Indirizzi operativi dell amministrazione finanziaria nell attività di accertamento Circolare 25/E/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indirizzi operativi dell amministrazione finanziaria nell attività di accertamento Circolare 25/E/2013"

Transcript

1 Indirizzi operativi dell amministrazione finanziaria nell attività di accertamento Circolare 25/E/2013

2 AMBITI DI INTERVENTO 2

3 PIRAMIDE DELLA TAX COMPLIANCE 3

4 INDIRIZZI OPERATIVI 2013 Rafforzamento della lotta all evasione e all elusione fiscale mediante: MAPPATURA CONTRIBUENTI E ANALISI DI RISCHIO MIRATE: le macro-tipologie sono: grandi contribuenti, imprese di medie dimensioni, imprese minori e lavoratori autonomi, enti non commerciali, persone fisiche METODOLOGIE DI INTERVENTO DIFFERENZIATE per ciascuna macro-tipologia, tenendo conto di peculiarità territoriali ed economiche CONTRASTO FENOMENI EVASIVI ED ELUSIVI PIU DIFFUSI SELEZIONI DI POSIZIONI SOGGETTIVE CON SITUAZIONI DI RISCHIO ELEVATE MIGLIORAMENTO QUALITATIVO DEI CONTROLLI: finalizzato alla definizione della pretesa tributaria 4

5 INDIRIZZI OPERATIVI 2013 Ai fini dell espletamento delle attività di controllo nel corso del 2013, gli specifici indirizzi forniti con le circolari n. 13/E del 2009, n. 20/E del 2010, n. 21/E del 2011 e n. 18/E del 2012 rimangono sostanzialmente confermati Distinzione degli interventi in: ATTIVITA SPECIFICHE hanno per oggetto il controllo fiscale dei contribuenti distinti per macro-tipologie: grandi contribuenti, imprese di medie e minori dimensioni, lavoratori autonomi, enti non commerciali, persone fisiche. ATTIVITA TRASVERSALI riguardano l oggetto dell attività di controllo, a prescindere della tipologia di contribuente e prevedono attività in materia di: antifrode, evasione internazionale, evasione dei tributi indiretti (diversi dall IVA), riscossione. 5

6 GRANDI CONTRIBUENTI Tutoraggio Procedimento volto ad attribuire ad ogni soggetto «osservato» un rating di pericolosità fiscale costruito sulla base di particolari indicatori legati anche al settore produttivo. Compilazione delle schede di rischio tramite l applicativo apposito. Le schede dei soggetti che hanno ricevuto un profilo di rischio basso per due periodi di imposta consecutivi possono essere semplicemente aggiornate con le dichiarazioni presentate e il bilancio. In presenza di un basso indice di rischio, il controllo può basarsi solo su un continuo monitoraggio della posizione fiscale del soggetto compendiata in una scheda individuale. Diversamente, in presenza di un maggior rischio si renderà opportuno avviare un indagine più approfondita. Nel definire il profilo di rischio del contribuente, va tenuto conto del suo comportamento in termini di trasparenza e atteggiamento collaborativo. Interpello: in sede di tutoraggio si controllerà il rispetto della soluzione interpretativa indicata dall Agenzia. 6

7 GRANDI CONTRIBUENTI ADESIONE AL REGIME DEGLI ONERI DOCUMENTALI: INDICE DI TRASPARENZA E COLLABORAZIONE NEI RAPPORTI CON A.F.: se da un lato la comunicazione non costituisce elemento atto ad escludere la possibilità di sottoporre il soggetto a controllo, dall altro gli Uffici dovranno motivare la selezione di posizioni da verificare in presenza di adesione al regime in parola VALUTAZIONE DOCUMENTAZIONE: esigenza di procedere in sede di controllo ad adeguata ed equilibrata valutazione, al fine di verificare la sussistenza o meno di un genuino impegno dell impresa a rendere trasparente il processo di determinazione dei prezzi delle proprie transazioni infragruppo 7

8 GRANDI CONTRIBUENTI ATTIVITA A PROIEZIONE INTERNAZIONALE: VERIFICA: adozione oneri documentali sulle operazioni rientranti nella disciplina del transfer pricing, ACCERTAMENTO: priorità di trattazione di elementi che necessitano di ulteriore attività istruttoria (es. segnalazioni relative a fattispecie elusive o abusive o quelle riguardanti la deducibilità dei costi connessi ad operazioni con soggetti residenti in Paesi black list ), SELEZIONE DEI CONTRIBUENTI PER CONTROLLO: orientamento su posizioni per cui sono stati riscontrati rischi di evasione/elusione di particolare rilevanza (intensità di rischio alto o medio per imprese sottoposte a tutoraggio): ad es. operazioni di arbitraggio internazionale. 8

9 GRANDI CONTRIBUENTI Coordinamento e supporto In sede di selezione, coordinamento con la Guardia di Finanza. Coordinamento con le Direzioni provinciali per soggetti che non sono grandi contribuenti in tutti i periodi di imposta. Nel caso di stabili organizzazioni occulte o di fenomeni di esterovestizione che possono portare alla determinazione di ricavi superiori ai 100 milioni di uro, è opportuno che le Direzioni provinciali chiedano il supporto dell Ufficio Grandi contribuenti e comunque operino con funzionari di provata esperienza nel campo delle imprese medie di fascia alta. 9

10 IMPRESE DI MEDIE DIMENSIONI Coordinamento e intervento della Direzione regionale supervisione dell analisi di rischio da parte della Direzione regionale per imprese medio-grandi con fatturato superiore ai 25 milioni di euro (v. indicazioni fornite con comunicazione di servizio n. 11 del 2011); coordinamento da parte della Direzione regionaleperimprese di medie dimensioni appartenenti a gruppi di imprese anche con attività istruttoria con nuclei misti (DP+DR); effettuazione delle attività istruttorie esterne da parte della Direzione regionale per situazioni di particolare rilevanza direttamente; immissione di personale esperto della Direzione regionale (GC) come tutor per un periodo temporale limitato; trasmissione delle schede di rischio del tutoraggio alle Direzioni provinciali per imprese che hanno perso la qualifica di Grande contribuente intensificazione del coordinamento con la Guardia di Finanza 10

11 IMPRESE DI MEDIE DIMENSIONI Analisi del rischio Attività propedeutiche: mappatura delle imprese di medie dimensioni; Fattori di rischio da privilegiare: l assenza di controlli negli ultimi anni; la bassa redditività negli ultimi anni; l effettuazione di operazioni che impattano notevolmente sulla determinazione del reddito imponibile ai fini IRES e IRAP o dell IVA dovuta; la presenza del rischio di evasione in materia di IVA. 11

12 IMPRESE DI MEDIE DIMENSIONI Programmazione e attività di controllo Attività istruttoria esterna: anni d imposta da controllare: 2010 e nel secondo semestre 2011; Attività di accertamento: incremento del valore mediano delle maggiori imposte accertate e definite, soprattutto dell IVA; considerare con priorità gli elementi informativi più rilevanti e recenti e che presentano un maggior grado di sostenibilità delle pretese. 12

13 IMPRESE DI MINORI DIMENSIONI E LAVORATORI AUTONOMI Analisi del rischio Sono confermate le indicazioni contenute nelle circolari degli ultimi anni, ricordando che resta di fondamentale importanza l attività di analisi e selezione. Fattori di rischio: soggetti con attività economiche strutturate e non marginali, che operano da più anni, soggetti che svolgono di fatto attività economiche in maniera totalmente irregolare. 13

14 IMPRESE DI MINORI DIMENSIONI E LAVORATORI AUTONOMI Note operative e metodologiche già diramate: soggetti che hanno evidenziato comportamenti anomali nella gestione delle rimanenze di magazzino, professionisti che hanno presentato pratiche di aggiornamento catastale (DOCFA), soggetti che in qualità di gestori ed esercenti apparecchi da intrattenimento hanno omesso di dichiarare, in tutto o in parte, le somme spettanti come remunerazione della loro attività, soggetti che hanno dichiarato importi significativi dei componenti negativi di reddito rientranti nella categoria dei costi residuali, 14

15 IMPRESE DI MINORI DIMENSIONI E LAVORATORI AUTONOMI soggetti non congrui ovvero anomali sulla base delle risultanze dei dati dichiarati ai fini degli studidisettore, professionisti che hanno omesso di dichiarare in tutto o in parte compensi di lavoro autonomo certificati dai sostituti di imposta nei modelli 770 ovvero compensi percepiti dalle Strutture Sanitarie Private, società non operative. 15

16 IMPRESE DI MINORI DIMENSIONI E LAVORATORI AUTONOMI Note operative e metodologiche da diramare: posizioni delle imprese e dei professionisti che hanno omesso di dichiarare per il periodo d imposta 2011, in tutto o in parte, ricavi o compensi a fronte di attività di ristrutturazione o consulenza edilizia o riqualificazione energetica segnalate mediante la procedura PANDORA, liste dei soggetti che, destinatari nel corso del 2012 delle apposite comunicazioni concernenti la rilevata esistenza di anomalie, relative al triennio , degli indicatori economici ricostruiti dai dati dichiarati ai fini degli studi di settore, risultano dai dati dichiarati per il periodo d imposta 2011 non aver mutato il comportamento ritenuto anomalo. 16

17 IMPRESE DI MINORI DIMENSIONI E LAVORATORI AUTONOMI 17

18 IMPRESE DI MINORI DIMENSIONI E LAVORATORI AUTONOMI Indicazioni generali utilizzare le metodologie di controllo dirette al consumatore finale, già diramate in anni pregressi, alcune delle quali di recente oggetto di revisione, per i lavoratori autonomi, a seguito di una attenta attività di analisi del rischio soprattutto su un trend di più anni si ribadisce l opportunità di utilizzare lo strumento delle indagini finanziarie, mantenere e sviluppare in maniera strutturata i rapporti di collaborazione e coordinamento, con la Guardia di Finanza, Agenzia delle Dogane, Monopoli, l INPS, la SIAE e i Comuni. 18

19 Programmazione e attività di controllo Attività di verifica: anni d imposta da controllare: 2010 e nel secondo semestre 2011, Accessi brevi: ATTIVITÀ SPECIFICHE IMPRESE DI MINORI DIMENSIONI E LAVORATORI AUTONOMI riguarderanno la verifica dei dati dichiarati ai fini dell applicazione degli studi di settore procedendo, ove possibile, al contestuale controllo: - della regolare emissione dello scontrino fiscale, - della regolarità del personale impiegato. 19

20 PERSONE FISICHE Controlli formali 36 ter periodo d imposta 2010, segnalazione posizioni da centro, anche con nuovi criteri selettivi, possibilità da parte degli Uffici di attivare il controllo nei confronti di posizioni per le quali si disponga di elementi specifici, avvio del controllo con la trasmissione centralizzata delle richieste di documentazione ex art. 36-ter, parte delle posizioni presenteranno esito perfezionato centralmente con conseguente produzione automatica ed invio delle comunicazioni di cui al comma 4 del citato art. 36-ter, nuova modalità di trasmissione/ricezione della documentazione, tramite canale telematico CIVIS per utenti Entratel e Fisconline. 20

21 PERSONE FISICHE Accertamenti parziali automatizzati In GIADA sono disponibili per il periodo d imposta 2008: per gli Uffici territoriali le liste relative al criterio Lavoro dipendente, per il Centro Operativo di Pescara e gli Uffici territoriali della Direzione Provinciale di Bolzano le liste relative al criterio Locazione Fabbricati. 21

22 PERSONE FISICHE Accertamenti parziali non automatizzati Nella nuova applicazione ICONA per l anno d imposta 2008 saranno disponibili per la trattazione integrata ed unitaria, i seguenti criteri selettivi relativi a diverse tipologie di reddito: - redditi correlabili ai c.d. immobili fantasma, - redditi prodotti in forma associata, - redditi di partecipazione in società a responsabilità limitata che hanno optato per la trasparenza fiscale, - assegni periodici corrisposti al coniuge, - redditi di lavoro dipendente. 22

23 PERSONE FISICHE Controlli per il sintetico Miglioramento qualitativo dei risultati con aumento del valore mediano della maggiore imposta accertata e definita, superiore rispetto a quello ottenuto nel precedente anno, per i controlli relativi ai redditi dall anno di imposta 2009 soggetti alla nuova normativa: attenzione al contradditorio necessario, attenzione ad attivare il procedimento accertativo solo nei confronti di coloro che presentano rischio di evasione fondato su dati di spesa oggettivi, non compatibili con il reddito dichiarato. 23

24 PERSONE FISICHE Controlli ordinari sulla base di liste selettive Sono a disposizioni delle Direzioni provinciali le seguenti liste selettive riferite agli anni d imposta 2008 e 2009: lista criterio Z per plusvalenze derivanti da vendita infraquinquennale di immobili, lista criterio V per cessioni terreni edificabili. 24

25 ENTI NON COMMERCIALI E ALTRI REGIMI AGEVOLATIVI Enti non commerciali Direzione regionale: consolidamento dei tavoli tecnici avviati sul terzo settore, coordinamento con gli enti locali. Focus non solo sulla proficuità del controllo, ma sulla rilevanza sociale degli abusi dei regimi agevolativi e sull effetto deterrenza che si può ottenere. In fase di selezione, necessario diversificare la platea dei soggetti controllati, facendo ricorso al nuovo applicativo, Terzo settore. 25

26 ENTI NON COMMERCIALI E ALTRI REGIMI AGEVOLATIVI ONLUS vale tutto quanto espresso per gli Enti non commerciali, nell analisi del rischio si terrà conto degli elementi emersi dal controllo preventivo effettuato dalla Direzione regionale, Onlus di diritto: priorità nell analisi del rischio a cooperative sociali e organizzazioni di volontariato. 26

27 ENTI NON COMMERCIALI E ALTRI REGIMI AGEVOLATIVI Società cooperative analisi del rischio focalizzata sulla mancanza della finalità mutualistica, analisi e selezione basate sulla conoscenza del territorio esulsettore in cui operano i soggetti, privilegiando quelli a maggiore rischio, in particolare, focus su mancata iscrizione all albo esu indicatori di rischio specifico (rilevanti crediti IVA, brevi periodi di attività, incoerenze negli indicatori di gestione. 27

28 ENTI NON COMMERCIALI E ALTRI REGIMI AGEVOLATIVI Settore agricolo Analisi del rischio focalizzata prioritariamente su: soggetti che svolgono in maniera rilevante attività connesse, soggetti che svolgono, oltre all attività agricola, rilevanti prestazioni di servizi, soggetti con volumi d affari incoerenti con l estensione dei terreni, svolgimento di attività spettacolistiche e somministrazioni di alimenti e bevande, soggetti che fruiscono di regimi speciali IVA e che intrattengono scambi commerciali con controllate (ai fini della costituzione di crediti IVA rilevanti). 28

29 TRIBUTI INDIRETTI DIVERSI DALL IVA Corretta dichiarazione delle basi imponibili Valgono le indicazioni fornite con Circolari 21/E del 2011 e 18/E del 2012, Priorità sulla compravendita di fabbricati, per i quali è disponibile l applicativo STAR, Necessario un adeguato ricorso alle indagini finanziarie, 29

30 ATTIVITÀ TRASVERSALI ATTIVITÀ IN MATERIA DI ANTIFRODE Il rafforzamento delle misure di contrasto alle frodi fiscali costituisce un'esigenza sempre più avvertita sia a livello nazionale che comunitario, in considerazione del fatto che tali fenomeni, oltre ad arrecare rilevanti pregiudizi ai bilanci statali e comunitari, comportano gravi violazioni della concorrenza che ostacolano il regolare funzionamento del mercato. 30

31 ATTIVITÀ TRASVERSALI ATTIVITÀ IN MATERIA DI ANTIFRODE Occorre potenziare l'analisi di rischio, per procedere all'individuazione delle condotte fraudolente in atto interrompendo la realizzazione degli illeciti e i conseguenti danni per l'erario. L'attenzione sarà focalizzata sulle annualità più recenti, in ragione della tipologia dei soggetti indagati (spesso con periodo di vita estremamente breve) e della possibilità di rinvenire elementi probatori utili ad individuare i soggetti coinvolti e di rispettivi ruoli ricoperti nel disegno frodatorio; l'esecuzione tempestiva dei controlli e l'immediata richiesta dell'adozione di misure cautelari, onde garantire l'effettivo recupero delle imposte evase; 31

32 ATTIVITÀ TRASVERSALI ATTIVITÀ IN MATERIA DI ANTIFRODE Occorre potenziare il coordinamento e la collaborazione con gli altri organismidicontrolloimpegnati sul fronte del contrasto alle frodi, nonché con le autorità giudiziarie coinvolte; il ricorso agli strumenti di cooperazione amministrativa con gli altri Stati, per contrastare più efficacemente le condotte fraudolente che si sviluppano mediante operazioni con controparti estere. 32

33 ATTIVITÀ TRASVERSALI ATTIVITÀ IN MATERIA DI ANTIFRODE Attività operativa l'impegno, nell'analisi di rischio e nei conseguenti controlli, anche nel campo delle imposte dirette, risultando confermata la ricorrenza di rilevanti frodi attuate mediante schemi di pianificazione fiscale particolarmente aggressiva; la specifica considerazione dei comportamenti finalizzati alla fraudolenta sottrazione al pagamento delle imposte, con particolare riguardo alle tecniche del fittizio e repentino trasferimento della sede dell'impresa all'estero, ovvero della fusione transfrontaliera. 33

34 ATTIVITÀ TRASVERSALI ATTIVITÀ IN MATERIA DI ANTIFRODE Per quanto concerne il contrasto alle frodi intracomunitarie in materia di IVA, è necessario continuare a dare concreta attuazione alla norma che prevede la facoltà di escludere dall'archivio VIES i soggetti che presentano determinati profili di rischio. Attenzione particolare dovrà poi essere posta ai fenomeni di frode fiscale, realizzati mediante il meccanismo delle indebite compensazioni, nonché mediante l'emissione e l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, diffusi soprattutto nel settore dei servizi alle imprese, in particolare nel campo edilizio, delle pulizie, della logistica e del facchinaggio, mediante appalti e subappalti. 34

35 ATTIVITÀ TRASVERSALI ATTIVITÀ IN MATERIA DI ANTIFRODE L'esperienza ha mostrato come detti fenomeni sono prevalentemente connotati dall'uso di particolari forme giuridiche (in particolare enti cooperativi), preordinatamente costituite per creare le condizioni formali atte a rendere particolarmente difficile l'accertamento di responsabilità amministrative e penali connesse ai comportamenti fraudolenti. In molti casi, si tratta di organizzazioni che costituiscono ad hoc enti intestati a meri prestanome, che utilizzano rilevante forza lavoro, che non adempiono ai più elementari obblighi fiscali (o, se vi adempiono, lo fanno sono formalmente) e che restano in vita non più di due anni, salvo essere "sostituiti" da nuovi enti nell'assunzione della manodopera e nella realizzazione delle medesime pratiche fraudolente. 35

36 ATTIVITÀ TRASVERSALI ATTIVITÀ DI CONTRASTO ALL EVASIONE INTERNAZIONALE Fittizio trasferimento della residenza fiscale analisi del rischio tramite il nuovo applicativo SONORE, collaborazione con i comuni ai fini dell identificazione dei soggetti persone fisiche e dell acquisizione di elementi probatori. 36

37 ATTIVITÀ TRASVERSALI ATTIVITÀ DI CONTRASTO ALL EVASIONE INTERNAZIONALE Illecito trasferimento e/o detenzione all estero di attività produttive di reddito Monitoraggio fiscale: controllo dei movimenti di capitale da e verso l estero (cfr. circolare 21/E del 2011). Partecipazione attiva ai piani di intervento elaborati a livello nazionale dall UCIFI. Focus sull interposizione fittizia di strutture estere tramite le informazioni ricevute dall UCIFI e l Anagrafe Tributaria riguardo a redditi corrisposti a soggetti italiani da soggetti esteri a rischio (trust, residenti in paradisi fiscali, ecc.). Omessa dichiarazione di redditi di fonte estera: attività su percorsi selezionati dall UCIFI. 37

38 ATTIVITÀ TRASVERSALI ATTIVITÀ A PROIEZIONE INTERNAZIONALE Attività Ricorso alla richiesta di informazioni ad amministrazioni estere per approfondire elementi che facciano supporre occultamento di redditi esteri o trasferimento di base imponibile, incentivare lo scambio spontaneo di informazioni in uscita, soprattutto in materia di IVA (l Italia risulta carente nel quadro europeo), incentivare i controlli simultanei e la collaborazione tra funzionari a livello europeo, nuova direttiva (2011/16/UE) in vigore dal 1 gennaio 2013 impone tempi di risposta brevi (sei mesi). E necessario pianificare le attività necessarie per garantire una risposta nei termini alle richieste provenienti da altri paesi. 38

39 ATTIVITÀ TRASVERSALI ATTIVITÀ A PROIEZIONE INTERNAZIONALE Ruling attività di controllo in presenza di Ruling: solo in relazione a questioni diverse da quelle oggetto dell accordo, per gli anni in cui esso è in vigore, Attività di controllo del rispetto dell accordo di Ruling spetta all Ufficio Ruling internazionale. Doppia imposizione Direzioni provinciali e Direzione regionale devono effettuare attività di raccordo fra quanto accertato e gli esiti delle procedure a livello internazionale. 39

40 ATTIVITÀ TRASVERSALI ATTIVITÀ A PROIEZIONE INTERNAZIONALE Riscossione colmare lo squilibrio fra quanto richiesto da amministrazioni estere e quanto riscosso in Italia, l ufficio di collegamento presso l Ufficio Cooperazione operativa trasmette le domande di assistenza alla riscossione, aumentare l'impegno, in collaborazione con gli Agenti della riscossione, per attivare tempestivamente la mutua assistenza al fine di chiedere il recupero di un credito erariale nazionale (nonché l'adozione di misure cautelari) allo Stato di residenza del debitore dell'imposta italiana. 40

41 ATTIVITÀ TRASVERSALI RISCOSSIONE Si conferma l'esigenza di assicurare, coordinandosi con gli agenti della riscossione: il contrasto delle condotte volte alla sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte; il tempestivo esame: delle comunicazioni e dei documenti trasmessi dagli agenti della riscossione in materia di sospensione legale della riscossione, delle istanze di sospensione, delle richieste di annullamento in sede di autotutela; la trattazione e la definizione delle proposte di transazione fiscale ex art. 182-ter e art. 182-bis della Legge Fallimentare. 41

CIRCOLARE N. 25/E. Roma, 31 luglio 2013. Oggetto: Prevenzione e contrasto dell evasione Anno 2013 Indirizzi operativi. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 25/E. Roma, 31 luglio 2013. Oggetto: Prevenzione e contrasto dell evasione Anno 2013 Indirizzi operativi. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 25/E Roma, 31 luglio 2013 Direzione Centrale Accertamento Oggetto: Prevenzione e contrasto dell evasione Anno 2013 Indirizzi operativi. 2 1. PREMESSA... 3 2. ATTIVITÀ SPECIFICHE... 4 2.1 GRANDI

Dettagli

Controlli antievasione, gli indirizzi operativi

Controlli antievasione, gli indirizzi operativi Controlli antievasione, gli indirizzi operativi L'Agenzia delle Entrate ha fornito agli uffici territoriali gli indirizzi per le attività di controllo da svolgere nel corso del 2014.Secondo l'agenzia l'azione

Dettagli

CONTROLLI 2011 LINEE STRATEGICHE ed INDIRIZZI OPERATIVI (C.M. 21/E/2011)

CONTROLLI 2011 LINEE STRATEGICHE ed INDIRIZZI OPERATIVI (C.M. 21/E/2011) Circolare informativa per la clientela n. 23/2011 del 14 luglio 2011 CONTROLLI 2011 LINEE STRATEGICHE ed INDIRIZZI OPERATIVI (C.M. 21/E/2011) In questa Circolare 1. Attività di prevenzione e contrasto

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO CAPITOLO II

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO CAPITOLO II Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO 1. Il diritto tributario e le entrate dello Stato... pag. 1 2. Le fonti del diritto...» 6 3. Le fonti

Dettagli

Periodico informativo n. 133/2014. Al via controlli sull utilizzo dei crediti IVA

Periodico informativo n. 133/2014. Al via controlli sull utilizzo dei crediti IVA Periodico informativo n. 133/2014 Al via controlli sull utilizzo dei crediti IVA Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza del fatto che l Agenzia

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza. Facoltà di GIURISPRUDENZA DIRITTO TRIBUTARIO E CONSULENZA D IMPRESA. a.a. 2015-2016

Università degli Studi di Roma La Sapienza. Facoltà di GIURISPRUDENZA DIRITTO TRIBUTARIO E CONSULENZA D IMPRESA. a.a. 2015-2016 Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di GIURISPRUDENZA MASTER DI SECONDO LIVELLO IN DIRITTO TRIBUTARIO E CONSULENZA D IMPRESA a.a. 2015-2016 Direttore Prof. Pietro Boria Calendario didattico

Dettagli

Indice XIII. Introduzione

Indice XIII. Introduzione Indice Introduzione XIII 1 L evasionefiscaleel usodellostrumentopenalepercontrastarla 1 1.1 Il fenomeno dell evasione 2 1.1.1 Le frodi fiscali 6 1.1.2 Alcuni dati sull evasione 11 1.2 Il ricorso allo strumento

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: Prevenzione e contrasto dell evasione Anno 2014 Indirizzi operativi

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: Prevenzione e contrasto dell evasione Anno 2014 Indirizzi operativi CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 6 agosto 2014 OGGETTO: Prevenzione e contrasto dell evasione Anno 2014 Indirizzi operativi 1. PREMESSA... 3 2. ATTIVITA SPECIFICHE... 7 2.1 GRANDI

Dettagli

RECUPERO DELL EVASIONE

RECUPERO DELL EVASIONE RECUPERO DELL EVASIONE PRESENTAZIONE L attività di controllo è notevolmente migliorata sia sul fronte quantitativo sia su quello qualitativo, nonostante le risorse siano sensibilmente diminuite negli ultimi

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. Roma, 6 agosto 2014. Oggetto: Prevenzione e contrasto dell evasione Anno 2014 Indirizzi operativi. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 25/E. Roma, 6 agosto 2014. Oggetto: Prevenzione e contrasto dell evasione Anno 2014 Indirizzi operativi. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 6 agosto 2014 Oggetto: Prevenzione e contrasto dell evasione Anno 2014 Indirizzi operativi. 1 1. PREMESSA...3 2. ATTIVITA SPECIFICHE...7 2.1 GRANDI

Dettagli

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE PARTE V > MISURE CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE La pubblicazione

Dettagli

INDICE CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE ALLA LUCE DELLO STATUTO DEI DIRITTI DEL CONTRIBUENTE

INDICE CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE ALLA LUCE DELLO STATUTO DEI DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE Prefazione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Presentazione alla prima edizione CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE

Dettagli

RUOLI E ATTIVITA DEI PROCESSI DI MISSIONE

RUOLI E ATTIVITA DEI PROCESSI DI MISSIONE RUOLI E ATTIVITA DEI PROCESSI DI MISSIONE Facilitazione dell adempimento Fiscale Dissuasione dall inadempimento fiscale Presidio Giuridico Funzionario Politiche Politiche Politiche Analista servizi Analista

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE GENERALE CAPITOLO PRIMO I TRIBUTI CAPITOLO SECONDO I PRINCÌPI CAPITOLO TERZO LE FONTI

INDICE SOMMARIO PARTE GENERALE CAPITOLO PRIMO I TRIBUTI CAPITOLO SECONDO I PRINCÌPI CAPITOLO TERZO LE FONTI INDICE SOMMARIO PARTE GENERALE CAPITOLO PRIMO I TRIBUTI 1. La nozione di tributo............................................» 3 2. Imposte, tasse, contributi.........................................» 4

Dettagli

> misure. parte v. contro L evasione. 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) 2. ALtre disposizioni. 3. il nuovo redditometro

> misure. parte v. contro L evasione. 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) 2. ALtre disposizioni. 3. il nuovo redditometro parte v > misure contro L evasione 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. ALtre disposizioni Limiti all uso del denaro contante La comunicazione

Dettagli

Circolare Mensile Fiscale SETTEMBRE 2015

Circolare Mensile Fiscale SETTEMBRE 2015 Circolare Mensile Fiscale SETTEMBRE 2015 INDICE Le news del mese In evidenza o La remissione in bonis Scadenzario Le news del mese Detrazione 50% - Obbligo di richiesta del codice fiscale del condominio

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 17 Dicembre 2014 DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI Il Decreto Legislativo 21 novembre 2014 nr. 175, cosiddetto Semplificazione fiscale e dichiarazione dei

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO pag. ABBREVIAZIONI... XIX SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA......................... 15 CAPITOLO PRIMO I DELITTI IN MATERIA DI DICHIARAZIONE: ELEMENTI COMUNI 1. I

Dettagli

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres CASA E FISCO VADEMECUM SCUDO FISCALE 2009 Lo scudo fiscale prevede la possibilità di regolarizzare le attività finanziarie o patrimoniali detenute all estero in violazione della normativa relativa al monitoraggio

Dettagli

Decreto sulle semplificazioni fiscali.

Decreto sulle semplificazioni fiscali. Decreto sulle semplificazioni fiscali. Il Governo, il 20 giugno scorso, ha dato il via ad uno schema di decreto legislativo contenente disposizioni in materia di semplificazioni fiscali, in attuazione

Dettagli

Manuale di Contabilità Aziendale. di Paolo Montinari

Manuale di Contabilità Aziendale. di Paolo Montinari Manuale di Contabilità Aziendale di Paolo Montinari Indice sistematico Capitolo 1 -La contabilità e il metodo della partita doppia 1.1 La funzione della contabilità... 15 1.2 Il metodo della partita doppia

Dettagli

***** Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata (decreto legislativo primo esame)

***** Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata (decreto legislativo primo esame) Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi venerdì 20 giugno alle ore 10.45 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Segretario il ministro per le Riforme costituzionali

Dettagli

LE SANZIONI TRIBUTARIE E PENALI

LE SANZIONI TRIBUTARIE E PENALI LE SANZIONI TRIBUTARIE E PENALI Gli aggiornamenti più recenti Sanzioni in materia di monitoraggio fiscale aggiornamento gennaio 2015 SANZIONE AMMINISTRATIVA MONITORAGGIO FISCALE REATI TRIBUTARI SANZIONI

Dettagli

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI lì, 20 dicembre 2014 Articolo 1 - Dichiarazione dei redditi precompilata Dal 2015, entro il 15 aprile di ciascun anno, l Agenzia delle Entrate renderà disponibile telematicamente

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO RIPA BLANDINO

STUDIO ASSOCIATO RIPA BLANDINO STUDIO ASSOCIATO RIPA BLANDINO Dottori Commercialisti e Consulenti del Lavoro SCADENZE APRILE 2015 Scadenza Adempimento Commento 10.4.2015 Comunicazione operazioni rilevanti IVA ( spesometro ) 10.4.2015

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA NUCLEO DI POLIZIA TRIBUTARIA MILANO TUTELA DEGLI INTERESSI FINANZIARI DELL U.E. ANALISI DEI CASI PIÙ FREQUENTI DI FRODE

GUARDIA DI FINANZA NUCLEO DI POLIZIA TRIBUTARIA MILANO TUTELA DEGLI INTERESSI FINANZIARI DELL U.E. ANALISI DEI CASI PIÙ FREQUENTI DI FRODE GUARDIA DI FINANZA NUCLEO DI POLIZIA TRIBUTARIA MILANO TUTELA DEGLI INTERESSI FINANZIARI DELL U.E. ANALISI DEI CASI PIÙ FREQUENTI DI FRODE Milano, 08 maggio 2012 1 ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO RUOLO DELLA

Dettagli

OGGETTO: Prevenzione e contrasto all evasione Anno 2008 Primi indirizzi operativi.

OGGETTO: Prevenzione e contrasto all evasione Anno 2008 Primi indirizzi operativi. CIRCOLARE N. 6/E Direzione Centrale Accertamento Ufficio Programmazione Roma, 25 gennaio 2008 Direzioni regionali Uffici locali e, p.c. Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche

Dettagli

1. AGENZIA DELLE ENTRATE E FUNZIONI DI CONTROLLO

1. AGENZIA DELLE ENTRATE E FUNZIONI DI CONTROLLO SOGGETTI ADDETTI AI CONTROLLI 1. AGENZIA DELLE ENTRATE E FUNZIONI DI CONTROLLO SOGGETTI ADDETTI AI CONTROLLI SOGGETTI ADDETTI AGENZIA GUARDIA PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALL ACCERTAMENTO Entrate e dalla

Dettagli

Milano Roma. News fiscali e societarie

Milano Roma. News fiscali e societarie Milano Roma News fiscali e societarie Febbraio 2013 FISCALITA DOCUMENTI INTERPRETATIVI L Agenzia delle Entrate pesa la sostenibilità delle liti tributarie L Agenzia delle Entrate ha impartito agli uffici

Dettagli

VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO

VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO Circolare informativa per la clientela n. 28/2014 del 16 ottobre 2014 VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO In questa Circolare 1. Comunicazione 2. Chi può apporre il

Dettagli

Oggetto. Sommario. Contenuto. Informativa 41/2014

Oggetto. Sommario. Contenuto. Informativa 41/2014 I n f o r m a t i v a d e l 14 n o v e m b r e 2014 P a g. 1 di 5 Informativa 41/2014 Oggetto IL DECRETO SULLE SEMPLIFICAZIONI FISCALI Sommario Capo I: Semplificazioni per le persone fisiche; Capo II:

Dettagli

2) sostanziali quando finalizzati all accertamento della reale posizione del soggetto verificato.

2) sostanziali quando finalizzati all accertamento della reale posizione del soggetto verificato. VERIFICHE FISCALI di Pierpaolo Ceroli - Dottore Commercialista Definizione Con la circolare della Guardia di Finanza del 20 ottobre 1998, nota come 1/98, la verifica fiscale viene definita come un indagine

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag.

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. 9 CAPITOLO SECONDO LE SINGOLE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI 1. Gli omessi

Dettagli

A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio IMPOSTE DIRETTE

A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio IMPOSTE DIRETTE Milano, 5 aprile 2013 Informazioni tributarie 1.4/04/2013 A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio IMPOSTE DIRETTE 1. PEX REGIME DI PARTECIPATION EXEMPTION. NUOVI CHIARIMENTI. (CIRCOLARE N. 7/E DELL

Dettagli

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA III Reparto Operazioni Ufficio Tutela Entrate Sezione Imposte sui Redditi

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA III Reparto Operazioni Ufficio Tutela Entrate Sezione Imposte sui Redditi COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA III Reparto Operazioni Ufficio Tutela Entrate Sezione Imposte sui Redditi N. 1037/INCC Roma, 18 giugno 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186: Disposizioni

Dettagli

Informativa n. 22 INDICE. del 16 giugno 2011

Informativa n. 22 INDICE. del 16 giugno 2011 Informativa n. 22 del 16 giugno 2011 Comunicazione telematica all Agenzia delle Entrate delle operazioni rilevanti ai fini IVA di importo pari o superiore a 3.000,00 euro - Riepilogo della disciplina e

Dettagli

LE SANZIONI TRIBUTARIE E PENALI

LE SANZIONI TRIBUTARIE E PENALI LE SANZIONI TRIBUTARIE E PENALI Gli aggiornamenti più recenti Sanzioni in materia di monitoraggio fiscale aggiornamento agosto 2014 SANZIONE AMMINISTRATIVA MONITORAGGIO FISCALE REATI TRIBUTARI SANZIONI

Dettagli

OGGETTO: Istruzioni sulla trattazione delle richieste di consulenza giuridica

OGGETTO: Istruzioni sulla trattazione delle richieste di consulenza giuridica CIRCOLARE n. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 AGOSTO 2011 OGGETTO: Istruzioni sulla trattazione delle richieste di consulenza giuridica Indice 1. Premessa... 2. Informazione e assistenza ai contribuenti.

Dettagli

Paola Monica Giachetto Ufficio tributario bilancio e vigilanza Direzione Norme e Tributi - ABI

Paola Monica Giachetto Ufficio tributario bilancio e vigilanza Direzione Norme e Tributi - ABI Il peso del Fisco nel processo di digitalizzazione del Paese con il sostegno degli intermediari: l esperienza delle indagini finanziarie (Archivio dei rapporti) e dello scambio automatico di informazioni

Dettagli

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE

Dettagli

FINANZIARIA 2007 DECRETO COLLEGATO legge 286/06

FINANZIARIA 2007 DECRETO COLLEGATO legge 286/06 FINANZIARIA 2007 DECRETO COLLEGATO legge 286/06 NORMATIVA DL 03/10/2006 n 262 convertito in Legge n.286 del 24/11/2006 (G.U. n.277 del 28/11/2006) In vigore dal 29/11/2006 PRASSI AGENZIA DELLE DOGANE nota

Dettagli

OGGETTO: Anno 2016 - Prevenzione e contrasto all evasione - Indirizzi operativi.

OGGETTO: Anno 2016 - Prevenzione e contrasto all evasione - Indirizzi operativi. CIRCOLARE N. 16/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 28/04/2016 OGGETTO: Anno 2016 - Prevenzione e contrasto all evasione - Indirizzi operativi. Premessa L evasione fiscale, come da più parti sottolineato,

Dettagli

Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese

Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese (Schema di decreto legislativo n. 161-bis) N. 252 30 luglio 2015 Camera dei deputati XVII LEGISLATURA Verifica delle quantificazioni Misure

Dettagli

Verifiche e accertamenti: le indicazioni programmatiche per il 2002

Verifiche e accertamenti: le indicazioni programmatiche per il 2002 31/08/2002 n. 31/2002 Pag. 2953 Verifiche e accertamenti: le indicazioni programmatiche per il 2002 Circolare dell Agenzia delle Entrate - (CIR) n. 72 E del 14 agosto 2002 Comunicato stampa dell Agenzia

Dettagli

I dossier fiscali. Telefisco 2014 - Le risposte dell Agenzia delle Entrate - Circolare 14 maggio 2014, n.10/e -

I dossier fiscali. Telefisco 2014 - Le risposte dell Agenzia delle Entrate - Circolare 14 maggio 2014, n.10/e - I dossier fiscali Telefisco 2014 - Le risposte dell Agenzia delle Entrate - Circolare 14 maggio 2014, n.10/e - Maggio 2014 SOMMARIO Deducibilità IMU... 3 Bonus mobili... 3 Rivalutazioni beni d impresa...

Dettagli

IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DIVENTA LEGGE : ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI

IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DIVENTA LEGGE : ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DIVENTA LEGGE : ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Il Consiglio dei ministri ha approvato in data 30 ottobre 2014 il Decreto delegato

Dettagli

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI OGGETTO: Circolare 19.2014 Seregno, 12 novembre 2014 DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI Il Consiglio dei Ministri ha approvato il 30 Ottobre 2014 in via definitiva il Decreto Legislativo contenente disposizioni

Dettagli

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 1 ACCERTAMENTO ESECUTIVO RISCOSSIONE PROVVISORIA 2 Accertamento esecutivo Art. 29 D.L. n. 78/2010 Gli avvisi di accertamento, i connessi

Dettagli

1-2015. Quaderni Fiscali 1-2015. Legge di stabilità 2015 - Novità in tema di Iva

1-2015. Quaderni Fiscali 1-2015. Legge di stabilità 2015 - Novità in tema di Iva 1-2015 Quaderni Fiscali 1-2015 Legge di stabilità 2015 - Novità in tema di Iva Masaccio, Il tributo, 1425, affresco. Firenze, chiesa del Carmine, Cappella Brancacci Aggiornamento e approfondimento in area

Dettagli

L ILLECITO TRIBUTARIO

L ILLECITO TRIBUTARIO L ILLECITO TRIBUTARIO Costituisce illecito tributario ogni inosservanza degli obblighi attinenti al rapporto giuridico d imposta. Trattasi di fatti giuridicamente rilevanti da cui l ordinamento tributario

Dettagli

Presentazione. Presentazione

Presentazione. Presentazione Presentazione Presentazione Il testo offre una guida operativa delle norme, procedure, modulistica in materia di riscossione coattiva delle imposte, con particolare riferimento ai poteri a disposizione

Dettagli

1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO)... 2. >> Chi deve fare la comunicazione... 2. >> Cosa comunicare... 2

1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO)... 2. >> Chi deve fare la comunicazione... 2. >> Cosa comunicare... 2 novembre 2013 ultimo aggiornamento PARTE V > SPESOMETRO, REDDITOMETRO E ALTRI STRUMENTI DI CONTROLLO 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO)... 2 >> Chi deve fare la comunicazione... 2 >>

Dettagli

Piano delle attività 2013-2015 dell Area Monopoli

Piano delle attività 2013-2015 dell Area Monopoli Piano delle attività 2013-2015 dell Area Monopoli 1 Il Piano dell Agenzia Area Monopoli per il triennio 2013-2015 Il Piano delle attività sviluppato per il triennio 2013-2015 intende perseguire i seguenti

Dettagli

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette PIAZZA DELLA VITTORIA, 8/20 16121 GENOVA TEL: 010 553241 FAX: 010 5532460 E-MAIL: studio.genova@stsnet.it C. F. E P. IVA: 03022160109 Ai Signori Clienti Loro Sedi Genova, 2 settembre 2011 CIRCOLARE N.

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO RIFLESSIONI SUL CONCETTO DI FRODE NEL DIRITTO PENALE DELL ECONOMIA

INDICE CAPITOLO PRIMO RIFLESSIONI SUL CONCETTO DI FRODE NEL DIRITTO PENALE DELL ECONOMIA INDICE Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO RIFLESSIONI SUL CONCETTO DI FRODE NEL DIRITTO PENALE DELL ECONOMIA 1.1 Le frodi fiscali. Evoluzione storica della fattispecie... pag. 13 1.2 Il concetto di frode.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA SICILIA LA CONFINDUSTRIA SICILIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA SICILIA LA CONFINDUSTRIA SICILIA Direzione Regionale della Sicilia PROTOCOLLO D INTESA TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA SICILIA E LA CONFINDUSTRIA SICILIA Agenzia delle Entrate, nella persona del Direttore Regionale,

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 11/09/2015 1 Circolare 16/07/2015,

Dettagli

INDICE. 5 Condizioni per il perfezionamento dei pagamenti dei debiti... 8

INDICE. 5 Condizioni per il perfezionamento dei pagamenti dei debiti... 8 D O T T. C A R L O O R S E N I G A Commercialista - Revisore Contabile 20123 - MILANO Via Vincenzo Monti, 32 Tel. +39.02.36.55.04.76 Fax +39.02.89.07.49.33 Circolare n. 1 del 18 febbraio 2014 Compensazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 3 /E. Oggetto: Prevenzione e contrasto all evasione Anno 2004 Primi indirizzi operativi.

CIRCOLARE N. 3 /E. Oggetto: Prevenzione e contrasto all evasione Anno 2004 Primi indirizzi operativi. CIRCOLARE N. 3 /E Direzione Centrale Accertamento Roma, 29 gennaio 2004 Oggetto: Prevenzione e contrasto all evasione Anno 2004 Primi indirizzi operativi. 1. Premessa In attesa dell emanazione di specifiche

Dettagli

Credito IVA: rimborsi e compensazione

Credito IVA: rimborsi e compensazione Sandra Migliaccio Agenzia delle Entrate - DR Piemonte, Ufficio Fiscalità Generale Credito IVA: rimborsi e compensazione 1 L utilizzo del credito IVA Compensazione verticale Rimborso del credito IVA annuale

Dettagli

L INNOVAZIONE DEL MODELLO FISCALE. La dichiarazione precompilata

L INNOVAZIONE DEL MODELLO FISCALE. La dichiarazione precompilata L INNOVAZIONE DEL MODELLO FISCALE La dichiarazione precompilata 1 Le dichiarazioni dei redditi Società ed Enti Persone Fisiche Modello CNM consolidato nazionale e mondiale Modello Unico Enti non commerciali

Dettagli

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento Roma, 22 ottobre 2009 LO SCUDO FISCALE

Dettagli

Budget economico 2015. Allegato d) Piano degli indicatori

Budget economico 2015. Allegato d) Piano degli indicatori Budget economico 2015 Allegato d) Piano degli indicatori (redatto ai sensi dell articolo 19 del Decreto Legislativo n. 91/2011 e in conformità alle linee guida generali definite con D.P.C.M. 18 settembre

Dettagli

1 premessa Il DL 13.5.2011 n. 70 (c.d. DL sviluppo ), entrato in vigore il 14.5.2011, è stato convertito nella L. 12.7.2011 n. 106.

1 premessa Il DL 13.5.2011 n. 70 (c.d. DL sviluppo ), entrato in vigore il 14.5.2011, è stato convertito nella L. 12.7.2011 n. 106. 1 premessa Il DL 13.5.2011 n. 70 (c.d. DL sviluppo ), entrato in vigore il 14.5.2011, è stato convertito nella L. 12.7.2011 n. 106. Il DL sviluppo contiene, tra l altro, alcune disposizioni in materia

Dettagli

DA ENTRATEL A I SERVIZI TELEMATICI INTEGRATI. QUALI OPPORTUNITA PER L UTENZA PROFESSIONALE.

DA ENTRATEL A I SERVIZI TELEMATICI INTEGRATI. QUALI OPPORTUNITA PER L UTENZA PROFESSIONALE. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il fisco telematico e i servizi agli operatori professionali DA ENTRATEL A I SERVIZI TELEMATICI INTEGRATI. QUALI OPPORTUNITA PER L UTENZA PROFESSIONALE. Dott.

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 22 del 27 luglio 2011 DL 13.5.2011 n. 70 convertito

Dettagli

Torino, 18 gennaio 2012. Dott.ssa Elena De Carlo

Torino, 18 gennaio 2012. Dott.ssa Elena De Carlo Torino, 18 gennaio 2012 Dott.ssa Elena De Carlo - Abbassamento soglie di punibilità - Proroga dei termini per l accertamento IVA - Preclusione degli accertamenti presuntivi in relazione agli studi di settore

Dettagli

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI Commercialisti Associati Revisori Legali Largo Caleotto, 1-23900 LECCO (LC) Tel. 0 3 4 1 / 3 6 4 0 2 2 - Fax 0 3 4 1 / 2 8 7 0 4 2 Gent. Sig.ra / Egr. Sig. Spett. le Ditta

Dettagli

Legge di stabilità n. 220 del 13/12/2010

Legge di stabilità n. 220 del 13/12/2010 Circolare n. 1/2011 del 20 Gennaio 2011 PROVVEDIMENTI FISCALI 2011 L inizio del nuovo anno comporta l entrata in vigore di numerose novità fiscali contenute in diversi provvedimenti, alcuni di tipo legislativo

Dettagli

OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013. Principali scadenze mese di novembre 2013

OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013. Principali scadenze mese di novembre 2013 > Circ. n. 9-M/2013 PC/pf Del 04 2013 OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013 Spett.le Ditta/Società In evidenza SOMMARIO Principali scadenze mese di 2013 Modello di comunicazione polivalente delle operazioni

Dettagli

Indice circolari Fiscali 2010

Indice circolari Fiscali 2010 1 N ARGOMENTO 001 NOVITA' DAL 2010 FINANZIARIA 2010 002 NOVITA' DAL 2010 MILLEPROROGHE 003 TASSO INTERESSE LEGALE DAL 2010 EFFETTI USUFRUTTO 004 COMPENSAZIONE CREDITO IVA SCADENZA DEL 16/01/2010 005 RIVALUTAZIONE

Dettagli

Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E

Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E Roma, 31 luglio 2002. OGGETTO: Rimborsi in conto fiscale per l imposta sul valore aggiunto derivanti dalla dichiarazione annuale Attività degli uffici

Dettagli

Lotta ai paradisi fiscali: il nuovo obbligo di comunicazione telematica dei dati degli scambi economici effettuati con Paesi cosiddetti black-list

Lotta ai paradisi fiscali: il nuovo obbligo di comunicazione telematica dei dati degli scambi economici effettuati con Paesi cosiddetti black-list 8/05/2010 n. 19/2010 Pag. 1439 Lotta ai paradisi fiscali: il nuovo obbligo di comunicazione telematica dei dati degli scambi economici effettuati con Paesi cosiddetti black-list di Fabrizio Dominici SOMMARIO

Dettagli

D. Liburdi, F. Colombo. Il ravvedimento operoso Aggiornato con Decreto Anti-Crisi n. 185/2008

D. Liburdi, F. Colombo. Il ravvedimento operoso Aggiornato con Decreto Anti-Crisi n. 185/2008 D. Liburdi, F. Colombo Il ravvedimento operoso Aggiornato con Decreto Anti-Crisi n. 185/2008 Edizione 2009 INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione

Dettagli

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE D.Lgs. n. 74/2000 Artt. da 1 a 14, D.Lgs. n. 158/2015 Con la pubblicazione sulla G.U. del Decreto attuativo della

Dettagli

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 TESTI LEGISLATIVI... 11 1. Legge 25 giugno 1999, n. 205 (Delega al Governo per la depenalizzazione dei reati minori e modifiche al sistema penale e tributario):

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Oggetto: Attività di assistenza fiscale 2010 Circolare n. 16/E del 27 Marzo 2010

Oggetto: Attività di assistenza fiscale 2010 Circolare n. 16/E del 27 Marzo 2010 C.A.F. UIL S.P.A. CENTRO ASSISTENZA FISCALE DELLA UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE LEGALE VIA DI SAN CRESCENZIANO, 25 00199 ROMA TELEFONO 06/86.22.631 TELEFAX 06/86.22.63.33 E-MAIL cafuil@cafuil.it CAPITALE

Dettagli

Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti

Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti 15 aprile 2015 LE FRODI ALL IVA LA LOTTA ALLE FRODI ALL IVA ESIGENZE

Dettagli

AGENZIA DELLE ENTRATE Direzione Provinciale di Pescara

AGENZIA DELLE ENTRATE Direzione Provinciale di Pescara 1 AGENZIA DELLE ENTRATE Direzione Provinciale di Pescara Scheda tecnica dei rimedi, disponibili per famiglie e imprese, in situazioni di indebitamento con l Agenzia delle Entrate per imposte erariali:

Dettagli

SOMMARIO DIRITTO TRIBUTARIO PARTE GENERALE CAPITOLO I L ATTIVITÀ FINANZIARIA DELLO STATO E IL DIRITTO TRIBUTARIO 3

SOMMARIO DIRITTO TRIBUTARIO PARTE GENERALE CAPITOLO I L ATTIVITÀ FINANZIARIA DELLO STATO E IL DIRITTO TRIBUTARIO 3 SOMMARIO Premessa V DIRITTO TRIBUTARIO PARTE GENERALE CAPITOLO I L ATTIVITÀ FINANZIARIA DELLO STATO E IL DIRITTO TRIBUTARIO 3 1. Premessa. 3 2. Natura e finalità dell attività finanziaria pubblica. 4 3.

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO DEL 10/11/2010

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO DEL 10/11/2010 CATTABRIGA CLAUDIA Dottore Commercialista Revisore Contabile Nr. iscrizione 513/A CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO DEL 10/11/2010 COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI BLACK LIST Circ. Ag. Entrate 21.10.2010, n. 53/E

Dettagli

S T U D I O M A S I E R O D r. A D R I A N O

S T U D I O M A S I E R O D r. A D R I A N O Alla cortese attenzione dei Sigg. Clienti: CIRCOLARE DICEMBRE 2008 ULTIME NOVITÀ FISCALI Accertamento ad una società basato sui c/c dei soci Sentenza Corte Cassazione 14.11.2008, n. 27186 Dichiarazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte prima LA FRODE FISCALE E RIFORMA PENAL-TRIBUTARIA CAPITOLO I NOZIONE ED EVOLUZIONE DELLA FRODE FISCALE

INDICE SOMMARIO. Parte prima LA FRODE FISCALE E RIFORMA PENAL-TRIBUTARIA CAPITOLO I NOZIONE ED EVOLUZIONE DELLA FRODE FISCALE INDICE SOMMARIO Prefazione alla quarta edizione... Prefazione... pag. V VII Parte prima E RIFORMA PENAL-TRIBUTARIA CAPITOLO I NOZIONE ED EVOLUZIONE DEL 1. La figura della frode fiscale in giurisprudenza

Dettagli

L Agenzia delle Entrate chiede i documenti attestanti il diritto a detrazioni o deduzioni fiscali

L Agenzia delle Entrate chiede i documenti attestanti il diritto a detrazioni o deduzioni fiscali CIRCOLARE A.F. N. 75 del 22 Maggio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi L Agenzia delle Entrate chiede i documenti attestanti il diritto a detrazioni o deduzioni fiscali Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Circolare - Notiziario n. 10

Circolare - Notiziario n. 10 .. Circolare - Notiziario n. 10 CATTABRIGA CLAUDIA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE 16 settembre 2013 Nuovo redditometro Circ. Ag. Entrate 31.07.2013, n. 24/E Il nuovo metodo di ricostruzione

Dettagli

L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4

L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4 Focus di pratica professionale di Roberto Chiumiento L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4 I termini dell assistenza fiscale Com è noto

Dettagli

REATI TRIBUTARI PRIMA PARTE

REATI TRIBUTARI PRIMA PARTE REATI TRIBUTARI PRIMA PARTE di Massimiliano Manni Premessa Con il termine frode fiscale, la dottrina e la giurisprudenza 1 aveva accomunato il carattere fraudolento in tutti quei comportamenti che, pur

Dettagli

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013 Circolare n. 34 del 21 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

Indice cronologico sistematico

Indice cronologico sistematico 2011 2 trimestre Indice cronologico sistematico Nell'indice sono elencati tutti gli argomenti trattati nel della Circolare Tributaria dal n.14 del 4/04/2011 al n.26 del 27/06/2011. Gli argomenti sono elencati

Dettagli

CONVERTITA IN LEGGE LA MANOVRA CORRETTIVA DEI CONTI PUBBLICI

CONVERTITA IN LEGGE LA MANOVRA CORRETTIVA DEI CONTI PUBBLICI Periodico plurisettimanale Area: TAX & LAW 12 settembre 2006 CONVERTITA IN LEGGE LA MANOVRA CORRETTIVA DEI CONTI PUBBLICI In sede di conversione in Legge del DL 223/2006 (c.d. Decreto Bersani) sono state

Dettagli

ADEMPIMENTI MESE DI OTTOBRE 2012

ADEMPIMENTI MESE DI OTTOBRE 2012 10 ADEMPIMENTI MESE DI OTTOBRE 2012 10 MERCOLEDI Inps Lavoratori domestici - Ultimo giorno per il versamento dei contributi previdenziali/assistenziali a cadenza trimestrale relativi ai lavoratori domestici.

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI EMERSIONE CAPITALI ESTERI, ULTIMA OCCASIONE PER REGOLARIZZARE LE PROPRIE POSIZIONI ESTERE La disciplina cosiddetta della Voluntary disclosure (Emersione e rientro di capitali dall'estero) è stata approvata

Dettagli