NORME PER LA VITA E IL SERVIZIO INTERNO DI CASERMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORME PER LA VITA E IL SERVIZIO INTERNO DI CASERMA"

Transcript

1

2

3 STATO MAGGIORE DELL'ESERCITO III Reparto Impiego delle Forze - Centro Operativo Esercito UFFICIO DOTTRINA E LEZIONI APPRESE N NORME PER LA VITA E IL SERVIZIO INTERNO DI CASERMA 2009 I

4 PAGINA INTENZIONALMENTE BIANCA II

5 STATO MAGGIORE DELL'ESERCITO III Reparto Impiego delle Forze - Centro Operativo Esercito UFFICIO DOTTRINA E LEZIONI APPRESE ATTO DI APPROVAZIONE Approvo la presente pubblicazione n "NORME PER LA VITA E IL SERVIZIO INTERNO DI CASERMA", edizione Essa abroga e sostituisce la pubblicazione pari numero e pari titolo, edizione Roma, 14 settembre 2009 IL CAPO DI SM DELL'ESERCITO Gen. C.A. Fabrizio CASTAGNETTI III

6 PAGINA INTENZIONALMENTE BIANCA IV

7 AVVERTENZE LA PRESENTE PUBBLICAZIONE E' DIRAMATA SECONDO QUANTO PREVISTO DALLA CLASSE 2 DELLA PUB. N "NORME PER L'APPRONTAMENTO, STAMPA, DISTRIBUZIONE ED AGGIORNAMENTO DELLE PUBBLICAZIONI MILITARI", EDIZIONE FATTE SALVE LE ESIGENZE DI SERVIZIO/UFFICIO E/O ISTITUTO, NESSUNA PARTE DI QUESTA PUBBLICAZIONE PUÒ ESSERE RIPRODOTTA IN QUALSIASI FORMA A STAMPA, FOTOCOPIA, MICROFILM, SCANSIONE DIGITALIZZATA O ALTRI SISTEMI, SENZA L'AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELL'ORIGINATORE. V

8 PAGINA INTENZIONALMENTE BIANCA VI

9 REGISTRAZIONE DELLE AGGIUNTE E VARIANTI VII

10 REGISTRAZIONE DELLE AGGIUNTE E VARIANTI VIII

11 SPECCHIO DI DISTRIBUZIONE Numero delle copie Contrassegno numerico degli Enti / Comandi 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 34, 35, 36, 37, 40, 41, 44, 46, 47, 63, 64, 65, 66, 67, 69, 70, 71, 72, 73, 78, 79, 80, 81, 82, 83, 84, 85, 86, 87, 88, 89, 90, 91, 92, 93, 98, 99, 102, 103, 104, 105, 106, 107, 108, 109, 110, 111, 112, 113, 114, 115, 116, 118, 119, 120, 123, 124, 125, 126, 127, 128, 129, 130, 131, 132, 135, 136, 137, 138, 139, 140, 141, 145, 146, 147, 148, 158, 162, 163, 166, 167, 168, 169, 170, 171, 172, 173, 174, 175, 176, 177, 178, 179, 180, 181, 182, 183, 184, 185, 186, 187, 188, 189, 190, 191, 192, 193, 194, 195, 196, 197, 198, 199, 200, 201, 202, 203, 204, 205, 206, 207, 208, 209, 210, 211, 212, 213, 214, 215, 216, 217, 218, 219, 220, 221, 222, 223, 224, 225, 226, 227, 228, 229, 230, 231, 232, 233, 234, 235, 236, 237, 238, 239, 240, 241, 242, 243, 244, 245, 246, 247, 248, 249, 252, 253, 254, 256, 257, 258, 259, 260, 261, 262, 263, 264, 265, 266, 267, 268, 269, 270, 453, 479, 480, 481, 482, 503, 504, 505, 506, 507, 550, 551, 552, 553, 554, 569, 570, 572, 573, 574, 581, 582, 583, 584, 600, 601, 602, 603, 604, 605, 606, 609, 655, 656, 657, 658, 659, 660, 661, 662, 663, 664, 665, 666, 667, 668, 669, 670, 672, 673, 674, 675, 676, 677, 678, 679, 680, , 45, 94, 95, 97, 100, 101, 117, 142, 149, 150, 151, 153, 154, 155, 157, 159, 160, 161, 164, 165, 250, 272, 275, 286, 293, 299, 405, 441, 442, 443, 444, 445, 446, 447, 448, 449, 451, 452, 455, 456, 457, 458, 459, 460, 461, 462, 463, 464, 466, 467, 469, 470, 473, 474, 475, 476, 477, 478, 483, 484, 485, 486, 487, 488, 489, 490, 491, 492, 493, 495, 496, 497, 498, 499, 500, 502, 508, 509, 510, 511, 512, 513, 514, 515, 516, 517, 518, 519, 520, 521, 522, 523, 524, 526, 527, 529, 530, 532, 533, 535, 536, 537, 539, 541, 542, 544, 556, 560, 562, 564, 566, 568, 586, 587, 588, 592, 594, 595, 596, 598, 599, , 144, 152, 251, 284, 465, 531, 534, 538, 540, 543, 559, 561, 563, 565, 567, 589, 590, 591, 593, 597, 607, 641, 646, , 75, 77, 133, , 274, 285, 292, 298, 305, 307, 310, 315, 322, 331, 333, 342, 348, 358, 367, 369, 377, 385, 393, 399, 406, 412, 416, 422, 427, 432, 434, 450, 468, 494, 528, 555, 585, 615, 616, 618, , , 471, 472, 501, 558, 571, 619, 642, 643, 644, 645, 647, 648, 649, 650, 652, 653, 654. IX

12 SPECCHIO DI DISTRIBUZIONE Numero delle copie Contrassegno numerico degli Enti / Comandi 271, 304, 309, 330, 366, 404, 421, 426, 428, 429, 430, 431, 440, 525, 611, 637, , 277, 278, 279, 280, 281, 282, 283, 287, 288, 289, 290, 291, 294, 295, 296, 297, 300, 301, 302, 303, 306, 308, 311, 313, 314, 316, 317, 318, 319, 320, 321, 323, 324, 325, 326, 327, 328, 329, 332, 334, 335, 336, 337, 338, 339, 340, 343, 344, 345, 346, 347, 349, 350, 351, 352, 353, 354, 355, 356, 357, 359, 360, 361, 362, 363, 364, 365, 368, 370, 371, 372, 373, 374, 375, 376, 378, 379, 380, 381, 382, 383, 384, 386, 387, 388, 389, 390, 391, 392, 394, 395, 396, 397, 398, 400, 401, 402, 403, 407, 408, 409, 410, 411, 413, 414, 415, 417, 418, 419, 420, 423, 424, 425, 433, 435, 436, 437, 438, 439, 557, 610, 620, 621, 622, 623, 624, 626, 634, , 341, , 617, , 631, X

13 INDICE Premessa pag. 1 TITOLO I LE CASERME Capo I - Generalità art. 1 Definizione " 5 art. 2 Applicabilità " 5 art. 3 Organizzazione della caserma " 5 Capo II - Organizzazione di comando, direttiva ed esecutiva art. 4 Organizzazione di comando e vita nelle sedi stanziali " 7 art. 5 Comandante alla Sede " 8 art. 6 Ufficiale Addetto alla Sede " 11 art. 7 Comando alla Sede " 11 art. 8 Organi esecutivi " 12 Capo III - Organizzazione interna art. 9 Destinazione e uso dei locali " 15 art. 10 Alloggi per militari di Truppa " 16 art. 11 Alloggi per Ufficiali, Sottufficiali e VSP " 17 art. 12 Sale convegno per Ufficiali, Sottufficiali e militari di Truppa " 18 art. 13 Autorimesse, rimesse e hangars " 18 art. 14 Scuderie " 19 art. 15 Magazzini e armerie " 19 art. 16 Affissioni " 19 TITOLO II - LA VITA E IL SERVIZIO INTERNO Capo I - Orari e segnali art. 17 Orario " 25 art. 18 Segnali " 34 Capo II - Ordini e comunicazioni, rapporti, onori, allarmi e adunate art. 19 Ordini e comunicazioni " 35 art. 20 Rapporti " 35 art. 21 Onori alla Bandiera di Presidio " 36 art. 22 Onori all'ufficiale in particolari circostanze " 36 art. 23 Altri onori " 37 art. 24 Allarmi e adunate " 37 Capo III - Operazioni principali art. 25 Sveglia " 39 art. 26 Cura della persona " 39 art. 27 Libera uscita " 40 art. 28 Ritirata " 41 art. 29 Permessi " 41 art. 30 Silenzio " 42 XI

14 TITOLO III - SERVIZI Capo I - Servizi di caserma art. 31 Generalità pag. 47 art. 32 Servizi interni di caserma e servizio di guardia " 47 art. 33 Servizi per il funzionamento delle installazioni soggette a sorveglianza, ovvero a controllo saltuario " 59 art. 34 Servizi per la funzionalità dei Comandi " 60 art. 35 Impiego del personale " 61 art. 36 Distacco della guardia " 63 art. 37 Accesso all'installazione " 64 art. 38 Vigilanza puniti " 64 Capo II - Servizi logistici art. 39 Generalità " 67 ALLEGATO Riferimenti normativi " 69 XII

15 PREMESSA L'aggiornamento della presente pubblicazione tiene conto delle norme e delle prescrizioni di recente approvazione e di alcune proposte formulate dai Comandi periferici e dall'organo di Rappresentanza tendenti a razionalizzare e semplificare la normativa in vigore. La revisione è stata effettuata nel rispetto di quanto sancito nella Pub. SMD-G-011 "Norme per la vita e il servizio interno nelle installazioni militari" Ed. 1992, nella Pub. SME n "Sicurezza delle infrastrutture e degli aeromobili, protezione e custodia delle armi, delle munizioni, degli esplosivi, delle mine e dei materiali delle trasmissioni" Ed e successive varianti, e nella Direttiva sulla Sicurezza delle Installazioni (servizi di vigilanza e di sorveglianza) Ed e successive varianti. 1

16 PAGINA INTENZIONALMENTE BIANCA 2

17 TITOLO I LE CASERME 3

18 PAGINA INTENZIONALMENTE BIANCA 4

19 CAPO I GENERALITÀ art. 1 Definizione. Le caserme costituiscono la sede di enti, reparti militari e distaccamenti e, in quanto tali, richiamano le tradizioni storiche e i valori tipici delle istituzioni militari che implicano, per coloro che operano e vivono al loro interno, il rispetto di particolari regole etico-morali e comportamentali e il rispetto di specifiche misure di sicurezza, in virtù dei compiti istituzionali della Forza Armata. art. 2 Applicabilità. Le norme contenute nel presente regolamento: - hanno validità per tutte le installazioni della Forza Armata; - sono valide, per quanto non in contrasto, anche per quelle infrastrutture regolate da apposite norme quali Comandi di Grandi Unità ed equivalenti, siti operativi, magazzini, depositi, ecc.; - sono riferite non solo alla normale vita in guarnigione, ma anche ai casi in cui le unità vivono e operano al di fuori delle installazioni militari propriamente dette per attività operative/addestrative, con i necessari adeguamenti dettati dalle situazioni contingenti. art. 3 Organizzazione della caserma. 1. Ai fini della funzionalità ed efficienza della Forza Armata la caserma - ispirata a semplicità - deve essere caratterizzata da: - ordine e pulizia inappuntabili che infondano al militare il senso di rispetto per l'ambiente in cui vive e il senso di attrazione per la vita ordinata del proprio reparto; - infrastrutture, locali e servizi tali da garantire il benessere morale e materiale del personale che le utilizza e l'addestramento del soldato; - razionale ripartizione e sistemazione dei locali atta a garantire la regolarità delle operazioni giornaliere. 5

20 2. Ogni infrastruttura dovrà essere dotata di ornamenti semplici e austeri e in particolare di una lapide o monumento o sala cimeli che ricordi le gesta dei commilitoni caduti per la Patria. 3. L'organizzazione logistica posta in essere deve consentire la formazione tecnica e fisica del personale e permettere, nel contempo, l'accrescimento culturale e morale. 4. L'organizzazione della caserma è regolata dal Comandante alla Sede (1), che deve: - curare le condizioni di vita e di benessere del personale; - assicurare il rispetto delle norme di sicurezza e precauzionali al fine di salvaguardare l'integrità fisica dei dipendenti; - regolare e disciplinare in modo unitario tutti i servizi interni ed esterni. (1) La figura del Comandante alla Sede, unitamente ai compiti e ai settori di intervento, è descritta all'art. 5. 6

21 CAPO II ORGANIZZAZIONE DI COMANDO, DIRETTIVA ED ESECUTIVA art. 4 Organizzazione di comando e vita nelle sedi stanziali (1). 1. Le competenze nei settori della sicurezza, della utilizzazione e del mantenimento delle infrastrutture militari risalgono ad una organizzazione di comando (Fig.1) che, nel caso più completo, è incentrata su: - Comandante alla Sede; - Ufficiale Addetto alla Sede; - Comando alla Sede; - Organi Esecutivi. Fig. 1 (1) Vedasi la Circolare "Organizzazione di Comando e vita nelle sedi stanziali e T.O. dei Comandi alla Sede e degli organi esecutivi", edita e periodicamente aggiornata da SME RPGF. 7

22 2. Il Comandante alla Sede e l'ufficiale Addetto alla Sede - se nominati ad "incarico esclusivo" -, il personale del Comando alla Sede, quando costituito, e le unità preposte ai servizi infrastrutturali rimangono in sede all'emergenza per soddisfare le esigenze di completamento delle unità operative e per garantire la funzionalità e l'efficienza dell'installazione, passando alle dipendenze del Comando Militare Esercito competente per territorio. art. 5 Comandante alla Sede. 1. La carica di "Comandante alla Sede" deve essere sempre ricoperta e compete normalmente all'ufficiale o Sottufficiale più elevato in grado o più anziano in posto. Può essere assegnata a titolo esclusivo, in casi eccezionali e previa sanzione dello SME, quando situazioni particolari lo richiedano (convivenza di più unità di pari livello ordinativo, infrastrutture con particolari situazioni locali). 2. Il Comandante alla Sede - unico e vero responsabile del funzionamento e della vita nella installazione - sentiti gli altri Comandanti di Corpo eventualmente coesistenti e consultati gli Organismi di Rappresentanza Militare (limitatamente agli aspetti di competenza), ha facoltà di adottare provvedimenti correttivi e integrativi al presente regolamento per particolari situazioni locali. In tal caso, il Comandante alla Sede dovrà interessare il livello gerarchicamente superiore competente per: - informarlo tempestivamente, per i provvedimenti a carattere urgente; - richiedere preventivamente l'autorizzazione, per provvedimenti di carattere non urgente e/o permanente. 3. Il Comandante alla Sede: - è nominato: dall'autorità cui risale la linea di dipendenza dei Comandi, Enti o unità dislocati nell'infrastruttura; dal Comandante del competente Comando di Regione Militare/Comando Militare Autonomo, nelle infrastrutture sede di: più Comandi, Enti o unità che non hanno una comune dipendenza di impiego; Comandi, Enti o unità che dipendono direttamente dallo SME; Comandi, Enti, Unità Interforze di competenza della F.A.. I Generali di Corpo d'armata assumono automaticamente la carica in 8

23 argomento senza che si proceda alla nomina; - ha alle dipendenze d'impiego (vds. precedente Fig. 1): l' "Ufficiale Addetto alla Sede", se "ad incarico esclusivo"; il personale del "Comando alla Sede", ove previsto, tramite l'eventuale Ufficiale Addetto alla Sede; "le unità preposte ai servizi infrastrutturali" delle unità dislocate nell'infrastruttura tramite l'ufficiale Addetto alla Sede se previsto o il Comandante del reparto che inquadra l'unità preposta ai servizi infrastrutturali nei casi in cui l'ufficiale Addetto alla Sede non sia previsto; - si avvale di: Ufficiale Addetto alla Sede, se nominato "ad incarico abbinato"; personale impiegato per il funzionamento degli impianti e dei servizi logistici della sede; personale comandato a turno per disimpegnare i servizi generali della sede; - ha competenze decisionali e organizzative nei settori della sicurezza, dell'utilizzazione e del mantenimento dell'infrastruttura. 4. Le attribuzioni specifiche di ogni Comandante sono definite dall'autorità da cui esso dipende, in relazione alla particolare situazione di ogni installazione. Nei casi in cui il Comandante alla Sede viene posto alle dipendenze di altro Ufficiale inserito nella stessa linea di Comando, quest'ultimo provvede a fissargli le attribuzioni specifiche in luogo dell'autorità responsabile della nomina. Se il Comandante alla Sede è un Generale di Corpo d'armata, stabilisce in proprio le attribuzioni specifiche che gli competono e quelle da assegnare all'ufficiale Addetto alla Sede o al Comandante del reparto alla Sede per assicurare il coordinamento e il controllo delle attività di interesse. Le principali attività comprese in ciascuno dei tre settori d'intervento dei Comandanti alla Sede sono riportate nella tabella di Fig. 2. 9

24 PRINCIPALI ATTIVITÀ COMPRESE NEI SETTORI D'INTERVENTO DEI COMANDANTI ALLA SEDE SETTORE D'INTERVENTO PRINCIPALI ATTIVITÀ a. Organizzazione dei servizi di vigilanza/sorveglianza (guardia, controllo autoveicoli, servizio "passi", ecc.). Sicurezza dell'infrastruttura b. Pianificazione e attuazione della difesa dell'infrastruttura e delle operazioni di allertamento. c. Organizzazione del servizio antincendio e del settore antinfortunistica. a. Ripartizione delle aree e dei locali tra gli utenti. b. Gestione delle aree, dei locali e degli impianti di uso comune. c. Disposizioni permanenti, temporanee e periodiche per regolare le attività comuni a più utenti dell'infrastruttura (quali, ad esempio: orario delle principali Utilizzazione dell'infrastruttura operazioni, settori di competenza per le pulizie, comandate per soddisfare le esigenze della sede e quelle presidiarie, ecc.). d. Organizzazione dei servizi logistici che coinvolgono più utenti dell'infrastruttura (sanitario, veterinario, vettovagliamento, casermaggio, mensa, sale convegno, carburanti e lubrificanti, illuminazione, riscaldamento, bagni, antincendio, lisciviatura, sartoria, calzoleria, barbiere, ecc.). Mantenimento dell'infrastruttura a. Pianificazione e inoltro delle esigenze di ammodernamento e rinnovamento o di ordinario e minuto mantenimento. b. Impiego dei fondi di esecuzione dei lavori di minuto mantenimento e con mano d'opera militare. c. Consulenza funzionale per lavori "ad impresa". Fig. 2 10

25 art. 6 Ufficiale Addetto alla Sede. 1. É previsto nelle installazioni in cui il Comandante alla Sede è: - Ufficiale Generale; - Colonnello Comandante di Ente o Unità; - Comandante di unità a livello battaglione, non inquadrato in reggimento, dislocato in un complesso infrastrutturale in cui sono stanziate anche altre unità. 2. La carica viene attribuita: - normalmente ad "incarico abbinato", ad uno degli Ufficiali Superiori/Capitani dei Comandi, Enti o unità dislocati nella Sede o al Comandante del reparto alla Sede tipo "A" dove previsto; - eccezionalmente ad "incarico esclusivo", ad un Ufficiale Superiore previa sanzione dello SME, allorquando nella Sede sono dislocati più Comandi e unità. 3. Viene nominato dal Comandante alla Sede che ne fissa i compiti e attribuzioni in relazione alla situazione particolare dell'infrastruttura e delle organizzazioni che vi sono dislocate, seguendo il criterio di devolvergli la direzione e il coordinamento delle attività, riportate nella Fig. 2 del precedente art. 5, rivolte a soddisfare esigenze comuni a più utenti. 4. Qualora situazioni locali prevedono l'attribuzione di particolari e preminenti funzioni/responsabilità a Organi/Enti che comunque abbiano sede in una infrastruttura della Forza Armata (es. Organi della Giustizia Militare), il Comando della Regione Militare competente per territorio dovrà nominare un Ufficiale Addetto alla Sede con attribuzioni "ad hoc" definite di concerto con i predetti Organi/Enti al fine di evitare incompatibilità di funzioni. art. 7 Comando alla Sede. 1. È previsto - previa sanzione dello SME - nelle sedi in cui sono dislocati: - esclusivamente Comandi di Grandi Unità; - più Comandi e non sia previsto un Reparto alla Sede di tipo "A"; - infrastrutture che presentano particolari situazioni locali. 2. É il supporto di comando per assicurare l'organizzazione e il coordinamento dei servizi generali della sede e la gestione tecnico-amministrativa dell'infrastruttura e dei materiali di casermaggio. 11

26 3. È costituito, di massima, da due Sottufficiali con mansioni d'ufficio: - uno addetto al Comando e consegnatario dei materiali; - uno addetto all'infrastruttura (consegnatario e addetto al min mant.). Può includere Ufficiali, altri Sottufficiali e militari di truppa in relazione a particolari situazioni locali con compiti e attribuzioni stabilite di volta in volta dal Comandante alla Sede. Ove non previsto, le relative funzioni vengono esplicate dall'organizzazione di comando che fa capo al Comandante alla Sede. art. 8 Organi esecutivi. L'espletamento delle attività esecutive che caratterizzano la vita nelle sedi stanziali è affidata: - al personale specificamente previsto dagli organici dei Comandi, Enti e unità o in possesso di idonee specializzazioni; - ai Reparti alla Sede o "plotoni servizi infrastrutturali" organicamente inseriti nelle unità. a. Personale dei Comandi, Enti e unità Gli organici dei Comandi, Enti e unità dell'organizzazione centrale, addestrativa e territoriale prevedono il personale preposto all'esecuzione dei servizi generali. Tale personale, pur rimanendo inquadrato nel reparto di appartenenza, deve essere impiegato secondo le disposizioni permanenti o contingenti del Comandante alla Sede. Analogo procedimento deve essere seguito nelle unità operative, utilizzando gli incarichi di specializzazione previsti dalle tabelle organiche e idonei a soddisfare le esigenze di vita in guarnigione. L'entità del personale da impiegare sarà definita dal Comandante alla Sede, sulla base delle direttive impartite dall'autorità che lo ha nominato. b. Reparti alla Sede (1) (1) Compiti. Il Reparto alla Sede è un organismo costituito nell'ambito delle unità (rgt./btg./gr.) operative e addestrative per soddisfare le esigenze di vita in guarnigione e consentire che il personale dell'unità non venga distolto dall'addestramento. (1) Vedasi la Circolare "Organizzazione di Comando e vita nelle sedi stanziali e T.O. dei Comandi alla Sede e degli organi esecutivi", edita e periodicamente aggiornata da SME RPGF. 12

27 Tale organismo è infatti preposto alla gestione dei vari settori funzionali della caserma onde assicurare lo svolgimento delle attività connesse con l'utilizzazione, il minuto mantenimento e la sicurezza dell'infrastruttura. (2) Fisionomia ordinativa. Sotto il profilo ordinativo i Reparti alla Sede si articolano come segue: - Tipo "A": per le caserme di rilevanti dimensioni e per quelle che ospitano, oltre al rgt., altri Enti e/o reparti a livello btg./gr.. Il reparto ha la fisionomia di una compagnia, è dotato delle pedine organiche atte a garantire la propria funzionalità ed è inquadrato nel rgt.; - Tipo "B": per la generalità delle infrastrutture sedi di reggimento. In questo caso, il Reparto è costituito da due plotoni inseriti nell'ambito della cp./btr./sqd. Comando e Servizi del rgt.; - Tipo "C": per le caserme sedi di unità operative/addestrative di livello btg./gr.. In tal caso il Reparto è costituito da un solo plotone inserito nell'ambito della cp./btr./sqd. Comando e Servizi dell'unità; - Tipo "D": previsto per le compagnie in distaccamento. (3) Dipendenze. Il Reparto alla Sede di tipo "A" è posto alle dipendenze di impiego del Comandante alla Sede. Le altre tipologie di Reparti alla Sede hanno con questo solo un collegamento tecnico. Nelle sedi dove il reggimento convive con altri organismi di rango più elevato, per gli aspetti amministrativi connessi con l'espletamento delle funzioni gestionali dell'infrastruttura (minuto mantenimento, contabilità extra-bilancio), il Reparto alla Sede fa capo all'organizzazione amministrativa del reggimento in cui è inquadrato. (4) Tipologia dei vari Reparti alla Sede da costituire in ciascuna caserma (1). c. Plotoni servizi infrastrutturali (o unità assimilabili) (1) Sono inseriti organicamente in tutte le unità non operative/addestrative, per far fronte alle esigenze di vita in guarnigione (gestione delle sale convegno e degli impianti tecnologici, minuto mantenimento dell'infrastruttura, ecc.) senza gravare su altro personale in organico alle citate unità. (1) Sono riportati in appendice alla Circolare "Organizzazione di Comando e vita nelle sedi stanziali e T.O. dei Comandi alla Sede e degli organi esecutivi", edita e periodicamente aggiornata da SME RPGF. 13

28 (2) Vengono costituiti, previa sanzione dello SME, in ragione delle singole realtà locali, secondo degli organici di massima. (3) Sono al comando di un Sottufficiale (o Ufficiale, ove previsto) che: - nelle caserme sedi di un solo Ente/Comando (dove non è previsto il Comando alla Sede) è anche "addetto all'infrastruttura" e "consegnatario dei materiali" (solo se Sottufficiale); - nelle caserme sedi di più Enti/Comandi (dove è previsto il Comando alla Sede) può essere ad "incarico abbinato". 14

29 CAPO III ORGANIZZAZIONE INTERNA art. 9 Destinazione e uso dei locali. 1. Il Comandante alla Sede, alla luce di quanto stabilito dalle norme in vigore, allo scopo di agevolare la vita e le operazioni di caserma e assicurarne il normale svolgimento, sulla base delle esigenze sia del personale sia dell'organizzazione di Comando dell'ente e sentiti i Comandanti eventualmente coesistenti nell'installazione, deve: - ripartire le aree e i locali affinché vengano assicurate l'operatività dei reparti, la funzionalità di comando, la sicurezza delle armi, dei mezzi e dei materiali e il benessere del personale, proponendo, qualora resosi necessario, le eventuali variazioni alle destinazioni d'uso dei locali presso le Autorità competenti deputate alla relativa determinazione; - assicurarsi che in tutti i locali e in particolare in quelli adibiti a officina, posti manutenzione, laboratori, depositi carburanti, riservette munizioni, cucine e alloggi siano osservate le norme in materia di prevenzione infortuni, igiene ambientale e del lavoro e tutte le disposizioni impartite dalle Autorità superiori per la protezione dagli infortuni e per la prevenzione degli incendi in conformità a quanto sancito dal Regolamento per il servizio di presidio; - garantire un sistema d'illuminazione adeguato alle esigenze dei vari ambienti della caserma. 2. Ogni caserma, oltre ai locali adibiti a uffici e alloggi per il personale con obbligo di accasermamento o di servizio, potrà inoltre disporre di: - sala cimeli; - aule didattiche, sale riunioni e poligono di tiro ridotto; - percorso ginnico sportivo militare e striscia addestrativa; - attrezzature sportive; - sale convegno per Ufficiali, Sottufficiali e militari di truppa; - spaccio, cooperative, locali docce, servizi igienici diurni, ecc.; - sala cinematografica; - infermeria con annessa sala di visita e ricovero; - infermeria quadrupedi per reparti che ne hanno in organico un rilevante numero; 15

30 - mense, cucine e magazzini viveri; - rimesse, tettoie, porticcioli o hangars per i mezzi in dotazione; - deposito carbolubrificanti; - officine, posti manutenzione o laboratori per la riparazione/controlli dei materiali e mezzi in dotazione, magazzini; - piano di lavaggio con idrante; - laboratori per lavori di minuto mantenimento; - locali per il personale di servizio di vigilanza e di controllo; - parlatorio posto in prossimità dell'ingresso dell'installazione e del personale di vigilanza; - riservetta munizioni; - impianto di amplificazione; - laboratori per barbiere, sarto e calzolaio; - impianto autonomo generatore di emergenza di energia elettrica; - locale per la rappresentanza militare e, eventualmente, per l'ufficiale Consigliere; - parcheggi per autovetture private degli Ufficiali, Sottufficiali, militari di truppa e personale civile in servizio presso la caserma, nel limite delle possibilità offerte dall'infrastruttura, a discrezione del Comandante; - alloggi per il personale senza obbligo di accasermamento, compatibilmente con le disponibilità strutturali e logistiche dell'ente. Ogni ambiente della caserma deve essere tenuto sempre in ordine e pulito, ne risponde il reparto/personale che lo ha in consegna. I locali di uso generale sono affidati alla vigilanza del personale preposto al servizio generale di caserma. art. 10 Alloggi per i militari di Truppa. a. Personale con obbligo di accasermamento (1) Tutti i volontari in ferma prefissata di un anno (VFP 1), anche se in rafferma o prolungamento della ferma, nonché i volontari in ferma breve (VFB) con meno di dodici mesi di servizio, hanno l'obbligo di fruire degli alloggi di servizio collettivi, salvo autorizzazione del Comandante di Corpo ad alloggiare esternamente: - in relazione alla situazione infrastrutturale; - in presenza di prole, coniuge o convivente avente domicilio nella località sede (1) Per le disposizioni in materia di alloggi e pernottamenti vds. il D.L. 19 agosto 2005, n

31 di servizio, ovvero in località viciniore. In tal caso il volontario deve pernottare presso il citato domicilio. I locali, ove possibile, dovranno essere suddivisi in stanze per un massimo di quattro posti ciascuno. b. Personale senza obbligo di accasermamento Tutti i volontari in ferma prefissata quadriennale (VFP 4), nonché i VFB con più di dodici mesi di servizio, non hanno alcun obbligo di accasermamento. Detto personale, compatibilmente con le disponibilità strutturali e logistiche dell'ente, può chiedere ed essere autorizzato dal Comandante di Corpo, a fruire, a titolo gratuito secondo le norme in vigore, degli alloggi di servizio collettivi. c. Disposizioni comuni ai punti a. e b. (1) Detti locali dovranno essere arredati con letti o brande, armadietti e quant'altro possa contribuire al benessere individuale e collettivo. (2) Qualora condizioni di spazio e situazioni infrastrutturali lo rendano possibile, i servizi igienici dovranno costituire un unico modulo abitativo con le stanze. (3) All'ingresso di ogni camerata/stanza dovrà essere esposta una piantina riportante i nominativi degli occupanti, la loro posizione e l'indicazione del capo camerata/stanza. (4) Il personale maschile e quello femminile dovranno essere alloggiati in locali distinti e separati. E' vietato l'uso comune di camerate, bagni, docce e spogliatoi. art. 11 Alloggi per Ufficiali, Sottufficiali e VSP. 1. Nell'ambito dell'infrastruttura devono essere previsti, ove possibile, locali adibiti ad alloggi per Ufficiali, Sottufficiali e VSP in servizio presso la caserma. Tali alloggi devono consentire una decorosa sistemazione. Essi sono a titolo oneroso secondo la normativa vigente. In relazione alle esigenze da soddisfare, possono essere realizzati gli alloggi previsti dalla legge 18 agosto 1978, n. 497 e dalla legge 28 febbraio 1981, n La ripartizione degli alloggi tra Ufficiali, Sottufficiali e VSP dovrà essere fatta dal Comandante alla Sede, tenuto conto delle esigenze di servizio, delle necessità del personale e delle percentuali delle richieste inoltrate dagli appartenenti alle tre categorie. 3. Il Comandante di Corpo o il Comandante alla Sede, per particolari esigenze di 17

32 servizio, può designare gli Ufficiali, Sottufficiali o VSP che devono pernottare nell'infrastruttura per limitati periodi di tempo. art. 12 Sale convegno per Ufficiali, Sottufficiali e militari di Truppa. 1. Le sale convegno devono consentire al personale di trascorrere il tempo libero dal servizio, di promuovere e rinsaldare i vincoli sociali, di svolgere attività ricreative, culturali e assistenziali, di sviluppare rapporti di convivenza con l'ambiente esterno locale. 2. Sempre che possibile devono disporre di un locale bar, una sala giochi, una sala lettura e scrittura, una sala televisione, sale per organizzare e svolgere attività socio-ricreative e culturali, sale ritrovo, biblioteca, punti telefonici pubblici e postazioni internet. 3. A detti locali, in conformità con quanto previsto dalle speciali norme in vigore e con le modalità stabilite dai rispettivi statuti, potranno accedere anche i familiari e gli invitati dei soci. 4. Il Comandante di Corpo o il Comandante alla Sede, tenuto conto: - della situazione infrastrutturale (numero di locali disponibili/agibili); - dell'incidenza numerica di Ufficiali, Sottufficiali e militari di Truppa, stabilisce il numero delle sale convegno da costituire e, se più di una, la distribuzione del personale, per categorie, all'interno delle stesse, individuando la soluzione più idonea a soddisfare le esigenze locali. art. 13 Autorimesse, rimesse e hangars. 1. Devono, nei limiti del possibile, rispondere ai seguenti requisiti: - preservare i mezzi dalle intemperie, dall'umidità, dalla polvere e dalla luce diretta; - consentire facilità di accesso e rapida uscita. Quest'ultima condizione, per motivi operativi nonché per poter attuare con la maggior celerità possibile le norme antincendio; - essere dislocate lontano dalle cucine o da locali ove è normale l'uso di combustibili e a distanza di sicurezza da depositi carburanti e riservette munizioni. 18

33 2. Dell'ordine e del funzionamento delle autorimesse, rimesse e hangars ne risponde il reparto/personale che le ha in consegna. art. 14 Scuderie. 1. Ove previste, sono costituite da locali possibilmente suddivisi in box o poste per ogni quadrupede del reparto e per quelli di proprietà se autorizzati. 2. Le scuderie possono disporre, nelle immediate vicinanze, di: - infermeria quadrupedi, se ritenuta necessaria in relazione al numero dei quadrupedi presenti; - magazzino per attrezzi e utensili; - selleria e mascalcia; - magazzino foraggi; - zona coperta per il governo dei quadrupedi; - zona recintata per i quadrupedi posti a regime alimentare particolare; - ogni altro locale e attrezzatura indispensabile per la unità e il governo dei quadrupedi. 3. Del loro assetto e pulizia, ne risponde il reparto che le ha in consegna. art. 15 Magazzini e armerie. Devono possedere i requisiti di sicurezza previsti dalle norme in vigore in relazione al tipo di materiale custodito, ed essere mantenuti nel massimo ordine, al fine di assicurare la migliore custodia del materiale. art. 16 Affissioni. 1. Le affissioni nella caserma devono essere limitate ai soli ordini e disposizioni indispensabili per il corretto andamento delle varie operazioni giornaliere, delle attività degli organi di rappresentanza e di quelle del consiglio dei delegati e/o dei rappresentanti sindacali aziendali (negli enti che hanno in forza personale civile) ed alle Convenzioni in favore del personale dipendente A.D.. Tutti i documenti dovranno essere facilmente leggibili e costantemente aggiornati. 2. Nell'ambito dell'installazione devono essere previste, per il Comando, per ogni reparto a livello battaglione e compagnia e per le sale convegno, bacheche per 19

34 l'affissione di ordini e disposizioni di massima e bacheche specifiche per organi di rappresentanza e sindacali (ove previsti). 3. Il Comando alla sede o Comando di Corpo deve provvedere affinché siano esposti in luogo ben visibile, oltre ai quadri o alle tabelle previsti per particolari servizi: - orario di massima delle operazioni; - ordine del giorno; - ogni altro ordine o disposizione che il Comandante alla Sede o di Corpo riterrà opportuno esporre; - i documenti previsti per le attività degli organi di rappresentanza e sindacali (ove previsti); - nei refettori di truppa: tabelle delle spettanze viveri giornaliere, programma quindicinale del vitto, menu giornaliero, ecc.; - nelle rimesse: specchio dei mezzi ricoverati suddivisi per tipo con l'indicazione della targa e del consegnatario; tabella degli impianti e delle dotazioni fisse e mobili; - nelle scuderie: specchio dei quadrupedi ricoverati; elenco nominativo dei quadrupedi a riposo o a regime speciale; tabella delle profende; per ogni posta, una tabellina indicante il nome e il numero di matricola del quadrupede che la occupa; - nei magazzini: pianta dei materiali depositati; indicativi dei materiali su ogni scaffale, armadio, ecc.; - nei laboratori, officine o posti manutenzione: su ogni materiale o mezzo ricoverato una tabella indicante il reparto a cui il mezzo o il materiale è assegnato organicamente, la targa o la matricola, la data di ricovero, l'inefficienza lamentata; - all'ingresso di ogni locale: un numero corrispondente all'inventario dell'immobile e una targhetta indicante l'uso; - nell'infrastruttura: segnaletica antinfortunistica e stradale; - in ogni altro locale o ufficio: uno specchio degli impianti, dei mobili e degli arredi in esso contenuti. 4. Il Comandante di compagnia deve provvedere affinché siano esposti: - in vicinanza dell'ufficio di compagnia: ordine del giorno (disposizioni ordinarie e permanenti); tabella dei militari premiati con motivazione e specie del premio; ordine dei servizi di reparto; orario delle operazioni; elenco dei superiori 20

35 gerarchici; tutte le altre indicazioni ritenute necessarie; - in ogni camerata: piantina con indicazioni degli occupanti e loro posizione nonché del capo camerata; su ogni posto letto deve essere appesa una tabella indicante grado, cognome e nome e numero di matricola del militare che l'occupa e la sua posizione (assente o presente). 21

36 PAGINA INTENZIONALMENTE BIANCA 22

37 TITOLO II LA VITA E IL SERVIZIO INTERNO 23

38 PAGINA INTENZIONALMENTE BIANCA 24

39 CAPO I ORARI E SEGNALI art. 17 Orario. L'orario delle operazioni regola le attività normali della vita di caserma. L'articolazione delle attività armonizza le norme legislative, riportate in Allegato, con i prioritari aspetti funzionali e operativi delle Unità, tenuto conto delle inderogabili esigenze del personale. I recuperi e compensi spettanti al personale nelle varie situazioni d'impiego, sono regolati da apposite direttive emanate dallo SME. 1. Orario di lavoro a. L'orario di lavoro rappresenta il numero di ore di lavoro che il personale è tenuto a prestare, per disposizioni di legge, nell'arco della settimana. b. L'orario di lavoro per il personale militare in servizio permanente ed in ferma prefissata (ad eccezione dei VFP 1, anche se in rafferma o prolungamento della ferma, nonché dei VFB con meno di 12 mesi di servizio) si ispira ai seguenti principi fondamentali: - il personale ha diritto al riposo settimanale e alle ferie annuali retribuite e non può rinunciarvi (art. 36 della Costituzione); - il personale garantisce la totale disponibilità al servizio (art. 10 legge n. 231/90); - la durata dell'orario di lavoro settimanale è stabilito dalle apposite norme di legge (DPR 394/95, DPR 255/99, DPR 163/02 e DPR 52/09); - l'orario di lavoro è funzionale all'orario di servizio e può essere ripartito nell'arco di 6 o 5 giorni settimanali, in relazione alla specifica organizzazione di ciascuna Forza Armata (DPR 394/95); - le condizioni di lavoro particolari (servizi di caserma, turnazioni, lavoro straordinario ecc.) sono regolate da specifica normativa (D.I. del 10 dicembre 1990, n come modificato dal D.I. del 24 dicembre 1999, n e dal D.I. del 17 marzo 2005). c. L'orario di lavoro del personale militare è normalmente ripartito nell'arco di 5 giorni, ad eccezione di quello relativo al personale che opera nei Comandi e gli Enti del servizio sanitario che è articolato su 6 giorni settimanali. 25

40 Situazioni connesse con esigenze particolari potranno prevedere, previa sanzione da parte dello SME, articolazioni specifiche. d. I VFP 1 sono impiegati per un'attività giornaliera di servizio, di norma corrispondente all'orario di lavoro valevole per il restante personale, e fruiscono, per le ore eccedenti detto orario, di adeguati periodi di recupero psico-fisico concessi dal Comandante di Corpo discrezionalmente ed in relazione alle precipue esigenze di servizio, la cui durata pertanto potrà non essere equivalente all'eccedenza di lavoro prestato. e. Il calcolo dei giorni di licenza ordinaria, da computare in ottemperanza al D.P.R. 394/95, va effettuato sulla base dell'orario di lavoro articolato su 5 giorni settimanali per tutto il personale della Forza Armata, ad eccezione di quello che opera nei Comandi ed Enti del servizio sanitario. Quest'ultimo, infatti, articolando l'orario di lavoro settimanale su 6 giorni, computerà tra i giorni di licenza anche il sabato e, conseguentemente, ha diritto ai giorni di licenza riportati nell'ultima colonna dello specchio sotto riportato. ANNI DI SERVIZIO GIORNI DI LICENZA ORDINARIA SPETTANTE Orario di lavoro articolato su 5 giorni Orario di lavoro articolato su 6 giorni fino a 3 anni da 3 a 15 anni da 15 a 25 anni oltre 25 anni oltre 25 anni (maturati entro il ) Orario di servizio a. L'orario di servizio rappresenta l'arco di tempo durante il quale è sviluppata l'attività lavorativa presso i Comandi, gli Enti, le unità e i reparti della F.A.. b. L'orario di servizio si articola normalmente su 5 giorni, come indicato dettagliatamente nelle Figure 3 e 4 che seguono. c. I Comandanti ad ogni livello hanno ampia e completa facoltà di modificare - fatto salvo l'orario settimanale complessivo - l'orario delle attività giornaliere che segue in relazione all'assolvimento dei compiti istituzionali, ivi compresa l'effettuazione dell'addestramento 26

41 notturno e continuativo anche in giorni festivi e in relazione a particolari situazioni locali. Orario delle attività giornaliere COMANDI Fig. 3 27

42 Orario delle attività giornaliere UNITÀ ED ENTI OPERATIVI, TERRITORIALI E LOGISTICI (1) Fig. 4 28

43 d. I Comandi e gli enti del Servizio Sanitario, in relazione ai compiti peculiari, articolano l'orario di servizio in 6 giorni (Fig.5). Orario delle attività giornaliere COMANDI/ ENTI DELLA SANITÀ MILITARE Fig. 5 29

44 Orario delle attività giornaliere ISTITUTI DI FORMAZIONE - SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE REGGIMENTI ADDESTRAMENTO VOLONTARI Fig. 6 30

45 Orario delle attività giornaliere SCUOLE MILITARI (Nunziatella-Teuliè) (1) Fig. 7 31

46 e. L'orario di servizio relativo allo sviluppo di attività fuori sede, di carattere operativo o addestrativo, è stabilito dal Comandante dell'unità o reparto interessato, rispettivamente sulla base: - dello specifico compito da assolvere; - della disponibilità dei poligoni e aree addestrative nonché degli obiettivi da perseguire. Fermo restando il principio che la permanenza fuori sede e le particolari condizioni di impiego sono compensate da specifiche indennità (missione, marcia, onnicomprensiva, compensi forfettari), le ore di lavoro effettivamente prestate, eccedenti quelle previste, danno diritto a recuperi/compensi secondo le norme in vigore (1). f. Incarichi che prevedono un lavoro continuativo di 24 ore al giorno per 7 giorni alla settimana dovranno essere di norma ricoperti da 5 persone (2). Sarà adottato di massima un sistema di turni equidistribuiti non superiori alle 12 ore consecutive, salvo casi particolari che comunque non dovranno eccedere le 24 ore consecutive. Il suddetto sistema è considerato autocompensante dei recuperi orari che spetterebbero al personale per le turnazioni svolte negli archi notturni e/o festivi. A tale personale compete un riposo settimanale continuativo non inferiore alle 36 ore. Altre attività di durata diversa dall'orario di base, sottoposte a turnazioni di vario tipo, devono essere analogamente organizzate. g. Al personale delle unità impegnate in eventuali attività di prontezza, sono corrisposte le indennità previste per la specifica attività (3). In ogni caso, restano validi i recuperi/compensi connessi con le ore di lavoro effettivamente prestate, eccedenti quelle previste, e con i turni di reperibilità appositamente predisposti. In caso di impiego, al personale sarà corrisposta l'indennità prevista per ciascuna tipologia di attività sin dal momento in cui parte per la zona di intervento. Disposizioni di dettaglio saranno emanate di volta in volta. 3. Disposizioni di carattere particolare a. L'orario è valido per tutto l'arco dell'anno. Eventuali deroghe potranno essere concesse soltanto dallo SM dell'esercito a seguito di motivata richiesta (1) (2) (3) In proposito, valgono le direttive emanate da SME. "Direttiva sull'istituto dello straordinario e compensi connessi all'orario di lavoro" dello SME, ed Restano invariate le disposizioni contenute nella circolare numero 77/ "Reparti dell'aves di pronto intervento" in data 2 novembre 1994, di ESERCITO ISPEAVIAZIONE. 32

47 inoltrata dagli Alti Comandi interessati. b. Durante le giornate del sabato e della domenica e il pomeriggio del venerdì la funzionalità dei Comandi, degli Enti e delle Unità e il funzionamento degli impianti e dei servizi dovranno essere garantiti con il personale di servizio o all'uopo comandato. c. I Comandanti di Corpo potranno apportare all'orario le modifiche temporanee rese indispensabili da particolari esigenze locali. d. Nelle unità operative, addestrative e logistiche gli orari di inizio e termine dell'attività, fatto salvo il criterio della continuità dell'impegno lavorativo, possono essere articolati in relazione a particolari esigenze d'impiego. In tale quadro, per esigenze addestrative è possibile programmare parte delle previste ore settimanali in orari diversi, anche durante l'arco notturno. e. Il personale con obbligo di accasermamento, nel periodo compreso fra le e le 08.00, dovrà partecipare alle attività di pulizia personale e consumazione della prima colazione. f. L'adunata per il controllo del personale dovrà essere effettuata per reparto organico, dalla squadra in su e a premessa delle attività del mattino e del pomeriggio. Essa verrà contenuta nel più breve tempo possibile in quanto incidente sull'orario delle istruzioni. g. Alle ore 08.00, con le predisposizioni per l'alzabandiera, ha inizio l'attività lavorativa. A tale cerimonia deve partecipare tutto il personale a meno di quello di servizio o strettamente necessario per il funzionamento degli Uffici. h. Durante il periodo di libera uscita i militari potranno uscire e rientrare in caserma a qualsiasi ora, ferma restando l'azione di controllo del personale preposto a tale compito. Il Comandante alla Sede ha la facoltà di disciplinare/limitare l'accesso alle autovetture private di proprietà del personale di stanza nell'installazione. i. Nei giorni prefestivi infrasettimanali saranno applicati, per la ritirata e il silenzio, gli orari del venerdì e del sabato. j. L'attività didattica del personale frequentatore dei corsi dovrà essere contenuta nei limiti delle 36 ore settimanali. k. I servizi di caserma, presidiari e quelli per garantire la continuità di funzionamento dei Comandi, degli Enti e delle unità danno diritto ai recuperi/compensi previsti dalle norme in vigore (1). (1) In proposito, valgono le direttive emanate da SME. 33

48 l. Il termine delle istruzioni per la giornata del Venerdì per Unità ed Enti operativi, Territoriali o Logistici è previsto per le ore m. Funzionalità dei comandi. COMANDI TIPO DI SERVIZIO da Lunedì a Giovedì DURATA Venerdì Sabato Domenica STATO MAGGIORE DELL'ESERCITO CDO DELLE FORZE OPV. TERRRESTRI CDO LOGISTICO DELL'ESERCITO Sala operativa 24 h 24 h 24 h 24 h Sala operativa 24 h 24 h 24 h 24 h Sala operativa 24 h 24 h 24 h 24 h ISPETTORATO INFRASTRUTTURE DELL'ESERCITO U. e/o SU. di servizio 24 h 24 h 24 h 24 h 1 FOD 2 FOD CDO T.A. CDI TERRITORIALI CDI B. U. e/o SU. di servizio (1) 24 h 24 h 24 h 24 h U. e/o SU. di servizio (2) 24 h 24 h 24 h 24 h U. e/o SU. di servizio (2) 24 h 24 h 24 h 24 h Unità ed Enti Opv. e L. Servizi di caserma SU. di servizio al Cdo (2) 24 h h h h art. 18 Segnali. 1. Le operazioni possono essere scandite da appositi segnali di tromba anche diffusi attraverso impianti di amplificazione. 2. Nelle ore comprese tra il silenzio e la sveglia è vietato qualsiasi segnale di tromba eccetto quello dell'allarme. 3. L'ora esatta per le operazioni di caserma è quella segnalata dall'orologio collocato in un punto chiaramente visibile. (1) (2) In caso di attività operativa o addestrativa di rilievo, viene attivata la sala operativa con personale ed oneri definiti di volta in volta. Esclusivamente per unità del livello reggimento o battaglione autonomo e per gli Enti che inquadrano personale di truppa, ove ritenuto necessario in relazione alle esigenze del reparto/ente stesso. 34

49 CAPO II ORDINI E COMUNICAZIONI, RAPPORTI, ONORI, ALLARMI E ADUNATE art. 19 Ordini e comunicazioni. 1. Il Comandante di Corpo o alla Sede: - riceve giornalmente comunicazioni sulle novità inerenti al comando e all'attività dei reparti, dai Comandanti subordinati, dal Vice Comandante e dal responsabile del servizio di controllo della caserma; - emana le disposizioni di carattere permanente e, avvalendosi del proprio comando, le comunicazioni relative al personale comandato di servizio. 2. É fatto obbligo a tutto il personale militare di prendere conoscenza delle disposizioni a carattere permanente. 3. Il Comandante del reparto impegnato isolatamente all'esterno dell'installazione, deve lasciare al personale responsabile del servizio di vigilanza all'ingresso della caserma l'indicazione scritta della forza, della località o zona ove esso si reca e dell'esercitazione o del servizio che si appresta a compiere. art. 20 Rapporti. Il Comandante alla Sede e il Comandante di Corpo possono riunire o ricevere: - a "rapporto" il personale militare che ritiene opportuno convocare per necessità di comando o di funzionamento dell'intera installazione; - a "gran rapporto" tutti gli Ufficiali, tutti i Sottufficiali o tutti gli appartenenti a una categoria e rappresentanti delle altre per: assistere al giuramento di Ufficiali, Sottufficiali e VSP; presentare gli Ufficiali, i Sottufficiali e i VSP nuovi assegnati; salutare gli Ufficiali, i Sottufficiali e i VSP destinati ad altro Ente o che lasciano il servizio attivo; comunicare direttive e ordini; rivolgere ammaestramenti, consigli, incitamenti o consegnare ricompense e onorificenze. In relazione alle finalità che il "gran rapporto" si prefigge, lo stesso può essere esteso a tutto o parte dei restanti militari di truppa. 35

50 art. 21 Onori alla Bandiera di Presidio. 1. Le cerimonie dell'alzabandiera e dell'ammainabandiera nell'ambito delle installazioni devono essere svolte con la dovuta austerità. 2. Alla cerimonia dell'alzabandiera, devono partecipare tutti i militari a qualsiasi titolo in servizio presso la caserma, a meno di quello di servizio o strettamente necessario per il funzionamento degli Uffici. La stessa è normalmente presieduta dal Comandante alla Sede che ne definisce nel dettaglio, in relazione alla situazione locale, le modalità di svolgimento. Nelle giornate festive e non lavorative, così come per l'ammainabandiera di ogni giorno, alla cerimonia partecipa il solo personale di servizio. 3. I militari isolati che si trovano all'esterno di edifici fanno fronte alla Bandiera, anche se non direttamente visibile, e rendono gli onori previsti. art. 22 Onori all'ufficiale in particolari circostanze. 1. L'ingresso non preavvisato di un Ufficiale in locali ove sono in corso: - attività/istruzioni tecniche o pratiche (anche se svolte/impartite da militari di lui meno elevati in grado); - attività didattiche svolte da personale civile (docenti, conferenzieri, ecc.); - operazioni che prevedono l'utilizzo di macchine operatrici, motori, utensili pericolosi, sostanze pericolose, ecc., non dà luogo ad onori. 2. Qualora l'ufficiale entri in un locale/area dove militari di lui meno elevati in grado attendono alle loro occupazioni: - chi per primo lo scorge dà l' "attenti"; - il più elevato in grado o il più anziano gli si presenta, per dagli le novità e ricevere eventuali disposizioni; - la dispensa dalla posizione di "attenti", viene data mediante il comando "in azione". 3. Nel caso di visite preannunciate di un Ufficiale nei locali della caserma (uffici, aule, aree addestrative, alloggi, magazzini ecc.), il personale all'interno si fa trovare in piedi, in uniforme, a fianco del proprio posto di lavoro/letto. Il più elevato in grado o il più anziano fra i presenti attende all'ingresso per dare l'attenti e per accompagnare l'ufficiale. 36

51 In ogni caso i militari che si trovano nelle camerate assumono la posizione di "attenti" e la mantengono finché l'ufficiale sia uscito o non li abbia dispensati. 4. Presentandosi un Superiore in una sala ove siano riuniti Ufficiali e/o Sottufficiali per motivi di servizio, questi è ricevuto con l'attenti ordinato dal più elevato in grado o anziano dei presenti. art. 23 Altri onori. Ogni altra forma di onori è disciplinata dai "Regolamenti sul cerimoniale militare". art. 24 Allarmi e adunate. 1. Gli allarmi possono essere ordinati per fronteggiare esigenze impreviste e reali, sulla base del Sistema Nazionale per la Gestione delle Crisi (SNGC), ovvero a solo scopo addestrativo. In quest'ultimo caso, per renderli efficaci, occorre che siano imprevisti. 2. Al previsto segnale di allarme: - il personale di truppa si raduna celermente, con l'uniforme prevista dagli appositi progetti, nel luogo stabilito, seguendo le prescrizioni fissate nei vari disegni predisposti in relazione alle finalità dell'allarme; - il personale di servizio all'uopo designato provvede, secondo le disposizioni del piano d'allarme, al recupero degli Ufficiali, Sottufficiali e militari di truppa non alloggiati in caserma. 3. Qualora l'allarme venga ordinato quando i reparti sono fuori caserma per esercitazioni, marce, ecc., gli stessi sono avvertiti a cura dell'ufficiale più elevato in grado fra i presenti in caserma, il quale comunica loro le disposizioni cui attenersi. 4. Qualora l'allarme venga ordinato durante le ore non di servizio, debbono essere messe in atto tutte le misure che, in aderenza alla situazione contingente, sono ritenute più efficaci per far rientrare il personale in caserma. 37

STATO MAGGIORE DELL ESERCITO

STATO MAGGIORE DELL ESERCITO STATO MAGGIORE DELL ESERCITO DIRETTIVA SULL ISTITUTO DELLO STRAORDINARIO E COMPENSI CONNESSI ALL ORARIO DI LAVORO 1^ serie Aggiunte e Varianti Sostituire: - pagine 18, 30, 31, 38 e 39; - allegati V, W,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CUSTODIA DEGLI EDIFICI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CUSTODIA DEGLI EDIFICI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CUSTODIA DEGLI EDIFICI Art. 1 Finalità 1. Il presente atto ha lo scopo di regolamentare le modalità operative per la custodia degli edifici in uso a vario titolo all Università

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico SERVIZIO DI VIGILANZA E VERIFICA ACCESSI PER L ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO DI PADOVA * * * * * * CAPITOLATO

Dettagli

- Omissis - CAPO II DOVERI - Omissis - Art. 1350. Condizioni per la applicazione delle disposizioni in materia di disciplina

- Omissis - CAPO II DOVERI - Omissis - Art. 1350. Condizioni per la applicazione delle disposizioni in materia di disciplina DECRETO LEGISLATIVO 15 marzo 2010, n. 66 Codice dell'ordinamento militare. (10G0089) CAPO II DOVERI Art. 1350 Condizioni per la applicazione delle disposizioni in materia di disciplina 1. I militari sono

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI ai sensi del D.M. 5 agosto 1998, n. 363 in attuazione del D.Lgs. 19 settembre 1994, n. 626 e successive modificazioni emanato con D.D. n. 407 del

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. 35020 Albignasego (PD)

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. 35020 Albignasego (PD) I criteri per le determinazioni del dirigente riferiti a l organizzazione degli uffici e le misure inerenti alla gestione dei rapporti di lavoro ex art. 5, comma 2, del Dlgs n. 165/2001 come novellato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE CAPO I ORGANIZZAZIONE DEL CORPO ART. 1 ORGANO DI GOVERNO Il presidente della Provincia, nell esercizio della funzione di indirizzo politico

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle palestre

Regolamento per l utilizzo delle palestre Allegato A) Regolamento per l utilizzo delle palestre Art. 1 Destinazione d uso palestre scolastiche 1. Le palestre comunali e scolastiche di proprietà od in disponibilità del Comune di Trento o della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA PRESSO IL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI MONDOLFO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA PRESSO IL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI MONDOLFO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA PRESSO IL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI MONDOLFO CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - (Finalità e definizioni) 1. Il presente regolamento

Dettagli

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA Pagina 1 di 54 Sede direzionale / amministrativa Tel. Fax. E-mail Sito Web NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA C.F. 8 RIFERIMENTI DELL UNITA PRODUTTIVA OGGETTO DELLA VALUTAZIONE NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali

I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali TITOLO

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 13.03.2012 I N D I C E ART. 1 - FINALITA' DEL

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO ISTITUTO NAZIONALE TUMORI - AVIANO

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO ISTITUTO NAZIONALE TUMORI - AVIANO REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO del personale dirigente adottato con deliberazione n. 78 del 09.05.2011 Art. 1. ORARIO DI LAVORO 1. Per Orario di Lavoro è da intendersi qualsiasi periodo in cui il Dirigente

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

COMUNE DI TREBASELEGHE REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI

COMUNE DI TREBASELEGHE REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI COMUNE DI TREBASELEGHE CAP 35010 Codice Fiscale 80010250282 Partita IVA 00932400286 Provincia di Padova tel 049-9319511 Fax 049-9386455 REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI 1 Art.

Dettagli

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO C.A.P 90030 Piazza Falcone e Borsellino Altofonte Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo Art.1 (Oggetto) Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 15 del 28 marzo 2011 1 Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento, in attuazione dello Statuto

Dettagli

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI / COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO ED EROGAZIONE BUONI PASTO approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 92 in data 06.11.2014 modificato con

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 "Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303, sull'ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, a norma dell'articolo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, PER LA FRUIZIONE DELLE FERIE E PER GLI ISTITUTI DEL TURNO E DELLA REPERIBILITA

Dettagli

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 16

Dettagli

REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ISTITUTI DI VIGILANZA PRIVATA

REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ISTITUTI DI VIGILANZA PRIVATA _ Cat. 16.A / P.A.S. REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ISTITUTI DI VIGILANZA PRIVATA IL QUESTORE DELLA PROVINCIA DI ROVIGO RILEVATA la necessità di rivedere le modalità con le quali vengono espletati i servizi

Dettagli

De Agostini Professionale - FulShow - UIL P.A. PENITENZIARI

De Agostini Professionale - FulShow - UIL P.A. PENITENZIARI Pagina 1 di 44 Epigrafe Premessa Articolo unico 1. Uniforme. 2. Acquisto, fornitura e rinnovo dell'uniforme nonché di effetti per l'espletamento di particolari servizi. 3. Uso dell'uniforme - prescrizioni,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE, LA NOMINA E IL FUNZIONAMENTO DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Art. 1 - Finalità Il presente regolamento definisce le procedure per l individuazione,

Dettagli

CCNL Medici e Veterinari Normativa Contrattuale

CCNL Medici e Veterinari Normativa Contrattuale CCNL Medici e Veterinari Normativa Contrattuale ORARIO DI LAVORO E SUE ARTICOLAZIONI Orario di lavoro dei dirigenti (art. 14 CCNL 2002/05) Orario di lavoro dei dirigenti con incarico di direzione di struttura

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 8Verbali per la gestione della sicurezza nelle aziende agricole V1. Verbale di nomina Rspp V2. Verbale di nomina del Medico Competente V3. Verbale di elezione RlS V4. Verbale di nomina addetto gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE ( art. 46, Legge 27 Dicembre 1997, n. 449. ) Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

SERVIZIO PRONTO INTERVENTO

SERVIZIO PRONTO INTERVENTO CITTÀ DI MONCALIERI Settore Servizi Tecnici e Ambientali REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO PRONTO INTERVENTO INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Oggetto del Regolamento Scopo del Regolamento

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia NUCLEO TRADUZIONI PROVINCIALE DI FROSINONE Pagina 1 di 22 P A R T E P R I M A Capo I ISTITUZIONE NUCLEO TRADUZIONI PROVINCIALE 1. LIMITI DI COMPETENZA MATERIALE E TERRITORIALE AREA PROVINCIALE Nell area

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE Approvato con deliberazione della Giunta provinciale n. 52 del 02/04/2013 ART. 1 ORGANIZZAZIONE L Ente, nel rispetto dei principi stabiliti

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA Datore di lavoro (Rettore) Servizio di Prevenzione e Protezione Sorveglianza sanitaria Servizio di Radioprotezione Dirigenti RLS Preposti Lavoratori DEFINIZIONI: 1. DATORE

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA L ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE DIRITTI, DOVERI E SANZIONI PER I VARI SOGGETTI AZIENDALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL

Dettagli

LE PARTI PREMESSO CHE

LE PARTI PREMESSO CHE AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI MODENA ACCORDO RELATIVO ALLA REGOLAMENTAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO, DELL ORARIO DI LAVORO E RELATIVA ARTICOLAZIONE DEL PERSONALE DELL AREA COMPARTO Il giorno 28 marzo

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008 Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA TITOLO I 1 PRIMA DEL D.LGS.81 DEL 2008? IL CODICE CIVILE (1865 ) (Con la Legge 80/1898

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO Art.1 Principi generali Art.2 Definizione, affidamento, gestione e fruizione del servizio di mensa Art.3 Diritto al servizio

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L'UTILIZZO DELLA BIBLIOTECA STORICA. In generale. Norme generali di utilizzo. 1 Validità

REGOLAMENTO GENERALE PER L'UTILIZZO DELLA BIBLIOTECA STORICA. In generale. Norme generali di utilizzo. 1 Validità REGOLAMENTO GENERALE PER L'UTILIZZO DELLA BIBLIOTECA STORICA In generale 1 Validità DELL'ISTITUTO STORICO GERMANICO DI ROMA (1) Il presente regolamento ha validità per la Biblioteca Storica dell'istituto

Dettagli

OGGETTO PRONTA DISPONIBILITÀ IN CONSULENZA IN UN ALTRA AZIENDA

OGGETTO PRONTA DISPONIBILITÀ IN CONSULENZA IN UN ALTRA AZIENDA 1 OGGETTO PRONTA DISPONIBILITÀ IN CONSULENZA IN UN ALTRA AZIENDA QUESITI (posti in data 18 dicembre 2011) 1) è possibile svolgere servizio di pronta disponibilità in due aziende ospedaliere diverse, anche

Dettagli

Testo coordinato con le modificazioni approvate con deliberazione dell Ufficio di Presidenza 09 settembre 2010, n. 44

Testo coordinato con le modificazioni approvate con deliberazione dell Ufficio di Presidenza 09 settembre 2010, n. 44 Regolamento per l accesso alla sede del Consiglio regionale e uso delle Sale aperte al pubblico di Palazzo Cesaroni approvato con deliberazione dell Ufficio di Presidenza 12 maggio 2009, n. 352 Testo coordinato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO ENTE PARCO GALLIPOLI COGNATO PICCOLE DOLOMITI LUCANE Località Palazzo,snc 75011 ACCETTURA (MT) tel/fax 0835675015 email : info@parcogallipolicognato.it P.IVA 01025390772 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'ORARIO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ORARIO DI LAVORO QUESITO (posto in data 29 maggio 2013) Nella nostra unità operativa tutti gli strutturati hanno un orario su 6 giorni eccetto una collega che lavora su 5 giorni. In base a ciò

Dettagli

C O M U N E DI IGLESIAS

C O M U N E DI IGLESIAS C O M U N E DI IGLESIAS (PROVINCIA DI CARBONIA - IGLESIAS) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DELL'ENTE. Approvato con deliberazione della Giunta comunale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE Art. 1 -Definizioni Art. 2 -L orario di servizio Art. 3 -L orario di apertura al Pubblico Art. 4 -L orario di lavoro straordinario

Dettagli

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO G. GAVAZZENI Via Combattenti e Reduci 70 TALAMONA (Sondrio) Tel. e Fax 0342/670755 - e.mail: segreteria@ictalamona.it Anno

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M.

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. 363/98 Art. 1 DATORE DI LAVORO 1. Il Rettore, quale rappresentante

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010

REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010 REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010 TITOLO I Art 1 Definizione di impianto sportivo comunale Si definiscono impianti sportivi comunali

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE della tutela delle condizioni di lavoro del Ministero del lavoro e delle politiche

IL DIRETTORE GENERALE della tutela delle condizioni di lavoro del Ministero del lavoro e delle politiche Decreto 13 aprile 2011 Disposizioni in attuazione dell'articolo 3, comma 3-bis, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA Atti preliminari ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA All inizio di ogni anno scolastico e comunque prima dell inizio delle lezioni, sulla base del POF e delle attività ivi previste:?? Il

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 La sicurezza nell ambito dell attività Paolo Troncana infermieristica Attività di R.S.P.P. e

Dettagli

Riforma del reclutamento, avanzamento ed impiego del personale volontario del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. A cura di Valentino Prezzemolo

Riforma del reclutamento, avanzamento ed impiego del personale volontario del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. A cura di Valentino Prezzemolo Riforma del reclutamento, avanzamento ed impiego del personale volontario del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. A cura di Valentino Prezzemolo In collaborazione con la F.N.C.VV.F Revisione 05/2011 Capo

Dettagli

LE FIGURE PER LA SICUREZZA

LE FIGURE PER LA SICUREZZA La Sicurezza in azienda LE FIGURE PER LA SICUREZZA 1 La Sicurezza in azienda Sommario 1. Organigramma per la sicurezza 2. Definizioni 3. Obblighi e compiti delle figure per la sicurezza 2 La Sicurezza

Dettagli

EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE

EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE gnbvmnbvb ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MMG EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE Art. 1 Compiti professionali Il medico di emergenza sanitaria territoriale, oltre ai compiti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI GAZZADA SCHIANNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI GAZZADA SCHIANNO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI GAZZADA SCHIANNO Approvato con deliberazione consiliare n. 28 del 31.07.2014 Art. 1 Oggetto Il presente regolamento

Dettagli

1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola.

1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola. REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA 1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola. 1.1 La presenza degli alunni è obbligatoria, oltre che alle lezioni, a

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO TURNI DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 20 dicembre 2009) Sono una giovane Anestesista. Vorrei capire come viene fatto un turno mensile di reparto, ovvero chi ha il potere di decidere quanti

Dettagli

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format IL DATORE DI LAVORO LA FIGURA DEL RSPP La figura del Datore di Lavoro quale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Materiale Didattico

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari Tel.080/5548739 Fax 080/5548742 E-Mail: baps060001@istruzione.it - C.F.80016760722 PREMESSO Che l art.

Dettagli

D.LGS. 13/04/2011 Disposizioni in attuazione dell'art. 3, co. 3bis, del d.lgs 81/2008, in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

D.LGS. 13/04/2011 Disposizioni in attuazione dell'art. 3, co. 3bis, del d.lgs 81/2008, in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.LGS. 13/04/2011 Disposizioni in attuazione dell'art. 3, co. 3bis, del d.lgs 81/2008, in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro INDICE Art. 1 Definizioni Art. 2 Campo di applicazione Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone Area Segreteria Area Segreteria/Istruzione/Cultura/Sport Tel 0434/68075 Fax 0434/68319 P.zza Cecchini 24 33073 Cordovado C.F. 80005330933 P. IVA 00410680938 www.comune.cordovado.pn.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE:

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Destinazione degli autoveicoli Art. 4 - Uso degli autoveicoli destinati ai

Dettagli

REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E NORME IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ

REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E NORME IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E NORME IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ INDICE CAPO I - Disposizioni generali 2 CAPO II - Articolazione della prestazione lavorativa 2 CAPO III - Procedure

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) NEL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA ADEMPIMENTI E RESPONSABILITA isp. arch. Valeria

Dettagli

Circolare n. 5. a. Personale di ruolo. Ministero degli Affari Esteri. Roma, 20 aprile 1999 OGGETTO. Congedo ordinarie e ferie del personale

Circolare n. 5. a. Personale di ruolo. Ministero degli Affari Esteri. Roma, 20 aprile 1999 OGGETTO. Congedo ordinarie e ferie del personale Ministero degli Affari Esteri DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE E DELL AMMINISTRAZIONE Ufficio II Roma, 20 aprile 1999 Circolare n. 5 ====================================== OGGETTO Congedo ordinarie e ferie

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i FORMAZIONE GENERALE Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i Indice 1. PREMESSA... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART. 28)... 2 4. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE IN AZIENDA...

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE CENTRALE E TERRITORIALE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE E MAXI EMERGENZE

REGOLAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE CENTRALE E TERRITORIALE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE E MAXI EMERGENZE REGOLAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE CENTRALE E TERRITORIALE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE E MAXI EMERGENZE (delibera del Comitato Centrale C.R.I. del 29 aprile 2006 n.39) Articolo

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO Stazione di Soggiorno e turismo citta della musica REGOLAMENTO per l istituzione dell Albo Comunale dei Volontari e per la disciplina dei rapporti di collaborazione

Dettagli

OGGETTO PRONTA DISPONIBILITÀ E SPESE DI VIAGGIO E PERNOTTAMENTO

OGGETTO PRONTA DISPONIBILITÀ E SPESE DI VIAGGIO E PERNOTTAMENTO OGGETTO PRONTA DISPONIBILITÀ E SPESE DI VIAGGIO E PERNOTTAMENTO QUESITO (posto in data 1 marzo 2011) Siamo due medici dipendenti di una Azienda Sanitaria Locale; con sede di lavoro in uno dei distretti

Dettagli

CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE

CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVIE Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.31 del 14 Maggio 2008 Articolo 1 È costituito, ai sensi della lettera c, punto,

Dettagli

OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08

OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08 OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08 Obblighi Datore di Lavoro - Misure generali di tutela (D.Lgs. 81/08, art. 15)...1 Obblighi Datore di Lavoro - Delega di funzioni (D.Lgs. 81/08, art. 16)...1 Obblighi

Dettagli

MODULO 1. Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie

MODULO 1. Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie Normativa, organizzazione della prevenzione, diritti e doveri dei soggetti aziendali, organi di vigilanza Modulo 1 La vigente normativa

Dettagli

I N D I C E. Premessa...pag. 1. Articolo 1 (Sostituzione dell'articolo 12 del decreto legislativo n. 215 del 2001)...pag. 1

I N D I C E. Premessa...pag. 1. Articolo 1 (Sostituzione dell'articolo 12 del decreto legislativo n. 215 del 2001)...pag. 1 XIV legislatura Schema di decreto concernente disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 8 maggio 2001, n. 215, recante disciplina della trasformazione progressiva dello strumento militare

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

Comune di Guiglia Provincia di Modena

Comune di Guiglia Provincia di Modena Comune di Guiglia Provincia di Modena Regolamento Comunale di volontari di Protezione Civile Art.1 (Oggetto e Finalità) Oggetto del presente Regolamento è la costituzione e l organizzazione di una struttura

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELLA SEZIONE A.N.A. DI UDINE P R I M A P A R T E

REGOLAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELLA SEZIONE A.N.A. DI UDINE P R I M A P A R T E REGOLAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE DELLA SEZIONE A.N.A. DI UDINE Approvato dal Consiglio Direttivo Sezionale in data 19.09.2013 P R I M A P A R T E Articolo 1 Costituzione L ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI

Dettagli

Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza.

Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza. Modena - 11 ottobre 2012 Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza. Il punto sugli obblighi e le scadenze Dott.Ing. Michele

Dettagli

COMUNE DI PONZANO VENETO Provincia di Treviso

COMUNE DI PONZANO VENETO Provincia di Treviso COMUNE DI PONZANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE DELLE PERSONE IN SITUAZIONI DI DISAGIO (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 42 del 24/07/2003,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO Allegato alla deliberazione del Consiglio comunale n. 38, dd. 30.11.2015. Il Segretario comunale f.to dott. Mauro Girardi COMUNE DI CAVALESE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE

Dettagli

STATO MAGGIORE DELL ESERCITO DIRETTIVA SULL ISTITUTO DELLO STRAORDINARIO E COMPENSI CONNESSI ALL ORARIO DI LAVORO

STATO MAGGIORE DELL ESERCITO DIRETTIVA SULL ISTITUTO DELLO STRAORDINARIO E COMPENSI CONNESSI ALL ORARIO DI LAVORO STATO MAGGIORE DELL ESERCITO DIRETTIVA SULL ISTITUTO DELLO STRAORDINARIO E COMPENSI CONNESSI ALL ORARIO DI LAVORO EDIZIONE ANNO 2012 P A G I N A N O N S C R I T T A INDICE ATTO DI APPROVAZIONE... III ELENCO

Dettagli

COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA

COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA - Provincia di Vicenza - REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEL "PARCO COMUNALE DELL'AMICIZIA" (adottato con delibera di Consiglio Comunale n 24 del 17.3.2015) I N D I C E Premesse;

Dettagli

Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87. Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli

Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87. Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87 Biagianti Marialivia e Cruciano Francesco tel. 0321 398464 Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Rdl 1955/1956 e 1957 del 10.9.1923

Rdl 1955/1956 e 1957 del 10.9.1923 Lo straordinario Questa materia e' regolata da leggi e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria (contratti Federmeccanica e Confapi).

Dettagli

Regolamento sul Telelavoro

Regolamento sul Telelavoro Regolamento sul Telelavoro Approvato con delibera di Giunta Comunale n 11 del 25 gennaio 2016 INDICE: Art. 1. Finalità Art. 2. Definizione Art. 3. Progetti di telelavoro Art. 4. Assegnazione ai progetti

Dettagli

COMUNE DI MUSILE DI PIAVE

COMUNE DI MUSILE DI PIAVE COMUNE DI MUSILE DI PIAVE PROVINCIA DI VENEZIA Piazza XVII Giugno, 1-30024 Musile di Piave tel. 0421/5921 fax 0421/52385 MUSILE di PIAVE STATUTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Adottato

Dettagli

www.forzearmate.org PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE:

www.forzearmate.org PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE: www.forzearmate.org SIDEWEB è una società di servizi nata dall entusiasmo e dall esperienza pluriennale di coloro che hanno operato per anni nelle organizzazioni di tutela individuale e collettiva, contribuendo

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

Consiglio Centrale di Rappresentanza X Mandato BOLLETTINO INFORMATIVO N 4

Consiglio Centrale di Rappresentanza X Mandato BOLLETTINO INFORMATIVO N 4 Consiglio Centrale di Rappresentanza X Mandato BOLLETTINO INFORMATIVO N 4 INDICE Modifiche status giuridico dei VFP1/VFP4 Commissione Difesa del Senato Riordino dei Ruoli Aspettativa per riduzione dei

Dettagli

COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE

COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione C.C. n. 45 del 23.12.2010 Pubblicato all Albo Pretorio dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E ATTIVITA DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI LONIGO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E ATTIVITA DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI LONIGO Allegato A Adottato con delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 2 marzo 2011 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E ATTIVITA DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI LONIGO Art. 1 Il presente regolamento disciplina

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO REGOLAMENTO DI RADIOPROTEZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO PER L APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DI LEGGE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI LAVORATORI, DELLA POPOLAZIONE E DELL AMBIENTE DAI RISCHI

Dettagli

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli. REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI AGEROLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE del SERVIZIO di PROTEZIONE CIVILE 1 LEGENDA ABBREVIAZIONI Le dizioni per esteso saranno sintetizzate secondo le seguenti sigle: - Servizio Comunale

Dettagli