelle aree urbane 8% incentivando l uso del trasporto pubblico attraverso interventi per il rinnovo del parco rotabile, la diffusione della bigliettazione elettronica e lo sviluppo di sistemi intelligenti per il controllo e la gestione della sosta, il monitoraggio del traffico, il controllo e la gestione dei transiti e degli accessi favorendo le soluzioni di trasporto di merci e persone a basso impatto (es. sistemi di distribuzione eco compatibile delle merci, promozione della mobilità elettrica, miglioramento delle reti ciclabili) Migliorare lo sfruttamento sostenibile delle bioenergie 2% realizzando piattaforme logistiche e reti per la raccolta da filiera corta delle biomasse da conferire agli impianti

13 Risultati e Azioni OT 5 7% Quali cambiamenti? Come pensiamo di conseguirli? Ridurre il rischio idrogeologico e di erosione costiera 7% favorendo il regolare deflusso delle piene attraverso interventi di manutenzione straordinaria sull'alveo dei fiumi e di ripristino della capacità di immagazzinamento delle grandi dighe, con una stretta sinergia con il FEASR promuovendo azioni di difesa e gestione integrata delle coste

14 Risultati e Azioni OT 6 10% Quali cambiamenti? Miglioramento delle condizioni e degli standard di offerta e fruizione del patrimonio culturale 3,4% Come pensiamo di conseguirli? promuovendo azioni sistemiche di recupero e valorizzazione del patrimonio storico e di pregio (es. interventi su più borghi/centri minori tali da consentire l'identificazione di percorsi/filoni tematici; interventi sul patrimonio architettonico di uno o più centri urbani che rispondano ad una progettazione integrata) Migliorare la competitività e la capacità di attrazione delle destinazioni turistiche, attraverso la valorizzazione sistemica di risorse e competenze 6,6% consolidando e rafforzando la brand reputation delle Marche in forma unitaria e integrata gettando le basi per la creazione e promozione di un brand adriaticoionico valorizzando i clusters turistici e identificando tematismi che consentano di promuovere in chiave integrata le risorse locali

15 Gli interventi trasversali al Programma: Strategia per le aree interne e Sviluppo urbano Aree interne: strategia nazionale cui le Marche partecipano: - aree eligibili sono quelle a maggiore spopolamento e invecchiamento della popolazione e carenti di servizi di base (sanità, istruzione,accessibilità); - obiettivi: contrastare i trend demografici, favorendo la riconversione dei sistemi produttivi tradizionali verso nuove opportunità legate alla valorizzazione del patrimonio naturale e culturale; - modalità di realizzazione: attraverso Accordi di programma Quadro governati dalla Regione cui partecipano gli Enti Locali (possibilmente in forma associata) e i Ministeri competenti (Salute, Infrastrutture, Istruzione); - le risorse: dal POR FESR in particolare gli OT 6, 3, 2, 4 e sinergia con altri fondi, FEASR in primis e FSE. Sviluppo Urbano: non verrà attivato uno specifico Asse, ma utilizzato lo strumento degli ITI (Investimenti Territoriali Integrati); - strategia di intervento localizzata territorialmente, in area urbana; - le risorse: per il FESR in particolare dagli OT 6 (attrattività turistica); 3 (sostegno alle imprese) e 4 (riqualificazione energetica edifici e mobilità sostenibile); integrazione con il FSE.

16 Grazie dell attenzione!

Fabio Travagliati PF Politiche Comunitarie e Autorità di gestione dei Fondi FESR e FSE della Regione Marche

Fabio Travagliati PF Politiche Comunitarie e Autorità di gestione dei Fondi FESR e FSE della Regione Marche Il nuovo POR FESR a sostegno delle politiche energetiche degli attori regionali Fabio Travagliati PF Politiche Comunitarie e Autorità di gestione dei Fondi FESR e FSE della Regione Marche 1 Il ciclo di

Dettagli

IL POR MARCHE FESR 2014/2020. Mauro Terzoni Autorità di Gestione FESR Regione Marche Evento di lancio POR FESR 14/20 Macerata, 25/03/2015

IL POR MARCHE FESR 2014/2020. Mauro Terzoni Autorità di Gestione FESR Regione Marche Evento di lancio POR FESR 14/20 Macerata, 25/03/2015 IL POR MARCHE FESR 2014/2020 Mauro Terzoni Autorità di Gestione FESR Regione Marche Evento di lancio POR FESR 14/20 Macerata, 25/03/2015 Proposta Regolamento tutti i Fondi: Undici obiettivi tematici 1.

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti. Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni

Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti. Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni Fondi FESR 2014-2020 L edilizia nel contesto europeo Gli undici

Dettagli

IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020

IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020 IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020 Paola Giorgi, Assessore regionale alle Politiche Comunitarie Evento di lancio Por Fesr 14/20 Macerata, 25/03/2015 Le novità del POR Marche FESR

Dettagli

IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020

IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020 IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020 QUANTO VALE IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020 POR FESR 231.509.780 50% 50% UE STATO LA STRATEGIA DEL POR FESR ABRUZZO 2014-2020 Europa 2020 Obiettivi tematici Sviluppo Locale

Dettagli

Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020

Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020 Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020 Obiettivo Investimenti per la Crescita e l Occupazione Siena, 27 marzo 2015 Monica Bartolini, Ilaria Buselli Ufficio Autorità di Gestione POR FESR

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale

Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale Dott.ssa Letizia Donati donati@eurosportello.eu Eurosportello Confesercenti 9 ottobre 2015 I Fondi Strutturali per la Cultura e Turismo

Dettagli

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 Dott.ssa Maria Pia Redaelli Direttore Funzione Specialistica Autorità di Gestione FSE E FESR 2014-2020, Programmazione Europea e Politiche Di Coesione

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero FVG regione a vocazione manifatturiera Settori di specializzazione FVG Principali

Dettagli

WORKERS BUY OUT: Mestieri, Competenze, Lavoro Storie di nuova cooperazione

WORKERS BUY OUT: Mestieri, Competenze, Lavoro Storie di nuova cooperazione WORKERS BUY OUT: Mestieri, Competenze, Lavoro Storie di nuova cooperazione Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR e POR FSE 2014-2020 Direttore Generale Economia della Conoscenza, del Lavoro e dell

Dettagli

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta #OPENFESR Dalle idee al commento del Programma Operativo FESR 2014-2020 La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta Raffaele Colaizzo

Dettagli

Ricerca e innovazione: le opportunità comunitarie per rilanciare la competitività del Sistema Marche

Ricerca e innovazione: le opportunità comunitarie per rilanciare la competitività del Sistema Marche Ricerca e innovazione: le opportunità comunitarie per rilanciare la competitività del Sistema Marche Regione Marche PATRIZIA SOPRANZI P.F. Innovazione Ricerca e Competitività dei Settori Produttivi Strategia

Dettagli

Agenda urbana dell Umbria Carlo Cipiciani

Agenda urbana dell Umbria Carlo Cipiciani Agenda urbana dell Umbria Carlo Cipiciani Regione Umbria Perché un Agenda urbana nella nuova programmazione 2014-2020 delle risorse europee Le città Motori della crescita e di poli di creatività e innovazione

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

La programmazione 2014-2020: Integrare i fondi per il territorio e per il consumo e le produzioni sostenibili

La programmazione 2014-2020: Integrare i fondi per il territorio e per il consumo e le produzioni sostenibili La programmazione 2014-2020: Integrare i fondi per il territorio e per il consumo e le produzioni sostenibili Bologna, 14 maggio 2014 Silvia Grandi Responsabile Servizio Intese Istituzionali e Programmi

Dettagli

Programmi operativi approvati per risorse, priorità e risultati attesi.

Programmi operativi approvati per risorse, priorità e risultati attesi. Programmi operativi approvati per risorse, priorità e risultati attesi. (Legenda i colori raggruppano i tipi di priorità obiettivo tematico generale di cui si allega la lista) Programmi Valle d'aosta Investimento

Dettagli

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Innovare i territori Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 1 La Federazione CSIT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Le policy dell energia in Sardegna I fondi di coesione per il settore energia, nel processo di definizione

Dettagli

Programma Operativo della Regione Piemonte FESR FSE Fondi strutturali europei 2014 2020

Programma Operativo della Regione Piemonte FESR FSE Fondi strutturali europei 2014 2020 Programma Operativo della Regione Piemonte FESR FSE Fondi strutturali europei 2014 2020 Umberto Fava Agenzia di sviluppo Langhe Monferrato Roero Alessandria, 1 Dicembre 2014 Palatium Vetus Fondazione Cassa

Dettagli

L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione regionale 2014-2020

L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione regionale 2014-2020 I Fondi Europei per la competitività e l innovazione delle PMI campane: strategie e opportunità di finanziamento L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione regionale 2014-2020 Dr. Ennio Parisi

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

IL PROGRAMMA DEL POR FESR EMILIA-ROMAGNA 2014-2020. Autorità di Gestione POR FESR Emilia Romagna 2007-2013

IL PROGRAMMA DEL POR FESR EMILIA-ROMAGNA 2014-2020. Autorità di Gestione POR FESR Emilia Romagna 2007-2013 IL PROGRAMMA DEL POR FESR EMILIA-ROMAGNA 2014-2020 Autorità di Gestione POR FESR Emilia Romagna 2007-2013 La filiera della programmazione Regolamento generale sui fondi che introduce gli obiettivi tematici

Dettagli

POR FESR Lazio 2014-2020 Obiettivi generali e opportunità

POR FESR Lazio 2014-2020 Obiettivi generali e opportunità POR FESR Lazio 2014-2020 Obiettivi generali e opportunità Rosanna Bellotti Autorità di Gestione del POR FESR Lazio 2014-2020 Tavolo di Partenariato 16 Giugno 2015 L ambito di intervento del POR FESR Lazio

Dettagli

Strumenti finanziari POR FESR 2014 2020 Informativa sulla valutazione ex ante

Strumenti finanziari POR FESR 2014 2020 Informativa sulla valutazione ex ante fondi strutturali e di investimento europei 2014-2020 FONDO SOCIALE EUROPEO e FONDO EUROPEO SVILUPPO REGIONALE Strumenti finanziari POR FESR 2014 2020 Informativa sulla valutazione ex ante Comitato di

Dettagli

Informest 2020 al servizio del territorio

Informest 2020 al servizio del territorio Informest 2020 al servizio del territorio Auditorium Regione Friuli Venezia Giulia Udine, via Sabbadini, giovedì 8 gennaio 2015 Sandra Sodini Dirigente Area Cooperazione Economica Internazionale, Informest

Dettagli

LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 \ OBIETTIVI TEMATICI (art.9 Reg.Generale) Interventi attivabili nel periodo 2014-2020 Grado

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Il Patto dei Sindaci della Città Metropolitana I FONDI EUROPEI GESTITI A LIVELLO REGIONALE

Il Patto dei Sindaci della Città Metropolitana I FONDI EUROPEI GESTITI A LIVELLO REGIONALE Il Patto dei Sindaci della Città Metropolitana I FONDI EUROPEI GESTITI A LIVELLO REGIONALE Responsabile Servizio Fondi ESI e Assistenza tecnica - Carola De Angelis LAZIO INNOVA SpA 30 marzo 2014 La Politica

Dettagli

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Il POR FESR Emilia Romagna ASSE 1 Ricerca industriale e trasferimento tecnologico 115 milioni

Dettagli

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita FONDI STRUTTURALI E DI COESIONE 2014/2020 PROGRAMMAZIONE EUROPEA: A livello europeo: Quadro Strategico Comune A

Dettagli

Smart Specialisation Strategy e forme aggregative

Smart Specialisation Strategy e forme aggregative Smart Specialisation Strategy e forme aggregative Nuovi strumenti a supporto dell innovazione e la competitività Piazzola sul Brenta, 23 maggio 2015 Dipartimento Sviluppo Economico Sezione Ricerca e Innovazione

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

ASSE 1. INNOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Dott.ssa Colombo

ASSE 1. INNOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Dott.ssa Colombo ASSE 1 INNOVAZIONE ED ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Dott.ssa Colombo ASSE 1: OBIETTIVI E FINALITÀ Promozione di maggiore intensità e qualità degli investimenti in Ricerca e Sviluppo; Potenziamento degli investimenti

Dettagli

Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014-2020

Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014-2020 Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014-2020 Pietro Cecchinato Monselice 21 luglio 2015 Sezione Programmazione e Autorità di Gestione FESR I PRINCIPI BASILARI Il Programma Operativo Regionale (POR),

Dettagli

POR FESR FVG 2014-2020

POR FESR FVG 2014-2020 { POR FESR FVG 2014-2020 Investimenti a favore { della crescita e dell occupazione 5 assi tematici (231 meuro) Asse 1 Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione: 77 meuro Asse 2 Promuovere

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

Efficienza per pianificare l energia

Efficienza per pianificare l energia Efficienza per pianificare l energia Simona Murroni - Assessorato Industria - Servizio Energia La RAS - Assessorato Industria Servizio Energia Sta redigendo il Piano Energetico Regionale Ambientale di

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 1) Identificativo Ente Dati anagrafici Cognome e Nome 1.. Nome Università/Ente.. Area didattica. 2a) FESR La proposta di Regolamento

Dettagli

Obiettivi della Riforma

Obiettivi della Riforma Rilancimpresa FVG 1 Obiettivi della Riforma Introdurre misure per l attrazione di nuovi investimenti, per attrarre investimenti nazionali e internazionali per l insediamento di nuove iniziative imprenditoriali;

Dettagli

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione European Association of Local and Regional Initiatives for Economic Development, Employment and Solidarity Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

Obiettivo "Investimenti in favore della crescita e dell occupazione"

Obiettivo Investimenti in favore della crescita e dell occupazione Obiettivo "Investimenti in favore della crescita e dell occupazione" Programma Operativo della Regione Lombardia Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) 2014-2020 Decisione C(2015) 923 del 12/02/2015

Dettagli

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva;

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva; EUROPA 2020 TRE priorità crescita intelligente sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse,

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità. Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015

POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità. Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015 POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015 Le risorse per lo sviluppo La Regione Lazio intende attivare una politica di sviluppo

Dettagli

L Agenda digitale del Piemonte. 2 febbraio 2015

L Agenda digitale del Piemonte. 2 febbraio 2015 L Agenda digitale del Piemonte 2 febbraio 2015 I punti di partenza La Digital Agenda europea è una delle sette iniziative faro della strategia Europa 2020 Nella politica di coesione 2014-2020 il miglior

Dettagli

I POR MARCHE FESR E FSE NELLA PROGRAMMAZIONE 2014/2020

I POR MARCHE FESR E FSE NELLA PROGRAMMAZIONE 2014/2020 I POR MARCHE FESR E FSE NELLA PROGRAMMAZIONE 2014/2020 LA PROGRAMMAZIONE 14/20: LE PRINCIPALI NOVITA 3 fasce di Regioni (più sviluppate, meno sviluppate e in transizione); L accordo di partenariato La

Dettagli

Bilingue: Italiano & Francese. I due dipartimenti francesi del Var e delle Alpi-Marittime (PACA) sono le new entry!

Bilingue: Italiano & Francese. I due dipartimenti francesi del Var e delle Alpi-Marittime (PACA) sono le new entry! Chi? 5 regioni di Francia e Italia: PACA, Corsica, Liguria, Toscana, Sardegna Dove? Punto di incontro nel Mediterraneo del Mar Ligure e del Tirreno Quanti? Più di 6,5 milioni di abitanti Come? Un Programma

Dettagli

Finanziamenti regionali per le P.M.I. per la realizzazione di audit energetici (misura co finanziata dal MI.S.E.)

Finanziamenti regionali per le P.M.I. per la realizzazione di audit energetici (misura co finanziata dal MI.S.E.) In collaborazione con: Finanziamenti regionali per le P.M.I. per la realizzazione di audit energetici (misura co finanziata dal MI.S.E.) Stefania Ghidorzi Direzione Energia Infrastrutture Lombarde Comitato

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

L'esperienza del Por Fesr Emilia- Romagna e le novità 2014-2020. Morena Diazzi Autorità di Gestione Por Fesr Emilia-Romagna 2007-2013

L'esperienza del Por Fesr Emilia- Romagna e le novità 2014-2020. Morena Diazzi Autorità di Gestione Por Fesr Emilia-Romagna 2007-2013 L'esperienza del Por Fesr Emilia- Romagna e le novità 2014- Morena Diazzi Autorità di Gestione Por Fesr Emilia-Romagna 2007-2013 IL POR FESR 2007-2013 Fondi strutturali 2007-2013 Sviluppo innovativo delle

Dettagli

Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato

Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato Comitato di Sorveglianza PSR 2007/2013 Olof S. Roma, 31 Maggio 2012 Indice 1. Il contesto della riforma 2. L approccio alla programmazione

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio Fondi strutturali 2014-2020 Guida pratica Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio State progettando i Programmi Operativi che plasmeranno

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dott.ssa Elena Iacoviello Dipartimento Presidenza Ufficio Turismo Terziario Promozione Integrata 1 Gli Obiettivi Tematici R.A.

Dettagli

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sezione per la promozione degli scambi dell Ambasciata d Italia Sintesi dell Accordo di Partenariato con la

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

AUDITORIUM iguzzini Recanati 12 marzo 2015

AUDITORIUM iguzzini Recanati 12 marzo 2015 PRESENTAZIONE OPPORTUNITÀ NAZIONALI E REGIONALI Bando MISE Industria sostenibile e PNR Primi bandi regionali del POR MARCHE FESR 2014-2020 AUDITORIUM iguzzini Recanati 12 marzo 2015 POR MARCHE FESR 2014-2020

Dettagli

Verso la nuova PAC 2014-2020 per lo sviluppo rurale in Toscana

Verso la nuova PAC 2014-2020 per lo sviluppo rurale in Toscana Verso la nuova PAC 2014-2020 per lo sviluppo rurale in Toscana Roberto Pagni Regione Toscana Dirigente Settore Politiche Comunitarie e Regionali per la competitività Convegno Il sistema agroalimentare

Dettagli

Il POR FESR dell Emilia-Romagna 2014-2020

Il POR FESR dell Emilia-Romagna 2014-2020 Il POR FESR dell Emilia-Romagna 2014-2020 10 marzo 2015 Morena Diazzi Autorità di Gestione Por Fesr Emilia-Romagna 2007-2013 L approccio unitario della nuova programmazione IL POR FESR 2014-2020 Con la

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

PON IC - Programma Operativo Nazionale Imprese e Competitività 2014-2020

PON IC - Programma Operativo Nazionale Imprese e Competitività 2014-2020 PON IC - Programma Operativo Nazionale Imprese e Competitività 2014-2020 Carlo Castaldi Assistenza Tecnica Ministero dello Sviluppo Economico adg.ponic@mise.gov.it Principali caratteristiche Ambiti tematici

Dettagli

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020. Programma Interreg Europe

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020. Programma Interreg Europe Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Interreg Europe Bologna, 27 novembre 2014 L area di Programma Programma Interreg Europe OBIETTIVO GENERALE Contribuire al rafforzamento delle politiche

Dettagli

(POR FESR) 2014-2020

(POR FESR) 2014-2020 Programma Operativo Regionale (POR FESR) 2014-2020 Cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) Adottato dalla Commissione Europea con Decisione C(2015) 923 del 12 febbraio 2015 Competitività

Dettagli

Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016. soges@sogesnetwork.eu www.sogesnetwork.eu

Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016. soges@sogesnetwork.eu www.sogesnetwork.eu Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016 Politica di coesione 2014-2020 Gli obiettivi di Europa 2020 Crescita intelligente, sostenibile e inclusiva Crescita e occupazione Cambiamenti climatici e sostenibilità

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra soci effettivi e soci aggregati) 62 Sezioni Territoriali (presso le Unioni Provinciali di Confindustria) Oltre 1 milione

Dettagli

I Fondi strutturali: obiettivi generali ed opportunità per il territorio.

I Fondi strutturali: obiettivi generali ed opportunità per il territorio. I Fondi strutturali: obiettivi generali ed opportunità per il territorio. L esempio della Regione Lazio Estratto dalle slide dall Evento di lancio della Programmazione Unitaria dei Fondi SIE 2014-2020

Dettagli

SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO FESR REGIONE MARCHE 2014-2020

SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO FESR REGIONE MARCHE 2014-2020 SERVIZIO RISORSE FINANZIARIE E POLITICHE COMUNITARIE P.F. POLITICHE COMUNITARIE AUTORITÀ DI GESTIONE F.E.S.R. E F.S.E. SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO FESR REGIONE MARCHE 2014-2020 1 settembre 2014 I principi

Dettagli

Abruzzo 2015 Accordo di Programma. tra il Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione Abruzzo

Abruzzo 2015 Accordo di Programma. tra il Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione Abruzzo 1 Abruzzo 2015 Accordo di Programma tra il Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione Abruzzo Progetto speciale a sostegno dello sviluppo produttivo dei Distretti della Regione Abruzzo Pescara, 21

Dettagli

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione.

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. Treviso, 24 febbraio 2015 Smart Specialisation Strategy Rappresenta il rafforzamento delle specializzazioni del territorio e la promozione

Dettagli

Bando StartUp. Tempi A partire dal 13 marzo 2013, le imprese possono inviare le loro proposte per 60 giorni.

Bando StartUp. Tempi A partire dal 13 marzo 2013, le imprese possono inviare le loro proposte per 60 giorni. Bando StartUp Risorse investite 30 milioni - Linea 1 Big data: 8 milioni - Linea 2 Cultura ad impatto aumentato: 14 milioni - Linea 3 Social Innovation Cluster: 7 milioni - Linea 4 Contamination Labs:

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

Azioni e strumenti per lo sviluppo delle imprese e dei territori

Azioni e strumenti per lo sviluppo delle imprese e dei territori Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa S.p.A. Azioni e strumenti per lo sviluppo delle imprese e dei territori Roma 29 ottobre 2014 Invitalia Invitalia, Agenzia Nazionale

Dettagli

La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile

La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Padova, 17 novembre 2014 Piano Energetico Regionale Fonti Rinnovabili - Risparmio

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Poi Energia: Descrizione e risultati Introduzione alla programmazione 2014-2020

Poi Energia: Descrizione e risultati Introduzione alla programmazione 2014-2020 Poi Energia: Descrizione e risultati Introduzione alla programmazione 2014-2020 Il POI Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico 2007-2013 è il risultato di un intenso lavoro di concertazione tra il Ministero

Dettagli

Bergamo Smart City. Sustainable Community

Bergamo Smart City. Sustainable Community Bergamo Smart City & Sustainable Community 1 Evoluzione delle Smart Cities nei secoli SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è un processo di cambiamento tale per cui lo sfruttamento delle risorse,

Dettagli

Avvio della programmazione 2007-13

Avvio della programmazione 2007-13 Avvio della programmazione 2007-13 Definizione dei criteri di selezione degli interventi per l attuazione delle strategie previste dal Programma Cagliari 9.11.2007 1 Le prossime scadenze Attività Definizione

Dettagli

e delle imprese di servizi 2014/2015 Laurea magistrale in Servizio sociale e politiche sociali Fondi e finanziamenti Tipologie di Fondi Fondi pubblici: derivano dall attuazione di obiettivi politici locali

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Newsletter n.74 Aprile 2010 Approfondimento_22 PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Assi Asse 1 - Asse 2 - Asse 3 - Asse 4 - Sostegno

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Programma Strategico Regionale per la Ricerca, l Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico per la IX legislatura 2011-2013 L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Cinzia Felci Direttore Programmazione Economica Ricerca

Dettagli

Opportunità offerte dalla nuova programmazione 2007-2013

Opportunità offerte dalla nuova programmazione 2007-2013 Sinnai, 4 marzo 2009 EFFICIENZA ENERGETICA E VALORIZZAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Opportunità offerte dalla nuova programmazione 2007-2013 «lo Sviluppo sostenibile è uno sviluppo che soddisfa i bisogni

Dettagli

Politiche regionali per l efficienza energetica

Politiche regionali per l efficienza energetica Politiche regionali per l efficienza energetica Giuliano Vendrame Sez Energia Regione del Veneto Venezia, 15 dicembre 2015 Piano Energetico Regionale Fonti Rinnovabili - Risparmio Energetico - Efficienza

Dettagli

Tavolo di partenariato dei programmi CTE 2014-2020

Tavolo di partenariato dei programmi CTE 2014-2020 Tavolo di partenariato dei programmi CTE 014-00 Secondo incontro dedicato ai programmi Cooperazione transnazionale MED Cooperazione transfrontaliera Italia-Slovenia Cooperazione interregionale Interreg

Dettagli

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia Per coltivare un futuro sostenibile Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia CHE COS È IL PSR Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) è lo strumento di attuazione del Fondo Europeo Agricolo

Dettagli

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE 1. Linee guida per il Progetto di legge per il rilancio della competitività lombarda 2. Aggiornamento dei criteri attuativi di Credito Adesso: 3.

Dettagli

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia Tabella 6: della Società dell Informazione, Asse I - Infrastruttura a banda larga 1. Completamento della copertura a banda larga degli Enti pubblici e dei siti strategici per l erogazione di servizi di

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 SINTESI 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle Attività

Dettagli

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Workshop Politiche di Integrazione Socio- Sanitaria: modelli a confronto e sfide per un futuro sostenibile IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Cittadella, 23-24 settembre 2014 IL

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli