ACCADEMIA DI BELLE ARTI di VENEZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACCADEMIA DI BELLE ARTI di VENEZIA"

Transcript

1 ACCADEMIA DI BELLE ARTI di VENEZIA Indicazioni generali Corsi di Diploma Accademico di Primo livello 1) Obiettivi formativi Il corso di studi per il conseguimento del Diploma accademico di primo livello equivalente alla Laurea ha l'obiettivo di formare artisti e professionalità qualificate che, tenendo conto del pluralismo dei linguaggi e delle innovazioni legate alle tecniche che caratterizzano la contemporaneità, siano in grado di sviluppare la propria ricerca individuale coerentemente con i contenuti formativi e con le finalità di ciascun indirizzo. L'Accademia organizzerà, in accordo con enti pubblici e privati, gli stages e i tirocini più opportuni per concorrere al conseguimento delle specifiche professionalità. I diplomati nei corsi di diploma accademico dovranno: a) Possedere un'adeguata formazione tecnico-operativa di base relativamente ai settori di ricerca negli ambiti propri delle arti, delle tecniche e delle tecnologie relative allo specifico indirizzo; b) Possedere strumenti metodologici e critici adeguati all'acquisizione di competenze dei linguaggi espressivi, delle tecniche e delle tecnologie più avanzate nei contesti delle manifestazioni legate allo specifico indirizzo; c) Essere in grado di utilizzare efficacemente almeno una lingua dell'unione Europea, oltre la lingua madre, nell'ambito precipuo di competenza e per lo scambio di informazioni generali; d) Possedere adeguate competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione dell'informazione, in particolare con i media informatici. 2) Modalità di ammissione a) Per essere ammessi ad un corso di diploma di I livello occorre essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo conseguito all estero riconosciuto idoneo dall Accademia nel rispetto degli accordi internazionali. b) Per i corsi di diploma per i quali l Accademia preveda una limitazione degli accessi, l ammissione è subordinata ad una prova definita dal Consiglio Accademico e recepita nel Manifesto degli studi. c) Lo studente deve essere in possesso o provvedere all acquisizione di un adeguata preparazione iniziale riguardante conoscenze di base definite dal Regolamento didattico in relazione agli obbiettivi specifici di ciascun Corso. d) Se la verifica della preparazione iniziale non è positiva, la struttura didattica competente può indicare, eventualmente, specifici obblighi formativi aggiuntivi da soddisfare entro il I anno di corso. e) Le strutture didattiche competenti possono proporre attività formative propedeutiche ai fini del conseguimento di un adeguata preparazione iniziale, anche in collaborazione con gli istituti di istruzione secondaria superiore.

2 In prima applicazione ai Corsi di Diploma di Primo livello attivati nell Accademia sono ammessi: Senza esami coloro i quali abbiano conseguito uno dei sottoelencati titoli: Diploma di maturità artistica di I sezione (indirizzo Accademia) o sperimentale; Diploma di maturità d'arte applicata. Con esami di ammissione: Coloro che siano in possesso di maturità classica, scientifica, magistrale o altri titoli equipollenti; Coloro che siano in possesso di maturità artistica di II sezione (indirizzo architettura); questi ultimi dovranno sostenere le sole prove artistiche. Devono ugualmente sostenere l'esame di ammissione coloro che, già in possesso del Diploma Accademico o Laurea in materie affini, intendano frequentare uno degli altri corsi di Diploma Accademico e coloro i quali rientrino nei casi previsti dall art. 48 comma 4 del presente regolamento. Il Diploma Accademico di primo livello equivalente alla laurea viene conseguito dopo aver ottenuto 180 crediti, articolati secondo un percorso di studi coerente con i piani di studio ed i relativi regolamenti e criteri illustrati nel presente Regolamento. Immatricolazioni senza esame di ammissione Per l iscrizione diretta al I anno da parte di coloro che sono in possesso di diploma di Maturità Artistica di I Sezione o di Diploma di Maturità d'arte applicata o che comunque abbiano acquisito in base a quanto specificato nel presente Regolamento il diritto alla immatricolazione senza Esame d ammissione, le domande d'iscrizione devono essere presentate entro la data pubblicata nel Manifesto Annuale degli Studi o comunicata dalla Segreteria, con allegati i documenti che saranno contestualmente specificati, comprensivi delle attestazioni di ciascuna tassa e di ciascun contributo secondo le modalità e le procedure previste. Le domande incomplete della documentazione non saranno ritirate dalla segreteria. N.B. Il titolo di studio originale consegnato all'atto dell'immatricolazione non potrà essere restituito prima del conseguimento del Diploma accademico. Agli allievi dell'accademia non è consentita la contemporanea iscrizione agli Istituti superiori ed a Facoltà universitarie, salvo motivate eccezioni approvate dal Consiglio Accademico e consentite dalle norme vigenti. Iscrizioni agli anni successivi (II, III) La domanda d'iscrizione deve essere presentata in carta semplice entro la data pubblicata nel Manifesto Annuale degli Studi o comunicata dalla Segreteria, con allegati i documenti che saranno contestualmente specificati, comprensivi delle attestazioni di ciascuna tassa e di ciascun contributo secondo le modalità e le procedure previste.

3 Le domande incomplete della documentazione non saranno ritirate dalla segreteria. Esonero dalle tasse: Le istituzioni per l Alta Formazione Artistica e Musicale esonerano totalmente o parzialmente dal pagamento di qualsiasi tassa di iscrizione e frequenza, nonchè da tutti gli eventuali contributi, gli studenti beneficiari delle borse di studio, nonchè gli studenti risultati idonei al conseguimento delle borse di studio concesse dalla Regione che per scarsità di risorse non siano risultati beneficiari di tale provvidenza e gli studenti in situazione di handicap con un invalidità riconosciuta pari o superiore al 66%. 1. Conseguimento del diploma a) Il percorso formativo previsto dai corsi di diploma di I livello è di norma di durata triennale. b) Per conseguire il diploma di I livello lo studente deve acquisire 180 CFA, comprensivi degli insegnamenti, delle altre attività formative e delle prova finale secondo quanto definito dal presente Regolamento. Per essere ammesso alla prova finale lo studente deve aver dimostrato le conoscenze di base di almeno una lingua dell'unione Europea oltre la lingua italiana e di elementi di informatica, secondo modalità e per un numero di crediti definiti dagli ordinamenti didattici. c) La prova finale consiste nella discussione di un elaborato sviluppato dallo studente su un argomento coerente con gli obiettivi formativi e con i linguaggi specifici del proprio percorso di studi. Il relatore della tesi, nella quale saranno evidenti le competenze artistico-laboratoriali e teorico-storico-critiche, sarà assegnato dal Consiglio di Scuola su proposta dello studente, e può essere il docente di una qualsiasi delle discipline inserite nel piano di studi. Qualora lo sviluppo dei contenuti della prova finale coincida strettamente con un progetto artistico, coerente con l'indirizzo di studi, che approfondisca le metodologie e i linguaggi di una o più discipline, l'impostazione teorica del lavoro proposto sarà evidenziata elaborandone i contenuti criticamente o storicamente. Qualora l'argomento della tesi conduca a studi e ricerche svincolati dalla necessità di un rapporto evidente con la produzione artistica, questa sarà rappresentata da una selezione di opere già compiute durante il triennio, allestite o documentate liberamente dallo studente senza alcun obbligo di produrre ulteriori elaborati artistici per la prova finale di diploma. Su richiesta dello studente e del relatore è possibile la nomina di un correlatore anche esterno all'istituzione. La commissione di tesi è formata da tre docenti dell'istituzione ed è presieduta dal Direttore o da un docente da lui nominato. All'interno della commissione è necessaria la presenza del relatore, di uno o due docenti del corso di indirizzo in relazione ai contenuti della tesi nonchè dell'eventuale correlatore. Il voto finale si attribuisce in centodecimi. Tale voto è così computato: media dei voti degli esami sostenuti più un ulteriore punteggio fino a un massimo di altri sei punti attribuiti dalla commissione. La media dei voti è ponderata con i crediti attribuiti a ciascun esame. La lode è attribuibile all'unanimità dai componenti la commissione a studenti che abbiano raggiunto la votazione complessiva di 110/ Didattica

4 L'organizzazione è caratterizzata da differenti attività didattiche: atelier, laboratori, lezioni, seminari ed esercitazioni. Ogni disciplina può essere annuale o semestrale. Ogni insegnamento si conclude con un esame. Lo studente che si iscrive ad una disciplina può sostenere l'esame in una delle sessioni previste dopo la conclusione del corso, anche in un anno accademico successivo a quello in cui si è frequentato il corso stesso, secondo le condizioni e le modalità previste dal Manifesto Annuale degli Studi. Tutti gli insegnamenti possono essere iterati, purchè il programma presentato dal docente lo preveda. Tutti i corsi (di indirizzo, di base, caratterizzanti, affini o integrativi) per i quali sia prevista l'iterazione la relativa frequenza deve essere registrata in anni accademici distinti. Le eventuali iterazioni fra le Attività Formative Affini e Integrative valutabili sono possibili, fino a un limite massimo di 3 nel Triennio, secondo quanto previsto dal corrispondente Consiglio di Scuola. Lo studente seguirà un atelier di indirizzo (ad esempio: Decorazione, Grafica, Pittura, Scenografia, Scultura) e può richiedere di essere iscritto al corso di un particolare docente di riferimento fra gli atelier del proprio indirizzo; all'interno del numero programmato dalle singole cattedre in relazione alle proprie peculiarità logistiche e operative le strutture didattiche preposte rispetteranno le richieste di ogni studente. Di norma le attività formative e di ricerca sviluppate nell ambito del laboratorio di indirizzo prevedono, per ogni anno di corso, un percorso didattico annuale. Nell'arco di tre anni lo studente può risultare iscritto per tre anni con lo stesso docente, oppure può chiedere dopo il primo anno di corso, secondo le modalità previste da ciascun Consiglio di Scuola, di iscriversi al laboratorio di Indirizzo di un altro Docente. L'atelier di indirizzo rappresenterà il principale riferimento fra le attività formative e di ricerca sviluppate dallo studente. Obblighi di frequenza e di esame E' prevista la frequenza obbligatoria a tutti gli insegnamenti e ciascun docente registrerà le frequenze in relazione ai programmi e ai crediti attribuiti, secondo le modalità previste dai Regolamenti e dal Manifesto Annuale degli Studi. Per essere ammesso agli esami di ogni singola disciplina l'allievo deve aver frequentato almeno l 80 per cento delle lezioni. All'avvio di ogni periodo didattico lo studente è tenuto a iscriversi alle discipline che intende frequentare. La eventuale richiesta di iscriversi ai corsi di docenti diversi della stessa disciplina, per i corsi da iterare o ancora da sostenere, va indirizzata al Consiglio di Scuola entro trenta giorni dall'inizio del periodo didattico. L iscrizione in anni di Corso successivi per tutte le Discipline per le quali sia prevista l iterazione viene registrata d ufficio presso lo stesso Docente del precedente Anno Accademico, anche nel caso di mancato superamento dell esame previsto o nel caso non sia stato sostenuto l esame medesimo, fatta salva la facoltà di presentare domanda di iscrizione presso un Docente di Disciplina omologa secondo le modalità previste. Piani di studio Entro 45 giorni dall'inizio dell'anno accademico lo studente iscritto al primo anno adotta in relazione al proprio indirizzo uno dei piani di studio istituzionali illustrati nel Manifesto degli studi, indicando nell'apposito modello predisposto dalla segreteria studenti le opzioni prescelte fra quelle previste nella tabella medesima. Sullo stesso modello lo studente può indicare, precisandone il docente, l'eventuale corso specifico cui chieda d'iscriversi per le discipline per le quali siano previsti più insegnamenti. Nei successivi anni di corso, entro 45 giorni dall'inizio dell'anno accademico, lo studente

5 può richiedere, con apposita domanda da inoltrare al Consiglio di Scuola, di cambiare il proprio piano di studi, variando le opzioni prescelte secondo quanto previsto dai modelli istituzionali; proponendo un piano di studi individuale differente da quello adottato nei termini previsti dal presente regolamento o chiedendo di proseguire gli studi in un altro indirizzo della medesima Scuola o presso un corso di diploma di Primo livello attivato in un'altra Scuola. In quest'ultimo caso la domanda va inoltrata al consiglio di Scuola cui si aspiri ad iscriversi. I Piani di Studio individuali saranno valutati dal Consiglio di Scuola in ragione della congruità delle opzioni proposte in relazione agli obbiettivi formativi del percorso di studi, e saranno prese in considerazione le richieste che limiteranno le variazioni proposte rispetto ai modelli istituzionali all ambito delle attività formative affini o integrative, fermo restando l obbligo di sostenere gli esami previsti in ordine alle attività formative di base e caratterizzanti (60% del totale dei CFA complessivi previsti per il Triennio). Propedeuticità Un elenco completo delle propedeuticità sarà predisposto da ciascun Consiglio di Scuola e integrato nel Manifesto degli studi. Ricognizione fuori corso Non ci sono limiti per l'iscrizione fuori corso escluso il limite di sei anni senza aver superato esami in questo arco di tempo. 4. Strutture didattiche del Corso di Diploma di I livello L organizzazione, il coordinamento e il controllo delle attività didattiche e formative del corso di diploma di I livello sono affidate al Consiglio di Scuola corrispondente, secondo quanto previsto dal precedente art. 6. Criteri di attribuzione dei crediti per le attività formative I criteri per l articolazione degli impegni previsti in relazione ai crediti formativi dei corsi del triennio di I livello sono, in generale, coerenti con quanto previsto dal precedente art Piano di studi Il piano di studi deve prevedere l'attribuzione di 180 crediti complessivi, articolati secondo lo schema seguente: almeno 108 crediti (60% del totale) nelle attività formative di base (36/48) e caratterizzanti (60/72) da un minimo di 38 fino a un massimo di 52 crediti nelle attività affini o integrative. Fra le attività formative integrative o affini sono comprese le discipline afferenti alle attività formative di base e caratterizzanti, che possono essere contemplate fra le attività affini e integrative come iterazione o qualora non siano già state inserite nel piano di studi. Fra le attività affini e integrative possono essere inseriti anche moduli didattici

6 corrispondenti, per le discipline che lo contemplino, a parti definite all interno dei relativi programmi, nonché i laboratori integrativi programmati nell ambito delle attività formative di base e caratterizzanti obbligatorie per i quali sia previsto un esame specifico e un impegno ulteriore. I suddetti laboratori integrativi possono essere attivati in ciascun anno di Corso in cui sia prevista la corrispondente attività formativa. Sono altresì da considerarsi in questo settore tutte le discipline comprese negli altri Corsi di Diploma di Primo Livello dell Accademia, previa approvazione del Consiglio di Scuola di Pittura, verificata la congruità del percorso formativo rispetto agli obiettivi del corso di studi. fino a 8 crediti di attività formative ulteriori (quali altre conoscenze linguistiche, abilità informatiche e relazionali, tirocini, etc...), compresi 4 crediti obbligatori per l'informatica generale non specifica, verificati secondo procedure determinate dal Consiglio Accademico su proposta delle strutture didattiche. fino a 10 crediti di attività formative a scelta dello studente. Le attività formative non valutabili, autonomamente scelte dallo studente e verificate dal Consiglio di Scuola, devono essere riconducibili all ambito delle discipline comprese nel piano di studio per un massimo di 10 CFA, nel rispetto dell art. 9 comma 4 del DPR 212/ crediti obbligatori per la conoscenza di una lingua europea, verificata secondo procedure determinate dal Consiglio Accademico su proposta delle strutture didattiche. 12 crediti per la prova finale. TOTALE CREDITI: 180 Le attività formative ulteriori, oltre a contemplare competenze verificate nel campo dell informatica generale non specifica, possono corrispondere a ulteriori conoscenze linguistiche, attività formative volte ad acquisire ulteriori conoscenze linguistiche, nonché abilità informatiche e telematiche, relazionali o comunque utili per l'inserimento nel mondo del lavoro, nonché attività formative volte ad agevolare le scelte professionali e ad accrescere le competenze artistiche, mediante la conoscenza diretta del settore lavorativo cui il titolo di studio può dare accesso, tra cui, in particolare, i tirocini formativi e di orientamento. Le attività formative non valutabili, autonomamente scelte dallo studente, devono essere riconducibili all ambito delle discipline comprese nel piano di studio per un massimo di 10 CFA (fra il 5 e il 15%) come previsto dal DPR 212/2005. Le attività formative devono essere documentate e comunicate al Consiglio di Scuola entro il 30 maggio dell anno accademico nel quale verrà sostenuta la prova finale. I crediti formativi (CFA) assegnati alle attività formative documentate autonomamente scelte dallo studente sono da intendersi relativi a: - esami corrispondenti ad attività integrative o affini valutabili, ovvero iterazione di un corso o di uno o più moduli - attività anche esterne non valutabili riconosciute dal Consiglio di Scuola (laboratori e seminari, convegni di studio, manifestazioni culturali, programmi di ricerca, visite a musei, mostre, collezioni, archivi, teatri programmate e verificate dai Docenti, partecipazioni a concorsi e ad eventi artistico-culturali, etc.) attività anche esterne promosse dai docenti (convenzioni, attività di tutoraggio nei laboratori o altro) per le quali non è prevista valutazione e certificate dai docenti stessi. I CFA obbligatori relativi alla conoscenza di un altra lingua europea e all informatica generale non specifica, qualora non corrispondano ad attività formative direttamente istituite o verificate dall Accademia possono essere documentate anche in base a

7 certificazioni prodotte dallo studente e sottoposte al vaglio delle strutture didattiche. Nel modulo relativo a tali certificazioni deve essere indicata la documentazione comprovante la conoscenza di una lingua europea e le competenze informatiche che lo studente avrà cura di allegare. Domanda di ammissione alla prova finale e modalità di consegna tesi Per essere ammesso a sostenere la prova finale lo studente dovrà presentare apposita domanda al Consiglio di Scuola su modulo rilasciato dalla Segreteria controfirmato dal relatore proposto e dal docente titolare del Corso di Indirizzo. Per ottenere il rilascio dell attestato originale di Diploma Accademico l'allievo dovrà presentare domanda su modulo rilasciato dalla Segreteria e ricevuta dei necessari versamenti. Le scadenze per la presentazione della tesi, nonché l importo e le modalità dei relativi contributi vengono comunicate dalla segreteria. Istituzione e attivazione f) Un corso di diploma di I livello con i relativi indirizzi viene istituito su proposta del Consiglio di Scuola competente. La proposta, comprensiva dell ordinamento didattico, viene approvata dal Consiglio Accademico, sentito il Consiglio di Amministrazione per quanto di sua competenza (unitamente alla relazione del Nucleo di Valutazione). g) Un corso di diploma istituito su proposta del Consiglio Accademico, acquisito il parere del CNAM, è attivato con delibera del Consiglio di Amministrazione. h) Un corso di diploma viene proposto sulla base di un progetto ove siano definiti: 1. la denominazione 2. gli obiettivi formativi specifici 3. il profilo professionale alla cui formazione il corso è finalizzato 4. le dimensioni della potenziale domanda studentesca 5. le competenze di docenza necessarie e quelle disponibili 6. le risorse di personale, tecniche, edilizie e finanziarie necessarie e quelle disponibili 7. l analisi dei costi diretti e indiretti nonché dei proventi attesi i) I corsi di Diploma di I livello già attivati nell Accademia con i relativi Indirizzi, in relazione alle Scuole di cui al precedente articolo 6, sono quelli previsti dalla allegata tabella C j) Come previsto dall art. 5 comma 2 del DPR 212/2005, all'interno di ciascuna scuola i corsi possono essere articolati anche in più indirizzi in relazione a specifici contenuti. La eventuale articolazione in più indirizzi di un corso di diploma di I livello è deliberata dal Consiglio Accademico su proposta delle strutture didattiche, previa approvazione del Consiglio di Amministrazione per quanto di sua competenza. Il Piano di Studi di ciascun indirizzo sarà conforme, salvo la possibile articolazione differente della successione delle annualità e delle iterazioni previste, ai criteri generali e alla struttura già approvata del corso di studi previsto in ordine a ciascuna Scuola, secondo le procedure previste dalle norme di legge, dallo Statuto e dal Regolamento Didattico; le attività formative di base e caratterizzanti (almeno 108 CFA) saranno comuni a tutti gli indirizzi attivati da ciascuna Scuola con eventuali variazioni nella successione delle annualità e nelle iterazioni previste; ciascun indirizzo, in relazione agli specifici contenuti, potrà altresì differenziarsi soltanto in relazione alle attività formative affini o integrative e alle attività

8 formative ulteriori. Il titolo di studio conseguito al termine di ciascun percorso di studi secondo le modalità previste sarà riferito alla Scuola di appartenenza, con la menzione dell indirizzo prescelto. Titolo rilasciato Il titolo rilasciato al termine dell'esame finale, è il Diploma accademico di primo livello in relazione alle Scuole e ai corrispondenti Indirizzi di Diploma attivati nell Accademia. I possessori di Diploma accademico di primo livello possono accedere senza debito formativo al Corso di diploma accademico di secondo livello, superando le eventuali prove di accesso previste. L'ammissione a corsi di laurea specialistica nelle università o a corsi di diploma di secondo livello equivalenti alle lauree specialistiche in altre accademie, avviene previo riconoscimento dei crediti formativi da parte dell'istituzione a cui si indirizza la domanda. Modalità di passaggio dal vecchio al nuovo ordinamento Agli tutti gli studenti già iscritti ai vecchi corsi di Diploma accademico viene data la possibilità di scegliere tra: 1. La prosecuzione degli studi secondo il vecchio ordinamento. 2. Il passaggio al nuovo ordinamento, con conversione in crediti degli esami già sostenuti. L'accademia assicura a chi è già iscritto ai vecchi percorsi di diploma accademico la prosecuzione degli studi e il conseguimento del relativo titolo (diploma accademico equivalente alla laurea). Per proseguire secondo il vecchio ordinamento lo studente non deve fare nessuna domanda specifica: come sempre dovrà pagare nei tempi previsti le tasse e seguire le regole ordinarie per quanto riguarda i percorsi curriculari e la successione degli esami previsti. Non ci sono limiti per l'iscrizione fuori corso escluso il limite di otto anni (vecchio ordinamento) senza aver superato esami in questo arco di tempo. Gli organismi didattici assicureranno la possibilità di seguire il vecchio piano di studi. Solo chi intende passare ad uno dei corsi di diploma accademico del nuovo ordinamento dovrà esercitare una formale opzione. La conversione degli esami in crediti avverrà secondo una tabella di conversione redatta dal Consiglio di Scuola, coerentemente con i criteri approvati dal Consiglio Accademico, che valuterà sulla base degli esami sostenuti a quale anno di corso sia opportuno si iscriva lo studente. L'opzione, una volta esercitata, è irrevocabile. Piani di Studio Istituzionali I Piani di Studio dei Corsi di Diploma Accademico di Primo Livello sono :

9 DIPLOMI ACCADEMICI DI 1 LIVELLO : PITTURA Corso di diploma accademico in Pittura equivalente alla laurea di 1 livello SCULTURA Corso di diploma accademico in Scultura equivalente alla laurea di 1 livello DECORAZIONE Corso di diploma accademico in Decorazione equivalente alla laurea di 1 livello GRAFICA d'arte Corso di diploma accademico in Grafica d'arte equivalente alla laurea di 1 livello SCENOGRAFIA e ARCHITETTURA di Scena Corso di diploma accademico in Scenografia e architettura di scena equivalente alla laurea di 1 livello SCENOGRAFIA e SCENOTECNICA Corso di diploma accademico in Scenografia e Scenotecnica equivalente alla laurea di 1 livello SCENOGRAFIA e COSTUME Corso di diploma accademico in Scenografia e costume equivalente alla laurea di 1 livello PITTURA ( con competenze in Restauro) Corso di diploma accademico in Pittura ( con competenze in Restauro) equivalente alla laurea di 1 livello NUOVE TECNOLOGIE per le ARTI Corso di diploma accademico in Nuove Tecnologie per le Arti equivalente alla laurea di 1 livello Per maggiori informazioni :

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: DAMS - DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO Testo: LAUREA IN DAMS Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo CLASSE L- 3 REGOLAMENTO

Dettagli

Piani Di Studio. Corsi di Diploma Accademico di I Livello

Piani Di Studio. Corsi di Diploma Accademico di I Livello Piani Di Studio. Corsi di Diploma Accademico di I Livello Dipartimento di Arti Visive Scuola di Pittura Scuola di Scultura Scuola di Decorazione Scuola di Grafica Dipartimento di Progettazione ed Arti

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Testo: LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE - CLASSE L- 20 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti

Dettagli

Regolamento del Biennio sperimentale di II livello ad indirizzo interpretativo-compositivo

Regolamento del Biennio sperimentale di II livello ad indirizzo interpretativo-compositivo Regolamento del Biennio sperimentale di II livello ad indirizzo interpretativo-compositivo Il seguente regolamento, redatto a suo tempo per il biennio dell a.a. 2004-2005, non ha a tutt oggi subito modifiche.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA DIPARTIMENTO DI ARTE COREUTICA Indice TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI SULL ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI STUDIO CAPO I - Generalità,

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del CdF del 03.05.06 e modificato con delibere del CdF del 07.03.07, del 12.03.08 e del 08.04.08) Regolamento didattico

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN SCENOGRAFIA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN SCENOGRAFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN SCENOGRAFIA INDICE Art. 1 - Denominazione del Corso di studio... 1 Art. 2 - Scuola di appartenenza... 1 Art. 3 - Dipartimento afferente...

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA IN CULTURE E TECNICHE DELLA MODA CLASSE L- 3 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Requisiti di accesso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN Scienze e Tecnologie Agrarie e degli Alimenti (interclasse L-25 - Scienze e Tecnologie Agrarie

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA ACCADEMIA DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN

Dettagli

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Pagina 1 di 6 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA 8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E MANAGEMENT

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN E ARCHITETTURA DEGLI INTERNI

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN E ARCHITETTURA DEGLI INTERNI REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN E ARCHITETTURA DEGLI INTERNI ACCADEMIA DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI (Modificato con delibere del CdF e CdS del 22.01.03, del 07.05.2003, del 8.10.2003; del 25.02.2004;

Dettagli

BIENNIO SPERIMENTALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI

BIENNIO SPERIMENTALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MINISTERO DELL UNIVERSITÀ, DELL ISTRUZIONE E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA MUSICALE Fondazione Istituto Musicale della Valle d Aosta Fondation Institut Musical de la Valle Vallée d Aoste ISTITUTO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN FILOLOGIA, LETTERATURA E TRADIZIONE CLASSICA CLASSE LM-15 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

Regolamenti ISIA Firenze

Regolamenti ISIA Firenze Regolamenti ISIA Firenze Regolamento di transizione dei corsi accademici di secondo livello di indirizzo specialistico Il Consiglio Accademico dell ISIA di Firenze VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508,

Dettagli

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Page 1 of 5 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE Testo: LAUREA MAGISTRALE

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE (Approvato con delibera del CdS e CdF del 03.05.06 e modificato con delibera del CdS del 07.03.07 e del CdF del 04.04.07) Regolamento didattico

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FROSINONE Regolamento della Prova Finale per il conseguimento del Diploma Accademico di Primo Livello e Diploma Accademico di Secondo Livello Art. 1 Principi generali di riferimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (CLASSE L-2 BIOTECNOLOGIE) Art. 1 Premesse e finalità 1.

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI SUPERIORI SPERIMENTALI (TRIENNIO DI PRIMO LIVELLO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI SUPERIORI SPERIMENTALI (TRIENNIO DI PRIMO LIVELLO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO) REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI SUPERIORI SPERIMENTALI (TRIENNIO DI PRIMO LIVELLO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO) Approvato dal Consiglio Accademico nella seduta del 10 luglio 2007. Modificato in data 3 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE CLASSE LM-65 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Allegato A. Regolamento dei corsi di Master. Art. 1 - Definizioni. Art. 2 - Principi generali e finalità. Art. 3 - Caratteristiche dei Corsi

Allegato A. Regolamento dei corsi di Master. Art. 1 - Definizioni. Art. 2 - Principi generali e finalità. Art. 3 - Caratteristiche dei Corsi Allegato A Regolamento dei corsi di Master Art. 1 - Definizioni Art. 2 - Principi generali e finalità Art. 3 - Caratteristiche dei Corsi Art. 4 - Istituzione e attivazione Art. 5 - Corsi interistituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA (LM41)

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA (LM41) Page 1 of 5 Facoltà: MEDICINA E CHIRURGIA Corso: 8415 - MEDICINA E CHIRURGIA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: MEDICINA E CHIRURGIA Testo: Scuola di Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI

Dettagli

Articolo 1 Riferimento normativo e obiettivi formativi

Articolo 1 Riferimento normativo e obiettivi formativi Prot. n. 1002 /D1 Bando per l ammissione al corso biennale di Diploma Accademico di secondo livello in DESIGN DEI SISTEMI Anno Accademico 2011/2012 (Delibera n. 217 del Consiglio Accademico del 30.06.11)

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA CESENA REGOLAMENTO RICONOSCIMENTO CREDITI

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA CESENA REGOLAMENTO RICONOSCIMENTO CREDITI Decreto n. 719 del 05.02.2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA CESENA ISTITUTO SUPERIORE DI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN PITTURA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN PITTURA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN PITTURA INDICE Art. 1 - Denominazione del Corso di studio... 1 Art. 2 - Scuola di appartenenza... 1 Art. 3 - Dipartimento afferente...

Dettagli

Art. 5 - Prospettive occupazionali Art. 6 - Criteri di ammissione Art. 7 - Articolazione dei curricula

Art. 5 - Prospettive occupazionali Art. 6 - Criteri di ammissione Art. 7 - Articolazione dei curricula REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN INDICE Art. 1 - Denominazione del Corso di studio... 1 Art. 2 - Scuola di appartenenza... 1 Art. 3 - Dipartimento afferente...

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDI ACCADEMICI TRIENNALI E BIENNALI DIPARTIMENTO DEGLI STRUMENTI AD ARCO E A CORDA

REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDI ACCADEMICI TRIENNALI E BIENNALI DIPARTIMENTO DEGLI STRUMENTI AD ARCO E A CORDA REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDI ACCADEMICI TRIENNALI E BIENNALI DIPARTIMENTO DEGLI STRUMENTI AD ARCO E A CORDA Art. 1 - Fonti normative Legge n. 508 del 21 dicembre 1999 Riforma delle Accademie di Belle

Dettagli

Conservatorio di Musica "San Pietro a Majella" Napoli

Conservatorio di Musica San Pietro a Majella Napoli Conservatorio di Musica "San Pietro a Majella" Napoli TRIENNIO SUPERIORE SPERIMENTALE DI I LIVELLO REGOLAMENTO DIDATTICO INTERNO DELLA SPERIMENTAZIONE SOMMARIO Premessa Art. 1. Definizioni Art. 2. Crediti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Conservatorio di Musica Luigi Cherubini ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI Piazza delle Belle Arti, 2 50122

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni)

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni) Regolamento Corso di Laurea Magistrale in ECONOMIA E GESTIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (Classe LM-63, Scienze delle pubbliche amministrazioni) Art. 1 Istituzione La Facoltà di Economia istituisce

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN INDICE Art. 1 - Denominazione del Corso di studio... 1 Art. 2 - Scuola di appartenenza... 1 Art. 3 - Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO ISTITUTO SUPERIORE Di STUDI MUSICALI CONSERVATORIO GUIDO CANTELLI Via Collegio Gallarini, 1 28100 NOVARA (tel. 0321-31252 / 392629) Fax 0321 640556 E-Mail: segreteriaamministrativa@conservatorionovara.it;

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree in INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE Ingegneria Civile ed Ambientale L8 - Classe delle Lauree

Dettagli

CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO

CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO Approvato dal Consiglio Accademico con delibera n. 4-0 Emanato con decreto del Direttore prot. n. 1425-21/03/2016 SOMMARIO Premessa... 3 Art. 1 - Definizioni...

Dettagli

I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE)

I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE) I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE) MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA E RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE piazza della Maddalena, 53 00186 Roma tel.

Dettagli

TvvtwxÅ t w UxÄÄx TÜà ^tçw Çá~ } gütñtç Certificata Uni En Iso 9001: 2008

TvvtwxÅ t w UxÄÄx TÜà ^tçw Çá~ } gütñtç Certificata Uni En Iso 9001: 2008 L'arte oltrepassa i limiti nei quali il tempo vorrebbe comprimerla, e indica il contenuto del futuro... Vasilij Kandinskij DIPARTIMENTO ARTI VISIVE SCUOLA DI GRAFICA CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN FARMACIA (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE) Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN PUBBLICITA, EDITORIA E CREATIVITA D IMPRESA (Classe LM-19 Informazione e sistemi editoriali e Classe LM-59 Scienze della comunicazione

Dettagli

Regolamento Scuola di Pittura

Regolamento Scuola di Pittura Regolamento Scuola di Pittura Corso di Diploma Accademico di Primo Livello Triennale in Pittura Corso di Diploma Accademico di Secondo Livello Biennale in Pittura 1.1 Ordinamento didattico I corsi di studio

Dettagli

Art. 5 - Prospettive occupazionali Art. 6 - Criteri di ammissione Art. 7 - Articolazione dei curricula

Art. 5 - Prospettive occupazionali Art. 6 - Criteri di ammissione Art. 7 - Articolazione dei curricula REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN CINEMA INDICE Art. 1 - Denominazione del Corso di studio... 1 Art. 2 - Scuola di appartenenza... 1 Art. 3 - Dipartimento afferente...

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ARTI VISIVE SCUOLA DI PITTURA CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN PITTURA

DIPARTIMENTO DI ARTI VISIVE SCUOLA DI PITTURA CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN PITTURA DIPARTIMENTO DI ARTI VISIVE SCUOLA DI PITTURA PITTURA Obiettivi formativi I corsi di studio per il conseguimento del Diploma accademico di primo livello della Scuola di Pittura hanno l obiettivo di formare

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE Di STUDI MUSICALI CONSERVATORIO GUIDO CANTELLI

ISTITUTO SUPERIORE Di STUDI MUSICALI CONSERVATORIO GUIDO CANTELLI ISTITUTO SUPERIORE Di STUDI MUSICALI CONSERVATORIO GUIDO CANTELLI Via Collegio Gallarini, 1 28100 NOVARA (tel. 0321-31252 / 392629) Fax 0321 640556 E-Mail: segreteriaamministrativa@conservatorionovara.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE L-9 INGEGNERIA INDUSTRIALE e L-8

Dettagli

Accademia di Belle Arti di Palermo. ordinamenti didattici dei corsi triennali di primo livello in corso di autorizzazione ministeriale

Accademia di Belle Arti di Palermo. ordinamenti didattici dei corsi triennali di primo livello in corso di autorizzazione ministeriale Accademia di Belle Arti di Palermo ordinamenti didattici dei corsi triennali di primo livello in corso di autorizzazione ministeriale ORDINAMENTI DIDATTICI DEI CORSI TRIENNALI DI PRIMO LIVELLO DIPARTIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CULTURE EUROPEE (CLASSE L-12 Mediazione linguistica) Art. 1 Premesse

Dettagli

Scuola di Giurisprudenza

Scuola di Giurisprudenza Scuola di Giurisprudenza PARTE NORMATIVA DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA - sede di Bologna ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO AL CORSO Per essere ammesso

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDIO ACCADEMICI DI I e II LIVELLO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDIO ACCADEMICI DI I e II LIVELLO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDIO ACCADEMICI DI I e II LIVELLO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DIDATTICO Indice Art. 1. (Generalità) Art. 2. (Titoli di accesso) Art. 3. (Competenze di accesso e loro verifica) Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN FLAUTO (DCPL27)

REGOLAMENTO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN FLAUTO (DCPL27) REGOLAMENTO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN FLAUTO (DCPL27) INDICE Art. 1 Generalità Art. 2 Insegnamenti dei corsi di studio e loro articolazione Art. 3 Obiettivi formativi ed eventuali

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA ENZO FERRARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA (CLASSE LM-32 INGEGNERIA INFORMATICA)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

Facoltà: ECONOMIA - SEDE DI RIMINI Corso: 8847 - ECONOMIA DEL TURISMO (L) Ordinamento: DM270 Titolo: ECONOMIA DEL TURISMO Testo: SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Sede Di Rimini Corso di Laurea

Dettagli

Regolamento Scuola di Decorazione

Regolamento Scuola di Decorazione Regolamento Scuola di Decorazione Corso di Diploma Accademico di Primo Livello Triennale in Decorazione Corso di Diploma Accademico di Primo Livello Triennale in Nuovi Linguaggi Plastici Corso di Diploma

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI P. MASCAGNI - LIVORNO REGOLAMENTO DIDATTICO Via G. Galilei, 40 57122 Livorno Tel. 0586 403724 Fax 0586 426089 www.istitutomascagni.it e-mail: segreteria @istitutomascagni.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM - 23 - Classe

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI O.VECCHI A.

REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI O.VECCHI A. REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI O.VECCHI A.TONELLI DI MODENA 1 PARTE PRIMA Premessa Art. 1. Generalità Art. 2. Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER I CREDITI FORMATIVI DEI CORSI SPERIMENTALI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO

REGOLAMENTO PER I CREDITI FORMATIVI DEI CORSI SPERIMENTALI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO REGOLAMENTO PER I CREDITI FORMATIVI DEI CORSI SPERIMENTALI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO Approvato dal Consiglio Accademico in data 4 maggio 2005. Modificato in data 3 dicembre 2009 I. Norme generali Art.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA (CLASSE LM-40 Matematica) Art. 1 Premesse

Dettagli

REGOLAMENTO RICONOSCIMENTO CREDITI E DEBITI Istituto Superiore di Studi Musicali L.Boccherini (approvato dal Consiglio Accademico in data 30/05/2011)

REGOLAMENTO RICONOSCIMENTO CREDITI E DEBITI Istituto Superiore di Studi Musicali L.Boccherini (approvato dal Consiglio Accademico in data 30/05/2011) REGOLAMENTO RICONOSCIMENTO CREDITI E DEBITI Istituto Superiore di Studi Musicali L.Boccherini (approvato dal Consiglio Accademico in data 30/05/2011) Riconoscimento crediti per attività formative e artistiche

Dettagli

Scuola di Ingegneria e Architettura. Regolamento di INGEGNERIA BIOMEDICA

Scuola di Ingegneria e Architettura. Regolamento di INGEGNERIA BIOMEDICA Scuola di Ingegneria e Architettura Regolamento di INGEGNERIA BIOMEDICA Art. 1 Requisiti per l'accesso al Corso Per essere ammessi al Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica è necessario il possesso di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e Sede U.C.S.C. Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013 CLASSE DI LAUREA DI APPARTENENZA: LM/SNT1 SCIENZE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INFORMATICA Classe LM-18 Informatica 1. ASPETTI GENERALI La durata normale del Corso di Laurea Magistrale in Informatica è di due anni. Lo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CONSERVATORIO DI MUSICA F.A. BONPORTI DI TRENTO

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CONSERVATORIO DI MUSICA F.A. BONPORTI DI TRENTO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CONSERVATORIO DI MUSICA F.A. BONPORTI DI TRENTO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CONSERVATORIO DI MUSICA F.A. BONPORTI DI TRENTO PARTE PRIMA ORGANIZZAZIONE E AUTONOMIA DIDATTICA TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ART. 1 PRINCIPI GENERALI DI RIFERIMENTO 1. Il titolo

Dettagli

di Cremona Istituto Musicale Pareggiato Claudio Monteverdi di Cremona REGOLAMENTO DIDATTICO

di Cremona Istituto Musicale Pareggiato Claudio Monteverdi di Cremona REGOLAMENTO DIDATTICO Istituto Superiore di Studi Musicali Claudio Monteverdi di Cremona Istituto Musicale Pareggiato Istituto Superiore di Studi Musicali Istituto Musicale Pareggiato Claudio Monteverdi di Cremona REGOLAMENTO

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in. AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali)

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in. AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Regolamento Corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Art. 1 Attivazione La Facoltà di Economia attiva il Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea in Ingegneria Informatica (classe L-8), in conformità alla normativa vigente in

Dettagli

Regolamento Scuola di Grafica

Regolamento Scuola di Grafica Regolamento Scuola di Grafica Corso di Diploma Accademico di Primo Livello Triennale in Grafica d Arte Corso di Diploma Accademico di Secondo Livello Biennale in Grafica d Arte 1.1 Ordinamento didattico

Dettagli

L'obbligo formativo aggiuntivo assegnato si intende superato con il superamento dell'esame di Matematica generale.

L'obbligo formativo aggiuntivo assegnato si intende superato con il superamento dell'esame di Matematica generale. SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Regolamento di MANAGEMENT E MARKETING - Parte normativa- Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Requisiti di accesso Per essere ammessi al corso di laurea è

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE ERBORISTICHE (CLASSE L-29) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (CLASSE L-35 Scienze Matematiche) Art. 1 Premesse

Dettagli

Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione

Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in LINGUA E CULTURA ITALIANE PER STRANIERI - (Classe: LM-39) Art. 1 - Requisiti per l'accesso

Dettagli

TvvtwxÅ t w UxÄÄx TÜà ^tçw Çá~ } gütñtç Certificata Uni En Iso 9001: 2008

TvvtwxÅ t w UxÄÄx TÜà ^tçw Çá~ } gütñtç Certificata Uni En Iso 9001: 2008 Chi lavora con le sue mani è un lavoratore. Chi lavora con le sue mani e la sua testa è un artigiano. Chi lavora con le sue mani e la sua testa ed il suo cuore è un artista San Francesco d Assisi DIPARTIMENTO

Dettagli

Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE. I - Disposizioni generali

Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE. I - Disposizioni generali 1 Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE I - Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE PER LA COMUNICAZIONE NELL IMPRESA E NELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in. Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria e Attuariale. Manifesto degli Studi

Corso di Laurea Specialistica in. Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria e Attuariale. Manifesto degli Studi UNIVERSITA DELLA CALABRIA Facoltà di Economia Corso di Laurea Specialistica in Statistica e Informatica per l Economia e la Finanza Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria

Dettagli

Regolamento Scuola di Scenografia

Regolamento Scuola di Scenografia Regolamento Scuola di Scenografia Corso di Diploma Accademico di Primo Livello Triennale in Scenografia Corso di Diploma Accademico di Secondo Livello Biennale in Scenografia 1.1 Ordinamento didattico

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDIO ACCADEMICI DI I e II LIVELLO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDIO ACCADEMICI DI I e II LIVELLO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDIO ACCADEMICI DI I e II LIVELLO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DIDATTICO (Approvato nella seduta del C.A. del 23 aprile 2012 e modificato il 26 giugno 2013) Indice Art. 1. (Generalità)

Dettagli

Regolamento della Prova Finale per il conseguimento del Diploma Accademico di Primo Livello e Diploma Accademico di Secondo Livello

Regolamento della Prova Finale per il conseguimento del Diploma Accademico di Primo Livello e Diploma Accademico di Secondo Livello Regolamento della Prova Finale per il conseguimento del Diploma Accademico di Primo Livello e Diploma Accademico di Secondo Livello Art. 1 Principi generali di riferimento 1. Il titolo di Diploma Accademico,

Dettagli

R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O

R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale Conservatorio Statale di Musica G. Verdi - T O R I N O - R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O D.D.G. Miur/Afam

Dettagli

Regolamento Scuola di Progettazione Artistica per l Impresa

Regolamento Scuola di Progettazione Artistica per l Impresa Regolamento Scuola di Progettazione Artistica per l Impresa Corso di Diploma Accademico di Primo Livello Triennale in Graphic Design Corso di Diploma Accademico di Secondo Livello Biennale in Graphic Design

Dettagli

FONDAZIONE ACCADEMIA DI BELLE ARTI PIETRO VANNUCCI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FONDAZIONE ACCADEMIA DI BELLE ARTI PIETRO VANNUCCI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO FONDAZIONE ACCADEMIA DI BELLE ARTI PIETRO VANNUCCI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I (Principi generali) Art. 1 (Definizioni) Ai sensi del presente Regolamento si intendono: a. per Ministro o Ministero,

Dettagli

8477 - EDUCAZIONE PROFESSIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI EDUCATORE PROFESSIONALE) (L)

8477 - EDUCAZIONE PROFESSIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI EDUCATORE PROFESSIONALE) (L) Page 1 of 6 Facoltà: Corso: Ordinamento: DM270 MEDICINA E CHIRURGIA 8477 - EDUCAZIONE PROFESSIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI EDUCATORE PROFESSIONALE) (L) Titolo: EDUCAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli