N. 61 COMUNE DI BERGAMO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N. 61 COMUNE DI BERGAMO"

Transcript

1 N. 61 COMUNE DI BERGAMO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI IN DEROGA ALLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ TEMPORANEE, DI MANIFESTAZIONI IN LUOGO PUBBLICO O APERTO AL PUBBLICO, DI SPETTACOLI A CARATTERE TEMPORANEO OVVERO MOBILE, ATTIVITA CONNESSE ALL UTILIZZO DI DEHORS, CHE COMPORTINO L IMPIEGO DI MACCHINARI O IMPIANTI RUMOROSI APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N.25/I /2005 P.G. NELLA SEDUTA DEL 06/02/2006 MODIFICATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N.187 Reg./84 Prop.Del. NELLA SEDUTA DEL 17/12/2007 N.49 Reg./35 Prop.Del. NELLA SEDUTA DEL 02/4/2009 n.127 Reg./38 Prop.Del. NELLA SEDUTA DEL 19/7/2010 4^ STESURA

2 PREMESSA La materia oggetto del presente Regolamento è normata dalla Legge 26 ottobre 1995, n.447 Legge quadro sull inquinamento acustico e, in particolare, dagli articoli: - Art.4, comma 1, lettera g), che affida alle Regioni la definizione con legge, delle modalità di rilascio delle autorizzazioni comunali per lo svolgimento di attività temporanee e di manifestazioni in luogo pubblico o aperto al pubblico, qualora esse comportino l impiego di macchinari o impianti rumorosi; - Art.6, comma 1, lettera e) che affida alla competenza dei Comuni l adozione di Regolamenti per l attuazione della disciplina statale e regionale ai fini della tutela dell inquinamento acustico; - Art.6, comma 1, lettera h) in base al quale è di competenza dei Comuni l autorizzazione, anche in deroga, ai valori limite di cui all art.2, comma 3, per lo svolgimento di attività temporanee e di manifestazioni in luogo pubblico o aperto al pubblico, nel rispetto delle prescrizioni indicate dal Comune stesso. La disciplina regionale è contenuta nella Legge Regionale 10 agosto 2001, n.13 Norme in materia di Inquinamento acustico e in particolare nell art.8, comma 3. AREE INDIVIDUATE DAL COMUNE E TIPOLOGIA DI ATTIVITA Le aree da destinarsi alle attività temporanee devono in generale possedere caratteristiche tali da non penalizzare, in materia di acustica, le possibili attività, consentendo a queste un rispetto dei limiti di zona dell area dove sono localizzati i recettori (popolazione residente). Inoltre si dovrebbe limitare il disagio anche nei confronti della popolazione residente nelle vicinanze, analizzando oltre agli aspetti acustici, anche quelli collegati con l evento stesso quali traffico indotto, difficoltà nei parcheggi, ecc. Nella tabella seguente sono indicate le aree del territorio comunale che hanno le caratteristiche citate. 1

3 TABELLA A/1 Aree individuate dal Comune per lo svolgimento di attività temporanee Aree individuate per lo svolgimento di attività temporanee Codice moduli Limite orario di svolgimento delle manifestazioni Classe acustica di appartenenza Limite acustico di immissione, in deroga, nell orario di svolgimento della manifestazione nei giorni di : lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, domenica Limite acustico di immissione, in deroga, nell orario di svolgimento della manifestazione nei giorni di: venerdì e sabato STADIO COMUNALE PALAZZETTO DELLO SPORT in periodo diurno in periodo notturno in periodo diurno in periodo notturno A/1-1 23:30 III A/1-2 23:30 III LAZZARETTO A/1-3 23:30 III PIAZZA VENETO VITTORIO A/1-4 23:30 III S. AGOSTINO A/1-5 23:30 I PIAZZA VECCHIA A/1-6 23:30 III PIAZZALE NUOVA PIAZZA LIBERTA FIERA DELLA A/1-7 23:30 IV A/1-8 23:30 III PIAZZA PONTIDA A/1-9 23:30 III AREA MONTEROSSO (PARCO GOISIS) A/ :30 II BERGAMO FIERE A/ :30 IV QUADRIPORTICO DEL SENTIERONE A/ :30 III PIAZZA DANTE A/ :30 III CAMPO UTILI A/ :30 II PARCO CITTADINI A/ :30 II PARCO TURANI A/ :30 I PIAZZA MATTEOTTI A/ :30 III POLARESCO A/ :30 II

4 Art.1 Campo di applicazione Il Regolamento disciplina il rilascio di autorizzazioni, in deroga ai limiti fissati dall art.2 della legge 26 ottobre 1995, n.447, allo svolgimento di attività temporanee e di manifestazioni in luogo pubblico e/o aperto al pubblico, per spettacoli a carattere temporaneo ovvero mobile. In particolare vengono impartite disposizioni circa: - Attività di cantiere - Attività connesse all agricoltura - Manifestazioni a carattere temporaneo - Attività connesse all utilizzo di dehors, in conformità a quanto previsto dal Regolamento per l occupazione del suolo pubblico con dehors stagionali In caso di manifestazioni a carattere temporaneo di particolare rilevanza che non abbiano carattere di continuità (es. concerto in unica serata), oppure che rientrino nell ambito delle iniziative programmate dall Amministrazione Comunale possono essere rilasciate, previa deliberazione della Giunta Comunale, autorizzazioni in deroga ai limiti di rumorosità. Nella deliberazione della Giunta Comunale saranno indicate le misure necessarie a ridurre al minimo le molestie a terzi, i limiti temporali e spaziali di validità della deroga stessa, nonché il valore massimo di immissione in deroga. L organizzatore della manifestazione dovrà comunque presentare apposita istanza e produrre, nella tempistica prevista, la documentazione richiesta dall art.6 del presente Regolamento. Per particolari esigenze legate alla pubblica utilità ed agli interventi d urgenza, possono essere autorizzate, previo deliberazione della Giunta Comunale, deroghe temporanee ai limiti di rumorosità, esonerando il committente dalle procedure contenute nel presente Regolamento, fatte salve le misure necessarie a ridurre al minimo le molestie a terzi, i limiti temporali e spaziali di validità della deroga stessa. Tutte le istanze vanno inoltrate allo Sportello Unico Integrato del Comune di Bergamo, secondo le modalità contenute nel presente Regolamento. Per lavori relativi ad opere pubbliche, la cui committenza è dell Amministrazione Comunale, le relative istanze andranno inoltrate al Responsabile del Procedimento, che ne curerà l istruttoria e sottoporrà il provvedimento al Dirigente della Direzione Lavori Pubblici cui l opera risulta in carico, sulla base dei criteri e delle modalità contenute nel presente Regolamento. Art. 2 Definizioni Attività rumorosa - Produzione di rumore nell ambiente abitativo e/o esterno, tale da procurare disagio al riposo alla popolazione ed alle attività, pericolo per la salute e per gli ecosistemi presenti sul territorio, nonché danneggiamento ai beni culturali e ambientali. Cantieri Tutti i cantieri, siano essi stradali e/o edili o altri assimilabili, i quali utilizzino nel corso delle normali lavorazioni, macchinari particolarmente rumorosi. Attività rumorosa temporanea - Qualsiasi attività rumorosa che ha durata limitata nel tempo, svolta in modo non permanente all interno di un luogo pubblico e/o aperto al pubblico. Sono considerate attività rumorose temporanee i concerti, le serate musicali, le manifestazioni popolari, i circhi, i luna 3

5 park, le feste e sagre patronali, gli spettacoli pirotecnici e tutte quelle attività che per il loro svolgimento, necessitino dell utilizzo di impianti elettroacustici di diffusione o di amplificazione. Dehors - Si intende l insieme degli elementi mobili posti in modo funzionale ed armonico sul suolo pubblico o asservito all uso pubblico, che costituisce, delimita ed arreda lo spazio per il ristoro all'aperto annesso ad un locale di pubblico esercizio di somministrazione insediato in sede fissa, come definiti dallo specifico regolamento comunale. Limite di immissione in deroga - Per limite di immissione in deroga si intende il livello equivalente di rumore ambientale misurato durante l intera durata della manifestazione, compreso il deflusso del pubblico valutato temporalmente in 30 (trenta) minuti circa. Posizione di verifica - Si intende la posizione in ambiente esterno in facciata all edificio sede di ambienti abitativi più compromessi e/o più prossimi all area sede della manifestazione. Art. 3 Autorizzazioni I soggetti interessati all ottenimento di autorizzazioni per lo svolgimento di attività rumorosa temporanea, devono presentare apposita comunicazione o istanza, controfirmata dal titolare o dal legale rappresentante ovvero dal responsabile dell attività, allegando la documentazione di seguito elencata: a) dati anagrafici del titolare o del legale rappresentante ovvero del responsabile dell attività, allegando copia documento di identità personale; b) sintetica descrizione del tipo di attività; c) periodo nel quale si svolge l attività; d) data di inizio lavori (cantieri); e) indicazione della classificazione acustica dell area interessata; f) limiti da rispettare con eventuale richiesta di deroga motivata; g) planimetria dettagliata con indicazione della fonte del rumore, dalla quale risulti il possibile impatto acustico verso gli edifici di civile abitazione ubicati nell area oggetto dell istanza; h) accorgimenti tecnici predisposti per limitare tale impatto. In relazione al tipo di attività, la documentazione da produrre, ai sensi delle lettere g) ed h) del presente articolo, dovrà essere accompagnata da valutazione previsionale di impatto acustico redatta da tecnico abilitato come meglio definito dall art.2, comma 6, della legge 26 ottobre 1995, n.447. Presso il luogo ove viene esercitata l attività, dovrà essere tenuta copia dell autorizzazione in deroga da esibire nel caso di verifiche e controlli da parte degli Enti preposti; l autorizzazione dovrà essere altresì visibile ai cittadini in spazio apposito posto all ingresso del cantiere, ovvero nel luogo ove viene esercitata l attività. Non viene applicato in nessun caso il limite differenziale né si applicano le penalizzazioni previste dalla normativa tecnica per le componenti impulsive, tonali, e tonali a bassa frequenza. Non viene altresì considerato il limite di emissione previsto dalla classe acustica di appartenenza dell area in cui viene esercitata l attività oggetto di autorizzazione in deroga. 4

6 Art. 4 Cantieri Cantieri Stradali I cantieri stradali potranno funzionare tutti i giorni, compresi domenicali e festivi, rispettando il seguente orario dalle alle 22.00, fatte salve le zone individuate nella classe VI dalla Classificazione Acustica del Territorio Comunale e le circonvallazioni per le quali è prevista la facoltà di proseguire l attività anche durante l orario notturno. Il responsabile della ditta per l attività di cantiere stradale, valutato il tipo e l entità delle lavorazioni, deve inoltrare allo Sportello Unico Integrato del Comune di Bergamo, con congruo anticipo e comunque non meno di 30 (trenta) giorni prima dell inizio dell attività, apposita comunicazione secondo la scheda tipo 3, pubblicata sul sito comunale. L autorizzazione è da considerarsi rilasciata se non viene espresso motivato diniego nei 15 (quindici) giorni successivi alla presentazione della comunicazione. Le macchine utilizzate devono rispettare la conformità alle direttive CE, in particolare alla 2001/14/CE recepita dalla legislazione italiana in materia di emissione acustica ambientale di macchine e attrezzature destinate a funzionare all aperto. Durante il periodo di attività del cantiere dovrà essere rispettato il valore limite di L Aeq =65 db(a), con tempo di misura riferito all intera giornata lavorativa e rilevato in facciata all edificio con ambienti abitativi maggiormente esposti al rumore. Cantieri edili o assimilabili L attività temporanea dei cantieri edili e assimilabili dovrà essere svolta solamente nei giorni feriali con il seguente orario: dalle ore 07:30 alle 19:30. Qualora si utilizzino macchinari particolarmente rumorosi (seghe circolari, frese stradali, macchine movimento terra, betoniere, compressori a scoppio, martelli pneumatici ecc.) sarà cura del responsabile del cantiere fare eseguire tali attività esclusivamente dalle ore alle e dalle ore 14:00 alle 19:00. Durante il periodo di attività del cantiere dovrà essere rispettato il valore limite di L Aeq = 65 db(a), con tempo di misura riferito all intera giornata lavorativa, rilevato in facciata all edificio con ambienti abitativi maggiormente esposti al rumore. Nel caso di opere di ristrutturazione e/o manutenzione straordinaria di fabbricati si applica il limite di L Aeq =60 db(a) con tempo di misura (T M ) riferito all intera giornata lavorativa rilevato nell ambiente maggiormente esposto; tale misurazione deve essere effettuata a finestre chiuse (FC). Il responsabile della ditta per l attività di cantiere temporaneo, valutato il tipo e l entità delle lavorazioni, qualora ritenga di essere in grado di rispettare i limiti di rumore e/o quelli orari previsti nel presente Regolamento, deve inoltrare allo Sportello Unico Integrato del Comune di Bergamo, con congruo anticipo e comunque non meno di 30 (trenta) giorni prima dell inizio dell attività, apposita comunicazione redatta secondo la scheda tipo 1, pubblicata sul sito comunale. L autorizzazione è da considerarsi rilasciata se non viene espresso motivato diniego nei 15 (quindici) giorni successivi alla presentazione della comunicazione. NORME COMUNI A TUTTI I CANTIERI Qualora il responsabile della ditta per l attività di cantiere valuti di non essere in grado di rispettare i limiti di rumore e/o quelli orari previsti nel presente Regolamento, deve richiedere deroga specifica. 5

7 L istanza, in bollo fatto salvo l eventuale esonero a norma di legge, redatta secondo la scheda tipo 2, pubblicata sul sito comunale, corredata dalla documentazione redatta da tecnico competente in acustica come meglio definito dall art.2, comma 6, della legge 26 ottobre 1995, n.447, deve essere presentata con congruo anticipo e comunque non meno di 40 (quaranta) giorni prima dell inizio dell attività. Nei medesimi termini di cui al comma precedente, copia della medesima domanda e della documentazione allegata sarà inviata, a cura della Divisione Ecologia e Ambiente, al Dipartimento ARPA di Bergamo. Nel provvedimento autorizzativo in deroga, da rilasciare entro i 30 (trenta) giorni successivi alla presentazione della domanda, saranno indicate, caso per caso, le misure necessarie a ridurre al minimo le molestie a terzi, i limiti temporali e spaziali di validità della deroga stessa. Qualora si renda necessario, per il ripristino urgente dell erogazione di servizi di pubblica utilità (linee telefoniche, elettriche, condotte fognarie, ecc.) ovvero in situazioni di pericolo di incolumità per la popolazione, il Comune di Bergamo concede deroga agli adempimenti amministrativi ed ai limiti di esposizione citati nel presente Regolamento, fatte salve le misure necessarie a ridurre al minimo le molestie a terzi, nonché i limiti temporali e spaziali di validità della deroga stessa. In zone di particolare tutela ambientale, ovvero destinate ad attività sanitaria di ricovero e cura, potranno essere prescritte ulteriori restrizioni, sia per quanto riguarda i livelli di rumore, che gli orari di esercizio del cantiere. Il Comune, a seguito di verifiche strumentali durante le attività da parte dei soggetti preposti al controllo, indicati nel successivo articolo 6 bis, si riserva la facoltà di imporre prescrizioni atte a limitare l impatto acustico. Art. 5 Attività connesse all agricoltura Le attività agricole a carattere temporaneo e stagionale svolte con macchinari mobili che rispettano le norme tecniche di omologazione di prodotto, non necessitano di provvedimenti autorizzativi, pertanto gli operatori del settore non sono tenuti alla presentazione delle istanze di cui al presente Regolamento. Si precisa che, per rientrare nella fattispecie di cui al presente articolo, occorre che siano compresenti i requisiti della temporaneità, della singolarità, e dell impiego di macchinari adottando tutti gli accorgimenti necessari utili a minimizzare il disturbo. Art. 6 Manifestazioni a carattere temporaneo in luogo pubblico o aperto al pubblico, feste popolari ed assimilabili Sono da ritenersi manifestazioni a carattere temporaneo tutte quelle citate nell art. 2 del Regolamento. AREE INDIVIDUATE DAL COMUNE TABELLA A/1 Per quanto riguarda le manifestazioni ubicate all interno delle aree individuate dal Comune, ai sensi dell art. 4, comma 1, lettera a), della legge 26 ottobre 1995, n. 447, i limiti di immissione dovranno rispettare quelli indicati nella tabella A/1 del Regolamento. Tali limiti verranno valutati con tempo di misura sufficiente a caratterizzare la sorgente rilevato nella posizione in ambiente esterno in facciata all edificio sede di ambienti abitativi più compromessi e/o più prossimi all area sede della manifestazione. 6

8 In queste aree, qualora il responsabile della ditta per l attività di manifestazioni a carattere temporaneo ritenga di rispettare i limiti di rumore previsti dal precedente comma, deve presentare presso lo Sportello Unico Integrato, con congruo anticipo e comunque non meno di 30 (trenta) giorni prima dell inizio dell attività, apposita comunicazione redatta secondo la scheda tipo 4, pubblicata sul sito comunale. L autorizzazione è da considerarsi rilasciata se non viene espresso motivato diniego nei 15 (quindici) giorni successivi alla presentazione della comunicazione. AREE DIVERSE DA QUELLE INDIVIDUATE NELLA TABELLA A/1 Tutte le manifestazioni programmate in aree diverse da quelle individuate dall Amministrazione Comunale nella Tabella A/1, dovranno rispettare i limiti acustici di seguito indicati: Limite acustico di immissione, in deroga, nell orario di svolgimento della manifestazione nei giorni di: lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, domenica Limite acustico di immissione, in deroga, nell orario di svolgimento della manifestazione nei giorni di: venerdì e sabato in periodo diurno in periodo notturno in periodo diurno in periodo notturno In queste aree, qualora il responsabile della ditta per l attività di manifestazioni a carattere temporaneo ritenga di rispettare i limiti di rumore previsti nella preindicata tabella, deve presentare presso lo Sportello Unico Integrato, con congruo anticipo e comunque non meno di 30 (trenta) giorni prima dell inizio dell attività, apposita comunicazione redatta secondo la scheda tipo 5, pubblicata sul sito comunale. L autorizzazione è da considerarsi rilasciata, se non viene espresso motivato diniego nei 15 (quindici) giorni successivi alla presentazione della comunicazione. Qualora il responsabile della ditta per le manifestazioni a carattere temporaneo valuti di non essere in grado di rispettare i limiti previsti nel presente Regolamento, sia che la manifestazione si svolga nelle aree individuate in Tabella A/1 che nelle altre aree, deve richiedere deroga specifica. Analoga procedura dovrà essere seguita nel caso in cui le attività siano programmate per un periodo superiore a 4 (quattro) giorni consecutivi, ovvero la durata complessiva della manifestazione sia superiore a 10 (dieci) giorni di calendario, indipendentemente dal rispetto dei limiti acustici previsti nell area. L istanza, in bollo fatto salvo l eventuale esonero a norma di legge, redatta secondo la scheda tipo 6, pubblicata sul sito comunale, corredata dalla documentazione redatta da tecnico abilitato come meglio definito dall art.2, comma 6, della legge 26 ottobre 1995, n.447, deve essere presentata con congruo anticipo e comunque non meno di 40 (quaranta) giorni prima dell inizio dell attività. Copia della domanda e della documentazione allegata sarà inviata, a cura della Divisione Ecologia e Ambiente, al Dipartimento ARPA di Bergamo. Nel provvedimento autorizzativo in deroga, da rilasciare entro i 30 (trenta) giorni successivi alla presentazione della domanda, saranno indicate, caso per caso, le misure necessarie a ridurre al minimo le molestie a terzi, i limiti temporali e spaziali di validità della deroga stessa, nonché il valore massimo di immissione in deroga, che non potrà, in alcun caso, essere superiore a 85 db (A). Il Comune si riserva la facoltà di inserire eventuali indicazioni e prescrizioni che dovessero essere formulate da ARPA, quali, ad esempio, localizzazione del palco, orientamento delle sorgenti di diffusione sonora, etc. 7

9 Il Comune, a seguito di verifiche strumentali durante lo svolgimento della manifestazione da parte dei soggetti preposti al controllo, indicati nel successivo articolo 6 bis, si riserva la facoltà di imporre limitazioni all orario della medesima e ulteriori prescrizioni atte a limitare l impatto acustico, ivi compresa la sospensione dell evento. La Divisione Ecologia e Ambiente informerà le Circoscrizioni territorialmente competenti entro 5 (cinque) giorni lavorativi dalla data di presentazione delle domande di autorizzazione in deroga di cui al presente articolo. Le manifestazioni temporanee previste in zone prossime a quelle destinate ad attività sanitaria e di ricovero e cura possono essere autorizzate in maniera espressa dal Comune solo in casi eccezionali, nel rispetto comunque della procedura prevista dal presente Regolamento e previo pronunciamento della Giunta Comunale. Art. 6 bis Controllo delle attività rumorose nel territorio comunale Le attività di controllo inerenti il rispetto della normativa vigente in materia di rumore sul territorio comunale sono di competenza della Divisione Ecologia e Ambiente e del corpo di Polizia Locale del Comune di Bergamo, nonché del Dipartimento Arpa di Bergamo. A tale proposito, di norma: la Divisione Ecologia e Ambiente, supportata laddove necessario dal Corpo di Polizia Locale, effettua prioritariamente i controlli relativi al rumore prodotto da: pubblici spettacoli, circoli privati, pubblici esercizi, alberghi, attività commerciali; il Dipartimento Arpa di Bergamo effettua prioritariamente i controlli relativi al rumore prodotto da: attività industriali, attività artigianali, attività sportive, infrastrutture di trasporto. Il personale tecnico in servizio presso la Divisione Ecologia e Ambiente, in possesso della qualifica di tecnico competente in acustica ambientale, nonché il Dipartimento Arpa di Bergamo, in quanto organi accertatori, provvedono ad effettuare le misurazioni fonometriche ed a comunicare le risultanze delle stesse al Corpo di Polizia Locale per elevare le sanzioni (ove dovute). La Divisione Ecologia e Ambiente, inoltre, emanerà eventuali provvedimenti amministrativi, conseguenti alle rilevazioni fonometriche effettuate direttamente o pervenute dal Dipartimento Arpa di Bergamo, prescrivendo eventuali misure da adottare. La Divisione Ecologia e Ambiente e il Dipartimento Arpa di Bergamo potranno effettuare rilevazioni fonometriche congiunte, qualora si rendesse necessario esaminare casi di particolare rilevanza e complessità. Art. 6 ter Disciplina e controllo utilizzo dehors Possono essere rilasciate, autorizzazioni in deroga ai limiti di rumorosità per ciò che attiene il rumore prodotto e/o indotto dall utilizzo da parte di pubblici esercizi di dehors su suolo pubblico o asservito all uso pubblico, come definiti dal precedente art. 2. Nella richiesta in deroga, è necessario specificare gli orari di utilizzo del dehors. Nella valutazione della richiesta il Comune opererà in conformità alla tabella riportata nel presente articolo. 8

10 Presso il luogo ove viene esercitata l attività, dovrà essere tenuta copia dell autorizzazione in deroga da esibire nel caso di verifiche e controlli da parte degli Enti preposti. Le richieste riferite ad attività che non si protraggono oltre le ore potranno essere presentate corredate da una dichiarazione, resa sotto la personale responsabilità del soggetto richiedente, nella quale si attesti che vengono rispettate le limitazioni indicate nella tabella contenuta nel presente articolo. La comunicazione dovrà essere presentata utilizzando la Scheda tipo 7, pubblicata sul sito comunale. Le richieste riferite ad attività che si protraggono oltre le ore dovranno essere presentate corredate da una valutazione previsionale di impatto acustico, redatta da tecnico abilitato come meglio definito dall art.2, comma 6, della legge 26 ottobre 1995, n.447, attestante il rispetto delle limitazioni indicate nella tabella seguente. La richiesta dovrà essere presentata utilizzando la Scheda tipo 8, pubblicata sul sito comunale. Copia della domanda e della documentazione allegata sarà inviata, a cura della Divisione Ecologia e Ambiente, al Dipartimento ARPA di Bergamo. Limite acustico di immissione, in deroga, per utilizzo di dehors nei giorni di: lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, domenica Limite acustico di immissione, in deroga, per utilizzo dehors nei giorni di: venerdì, sabato in periodo notturno in periodo notturno periodo diurno In periodo diurno 22:00-23:30 22:00-00: La Divisione Ecologia e Ambiente si riserva la facoltà di verificare in sito, a mezzo di opportune verifiche fonometriche, la corrispondenza dei valori dichiarati rispetto ai valori reali. L attività di controllo è esercitata dal Comune nei modi e termini di cui al precedente art. 6 bis. Nello svolgimento delle attività di vigilanza e controllo il Comune tiene conto delle eventuali segnalazioni/esposti presentati dai cittadini. Nel caso di accertata difformità, gli oneri derivanti dall attività di controllo e dall esecuzione dei rilievi fonometrici saranno posti a carico del soggetto titolare della richiesta di deroga e potrà, essere sospesa la validità del provvedimento autorizzatorio. Le autorizzazioni in deroga per i dehors non potranno avere durata complessiva superiore a 120 (centoventi) giorni nell arco dell anno solare. Art. 7 Particolari sorgenti sonore Per l uso temporaneo di attrezzature rumorose, non è richiesta alcuna autorizzazione, tuttavia sono fissati criteri generali ai quali occorre attenersi; 1) Attrezzature da giardino - L utilizzo delle attrezzature da giardino, quali tosaerba, decespugliatori e similari, è consentito nei giorni feriali dalle 08:00 alle 12.:30 e dalle 15:00 alle 20:00, nei giorni festivi e prefestivi dalle ore 08:30 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 20:00. 2) Pubblicità fonica - La pubblicità fonica è consentita esclusivamente in forma itinerante, nei giorni feriali dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 20:00. Rimane esclusa, nelle aree particolarmente protette ed individuate in classe I nel piano di classificazione acustica del Comune di Bergamo. 9

11 3) Allarmi antifurto - I sistemi di allarme acustico antifurto, compresi quelli installati sui veicoli, devono essere dotati di un dispositivo temporizzatore che ne limiti l emissione sonora ad un massimo di 5 (cinque) minuti. 4) Attività di igiene del suolo, spazzamento e raccolta rifiuti - E fatto obbligo all azienda o all Ente responsabile del servizio, di presentare al comune un piano annuale relativo all attività da svolgere, indicando le motivazioni che stanno alla base della scelta degli orari previsti per le operazioni sopraindicate. Nel piano stesso, oltre alla descrizione dei mezzi e delle attrezzature che dovranno essere conformi alle norme CE in materia di emissioni rumorose, e degli orari nei quali operare, dovranno essere altresì indicati gli accorgimenti messi in atto per contenere, nel rispetto della migliore tecnologia disponibile, le emissioni acustiche. Art. 8 Sanzioni Le violazioni alle disposizioni di cui al presente Regolamento e/o alle prescrizioni impartite dal Comune in applicazione dello stesso, sono punite con la sanzione amministrativa da.258,00 a ,00 ai sensi dell art.10, comma 3, della legge 26 ottobre 1995, n.447. Art. 9 Disposizioni finali Il presente Regolamento annulla e sostituisce le precedenti ordinanze sindacali in merito, e costituisce parte integrante e sostanziale della Classificazione Acustica del Territorio comunale, approvata con deliberazione consiliare n.216/i67014 P.G. in data 17/12/

12 INDICE Premessa pag. 1 Aree individuate dal comune e tipologia di attività pag. 1 Tabella A/1 pag. 2 Art. 1 - Campo di applicazione pag. 3 Art. 2 - Definizioni pag. 3 Art. 3 - Autorizzazioni pag. 4 Art. 4 - Cantieri pag. 5 Art. 5 - Attività connesse all agricoltura pag. 6 Art. 6 - Manifestazioni a carattere temporaneo in luogo pubblico o aperto al pubblico, feste popolari ed assimilabili pag. 6 Art. 6 bis - Controllo delle attività rumorose nel territorio comunale pag. 8 Art. 6 ter - Disciplina e controllo utilizzo dehors pag. 8 Art. 7 - Particolari sorgenti sonore pag. 9 Art. 8 - Sanzioni pag. 10 Art. 9 - Disposizioni finali pag

C O M U N E D I M E O L O

C O M U N E D I M E O L O C O M U N E D I M E O L O Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ TEMPORANEE RUMOROSE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 2.4.2009 Capo 1 Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO AUTORIZZAZIONE DI ATTIVITA TEMPORANEE IN DEROGA AI LIMITI ACUSTICI VIGENTI RELAZIONE TECNICA. A cura di:

REGOLAMENTO AUTORIZZAZIONE DI ATTIVITA TEMPORANEE IN DEROGA AI LIMITI ACUSTICI VIGENTI RELAZIONE TECNICA. A cura di: COMUNE DI CAMPARADA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA REGOLAMENTO AUTORIZZAZIONE DI ATTIVITA TEMPORANEE IN DEROGA AI LIMITI ACUSTICI VIGENTI RELAZIONE TECNICA A cura di: Studio di Ingegneria Acustica

Dettagli

Comune di Malgrate. Provincia di Lecco

Comune di Malgrate. Provincia di Lecco EUROGEO s.n.c. Via Giorgio e Guido Paglia, n 21 24122 BERGAMO e-mail: bergamo@eurogeo.net Tel. +39 035 248689 +39 035 271216 Fax +39 035 271216 REL.02-05/02/15 Comune di Malgrate Provincia di Lecco ZONIZZAZIONE

Dettagli

Art 1 - (Finalità) Art 2 - ( Definizioni)

Art 1 - (Finalità) Art 2 - ( Definizioni) COMUNE DI FABRIANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ RUMOROSE TEMPORANEE E DI MANIFESTAZIONI IN LUOGO PUBBLICO O APERTO AL PUBBLICO AI SENSI DELLA

Dettagli

SEA GRUPPO S.r.l. Via Paolo Borsellino, 12/d - 61032 FANO (PU) Comune di URBANIA (PU) Classificazione acustica del territorio comunale

SEA GRUPPO S.r.l. Via Paolo Borsellino, 12/d - 61032 FANO (PU) Comune di URBANIA (PU) Classificazione acustica del territorio comunale SEA GRUPPO S.r.l. Via Paolo Borsellino, 12/d - 61032 FANO (PU) Comune di URBANIA (PU) Classificazione acustica del territorio comunale Legge Quadro 447/95 Legge Regionale n. 28 del 14.11.2001 D.G.R. n.

Dettagli

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO SETTEMBRE 2011 Sommario SOMMARIO...ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1. Oggetto del regolamento...

Dettagli

STUDIO TECNICO Dott. Arch. Solange SAURO

STUDIO TECNICO Dott. Arch. Solange SAURO STUDIO TECNICO Dott. Arch. Solange SAURO Via Toscanini 24, 50127 FIRENZE Tel/fax. 055-321277, 328-4317294 e-mail: solangesauro@libero.it COMUNE DI IMPRUNETA PIANO COMUNALE DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA REGOLAMENTO

Dettagli

SEA GRUPPO S.r.l. Via Paolo Borsellino, 12/d - 61032 FANO (PU)

SEA GRUPPO S.r.l. Via Paolo Borsellino, 12/d - 61032 FANO (PU) SEA GRUPPO S.r.l. Via Paolo Borsellino, 12/d - 61032 FANO (PU) COMUNE DI PEGLIO (PU) Classificazione acustica del territorio comunale Legge Quadro 447/95 Legge Regionale n. 28 del 14.11.2001 D.G.R. n.

Dettagli

COMUNE DI APOLLOSA. Regolamento LIMITAZIONE delle IMMISSIONI SONORE nell AMBIENTE PRODOTTE da ATTIVITÀ TEMPORANEE

COMUNE DI APOLLOSA. Regolamento LIMITAZIONE delle IMMISSIONI SONORE nell AMBIENTE PRODOTTE da ATTIVITÀ TEMPORANEE COMUNE DI APOLLOSA Regolamento LIMITAZIONE delle IMMISSIONI SONORE nell AMBIENTE PRODOTTE da ATTIVITÀ TEMPORANEE S O M M A R I O TITOLO I GENERALITÀ Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CONTROLLO, IL CONTENIMENTO E L ABBATTIMENTO DELLE EMISSIONI E DELL INQUINAMENTO ACUSTICO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CONTROLLO, IL CONTENIMENTO E L ABBATTIMENTO DELLE EMISSIONI E DELL INQUINAMENTO ACUSTICO Comune di Prazzo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CONTROLLO, IL CONTENIMENTO E L ABBATTIMENTO DELLE EMISSIONI E DELL INQUINAMENTO ACUSTICO (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 30/09/2005)

Dettagli

REGOLAMENTO ACUSTICO

REGOLAMENTO ACUSTICO COMUNE DI VICOFORTE PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO ACUSTICO ai sensi del quinto comma dell articolo 5 della Legge Regionale 20/10/ 2000 n. 52 1 CAPITOLO 1: COMPETENZE DEI COMUNI IN MATERIA DI TUTELA DALL

Dettagli

COMUNE DI JESI PROVINCIA DI ANCONA. ai sensi della Legge Quadro 447/95. adeguamento alla Legge Regionale 14/11/2001 n. 28 D.G.R. n.

COMUNE DI JESI PROVINCIA DI ANCONA. ai sensi della Legge Quadro 447/95. adeguamento alla Legge Regionale 14/11/2001 n. 28 D.G.R. n. REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ANCONA COMUNE DI JESI PROVINCIA DI ANCONA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA ai sensi della Legge Quadro 447/95 adeguamento alla Legge Regionale 14/11/2001 n. 28 D.G.R. n.896 del 24/6/2003

Dettagli

COMUNE DI FAENZA. Regolamento comunale in materia di inquinamento acustico derivante da particolari attività

COMUNE DI FAENZA. Regolamento comunale in materia di inquinamento acustico derivante da particolari attività COMUNE DI FAENZA Regolamento comunale in materia di inquinamento acustico derivante da particolari attività Art. 1 Disposizioni generali Approvato con atto del Consiglio Comunale n.187 del 15/04/2004 1.

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 - 1 - COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO per la protezione degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno dall esposizione

Dettagli

Comune di Casciana Terme Provincia di Pisa

Comune di Casciana Terme Provincia di Pisa Comune di Casciana Terme Provincia di Pisa Viale Regina Margherita, 9 56034 CASCIANA TERME PI Telefono 0587644411 Fax 0587646312 - e-mail: protocollo@comune.cascianaterme.pi.it REGOLAMENTO COMUNALE PER

Dettagli

COMUNE DI PARMA NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE

COMUNE DI PARMA NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE COMUNE DI PARMA NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE Attività rumorose temporanee nelle manifestazioni ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N. 950/45 DEL 23/07/2009 1. Descrizione del procedimento

Dettagli

2 CAMPO DI APPLICAZIONE

2 CAMPO DI APPLICAZIONE Disposizioni per il rilascio da parte delle Amministrazioni comunali delle autorizzazioni in deroga ai valori limite per le attività temporanee, ai sensi dell articolo 3, comma 3, lettera b) della l.r.

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE IN DEROGA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE IN DEROGA Codice pratica Modello: DerogAc2015Rc01 Aggiornamento: 30/06/2015 AutoreRV: Merlo Marco Sportello Unico Attività Produttive: Imposta di bollo assolta in modo virtuale Aut. n. 3/2015 del 04/05/2015 dell

Dettagli

R E G O L A M E N T O COMUNALE PER LA LIMITAZIONE DELLE IMMISSIONI RUMOROSE

R E G O L A M E N T O COMUNALE PER LA LIMITAZIONE DELLE IMMISSIONI RUMOROSE C O M U N E D I CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno R E G O L A M E N T O COMUNALE PER LA LIMITAZIONE DELLE IMMISSIONI RUMOROSE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.27 del 23/03/2005 in

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE Studio Tecnico Sicurezza Ing. Leo De Santis Via Matteotti, 8/B 64021 Giulianova (TE) Tel. & Fax: 085-8007276 E-mail: desantis@sicuramsrl.it C.F.: DSNLEO54L19F942B P. IVA: 00969620673 Studio di Ingegneria

Dettagli

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente mod. perm. 04/14 Dipartimento Tutela Ambientale - Protezione Civile U.O. Tutela dagli Inquinamenti Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività

Dettagli

COMUNE DI GORLA MAGGIORE Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE COMPETENZE COMUNALI IN MATERIA DI INQUINAMENTO ACUSTICO

COMUNE DI GORLA MAGGIORE Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE COMPETENZE COMUNALI IN MATERIA DI INQUINAMENTO ACUSTICO COMUNE DI GORLA MAGGIORE Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE COMPETENZE COMUNALI IN MATERIA DI INQUINAMENTO ACUSTICO AI SENSI DEL COMMA 1 DELL ART. 6 DELLA LEGGE 16 OTTOBRE 1995, N.

Dettagli

INDICE MODULISTICA... 3

INDICE MODULISTICA... 3 INDICE MODULISTICA... 3 ESPOSTO PER DISTURBO DA RUMORE... 4 RICHIESTA DI LICENZA DELL ESERCIZIO DI ATTIVITÀ... 5 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE AD ESERCITARE ATTIVITÀ IN DEROGA AI VALORI LIMITE DELLE IMMISSIONI

Dettagli

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) Marca Bollo 16,00 AL S.U.A.P. Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune di Fiumicino MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI LUSERNA SAN GIOVANNI

COMUNE DI LUSERNA SAN GIOVANNI REGIONE PIEMONTE COMUNE DI LUSERNA SAN GIOVANNI PROVINCIA DI TORINO Regolamento Comunale Recante Norme per il Controllo, Contenimento e Abbattimento dell Inquinamento Acustico (ai sensi dell art. 6 L.

Dettagli

COMUNE DI LOANO (Provincia di Savona)

COMUNE DI LOANO (Provincia di Savona) COMUNE DI LOANO (Provincia di Savona) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LIMITAZIONE DELLE IMMISSIONI SONORE NELL'AMBIENTE PRODOTTE DA ATTIVITÀ RUMOROSE TEMPORANEE Approvato con deliberazione del consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DELLE ATTIVITA RUMOROSE COMUNE DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.37 del 27.05.2004) SOMMARIO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI 2 ART. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI NOCERA UMBRA

COMUNE DI NOCERA UMBRA COMUNE DI NOCERA UMBRA Regolamento Attuativo del Piano Comunale di Classificazione Acustica TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Campo di applicazione Il presente regolamento disciplina le competenze

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE (CN)

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE (CN) REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE (CN) APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. 34 DEL 07/06/2007 Comune di Limone Piemonte (CN) Regolamento delle attività rumorose pag. 2 1. DISPOSIZIONI

Dettagli

VISTA la l.r.20.3.1998;n.1 2 "Disposizioni in materia di inquinamento acustico"

VISTA la l.r.20.3.1998;n.1 2 Disposizioni in materia di inquinamento acustico REGIONE LIGURIA Deliberazione della giunta regionale n.2510 del 18/12/98 ad oggetto: Definizione degli indirizzi per la predisposizione di regolamenti comunali in materia di attività all'aperto e di attività

Dettagli

Comune di Guarene REGOLAMENTO ACUSTICO

Comune di Guarene REGOLAMENTO ACUSTICO Comune di Guarene REGOLAMENTO ACUSTICO APPROVATO CON DELIBERAZIONE N. 23/CC/2006 INDICE CAPITOLO 1: COMPETENZE DEI COMUNI IN MATERIA DI TUTELA dall INQUINAMENTO ACUSTICO Errore. Il segnalibro non è definito.

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA (Provincia di Verona)

COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA (Provincia di Verona) COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA (Provincia di Verona) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 86 del 27.12.2012 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA MUSICALI IN PUBBLICI ESERCIZI,

Dettagli

COMUNE DI DOMODOSSOLA Provincia del Verbano Cusio Ossola

COMUNE DI DOMODOSSOLA Provincia del Verbano Cusio Ossola COMUNE DI DOMODOSSOLA Provincia del Verbano Cusio Ossola ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE Regolamento di applicazione

Dettagli

N.B. Ove la sottoscrizione non avvenga Allegato 1. (attività di carattere permanente assenza di apparecchiature rumorose)

N.B. Ove la sottoscrizione non avvenga Allegato 1. (attività di carattere permanente assenza di apparecchiature rumorose) N.B. Ove la sottoscrizione non avvenga Allegato 1 (attività di carattere permanente assenza di apparecchiature rumorose) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA (art. 6 del Regolamento di attuazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 24.01.2002, Modificato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 27.01.2005. INDICE TITOLO I: DISPOSIZIONI

Dettagli

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto acustico)

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto acustico) l.g. cantieri 04/14 Dipartimento Tutela Ambientale - Protezione Civile U.O. Tutela dagli Inquinamenti Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto

Dettagli

timbro protocollo Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA) Spettacolo/intrattenimento temporaneo

timbro protocollo Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA) Spettacolo/intrattenimento temporaneo CITTA di PESCARA Dipartimento Attività Tecniche, Energetiche ed Ambientali Settore Attività Produttive Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive + timbro protocollo responsabile del

Dettagli

COMUNE DI MONTEVIALE

COMUNE DI MONTEVIALE COMUNE DI MONTEVIALE REGOLAMENTO E NORME ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE ART.1 CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento è emanato, ai sensi dell art. 6, comma 1, lettera e) della

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO - PCCA

COMUNE DI CORCIANO - PCCA INDICE TITOLO I 2 DISPOSIZIONI GENERALI 2 Art. 1 Campo di applicazione 2 Art. 2 Definizioni 2 Art. 3 Contenuti del Piano 4 Art. 4 Piani di risanamento delle imprese 5 TITOLO II 6 ATTIVITA A CARATTERE PERMANENTE

Dettagli

COMUNE DI LIVORNO REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE E MODALITÀ DI RILASCIO DELLE DEROGHE AL LIMITE DI ZONA

COMUNE DI LIVORNO REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE E MODALITÀ DI RILASCIO DELLE DEROGHE AL LIMITE DI ZONA COMUNE DI LIVORNO REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE E MODALITÀ DI RILASCIO DELLE DEROGHE AL LIMITE DI ZONA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 104 del 19 settembre 2013 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROTEZIONE DALL ESPOSIZIONE AL RUMORE DEGLI AMBIENTI ABITATIVI E DELL AMBIENTE ESTERNO

REGOLAMENTO PER LA PROTEZIONE DALL ESPOSIZIONE AL RUMORE DEGLI AMBIENTI ABITATIVI E DELL AMBIENTE ESTERNO COMUNE DI CASTELNUOVO RANGONE PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO PER LA PROTEZIONE DALL ESPOSIZIONE AL RUMORE DEGLI AMBIENTI ABITATIVI E DELL AMBIENTE ESTERNO 1 TITOLO I GENERALITÀ... 3 Art. 1 Ambito di applicazione...

Dettagli

Regolamento comunale in materia di inquinamento acustico

Regolamento comunale in materia di inquinamento acustico COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE Regolamento comunale in materia di inquinamento acustico Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Cue di Civitea Afedea. Pia di Cassificaie Acustica

Cue di Civitea Afedea. Pia di Cassificaie Acustica Cue di Civitea Afedea Pia di Cassificaie Acustica Regae t per e attivit tepra ee Elaborato Tecnico Competente in Acustica Collaboratori Revisie Data Ing. Vincenzo Battistini Dott. Alessandro Piazzi Ing.

Dettagli

REGOLAMENTI PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTI PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTI PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA RUMOROSE RESPONSABILE UFFICIO RUMORE ARPAV VERONA TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA CONSULENTE TECNICO D UFFICIO - TRIBUNALE DI VERONA DONZELLINI MASSIMO - UOFA

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO DERIVANTE DALLE ATTIVITÀ RUMOROSE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 17 del 25/03/2014.

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia SETTORE TUTELA QUALITÀ DELL'ARIA, PREVENZIONE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO E FISICA AMBIENTALE LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELL

Dettagli

COMUNE DI GENZANO PIANO COMUNALE DI ZONIZZAZIONE ACUSTICA. Provincia di Roma

COMUNE DI GENZANO PIANO COMUNALE DI ZONIZZAZIONE ACUSTICA. Provincia di Roma COMUNE DI GENZANO Provincia di Roma PIANO COMUNALE DI ZONIZZAZIONE ACUSTICA REGOLAMENTO DEL RUMORE L.R. Lazio n. 18/2001 art. 5 lett. d Delibera Consiglio Comunale n. 33 del 27 maggio 2004 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Comune di Castelfranco di Sotto. Regolamento Comunale per la disciplina delle attività temporanee di somministrazione di alimenti e bevande

Comune di Castelfranco di Sotto. Regolamento Comunale per la disciplina delle attività temporanee di somministrazione di alimenti e bevande Allegato A Comune di Castelfranco di Sotto Regolamento Comunale per la disciplina delle attività temporanee di somministrazione di alimenti e bevande Approvato con Deliberazione del Consiglio comunale

Dettagli

COMUNE DI MONTEROTONDO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA RUMOROSE

COMUNE DI MONTEROTONDO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA RUMOROSE COMUNE DI MONTEROTONDO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA RUMOROSE (ai sensi e per gli effetti della Legge n. 447/1995 e della L.R. n. 18/2001) (Approvato con Deliberazione

Dettagli

Comune di Ostellato Provincia di Ferrara. Regolamento per la protezione dall esposizione al rumore degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno

Comune di Ostellato Provincia di Ferrara. Regolamento per la protezione dall esposizione al rumore degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno Comune di Ostellato Provincia di Ferrara Regolamento per la protezione dall esposizione al rumore degli ambienti abitativi e dell ambiente esterno TITOLO I - GENERALITA...3 Art. 1 - Ambito di applicazione...3

Dettagli

Regolamento attività rumorose

Regolamento attività rumorose COMUNE DI MARTINSICURO Regolamento attività rumorose TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Campo di applicazione Il presente regolamento disciplina le competenze comunali in materia di inquinamento acustico

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE nell ambiente esterno STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce

Dettagli

Acustica Architettonica e Ambientale Campi Elettromagnetici, Radon e Radioprotezione, Sicurezza, V.I.A

Acustica Architettonica e Ambientale Campi Elettromagnetici, Radon e Radioprotezione, Sicurezza, V.I.A Acustica Architettonica e Ambientale Campi Elettromagnetici, Radon e Radioprotezione, Sicurezza, V.I.A Via Amendola 26, 57023 Cecina (LI) Tel e Fax 0586/630474, Cell. 347/73045 e-mail: ipernucleo@interfree.it;

Dettagli

DENUNCIA L INIZIO DELL ATTITA Ai sensi dell art.19 della Legge n 241/90

DENUNCIA L INIZIO DELL ATTITA Ai sensi dell art.19 della Legge n 241/90 AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI Oggetto: Denuncia di Manifestazione occasionale di pubblico spettacolo / somministrazione temporanea di alimenti e bevande in occasione di festa, fiera, sagra, altra manifestazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI INQUINAMENTO ACUSTICO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI INQUINAMENTO ACUSTICO COMUNE DI FOLGARIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI INQUINAMENTO ACUSTICO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 5 DI DATA 31 GENNAIO 2005 IL PRESIDENTE sig. Fabio

Dettagli

Comune di Trevignano Romano

Comune di Trevignano Romano Comune di Trevignano Romano (Prov. di Roma) REGOLAMENTO IN MATERIA DI FUNZIONAMENTO E RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER SALE GIOCHI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 51 del 13.10.2009 INDICE

Dettagli

Comune di MEDICINA. Provincia di BOLOGNA

Comune di MEDICINA. Provincia di BOLOGNA Comune di MEDICINA Provincia di BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER PARTICOLARI ATTIVITA RUMOROSE A CARATTERE TEMPORANEO DI CUI ALL ART. 11, COMMA 1 DELLA L.R. 9/5/2001

Dettagli

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO

VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO VALUTAZIONE PREVISIONALE DI IMPATTO ACUSTICO EVENTO TEMPORANEO n. 22 Festa Paesana con musica Località Tre Gobbi (Gavello) Via Valli, 360 Città di Mirandola COMUNE DI MIRANDOLA Provincia di Modena 1. Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO delle ATTIVITA RUMOROSE e delle ATTIVITA TEMPORANEE

REGOLAMENTO delle ATTIVITA RUMOROSE e delle ATTIVITA TEMPORANEE COMUNE DI SIZIANO REGOLAMENTO delle ATTIVITA RUMOROSE e delle ATTIVITA TEMPORANEE in recepimento delle osservazioni Arpa Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 41 del 24 novembre 2005 Sommario

Dettagli

Regolamento comunale per la disciplina delle attività rumorose temporanee

Regolamento comunale per la disciplina delle attività rumorose temporanee Regolamento comunale per la disciplina delle attività rumorose temporanee TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento 1. La Classificazione acustica del territorio comunale è lo strumento

Dettagli

Il sottoscritto. in qualità di: legale rapp.te titolare altro (specif.) sede legale DICHIARA

Il sottoscritto. in qualità di: legale rapp.te titolare altro (specif.) sede legale DICHIARA 1 Richiesta di permesso di costruire o D.I.A. (escluse pratiche da presentare a S.U.A.P.) Richiesta di licenza o autorizzazione all esercizio di attività produttive (escluse pratiche da presentare a S.U.A.P.)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ALLESTIMENTO E L ESERCIZIO DI CANTIERI EDILI

REGOLAMENTO PER L ALLESTIMENTO E L ESERCIZIO DI CANTIERI EDILI REGOLAMENTO PER L ALLESTIMENTO E L ESERCIZIO DI CANTIERI EDILI Approvato con deliberazione CC n. 25 del 19.04.2000 Modificato con deliberazione CC n. 20 del 5/04/2001 Modificato con deliberazione CC n.

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI Settore Pianificazione Territoriale e Edilizia

COMUNE DI CAPANNORI Settore Pianificazione Territoriale e Edilizia COMUNE DI CAPANNORI Settore Pianificazione Territoriale e Edilizia REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE Adottata con Del. di C.C. N 79 del 25/11/2003

Dettagli

PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI CARRARA PROVINCIA DI MASSA CARRARA PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE (Legge 447/95 D.P.C.M. 14/11/1997 LR n. 89/98 DCR 77/00 LR n.67/04) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA

Dettagli

Zonizzazione Acustica Comune di SEREGNO

Zonizzazione Acustica Comune di SEREGNO Zonizzazione Acustica Comune di SEREGNO - Norme tecniche di attuazione - INDICE Premessa Pg. 2 Competenze del Comune.. Pg. 2 D.P.C.M. 14-11-97 Pg. 3 Classificazione acustica del territorio comunale Pg.

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA SERVIZIO AMBIENTE PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n.

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n. COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DEI CIRCHI EQUESTRI, DEI PARCHI DI DIVERTIMENTO E DEGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI (Legge 18 marzo 1968, n. 337) Approvato

Dettagli

COMUNE DI FUIPIANO VALLE IMAGNA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO

COMUNE DI FUIPIANO VALLE IMAGNA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO INDICE ART. 1 FINALITÀ 4 ART. 2 DEFINIZIONI 5 ART. 3 CLASSI DI DESTINAZIONE D USO DEL TERRITORIO 8 ART. 4 VALORI LIMITE

Dettagli

INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO II ATTIVITA DI CARATTERE PERMANENTE TITOLOIII ATTIVITA TEMPORANEE

INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO II ATTIVITA DI CARATTERE PERMANENTE TITOLOIII ATTIVITA TEMPORANEE COMUNE DI PONTASSIEVE Provincia di Firenze REGOLAMENTO ATTIVITA RUMOROSE INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1. Campo di applicazione... 4 Articolo 2. Limiti e definizioni..4 Articolo 3. Piani

Dettagli

Comune di Cavaion Veronese

Comune di Cavaion Veronese Comune di Cavaion Veronese PIANO DI ZONIZZAZIONE ACUSTICA REGOLAMENTO ATTUATIVO Approvato con Deliberazione del C.C. 4 del 02.01.2003 SOMMARIO TITOLO I GENERALITÀ Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO ACUSTICO

REGOLAMENTO ACUSTICO COMUNE DI CABRAS Provincia di Oristano Piano di classificazione acustica del territorio comunale Legge 26 ottobre 1995, n 447 (Legge quadro sull'inquinamento acustico, art. 6 Competenze dei comuni) Regione

Dettagli

persone mentre l art. 844 del codice civile regola, tra le altre, le immissioni rumorose nel fondo

persone mentre l art. 844 del codice civile regola, tra le altre, le immissioni rumorose nel fondo NORMATIVA IN MATERIA DI INQUINAMENTO ACUSTICO Introduzione La materia relativa all inquinamento acustico trova copertura normativa in diversi ambiti del diritto. L art. 659 del codice penale sanziona,

Dettagli

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE SUL CONTROLLO, CONTENIMENTO E ABBATTIMENTO DELL INQUINAMENTO ACUSTICO

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE SUL CONTROLLO, CONTENIMENTO E ABBATTIMENTO DELL INQUINAMENTO ACUSTICO COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE SUL CONTROLLO, CONTENIMENTO E ABBATTIMENTO DELL INQUINAMENTO ACUSTICO ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ approvato con Delibera di Consiglio n. 63 del

Dettagli

COMUNE DI MASSAROSA PROVINCIA DI LUCCA

COMUNE DI MASSAROSA PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI MASSAROSA PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE Settore Urbanistica, Edilizia e Sviluppo Economico Dirigente: arch. Simone

Dettagli

DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione di G.M. n. 122 dell 1/6/2012 INDICE GENERALE CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Definizioni Art. 2 Ambito

Dettagli

Manifestazioni, trattenimenti, sicurezza a 360

Manifestazioni, trattenimenti, sicurezza a 360 spettacoli: sicurezza a 360 Adempimenti in tema di Rumore 11 giugno 2014 SOC Settore Tecnico Scientifico ARPA FVG Palmanova - Italy Piani Luca 1 TEMI TRATTATI NORMATIVA DI RIFERIMENTO ENTI COINVOLTI E

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

Relazione Tecnica di Previsione di Impatto Acustico Ambientale secondo

Relazione Tecnica di Previsione di Impatto Acustico Ambientale secondo Relazione Tecnica di Previsione di Impatto Acustico Ambientale Oggetto: Committente: Previsione di Impatto Acustico Ambientale secondo nuovo progetto di variante anno 2012 Consorzio Via I. Eolie Via Fabio

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APERTURA E L ESERCIZIO DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI O CONGEGNI DA TRATTENIMENTO Approvato con delibera consiliare n. 4 del

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PONTOGLIO PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PONTOGLIO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE EMISSIONI SONORE NELL'AMBIENTE PRODOTTE DA ATTIVITÀ RUMOROSE TEMPORANEE PREMESSA Una società moderna ha bisogno di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE EMISSIONI RUMOROSE IN DEROGA AI LIMITI ACUSTICI VIGENTI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE EMISSIONI RUMOROSE IN DEROGA AI LIMITI ACUSTICI VIGENTI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE EMISSIONI RUMOROSE IN DEROGA AI LIMITI ACUSTICI VIGENTI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 2 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 TITOLO II EMISSIONI SONORE PRODOTTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA SOSTA DI CIRCHI, LUNA PARK E SPETTACOLI VIAGGIANTI IN GENERE SUL

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA SOSTA DI CIRCHI, LUNA PARK E SPETTACOLI VIAGGIANTI IN GENERE SUL REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA SOSTA DI CIRCHI, LUNA PARK E SPETTACOLI VIAGGIANTI IN GENERE SUL TERRITORIO COMUNALE. Approvato con deliberazione di C.C. n. 66 del 30.11.1999. Comune di Cusano Milanino

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO (approvato con delibera Consiglio Comunale n. 50/2008 del 23/12/2008 Visto l'art. 117 c. VI della

Dettagli

Comune di Thiene CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E NORME PROCEDURALI

Comune di Thiene CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E NORME PROCEDURALI Comune di Thiene CRITERI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E NORME PROCEDURALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 43, del 13/12/2012 Articolo 1 Obiettivi

Dettagli

ORDINANZA N. 72 del 13/07/2012 OGGETTO. Disciplina dell attività di diffusione della musica nei pubblici esercizi e degli orari di chiusura IL SINDACO

ORDINANZA N. 72 del 13/07/2012 OGGETTO. Disciplina dell attività di diffusione della musica nei pubblici esercizi e degli orari di chiusura IL SINDACO ORDINANZA N. 72 del 13/07/2012 OGGETTO Disciplina dell attività di diffusione della musica nei pubblici esercizi e degli orari di chiusura IL SINDACO PREMESSO che si ritiene opportuno adottare apposito

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI FOLLO:

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI FOLLO: REGIONE LIGURIA - PROVINCIA di LA SPEZIA COMUNE di FOLLO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI FOLLO: Aggiornamento, integrazione e modifiche alla zonizzazione acustica REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Legge Regionale 26 luglio 2003, n. 14 Disciplina dell esercizio delle attività di somministrazione

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI CISLIANO L 447/1995, Art. 6 LR 13/2001, Art. 2 DGR VII/9776 12.07.2002 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE COMPETENZE COMUNALI IN MATERIA DI INQUINAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI OCCASIONALI DI PUBBLICO SPETTACOLO O TRATTENIMENTO ALL APERTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI OCCASIONALI DI PUBBLICO SPETTACOLO O TRATTENIMENTO ALL APERTO COMUNE DI MONTE SAN SAVINO Corso Sangallo 38 52048 Monte San Savino Telefono: 0575 8177220 Fax: 0575 843076 Web: www.citymonte.it E-mail: commercio@citymonte.it C.F. e P.I. 00272160516 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI BERGEGGI Provincia di Savona

COMUNE DI BERGEGGI Provincia di Savona COMUNE DI BERGEGGI Provincia di Savona REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE TEMPORANEE Capo I Disposizioni generali Articolo 1 - Campo di applicazione e classificazione acustica. 1. Il presente regolamento

Dettagli

PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNE DI BELLUNO PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO NORME ATTUATIVE Testo approvato dal Consiglio Comunale del 22.03.2007 Elaborazione: arch. DOCCI GLICERIO Norme Attuative 1 INDICE TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO ACUSTICO COMUNALE

REGOLAMENTO ACUSTICO COMUNALE Il Legale Rappresentante: BRONE Dott. Antonio INDICE ARGOMENTO PAG. PREMESSA 1 GENERALITA 1-8 TITOLO I: Disposizioni per attività rumorose permanenti 9-10 TITOLO II: Disposizioni per attività rumorose

Dettagli

Segnalazione Certificata Inizio Attività Svolgimento Manifestazione Temporanea

Segnalazione Certificata Inizio Attività Svolgimento Manifestazione Temporanea Segnalazione Certificata Inizio Attività Svolgimento Manifestazione Temporanea Il riscontro diretto dell ufficio Protocollo del Comune di Mondragone, attestato da timbro datario di avvenuto ricevimento

Dettagli

Comune di Borgio Verezzi Provincia di Savona

Comune di Borgio Verezzi Provincia di Savona Allegato A alla deliberazione C.C. n. 22 in data 14.6.2011. Comune di Borgio Verezzi Provincia di Savona REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI SAGRE GASTRONOMICHE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. per l'apertura e la gestione di sale giochi. Delibera del Consiglio Comunale n. 79 del 26 novembre 2007

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. per l'apertura e la gestione di sale giochi. Delibera del Consiglio Comunale n. 79 del 26 novembre 2007 Comune di Follonica per l'apertura e la gestione di sale giochi Delibera del Consiglio Comunale n. 79 del 26 novembre 2007 REGOLAMENTO INDICE SOMMARIO Articolo 1 Definizioni 1 Articolo 2 Ambito di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO ACUSTICO COMUNALE

REGOLAMENTO ACUSTICO COMUNALE TESTO APPROVATO ED AGGIORNATO CON LE MODIFICHE INTRODOTTE DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 23/07/2014 DELIBERA N 35. 1 INDICE 1. ASPETTI GENERALI 5 1.1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO ACUSTICO 5 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI INQUINAMENTO ACUSTICO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI INQUINAMENTO ACUSTICO COMUNE di SCHIO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO IN MATERIA DI INQUINAMENTO ACUSTICO (Legge 447/95, art. 6) Approvato con Deliberazione Consiliare n. 158 del 10 dicembre 2007 e modificato con Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009)

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...4 Art. 1 - CAMPO

Dettagli

COMUNE DI SPOTORNO (Provincia di Savona) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LIMITAZIONE DELLE EMISSIONI SONORE NELL'AMBIENTE PRODOTTE DA ATTIVITÀ TEMPORANEE

COMUNE DI SPOTORNO (Provincia di Savona) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LIMITAZIONE DELLE EMISSIONI SONORE NELL'AMBIENTE PRODOTTE DA ATTIVITÀ TEMPORANEE COMUNE DI SPOTORNO (Provincia di Savona) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LIMITAZIONE DELLE EMISSIONI SONORE NELL'AMBIENTE PRODOTTE DA ATTIVITÀ TEMPORANEE Edizione 4^ deliberazione C.C. n. 49 del 28.05.2010

Dettagli