Il pantheon degli Etruschi i più religiosi degli uomini. alla luce delle scoperte di Pyrgi 1.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il pantheon degli Etruschi i più religiosi degli uomini. alla luce delle scoperte di Pyrgi 1."

Transcript

1 Il pantheon degli Etruschi i più religiosi degli uomini alla luce delle scoperte di Pyrgi 1. La conoscenza della religione degli Etruschi, e in particolare delle loro divinità, è rimasta a lungo circoscritta a quel poco che ne hanno tramandato gli autori antichi, in primo luogo latini. E ad essi infatti che risale il topos della religiosità degli Etruschi, bene espresso dalla definizione di Livio: gens... ante omnes alias eo magis dedita religionibus, quod excelleret arte colendi eas 2, parafrasata dal titolo del colloquio internazionale tenuto sull argomento a Parigi nel 1992: Les Étrusques, les plus religieux des hommes 3. Un topos ribadito in chiave negativa in età tardo antica dai Padri della Chiesa nella loro polemica contro il politeismo pagano di cui gli Etruschi erano considerati, non a torto, i più temibili assertori, anche a causa del posto attribuito fin dal III sec. a.c. nella politica religiosa dello stato romano ai loro aruspici, discepoli di Tagete 4. Al punto che quando i Goti di Alarico iniziarono ad assediare la città nel 408 d.c. gli aruspici etruschi proposero di provocare una tempesta di fulmini per metterli in fuga: offerta che solo la pretesa di compiere pubblicamente i loro riti indusse il papa del tempo, Innocenzo I, a far rifiutare 5. Un quadro esauriente di quel che le fonti letterarie tramandano sul pantheon degli Etruschi è stato tracciato nel lontano 1828 da Karl Otfried Müller nel suo classico Die Etrusker, aggiornato cinquant anni dopo da Wilhelm Deecke 6. Questi aveva aggiunto di suo soprattutto le copiose testimonianze offerte dalle raffigurazioni e dalle didascalie degli specchi, raccolti nel frattempo da Eduard Gerhard nei suoi preziosi Etruskische Spiegel, iniziati ad apparire nel 1843: raffigurazioni quasi esclusivamente desunte dalla mitologia greca, che poco o nulla, da sole, potevano e possono insegnare su quelle che erano le divinità oggetto di culto in Etruria. Il fatto è che ancora all epoca del Deecke nessun santuario etrusco 1 Dedico queste pagine alla cara memoria di Francesca Melis, in ricordo dell impegno da lei profuso al mio fianco per più di vent anni nella conduzione e nella pubblicazione degli scavi di Pyrgi, oltre che nella organizzazione della mostra di Arezzo sui santuari (di cui a nota 12). 2 LIV., V, 1, 6 (in occasione del comportamento scorretto tenuto dal re di Veio al Fanum Voltumnae nel 403 a.c.: cfr. van der MEER 2011, p.4). Livio segue non Lucrezio ma Cicerone e gli stoici nel giudizio positivo sulla religio, contrapposta alla superstitio (div. II, 148 sg.). Alla pari di Plinio il Giovane, che elogia Roma come una civitas religionibus dedita (pan. 74, 5). 3 Paris Cfr. MAGGIANI 1984; CAPDEVILLE 1998, spec. pp.386, ; RAMELLI 2003, p.50 sgg.; HACK ZOS. V, 41, 1 3. Cfr. RAMELLI 2003, p.149 sg., con bibl. 6 MÜLLER DEECKE 1877, II, pp

2 era stato oggetto di scavi non occasionali: basta sfogliare, per rendersene conto, quella sorta di Pausania che è per l Etruria l informatissimo libro di George Dennis, The cities and cemeteries of Etruria, la cui seconda e ultima edizione, a prescindere dalle ristampe, risale al Di conseguenza le iscrizioni votive, nostra principale fonte di conoscenza per le forme e i destinatari del culto, erano allora note in quantità esigua: nel Corpus inscriptionum Italicarum del Fabretti, apparso nel 1867, ne comparivano poco più di trenta, tutte riconducibili a trovamenti sporadici, mentre nella recentissima monografia dedicata alle iscrizioni sacre da Daniele Maras 7, di cui già ho avuto occasione di parlare in questa sede, il loro numero arriva a trecento, in gran parte provenienti da santuari fatti oggetto di appositi scavi. Col rinvenimento non solo di iscrizioni, ma anche di resti di templi e di altari, di depositi votivi e di fondazione, di donarii di ogni genere e in particolare di testimonianze di coroplastica: un arte questa che in Etruria ha raggiunto vertici di perfezione, come ben sapevano gli Antichi, a cominciare da Varrone 8. Lo scavo, consapevole e programmato, dei santuari è iniziato nell Italia centrale solo negli ultimi due decenni dell Ottocento, sull onda delle grandi imprese promosse dalle nazioni europee in Grecia e in Asia Minore, a cominciare da Olimpia e da Delfi, e di quelle che anche in Italia erano state avviate in Sicilia e in Magna Grecia, a opera specialmente di Paolo Orsi. Dopo i santuari di Falerii e di Satricum, la città latina allora al margine delle paludi pontine, indagati nel tardo Ottocento, è stata la volta del santuario del Portonaccio a Veio, scavato a più riprese nella prima metà del Novecento dal Museo di Villa Giulia e più tardi ( ) dalla neonata Soprintendenza all Etruria meridionale, con scoperte memorabili che tutti conoscono: basti ricordare l Apollo e le altre insigni testimonianze di statuaria arcaica e classica in terracotta 9. Sono stati quindi esplorati, tra le due guerre mondiali, il santuario del Belvedere a Orvieto e quello dell Ara della Regina a Tarquinia, finché nel 1957 non è iniziato lo scavo del santuario di Pyrgi, condotto in concessione dalla cattedra di Etruscologia dell Università di Roma, oggi La Sapienza, per iniziativa del mio maestro Massimo Pallottino. Scavo cui ho avuto il privilegio di partecipare fin dalle prime battute, assumendone la direzione sul campo dal 1959, e che è durato pressoché ininterrottamente fino al mio pensionamento nel 2008, senza che possa dirsi del tutto esaurito (il che dà la misura 7 MARAS Citato da PLIN., n.h., XXXV, 154, 157. Cfr. COLONNA 1981, p.56 sg. (COLONNA 2005, II, I, p.898 sg.). 9 Dall estate del 2011 finalmente esposte col dovuto risalto nel nuovo allestimento del Museo di Villa Giulia. Da ultimi COLONNA 2008; BAGLIONE 2008 b. 2

3 dell impegno richiesto dallo scavo integrale di un grande santuario antico) 10. Ed è su di esso e in particolare sull incremento della conoscenza del pantheon etrusco 11 da esso apportato. che intendo soffermarmi, senza eccedere dal limitato tempo disponibile. Aggiungo solo, come ulteriore premessa, che lo scavo di Pyrgi può essere considerato il migliore esempio di quella archeologia dei santuari, di cui per l Etruria un primo bilancio è stato tracciato nel 1985, nel quadro delle iniziative della Regione Toscana per il c.d. Anno degli Etruschi, con la mostra di Arezzo e il relativo, assai citato catalogo 12. Il santuario di Pyrgi si affaccia sul Tirreno a poco più di 50 km. a nord di Roma, presso il castello di S.Severa (fig.1), che insiste sul sito della colonia romana succedanea del porto principale dell antica Caere 13. Città che è stata la maggiore potenza marittima d Etruria, alleata di Cartagine nella cacciata dei Focei dalla Corsica al tempo della battaglia navale del mare Sardo, verso il 540 a.c. 14. Il santuario adiacente all abitato di Pyrgi è di fatto l unico d Etruria che gli autori greci (o di lingua greca) ricordano, e questo a causa dell enorme scalpore suscitato dal suo saccheggio nel 384 a.c. da parte del tiranno di Siracusa Dionigi il Vecchio, che ne aveva tratto un bottino stimato, nella valutazione più alta, in 1500 talenti 15. La fondazione del santuario era fatta risalire agli stessi mitici Pelasgi cui si ascriveva quella di Agylla, che era il nome con cui i Greci designavano Caere 16. Gli scavi hanno rivelato che constava di due distinte aree sacre (fig.2), separate da un fosso canale deviato intorno al 270 a.c. per proteggere dalle alluvioni la colonia maritima di Pyrgi allora dedotta. Negli stessi anni gli edifici sacri, danneggiati nel mal noto conflitto romano cerite insorto all indomani della spedizione di Pirro in Italia, furono smantellati, seppellendone con cura nei pozzi e nelle parti avvallate del piano di 10 Le ricerche degli ultimi tre anni sono state spostate in direzione dell abitato, a oltre 50 metri a N del tempio A (AA.VV. 2011), con saggi anche a ridosso delle mura poligonali della colonia. 11 Per lo stato delle conoscenze al riguardo si rinvia a PFIFFIG 1975, pp ; SIMON 1984; TORELLI 2000, pp.275 sg., ; CAMPOREALE 2004, p.145 sg.; SIMON 2006; MAGGIANI 2012, p.405 sg. 12 Arezzo 1985 (i contributi introduttivi alle singole sezioni anche in COLONNA 2005, III, pp , con l aggiunta delle tavv.i II e della carta dei santuari esposta nella mostra a fig.31: sull importanza dell evento cfr. MAGGIANI 2012, p.398). Un parziale aggiornamento è ora fornito da de GRUMMOND, EDLUND BERRY 2011 (con ampia bibliografia alle pp ). L ultimo dei grandi templi venuti alla luce è quello urbano di Tina a Marzabotto (su cui ora SASSATELLI 2011). Per il mondo italico, e specialmente per il Sannio: STEK Sulla città da ultimo COLONNA 2010 b (con errate didascalie redazionali alle figg.10 11). 14 Battaglia svoltasi verosimilmente al largo di Olbia (COLONNA 2000, p.48) o nelle Bocche di Bonifacio, e non davanti a Pyrgi (come vorrebbe da ultimo ANTONELLI 2008, p.229). 15 Ps. ARISTOT., oecon. II, 1349 b, 33 35; DIOD. SIC. XV, 14, 3 4 (da Filisto secondo SANDERS 1987, p.127 sg.); STRAB. V, 2, 8, C 226; AEL., var. hist., I, 20; POLYAEN. strateg. V, 2, 21; SERV. DAN., Aen. X, 184. Sul gruzzolo di tetradrammi greci di V sec. a.c. rinvenuto nel 1961i: COLONNA 1965 (= COLONNA 2005, IV, pp ) e recentemente NICOLET PIERRE 2003, p.127 (con attribuzione poco credibile a un soldat venant de Sicile ); CANTILENA STRAB., cit. Cfr. BRIQUEL 1984, p.169 sgg. 3

4 calpestio gli apparati decorativi, senza che il culto venisse a cessare del tutto. In entrambe le aree gli edifici più antichi, costruiti su due leggeri rialzi della piana costiera in gran parte artificiali, consistettero in modesti sacelli risalenti, a giudicare dalle poche terrecotte architettoniche rinvenute in giacitura secondaria, nell area a N del fosso al 560 circa (fig.3: 1) 17, nell area a S dello stesso al 530 circa, quando vennero rinnovati anche i tetti dell area a N (fig.3: 2 3). Quest ultima, più vicina allo stradone collegante dal 600 circa l insediamento portuale con la città 18, venne completamente rimodellata in forme monumentali intorno al 510 a.c. Vennero allora costruiti sia il tempio B un periptero di circa 20 metri per 30 a cella unica, liberamente ispirato nella pianta a modelli magno greci e campani che i suoi annessi (il recinto C a ridosso del tempio, la sequenza delle Venti Celle cogli altarini antistanti, l altare maggiore della piazza e un pozzo cisterna all ingresso dell area), racchiusi l uno e gli altri entro un peribolo interamente murato un vero temenos cui si accedeva dal lato dello stradone attraverso un eccezionale ingresso a quattro fornici, messo in luce nel 2005 (fig.4) 19. E questo il santuario cui si riferiscono le tre iscrizioni incise su altrettante lamine d oro pressoché uguali per forma e dimensioni, rinvenute nel 1964, su cui esiste ormai una sterminata letteratura, che non cessa di accrescersi (fig.5) 20. Lamine già affisse a uno stipite (postis) della porta della cella del tempio B, assieme a chiodi con testa bronzea rivestita di una lamina anch essa d oro in forma di bulla, per i quali s impone il ritorno all interpretazione iniziale come clavi annales 21. Le due lamine affisse per prime costituiscono la bilingue etrusco fenicia da tempo famosa 22, commemorante la dedica del tempio e dell intero temenos alla dea Uni, chiamata Astarte nella versione semitica: bilingue peraltro motivata a quanto pare più da finalità politico propagandistiche che da reali esigenze di comunicazione 17 Le terrecotte più antiche appartengono al tetto 4 12 di WINTER 2009, pp.239, 249 sg., 289 sg., 292, datato al a.c. in base al confronto, valido solo sul piano iconografico, tra il fregio di carri delle lastre di rivestimento e la scena di partenza dell anfora pontica eponima del Pittore di Anfiarao (che appare manifestamente più antica delle altre figurazioni del vaso, su cui si basa la datazione propostane da Ǎ.Ǎkerström). La frequentazione dell area sacra almeno dal 600 circa è attestata da alcuni frammenti vascolari, tra i quali un applique di bucchero di stile orientalizzante (COLONNA 2002, p.275, fig.13) e un frammento attico a figure nere attribuito al Pittore C da E.Paribeni, che ha riconosciuto in esso proprio il tema della partenza di Anfiarao e lo ha datato al 570 a.c. (Pyrgi 1970, p.425 sg., fig.332; COLONNA 2005, IV, p.2259, tav.xi c). 18 COLONNA 2005, IV, pp COLONNA 2007 a, pp.9 11, fig CIE ; ET Cr Tra i contributi più recenti è WIKANDER Come ho di recente argomentato, abbandonando per le une e per gli altri la mia precedente ipotesi dell affissione alle valvae della porta (COLONNA 2010 a, pp , figg.2 5). 22 Mi limito a citare i miei contributi sui termini lessicali concernenti il tempio e il santuario (COLONNA 1991= COLONNA 2005, IV, pp ) e sui riferimenti testuali alla dea e al suo culto (COLONNA 2002, pp , con abbozzo di versione della lamina etrusca a p.336). 4

5 linguistica 23. Autore della dedica è Thefarie Velianas, che nella versione semitica è detto re su Caere e che oggi sappiamo essere stato il rampollo di una gens aristocratica, salito al potere con l appoggio di una consorteria di homines novi 24, oltre che col favore di Astarte, cui è sotteso quello dell alleata Cartagine. La titolarità di Uni è confermata da tre ciotole del 500 circa a.c. su cui è stato dipinto prima della cottura il nome della dea al genitivo, appartenenti allo strumentario del culto (una a fig.6) 25. La dea, pur rivelando nel nome una remota ascendenza falisco latina, occupa un posto di tutto rilievo nel pantheon etrusco, essendo la massima divinità di almeno due, se non tre, delle dodici città dell Etruria: Veio, Perugia e forse Cortona 26. Riceveva inoltre un culto importante anche a Caere, dove era venerata nel cuore dell area urbana, nel settore della Vigna Parrocchiale scavato da R.Mengarelli: lo provano i numerosi pocola deorum di fine IV inizio III sec.a.c. (uno a fig.7) e alcune olle grezze coeve col nome di Hera, l omologa della Iuno latina, iscritto o fatto iscrivere in greco da chi era addetto al suo culto 27. A Pyrgi la dea era invece assimilata ad Astarte, come lo furono Iuno e la stessa Era a Malta 28 e Iuno in generale nel mondo punico, teste Sant Agostino (Iuno sine dubitatione ab illis [scil. Poenis] Astarte vocatur) 29. Tuttavia l introduzione della prostituzione sacra, indiziata dall ala delle Venti Celle con l antistante allineamento di piccoli altari 30, oltre che dalla citazione dei proverbiali scorta Pyrgensia da parte del poeta Lucilio e dalla stessa, abnorme ricchezza depredata da Dionisio il Vecchio 31, denota piuttosto un affinità con Afrodite, la dea che a Cipro e a Erice era anch essa identificata con 23 A favore di una motivazione dell intera bilingue di ordine religioso e insieme sociale, nel senso di una legittimazione del potere di Thefarie, è ora WIKANDER Per G.Garbini l oggetto del dono di Thefarie sarebbe stato votato nel corso di una grande festa etrusca e dedicato secondo una liturgia etrusca (GARBINI 1993 a, p.81 sg.). Sempre attuali le riflessioni metodiche dello studioso sui casi di fittizio ricorso al bilinguismo (GARBINI 1993 b, p.170 sg.). 24 Grazie al rinvenimento nella necropoli cerite della tomba a dado di un Larice Veliinas la Tomba delle Iscrizioni Graffite, nel quale con ogni probabilità è da riconoscere il padre di Thefarie (COLONNA 2006; COLONNA 2007 a, pp.11 16; COLONNA 2010 a, p.284 sg.). Sulle consorterie nella Roma arcaica: FIORI Pyrgi , p.285, con bibl. (G.Colonna); BERNARDINI 2001, pp , nn.10 12; MARAS 2009, p.360 sg. 26 COLONNA, MICHETTI COLONNA 2004, pp.77 81; GENTILI Un precedente di V secolo, dipinto col nome abbreviato di Dioniso, viene dal settore meridionale del santuario in corso di scavo da parte del C.N.R. (BELLELLI 2011). 28 Da ultima AMADASI GUZZO Quaest. In Hept. VII, 16. Anche nel santuario sardo di Cuccureddus di Villasimius sembra che al culto di Astarte sia subentrato in età romana quello di Iuno (da ultima PUNZO 2010, p.83, con bibl.). 30 Incompatibili, assieme ai soggetti delle antefisse che decoravano l edificio, con la funzione di hestiatorion da alcuni attribuitagli. 31 COLONNA 1986, pp.59 65, fig.1 3. La citazione di Lucilio è in SERV. DAN., cit. ( nota 12). 5

6 Astarte e circondata da ierodule 32, e che nel santuario emporico greco orientale di Gravisca era stata ben presto affiancata da Era, come a Samo e a Sparta 33. A differenza tuttavia di Gravisca il culto della Uni Astarte di Pyrgi rientra, alla pari di quello della Uni Era di Caere, nella categoria dei peregrina sacra, a Roma inseriti nella religione di stato 34, di cui l esempio più antico è offerto dal culto di Cerere, Liber e Libera, introdotto nel 496 a.c. dalla Magna Grecia o dalla Sicilia greca 35. Si tratta di sacra quae coluntur eodem more a quibus sunt accepta, come scrive Festo 36, facendo ricorso, teste il culto della triade aventina e quello della Magna Mater 37, a un clero fatto venire dagli stessi paesi d origine dei sacra 38. Nel caso di Pyrgi è assai probabile l arrivo di sacerdotesse da Erice, già allora epicentro internazionale del culto di Afrodite/Astarte in Occidente 39, nonché fedele alleata di Cartagine alla pari delle altre città degli Elimi 40 e della stessa Caere. La loro presenza è di fatto fortemente indiziata dalle lucerne a conchiglia con becco aperto di tipo punico o greco punico in uso nel santuario maggiore, con la massima concentrazione nell area circostante il tempio B 41. Ed è a mio avviso lecito sospettare che l iniziativa della versione in fenicio della dedica del santuario sia 32 LAMBRINOUDAKIS 2005, p.334 sg.; DE VIDO 2006, pp ; BONNET 2006, p.216; LIETZ 2009: PUNZO 2010, pp Sulla negazione da parte di studiosi specialmente anglosassoni dell istituto stesso della prostituzione sacra: COLONNA 2010 a, p.283, nota Da ultimi TORELLI 2004, p ; BOITANI 2008, p.150; FIORINI, TORELLI COLONNA 2010a, pp Cfr. già LE BONNIEC 1958, pp.383 sg., Probabilmente da Reggio o da Messana erano venuti Damophilos e Gorgasos, autori dell apparato decorativo del tempio (COLONNA 1982, pp = COLONNA 2005, I, pp ). Cfr. ZEVI 1999, pp.330 sg., 336 sg. Per Dioniso si può tuttavia pensare a un apporto cumano (BELLELLI 2011, p.108). 36 FEST., p.268 L.; PAUL. ex FEST., p.269 L. 37 Cfr. RASMUSSEN 2003, pp Gli argomenti a favore di un introduzione del rito greco nel culto della triade aventina non prima del III sec.a.c. (LE BONNIEC 1958, p.397 sgg.) sono stati giustamente ritenuti extremely week (CORNELL 1995, p.263 sg.). Quanto all ostracismo decretato nel 428 a.c. verso i culti stranieri (LIV. IV, 30, 9 11; cfr. De CAZANOVE 1990, p.195, nota 89), il riferimento sarà a forme di religiosità (misteriche?) diverse dal culto della triade, accolto tra i sacra publica più di sessant anni prima, alla pari di quelli dei Dioscuri e di Apollo. Livio parla dell invasione di una religio per lo più externa e di piacula non solo peregrina ma insolita (cfr. in proposito CATALANO 1965, pp , ). 39 COLONNA 2002, p.305 sg.; LIETZ Sul culto della dea di Erice a Cagliari da ultima ANGIOLILLO 2009, a Roma da ultimo LACAM 2010, p.162. È verosimile che la dea, forte del grande prestigio internazionale già raggiunto dal santuario, abbia favorito in qualche modo l insediamento dei Cartaginesi nella città all inizio del IV secolo (GARBINI 2004, p.32). 40 COLONNA 2002, p.305 sg.; GARBINI 2004, pp La gravitazione tirrenica degli Elimi e il ricordo di antiche relazioni con le coste dell Italia centrale basti pensare alla leggenda di Enea sono alla base della tradizione che faceva dell eponimo Elimo un re di Tirreni trasferitosi in Macedonia (STEPH. BYZ., s. v. Aiané). Cfr. MARAS 2011, p Passate praticamente inosservate nella letteratura, nonostante la loro ben documentata segnalazione nelle relazioni di scavo (alcuni riferimenti in COLONNA 2010 a, p.283 sg., nota 46). Si noti che l unica lucerna di età pre ellenistica di cui è ricordata la provenienza da Erice è di tipo punico (FAMÀ 2009, p.216, n.1), mentre tutte quelle di età ellenistica sono di tipo greco (BISI 1969, p.37, n.137 sg.). Di tipo greco sono anche la grande lucerna arcaica rinvenuta a Pyrgi nell Area Sud del santuario (COLONNA 1992, p.68,fig.7) e quelle rinvenute a Caere negli scavi del C.N.R. alla Vigna Parrocchiale (Caere 4, 2003, nn.1357 e 1937).. 6

7 dovuta proprio alle sacerdotesse della dea, con le evidenti infedeltà di traduzione dipendenti dal diverso background culturale 42, e nel contempo con la registrazione della forma orale, non mediata dalla scrittura, del nome di Thefarie Velianas 43. La Uni di Pyrgi ha d altra parte in comune con la Era delle colonie achee d Occidente, dalla Era Lacinia di Crotone alla Era Argiva del Sele, l alleanza invece che l ostilità verso Eracle/Hercle 44. L eroe occupa infatti un posto di primo piano nell apparato figurativo del tempio B, culminante nell acroterio posto al vertice della fronte principale che lo mostra al fianco della dea (fig.8), con indosso corazza e schinieri 45, oltre alla canonica leonté: evidente riferimento al compimento delle fatiche e all apoteosi così meritata 46. E questa in un certo senso la prima enunciazione di un tema che, nella versione allegorica dell allattamento di Hercle adulto da parte della dea già nemica, ha goduto nel IV III sec. di una notevole fortuna in Etruria, a giudicare dalle raffigurazioni degli specchi 47. La dea e l eroe ritornano nella serie di antefisse a figura intera delle 20 Celle, entrambi raffigurati in piedi su un alta base in forma di altare nell atto di trattenere per il collo una coppia di cavalli alati (figg.9 10) 48 : probabile allusione, come già da me sostenuto 49, al currus della dea e a quello col quale Hercle era assurto all Olimpo, avendo al fianco Ebe, la figlia di Era divenuta sua sposa 50. I due gruppi sono inseriti in una sequenza di 42 Per cui i pulumχva, ossia le bulle del testo etrusco, equivalenti ai clavi annales della tradizione annalistica romana, sono diventati nel testo fenicio le stelle (COLONNA 2010 a, p.277 sg.; van der MEER 2011, p.28), e il titolare dello zilac seleita probabile omologo del praetor maximus romano (MAGGIANI 1998, p.102 sgg.) è diventato il re (mlχ). Per l adattamento al lessico fenicio dei termini architettonici della donazione v. COLONNA 2005, IV, pp ; COLONNA 2010 a, p Rivelata sia dalla f del prenome, resa in fenicio con b, sottolineandone il valore di fricativa bilabiale, sia dalla resa del gentilizio Velianas con wlnś invece che con *wlynś, rispecchiandone la pronuncia /ṷelīnas/. 44 COLONNA 2002, p Avuti in dono da Efesto (Ps. HES., scut., 122 sg.; DIOD. SIC. IV, 14, 2; APOLLOD. II, 4, 11). 46 COLONNA 2002, pp , fig.27 sg. Ai comparanda per l Eracle con la corazza (ibid., note 148, 150 e 151) sono da aggiungere alcuni vasi attici a f.n. con la fatica del leone nemeo (LIMC V, 1990, s.v. Herakles, nn.1783,1810 e 1832). Per l idria ionico ceretana su cui l eroe e Iolao combattono con l idra armati entrambi di corazza e schinieri v. ora BONAUDO 2004, p.103 sg., fig van der MEER 1995, pp ; COLONNA, MICHETTI 1997, p.169, nn.86 89, tav.121; RASMUSSEN Il disegno dell antefissa con la dea sostituisce quelli editi in Pyrgi 1970, fig.240, e in Pyrgi , fig.160 ( la dea vi compare già coi calcei), documentando lo stato attuale della sua ricostruzione. Il rinvenimento di un frammento con le gambe della dea coperte dal chitone fin quasi alle caviglie (inv. di scavo ) mi ha infatti indotto ad attribuire quelli mostranti le ginocchia nude (Pyrgi 1970, fig.244, nn.5 8) all antefissa con Eracle, di cui si offre in questa occasione il disegno rettificato (opera come l altro di Sergio Barberini). Spiace che nel frattempo Erika Simon abbia creduto di riconoscere nella dea, basandosi sull inesistente veste corta, una Selene assimilata ad Artemide (SIMON 2007, p.54), e che Nancy de Grummond sia andata oltre su questa via, proponendo per la dea il nome di Catha (de GRUMMOND 2008, p.425 sg.). 49 COLONNA 2002, pp , note 110 e Come appare già su un anfora cicladica (BOARDMAN 1998, p.111, fig.252.1), su un cratere orientalizzante da Samos (LIMC V, cit. a nota 43, n.3330) e su un aryballos mesocorinzio da Vulci (ibid., n.3331, con fig.; CARPENTER 1991, p.134, fig.233). In età tardo arcaica il motivo compare su quella raffinata opera ionico ceretana che è l idria Ricci (CERCHIAI 1995, p.88 sg., tav.21: 3 4) e su vasi attici a f.n. (LIMC V, cit., nn ). 7

8 figure alate di evidente carattere astrale, che conferiscono una dimensione cosmica all apoteosi, assimilandola all ascesa del sole nel firmamento. Prive tutte di un attendibile confronto iconografico in ambito sia etrusco che greco, sono poste su una semplice base a due gradini, alta la metà di quella dei due protagonisti. Rappresentano, nella sequenza e secondo l interpretazione che reputo oggi più attendibili: il Sole (Usil) al termine della corsa notturna sull Oceano, circondato fino alle ginocchia da un alone di raggi di luce 51 ; la Stella del mattino in forma di demone alato con testa di gallo 52, avanzante nel cielo ancora oscuro grondando vistose gocce di brina (fig.11) 53 ; l Aurora (Thesan) sorgente dalle onde con le quattro ali spiegate (fig.12) 54 ; la Luna (Tiu) che si allontana portando nelle mani alzate due stelle in forma di patere, coperta dalla testa ai piedi, ali e stelle comprese, dal gran manto del cielo notturno (fig.13) 55. Non era tuttavia praticato nel santuario solo il culto di una Uni identificata con Astarte. Sul lato opposto a quello prospiciente le Venti Celle era addossato al tempio il recinto C (m.5,5 x 7)(fig.14), in una posizione manifestamente subordinata ma autonoma, come prova il pozzo di cui era dotato, e tale che chiunque dalla piazza del tempio si dirigeva verso dall ingresso del temenos si dirigeva alla piazza del tempio e al grande altare, o viceversa, era obbligato ad attraversarlo (fig.4) Iconografia di cui è stata dimostrata la lontana origine neoassira (KRAUSKOPF 1992, pp ). Il dio è altrimenti raffigurato in Etruria con il disco solare alato di tradizione egiziana sulla testa (anfora a f.n. nel commercio antiquario: SCHAUENBURG 1992, p.340 sg., tav.73: 2). Sui motivi egittizzanti nell Etruria arcaica v. ora SANNIBALE Phosphoros per i Greci, Lucifer per i Romani. Ne ignoriamo il nome etrusco. 53 Cfr. i versi di Ovidio, in cui a Lucifero sono associati la brina e il canto del gallo: iamque pruinosos moliter Lucifer axes / inque suum miseros excitat ales opus (am. I, 6, 65 sg.). Cfr. RIPA 1593, p.80 sg. (il Crepuscolo della mattina è raffigurato con un urna rivolta all ingiù versando con essa minutissime goccioline d acqua e con per l aria una rondinella, giusta Dante, Purg. IX, 13 15). Anche in questo caso è stata convincentemente dimostrata la derivazione iconografica da un prototipo neo assiro: il demone a testa di grifo aspergente d acqua l albero della vita o la persona del re (KRAUSKOPF 1992, pp ; SIMON 1993, pp ; KRAUSKOPF 2009, p.151 sg., n.37). Il disegno di fig 11, opera di S.Barberini, nel numero e nella disposizione delle gocce è basato sulla policromia dell esemplare conservato in parte nel Museo di Villa Giulia e in parte nella Ny Carlsberg Glyptotek (COLONNA 2002, p.280, nota 108, fig.18 sg.; CHRISTIANSEN, WINTER 2010, p.90, n.40). 54 Per le quattro ali cfr. alcuni specchi (LIMC III, 1986, s. Thesan, nn.24, 37), anfore del Gruppo della Tolfa (GAULTIER 1995, E 730 e 731, tavv.27 e 29) e un idria ceretana (BONAUDO 2004, p.84 sgg., fig.44). 55 Il disegno mostra l antefissa senza la precedente integrazione del busto e della testa, peraltro assai probabile. Un buon confronto, a prescindere dall attributo del mantello, è offerto dalle antefisse campane col busto di una ninfa (?) che solleva due rosette, in una sorta di divina epifania, avendone una terza, concava, sulla testa (REUSSER 1980; JUCKER 1981). Riconoscibili con sicurezza come astri sono i globi lampeggianti che compaiono nelle mani del Sole nascente su uno specchio a Minneapolis e su un anello da Aleria (rispettivamente in CSE, U.S.A., 1, 1987, p.45 sg., n.26; SIMON 1984, p.156). Su un anfora del Gruppo della Tolfa a Ginevra (RIZZO 1987, pp.163, 306, n.117) compaiono in una faccia Thesan che rapisce un giovanetto tra due alberelli, nell altra una figura femminile ammantata che corre verso uno scoglio, sollevando nelle mani alzate due patere: potrebbe trattarsi anche in questo caso della Luna, con lo scoglio alludente alle isole galleggianti dell Oceano. 56 COLONNA 2007 a, p.10 sg., figg

9 Servivano allo scopo I suoi due ingressi contrapposti (fig.15), che ne facevano una sorta di ianus geminus, del tipo antichissimo che a Roma era servito di modello all Ara Pacis Augustae 57. Il recinto era riservato al culto delle divinità patrie, che nemmeno il tiranno Thefarie poteva permettersi di ignorare (e che i frequentatori del santuario a quanto pare erano tenuti a onorare). Lo deduciamo da una tabella bronzea ad esso sicuramente riferibile, rinvenuta anch essa nel 1964 ma in minuti frammenti, pazientemente ricomposti dall Istituto Centrale del Restauro (fig.16). La lunga iscrizione etrusca così recuperata, coeva delle lamine d oro ma di tutt altra forma e contenuto, consiste in una sorta di preghiera di stile e fonetica arcaizzante, quasi una litania del genere del carmen Saliare romano, in cui ricorrono i nomi di due sole divinità, Tina e Uni 58. Il dio è invocato con una sequela di epiteti non altrove attestati, tra i quali spicca Atalena, che lo pone sul piano dei maiores, intesi anche in senso gerarchico 59, mentre la dea riceve solo l epiteto Chia, lo stesso col quale era venerata a Caere alla Vigna Parrocchiale, anteriormente alla menzionata assimilazione con Era 60. Di fatto due erano gli altari presenti all interno del recinto: quello di cui rimane in parte l alzato e che sotto ogni rispetto appare come il principale, per la sua posizione e per la circostante platea lastricata con pozzo annesso, spettava con ogni probabilità a Tina. Di forma cilindrica, è attraversato verticalmente da un condotto comunicante col sottosuolo (fig.17), come si verifica più volte in altari di area volsiniese, quasi sempre iscritti col nome del dio, attestandone il carattere catactonio, in accordo con l epiteto Calusna che gli è attribuito in età ellenistica nel santuario del Belvedere a Orvieto 61. Verso il 470 a.c., quarant anni dopo la fondazione del tempio B e dei suoi annessi, quando da qualche tempo era venuto meno il regno del Velianas e la città era tornata sotto il governo degli aristoi, il santuario monumentale conobbe una nuova, intensa fase edilizia. Raddoppiata la superficie del temenos (fig.18), fu innalzato il tempio A, assai più imponente dell altro (circa m.24 per 34,50) e di tipologia affatto diversa, tuscanica a tre celle, affiancato da un nuovo ingresso, che intercettò lo stradone proveniente dalla città, mentre quello a quattro porte retrostante al tempio B veniva tamponato. E questo il tempio decorato sulla fronte 57 TORELLI 1992, pp COLONNA 2002, pp , fig.32. Cfr. MAGGIANI, RAFANELLI 2005, p.143, II A Su atta come termine di parentela e di rango, oltre che nome proprio parlante : da ultimo PROSDOCIMI 2009, p.105 sgg. Sul suffisso le, denotante appartenenza, analogamente al suffisso latino lo: ibid., pp.84 sgg., 146 sgg.; COLONNA c.s. 1, note 100, Sull epiteto mi sono soffermato da ultimo in REE 2011, n.68, p MARAS 2009, p.431 sg. 9

10 posteriore, rivolta verso la città, con tre altorilievi narranti la saga dei Sette contro Tebe, praticamente contemporanei alla tragedia di Eschilo dello stesso soggetto, rappresentata nel 467 a.c. L unico che si è potuto ricomporre per intero è quello ormai celebre narrante le due storie, abilmente interrelate nella composizione, di Capaneo fulminato da Zeus e di Tideo ferito a morte che assale alle spalle il caduto Melanippo per spaccargli il cranio, mentre Atena inorridita si allontana negando al suo protetto il farmaco dell immortalità (athanasia) ottenuto da Zeus (fig.19) 62. Un esplicito messaggio di condanna, in chiave epico mitistorica, della hybris umana, impersonata al massimo grado dai tiranni 63, e nello stesso tempo un richiamo al dramma della fragilità umana dinanzi alla morte. Sulla fronte anteriore del tempio era invece narrata, a giudicare dai pochi resti degli altorilievi messi in opera alla fine del V secolo in sostituzione di quelli originali, la battaglia tra i Greci e le Amazzoni, in cui tornava a primeggiare la figura di Eracle 64, ma come campione dei valori del mondo civilizzato, cui erano estranee le Amazzoni, invece che della virtus individuale. Il rinvenimento di un iscrizione etrusca su lamina bronzea, celebrante in tono solenne la dedica di una statua di Thesan 65, la dea etrusca dell Aurora di cui uno specchio ci ha restituito l immagine accompagnata dal nome (fig,20) 66, fa ritenere che sia stata attribuita a quella dea la titolarità del nuovo tempio, cui l iscrizione è contemporanea. Il che non contrasta con l interpretatio Graeca della dea di Pyrgi come Leucotea, al tempo del sacco siracusano, invece che come Eos, l Aurora greca, sia perché questa, a differenza dell altra, non era una divinità di culto 67, sia e soprattutto perché era accaduto lo stesso nella Roma di Tarquinio il Superbo, discendente del corinzio Demarato, nei confronti della Matuta del Foro Boario 68. L accettazione da parte del clero pyrgense e delle autorità ceretane, sul 62 COLONNA 2002, pp , figg.35 42, e da ultimo COLONNA 2010 c (scritto che ha illustrato l opera in una raccolta di capolavori dell arte mondiale, edita da Thames & Hudson). 63 Quale era stato Thefarie e quale era allora il Dinomenide Ierone, venuto da Siracusa ad assalire alle spalle la flotta etrusca assediante Cuma nel 474 a.c. 64 COLONNA 2002, p.325, fig SIMON 1984, fig. a p.163; COLONNA 2002, pp , fig.48; MARAS 2009, pp (che segue la datazione paleografica troppo alta di M.Cristofani). 66 COLONNA 1996 a, p.351, nota 10, fig.3 (= COLONNA 2005, IV, p.2339 sg.). 67 Sul culto di Leucotea da ultimo GIANGIULIO 2010, pp (su Pyrgi p.67 sg., note 18 19). 68 A giudicare dall acroterio del tempio arcaico di S.Omobono raffigurante Leucotea abbracciata dal figlio Palemone (COLONNA 2002, p.327, nota 306, con bibl.; WINTER 2009, p.381 sg., fig.5.36). L acroterio è ora interpretato, in base ad alcune più o meno sicure integrazioni (inattendibile quella del supposto tirso dal retro completamente piatto), come la coppia di Dioniso e Arianna (MURA SOMMELLA 2011; WINTER 2011, p.65, fig.6). Mi domando se invece non debba vedersi in esso, restando nell ambito del mito tebano di Ino/Leucotea, l apoteosi di Semele, sorella di Ino e madre di Dioniso, morta prima di dare alla luce il figlio, che da adulto sarebbe sceso nell Ade per resuscitarla (DIOD. SIC., IV, 25, 4; APOLLOD. III, 5, 3; cfr. LIMC VII, 1994, pp , nn.19 26; Suppl. 2009, p.449 sg., add. 5; COLONNA c.s. 2). Senza escludere che l apoteosi sia quella di Ino, che era stata la nutrice dell orfano Dioniso, attirandosi per 10

11 piano mitico e iconografico, dell interpretazione greca di Thesan è provata dall altorilievo che verso la metà del IV secolo sostituì quello posto al sommo della facciata anteriore del tempio. Esso raffigura infatti l accoglimento di Leucotea e del figlio Palemone, perseguitati da Era, nel santuario di Uni, grazie all intervento di Eracle (figg.21 22) 69 : un aition parallelo a quello, narrato da Ovidio, del tempio romano di Mater Matuta, adiacente all antichissima Ara Maxima del dio. Questi appare sia nel santuario di Pyrgi che in quello romano nel ruolo di un autentico numen loci, garante dell ospitalità verso lo straniero, tanto più se in veste di supplice. Ruolo confermato dal rinvenimento, sul fondo del pozzo in cui era stata riposta la statua di Eracle, di un simpulum con dedica a Farthan, ossia al Genius (loci) o al Progenitore, quale verosimilmente il dio era considerato 70. Quanto a Thesan e Leucotea, il loro ingresso nel santuario di Pyrgi e la loro assimilazione si fonda sull essere entrambe figure spiccatamente salvifiche e curotrofiche, amate perché assai più vicine di Uni e di Era ai comuni mortali e alle loro ansie esistenziali 71. Il carattere di intermediarie tra la condizione umana e il mondo degli dèi spiega il favore loro accordato in un età di crisi, prima degli individui e poi della polis, quali sono stati notoriamente il V e il IV secolo in Etruria, in concomitanza col diffondersi anche in Occidente del dionisismo e di altri culti misterici 72. Vengo da ultimo, e più brevemente, al santuario minore del grande complesso sacrale di Pyrgi, l Area Sud, scoperta nel 1983 e scavata a partire dall anno successivo, è ormai si può dire venuta per intero alla luce 73, compresi i depositi votivi, che invece mancano ancora all appello nel santuario maggiore. La pubblicazione finale dello scavo, dopo le molte anticipazioni che ne sono state date 74, è in corso di preparazione da parte di M.Paola Baglione, Barbara Belelli e questo l ira di Era, causa delle sue sventure: sarebbe questa una variante arcaica del mito, di ambito corinzio, non attestata dalle fonti letterarie giunte fino a noi. 69 Pyrgi , p.33 46, figg.26 35; COLONNA 2002, pp Pyrgi , pp , fig.96; COLONNA 2005, III, pp COLONNA 2002, pp In quanto salvifiche, entrambe le dee erano in rapporto con la morte e con l aldilà, per cui non meraviglia troppo che Aurora, qualificata come Orci soror, sia invocata in una defixio di I sec. d.c. di recente scoperta come crudele persecutrice, con un rovesciamento di ruolo di cui non mancano paralleli in quel genere di testi (BEVILACQUA 2009). Non escluderei del resto che abbia influito al riguardo il ricordo dei due terribili massacri subiti nella guerra marsica dagli eserciti consolari nel 90 e nell 89 a.c., entrambi nel giorno della festa di Mater Matuta, come non manca di rilevare Ovidio (fast. VI, : cfr. COLONNA 2007 b, p.99; COLONNA 2007 c, p.23). 72 COLONNA 2002, p.332 sg. 73 A parte ovviamente la frangia verso mare, distrutta dall erosione e invasa dall arenile, sulla quale è stata accumulata la terra di scarico formando un alta duna artificiale, piantata a lauri e oleandri, a protezione dell area scavata. 74 COLONNA 1986, pp.69 79; COLONNA 1994 (= COLONNA 2005, IV, pp ); COLONNA 2002, pp ; BAGLIONE 2004; COLONNA 2006, pp , ; BAGLIONE 2008 a; COLONNA 2009, pp

12 mia, affiancati da una squadra di valorosi collaboratori 75. L area sacra non è stata mai monumentalizzata né recintata con un muro: si compone di alcuni sacelli e di molti altari (almeno nove) di varia tipologia (fig.23). Il sacello Beta, che è il più antico, risalente come detto al 530 a.c., era decorato sia da acroteri animalistici, di cui i quattro angolari, rinnovati verso il 500 a.c. e solo in parte conservati, consistevano in un avantreno rampante di Acheloo, sia da antefisse a testa di Ninfa senza nimbo, alludenti rispettivamente alla messa in sicurezza della pianura costiera contro il pericolo delle alluvioni, ottenuta con la realizzazione del fossocanale, e ai benefici dell acqua dolce, ambita dai naviganti, sgorgante copiosa da una vicina sorgente ancora attiva 76. L area era consacrata, come attestano le molte iscrizioni votive rinvenute un po dappertutto, a due divinità diverse da quelle dell Area Nord e prima della scoperta dell Area Sud assai poco conosciute: Śuri (non Śuris, come spesso si è scritto), chiamato anche Śur, e Cavatha (Fig.26) 77. Si tratta di una coppia coniugale, i cui membri erano venerati separatamente nelle due celle del sacello Beta e insieme sia verso il 470 a.c. sul grande altare Lambda, come provano le offerte contenute nel deposito di fondazione Kappa 78, sia verso il 450 a.c. nel sacello Gamma, come fanno pensare i due altarini a cuppella affiancati all interno dell unica cella 79. In entrambi i casi titolare della struttura sembra essere stato il dio, a giudicare dai cippi di piombo a lui consacrati, come subito dirò, di cui molti erano sepolti nel basamento dell altare Lambda e uno infisso nel terreno sul prolungamento dell asse maggiore del sacello Gamma 80. Tuttavia è indubbia la preferenza accordata alla dea sul piano devozionale, eruibile dal maggior numero di offerte e di iscrizioni di dedica, a cominciare dal ricco deposito Rho suggellato intorno al 500 a.c. 81, fino ad arrivare al sacello Alpha (fig.29), edificato in sostituzione del demolito sacello Beta nel corso del IV sec.a.c. 82, di cui sembra essere stata l unica titolare. 75 Laura Ambrosini, Claudia Carlucci, Luciana Drago, Maria D.Gentili, Lorella Maneschi e Laura Michetti. 76 COLONNA 2002, l.c. (per la sorgente anche p.260). 77 Sul dio: COLONNA 2009; MARAS 2009, passim; COLONNA c.s. 2. Sulla dea: MARAS 2009, pp.109,114; van der MEER 2011, pp.66 sg., 125 sg. 78 COLONNA 1996 b, pp , tavv.liii LV; COLONNA 2006, p.138; BAGLIONE 2008 a, pp Sul sacello: COLONNA 1994, pp (= COLONNA 2005, IV, pp ); COLONNA 2006, pp.140, 150 sg. La preminenza del dio è confermata dal vicino altare Epsilon che ha preceduto il sacello e che un piccolo cippo di piombo fa ritenere, assieme al contenuto del relativo bothros (COLONNA 1994, figg.12 14), spettante a quel dio (COLONNA 2006, p.137 sg.). 80 COLONNA 2009, p Contenente 45 vasi greci: BAGLIONE 2008 a, pp.305, 310 sg., con bibl. 82 COLONNA 2006, p

13 Mancano a Pyrgi immagini del dio, mentre per la dea disponiamo delle antefisse a busto femminile del sacello Gamma (Fig.25), che si alternavano ad altre con maschera di Gorgone alludenti probabilmente al signore dell Ade 83. Raffigurano una giovane donna avente sul capo una corona liscia e ai lati del viso quattro lunghe trecce serpeggianti per parte, annodate due a due a formare un motivo a guilloche di sapore arcaizzante. La coppia divina è certamente la stessa che alla fine del V e nel IV secolo compare alla Cannicella di Orvieto (Fig.26), sul sarcofago di Torre S.Severo e nelle tombe dipinte orvietane, tarquiniesi e vulcenti (Golini I, Orco II e Campanari) nelle vesti di Ade e Persefone, accompagnata dai nomi di Aita e Phersipnai, assenti nelle iscrizioni votive e in generale nelle iscrizioni riferibili al culto. La dea reca sulla chioma in molte di queste raffigurazioni l attributo infero dei serpenti, cui nelle antefisse di Pyrgi sembrano alludere le trecce annodate. Tra i molti epiteti che le sono attribuiti il più significativo è quello di śech, figlia : non del Sole, come generalmente s intende, ma di Vei, la Demetra etrusca (che a sua volta sotto il nome di Esti riceve l appellativo di ati in un iscrizione d ignota provenienza) 84. Il che tradisce la forte ellenizzazione del culto, confermata dalle copiose offerte di ceramica attica, anche di forme normalmente non esportate quali gli epinetra, e dai rituali di tipo demetriaco di cui la dea è fatta oggetto 85. Quanto a Śur/Śuri, il carattere infero ne è denunciato già dal nome, che è di etimologia trasparente: significa infatti, nella forma base che è Śur, il Nero, nella forma derivata Śuri, quello del Nero o quello che è nel Nero, come credo di avere recentemente dimostrato sulla scorta del gentilizio teoforico Surte di Perugia, reso in latino come Nigidius 86. Il Nero in senso spaziale, riferito a un luogo, è ovviamente l Ade, l Orcus latino. Coerentemente l attributo specifico del dio sono in area volsiniese i cippi di pietra vulcanica nera o bluastra o verde cupo, con o senza scolpito un fulmine a forma di saetta (Fig.27) 87, a Pyrgi i già ricordati cippi di piombo, il metallo delle defixiones, a forma di lingotti parallelepipedi, sepolti sotto o presso i suoi altari e dietro il sacello Gamma, così come il piombo fuso versato a chiazze sul battuto pavimentale del piazzale Ovest 88, mentre ai fulmini alludono le 83 COLONNA 2006, p.150 sg. È probabile che al dio, signore dell Ade, alludano le antefisse a testa di Gorgone, che si alternavano a quelle col busto di donna. 84 REE 2003, pp , n.26 (D.Maras), col mio commento a p.334; COLONNA 2006, p.140; COLONNA 2009, p.104. Sull iscrizione conto ri ritornare altrove. 85 BAGLIONE 2004; BAGLIONE 2008 a, pp.311, 316 sg. 86 COLONNA 2009, pp Sulla tomba perugina dei Sortes v. ora NARDELLI 2010, pp Sul dio: KRAUSKOPF 2009 e i cenni in van der MEER 2011, pp.44, 66 sg. 87 COLONNA 2009, pp Ibid., pp Una chiazza di piombo segnava anche il centro dell asse maggiore del sacello Beta. 13

14 numerose punte di freccia o di giavellotto, tutte di ferro, disseminate nel santuario 89. Di fatto l unica immagine ascrivibile al dio è offerta per ora da due antefisse sporadiche di Vulci da poco rese note, che ne raffigurano la testa addirittura col fulmine tra i denti (Fig.28) 90. L interpretatio Graeca di Śur/Śuri come Apollo, attestata per Pyrgi da Eliano e ripetuta per l omologo falisco del dio, il Pater Soranus del Monte Soratte, da Virgilio e da iscrizioni votive latine 91, si fonda su questo tipo di offerte, evocanti a occhi greci il dio arciere e punitore per eccellenza, oltre che sulla capacità oracolare del dio etrusco, comprovata dal ritrovamento nell Area Sud di astragali e dalle sortes della Cipollara e di Arezzo iscritte col suo nome 92 (e forse, non da ultimo sull assonanza di questo con l epiteto Sourios dell Apollo di un oracolo licio, quello di Sura, celebre per l ittiomanzia che vi si praticava) 93. Confermano il carattere catactonio dei culti dell Area Sud la rara peculiarità degli altari a basso cumulo di pietre brute (Zeta, Iota), uno dei quali situato anche all interno del sacello Alpha (fig,29) 94, e il condotto verticale ipogeico che accompagna uno di essi, l altare Iota (Fig.30), simile a quello di Tina dell Area C del santuario monumentale (Figg.14, 17) e avvicinabile per la sua pietra di copertura al mundus romano del Comizio, sacro a Dis Pater e a Proserpina 95. L Area Sud, consacrata a divinità infere, e nel contempo aperta alla frequentazione di stranieri come provano alcune dediche in greco e da parte di greci a Kore e a Demetra 96, oltre che in generale il regime delle offerte evoca l Asylum romuleo del Campidoglio, che era sacro a Vediove (assimilato da Dionigi a uno Zeus Catactonio, ossia a Dis Pater) 97. L Asylum capitolino era il luogo dell integrazione dello straniero nel corpo civico, in un età ancora di forte mobilità etnica e interstatale. L Area Sud di Pyrgi fungeva invece probabilmente da tappa obbligata per chi, venendo dal mare, intendeva assicurarsi, prima di muovere verso la città, l accoglienza da parte delle sue divinità più temibili, insediate nel seno della terra che calpestava. Una situazione non dissimile da quella del rialzo costiero, 89 COLONNA 1994, pp , figg (= COLONNA 2005, IV, pp ). 90 RICCIARDI 2006, pp.108 e 113, nota 43, fig.10.16; COLONNA c.s COLONNA 1986, pp.74 76; COLONNA 1994, pp (= COLONNA 2005, IV, pp ); COLONNA 1996 a, pp (= COLONNA 2005, IV, pp ). 92 Astragali: COLONNA 1994, p.101,fig.41 (= COLONNA 2005, IV, p.2325). Sortes iscritte: COLONNA 2009,p COLONNA 2009, p.125 sg. Cfr. per Sura TORELLI 2011, p 169 sgg. 94 COLONNA 1994, pp ( = COLONNA 2005, IV, pp ); COLONNA 2006, p.132 sg. Il tipo è Ignorato nella rassegna in MENICHELLI 2010, pp.63, 70, alla pari degli altari a cuppelle. Confronti in Etruria se ne hanno nel santuario di Piana del Lago sulla sponda S del lago di Bolsena (D ATRI 2006, p.176 sg., figg.5, 7, 9). 95 COLONNA 2004 b, p.307 sg., tav.xxxviii sg., 96 COLONNA 2004 a, pp COLONNA 1996 a, pp (= COLONNA 2005, IV, pp ). 14

15 affollato di altari e di statue votive, in cui Eschilo fa stazionare nelle Supplici Danao e le Danaidi appena sbarcati, nell attesa, occupante l intera tragedia, dell agognato permesso di recarsi ad Argo. Molto altro ci sarebbe da dire sulle scoperte di Pyrgi, ma quanto detto basta, ritengo, a dar la misura di quanto esse abbiano fatto progredire la nostra conoscenza degli dèi degli Etruschi. GIOVANNI COLONNA Bibliografia AMADASI GUZZO M.G. 2008, Il santuario di Astarte a Malta sulla base delle iscrizioni, in Saturnia Tellus, pp ANGIOLILLO S. 2009, Astarte/Venere Ericina a Cagliari, in Studi Sardi XXXIV, pp ANTONELLI L. 2008, Traffici focei di età arcaica (Hespería 23), Roma. Arezzo 1985: Santuari d Etruria, cat. della mostra di Arezzo, a cura di G.Colonna, Milano. AA.VV. 2011, Recenti indagini nel comprensorio archeologico di Pyrgi ( ), in ScAnt 16, 2010, pp BAGLIONE M.P. 2004, Il santuario sud di Pyrgi, in M.BENTZ C.REUSSER (a cura di), Attische Vasen in etruskischem Kontext. Funde aus Häusern und Heiligtürmen, Beihefte CVA Deutschland, II, München, pp BAGLIONE M.P a, Esame del santuario meridionale di Pyrgi, in Saturnia tellus (Atti del convegno internaz., Roma, novembre 2004), a cura di X.Dupré Raventós, S.Ribichini, S.Verger, Roma, pp BAGLIONE M.P b, Il santuario dell Apollo: la plastica votiva tarda, in Roma 2008, pp BELLELLI V. 2011, Un iscrizione greca dipinta e i culti della Vigna Parrocchiale a Caere, in StEtr LXXIV, pp BERNARDINI C. 2001, Il Gruppo Spurinas, Viterbo. 15

16 BEVILACQUA G. 2009, Aurora, Orchi soror, in ParPass LXIV, 1, pp BISI A.M. 1969, Catalogo del materiale archeologico del Museo Civico A.Cordici di Erice, in Sicilia archeologica II, 8, pp BOARDMAN J. 1998, Early greek vase painting, London. BOITANI F. 2008, Gravisca. Profilo storico topografico, in Roma 2008, pp BONAUDO R. 2004, La culla di Hermes. Iconografia e immaginario delle hydriai ceretane, Roma. BONNET C. 2006, La religione fenicia e punica in Sicilia, in Ethne e religioni nella Sicilia antica, pp BRIQUEL D. 1984, Les Pélasges en Italie. Recherches sur l histoire de la légende (Bibl. Éc.Franç.Athènes et Rome, 252), Roma. Caere 4: M.CRISTOFANI, Vigna Parrocchiale. Scavi Il santuario, la residenza e l edificio ellittico, Roma CAMPOREALE G. 2004, Gli Etruschi. Storia e civiltà², Torino. CANTILENA R. 2008, in Atene e la Magna Grecia dall età arcaica all ellenismo (Atti del XLVIII convegno di studi sulla Magna Grecia, Taranto 2007), Napoli, pp CAPDEVILLE G. 1998, Die Rezeption der etruskischen Disziplin durch die gelehrten Römern, in Die Integration der Etrusker und das Weiterwirken etruskischen Kulturgutes im repuplikanischen und kaiserzeitlichen Rom, a cura di L.Aigner Foresti, Wien, pp CARPENTER T.H. 1991, Art and myth in ancient Greece, London. CATALANO P. 1965, Linee del sistema sovrannazionale romano, I, Roma. CERCHIAI L. 1995, Il programma figurativo dell idria Ricci, in AntK 38, pp CHRISTIANSEN J., WINTER N.A. 2010, Ny Carlsberg Glyptotek: catalogue Etruria I. Architectural terracottas and painted wall plaques, pinakes, v BC, Vojens. COLONNA G. 1965, Ripostiglio di monete greche dal santuario di Pyrgi, in Congresso internaz. di numismatica, Roma 1961, II, Atti, Roma, pp

17 COLONNA G. 1981, Tarquinio Prisco e il tempio di Giove Capitolino,in ParPass XXXVI, pp COLONNA G. 1982, La Sicilia e il Tirreno nel V e IV secolo, in ΚΩΚΑΛΟΣ XXVI XXVII, , pp COLONNA G. 1986, Novità sui culti di Pyrgi, in RendPontAcc LVII, , pp COLONNA G. 1991, «Tempio» e «santuario» nel lessico delle lamine di Pyrgi, in ScAnt 3 4, , pp COLONNA G. 1994, Altari e sacelli. L area sud di Pyrgi dopo otto anni di ricerche, in RendPontAcc LXIV, , pp COLONNA G a, L Apollo di Pyrgi, in Magna Grecia Etruschi Fenici (Atti del XXXIII convegno di studi sulla Magna Grecia, Taranto, 8 13 ottobre 1993), Napoli, pp COLONNA G.1996 b, Pyrgi, in StEtr LXI, 1995, pp (Scavi e scioperte, n.9). COLONNA G. 2000, I Thyrrhenòi e la battaglia del Mare Sardonio, in μάχη. La battaglia del Mare Sardonio, Cinisello Balsamo, pp COLONNA G. 2002, Il santuario di Pyrgi dalle origini miti storiche agli altorilievi frontonali dei Sette e di Leucotea, in Scienze dell Antichità 10, 2000, pp COLONNA G a, I Greci di Caere, in AnnMuseoFaina XI, pp COLONNA G b, La disciplina etrusca e la dottrina della città fondata, in StRom LII, pp COLONNA G. 2005, Italia ante Romanum imperium. Scritti di antichità etrusche, italiche e romane ( ), I IV, Pisa Roma. COLONNA G. 2006, Sacred architecture and religion of the Etruscans, in The religion of the Etruscans, a cura di N.Thompson de Grummond, E.Simon, pp COLONNA G a, Novità su Thefarie Velianas, in AnnMuseoFaina XIV, pp COLONNA G b, Le iscrizioni di Satricum, in Satricum. Trenta anni di scavi olandesi, a cura di M.Gnade, cat. della mostra di Le Ferriere, Amsterdam, pp.98 sg.,

18 COLONNA G c, Dischi corazza e dischi di ornamento femminile: due distinte classi di bronzi centro italici, in ArchCl LVIII, pp COLONNA G. 2008, L officina veiente: Vulca e gli altri maestri di statuaria arcaica in terracotta, in Roma 2008, pp COLONNA G. 2009, L Apollo di Pyrgi, Śur/Śuri (il Nero ) e l Apollo Sourios, in StEtr LXXIII, pp COLONNA G a, A proposito del primo trattato romano cartaginese (e della donazione pyrgense ad Astarte), in AnnMuseoFaina XVII, pp COLONNA G b, Cerveteri, in Gli Etruschi delle città. Fonti, ricerche e scavi, a cura di S.Bruni, Milano, pp COLONNA G c, The Seven against Thebes relief, in Wath makes a masterpiece?, Thames & Hudson, London, pp COLONNA G. c.s. 1, I nomi degli insediamenti dell Etruria meridionale interna, in L Etruria rupestre dalla protostoria al medioevo (Atti del convegno, Barbarano Romano Blera, 8 10 ottobre 2010), a cura di S.Steingräber e F.Ceci, c.s. COLONNA G. c.s. 2, Ancora su Śur/Śuri. 1. L epiteto *Eista ( il dio ). 2.L attributo del fulmine, in StEtr LXXV, 2012, c.s. CORNELL T. J. 1995, The beginnings of Rome, London New York. Corollari: Corollari. Scritti di antichità etrusche e italiche in omaggio all opera di Giovanni Colonna, a cura di D.F.Maras, Pisa Roma D ATRI V. 2006, Aggiornamenti dallo scavo del santuario di Piana del Lago (Montefiascone VT), in Archeologia in Etruria meridionale (Atti delle giornate di studio in ricordo di Mario Moretti, Civita Castellana, novembre 2003), a cura di M.Pandolfini Angeletti, Roma, pp de CAZANOVE O. 1990, Le sanctuaire de Cérès jusqu à la deuxième sécession de la plèbe, in Crise et transformation des sociétés archaīques de l Italie antique au V siècle av. J.C. (Collection Éc.Franç.Rome, 137), Roma, pp de GRUMMOND N.T. 2008, Moon over Pyrgi: Catha, an Etruscan lunar goddess?, in AJA 112, pp

19 de GRUMMOND N.T., EDLUND BERRY I (edd.), The archaeology of sanctuaries and rituals in Etruria (JRA suppl. series n.81), Portsmouth, RI. DE VIDO S. 2006, Gli Elimi, in Ethne e religioni nella Sicilia antica, pp ET: Etruskische Texte, editio minor, I II, a cura di H.Rix, Tübingen Ethne e religioni nella Sicilia antica (Atti del convegno, Palermo 6 7 dicembre 2000), a cura di P.Anello, G.Martorana, R.Sammartano, Roma Etruschi. Una nuova immagine, a cura di M.Cristofani, Firenze FAMÀ M.L. (ed.) 2009, Il museo regionale A.Pepoli di Trapani. Le collezioni archeologiche, Bari. FIORI R. 1999, Sodales. Gefolgschaften e diritto di associazione in Roma arcaica (VIII V sec. a.c.), in Societas Ius. Munuscula di allievi a Feliciano Serrao, Napoli, pp FIORINI L.,TORELLI M. 2010, Quarant anni di ricerche a Gravisca, in van der Meer 2010, pp GARBINI G a, Culti fenici a Pyrgi, in Studi di egittologia e di antichità puniche, 11, 1992, pp GARBINI G b, Aramaica, Roma. GARBINI G. 2004, Erice colonia cartaginese, in RendLinc, s.ix, XV, pp GAULTIER Fr. 1995, Céramiques à figures noires d Étrurie, CVA Louvre 24. GIANGIULIO M. 2010, Memorie coloniali (Hespería 27), Roma. HAACK M.L. 2003, Les haruspices dans le monde romain, Paris. JUCKER H. 1981, intervento in Die Göttin von Pyrgi (Akten des Kolloquiums, Tübingen, Januar 1979), Firenze, p.161 sg. KRAUSKOPF I. 1992, Ex oriente Sol. Zu den orientalischen Würzeln der etruskischen Sonnenikonographie, in ArchCl XLIII, 1991, pp KRAUSKOPF I. 2009, Daemones anonimi (in Etruria), in LIMC, Suppl. 2009, pp

20 LACAM J. CL. 2010, Variations rituelles. Les pratiques religieuses en Italie centrale et méridionale au temps de la deuxième guerre punique (Coll.Éc. Franç.de Rome, n.430), Roma. LAMBRINOUDAKIS V. 2005, Consecration, foundation rites, in ThesCRAI III, pp LE BONNIEC H. 1958, Le culte de Cérès à Rome des origines à la fin de la République, Paris. LIETZ B. 2009, La dea di Erice ed il suo rapporto con la prostituzione sacra, in Materiali per Populonia 8, Pisa, pp LIETZ B. 2010, La dea di Erice nel suo contesto mediterraneo: un identità contesa, in La devozione dei naviganti. Il culto di Afrodite Ericina nel Mediterraneo, a cura di E.Acquaro, A.Filippi, S.Medas, Lugano, pp MAGGIANI A. 1984, I sacerdoti, in A.M., E.SIMON, Il pensiero scientifico e religioso, in Etruschi, Una nuova immagine, p.150 sg. MAGGIANI A. 1998, Appunti sulle magistrature etrusche, in StEtr LXII, pp MAGGIANI A. 2012, La religione, in Introduzione all Etruscologia, a cura di G.Bartoloni, Milano, pp MAGGIANI A., RAFANELLI S. 2005, La preghiera in Etruria, in ThesCRA III, Los Angeles. MARAS D.F. 2009, Il dono votivo. Gli dei e il sacro nelle iscrizioni etrusche di culto, Pisa Roma. MARAS D.F. 2011, Il contesto mediterraneo, in D.F.M., L.M.MICHETTI, Un nome per più realtà: Tirrenia e Tirreni negli Ethniká di Stefano Bizantino, in Corollari, pp MENICHELLI S. 2010, in S.STEINGRǍBER, S.M., Etruscan altars in sanctuaries and necropoleis of the orientalizing, archaic and classical periods, in VAN DER MEER 2010, pp MÜLLER K.O. DEECKE W. 1877, Die Etrusker, I II, Stuttgart. MURA SOMMELLA A. 2011, La dea col tutulo dal tempio arcaico del Foro Boario, in Deliciae fictiles IV, pp

21 NARDELLI S. 2010, Le necropoli di Perugia, 2. La necropoli di Monteluce, Città di Castello. NICOLET PIERRE H. 2003, Tetradrachmes pseudo athéniens en Sicile et en Étrurie, in Polis I, pp Paris 1997: Les Étrusques, les plus religieux des hommes. État de la recherche sur la religion étrusque (Actes du colloque international, Paris, novembre 2002), a cura di Fr.Gaultier e D.Briquel, Paris PFIFFIG A.J. 1975, Die etruskische Religion, Graz (rist. Wiesbaden, 1998). PROSDOCIMI A.L. 2009, Note sull onomastica di Roma e dell Italia antica, in L onomastica dell Italia antica. Aspetti linguistici,storici, culturali, tipologici e classificatori (Coll. Éc.Franç Rome, 413), a cura di P.Poccetti, Roma, pp PUNZO A.R. 2010, Ierodulia e prostituzione sacra in Sardegna, in Sardinia, Corsica et Baleares antiquae VIII, pp Pyrgi 1970: AA.VV., Pyrgi. Scavi del santuario etrusco ( ) (NSc XXIV, II suppl.), Roma Pyrgi : AA.VV., Pyrgi. Scavi del santuario etrusco ( )(NSc XLI XLII, II suppl.), Roma RAMELLI I. 2003, Cultura e religione etrusca nel mondo romano, Alessandria. RASMUSSEN S. W. 2003, Public portents in republican Rome, Roma. RASMUSSEN T. 2005, Herakles apotheosis in Etruria and Greece, in AntKunst 48, pp REE: Rivista di epigrafia etrusca, in StEtr. REUSSER CH. 1980, Eine campanische Dachterrakotte, in Hefte des arch. Seminars der Univ. Bern 6, pp.5 10, tavv.i II. RICCIARDI L. 2006, in A.M.MORETTI SGUBINI, L.R., Vulci, materiali architettonici di vecchi e nuovi scavi, in Deliciae fictiles III, Oxford, pp RIPA C. 1593, Iconografia, Roma (citato dall ed. Milano 1972, a cura di P.Buscarelli). 21

22 RIZZO M.A. 1987, La ceramica a figure nere, in La ceramica degli Etruschi, a cura di M.Martelli, Novara, pp , Roma 2008: Etruschi. Le antiche metropoli del Lazio, cat. della mostra, a cura di M.Torelli, A.M. Moretti Sgubini, Verona. SANDERS L.J. 1987, Dionysius I of Syracuse and greek tyranny, Bristol. SANNIBALE M. 2007, Tra cielo e terra. Considerazioni su alcuni aspetti della religione etrusca a Vulci, in StEtr LXXII, pp SASSATELLI G. 2011, Città etrusca di Marzabotto: una fornace per il tempio di Tina, in Corollari, pp Saturnia Tellus: Saturnia Tellus. Definizioni dello spazio consacrato in ambiente etrusco, italico, fenicio punico, iberico e celtico (Atti del convegno internazionale, Roma, novembre 2004), a cura di X.Dupré Raventós, S.Ribichini, S.Verger, Roma SCHAUENBURG K. 1992, Herakles und Rinderherde auf einer etruskischen Amphora in Kiel, in Kotinos. Festschrift für Erika Simon, Mainz/Rhein, pp SIMON E. 1984, Le divinità di culto, in Gli Etruschi. Una nuova immagine, a cura di M.Cristofani, Firenze, pp SIMON E. 1993, Probleme etruskischer Dachterrakotten, in Indogermanica et italica. Festschrift H.Rix, a cura di G.Meiser, Innsbruck, pp SIMON E. 2006, Gods in harmony. The etruscan pantheon, in The religion of the Etruscans, pp SIMON E. 2007, Thesan Aurora. Zur Deutung des Akroters von Chianciano Terme, in StEtr LXXI, pp STAFFORD E. 2012, Herakles, London New York. STEK T.D. 2009, Cult places and cultural change in Republican Italy, Amsterdam. The religion of the Etruscans, a cura di N.Thompson de Grummond, E.Simon, Austin TORELLI M. 1992, Typology & structure of roman historical reliefs, Ann Arbor. 22

23 TORELLI M. 2000, La religione etrusca, in Gli Etruschi,cat.della mostra di Venezia,a cura di M.T., Milano, pp TORELLI M. 2004, Quali greci a Gravisca?, in AnnMuseoFaina XI, pp TORELLI M. 2011, Le amazzoni di Efeso e l ittiomanzia di Sura. Appunti sulla decorazione pittorica del santuario di Portonaccio a Veio, in Corollari, pp van der MEER L.B. 1995, Interpretatio Etrusca. Greek myths on Etruscan mirrors, Amsterdam. van der MEER L.B. (ed.) 2010, Material aspects of Etruscan religion (Proceedings of the international colloquium, Leiden, May )(BABESCH, suppl. 16), Leuven. van der MEER L.B. 2011, Etrusco ritu. Case studies in Etruscan ritual behaviour, Leuven. WIKANDER O(la) 2008, The religio social message of the gold tablets from Pyrgi, in Opuscula 1, pp WINTER N.A. 2009, Symbols of wealth and power. Architectural terracotta decoration in Etruria and Central Italy, B.C., Ann Arbor. WINTER N.A. 2011, The evolution of bases for acroteria in Etruria and Latium (640/ B.C.), in Deliciae fictiles IV, pp ZEVI F. 1999, Siculi e Troiani (Roma e la propaganda greca nel V secolo a.c.), in La colonisation grecque en Méditerranée occidentale (Actes de la rencontre scientifique en hommage à George Vallet, Rome Naples, novembre 1995), Roma,pp

24 Fig. 1 In basso le due aree del santuario etrusco di Pyrgi, al centro la colonia romana col castello e il borgo di S.Severa, in alto i villini della moderna S.Severa. 24 Fig. 2 Il complesso santuariale di Pyrgi con la retrostante sorgente e la via Caere Pyrgi (dis. S.Barberini).

25 Fig. 3 Antefisse sporadiche di VI sec.a.c. dal temenos del tempio B. Fig. 4 Il tempio B entro il suo temenos col recinto C e le Venti Celle (tamera = cella del tempio, tmia = tempio, heramaśva = santuario, lett. le case ). 25

26 Fig. 5 Le tre lamine auree dal tempio B (c. 510 a.c.) nella loro probabile disposizione in situ (dis. A.Morandi). Fig. 6 Fondo interno di ciotola col nome dipinto di Uni (c. 500 a.c.) 26

27 Fig. 7 Ciotolina col nome di Era suddipinto da Caere, loc. Vigna Parrocchiale (c. 300 a.c.). Fig. 8 L acroterio del tempio B con Hercle e Uni (dis. B.Belelli). 27

28 28 Fig.9 Antefissa dalle Venti Celle con Uni (elab. S.Barberini).

29 Fig. 10 Antefissa dalle Venti Celle con Hercle (elab. S.Barberini). Fig. 11 Antefissa dalle Venti Celle con la Stella del Mattino (elab. S.Barberini). 29

30 30 Fig. 12 Frammento di antefissa dalle Venti Celle con Thesan (?).

31 31 Fig. 13 Antefissa dalle Venti Celle con Tiu (?).

32 Fig. 14 Il recinto C addossato al tempio B. Fig. 15 Lo stesso, ipotesi ricostruttiva (dis. S.Barberini). 32

33 Fig. 16 Lamina bronzea iscritta attribuita al recinto C (dis. G.Colonna). Fig.17 Sezione longitudinale del recinto C passante per l altare di Tina. 33

34 Fig. 18 Il santuario monumentale o Area N di Pyrgi (c. 470 a.c., da COLONNA 1986). Fig. 19 L altorilievo della fronte posteriore del tempio A con le storie di Capaneo e di Tideo (c. 470 a.c., da COLONNA 2010 c). 34

35 35 Fig. 20 Specchio con la testa di Thesan ( a.c.)(da CSE Deutschland).

36 Fig. 21 Testa attribuita a Leucotea dall altorilievo della fronte anteriore del tempio A (c. 350 a.c.). 36

37 37 Fig. 22 Statua di Hercle dallo stesso altorilievo.

38 Fig. 23 L Area Sud del santuario di Pyrgi. Fig. 24 Piede di kylix attica con dedica a Śuri e Cavatha. 38

39 Fig. 25 Antefissa dal sacello Gamma con probabile raffigurazione del busto di Cavatha (c. 450 a.c.). Fig. 26 Antefissa dal santuario della Cannicella di Orvieto con le teste della coppia infera (fine V sec.a.c.). 39

40 Fig. 27 Cippi di pietra nera di area volsiniese. 40 Fig. 28 Antefissa da Vulci con testa probabilmente di Śur/Śuri (IV III sec.a.c.).

41 41 Fig. 29 Il sacello Alpha col suo altare interno di pietre brute (c. 350 a.c.).

42 Fig. 30 L altare Iota di pietre brute con l annesso condotto ipogeico (IV sec.a.c.).. 42

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli

Roma e il Lazio tra reges e principes

Roma e il Lazio tra reges e principes Roma e il Lazio tra reges e principes Tra VII e VI secolo inizia però ad affermarsi un nuovo tipo di scambio: negli empori sulla costa tirrenica, controllati dalle città Etrusche, si verificano nuovi contatti

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica Scultura greca Scultura dedalica e arcaica Scultura geometrica (VIII secolo a.c.) Piccole statuette in bronzo e avoriofigure umane, divine e cavalli Scultura dedalica (VII secolo a.c.) La grande statuaria

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005

I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005 COMUNICATO STAMPA I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005 La mostra è organizzata dalla Fondazione di Via Senato in collaborazione con la Società Cooperativa Archeologica di Milano

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E ESPERIENZA PROFESSIONALE 2013 AD OGGI Studio della ceramica comune proveniente dal sito di Campo della Fiera (Orvieto) Direzione Scientifica:

Dettagli

Indice del volume. Le tecniche pittoriche primitive 4. La rappresentazione della figura umana e la pittura a secco presso gli Egizi 34

Indice del volume. Le tecniche pittoriche primitive 4. La rappresentazione della figura umana e la pittura a secco presso gli Egizi 34 ndice del volume 1 LE PRME CVLTÀ 1.1 La preistoria TEST ONLNE 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 2 Le tecniche pittoriche primitive 4 Le Grotte di Lascaux 6 1.1.3

Dettagli

LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE?

LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE? LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE? Da anni sostengo che i Sardi hanno origini occidentali, non orientali come i più credono. Quella sarda è civiltà megalitica e la civiltà megalitica

Dettagli

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto ndice del volume 1 le prime civiltà TEST ONLNE 1.1 La preistoria 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 3 Le Grotte di Lascaux 4 1.1.3 L arte del Neolitico 7 Le tecniche

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Le terrecotte architettoniche nelle coperture degli edifici templari arcaici sicelioti.

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini Ritrattistica Repubblicana per il culto antenati Realistica Ritrattistica Augustea Patrizia e Aulica tra realismo e simbolismo Arte Plebea e Storico Celebrativa Simbolica 01 Statua Barberini I sec ac Marmo

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

STORIA. Gli Etruschi. Le origini e la lingua. La massima potenza etrusca. il testo:

STORIA. Gli Etruschi. Le origini e la lingua. La massima potenza etrusca. il testo: 01 Le origini e la lingua chiamano se stessi Rasenna: sviluppano la loro civiltà nell attuale Toscana, chiamata anche Etruria. L origine di questo popolo è ancora oggi sconosciuta. Sul problema delle origini

Dettagli

La civiltà greca. Mondadori Education

La civiltà greca. Mondadori Education La civiltà greca I Greci, discendenti dei Micenei e dei Dori, vivevano in un territorio montuoso con pochi spazi coltivabili; fondarono città-stato indipendenti, le poleis, spesso in lotta tra loro. Le

Dettagli

Il programma svolto ha seguito la scansione del testo in adozione: B. Corradi -A. Giardina- B. Gregari, Il mosaico e gli specchi, Editori Laterza

Il programma svolto ha seguito la scansione del testo in adozione: B. Corradi -A. Giardina- B. Gregari, Il mosaico e gli specchi, Editori Laterza Istituto di Istruzione Cittadella T.L.Caro a.s. 2007/2008 PROGRAMMA di STORIA classe I A Docente: prof. Maurizio Tessaro Il programma svolto ha seguito la scansione del testo in adozione: B. Corradi -A.

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

LA DONNA E L'UOMO IN ETRURIA

LA DONNA E L'UOMO IN ETRURIA MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA LA DONNA E L'UOMO IN ETRURIA Gli autori greci e latini hanno sempre posto in cattiva luce il comportamento

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1 The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML COMPONENTI DI UN IPERTESTO: home-page (prima pagina) pagine successive STRUTTURA DI UN IPERTESTO: ad albero Home-page Pagina1 Pagina 2 Pagina 1.1 Pagina 1.2 lineare Indice

Dettagli

Museo Archeologico Nazionale di Venezia

Museo Archeologico Nazionale di Venezia Museo Archeologico Nazionale di Venezia Attività didattica 2014/2015 PERCORSI DIDATTICI a cura degli Assistenti del Museo Scuole primarie Scuole secondarie di I grado Scuole secondarie di II grado SERVIZIO

Dettagli

KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008)

KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008) KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008) Nel corso del 2008 sono state svolte due diverse missioni, in primavera (dal 27 marzo al 6 aprile) e in estate (dal 1 agosto al 2 settembre). Le due campagne sono state dirette

Dettagli

GRECIA CLASSICA scultura e pittura. Scultura vol. I, pp. 78-81, 81, 88-115 Pittura vascolare vol. I, pp. 60-64, 64, 82-83

GRECIA CLASSICA scultura e pittura. Scultura vol. I, pp. 78-81, 81, 88-115 Pittura vascolare vol. I, pp. 60-64, 64, 82-83 GRECIA CLASSICA scultura e pittura Scultura vol. I, pp. 78-81, 81, 88-115 Pittura vascolare vol. I, pp. 60-64, 64, 82-83 83 1200-400 a.c. Grecia classica XII sec. a.c. L invasione dei Dori, fine di Micene

Dettagli

Area archeologica di Capo Colonna (Kr) SANTUARIO DI HERA LACINIA A CAPO COLONNA

Area archeologica di Capo Colonna (Kr) SANTUARIO DI HERA LACINIA A CAPO COLONNA Area archeologica di Capo Colonna (Kr) CapoColonna è situato sulla costa Ionica della Calabria a circa 11 km a sud dalla città di Crotone. È uno dei luoghi simbolo della Grecicità d occidente, è uno dei

Dettagli

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI L odierna basilica di Santa Sofia si erge nel centro della principale necropoli dell antica città di Serdica. Questa zona presenta

Dettagli

BULLETTINO SENESE DI STORIA PATRIA, 117, 2010

BULLETTINO SENESE DI STORIA PATRIA, 117, 2010 BULLETTINO SENESE DI STORIA PATRIA, 117, 2010 PAOLA RENDINI (a cura di), Le vie del sacro. Culti e depositi votivi nella valle dell Albegna, testi di Giuliana Agricoli, Mariagrazia Celuzza, Maria Francesca

Dettagli

I Pinakes di Locri Epizefiri

I Pinakes di Locri Epizefiri I Pinakes di Locri Epizefiri tavolette votive in terracotta prodotte a Locri fra il VI e il V sec. a.c. Il corpus analitico di 5360 frammenti dei pinakes è stato pubblicato, suddiviso in tre parti, in

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com -

Dettagli

DELL ARCHITETTURA GRECA

DELL ARCHITETTURA GRECA GLI ORDINI DELL ARCHITETTURA GRECA APPUNTI SCHIZZI E COMPOSIZIONI DI. Anno scolastico 2013/2014 Classe I media Arte e Immagine Prof.ssa Giuditta Niccoli 1 Gli stili o ordini dell architettura greca sono

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito

La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito La Religione egizia La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito magico religioso. Pantheon molto variegato

Dettagli

CATTEDRALE DI SALERNO: I MOSAICI PAVIMENTALI BASILICA DI SAN PIETRO, TUSCANIA (VT): IL ROSONE DELLA FACCIATA

CATTEDRALE DI SALERNO: I MOSAICI PAVIMENTALI BASILICA DI SAN PIETRO, TUSCANIA (VT): IL ROSONE DELLA FACCIATA SCHEDA DESCRITTIVA OPERE CATTEDRALE DI SALERNO: I MOSAICI PAVIMENTALI Marmi dai colori brillanti impreziosiscono gli intarsi geometrici e i motivi a dischi e fasce intrecciate dei mosaici della Cattedrale

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli BODRUM e EFESO foto di Paola Battisti 18 di Patrizia Civeli mente aperta, un inalterabile serenità di spirito. Proprio come Erodoto, il primo vero reporter della storia, il primo che per scrivere le sue

Dettagli

ADI. Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale

ADI. Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale MUSEO Archeologico Nazionale Firenze Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale progetto a cura di iniziativa promossa da in collaborazione con Confederazione Nazionale

Dettagli

SIRACUSA AREA ARCHEOLOGICA PIAZZA VITTORIA

SIRACUSA AREA ARCHEOLOGICA PIAZZA VITTORIA SIRACUSA AREA ARCHEOLOGICA PIAZZA VITTORIA Negli anni Sessanta mentre erano in corso gli scavi per la costruzione del Santuario "Madonna delle Lacrime", sono stati ritrovati dei resti archeologici risalenti

Dettagli

7 Dicembre 2014 Giornata Nazionale dell Archeologia, del Patrimonio Artistico e del Restauro

7 Dicembre 2014 Giornata Nazionale dell Archeologia, del Patrimonio Artistico e del Restauro SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHEOLOGICI DELLA TOSCANA 7 Dicembre 2014 Giornata Nazionale dell Archeologia, del Patrimonio Artistico e del Restauro Aree Archeologiche e Musei Statali della Toscana COMUNICATO

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE

HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE 44 HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE Lavinia Sole COLLEZIONI NUMISMATICHE DEI MUSEI DELLA PROVINCIA DI CALTANISSETTA Le principali collezioni numismatiche

Dettagli

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro 1 La domus ecclesiae Struttura o caratteristiche Lessico Origini Impiego L arte Il termine catacomba, esteso a tutti i cimiteri cristiani,

Dettagli

Indice_del volume. capitolo 1_La preistoria. capitolo 2_Imperi e culture del Vicino Oriente

Indice_del volume. capitolo 1_La preistoria. capitolo 2_Imperi e culture del Vicino Oriente Indice_del volume capitolo 1_La preistoria 1_Prima della storia 2 2_Problemi di sopravvivenza e capacità di adattamento 2 Le Parole della Storia_Uomo 3 3_«Uomini» 5 4_La diffusione della specie umana 6

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo la Famiglia ATO Puglia approda a Cercemaggiore (CB) alla ricerca di spiritualità e felicità interiore ma sopratutto a scoperto una bellissima storia che ha confortati i cuori dei partecipanti. Si ringrazia

Dettagli

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12 di: Alfonsina Russo L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA Gli abitati dauni del Melfese Il Melfese si configura, nel quadro articolato di gruppi ed ambiti culturali diversi della Basilicata antica,

Dettagli

Sguardi sull invisibile

Sguardi sull invisibile CATERINA PICCINI DA PONTE Sguardi sull invisibile Icone e incisioni presentazione del Patriarca Emerito card. Marco Cè meditazioni sulle icone di Giorgio Maschio fotografie di Francesco Barasciutti Marcianum

Dettagli

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c.

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c. Scrittura fenicia Per convenzione, la definizione di scrittura fenicia è riservata alla scrittura alfabetica (consonantica) lineare attestata dal XII sec. a.c. presso i popoli fenici. I caratteri fenici

Dettagli

studi superiori / 1006 studi storici

studi superiori / 1006 studi storici Giangiulio_stampa_CS5.indd 1 04/09/15 16:30 Giangiulio_stampa_CS5.indd 2 04/09/15 16:30 studi superiori / 1006 studi storici Giangiulio_stampa_CS5.indd 3 04/09/15 16:30 I lettori che desiderano informazioni

Dettagli

Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni

Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni LA CATTEDRALE 1. CATTEDRALE Tempio greco nel VI sec. a.c., moschea nel IX sec.d.c., chiesa medievale nei secoli seguenti, presenta la facciata barocca aggiunta

Dettagli

MEDITERRANEO - INCONTRI CON VISITE GUIDATE, IN COLLABORAZIONE CON IL MULINO

MEDITERRANEO - INCONTRI CON VISITE GUIDATE, IN COLLABORAZIONE CON IL MULINO La costa egea nei pressi del monte Pelio , 2 Piazza San Domenico, 40124 Bologna - Tel. 051 233 716 - L incontro sulle coste della penisola italica di popoli della più differente origine. Il sorgere fin

Dettagli

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria I resti dell insediamento etrusco di Marzabotto giacciono sepolti sulla terrazza di Pian di Misano, protesa nella valle

Dettagli

Le carte Ti aiutano a collocare meglio nello spazio e nel tempo gli eventi trattati.

Le carte Ti aiutano a collocare meglio nello spazio e nel tempo gli eventi trattati. per studiare L approccio narrativo ai fatti del passato e la riflessione guidata sui temi e problemi della storia che caratterizzano Correva l anno ti offrono un avvicinamento critico alla storia politico-istituzionale

Dettagli

Le Frazioni di Todi: Ponterio

Le Frazioni di Todi: Ponterio Le Frazioni di Todi: Ponterio La località era chiamata Villa del Ponte di Rivo per la presenza di un ponte che in questo punto attraversa il torrente Rio e di cui si hanno notizie già dal 1341. La vicinanza

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

templi (frontone = spazio triangolare tra i due spioventi). A differenza di quelli greci, i frontoni etruschi sono di terracotta e non di marmo.

templi (frontone = spazio triangolare tra i due spioventi). A differenza di quelli greci, i frontoni etruschi sono di terracotta e non di marmo. GLI ETRUSCHI L origine del popolo etrusco è incerta; essendo gli insediamenti più antichi sulla costa, si suppone che venissero da Oriente (ma questa è solo una delle tante ipotesi formulate dagli studiosi).

Dettagli

La Grecia classica. DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta. Storia dell arte - prof.

La Grecia classica. DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta. Storia dell arte - prof. Dettaglio del Partenone, Atene La Grecia classica Storia dell arte - prof.ssa Tolosano DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta 480 a. C. I Greci sono sconfitti

Dettagli

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino IL NON TOFET DI FAVIGNANA Giovanni Mannino Il nome tofet lo troviamo per la prima volta nella Bibbia, nel libro del profeta Geremia (7,30; circa 600 a.c.) e ne viene spiegato il significato: Hanno costruito

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

LISTA OPERE. I Santuari e gli Dei. Testa colossale di Ercole h.60 cm Roma, Musei Capitolini

LISTA OPERE. I Santuari e gli Dei. Testa colossale di Ercole h.60 cm Roma, Musei Capitolini LISTA OPERE I Santuari e gli Dei Testa colossale di Ercole h.60 cm Testa colossale femminile h. 97 cm (con la base), Palazzo Nuovo, Corridoio Testa colossale maschile (Apollo) h. 80 cm, Palazzo Nuovo,

Dettagli

SCHEDA GRECIA ARTE VASCOLARE GRECA. Cod.6301 - cm. 35x35-596,00 Cod.6301-1 - cm. 20x20-278,00

SCHEDA GRECIA ARTE VASCOLARE GRECA. Cod.6301 - cm. 35x35-596,00 Cod.6301-1 - cm. 20x20-278,00 SCHEDA GRECIA Achille e Patroclo ARTE VASCOLARE GRECA Achille, mitico eroe greco che fascia il braccio all'amico Patroclo. Questi, posato il suo elmo, volta la testa da un lato per non far notare le smorfie

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE ETRURIA NOVA ONLUS DENOMINAZIONE NOME: TIPO DI ATTIVITÀ: CODICE FISCALE: 94173540488 PRESIDENTE: VICEPRESIDENTE: TESORIERE: VICE- SEGRETARIO: Etruria Nova Onlus Tutela, valorizzazione

Dettagli

ELENCO DEI MUSEI E DELLE GALLERIE OGGETTO DI STUDIO SPECIFICO

ELENCO DEI MUSEI E DELLE GALLERIE OGGETTO DI STUDIO SPECIFICO ELENCO DEI MUSEI E DELLE GALLERIE OGGETTO DI STUDIO SPECIFICO 1. Museo Archeologico di Lentini (Frammento di coppa a figure nere con quadriga proveniente Dalla Stipe votiva di Metapiccola); 2. Museo Archeologico

Dettagli

frammento numero 2 [Velthu]r Spuri [nna] [Velthur[i [s---]

frammento numero 2 [Velthu]r Spuri [nna] [Velthur[i [s---] GLI ELOGIA DEGLI SPURINNA pagg. 38-42 Gli Elogia degli Spurinna sono epigrafi in latino della prima metà imperiale scoperte presso il tempio dell Ara della Regina e ricordano le imprese di una famiglia

Dettagli

STORIA COMPETENZE CHIAVE:

STORIA COMPETENZE CHIAVE: STORIA COMPETENZE CHIAVE: consapevolezza ed espressione culturale, le competenze sociali e civiche, imparare ad imparare Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno: Riconosce e usa le tracce storiche

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c.

età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c. L et età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c. Appunti per la preparazione all incontro con Antonello Pellegrino, autore del romanzo Bronzo Cagliari 1 Fasi del Nuragico I fase: 1800-1500 (bronzo antico Cultura

Dettagli

Il Museo Archeologico Antonino Salinas e le sue collezioni. Francesca Spatafora

Il Museo Archeologico Antonino Salinas e le sue collezioni. Francesca Spatafora Il Museo Archeologico Antonino Salinas e le sue collezioni Francesca Spatafora MUSEO ARCHEOLOGICO REGIONALE ANTONINO SALINAS MUSEO NAZIONALE 1860 MUSEO DELLA REAL UNIVERSITA 1814 MUSEO DELL UNIVERSITA

Dettagli

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007 1 IL GIORNALETTO Centro Dialisi Ulivella Maggio/Giugno Numero 3 del 2011 Anno IV Firenze 2007 2 Indice di questo numero Editoriale... pag. 2 Curiosando qua e là I segreti della Maremma di Roberto Terzo...pag.

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

Paolo Veronese Le quattro Allegorie ritrovate

Paolo Veronese Le quattro Allegorie ritrovate La Venaria Reale Ogni volta, lo stupore della bellezza Paolo Veronese Le quattro Allegorie ritrovate Dall 11 ottobre 2014 all 8 febbraio 2015 Mostra compresa nel percorso di visita Teatro di Storia e Magnificenza

Dettagli

FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA. DOTTORATO DI RICERCA Diritto e Storia delle Civiltà Histoire et Civilisations de l'antiquité LA LUNE EN ÉTRURIE

FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA. DOTTORATO DI RICERCA Diritto e Storia delle Civiltà Histoire et Civilisations de l'antiquité LA LUNE EN ÉTRURIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÉ PARIS SORBONNE PARIS IV DOTTORATO DI RICERCA Diritto e Storia delle Civiltà Histoire et Civilisations de l'antiquité LA LUNE EN

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO STORIA e GEOGRAFIA Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO STORIA e GEOGRAFIA Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014 1 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO e Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014 OBIETTIVI GENERALI Le discipline di Storia e Geografia sono finalizzate a Approfondire il legame tra la Geografia e la Storia, portando

Dettagli

Prima guerra punica (264-241)

Prima guerra punica (264-241) Le guerre puniche Prima guerra punica (264-241) Cartagine: colonia fenicia fondata nell 814 da Tiro, dal V secolo economia fiorente Espansione coloniale in Sardegna, Corsica e isole: diventa la principale

Dettagli

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti w w w. p r o g p h o t o a g e n c y. c o m Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra Testo e foto: Giuseppe Famiglietti Onore Agli Eroi Una speranza di pace

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

Le guerre del V secolo

Le guerre del V secolo Le guerre del V secolo I Guerra Persiana (490) II Guerra Persiana (480-479) Guerra del Peloponneso (431-404) La prima guerra persiana Fonti importanti: Erodoto Studialo nelle note Eschilo (tragediografo),

Dettagli

MAGGIANI Adriano Professori Ordinari Dipartimento di Studi Umanistici

MAGGIANI Adriano Professori Ordinari Dipartimento di Studi Umanistici Relazione Triennale Relazione Triennale Data Chiusura 07/02/2012 Cognome Nome Qualifica Dipartimento Ha usufruito di un periodo di congedo per motivi di studio nel triennio Descrizione attività di ricerca

Dettagli

PROGRAMMAZIONE classi: 1^ C; 1^D. A.S. 2007 2008 Materia: DISEGNO E STORIA DELL ARTE Prof. MARISA QUARTA

PROGRAMMAZIONE classi: 1^ C; 1^D. A.S. 2007 2008 Materia: DISEGNO E STORIA DELL ARTE Prof. MARISA QUARTA ISTITUTODI ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO SCIENTIFICO T. L. CARO CITTADELLA PROGRAMMAZIONE classi: 1^ C; 1^D. A.S. 2007 2008 Materia: E STORIA DELL ARTE Prof. MARISA QUARTA Premessa. Gli obiettivi generali

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015

MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 1 MOTIVAZIONI E FINALITÀ Il Museo Archeologico di Orbetello ha predisposto per l anno scolastico 2014-2015 un

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO

AMBITO ANTROPOLOGICO ISTITUTO COMPRENSIVO AVIO - SCUOLA PRIMARIA DI AVIO - AMBITO ANTROPOLOGICO classe 5^ Insegnante: Paola Martinelli Anno scolastico 2013/2014 STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe 5^ scuola

Dettagli

Il sito archeologico di Monte San Martino ai Campi Riva del Garda e Tenno

Il sito archeologico di Monte San Martino ai Campi Riva del Garda e Tenno 1 2 Provincia autonoma di Trento Soprintendenza per i beni culturali Ufficio beni archeologici Il sito archeologico di Monte San Martino ai Campi Riva del Garda e Tenno 3 Il sito dall alto (foto Rensi)

Dettagli

Codici ed affreschi. Questa chiesa rupestre merita un approfondimento e una pubblicazione monografica.

Codici ed affreschi. Questa chiesa rupestre merita un approfondimento e una pubblicazione monografica. Codici ed affreschi. Alcuni studiosi della storia dell arte hanno accennato alla possibilità di uno stretto contatto tra codici miniati ed affreschi. Qui presentiamo un caso significativo: un particolare

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli