CIRCOLARE. Ai Responsabili del trattamento dei dati personali LORO SEDI. BS/ad

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIRCOLARE. Ai Responsabili del trattamento dei dati personali LORO SEDI. BS/ad"

Transcript

1 Direzione Amministrativa CIRCOLARE Affari Generali e Legali Ai Responsabili del trattamento dei dati personali BS/ad LORO SEDI OGGETTO: Regolamento per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari ai sensi degli articoli 20, comma 2, e 21, comma 2, del Codice della Privacy, approvato con il Decr. Pres. Reg. 12 maggio 2006, n.0146/pres. Con il Decr. Pres. Reg. 12 maggio 2006, n.0146/pres., la Regione FVG ha ottemperato a quanto previsto dagli articoli 20, comma 2, e 21, comma 2, del D.L.vo 196/2003, adottando il regolamento in forza del quale anche i soggetti pubblici non dotati di potestà regolamentare a rilevanza esterna, ma soggetti ai poteri di indirizzo e controllo della Regione stessa, possono trattare dati sensibili già autorizzati da espressa disposizione di legge che non specifica i tipi di dati sensibili e di operazioni eseguibili. Il Decr. Pres. Reg. 12 maggio 2006, n. 0146/Pres. provvede quindi ad individuare tutti i tipi di dati sensibili e giudiziari che possono essere utilizzati e le operazioni che possono essere necessariamente svolte anche da parte di questo IRCCS per perseguire le finalità di rilevante interesse pubblico di competenza, già individuate per legge (v. art. 85 e ss. codice privacy), tra le quali le attività amministrative correlate a quelle di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione. I trattamenti di dati idonei a rivelare lo stato di salute effettuati con finalità di tutela della salute o dell incolumità fisica dell interessato non rientrano nell ambito di applicazione dell art. 20 e non sono quindi contemplati dal regolamento, in quanto sono soggetti alle norme sulla prestazione del consenso (v. art. 76 codice privacy). Non è possibile effettuare alcuna operazione relativa ai dati sensibili (diversi da quelli idonei a rivelare lo stato di salute indispensabili per perseguire una finalità di tutela della salute o dell incolumità fisica dell interessato ) e giudiziari, al di fuori delle ipotesi espressamente contemplate nelle schede che compongono il regolamento. Per agevolare la consultazione del regolamento in questione, si allega alla presente un indice riassuntivo delle schede relative ai singoli trattamenti (allegato A e allegato B ) riportate nel Decr. Pres. Reg. 12 maggio 2006, n.0146/pres., consultabile integralmente sul sito del Burlo alla voce Ospedale Privacy Regolamento F.V.G. Ciascun responsabile in indirizzo deve quindi verificare che i trattamenti di dati sensibili effettuati dagli incaricati della propria struttura riguardino unicamente le operazioni di trattamento individuate dal regolamento nelle schede riguardanti il segmento di attività istituzionale di competenza. Appare quindi il caso di riassumere i principi dettati dal codice della privacy in materia di trattamento dei dati da parte dei soggetti pubblici, che tutti i responsabili ed incaricati sono tenuti ad osservare:

2 1) qualunque trattamento di dati personali da parte di soggetti pubblici è consentito soltanto per lo svolgimento delle funzioni istituzionali; 2) salvo quanto previsto per il trattamento di dati idonei a rivelare lo stato di salute, effettuato per finalità di tutela della salute o dell incolumità fisica dell interessato, i soggetti pubblici non devono richiedere il consenso dell interessato; 3) il trattamento dei dati diversi da quelli sensibili e giudiziari da parte dei soggetti pubblici (ossia i dati personali comuni : nome, cognome, indirizzo ecc.) è sempre consentito anche in mancanza di una norma di legge o di regolamento che lo preveda espressamente, sempre che rientrino nello svolgimento di funzioni istituzionali; 4) il trattamento dei dati sensibili e giudiziari da parte dei soggetti pubblici (diversi dal trattamento di dati idonei a rivelare lo stato di salute effettuati con finalità di tutela della salute o dell incolumità fisica dell interessato per i quali occorre il consenso) è consentito solo se autorizzato da espressa disposizione di legge nella quale sono specificati i tipi di dati che possono essere trattati e le operazioni eseguibili; 5) se il trattamento di cui al punto 4) è autorizzato da espressa disposizione di legge che non specifica però i tipi di dati che possono essere trattati e le operazioni eseguibili, il trattamento è ora consentito in base al nuovo regolamento regionale che identifica i tipi di dati e le operazioni eseguibili dall Istituto nello svolgimento delle proprie funzioni istituzionali; 6) se il trattamento dei dati sensibili non è previsto espressamente da una disposizione di legge, i soggetti pubblici possono richiedere al Garante l individuazione delle attività che perseguono finalità di rilevante interesse pubblico per le quali è conseguentemente autorizzato il trattamento. In tal caso, i soggetti pubblici debbono altresì provvedere ad identificare e rendere pubblici i tipi di dati e di operazioni con atto di natura regolamentare. Si ricorda, inoltre, che: 1) per trattamento si intende qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l ausilio di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, l organizzazione, la conservazione, la consultazione, l elaborazione, la modificazione, la selezione, l estrazione, il raffronto, l utilizzo, l interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati; 2) si intendono per dati sensibili, i dati personali idonei a rivelare l origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l adesione ai partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale; 3) si intendono per dati giudiziari, i dati personali idonei a rivelare i provvedimenti giudiziari in materia di iscrizione al casellario giudiziale, di anagrafe delle sanzioni amministrative dipendenti da reato e dei relativi carichi pendenti, o la qualità di imputato o indagato ai sensi del codice di procedura penale. Si coglie, infine, l occasione per ribadire la necessità della puntuale osservanza delle disposizioni vigenti in materia di trattamento dei dati personali e delle istruzioni fornite ai Responsabili formalmente individuati. A disposizione per ogni ulteriore chiarimento, si porgono cordiali saluti. La Responsabile Affari generali e Legali Avv. Benedetta Smedile Si allegano:

3 Linea Guida per l applicazione del Regolamento Allegato A Elenco delle schede relative ai trattamenti di dati personali, sensibili e giudiziari della Regione autonoma F.V.G., enti e agenzie regionali, gli enti controllati e vigilati dalla Regione. Allegato B Elenco delle schede relative ai trattamenti di dati personali, sensibili e giudiziari delle Aziende Sanitarie Locali, Aziende Ospedaliere, Istituti di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico, Aziende universitarie di qualsiasi tipo e natura operanti nell'ambito del S.S.N. Infine, considerata la difficoltà di lettura ed interpretazione delle schede, si riporta in calce, a titolo di esempio, una scheda tipo (scheda n. 5 Attività fisica e sportiva pag. 143), con i relativi riquadri di commento e spiegazione. Anche se non specificatamente attinente all attività svolta presso questo Istituto, tale scheda, trasmessa da altre Aziende Ospedaliere Regionali, può costituire un esempio per un più facile utilizzo delle schede di pertinenza.

4 LINEA GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO SUI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI (ai sensi dell art. 20, comma 2, del D.Lgs. 196/03) 1. PERCHÉ UN REGOLAMENTO SUI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI? Il Regolamento sui dati sensibili e giudiziari è previsto dall art.20 del Codice privacy (D.Lgs. 196/03) ed ha lo scopo di autorizzare i trattamenti di tali dati in tutti i casi in cui non sussista già una legge che disciplini dettagliatamente i tipi di dati che possono essere trattati e le operazioni eseguibili sugli stessi. Le leggi infatti, per la maggioranza, disciplinano le attività, sanitarie o meno, senza occuparsi di come i dati relativi a tali attività debbano essere utilizzati. Il Regolamento ha dunque la funzione di supplire a tale carenza legislativa. In sostanza, il Regolamento autorizza quei trattamenti di dati che altrimenti sarebbero vietati. Il Regolamento si occupa: A. solo ed esclusivamente dei dati sensibili e giudiziari,* in quanto il trattamento dei dati puramente personali da parte di un ente pubblico per finalità istituzionali è sempre ammesso (non occorrono nè una legge nè un regolamento); B. solo ed esclusivamente dei trattamenti di dati in ambito amministrativo, cioè di tutte le operazioni che vengono effettuate utilizzando dei dati per le finalità amministrative strettamente connesse all attività di cura. In altre parole il Regolamento non autorizza i trattamenti di dati che occorrono per la diretta tutela della salute, cioè per la cura (per far questo è indispensabile il consenso del cittadino al trattamento dei propri dati), ma i trattamenti che precedono, seguono o accompagnano l attività assistenziale in senso stretto. Un esempio: il Regolamento non entra nel merito dei programmi di diagnosi precoce intesi come attività prettamente sanitaria (il cittadino che intende partecipare ad uno screening darà il proprio consenso al trattamento dei propri dati). Il Regolamento si occupa di tutti i flussi amministrativi correlati all attività di screening, quali ad esempio l invio dei dati alla Regione, la tenuta dei relativi registri, ecc. * Per dati sensibili si intendono i dati personali idonei a rivelare l origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l adesione a partiti, sindacati, associazioni, od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale (art. 4, lett. d, Codice). Per dati giudiziari si intendono i dati personali idonei a rivelare provvedimenti in materia di casellario giudiziale, di anagrafe delle sanzioni amministrative dipendenti da reato e dei relativi carichi pendenti, o la qualità di imputato o di indagato (art. 4, lett. e, Codice). 2. COME E STRUTTURATO IL REGOLAMENTO? Il Regolamento si compone di schede riguardanti ciascuna una specifica attività e di conseguenza una specifica tipologia di trattamento di dati sensibili o giudiziari: a) n. 35 schede relative ai trattamenti di dati personali, sensibili e giudiziari della Regione autonoma F.V.G., enti e agenzie regionali, gli enti controllati e vigilati dalla Regione; b) n. 41 schede relative ai trattamenti di dati personali, sensibili e giudiziari delle Aziende Sanitarie Locali, Aziende Ospedaliere, Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, Aziende universitarie di qualsiasi tipo e natura operanti nell'ambito del S.S.N.

5 Ogni scheda, a sua volta, è suddivisa in varie parti. Nessuna di esse può essere modificata e/o integrata in quanto il contenuto è stato approvato dall Autorità Garante nella veste in cui si presenta. In particolar modo le parti della scheda denominate : Tipologia dei dati trattati Modalità di trattamento dei dati Tipologia delle operazioni eseguite presentano caselle barrate e caselle vuote: ciò sta ad indicare che sono autorizzati dal Regolamento soltanto i trattamenti di dati contrassegnati con X. Le tipologie di dati e di operazioni non barrate con X non sono ammesse e pertanto illegittime. Se, ad esempio, non è stata barrata con X la casella relativa alla vita sessuale ciò significa che tali dati non possono essere trattati e quindi registrati, utilizzati, conservati ecc. Occorre prestare particolare attenzione alla comunicazione (inserita nella tipologia delle operazioni eseguite): sono infatti previsti nelle singole schede i soli soggetti, pubblici o privati, destinatari dei dati sensibili o giudiziari; in altre parole, l Azienda sanitaria non può porre in essere flussi informativi nei confronti di soggetti diversi da quelli specificatamente indicati. 3. COSA FARE? Le schede devono essere lette e consultate. La lettura e la consultazione del Regolamento sono indispensabili per conoscere quali siano i trattamenti di dati ammessi e le modalità con cui porli in essere. Ogni Responsabile del trattamento dovrà pertanto consultare l indice delle schede in relazione all attività svolta e rinvenire all interno della scheda stessa i trattamenti di dati autorizzati. Ogni Responsabile del trattamento potrà essere interessato ad una o più schede. Ciò che non è contemplato nella scheda non è stato ritenuto indispensabile (ai sensi dell art. 3 del Codice) dall Autorità Garante e pertanto il relativo trattamento di dati non può essere legittimamente posto in essere. Tale ricognizione deve essere svolta da ogni Responsabile del trattamento per i trattamenti di dati effettuati nell ambito della propria U.O./ Struttura/Servizio. 4. AVVERTENZE L Autorità Garante ha ormai avviato una verifica sistematica sugli adempimenti in materia di tutela della riservatezza da parte delle Aziende Sanitarie attraverso controlli e ispezioni. Per lo svolgimento della propria funzione di controllo il Garante ha già stipulato un protocollo d intesa con la Guardia di Finanza, che attiva a sua volta uno specifico nucleo sulla protezione dei dati personali. Anche l adeguamento ai contenuti del Regolamento potrà essere oggetto di controlli e verifiche.

6 ALLEGATO A N Elenco delle schede relative ai trattamenti di dati personali, sensibili e giudiziari della Regione autonoma F.V.G., enti e agenzie regionali, gli enti controllati e vigilati dalla Regione. Nomine e designazioni, da parte della Regione, delle Aziende sanitarie, degli Enti e Agenzie regionali, degli altri Enti vigilati e controllati dalla Regione. pag. 7 Instaurazione e gestione del rapporto di lavoro del personale inserito a vario titolo presso l Ente regionale, le Aziende sanitarie, gli Enti e le Agenzie regionali e gli altri Enti vigilati e controllati dalla Regione, compreso collocamento obbligatorio, assicurazioni integrative. pag. 13 Attività sanzionatoria e di tutela amministrativa e giudiziaria riguardante l Ente regionale, le Aziende sanitarie, gli Enti e le Agenzie regionali e gli altri Enti vigilati e controllati dalla Regione. pag. 21 A) Anagrafe patrimoniale dei titolari di cariche elettive e di cariche direttive; B) Gestione economica, fiscale e previdenziale delle indennità, degli assegni vitalizi e delle reversibilità dei consiglieri, ex consiglieri e assessori regionali. pag Assicurazione rischi di morte, invalidità permanente e temporanea, dipendenti da infortunio o infermità e assicurazione invalidità dei consiglieri e assessori regionali e dei consiglieri degli Enti strumentali in carica. pag Attività ispettiva. pag Attività in materia di tributi regionali. pag Concessioni, autorizzazioni, iscrizioni, agevolazioni, finanziamenti ed altri benefici a persone fisiche e giuridiche e organizzazioni sociali, da parte della Regione, degli enti e Agenzie regionali, degli altri Enti vigilati e controllati dalla Regione. pag Attuazione norme per il diritto al lavoro dei disabili (collocamento obbligatorio): incontro domanda-offerta di lavoro; Banca dati regionale agevolazioni per le assunzioni. pag Gestione dati relativi ai partecipanti a corsi ed attività formative. pag Attività socio-assistenziali a favore di fasce deboli di popolazione (persone bisognose o non autosufficienti o incapaci o appartenenti a particolari gruppi di popolazione). pag Attività di programmazione, gestione, controllo e valutazione dell assistenza sanitaria. pag Tutela dai rischi infortunistici e sanitari connessi con gli ambienti di vita e di lavoro. pag Profilassi generale delle malattie infettive e diffusive. pag Vaccinazioni (compreso indennizzo per danni da vaccinazioni obbligatorie). pag Assistenza sanitaria di base: cure all estero. pag Assistenza integrativa (fornitura di prodotti dietetici e di presidi sanitari a categorie particolari). pag. 82 Prestazioni sanitarie ad alta specializzazione a stranieri 18 extracomunitari per ragioni umanitarie. pag Assistenza residenziale e semiresidenziale ad anziani non autosufficienti, disabili psichici e sensoriali e malati terminali. pag Assistenza termale. pag Assistenza ospedaliera in regime di ricovero e domiciliare. pag. 91

7 22 Trapianti. pag Assistenza sanitaria di emergenza. pag. 97 continua ALLEGATO A 24 Assistenza specialistica ambulatoriale, diagnostica, riabilitativa extra-ospedaliera e domiciliare. pag Promozione e tutela della salute mentale. pag Tutela della salute materno-infantile. pag Assistenza farmaceutica territoriale e ospedaliera. pag Farmacovigilanza e rilevazione reazioni avverse a vaccino. pag Attività trasfusionale e indennizzo per danni da trasfusioni e somministrazione di emoderivati. pag Assistenza a favore delle categorie protette (morbo di Hansen). pag Trattamenti per scopi scientifici diversi da quelli medici, biomedici ed epidemiologici. pag Trattamenti per scopi statistici effettuati da soggetti SISTAN (ufficio di Statistica della Regione). pag Attività di pianificazione e gestione delle situazioni di emergenza di protezione civile. pag Documentazione dell'attività istituzionale del Consiglio e degli organi consiliari della Regione/Provincia autonoma, della giunta regionale/provinciale e degli organi di altri Enti pubblici regionali o vigilati dalla Regione. pag Pubblicità immobiliare- Impianto e tenuta dei libri fondiari. pag. 126

8 ALLEGATO B Elenco delle schede relative ai trattamenti di dati personali, sensibili e giudiziari delle Aziende Sanitarie Locali, Aziende Ospedaliere, Istituti di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico, Aziende universitarie di N. qualsiasi tipo e natura operanti nell'ambito del S.S.N. 1 Tutela dai rischi infortunistici e sanitari connessi con gli ambienti di vita e di lavoro. pag Sorveglianza epidemiologica delle malattie infettive e diffusive e delle tossinfezioni alimentari. pag Vaccinazioni e verifica assolvimento obbligo vaccinale. pag Programmi di diagnosi precoce. pag Attività fisica e sportiva. pag Gestione attività sociosanitaria a favore di fasce deboli di popolazione. pag Medicina di base - Pediatria di libera scelta - continuità assistenziale (Guardia medica notturna e festiva, Guardia turistica). pag Assistenza sanitaria di base: riconoscimento del diritto all'esenzione per patologia/invalidità/reddito e gestione archivio esenti. pag Assistenza sanitaria di base: assistenza sanitaria in forma indiretta. pag Assistenza sanitaria di base: cure all'estero. pag Assistenza sanitaria di base: assistenza agli stranieri in Italia (particolari categorie). pag Assistenza integrativa (fornitura di prodotti dietetici a categorie particolari e di presidi sanitari a soggetti affetti da diabete mellito). pag Assistenza protesica. pag Assistenza domiciliare programmata e integrata. pag Attività di assistenza riabilitativa residenziale e semiresidenziale ad anziani non autosufficienti, disabili psichici e sensoriali e malati terminali. pag Assistenza termale. pag Attività amministrativa, programmatoria, gestionale e di valutazione relativa alla assistenza in regime di ricovero ospedaliero e domiciliare. pag Attività amministrativa, programmatoria, gestionale e di valutazione, concernente l'attività immuno-trasfusionale. pag Attività amministrativa, programmatoria, gestionale e di valutazione, concernente il trapianto d'organi. pag Soccorso sanitario di emergenza/urgenza Sistema "118". Assistenza sanitaria di emergenza. pag Assistenza specialistica ambulatoriale e riabilitazione. pag Promozione e tutela della salute mentale. pag Dipendenze (Tossicodipendenze e alcooldipendenze). pag Assistenza socio-sanitaria per la tutela della salute materno-infantile ed esiti della gravidanza. pag Assistenza farmaceutica territoriale e ospedaliera. pag Sperimentazione clinica dei medicinali. pag Farmacovigilanza e rilevazioni reazioni avverse a vaccino. pag Erogazione a totale carico del Servizio Sanitario Nazionale, qualora non vi sia alternativa terapeutica valida, di medicinali inseriti in apposito elenco predisposto dalla Commissione unica del farmaco. pag Assistenza a favore delle categorie protette (Morbo di Hansen). pag. 231

9 30 Attività amministrativa, programmatoria, gestionale e di valutazione concernente l'assistenza ai nefropatici cronici in trattamento dialitico. pag. 234 continua ALLEGATO B Attività medico-legale inerente l'istruttoria delle richieste di indennizzo per danni da vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazione di emoderivati. pag. 237 Attività medico-legale inerente gli accertamenti finalizzati al sostegno delle fasce deboli (riconoscimento dello stato di invalidità civile, cecità civile, sordomutismo, della condizioni di handicap, accertamenti per il collocamento mirato al lavoro delle persone disabili). pag. 240 Attività medico-legale inerente l'accertamento dell'idoneità in ambito di diritto al lavoro (assunzione nel pubblico impiego; idoneità allo svolgimento di mansioni lavorative; controllo dello stato di malattia di dipendenti pubblici e privati). pag. 243 Attività medico-legale inerente l'accertamento dell'idoneità al porto d'armi, ai fini della sicurezza sociale. pag. 247 Attività medico-legale inerente l'accertamento dell'idoneità alla guida, ai fini della sicurezza sociale. pag. 250 Consulenze e pareri medico-legali in tema di riconoscimento della dipendenza da causa di servizio. pag Consulenze e pareri medico-legali in tema di ipotesi di responsabilità professionale sanitaria, di supporto all'attività di gestione del rischio clinico, informazione e consenso ai trattamenti sanitari. pag Attività medico-legale in ambito necroscopico. pag Attività di programmazione, gestione e controllo e valutazione dell'assistenza sanitaria. pag Gestione e verifica sull'attività specialistica e di ricovero delegata alle strutture accreditate. pag Videosorveglianza con finalità di sicurezza e protezione di beni e persone. pag. 270

10 REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI DELLE AZIENDE ALLEGATO B (Art D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) Scheda n. 5 DENOMINAZIONE DEL TRATTAMENTO: ATTIVITÀ FISICA E SPORTIVA Denominazione del trattamento: Si intende l attività, o l insieme di attività omogenee, cui è correlato il trattamento di dati. In questo casi ci si riferisce ai trattamenti di dati effettuati dal Servizio di Medicina Sportiva. FONTI NORMATIVE LEGISLATIVE: L. 833 del Istituzione del Servizio Sanitario Nazionale D.Lgs 502/92 (Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. 1 della L. 23 ottobre 1992, n. 421) Leggi Regionali L.R. n. 41/1993; L.R. n. 12/1994; L.R. n. 41/1996; L.R. n. 10/1998. Fonte normativa legislativa: si intende la specifica disposizione di legge che origina o regola l attività istituzionale in relazione alla quale l Azienda Sanitaria effettua i trattamenti di dati. Altre fonti: Si fa riferimento a quei provvedimenti amministrativi (delibere, decreti ministeriali) che istituiscono o regolano l attività ALTRE FONTI: cui il trattamento si riferisce, ma non hanno la forma della legge. DGR n. 671/2000 D.M Tutela Sanitaria Attività Sportiva Agonistica D.M Tutela Sanitaria Attività Sportiva non Agonistica D.M Determinazione dei protocolli per la concessione dell idoneità alla pratica sportiva agonistica alla persona handicappata D.M Norme per la tutela sanitaria degli sportivi professionisti Circolare Ministero Salute del n 500.4: "Linee guida per un organizzazione omogenea della certificazione di idoneità alla attività sportiva agonistica". Finalità del trattamento: si intende la finalità di rilevante FINALITÀ DEL TRATTAMENTO: interesse pubblico per il cui perseguimento è possibile effettuare il trattamento di dati. In questo caso il Servizio di Medicina Sportiva tratterà i dati per le sole finalità a fianco specificate. Attività certificatoria (art. 85, comma 1, lettera d) Attività amministrative correlate a quelle di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione, (art. 85, comma 1, lettera a) D. Lgs. 196/2003); Programmazione, gestione, controllo e valutazione dell assistenza sanitaria (art. 85, comma 1, lettera b). D. Lgs. 196/2003); TIPOLOGIA DEI DATI TRATTATI: Tipologia dei dati trattati: dati sensibili e "dati giudiziari : vedi definizione nella linea guida. In questo caso il servizio di Medicina Sportiva potrà trattare esclusivamente i dati sensibili relativi allo stato di salute. Non sono ammessi trattamenti di dati relativi ad es. alla vita sessuale o alle convinzioni religiose (non barrati). Dati idonei a rivelare: Origine razziale ed etnica _ Convinzioni religiose _ filosofiche _ d altro genere _ Opinioni politiche _ Adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale _ Stato di salute: attuale X pregresso X Anche relativi a familiari dell interessato X Vita sessuale _

11 Dati giudiziari _ MODALITÀ DI TRATTAMENTO DEI DATI: - cartaceo X - informatizzato X -supporto di altro tipo: - audio _ - video _ - per immagini _ - reperti biologici o di altro tipo _ Modalità di trattamento dei dati: viene specificato se le operazioni eseguite sul tipo di dato vengono effettuate con procedure informatizzate e quindi contenute su supporti informatici oppure con attività manuale e quindi contenute solo su supporti cartacei. In questo caso il Servizio di Medicina Sportiva si avvarrà per il trattamento dei dati di modalità sia cartacee che informatizzate Non è stato ritenuto indispensabile nel testo approvato dall Autorità Garante l utilizzo di altri supporti. Operazioni standard: in questa categoria rientrano la raccolta del dato (avvenuta sia in maniera diretta presso l interessato sia acquisita da altri soggetti esterni), la registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, TIPOLOGIA DELLE OPERAZIONI ESEGUITE: utilizzo, blocco, accesso, distruzione del dato. Operazioni standard In questo caso sono ammesse tutte le tipologia di trattamento Raccolta: come si evince dal fatto che tutte le caselle sono barrate - dati forniti dall interessato X - dati forniti da soggetto privato diverso dall interessato X - dati forniti da soggetto pubblico X Registrazione, organizzazione, conservazione, consultazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, utilizzo, blocco, cancellazione, distruzione. X Operazioni particolari: vi rientrano l interconnessione e il raffronto con altri trattamenti o archivi, sia dello stesso Ente sia di altri soggetti, nonché la comunicazione e la diffusione del dato. Interconnessione: l'operazione, il processo per cui due o più banche di dati sensibili e/o giudiziari vengono connesse tra loro con la capacità di ciascun titolare di modificare, interrogare, estrarre informazioni complesse. Raffronto: confrontare due o più banche dati, per stabilirne eventuali concordanze o differenze. Comunicazione: il dare conoscenza dei dati personali a uno o più soggetti determinati diversi dall interessato, anche mediante la loro messa a disposizione o consultazione. Diffusione: il dare conoscenza dei dati personali a soggetti indeterminati, in qualunque forma. In questo caso il Servizio di Medicina Sportiva non potrà fare interconnessioni o raffronti con altri archivi o banche dati. Potrà invece comunicare dati alla Regione o ai soggetti privati specificati. Operazioni particolari: Interconnessione, raffronti di dati con altri trattamenti o archivi - dello stesso titolare (Azienda sanitaria) _ - di altro titolare _ Comunicazione (da parte dell azienda sanitaria) - verso soggetti pubblici X Regione - verso soggetti privati X FISD regionale (Federazione italiana sport disabili); Società sportive di appartenenza Diffusione _

12 Descrizione del trattamento e del flusso informativo. descrive in forma sintetica tutte le varie fasi relative ad un determinato trattamento. Questa voce è, per così dire, riepilogativa di tutta la scheda e ha lo scopo di dare al cittadino una informazione più immediata sul percorso che il suo dato segue una volta venuto in possesso dell Azienda Sanitaria. DESCRIZIONE DEL TRATTAMENTO E DEL FLUSSO INFORMATIVO: Il trattamento dei dati è finalizzato all attività certificatoria dell idoneità alla pratica sportiva non professionistica. I dati sono inoltre utilizzati per identificare: 1) lo stato di salute dei praticanti (sani, affetti da patologie che comunque non controindicano attività sportiva, affetti da patologie che controindicano attività sportiva, compreso eventuale diagnosi precoce delle malattie cardiache); 2) il tipo di accertamenti e di indagini strumentali supplementare a quelle richieste obbligatoriamente dai decreti ministeriali e e necessarie per dirimere eventuali dubbi diagnostici; 3) il monitoraggio delle certificazioni di idoneità alla pratica sportiva rilasciate in ogni regione (numero progressivo regionale delle certificazioni, sedi di certificazioni, medici certificatori); 4) gestione amministrativa dei ricorsi avverso il giudizio di non idoneità presentati in commissione regionale d appello. Il flusso informativo segue il seguente percorso: L accesso dell atleta al Servizio avviene direttamente o attraverso le Società sportive che comunicano, anche ai fini dell eventuale esenzione ticket, l elenco nominativo degli atleti. Dopo l effettuazione delle visite e prestazioni necessarie, il servizio rilascia: a) certificato di idoneità b) certificato di non idoneità c) richiesta di ulteriori accertamenti. Il certificato di idoneità o di non idoneità riporta esclusivamente l identificativo dell atleta e la dicitura idoneo o non idoneo, senza altre specificazioni. In caso di idoneità il certificato viene consegnato all atleta o all avente la patria potestà dell atleta minorenne e alla società sportiva inviante. E prevista la comunicazione alle società sportive di appartenenza, limitatamente alla non idoneità dell atleta, loro affiliato, senza l indicazione della diagnosi clinica. In caso di non idoneità il solo certificato viene consegnato alla Società sportiva inviante. Il certificato, accompagnato dalla documentazione sanitaria, viene consegnato all atleta, o all avente la patria potestà, e inviato in caso di ricorso alla Regione, che cura la Commissione regionale d appello, per la gestione dell eventuale ricorso. Tutta la documentazione viene conservata presso il servizio con modalità equiparate a quelle delle cartelle cliniche.

13

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione SCHEDE ALLEGATO A Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione Titolo 1 Nomine e designazioni da parte della regione,

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/13/CR06/C2INFO

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/13/CR06/C2INFO CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/13/CR06/C2INFO DELIBERAZIONE PER L ADOZIONE DEL REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI DI COMPETENZA DELLA REGIONE/PROVINCIA

Dettagli

Regolamento di attuazione degli articoli 20, comma 2, e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196,

Regolamento di attuazione degli articoli 20, comma 2, e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196, Regolamento di attuazione degli articoli 20, comma 2, e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196, relativo alla individuazione dei tipi di dati e delle operazioni eseguibili in tema di trattamento

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO

COMUNE DI ROBASSOMERO COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI

Dettagli

(Artt. 20-21 D.Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali)

(Artt. 20-21 D.Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) Servizio Sanitario Nazionale Regione Siciliana VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 Codice Fiscale P. IVA 02363280815 SCHEDA N. 17 REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA Scheda n 2 DENOMINAZIONE DEL TRATTAMENTO: GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEL PERSONALE ASSEGNATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.20-21 D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) Scheda n. 1 DENOMINAZIONE DEL TRATTAMENTO: TUTELA DAI

Dettagli

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE/CONSULTAZIONE DELLE SCHEDE RELATIVE AI SINGOLI TRATTAMENTI

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE/CONSULTAZIONE DELLE SCHEDE RELATIVE AI SINGOLI TRATTAMENTI ALLEGATO 16.5.2006 B - BOLLETTINO REGOLAMENTO UFFICIALE REGIONE DELLA TOSCANA REGIONE - AZIENDE TOSCANA SANITARIE - N. 15 121 ALLEGATO B Elenco dei trattamenti di competenza delle Aziende Unità Sanitarie

Dettagli

Trattamento dei dati personali

Trattamento dei dati personali Trattamento dei dati personali CODICE DELLA PRIVACY II 1 GENNAIO 2004 E ENTRATO IN VIGORE IL D.Lgs. N.196 DEL 30 GIUGNO 2003. TALE DECRETO E IL NUOVO TESTO UNICO PER LA PRIVACY. IL NUOVO CODICE IN MATERIA

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI ISTITUTO NAZIONALE DI RICERCA METROLOGICA (INRIM) REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI (decreto del Presidente dell INRIM n 332/2006, del 28 dicembre 2006) INRIM_Regol_dati_sensibili_e_giudiziari_28.12.06

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE

DOMANDA DI ISCRIZIONE DOMANDA DI ISCRIZIONE Il sottoscritto/a nato/a il / / 19 a residente a in Via Codice Fiscale E-mail Tel. Cell. Documento Tipo N. Ril. Scad. CHIEDE Di essere iscritto all associazione Professionisti Associati

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.20-21 D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali)

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.20-21 D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) Scheda n 18 REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.20-21 D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) DENOMINAZIONE DEL TRATTAMENTO: PRESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI CARBONE (PROVINCIA DI POTENZA)

COMUNE DI CARBONE (PROVINCIA DI POTENZA) COMUNE DI CARBONE (PROVINCIA DI POTENZA) REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSISIBILI E GIUDIZIARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 21.06.2007 IL SINDACO IL SEGRETARIO

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli Strumenti digitali e privacy Avv. Gloria Galli Codice in materia di protezione dei dati personali: Decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003 Art. 4. Definizioni trattamento, qualunque operazione o complesso

Dettagli

(Artt. 20-21 D.Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali)

(Artt. 20-21 D.Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) Servizio Sanitario Nazionale Regione Siciliana VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 Codice Fiscale P. IVA 02363280815 SCHEDA N. 6 REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Dettagli

Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 50 DEL 21.5.

Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 50 DEL 21.5. Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 50 DEL 21.5.2012 OGGETTO: individuazione degli incaricati del trattamento dati personali

Dettagli

Autorità di Bacino. BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO (legge 18 maggio 1989 n 183 art. 12) SCHEDA N.1

Autorità di Bacino. BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO (legge 18 maggio 1989 n 183 art. 12) SCHEDA N.1 Denominazione del trattamento SCHEDA N.1 Gestione dei concorsi pubblici e dei procedimenti finalizzati ad altre forme di assunzione o impiego. Procedimenti di mobilità, comandi e distacchi. Gestione del

Dettagli

Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale IL PRESIDENTE. VISTO il Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196;

Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale IL PRESIDENTE. VISTO il Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196; REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale IL PRESIDENTE VISTO il Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196; VISTI in

Dettagli

Procedura automatizzata per la gestione del prestito - FLUXUS

Procedura automatizzata per la gestione del prestito - FLUXUS Procedura automatizzata per la gestione del prestito - FLUXUS corso di formazione per il personale dell Università e degli Enti convenzionati con il Servizio Catalogo Unico TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Dettagli

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL ART.13 DEL D.LGS. 30 GIUGNO 2003, N.196 "Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali"

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL ART.13 DEL D.LGS. 30 GIUGNO 2003, N.196 Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali Allegato (Modello privacy) INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL ART.13 DEL D.LGS. 30 GIUGNO 2003, N.196 "Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali" Con la presentazione delle domande di immatricolazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI proposta REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI Adeguamento della Regione Campania alla normativa privacy Deliberazione N. 625 del 12 maggio 2006 Regolamento per il trattamento

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA)

MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA) MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA) DATI ALLIEVO La/il sottoscritta/o Sesso F M Codice Fiscale Nata/o a Provincia il Nazionalità Residente a CAP Provincia Via/C.so/P.zza

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

(Artt. 20-21 D.Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali)

(Artt. 20-21 D.Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) Servizio Sanitario Nazionale Regione Siciliana VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 Codice Fiscale P. IVA 02363280815 REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO DELLA "ASSOCIAZIONE REVCOND" Cognome (o denominazione sociale)... Nome... Via... n. CAP...Città.. Prov..

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO DELLA ASSOCIAZIONE REVCOND Cognome (o denominazione sociale)... Nome... Via... n. CAP...Città.. Prov.. DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO DELLA "ASSOCIAZIONE REVCOND" Il/la sottoscritto/a Cognome (o denominazione sociale)... Nome... Via... n. CAP.....Città.. Prov.. Cod. Fisc.... Telefono:...Fax:... E-mail:...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON LINE AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZI A RESIDENZI ALE DI POTENZA Via Manhes, 33 85100 POTENZA tel. 0971413111 fax. 0971410493 www.aterpotenza.it U.R.P. - Numero Verde 800291622 fax 0971 413227 REGOLAMENTO

Dettagli

U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum per gli Incaricati dei Trattamenti.

U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum per gli Incaricati dei Trattamenti. Servizio Sanitario Nazionale Regione Siciliana VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 Codice Fiscale P. IVA 02363280815 U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI - art. 22 legge 675/1996 -

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI - art. 22 legge 675/1996 - CASA DI RIPOSO CESARE BERTOLI Via Campagnola n 1-37060 Nogarole Rocca (VR) ALLEGATO A REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI - art. 22 legge 675/1996 - - Art. 1 - FINALITA DEL TRATTAMENTO DEI

Dettagli

l sottoscritto/a (cognome e nome in stampatello) nato/a provincia il (per gli stranieri indicare lo Stato di nascita)

l sottoscritto/a (cognome e nome in stampatello) nato/a provincia il (per gli stranieri indicare lo Stato di nascita) 1 ALL ENTE GESTORE DEI SERVIZI SOCIALI DOMANDA DI CONTRIBUTO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO FINALIZZATO ALLA CONTRIBUZIONE PER LA LOCAZIONE DI ALLOGGI IN EDILIZIA PRIVATA (STIPULA NUOVO CONTRATTO DI LOCAZIONE)

Dettagli

PICCOLA GUIDA alla privacy

PICCOLA GUIDA alla privacy PICCOLA GUIDA alla privacy Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Materno-Infantile Burlo Garofolo Ospedale di alta specializzazione e di rilievo nazionale per la salute della donna e del

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'ALBO PRETORIO INFORMATICO Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 3 del 20/01/2011 Pagina 1 di 1 Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. In ossequio ai principi

Dettagli

INFORMATIVA EX ART. 13 D.LGS. 30.06.2003, N. 196

INFORMATIVA EX ART. 13 D.LGS. 30.06.2003, N. 196 Associazione per la Ricerca Scientifica Via A. Cesalpino, 2-90128 Palermo Italia C.F.: 97187000829 c/c postale: 51331064 codice iban- IT15 0076 0104 6000 0005 1331 064 e-mail: emmanuele.ars@hotmail.it

Dettagli

REGOLAMENTO SITO WEB Adottato dal Consiglio d Istituto del 28/04/2014

REGOLAMENTO SITO WEB Adottato dal Consiglio d Istituto del 28/04/2014 REGOLAMENTO SITO WEB Adottato dal Consiglio d Istituto del 28/04/2014 Art 1. Sito Web Il sito dell Istituto Comprensivo Dante Alighieri di Aulla (MS), www.alighieriaulla.it, è curato da responsabili incaricati

Dettagli

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 07.06.2007 Comune

Dettagli

FASCICOLO INFORMATIVO PER INSEGNANTI E PERSONALE AMMINISTRATIVO

FASCICOLO INFORMATIVO PER INSEGNANTI E PERSONALE AMMINISTRATIVO www.ictramonti.org Autonomia Scolastica n. 24 Istituto Comprensivo Statale G. Pascoli Via Orsini - 84010 Polvica - Tramonti (SA)Tel e Fax. 089876220 - C.M. SAIC81100T - C.F. 80025250657 Email :saic81100t@istruzione.it-

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DLGS N. 196/2003 PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (PRIVACY)

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DLGS N. 196/2003 PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (PRIVACY) INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DLGS N. 196/2003 PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (PRIVACY) PREMESSA MetesDtn S.r.l. (di seguito denominata MetesDtn), con sede legale a Bologna in Viale Aldo Moro 16,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON LINE (Integrazione al Regolamento di Organizzazione degli uffici e dei servizi)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON LINE (Integrazione al Regolamento di Organizzazione degli uffici e dei servizi) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON LINE (Integrazione al Regolamento di Organizzazione degli uffici e dei servizi) Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le competenze,

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI (a norma dell art. 29, comma 4, del Codice in materia di protezione dei dati personali, emanato con decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, più oltre

Dettagli

Denominazione del trattamento Fonte normativa (indicare, se possibile, le fonti normative sull attività istituzionale cui il trattamento è collegato)

Denominazione del trattamento Fonte normativa (indicare, se possibile, le fonti normative sull attività istituzionale cui il trattamento è collegato) Scheda n. 36 AGGIORNAMENTO Denominazione del trattamento Fonte normativa (indicare, se possibile, le fonti normative sull attività istituzionale cui il trattamento è collegato) Attività relative alla concessione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO SOMMARIO: CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 -

Dettagli

Tutela della privacy

Tutela della privacy Tutela della privacy Le scuole pubbliche non sono tenute a chiedere il consenso per il trattamento dei dati personali degli studenti. Gli unici trattamenti permessi sono quelli necessari al perseguimento

Dettagli

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e Linee guida per il TRATTAMENTO E GESTIONE DEI DATI PERSONALI Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione e principi di carattere generale 1. Il presente documento disciplina le modalità di trattamento

Dettagli

VISTO l articolo 4, comma 1, lettera d), del Codice, il quale individua i dati sensibili;

VISTO l articolo 4, comma 1, lettera d), del Codice, il quale individua i dati sensibili; - Regolamento recante Disciplina del Trattamento dei dati sensibili e giudiziari del Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura adottato ai sensi degli articoli 20, comma 2 e 21, comma

Dettagli

2. Il trat (Indicare le modalità del trattamento: manuale / informatizzato / altro.) FAC-SIMILE

2. Il trat (Indicare le modalità del trattamento: manuale / informatizzato / altro.) FAC-SIMILE B1 Informativa ex art. 13 D.lgs. 196/2003 dati comuni Gentile Signore/a, Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 ( Codice in materia di protezione dei dati personali ) prevede la

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Aspetti legali, assicurativi e privacy nelle sperimentazioni cliniche Francesco Mazza Direttore Legale, Fiscale e Rapporti con le Associazioni,

Dettagli

REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE VIII LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI

REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE VIII LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE VIII LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI Relazione della I Commissione permanente AFFARI ISTITUZIONALI; AFFARI GENERALI; CIRCOSCRIZIONI

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015

Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015 Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015 L accesso, la consultazione e l utilizzo delle pagine del presente sito web di WEB-X comportano l accettazione, da parte dell utente (di seguito

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA. Ai sensi e per gli affetti del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Allegato B punto 19

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA. Ai sensi e per gli affetti del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Allegato B punto 19 Per trattamento di dati deve intendersi: qualunque operazione o complesso di operazioni, svolte con o senza l ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione,

Dettagli

La protezione dei dati personali

La protezione dei dati personali La protezione dei dati personali PER GLI ENTI NO-PROFIT Comitato di Gestione per il Fondo Speciale per il Volontariato Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige Presidenza Ufficio Affari di Gabinetto I

Dettagli

Intestato a: - CHIEDE LA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO E CERTIFICA

Intestato a: - CHIEDE LA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO E CERTIFICA 1 ALL ENTE GESTORE DEI SERVIZI SOCIALI DOMANDA DI CONTRIBUTO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO FINALIZZATO ALLA CONTRIBUZIONE PER LA LOCAZIONE DI ALLOGGI IN EDILIZIA PRIVATA (SFRATTO IN CORSO / INTIMAZIONE PAGAMENTO

Dettagli

Le informazioni contenute nel sito sono prodotte da WEB-X, se non diversamente indicato.

Le informazioni contenute nel sito sono prodotte da WEB-X, se non diversamente indicato. Disclaimer L accesso, la consultazione e l utilizzo delle pagine del presente sito web di WEB-X comportano l accettazione, da parte dell utente (di seguito l Utente ), del contenuto del presente Disclaimer.

Dettagli

C.I.P. COMITATO ITALIANO PARALIMPICO

C.I.P. COMITATO ITALIANO PARALIMPICO C.I.P. COMITATO ITALIANO PARALIMPICO mod. APERTURA/RINNOVO CASP DOMANDA DI APERTURA/RINNOVO DI UN CENTRO DI AVVIAMENTO ALLO SPORT PARALIMPICO (Il presente modello ha validità solo se compilato in ogni

Dettagli

Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11.

Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11.2008 e successive modiche e integrazioni TRATTAMENTO DEI DATI NELLE ISTITUZIONI

Dettagli

Campolongo sul Brenta

Campolongo sul Brenta Comune di Campolongo sul Brenta Provincia di Vicenza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA E LE PROCEDURE per l organizzazione del servizio di videosorveglianza del Comune di Campolongo sul Brenta Approvato

Dettagli

FORMAZIONE PRIVACY 2015

FORMAZIONE PRIVACY 2015 Intervento formativo per rendere edotti gli incaricati del trattamento di dati personali dei rischi che incombono sui dati e delle relative misure di sicurezza ai sensi dell art. 130 del D.Lgs. 196/2003

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA PUBBLICAZIONE DI ATTI E PROVVEDIMENTI SULL ALBO ON-LINE DELLA CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI ISERNIA Art 1 Oggetto

DISPOSIZIONI PER LA PUBBLICAZIONE DI ATTI E PROVVEDIMENTI SULL ALBO ON-LINE DELLA CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI ISERNIA Art 1 Oggetto DISPOSIZIONI PER LA PUBBLICAZIONE DI ATTI E PROVVEDIMENTI SULL ALBO ON-LINE DELLA CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI ISERNIA Art 1 Oggetto 1. Ai sensi dell art. 32 della Legge n. 69/2009 e s.m.i., tutti gli

Dettagli

Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE FOSCIANDORA Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 25 in data 13/07/2010

Dettagli

CODICI DI ESENZIONE TICKET TABELLA RIEPILOGATIVA

CODICI DI ESENZIONE TICKET TABELLA RIEPILOGATIVA CODICI DI ESENZIONE TICKET TABELLA RIEPILOGATIVA n. 1 2 3 4 5 Tipologia di esenzione Cod. SubCod. Note Soggetti affetti da patologie croniche e invalidanti esenti ai sensi del D.M. 28.05.1999 n. 329 e

Dettagli

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Mantova

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Mantova Ordine dei Farmacisti della Provincia di Mantova Via Marangoni 18-46100 MANTOVA 0376/327670 0376/318881 e-mail: info@ordinefarmacisti-mn.191.it - sito: www.ordinefarmacistimantova.it REGOLAMENTO PER IL

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA AI FINI DELLA SICUREZZA URBANA

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA AI FINI DELLA SICUREZZA URBANA COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA AI FINI DELLA SICUREZZA URBANA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 164/39 in data 21/12/2009 Indice Art. 1 - Oggetto

Dettagli

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità INDICE 1 Il nuovo Codice sulla privacy... 2 2 Ambito di applicazione... 2 3 Soggetti coinvolti dal trattamento

Dettagli

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (D.Lgs. 196/2003) ====================== Incontri Formativi con il Personale della Direzione Didattica del 7 Circolo Didattico G. Carducci di Livorno

Dettagli

Informazioni in materia di protezione dei dati personali. - Art. 13 del Decreto Legislativo 30 maggio 2003 n. 196.

Informazioni in materia di protezione dei dati personali. - Art. 13 del Decreto Legislativo 30 maggio 2003 n. 196. Informazioni in materia di protezione dei dati personali. - Art. 13 del Decreto Legislativo 30 maggio 2003 n. 196. Ai sensi dell articolo 13 del decreto legislativo 30 maggio 203 n.196:

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE. CORSO PER RESPONSABILI TECNICI CENTRI REVISIONI AUTO ed. settembre 2013

MODULO DI ISCRIZIONE. CORSO PER RESPONSABILI TECNICI CENTRI REVISIONI AUTO ed. settembre 2013 MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER RESPONSABILI TECNICI CENTRI REVISIONI AUTO ed. settembre 2013 DATI ALLIEVO La/il sottoscritta/o Sesso F M Codice Fiscale Nata/o a Provincia il Nazionalità Residente a CAP

Dettagli

Regolamento per il funzionamento dell Albo pretorio on-line dell Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Basilicata

Regolamento per il funzionamento dell Albo pretorio on-line dell Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Basilicata Regolamento per il funzionamento dell Albo pretorio on-line dell Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Basilicata Articolo 1 Oggetto del Regolamento In ossequio ai principi di pubblicità,

Dettagli

Privacy. INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ai sensi dell art. 13, D. Lgs. 196/2003. Ultimo aggiornamento: gennaio2015

Privacy. INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ai sensi dell art. 13, D. Lgs. 196/2003. Ultimo aggiornamento: gennaio2015 Privacy INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ai sensi dell art. 13, D. Lgs. 196/2003 Ultimo aggiornamento: gennaio2015 In osservanza a quanto previsto dal Decreto legislativo 30 giugno 2003,

Dettagli

QUESTIONARIO. A) Dichiarazione Titolare del Rapporto

QUESTIONARIO. A) Dichiarazione Titolare del Rapporto QUESTIONARIO Adeguata verifica del cliente ai fini della valutazione del livello di rischio di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo (ai sensi dell art. 21 Decreto Legislativo n. 231/2007) Gentile

Dettagli

Comune di Nibionno Provincia di Lecco. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Comune di Nibionno Provincia di Lecco. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Comune di Nibionno Provincia di Lecco Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio INDICE Articolo 1 Finalità e definizioni Articolo 2 Ambito di

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO (Statuto art. 4-5 - 6 7)

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO (Statuto art. 4-5 - 6 7) ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE "FAMIGLIA DI NAZARETH DI TRENTO legge 7 dicembre 2000 n 383 38100 Trento Via Saluga, 7. Tel. 0461 980093 - Fax 0461 260718- E-mail: sacrafamigliatrento@pssf.it DOMANDA

Dettagli

Comune di Olgiate Molgora (Provincia di Lecco)

Comune di Olgiate Molgora (Provincia di Lecco) Comune di Olgiate Molgora (Provincia di Lecco) via Stazione 20 23887 tel 0399911211 - fax 039508609 www.comune.olgiatemolgora.lc.it info@comune.olgiatemolgora.lc.it Regolamento comunale per la gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI ai sensi del D.M. 5 agosto 1998, n. 363 in attuazione del D.Lgs. 19 settembre 1994, n. 626 e successive modificazioni emanato con D.D. n. 407 del

Dettagli

Regolamento in materia di videosorveglianza

Regolamento in materia di videosorveglianza Regolamento in materia di videosorveglianza 1 Art. 1 Finalità L Azienda Ospedaliera di Desenzano del Garda (di seguito denominata Azienda) attua un sistema di videosorveglianza esclusivamente per lo svolgimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI E PER L'ADOZIONE DI

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI E PER L'ADOZIONE DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI E PER L'ADOZIONE DI MISURE MINIME DI SICUREZZA INDICE Articolo 1 - Ambito

Dettagli

Tutela e informativa sulla Privacy

Tutela e informativa sulla Privacy Tutela e informativa sulla Privacy Informazioni in materia di protezione dei dati personali. Art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali) Ai

Dettagli

COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO DOMINI INTERNET COMUNALI

COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO DOMINI INTERNET COMUNALI COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO DOMINI INTERNET COMUNALI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29.12.2009 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO I domini www.comune.mozzecane.vr.it

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY. Informativa ai sensi del Codice in materia di protezione dei dati personali D.Lgs. n. 196/2003

INFORMATIVA PRIVACY. Informativa ai sensi del Codice in materia di protezione dei dati personali D.Lgs. n. 196/2003 INFORMATIVA PRIVACY Informativa ai sensi del Codice in materia di protezione dei dati personali D.Lgs. n. 196/2003 1. Premessa Ai sensi della normativa in materia di protezione dei dati personali, Microcredito

Dettagli

Cosa fare per essere in regola: libri, verbali e Registro Regionale

Cosa fare per essere in regola: libri, verbali e Registro Regionale Cosa fare per essere in regola: libri, verbali e Registro Regionale Libri sociali 1. Libro Soci Modulo o scheda di nuova adesione Modulistica Privacy Scheda personale nominativa 2. Libro verbali Assemblee

Dettagli

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011 Area Socio Culturale istituzionale e legislativa 1 Cosa si intende per PRIVACY? Diritto a essere lasciato solo ovvero a non subire interferenze sulla propria persona e nella propria vita (anglosassoni)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE RETE CIVICA COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE RETE CIVICA COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA RETE CIVICA COMUNALE Approvato con delibera di C.C. n. 93 del 4.11.2009 Modificato con delibera di C.C. n. 90 del 18.12.2014 ART.1 OGGETTO

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON-LINE Approvato con delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE N 012 DEL 31.03.2009 IL PRESENTE REGOLAMENTO ENTRA IN VIGORE IL 31.03.2009 Art. 1 Finalità 1. Il presente

Dettagli

ALLEGATI AL REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI IN ATTUAZIONE DEL D.LGS. 196/2003

ALLEGATI AL REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI IN ATTUAZIONE DEL D.LGS. 196/2003 ALLEGATI AL REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI IN ATTUAZIONE DEL D.LGS. 196/2003 SCHEDA A: GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE (DOCENTE, DIRIGENTE, TECNICO

Dettagli

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con delibera del Consiglio Comunale nr. del 1 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

INFORMATIVA UNIFICATA E RACCOLTA DEL CONSENSO DELL INTERESSATO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI (Art. 13 D.Lgs. 196 del 30 giugno 2003)

INFORMATIVA UNIFICATA E RACCOLTA DEL CONSENSO DELL INTERESSATO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI (Art. 13 D.Lgs. 196 del 30 giugno 2003) INFORMATIVA UNIFICATA E RACCOLTA DEL CONSENSO DELL INTERESSATO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI (Art. 13 D.Lgs. 196 del 30 giugno 2003) Ai sensi del decreto legislativo 196/2003 e con riferimento al trattamento

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO LA PRESIDENZA DELLA REGIONE - VIALE ALDO MORO 52 - BOLOGNA Parte prima - N. 9 Anno 45 30 maggio 2014 N. 156 Regione Emilia-Romagna

Dettagli

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che:

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che: Spett.le. Via Oggetto: Designazione a Responsabile Esterno del trattamento dei Dati Personali ai sensi dell art. 29 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (di seguito Codice Privacy ) Egregi Signori, facciamo seguito

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Supplemento - Giovedì 27 dicembre 2012

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Supplemento - Giovedì 27 dicembre 2012 Anno XLII N. 321 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia,

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196)

Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196) Informativa ex art. 13 del Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196) Desideriamo informarla, ai sensi dell articolo 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno

Dettagli

Il sottoscritto..., nato/a a:... (prov.:.. ) domiciliato nel comune di... e-mail:... chiede

Il sottoscritto..., nato/a a:... (prov.:.. ) domiciliato nel comune di... e-mail:... chiede RICHIESTA INDENNITA ECONOMICHE A FAVORE DI PERSONE AFFETTE DA TBC NON ASSICURATE PRESSO L INPS O NON ASSISTITE PER DIFETTO ASSICURATIVO (Legge 4 marzo 1987, n. 88 art. 5) All Azienda Sanitaria Locale di

Dettagli

Per ticket si intende la quota di partecipazione al costo della prestazione sanitaria dovuta dal cittadino.

Per ticket si intende la quota di partecipazione al costo della prestazione sanitaria dovuta dal cittadino. T I C K E T Per ticket si intende la quota di partecipazione al costo della prestazione sanitaria dovuta dal cittadino. Le per le quali è dovuto il ticket, possono essere così riassunte: - specialistiche

Dettagli

LA PRIVACY POLICY DI WEDDINGART

LA PRIVACY POLICY DI WEDDINGART LA PRIVACY POLICY DI WEDDINGART PERCHÈ QUESTA PAGINA? In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito www.weddingart.it (creato da Sabdesign s.n.c. di seguito Sabdesign ) in riferimento

Dettagli

EURIZON CAPITAL SGR ASSICURAZIONE MORTE PER INFORTUNIO E INVALIDITA PERMANENTE DA INFORTUNIO E MALATTIA ABBINATA ALLE SOTTOSCRIZIONI DI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO EURIZON CAPITAL MODULO DI DENUNCIA DI

Dettagli