della Parrocchia SS. Nazaro e Celso Bresso SQUILLA Ricordando don Giuseppe Anno LXXXIII - Numero 12 - Dicembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "della Parrocchia SS. Nazaro e Celso Bresso SQUILLA Ricordando don Giuseppe Anno LXXXIII - Numero 12 - Dicembre 2012"

Transcript

1 la Mensile della Parrocchia SS. Nazaro e Celso Bresso SQUILLA Ricordando don Giuseppe Anno LXXXIII - Numero 12 - Dicembre 2012

2 CAPPELLETTI CARTOTECNOLOGIE SNC CARTOLIBRERIA GIOCATTOLI - ARTICOLI REGALO GIOCHI PIRICI Sede Legale e Operativa Via Centurelli, BRESSO (Mi) Tel./Fax Seconda Sede Operativa Via S.Francesco d Assisi, BRESSO (Mi) Tel./Fax FERRAMENTA - UTENSILERIA - ELETTRICITÀ Sala & Magni s.r.l. FORNITURE e ATTREZZATURE INDUSTRIALI Bresso (Milano) Via A. Manzoni, 28 - Tel Servizi Funebri Nebuloni s.r.l. Funerali - Cremazioni Trasporti Nazionali ed Internazionali Servizio continuato 24 h su 24 Via Fulton, 12 - Milano Tel. e Fax Diurno - Notturno Viale Affori, 11 - Milano Onoranze Funebri BERNA di PEREGO ELVEZIO Via Vittorio Veneto, 41 - Tel. 02/ Notturno 02/ / CONCESSIONARIO AUTORIZZATO DI COCCINELLE THE BRIDGE PIERO GUIDI CALVIN KLEIN ROCCO BAROCCO BIBLOS CROMIA SAMSONITE PIQUADRO MANDARINA DUCK KIPLING RAINBOW GATTINONI BLUGIRL - HANDBAGS

3 la parola del parroco Benedizioni delle famiglie in un anno duro L albero di Natale del condominio Si è sempre in tempo per accendere la speranza Entro coi chierichetti nel palazzo che oggi visitiamo, portando la benedizione del Signore e gli auguri di Natale. È buio: ai primi di dicembre alle 18 è già notte. Ma don, qui non c era sempre un albero di Natale nel giardinetto di questo palazzo? : i chierichetti sono acuti osservatori. Lo noto anch io: quest anno l albero c è ancora, ma niente luci e niente decorazioni. Saliamo all ultimo piano e suoniamo il primo campanello: No, mi spiace, sono in casa da sola e non apro dice una voce femminile. Auguri lo stesso, signora!. Un secondo campanello: nessuno risponde. Eppure si sentono rumori in quella casa: Qualcuno c è, ma non apre dice il chierichetto, e lascia l immaginetta sulla porta. Al piano di sotto una signora apre con un largo sorriso. Sorrido anch io: Meno male, qualcuno c è. La signora sembra leggermi nel pensiero: Vede reverendo, troverà poca gente. Tre famiglie se ne sono andate: non riuscivano più a pagare l affitto -questo lo sussurra, come se la sentissero-. Una abitava qui di fronte, non suoni nemmeno. I più giovani invece sono al lavoro: hanno certi orari, poveretti, questi qui di sotto... Viene distratta dal chierichetto che fissa un bel piatto da centrotavola colmo di torroncini: Tè, bel fieou! e gli riempie la tasca di dolci. Si stempera il clima e si prega, fiduciosi, insieme. Piano di sotto: la giovane coppia, come annunciato, non c è. Poi, scendendo ancora, le porte si aprono più numerose; spesso sono prontamente chiuse alle nostre spalle ( Sarà perché il riscaldamento costa penso, ma senza troppa convinzione). L accento cade sul 3 lavoro che traballa o che manca, sulle scandalose diseguaglianze sociali ( Eh, don, i ricchi sono ricchi e basta! ), sulla classe politica inaffidabile; per tutti, sulla salute e sugli affetti. I più anziani ricordano con riconoscenza il nostro don Giuseppe appena scomparso. Qualcuno nota amaramente che le buste con l avviso del nostro arrivo sono state portate via dalle caselle: succede ogni tanto con la posta ed è qualcuno di qui!. In ogni casa comunque si prega, offrendo a Dio il nostro smarrimento unito alla nostra fragile speranza. E troviamo acceso il cero d Avvento, consegnato alle famiglie la prima domenica di questo tempo d attesa fiduciosa. Al piano terra una famiglia straniera apre appena uno spicchio d uscio: compare curioso anche un bambino. Non capiscono come mai un prete è lì, basta un sorriso e un ciao. Un altra famiglia apre ma dice ferma: No, non siamo interessati alla benedizione e chiude. Il chierichetto mi guarda. Uscendo penso: Quest anno, insieme alla consueta benevolenza di tanti, quanta amarezza e diffidenza! E anche più porte chiuse. Mancando la speranza, ci siamo rinchiusi, si è smorzata la solidarietà tra i vicini, la corresponsabilità sociale e la fiducia nella Provvidenza. Chi l anno scorso aveva decorato di luci l albero per tutto il caseggiato, a tutt oggi non si è sentito di farlo. Fra poco sarà Natale, il Natale di Dio con noi. Si è ancora in tempo, si è sempre in tempo per accendere la luce della speranza per tutti. Don Angelo, don Gianfranco, don Pierpaolo e il seminarista Andrea (e i chierichetti)

4 la nostra comunità Rinati al fonte battesimale CADEI Martina Maria PISCOZZI Sara Sposati nel Signore Riposano in Cristo ZILIOLI Mario di anni 79 CARUSO Salvatore di anni 83 CASSAMAGNAGHI Renata di anni 87 MANTOVANI Maura di anni 59 SALA Luigi di anni 81 DE LUCCHI Ado di anni 89 REGORDA Lucia di anni 74 STRADA Giuseppe di anni 87 CORRADO Alberto di anni 81 SALA Carlo di anni 73 MONTELEONE Francesco di anni 63 BASSI Laura di anni 78 PAGANI Andrea di anni 75 Legati del mese di dicembre 1 ore 9 Famiglie CAVENAGO e FUMAGALLI 4 ore 7 BRAMBILLA Giulio 5 ore 9 DONZELLI Alfonso e COMI Ester ore BRAMBILLA PISONI Isa e CONTI Gianluigi 10 ore 7 MAZZOLA Silvio e Claudina 11 ore 9 CAVENAGO Giuseppina, Federico e suor Federica 12 ore 9 DONZELLI Adele e Lodovico 14 ore 9 GIUSSANI Luigi e RISI Giulia 17 ore 7 BRAMBILLA Agostino e ALZATI Giustina e Giuseppina 18 ore 7 ANNONI Paolo 21 ore 9 Famiglia BRASCA 29 ore 9 BRAMBILLA PISONI Carletto e LOVATI Giuseppina 31 ore 9 SAVINI Ambrogio e Giuseppina Legati del mese di gennaio 2 ore 9 GALIMBERTI Alice 3 ore CAVENAGO Pia e Rosa 8 ore 7 SAVINI Luigi e ORIANI Maddalena 9 ore 9 BOTTINI Carolina e GRANELLI Carlo 11 ore 9 ROSSONI Giuseppe e COMOTTI Pierina 14 ore 7 PEDRETTI Angelo, DONZELLI Giulia, Aldo e Iride ore 9 DONZELLI Chiara e Suor Chiara 15 ore CARROZZI Giulio e Maria Per verificare il calendario 2013 dei legati in suffragio dei defunti il Parroco chiede ai parenti - qualora non l avessero già fatto gli scorsi anni - di passare in Segreteria Parrocchiale (lun-ven h ). 4

5 notiziario La morte di don Giuseppe Huonder La notizia è giunta in parrocchia come un fulmine: Don Angelo, sono Carla, la sorella di don Huonder. Telefono per dirvi che il cuore di don Giuseppe ha ceduto. Il dolore è stato unanime tra la nostra gente: leggendo l annuncio subito esposto alle porte della chiesa, non c è stata persona che non provasse insieme un dispiacere forte e un ricordo dolce. I 21 anni passati tra noi ( ) sono stati per tutti un segno della paternità di Dio per questa nostra città. Il Rosario che abbiamo pregato domenica 25 novembre, affidandolo a Dio, ha colmato la sua chiesa di gente che aveva un debito nei confronti di questo sacerdote buono e sapiente. Anche il parroco attuale, che gode i frutti della sua seminagione a Bresso, già ne era stato successore a Gorgonzola, nel cui oratorio s. Luigi entrambi avevano iniziato a camminare come preti, in tempi diversi: don Giuseppe nel 53, l attuale parroco nell 85. La parrocchia ha predisposto un pullman che si è prontamente riempito per i funerali a Lecco, lunedì 26; altri bressesi sono giunti in auto; e si sono uniti ai molti preti presenti alle esequie, ai lecchesi, e alla gente di Gorgonzola e di Cinisello (dove don Giuseppe fu parroco dal 1970 al 1984). La redazione della Squilla, da lui amata e diretta per 21 anni, si è aggiunta al cordoglio e alla riconoscenza e ha affidato a due sacerdoti che hanno accompagnato i passi bressesi di don Huonder il ricordo e la riconoscenza. Ricordandolo, pensiamo che una vita così è davvero una vita ben spesa. Dio conceda a tutti, ognuno nella propria vocazione, di spendere così la propria avventura umana. GIOVEDÌ 27 DICEMBRE NELLA S. MESSA DELLE ORE 9 RICORDEREMO I NOSTRI PARROCI DON GIUSEPPE HUONDER E DON GIUSEPPE RE DIONIGI L evento del Milano Family non si consuma: si approfondisce Un evento non si consuma: si approfondisce. E un evento come l Incontro mondiale delle famiglie merita attenzione ben oltre il suo svolgersi. Così i Gruppi famigliari delle nostre parrocchie bressesi -che si riuniscono mensilmente all oratorio- hanno voluto riprendere le parole del Papa consegnateci lo scorso giugno. Così è stata occasione di far risuonare il suo magistero dentro le nostre esperienze di famiglia: le risposte alle domande della Festa delle Testimonianze e l Omelia della Messa a Bresso e le parole alla città dette dal Papa al mondo della politica e della cultura a Milano. Molte famiglie e molti singoli si sono accostati a questi appuntamenti: nella chiesa è doveroso ascoltare il magistero per orientare la nostra fede, ma è altrettanto doveroso dialogare tra noi e ascoltare la vita dei semplici fedeli laici nelle loro varietà di storie. Non solo ci si accorge così della saggezza del magistero, ma ci si accorge della bellezza dell azione dello Spirito nella vita di molti. Un esempio di metodo che va continuato anche nel futuro. 5

6 notiziario Il 12 gennaio inizia il percorso VERSO LA CRESIMA PER GLI ADULTI nella Parrocchia della Madonna della Misericordia Contattare la Parrocchia della Madonna della Misericordia Il 19 gennaio inizia il percorso VERSO IL MATRIMONIO CRISTIANO nella Parrocchia dei santi Nazaro e Celso Le iscrizioni in segreteria parrocchiale (lun-ven h ) Con un colloquio di conoscenza reciproca col parroco SABATO 15 dicembre 2012 ore presso l ORATORIO SAN GIUSEPPE Santi vicini. Mariacristina, una sposa, una madre. Mariacristina Cella Mocellin, moglie e madre di Cinisello, ha impostato la sua vita all insegna della fede e del dono. Perciò è in corso il suo processo di beatificazione Con la testimonianza di Carlo Mocellin marito di Mariacristina I partecipanti al corso verso il matrimonio cristiano dell autunno Buon cammino, ragazzi! 6

7 notiziario 7

8 notiziario 8

9 notiziario 3ª età Gruppo parrocchiale Terza Età Programma attività mese di Dicembre Giovedì 6: Ore 15 Festa di compleanno Sabato 8: Ore 15,30 in Chiesa: Rosario a cui seguirà l omaggio floreale alla Castela Giovedì 13: Ore 15 Ricreativo. In...canto: Auguri e canti di Natale Giovedì 20: Ore 15 Tombolata di Natale ***** ***** A tutti l augurio di un Santo Natale di gioia e di un Nuovo Anno che porti pace nei cuori per diffonderla nel mondo. Presso le Acli: MOSTRA STRAORDINARIA DI LAVORI ARTIGIANALI di maglia, taglio e cucito a cura delle nostre mamme e nonne Il nostro contributo al servizio dei più deboli 9

10 vira parrocchiale Il nostro don Gianfranco ricorda don Giuseppe Mi ha insegnato a gustare la bellezza di essere prete Un discepolo innamorato del Signore Gesù. Un lavoratore instancabile nella vigna del suo Signore. Un pastore buono di don Gianfranco Radice Insieme a don Giuseppe ho condiviso la vita di questa comunità parrocchiale per ben diciassette anni e quindi mi sento di dire oggi che lui è stato per me un padre, un amico e soprattutto un maestro che mi ha insegnato a gustare sempre di più la bellezza di essere prete. Per questo dono non cesserò mai di ringraziare il Signore. Che cos è stato per noi don Giuseppe? È stato un discepolo innamorato del Signore Gesù. È stato un lavoratore instancabile nella vigna del suo Signore. È stato un pastore buono sempre a disposizione delle pecorelle a lui affidate. Discepolo innamorato: bastava vederlo pregare o incontrarlo in confessionale per riconoscere in lui quella mitezza che Gesù ci ha insegnato, quella gioia di vivere che si esprimeva in entusiasmo per la vita e per tutte le cose belle. Lavoratore instancabile: riteneva che i suoi malanni fisici fossero cosa da poco a fronte dell urgenza degli impegni che gli venivano dalla sua responsabilità pastorale. Nel suo operare si ispirava alla spiritualità ignaziana e agiva come se tutto dipendesse da Dio e come se tutto dipendesse da te. Pastore buono: con semplicità e letizia (come dimenticare il suo caratteristico sorriso?) viveva, giorno dopo 10 giorno, le opere di misericordia. Basti dire che, in casa parrocchiale, telefono e citofono squillavano continuamente e che lui, come se niente fosse, era sempre disponibile per tutti. Don Giuseppe spezzava per noi il Pane della Parola dopo averla a lungo meditata e ruminata. L ha fatto senza dar mai l impressione di possedere in tasca la verità, anzi sempre pronto a cercarla insieme a tutti.

11 vita parrocchiale Spezzava per noi il Pane dell Eucaristia, davanti alla quale trascorreva lunghe ore in adorazione, perché diventasse nutrimento per la nostra vita. Pertanto è stato un segno di comunione viva in mezzo a noi con la sobrietà del suo stile e le scelte di ogni giorno, tenendo aperta la porta della sua casa a tutti, andando a cercare chi lo chiamava o chi sapeva trovarsi nella sofferenza; riservando a ognuno il suo tempo in ascolto autentico, e una parola che toccava il cuore. Gesù nel vangelo dice: Chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha la vita eterna e non va incontro al giudizio, ma è passato dalla morte alla vita. Ecco in che modo siamo stati invitati a guardare alla vita e alla morte dal nostro caro don Giuseppe: con la serena certezza che ora egli è entrato per sempre nella vita di Dio. E ora, senza dubbio, gli fanno festa tutti i suoi parrocchiani che lo hanno 11 preceduto e che egli ha accompagnato in quel passaggio difficile e oscuro; quanti egli ha riconciliato con Dio, tutti quelli che sono stati da lui aiutati a seguire il Signore Gesù.

12 vira parrocchiale Un coadiutore ricorda il suo primo parroco Ha amato in ogni circostanza Ho sempre avuto l impressione di un uomo che non ha mai cercato nulla, ma ha obbedito sempre di don Alessandro Fusetti La memoria è come un fiume: nel suo alveo scorrono continuamente ricordi. Ci sono momenti di magra: sembra che non ci sia nulla da ricordare. Ci sono momenti di piena: i ricordi diventano come l acqua che ci invade. Ricordiamo continuamente fatti, parole, espressioni, sensazioni legati a un volto, a un momento, a una circostanza. È ciò che sta accadendo a me in queste ore segnate dalla Pasqua di don Giuseppe. Ma un fiume in piena è pericoloso: bisogna rafforzare gli argini per evitare che la gran massa d acqua diventi un onda che mette sottosopra tutto. Così i ricordi: hanno bisogno di essere interpretati correttamente e raccontati con ordine e pacatamente affinché non mettano sottosopra il cuore ma, al contrario, facciano nascere nell intimo un moto di riconoscenza e un desiderio di vivere meglio la vita terrena che ci è donata. Ma come mettere in ordine tutta la fiumana dei ricordi di queste ore? 12 Mi faccio guidare dall immaginetta commemorativa del suo cinquantesimo di ordinazione sacerdotale. Don Giuseppe aveva scelto di mettere le immagini delle chiese della sua vita: la basilica di San Nicolò di Lecco, le chiese di Gorgonzola, di Cinisello e di Bresso. Don Giuseppe nella sua vita ha amato molto. Ha amato in ogni circostanza. Questa è la prima cosa da ricordare. Non era un uomo perfetto: ha fatto sbagli, aveva difetti... ma occorre riconoscere che ha amato sempre. In don Giuseppe (anche nei suoi sbagli) non c era cattiveria. Ha amato la Chiesa ambrosiana: c è una foto in cui, sulla porta della chiesa di Bresso, accoglie il Card. Martini in visita pastorale. È impressionante vedere come don Giuseppe guarda il suo Arcivescovo: con ammirazione. Don Giuseppe conservava anche una foto simile che lo ritraeva con il Card. Montini: stesso sguardo. Don Giuseppe era un prete che ha amato la Chiesa, i suoi pastori, la sua gente. La frase messa tra quelle immagini era: Gesù mi disse: Giuseppe, va e annuncia la lieta notizia. E così ha fatto. Ha obbedito. Ritengo che il Signore mi abbia fatto un dono enorme: i miei primi sette anni di vita sacerdotale passati con un uomo che non aveva in mente onori, titoli, carriere. Ho sempre avuto l impressione di una persona che non ha mai cercato nulla, ma ha obbedito sempre. Oggi obbedienza è ritenuta da molti parola sterile, atteggiamento che non porta a nulla. Ma se osservassimo la pace, la serenità, la lucidità con cui don

13 vita parrocchiale Giuseppe ha vissuto gli ultimi anni e mesi della sua vita, allora dovremmo considerare che obbedire a Dio è atteggiamento promettente per la vita. E poi la preghiera che c era sul retro dell immaginetta. Santa Maria, Madre di Dio, conservami un cuore di fanciullo, puro e limpido come sorgente. Ottienimi un cuore semplice, che non si ripieghi sulle proprie tristezze; un cuore generoso nel donarsi, pieno di tenera compassione; un cuore fedele e aperto, che non dimentichi alcun bene, e non serbi rancore di alcun male. Creami un cuore dolce e umile, che ami senza esigere d essere riamato, felice di sparire in altri cuori sacrificandosi davanti al tuo Figlio divino. Un cuore grande e indomabile, che nessuna ingratitudine possa chiudere e nessuna indifferenza stancare. Un cuore tormentato dalla gloria di Gesù Cristo, con piaga che non rimargini se non in Cielo. Santa Maria. Eccolo che lo rivedo in chiesa, sulla prima panca, il pomeriggio, a dire il rosario con la sua coroncina marroncina di plastica (perché, non me ne voglia il don Giuseppe, ma non aveva uno spiccato gusto estetico). Conservami un cuore di fanciullo. Don Giuseppe era così. Capace di stupore. Il bello di don Giuseppe era che si stupiva del volto delle persone (comprese le più quotidiane). Suonavi il campanello, la porta te l apriva lui con il suo immancabile wellà (che partiva automaticamente anche per telefono). Sarà forse azzardato: ma dietro quello stile si può vedere il suo cuore. Lascio immaginare ai lettori come sarebbe 13 bello vivere ogni relazione quotidiana con questo stupore. Ottienimi un cuore semplice. Don Giuseppe non era sofisticato. Te ne accorgevi dalle cose piccole: da come vestiva, dal suo fastidio per i paludamenti liturgici (da me invece, a quei tempi, molto amati). Te ne accorgevi persino dal cibo: amava la pasta al sugo. Un giorno che l avevo accompagnato fino a Padova per organizzare un pellegrinaggio parrocchiale, in un ristorante ben fornito di pregiato menù, ha lasciato basito il cameriere dicendo: Io voglio la pastasciutta. Questa semplicità va letta bene: è il valore della sobrietà evangelica. Che non si ripieghi sulle proprie tristezze. Posso dire che don Giuseppe ha vissuto anche questo tratto lieto della vita. Io andavo a lamentarmi e lui mi diceva: Raglio d asino non sale in Cielo. Andavo a lamentarmi e lui mi parlava della Divina Provvidenza. Non serbi rancore per alcun male. Litigavamo, semplicemente perché io, da buon comasco, ero duro di testa e lui, da buon lecchese, era testardo. Ma il giorno non finiva senza l immancabile telefonata Don Giuseppe, mi scusi per oggi, Wellà, assistente (così mi chiamava), oggi ho alzato la voce. Quando domandavo scusa io, la risposta era: Andiamo avanti e quando mi chiamava lui, dicevo anch io la stessa cosa. La cosa bella di don Giuseppe era che non portava rancore. Non mi ha mai rinfacciato nulla. Il male veniva cancellato dalla misericordia. Anche questo è scritto nella preghiera: non serbi rancore di alcun male. A volte non gli sono stato grato: nella supponenza giovanile non vedevo tutto quello che faceva. E in questi casi egli viveva nei miei confronti (e nei confronti di altri che, come me, erano ciechi di fronte al bene che

14 vita parrocchiale faceva) quella frase che dice: un cuore che nessuna ingratitudine possa chiudere. Un cuore dolce. Don Giuseppe, quando era necessario, era dolce. Ricordo al mio terzo anno di permanenza a Bresso. Le cose, a mio giudizio, andavano male. Sentivo tante lamentele, tanto scontento. Ero intenzionato a rimettere il mio incarico, chiedere di andare via, e a lui lo avevo confidato. Sul momento non mi aveva detto nulla. Poi, qualche giorno dopo, mi ha chiamato, mi ha ricevuto nel suo studiolo (quello brutto, con gli armadi di ferro) e mi ha detto: Io ho pregato su quello che mi hai detto. Il problema è che stai pregando male. Erano le stesse cose che mi aveva detto il giorno prima il mio padre spirituale. E avevano entrambi ragione. A questo punto anche un comasco come me doveva arrendersi all evidenza: aveva parlato lo Spirito Santo. Un cuore tormentato dalla gloria di Gesù. Don Giuseppe era missionario. Aveva l asma, ma faceva ugualmente le benedizioni delle case. Una delle prime giornate a Bresso, facendo il giro dell oratorio (allora tutto sottosopra per lavori di ristrutturazione), mi ha portato nella cappellina e mi ha detto: Questo deve essere il cuore dell oratorio (indicando il tabernacolo). E ha aggiunto: L anno prossimo cento giovani (don Giuseppe a volte eccedeva nell ottimismo). Don Giuseppe, adesso preghi per me, preghi per i preti perché siano uomini come lo era Gesù. Preghi per la sua Chiesa, perché possa cercare di essere riflesso della bellezza vera di Dio che Gesù ci rivela. Preghi per la sua gente di Bresso, che ha amato fino all ultimo. L ultima volta che ci siamo visti era fine settembre. Mi ha chiesto di me, della mia parrocchia, dei miei ragazzi. Poi il discorso è andato subito a Bresso, in via Galliano: ricordava l oratorio, che amava tantissimo. Ci siamo scambiati un saluto che aveva il sapore del congedo. E così è stato. Si è congedato così: dicendo grazie a me. Adesso il grazie deve essere tutto mio nostro nei suoi confronti. 14

15 colori dell oratorio Oratorio e disabili Oratorio domenicale X tutti Questo è il nome della nuova avventura dell oratorio s. Giuseppe di Nicoletta Zeni Dopo le vacanze estive mio nipote Jack è venuto a passare un pomeriggio da noi, naturalmente mia figlia Milly non l ha lasciato solo neppure un istante. Dopo qualche ora Jack mi raggiunge in cucina chiedendomi: Ma zia, Milly ha degli amici?. Certo rispondo io. Ma quanti: uno o due o di più?, insiste lui. Sono circa una decina i compagni con cui gioca più volentieri e che amano stare con lei, rispondo. Rassicurato, Jack torna ai suoi giochi, lasciandomi a riflettere come è vero che siamo creati per non restare soli ed anche per un bambino di sei anni l amicizia è essenziale. Ma come fanno di solito i bambini, inseguendo i loro pensieri, più tardi ritorna alla carica: Ma zia, i suoi amici la capiscono? Perché sai io non la capisco. Certo, Milly non parla e comunica con i gesti e non è subito comprensibile e mi è tornato alla mente un episodio avvenuto la settimana precedente. Eravamo in ospedale per un controllo ed il tempo dell attesa, come spesso succede, si è protratto notevolmente, per cui Milly con il suo deambulatore scorazzava per i corridoi del reparto attratta da tutti i bambini presenti; ad un certo punto ha iniziato a giocare con due fratellini 15 seduti sullo scivolo, indicando loro alcune cose, con insistenza, finché uno dei due ha sbottato: Ma cosa vuole? Io non capisco!. Gli ho tradotto il significato dei vari gesti, ma lui ha continuato ad insistere: Non capisco!. Allora è intervenuta la mamma, ed io un poco prevenuta mi aspettavo le solite raccomandazioni fatte sottovoce ai figli che si imbattono con la disabilità, invece questa giovane donna ha detto al figlio: Non vedi? Cerca di osservare i gesti che ti fa la bambina! ma il figlio insisteva: Io non capisco!. A quel punto la mamma ha detto: Allora il problema non è lei, sei tu, sei tu che non sai osservare!. Da quel momento, cambiando lo sguardo, il bambino è stato capace di giocare. Sono rimasta stupita dalla saggezza della giovane mamma straniera, che in un modo così semplice ha saputo insegnare al figlio a relazionarsi con il diverso.

16 colori dell oratorio Questi due episodi apparentemente piccoli sono serviti per spiegare agli adolescenti la nuova attività caritativa che sarebbe partita in oratorio due domeniche pomeriggio al mese, cioè la possibilità anche per i bambini ed i ragazzi disabili di vivere insieme l oratorio domenicale. Il cammino che ci ha portati a questo è stato lungo. E partito dall accoglienza del don Pier in oratorio a un gruppo di mutuo-aiuto delle mamme dei ragazzi disabili, che circa due anni fa aveva bisogno di un luogo per degli incontri quindicinali. Alle mamme poi si sono uniti anche i figli, invitati (e accolti) dal don Pier così: Voglio che i vostri figli imparino a stare con i bambini dell oratorio, ed i miei bambini a stare con loro ; in questo modo mentre le mamme facevano il loro percorso, i bambini giocavano negli spazi dell oratorio con le loro educatrici. Però il desiderio era quello che l oratorio potesse diventare anche per i nostri figli disabili un luogo educativo, ma cos altro fare? Il don Pier, sempre molto disponibile, continuava a provocarci: Inventate qualche cosa!... Nel frattempo a Bresso è arrivato il Santo Padre che durante la Festa delle Testimonianze ha detto: Questo pregare non è solo dire parole, ma apre il cuore a Dio e così crea anche creatività nel trovare soluzioni. Speriamo che il Signore ci aiuti, che il Signore vi aiuti sempre!. Colpiti da queste parole (sembravano dette proprio a noi!) abbiamo iniziato a pregare per questo, chiedendo anche al don di farlo. E così, a partire dal mese di novembre, dieci ragazzi preadolescenti con sei più grandi hanno deciso di affiancare i bambini disabili e le loro mamme durante l oratorio domenicale. Questo è solo l inizio non sappiamo dove ci porterà, ma ci affidiamo alle preghiere di tutti certi che Dio non fa nulla per caso. 16

17 colori dell oratorio I nostri dodicenni raccontano I Duemila a Torino I preadolescenti dei tre oratori di Bresso nella città di don Bosco e dei santi della carità di Marta Ferrari Siamo partiti sabato 2 novembre, di mattina, infreddoliti e mezzo addormentati, ma via via l entusiasmo è diventato palpabile e la curiosità brillava negli occhi. Ci siamo lasciati condurre a Torino, fiduciosi anche se ignari di ciò che effettivamente ci aspettava una volta giunti nel capoluogo del Piemonte. Qui avremmo avuto la possibilità di conoscere figure quali San Giovanni Bosco e San Giovanni Benedetto Cottolengo e di visitare quella città passando per chiese, mostre e monumenti... Ma sarebbe limitante ridurre questi due giorni al semplice racconto delle cose viste, perché l esperienza più significativa rimane il toccare con mano le 17 situazioni che ci è stato donato di conoscere, aiutandoci l un l altro a gustare la bellezza di ciò che avevamo davanti. Abbiamo avuto infatti la fortuna di entrare in contatto con persone straordinariamente forti, che hanno affrontato la loro vita con coraggio nonostante le difficoltà, come Angela, un ospite della Piccola Casa della Divina Provvidenza, non vedente e sordomuta, la quale è riuscita comunque a vivere serenamente, credendo in Dio e imparando a comunicare, con i propri mezzi, con il sostegno di persone che dedicano la loro esistenza ad aiutare gli altri. È stata un esperienza toccante che ha colpito tutti. Abbiamo visto sul viso di quella donna una felicità senza paragoni, la quale fa riflettere, poiché noi, che siamo molto più fortunati, non ci rendiamo conto del bene che saremmo in grado di fare. Abbiamo vissuto due giorni intensi da protagonisti: tutti ci siamo messi in gioco, permettendo a ciò che avevamo di fronte di scombussolarci un po, facendo sorgere in noi domande, ma non sempre risposte. E sono proprio quei dubbi in sospeso che spingono a ricercare e ad approfondire, a non accontentarsi. Perché è questo che ci è stato insegnato: mai limitarsi a guardare, ma andare fino in fondo alle cose, senza mai tirarsi indietro se ci viene chiesto di agire; donare se stessi per gli altri, come don Bosco fece per i suoi ragazzi e le suore della Piccola Casa fanno per i bisognosi. Un esperienza che rimarrà nel cuore.

18 approfondiamo I discorsi di Benedetto XVI e la sorpresa che non c è I passi del cristianesimo sono i passi della democrazia di Giacomo Samek Lodovici 18 Per due volte nel giro di dieci giorni il Papa è intervenuto sul nesso tra cristianesimo e democrazia: «Le comunità cristiane, con il loro patrimonio di valori e principi, hanno fortemente contribuito alla presa di coscienza delle persone e dei popoli circa la propria identità e dignità, nonché alla conquista di istituzioni democratiche e all affermazione dei diritti dell uomo e dei suoi corrispettivi doveri». Ad alcuni potrà sembrare un affermazione sorprendente, sia perché la Chiesa viene accusata di essere antidemocratica, sia perché la democrazia l hanno inventata i greci. Ora, è vero che la democrazia è nata nell Ellade, ma non era e non poteva essere compiuta. Infatti, una democrazia compiuta è un sistema politico in cui ogni essere umano conta quanto gli altri ed è pari agli altri in dignità, perciò nessuno è escluso dalla partecipazione al voto (purché sufficientemente maturo, con un età scelta convenzionalmente) e tutti godono degli stessi diritti. Tra gli antichi greci le cose non stavano così, perché essi riconoscevano la dignità e quindi i diritti del cittadino maschio adulto, ma li negavano alle donne, ai bambini, agli stranieri e giustificavano la schiavitù ( ). Invece, come riconoscono gli esperti di storia delle idee, l avvento del messaggio cristiano proclamato dalla Chiesa coincide con l affermazione dell uguale, intangibile e incommensurabile dignità di ogni essere umano di fronte a Dio, al punto che per ogni uomo Cristo muore sulla Croce. Lo conferma un insospettabile come Nietzsche, che fu un feroce nemico del cristianesimo, accusato di proteggere ogni uomo, anche il debole, anche il malato, anche il malriuscito, così impedendone l eliminazione, che egli considerava rigeneratrice. «Davanti a Dio scrive Nietzsche tutte le anime diventano uguali; ma questa è proprio la più pericolosa di tutte le valutazioni possibili! Se si pongono gli individui come uguali [...] si favorisce una prassi che mette capo alla rovina della specie; il cristianesimo è il principio opposto a quello della selezione. [...] Questo amore universale per gli uomini è in pratica un trattamento preferenziale per tutti i sofferenti, falliti, degenerati: esso ha in realtà abbassato la forza, la responsabilità, l alto dovere di sacrificare uomini. [ ] E questo pseudo-umanesimo che si chiama cristianesimo vuole giungere appunto a far sì che nessuno venga sacrificato». Il messaggio cristiano ha portato, nel corso dei secoli, all effettiva realizzazione della democrazia e del suffragio universale. Al riguardo potremmo moltiplicare le citazioni, ma può essere sufficiente l affermazione di un prestigioso intellettuale cinese non cristiano (citato dal sociologo delle religioni Rodney Stark) che, comprensibilmente, ha preferito rimanere anonimo: «Il cuore della vostra cultura è la vostra religione, il cristianesimo. È questa la ragione per cui l Occidente è diventato così potente. Il fondamento morale cristiano della vita sociale e culturale è il fattore che ha reso possibile [...] la transizione a una politica democratica. Non abbiamo alcun dubbio in proposito». Incredibile è che ce ne siano nel nostro spicchio di mondo. Tratto da Avvenire del 14/01/2011

19 civica Il Centro della Famiglia del decanato di Bresso compie vent anni Vicino alla famiglia anche in questi tempi duri Un punto di riferimento per i cittadini, una responsabilità per i cristiani delle nostre parrocchie di Elena Casati, assistente sociale Il Centro della Famiglia di Bresso ha tagliato il traguardo dei venti anni di attività dalla sua fondazione: nel lontano 1992 un gruppo di volontari dava vita a questa esperienza di aiuto e sostegno alle famiglie delle comunità del decanato di Bresso. Da allora il Centro è diventato un Consultorio Familiare accreditato dalla Regione Lombardia ed è rimasto intatto il compito di aiuto alle persone, alle coppie e alle famiglie in difficoltà. degli anni hanno collaborato con il Centro della Famiglia, delle autorità civili, di esponenti delle associazioni territoriali e di semplici cittadini. Dopo un momento iniziale di preghiera, alla presenza del Vicario Episcopale Mons. Piero Cresseri, sono giunti i saluti e i ringraziamenti da parte del presidente, don Luigi Fumagalli, e del direttore, il dottor Alfio Regis, che hanno rilevato come la celebrazione dei vent anni del Centro della Famiglia vuol essere un occasione per fare un bilancio di Abbiamo così deciso di festeggiare il 20 anniversario di fondazione sabato 13 ottobre 2012 presso la parrocchia Regina Pacis di Cusano Milanino. Il pomeriggio di festa ha visto la partecipazione dei soci fondatori (rappresentati dai parroci delle parrocchie del decanato di Bresso), dei volontari e dei professionisti che nel corso 19 quanto è stato realizzato e per rilanciare le attività del consultorio verso nuove sfide da affrontare. Ha poi preso la parola il sindaco di Bresso, Fortunato Zinni, che ha sottolineato come il Centro della Famiglia è un punto di riferimento per i cittadini, soprattutto in un momento di difficoltà come quello attuale. Era presen-

20 civica te anche Maria Gaetana Cannatelli, vicesindaco di Cusano Milanino, che a nome dell Amministrazione Comunale e di tutti i cittadini ha rivolto parole di appoggio e di incoraggiamento per il lavoro svolto e per gli impegni futuri. Sono quindi intervenuti alcuni operatori del Centro, che hanno presentato una panoramica delle attività di consulenza e prevenzione attivate dal consultorio: dalle consulenze psicosociali, psichiatriche e legali, ai percorsi per adolescenti e pre-adolescenti attivati nelle scuole del territorio; dai progetti di aiuto alle famiglie in difficoltà e non, ai corsi per fidanzati, fino alle attività di formazione per nonni. Al termine degli interventi è stato proiettato un filmato, realizzato dalla cooperativa sociale E.S.T.I.A., dal quale, attraverso le testimonianze di persone che si sono rivolte al Centro della Famiglia, è emerso il ruolo centrale del Consultorio nell affrontare il periodo di difficoltà che costoro stavano o stanno passando. Grazie a interviste e immagini sono state presentate le origini del consultorio e la storia attuale, terminando con gli auguri dei sacerdoti fondatori per il futuro. Il momento centrale del pomeriggio di festa ha avuto inizio con un intervento di don Gino Rigoldi, cappellano del carcere minorile Beccaria, dal titolo La bellezza delle relazioni. Con esempi tratti dalla sua esperienza di prete e di educatore, don Rigoldi ha posto l accento sulle relazioni nella vita delle persone: 20 Il compito principale degli esseri umani, soprattutto dei cristiani, è quello di costruire relazioni. La felicità umana si basa sulla qualità dei rapporti che si hanno all interno della comunità. Per stare bene, ognuno deve sentirsi valorizzato all interno del gruppo per quello che è. La voglia di volersi bene fa cambiare le persone, le fa aprire. Ascoltare significa entrare in relazione profonda con l altro, significa considerare l altro importante, significa riconoscergli la volontà di costruire insieme un percorso di vita in cui, prima ancora che gli insegnamenti morali, valgono l amore e la solidarietà reciproci. Il pomeriggio si è poi concluso con la celebrazione eucaristica dei parroci soci, presieduta dal Vicario Episcopale insieme a Mons. Giampiero Castelli, fondatore del Centro Famiglia.

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate.

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese Dicembre 1995 - Dicembre 2005 Don Ugo Proserpio 10 da anni Parroco a Novate Dicembre 2005 10 anni tra noi di don Ugo 11 La comunità delle suore Serve

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma ANNO PASTORALE 2014/2015 N 7 - VIA DEL CROCIFISSO, 17 - RIMINI - TEL. 0541 770187 www.crocifisso.rimini.it SS. MESSE IN PARROCCHIA ORARIO (in vigore dal 29 Marzo) Feriali: ore 8 Venerdì ore 8-18 Prefestiva:

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

«Lasciate che i bambini vengano a me»

«Lasciate che i bambini vengano a me» 1 Omelia «Lasciate che i bambini vengano a me» Celebrazione eucaristica in ricordo del centenario della nascita di Dina Bellotti Pittrice dei Papi XXVII Domenica del Tempo Ordinario (B) Basilica «Santa

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo COREA Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo Breve presentazione del contesto sociale in cui si lavora Il contesto socio-culturale della Corea sperimenta

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo Obiettivo generale: L'incontro di questa domenica è incentrato sul cammino del discernimento della

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408

Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408 Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408 Quaderni di spiritualità 1. Liberare la santità di Piccotti Mariano e Vissani

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata portare vita piena agli altri Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata del Terz Ordine Regolare di San Francesco d Assisi Luglio 2013 #2 La Missione di Gesù Carissime/i, dopo aver presentato

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Roggi lino. Domenica 26 Aprile 2015 C A L E N D A R I O L I T U R G I C O S E T T I M A N A L E

Roggi lino. Domenica 26 Aprile 2015 C A L E N D A R I O L I T U R G I C O S E T T I M A N A L E Roggi lino Domenica 26 Aprile 2015 Anno VII N. 329 Foglio di Informazione, riflessioni, news e avvisi della Parrocchia S. Eusebio Santuario Madonna delle Grazie/ Santuario della Famiglia Parroco: Don Romano

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli