Le unità terminali svolgono un ruolo molto importante poiché costituiscono la prima interazione fra uomo e sistema edificioimpianto.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le unità terminali svolgono un ruolo molto importante poiché costituiscono la prima interazione fra uomo e sistema edificioimpianto."

Transcript

1 UNITÀ TERMINALI Le unità terminali svolgono un ruolo molto importante poiché costituiscono la prima interazione fra uomo e sistema edificioimpianto. Le unità terminali si suddividono in: Unità a prevalente scambio termico convettivo convezione naturale: radiatori, termoconvettori, piastre radianti; convezione forzata: ventilconvettori, aerotermi Unità a prevalente scambio termico radiativi: pannelli e strisce radianti Unità per il condizionamento dell aria (trattamento estivo ed invernale)

2 Possibilità di controllo dei parametri ambientali ai fini del benessere IMPIANTO Ta Tmr UR va Inerzia CONVEZIONE NATURALE: radiatore termoconvettore piastra radiante SI NO NO NO alta bassa alta (1) CONVEZIONE FORZATA Ventilconvettori aerotermo SI NO NO SI/NO bassa bassa IRRAGGIAMENTO Pannelli radianti Strisce radianti SI SI/NO NO NO alta bassa CDZ SI NO SI SI Note: (1) minore comunque dei radiatori UNITÀ TERMINALI A PREVALENTE CONVEZIONE NATURALE RADIATORI (Convez. Naturale 70-80% + Irraggiamento 20-30%) Elementi a viluppo verticale componibili mediante manicotti filettati. I materiali impiagati sono: alluminio acciaio ghisa

3 Costituito da tubi lisci collegati in parallelo entro cui scorre il fluido termovettore che scambia Q con l aria ambiente. Scambiatore acqua aria: aumento superficie scambio termico più elevato. Installazione a parete sospesi: distacco di circa 5 cm dalla parete e 10 cm dal pavimento (circolazione aria e pulizia pavimento e pareti). T INGRESSO = 85 C circa T = 10 circa Controllo T SUP. radiatore: negli ospedali e nelle palestre T INGRESSO = C circa. Schermature di protezione: riducono lo scambio termico. Elementi in ghisa: a colonnine o a piastra. Elementi in alluminio: a piastra. Elementi in acciaio: a colonnine. Soluzioni estetiche evolute. Caratteristiche scambio termico: forma, dimensioni e materiale unità terminale; T fluido termovettore; posizione collegamenti idraulici; temperatura aria ambiente; posizionamento unità terminale nel locale. Dimensionamento: resa termica standard certificata (prove di laboratorio UNI 6514). Le caratteristiche comprendono: numero colonne

4 emissione termica (W) per elemento per un determinato T (+ fattore di correzione per T diversi) dimensioni elementi: altezza, larghezza colonna, profondità peso info sulla filettatura Calcolo numero elementi in base alla dispersione termica e quindi al fabbisogno termico dell ambiente da riscaldare: N. ELEMENTI = POT. TERMICA AMB /POT. TERMICA ELEMENTO Arrotondamento calcolo (installazione). Rendimento: funzione anche della posizione di ingresso ed uscita dell acqua calda. Rendimento massimo con ingresso dall alto e uscita dal basso sul lato opposto, ma non consente l allungamento del terminale. Allungamento possibile con ingresso (alto) e uscita (basso) sullo stesso lato. Da evitare con unità basse e lunghe. Posizionamento: posizione terminale rispetto a superfici trasparenti: discomfort localizzato (asimmetria radiante e corrente convettiva discendente posizione unità sotto il davanzale). Maggiorazione dispersioni sotto il davanzale. presenza schermature, tende, davanzali: diminuzioni della resa termica: esempio sotto davanzale 15 20%. Effetto tendaggi generalmente negativo (funzione della loro posizione)

5 TERMOCONVETTORI (Convez. Naturale 90% + Irraggiamento 10%) Costituiti da batteria alettata alloggiata in un contenitore. Si innesca un tiraggio naturale. Diffusione negli anni sessanta (basso costo). Oggi sono sostituiti dai radiatori (ingombro) o i ventilconvettori (efficienza e controllo microclima anche in estate). Posizionamento: incassate nelle pareti (nicchia) o a vista. Stesse considerazioni fatte per i radiatori. Resa termica dell unità: superficie di scambio batteria alettata (rame / acciaio); temperatura e portata fluido termovettore; altezza mobiletto; temperatura di ingresso dell aria. Potenza termica: da prove di laboratorio (UNI 7940) PIASTRE RADIANTI Piastre metalliche saldate fra loro. All interno scorre il fluido termovettore. Scambio termico prevalente per convezione naturale. Contributo irraggiamento maggiore dei radiatori a piastra. Facile pulibilità per la scarsa aderenza polvere. Installati a parete o in nicchia (valide le considerazioni fatte per i radiatori). Realizzate generalmente in pezzo unico in acciaio. Aumento superficie per migliorare la resa termica (doppia piastra con alette).

6 Potenza termica: dalla ditta produttrice. TUBI ALETTATI Tubazione dotata di alette in cui scorre fluido termovettore. Alimentati sia da acqua calda che da vapore. Richiedono grandi lunghezze. Molto utilizzati in serre, utenze industriali, scuole, ospedali, etc; installati a vista lungo le pareti o racchiusi entro griglie sagomate. Involucro protettivo. Rispetto al termoconvettore rinunciano all effetto camino. Potenza termica misurata secondo la Norma UNI fornita per 1m di sviluppo del tubo): Caratteristiche fluido termovettore Aria ambiente Diametro tubo, passo e altezza alette. Negli impianti ad aria primaria (terziario): riscaldamento superfici fredde. Residenze: valutazione della potenza termica e dello sviluppo dell unità.

7 UNITÀ TERMINALI A PREVALENTE CONVEZIONE FORZATA VENTILCONVETTORI Simile al termoconvettore con incorporato un ventilatore. Anche raffrescamento estivo; condensa del vapore acqueo (T SUP - BATT<T RUG ) che deve essere allontanato. Principali parti: Presa d aria (dal basso o frontale) Batteria/e alettata/e (fan-coil a 2 o 4 tubi: il 4 tubi più costoso ma molto efficiente) Filtro aria (manutenzione e/o sostituzione) Ventilatore (velocità selezionabili). Rumore (vedi indicazioni produttori) Custodia apparato. Lamiera verniciata o materiale plastico. Istallazione a terra, a soffitto (verificare il lancio per evitare stratificazioni dell aria). Controllo: velocità e quindi portata, temperatura. Edifici con occupazione limitata: uffici, edifici aperti al pubblico. Oltre alla potenza termica deve essere valutata la portata (valore minimo consigliato: 5 ricambi orari per garantire uniformità di temperatura). Utilizzati in impianti ad aria primaria cui è demandato compito della ventilazione. Posizionamento: vedi radiatori + attenzione lancio aria onde evitare fastidiose correnti d aria.

8 AEROTERMI Corpi scaldanti costituiti da una batteria alettata su cui un ventilatore fa circolare una determinata portata d aria. Contenitore e supporto all apparato. Alette deflettici orientabili e diffusori. Dimensioni ridotte e grandi portate d aria: locali ampi, quali magazzini, palestre, autorimesse, officine, ed ambienti industriali in genere. Alimentati ad acqua calda e vapore. Installati a soffitto (lancio verticale) ed a parete (lancio orizzontale); per ambienti molto alti si ha solo lancio verticale con batteria che avvolge il ventilatore. Controllo effetti di galleggiamento dell aria trattata: angolo apertura getto (diffusore). Collocazione: evitare di investire l occupante con l getto d aria (T MAX = C). Rumorosità. Versione solo ricircolo o anche con aria esterna di ricambio (servocomando termostato).

9 UNITÀ TERMINALI A PREVALENTE SCAMBIO TERMICO RADIATIVO PANNELLI RADIANTI Vedi info del Seminario tematico sui pannelli radianti STRISCE RADIANTI Simile al pannello radiante ma operante con temperature più elevate (fino a 200 C: vapore ed oli diatermici). Estensione ridotta. Installazione a soffitto. Costituiti da piastra sagomata (materiale ad elevato λ) in acciaio o alluminio (s=1-1,5 mm). Ad essa sono collegati i tubi in cui scorre il fluido termovettore. Nella parte superiore il pannello è isolato termicamente.

10 UNITÀ TERMINALI PER LA DIFFUSIONE DELL ARIA Scopo: immettere aria in ambiente per ottenere le condizioni termoigrometriche desiderate. Attraverso griglie di estrazione l aria esausta viene ripresa e allontanata dai locali. Utilizzati nei sistemi di termoventilazione ecdz. Devono assicurare: Uniformità di temperatura Assenza di correnti d aria efficienza ricambio d aria Assenza di aria stagnante Materiali: acciaio verniciato e alluminio (plastica) Suddivisi in: a) Diffusori a parete (bocchette) b) Diffusori a soffitto (anemostati) c) Diffusori lineari d) Pannelli forati da soffitto Caratteristiche: Getto del diffusore: grado di induzione (miscelamento); alto lancio corto basso lancio lungo effetto parete (ritardo caduta getto) comportamento in regime estivo ed invernale

11 DIFFUSORI A PARETE (BOCCHETTE) Telaio che racchiude lame (profili alare) orizz. o verticali fisse o orientabili lancio del getto d aria. Installate a soffitto (effetto parete) DIFFUSORI A SOFFITTO (ANEMOSTATI) Serie di anelli divergenti (di sagoma circolare o quadrangolare) che formano passaggi concentrici. Alto grado di induzione. Anche per portate e condizioni di uscita variabili. DIFFUSORI LINEARI Telaio allungato dotato di fessura/e parallela/e (rapporto 1:25; larghezza MAX-FESSURA = 5-8 cm. Si assemblano gli elementi. Accoppiati a sistemi di distribuzione adeguati. Installazione: sommità parete: cm dal soffitto effetto parete. MAX cm dal soffitto (estate) : deflettori. a soffitto: effetto parete meno spiccato a pavimento e nei davanzali. PANNELLI FORATI Elevato numero ricambi orari. Pannelli in lamiera di gesso (spazio superiore: plenum distribuzione) dotati di fori circolari (o fessure) da cui fuoriesca l aria trattata. Plenum: sovrapressione aria (2,5 Pa 30 Pa).

12 GRIGLIE DI RIPRESA DELL ARIA Bocchette ad alette fisse con o senza serrande di regolazione. Influenzano poco il movimento dell aria (in prossimità della griglia). Centralizzazione della ripresa dell aria (griglie di transito + ripresa dal corridoio). ALTRI DIFFUSORI: Prese dell aria esterna (PAE) con rete metallica.

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Potenza per ambiente Dal calcolo del Cd e delle dispersioni invernali si ottiene la potenza necessaria all edificio (W) Q t = Q d + Q v Che deve essere nota anche per ogni singolo

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Corpi scaldanti

IMPIANTI RISCALDAMENTO Corpi scaldanti Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Corpi scaldanti Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Il progetto di un impianto di riscaldamento

Dettagli

Impianti di riscaldamento convenzionali

Impianti di riscaldamento convenzionali Impianti di riscaldamento convenzionali convenzionale Impianti di riscaldamento Schema di un impianto con caldaia Combustibile Generazione regolazione emissione Carichi termici Distribuzione Impianti di

Dettagli

Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici

Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici Codice Sub Descrizione UNM Prezzo Sicurezza 13 IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, DI CONDIZIONAMENTO, DI VENTILAZIONE 13.01 Prezzi a corpo di impianti

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Sistemi di distribuzione/emissione. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Sistemi di distribuzione/emissione. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Sistemi di distribuzione/emissione Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono

Dettagli

corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 01

corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 01 corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 01 corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 02 Composizione di un impianto di climatizzazione 1. Centrale di produzione del caldo

Dettagli

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Impianti di riscaldamento Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Sono i sistemi più utilizzati nell edilizia residenziale dove spesso sono di solo riscaldamento, ma possono

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO EDILIZIO EX CPTA DI VIA NAPOLEONE COLAJANNI IN RAGUSA, DA ADIBIRE A CENTRO POLIFUNZIONALE PER L'INSERIMENTO SOCIALE E LAVORATIVO

Dettagli

SABIANA IL COMFORT AMBIENTALE. Condizionamento Termoventilanti Zeus ICIM

SABIANA IL COMFORT AMBIENTALE. Condizionamento Termoventilanti Zeus ICIM Condizionamento Termoventilanti ICIM ISO Cert. n 4/2 Aerotermi Termostrisce radianti Ventilconvettori Unità trattamento aria Canne fumarie SABIANA IL COMFORT AMBIENTALE Condizionamento SABIANA IL COMFORT

Dettagli

Gli impianti per la climatizzazione

Gli impianti per la climatizzazione Università IUAV di Venezia Gli impianti per la climatizzazione 1 Tipologie secondo il fluido termovettore Componenti elementi costruttivi Produzione del calore/ frigorifera Dimensioni dei canali d aria

Dettagli

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE E VENTILAZIONE Descrizione del progetto Il progetto prevede il rifacimento

Dettagli

INDICE. I dati tecnici e dimensionali riportati nella presente documentazione possono subire variazioni orientate al miglioramento del prodotto.

INDICE. I dati tecnici e dimensionali riportati nella presente documentazione possono subire variazioni orientate al miglioramento del prodotto. MANUALE TECNICO aerotermi a soffitto S80 I INDICE 1 GENERALITA'... 2 2 CARATTERISTICHE TECNICHE NOMINALI... 3 3 RESE TERMICHE... 4 3.1 Resa termica con funzionamento ad acqua... - 11 4 FUNZIONAMENTO A

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

L aerotermo. é Sabiana IL COMFORT AMBIENTALE

L aerotermo. é Sabiana IL COMFORT AMBIENTALE L aerotermo é Sabiana ISO 9001 - Cert. n 0545/4 Aerotermi Termostrisce radianti Ventilconvettori Unità trattamento aria Canne fumarie IL COMFORT AMBIENTALE Aerotermi Sabiana Le descrizioni ed illustrazioni

Dettagli

FR - FC - FCO - FCR Ventilconvettori idronici a parete, soffitto ed incasso

FR - FC - FCO - FCR Ventilconvettori idronici a parete, soffitto ed incasso Versione base FR (parete e soffitto) Caratteristiche tecniche e costruttive La linea piacevolmente morbida ed elegante dei modelli FR, installabili sia a parete che a soffitto, si integra perfettamente

Dettagli

thermofon Il termosifone del futuro

thermofon Il termosifone del futuro thermofon Il termosifone del futuro Che cos è thermofon? L energia è il banco di prova delle nostre capacità di progettare il futuro. Anche per il riscaldamento della nostra casa si pensano soluzioni di

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO: CRITERI DI PROGETTO

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO: CRITERI DI PROGETTO Impianti di Climatizzazione e Condizionamento IMPIANTI DI RISCALDAMENTO: CRITERI DI PROGETTO Prof. Cinzia Buratti ELEMENTI TERMINALI Hanno il compito di fornire all ambiente da riscaldare l energia termica

Dettagli

Carichi termici in regime invernale ed estivo. Prof.Arch.Gianfranco Cellai

Carichi termici in regime invernale ed estivo. Prof.Arch.Gianfranco Cellai Carichi termici in regime invernale ed estivo Prof.Arch.Gianfranco Cellai Generalità Mantenere condizioni ambiente interne confortevoli significa controllare i carichi termici perturbatori generati nell

Dettagli

Impianti di riscaldamento

Impianti di riscaldamento Impianti di riscaldamento lezione 10 1 Benessere igrotermico È una delle esigenze che l uomo ha avvertito fin dall antichità. Si tratta di una esigenza che non può essere trascurata, in nessun tipo di

Dettagli

Travi fredde high tech: efficienza & design

Travi fredde high tech: efficienza & design - progettazione Travi fredde high tech: efficienza & design Quando si parla di travi fredde ci si riferisce in genere ad elementi, detti ad induzione oppure attivi, in quanto basano il loro funzionamento

Dettagli

Radiant Ceiling in Building Reconstruction - Case Study

Radiant Ceiling in Building Reconstruction - Case Study SOFFITTI RADIANTI 2 Radiant Ceiling in Building Reconstruction - Case Study 3 Sistemi a soffitto radiante: riscaldamento e raffrescamento attraverso ampie superfici 4 Radiatori: solo riscaldamento attraverso

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Prof. Cinzia Buratti GENERALITA Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

solare termico e pannelli fotovoltaici

solare termico e pannelli fotovoltaici Palestra scolastica, Odenwald, Germania Progettista: Martin Grün solare termico e pannelli fotovoltaici I parte: solare termico 1 IMPIANTI SOLARI TERMICI i sistemi solari termici convertono l energia solare

Dettagli

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere IMPIANTI TERMICI Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere Secondo lutenza da servire gli impianti di riscaldamento si dividono in: IMPIANTI

Dettagli

Impianto Solare Termico

Impianto Solare Termico Impianto Solare Termico La ING DG&R è in grado di progettare, fornire e realizzare impianti solari termici di qualsiasi dimensione, con accesso agli incentivi del Conto Energia Termico. A titolo di esempio

Dettagli

Diffusori ad effetto elicoidale ad alette fisse KDA-DAQ

Diffusori ad effetto elicoidale ad alette fisse KDA-DAQ Diffusori ad effetto elicoidale ad alette fisse KDA-DAQ La serie K DA-DAQ è costituita da una gamma di diffusori ad effetto elicoidale ad alta induzione ad alette fisse inclinate ricavate dalla piastra

Dettagli

Pannello Radiante Pulsar

Pannello Radiante Pulsar CONFORME ALLA NUOVA NORMA EUROPEA EN 14037 Pannello Radiante Pulsar Riscaldamento e Raffrescamento Per ambienti commerciali, amministrativi, sportivi, etc. A controsoffitto o a vista 1 Riscaldamento e

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE. parte 5

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE. parte 5 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parte 5 1 Terminali di scambio termico Radiatori Sono corpi scaldanti (ad elementi, a piastra, a tubi o a lamelle) che cedono calore all aria ambiente per convezione naturale

Dettagli

La bioclimatica nella storia. Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini

La bioclimatica nella storia. Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini La bioclimatica nella storia Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini Le tecnologie solari attive e passive La prima crisi petrolifera mondiale (anni 70) ha portato a molte sperimentazioni

Dettagli

INDICE. 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE. 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4

INDICE. 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE. 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4 INDICE 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4 2.2 - trattamento acqua di consumo e produzione acqua calda sanitaria pag.

Dettagli

Catalogo Aerferrisi Condizionatore CA Condizionatore angolare da applicare a parete sopraporta con lancio in plafone o canale Mandata d'aria in plafone e ripresa da bocchetta frontale Regolazione termostatica

Dettagli

COMPONENTI D IMPIANTO IN REGIME INVERNALE Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore

COMPONENTI D IMPIANTO IN REGIME INVERNALE Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore Distribuzione del calore E della portata idraulica Tipologie: A velocità fissa A 3 velocità regolabili A velocità variabile o elettronica modulante

Dettagli

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Display I deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza della serie sono stati progettati per garantire la deumidificazione

Dettagli

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 Caldaia a condensazione 06/05/2008 2 Lo scambio termico è tale da raffreddare i fumi ben oltre il loro punto di rugiada (t = 55 C in eccesso

Dettagli

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81 Miglioramenti Energetici Solare Termico Scolastico 2014-2015 81 Sostituzione Generatore di Calore Sostituzione adeguamento sistema di Distribuzione Sostituzione del sistema di emissione Installazione Solare

Dettagli

PROGETTO EDIFICIO-IMPIANTO: alcune questioni da considerare

PROGETTO EDIFICIO-IMPIANTO: alcune questioni da considerare PROGETTO EDIFICIO-IMPIANTO: alcune questioni da considerare 1 Obiettivo del progetto edificio-impianto - sistema impiantistico che soddisfi le esigenze di: - comfort (termico, luminoso, acustico e della

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO L intervento in oggetto consiste nel completamento di un porzione del Polo Scolastico di Trescore Balneario (BG) attraverso la creazione del terzo piano al corpo di fabbrica

Dettagli

MHD Unità terminali di trattamento aria idroniche canalizzabili

MHD Unità terminali di trattamento aria idroniche canalizzabili Caratteristiche tecniche e costruttive Unità Base - Struttura portante realizzata in lamiera zincata di spessore mm. - Batteria di scambio termico in tubo di rame con alette in alluminio a pacco continuo

Dettagli

Sistema cartongesso a soffitto

Sistema cartongesso a soffitto sistema cartongesso Sistema cartongesso a soffitto Il raffrescamento a soffitto si è rivelato una soluzione ottimale nell ambito della climatizzazione degli ambienti. Questo tipo di soffitto è stato sviluppato

Dettagli

DECRETI LEGISLATIVI LEGGI EUROPEE, NAZIONALI E REGIONALI

DECRETI LEGISLATIVI LEGGI EUROPEE, NAZIONALI E REGIONALI LEGGI e NORME DECRETI LEGISLATIVI LEGGI EUROPEE, NAZIONALI E REGIONALI Delibera del Parlamento Europeo:2012 Obbligo della contabilizzazione su tutto il territorio europeo entro 31 Dicembre 2016. DPR 59:2009

Dettagli

CLIMAFON L EVOLUZIONE NEL RISCALDAMENTO DELLA CASA

CLIMAFON L EVOLUZIONE NEL RISCALDAMENTO DELLA CASA CLIMAFON L EVOLUZIONE NEL RISCALDAMENTO DELLA CASA MAGGIORE CURA NELL ESTETICA Climafon, con un design dalle linee arrotondate, moderne ed eleganti, si integra con ogni tipo di arredamento e può essere

Dettagli

10 settembre 2015. MUSEO CIVICO Climatizzazione della sala Cremona CUP: D14E15000240004 283D - ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI MECCANICI

10 settembre 2015. MUSEO CIVICO Climatizzazione della sala Cremona CUP: D14E15000240004 283D - ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI MECCANICI 10 settembre 2015 Progetto: MUSEO CIVICO Climatizzazione della sala Cremona CUP: D14E15000240004 Codice e livello progetto: 283D - ESECUTIVO Elaborato tecnico: RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI MECCANICI

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch. Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO RISCALDAMENTO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare s.r.l. - Via Trieste n. 21-60124 Ancona - tel 071 3580027

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI RISCALDAMENTO AD ACQUA: GENERALITÀ E COMPONENTI Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com

Dettagli

DISCIPLINA IMPIANTI A.S. 2012/2013

DISCIPLINA IMPIANTI A.S. 2012/2013 DISCIPLINA IMPIANTI A.S. 2012/2013 X di dipartimento individuale del docente Cavallaro Giuseppe per la classe 5^ Geo 1) PREREQUISITI Saper eseguire dei semplici calcoli matematici. Saper invertire una

Dettagli

TERMOVENTILANTI EBH EDS INTEGRATED COMFORT SYSTEMS

TERMOVENTILANTI EBH EDS INTEGRATED COMFORT SYSTEMS IT TERMOVENTILANTI EBH EDS INTEGRATED COMFORT SYSTEMS EBH EDS TERMOVENTILANTI EBH EDS Le unità termoventilanti da incasso delle serie EBH - EDS, grazie ai loro ventilatori ad alta prevalenza, sono indicate

Dettagli

50 - IMPIANTI DI RISCALDAMENTO

50 - IMPIANTI DI RISCALDAMENTO pag. 1 50 - IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Nr. 1 S50.A05.010 Nr. 2 S50.A05.020 Nr. 3 S50.A05.030 Impianto riscaldamento a raatori - quota fissa per ciascuna caldaia Impianto riscaldamento a raatori per unita'

Dettagli

Il sistema radiante a soffitto e parete. Climalife

Il sistema radiante a soffitto e parete. Climalife Il sistema radiante a soffitto e parete Info 2014 Pannello Radiante Pannello radiante in sandwich prefabbricato costituito da: - Strato a vista in cartongesso ignifugo, spessore 15 mm; - Circuito radiante

Dettagli

CONDIZIONAMENTO CLIMATIZZAZIONE DECENTRALIZZATA. Brevetto N 01288552 Classifica F2 4F - di: Luigi Tudico Avezzano Italia. luigi.tudico@gmail.

CONDIZIONAMENTO CLIMATIZZAZIONE DECENTRALIZZATA. Brevetto N 01288552 Classifica F2 4F - di: Luigi Tudico Avezzano Italia. luigi.tudico@gmail. CONDIZIONAMENTO CLIMATIZZAZIONE DECENTRALIZZATA alla scoperta di un Nuovo Mondo Brevetto N 01288552 Classifica F2 4F - di: Avezzano Italia luigi.tudico@gmail.com TITOLO SISTEMA DI CLIMATIZZAZIONE DECENTRALIZZATA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA La ventilazione meccanica controllata degli ambienti con aria esterna rappresenta il sistema più efficace per controllare le condizioni

Dettagli

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE Gli oneri economici relativi al riscaldamento invernale e alla climatizzazione estiva di un edificio residenziale sono da considerarsi tra le componenti di spesa principali

Dettagli

Mantello unico di colore bianco. Cruscotto con pulsanti a vista e idrometro analogico.

Mantello unico di colore bianco. Cruscotto con pulsanti a vista e idrometro analogico. Segmento Medio Segmento Top Mantello unico di colore bianco. Cruscotto con pulsanti a vista e idrometro analogico. Mantello unico di colore bianco. Cruscotto con pulsanti a vista e idrometro digitale.

Dettagli

Recuperatori di calore

Recuperatori di calore Recuperatori di calore URC-EC Air Control Srl via Luigi Biraghi 33-2159 Milano Tel +39 2482147 Fax +39 2482981 P.Iva 48532969 Recuperatori di calore CARATTERISTICHE GENERALI STRUTTURA alluminio e pannelli

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

DEUCLIMATIZZATORE DP 24RD

DEUCLIMATIZZATORE DP 24RD DEUCLIMATIZZATORE DP 24RD 1 Indice 1. Descrizione del prodotto 3 1.1 Funzionamento con aria neutra 3 1.2 Funzionamento in integrazione 4 2. Descrizione componenti principali 5 2.1 Predisposizione e ingombri

Dettagli

Impianti di ventilazione

Impianti di ventilazione Impianti di ventilazione Michele De Carli Università di Padova UNIVERSITÀ DI PADOVA! Principi di ventilazione Ventilazione naturale (infiltrazioni, aperture, funzione delle condizioni interne ed esterne)

Dettagli

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Impianto fotovoltaico L impianto fotovoltaico, posto sulla copertura dell edificio, permette di trasformare l energia solare in energia

Dettagli

basso consumo energetico

basso consumo energetico Impianti radianti a pavimento negli edifici a basso consumo energetico Verona, 4 ottobre 2012 Prof. Michele De Carli Dipartimento di 2 Dipartimento di Edifici a basso consumo, definizione: Edifici a basso

Dettagli

Impianti di Climatizzazione e

Impianti di Climatizzazione e Impianti di Climatizzazione e Condizionamento a.a. 2010/11 - Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti 1 GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO 2 Impianti di riscaldamento e climatizzazione Gli impianti

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- EMCO THERM KXs Batteria del convettore ad 1 rango: in robuste lamelle di alluminio su tubo in rame Ø 12 mm con Griglia di copertura :-Lineare in alluminio anodizzato tipo 632 o in alternativa arrotolabile

Dettagli

RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO

RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE RISCALDAMENTO RADIANTE RESE TERMICHE QUALITÀ CERTIFICATA Universität Stuttgart Per assicurare chiarezza e sicurezza di funzionamento nella resa di un impianto a

Dettagli

Il sistema Aerferrisi

Il sistema Aerferrisi Il sistema Aerferrisi Il sistema, a differenza di tradizionali impianti di riscaldamento a radiatori, non occupa spazio interno in quanto l'aria trattata, sia in riscaldamento che in condizionamento, si

Dettagli

per EVITARE la formazione di MUFFE da condensa rispettando la classe A ELEMENTI DEL SISTEMA

per EVITARE la formazione di MUFFE da condensa rispettando la classe A ELEMENTI DEL SISTEMA Sistema per EVITARE la formazione di MUFFE da condensa rispettando la classe A MUFFE per mancanza di aerazione Sistema AIRPLAK aerazione naturale per un ambiente sano ELEMENTI DEL SISTEMA silenziatori

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE UFFICIO SPECIALE PER L EDILIZIA COMUNE DI VARESE UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA VARESE COMO REALIZZAZIONE DI UN LOCALE BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO ESECUTIVO DESCRIZIONE

Dettagli

L'installazione delle caldaie a condensazione:

L'installazione delle caldaie a condensazione: L'installazione delle caldaie a condensazione: vantaggi pratici, modalità di evacuazione dei prodotti della combustione e principali incentivi a supporto del risparmio energetico Alberto Montanini Vicepresidente

Dettagli

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 1 Premessa All interno del complesso degli interventi di efficientamento e nell ottica del

Dettagli

Riscaldamento elettrico in Fibra di Carbonio Soluzioni per luoghi di culto e musei

Riscaldamento elettrico in Fibra di Carbonio Soluzioni per luoghi di culto e musei Riscaldamento elettrico in Fibra di Carbonio Soluzioni per luoghi di culto e musei Indice 03. Introduzione 04. Pedane Radianti 06. Riscaldamento sotto-moquette o sotto-tappeto 08. Riscaldamento a pavimento

Dettagli

Soluzioni di Riscaldamento per Luoghi di Culto e Musei

Soluzioni di Riscaldamento per Luoghi di Culto e Musei Soluzioni di Riscaldamento per Luoghi di Culto e Musei Indice 03. Introduzione 04. Pedane Radianti 06. Riscaldamento sotto-moquette o sotto-tappeto 08. Riscaldamento a pavimento per interni 08-09. Cuscini

Dettagli

TFS Soffitti filtranti per sale operatorie

TFS Soffitti filtranti per sale operatorie Soffitti filtranti per sale operatorie Versioni - A (con pannelli e plenum portafiltro in alluminio, telaio in alluminio estruso) - X (con pannelli e plenum portafiltro in acciaio inox, telaio in alluminio

Dettagli

Trattamento atia. Deuclima VMC Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza

Trattamento atia. Deuclima VMC Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza IT Trattamento atia Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza Il

Dettagli

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità 1 VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità Ing. Luca Barbieri Product manager Hoval 2 Definizione ventilazione meccanica controllata «I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) sono

Dettagli

Ventilatori Brushless modulanti a magneti permanenti con inverter, per uso continuo, a risparmio energetico e bassa rumorosità.

Ventilatori Brushless modulanti a magneti permanenti con inverter, per uso continuo, a risparmio energetico e bassa rumorosità. Scheda Tecnica: Piastra idronica SKUDO DC Inverter Codice scheda: XSCT00078 Data 15/11/2014 Famiglia: Recuperatori di calore Descrizione SKUDO è la piastra idronica con spessore di 13 cm e batteria di

Dettagli

Cold Plate BREVETTATO

Cold Plate BREVETTATO L uso di dissipatori ad acqua si sta sempre più diffondendo per rispondere all esigenza di dissipare elevate potenze in spazi contenuti e senza l adozione di ventole con elevate portate d aria. Infatti,

Dettagli

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 1 Premessa All interno del complesso degli interventi di efficientamento e nell ottica del

Dettagli

Per un architettura che mette al centro l uomo

Per un architettura che mette al centro l uomo Per un architettura che mette al centro l uomo Il benessere termoigrometrico per l uomo Per benessere termoigrometrico si intende la sensazione di soddisfazione che, in un ambiente, le persone provano

Dettagli

I sistemi radianti RDZ per l edilizia scolastica

I sistemi radianti RDZ per l edilizia scolastica I sistemi radianti RDZ per l edilizia scolastica SCUOLA RDZ Company Profile RDZ, azienda leader in Italia nei sistemi radianti di riscaldamento e raffrescamento, certificata ISO 9001:2008, da oltre 35

Dettagli

UNITA TERMOVENTILANTI MHT UNITA DI CONDIZIONAMENTO MHC

UNITA TERMOVENTILANTI MHT UNITA DI CONDIZIONAMENTO MHC UNITA TERMOVENTILANTI MHT UNITA DI CONDIZIONAMENTO MHC Indice Generalità pag. 2 Orientamenti pag. 3 Filtri:quantità e dimensioni pag. 3 Caratteristiche tecniche pag. 4 Batterie pag. 4 Caratteristiche delle

Dettagli

Mammuth - Pompe di rilancio

Mammuth - Pompe di rilancio Mammuth - Pompe di rilancio GRUPPO DI DISTRIBUZIONE PER IMPIANTI A ZONA I gruppi di distribuzione e gestione di utenza di impianti a zone MAMMUTH serie 80, sono stati appositamente studiati per poter

Dettagli

DIFFUSORI METALLICI FORATI

DIFFUSORI METALLICI FORATI QUANDO SERVE ARIA PULITA DIFFUSORI METALLICI FORATI DOCUMENTAZIONE TECNICA ZEPHYR S.r.l. Via Carso, 8 37124 Verona www.zephyr-canali.it info@zephyr-canali.it 1 INDICE 1.0. PREMESSA pag. 3 2.0. CARATTERISTICHE

Dettagli

Riassunto della puntata precedente. ing. Massimiliano Pancani

Riassunto della puntata precedente. ing. Massimiliano Pancani Riassunto della puntata precedente Capitolo 4: Impianti di ventilazione Macchine di trattamento aria Componenti per la distribuzione Componenti per la diffusione Capitolo 4 Impianti di ventilazione Macchine

Dettagli

1) ESPOSIZIONE PIANO SECONDO

1) ESPOSIZIONE PIANO SECONDO 1) ESPOSIZIONE PIANO SECONDO 1.01 Fornitura e posa ventilconvettori ribassato tipo EURAPO modello RIBASSATI CVR-EST 216 o similare: - Potenza termica riscaldamento = 4,59 kw - Potenza termica raffrescamento

Dettagli

sistemi solari soluzioni solari

sistemi solari soluzioni solari sistemi solari soluzioni solari per pompe SOLUZIONI INNOATIE PER ABITAZIONI A BASSO CONSUMO CON ENERGIA SOLARE E POMPE DI CALORE Lo scopo di questo catalogo è di fornire una serie di suggerimenti e soluzioni

Dettagli

SISTEMI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA

SISTEMI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA SISTEMI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA Cosa è un impianto di ventilazione meccanica controllata Un impianto di ventilazione meccanica permette di controllare il ricambio di aria all interno dell

Dettagli

LOW UNITA DI RECUPERO DI CALORE RIBASSATE EFFICIENZA DA 50% A 70%

LOW UNITA DI RECUPERO DI CALORE RIBASSATE EFFICIENZA DA 50% A 70% LOW UNITA DI RECUPERO DI CALORE RIBASSATE EICIENZA DA % A 70% low Unità di ventilazione con recupero di calore ribassata a configurazione fissa con scambiatore statico a flussi incrociati in alluminio

Dettagli

Riassunto della puntata precedente. ing. Massimiliano Pancani

Riassunto della puntata precedente. ing. Massimiliano Pancani Riassunto della puntata precedente Impianti di Climatizzazione Ci sono le dispense on-line Capitolo 1 I fondamentali Unità di misura Temperatura Umidità Pressione Energia Potenza Capitolo 2 Sistemi energetici

Dettagli

CONOSCERE IL SOLARE TERMICO

CONOSCERE IL SOLARE TERMICO CONOSCERE IL SOLARE TERMICO Parte I - Conoscere il solare termico COLLETTORE, FLUIDO, SERBATOIO CIRCOLAZIONE NATURALE E FORZATA Parte II Sistemi a circolazione naturale IL COLLETTORE I SELETTIVI RENDONO

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 24 febbraio 2010 BRESCIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 BORGO DI VILLA ASTORI TORRE

Dettagli

SCHEDA TECNICA DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1300002 ORIZZONTALE DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1301002 - VERTICALE

SCHEDA TECNICA DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1300002 ORIZZONTALE DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1301002 - VERTICALE SCHEDA TECNICA DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1300002 ORIZZONTALE DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1301002 - VERTICALE RECUPERATORE ORIZZONTALE VERTICALE A RECUPERO TOTALE (scambiatore in Carta) DA 1.580 m³/h DESCRIZIONE

Dettagli

Impianti termotecnici: struttura fondamentale tipologie e criteri di scelta FORMAZIONE

Impianti termotecnici: struttura fondamentale tipologie e criteri di scelta FORMAZIONE FORMAZIONE Impianti termotecnici: struttura fondamentale tipologie e criteri di scelta di Mauro Cappello Prosegue con questo secondo articolo la pubblicazione del corso curato dall Ingegnere Mauro Cappello

Dettagli

La deumidificazione applicata alla. climatizzazione radiante

La deumidificazione applicata alla. climatizzazione radiante La deumidificazione applicata alla climatizzazione radiante La deumidificazione L aspetto più importante ai fini del comfort estivo è L UMIDITÀ RELATIVA! IMPORTANTE: se si mantiene controllato questo parametro,

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO. Azienda Casa Emilia-Romagna di Reggio Emilia

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO. Azienda Casa Emilia-Romagna di Reggio Emilia RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO CENTRO CULTURALE MUNICIPIO SCUOLA CINEMA PALESTRA SCUOLA ALLOGGI SOCIALI SCUOLA CASA PROTETTA Soluzione - La riqualificazione energetica

Dettagli

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CRITERI EDILIZI 1. Involucro Componenti dell involucro dotati di caratteristiche atte alla limitazione degli apporti solari estivi

Dettagli

SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE

SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE _ SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TERMO-MECCANICI INDICE 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO...

Dettagli

La classificazione energetica dei sistemi radianti: massimo comfort, massima efficienza, minimo consumo.

La classificazione energetica dei sistemi radianti: massimo comfort, massima efficienza, minimo consumo. La classificazione energetica dei sistemi radianti: massimo comfort, massima efficienza, minimo consumo. Maggiore efficienza energetica sistema radiante = maggiore comfort, minori consumi Lo scopo di tutti

Dettagli

DLC Diffusori lineari per canali circolari

DLC Diffusori lineari per canali circolari Diffusori lineari a feritoie DLC DLC Diffusori lineari per canali circolari Versioni - DLCZ (in acciaio zincato con deflettori in alluminio anodizzato nero) - DLCV (in acciaio verniciato bianco RAL9010

Dettagli

Impianto in pompa di calore tipo splittata in caldo e freddo con integrazione solare e produzione di acqua calda sanitaria:

Impianto in pompa di calore tipo splittata in caldo e freddo con integrazione solare e produzione di acqua calda sanitaria: 41 Impianto in pompa di calore tipo splittata in caldo e freddo con integrazione solare e produzione di acqua calda sanitaria: 1- Unità esterna 8- Impianto per riscaldamento o raffrescamento 2- Unità interna

Dettagli

SST-Rolltec. Sistemi certificati di CLIMATIZZAZIONE radiante a pavimento e a parete. EVOFIRE italianfiretechnologies

SST-Rolltec. Sistemi certificati di CLIMATIZZAZIONE radiante a pavimento e a parete. EVOFIRE italianfiretechnologies SST-Rolltec Sistemi certificati di CLIMATIZZAZIONE radiante a pavimento e a parete UNA TECNOLOGIA COLLAUDATA PER IL TUO BENESSERE Il sistema termico domestico più diffuso e collaudato degli ultimi trent

Dettagli