Liceo Scientifico Statale N. da Recco Da Vigo Rapallo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Liceo Scientifico Statale N. da Recco Da Vigo Rapallo"

Transcript

1 1 Liceo Scientifico Statale N. da Recco Da Vigo Rapallo Manuale di Informatica di base per l uso dei sistemi del laboratorio di informatica

2 2 Benvenuti al Liceo! Il Laboratorio di Informatica del Liceo Nicoloso da Recco - G. da Vigo vi dà il benvenuto. Comportatevi bene, il Laboratorio appartiene a voi. Nel caso notaste delle anomalie al vostro PC, all inizio della lezione o durante la stessa, comunicatelo subito: provvederemo alla riparazione nel più breve tempo possibile. L informatica, come ben sapete, è un mezzo e non un fine. E il mezzo con il quale creiamo e /o manipoliamo testi, disegni, immagini, suoni e video. Può essere uno strumento creativo e, chi di voi ama la musica, sa bene cosa si può fare con un sequencer. Inutile citare gli FX di molti film. Le applicazione dell informatica sono quasi infinite e coinvolgono moltissimi filoni della ricerca e dello studio, dall astrofisica al genoma umano, dai fumetti agli MP3. E del divertimento, con i videogiochi. Ma, per sapere davvero cosa fare di un PC bisogna, umilmente, iniziare a studiare un po. Occorre capire come funziona davvero, non procedere sempre per esclusione (se non va così, faccio in questi altri cento modi e spero bene), o per approssimazione ( non so cosa mi ha chiesto ma premo OK). Questo manuale ha origine nel Da allora l informatica ha progredito moltissimo: smartphone e tablet con sistemi operativi Apple, Android eccetera. E probabile però che, al di là del nostro laboratorio qui al liceo, troverete nelle università, nei centri di calcolo, nei luoghi di lavoro, sistemi e software risalenti alla precedente generazione.

3 3 Sommario Pag. 4 Pag. 10 Pag. 11 Pag. 11 Pag. 12 Pag. 13 Pag. 14 Pag. 19 Pag. 19 Pag. 20 Pag. 32 Pag. 34 Pag. 35 Pag. 39 L aritmetica di un computer. Dal calcolo decimale a quello: binario, ottale ed esadecimale. Unità di massa e memoria centrale La R.O.M. La R.A.M. Il Processore Collegamenti Input/Output Memorie di massa e misura della memoria Stampanti Sistemi operativi e software Windows Installare programmi, requisiti minimi Rimozione programmi Installare Stampanti Definizione dei file

4 4 L aritmetica di un computer. Dal calcolo decimale a quello: binario, ottale ed esadecimale. Tutti conosciamo il sistema di calcolo DECIMALE. Lo utilizziamo quotidianamente. Per comprendere bene gli altri sistemi di calcolo, cioè quelli che hanno base diversa da 10 partiremo proprio dai decimali. I numeri decimali sono: 0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9. Se mi trovo dinnanzi al numero 1578 (decimale), per comprendere bene come procedere a decifrare detto numero scriverò per prima cosa la base del calcolo (10) ed i suoi esponenti: La prima cifra a destra del mio numero decimale (8) va moltiplicata per 10 0, che come sappiamo ha valore 1: 8 x 10 0 ( 1 ) = 8 Procediamo adesso con lo stesso sistema, sempre da destra, con il numero successivo (7) che andrà moltiplicato per 10 1, che come sappiamo vale 10 7 x 10 1 ( 10 ) = 70 Ora il terzo numero partendo da destra (5) va moltiplicato per 10 2, che vale 100: 5 x 10 2 ( 100 ) = 500 Infine il quarto e ultimo numero partendo da destra (1) va moltiplicato per 10 3 che ha valore 1000: 1 x 10 3 ( 1000 ) = 1000 Per ottenere il risultato finale è necessario semplicemente sommare i quattro prodotti: = 1578 Potreste chiedervi se tutta questa procedura che parte da 1578 e che mi conduce a 1578 non sia un po idiota. In realtà i calcoli sopra effettuati ci sono utili quando la base cambia mentre la procedura rimane la stessa.

5 5 Passiamo ora al calcolo BINARIO, quello che viene utilizzato da tutti i computer per fare i calcoli. Si basa su due soli numeri che per convenzione sono 1 e 0. Potremmo trasmettere dei numeri binari con una torcia elettrica dove 1 corrisponde all accensione della luce e 0 alla sua assenza, per un periodo di tempo concordato (le fibre ottiche funzionano così). Se mi trovo dinnanzi al numero (binario), per comprendere bene come procedere a decifrare detto numero scriverò per prima cosa la base del calcolo (2) ed i suoi esponenti: La prima cifra a destra del mio numero binario (0) va moltiplicata per 2 0, che come sappiamo vale 1: 0 x 2 0 ( 1 ) = 0 Procediamo adesso con lo stesso sistema, sempre da destra, con il numero successivo (1) che andrà moltiplicato per 2 1, che come sappiamo vale 2: 1 x 2 1 ( 2 ) = 2 Ora il terzo numero partendo da destra (0) va moltiplicato per 2 2, che vale 4: 0 x 2 2 ( 4 ) = 0 Il quarto numero partendo da destra (1) va moltiplicato per 2 3 che ha valore 8: 1 x 2 3 ( 8 ) = 8 Il quinto numero partendo da destra (0) va moltiplicato per 2 4 che ha valore 16: 0 x 2 4 ( 16 ) = 0 Il sesto numero partendo da destra (1) va moltiplicato per 2 5 che ha valore 32: 1 x 2 5 ( 32 ) = 32 Il settimo numero partendo da destra (0) va moltiplicato per 2 6 che ha valore 64: 0 x 2 6 ( 64 ) = 0 L ottavo numero partendo da destra (0) va moltiplicato per 2 7 che ha valore 128: 0 x 2 7 ( 128 ) = 0 Il nono numero partendo da destra (0) va moltiplicato per 2 8 che ha valore 256: 0 x 2 8 ( 256 ) = 0

6 6 Il decimo numero partendo da destra (1) va moltiplicato per 2 9 che ha valore 512: 1 x 2 9 ( 512 ) = 512 L undicesimo numero partendo da destra (1) va moltiplicato per 2 10 che ha valore 1024: 1 x 2 10 ( 1024 ) = 1024 Per ottenere il risultato finale (in decimali) è necessario semplicemente sommare gli undici prodotti: = 1578 Passiamo ora al calcolo OTTALE, cioè in base otto. I numeri presenti nel calcolo ottale sono: 0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7. Il nostro numero ottale è La procedura è identica a quanto hai appreso finora. Scriverò pertanto la base del calcolo (8) ed i suoi esponenti: La prima cifra a destra del mio numero ottale (2) va moltiplicata per 8 0, che come sappiamo vale 1: 2 x 8 0 ( 1 ) = 2 Il numero successivo, sempre da destra verso sinistra (5) andrà moltiplicato per 8 1, che come sappiamo vale 8: 5 x 8 1 ( 8 ) = 40 Ora il terzo numero partendo da destra (0) va moltiplicato per 8 2, che vale 64: 0 x 8 2 ( 64 ) = 0 Il quarto numero partendo da destra (3) va moltiplicato per 8 3 che ha valore 512 (8x8x8): 3 x 8 3 ( 512 ) = 1536 Per ottenere il risultato finale (in decimali) è necessario semplicemente sommare i quattro prodotti:

7 = 1578 Affrontiamo ora i numeri ESADECIMALI: come fa supporre il nome essi hanno base 16 e sono composti da: 0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, A, B, C, D, E, F, dove le lettere sostituiscono il valore decimale: A = 10, B = 11, C = 12, D = 13, E = 14, F = 15. Nulla di nuovo per la procedura. Il numero che prenderemo in considerazione per calcolarne il valore in decimali è: 62A. Scriviamo pertanto la base del calcolo (16) ed i suoi esponenti: 6 2 A La prima cifra a destra del mio numero esadecimale (A, che vale 10) va moltiplicata per 16 0, che come sappiamo ha valore = 1: A (10) x 16 0 ( 1 ) = 10 Il numero successivo, sempre da destra verso sinistra (2) andrà moltiplicato per 16 1, che come sappiamo vale 16: 2 x 16 1 ( 16 ) = 32 Ora, il terzo numero partendo da destra (6) va moltiplicato per 16 2, che vale 256: 6 x 16 2 ( 256 ) = 1536 Per ottenere il risultato finale (in decimali) è necessario semplicemente sommare i quattro prodotti: Eccolo! un altra volta = 1578

8 8 Torna su, dai un occhiata ai numeri decimali, binari e ottali che abbiamo precedentemente calcolato trasformandoli in decimali: sempre Hai imparato a calcolare in una base diversa da quella abituale ( 10). In seguito saper calcolare nelle altre basi ti sarà utile ( esempio: il colore rosso si esprime in esadecimale : FF0000 ) La calcolatrice di Windows nella sua modalità Scientifica, vi mette a disposizione proprio queste quattro basi di calcolo: esadecimale (HEX), decimale (DEC), ottale (OCT) e binario (BIN). Nell immagine sopra: con la selezione Dec (decimali) sono disponibili i tasti numerici I tasti ABCDEF (oltre ) saranno attivi quando selezionate HEX (esadecimale), come nell immagine qui sotto:

9 9 Se, invece, selezioniamo OCT (ottale), avremo a disposizione i tasti : Infine, se optiamo per BIN (binario) resteranno attivi solo i tasti 0 e 1: Unità di massa e memoria centrale L' unità che elabora i dati si trova all'interno del case cioè della scatola che spesso si situa sotto il monitor o accanto o ancora sotto la scrivania. Prende il nome generico di Unità Centrale. Analogamente ciò che vado a descrivere avviene con i notebook e i netbook.

10 10 All'interno della scatola si trova un supporto per circuiti elettronici detto SCHEDA MADRE, sulla quale sono impiantati gli apparati descritti nelle altre sezioni di questo manuale (RAM, ROM., CPU). Sempre all interno dell unità centrale troviamo: l'hard DISK (disco rigido), il DRIVE per i floppy disk,

11 11 il LETTORE di CD-ROM ed altri tipi di periferiche memorie di massa (masterizzatori CD e DVD, unità zip, lettori MP3 utilizzati come memoria flash con porta USB, PenDrive, hard disk portatili, eccetera.). I drive per floppy e lettore CD-ROM hanno le "bocche" per l'ingresso dei relativi dischi sul davanti dell'unità centrale. L'attività dell'hard disk è solitamente segnalata da un led sulla parte anteriore dell'unità centrale. La scheda madre, con le sue parti costituenti, è il sistema di processione dei dati (numerici, vedere sezione sul CALCOLO BINARIO nell Appendice). L'hard disk, il drive per i floppy ed il lettore CD-ROM, assieme ai loro rispettivi dischi, costituiscono le UNITA' di MEMORIA di MASSA, cioè quei supporti sui quali risiedono stringhe di dati (file) che sono prodotti e memorizzati da chi crea il sistema operativo (file di sistema), da chi produce il software (file di programma) o da noi utenti che tali programmi utilizziamo per il nostro lavoro (file di utente). La R.O.M. In una piccola area di memoria inaccessibile all'utente denominata ROM (Read Only Memory, memoria di sola lettura) sono registrati in maniera permanente alcuni programmi predisposti dal costruttore, grazie ai quali ad ogni accensione dell'elaboratore il microprocessore è in grado di eseguire il controllo automatico dell'efficienza del sistema (autodiagnostica) e il caricamento del Sistema Operativo, ossia l'insieme dei programmi registrati su disco che permette il dialogo uomo/macchina (p.e. Windows, Linux ). La R. A. M. In una zona della memoria denominata RAM (Random Access Memory, Memoria ad Accesso Casuale) - a cui il microprocessore può accedere per operazioni di lettura e scrittura avviene la memorizzazione temporanea dei dati di ingresso, di quelli in corso di elaborazione e dei programmi.

12 12 Allo spegnimento dell'elaboratore, le informazioni temporaneamente memorizzate in RAM, sono perdute, se in precedenza non sono state salvate su una memoria esterna (hard disk o altre unità di memoria di massa). E' necessario possedere molta RAM (p. e. 4 GB) per utilizzare al meglio il software che installiamo e prima di acquisire software è indispensabile controllare i" requisiti minimi di sistema" che il software stesso impone, pena il non corretto funzionamento. Il Processore Il processore, o CPU (Central Processing Unit), è il componente elettronico più importante di un elaboratore. Esso è formato da: Unità di controllo (CU) che coordina tutte le funzioni del sistema (selezione delle istruzioni, assegnazione degli indirizzi, governo del flusso dei dati). Unità Logico-Aritmetica (ALU) per l'esecuzione delle operazioni aritmetiche e logiche, attraverso le quali i dati vengono elaborati in base al programma in esecuzione. Se la quantità di calcoli da effettuare è molto consistente, come per l'uso di programmi per il disegno, la grafica, la gestione di immagini e filmati, è utile e spesso necessaria la presenza di un coprocessore matematico che, alleggerendo il lavoro della ALU, aumentando così la velocità di elaborazione del sistema. Il mercato planetario dei microprocessori ha due leader: Intel e AMD. Un processore effettua cinque operazioni elementari: 1. Somma 2. Sottrazione 3. Divisione 4. Moltiplicazione 5. Comparazione

13 13 Visto le sue capacità di calcolo può apparire un po un idiota. In realtà la sua forza sta nella velocità. Prendiamo ad esempio un processore Pentium o altra marca. La specifica che segue il nome di un processore è, per esempio, 3,5 GHz (gigahertz). Poiché Giga in informatica ha valore di miliardo possiamo dire che il processore in parola effettua 3 miliardi e 500 milioni di calcoli elementari al secondo. Collegamenti Input/Output Il collegamento con la periferica si realizza attraverso le porte I/0 (input/output) presenti sulla apposita scheda e accessibili dall esterno. La porta può essere seriale, quando i caratteri vengono trasmessi un bit per volta, o parallela, quando i bit vengono trasmessi contemporaneamente. Per poter connettere apparecchiature di produttori diversi, negli anni recenti si è affermato un nuovo standard di interfaccia seriale denominato USB (Universal Serial Bus), oggi migliorata in USB2, che consente di collegare fino a 127 dispositivi in sequenza sulla stessa porta USB, nonché altri vantaggi come alta velocità di trasferimento, connessione e configurazione rapida di nuove periferiche anche con elaboratore funzionante. Per consentire la completa indipendenza tra le operazioni I/0 e l attività della CPU, il sistema di elaborazione utilizza i bus di I/0, che sono i canali specializzati per trasferire le informazioni tra le periferiche e la memoria centrale. I bus non sono adatti per le applicazioni di tipo multimediale (immagini, suoni, filmati), si usa allora un bus locale (local bus), in grado di funzionare a velocità più elevata. Vi è sembrata dura, sin qui? Non preoccupatevi assolutamente: immaginate il computer come un robot di cucina: basta capire bene le istruzioni!

14 14 Memorie di massa e misura della memoria Tutto quello che può essere registrato su un supporto di memoria di massa si indica con il termine di file: un file può essere un testo, un programma o un archivio di dati. Le memorie di massa, o memorie esterne, sono costituite da supporti magnetici, ottici, o altro, in genere dischi, sui quali dati e programmi sono trasferiti per essere conservati in modo permanente. Esse sono caratterizzate dai seguenti parametri fondamentali: tempo di accesso espresso con i sottomultipli del secondo ( indica il tempo necessario affinché il computer trovi i dati registrati per elaborarli poi nella memoria centrale); capacità, ossia la quantità di informazioni, espressa in byte o nei suoi multipli, che il supporto può contenere; velocità di trasferimento dei dati cioè il tempo con il quale i dati vengono trasferiti dal supporto alla memoria centrale e si misura in Kbyte per secondo (KBps) o in Mbyte (MBps). L'unità di misura della memoria è il byte, che consiste di un dispositivo binario di 8 bit (BInary digit : dispositivo, appunto, capace di memorizzare un'informazione binaria, vedi sezione Calcolo Binario nell Appendice). Per quanto attiene alle capacità di memoria riferite a unità di memoria di massa o a dispositivi di memoria volatile (RAM) o altro, valgono le seguenti uguaglianze: 1 byte si indica con il simbolo B (maiuscolo) 1024 byte = 1 kilobyte si indica con il simbolo KB 1024KB = 1 megabyte si indica con il simbolo MB 1024MB = 1 gigabyte si indica con il simbolo GB 1024GB = 1 terabyte si indica con il simbolo TB L'elaboratore, per effettuare le operazioni di lettura e scrittura, dispone di una o più unità di Input/Output (drive) destinate ad accogliere i dischi. Attraverso i drive è possibile effettuare la lettura e il trasferimento in memoria centrale dei programmi residenti su disco sul quale, al termine del processo di elaborazione, potranno essere memorizzati i risultati finali che altrimenti, data la caratteristica di volatilità della memoria RAM, andrebbero perduti. Quando manca la corrente elettrica tutte le operazioni in corso, se non salvate, saranno perse!

15 15 I drive sono così classificati: UNITA' A DISCO FLESSIBILE (floppy disk, ormai obsoleto): L'elaboratore, per comunicare con l'esterno, deve avere almeno una unità a disco flessibile, attraverso la quale leggere e scrivere informazioni su dischi asportabili (floppy disk). I floppy disk drive installati sull'elaboratore devono essere compatibili con i tipi di disco utilizzati i quali, realizzati su supporti plastici con entrambe le facce magnetizzate, sono disponibili in due differenti formati e diverse capacità di memorizzazione, come di seguito precisato. Diametro Capacità di memorizzazione 5.25 pollici fanno parte della storia 3.5 pollici 720 KByte (storico) 3.5 pollici 1.44 Mbyte attualmente ancora in uso (sempre più rari). I Floppy disk sono stati il primo supporto pensato per i personal computer. I primi PC avevano due drive per floppy: Nel primo, quello di boot, si inseriva il floppy con il Sistema Operativo, nel secondo un applicativo oppure un floppy per memorizzare i file personali. I primi Home Computer (Commodore, Vic20 ecc.) utilizzavano registratori a cassette (del tipo musicale) detti datassette (chiedete ai nonni ). I primi drive per floppy disk accettavano dischetti da 5,25 " (cinque pollici e un quarto) che avevano una capienza modestissima (secondo gli standard di oggi) cioè circa caratteri. Oggi si utilizzano dischetti di dimensione 3,5" (tre pollici e mezzo) che contengono 1,44 Megabyte (un milionequattrocentoquarantamila byte circa), ma precedentemente, lo stesso tipo di dischetto aveva una capienza di byte (720 Kbyte). PENDRIVE USB Una chiave USB o chiavetta USB è una memoria di massa portatile di dimensioni molto piccole (qualche centimetro di lunghezza e intorno al centimetro in larghezza) che si collega al computer mediante la comune porta USB. UNITA ' A DISCO RIGIDO (hard disk): Formati da più dischi di metallo, questi sono ricoperti da uno strato di materiale magnetico ed hanno ognuno una testina di lettura e scrittura. I dischi ruotano a molte migliaia di giri/minuto (rpm = rotazione per minuto) e la testina rimane vicinissima al supporto magnetico ma senza mai toccarlo per non rovinarlo.

16 16 L'Unità a disco rigido è un dispositivo di lettura/scrittura posto all'interno dell unità centrale dell'elaboratore, in cui sono collocati uno o più dischi magnetici a doppia faccia di diametro 3.5 oppure 5.25 pollici con capacità di memorizzazione variabile da 80 a 200 Gigabyte e più. L'hard disk (o disco rigido) è un'unità di memorizzazione di massa che permette di conservare (salvare) una grande quantità di dati anche a computer spento. I dati sono scritti sulla superficie di uno dei dischi (chiamato piatto), attraverso un sistema di elettromagnetismo, dove sequenze di punti magnetici O L ASSENZA DI ESSI stabilisce sequenze di informazioni in forma BINARIA (vedere "IL CALCOLO BINARIO" nell Appendice). L' hard disk, oltre alla grande capacità di memorizzazione, consente di registrare dati e programmi, suddividendoli con criteri di omogeneità, su un unico supporto che garantisce rapidissimi tempi di accesso alle informazioni. Da quando i sistemi operativi (per esempio Windows o linux o Mac) ed i programmi in genere, sono diventati sempre più esosi in termini di spazio occupato, il disco rigido viene chiamato a supplire la RAM eventualmente mancante (utilizzo dell'hard disk come memoria virtuale; questa azione viene definita in gergo: swappare), pertanto un hard disk di ottima qualità e molto veloce nell'accesso deve diventare una necessità all'atto dell'acquisto di un P.C.: diversamente si troverà una strozzatura che limiterà fortemente le capacità globali di una macchina. Importanti divengono le caratteristiche di un disco rigido: scegliere maggiore la velocità di rotazione, il tempo di accesso ai dati. CD-ROM, CD-R, CD-RW- DVD DVD ± RW Il CD-ROM (Compact Disk- Read Only Memory) è un supporto di tipo digitale del tutto simile al suo omologo musicale: è leggibile da un raggio laser e non è scrivibile o riscrivibile. Il CD-R (Compact Disk Recordable, vergine) può essere scritto una sola volta da un utente dotato di apposito masterizzatore (vedi) oppure si può aggiungere man mano dati (masterizzare in multisessione). E' un supporto di plastica rigida che riveste una sottile lamina metallica. Il tutto ha uno spessore di 1,2 mm. ed ha un foro centrale di 15 mm. di diametro. Può contenere 650 MB di dati (dato riferito ai CD-R cosiddetti informatici) cioè di testi, di grafica, video e musica. Va utilizzato con apposito lettore. I CD-ROM da 700 MB definiti "CD-R musicali" anche se possono contenere normalissimi dati. I dati vengono "incisi" sul disco creando avvallamenti sulla superficie di registrazione per mezzo di un fascio di raggi laser controllato con grande precisione. I dati vengono scritti partendo dalla parte più interna del disco verso l'esterno del cd.

17 17 I dati originali vengono implementati da una serie di informazioni di correzione prima di essere trascritti sul supporto ottico, il che permette di interpretare correttamente eventuali dati danneggiati da righe prodotte sulla superficie del disco. La velocità di trasferimento dati di un lettore di cd-rom si esprime in multipli di quella di un normale CD Audio (150 KB per secondo). Per esempio: 52 X. L'indicazione fornita dal costruttore corrisponde solitamente alla massima velocità di trasferimento raggiungibile dal lettore CD-ROM, anche se, durante la lettura, tale velocità non è costante ma varia a seconda della porzione del disco a cui il lettore CD-ROM deve accedere, considerato che la parte più interna, a parità di velocità, gira più lenta di quella esterna. Il CD-RW (Compact Disk ReWritable) può essere riscritto più volte ma necessita di particolari formattazioni iniziali (vedere manuali allegati al masterizzatore). Questi Cd permettono sia la memorizzazione sia la cancellazione e la riscrittura dei dati; possono essere scritti e cancellati più volte, ma sono soggetti all usura: dopo un centinaio di riscritture il CD potrebbe dare problemi nel funzionamento. Contengono in genere 550 MB circa. Praticamente questi CD sono dei veri e propri hard disk di piccole dimensioni e piccole capacità. Questi dischi non possono essere scritti dai masterizzatori normali e non possono neanche essere letti da tutti i lettori, soprattutto da quelli un di vecchia data. DVD e DVD ± RW DVD e DVD ± RW (Digital Versatile Disk e ReWritable) è un supporto in plastica simile ad un normale CD che permette però di memorizzare una quantità di dati da 6 a 17 volte superiori rispetto a questi (in genere 4,7 GB). Questo è dovuto ad una più sottile realizzazione delle tracce rispetto al Compact Disc. Anche la rotazione dei DVD Video è maggiore rispetto ai convenzionali CD percorrendo 3,49 metri al secondo rispetto ai 1,2 metri al secondo del CD. Nonostante questa grande quantità di spazio disponibile non era ancora sufficiente con la normale memorizzazione dei dati contenere un film intero con diverse colonne sonore, multilingue e con svariati sottotitoli. Si è così dovuto studiare un sistema capace di comprimere i fotogrammi e l'audio in uno streamer di dati digitali. L MPEG (Moving Picture Expert Group) ha così elaborato un algoritmo dinamico in grado di comprime i dati fino a 10 volte mantenendo un'eccellente qualità video e audio.

18 18 Le memorie di massa assumono delle denominazioni (vedi: Denominazione delle memorie di massa ) necessarie alla loro identificazione. MASTERIZZATORE La necessità di immagazzinare quantità crescenti di dati come immagini ad alta definizione, suoni e video, ha favorito l'affermarsi di supporti più capaci ed affidabili dei comuni floppy disk da 1,44 megabyte, e di tecniche di salvataggio dei dati più evolute rispetto alla vecchia scrittura magnetica dei floppy disk e degli hard disk. A questo scopo nascono strumenti come il disco ottico, che nato come supporto puramente audio nel 1981, si è evoluto in forme diverse che ora vanno dal CD al moderno DVD (Digital Versatile Disc). Il processo con il quale il compact disc viene scritto direttamente mediante un raggio laser, viene detto masterizzazione. Questa procedura, non è più prerogativa di laboratori specializzati, ma è diventata molto comune e la qualità della memorizzazione è inoltre stata notevolmente migliorata. Il masterizzatore è una periferica in grado di registrare su un supporto ottico: (CD-R= Compact Disc Recordable o DVD-R= Digital Versatile Disk Recordable, vedi) crea cioè, su di un supporto vergine, CD- ROM contenenti dati oppure CD Audio tradizionali (oppure, naturalmente, DVD). Attualmente i masterizzatori hanno adottato un sistema di sicurezza per la scrittura dei CD-R chiamata protezione buffer underrun. Va sottolineato che il buffer di memoria più è grande meglio è (da 2 a 8 e più Mb). Se acquistate un masterizzatore informatevi prima che sia compreso nella confezione anche il software che lo farà funzionare e, soprattutto, che realizzi ciò che vorrete fare! MASTERIZZARE Come già detto il masterizzatore utilizza un laser. Questo, incide una serie di forellini microscopici e sequenziali chiamati "pits" nei CD. Gli spazi tra i pits sono chiamati "lands" e le sequenza dei pits e dei land formano lunghissime stringhe che decodificate danno origine ai dati: fotografie, suoni, fogli di calcolo, fogli elettronici, interi programmi ecc.

19 19 Stampanti Nonostante si dica che, con l uso del computer, l ufficio del futuro sarà privo di carta, per ora la stampante è il complemento essenziale di ogni computer. Nel tempo ha subito numerosi e notevoli cambiamenti tecnologici, che ne hanno agevolato la diffusione e l uso. Dopotutto è ancora più facile stampare su carta una lettera che registrarla su un CD-ROM, ed è più rapido trovarla in una cartellina all'interno di un raccoglitore che in un archivio digitalizzato. Ed è ancora più economico. Le stampanti di alcuni anni fa erano ingombranti, rumorosissime e lente. Ne esistevano solo due tipi: a caratteri (con una testina identica a quelle delle macchine da scrivere elettroniche) o a matrice di punti. Con le prime, molto più costose, si potevano produrre lettere e documenti di buona qualità (identiche a quelle prodotte da una macchina da scrivere, appunto), mentre le seconde servivano a produrre tabulati su moduli a carta continua, spesso dalla lettura abbastanza difficile. Oggi le stampanti a getto d inchiostro e le laser consentono, le prime, stampe a colori anche di qualità fotografica e, le seconde, stampe in bianco/nero di qualità tipografica. Sistemi operativi e software L insieme delle apparecchiature, dei circuiti delle memorie, dei cavi, degli interruttori forma un sistema di elaborazione che, come abbiamo visto nel primo capitolo, si chiama hardware. Essa costituisce la parte fisica del computer e delle sue periferiche. Per poter funzionare il computer ha bisogno anche di una parte non fisica, detta software. Il principale ed il primo software che occorre installare in un personal computer è il sistema operativo. Grazie ad esso le parti hardware funzioneranno armonicamente, comunicando tra di loro. E noi, gli utenti, grazie al sistema operativo possiamo interagire con la macchina, che ora comprenderà le nostre intenzioni e lavorerà per noi. Il sistema operativo consente, tra l altro, di installare dell utente. software aggiuntivo, secondo la volontà Il Sistema Operativo costituisce quello che spesso viene definito software di base o software di sistema. Le principali funzioni del sistema operativo sono così riassumibili: gestione di tutta l'unità centrale, dell'elaborazione dati, dell'ordine dei processi in esecuzione, dei sistemi di input/output quindi anche delle periferiche, integrazione di altri programmi applicativi, inizio e fine sessione di lavoro. Il software comprende: il sistema operativo; i programmi di utilità;

20 20 i linguaggi di programmazione e i programmi di supporto per il programmatore; i programmi applicativi e i programmi scritti dall utente; gli strumenti, indicati spesso con il termine inglese tools. i videogiochi I sistemi operativi più noti e più semplici da utilizzare sono: Windows di Microsoft e Linux (io prediligo la distribuzione UBUNTU oppure i calcolatori Mac con il loro S.O.). Le versioni Windows più famose che si sono succedute nel tempo sono 3.1, 95, 98, 98 Seconda Edizione (98 SE), Millennium Edition (ME), NT, 2000, XP, Vista, Windows 7 e Windows 8 (in arrivo al momento della revisione del testo che data 2008). Una parte dei programmi esistenti sulla rete Internet sono freeware, cioè sono distribuiti gratuitamente, senza alcun costo economico per l utente, se non quello delle spese di connessione necessarie al download. Altri vengono definiti Open source (il codice con il quale sono stati compilati è disponibile per chiunque) e, nella maggior parte dei casi, sono anch essi gratuiti. Altri software stanno un po' nel mezzo: sono gratuiti, ma occorre una registrazione online per ottenere via un numero seriale di licenza. Tale numero o codice sarà richiesto in fase di installazione. Dalla registrazione l'azienda trae il nominativo e l' di un possibile consumatore di prodotti o servizi di cui darà sollecita informazione. Oppure il software installato mostra una finestra pubblicitaria (banner) prendendo così il nome di adware. Windows Il sistema operativo più semplice da adoperare per l'utilizzatore medio ed il più diffuso nel mondo. Gli argomenti trattati sono relativi all'uso dei comandi più importanti Il sistema operativo Microsoft Windows gestisce le risorse hardware e software di un sistema di elaborazione, consentendo all utente di riferirsi a dette risorse con comandi simbolici o rappresentazioni grafiche (icone), offrendo così un interfaccia di tipo grafico facilmente utilizzabile da chiunque.

21 21 I moduli di Windows includono tutte le funzioni fondamentali di un sistema operativo, inoltre Windows comprende moduli per gestire reti locali, Internet, strumenti multimediali. Nelle versioni più recenti Windows si è integrato in modo completo con l accesso alla rete Internet. Il sistema Windows è pensato in modo da dare la sensazione, all utente, di avere dinnanzi una scrivania virtuale. Si clicca sugli oggetti posti sulla scrivania (icone) e si aprono e chiudono finestre così come si spostano i documenti reali, li si elabora, li si archivia. Vi sono poi altri oggetti che ricordano quelli abitualmente in uso negli uffici, quali il cestino per eliminare i documenti che non servono più. In pratica le icone rappresentano le applicazioni che possono essere avviate dall utente; le finestre sono i programmi attivi; in basso la barra delle applicazioni indica i lavori aperti sulla scrivania. L aspetto della scrivania è personalizzabile a discrezione dell utente, che può disporre diversamente le icone, modificare lo sfondo, eccetera. La semplicità dell uso del sistema operativo con interfaccia grafica si basa sul mouse, ormai presente in ogni computer. Di norma con il tasto sinistro (il più usato) del mouse si spostano o si attivano i menu e le icone. Il tasto sinistro serve a: fare una scelta (clic); selezionare e/o trascinare (pulsante premuto); attivare un programma (doppio clic). Con il tasto destro del mouse si accede ai menu di scelta rapida (menu contestuale), al menu generale dell oggetto puntato, ovvero alle caratteristiche dell icona o ai programmi di configurazione annessi all oggetto stesso. Nella parte bassa della scrivania è collocata la barra delle applicazioni, che contiene il tasto di Start, l orologio e l elenco delle applicazioni attive in icona. Di norma essa contiene anche la regolazione del volume, se è presente una scheda audio e l icona della stampante quando è attivo il gestore delle stampe ( Print Manager) o il livello della batteria nei sistemi portatili. L inserimento di una barra delle applicazioni consente all utente di ricordarsi di quali fogli ha messo sulla scrivania, che corrispondono alle finestre, e di poter in qualsiasi momento attivarle con un semplice clic sulla barra delle applicazioni.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo Lezione 1 Obiettivi della lezione: 1 Cos è un calcolatore? Cosa c è dentro un calcolatore? Come funziona un calcolatore? Quanti tipi di calcolatori esistono? Il calcolatore nella accezione più generale

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni)

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) 12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) Ogni file è caratterizzato da un proprio nome e da una estensione, in genere tre lettere precedute da un punto; ad esempio:.est Vi sono tuttavia anche

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file 1 di 1 Uso del computer e gestione dei file Argomenti trattati: Sistema operativo Microsoft Windows: interfaccia grafica e suoi elementi di base Avvio e chiusura di Windows Le FINESTRE e la loro gestione:

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

Manuale di gestione file di posta Ver4.00

Manuale di gestione file di posta Ver4.00 AreaIT - Servizio Servizi agli Utenti Ufficio Office Automation Manuale di gestione file di posta Ver4.00 Introduzione: Per un corretto funzionamento del programma di posta elettronica, presente nella

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE INTRODUZIONE BENVENUTO Benvenuto in SPARK XL l applicazione TC WORKS dedicata al processamento, all editing e alla masterizzazione di segnali audio digitali. Il design di nuova

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Guida alla migrazione da Windows XP a Linux

Guida alla migrazione da Windows XP a Linux 2014/04/13 20:48 1/12 Guida alla migrazione da Windows XP a Linux Guida alla migrazione da Windows XP a Linux Introduzione Il prossimo 8 aprile, Microsoft cesserà il supporto e gli aggiornamenti per Windows

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia

Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia Informazioni generali Questo manuale fornisce informazioni e istruzioni per l ascolto e la creazione

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Manuale dell'amministratore

Manuale dell'amministratore Manuale dell'amministratore di LapLink Host 2 Introduzione a LapLink Host 4 Requisiti per LapLink Host 6 Esecuzione dell'installazione silent di LapLink Host 8 Modifica del file di procedura per l'installazione

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Per Iniziare con Parallels Desktop 10

Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Copyright 1999-2014 Parallels IP Holdings GmbH e i suoi affiliati. Tutti i diritti riservati. Parallels IP Holdings GmbH Vordergasse 59 8200 Schaffhausen Svizzera

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

La Struttura dell'elaboratore

La Struttura dell'elaboratore La Struttura dell'elaboratore CHE COS' E' UN COMPUTER? Un computer è un apparecchio elettronico che, strutturalmente, non ha niente di diverso da un televisore, uno stereo, un telefono cellulare o una

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series 1 Stampanti HP Deskjet 6500 series Per trovare la risposta a una domanda, fare clic su uno dei seguenti argomenti: HP Deskjet 6540-50 series Avvisi Funzioni speciali Introduzione Collegamento alla stampante

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

ipod shuffle Manuale Utente

ipod shuffle Manuale Utente ipod shuffle Manuale Utente 1 Indice Capitolo 1 3 Informazioni su ipod shuffle Capitolo 2 5 Nozioni di base di ipod shuffle 5 Panoramica su ipod shuffle 6 Utilizzare i controlli di ipod shuffle 7 Collegare

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

ipod nano Guida alle funzionalità

ipod nano Guida alle funzionalità ipod nano Guida alle funzionalità 1 Indice Capitolo 1 4 Nozioni di base di ipod nano 5 Panoramica su ipod nano 5 Utilizzare i controlli di ipod nano 7 Disabilitare i controlli di ipod nano 8 Utilizzare

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

ECDL - Modulo 1 - Concetti base delle tecnologie ICT

ECDL - Modulo 1 - Concetti base delle tecnologie ICT ECDL - Modulo 1 - Concetti base delle tecnologie ICT Roberto Albiero 1. Concetti generali 1.1 Hardware, Software, Tecnologia dell Informazione Chi avrebbe pensato, solo quindici anni fa, alla possibilità

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli