Il whistleblowing nel Comune di Venezia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il whistleblowing nel Comune di Venezia"

Transcript

1 Il whistleblowing nel Comune di Venezia Tutela del dipendente che segnala illeciti Milano, 15 luglio 2015 Dott. Franco Nicastro

2 LE BOCCHE DI LEONE Il whistleblowing lo hanno inventato i veneziani

3 IL CONTESTO Comune di Venezia: abitanti e circa 3500 dipendenti; Enti diritto privato controllati e partecipati: circa 6500 dipendenti; Società ICT in house: Venis SpA.

4 LE FONTI NORMATIVE Legge n. 190/2012; D.lgs. n. 165/2001; Piano Nazionale Anticorruzione; Determinazione ANAC n. 6 del 28/04/2015 Deliberazione del Commissario Straordinario (con i poteri della Giunta Comunale) del Comune di Venezia, n. 226 del 26/05/2015

5 COSA HA FATTO IL? Delibera del Commissario Straordinario n. 226 del : ha disciplinato le forme di tutela e protezione in capo ai propri dipendenti comunali che decidono di segnalare illeciti; ha approvato apposita disciplina organizzativa, procedurale e tecnologica delle segnalazioni.

6 COSA HA FATTO IL? Obiettivi della disciplina: rimuovere i fattori che possono ostacolare o disincentivare il ricorso all'istituto; evitare che il dipendente ometta di segnalare condotte illecite per il timore di subire conseguenze pregiudizievoli; garantire la massima riservatezza e la completa protezione del whistleblower.

7 Come vengono gestite le segnalazioni? La gestione delle segnalazioni avviene sotto: una dimensione organizzativa-amministrativa: attività di tutela della riservatezza del segnalante e di mera gestione amministrativa della segnalazione; una dimensione tecnologica-informatica: sistema applicativo delle segnalazioni che garantisce, tra l altro, la tutela della riservatezza e la gestione procedimentale.

8 La gestione organizzativa- amministrativa Ruolo chiave del Responsabile di prevenzione della corruzione, il quale: riceve, verifica la fondatezza e gestisce le segnalazioni, anche attraverso un gruppo di lavoro dedicato a gestire le segnalazioni; richiede chiarimenti al segnalante e/o a eventuali altri soggetti coinvolti nella segnalazione con l adozione delle necessarie cautele; può archiviare la segnalazione in caso di manifesta infondatezza della stessa;

9 La gestione organizzativa- amministrativa Ruolo chiave del Responsabile di prevenzione della corruzione, il quale: se la segnalazione risulta fondata, valuta a chi inoltrare la segnalazione, in relazione ai profili di illiceità riscontrati, tra i seguenti soggetti: Direzione a cui è ascrivibile il fatto, Ufficio procedimenti disciplinari, Autorità giudiziaria, Corte dei Conti, Dipartimento della Funzione Pubblica; pubblica, in Amministrazione Trasparente, un documento di sintesi del numero di segnalazioni ricevute e del loro stato di avanzamento.

10 Il gruppo dei referenti Il Responsabile di prevenzione della corruzione, per la gestione delle segnalazioni, può avvalersi di altri soggetti tra i componenti del gruppo dei referenti di ogni area a rischio, del vigente PTPC, ai quali trasmetterà la segnalazione, nella sola parte relativa alla descrizione del fatto. Essi sono soggetti agli stessi vincoli di riservatezza ed alle stesse responsabilità del RPC.

11 I soggetti che possono fare le segnalazioni Le segnalazioni di fatti illeciti possono essere effettuate dai: dipendenti comunali; dipendenti delle istituzioni comunali; consulenti e collaboratori del Comune che hanno accesso alla intranet comunale o, tramite, altro strumento (chiamata telefonica).

12 I soggetti che possono fare le segnalazioni E i dipendenti degli enti di diritto privato controllati e partecipati dal Comune di Venezia? Anche in assenza di una specifica normativa, il Comune di Venezia sta promuovendo l adozione di misure di protezione analoghe a quelle per i propri dipendenti comunali da parte dei propri enti controllati, vigilati, finanziati e partecipati. L'obiettivo è quello di creare un sistema unico e integrato di whistleblowing.

13 La necessaria identificazione del segnalante Il dipendente comunale segnalante è obbligato a identificarsi al fine di ottenere le forme di tutela e di protezione connesse alla segnalazione stessa.

14 L'identificazione del segnalante avviene tramite l'accesso alla intranet comunale Altana

15 Cosa è possibile segnalare? Si possono segnalare non solo i reati contro la P.A., ma tutte quelle situazioni in cui si riscontri l abuso di un soggetto del potere a lui affidato al fine di ottenere vantaggi privati, nelle quali si evidenzi un mal funzionamento dell Amministrazione a causa dell uso a fini privati delle funzioni attribuite.

16 Fatti illeciti che si possono verificare nel Comune di Venezia E necessario che le condotte illecite segnalate siano state apprese in ragione o a causa del rapporto di lavoro: si deve trattare di fatti accaduti all interno del Comune di Venezia.

17 La segnalazione: oggetto, requisiti e contenuto La segnalazione deve essere: fatta in buona fede e non deve essere fondata su meri sospetti o voci; il più possibile circostanziata e offrire il maggior numero di elementi per consentire al RPC di effettuare le dovute verifiche ed attività istruttorie. Non è necessario che il dipendente sia certo dell effettivo avvenimento dei fatti denunciati e dell autore degli stessi: è sufficiente che egli ritenga altamente probabile l essersi verificato di un fatto illecito.

18 La segnalazione: oggetto, requisiti e contenuto Il dipendente deve fornire tutti gli elementi utili a consentire l avvio dell istruttoria procedimentale di accertamento e di riscontro della fondatezza della condotta illecita oggetto della segnalazione. Sono indispensabili alcune informazioni, quali, ad esempio: Dati identificativi del segnalante, la qualifica, il ruolo, la Direzione di appartenenza, la data o il periodo del fatto, descrizione del fatto.

19 Se il fatto illecito riguarda il Responsabile della prevenzione della corruzione, il Responsabile dell Ufficio procedimenti disciplinari un componente del gruppo di lavoro dedicato al whistleblowing di supporto del RPC il dipendente comunale potrà inviare la propria segnalazione direttamente all ANAC.

20 Il procedimento di gestione delle segnalazioni. Le fasi: Il dipendente si accredita sulla intranet comunale, Altana, nel quale è sviluppato l'applicativo informatico; Il segnalante invia la segnalazione compilando apposito modello all'interno dell'applicativo e riceve un codice sostitutivo dei suoi dati anagrafici, utile per tutti i futuri accessi (separazione dei dati anagrafici da quelle del contesto della segnalazione); La segnalazione arriva direttamente al RPC: riceverà una comunicazione via mail di avvenuta presentazione di una segnalazione, con il codice identificativo della stessa (senza ulteriori elementi di dettaglio);

21 Il procedimento di gestione delle segnalazioni. Le fasi: Verrà inviata al RPC, via SMS, una password per la consultazione della segnalazione, che sarà visibile, previo inserimento della password e del codice identificativo. Il codice identificativo e la password non vengono in alcun modo comunicate contestualmente all'interno dello stesso messaggio o SMS; Il RPC, anche in collaborazione con la struttura interna o di un componente del gruppo di lavoro, prende in carico la segnalazione per l'istruttoria, accedendo al sistema tramite apposito codice sostitutivo;

22 Il procedimento di gestione delle segnalazioni. Le fasi: Il RPC può decidere, in caso di evidente e manifesta infondatezza, di archiviare la segnalazione, oppure, valuta a chi inoltrare e far gestire la segnalazione; Il segnalante può monitorare lo stato di avanzamento del procedimento, accedendo al sistema di gestione ed utilizzando il codice identificativo ricevuto; Il RPC comunica al segnalante, tramite l'applicativo informatico, entro il termine di conclusione (90 giorni) del procedimento, le risultanze dell'istruttoria e gli eventuali atti ed attività intraprese in merito alla segnalazione.

23 Modalità alternativa al sistema di gestione tecnologico Il personale non dipendente del Comune di Venezia (collaboratori di imprese fornitrici di beni o servizi o che realizzano opere a favore del Comune), possono ricorrere a: Apposita procedura attivata da ANAC; Accesso al sistema tramite chiamata telefonica; Effettuare la segnalazione in modalità cartacea, mediante doppia busta chiusa.

24 Il sistema informatico delle segnalazioni Consente: la corretta identificazione del segnalante; la separazione dei dati identificativi del segnalante dal contesto della segnalazione, prevedendo l adozione di codici sostitutivi dei dati identificativi, in modo che la segnalazione possa essere processata in modalità anonima e rendere possibile la successiva ricostruzione dell identità del segnalante nei soli casi consentiti;

25 Il sistema informatico delle segnalazioni Consente: la tutela della riservatezza dell identità del segnalante, del contenuto della segnalazione e di eventuali soggetti segnalati e coinvolti; la gestione delle segnalazioni in modo trasparente attraverso un iter procedurale definito con termini certi per l avvio e la conclusione dell istruttoria; che le comunicazioni tra il RPC e il segnalante (identificato con il codice sostituivo) avvengano solo attraverso l applicativo tecnologico-informatico.

26 L'azione di sensibilizzazione Piano di Formazione del Comune di Venezia: un articolato e completo programma di formazione di tutti i 3500 dipendenti, già a partire dal prossimo mese di settembre. La formazione continuerà per tutto il 2016 e riguarderà, anche i dipendenti degli enti di diritto privato sui quali il Comune di Venezia esercita un controllo, per un totale di circa dipendenti. Creazione apposita sezione documentale-informativa e di discussione sul tema del whistleblowing all'interno della intranet comunale.

27 Grazie a tutti per la cortese attenzione Dott.Franco Nicastro Comune di Venezia Direzione Affari Generali e Supporto Organi Settore Affari Generali e Trasparenza Tel cell:

INDICE 1 PREMESSA Garanzia di riservatezza L'applicazione software per la gestione delle segnalazioni...2

INDICE 1 PREMESSA Garanzia di riservatezza L'applicazione software per la gestione delle segnalazioni...2 Progetto: Whistleblowing Modello gestionale informatizzato per la segnalazione di illeciti Cliente interno: Venis - Direzione Generale Realizzazione a cura di: U.O. INDICE 1 PREMESSA...2 2 Garanzia di

Dettagli

1. PROCEDURA DI SEGNALAZIONE WHISTLEACTA

1. PROCEDURA DI SEGNALAZIONE WHISTLEACTA GUIDA OPERATIVA SEGNALANTE WHISTLEBLOWER da piattaforma ACCESSOPA SEGNALAZIONE ILLECITI NELLA P.A. Ver. 4 1. PROCEDURA DI SEGNALAZIONE WHISTLEACTA Il segnalante accede all'applicativo web in modalità anonima

Dettagli

Segnalazioni ai sensi dell art. 54-bis del D. Lgs. n. n. 165/2001 Atto organizzativo.

Segnalazioni ai sensi dell art. 54-bis del D. Lgs. n. n. 165/2001 Atto organizzativo. Segnalazioni ai sensi dell art. 54-bis del D. Lgs. n. n. 165/2001 Atto organizzativo. Approvato con Disposizione Segretario Generale n. 4 del 07.10.2015 L art. 54-bis del D. Lgs. n. n. 165/2001, come introdotto

Dettagli

ATTO ORGANIZZATIVO TUTELA DEL DIPENDENTE CHE SEGNALA ILLECITI (c.d. whistleblower) Anno 2015

ATTO ORGANIZZATIVO TUTELA DEL DIPENDENTE CHE SEGNALA ILLECITI (c.d. whistleblower) Anno 2015 Ufficio del Segretario Generale Premesso: ATTO ORGANIZZATIVO TUTELA DEL DIPENDENTE CHE SEGNALA ILLECITI (c.d. whistleblower) Anno 2015 IL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE ALLA CORRUZIONE che l art. 1, comma

Dettagli

Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower)

Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) giunta regionale 10^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 576 del 05 maggio 2016 pag. 1/7 Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) ai sensi dell articolo 54-bis del D.Lgs.

Dettagli

d iniziativa dei deputati BUSINAROLO, AGOSTINELLI, FERRARESI e SARTI (V. Stampato Camera n. 3365)

d iniziativa dei deputati BUSINAROLO, AGOSTINELLI, FERRARESI e SARTI (V. Stampato Camera n. 3365) Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2208 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei deputati BUSINAROLO, AGOSTINELLI, FERRARESI e SARTI (V. Stampato Camera n. 3365) approvato dalla Camera dei deputati il

Dettagli

GUIDA OPERATIVA SERVIZIO WEB WHISTLEACTA SEGNALAZIONE ILLECITI NELLA P.A. WHISTLEBLOWING ver. 3.0

GUIDA OPERATIVA SERVIZIO WEB WHISTLEACTA SEGNALAZIONE ILLECITI NELLA P.A. WHISTLEBLOWING ver. 3.0 GUIDA OPERATIVA SERVIZIO WEB WHISTLEACTA SEGNALAZIONE ILLECITI NELLA P.A. WHISTLEBLOWING ver. 3.0 Sommario 1. NORMATIVA... 2 2. SERVIZIO DI SEGNALAZIONE WHISTLEACTA... 2 3. PROCEDURA DI SEGNALAZIONE WHISTLEACTA...

Dettagli

REGOLAMENTO SEGNALAZIONE ILLECITI (WISTLEBLOWING)

REGOLAMENTO SEGNALAZIONE ILLECITI (WISTLEBLOWING) REGOLAMENTO SEGNALAZIONE ILLECITI (WISTLEBLOWING) Il Responsabile della prevenzione della corruzione Firma 1 INDICE 1. Contesto normativo... 3 2. Scopo del documento... 3 3. Destinatari del documento...

Dettagli

ATTO ORGANIZZATIVO PER LA TUTELA DEL DIPENDENTE CHE SEGNALA ILLECITI (c.d. whistleblower)

ATTO ORGANIZZATIVO PER LA TUTELA DEL DIPENDENTE CHE SEGNALA ILLECITI (c.d. whistleblower) Allegato 6) al PTPC ATTO ORGANIZZATIVO PER LA TUTELA DEL DIPENDENTE CHE SEGNALA ILLECITI (c.d. whistleblower) IL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE ALLA CORRUZIONE PREMESSO: - che l art. 1, comma 51, della

Dettagli

Azienda Sanitaria Provinciale di Siracusa Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità

Azienda Sanitaria Provinciale di Siracusa Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità Azienda Sanitaria Provinciale di Siracusa Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. Fonte normativa e natura dell istituto L art. 1, comma 51, della L. 190/2012 ha inserito nell ambito

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ WHISTLEBLOWING

REGOLAMENTO PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ WHISTLEBLOWING REGOLAMENTO PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ WHISTLEBLOWING 1. PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di segnalazione degli illeciti nell ambito delle attività di prevenzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI ED IRREGOLARITA'

REGOLAMENTO PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI ED IRREGOLARITA' REGOLAMENTO PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI ED IRREGOLARITA' ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina le modalità adottate dall' ASST GARDA nella gestione delle segnalazioni relative

Dettagli

(WHISTLEBLOWING POLICY)

(WHISTLEBLOWING POLICY) Azienda Ospedaliero Universitaria OSPEDALI RIUNITI DI ANCONA Via Conca 71 Torrette, Ancona REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (WHISTLEBLOWING POLICY) INDICE PREMESSA

Dettagli

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITA (WHISTLEBLOWING POLICY)

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITA (WHISTLEBLOWING POLICY) 1 Comune di Casatenovo PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITA (WHISTLEBLOWING POLICY) 2 1. CONTESTO NORMATIVO L articolo 1, comma 51, della Legge 190/2012 Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Procedura per la segnalazione di condotte illecite

Procedura per la segnalazione di condotte illecite Procedura per la segnalazione di condotte illecite La procedura, è stata adottata in data 25 luglio 2017 Pagina 1 PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI CONDOTTE ILLECITE 1. PREMESSA La normativa in materia

Dettagli

A.M.T. Catania S.p.A.

A.M.T. Catania S.p.A. A.M.T. Catania S.p.A. REGOLAMENTO SULLA PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DEGLI ILLECITI (WHISTLEBLOWING POLICY) Ai sensi dell art. 54-bis D. Lgs 165/2001 introdotto dall art.1, comma 51 L. n. 190/2012 1.

Dettagli

INDICAZIONI E MODELLO PER LA SEGNALAZIONE DI CONDOTTE ILLECITE (c.d. whistleblower)

INDICAZIONI E MODELLO PER LA SEGNALAZIONE DI CONDOTTE ILLECITE (c.d. whistleblower) 1 INDICAZIONI E MODELLO PER LA SEGNALAZIONE DI CONDOTTE ILLECITE (c.d. whistleblower) L'art. 1, comma 51, della legge 190/2012 ha introdotto un nuovo articolo nell'ambito del d.lgs. n. 165 del 2001, l'art.

Dettagli

SEGRETARIO GENERALE (980) DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N

SEGRETARIO GENERALE (980) DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N SEGRETARIO GENERALE (980) DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2016-980.0.0.-3 L'anno 2016 il giorno 21 del mese di Luglio il sottoscritto Mileti Pietro Paolo in qualita' di dirigente di Segretario Generale

Dettagli

Segnalazioni ai sensi dell'art. 54-bis del D.Lgs. n. 165/2001 PROCEDURA ORGANIZZATIVA

Segnalazioni ai sensi dell'art. 54-bis del D.Lgs. n. 165/2001 PROCEDURA ORGANIZZATIVA ALLEGATO B Modello 6 Segnalazioni ai sensi dell'art. 54-bis del D.Lgs. n. 165/2001 PROCEDURA ORGANIZZATIVA la Legge n. 190/2012, recante "Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione

Dettagli

COMUNE DI PARMA GIORNATA DELLA TRASPARENZA 23 APRILE Silvia Asteria Segretario Generale Responsabile Anticorruzione e Trasparenza

COMUNE DI PARMA GIORNATA DELLA TRASPARENZA 23 APRILE Silvia Asteria Segretario Generale Responsabile Anticorruzione e Trasparenza COMUNE DI PARMA GIORNATA DELLA TRASPARENZA 23 APRILE 2014 Silvia Asteria Segretario Generale Responsabile Anticorruzione e Trasparenza Il 28 novembre 2012 è entrata in vigore la legge n. 190, recante Disposizioni

Dettagli

... Segnalazioni anticorruzione

... Segnalazioni anticorruzione . COMUNE DI PALERMO.......... Segnalazioni anticorruzione NOTE OPERATIVE Il whistleblowing è l'istituto giuridico che attraverso una procedura di tutela del wistleblower impedisce le eventuali sanzioni

Dettagli

COMUNE DI ARENZANO CITTA METROPOLITANA DI GENOVA

COMUNE DI ARENZANO CITTA METROPOLITANA DI GENOVA SEGRETARIO GENERALE Prot. n. 0015398 Arenzano, 05/07/2017 Ai dipendenti del Comune di Arenzano E p.c. Al Sig. Sindaco Alla Giunta comunale Al Nucleo di valutazione Oggetto: Piano Triennale per la prevenzione

Dettagli

La tutela del segnalante. Art. 54 bis del d.lgs. 50 marzo 2001 n. 165

La tutela del segnalante. Art. 54 bis del d.lgs. 50 marzo 2001 n. 165 La tutela del segnalante Art. 54 bis del d.lgs. 50 marzo 2001 n. 165 1 principi generali in materia di obblighi o divieti di informazione In materia di responsabilità amministrativa degli enti il dlgs.

Dettagli

PROCEDURA PER LA TUTELA DEL DIPENDENTE CHE DENUNCIA O SEGNALA ILLECITI E IRREGOLARITA ( WHISTLEBLOWING )

PROCEDURA PER LA TUTELA DEL DIPENDENTE CHE DENUNCIA O SEGNALA ILLECITI E IRREGOLARITA ( WHISTLEBLOWING ) Procedura Sistema AntiCorruzione PAC001 PROCEDURA PER LA TUTELA DEL DIPENDENTE CHE DENUNCIA O SEGNALA ILLECITI E IRREGOLARITA ( WHISTLEBLOWING ) INDICE 1 PREMESSA 3 2 SCOPO DELLA PROCEDURA 4 3 OGGETTO

Dettagli

Procedura per la segnalazione di illeciti da parte dei dipendenti (C.D. WHISTLEBLOWING)

Procedura per la segnalazione di illeciti da parte dei dipendenti (C.D. WHISTLEBLOWING) COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE PROVINCIA DI MACERATA C.A.P. 62012 Codice Fiscale e Partita IVA n. 00262470438 Procedura per la segnalazione di illeciti da parte dei dipendenti (C.D. WHISTLEBLOWING) Integrazione

Dettagli

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD. Codice identificativo 884327

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD. Codice identificativo 884327 COMUNE DI PISA TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD N. atto DN-12 / 204 del 26/03/2013 Codice identificativo 884327 PROPONENTE Comunicazione - Serv. Informativi - Sp. Cittadino APPROVAZIONE DEGLI

Dettagli

Approvato con deliberazione n del 19 novembre 2015 DISCIPLINA DELLE MISURE PER LA TUTELA DEL DIPENDENTE CHE SEGNALA ILLECITI (WHISTLEBLOWER)

Approvato con deliberazione n del 19 novembre 2015 DISCIPLINA DELLE MISURE PER LA TUTELA DEL DIPENDENTE CHE SEGNALA ILLECITI (WHISTLEBLOWER) Approvato con deliberazione n. 1209 del 19 novembre 2015 DISCIPLINA DELLE MISURE PER LA TUTELA DEL DIPENDENTE CHE SEGNALA ILLECITI (WHISTLEBLOWER) 1. Premessa La legge 6 novembre 2012, n. 190 (Disposizioni

Dettagli

Oggetto: Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) - Circolare esplicativa

Oggetto: Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) - Circolare esplicativa Oggetto: Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) - Circolare esplicativa Con la presente circolare si intende fornire un approfondimento sulla Tutela del dipendente pubblico

Dettagli

Whistleblowing Note operative

Whistleblowing Note operative Whistleblowing Note operative Procedura per la tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti Indice 1. Legge n. 190/2012 2. Definizioni: Whistleblower Whistleblowing 3. Il Responsabile della prevenzione

Dettagli

Anticorruzione e Trasparenza

Anticorruzione e Trasparenza QUESTIONARIO RICOGNITIVO SU ENTI E SOCIETÀ DIPARTIMENTO: ENTE /SOCIETÀ: Anticorruzione e Trasparenza 1) E' stato nominato il Responsabile per la prevenzione della corruzione? In caso di risposta positiva

Dettagli

COMUNE DI MINEO PROVINCIA DI CATANIA

COMUNE DI MINEO PROVINCIA DI CATANIA Ufficio del Segretario Comunale Prot. n. 14057 del 02/11/2015 All Ufficio Personale Oggetto: Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità. Ai Responsabili di P.O. p.c. ai dipendenti per il

Dettagli

Cognome Presidente Organo d'indirizzo (solo se RPC è vacante) Data di nascita Presidente Organo d'indirizzo (solo se RPC è vacante)

Cognome Presidente Organo d'indirizzo (solo se RPC è vacante) Data di nascita Presidente Organo d'indirizzo (solo se RPC è vacante) Organo d'indirizzo (solo Il RPC svolge anche le se RPC manca, anche Codice fiscale Amministrazione Denominazione Amministrazione Nome RPC Cognome RPC Data di nascita RPC Qualifica RPC Data inizio incarico

Dettagli

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D. Lgs. 231/01

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D. Lgs. 231/01 PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D. Lgs. 231/01 Procedura di segnalazione all Organismo di Vigilanza Pagina 1 1 FINALITÀ 2 AMBITO DI APPLICAZIONE 3 RESPONSABILITÀ E DIFFUSIONE 4

Dettagli

La tutela del dipendente che segnala illeciti commessi nell amministrazione di appartenenza

La tutela del dipendente che segnala illeciti commessi nell amministrazione di appartenenza La tutela del dipendente che segnala illeciti commessi nell amministrazione di appartenenza La procedura di segnalazione presso l Amministrazione consiliare Riferimenti normativi e provvedimenti - Art.

Dettagli

SOCIETÀ CONSORTILE A R. L. LANGHE MONFERRATO ROERO

SOCIETÀ CONSORTILE A R. L. LANGHE MONFERRATO ROERO SOCIETÀ CONSORTILE A R. L. LANGHE MONFERRATO ROERO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2016-2017-2018 OTTOBRE 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice INTRODUZIONE...

Dettagli

Risposta (inserire "X" per le opzioni di risposta selezionate)

Risposta (inserire X per le opzioni di risposta selezionate) SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/01/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE La presente scheda è compilata dal RPC delle pubbliche amministrazioni relativamente

Dettagli

SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/12/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/12/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/12/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE La presente scheda è compilata dal RPC delle pubbliche amministrazioni relativamente

Dettagli

2. Delega indiretta per i soggetti ex lege 12/79 e per i soggetti iscritti agli organismi che hanno sottoscritto un accordo operativo con l Istituto

2. Delega indiretta per i soggetti ex lege 12/79 e per i soggetti iscritti agli organismi che hanno sottoscritto un accordo operativo con l Istituto All. 1 DELEGA Delega diretta per i lavoratori autonomi iscritti alle gestioni degli artigiani e commercianti Gli iscritti alle gestioni autonome degli artigiani e commercianti titolari dell obbligo contributivo

Dettagli

IL WHISTLEBLOWER (estratto art 7 del Codice di Comportamento dei Dipendenti ARIF)

IL WHISTLEBLOWER (estratto art 7 del Codice di Comportamento dei Dipendenti ARIF) IL WHISTLEBLOWER (estratto art 7 del Codice di Comportamento dei Dipendenti ARIF) Il whistleblower è colui che testimonia un illecito o un irregolarità sul luogo di lavoro, durante lo svolgimento delle

Dettagli

SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/01/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/01/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/01/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE La presente scheda è compilata dal RPC delle pubbliche amministrazioni relativamente

Dettagli

Il RPC svolge anche le funzioni di Responsabile della trasparenza: (Si/No) incarico di RPC

Il RPC svolge anche le funzioni di Responsabile della trasparenza: (Si/No) incarico di RPC Codice fiscale Amministrazione/Società/Ente Denominazione Amministrazione/ Società/Ente Nome RPC Cognome RPC Data di nascita RPC Qualifica RPC Data inizio incarico di RPC Il RPC svolge anche le funzioni

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ai sensi della L. 190/2012

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ai sensi della L. 190/2012 PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ai sensi della L. 190/2012 Allegato 3.3 del MOG 231/2001 APPROVATA DAL CDA DI ADB S.P.A. IN DATA 4 LUGLIO 2016 Sommario 1 Ricognizione della normativa Vigente... 3

Dettagli

SAN NICOLA ARCELLA (Provincia di Cosenza)

SAN NICOLA ARCELLA (Provincia di Cosenza) SAN NICOLA ARCELLA (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO sulla tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illecito (cd. whistleblower) (approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 41 del 22 dicembre

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E RATIO DELL'ISTITUTO L art. 1, comma 51, della Legge n.190/2012 (cd. Legge anticorruzione) ha inserito

Dettagli

IL SOSTITUTO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO

IL SOSTITUTO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 1 TRIESTINA TRIESTE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Decreto n 338 del 11/08/2015 OGGETTO Approvazione del Protocollo per la gestione delle segnalazioni di condotte

Dettagli

Appendice 1: Nota al paragrafo Tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illecito (c.d. whistleblower)

Appendice 1: Nota al paragrafo Tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illecito (c.d. whistleblower) Appendice 1: Nota al paragrafo Tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illecito (c.d. whistleblower) Si riporta di seguito il testo integrale dei paragrafi da B.12.1. a B.12.3. del Piano Nazionale

Dettagli

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELL ISTITUTO DELL ACCESSO CIVICO AI SENSI DELL ART. 5 DEL D. LGS N. 33/2013

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELL ISTITUTO DELL ACCESSO CIVICO AI SENSI DELL ART. 5 DEL D. LGS N. 33/2013 PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELL ISTITUTO DELL ACCESSO CIVICO AI SENSI DELL ART. 5 DEL D. LGS N. 33/2013 ART. 1 DEFINIZIONE DI ACCESSO CIVICO, AMBITO DI APPLICAZIONE E FINALITA L'accesso civico è il diritto

Dettagli

Principi di Comportamento con la P.A.

Principi di Comportamento con la P.A. Febbraio2013 Principi di Comportamento con la P.A. Uso Interno Pagina 31 di 121 PRINCIPI DI COMPORTAMENTO CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Il presente documento rappresenta le linee guida di comportamento

Dettagli

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità.

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Art. 1. Aventi diritto alle Credenziali-People 1. Per l accesso ai Servizi-People sviluppati nell ambito del Progetto-People, il Comune rilascia

Dettagli

Direzione Generale C.da Melissari - Feo di Vito Reggio Calabria Tel Fax

Direzione Generale C.da Melissari - Feo di Vito Reggio Calabria Tel Fax Regolamento per la tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illecito (whistleblower) PTPC (Piano Triennale Prevenzione della Corruzione 2015 2017). Premesse Con l emanazione della c.d. Legge

Dettagli

Piano di Prevenzione della Corruzione della Sispi S.p.A. ******** MOG Parte Speciale

Piano di Prevenzione della Corruzione della Sispi S.p.A. ******** MOG Parte Speciale Piano di Prevenzione della Corruzione della Sispi S.p.A. ******** MOG Parte Speciale 1 PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Il presente documento, che integra il Modello organizzativo e di Gestione MOG

Dettagli

SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA. (Modello 231/2001 vers. 2015) e etico

SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA. (Modello 231/2001 vers. 2015) e etico SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA (Modello 231/2001 vers. 2015) e etico Approvazione: Organo Amministrativo Data 20 novembre 2015 1. FINALITA La presente procedura ha lo scopo di istituire chiari

Dettagli

I SISTEMI DI SEGNALAZIONE (WHISTLEBLOWING)

I SISTEMI DI SEGNALAZIONE (WHISTLEBLOWING) STRUMENTI E BUONE PRATICHE PER CONTRASTARE LA CORRUZIONE NEL SETTORE SANITARIO I SISTEMI DI SEGNALAZIONE (WHISTLEBLOWING) Giorgio Fraschini San Vittore Olona, 25.03.2014 Strumenti di TI-Italia Strumenti

Dettagli

SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/01/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/01/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/01/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE La presente scheda è compilata dal RPC delle pubbliche amministrazioni relativamente

Dettagli

Verifica. della Relazione annuale 2016 del Responsabile per la prevenzione della corruzione

Verifica. della Relazione annuale 2016 del Responsabile per la prevenzione della corruzione PRÜFSTELLE ORGANISMO DI VALUTAZIONE Verifica della Relazione annuale 2016 del Responsabile per la prevenzione della corruzione ai sensi dell art. 1, comma 8-bis, della legge n. 190 del 6 novembre 2012

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE TAVOLA N. 1 Art. 1, commi 5 e 8, L. 190/2012 Amministrazioni pubbliche, di cui all art. 1, comma 2, del D. Lgs. 165/2001 Adozione del : Individuare aree

Dettagli

Risposta (inserire "X" per le opzioni di risposta selezionate)

Risposta (inserire X per le opzioni di risposta selezionate) SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/01/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE La presente scheda è compilata dal RPC delle pubbliche amministrazioni relativamente

Dettagli

Regolamento del Garante della Comunicazione

Regolamento del Garante della Comunicazione Regolamento del Garante della Comunicazione (art.19 della L.R.03/01/2005 N.1) Indice Art.1 Finalità Art.2 Funzioni del Garante della comunicazione Art.3 Istituzione e nomina Art.4 Forme e modalità di comunicazione

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI DI CONDOTTE ILLECITE O DI IRREGOLARITA ALL'INTERNO DI PIETRASANTA SVILUPPO.

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI DI CONDOTTE ILLECITE O DI IRREGOLARITA ALL'INTERNO DI PIETRASANTA SVILUPPO. PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI DI CONDOTTE ILLECITE O DI IRREGOLARITA ALL'INTERNO DI PIETRASANTA SVILUPPO. Premessa Capitolo I Procedure di segnalazione Art. 1. Soggetti e contenuti del sistema

Dettagli

SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/01/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/01/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/01/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE La presente scheda è compilata dal RPC delle pubbliche amministrazioni relativamente

Dettagli

PROVINCIA DI SONDRIO

PROVINCIA DI SONDRIO PROVINCIA DI SONDRIO PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE INTRODUZIONE Entro febbraio 2015 le pubbliche amministrazioni (PA)

Dettagli

COMUNE DI LIMBADI Provincia di Vibo Valentia PROPOSTA DI PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI LIMBADI Provincia di Vibo Valentia PROPOSTA DI PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROPOSTA DI PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014-2014 Articolo 1 TRASPARENZA E ACCESSIBILITA Sulla base delle prescrizioni dettate dalla legislazione più recente la trasparenza

Dettagli

Il RPC svolge anche le funzioni di Responsabile della trasparenza: (Si/No) Data inizio incarico di RPC

Il RPC svolge anche le funzioni di Responsabile della trasparenza: (Si/No) Data inizio incarico di RPC Codice fiscale Amministrazione Denominazione Amministrazione Nome RPC Cognome RPC Data di nascita RPC Qualifica RPC Data inizio incarico di RPC Il RPC svolge anche le funzioni di Responsabile della trasparenza:

Dettagli

IISS E. Bona. Copia controllata

IISS E. Bona. Copia controllata Pagina 1 di 6 Copia controllata 1. Scopo e Campo di Applicazione La presente procedura stabilisce le responsabilità e le modalità per l efficace gestione delle non conformità riscontrate durante la progettazione,

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 1 INDICE PREMESSA... 3 1. LE PRINCIPALI NOVITA... 4 2. PROCEDIMENTO DI ELABORAZIONE E ADOZIONE DEL PROGRAMMA... 6 3. INIZIATIVE DI COMUNICAZIONE DELLA TRASPARENZA...

Dettagli

Servizio di vigilanza sul sistema socio sanitario

Servizio di vigilanza sul sistema socio sanitario P29 Attività del servizio di vigilanza sul sistema socio sanitario Responsabile processo: Dirigente Capo Servizio di vigilanza sul sistema socio sanitario Strutture interessate: Servizio di vigilanza sul

Dettagli

Comune di Monteleone di Spoleto

Comune di Monteleone di Spoleto CODICE DI COMPORTAMENTO DEL COMUNE DI MONTELEONE DI SPOLETO Art. 1 Oggetto (Art. 1 Codice generale) 1. Il presente codice di comportamento integra e specifica le previsioni di cui al D.P.R. 16.4.2013,

Dettagli

SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/01/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/01/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/01/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE La presente scheda è compilata dal RPC delle pubbliche amministrazioni relativamente

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA Aggiornato in data 29/01/2016 con delibera dell Assemblea dei Soci n. 3 ai sensi dell art. 10 del D.Lgs.33/2013 Efficace dalla data

Dettagli

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA 1 1 DEFINIZIONI pag 3 2 FINALITÀ pag 4 3 AMBITO DI APPLICAZIONE pag 4 4 ADOZIONE E DIFFUSIONE pag 4 5 OGGETTO DELLA SEGNALAZIONE pag 4 6 PRINCIPI DI

Dettagli

COMUNE DI CASTELNOVO NE MONTI (Provincia di Reggio Emilia) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI

COMUNE DI CASTELNOVO NE MONTI (Provincia di Reggio Emilia) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI COMUNE DI CASTELNOVO NE MONTI (Provincia di Reggio Emilia) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015 - 2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA INDICE 1) ORGANIZZAZIONE

Dettagli

SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING)

SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING) Policy SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING) ver.: 1.0 del: 06/07/2015 POWB_01 Documento ad uso interno Pagina 1 di 9 Copia Archiviata Elettronicamente File: POWB_01_10 Copia cartacea Controllata in distribuzione

Dettagli

COMPITI E RESPONSABILITÀ DELLA COMPLIANCE Estratto Reclami

COMPITI E RESPONSABILITÀ DELLA COMPLIANCE Estratto Reclami COMPITI E RESPONSABILITÀ DELLA COMPLIANCE Estratto Reclami N A.4 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 24/02/2016 Data di efficacia: 24/02/2016 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DEFINIZIONI...

Dettagli

Piano triennale della Trasparenza e Integrità (P.T.T.I.)

Piano triennale della Trasparenza e Integrità (P.T.T.I.) MANTOVA ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Piano triennale della Trasparenza e Integrità (P.T.T.I.) Anni 2015-2017 Predisposto dal Responsabile per la trasparenza Dott. Andrea

Dettagli

PUBBLICITÀ DELLE DELIBERAZIONI DEGLI ORGANI ACCADEMICI (ART. 3 COMMA 2 LETTERA B DELLO STATUTO DI ATENEO)

PUBBLICITÀ DELLE DELIBERAZIONI DEGLI ORGANI ACCADEMICI (ART. 3 COMMA 2 LETTERA B DELLO STATUTO DI ATENEO) PUBBLICITÀ DELLE DELIBERAZIONI DEGLI ORGANI ACCADEMICI (ART. 3 COMMA 2 LETTERA B DELLO STATUTO DI ATENEO) Ambito di applicazione Il Regolamento in materia di pubblicità delle deliberazioni degli Organi

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE Rev. 0 Pag. 1 di 6. Procedura di segnalazione del fatto illecito

PROCEDURA AZIENDALE Rev. 0 Pag. 1 di 6. Procedura di segnalazione del fatto illecito PROCEDURA AZIENDALE Rev. 0 Pag. 1 di 6 1. SCOPO Scopo della procedura è quello di definire le modalità di gestione delle segnalazioni di illeciti ed irregolarità e di fornire al whistleblower indicazioni

Dettagli

REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE

REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE RGQ RGQ DG STATO DELLE REVISIONI Rev. N. REVISIONATI DESCRIZIONE REVISIONE DATA 0 - Prima Emissione 31/01/2006 1 6-7.1-9 - Allegato 1-4

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULL ESERCIZIO DELLE COMPETENZE DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 15 MARZO 2017, N

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULL ESERCIZIO DELLE COMPETENZE DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 15 MARZO 2017, N Allegato A alla delibera n. 203/17/CONS del 18 maggio 2017 SCHEMA DI REGOLAMENTO SULL ESERCIZIO DELLE COMPETENZE DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 15 MARZO 2017, N. 35 IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEI

Dettagli

Il RPC svolge anche le funzioni di Responsabile della trasparenza: (Si/No) Data inizio incarico di RPC. Qualifica RPC

Il RPC svolge anche le funzioni di Responsabile della trasparenza: (Si/No) Data inizio incarico di RPC. Qualifica RPC Codice fiscale Amministrazione/Società/Ente Denominazione Amministrazione/ Società/Ente Nome RPC Cognome RPC Data di nascita RPC Qualifica RPC Data inizio incarico di RPC Il RPC svolge anche le funzioni

Dettagli

Regione Puglia. Area politiche per lo Sviluppo Economico, il Lavoro e l Innovazione. Servizio Politiche per il Lavoro. Sostegno al Reddito

Regione Puglia. Area politiche per lo Sviluppo Economico, il Lavoro e l Innovazione. Servizio Politiche per il Lavoro. Sostegno al Reddito Regione Puglia Area politiche per lo Sviluppo Economico, il Lavoro e l Innovazione Servizio Politiche per il Lavoro Sostegno al Reddito Linea 1 Manifestazione d interesse CAF/Patronati - Iter Procedurale

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE 2 Reparto 3^ Divisione 4^ Sezione

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE 2 Reparto 3^ Divisione 4^ Sezione MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE 2 Reparto 3^ Divisione 4^ Sezione Indirizzo Postale: Viale dell Università, 4 00185 ROMA Posta elettronica: persociv@persociv.difesa.it

Dettagli

Comune di Venezia. Scheda descrittiva del programma. whistleblowing

Comune di Venezia. Scheda descrittiva del programma. whistleblowing Comune di Venezia Scheda descrittiva del programma whistleblowing Pagina 1 di 5 Indice 1 PREMESSA...3 1.1 OGGETTO OFFERTO IN RIUSO: WHISTLEBLOWING...3 1.2 TIPOLOGIA DI OGGETTO OFFERTO IN RIUSO:...3 1.3

Dettagli

Amministrazione trasparente

Amministrazione trasparente Amministrazione trasparente Tra diritto all informazione, sospetto e rischi di violazione della privacy a cura di Matteo De Nes e Francesca Burigo D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 c.d. decreto trasparenza Attuazione

Dettagli

Protocollo N.11 Gestione dei rapporti con la Pubblica Amministrazione

Protocollo N.11 Gestione dei rapporti con la Pubblica Amministrazione Protocollo N.11 Gestione dei rapporti con la Pubblica Amministrazione Approvato dal Consiglio di Indirizzo il 26 gennaio 2016 Emesso con determinazione del Sovrintendente n. 57 del 10 febbraio 2016 Pagina

Dettagli

SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/01/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/01/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE ENTRO IL 15/01/2016 DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE La presente scheda è compilata dal RPC delle pubbliche amministrazioni relativamente

Dettagli

PG08 GESTIONE RECLAMI/SEGNALAZIONI

PG08 GESTIONE RECLAMI/SEGNALAZIONI GESTIONE RECLAMI/ Stato Revisioni Rev Data Oggetto modifica Emissione Approvazione 0 10/01/2014 I emissione RGQ AU 1 20/09/2016 Adeguamento alla UNI CEI EN ISO/IEC 17021-1:2015 RGQ AU 1 20/09/2016 RGQ

Dettagli

PROCEDURA 1 GESTIONE DEI RAPPORTI CON L ORGANISMO DI VIGILANZA

PROCEDURA 1 GESTIONE DEI RAPPORTI CON L ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 6 PROCEDURA 1 GESTIONE DEI RAPPORTI CON L ORGANISMO DI VIGILANZA 1. Obiettivi La presente procedura ha l obiettivo di definire ruoli e responsabilità, e dettare di comportamento e controllo, sui

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO AI SERVIZI TELEMATICI DEL COMUNE DI PIACENZA

REGOLAMENTO DI ACCESSO AI SERVIZI TELEMATICI DEL COMUNE DI PIACENZA COMUNE DI PIACENZA Settore Affari generali e decentramento REGOLAMENTO DI ACCESSO AI SERVIZI TELEMATICI DEL COMUNE DI PIACENZA 1 Art. 1 Finalità e definizioni 1. Il presente regolamento ha lo scopo di

Dettagli

APAM ESERCIZIO SPA REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D. LGS. 231/01

APAM ESERCIZIO SPA REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D. LGS. 231/01 APAM ESERCIZIO SPA REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D. LGS. 231/01 SOMMARIO Art. 1 Scopo e ambito di applicazione pag. 3 Art. 2 Convocazione, voto e delibere dell Organismo pag. 3 Art. 3 Nomina

Dettagli

Allegato A alla deliberazione n. 157 del

Allegato A alla deliberazione n. 157 del Allegato A alla deliberazione n. 157 del 05.05.2016 DISCIPLINA DELLE MISURE PER LA TUTELA DEL DIPENDENTE CHE SEGNALA ILLECITI (WHISTLEBLOWER). Premessa La recente normativa in materia di prevenzione della

Dettagli

Introdotto dall articolo 1, comma 51, della legge n. 190/2012

Introdotto dall articolo 1, comma 51, della legge n. 190/2012 DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL ARTICOLO 54-BIS DEL D.LGS. N. 165/2001, RECANTE NORME IN MATERIA DI TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (c.d. whistleblower) Introdotto dall articolo 1, comma

Dettagli

Risorse Umane Organizzazione e Qualità

Risorse Umane Organizzazione e Qualità 21/03/2016 POLITICA SEGNALAZIONI ANOMALIE Risorse Umane Organizzazione e Qualità Versione 1 Premessa ed obiettivi La presente Politica nasce con l intento di fornire chiare indicazioni circa oggetto, contenuti,

Dettagli

Il RPC svolge anche le funzioni di Responsabile della trasparenza: (Si/No) Data inizio Qualifica RPC incarico di RPC. Consiglio Amministrazione

Il RPC svolge anche le funzioni di Responsabile della trasparenza: (Si/No) Data inizio Qualifica RPC incarico di RPC. Consiglio Amministrazione Denominazione Codice fiscale Amministrazione Nome RPC Cognome RPC Amministrazione/Società/Ente /Società/Ente Data di nascita RPC Data inizio Qualifica RPC incarico di RPC Il RPC svolge anche le funzioni

Dettagli

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE DI ILLECITI O DI IRREGOLARITÀ

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE DI ILLECITI O DI IRREGOLARITÀ PROCEDURA DI SEGNALAZIONE DI ILLECITI O DI IRREGOLARITÀ DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (C.D. WHISTLEBLOWER) 1. FONTE NORMATIVA E RATIO DELL ISTITUTO QUADRO NORMATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA TUTELA DEL DIPENDENTE CHE SEGNALA ILLECITI.

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA TUTELA DEL DIPENDENTE CHE SEGNALA ILLECITI. REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA TUTELA DEL DIPENDENTE CHE SEGNALA ILLECITI. (whistleblower) Il Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza Dott.ssa Serena Zenzeri 1 INDICE PREMESSA:

Dettagli

Atti Amministrativi. Ufficio Segreteria

Atti Amministrativi. Ufficio Segreteria Controllo situazione proposte, delibere e atti in genere Gestione delle relazioni istruttorie Gestione fase preparatoria Gestione fase istruttoria Gestione fase di approvazione Gestione fase di esecutività

Dettagli

Relazione Responsabile per la prevenzione della corruzione

Relazione Responsabile per la prevenzione della corruzione Relazione 2016 del 03/01/2016 Responsabile per la prevenzione della corruzione (articolo 1, comma 14, legge 60 novembre 2012 numero 190 recante le disposizioni per la prevenzione e la repressione della

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PER GLI ANNI 2014-2016 (P.T.T.I.)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PER GLI ANNI 2014-2016 (P.T.T.I.) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PER GLI ANNI 2014-2016 (P.T.T.I.) DELLA SOCIETA ACSEL S.p.A. Predisposto dal Responsabile per la Trasparenza Adottato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DI CHI SEGNALA ILLECITI

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DI CHI SEGNALA ILLECITI Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del 1 INDICE PREMESSA Quadro normativo pag. 3 1- Ambito di applicazione pag. 4 2- Soggetti della segnalazione pag. 4 3- L oggetto della segnalazione pag.

Dettagli

Documento in consultazione

Documento in consultazione Documento in consultazione Schema di Regolamento sull esercizio dell attività di vigilanza sul rispetto degli obblighi di trasparenza e delle misure di prevenzione della corruzione INDICE PARTE I - DEFINIZIONI

Dettagli